Belle Dame sans Merci, by John Keats in music and film

Leggi in italiano

John Melhuish Strudwick

In 1819 the English poet John Keats reworked the figure of the “Queen of Faerie” of Scottish ballads (starting with Tam Lin and True Thomas) in turn writes the ballad “La Belle Dame sans Merci”, giving rise to a theme that has become very popular among the Pre-Raphaelite painters, that of the vamp woman who has however already a consideration in the beliefs of folklore: the
Lennan or leman shee – Shide Leannan (literally fairy child) that is the fairy who seeks love between humans. The fairy, who is both a male and a female being, after having seduced a mortal abandons him to return to his world. The lover is tormented by the love lost until death.
Fairy lovers have a short but intense life. The fairy who takes a human as lover is also the muse of the artist who offers talent in exchange for a devout love, bringing the lover to madness or premature death.
The title was paraphrased from a fifteenth-century poem written by Alain Chartier (in the form of a dialogue between a rejected lover and the disdainful lady) and became the figure of a seductive woman, a dark lady incapable of feelings towards the man the which falls prey to its spell. We are in reverse of the much older theme of “Lady Isabel and the Elf Knight

John William Waterhouse – La Belle Dame sans Merci (1893)

THE SEASONS OF THE HEART

In the ballad there are two seasons, spring and winter: in spring among the meadows in bloom, the knight meets a beautiful lady, a forest creature, daughter of a fairy, who enchants him with a sweet lullaby; the knight, already hopelessly in love, puts her on the saddle of his own horse and lets himself be led docilely in the Cave of the Elves; here he is cradled by the dame, who sighs sadly, and he dreams of princes and diaphanous kings who cry out their slavery to the beautiful lady.
On awakening we are in late autumn or in winter and the knight finds himself prostrate near the shore of a lake, pale and sick, certainly dying or with no other thought than the song of the fairy.
The keys to reading the ballad are many and each perspective increases the disturbing charm of the verses

There are two pictorial images that evoke the two seasons of the heart and ballad, the first – perhaps the most famous painting – is by Sir Frank Dicksee, (dated 1902): spring takes the colors of the English countryside with the inevitable roses in the first plan; the lady has just been hoisted on the fiery steed of the knight and with her right hand firmly holding the reins, with the other hand she leans against the saddle to be able to lean towards the beautiful face of the knight and whisper a spell; the knight, in precarious balance, is totally concentrated on the face of the lady and kidnapped.

caitiffknight
Sir Frank Dicksee La Belle Dame sans merci

The second is by Henry Meynell Rheam (painted in 1901) all in the tones of autumn, which recreates a desolate landscape wrapped in the mist, as if it were a barrier that holds the knight prostrate on the ground; while he dreams of pale and evanescent warriors (blue is a typical color to evoke the images of dreams) that warn him, the lady leaves the cave perhaps in search of other lovers.

Curiously, the armors of the two knights are very similar, but both are not really medieval and more suitable for being shown off in tournaments that on the battlefields. Elaborate and finely decorated models date back to the end of the fifteenth century.

Henry Meynell Rheam La Belle Dame sans merci

BELLE DAME SANS MERCI: a “live action short” by Hidetoshi Oneda

The ballad could not fail to inspire even today’s artists, here is a cinematic story a “live action short” directed by the Japanese Hidetoshi Oneda. The short begins with giving body to the imaginary interlocutor who asks the knight “O what can ail thee, knight-at-arms …” so we find ourselves in 1819 on an island after the shipwreck of a ship and we witness the meeting between the castaway and an old decrepit kept alive by regret ..

THE PLOT (from here) 1819. The Navigator and the Doctor survive a shipwreck only to find themselves lost in a strange forest. The Navigator is challenged by the gravely ill Doctor into pursuing his true passion – art. While he protests, the ailing Doctor dies. Later, the Navigator is beside a lake, where he finds an Old Knight who tells him his story: once, he encountered a mysterious Lady, and fell in love with her. But horrified by her true form – an immortal spirit and the ghosts of her mortal lovers – the Young Knight begged for release. Awoken and alone, he realized his failure. Thus he has waited, kept alive for centuries by his regret. The Navigator considers his own crossroads. What will he be when he returns to the world?

La Belle Dame Sans Merci by Hidetoshi Oneda – 2005

BELLE DAME SANS MERCI IN MUSIC

The first to play the ballad was Charlse Villiers Stanford in the nineteenth century with a very dramatic arrangement for piano but a bit dated today, although popular in his day.
The ballad was put into music by different artists in the 21st century.

Susan Craig Winsberg from La Belle Dame 2008

Jesse Ferguson

Giordano Dall’Armellina from “Old Time Ballads From The British Isles” 2007

Penda’s Fen (Richard Dwyer)

Loreena McKennitt from “Lost Souls” 2018

POETIC READING
 Ben Whishaw

I
O what can ail thee, knight-at-arms,
Alone and palely loitering?
The sedge is wither’d from the lake(1),
And no birds sing.
II
O what can ail thee, knight-at-arms,
So haggard and so woe-begone?
The squirrel’s granary is full,
And the harvest ‘s done.
III
I see a lily(2) on thy brow thy
With anguish moist and fever dew;
And on thy cheeks a fading rose
Fast withereth too.’
IV
I met a lady in the meads,
Full beautiful — a faery’s child,
Her hair was long, her foot was light,
And her eyes were wild(3).
V
I made a garland for her head,
And bracelets too, and fragrant zone;
She look’d at me as she did love,
And made sweet moan.
VI
I set her on my pacing steed
And nothing else saw all day long,
For sideways would she lean, and sing
A faery’s song(4).
VII
She found me roots of relish sweet
And honey wild and manna(5) dew,
And sure in language strange she said,
“I love thee true (6)
VIII
She took me to her elfin grot(7),
And there she wept and sigh’d fill sore(8);
And there I shut her wild, wild eyes
With kisses four.
IX
And there she lullèd me asleep,
And there I dream’d — Ah! woe betide!
The latest dream I ever dream’d
On the cold hill’s side.
X
I saw pale kings and princes too,
Pale warriors, death-pale were they all;
They cried – “La Belle Dame Sans Merci”
Hath thee in thrall!”
XI
I saw their starved lips in the gloam
With horrid warning gapèd wide,
And I awoke and found me here,
On the cold hill’s side.
XII
And this is why I sojourn here
Alone and palely loitering,
Though the sedge is wither’d from the lake,
And no birds sing.’

NOTES
1) not by chance the landscape is lacustrine, the waters of the lake are beautiful but treacherous, but it is a desolate landscape and more like the swamp
2) the lily is a symbol of death. The knight’s brow of a deadly pallor is bathed in the sweat of fever and the color of his face is as dull as a dried rose. The symptoms are those of the consumption: the always mild fever does not show signs of diminution, turns on two “roses” on the cheeks of the sick. It is also said that Keats was a toxic addict to the use of nightshade that in the analysis of Giampaolo Sasso (The secret of Keats: The ghost of the “Belle Dame sans Merci”) is represented in the Lady Without Mercy
3) the whole description of the danger of the lady is concentrated in the eyes, they are as wild but also crazy. The rider ignores the repeated signs of danger: not only the eyes but also the strange language and the food (honey wild)
4) the elven song leads the knight to slavery
5) the manna is a white and sweet substance. It is well known that those who eat the food of fairies are condemned to remain in the Other World
6) the fairy is expressed in a language incomprehensible to the knight and then in reality could have said anything but “I love you”; yet the language of the body is unequivocal, at least as far as sexual desire is concerned
7) the elf cave is the Celtic otherworldly (see more)
8) why the fairy is sorry? Would not want to annihilate the knight but can not do otherwise? Does she know that a man’s love is not eternal and that sooner or later his knight will leave her with a breaking heart? Is love inevitably destructive?

LA BELLA DAMA SENZA PIETA’

To the disquieting fascination of the ballad could not escape Angelo Branduardi the Italian Bard, the final part of the melody of each stanza takes the traditional English song “Once I had a sweetheart.”

Angelo Branduardi from La Pulce d’acqua 1977


Guarda com’è pallido
il volto che hai,
sembra tu sia fuggito dall’aldilà…
Vedo nei tuoi occhi
profondo terrore,
che bianche e gelide dita tu hai…
Guarda come stan ferme
le acque del lago
nemmeno un uccello che osi cantare…
“è stato in mezzo ai prati
che io la incontrai
e come se mi amasse lei mi guardò”.
Guarda come l’angoscia
ti arde le labbra,
sembra tu sia fuggito dall’aldilà…
“E`stato in mezzo ai prati
che io la incontrai…”
che bianche e gelide dita tu hai…

“Quando al mio fianco
lei poi si appoggiò
io l’anima le diedi ed il tempo scordai.
Quando al mio fianco
lei poi si appoggiò…”.
Che bianche e gelide dita tu hai…”
Al limite del monte
mi addormentai
fu l’ultimo mio sogno
che io allora sognai;
erano in mille e mille di più…”
Che bianche e gelide dita tu hai…”
Erano in mille
e mille di più,
con pallide labbra dicevano a me:
– Quella che anche a te
la vita rubò, è lei,
la bella dama senza pietà”.

BELLE DAME SANS MERCI: GERMAN VERSION

Faun from “Buch Der Balladen” 2009.


“Was ist dein Schmerz, du armer Mann,
so bleich zu sein und so gering,
wo im verdorrten Schilf am See
kein Vogel singt?”
“Ich traf ein’ edle Frau am Rhein,
die war so so schön – ein feenhaft Bild,
ihr Haar war lang, ihr Gang war leicht,
und ihr Blick wild.Ich hob sie auf mein weißes Ross
und was ich sah, das war nur sie,
die mir zur Seit’ sich lehnt und sang
ein Feenlied.Sie führt mich in ihr Grottenhaus,
dort weinte sie und klagte sehr;
drum schloss ich ihr wild-wildes Auf’
mit Küssen vier.
Da hat sie mich in Schlaf gewiegt,
da träumte ich – die Nacht voll Leid!-,
und Schatten folgen mir seitdem
zu jeder Zeit.Sah König bleich und Königskind
todbleiche Ritter, Mann an Mann;
die schrien: “La Belle Dame Sans Merci
hält dich in Bann!”Drum muss ich hier sein und allein
und wandeln bleich und so gering,
wo im verdorrten Schilf am See
kein Vogel singt.”
English translation (from here)
“What ails you, my poor man,
that makes you pale and humbled so,
among the withered seashore reeds
where the song of no bird is heard (1)?”
“I met a noble lady on the Rhine,
so very fair was she – a fairy vision,
her hair was long, her gait was light,
and wild her stare.I lifted her on my white steed
and nothing but her could I see,
as she leant by my side and sang
a song of the fairies.She led me to her cave house
where she cried and wailed much;
so I closed her wild deer eyes (2)
with four kisses of mine.
She lulled me to sleep then,
and I dreamt a nightlong song!
and shadows follow me since
be it day or night (3).I saw a pale king and his son
knights pale as death, face to face;
who cried out: “The fair lady without mercy
has you in her spell!”Thus shall I remain here alone
to wander, pale and humbled so,
among the withered seashore reeds
where the song of no bird is heard”


NOTES
1) lit “(where) no bird sings”
2) I assume it’s “Aug(en)” instead of “Auf'”
3) the original says “all the time” but I opted for (hopefully) more colorful English

LINK
http://academic.brooklyn.cuny.edu/english/melani/cs6/belle.html http://ebooks.adelaide.edu.au/k/keats/john/la-belle-dame-sans-merci/
http://noirinrosa.wordpress.com/tag/la-belle-dame-sans-merci/ http://zerkalomitomania.blogspot.it/search/label/Belle%20Dame%20sans%20Merci
http://www.celophaine.com/lbdsm/lbdsm_top.html
http://www.craigrecords.com/recordings/la-belle-dame/

Silver apples of the moon

MARGARET MACDONALD MAKINTOSH (1865-1933) The Silver Apples of the Moon
MARGARET MACDONALD MAKINTOSH (1865-1933)
The Silver Apples of the Moon

Leggi in italiano

The song of wandering Aengus was published in 1899, in the collection of poems “The Wind among the reeds” by William Butler Yeats (1865-1939).

Aengus (Oengus)  is the god of love of Irish mythology, belonging to the mythical ranks of the Tuatha De Dannan, eternally young ruler of the Brug na Boinne near the banks of the river Boyne. It is said of him that he fell in love with a beautiful girl seen in a dream and, sick with love, looked for her for a long time before finding her and taking her to her kingdom.

In poetry, however, the character is a young mortal (perhaps the poet himself) in search of his poetic inspiration or the most ancestral side of knowledge. He tells of his initiation into the past, because he became old, in the perennial search for beauty, or poetic enlightenment, embodied by the girl with the apple blossoms in her hair.

The first to put the poem into music was the same Yeats who composed or adapted a traditional Irish melody: in 1907 he published his essay ‘Speaking to the Psaltery’ in which the poem is recited bardically, sung with the accompaniment of the psaltery; but many other artists were inspired by the text and composed further melodies.

Burt Ives with the title The Wandering of Old Angus  in ‘Burl Ives: Songs of Ireland‘ Decca DL 8444 (ca. 1954) in the liner notes the Yeats melody is credited

Judy Collins with the title ‘Golden Apples of the Sun’  – Golden Apples of the Sun 1962. “Learned from the singing of Will Holt, this stunning song is a musical setting of a W. B. Yeats poem ‘The Song of the Wandering Angus’. It is not a folk song, it tends to be an art song. It has a traditional feeling about it; the repetitiveness gives you the impression of an incantation, which the poem does too. Of her learning it I had heard the song almost two years ago. When I heard Will Holt sing it late one night at the Gate of Horn, I was greatly impressed, and determined to learn it. Will sang it for me a number of times, and even gave me a tape of it. I lived with the Golden Apples of the Sun almost a year-and-a-half before I ever sang it, and then it burst out one day – almost of its own accord – while I was visiting friends. It took me a long time to assimilate it, but now it’s part of me. I feel that the song has something to do with what people want – what they don’t have – and sometimes the desire for these things is almost as satisfying as the getting.'”

