Buain a’ Choirce (Reaping Oats)

Buain A’Choirce (Reaping Oats) is a Scottish Gaelic song which probably originated as a women’s work song in the fields of oats in the Highlands.
Buain A’Choirce (mietendo l’avena) è una canzone in gaelico scozzese che probabilmente ha avuto origine come canzone di lavoro femminile nei campi di avena nelle Highlands

Karen Matheson in Fused 2000,
a first example of celtic-fusion in from the multi-instrumentalist Michael McGoldrickun
[primo esempio di celtic-fusion nel cd solista del polistrumentista Michael McGoldrick]

Sìleas in Play On Light, 1999

Cassie and Maggie MacDonald in Sterling Road 2014

Seven Nations featuring Will Macmorran in Kirk McLeod: KIR 2016

Alasdair Gillies in Airgiod Is Or • Silver And Gold, 2012

I
Latha dhomh ‘s mi buain a’choirce
Gheàrr mi beum ‘s cha robh e socair
Sèist:
Ho ro sna hoir ri ri o
Hi ri ri ri ho ro eile
Ho ro sna hoir ri ri o

II
Gheàrr mi beum ‘s cha robh e socair
Ghèarr mi mo ghlùn is leig mi osna
III
Shuidh mi air uachdair a’ghoirtein
Dh’fheuch am faicinn fear do choltais
IV
Dh’fheuch am faicinn fear do choltais
Fear ‘chùil duinn ‘s nan gruaidhean dosrach
V
Fhaoilinn bhig a shnamhas an caolas
Beir mo shoraidh bhuam gu’m leannain

English Translation:
One day as I was reaping oats
I made a cut (1) that wasn’t easy
I cut my knee
and gave a moan
I sat at the top of the field
In the hope of seeing a man like you
A brown-haired man with a fair face
Little seagull who swims the straights (2)
Bear my greeting to my sweetheart

Traduzione italiano Cattia Salto
Un giorno mentre raccoglievo avena,
una mietitura assai faticosa,
mi feci un taglio al ginocchio
e cacciai un lamento.
Mi sedetti all’inizio del campo
nella speranza di vedere un uomo come te
Un uomo dai capelli castani con una faccia bella
Piccolo gabbiano che plani sui canali
Porta il mio saluto al mio innamorato

NOTE
1) letteralmente “Ho fatto un taglio non facile”
2) “who swims the straits”

Islay Reaper’s Song

Orally collected from Miss MacTavish, Islay ; translated and arr. for voice and piano by Marjory Kennedy-Fraser. Her daughter Patuffa sang it by playing her Irish harp in gut strings and recorded it in a 78 rpm “Mull Fisher’s Love Song / Islay Reaper’s Song” in 1929
Nelle note dello spartito “Islay Reaper’s Sogng”: raccolto da MacTavish di Islay (Isole Ebridi), tradotto e arrangiato per voce e pianoforte da Marjory Kennedy-Fraser. La figlia Patuffa la cantò suonando la sua arpa irlandese in corde di budello e la incise in un 78 giri Mull Fisher’s Love Song / Islay Reaper’s Song nel 1929

Brocelïande in Barley Rigs 2004

English version *
I
.. in the cornfield, I’ll a-reapin’
cutting my sheaves that it wasn’t easy
Chorus
Ho ro sna hoir ri ri o
Hi ri ri ri ho ro eile
Ho ro sna hoir ri ri o

II
Upon the hillside I cut my sheaves
but cutting my knee I was howling inside
III
Upon the hillside the lonly hillside
looking to see my lover was coming
IV
Looking to see if my lover was coming
A piercing boy with a curling ringlets
V
Snow white seagull, little white seagull
carrying my greetings across to my true love

Traduzione italiano Cattia Salto
I
.. nel campo alla mietitura
tagliavo le mie fascine e non era facile
Chorus
Ho ro sna hoir ri ri o
Hi ri ri ri ho ro eile
Ho ro sna hoir ri ri o

II
Sulla collina tagliavo le mie fascine
ma mi ferii il ginocchio e mi lamentai
III
Sulla collina, sulla collina solitaria
per vedere se arrivava il mio amore
III
Per vedere se arrivava il mio amore
un ragazzo fiero e ricciolino
IV
Gabbiano bianco neve, piccolo gabbiano bianco
porta i miei saluti verso il mio vero amore

