Joan to the Maypole

Leggi in italiano

The song “John (Joan) to the Maypole” dates back at least to 1600, we know several text versions with the same title but also with different titles, (to “May-day Country Mirth”, “The Young Lads and Lasses”, ” Innocent Recreation “,” The Disappointment “) the first printed version dates back to 1630 when the melody is attributed to Felix White, and we find it in the collection” The Pills to Purge Melancholy “by Thomas D’Urfey c. 1720.

17th-century woodblock from the ballad sheet ‘The May Day Country Mirth’

The song describes a typical May Day on the lawn: couples dance around the May Pole to contend for the coveted award, the May garland. The winning couple will become King and Queen of May.
To organize May Day feast we need just a green, that is an open space outside the village, a well planted pole in the middle of the lawn, decorated with flower garlands, some “summer houses” where to sit in the shade and refresh with drinks.
In the painting by Charles Robert Leslie we see a scene celebrating the May with Queen Elizabeth depicted on the right in the foreground while being entertained by a jester. On the expanse of the second floor stands the May pole decorated with green garlands; around the pole the dances are taking place and the characters dressed by Robin Hood, Lady Marian, Fra Tack, but also a seahorse, a dragon and a buffoon (the classic characters of mummers and Morris) are well distinguishable.

MayDay_Leslie
Charles Robert Leslie – May Day in the reign of Queen Elizabeth

In the Victorian painting by William Powell Frith we find again the same situation described in the late medieval period: in the distance on the left stands out the profile of a church, not by chance: it was in fact the church that financed the May celebrations; with the beer sold, the parish church was maintained or the alms were distributed to the poor.

William Powell Frith (1819-1909) A May Day Celebration Oil on canvas 40 x 56 inches (101.6 x 142.3 cm) Private collection
William Powell Frith (1819-1909) A May Day Celebration

It is not even so strange that Beltane feast has merged under the control of the Catholic Church, but the Puritans were horrified by all May customs, thus May Pole and related celebrations see moments of obscurantism alternated with moments of tolerance (see more)

The tune is from “Margaret Board Lute Book” (here) the manuscript in the private collection of Robert Spencer, has been dated c1620 up to 1636 (it seems that lady Margaret took lessons from John Dowland).

Toronto Consort  from O Lusty May 1996 
in “The new standard song book”- (J.E.Carpenter) – 1866 with the title: “very popular at the time of Charles I”. A version of nine verses is featured in the broadside titled “The May-Day Country Mirth Or, The Young Lads and Lasses’ Innocent Recreation, Which is to be priz’d before Courtly Pomp and Pastime.” Bodleian collection, Douce Ballads 2 (152a ) and The Roxburghe Ballads: Illustrating the Last Years of the Stuarts Vol. 7, Part 1, edited by J. Woodfall Ebsworth (Hertford: Ballad Society, 1890) (see)

JOAN TO THE MAYPOLE
Chorus
Joan to the Maypole away, let us on,
The time is swift and will be gone;
There go the lasses away to the green,
Where their beauties may be seen
I
Bess, Moll, Kate, Doll,
All the gay lasses
have lads to attend them,
Hodge, Nick, Tom, Dick,
Jolly brave dancers,
and who can mend them?
[Chorus]
II
Did you not see the Lord of the May
Walk along in his rich array?
There goes the lass that is only his,
See how they meet and how they kiss.
Come Will, run Gill,
Or dost thou list to lose thy labour(1);
Kit Crowd scrape loud,
Tickle her, Tom, with a pipe and tabor!(2).
[Chorus]
III
There is not any that shall out-vie
My little pretty Joan and I,
For I’m sure I can dance as well
As Robin, Jenny, Tom, or Nell.
Last year, we were here,
When Ruff Ralph he played us a bourée,
And we, merrily
Thumped it about and gained the glory.
IV
Now, if we hold out
as we do begin,
Joan and I the prize shall win(3);
Nay, if we live till another day (4),
I’ll make thee lady of the May.
Dance round, skip, bound,
Turn and kiss, and then for a greeting.
Now, Joan, we’ve done,
Fare thee well
till the next merry meeting.
[Chorus]

NOTES
1) the exhortation refers to the musicians who are not yet ready with their instruments to kick off the dance.
2) Pipe and tabor or tabor-pipe is the three-hole flute associated with the tambourine, the flute is played with one hand and with the other one it is accompanied by a tambourine  (see more)
3) the May garland at stake
4) it is not clear whether the election dethroned the previous couple immediately or is the title valid for the following year.

second part

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/intorno-al-palo-del-maggio.html
http://www.maymorning.co.uk/426023492
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Joan_to_the_Maypole
http://www.cs.dartmouth.edu/~wbc/julia/ap1/Board.htm

http://cbladey.com/mayjack/maysong.html#JOAN%20TO%20THE%20MAYPOLE

You Only Cross My Mind in Winter

Per coloro che si sentono oppressi dal freddo e dai cieli grigi, l’inverno è la stagione ideale della solitudine e dell’introspezione .
Scrive Sting nelle note di accompagnamento dell’album “If On a Winter’s Night” 2009 (che trae il titolo dal romanzo di Italo Calvino “Se una notte d’inverno un viaggiatore”):
“Walking amid the snows of Winter, or sitting entranced in a darkened room gazing at the firelight, usually evokes in me a mood of reflection, a mood that can be at times philosophical, at others wildly irrational; I find myself haunted by memories. For Winter is the season of ghosts; and ghosts, if they can be said to reside anywhere, reside here in this season of frosts and in these long hours of darkness. We must treat with them calmly and civilly, before the snows melt and the cycle of the seasons begins once more.
(traduzione italiano: Camminare tra le nevi d’Inverno o sedersi  in una stanza buia a guardare incantati il fuoco del camino, mi richiama a uno stato d’animo riflessivo, uno stato d’animo che potrebbe essere a volte filosofico, altre volte follemente irrazionale; mi ritrovo ossessionato dai ricordi. Perchè l’Inverno è la stagione dei fantasmi; e i fantasmi, sebbene si sia portati a dire che risiedano ovunque,  risiedono qui in questa stagione del gelo e in queste lunghe ore di oscurità. Dobbiamo venire a patti con loro in modo calmo e civile, prima che le nevi si sciolgano e il ciclo delle stagioni ricominci un’altra volta”)

Vediamolo nel Dvd “Dietro le quinte” ripreso durante le registrazioni  dell’album nella sua villa sulle colline di Firenze (Villa Il Palagio di Figline Valdarno)

Ovviamente ho comprato il cd appena uscito e ogni inverno lo riascolto per il suo mix di musica barocca e folk che mantiene tuttavia un’atmosfera domestica, intima e raccolta, riscaldata dal fuoco della legna e delle candele. Partecipano all’operazione, tra gli altri, la violinista Kathryn Tickell, il chitarrista Dominic Miller, l’arpista Mary Macmaster e il sassofonista Kenny Garrett.
Siccome un po’ per volta ho inserito le canzoni dell’album nel blog ne faccio un’indice
Gabriel’s Message
Soul Cake
There Is No Rose of Such Virtue”
“The Snow It Melts the Soonest
Christmas at Sea
Lo, How a Rose E’er Blooming
Cold Song
“The Burning Babe”
“Now Winter Comes Slowly”
“The Hounds of Winter”
Balulalow
Cherry Tree Carol
“Lullaby for an Anxious Child”
“The Hurdy-Gurdy Man”
You Only Cross My Mind in Winter
“Bethlehem Down”
Blake’s Cradle Song
The Coventry Carol

You Only Cross My Mind in Winter

You Only Cross My Mind in Winter” è un poesia scritta da Sting ispirato dalla musica di J.S. Bach (La Sarabanda dalla VI Suite per violoncello) e richiama inevitabilmente le atmosfere dell’album “Songs from the Labyrinth” (2006) con Sting che gioca con i toni bassi e cupi della sua voce appoggiato dal liuto del celebre Edin Karamazov e sul tappeto degli Archi della Musica Aeterna Orchestra.


