Canti Rituali dell’Inverno

a cura di Cattia Salto

I canti rituali dell’Inverno sono molto antichi e scandiscono il tempo stagionale di una società ancora agricola e profondamente religiosa.
Sappiamo che i Celti suddividevano la ruota dell’anno in quarti, in base alla posizione del sole.

un quarto da Natale al giorno di San Patrizio
un quarto da  San Patrizio al giorno di San Giovanni

un quarto da San Giovanni al giorno di San Michele
un quarto da San Michele a Natale

e in mezzo ci sono ovviamente le quattro feste  del Fuoco

Canti Rituali dell’Inverno
SOULING SONGS
SAMHAIN CELTIC DANCE
SAMHAIN LEGENDS
QUESTUE NATALIZIE
CHRISTMAS IN THE ENGLISH MIDDLE AGES
CELTIC CHRISTMAS
approfondimento KILMORE CAROLS
WASSAIL & MUMMERS SONG
WREN HUNTING

I GIORNI MAGICI DELL’INVERNO
SAMAIN
San Martino
Sant’Andrea: l’inizio dell’Inverno
SAN NICOLA: IL VECCHIO BABBO NATALE
La festa di Santa Lucia
Winter solstice festival [La festa di Yule]
La festa di Santo Stefano
Sant’Antonio
Calendario dell’Avvento (New 2022)

Canti di Natale
Narrazione Biblica, Storie di Santi e Leggende di Natale
Sweet Christmas
Twelve days of Christmas
Angeli, Pastori e Magi
Canti natalizi con le piante del Natale
Cradle songs
Maria nei canti di natale
Canti classici e popolari sul gelo e la neve
Canti per Capodanno

GENNAIO-FEBBRAIO
La Befana
Plough Monday (il lunedì dell’aratro)
Candelora- Imbolc
Carnevale

Canti Rituali dell’Inverno Playlist di Terre Celtiche Blog

La playlist di Terre Celtiche Blog per Samhain
La playlist di Terre Celtiche Blog per Natale
WASSAIL La playlist di Terre Celtiche Blog

Natività Christmas Playlist del 2022

[English translation]
Some Winter ritual chants are very old and mark the seasonal time of a still agricultural and deeply religious society.

We know that the Celts divided the wheel of the year into quarters, based on the position of the sun

Ráithe ó Nollaig go Féile Phádraig
Ráithe ó Fhéile Phádraig go Féile Seáin
Ráithe ó Fhéile Seáin go Féile Mhichil
‘S Ráithe ó  Féile Mhichil go Nollaig

and the four festivals of Fire in between

Canti Rituali dell'Inverno
La Danza delle Stagioni

Canti Rituali dell’Inverno: Christmas compilation

Celtic Winter – Magical Christmas (Album) – 2005
musica strumentale di Greg Joy & Mark Bracken

Ecco gli approfondimenti dei brani in Terre Celtiche blog: O Come EmmanuelGod rest you Merry -The first Noel –Hey ho nobody’s homeAway in a mangerI wonder as I wanderDeck the hallsWe three kings of orient are – Gaudete – Entre Le Boeuf Et L’ Ane Gris

La playlist di Terre Celtiche Blog per il 2021 è tutta targata Irlanda da un genio/folletto musicale, Paddy Moloney

The Chieftains in “The Bells Of Dublin” 1991
scheda approfondimento “The Bells Of Dublin

Canti rituali dell’Inverno: Souling Songs

I primi canti rituali dell’inverno sono i Canti delle Anime, canzoni di questua che i poveri (per lo più bambini) cantavano andando di casa in casa a durante le sere tra la fine di ottobre e i primi di novembre, in occorrenza della celebrazione di Tutti i Santi (All Hallows Day = All-Souls’ eve) e della Festa dei Morti.

[English translation]
Winter Ritual Chants: Souling Songs
The First Winter Ritual Chants are the Songs of Soul, begging songs that the poor (mostly children) sang going from house to house during the evenings between the end of October and early November, with the celebration of All Saints t(All Hallows Day = All-Souls’) and of the Feast of the Deads.