Donovan in H. M. S. 1971

Richie Havens in “Mixed Bag II” 1974

Christy Moore in “Ride On” 1986

Paul Winter & Karen Casey in Celtic Solstice 1999

Jolie Holland in Catalpa 2003

Waterboys in “An Appointment with Mr Yeats” 2011
an almost spoken version

Sedrenn  in De l’autri cotè 2013 (the review of the cd here

Robert Lawrence & Jill Greene (music by Jill Diana Greene) 2016

I
I went out to the hazel wood
because a fire was in my head(1)
and cut and peeled a hazel wand(2)
and hooked a berry to a thread.
II
And when white moths were on the wing
and moth-like stars were flickering out
I dropped the berry in the stream(3)
and caught a little silver trout(4).
III
When I had laid it on the floor
I went to blow the fire aflame
But something rustled on the floor
and someone called me by my name.
IV
It had become a glimmering girl
with apple blossom(5) in her hair
who called me by my name and ran
and vanished through the brightening air
V
Though I am old with wandering
through hollow lands and hills lands
I will find out where she has gone
and kiss her lips and take her hands.
VI
And walk among long dappled grass
and pluck till time and times are done
the silver apples of the moon
the golden apples of the sun(5).

NOTES
1) it’s the fire what characterizes the visionary experience of shamanism (see). In the book “The Fire in the Head” (2007) Tom Cowan examines the connections between shamanism and Celtic imagination, analyzing the myths, the stories, the ancient Celtic poets and narrators and describing the techniques used to access the world of the shamans. So the protagonist approaches the waters of the river to practice a ritual that allows him to travel in the Other World.
2) the hazelnut is the fruit of science and falls into the sacred spring, where it is eaten by salmon / trout (which becomes the salmon of knowledge).
3) most likely it is the Boyne River. According to mythology, Brug na Boinne or “Boyne River Palace” is the current Newgrange. Dimora del Dagda and then the son Aengus (Oengus) and the most important gods. The mound rises on the north bank of the Boyne River, east of Slane (County Meath).

new-grange
here is how the mound was once

4)A reference to a mythological tale by Fionn Mac Cumhaill (salomon of knowledge).

Even the trout is considered by the Celtic tradition as a guardian spirit of the waterways, and represents the Underworld, which it is materially embodied under the gaze of the poet in a young girl from the Other World, in a sort of dream or vision ( aisling) that disappears when the day is cleared: the poet tells us he will dedicate his life to chasing that girl or to reach (in life) the Other World
5) The apple tree and its fruit are always present in the Otherworld and most of the time it is a female creature to offer the golden apple to the hero or the poet. The apple is the fruit of immortality but also of death, of eternal sleep.
The access (in life) to the Other Celtic World is an honor reserved for poets, semi-divine heroes and a few privileged visitors (sometimes ravished by fairies for their beauty), Yeats hopes to be able to feed on Avalon apples and obtain the gift of immortality (poetic).

Aengus il vagabondo

Angelo Branduardi in “Branduardi canta Yeats” 1986 music by Donovan, text-translation by Luisa Zappa

Fu così che al bosco andai,
chè un fuoco in capo mi sentivo,
un ramo di nocciolo io tagliai
ed una bacca appesi al filo.
Bianche falene vennero volando,
e poi le stelle luccicando,
la bacca nella corrente lanciai
e pescai una piccola trota d’argento.
Quando a terra l’ebbi posata
per ravvivare il fuoco assopito,
qualcosa si mosse all’improvviso
e col mio nome mi chiamò.
Una fanciulla era divenuta,
fiori di melo nei capelli,
per nome mi chiamò e svanì
nello splendore dell’aria.
Sono invecchiato vagabondando
per vallate e per colline,
ma saprò alla fine dove e`andata,
la bacerò e la prenderò per mano;
cammineremo tra l’erba variegata,
sino alla fine dei tempi coglieremo
le mele d’argento della luna,
le mele d’oro del sole.

LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=44244 http://branoalcollo.wordpress.com/2011/07/11/le-metamorfosi-di-yeats/ http://lebuoneinterferenze.blogspot.it/2010/02/le-mele-della-notte.html http://www.ilcerchiosciamanico.it/articoli/p2/123/il-regno-sotto-le-acque-il-recupero-dello-sciamanesimo-celtico-di-sharon-paice-macleod.html

Donna Lombarda: a murder ballad from Italy

Leggi in italiano

“Donna Lombarda” (“Dame Lombarde” means “Lady from Lombardy,”) or “Dona Bianca”  (Dame White) is perhaps the most famous of the Italian ballads, also widespread in France and French Canada (Quebec). The ballad handed down to the present day through an infinity of regional variations, tells the story of a young wife instigated by her lover to poison her husband and of a newborn baby who miraculously begins to speak to reveal the intrigue. A typical murder ballad of Celtic area with a supernatural event!

Costantino Nigra considers “Donna Lombarda” originally from Piedmont and, according to the belief of the time that the ancient folk ballads reported the historical events dating back to the Middle Ages, identifies the woman in the Queen of the Lombards, Rosmunda; here is the legend, as the chronicle reported by Paul Deacon in the Historia Longobardorum: in 572 the daughter of the kings of the Gepids (ancient Pannonia) taken in marriage by the kings of the Lombards Alboin as “war trophy” organized the plot for killing her husband in favor of his lover Elmichi. However, the attempt to usurpation was unsuccessful and Rosmunda and Elmichi fled to Ravenna (together with part of the Longobard treasure). In Ravenna the two got married but Rosmunda had not lost the vice of infidelity, so soon after she tried to kill her second husband with the classic system so much advertised in the folk ballads: the poisoned food. Elmichi noticed the poison as he drank from the cup and forced Rosmunda to drink with him, thus they died killed by the same potion!

Queen Eleanor - Anthony Frederick Augustus Sandys 1858
Queen Eleanor – Anthony Frederick Augustus Sandys 1858

The Ballad: DONNA LOMBARDA

Probably the ballad “Dame Lombard” is not so ancient but it is spread in a large area from the North to the South of Italy. The textual and melodic versions change and the lyrics are adapted to the various dialects or rendered in an Italian so to speak “popular”, collected and classified here only in a small part.

NORTH-ITALY VERSIONS

The ballad with the title of “Dona Bianca”  is based on dialogues between the protagonists: the unfaithful wife, the lover, the husband and the child prodigy (because he speaks from the cradle while being newborn) . Yet an ancient noble context emerges in a few words : the husband returns from the hunt, preferred pastime by the medieval aristocracy, the garden where to find the snake is of a nobleman, the same name “Madonna” is a medieval term that is wife of a “dominus”.

La Lionetta (this song appears in several recordings, the first is in the album “Dances and Ballads of the Italian Celtic Area” Shirak, 1978) The version comes from Asti where it was collected by R. Leydi and F. Coggiola


O vòstu v’tti o dona Bianca
o vòstu v’nial ballo cun mi?
O si si si che mi a v ‘niria
ma j’o paura del me mari
Va n ‘tei giardino del mio galante(1)
la ié la testa dal serpentin
E ti t lu pie t lo piste in póer
e poi t’iu bute hit’un bicier ad vin
E so mari veti cà d’la cassa
o dona Bianca jo tanta sei
Ma va di là ‘nt’ la botejera
la jé un bicier dal vin pi bum
El cit enfant l’era ant’la cuna
papa papa beiv pò lulì
che la mamina vói fete muri
O beivlu ti o dona Bianca
se no t’lu fas beive a fil da spà
O si si si che mi lo bevria
ma jó paura d’ie mie masnà(2)
English translation  Cattia Salto
Do you want to come, Dame White ,
Do you want to come to the dance with me? “/”I’d like to come,
but I’m afraid of my husband.”
“Go to the garden of my gallant
there is the head of a serpent
and you take it and reduce it to dust
and then put it in a glass of wine ”
And the husband comes home from hunting/”O Dame White I am so thirsty”
“Go over to the cellar
there is a glass of the best wine ”
The little baby who was in the cradle/ “Daddy, daddy do not drink it
because mom wants to make you die ”
“Drink it yourself Dame White
otherwise I force you to drink with my sword “/ “Or yes, I would drink it,
but I fear for my children ”

NOTE
1) “galante” stands for a gentleman, a noble courtier; in other versions the garden is of the mother or the father of the woman
2) the woman tries to escape death by invoking her role as a mother. But the ballad is not complete, we can only imagine that the woman, forced by the sword to drink from the glass, dies poisoned!

In this other version coming from the land of “Quattro Province” the context is more direct and popular, instead of the invitation to the court ball, the man asks to have sex and the husband is back from work in the fields; but the ending is more complete both in the description of the woman’s death by poisoning that in the moralizing closing sentence.

Barabàn from Baraban 1994, text version collected in the field by the voice of Angelina Papa (1908), rice-worker of Sannazzaro de ‘Burgondi (Pavia)


Dona lombarda dona lombarda
fuma a l’amur fuma a l’amur
Mi no mi no o sciur cavaliere
che mi ‘l marito gh’i l’ò giamò
Là int’al giardino del mio bèl padre
si gh’è la testa dal serpentìn
la ciaparemo la pistaremo
fum ‘na butiglia dal noster bon vin
A vegn a cà ‘l sò marì d’in campagna
dona lombarda g’ò tanta set
O guarda lì int’la cardensola
gh’è una butiglia dal noster bon vin
L’è salta sù ‘l fantulìn de la cüna
bevalo nein bevalo nein
Cosa vuol dire dona lombarda
al noster bon vin l’è un po’ tulberì
Sarà la pulvara d’la cardensola
cà la fà ‘gnì un po’ tulberì
Dona lombarda dona lombarda
al noster bon vin t’la bévare ti
La prima guta che lu ‘l g’a dato
le la cumìncia a cambià i culur
secunda guta che la beviva
in tèra morta sì l’è cascà
Dona lombarda dona lombarda
arrivederci in paradìs
tà s’ta scardiva de fag’la ai alter
e ta t’le fada di ‘m bèla per tì
English translation  Cattia Salto
“Dame Lombarde, Dame Lombarde
let’s make love, let’s make love. ”
“Not me, not me, sir knight
that I have a husband already. ”
“There in the garden of my good father
there is the head of a pretty snake.
We’ll take it, we’ll crush it
in a bottle of our good wine. ”
Her husband comes house from fields
“Lombard woman, I am so thirsty”
“Oh, look there in the cupboard
there is a bottle of our good wine ”
the baby jumped on from the cradle:
“Do not drink it, do not drink it!”
“What does it mean, Dame Lombarde,
that our good wine is a little cloudy? ”
“It will be the dust of the cupboard
which makes it a little cloudy ”
Dame Lombarde, Dame Lombarde
our good wine, drink it! ”
After the first sip,
she begins to turn pale,.
after the second
she falled to the ground, dead.
“Dame Lombarde, Dame Lombarde
see you in Heaven!
You thought you were betraying others and you did it yourself. ”

Davide Bortolai from Ballate Lombarde 2007 (a remake very similar to the French version of the Malicorne)

The version from Venice has become a sort of “standard” supra-regional version

Giovanna Iris Daffini called “Callas of the Poor” in the text re-elaboration of Gualtiero Bertelli (founder of the Canzoniere Popolare Veneto)

 Francesco De Gregori & Giovanna Marini  from “Il fischio del vapore” – 2002 (Rome)

Fabrizio Poggi & Turututela fromCanzoni popolari 2002 (Pavia)

Le tre versioni testuali sono abbastanza simili, si riporta quella di Gualtiero Bertelli:


“Amami me che sono re”
“non posso amarti tengo marì”
“Tuo marito fallo morire, t’insegnerò come devi far:
Vai nell’orto del tuo buon padre taglia la testa di un serpentin
Prima la tagli e poi la schiacci
e poi la metti dentro nel vin”
Ritorna a casa il marì dai camp
” Donna Lombarda oh che gran sé”
“Bevilo bianco bevilo nero
bevilo pure come vuoi tu”
“Cos’è sto vino così giallino?”
“Sarà l’avanzo di ieri ser”
Ma un bambino di pochi mesi sta nella culla e vuole parlar
“O caro padre non ber quel vino
Donna Lombarda l’avvelenò”
“Bevilo tu o Donna Lombarda
tu lo berrai e poi morirai”
“E per amore del Re di Spagna
io lo berrò e poi morirò”
La prima goccia che lei beveva
lei malediva il suo bambin
Seconda goccia che lei beveva
lei malediva il suo marì
English translation  Cattia Salto
“Love me I’m a king”
“I can not love you I have a husband”
“Your husband will die, I will teach you how you must do:
Go to the garden of your good father cut the head of a snake
First cut it and then crush it and then put it in the wine ”
The husband returns from the fields
“Dame Lombarde I am so thirsty”
“Drink a withe wine, drink a red wine, drink it as you want”
“What is this wine so yellow?”
“it will be last night’s surplus”
But a child of a few months is in the cradle and wants to talk
“O dear father do not drink that wine
for Lombard Woman poisoned it”
“Drink it you Dame Lombarde
you will drink it and then you will die”
“And for love of the King of Spain
I will drink it and then I will die”
The first  sip she drank
was cursing her baby
after the second
she cursed her husband

CENTRAL-ITALY VERSIONS

Angelo Branduardi & Scintille di musica (Mantuan area) the version of Branduardi is shorter compared to the recording of Bruno Pianta collected by Andreina Fortunati of Villa Garibaldi (MN), 1975 (for the extended version here) The song is accompanied by the hurdy-gurdy, a typical popular instrument from the Middle Ages.