I
Always this winter child,
December’s sun (1) sits low against the sky
Cold light on frozen fields,
The cattle in their stable lowing.
II
When two walked this winter road,
Ten thousand miles seemed nothing to us then,
Now one walks with heavy tread
The space between their footsteps slowing
III
All day the snow did fall,
What’s left of the day is close drawn in (2),
I speak your name as if you’d answer me,
But the silence of the snow is deafening
IV
How well do I recall our arguments,
Our logic owed no debts or recompense,
Philosophy and faith were ghosts
That we would chase until
The gates of heaven were broken
V
But something makes me turn, I don’t know,
To see another’s footsteps there in the snow,
I smile to myself and then I wonder why it is
You only cross my mind in winter
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Sempre quest’inverno fanciullo
il sole di dicembre assiso basso in cielo
luce fredda su campi di ghiaccio
il bestiame nella stalla che muggisce
II
Quando in due camminavamo su questa strada invernale, allora per noi diecimila miglia non erano niente, adesso si cammina con passo pesante, lo spazio tra le orme rallentato.
III
Tutto il giorno è caduta la neve,
quel che resta del giorno è prossimo a concludersi,
pronuncio il tuo nome come se mi rispondessi,
ma il silenzio della neve è assordante
IV
Quanto bene ricordo i nostri argomenti
la nostra logica non aveva debiti o ricompense,
filosofia e fede erano fantasmi
che inseguivamo fin tanto che
i cancelli del paradiso fossero rotti
V
Ma qualcosa mi ha fatto voltare, non so,
vedere altre orme là nella neve,
sorrido a me stesso e così mi chiedo perchè
tu attraversi la mia mente solo in inverno

NOTE
1) il fanciullo dell’inverno è il sole solstiziale che rinasce rinnovando la vita sulla Terra
2) l’approssimarsi del buio è anche presagio di caducità

LA MELODIA: LA SARABANDA

La Sarabanda è una danza lenta di carattere solenne nata nel 1500 entra a far parte della Suite Barocca come movimento tipico (allemanda-corrente-sarabanda-giga)
ASCOLTA Mischa Maisky

Un esauriente excursus di Irene Marone al clavicembalo

Le movenze della danza richiamano sempre più quello che diventerà il balletto classico, postura, grazia e agilità oggetto di studio e allenamento.

FONTI
http://www.stingoop.com/ifonawintersnightreview.htm

http://www.sting.com/discography/lyrics/lyric/song/582
http://annaclassica.blogspot.it/2010/12/fascino-di-una-sarabanda.html

Masters In This Hall

Nel 1860 William Morris  scrisse il testo dell’inno natalizio “Masters in This Hall“. Artista e scrittore, fondatore del movimento artistico “Arts and Crafts”, nonchè membro della “Confraternita dei Raffaelliti”  Morris era fautore di un ritorno alla qualità artistica delle botteghe medievali, per un artigianato d’arte contrapposto al degrado di qualità e di gusto causato dall’industrialesimo.
L’ideologia preraffaelita, per così dire, nella sua semplice sintesi, era geniale. L’idea del sublime, del lusso, delle cose belle, preziose, e poi dei modi gentili, dello stile raffinato, della situazione sospesa come in incantamento, colta nella magia di ambienti simbolici. Accanto a questa, l’idea speculare del popolo nobilitato da un lavoro a dimensione umana, un popolo non solo artigiano, quindi arricchito dalla bellezza del proprio mestiere d’arte, ma anche artefice. Nati nel pieno degli eccessi del capitalismo, che proprio nell’Inghilterra dell’Ottocento stava costruendo il suo potere sulla miseria e lo sfruttamento di masse di diseredati, schiavizzati dal lavoro di fabbrica, i preraffaeliti svilupparono una loro sensibilità sociale, ma estranea al freddo economicismo marxista. Il loro era un socialismo neanche umanitario, ma populista, anzi patriottico, romantico, quasi mitico. (tratto da qui)

Tra le sue massime spicca “Non avere nella tua casa nulla che tu non sappia utile, o che non creda bello“, al di là degli slogan nella sua azienda la Morris, Marshall & Co – in cui si dedicò principalmente al disegno di decorazioni floreali per tessuti, pannelli per pareti, arazzi e finestre (pittura su vetro e su carta da parati)- saranno usate comunque le macchine “industriali”, ma con una logica contraria al processo di industrializzazione in atto: è la macchina a dover essere al servizio dell’uomo, e non viceversa.

Morris scrisse “Masters in This Hall” (anche intitolato “Nowell, Sing We Clear”) all’età di 26 anni quando era tirocinante presso lo studio dell’architetto Edmund Street, forse suggestionato dalla melodia che vi suonò l’architetto e musicista Edmund Sedding, il quale incluse il testo scritto dall’amico nella sua raccolta “Nine Antient and Goodly Carols for the Merry Tide of Christmas” (1860); la versione originale consta di 12 strofe, ma in genere oggi ne vengono cantate solo 4 o 5, ed è eseguito spesso dalle corali essendo stato arrangiato da Gustav Holst nel suo “Three Carols” per coro e orchestra (o per organo).

ASCOLTA Barry Beth Hall in “A Feast of Songs” 2002

ASCOLTA l’arrangiamento di John Riggio


I
Masters in this Hall,
Hear ye news to-day
Brought from over sea,
And ever I you pray:
Chorus
Nowell! Nowell! Nowell!
Nowell, sing we clearl
Holpen are all folk on earth,
Born is God’s son so dear:
Nowell! Nowell! Nowell!
Nowell, sing we loudl
God to-day hath poor folk raised
And cast a-down the proud.
II
Going o’er the hills,
Through the milk-white snow,
Heard I ewes bleat
While the wind did blow
III
Then to Bethlem town
We went two and two,
And in a sorry place
Heard the oxen low
IV
Therein did we see
A sweet and goodly may
And a fair old man,
Upon the straw she lay
V
And a little child
On her arm had she,
“Wot ye who this is?”
Said the hinds to me
VI
This is Christ the Lord,
Masters be ye glad!
Christmas is come in,
And no folk should be sad
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mastri (1) di questa sala
ascoltate la novella di oggi
portata da oltremare
e sempre vi prego:
Coro
E’ Nato, è nato è nato
è nato, cantiamo serenamente
soccorso è il popolo in terra
è nato il figlio di Dio così amato.
E’ Nato, è nato è nato
è nato cantiamo forte

Dio ha oggi innalzato la povera gente
e abbattuto i superbi (2)

II
Andando per le colline
sulla neve bianco latte
udii belare le pecorelle
mentre il vento soffiava:
III
Allora alla città di Betlemme
andammo due a due
e in un luogo desolato
udimmo il bue muggire:
IV
Là vedemmo
una dolce e bella Maria (3)
e un vecchio fiero,
sulla paglia lei giaceva
V
E un piccolino
aveva tra le braccia
“Non sapete chi è costui?”
mi dissero i servi
VI
“Questo è Cristo il Signore
mastri siate contenti!
Natale è arrivato
e il popolo non deve essere triste”

NOTE
1) il termine master ha un preciso significato medievale quello di magister colui che eccelle in un’arte così da poter essere considerato un caposcuola, in questo contesto si riferisce in generale alla gentry ma in particolare ai mastri artigiani di una corporazione
2) nel passato Morris vedeva una società più coesa, più genuina e apparentemente serena, un popolo nobile con un innato senso dell’armonia e del bello. Nei suoi scritti egli coniuga populismo romantico con il socialismo utopistico: Il “socialismo” di Morris consisteva nel generico rifiuto della società capitalistica e nella volontà – altrettanto generica – di promuovere quella che veniva chiamata “arte integrata”, cioè a dimensione dell’uomo e del suo ambiente, nel rispetto della storia, della tradizione, degli stili e della natura. C’era inoltre in Morris il convincimento che il lavoro comunitario, anche in ambito artistico, fosse la condizione migliore per favorire l’affermazione della creatività individuale. (tratto da qui)
3) ovviamente May sta per Mary

LA MELODIA FRANCESE

Nel 1706 il violinista e compositore francese Marin Marais scrisse “Alcyone”  tragedia in musica con la “Marche pour les Matelots” (Marcia per i Marinai) inserita nel Terzo Atto.
Il maestro di danza Raoul-Auger Feuillet vi coreografò la danza ‘La Matelotte’, di sua invenzione (probabilmente ispirandosi alle danze ricreative dei marinai), utilizzando e perfezionando il metodo di  notazione della danza teatrale sviluppato da Pierre Beauchamp. L’opera conobbe una vasta eco in Parigi e province e fu rappresentata fino al 1771 contribuendo alla popolarità della danza stessa nel Sud e Sud-Ovest della Francia (in particolare in Provenza, Guascogna) e nei Paesi Bassi.