Canti Rituali dell'Inverno a-souling
Winter Ritual Chants: la Festa dei Morti – Halloween

La tradizione del “a-souling” oppure “a-soalin” è identica al wassailing e al caroling natalizio, però in cambio delle torte, spesso chiamate anime (in inglese soul), i questuanti promettevano di recitare delle preghiere per i defunti.
Ogni torta mangiata rappresentava un’anima che si liberava dal Purgatorio.
L’usanza è spesso vista come l’origine della moderna “Trick or Treating” (in italiano “dolcetto o scherzetto”) dei bambini mascherati da fantasmi o mostri che suonano alle porte delle case chiedendo dei “dolcetti buoni da mangiare“. Già alla fine del 1800 la tradizione di preparare il dolce si era affievolita, e dove ancora sopravviveva l’usanza della questua, si davano ai bambini delle mele o delle monetine.

Il Banchetto dei Morti
O, LAKAIT HO TROADIG (trad. bretone)
HOP TU NAA (trad. isola di Man)
Souling: la questua dei Morti
Soul Cake (HEY HO, NOBODY HOME)
Souling song + Samhain (Kristen Lawrence)
Green grow the rushes + Soul cake (Sam Lee)
Soul Cake ricette

SAMHAIN CELTIC DANCE/La DANZA MACABRA

La danza macabra nel Medioevo
La Danza dei Morti per Samhain (danze e melodie)
La Ronda dei Morti (danza medievale)
Su ballo tondo (trad. sarda)

Ad Mortem Festinamus (Llibre Vermell)
All Soul Night (Loreena McKennitt)
Ballo in Fa diesis minore (Angelo Branduardi)
The Doleful Dance Of Death (Tim Healy)
Dance of the Druid (Bear McCreary )
Passacaglia della Vita (anon. XVII sec)
The Shaking of the sheets ( Steeleye Span)

“A-souling” or “a-soalin” is a tradition like wassailing and Christmas caroling, but in exchange for cakes, often called souls, the beggars promised to recite prayers for the deads.
Every cake eaten represented a soul freed from Purgatory.
The custom is often seen as the origin of the modern “Trick or Treating” of the children disguised as ghosts or monsters asking for
some good thing to eat“.

Already at the end of the 1800s the tradition of the soul cake had faded, and where the custom of the begging still survived, children were given apples or coins.

approfondimento SAMAIN

Duan na Muthairn (antica preghiera in gaelico scozzese)
Samhain Night (Loreena McKennitt)
Samhain Song (Lisa Thiel)

SAMAIN LEGENDS

JACK O’LANTERN IN A DRESS (Devil and the Farmer’s wife)
IL MESE NERO (IN BRETAGNA)

Canti Rituali dell'Inverno Mumming
La processione dei Morti nel Medioevo

La playlist di Terre Celtiche Blog per Samhain

LA FESTA DI SAN MARTINO 11 novembre

LA FESTA DI SAN MARTINO: la festa di Samain (il Capodanno dei Celti) si concludeva l’11 novembre una festa pagana ancora sentita nell’Alto Medioevo, a cui la Chiesa sovrappose il culto cristiano di San Martino, era consuetudine tra i poveri e i mummers fare una questua benaugurale con l’hooden horse

St Martin’s day falls on the ‘old’ Julian calendar at “All Saints’ Day” and is therefore linked to the celebrations of the Celtish quarter-day festival (Samhain), in reverence to the souls of the dead, the poor and mummers make a begging with the hooden horse

POOR OLD HORSE (hoodening)
Festa di San Martino tra sacro e profano


Il Calendario dell’Avvento di Paul Bommer

In Terre Celtiche Blog per il 2022. L’artista ci ha dato l’autorizzazione a utilizzare le immagini dei suoi bellissimi disegni, così ogni giorno abbiamo aperto virtualmente una casella del Calendario per gustarci una storia, una canzone, del buon vino cotto, un dolcetto..

Paul Bommer nativo di Wembley è un disegnatore creativo, le sue serigrafie sono opere d’arte ironiche, dense di significati, di stratificazioni culturali e storiche. Un uomo dell’Est London trasferitosi nel North Norfolk, nel Regno Unito, che non smette mai di sperimentare. Ho apprezzato le sue illustrazioni di persone e cose della Vecchia Inghilterra, e anche se si occupa principalmente di serigrafie, crea opere d’arte per ogni uso, etichette di birra, piastrelle, copertine di libri, murales, insegne di botteghe e pubs, mappe concettuali.