Donna lombarda, donna lombarda,
Ameme mì.
Cos volt che t’ama che ci ho il marito
Che lu ‘l mi vuol ben.
Vuoi vhe t’insegna a farlo morire
T’insegnerò mi.
Va co’ dell’orto del tuo buon padre
Là c’è un serpentin.
Vien cà il marito tutto assetato
Và a trar quel vin(1).
Ed un bambino di pochi anni
Lu l’ha palesà.
O caro padre non bere quel vino
Che l’è avvelenà.
Donna lombarda, bevi quel vino,
che l’è avvelenà. (2)
English translation  Cattia Salto
“Dame Lombarde, Dame Lombarde
love me ”
“How can I love you? I have a husband
who loves me”
“Do you want to teach you for killing him?/ I’ll teach you .
Go to the bottom of your good father’s garden,/ there is a little snake. ”
A thirsty husband comes home,
goes to get some wine.
But a child of a few years
he revealed it.
“O dear father, do not drink that wine
that is poisoned. ”
“Lombard woman, drink that wine,
that is poisoned. ”

NOTE
1) Branduardi skips the part where the woman crushes the head of the snake and puts it in the bottle of the best wine, as well as the fact that the husband knows how the wine is more turbid.
2) the ending


“Sol per amore del re di Francia,
sol per amore, del re di Francia io lo beverò
e poi morirò.”
Ogni goccino che lei beveva,
ogni goccino,che lei beveva: ”addio marì,
ciao marì”.
La s’intendeva da farla agli altri
la s’intendeva, da farla agli altri
la s’ l’è fata a le’
la s’ l’è fata a le’.
English translation  Cattia Salto
“I will drink it only for the love of the king of France,
I will drink it only for the love of the king of France,/and then I will die. ”
Every little drop that she drank
every little drop she drank: “farewell my husband.
Hi husband. ”
She really believed she was doing it to others
she really believed she was doing it to others
but she did it to herself
but she did it to herself

Caterina Bueno (Pistoia and Maremma area)
Franco Pacini

Riccardo Tesi & Maurizio Geri

The version was collected in 1979 by Franco Pacini (from Regina Innocenti of Pistoia) and was proposed by Caterina Bueno, who at the time continued to discover and cultivate young musicians of both popular and classical training.


– Donna lombarda, perché non m’ami?
Donna lombarda, perché non m’ami? –
– Perché ho marì.
Perché ho marì. –
– Se ciài il marito, fallo morire,
se ciài il marito, fallo morire,
t’insegnerò;
t’insegnerò:
Laggiù nell’orto del signor padre,
Laggiù nell’orto del signor padre
che c’è un serpèn
che c’è un serpèn
Piglia la testa di quel serpente,
piglia la testa di quel serpente,
pestàla ben,
pestàla ben.
Quando l’avrai bell’e pestata,
quando l’avrai bell’e pestata,
dagliela a be’,
dagliela a be’
Torna il marito tutto assetato,
torna il marito tutto assetato:
chiede da be’,
chiede da be’.
– Marito mio, di quale vuoi?
Marito mio, di quale vuoi?
Del bianco o il ne’?
Del bianco o il ne’? –
– Donna lombarda, darmelo bianco.
Donna lombarda, darmelo bianco:
ché leva la se’
ché leva la se’.
Donna lombarda, che ha questo vino?
Donna lombarda, che ha questo vino
Che l’è intorbé,
Che l’è intorbé?
– Saranno i troni dell’altra notte,
saranno i troni dell’altra notte,
che l’ha intorbé
che l’ha intorbé
S’alza un bambino di pochi mesi,
s’alza un bambino di pochi mesi:
– Babbo non lo be’
che c’è il velen
– Donna lombarda, se c’è il veleno,
Donna lombarda, se c’è il veleno,
lo devi be’ te,
lo devi ber te’.
English translation Cattia Salto
“Dame Lombarde why you dont’ love me?
“Because I have an husband.
Because I have an husband.”
“If you have an husband, we’ll make him die!
I’ll show you
I’ll show you
At the end of your father garden,
At the end of your father garden
you’ll find a snake
you’ll find a snake
cut the snake’s head,
cut the snake’s head
and crush it well
crush it well
When you’ll crush it well
When you’ll crush it well
you’ll offer (the poison) to your husband as a drink,
you’ll offer (the poison) to your husband as a drink.”
Her thirsty husband comes home,
Her thirsty husband comes home,
asking for some wine
asking for some wine.
“dear husband which you want?
dear husband which you want?
White or red?
White or red?”
“Dame Lombarde give me some white wine,
that removes my thirst
Dame Lombarde what has this wine?
It’s all torbid
It’s all torbid!”
The little baby speaks
The little baby speaks:
“Daddy don’t drink it,
that it is poisoned”
“Dame Lombarde if there is some poison
Dame Lombarden if there is some poison
you must drink it first
you must drink it first”

second part (french version)

LINK
https://homepage.univie.ac.at/helmut.satzinger/Wurzelverzeichnis/donnalomb.html
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=en&id=42932 http://goccedinote.blogspot.it/2012/05/donna-lombarda-testo-commento-e-video.html http://www.aess.regione.lombardia.it/percorsi/ canto_narrativo/canti/donna_lombarda/home.htm http://www.canzonierescout.it/g34.pdf http://www.umbc.edu/eol/magrini/mag-mus2.html http://www.webalice.it/macchiavelli/da_xoom/ donna_lombarda_malcapi_TTBB.pdf http://www.jstor.org/discover/10.2307/739356?uid=3738296&uid=2129&uid=2&uid=70&uid=4&sid=21103845500141 http://media.smithsonianfolkways.org/liner_notes/folkways/FW04482.pdf

Báidín Fheidhlimidh

Leggi in Italiano

The island of Tory or better Oileán Thoraigh, is a grain of rice (measuring 5 km in length and 1 in width) 12 km off the northern coast of Donegal. Ancient fortress of the Fomorians that from here left to raid the coasts of Ireland, a race of primordial gods, like Balor of the Evil Eye, the Celtic god of darkness that had only one eye on the back of the head.
It is called the island of artists since a small community of painters has been established in the 1950s. The hundreds of people who live there are Gaelic speakers and have been “governed” since the Middle Ages by a king of the island: it is up to the king to explain the legends and traditions of the island to the tourists!

TORAIG~1
island of Tory
by Pixdaus 

Bright and verdant in summer it is flagellate from strong storms in the winter months, theater of great tragedies of the sea.
But above all it is a land of rabbits and birds among which we can distinguish the puffins of the sea with the characteristic triangular beak of a bright orange with yellow and blue stripes wearing the frak.

“UNA BARCHETTA IN MEZZO AL MAR”

“Phelim’s little boat” or “Báidín Fheidhlimidh” (Báidín fheilimi) is one of the “songs of the sea” and is taught to Irish children at schools being a rare example of a bilingual song. Almost certainly handed down for generations in oral form, the song may have been composed in the seventeenth century.
Despite appearing as a nursery rhyme, the ballad tells the story of Feilimí Cam Ó Baoill, or Phelim O’Boyle, who, to escape his bitter enemy, abandons Donegal. He was one of the Ulster leaders of the O’Neil clan, one of the largest tribal dynasty in Northern Ireland (see). A warrior-fisherman leader who, to avoid conflict with the Mac Suibhne clan, or Sweeney, takes the sea on a small boat to the island of Gola; but, still not feeling safe, he changes the route to the island of Tory, more jagged and rich in hiding places, even if more treacherous for the presence of the rocks. And right on the rocks the small boat breaks and Phelim drowns.

The Gaelic here is peculiar because it comes from Donegal and has different affinities with the Scottish Gaelic. Baidin is a word in Irish Gaelic that indicates a small boat and the concept of smallness returns obsessively in all verses; so the nursery rhyme has its moral: in highlighting the challenge and the audacity in spite of a contrary destiny, we do not have to forget the power of the sea and we must remind that freedom has a very high price.

Sinéad O’Connor from  Sean-Nós Nua 2002:  ua voice with such a particular tone; here the pitch is melancholic supported by a siren-like echo effect. In the commentary on the booklet Sinéad writes:
It tells the story of Feilim Cam Baoill, a chieftain of the Rosses [in Donegal] in the 17th century. He had to take to the islands off Donegal to escape his archenemy Maolmhuire an Bhata Bu Mac Suibhne. Tory Island was more inaccessible and seemed safer than Gola, but his little boat was wrecked there. For me, the song is one of defiance and bravery in spite of terrible odds. It is a song of encouragement that we should be true to ourselves even if being true means ‘defeat’. A song of the beauty of freedom. And a song of the power of the sea as a metaphor for the unconscious mind. It shows that we can never escape our soul.”

Na Casaidigh from Singing for memory 1998: a fine arrangement of the voices in the choir and a final instrumental left to the electric guitar in a mix between traditional and modern sounds very pleasant and measured.

Angelo Branduardi from Il Rovo e la Rosa 2013,  (his Gaelic is a bit strange!) the arrangement with the violin is very precious

English
I
Phelim’s little boat went to Gola,
Phelim’s little boat and Phelim in it,
Phelim’s little boat went to Gola,
Phelim’s little boat and Phelim in it
Chorus:
A tiny little boat, a lively little boat,
A foolish little boat, Phelim’s little boat,
A straight little boat, a willing little boat,
Phelim’s little boat and Phelim in it.
II
Phelim’s little boat went to Tory,
Phelim’s little boat and Phelim in it,
Phelim’s little boat went to Tory,
Phelim’s   little boat and Phelim in it.
III
Phelim’s little boat crashed on Tory,
Phelim’s little boat and Phelim in it,
Phelim’s little boat crashed on Tory,
Phelim’s little boat and Phelim in it.
Donegal Gaelic
I
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Gabhla,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Gabhla,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann
Curfá:
Báidín bídeach, Báidín beosach,
Báidín bóidheach, Báidín Fheidhlimidh,
Báidín díreach, Báidín deontach,
Báidín Fheidhlimidh’s Feidhlimidh ann.
II
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Toraigh,
Báidín Fheidhlimidh’s Feidhlimidh ann
Báidín Fheidhlimidh d’imigh go Toraigh,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann.
III
Báidín Fheidhlimidh briseadh i dToraigh,
Báidín Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann
Báidín Fheidhlimidh briseadh i dToraigh,
Báidín  Fheidhlimidh ‘s Feidhlimidh ann (1)

NOTES
1) or Iasc ar bhord agus Feilimí ann  [Laden with fish and Phelim on board]

THE DANCE: Waves of Tory

The island has also given the title to an Irish folk dance “Waves of Tory” which reproduces the waves breaking on the rocks! Among the dances for beginners is performed with one step and presents only a difficult figure called Waves.
see more

LINK
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=18074#177081

https://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/dance-crib/waves-of-tory.html

The lake isle of Innisfree

Nella contea di Sligo, la patria spirituale di W. B. Yeats  giace un piccolo lembo di terra proprio nel Lough Gill, è Innishfreela “terra dei desideri e del cuore“, l'”isola di foglie” di Stolen Child.
Ci dice il poeta stesso in una delle sue letture pubbliche della poesia “I am going to begin with a poem of mine called ‘The Lake Isle of Innisfree’ because if you know anything about me you will expect me to begin with it. It is the only poem of mine which is very widely known. When I was a young lad in the town of Sligo I read Thoreau’s essays and wanted to live in a hut on an island in Lough Gill called Innisfree which means ‘Heather Island’. I wrote the poem in London when I was about twenty three: one day in The Strand I heard a little tinkle of water and saw in a shop window a little jet of water balancing a ball on the top – it was an advertisement, I think, for cooling drinks – but it set me thinking of Sligo and lake water. I think there is only one obscurity in the poem – I speak of noon as a ‘purple glow’ – I must have meant by that the reflection of heather in the water.” (tratto da qui)

E la poesia è un omaggio a Henry Thoreau che disse ““Non ci può essere nessuna oscura malinconia per chi vive in mezzo alla Natura e ai suoi sensi sereni.”

Ascolta la poesia letta da Anthony Hopkins

The lake isle of Innisfree
I will arise and go now, and go to Innisfree,
And a small cabin build there, of clay and wattles made:
Nine bean-rows will I have there, a hive for the honeybee,
And live alone in the bee-loud glade.
And I shall have some peace there, for peace comes dropping slow,
Dropping from the veils of the morning to where the cricket sings;
There midnight’s all a glimmer, and noon a purple glow,
And evening full of the linnet’s wings.
I will arise and go now, for always night and day
I hear lake water lapping with low sounds by the shore;
While I stand on the roadway, or on the pavement grey,
I hear it in the deep heart’s core.
Traduzione italiano di Roberto Sanesi
Io voglio alzarmi ora, e voglio andare, andare ad Innisfree
E costruire là una capannuccia fatta d’argilla e vimini:
nove filari e fave voglio averci, e un’alveare,
e vivere da solo nella radura dove ronza l’ape.
E un po’ di pace avrò, chè pace viene lenta
Fluendo stilla a stilla dai veli del mattino, dove i grilli cantano;
e mezzanotte è tutta un luccicare, ed il meriggio brilla
come di porpora, e l’ali dei fanelli ricolmano la sera.
Io voglio alzarmi ora, e voglio andare, perché la notte e il giorno
Odo l’acqua del lago sciabordare presso la riva di un suono lieve;
e mentre mi soffermo per la strada, sui marciapiedi grigi,
nell’intimo del cuore ecco la sento.

L’isola è più un rifugio dell’anima che un luogo reale, in cui vivere del poco ma felici. Eppure Thoreau lo fece veramente nel
1845, quando aveva ventotto anni, andò a vivere sulle rive del lago Walden, in una capanna da lui stesso costruita.. e tutto incominciò perchè non voleva pagare le tasse!
Nella quiete dei boschi coltiva il suo orto, legge, osserva gli animali, passeggia nella natura o fino a qualche villaggio vicino, scrive, fa piccoli lavori in casa, nuota. Thoreau vuole “marciare al suono di un tamburo diverso” e cerca la libertà immergendosi nei ritmi della natura. Testo seminale della consapevolezza ambientalista e caposaldo della controcultura americana, “Walden” è il resoconto autobiografico di questo esperimento di vita solitaria, la cronaca quotidiana di un ritorno alla semplicità, una dichiarazione d’indipendenza dalla pochezza morale di una società dedita all’accumulazione di ricchezza. (vedi)

The lake isle of Innisfree  (by Zoolax)

Molto conosciuta come poesia, non così altrettanto nota per gli abbinamenti melodici. Con il titolo “The Isle of Inisfree” Dick Farrelly compose un brano per il film “The Quiet man” probabilmente ispirato da Yeats.