ASCOLTA Jordi Savall

LA DANZA

La coreografia di  Raoul-Auger Feuillet (in Recueil de contredanse, 1706) è una contraddanza che in Inghilterra prende il nome di “The Female Saylor” (traddotta da John Essex  nel 1710). La danza è stata ulteriormente schematizzata e riportata in auge nel 1965 da Pat Shaw nel suo Six Simple Country Dances. 

Danza Antica: bellissima la versione barocca con strumenti d’epoca e i danzatori in costume

ecco l’intermezzo del solo eseguito dal cavaliere (per visualizzare meglio i passi) questa parte solista si è perduta nella versione della english country dance

FONTI
http://www.centrostudilaruna.it/socialismopreraffaeliti.html
https://www.liberliber.it/online/autori/autori-m/william-morris/
http://www.chiarapecorelli.com/it/william-morris-e-il-movimento-arts-and-crafts/
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/masters_in_this_hall-2.htm
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/masters_in_this_hall-1.htm

WHEN SHE CAM BEN SHE BOBBED

Sulla melodia tradizionale “When she came ben she bobbed” troviamo un testo ammiccante a una illecita liaison, rivisitato da Robert Burns nello “Scots Musical Museum” del 1792.
La versione però con cui viene ancora cantata è quella di Lady Nairne che la riscrisse nel 1810 circola titolandola “The Laird o’ Cockpen

LA MELODIA

La melodia “When she came ben she bobbed” è reputata d’epoca rinascimentale, anche se la troviamo come tablatura per liuto nel Manoscritto Balcarres (1690 , accesso all’archivio digitale qui)
ASCOLTA (un troppo breve assaggio) Jakob Lindberg (liuto) oppure su Spotify la versione per arpa (qui)

Il testo si commenta da solo (dopo aver decifrato il dialetto scozzese)
ASCOLTA Ian Bruce in Alloway Tales, 1999 a seguire  O Mally’s Meek. Ian è  un cantautore, ma in questo cd ha reso omaggio alle canzoni di Robert Burns. Già coinvolto nel progetto di Fred Freeman per l’edizione discografica integrale sul poeta scozzese.


I
O, when she cam ben,
she bobbed (1) fu’ law!
O, when she cam ben,
she bobbed fu’ law!
And when she came ben,
she kiss’d Cockpen,
And syne she deny’d she did it at a’!
II
And was na Cockpen
right saucy with a’ (2)?
And was na Cockpen
right saucy with a’,
In leaving the dochter o’ a lord (3),
And kissin a collier (4) lassie an’ a’?
III
‘ O, never look down,
my lassie, at a’!
O, never look down,
my lassie, at a’!
Thy lips are as sweet,
and thy figure complete,
As the finest dame
in castle or ha’ .
IV
‘Tho’ thou hast nae silk,
and holland sae sma’,
‘Tho’ thou hast nae silk,
and holland sae sma’,
Thy coat and thy sark
are thy ain handywark,
And Lady Jean was never sae braw.’ (5)
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Quando entrò in salotto
s’inchinò con referenza,
quando entrò in salotto
s’inchinò con referenza,
e quando entrò in salotto
baciò Cockpen
e poi negò di averlo fatto
II
Oh Cockpen non allungava
sempre le mani su tutte?
Cockpen non allungava
sempre le mani su tutte?
Dimenticando la figlia di un Signore
per baciare una servetta?
III
Oh non abbassare mai lo sguardo
mia fanciulla
Oh non abbassare mai lo sguardo
mia fanciulla!
Le tue labbra sono così dolci
e la tua figura perfetta,
come la più elegante dama
di un castello o palazzo
IV
Sebbene tu non abbia seta
e fine tela olandese,
sebbene tu non abbia seta
e fine tela olandese,
la tua gonna e camicia
sono il tuo capolavoro
e Lady Jean non è mai così bella!

NOTE
La traduzione in inglese qui
1) sta per curtsy, inchinarsi, fare la riverenza
2) forse ho optato un’espressione troppo moderna
3) ovvero la moglie Lady Jean
4) collier sta per coalier che si collega a coaly il carbone (coke): compito delle servette di un tempo era occuparsi di legna e carbone per scaldare e cucinare
5) tutti bei complimenti volti solo a ottenere i favori sessuali della fresca fanciulla, scema lei a cascarci (e purtroppo un tempo la fanciulla in questione non aveva altre possibilità che sottomettersi perchè se si ribellava andando a lamentarsi dalla moglie veniva comunque licenziata, l’unica sua possibilità era riuscire a non restare mai da sola in compagnia del Signorotto o di darsi velocemente alla fuga)

continua

FONTI
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/622.htm
http://burnsscotland.com/items/v/volume-iv,-song-353,-pages-364-and-365,-when-she-cam-ben-she-bobbed.aspx
http://www.tunearch.org/wiki/Annotation:When_she_cam_ben
http://www.irishpage.com/songs/carolan/shecnote.htm

FROM BEDS OF EVERLASTING SNOW

I mesi di Dicembre e Gennaio sono, alle nostre latitudini, i mesi della neve, del freddo pungente e delle gelate. L’aria è più tersa, il freddo è intenso ma corroborante, la neve ovatta suoni e sentimenti. Sono anche i mesi dei dolori reumatici, delle cadute scivolose sul ghiaccio, dei pericoli per le strade e in montagna, quando si preferisce stare accanto al fuoco o sotto le coperte bevendo cioccolato o vin brulè. Una cornice perfetta per l’ascolto di “Cold Song” (=“Canzone del freddo”) un lavoro sperimentale di Sting per il suo Cd invernale “If on a Winter’s Night” (2009) in cui l’artista somma carols antiche e moderne, brani tradizionali ed escursioni nel mondo operistico. Sting si era approcciato alla musica barocca con un precedente strepitoso cd sulle composizioni per liuto di John Dowland dal titolo  “Songs from the Labyrinth” (2006), così “Cold Song” è la “What Power art thou” aria tratta dalla semi-opera “Re Artù” (il primo musical nella storia porta la data 1691) su musica di Henry Purcell e libretto di John Dryden, il più grande musicista e il massimo poeta della Restaurazione inglese.

L’aria è cantata nell’atto III dal Genio del Freddo, risvegliato da Cupido che cerca invece di portare il calore delle passioni negli abitanti di un mondo ghiacciato.

ASCOLTA Sting  in “If On a Winter’s Night” 2009 -le scene del promo sono state girate nella sua tenuta nel Chianti (Figline Valdarno):  300 ettari con una grande villa padronale del XVI secolo, una collina, 6 laghi, vigne e oliveti  (è possibile affittare la villa per matrimoni e cerimonie private vedi).