NOTE
* written down by ear

LINK
https://electricscotland.com/music/songsofthebrides.pdf
http://songbat.com/archive/songs/scots-gaelic-and-manx/buain-a-choirce
http://www.tobarandualchais.co.uk/gd/fullrecord/86373/8
http://www.celticlyricscorner.net/mackenziefiona/buain.htm
http://www.celticlyricscorner.net/mcgoldrick/buain.htm
http://www.celticlyricscorner.net/sileas/buain.htm

Niiv by Omnia

A reflection of the Omnia on the theme “Dame Sans Merci” reworked in the nineteenth century by John Keats: the fairy, after having seduced a mortal, abandons him to return to Fairies. The lover will torment himself for the love lost until his death.
Here is Steve’s explanation: This is a song about somebody from the World of Fairies, beautiful and perfect and somebody from the Land of Humans: a shit; and the two can never meet
Una riflessione degli Omnia sul tema “Dame Sans Merci” rielaborato nell’Ottocento da John Keats: la fata, dopo aver sedotto un mortale lo abbandona per ritornare nel suo mondo. L’amante si tormenterà per l’amore perduto fino alla morte. Ecco come Steve introduce la canzone: “questa è la canzone su una creatura del Mondo delle Fate, bella e perfetta e qualcuno della Terra degli Uomini: una merda; e i due non potranno mai incontrarsi!”

Omnia in Live on Earth 2002 
The fairy speaks with a seductive tongue and the story is told in Finnish. At the second repetition the song becomes polyphonic with the second male voice, (that is the human creature – the errant knight) who sings in English proclaiming his love and his sorrow for having been abandoned.
La fata parla con lingua seducente e la storia è raccontata in finlandese. Alla seconda ripetizione il canto diventa polifonico con la seconda voce maschile (cioè la creatura umana-il cavaliere errante) che canta in inglese e proclama il suo amore e il suo dolore per essere stato abbandonato.


(Spoken)
“Oli kaksi kaunokaista
pienen piilovaaran (1) päässä”
I
“Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen”
II (with two voices from the second repetition)
(Jenny)
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen”
(Steve Sic)
I don’t know just what you’re singing
do you love me, do you care?
mesmerized within your eyes
yet something tells me to beware
I don’t know anything
your song it drives me to despair
when I turn around to hold you
I’m alone, you’re not there

Traduzione italiano Cattia Salto
Parlato
C’erano due bionde creature
nella collina delle fate
I
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
per prendere la nostra strada
tra due amori
per prendere la nostra strada
tra due amori
II (a due voci dalla seconda ripetizione)
(Jenny)
per prendere la nostra strada
tre due amori
per prendere la nostra strada
tre due amori
(Steve Sic)
Proprio non capisco ciò che canti,
mi ami? Ti importa di me?
Ipnotizzato dai tuoi occhi
anche se qualcosa mi dice di stare attento.
Niente conosco
il tuo canto mi porta alla disperazione
quando mi giro per abbracciarti
sono solo, e tu non sei qui

FOODNOTE
English translation (from web)
There were two fair ones
sheltered by pillovaara hill
I
in a beautiful birch wood
in the soft grass
in a beautiful birch wood
in the soft grass
Soon we’ll have to part
hearts full of sweet sorrow
Soon we’ll have to part
hearts full of sweet sorrow
to go our seperate ways
between two loves
to go our seperate ways
between two loves
1) collinetta tondeggiante nei dintorni di Kuhmo nella regione Kainuu, Finlandia

Niiv’s Cauldron in Reflexions 2018
In the remix the text has been modified as well as the whole arrangement to follow the lines of “Wytches brew”, a song already published in World of Omnia, 2009.
Nel remix il testo è stato modificato così come tutto l’arrangiamento per seguire la falsariga di “Wytches brew”, brano già pubblicato in World of Omnia, 2009.