Per conoscere meglio Paul Bommer: https://fishinkblog.com/2014/01/31/paul-bommer-cor-blimey-guvnor-a-cockney-geezer-illustrator/

http://paulbommer.blogspot.com/
http://paulbommerarchive.blogspot.com/
https://www.facebook.com/profile.php?id=100024005089669&sk=photos

Paul Bommer
Paul Bommer
1
2
3
4
5
San Nicola
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24

Questue rituali per Natale, Capodanno e Carnevale

I canti rituali dell’inverno sono però incentrati sulle festività natalizie.
Le festività natalizie che si svolgono nel cuore dell’inverno sono ricche di stratificazioni di credenze e rituali, per salutare i 12 giorni del Natale (e soprattutto le notti) e per scacciare fuori il freddo inverno.

Winter Ritual Chants: Christmas, New Year and Carnival ritual chants.
However, the winter ritual songs are centered around the holiday season
The Christmas revels that take place in the middle winter are full of beliefs and rituals, to greet the 12 days of Christmas (and especially the nights) and to drive the cold winter away.

Canti Rituali dell’Inverno: CHRISTMAS OFFERING

CHRISTMAS CAROLING

CANTARE LE UOVA (Piemonte)
CANTO DELL’EIRESIONE (Sud Italia, Grecia)
CANTO DELLA STRINA (Sud Italia)
CANTO DELLA STREINA (Piemonte)
CANTI DELL’EGUINANE (Bretagna)
HOODENING
DA SKEKLERS (Straw men from Shethland) [uomini di paglia-Shetland]
STRAW BEAR DAY (orso di paglia, Fenland )
STRAWBOYS (uomo di paglia, Irlanda)

I canti della Stella

Rituale natalizio diffusissimo è quello dedicato all’arrivo a Betlemme dei Re Magi, che si attua anche nella forma dell’esecuzione itinerante, spesso combinata a una questua.

Il rito della “Stella”, detto anche dei “Tre re” è un’antica tradizione delle festività natalizie -e in particolare l’Epifania- risalente al Medioevo, documentata nell’Italia del Nord, in Sardegna e in vaste aree dell’Europa centrale, germanofona, boema, ungherese e slava.

The rite of the “Star”, also known as the “Three Kings” is an ancient tradition of the Christmas holidays – and in particular the Epiphany – dating back to the Middle Ages, documented in Northern Italy, Sardinia and in large areas of Europe. Central, German-speaking, Bohemian, Hungarian and Slavic.

Il rito della Stella: I canti della “Stella” nell’arco alpino
Gesù bambin l’è nato (Piemonte)
Staffan och Herodes (tradizione svedese)
Staffan Stalledräng (tradizione svedese)

Canti Rituali dell’Inverno: WASSAIL & MUMMERS SONG

Per Natale e Capodanno nei paesi nordici è ancora viva l’usanza del Wassailing, il brindisi per festeggiare l’anno nuovo.
Ma le wassail songs sono canti di questua di natura non religiosa che risalgono sia al solstizio d’inverno che ai riti di primavera. Così il Mumping Day (oppure ‘Doleing Day’) cadeva il 21 dicembre ed era il giorno in cui i poveri andavano a chiedere l’elemosina in vista del Natale per potersi procurare tante cose buone buone (good things).
La forma più antica della celebrazione Wassail prevede la benedizione degli alberi e delle api, così importanti per l’impollinazione, al fine di garantire un raccolto sano per il prossimo anno.

In the Nordic countries the custom of Wassailing is still alive for Christmas tide and New Year, a toast to celebrate the new year.

But the wassail songs are chanting songs of a non-religious nature that date back to both the winter solstice and the spring rites. So the Mumping Day (or ‘Doleing Day’) fell on December 21st and it was the day when the poor went to beg for Christmas to be able to get so many good things.
The oldest form of the Wassail celebration provides for the blessing of trees and bees, so important for pollination, in order to ensure a healthy harvest for the next year.

Canti Rituali dell'Inverno wassailing
Winter Ritual Chants: Wassailing

APPLE TREE WASSAIL
BODMIN WASSAILING
BRING US IN A GOOD ALE
CANTO DELLA STRINA

COME LANDLORD FILL THE FLOWING BOWL
CORNISH WASSAIL
GLUOCESTERSHIRE WASSAIL
GOD BLESS THE MASTER OF THIS HOUSE
GOWER WASSAIL
GRAMPOUND WASSAIL
HEL CALENNIG

HERE WE COME A-WASSAILING
JACOBSTOW WASSAIL
JOLLY WASSAIL BOWL
MALPAS WASSAIL
MUMMER’S SONG
PADSTOW WASSAIL
SEASONS
SOMERSET WASSAIL
SUSSEX CAROL
TWELFTH DAY CAROL
WEST CORNWALL WASSAIL