ASCOLTA musica composta da Bill Douglas: la prima versione con voce, la seconda versione con la  corale Ars Nova Singers

Y. Fanet

IRISH BLUES
la versione blues di Mike Scott (The Waterboys)

The lake isle of Innisfree
I will arise and go now, and go to Innisfree,
And a small cabin build there, of clay and wattles made:
Nine bean-rows will I have there, a hive for the honeybee,
And live alone in the bee-loud glade.
And I shall have some peace there, for peace comes dropping slow,
Dropping from the veils of the morning to where the cricket (1) sings;
There midnight’s all a glimmer (2), and noon a purple (3) glow,
And evening full of the linnet’s wings (4).
I will arise and go now, for always night and day
I hear lake water lapping with low sounds by the shore;
While I stand on the roadway, or on the pavement grey,
I hear it in the deep heart’s core.
Traduzione italiano di Cattia Salto
Mi alzerò e ora me ne andrò, andrò a Innisfree
e una piccola casetta mi costruirò, di fango e giunchi:
nove filari di fagioli vi pianterò, e un alveare per le api avrò
e solo vivrò nella radura (d’erica) con il ronzio delle api.
E starò in pace là, perchè la pace viene piano, goccia a goccia,
stillando dai veli del giorno fin dove canta il grillo;
là mezzanotte è tutta una favilla e mezzogiorno un viola incanto e la sera tutto un volo di fanelli.
Mi alzerò e ora me ne andrò, perchè sempre, notte e giorno,
sento l’acqua del lago lambire la riva con suoni sommessi;
mentre sono per strada o sul grigio asfalto, sento (che mi chiama) dal profondo del cuore

NOTE
1) un giro di parole per dire “fino a sera” Crickets’ singing-stone è il focolare dove cantano i grilli, talvolta citato nei canti tradizionali : i grilli sono animali portafortuna e sentire il loro canto vicino al focolare era di buon auspicio. Era consuetudine per i novelli sposi portare nella nuova casa una coppia di grilli dalla casa dei genitori.
2) sono i bagliori delle acque del lago illuminate dalla luna, ma anche i fuochi del caminetto o delle candele
3) E lo stesso Yeats a spiegare il significato del “bagliore viola” ossia il riflesso dell’erica nell’acqua (il nome dell’isola vuol dire Isola di brugo – ‘Isle of Heather’): Brugo o Erica? Le due piante si distinguono sostanzialmente per la diversa forma dei fiori (l’erica ha la corolla divisa in 5 parti e assomiglia a una botticella, ilbrugo ha il fiore formato da 4 petali quasi completamente divisi) ma per riconoscerle basta guardare il calendario: l’erica fiorisce al termine dell’inverno e in primavera (e in alcune varietà fino a giugno), mentre la calluna fiorisce alla fine dell’estate e in autunno restando fiorita fino ai primi mesi dell’inverno! Per il resto condividono credenze e proprietà continua
Senonchè il viola è un colore ricco di significati, usato da Re e Principi, che foderavano di velluto di seta viola le loro corone dorate.
4) una sorgente di gioia e di riequilibrio psichico per la specie umana, il canto degli uccelli

LA VERSIONE ITALIANA

L’isola del lago di Innisfree è stata musicata da Angelo Branduardi per l’album “Branduardi canta Yeats” 1986

Ed ecco ora mi alzerò, a Innisfree andrò,
Là una casa costruirò, d’argilla e canne io la farò;
là io avrò nove filari ed un alveare, perché le api facciano miele.
E là da solo io vivrò, io vivrò nella radura dove ronzano le api.
E là io pace avrò: lentamente, goccia a goccia,
viene dai veli del mattino fino a dove il grillo canta;
mezzanotte là è un balenio, porpora è mezzogiorno
e la sera è un volo di uccelli.
Ed ecco ora mi alzerò, perché sempre notte e giorno
posso sentire l’acqua del lago accarezzare la riva piano;
mentre in mezzo ad una strada io sto, sui marciapiedi grigi,
nel profondo del cuore questo io sento.

continua

FONTI
https://www.poetryarchive.org/poem/lake-isle-innisfree

ALAN STIVELL E LA MUSICA CELTICA

StivellAlan Stivell  è considerato il padre della musica celtica, nel senso che è stato proprio lui a “inventare” questa etichetta.
Alan Stivell, che in effetti si chiama Alan Cochevelou .. è nato in Borgogna (nel 1944) e cresciuto a Parigi. Ma bretone era suo padre, che faceva il musicologo, e che quando aveva 9 anni gli costruì una telenn: un’arpa identica a quella che in Bretagna si era usata fino alla fine del Medio Evo. Va detto che quello era stato uno strumento dell’aristocrazia, non popolare. E anche che dopo la sua estinzione era conosciuto unicamente attraverso referenze iconografiche, tant’è che papà Cochevelou aveva dovuto dare un’occhiata alla tuttora esistente arpa irlandese per compiere il suo lavoro.
In compenso, Cochevolu figlio ne divenne un virtuoso, appassionandosi anche all’idea di far “risorgere” le antiche culture celtiche al punto da assumere appunto il nome d’arte di Stivell: in bretone “sorgente”, ma anche ipotetica ricostruzione dell’etimologia di Cochevelou in kozh stivelloù, “vecchie fontane”. Così studiò anche il bretone, per recarsi poi in Scozia a imparare la locale cornamusa.
Nei 26 album da lui incisi tra 1961 e 2002 si esibisce praticamente in tutte le varietà di arpa, zampogna, oboe e flauto dei vari paesi celtici, e canta anche in tutte le lingue celtiche conosciute vive e morte, oltre che in inglese e francese.  
” (Maurizio Stefanini tratto da qui)

L’ARPA BRETONE

L’arpa medievale bretone viene riportata in vita da Jord Cochevelou (dal bretone Kozh Stivelloù) che vive a Parigi ma è di origine bretone, e da fiero cultore della musica tradizionale, la costruisce nel  1953 rifacendosi a vecchi disegni e studiando i modelli irlandesi ancora conservati nei musei; l’arpa è per il figlio di nove anni, già istruito nello studio del pianoforte e avviato all’arpa classica da Denise Mégevand (1917-2004); l’arpista di solida scuola francese s’ingegna a scrivere per il giovane e dotato allievo un metodo per come suonarla: Ecco che Denise Mégevand raccoglie melodie tradizionali bretoni, scozzesi e irlandesi che sviluppa con accordi e arpeggi di gusto post debussiano esemplificati per la celtica e articolati in variazioni che utilizzano la tecnica arpistica classica della sua epoca. Completano la raccolta di brani del metodo alcuni spunti di musica medioevale e alcuni brani di sua composizione. (tratto da qui)
Alan sotto l’ala della maestra tiene la sua prima esibizione in pubblico in occasione della conferenza stampa  convocata proprio per annunciare la rinascita dell’arpa celtica (Maison de Bretagne, Parigi 1953) e qualche anno più tardi alla giovanissima età di 11 anni  si esibisce per la prima volta all’Olympia. Con il ritorno della famiglia in Bretagna anche il giovane Alan si appassiona della cultura bretone, studiando il bretone, la storia, la mitologia e l’arte dei Celti, impara anche a suonare la bombarda e la cornamusa bretone.

GLI ALBUM

L’ascoltiamo nelle prime registrazioni risalenti al 1959 riproposte nell’album “Telenn Geltiek-Harpe celtique” pubblicato nel  1964 ancora con il nome proprio Alan Cochevelou  con brani della tradizione bretone e un paio di tradizionali irlandesi e scozzesi e ripubblicato su Cd nel 1994 con l’aggiunta del nome d’arte STIVELL


Nel 1964 il padre gli costruisce una seconda arpa, l’arpa bardica con corde di bronzo e nel 1966 prende lezioni di canto. Ed è da questa solida preparazione musicale che inizia la carriera di Stivell, il quale cavalcherà il folk revival internazionale seducendo il pubblico giovanile con sonorità tradizionali ma anche moderne come percussioni, basso e chitarra. Reflects (1970) e Renaissance de la harpe celtique (1971) e via proseguendo dal 1970 al 1980 il bardo registra un album all’anno accompagnandosi con musicisti di spessore come Dan Ar Braz, Gabriel Yacoub e Michel Santangeli, vince premi e riconoscimenti, va in tournée in Europa e in Gran Bretagna ma anche negli Stati Uniti d’America, Australia, Canada.
Chiude il suo primo decennio con un album  assolutamente pirotecnico dal titolo “Symphonie Celtique” (1980) e accompagnato da un’orchestra di 300 musicisti (orchestra classica, gruppo rock, bombarde e cornamuse bretoni ma anche musicisti della world music) lo suona al Festival Interceltico di Lorient davanti ad una folla oceanica.

Tra tutti gli album di questo periodo spicca il live al Teatro Olympia (À L’Olympia, 1972) che ha superato il milione di vendite.
In aperturaThe Wind Of Keltia [Le Vent de Celtie] rievoca un’atmosfera incantata, organo in sottofondo, arpeggio d’arpa e soffio di flauto, ma anche pennate distorte alla chitarra elettrica, Stivell si rivolge direttamente alla nuova generazione dei Celti ricordandone la fiera origine, l’identità culturale.
You are a forest of faces of children.
Born on the earth and weaned on the sea.
Faces of granit and faces of angels.
Hopes carved from wood and steel
.

Il concerto alterna brani da danza della tradizione bretone (gavotte, branles) e della tradizione irlandese/scozzese (tra cui spicca “The King Of Fairies“) ad antiche ballate e canti nazionalistici (Alarc’h,The Foggy Dew) in cui si rievoca una sorta di Medioevo in salsa rock (declinato nello stile del nascente hard-rock ma anche del progressive-rock).
L’intero album può essere considerato un manifesto del Sogno Celtico quel pan-celtismo di cui Stivell si fa portavoce dell’orgoglio celtico o meglio della cultura tradizionale di una specifica “nazione” celtica per una sorta di “federazione” dei popoli celtici.

Nel 1993 Stivell ripercorre i suoi passi e pubblica un album antologico dal titolo Again riarrangiando i suoi maggiori successi insieme a Kate Bush, Shane Mc Gowan, Davy Spillane e il cantante e percussionista senegalese Dudu N’Diaye Rose (tra le sue collaborazioni ricordo quella con Angelo Branduardi).
Il nuovo secolo viene inaugurato con l’album “Back to Breizh” un ritorno ai suoni più acustici e ai colori tradizionali (si tratta per lo più di composizioni originali), alla lingua bretone e al francese,  accompagnato da ottimi musicisti della scena bretone tra cui Frédéric e Jean-Charles Guichen.

Nel 2002 esce un album tutto strumentale in cui Stivell suona sei tipi diversi di arpa e che intitola  Beyond Words  (Al di là delle parole): con il suo stile personalissimo e la sua costante ricerca Stivell è considerato il massimo esponente dell’arpa celtica.

Un più dettagliato excursus discografico qui

tag Alan Stivell

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/arpa-celtica.html
http://www.associazioneitalianarpa.it/intervista-a-alan-stivell/
http://www.alanstivell.bzh/language/en/biography/
http://blogarpa-harpo.blogspot.it/2012/05/larpa-classica-francese-e-la-celtica.html

HOUSE CARPENTER

Child # 243
(prima parte qui)

Parafrasando Dylan in merito alle folk song che “dicono solo quello che è importante” ecco che ancora ragazzino si sente in dovere di registrare negli studi Columbia una ballata vecchia e inquietante che mai finirà in un album ufficiale. Non si rifà alla versione di Clarence Ashley (vista nella prima parte) e secondo Clinton Heylin che ha scritto un libro sulle varianti di House Carpenter, il modello testuale potrebbe essere arrivato dalla registrazione dell’anno prima di  Almeda Riddle , con la melodia più simile a quella di Ashley e riarrangiata da Dylan

Bob Dylan  così la introduce “Questa è la storia di uno spettro che torna dal mare, venuto a portar via la sua sposa dal falegname

ASCOLTA Bob Dylan 1961

I
Well met, well met,
my own true love
Well met, well met, cried she
I’ve just returned from the salt, salt sea
And it’s all for the love of thee
II
I could have married a King’s daughter there
She would have married me
But I have forsaken my King’s daughter there
It’s all for the love of thee
III
Well, if you could have married a King’s daughter there
I’m sure you’re the one to blame
For I am married to a
house carpenter
And I’m sure he’s a fine young man
IV
Forsake, forsake your house carpenter
And come away with me
I’ll take you where the green grass grows
On the shores of sunny Italy
V
So up she picked her babies three
And gave them kisses, one, two, three
Saying “take good care of your daddy while I’m gone
And keep him good company.”
VI
Well, they were sailin’ about two weeks
I’m sure it was not three
When the younger of the girls, she came on deck
Sayin’ she wants company
VII
“Well, are you weepin’ for your house and home?
Or are you weepin’ for your babies three?”
“Well, I’m not weepin’ for my house carpenter
I’m weepin’ for my babies three.”
VIII
Oh what are those hills yonder, my love
They look as white as snow
Those are the hills of heaven, my love
You and I’ll never know
IX
Oh what are those hills yonder, my love
They look as dark as night
Those are the hills of hell-fire my love
Where you and I will unite
X
Oh twice around went the gallant ship
I’m sure it was not three
When the ship all of a sudden, it sprung a leak
And it drifted to the bottom of the sea
Traduzione di Michele Murino (qui)
I
“Ben ritrovata, ben ritrovata,
mio vero amore
Ben ritrovato, ben ritrovato”, gridò lei
“Sono appena ritornato dall’oceano
e l’ho fatto per il tuo amore
II
Avrei potuto sposare la figlia del Re laggiù
E lei mi avrebbe sposato
Ma ho rinunciato alla mia figlia
del Re
e l’ho fatto per il tuo amore”
III
“Ebbene, se tu avresti potuto sposare la figlia di un Re laggiù
Certo la colpa è solo tua
Poichè io sono sposata ad un carpentiere ed è sicuro che egli è un bel giovane”
IV
“Abbandona, abbandona il tuo carpentiere e vieni via con me
Ti porterò dove l’erba cresce
verde
sulle spiagge dell’assolata Italia”
V
Così lei prese in braccio i suoi tre bimbi
e diede loro uno, due, tre baci
e disse “Prendetevi cura del vostro papà mentre io sono lontana
e fategli compagnia”
VI
Navigavano da circa due
settimane
sono sicuro non fossero tre
quando la più giovane delle ragazze venne sul ponte
dicendo che cercava compagnia
VII
“Stai piangendo al pensiero di casa tua?
O stai piangendo per i tuoi tre bimbi?”
“Non piango per il mio carpentiere,
sto piangendo per i miei tre bimbi”
VIII
“Oh cosa sono quelle colline laggiù, amor mio
Sembrano bianche come la neve”
“Quelle sono le colline del paradiso, amor mio che tu ed io non conosceremo mai”
IX
“Oh cosa sono quelle colline laggiù, amor mio
Sembrano scure come la notte”
“Quelle sono le colline dell’inferno, amor mio
dove tu ed io saremo uniti”
X
Oh per due volte la bella nave girò intorno sono sicuro che non furono tre
Quando la nave all’improvviso fece acqua da una falla
e piombò in fondo all’oceano