(Spoken)
“Oli kaksi kaunokaista
pienen piilovaaran (1) päässä”
I x2
Double double toil and trouble
Fire burn and cauldron bubble (2)
Double double trouble you
Bubble in a witches’ brew
II
Double double toil and trouble
Like a hell-broth boil and bubble
Double double trouble you
Bubble in a witches’ brew
chorus
Kara Kia Yekeh Yekeh
Djono Mako Yerua
III (x2)
“Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
IV
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen”
[chorus: Babu Bawu Kere Yekeh
Babu Bawu Yerua]
V
(Steve Sic)
I don’t know just what you’re singing
do you love me, do you care?
mesmerized within your eyes
yet something tells me to beware
I don’t know anything
your song it drives me to despair
when I turn around to hold you
I’m alone, you’re not there

Traduzione italiano Cattia Salto
Parlato
C’erano due bionde creature
nella collina delle fate
I
Su, raddoppiatevi, fatica e doglia
ardi tu, fuoco, calderon gorgoglia. (2)
Su, raddoppiatevi, fatica e doglia
gorgogliate nell’intruglio delle streghe
II
Su, raddoppiatevi, fatica e doglia
come brodaglia infernale bolli e gorgoglia. 
Su, raddoppiati guaio tu
gorgoglia nell’intruglio delle streghe
Coro
Kara Kia Yekeh Yekeh
Djono Mako Yerua
III
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
IV
per prendere la nostra strada
tra due amori
per prendere la nostra strada
tra due amori
[chorus: Babu Bawu Kere Yekeh
Babu Bawu Yerua]
V
(Steve Sic)
Proprio non capisco ciò che canti,
mi ami? Ti importa di me?
Ipnotizzato dai tuoi occhi
anche se qualcosa mi dice di stare attento.
Niente conosco
il tuo canto mi porta alla disperazione
quando mi giro per abbracciarti
sono solo, e tu non sei qui

FOODNOTE
2) from Macbeth the song of the witches [dal Macbeth la canzone delle streghe]

I don’t speak human -Omnia

The Omnia propose a Celtic folk of pagan inspiration (neoceltic paganfolk) active since 1996 with base in the Netherlands, compose music and texts sometimes reworking music and ballads of Celtic tradition
Gli Omnia propongono un folk celtico d’ispirazione pagana (paganfolk neoceltico) attivi dal 1996 con base nei Paesi Bassi, compongono musiche e testi a volte rielaborando musiche e ballate di tradizione celtica 
The Omnia have recreated a mix of the Celtic world and the Native American world to find the song of nature in their soul. The inspiration for the Celtic world comes from the spiritual-mythological themes they deal with in the texts, the use of the flute and the bardic harp, the remaking of some tracks in Gaelic or of the Irish-Breton tradition; the steampunk-tribal fashion instead imitates the Native Americans at the time of the Far West, the use of the drum and the voices sometimes recalls their shamanic chants.
Gli Omnia hanno ricreato un mix di mondo celtico e mondo nativo americano per ritrovare il canto della natura nella loro anima. L’ispirazione al mondo celtico viene per le tematiche spirituali-mitologiche che affrontano nei testi, all’uso del flauto e dell’arpa, al rifacimento di alcuni brani in gaelico o della tradizione irlandese-bretone; il look steampunk-tribale invece imita i nativi americani all’epoca del Far West, l’uso del tamburo e delle voci richiama a volte i loro canti sciamanici.

However, there is a vein of eclecticism (or madness) among the group, for which they are able to compose or rearrange rap, ragge and pop songs just to mention a couple of genres, with a spirit open to play and experimentation. Thus the magical couple Steve Sic and Jenny pulls flashes of medieval music (the hurdy-gurdy and a few words in Latin) from the top hat, a bit of world music (digeridoo and percussion, shamanic chants and mantras) and a lot of Celtic music (primitive)… 
C’è però una vena di eclettismo (o di follia) tra i componenti del gruppo per cui riescono a comporre o a riarrangiare brani rap, ragge e pop tanto per citare un paio di generi, con uno spirito aperto al gioco e alla sperimentazione. Così la magica coppia Steve Sic  e Jenny tira fuori dal cappello a cilindro sprazzi di musica medievale (la ghironda e qualche parola in latino), un po’ di world music per l’uso del digeridoo e delle percussioni, canti sciamanici e mantra e tanta musica celtica (primitiva)…