L’altra usanza molto più radicata nei Canti Rituali dell’Inverno è quella del Mumming (la festa delle “mummie”, cioè le maschere) . Mummers erano uomini travestiti che indossavano maschere e andavano a visitare i loro vicini di casa in casa, cantando e ballando, un’usanza solstiziale che richiama certe tradizioni celtiche di Samain.
Il mumming implica anche una sorta di “sacra rappresentazione“, nata dalla tradizione popolare ma anche dai Mummers i mimi del villaggio che a Natale mettevano in scena una recita con personaggi stereotipati incentrata sul rito di morte-rinascita proprio di molte tradizioni solstiziali e di fine d’anno. Tra queste rappresentazioni The Old Horse mette in scena la morte e resurrezione del cavallo o “The Old Tup”  la morte rituale di un ariete (o montone)
Si accompagnavano con i musicisti nelle notti di Natale a fare fracasso e a suonare per le strade e davanti alle case.
Queste visite notturne vennero chiamate “Wandering Waits“.

Another much more rooted winter custom is “Mumming“. Mummers were disguised men who wore masks and went to visit their neighbors at home, singing and dancing, a solstice custom that recalls Celtic Samhain.

The mumming also implies a sort of “sacred representation”, born from the popular tradition but also from the medieval mummers that staged a recital with stereotypical characters focused on the rite of death-rebirth of many solstice traditions.

Among these representations “The Old Horse” stages the death and resurrection of the horse or “The Old Tup” the ritual death of a ram.
Mummers accompanied the musicians on Christmas nights to make noise and to play on the streets and in front of the houses.

These nocturnal visits were called “Wandering Waits“.

ABBOTS BROMLEY HORNE DANCE
BOAR’S HEAD CAROL
DERBY RAM (Old Tup) 
EARSDON SWORD DANCE SONG
MUMMER’S SONG
MUMMING FOR CHRISTMAS
NOVENA ZAMPOGNARI (Italy)
PAST THREE O’CLOCK (Wandering Waits)
POOR OLD HORSE
SINGING OF THE TRAVEL
TOM BAWCOCK EVE
When Good King Arthur Ruled This Land

La festa di Santo Stefano

Canti Rituali dell’Inverno: WREN HUNTING

Sopravvissuta in Irlanda fino ai nostri giorni la caccia dello scricciolo è un rituale pan-celtico che si svolge il 26 dicembre.
Secondo la tradizione celtica lo scricciolo era il simbolo di Lugh, Figlio della Luce trionfante e il suo sacrificio, un tributo in sangue agli spiriti della Terra nel Solstizio d’Inverno, era una supplica per ottenere favori e fortuna, ma anche un sacrificio solare.
L’uccisione dello scricciolo e la distribuzione delle sue piume avrebbe portato salute e fortuna agli abitanti del villaggio.

Così il rituale pan-celtico dell’uccisione dello scricciolo e la questua benaugurale sopravvive attraverso il canto anche in Bretagna. Nel Ramo d’oro di James G. Frazer vengono descritte le usanza praticate in Francia ancora nell’Ottocento e in particolare la nomina a re di colui che riusciva a catturare per primo  lo scricciolo.

Surviving in Ireland to this day the wren hunting is a pan-Celtic ritual that takes place on December 26.

According to Celtic tradition the wren was the symbol of Lugh, the triumphant Son of Light and his sacrifice, a tribute to the blood spirits of the Earth in the Winter Solstice, it was a plea to obtain favors and fortune, but also a solar sacrifice.

The killing of the wren and the distribution of its feathers would bring health and fortune to the villagers.
Thus the pan-Celtic ritual of the killing of the wren survives through song also in Brittany. James G. Frazer’s Golden Branch describes the customs practiced in France in the nineteenth century and in particular the nomination as king of the man who managed to capture the wren first.