Un’altra versione indimenticabile è quella dei Pentangle
ASCOLTA Pentangle in Basket Of Light 1969,  live nello stile folk-jazz che li contraddistingue. La versione decisamente più vicina a quella americana o forse una via di mezzo fra le due sponde


I
“Well I once could have married the king’s third son
And a fine young man was he
But now I’m married to a house carpenter
And a nice young man is he”
I
“When will you forsake your house carpenter
And a-go along with a me
I will take you to where the grass grows green
On the banks of the River Dee.”
III
“But will you have to maintain me a bound
To keep me in slavery?”.
“Well I have seven ships
They will soon be at land
And they at your command shall be.”
IV
She took her two babes by the hand
And gave them kisses three
“Sit still at home you darling little babes,
Keep your father sweet company.”
V
Now she dressed herself in her very best
Like a high-born lady was she
She shimmered and she shivered and she proudly stepped
As they walked by the banks of the sea
VI
Well she hadn’t been gone but a short, short time
Until she wept for sor’
“I would give all the gold in this round world
Just to see my babes once more.”
VII
“Well if you had all the gold and the silver too
That ever did cross the sea
You never would be at land anymore
And your babes you will never more see”
VIII
Well they hadn’t been sailing but a short, short time
About two weeks, three or four
When the ship sprang a leak and they were doomed
And they were far away from the shore
IX
“I see bright hills of Heaven my dear
Where angels come and go
“I see bright hills, that’s Hell my dear
Where you and I must go.”
X
“Oh I wish I was back to my house carpenter
I’m sure he would treat me well
But here I am in the raging sea
And my soul is bound for Hell.”
Traduzione * (da qui)
I
“Avrei potuto sposare un tempo il terzo figlio del Re
e lui era un uomo giovane e bello
Ma ora sono sposata ad un
carpentiere
e lui è un uomo giovane e gentile”
II
“Se tu abbandonassi il tuo
carpentiere
E venissi con me
Io ti porterei dove l’erba cresce verde e rigogliosa
sulle sponde del fiume Dee (1)”
III
“Ma dovrò essere
legata (a te),
mantenuta in schiavitù? (2)”
“Bè, io ho sette navi
Presto torneranno al porto
E saranno tutte ai tuoi comandi”.
IV
Lei prese per mano i suoi due bambini
e diede loro tre baci.
“Sedete buoni a casa,
cari bambini
fate a vostro padre buona compagnia”
V
Ora si veste con gli abiti
più belli
Come fosse una dama nata nobile
Lei brillava e lei rabbrividiva e lei orgogliosamente procedeva / Mentre camminava sulla sponda del mare (3)
VI
Bene, non era andata via da molto, ma da poco, poco tempo / Quando di sicuro ha iniziato a piangere:
“Darei tutto l’oro di questa terra tonda
solo per rivedere ancora una volta i mie bambini (4)”
VII
“Se tu avessi tutto l’oro e anche tutto l’argento
Che mai potesse essere trasportato per mare
Non vorresti mai più attraccare
E non vedresti mai più i tuoi bambini”
VIII
Non era passato molto da quando era salpata, ma un tempo molto, molto breve / Giusto due, tre o quattro settimane/ Quando sulla nave si è aperta una falla e loro erano perduti
Ed erano molto lontani dalla riva
IX
“Vedo le colline luminose del Paradiso mia cara/ Dove gli angeli vanno e vengono”/  “Vedo colline luminose, ma è l’Inferno mio caro (5)
Dove tu ed io dobbiamo andare.”
X
“Oh, vorrei tornare dal mio carpentiere (6)
Sono certa che mi tratterebbe bene
Ma io sono qui nel mare in tempesta
E la mia anima è pronta per l’Inferno.”

NOTE
*Alberto Musica &Memoria
1) ci sono due fiumi omonimi uno scorre nel Galles del Nord verso il Nord-Ovest dell’Inghilterra, l’altro è nell’Aberdeenshire (Scozia); in genere sono le rive del mare salato
2) dalla risposta presumiamo che l’uomo non sia solo il capitano della nave ma un pirata
3) esplicitazione del commonplace
4) la donna ha lasciato il falegname attratta dalla prospettiva di ricchezza oltre che di avventura
5) anche se la nave è affondata per una violenta tempesta con lo scafo squarciato, non è esplicitata una causa sovrannaturale e tuttavia per i due amanti andranno dritto in qualche girone infernale perchè sono morti nel peccato
6) il pensiero rivolto al marito abbandonato forse è un tardivo rimpianto, più rivolto alla tranquillità della vita casalinga a terra e alla vita, che un reale sentimento d’amore verso il falegname: vien da interrogarsi se la scelta del mestiere non sia casuale e se si voglia indirettamente richiamare la figura di Giuseppe (il “cornuto” biblico più popolare), l’accostamento è un po’ azzardato ma non del tutto privo di umoristico sarcasmo

ASCOLTA Angelo Branduardi in Il rovo e la Rosa, 2013
Qui intitolala il Falegname la versione in italiano di Luisa Zappa con musica di Angelo Branduardi ispirata al Rinascimento inglese. Il testo, per altro magistralmente tradotto, riprende la versione americana.

I
“Sono tornato da te, mia cara,
ben trovata, lui gridò.
Sono tornato dal mare salato
solo per amare te.
II
Potevo avere la figlia del re
e lei voleva me.
Ma ho rifiutato tutto quell’oro
solo per amare te.”
III
“Se avessi sposato la figlia del re,
vergogna ora per te.
Io ho sposato un buon falegname
e così bello è il mio uomo.”
IV
“Ti scorderai del bel falegname
e verrai via con me.
Ti porterò dove l’erba è verde
alla rivea del mare salato.”
V
“Potessi scordare il buon falegname
io verrei via con te.
Cosa farai per farmi felice,
protetta dalla povertà?”
VI
“Sei navi solcano il mare per me,
e sette ancora ne tengo a terra.
E centodieci dei miei marinai,
pronti al tuo comando.”
strumentale
VII
Lei strinse forte il suo bambino,
tre volte lo baciò.
Disse: “Rimani col mio falegname,
tienigli compagnia”.
VIII
Lei poi indossò un abito nuovo,
fra tutti i suoi il più bello.
S’incamminò lungo la via,
Splendida come oro.
IX
Non eran passate che due settimane,
lo so che non erano tre.
La bella lady si disperava,
piangeva amaramente.
X
“Perché ora piangi mia bella signora,
forse per il tuo oro?
O per il tuo bel falegname
che non rivedrai mai più?”
XI
“Non sto piangendo per il mio falegname,
non piango per quell’oro.
Io ora piango il mio bambino
che non rivedrò mai più.”
XII
Non eran passate che tre settimane,
so che non erano quattro.
La bella nave cominciò ad affondare
e non risali mai più.
XIII
Si capovolse la nostra nave
per una volta ancora.
Per ben tre volte girò su se stessa
e s’inabissò nel mare.
XIV
“Che colline sono mai quelle, amore,
che vedo così alte e belle?”
“Sono le colline del Cielo, amore,
ma non sono per te, per me.”
XV
“E quella gola che vedo, amore,
così profonda e scura?”
“Quella è la strada che porta all’Inferno
pronta per te, per me.”

FONTI
La voce di Bob Dylan: una spiegazione dell’America, Alessandro Carrera
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch243.htm
http://www.musicaememoria.com/pentangle_basket_of_light.htm
https://singout.org/2012/09/04/who-weeps-for-the-house-carpenter/
https://singout.org/2012/09/06/some-are-carpenters-wives/
https://singout.org/2012/09/08/but-dont-you-let-it-take-you-over/

BARBARA ALLEN CUORE NERO

La ballata di Barba Allen ricorda una delle novelle del Decamerone in cui si affronta il tema del “mal d’amore” ossia dell’amore fatale che porta inevitabilmente i due amanti alla morte. (vedi prima parte)

Le versioni della ballata Barbara Allen si possono raggruppare indicativamente in 2 varianti che si distinguono per il primo verso: “It fell about a Martinmas time” – oppure Lammas- (che si presume sia la forma più antica proveniente dalla Scozia – Child # 84 versione A) e “In Scarlet Town where I was born” (in cui la stagione individuata è invece la Primavera – Child # 84 versione B). La versione B è poi ulteriormente articolata in “All in the Merry Month of May” e “So early, early in the Spring.
Similmente si trovano tre melodie seppure  non legate univocamente alle versioni base del testo. Per i cultori delle registrazioni sul campo (dal 1937 al 1967) una panoramica qui

LA MELODIA STANDARD

“Four basic melodies have been found. They occur in 3/4 time, in 2/4 time, and in mixed times (5/4 or 2/4+3/4). Somewhat surprisingly, related texts and related tunes do not go together; they seem to be mixed together almost randomly.The tune I’ve given here is American; it’s not the one I know best, but seems to be fairly typical” (Bob Walz tratto da qui).
Ecco quindi la melodia più diffusa nella versione strumentale di un compositore americano e polistrumentista molto talentuoso
Keith Keniff in Goldmund, 2011 bastano pochi tocchi per mettere in risalto appieno la bellezza della melodia

Dal film “A Christmas Carol” (1951), un cameo che sottolinea la popolarità della melodia in epoca vittoriana, ua ballata da cantare nei salotti durante le feste natalizie.

VERSIONE A: CUORE NERO

Il testo più completo della ballata arriva dalla Scozia (da Tea-Table Miscellany di Allan Ramsay, ed. 1740, Child # 84 Versione A- vedi) e ha come protagonista Sir John Graeme (Gray) innamorato di Barbara Allen.
Con un andamento tipico della narrazione delle ballate si salta dalla prima strofa, in cui in un caldo giorno d’autunno il bel John si innamora della bella Barbara, alla seconda strofa, in cui lui si ritrova a letto e in punto di morte (i maligni insinuano che sia stato contagiato da qualche malattia venerea o dal vaiolo).
Manda a chiamare dunque Barbara e lei, controvoglia, giunge al suo capezzale: John vorrebbe addossare la colpa della sua malattia, alla consunzione d’amore (il mal d’amore) nei confronti di lei , che invece lo respinge, ma Barbara più prosaicamente gli ricorda i vizi e stravizi a cui lui si lasciava andare nelle taverne delle quali era cliente abituale.
Un uomo così non è degno di essere amato e men che meno sposato, e tuttavia Barbara non è così indifferente come vorrebbe credere (o far credere) perchè al rintocco della campana a morto, anche lei desidera morire per il rimorso (sempre i maligni osservano che evidentemente anche lei è stata contagiata e prossima a fare la stessa fine del suo amante!) In alcune versioni il bel giovanotto è invece, più realisticamente, accoltellato ..

Il carattere di Barbara  muta con il passare del tempo: nelle versioni più antiche è una donna crudele, cuore-nero o cuore di pietra, poi diventa una donna che nutre un amaro risentimento, e alla fine è una donna visibilmente sofferente.
Bertrand Bronson nel suo “Traditional Tunes of the Child Ballads” commenta: “It is pertinent to observe, as it seems not to have been observed, that tradition has gradually but surely transformed the character of the heroine. In the earliest of our texts (on broadsides), unexplained obduracy was her characterizing trait, as reflected in the song-title “Barbara Allen’s Cruelty”. It has been a main effect of transmission to rationalize and minimize this quality. The popular sensibility has been unable to stomach her stony-heartedness, and has gone to work on motivation. In the blackletter broadside of Pepys’s day, she had stopped the funeral procession to look at her victim:
With scornful eye she looked downe,
Her cheeks with laughter swellin.
Only later is she suddenly struck with remorse. But the popular mind has recoiled from such coldness. Fifty years later, in the earliest Scottish text, that of Ramsay’s Tea Table Miscellany, she is not cold but filled with vindictive sentiment. She leaves the death-bed with a sigh of reluctance, and goes home to forecast her imminent death. Thereafter, in many American copies, occur verses like the following:
T
he more she looked, the more she grieved,
She busted out to crying.
“I might have saved this young man’s life
And kept him from his dying”.
Sometimes self-reproach changes to self-exculpation:
“O mother dear, yuo caused all this;
You would not let me have him”
Little by little, and partly through simple abridgement and condensation – as by omission of her anticipative refusal to soften, before she leaves the dwelling – a kindlier, more sympathetic image has replaced the cruel one that gave the original point to the object lesson. If, as Phillips Barry, believed Barbara was once a “real person”, a historic character, she has unquestionably mellowed with age.”

Robert Graves (sempre alla ricerca nelle antiche ballate di atavici rituali) ipotizza invece che Barbara Allen fosse alle origini la storia di una strega che aveva lanciato un incantesimo di morte sul bel Sir John Graeme o William Grove, un po’ come in Clerk Colvill anche John  voleva scaricare la sua amante dalle più umili origini per poter sposare una nobildonna: lui chiede pietà e le offre dei doni per dissuaderla, ma lei è un cuore-nero e alla fine muore per la sua stessa malvagità
It is clear enough that Sir John Graeme did not die merely of a broken heart. Like Clerk Colvill, he seems to have been a landowner who had an affair with a country girl, but later decided to marry a woman of his own class. When this marriage was announced, the girl avenged herself by bewitching him; the procedure being to model a wax image of the victim, make it more real by adding his own (stolen) hair-trimmings and nail-pairings, and then gradually waste it over a candle, sticking pins into parts that the witch wanted to injure most”.

Una versione molto “in stile antico” con tanto di arpeggi è quella dello scozzese-canadese John Charles McDermott che segue quasi integralmente la Versione A di Child.