I
(Steve Sic)
Deep within the shadows,
I’m the hungry wolf you fear
But I can see that you’re
the only evil creature here
(Jenny)
Before you came
we lived in peace
but you brought us death
(together)
I sing my pain up to the moon
but it’s a waste of breath.
Chorus
Because I don’t speak human
You can’t understand a word I’m saying
I don’t speak human
You can’t understand a word I’m saying
II
(Steve Sic)
Upon a wing, a flying thing,
to you I seem so small
But I look down on what you’ve done,
my raven’s eye sees all
(Jenny)
You people like a cancer grow,
destroying all you see
(together)
and 7 billion (1) mutant monkeys (2),
won’t listen to me
III
(Steve Sic)
I won’t run this human race,
your war is not for me
I hear the voices from the wild (3),
they taught me how to see
(Jenny)
It’s us who are the strangers here
and we don’t own the land
(together)
My words they fall upon deaf ears,
cause no-one understands
IV
(Steve Sic)
Now you tell me that i’m wrong
and animals don’t feel
you say the earth is not alive
and only we are real
(Jenny)
You try to tell me to behave,
that I must act like you
(together)
But I just stick my fingers in my ears
and say “Fuck you!”
Traduzione italiano Cattia Salto
I
(Steve Sic)
Nel bosco più oscuro
sono il lupo affamato di cui aver paura,
ma capisco che sei tu
la sola creatura malvagia qui;
(Steve Sic)
Prima del vostro arrivo
eravamo in pace,
ma voi ci avete portato morte!
(insieme)
Canto il mio dolore alla luna
eppure è fiato sprecato!
Coro
Perchè non parlo umanese
e voi non capite una parola di quello che dico
Perchè non parlo umanese
e voi non capite una parola di quello che dico
II
(Steve Sic)
Sull’ala in volo,
a voi sembro tanto piccolo
Ma guardo in basso a ciò che avete fatto,
il mio occhio di corvo vede ogni cosa
(Jenny)
Voi gente crescete come un cancro,
distruggete tutto quello che vedete
(insieme)
e 7 bilioni di scimmie mutanti
non mi ascolteranno
III
(Steve Sic)
Non farò a gara con gli umani,
la vostra guerra non fa per me
ascolto le voci dal bosco,
mi hanno insegnato a vedere
(Jenny)
Siamo noi gli estranei qui
e la terra non ci appartiene
(Insieme)
Parlo ai sordi
perchè nessuno capisce
IV
(Steve Sic)
Così mi dici che sbaglio
e gli animali non sentono
dici che la terra non è viva
e solo noi siamo reali.
(Jenny)
Cerchi di dirmi come ci si comporta, 
che devo fare come te,
(Insieme)
ma mi infilo semplicemente le dita nelle orecchie e dico “Affanculo”

NOTE
1) 1 bilione = mille milioni= 1 miliardo; come numero matematico si scrive 109
il bilione si scrive  1012= 1 000 000 000 000 (mille miliardi); Bisogna ricordare che negli Stati Uniti e dal 1974 anche nel Regno Unito il billion è un altro numero, che corrisponde a mille milioni, cioè a un miliardo (109), mentre in gran parte del mondo corrisponde a mille miliardi. All’interno della comunità scientifica di Francia, il termine billion non ha più il vecchio significato di un miliardo ancor oggi attribuito dagli anglosassoni [nda: i quali tuttavia si sono allineati al resto del mondo] ma coincide adesso, per evitare confusione, con quello usato dalla maggior parte delle nazioni mondiali. (da wiki)
2) il genere umano
3) il mondo fatato, spiriti/dei etc (Tag: Omnia)

LINK
https://www.worldofomnia.com/

Down by the Glenside (The bold fenian men)

An Irish rebel song written by Peadar Kearney member of the Irish Republican Brotherhood (the brotherhood of the Republican Army), created with the aim of freeing Ireland from the English domain.
In Irish mythology, the Fenians (fianna) were the followers of the hero Finn Mac Cumhail, a group of hunter-warriors who worked outside the social structure of the Clans, indomitable warriors devoted to defending Ireland from enemy incursions. 
In their honor the members of the Brotherhood wanted to be called Fenian Brotherhood.
The song is a call to arms for the Easter Rising of 1916 in remembering the insurgents of the last armed revolt.
Una irish rebel song scritta da Peadar Kearney membro della Fratellanza repubblicana irlandese (the brotherhood of the Republican Army), creata con lo scopo di liberare l’Irlanda dal dominio inglese.
Nella mitologia irlandese, i feniani (fianna) erano i seguaci dell’eroe Finn Mac Cumhail, un gruppo di cacciatori-guerrieri che operava al di fuori dell struttura sociale dei Clan, indomiti guerrieri votati alla difesa dell’Irlanda dalle incursioni del nemico. Continua
In loro onore i membri della Fratellanza vollero chiamarsi Feniani (Fenian Brotherhood ).
La canzone è una chiamata alle armi per la rivolta di Pasqua  (Easter Rising) del 1916 nel ricordare gli insorti della precedente rivolta armata.