Canti Rituali dell'Inverno wren hunting
Winter Ritual Chants: wren hunting

CHRISTMAS IN THE ENGLISH MIDDLE AGES

Deck the hall with magical winter plants  [le piante magiche dell’Inverno]
Christmas candle [candela di Natale]
Jolly Wassail Bowl [wassail e la coppa del brindisi]
Yule Log [ceppo di Natale]
Boar’s head [testa del cinghiale]

CELTIC CHRISTMAS

Christmas In Carrick [An Ciarrí Carúl Nollag]
( Ireland )
Christmas in Killarney ( Ireland )
Christ’s Lullaby ( Scotland )
Kerry Christmas Carol ( Ireland )
KILMORE CAROLS ( Ireland )
Plygain Carol ( Wales )
Manx Lullaby ( Isle of Man )
Sussex Carol ( England )

A Ìosa A Laogh-Dhil
Airdí Cuan
Bí a Íosa im’ Chroíse
Don Oiche Ûd I mBeithil
Oíche Nollag

Canti Rituali dell’Inverno: Canti di Natale

Nel medioevo la carola era una danza diffusa in tutta Europa sia in ambito popolare che aristocratico: il solista-conduttore della danza cantava le strofe e sul ritornello intonato da tutti i partecipanti e avveniva la vera e propria danza, sia in cerchio che in fila ossia a catena. La lingua utilizzata era il volgare e non aveva propriamente carattere religioso cristiano, anzi la Chiesa considerava la carola uno strumento diabolico che ancorava la gente del popolo alle antiche tradizioni e ai vecchi dei. Solo a partire dal XIV secolo venne creata la carola religiosa, perlopiù utilizzando le melodie delle carole profane con testi rielaborati o anche totalmente riscritti che conobbe una vasta diffusione nel XV secolo. In Inghilterra la carola rifiorì in epoca Vittoriana come inno religioso facendo diventare le carols sinonimo di canto natalizio. continua

Carols & Christmas chants
In the Middle Ages the carola was a dance spread throughout Europe both in the popular and aristocratic: the soloist-conductor of the dance sang the verses and the refrain matched by all the participants and took place the dance, both in a circle or in chain. The language used was the vernacular and the carola did not really have a Christian religious character, indeed the Church considered it a diabolical tool that anchored the people to ancient traditions and old gods. Only from the XIV century the religious carola was created, mostly using the melodies of the profane carols with reworked texts or even totally rewritten that knew a wide diffusion in the XV century. In England the carola flourished again in the Victorian era as a religious hymn, making carols the synonym of Christmas carol.

Narrazione Biblica, Storie di Santi e Leggende di Natale

Canti Rituali dell'Inverno Caroling
Winter Ritual Chants: caroling

ANIMAL CAROL
BETHEHEM DOWN
CARNAL AND THE CRANE
CANT DELS OCELLS
CAROL OF THE BIRDS

CHERRY TREE CAROL
CHRISTMAS STORKE
DOWN IN YON FOREST
GOOD KING WENCESLAS
HEROD AND THE COCK
JOY TO THE WORLD
KING PHARIM
LORD OF THE DANCE
MIRACULOUS HARVEST
NIGHT BEFORE CHRISTMAS
SAINT STEPHEN
SAINT STEPHEN WAS A CLERK
SANKTA LUCIA
STAFFAN STALLEDRÄNG

Dolce Natale

figgy pudding

CHRISTMAS IN KILLARNEY
FIGGY PUDDING
I’ll Be Home For Christmas 
In Honour Of Saint John We Thus (Mince pies)
MISS FOGARTY’S CHRISTMAS CAKE
Pugging bag
SCOTCH BUN (Scotland)
TWELFT CAKE
WHEN GOOD KING ARTHUR RULED

YULE: I dodici giorni del Natale e la Dodicesima Notte

COME AND I WILL SING YOU (Green grow the rushes/Dilly Carol/The Ten Commandments/The Twelve Apostles)
LE DANZE DELLE SPADE NELLA TRADIZIONE POPOLARE
(THE) DARKEST MIDNIGHT IN DECEMBER
DRIVE THE COLD WINTER AWAY
HEY FOR CHRISTMAS
IO SATURNALIA
SATURNALIA: IN TABERNA QUANDO SUMUS
La Lüna E ‘L Sul
TWELVE DAYS OF CHRISTMAS
WELCOME YULE

YULE: the winter solstice festival
LE FESTE DI MEZZ’INVERNO IN CORNOVAGLIA: PER GLI SPIRITI RIBELLI

ANGELI, ADORAZIONE PASTORI e MAGI

Canti natalizi con le piante del Natale

Le decorazioni natalizie, oggi fortunatamente più eco-friendly, hanno origine dall’usanza medievale di addobbare la casa con rami sempreverdi. L’usanza era però molto più antica, risalente ai riti solstiziali per sostenere il sole morente dell’Inverno. Il sempreverde era la speranza  della vittoria del Sole e del rinnovarsi della vita contro le forze del male e dell’oscurità.
Chiese e case erano decorati con rami d’alloro, rosmarino, pungitopo, agrifoglio, edera e bacche. continua