John McDermott in “When I grow to old to dream” 2005


I
It was in and about a Martinmas time(1),
When the green leaves were a-fallin,
That Sir John Graeme from the West country
Fell in love wi Bawbie Allan (2).
II
He sent his men down through the town
To the place where she was dwallin,
“O haste an’ come to my master dear,
Gin ye be Bawbie Allan.”
III
O hooly, hooly rase she up
to the place where he was lyin,
An’ when she drew the curtains by
“Young man, I think ye’re dyin.”
IV
“Oh it’s I am sick an’ very very sick,
An it’s a’ for Bawbie Allan.”
“But the better for me ye se never be
Though your heart’s blood were a-spillin.
V
Remember ye not in the tavern sir
When ye the cups were fillin’
How ye made the healths gae roun an’ roun,
and slighted Bawbie Allan.”
VI
He’s turned his face untae the wa’,
For death was wi him dealin,
“Adieu adieu, my dear friends a’,
Be kind to Bawbie Allan”.
VII
Then hooly hooly rase she up
An slowly, slowly, left him,
An’ sighin said she could not stay
Since death o life had reft him.
VIII
She hadna gane a mile but twa,
When she heard the deid bell knellin,
An’ every jow tha the deid bell gied
Cried, “Woe tae Bawbie Allan”.
IX
“O mother mother, mak my bed,
O mak it fast an’ narrow;
Since my love died for me to-day,
I’ll die for him to-morrow.
TRADUZIONE ITALIANO (con parole prese in prestito da Luisa Zappa)
I
Accadde nell’Estate di
San Martino,
Quando cadevan le verdi foglie,
Che Sir John Graeme delle terre dell’ovest
S’innamorò di Barbara Allan.
II
Mandò i suoi servi giù in città
Nel luogo dove lei abitava,
Sbrigati e vieni dal mio caro padrone,
Se tu sei Barbara Allan.
III
E piano piano lei s’alzò
E giunse al letto dove lui giaceva,
E quando tirò le tende, disse:
Giovanotto, secondo me stai morendo.
IV
Sono malato, tanto malato,
E lo devo a Barbara Allan.
Non farò nulla per curare il tuo cuore,
che ora pianga sangue.
V
Non ti ricordi della taverna,
Quando sempre riempivi i boccali,
Come te la spassavi  in giro
E disprezzavi  Barbara Allan?
VI
Lui volse il capo contro il muro
Perché la morte lo stava prendendo,
Addio, miei amici cari,
Siate gentili con Barbara Allan.
VII
E piano piano lei s’alzò
E lentamente lo lasciò,
Piangendo disse di non poter stare,
Ché la morte gli aveva carpito la vita.
VIII
Ma camminò appena un miglio
Quando sentì la campana a morto
Ed ogni rintocco della campana
Diceva “Sventurata Barbara Allan“.
IX
Oh, cara madre, preparami il letto,
Fammelo soffice e stretto;
Se oggi il mio amore è morto per me
Io per lui morirò domani.”

NOTE
1) il giorno di San Martino è l’11 novembre
2) Secondo alcuni la ballata era indirizzata a Barbara Villiers, contessa di Castlemaine, una delle tanti amanti di Carlo II d’Inghilterra. Altri vedono un’allegoria tra Scozia (Barbara Allen) e l’Inghilterra (Sir John Grey)

VERSIONE IN ITALIANO

Una versione tradotta sapientemente dalla moglie Luisa Zappa e interpretata da Angelo Branduardi da sempre menestrello delle antiche ballate anglofile.
Il testo racchiude tutti gli sviluppi in cui si è articolata nel tempo la storia: il motivo dell’indifferenza di Barbara all’amore di Sir John che un tempo aveva preferito sollazzarsi in taverna (con vino e donnine) piuttosto che ricambiare l’amore di lei; così Barbara ha indurito il suo cuore e non intende ricambiare l’amore di cui sir John si sente afflitto, ovvero non lo vuole più sposare; l’iniziale ostilità dei famigliari di lei alle nozze, e l’implicito rimprovero della ragazza nell’essersi decisi solo allora a dare il consenso, quando era troppo tardi; e infine il finale Rose-briar ovvero il nodo d’amore (in inglese true-lovers’ knot) in cui la rosa avvolge il rovo tra i due sepolcri tumulati affiancati. La rosa cresciuta sulla tomba del “buono” e il rovo cresciuto sulla tomba del “cattivo” simboleggiano l’amore che prevale sempre, anche se nella morte!! Così per Rosaspina conosciuta anche con il nome di La Bella Addormentata, l’amore trionfa e dai rovi nascono le rose, ma il finale è un happy-end come si addice ad una fiaba, con la bella addormentata che si risveglia grazie al bacio del vero amore. In Barbara Allen è la ragazza che con il suo bacio d’amore potrebbe restituire la vita a Sir John, ma si rifiuta, per orgoglio ferito, per rivalsa o amara vendetta.

hughes_e6
Edward Robert Hughes (1851 – 1914) Amor Mundi, 1895

 Angelo Branduardi – Barbriallen in Così è se vi pare 2011
(Angelo Branduardi – Luisa Zappa Branduardi)

Già cadevano le foglie…
presagio dell’autunno,
colpito al cuore, Sir John comprese
di amare Barbriallen.
Mandò il suo servo giù in città
a bussare alla sua porta:
“È il mio signore che ora ti invoca
se tu sei Barbriallen “.
Lei lentamente lo segui
sino al suo capezzale,
ma quando lo vide, così pallido in volto, disse : “Tu stai morendo”.
“Sono malato, molto malato
ed è per te che soffro”.
“Non farò nulla per curare il tuo cuore,
che ora pianga sangue.
Ma non ricordi, non ti ricordi
quand’ero io a cercarti
ed ebbro di vino di me tu ridevi,   sprezzando Barbriallen”.
Se tu mi baci io sarò salvo
mia dolce Barbriallen
“Non provo pena per questo tuo cuore, che ora piange sangue”.
Lui volse il capo contro il muro,
la morte alle sue spalle :
“Addio amici, addio per sempre,
mia cara Barbriallen.
Nascondo un panno sotto il mio capo,
un pegno del mio amore,
intriso del sangue del mio povero cuore, datelo a Barbriallen “.
Lei lentamente si girò,
lo sguardo oltre la porta:
“Sarò crudele ma devo lasciarti,
vedo la morte entrare”.
Ma camminò appena un miglio,
suonava la campana, ad ogni rintocco: “Sventura-diceva-povera Barbriallen!”
Suo padre allora la chiamò:
“Puoi prenderlo se l’ami”
“È tardi, padre, ormai troppo tardi,
lui giace in una bara”.
Sua madre allora la chiamò:
“Puoi prenderlo se l’ami”
“È tardi, madre, ormai troppo tardi,
il mio cuore si è spezzato”.
“O madre, madre preparami il letto,
che sia soffice e stretto,
se oggi il mio amore è morto per me,
io morirò domani.
O padre, padre preparami il letto,
che sia soffice e stretto,
se oggi il mio amore è morto per me,
io morirò domani”.
Barbara Allen ora riposa,
Sir John giace al suo fianco…
dal cuore di John è nata una rosa, Barbara Allen è un rovo.
Sono cresciuti, cresciuti alti,
nel vecchio cimitero,
per sempre avvinti in un nodo d’amore, la rosa avvolge il rovo.

terza parte continua
FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/ballad/
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-BarbaraAllen.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_84
http://www.britannica.com/EBchecked/topic/52710/Barbara-Allen
http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/barbaraallen.html

LORD BAKER/YOUNG BEICHAN/LORD BATEMAN

Child ballad #53

Una ballata che è in pratica una fiaba in musica, così come nel Medioevo si divulgavano  “le storie romanzate” con i menestrelli e i cantastorie che le cantavano e mimavano .. questa ha un fondamento storico o presunto tale, riportato dai biografi di Thomas Becket (1118-1170), il futuro arcivescovo di Canterbury in merito ai suoi genitori:  il padre quando era giovanotto conobbe una bellezza d’oltremare, ribattezzata con un nome cristiano prima di renderla sua sposa.

batemanLA TRAMA

Una trama che non sfigurerebbe in una moderna serie televisiva! Erano i tempi delle Crociate e dei grandi pellegrinaggi nella Terra Santa e il nostro protagonista partito dalle Isole Britanniche finisce in mano ai Mori (Saraceni) ed è in attesa che qualcuno paghi il suo riscatto; in alcune versioni è messo in prigione perchè si rifiuta d’accettare la religione islamica (vedi).
La bella figlia del Turco innamoratasi del prigioniero, lo aiuta a fuggire con la promessa che quando vorrà prendere moglie, sarà lei la sua sposa. Prima della separazione, i due amanti si giurano eterno amore, e Beichan promette di ritornare entro sette anni; come pegno la fanciulla gli regala l’anello che porta al dito. Nei lunghi anni di separazione, la principessa saracena soffre e si ammala per la depressione, invece il bel Lord si è dimenticato della bellezza orientale: è la ragazza, oramai donna e stanca di aspettare, a prendere l’iniziativa e ad attraversare il mare per riunirsi al promesso sposo, ma giunta in Inghilterra, apprende che il suo Lord sta per convolare a nozze con una pallida bellezza inglese! Allora corre fino al castello dove si festeggiano le nozze, in alcune versioni giunge sotto le mentite spoglie di mendicante.
Ovviamente il lieto fine non può mancare e così la storia si conclude con la ri-unione dei due innamorati!!

plate11

Per molti aspetti la storia richiama un’altra ballata Hind Horn in cui è l’uomo a ritornare dopo anni d’assenza per trovare la sua donna in procinto di sposarsi con un altro uomo.
Il richiamo corre anche ad una novella del Boccaccio “La Novella di messer Torello“(Decamerone, X. 9): a Pavia messer Torello ospita il Saladino facendolo passare per mercante e preparando per lui un sontuoso banchetto; quando arriva il momento di partire per le Crociate dice alla moglie di attendere il suo ritorno per 1 anno, 1 mese e 1 giorno,  oltre i quali potrà risposarsi. Durante la Crociata Torello viene fatto prigioniero, ma riconosciuto dal Saladino è liberato; nel frattempo la moglie è in procinto di sposarsi, Torello si affida ad un negromante del Saladino per ritornare subito a Pavia e impedire il matrimonio della moglie. (vedi)

Il testo è lungo come ogni ballata medievale che si rispetti, incentrato sulla vera protagonista della storia che è un’eroina, forte e determinata. Il protagonista maschile della storia è chiamato  Young Bicham/Beichan  o Baker/Bekie, ma anche Lord Bateman o Lord Ateman. Il professor Child riporta 14 versioni della ballata nota anche con il titolo Lord Bateman, Lord Beichan and Susie Pye, The Turkish Lady; così come per i testi anche la melodia presenta un’ampia serie di variazioni e qui sarebbe arduo proporle tutte sebbene raggruppate, così mi limiterò alla selezione di alcuni ascolti  che ritengo essere più significativi; la ballata è stata anche interpretata da Angelo Branduardi nel già citato lavoro “Il rovo e la rosa“,  2013, nella traduzione italiana della moglie Luisa Zappa

ASCOLTA Angelo Branduardi in Il rovo e la rosa, 2013

Testo: Luisa Zappa Branduardi (tratto da qui): come potete notare le strofe non sono suddivise rigorosamente nella stessa lunghezza metrica e musicale, è questa una caratteristica della musica medievale più antica.


I
Lui era il Lord di queste terre,
era un signore di gran lignaggio
e prese il mare su  una grande nave,
verso paesi sconosciuti.
II
Lui viaggiò ad Est e viaggiò ad Ovest,
fino al freddo Nord e al caldo Sud.
Ma il giorno in cui lui sbarcò in Turchia,
fu catturato e imprigionato
dal fiero Turco che viveva lì.
III
Ed era padre di una figlia sola,
la più bella lady nata in Turchia
prese le chiavi e ingannò suo padre,
rese a Lord Baker la libertà.
IV
Lo so che hai case, tela di lino,
il Northumber s’inchina a te,
ricorderai la ragazza turca
che oggi ti ha reso la libertà?
V
Lo so che ho case, tela di lino,
il Northumber s’inchina a me,
tutto ai tuoi piedi metterò, mia cara,
perché mi hai reso la libertà.”
VI
Lei lo condusse giù fino al porto,
per lui armò una ricca nave,
Ed ad ogni sorso di quel vino rosso
Brindò: “Lord Baker, che tu sia mio!
VII
Ci fu tra loro una promessa
Per sette anni ed ancora sette…
Se non prenderai mai un’altra sposa,
non sarò mai io di un altro uomo.”
VII
E sette anni eran passati
E sette ancora sommati a quelli…
Lei radunò tutti i suoi vestiti,
giurò:” Lord Baker, ti troverò!
VIII
Lei viaggiò ad Ovest e viaggiò ad Est,
sino a che giunse ad un grande palazzo.
Chi c’è, chi c’è?” – si destò il guardiano
Bussa gentile a questa porta?”

IX
È qui che Lord Baker vive? – chiese la lady –Ed ora è in casa il tuo signore?
È qui che Lord Baker vive – replicò il guardiano –E proprio oggi lui prende moglie.”
X
Vorrei un poco di quel loro dolce
Ed un bicchiere di vino rosso,
che si ricordi la bella lady
che là in Turchia lo liberò.”
XI
E corse, corse il buon soldato
Fino ai piedi del suo signore.
Ora alza il capo, mio buon guardiano,
che novità porti con te?
XII
Per te io annuncio un grande evento,
la più bella lady che si vide mai
resta in attesa di carità.
XIV
Porta un anello ad ogni dito,
solo al medio ne porta tre.
E con quell’oro lei può comprare
Tutto il Northumber ed anche te.
Ti chiede un poco del vostro dolce
Ed un bicchiere di vino rosso.
Ricorderai la bella lady
che là in Turchia ti liberò?
XV
Scese la madre della sua sposa:
Figlia mia cara, che sarà di te?
Con me tua figlia non ha mentito,
non ha mai detto d’amare me.
Venne da me con una borsa d’oro (1),
ne avrà in cambio ben trentatrè.”
XVI
Prese la spada tra le sue mani
E poi di fette ne tagliò tre:
una alla madre della mia sposa,
una al mio amore, una per me.”
XVII
Così Lord Baker corse alla porta,
di ventun passi ne fece tre.
Prese tra le braccia la ragazza turca
E baciò il suo amore… teneramente.