What Power (1) art thou
who from below
Hast made me rise
unwillingly and slow
From beds of everlasting snow?
See’st thou not how stiff and wondrous old,
Far unfit to bear the bitter cold,
I can scarcely move or draw my breath?
Let me, let me freeze again to death
Traduzione italiano di Cattia Salto
Qual Divinità (1) sei tu,
che
mi ha fatto alzare
contro voglia e lento,
da sotto a coltri di neve perenne?
Non vedi come irrigidito e straordinariamente vecchio
troppo malandato per sopportare il freddo pungente,
quasi non riesco a muovermi o a tirare il fiato?
Lasciami, lasciami congelare ancora, fino alla morte

NOTE
1) Power in questo contesto indica la potenza di una divinità, il suo potere magico e sovrannaturale: è Cupido il Dio dell’Amore a risvegliare dal suo letto di ghiaccio il Genio del Gelo

Per quanto il brano sia stato scritto per una voce di basso, le performance che preferisco sono quelle di voci di contralto – controtenore

ASCOLA Klaus Nomi live

ASCOLTA Andreas Scholl

e per un raffronto con una voce femminile
ASCOLTA Nanette Scriba (la versione in tedesco)

FONTI
https://operaincasa.com/2016/01/14/king-arthur-2/
http://thelifeinprogress.blogspot.it/2014/09/il-piacere-dell.html
https://www.rockol.it/recensioni-musicali/album/4087/sting-if-on-a-winter-s-night

AULD ROB MORRIS BY DAVID RICCIO?

david-rizzio-sir-james-dromgole-lintonDavide Rizzio (Rizzo) noto in Scozia come David Riccio (circa 1533 -1566) nato probabilmente a Pancalieri in provincia di Torino, fu musico di corte e segretario “particolare” della Regina Maria Stuarda di Scozia.

Il bel Davide (anche se i detrattori ce lo descrivono come brutto, piccolo e gobbo) era al servizio di Casa Savoia e andò in Scozia nel 1561 al seguito della delegazione torinese; tanto gli piacque (alcuni insinuano che egli fosse una spia cattolica), che riuscì a entrare a servizio della Regina, per le sue doti di musicista ed eccellente cantante. Quattro anni dopo venne nominato segretario particolare della Regina, impalmata nel frattempo da Lord Darnley -ovvero Henry Stewart o Stuart, nipote di Endico VIIIma ben presto l’amicizia con il re si incrinò  (vedi un altro scandalo legato alla ballata “The four Maries” ) e Riccio fu accusato di alto tradimento (come presunto amante della Regina nonchè presunto padre del nascituro): ma i congiurati non si diedero tanta pena di dimostrare l’accusa e passarono direttamente all’assassinio (con l’arma preferita del tempo: lo stiletto).
Una morte che gridava vendetta e Lord Darnley fu assassinato giusto l’anno seguente la morte del suo rivale. Evidentemente la Regina non era molto legata al suo re, se nominò nientemeno che Giuseppe Riccio (fratello di Davide) come suo nuovo Segretario (il quale ovviamente fu processato -poi assolto – con l’accusa di essere tra i mandatari dell’assassinio del re se non uno degli esecutori materiali)!
Il gossip dietro tutta questa torbida vicenda è che Giacomo VI (il futuro re di Scozia e d’Inghilterra) potrebbe essere di sangue piemontese !

LE DOTI DI COMPOSITORE

E’ con sir James Melville che ebbe inizio la leggenda – forse non così leggenda – di Davide quale uno dei fondatori e innovatori  della musica scozzese a noi pervenuta. Melville, ed anche Birrel e Irwin, parlarono di lui come di un versato, ottimo musicista o, in altre parole, di un grande. Due secoli più tardi, William Thompson in “Orpheus Caledonius”, 1725, attribuì a Davide la paternità di sette arie, fra le più belle e importanti della musica tradizionale scozzese” (tratto da qui)

AULD ROB MORRIS

Tra queste sette arie una è proprio Auld Rob Morris (o Auld Bob Morrice) anche se nella seconda edizione dell’ “Orpheus Caledonius” l’attribuzione della melodia a Riccio è stata omessa.
This tune can be found in the Leyden manuscript, written in Lyra-viol tablature, which probably dates from the 1690s. It can also be found in one of the Blaikie manuscripts in Viol de Gamba tablature dated 1692, under the name “Jock the Laird’s Brother”.
Later it was published in The Orpheus Caledonius (1725), Watt’s Musical Miscellany (1730) and Craig’s Select Scottish Tunes (1730). Words existed to the tune, published in Allan Ramsay’s Tea Table Miscellany (1724)”(tratto da qui)
La versione testuale originale riportata da Allan Ramsay e attribuita a David Riccio è un contrasto tra madre e figlia in merito ad un pretendente un po’ troppo vecchio!
Mother:
There’s auld rob Morris that win’s in yon glen,
He’s the king of good fellows and wyle of auld men.
Has fourscore of black sheep, and fourscore too,
Auld rob Morris is the man you maun loo.
Daughter:
Oh had your tongue, mother, and let that abee,
For his eild and my eild will never agree:
Thei’ll never agree, and that will be seen
For he is fourscore, and I’m but fifteen.
Mother:
Then had your tongue, daughter, and lay by your pride,
For he’s be the bridegroom, and ye’s be the bride;
He shall lye your side, and kiss you too,
And auld rob Morris is the man you may loo.
Daughter:
But auld rob Morris I never will hae,
His back is so stiff, and his beard is grown gray;
I had rather die than live with him a year,
Sae mair of rob Morris I never will hear.

Della melodia troviamo l’arrangiamento fatto da un altro compositore “italiano” Francesco Geminiani (Lucca 1687 – Dublino 1762). Così scrive Davide Riccio musicista contemporaneo e omonimo del Riccio: “Fu virtuoso del violino, allievo di Alessandro Scarlatti e continuatore di Corelli, si trasferì a Napoli, poi a Londra, dove scrisse alcuni trattati, tra cui The art of playing on the violin  e Treatise of Good Taste in the Art of Musick, che raccoglie suoi arrangiamenti di motivi scozzesi. Il Trattato di buon gusto nell’arte della musica fu edito a Londra nel 1749. “Gusto” sembra aver avuto uno specifico significato per Geminiani, poiché prese le note originarie nella loro semplicità (le antiche arie scozzesi venivano trascritte nella sola linea melodica, così da assicurarne la maggiore fedeltà possibile) come spunto per trasformarle in esecuzioni dal corretto uso di stile, armonizzazione e ornamento. Probabilmente Geminiani trasse i motivi attribuiti a Rizzio dall’Orpheus Caledonius di William Thomson, pubblicato ventiquattro anni prima. Il commento del Geminiani verso Rizzio è di lode per quell’effetto che egli aveva avuto a suo tempo sulla musica locale: fino al suo arrivo, dice Geminiani, “Melody was intirely rude and barbarous, and he found means at once to civilize and inspire it with all the native Gallantry of the Scottish Nation” (=”La musica era rude e barbara, ed egli  trovò  i mezzi per civilizzarla e renderla ispirata…) Per ciò che riguarda gli arrangiamenti di Geminiani, William Hayes scrisse nel 1753: “Il maggior debito che abbiamo verso di lui è per aver messo dei buoni bassi d’accompagnamento ai motivi originali“. ( tratto da qui)

LA VERSIONE DI ROBERT BURNS

Fu Robert Burns a riscrivere il testo nel 1792 partendo  dai primi versi riportati in Tea Table Miscellany  e attribuiti a David Riccio; il brano conobbe una discreta fortuna  con il titolo tedesco di “Der alte Rob Morris”, Max Bruch ne arrangiò una versione classica in “Zwölf schottische Volkslieder” (Dodici canzoni popolari scozzesi, 1863).

ASCOLTA Manuela Bonfanti

ASCOLTA Ensemble Scaramuccia l’arrangiamento di Francesco Geminiani (1749) con strumenti d’epoca barocca

ASCOLTA The Poker Club Band arrangiamento di Joseph Haydn (1732 – 1809) Hob XXXIa-192 (strofe I e V)

La situazione immaginata da Burns è quella di una contesa amorosa tra un vecchio, ma benestante, signorotto locale – Auld Rob Morris- e un giovane bello, ma senza sostanze; si contendono il cuore di una dama di ceto elevato e per il giovane non c’è speranza!


I
There’s Auld Rob Morris
that wons (1)in yon glen,
He’s the King o’ gude fellows,
and wale(2) o’ auld men;
He has gowd (3) in his coffers,
he has owsen and kine (4),
And ae bonie lass,
his dautie and mine.
II
She’s fresh as the morning,
the fairest in May;
She’s sweet as the ev’ning
amang the new hay;
As blythe and as artless
as the lambs on the lea,
And dear to my heart
as the light to my e’e.