Christmas carols with Christmas plants
Christmas decorations, fortunately now more eco-friendly, originate from the medieval custom of decorating the house with evergreen branches. The custom was however much older, dating back to the solstice rites to support the dying winter sun. The evergreen was the hope of the victory of the Sun and of the renewal of life against the forces of evil and darkness.
Churches and houses were decorated with laurel branches, rosemary, butcher’s broom, holly, ivy and berries.

deck the halls

Au gui l’an neuf
DECK THE HALLS
GET IVY AND HULL
GREEN GROWTH THE HOLLY
HOLLY AND THE IVY (The Holly bears a Berry)
HOLLY AND IVY GIRL

HOLLY KING
MISTLETOE BOUGH
MISTLETOE BOUGH 
(Ken Nicol)
NAY IVY NAY
SANS DAY CAROL (The Holly bears a Berry)
TANNENBAUM – CHRISTMAS TREE

Cradle songs

Tra i Christmas Carols ecco una serie di ninna-nanne dalle origini medievali ancora oggi nei repertori delle Corali e nelle compilation di musica natalizia.
Dette anche Canti della culla sono canti semplici, evocativi di un intimo momento tra Maria e Gesù. Altre ninne nanne invece sono invece più generiche, ma riferendosi alla stagione invernale sono finite nelle compilation dei canti natalizi specialmente di musica celtica

Among the Christmas Carols here is a series of lullabies from medieval origins even today in the choral repertoires and Christmas music compilations.

Also called Cradle songs are simple songs, evocative of an intimate moment between Mary and Jesus. Other generic lullabies referring to the winter season are in the compilations of Christmas songs especially of Celtic music too

Maria nei canti di natale

Il culto mariano fiorì nel Medioevo attraverso i canti devozionali e di pellegrinaggio, ma il protestantesimo con la sua generalizzata disapprovazione del culto dei Santi, sminuì anche la figura di Maria, perciò nei Canti di Natale la Madonna è appena citata, tranne alcune eccezioni.

The Marian cult flourished in the Middle Ages through a lot of devotional and pilgrimage songs, but Protestantism with its generalized disapproval of the cult of the saints, also belittled the figure of Mary, so in the Christmas carols, the Mother is just mentioned, with a few exceptions.

MARY IN THE CHRISTMAS SONGS

ANGELUS AD VIRGINEM (carola 1200)
AS I LAY ON YULIS NIGHT
GABRIEL FROM HEAVEN’S KING
GABRIEL’S MESSAGE
LO, HOW A ROSE EVER BLOOMING
ROSA DAS ROSAS (cantigas 1200)
SANTA MARIA STRELA DO DIA (cantigas 1200)
SEVEN JOYS OF MARY
STELLA SPLENDENS (virelai 1300)
THERE IS NO ROSE OF SUCH VIRTUE
THIS ENDRIS NIGHT

(A) VIRGIN MOST PURE

Canti classici e popolari sul gelo e la neve

CHESTNUTS ROASTING ON AN OPEN FIRE
CHRISTMAS AT SEA
COLD SONG
GLOOMY WINTER’S NOW AWAY
JINGLE BELLS
LET IT SNOW
LITTLE JACK FROST
SHEEP UNDER THE SNOW

SNOW
(The) snow they melt the soonest
Walking In A Winter Wonderland

Canti per Capodanno

A GUID NEW YEAR TO ANE AN’ A’
AULD LANG SYNE

CAROL OF THE BELLS
HEL CALENNIG
HOGMANAY
NOS GALAN

OLDE YEAR NOW AWAY IS FLED
ORIENTIS PARTIBUS (festa dell’Asino)
WE WISH YOU A MERRY CHRISTMAS

La Befana

LA VECCHIA STRINA
FRAU HOLLE
HEY FOR CHRISTMAS
TWELFITH NIGHT


La Candelora

Il 2 Febbraio è considerato l’ultimo giorno delle celebrazioni natalizie, oggi è ancora il giorno della benedizioni delle Candele e la festa celtica di Imbolc, la festa di Fine Inverno, dedicata a rituali di purificazione dei campi e della casa.