NOTE
1) per non mettere il Lord in difficoltà con la promessa sposa inglese il loro rapporto viene ridotto a un contratto d’interesse, la donna sarà ampiamente ripagata per lo scioglimento del contratto.

Le versioni che seguono provengono dall’area Inghilterra-Scozia-America, ma  la ballata si è diffusa in varie parti d’ Europa, la ritroviamo in particolare nei paesi  scandinavi, Spagna e Italia (vedi Moran d’Inghilterra).

ASCOLTA Sinéad O’ConnorChristy Moore in Sean-Nós Nua, 2002

ASCOLTA Planxty 1983


I
There was a Lord who lived in this land/He being a Lord of high degree
He left his foot down a ship’s board
And swore strange countries he would go see.
II
He’s travelled east and he’s travelled west/Half the north and the south also/Until he arrived into Turkey land./There he was taken and bound in prison/ Until his life it grew weary.
III
And Turkey bold had one only daughter/ As fair a lady, as the eye could see/ She stole the key to her Daddy’s harbour/ And swore Lord Baker, she would set free.
IV
Singing, ‘You have houses and you have linen,/All Northumber belongs to thee/ What would you give to Turkey’s daughter/If out of prison she’d set you free?’
V
Singing, ‘I have houses, I have linen,/All Northumber belongs to me/I would will them all to you my darling,/If out of prison you set me free?’
VI
She’s brought him down to her Daddy’s harbour/And filled for him was the ship of fame/And every toast that she did drink round him,/’I wish Lord Baker that you were mine.’
VII
They made a vow for seven years
And seven more for to keep it strong
Saying ‘If you don’t wed with no other woman/I’m sure I’ll wed with no other man.’
VIII
And seven years been past and over
And seven more they were rolling on
She’s bundled up all her golden clothing/And swore Lord Baker she would go find.
IX
She’s travelled East and she’s travelled West/Until she came to the palace of fame/ ‘Who is that, who is that?’ called the young foot soldier (cried the bold young porter)/ ‘Who knocks so gently and can’t get in?’
X
‘Is this Lord Baker’s palace?’ replied the lady/’Or is his lordship himself within?’/’This is Lord Baker’s palace’ replied the porter,
‘This very day took a new bride in.’
XI
‘Well ask him send me a cut of his wedding cake/A glass of his wine that been e’er so strong/And to remember the brave young lady/ Who did release him in Turkey land.’
XII
In goes, in goes, the young foot soldier/Kneels down gently on his right knee/’Rise up, rise up now the brave young porter,/What news, what news have you got for me?’
XIII
Singing, ‘I have news of a grand arrival,/As fair a lady as the eye could see/She is at the gate/Waiting for your charity.’
XIV
‘She wears a gold ring on every finger,
And on the middle one where she wears three,/She has more gold hanging around her middle
Than’d buy Northumber and family.’
XV
‘She asked you send her a cut of your wedding cake/ A glass of your wine, it been e’er so strong,/And to remember the brave young lady/Who did release you in Turkey land.’
XVI (4)
Down comes, down comes the new bride’s mother/’What will I do with my daughter dear?’/’I know your daughter, she’s not been covered/Nor has she shown any love for me.
XVII
Your daughter came with one pack of gold/ I’ll avert her home now, with thirty-three.’/ He took his sword all by the handle/And cut the wedding cake, in pieces three/Singing ‘here’s a slice for the new bride’s mother/A slice for me new love and one for me.’
XVIII
And then Lord Baker, ran to his darling
Of twenty-one steps, he made but three/ He put his arms around Turkey’s daughter/And kissed his true love, most tenderly.
Tradotto da Cattia Salto
I
C’era un Lord che viveva in questo paese, ed era un Lord d’alto lignaggio,
prese il mare a bordo di una nave
e giurò che sarebbe andato a vedere dei paesi sconosciuti (1)
II
Viaggiò ad Est e viaggiò ad Ovest,
fino al  Nord e al Sud.
finchè arrivò in Turchia,
dove fu catturato e imprigionato
e ne ebbe abbastanza della sua vita.
III
Il fiero Turco (2) aveva una sola figlia
la più bella dama che mai si vide,
rubò al padre  la chiave del covo
e giurò che avrebbe liberato Lord Baker.
IV
Dicendo ” Hai case, tela di lino,
il Northumber t’appartiene,
cosa darai alla figlia del Turco
se ti libererà dalla prigione?
V
“Ho case, tela di lino,
il Northumber m’appartiene,
tutto ai tuoi piedi metterò, mia cara,
se mi libererai dalla prigione.”
VI
Lei lo condusse giù fino al porto del padre,
per lui armò una ricca nave,
ed ad ogni sorso che beveva
brindò: “Lord Baker, che tu sia mio!
VII
Ci fu tra loro una promessa (3)
per sette anni ed ancora sette per mantenerla salda
Se non prenderai mai un’altra sposa,
non sarò mai io di un altro uomo.”
VIII
E sette anni eran passati
e altri sette si aggiunsero
lei radunò tutti i suoi vestiti preziosi,
e giurò che avrebbe trovato Lord Baker
IX
Lei viaggiò ad Ovest e viaggiò ad Est,
sino a che giunse ad un grande palazzo.
Chi c’è, chi c’è?– disse la giovane sentinella –
chi bussa con grazia per entrare?
X
È questo il palazzo si Lord Baker  – rispose la lady –Ed ora è in casa il tuo signore?
È questo il palazzo di Lord Baker – replicò il guardiano –
E proprio oggi lui prende moglie.”
XI
Allora ditegli di farmi mandare una fetta del suo dolce
ed un bicchiere del suo vino che non sarà troppo forte
che si ricordi la giovane e audace dama
che in Turchia lo liberò.”
XII
E corse, corse la giovane sentinella
si inginocchiò con grazia ai piedi del suo signore.
Alzati, alzati ora buon guardiano,
che novità, che novità mi porti?
XIII
Per te io annuncio un grande evento,
la più bella lady che si vide mai
è ai cancelli
in attesa della tua carità”.

XIV
Porta un anello d’oro ad ogni dito,
e al dito medio ne porta tre.
Ha più oro intorno al suo dito medio
che potrebbe comprare
 il Northumber e accasarsi.
XV
Ti chiede udi mandarle una fetta del vostro dolce
ed un bicchiere di vino che non sarà troppo forte
e che si ricordi la giovane e audace dama
che in Turchia ti liberò.

XVI
Scese, scese giù la madre della sua sposa:
Che ne sarà della mia cara figlia?
Con me tua figlia non ha mentito,
non ha mai detto d’amare me (5).
XVII
Vostra figlia venne con una borsa d’oro,
la rimanderò a casa ora con ben trentatrè.”
Prese la spada tra le sue mani
e taglio dalla torta nunziale tre fette :
dicendo “una alla madre della mia sposa,
una al mio amore, una per me.”
XVIII
Così Lord Baker corse dal suo amore,
di ventun passi ne fece tre.
Prese tra le braccia la figlia del Turco
e baciò il suo amore teneramente.

NOTE
1) già in apertura si delinea il personaggio, non certo un pellegrino penitente o un mercante medievale, piuttosto un uomo di mondo, uno spirito inquieto. Di certo la ballata si è adattata allo spirito del Settecento e Lord Bateman è molto più simile a Lord Byron
His goblets brimmed with every costly wine,
And all that mote to luxury invite.
Without a sigh he left to cross the brine,
And traverse Paynim shores, and pass earth’s central line. (tratto da qui)
2) il turco è un corsaro o un predone, crudele e spietato
3) strano giuramento o promessa, quella di mantenersi casti per sette anni, proprio mentre i due si sollazzano bevendo vino!!
4) I Planxty invertono le strofe
XVI
He took his sword all by the handle
Cut the wedding cake in pieces three
Singing here’s a piece for Turkey’s daughter
Here’s a piece for the new bride and one for me
XVII
Down comes, down comes the new bride’s mother
“What will I do with my daughter dear?”
“Your daughter came with one bag of gold
I’ll let her to home love with thirty-three”
5) si suppone che il matrimonio non essendo stato consumato possa essere dichiarato nullo

ASCOLTA Chris Wood in The Lark Descending 2005: molto gradevole la modulazione della voce.
Si aggiunge la strofa con l’albero che cresce nella prigione, a cui il Lord viene incatenato
“And in this prison there grew a tree,
It grew so large and it grew so strong;
Where he was chain-ed around the middle
Until his life it-e-was almost gone.”

interessante anche l’arrangiamento del gruppo folk australiano Stray Hens ASCOLTA

LA VERSIONE DEI MONTI APPALACHI

ASCOLTA Elizabeth Laprelle

ASCOLTA su Spotify Custer LaRue (Baltimore Consort) in “The Lover’s Farewell – Appalachian Folk Ballads, 1995; ho riportato la maggior parte del testo ad orecchio e in parte da qui

I
Lord Bateman was so noble lord,
and he was handsome high degree;
but yet he could not rest contented
some foreign country he would see.
II
He sailed east and he sailed west,
until he came to Praterky;
where he was took and put in prison,
Until his life grew quite weary.
III
The Sogger had one only daughter
the fairest creature as eyes did see
She stole the key to her father’s prison
and said, “Lord Bateman I’ll free”
IV
“Have you got houses, have you got land ?
and are you hold some high degree
What would you give to the fair young lady
that out of prison will set you free?”
V
“Oh I’ve got house and I’ve got land
Half of Northumberland belongs to me.
I’ d give it all to the fair young lady
that out of prison would set me free”
VI
She took him to her father’s table,
And gave to him the best of wine;
And every health she drank to him,
“I wish Lord Bateman that you were mine”.
VII
She lead him to her father’s harbor
And give to him a ship of fame.
“Fare-the-well Fare-the-well to you, Lord Bateman
Fare-the-well Fare-the-well till we meet again”
VIII
“It’s seven long years I will make this honour
it’s seven long years I’ll give my hand;
If you will wed no other woman,
Then I will wed no other man.”
IX
When seven long years had gone and passed,
And fourteen days well known to me;
She dressed herself in a fine gay clothing,
And said “Lord Bateman I’ll go see”
X
And when she came to Lord Bateman’s castle,
So boldly there she rang the bell;
“Who’s there who’s there?” cried the proud young porter,
“Who’s there who’s there, unto me tell.”
XI
She said , “Is this Lord Bateman’s castle,
and is his Lordship here within?”
“Oh, yes, this is  Lord Bateman’s castle,
“He’s just now taken his young bride in.”
XII
“Go tell to send me a slice of cake,
And a bottle of the best of wines;
Not to forget the fair young lady,
That did release him when he was close confined”.
XIII
Away, away went that proud young porter
untill Lord Bateman  he did see.
“What news? What news, my proud young porter?
What news, what news have you brought to me?”
XIV
“That stand at your gate the fairest lady
That ever my two eyes did see.
‘She has a ring on every finger,
And round one of them she has got three”
XV
“She says to bring a slice of cake,
a bottle of your best wine.
And not to forsake the fair young lady
That did release you when close confined”
XIV
Lord Bateman in a passion flew,
His sword he broke in pieces three;(1)
“Oh how forsake my fair young lady
Sophia has crossed the sea.”
XV
It’s up then  spoke the young bride’s mother,
Who was never heard  to speak so free:
“Don’t forget my only daughter,
although Sophia has crossed the sea.”
XVI
“I own I’ve made a bride(2) of your daughter,
and so she’s none  worse by me;
She came here on a horse and saddle,
and I’ll send her home in a coach and three.”
XVII
Lord Bateman prepared another wedding ,
With both their hearts so full of glee;
“I’ll range no more to foreign countries,
now Sophia has crossed the seas “

NOTE
1) mentre nelle altre versioni testuali il Lord utilizza la spada per tagliare dalla torta nunziale tre fette, qui spezza la spada in tre pezzi. Gli studiosi si sono interrogati sul perchè del gesto: scaramanzia, la frenesia del momento nell’apprendere la notizia?
plate102) Come se nulla fosse successo il Lord manda a casa la moglie (ricompensandola per il disturbo con un po’ d’oro o una bella carrozza) e prepara un’altro matrimonio per sposare la sua Sofia (evidentemente quello precedente viene annullato perchè non consumato!)

continua

FONTI
http://www.gutenberg.org/files/15618/15618-h/15618-h.htm
http://www.contemplator.com/child/bateman.html
http://www.mainlesson.com/display.php?author=marshall&book=island&story=gilbert
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_53
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=8950
https://www.mainlynorfolk.info/joseph.taylor/songs/lordbateman.html
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/13/bateman.htm
http://www.mescalina.it/musica/recensioni/angelo-branduardi-il-rovo-e-la-rosa-ballate-damore-e-di-morte-

IMPOSSIBLE RIDDLE: SCARBOROUGH FAIR

Scarborough (nello Yorkshire a Nord di York) era un’importante porto e luogo di mercato per tutti i commercianti d’Inghilterra fin dal medioevo. La fiera durava 45 giorni ed era un evento ricco di musica e cibo, ma pur perdendo d’importanza nel XVII secolo è ancora celebrata ai nostri giorni.

WINMP0478

Il protagonista della ballata omonima chiede a un passante che si sta recando alla fiera di salutare colei che un tempo era stata la sua innamorata e di domandarle quando tornerà da lui, ma lei risponde (facendo ricorso ai compiti impossibili) “mai”.
Il “contrasto” tra innamorati, basato sui “compiti o enigmi impossibili” ha come modello la ballata “The Elfin Knight“: collezionata dal professor Francis James Child (1825-1896).
Sicuramente la canzone era molto popolare nella zona nel 1850 ed è riportata da Frank Kidson in “Collection of Traditional Tunes” – 1891 in cui e indicata come la melodia cantata a Whitby (ovvero nella zona di Scarborough) nel 1860.