III
But oh! she’s an Heiress,
auld Robin’s a laird (5),
And my daddie has nought
but a cot-house (6) and yard;
A wooer like me maunna (7)
hope to come speed,
The wounds I must hide
that will soon be my dead.

IV
The day comes to me,
but delight brings me nane;
The night comes to me,
but my rest it is gane;
I wander my lane l
ike a night-troubled ghaist,
And I sigh as my heart
it wad burst in my breast. 

V
O had she but been
of a lower degree,
I then might hae hop’d
she wad smil’d upon me!
O how past descriving (8)
had then been my bliss,
As now my distraction
nae words can express.
Traduzione di Cattia Salto – 01/2017
I
Ecco il vecchio Rob Morris
che vive in quella valle
è il re della buona compagnia
il più valente dei vecchi uomini.
Ha oro nei suoi forzieri,
ha armenti e mandrie
e una bella dama,
la sua favorita e la mia!
II
Lei è fresca come il più bel
mattino del Maggio
ed è dolce come la sera
tra i covoni del fieno appena tagliato
così allegra e spontanea
come gli agnelli nel prato
e cara al mio cuore
come la luce per gli occhi
II
Ma oh! Lei è un ereditiera
e il vecchio Robin è un signorotto di campagna, mentre mio padre ha solo
un modesto cottage e un cortile;
un corteggiatore come me non deve
sperare di stare al passo,
le ferite devo nascondere
che presto mi porteranno alla morte
IV
Il giorno arriva
ma non porta gioia.
La notte viene
ma il mio riposo è vano;
vado per la mia strada come un fantasma tormentato nella notte
e sospiro mentre il cuore
mi scoppia in petto
V
Oh se lei fosse stata
di lignaggio inferiore,
allora avrei potuto sperare
che mi fosse concesso un sorriso!
Oh la mia felicità allora
avrebbe superato ogni descrizione,
mentre ora non ci sono parole
per esprimere la mia costernazione!!

NOTE
Traduzione in francese qui
Traduzione in inglese qui
1)Wons = dwells
2) Wale = choice
3) Gowd = gold
4) Kine = cows
5) Laird = man of landed property
6) Cot-house = tied or rented cottage on a farm
7) Maunna = must not
8) Descriving = describing

FONTI
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-ii,-song-192,-page-200-auld-rob-morris.aspx
https://thesession.org/tunes/9928
http://www.electricscotland.com/burns/songs/
http://www.kultunderground.org/art/305
http://tunearch.org/wiki/Auld_Rob_Morris

Jesous Ahatonhia (Une jeune pucelle -Ma Belle si ton âme)

The Christmas song “Jesous Ahatonhia” generally credited as a traditional Canadian melody is actually an ancient French tune titled “Une jeune pucelle” (= “A young girl”).
This air, popular throughout Europe and by an unspecified origin, was assiociated with two lyrics, the first one “Une vierge pucelle”, a noël, the other “Ma belle si ton âme”, a love song. In the origin it was a dance music classified in the Renaissance scores as “Alemana”, “Almande”, or “Almagne”.
[La melodia del canto natalizio Jesous Ahatonhia accreditata in genere come melodia tradizionale canadese è in realtà un’antica aria francese  che nell’ambito della musica colta era l’aria di “Une jeune pucelle” (= “Una giovane ragazza”).
Da quest’aria peraltro popolare in tutta Europa e dalle imprecisate origini, ebbero fortuna due versificazioni la prima di tema religioso per l’appunto un noël “Une vierge pucelle”, l’altra di tema amoroso “Ma belle si ton âme”. Le ipotesi più accreditate sono quelle che la ritengono una musica da danza classificata nelle partiture rinascimentali come “Alemana”, “Almande”, o “Almagne” della quale si mostra un esempio.]

In 1576, a collection of 150 monodic chants was published in Paris by Jehan Chardavoine (c.1537-1580) entitled “Le recueil des plus belles et excellentes chansons en forme de voix de ville”. It was the first systematic collection of popular melodies dating back to previous generations, on texts partly due to famous poets of the time. Some of these melodies already enjoyed great fame and were used by famous composers such as Clément Janequin and Eustache Du Caurroy.
Particular luck was given to one of these entitled “Une jeune fillette” (A young girl) whose text referred to the quite frequent custom of noble families of the time to dedicate female daughters to the monastic life. “(transalted from here)
Nel 1576, a Parigi veniva pubblicata una raccolta di 150 canti monodici a cura di Jehan Chardavoine (c.1537-1580) dal titolo: “Le recueil des plus belles et excellentes chansons en forme de voix de ville”. Si trattava della prima raccolta sistematica di melodie popolari risalenti anche a generazioni precedenti, su testi in parte dovuti a celebri poeti dell’epoca. Alcune di queste melodie godevano già di grande notorietà ed erano state utilizzate da compositori celebri come Clément Janequin ed Eustache Du Caurroy. Particolare fortuna toccò a una di queste dal titolo “Une jeune fillette” (Una giovane fanciulla) il cui testo si riferiva all’usanza abbastanza frequente presso le famiglie nobili del tempo di destinare le figlie femmine alla vita monacale. ” (tratto da qui)

In Italian it became “Madre non mi far monaca” more commonly called “La Monica” taking up the French song called Chant de la nonnette (see)
[In italiano diventò “Madre non mi far monaca” più comunemente detta “La Monica” riprendendo il canto francese detto Chant de la nonnette (vedi)]

CHANT DE LA NONNETTE

Jordi Savall

MA BELLE SI TON AME

The profane version written and arranged by the French poet Gilles Durant de la Bergerie, is a song that invites young people to enjoy the pleasures of love, song also used in the series The Tudors.
In the video at the piece taken from the film follows the version of The Toronto Consort.
[La versione profana scritta e arrangiata dal poeta francese Gilles Durant de la Bergerie, è un canto che invita i giovani a godere dei piaceri dell’amore, canzone usata anche nella serie The Tudors.Nel video allo spezzone tratto dal film segue la versione de The Toronto Consort. ]

Olivier de Narnaud


I
Ma Belle si ton âme
se sent on alumer
Decette Douce flame
qui nous force d’amer
Allons coutons ,
Allons sur la verdure
Allons ton dis que dure
nostre jeune primtemps
II
Avant que la journee
De nostre age qui fuit
Se sent environee
Des ombres de la nuit,
Prenons loysir
De vivre nostre vie
Et sans craindre l’envie
Baisons nous a plaisir.
III
Du soleil la lumiere
Sur le soir se desteint,
Puis a l’aube premiere
Elle reprend son teint.
Mais nostre jour,
Quant une foys il tombe,
Demeure sous la tombe,
Y faisant long sejour.
IV
Ca, finette affinee
Ca, rompons le destin,
Qui clot nostre journee
Souvent des le matin.
Allons coutons ,
Allons sur la verdure
Allons ton dis que dure
nostre jeune primtemps
Traduzione italiano di Cattia Salto*
I
Mia bella se la tua anima
sentisse la luce
di questa dolce fiamma
che ci costringe ad amare!
Adiamo felicemente,
andiamo nei boschi,
andiamo finchè dura
la nostra giovane primavera.
II
Prima che il giorno
della nostra giovinezza
sia circondato
dalle ombre della notte,
prendiamo il buon tempo
di vivere la vita
e senza paure d’invidia,
baciamoci a piacimento.
III
La luce del sole
svanisce verso sera,
poi alla prima alba
riprende il suo colore,
ma il nostro giorno
una volta finito
resta nella tomba
per soggiornarvi a lungo.
IV
Così mio caro amore
spezziamo il fato
che farebbe finire la nostra giornata
al giungere del mattino!
Adiamo felicemente,
andiamo nei boschi,
andiamo finchè  dura
la nostra giovane primavera.