A Carol for Candlemas-Day: Nappy Ale both brown and stale
FÒRA L’OURS  (Orso di Urbiano- Valle Susa)

Carnevale

I colpi di coda dei canti rituali dell’inverno sono quelli del carnevale carnem levare, cioè nell’ipotesi accreditata dalla Chiesa di Roma nel Medioevo, “eliminare la carne”.
Il Carnevale nell’Arte Medievale
L’origine della festa però potrebbe risalire a tradizioni religiose più antiche come il “Navigium Isidis” e le Antesterie.


Iniziano le orge gastronomiche per esaurire le ultime scorte di carni prima della primavera. E insieme alla sregolatezza alimentare, la liberazione temporanea dalle regole vigenti e dai tabù. E’ per questo che il linguaggio ed i simboli del carnevale sono la parodia e i travestimenti.

Carnevale alla fine della festa, doveva essere ucciso affinché la comunità fosse liberata dal male, una morte per bruciamento, annegamento, fucilazione: un vero e proprio sacrificio! Ma prima di morire Carnevale faceva un testamento in cui denunciava i vizi e i mali dei concittadini, in tal modo purgando la collettività dei suoi peccati.
Rituali con belve o animali selvatici in genere accompagnati da un domatore sono comuni nei momenti cruciali della stagione agraria vedasi anche l’orso alpino

Carnival
The blows of the tail of the Winter Ritual Chants are those of the carnival,
that is, in the hypothesis accredited by the Church of Rome in the Middle Ages, Carnem levare “eliminate the meat”.
However, the origin of the festival could go back to more ancient religious traditions such as the “Navigium Isidis” and the Antesteria.


The gastronomic orgies start to exhaust the last stocks of meat before the spring. And along with food unruliness, temporary release from the rules in force and taboos. This is why the language and the symbols of the carnival are the parody and disguises.
Carnival at the end of the feast, had to be killed so that the community was freed from evil, a death by burning, drowning, shooting: a real sacrifice! But before he died, Carnevale made a will in which he denounced the vices and the evils of fellow citizens, thus purging the collectivity of his sins.

Rituals with beasts or wild animals usually accompanied by a tamer are common at crucial moments of the agrarian season also see the alpine bear

Paul Bommer

I Falò di Gennaio
Orientis partibus: La canzone dell’Asino (Festa dell’Asino 1 Gennaio)
Plough Monday (il lunedì dell’aratro)  (tra il 7 e il 14 gennaio)
La questua di Sant’Antonio (17 gennaio inizio del Carnevale)
STRAW BEAR DAY (orso di paglia – Inghilterra)
L’UOMO DI PAGLIA: IL WEDDING STRAWBOY, LO SPOSO ANIMALE (Irlanda)
L’uomo di Paglia: dalle Isole Shetland
Up Helly Aa (Carnevale nelle isole Shetland- Scozia)
La canzone del Cappello: cantare la Martina (30 gennaio -Carnevale canavesano)
Giorni della Merla (Cremonese/Lodigiano – Lombardia)
Canti della Merla (Cremonese/Lodigiano – Lombardia)
L’ORSO E LA FOLLIA
Bal de L’Ours
L’Orso di Segale in Val Gesso (Carnevale di Valdieri)
L’asino allegro occitano: L’aze d’alegre fai testament (Provenza – Piemonte)
Saltamartin Rampino (asino) e Papà del Gnoco (Carnevale di Verona)
Le cialde di Carnevale in Piemonte: Waffles o Canestrelli?
Shroven Tuesday & Frittelle per il Carnevale Irlandese e Britannico [Pancake Day] (questua Carnevale)
Magninà la questua di Carnevale nel Basso Piemonte (questua Carnevale Langhe e Roero)
A fare confortini e berlingozzi (Carnevale della Firenze rinascimentale)
Trionfo di Bacco (Carnevale della Firenze rinascimentale)
Ballo delle fondaccine, la questua del Merlo e il Falò d’Inverno (Carnevale storico di Bibbiena)
I giorni della Mucca tigrata/The Old Cow days (calende di Aprile-Irlanda)

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/feste-celtiche.html
http://ontanomagico.altervista.org/samain-la-festa-celtica-d-inverno.html
http://ontanomagico.altervista.org/solstizio-inverno.html
http://ontanomagico.altervista.org/imbolc-la-festa-celtica-delle-calende-di-febbraio.html
http://ontanomagico.altervista.org/san-valentino.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.