Le varianti testuali però sono molteplici e anche per la melodia sono state trascritte molte versioni. Dalle ricerche di Jürgen Kloss  apprendiamo che già in Scozia nella seconda metà del XVII secolo circolava una ballata intitolata  “The wind hath blown my Plaid away” su una ragazza che sente il corno del Cavaliere degli elfi (qui) la cui struttura è identica alla moderna versione di Scarborough Fair, mentre Thomas d’Urfey nel suo “Jockey’s Lamentation” (in Pills To Purge Melancholy) publicato per la prima edizione della raccolta (1706) riporta la melodia; come osserva Kloss nel suo saggio  “…Tell Her To Make Me A Cambric Shirt” From The “Elfin Knight” to “Scarborough Fair” “This practice of recycling tunes and some lines – especially refrains – from older ballads was not uncommon at that time. Already at that time songwriters understood perfectly well that a new popular song must also sound familiar and these kind of old-fashioned Scottish ballads from the previous century could easily be modernized with new lyrics according to the current urban taste.” (a cui si rimanda per l’approfondimento)

La melodia con il titolo “Over The Hills And Far Away” – è rimasta popolare per tutto il XVIII secolo e ampiamente utilizzata con nuovi testi e arrangiamenti.
Tra le tante versioni strumentali la più interessante è stata senza dubbio quella di John Renbourn in “The Lady And Unicorn” (Transatlantic 1970)

LE ERBE MAGICHE

Il refrain della seconda riga di ogni strofa, già nelle versioni settecentesche, è incentrato su una serie di erbe, e molte sono state le ipotesi in merito: una linea senza senso o un gioco di parole scelta per la sua assonanza. Jürgen Kloss osserva che la frase potrebbe essere più una scelta stilistica degli editori nella variante stampata che una linea tramandata dalla tradizione orale.

herbs1Tutte erbe officinali immancabili nell’orto dei Semplici, erano gli ingredienti principali dei filtri d’amore o degli amuleti scaccia diavoli in grado di annullare le maledizioni e gli incantesimi malvagi. In particolare queste erbe erano utilizzate per allontanare la peste ovvero il suo odore nauseabondo che emanava dai morenti e dai cadaveri, infatti era opinione della medicina del tempo che fossero i miasmi ad essere la causa dell’infezione e che fosse essenziale purificare l’aria

Il prezzemolo: è un erba associata alle streghe e alla morte, si riteneva che favorisse la lussuria e l’amore, ma anche la digestione. Simboleggia la possibilità di allontanare i dispiaceri e l’amarezza dalla vita.

La salvia: è un erba associata con la saggezza, la parola stessa derivata dal latino e vuol dire “per salvare e proteggere”; un detto popolare suggerisce di mangiare la salvia primaverile per vivere a lungo. E’ uno stimolante dell’organismo indicata come rinvigorente in caso di esaurimento fisico o intellettuale. Si ritiene che oltre a riuscire a mitigare il dolore possa anche aumentare i poteri psichici, era anche anticamente utilizzata come portatrice di fertilità e di armonia domestica.

Il rosmarino: è un erba associata con il ricordo, ma anche con la morte, in gradi di aiutare il defunto ad entrare nella terra dei morti. Era bruciata per allontanare gli spiriti malvagi e utilizzata nel medioevo come amuleto per proteggersi dalle forze maligne e dalla malattie. Il suo profumo molto persistente rinforza il ricordo e la capacità di non dimenticare. Simboleggia la fedeltà, e fin dai tempi antichi era indossato dagli sposi. Infine la pianta del rosmarino è forte e resistente, sebbene cresca lentamente e all’inizio con difficoltà, e quindi simboleggia tradizionalmente l’amore femminile

Il timo: era considerata l’erba dove le fate amano dimorare o danzare. Nel medioevo era usato per adornare le armi dei cavalieri in quanto si riteneva infondesse il coraggio. Era un erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso. La pianta nelle ballate popolari è associata al concetto di purezza per l’antica credenza che  il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie.

Come sia Bert de Jong riporta una interpretazione suggestiva in merito “Quindi diventa chiaro il significato del celebre verso e inciso: l’amarezza tra loro deve essere scacciata dal prezzemolo, la salvia deve dare loro la forza di sopportare la separazione, il rosmarino deve dare a lei la fedeltà di aspettarlo, e il timo il coraggio di affrontare le prove impossibili per arrivare o tornare da lui, mantenendosi pura.”

Ma molte altre erano le piante magiche ricorrenti nelle ballate popolari come il ginepro, il  biancospino, l’agrifoglio e l’edera e soprattutto la ginestra!

Per conoscere una vasta selezione degli artisti che hanno registrato il brano qui

ASCOLTA Ewan MacColl anche in “Matching Songs” e “The Singing Island” 1960. Ewan MacColl disse di aver raccolto la canzone nel 1947 da un minatore di origine scozzese di nome Mark Anderson a Middleton-in-Teasdale, Yorkshire. In realtà il riferimento testuale più prossimo è Frank Kidson, non così per la melodia, molto diversa dalle versioni riportate nelle partiture ottocentesche, qui più lenta e malinconica.

L’uomo chiede alla sua ex-fidanzata di confezionare per lui una camicia di batista senza cuciture e lei in cambio gli chiede di lavorare un acro di litorale a grano (con chiari riferimenti al compimento del rapporto sessuale), ma i due compiti sono impossibili da svolgersi!!

La traduzione in italiano è di Riccardo Venturi ed è stata estrapolata per la parte testuale relativa alle versioni riportate. (qui trovate anche la traduzione del testo collezionato da Child)


VERSIONE DI EWAN MACCOLL
I
Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary and thyme
Remember me to one who lives there
For once she was a true love of mine
II
Tell her to make me a cambric shirt(1)
Parsley, sage, rosemary and thyme
Without any seam or needle work
And then she’ll be a true love of mine
III
Tell her to wash it in yonder dry well
Parsley, sage, rosemary and thyme
where water ne’er sprung nor drop of rain fell,
And then she’ll be a true   love of mine
IV
Tell her to dry it on   yonder thorn,
Parsley, sage, rosemary, and thyme;
Which never bore blossom since Adam was born,
Then she’ll be a true love of mine.
V
O, will you(2) find me an acre of land
Parsley, sage, rosemary and thyme
Between the sea foam and the sand
or never be a true lover of mine
VI
O, will you plough it with a ram’s horn,
Parsley, sage, rosemary, and thyme;
And sow it all over with one pepper corn,
or never be a true lover of mine
VII
O, will you reap it with a sickle of leather
Parsley, sage, rosemary and thyme
And bind it up with a  peacock feather
or never be a true lover of mine
VIII
When you have done and finished your work
Parsley, sage, rosemary, and thyme:
Oh, come to me for the cambric   shirt,
And you shall be a true love of mine.

TRADUZIONE ITALIANO
I
“Andate alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Salutatemi una che abita lì, Un tempo era la mia amante (innamorata).
II
Ditele di farmi una camicia di batista,[1]

Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Senza cucirla nè usare l’ago;
allora sarà la mia innamorata.
III
Ditele di lavarla in quel pozzo secco
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Dove mai sgorgò acqua, né mai pioggia cadde;
allora sarà la mia innamorata.
IV
Ditele d’asciugarla su quello spino
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
che mai fiorì fin dai tempi
di Adamo
allora sarà la mia innamorata.”
V
Trovami [2] un acro di terra
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo,
Fra l’acqua del mare e la spiaggia,
o non sarai mai il mio innamorato.
VI
Aralo con un corno d’ariete
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
E seminalo tutto con un chicco
di pepe.
o non sarai mai il mio innamorato.
VII
Lo mieterai con un falcetto di cuoio
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
E legherai i covoni con una piuma di pavone,
o non sarai mai il mio innamorato.
VIII
Quando avrai fatto tutto, e finito il tuo lavoro
,
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
vieni a prendere la camicia di batista
E sarai di nuovo il mio innamorato.”

NOTE
1) secondo Child chiedere a una ragazza di cucire una camicia equivale a chiederle di accettare il corteggiamento. Il tessuto della camicia è una varietà di lino particolarmente costoso e raffinato prodotto nella città di Cambrai (Francia) non prima del 1677 . Questo tessuto è stato commercializzato in Inghilterra solo agli inizi del Settecento. Anche in Scozia si iniziò a produrre un tessuto simile denominato “Scotch cambrics” che divenne di uso più comune verso il 1770
2) nella seconda parte la ragazza non parla con il messaggero ma direttamente con il corteggiatore. Questo è un “errore” comparso già in “Traditional tunes” di Frank Kidson (1891) dovuto a una sorta di “accomodamento” rappresentativo delle più diffuse varianti della ballata. Dovrebbe essere “Tell him..”

Giovane donna che cuce (la cucitrice)- Diego Velázquez (1640)

Insuperabile però la versione che l’ha resa famosa in tutto il mondo
ASCOLTA Simon & Garfunkel 1966. Paul Simon aveva imparato la canzone a Londra nel 1965 da Martin Carthy e riprende parzialmente la ballata intervallando i versi con un brano detto Canticle di stampo pacifista (sono gli anni della guerra nel Vietnam). Simon & Garfunkel hanno depositato il copyright come autori, sebbene la melodia dovrebbe essere un tradizionale.
L’interpretazione è sognante, quasi con venature gotiche, con echi di campanelle fatate, le voci in canone (dolci, smorzate, evocative) l’arpeggio di chitarra e la tastiera che ricama sulla melodia con un suono quasi da clavicembalo: sublime il breve fraseggio del flauto (presumo traverso) prima della ripresa del cantato.


Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary & thyme
Remember me to one who lives there
She once was a true love of mine
Tell her to make me a cambric shirt
(On the side of a hill in the deep forest green)
Parsely, sage, rosemary & thyme
(Tracing a sparrow on snow-crested ground)
Without no seams nor needlework
(Blankets and bedclothes a child of the mountains)
Then she’ll be a true love of mine
(Sleeps unaware of the clarion call)
Tell her (1) to find me an acre of land
(On the side of a hill, a sprinkling of leaves)
Parsely, sage, rosemary, & thyme
(Washed is the ground with so many tears)
Between the salt water and the sea strand
(A soldier cleans and polishes a gun)
Then she’ll be a true love of mine
Tell her (1) to reap it in a sickle of leather
(War bellows, blazing in scarlet battalions)
Parsely, sage, rosemary & thyme
(Generals order their soldiers
to kill)
And to gather it all in a bunch of heather
(And to fight for a cause they’ve long ago forgotten)
Then she’ll be a true love of mine
Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary & thyme
Remember me to one who lives there
She once was a true love of mine.
traduzione italiano di Cattia Salto *
“Andate alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo 
Salutatemi una che abita lì,
Un tempo era il mio vero amore.
Ditele di farmi una camicia di lino
(Sul fianco della collina nel folto della foresta)
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
(seguendo un passero sul  terreno innevato)
Senza cucirla nè usare l’ago;
(coperte e lenzuola un bambino di montagna)
allora sarà il mio vero amore.
(dorme ignaro del proclama)
Ditele di trovarmi un acro di terra
(Sul fianco della collina, una manciata di foglie)
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
(lavata è la terra con così tante lacrime)
Fra l’acqua del mare
e la spiaggia
(Un soldato pulisce e lucida un fucile)
allora sarà il mio vero amore.
Ditele [1]
di mieterlo con un falcetto di cuoio
(grida di guerra, i battaglioni in rosso scintillante)
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
(i generali ordinano ai soldati di uccidere)
E di legare i covoni con  rametto d’erica
(e di combattere per una causa che hanno scordato da tanto tempo)
allora sarà il mio vero amore.
State andando alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Salutatemi una che abita lì,
Un tempo era il mio vero amore.”

NOTE
* tratta da Musica e Memoria
1) tell her: qui i due autori non intendono tutta la storia sottesa nella ballata in cui queste prove erano richieste dalla fanciulla al suo innamorato e non viceversa. Da considerarsi come un refuso!!

Ma vi suggerisco di ascoltare questo arrangiamento fresco e brioso di un trio di giovanissime fanciulle di Pacific Northwest (USA)

ASCOLTA the Gothard Sisters, USA strofe I, II, V e ripete la prima strofa. Qui con una versione testuale in cui è solo l’uomo ad essere sottoposto ai compiti impossibili


I
Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary and thyme
Remember me to one who lives there
he was once a true love of mine
II
Tell him to make me a cambric shirt
Parsley, sage, rosemary and thyme
Without no seam nor needle work
And then he’ll be a true love of mine
III
Tell you to find me an acre of land
Parsley, sage, rosemary and thyme
Between the water and the seasand
then he’ll be a true lover of mine
TRADUZIONE ITALIANO
I
State andando alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Salutatemi uno che abita lì,
Un tempo era il mio innamorato.
II
Ditegli di farmi una camicia di batista,
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Senza cucirla nè usare l’ago;
allora sarà il mio innamorato.
III
Ditegli di trovami un acro di terra
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo,
tra l’acqua e la spiaggia,
allora sarà il mio innamorato

LA VERSIONE IN ITALIANO

ASCOLTA Angelo Branduardi in “Futuro antico I” (1996). Nella versione in italiano arrangiata da Branduardi (su testo scritto dalla moglie Luisa Zappa) si perde  la dimensione magica e rituale del corteggiamento, tuttavia la tessitura musicale è fiabesca, e il suono della tromba probabilmente vuole richiamare il simbolismo sotteso alla ballata matrice “The Elfin Knight“ (vedi)

Quando andrai a Scarborough Fair
salvia, menta, prezzemolo e timo
tu porta il segno del mio rimpianto
alla donna che allora io amavo.
Vorrei in dono una camicia di lino
salvia, menta, prezzemolo e timo
tu dille che non voglio ricami,
ma che sappia che ancora io l’amo.
Per me basta un acro di terra
salvia, menta, prezzemolo e timo
quella casa tra il mare e le dune
e la donna che allora io amavo.
Tornerò a coltivare i miei campi
salvia, menta, prezzemolo e timo
e distese di erica in fiore
perchè sappia che ancora io l’amo.

CURIOSITA’
Nel piccolo cimitero della chiesa di Santa Maria ai piedi del castello di Scarborough è custodita la tomba della famosa scrittrice Anne Brontë (1820-1849) giunta per curarsi dalla tubercolosi, ormai già in fase avanzata.

continua

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/captain-wedderburn.html
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-TrueLover.html
http://www.justanothertune.com/html/cambricshirt.html
http://www.musicaememoria.com/scarborough_versioni.htm
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=1076
ttp://mudcat.org/thread.cfm?threadid=122336#2682446
http://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/scarboroughfair.html
http://shigebold.bplaced.net/scarborough_ita.htm