*English translation

On the popular side, however, here is the same air in Brittany in a Breton noel titled “Péh trouz zou ar en doar“.
[Sul versante popolare peraltro ecco rispuntare le stessa aria in Bretagna in un noel bretone dal titolo “Péh trouz zou ar en doar”.]

LINK
http://www.medieval.org/emfaq/misc/fillette.htm
https://diesisebemolle.wordpress.com/2013/02/02/chansons-une-jeune-fillette-e-la-monica/
http://www.paolopuliti.eu/testo-e-musica.html
http://www.paolopuliti.eu/daquin.html

MR BEVERIDGE’s MAGGOT

Nella serie televisiva “I Tudors”  la melodia Mr Beveridge Magot fa da sfondo ad un momento conviviale.

La melodia, di autore sconosciuto, compare trascritta per la prima volta nell’English Dancing Master (IX edizione, 1695).
Ovviamente la musica potrebbe benissimo essere stata composta in epoca Tudor e la coreografia della danza risalire al secolo successivo, oppure musica e coreografia delle danza, la “favorita” del signor Beveridge, (maggot si traduce come ‘whim’ o ‘fancy’) essere stata la danza preferita dal maestro Beveridge che l’aveva ideata e battezzata con il proprio nome. beveridge-maggot-playford

LA DANZA IN EPOCA BAROCCA 1650-1690

Vediamola quindi nello stile con cui doveva essere danzata alla sua prima stesura: una danza di fila, in misura ternaria, il tempo è veloce i movimenti sono tipici della danza barocca .

La danza rimase popolare per tutto il Settecento, ma probabilmente non altrettanto lo fu nell’Ottocento, e tuttavia ritornò in auge nel secolo successivo, nella versione rivisitata che Cecil Sharp (1909) fece delle english country dances di secentesca memoria, per riproporle alla società dei tempi moderni.

Una seconda coreografia è quella proposta da Pat Shaw
esibizione al Sidmouth Festival, 1979

Sono bastate però un paio di apparizioni della Mr Beveridge’s Maggot nelle danze ai tempi di Jane Austen proposte da films e serie televisive, perchè la danza riprendesse vigore e  diventasse oggi di rigore in ogni Gran Ballo d’epoca Regency!!

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO: MINISERIE TELEVISIVA 1995

Nella seconda puntata della miniserie televisiva britannica Pride&Prejudice del 1995 – regia Simon Langton (una miniserie cult in Gran Bretagna) Fitzwilliam Darcy  ed Elizabeth Bennet danzano insieme al gran ballo nella sontuosa dimora del signor Bingley a Netherfield (Hertforshire). La danza è lenta e solenne e un giovane e “imbalsamato” Colin Firth reagisce con malgarbo alle punzecchiature di Lizzy (Jennifer Ehle) .

In questa ricostruzione i passi di danza sono una semplice camminata e la parte iniziale  viene modificata introducendo la figura della STELLA (giro di mano destra e giro di mano sinistra) per ovvi motivi di recitazione.

EMMA 1996

La danza tra Emma Woodhouse (Gwyneth Paltrow) e George Knightley (Jeremy Northam ) è interpretata con una tale eleganza e leggiadria da far apparire la coreografia di una così naturale scorrevolezza.. solo apparente però, perchè le coppie devono essere coordinate tra di loro alla perfezione!!

Qui il passo base è diventato decisamente come quello di un valzer lento, ogni movimento è fluido e aggraziato.

Ecco lo schema della danza per coppie in gruppi di quattro;
passo: in tre tempi valzer lento (aprire sempre con il piede destro)

PARTE A – 8 passi
coppia leader: CAMBIO POSTO frontale (2 passi)
tutti: DOS A DOS di spalla destra (2 passi)*
coppia leader: VOLTA (solo mezzo giro) verso l’esterno (1 passo)
tutti: GIRO DI MANO DESTRA (contrary) (2 passi)
coppia leader: GIRO DI MANO SINISTRA (1 passo)

(* trovo che il dos-a dos tra i partner e non tra i contrary renda tutto il movimento più fluido)

PARTE B – 4 (allineati) + 4 passi
coppia leader: INVERSIONE DI MOVIMENTO, ritornare nelle file invertite (1 passo) ANDARE IN SECONDA POSIZIONE (1 passo) DOS A DOS di spalla destra (2 passi)
altra coppia: frontali verso il centro (1 passo) in avanti verso la prima postazione (1 passo) VOLTA verso l’esterno (giro completo in 2 passi) mettersi al fianco della coppia leader

TUTTI (coppia leader si trova al centro della linea – perpendicolare a quella di partenza- in posizione invertita, l’altra coppia è in posizione esterna): in avanti (1 passo) in dietro (1 passo)

coppia leader: cambio posto (1 passo) andare in seconda postazione (1 passo)
altra coppia: frontali VOLTA verso l’interno per andare in prima postazione (giro completo in 2 passi)

La versione nel film ha una parte C di progressione delle coppie (a scopo “cinematografico”) non presente nella versione del Playford

TRACCE AUDIO

audio The Broadside Band versione un po’ veloce
audio con una velocità “intermedia” ossia non troppo lenta ma neanche troppo veloce
audio The Warnock Quartet versione lenta
FONTI
http://languagelog.ldc.upenn.edu/nll/?p=6770
http://www.patshaw.info/books/another-look-at-playford/
http://www.theloiterer.org/ashton/dancer.html
http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=89753381
http://www.sls.hawaii.edu/bley-vroman/contradance/dances/beveridge.html
http://round.soc.srcf.net/dances/cdb/cdb6/beveridge
https://janeaustensworld.wordpress.com/2010/06/28/dancing-at-the-netherfield-ball-pride-and-prejudice/
https://janeaustensworld.wordpress.com/2010/07/12/jane-austen-and-music/

Joan al Palo del Maggio

Read the post in English

Il brano “John (Joan) to the Maypole” risale quantomeno al 1600, si conoscono varie versioni testuali con lo stesso titolo ma anche con titoli diversi, (a “May-day Country Mirth”, “The Young Lads and Lasses”, “Innocent Recreation”, “The Disappointment”)  la prima versione stampata risale al 1630 in cui si attribuisce la melodia a Felix White, e lo ritroviamo nella raccolta “The Pills to Purge Melancholy” di Thomas D’Urfey c. 1720.

Xilografia del XVII secolo tratta dalla ballata “The May Day Country Mirth”

Nella canzone si descrive una tipica Festa del Maggio sul prato: le coppie danzano intorno al Palo del Maggio per contendersi l’ambito premio, la ghirlanda del Maggio. La coppia vincente diventerà Re e Regina del Maggio.
Per organizzare la festa del Maggio basta un green, cioè uno spiazzo all’aperto appena fuori dal paese, un palo ben piantato al centro del prato e decorato con ghirlande fiorite, qualche pergolato o “summer houses” dove sedersi all’ombra e rifocillarsi con bevande fresche.
Nel dipinto di Charles Robert Leslie vediamo proprio una scena celebrativa del Maggio con la Regina Elisabetta raffigurata sulla destra in primo piano nel mentre è intrattenuta da un giullare. Sulla distesa in secondo piano si staglia il palo del maggio impavesato e decorato con ghirlande verdi; attorno al palo si stanno svolgendo le danze e sono ben distinguibili i personaggi vestiti da Robin Hood, Lady Marian, Fra Tack, ma anche un cavalluccio, un drago e un buffone ( i personaggi classici dei mummers e dei Morris).

MayDay_Leslie
Charles Robert Leslie – May Day in the reign of Queen Elizabeth

Nel dipinto vittoriano di William Powell Frith ritroviamo praticamente descritta la stessa situazione tardo-medievale: in lontananza sulla sinistra si staglia il profilo di una chiesa, non a caso: era infatti la chiesa a finanziare il divertimento del Maggio; con la birra venduta si provvedeva al mantenimento della chiesa parrocchiale o si distribuivano le elemosine ai poveri.

