Crea sito
Terre Celtiche Blog

Nos Galan

“Nos Galan” is the song traditionally played across Wales on New Year’s Eve. The melody recalls the music of Elizabethan madrigals of the 16th century and belongs to the Welsh tradition of dance music (in the English version it becomes Deck the halls)
The first transcription of the melody is found in a manuscript of the Welsh harpist John Parry (1710-1782), while the harpist Edward Jones (in “Musical and Poetical Relicks of the Welsh”, 1784 and subsequent edition 1794), combined the same melody to a love song entitled Oh! How Soft My Fair One’s Bosom
“Nos Galan” è la canzone tradizionalmente suonata in tutto il Galles a Capodanno. La melodia richiama la musica dei madrigali elisabettiani del XVI sec e appartiene alla tradizione gallese delle musiche da danza (nella versione inglese diventa Deck the halls)
La prima trascrizione della melodia si trova in un manoscritto dell’arpista gallese John Parry (1710-1782), mentre l’arpista Edward Jones (in “Musical and Poetical Relicks of the Welsh“, 1784 e successiva edizione 1794), abbinò la stessa melodia ad una canzone d’amore dal titolo Oh! How Soft My Fair One’s Bosom

 

Gaelic Welsh
O mor gynnes mynwes meinwen,
fal lal lal lal lal lal lal lal la:
O mor fwyn yw llwya meillionen,
fal lal lal lal lal lal lal lal la:
O mor felus yw’r cusanau, Gyda serch a mwynion eiriau
English translation 1784
Oh! how soft my fair one’s bosom,
fal lal lal lal lal lal lal lal la:
Oh! how sweet the grove in blossom, fal lal lal lal lal lal lal lal la:
Oh! how blessed are the blisses, Words of love, and mutual kisses,

The Welsh text of “Nos Galan” that are sung on New Year’s Eve are however nineteenth-century, attributed to the poet John Ceiriog Hughes (1873).
Le parole gallesi di “Nos Galan” che vengono cantate a Capodanno sono però ottocentesche,  attribuite al poeta John Ceiriog Hughes (1873).

Iona in Nutmeg&Ginger 1996 

Barbers & Bishops

John Ceiriog Hughes, 1873
Oer yw’r gwr sy’n methu caru,
Fal la la la la, la la la la.
Hen fynyddoedd anwyl Cymru,
Fal la la la la, la la la la.
Iddo ef a’u car gynhesaf,
Gwyliau llawen flwydd nesaf,
I’r helbulus oer yw’r biliau
Sydd yn dyfod yn y Gwyliau,
Gwrando bregeth mewnun pennill,
Byth na waria fwy na’th ennill
Oer yw’r eira ar Eryi,
Er fod gwrthban gwlanen arni,
Oer yw’r bobol na ofalan’,
Gwrdd a’u gilydd Ar Nos Galan.

English translation
Cold is the man who can’t love,
Fa la la la la, la la la la,
The old mountains of dear Wales,
Fa la la la la, la la la la,
To him and his warmest friend,
A cheerful holiday next year,
To the troubled cold are the bills
Which come during the holidays;
Listening to a sermon in one verse;
Spending more than you earn.
Cold is the snow on Mount Snowdon(1),
Although it wears a woolen blanket,
Cold are the people who don’t take care
To meet together on New Year’s Eve.
traduzione italiano di Cattia Salto
Freddo è l’uomo che non sa amare
Fa la la la la, la la la la,
le vecchie montagne del caro Galles,
Fa la la la la, la la la la,
a lui e al suo amico più caloroso
buone feste e buon anno nuovo,
per chi si affanna freddi sono i resoconti che arrivano durante le vacanze;
ascoltando una predica per ogni verso, spendendo più di quanto si guadagni. Fredda e la neve sul Monte Snowdon (1) anche se si indossa un giaccone di lana,
fredda è la gente che non si cura
di riunirsi insieme alla Vigilia di Capodanno.

NOTE
1) Snowdon is the highest mountain in Wales [Lo Snowdon è il monte più alto del Galles]

The melody of Nos Galan is the same as “Albe Flodau Nantgarw” (Nantgarw Floral Dance) – Nantgarw being a small village north of Cardiff.
La melodia di Nos Galan è la stessa di “Albe Flodau Nantgarw” (Nantgarw Floral Dance) – Nantgarw essendo un piccolo villaggio a nord di Cardiff.

LINK
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/NonEnglish/nos_galan.htm

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.