William Powell Frith (1819-1909) A May Day Celebration Oil on canvas 40 x 56 inches (101.6 x 142.3 cm) Private collection
William Powell Frith (1819-1909) A May Day Celebration

Non è poi nemmeno tanto strano che l’usanza prescristiana della festa di Beltane sia confluita sotto il controllo della chiesa cattolica, sono piuttosto i puritani ad accanirsi contro il clima festaiolo di certe ricorrenze religiose. Così Pali del Maggio e festeggiamenti relativi vedono momenti di oscurantismo alternati a momenti di tolleranza (continua)

ASCOLTA la melodia con il liuto tratta dal “Margaret Board Lute Book” (qui) il manoscritto nella collezione  privata di Robert Spencer, è stato datato  c1620 fino a 1636 (pare che la signora prendesse lezioni da John Dowland).

Toronto Consort  in O Lusty May 1996 
Testo in “The new standard song book”- (J.E.Carpenter) – 1866. Sotto il titolo è classificato come “Molto popolare all’epoca di Carlo I”. Una versione di nove strofe è roportata nella broadside dal titolo “The May-Day Country Mirth Or, The Young Lads and Lasses’ Innocent Recreation, Which is to be priz’d before Courtly Pomp and Pastime. Bodleian collection, Douce Ballads 2(152a) e The Roxburghe Ballads: Illustrating the Last Years of the Stuarts Vol. 7, Part 1, edited by J. Woodfall Ebsworth (Hertford: Ballad Society, 1890) (vedi)


Chorus
Joan to the Maypole away,
let us on,
The time is swift and will be gone;
There go the lasses
away to the green,
Where their beauties
may be seen
I
Bess, Moll, Kate, Doll,
All the gay lasses
have lads to attend them,
Hodge, Nick, Tom, Dick,
Jolly brave dancers,
and who can mend them?
[Chorus]
II
Did you not see the Lord of the May
Walk along in his rich array?
There goes the lass that is only his,
See how they meet
and how they kiss.
Come Will, run Gill,
Or dost thou list to lose thy labour(1);
Kit Crowd scrape loud,
Tickle her, Tom, with a pipe and tabor! (2).
[Chorus]
III
There is not any that shall out-vie
My little pretty Joan and I,
For I’m sure I can dance as well
As Robin, Jenny, Tom, or Nell.
Last year, we were here,
When Ruff Ralph he played us a bourée,
And we, merrily
Thumped it about and gained the glory.
IV
Now, if we hold out
as we do begin,
Joan and I the prize shall win(3);
Nay, if we live till another day (4),
I’ll make thee lady of the May.
Dance round, skip, bound,
Turn and kiss, and then for a greeting.
Now, Joan, we’ve done,
Fare thee well
till the next merry meeting.
traduzione italiano Cattia Salto
Coro
Joan se ne va al Palo di Maggio,
andiamo anche noi,
che il tempo fugge veloce;
là le fanciulle vanno
nel prato,
dove le loro grazie
si possano ammirare.
I
Bess, Moll, Kate, Doll
ogni fanciulla allegra
ha il suo ragazzo ad attenderla
Hodge, Nick, Tom, Dick,
bravi e allegri ballerini,
chi potrebbe fare di meglio?
Coro
II
Non vedete come il re del Maggio
passeggia in pompa magna?
Lo raggiunge la sua ragazza,
vedete come si salutano
e si baciano!
Forza Will, corri Gill,
o rischiate di perdere il lavoro
Kit Crowd sfrega forte,
stuzzicala Tom con il flauto e
il tamburo.
Coro
III
Non c’è nessuno che possa superare
la mia piccola Joan e me, perchè sono certo di poter ballare altrettanto bene di Robin, Jenny, Tom, o Nell.
L’anno scorso, eravamo qui,
quando Ruff Ralph ha suonato una bourée,
e noi allegramente
battevamo (il tempo) e abbiamo guadagnato la gloria
IV
Ora se continuiamo
come abbiamo cominciato,
Joan ed io vinceremo il premio;
anzi se viviamo ancora un altro giorno
ti farò regina del Maggio.
Gira, saltella e zompa
voltati e bacia, e poi saluta.
Ora Joan è finito,
addio
fino alla prossima festa.

NOTE
1) l’esortazione si riferisce ai musicisti che non sono ancora pronti con i loro strumenti per dare il via al ballo.
2) Pipe and tabor o anche Tabor-pipe è il flauto a tre buchi associato al tamburino, il flauto si suona con una mano sola e con l’altra ci si accompagna con un tamburino a tracolla (vedi)
3) la ghirlanda del maggio in palio
4) l’aver vinto la ghirlanda del Maggio li incorona a nuovo re e regina del Maggio del relativo prato; non è chiaro se l’elezione detronizzi la precedente coppia fin da subito o sia il titolo valido per l’anno successivo.

continua

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/intorno-al-palo-del-maggio.html
http://www.maymorning.co.uk/426023492
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Joan_to_the_Maypole
http://www.cs.dartmouth.edu/~wbc/julia/ap1/Board.htm

JOHNNY LAD BY ROBERT BURNS

Johnny Lad” è una canzone tradizionale scozzese, già nursery rhyme e bothy ballad (vedi prima parte)

LE VERSIONI IN ROBERT BURNS

Una canzone così popolare non poteva non essere rielaborata anche da Robert Burns ; si conoscono infatti ben due sue versioni, una di sole due strofe con il titolo  di  “Cock Up Your Beaver” e l’altra  dal titolo  di “Hey how Johnie Lad“.

LA MELODIA: JOHNNY COCK THY BEAVER

Già un’ampia serie di variazioni sull’antica melodia scozzese erano state riportate da John Playford nel suo”The Division Violin”  e”The Division Flute” (1684-1685) e lo stesso Tourlough O’Carolan fece un suo arrangiamento per arpa in stile barocco .

Johnny cock thy beaver è una melodia da danza riportata sempre da Playford nel suo “The English Dancing Master (1686); ancora oggi è una melodia in repertorio tra i gruppi di musica antica. (altri titoli: “Horse and Away to Newmarket Races”, “Fenwick of Bywell”, “Gary Owen”, “Galloping over the Cow Hill”)

ASCOLTA Baltimore Consort (in versione integrale su Spotify)
ASCOLTA Javier Sáinz
ASCOLTA la melodia per flauto e liuto

UN BEAVER ALLA MODA

Beaver è un termine generico che indica il cappello di feltro realizzato con la pelliccia del castoro, ma il modello cambia a seconda delle mode.
Nel XVI secolo trionfa il cappello di feltro ad ampie e morbide falde (come quello dei Tre Moschettieri per intenderci) con abbondanza di piume, fibbie e nastri .
Lo vediamo in testa a Giacomo Stuart (incoronato re d’Inghilterra  nel 1603 e già re di Scozia con il nome di Giacomo VI) guarnito da un vistoso piumaggio e riccamente ingioiellato.
Fu invece Luigi XIV a lanciare la moda del tricorno (in inglese “tricorne” o “three cornered hat”) sul finire del Seicento, che sarà di moda per tutto il Settecento,  quello che nel nostro immaginario è il cappello del pirata per antonomasia! Era detto anche “Cocked” hat, perchè i lati erano piegati (cocked up) per dargli la forma.
Nell’Ottocento invece la moda cambia radicalmente e beaver diventa sinonimo di cappello a cilindro!

COCK UP YOUR BEAVER BY ROBERT BURNS

La canzoncina di sole due strofe riprende nella prima strofa il testo già riportato in forma di frammento da Herd (in Scots Songs, 1769) mentre la seconda strofa è stata scritta interamente da Burns: il testo sembra mettere in ridicolo i gentiluomini scozzesi  che seguirono a Londra il loro re  Giacomo VI, diventato nel 1603  Giacomo I d’Inghilterra -alla morte della regina Elisabetta I (l’ultima dei Tudor).

Pure James Hogg riportò la sua versione (in Jacobite Songs and Ballads of Scotland from 1688 to 1746) e ne riscrisse buona parte anche se la annotò come una “clever old song

ASCOLTA Wendy Weatherby


I
When first my brave Johnie lad
came to this town(1),
He had a blue bonnet(2)
that wanted the crown;
But now he has gotten
a hat and a feather,
Hey, brave Johnie lad,
cock up your beaver(3)!
II
Cock up your beaver,
and cock it fu’ sprush(4),
We’ll over the Border (%),
and gie them a brush;
There’s somebody there
we’ll teach better behaviour,
Hey, brave Johnie lad,
cock up your beaver!
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Quando per la prima volta  il mio audace Johnny arrivò in questa città (1)
aveva un berretto blu (2)
e voleva la corona;
ora indossa
un cappello con la piuma
Ehi bel Johnny
raddrizza  il tuo cappello (3)
II
Raddrizza  il tuo cappello,
e ornalo con un rametto (4)
passeremo il Border (5)
e daremo una ripassata (agli Inglesi);
c’è qualcuno là
a cui insegneremo le buone maniere
Ehi bel Johnny
raddrizza il tuo cappello!

NOTE
1) Londra. Si tratta evidentemente della delegazioni di nobili, dignitari e soldati al seguito del nuovo re che da Edimburgo si trasferisce a Londra
Il frammento di David Herd  riporta:
“Cock up your Beaver”
When first my dear Johny came to this town,
he had a blue bonnet, it wanted the crown;
but now he has gotten a hat and a feather,
Hey, my Johny lad, cock up your beaver.
Cock up your beaver, cock up your beaver,
Hey, my Johny lad, cock up your beaver;
cock up your beaver, and cock it nae wrong,
we’ll a’ to England ere it be lang.
[traduzione italiano: raddrizza il tuo cappello e mettilo bene, saremo in Inghilterra in men che non si dica]
2) il blue bonnet è il rustico berretto delle Highlands privo di fronzoli, si tratta più precisamente del Balmoral Bonnet o Scottish Balmoral (così chiamato però solo a fine Ottocento in omaggio al Balmoral Castle la residenza in Scozia della Regina Vittoria) La foggia del blu bonnet risale al 1500 e l’usanza di portarlo ha dato il soprannome di ‘Bluebonnets’ agli Highlanders. Il bordo inferiore è un nastro rigido  a quadretti oppure in tinta unita e le estremità sono lasciate pendere liberamente oppure sono annodate in un fiocco stretto (un linguaggio in codice per le ragazze: nel primo caso il giovanotto era libero e disponibile, nel secondo caso era fidanzato) . Si abbellisce con una piuma e la coccarda (sul lato sinistro) La variante irlandese prende il nome di Irish Caubeen
3) beaver è un cappello di feltro la cui foggia varia al mutare delle Mode. Cock up your beaver potrebbe anche voler essere un esortazione a indossare il cappello nel modo corretto e sottolineare la mancanza di gusto dei nuovi arrivati.
4) “Sprush” =”spruce” ogni clan ha un rametto distintivo. Nel 1700  lo Scottish Bonnet è abbellito da coccarda bianca, l’emblema del clan e una piuma
5) dicesi Border il territorio di confine tra la Scozia e l’Inghilterra

Le ulteriori strofe in Hogg proseguono:
III
Cock it up right, and fauld it nae down,
And cock the white rose on the band o’ the crown;
Cock it o’ the right side, no on the wrang,
And yese be at Carlisle  or it be lang.
IV
There’s somebody there that likes slinking and slav’ry,
Somebody there that likes knapping and knav’ry;
But somebody’s coming will make them to waver.
Hey, brave Johnnie lad, cock up your beaver!
V
Sawney was bred wi’ a broker o’ wigs,
But now he’s gaun southward to lather the Whigs,
And he’s to set up as their shopman and shaver.
Hey, brave Johnnie lad, cock up your beaver!
VI
Jockie was bred for a tanner, ye ken,
But now he’s gaun southward to curry goodmen,
With Andrew Ferrara  for barker and cleaver.
Hey, brave Johnnie lad, cock up your beaver!
VII
Donald was bred for a lifter o’ kye,
A stealer o’ deer, and a drover forbye,
But now he’s gaun over the border a blink,
And he’s to get red gowd to bundle and clink.
VIII
There’s Donald the drover, and Duncan the caird,
And Sawney the shaver, and Logic the laird;
These are the lads that will flinch frae you never.
Hey, brave Johnnie lad , cock up your beaver!

per la traduzione in francese qui

HEY HOW JOHNNIE LAD

La seconda versione invece si inserisce nel filone delle Bothy ballads già viste nella prima parte (qui) sui “problemi ” di coppia! Johnnie Lad è così  il tipico ragazzo delle Highlands

ASCOLTA Andy M. Stewart

ASCOLTA Rebecca Pidgeon

VERSIONE ROBERT BURNS
Chorus:
Hey how my Johnny lad
Ye’re no’ sae kind’s ye should have been;
Gin yer voice I hadna kent,
I couldna either trow ma een(2).
Sae weel’s ye micht hae tousled me(3)
And sweetly prie’d my mou bedeen (4): Hey how my Johnny lad..
I
My faither he was at the pleugh,
My mither she was at the mill,
My Billie he was at the moss,
an’ no ane near our sport tae spill.
The feint a body(5) was therein,
There was nae fear o’ bein’ seen:
Hey how my Johnny lad..
II
Wad ony lad wha lo’ed her weel
Hae left his bonny lass her lane
Tae sigh an’ greet(6) ilk(7) langsome hour
And think her sweetest minutes gane?
O had ye been a wooer leal.
We would hae met wi’ hearts mair keen: Hey how my Johnny lad…
III
But I maun(8) get anither jo,
Wha’s love gangs never oot o’ sight
And never lets the moments pass
When to a lass he can be kind.
So gang yer wa’s tae blinkin’ Bess,
Nae mair for Johnny shall she green(9): Hey how my Johnny lad...
traduzione italiano di Cattia Salto
CORO
Hei Johnny, ragazzo mio
non sei stato così bravo(1) come avresti dovuto;
se non avessi riconosciuto la tua voce
non avrei creduto ai miei occhi!
Così bene avresti potuto spettinarmi
e dolcemente baciare la mia bocca, un tempo: Hei Johnny, ragazzo mio..
I
Mio padre era all’aratro
mia madre al mulino
il mio Billy era nella palude
non c’era nessuno nelle vicinanze a spiarci, non c’era un’anima nei paraggi
e proprio nessun pericolo d’essere visti: Hei Johnny, ragazzo mio
II
Potrebbe  un ragazzo che ami veramente
trascurare la sua bella ragazza  e da sola
lasciarla sospirare e lamentare per ore
al pensiero che i suoi momenti più felici siano finiti?
O se tu fossi stato un amante fedele!
Ci saremmo incontrati con cuori più appassionati: Hei Johnny, ragazzo mio
III
Ma io posso trovarne un altro
meno dimentico dell’amore,
che quando è il momento giusto
corre a dare piacere a una ragazza.
Così vai dunque da Bess che ti ammira,
non più  per Johnny sospirerà

NOTE
1) la ragazza si lamenta perchè il bel Johnny manca ai suoi doveri ossia non è tanto solerte nel fare l’amore
2) trow my een = “believe my eyes”
3) sae weel ye micht hae tousled me= so well you might have tousled me
4) prie’d my mou bedeen = to taste my mouth at once
5) feint a body = not a soul
6) greet: arcaico per to weep
7) ilk, ilka vecchio   termine scozzese per each-every
8) maun – must, will
9) green=long for

FONTI
http://www.scottish-wedding-dreams.com/scottish-bonnets.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=24649
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7570
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=29962
http://sangstories.webs.com/johnnielad.htm http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=87798832
http://www.mandolincafe.com/forum/showthread.php?96753-Johnny-Cock-Thy-Beaver-(Baroque-variations-1684)
http://bookkake.com/2009/12/07/cock-up-yer-beaver/
http://www.ibiblio.org/fiddlers/CO_COLL.htm
http://www.janeausten.co.uk/beaver-hats-build-a-nation/
http://chrsouchon.free.fr/johnlad.htm