The melody takes up an old tune “My Name Is Bold Kelly” collected by P.W. Joyce in Old Irish Folk Music & Songs (1909)
La melodia riprende quella di “My Name Is Bold Kelly” raccolta da  P.W. Joyce in Old Irish Folk Music & Songs (1909)

Kay McCarthy in Roisin Dubh 1978

Cathy Jordan & The Unwanted in “All The Way Home” 2002

Omnia in “Crone of War”  2004

or the Unplagged version from the ‘Pagan Folk Lore’ DVD
oppure la versione Unplagged dal Dvd ‘Pagan Folk Lore’ 


I
‘Twas down by the glenside,
I met an old woman (1)
A-plucking young nettles,
she ne’er saw me coming
I listened a while to the song
she was humming
“Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men”
II
‘Tis many long years since
I saw the moon beaming
On strong manly forms
and their eyes with hope gleaming
I’ll see them again,
through all my sad dreams
Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men
III
Some died by the glenside,
some died near a stranger
And wise men have told us
that their cause was a failure
But they loved their old Ireland
and they never feared danger
Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men
IV
I passed on my way,
Gods be praised that I met her
Be life long or short,
sure I’ll never forget her
We may have brave men,
but we’ll never have better
Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men

Traduzione italiano Cattia Salto
I
Giù per i fianchi della valle
incontrai una vecchia
che raccoglieva giovani ortiche
lei non si accorse del mio arrivo
e l’ascoltai un momento
mentre canticchiava
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani”
II
” Sono passati molti anni da quando
vidi la luna risplendere
sui corpi di forti maschi
e i loro occhi luccicanti di speranza,
li rivedrò
nei miei tristi sogni
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani”
III
Alcuni morirono sul fianco della collina
altri morirono accanto allo straniero
e i saggi ci dissero
che la loro causa fu un fallimento,
ma loro amarono la vecchia Irlanda
e non paventarono mai il pericolo
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani”
IV
Ho continuato il mio cammino
ringraziando gli Dei per averla incontrata
siano gli anni che mi restano tanti o pochi,
di sicuro non la dimenticherò mai
potremmo avere uomini coraggiosi
ma non ce ne saranno mai di migliori
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani””

FOODNOTE
1) the old woman is clearly the personification of Ireland in the guise of Old Goddess, an “poor old woman”, Mrs Katty Hualloghan – Cathleen or Kathleen Nì Houlihan-, mistress of four green fields (ie the four provinces in which Ireland is traditionally divided). The name is also the title of a play by W.B. Yeats and Lady Augusta Gregory set in 1798.
la vecchia è chiaramente la personificazione dell’Irlanda nella veste di Vecchia Dea, una “povera vecchia”, la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda). Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.
continua

LINK
https://terreceltiche.altervista.org/ossians-lament/
http://irishdrinkingsongs.net/bold-fenian-men-rebel-song/
https://www.itma.ie/digital-library/score/pw-joyce-old-irish-folk-music-248
https://www.itma.ie/ga/digital-library/score/goodman-vol-1-416

Peggy O

Three titles for a ballad: Bonny Lass of Fyvie in Scotland, Pretty Peggy of Derby in England and Pretty Peggy-o in America. Francis James Child considers all the “Peggy ballads” (and its variants “Fen (n) ario”) as part of the Trooper and Maid theme
Tre titoli per una ballata: Bonny Lass of Fyvie in Scozia, Pretty Peggy of Derby in Inghilterra e Pretty Peggy-o in America.  Francis James Child ritiene tutte le “ballate di Peggy” (e le sue varianti “Fen(n)ario”) come facenti parte del ramo di Trooper and Maid

Scottish version (La versione scozzese)

American Versions (Le versioni americane)

Widespread in the 60s and 70s of the American folk revival (from Joan Baez to Bob Dylan), the ballad is different, melodically, from the Scottish relative. Joan Baez puts her the title of Fennario: the passage from Fyvie O to Fyvio is evident, which recalls the word fen “swamp, swamp, quagmire”, of Scandinavian origin.
Diffusa negli anni 60-70 del folk revival americano (da Joan Baez a Bob Dylan), la ballata è ben lontana melodicamente dalla parente scozzese. Joan Baez le mette il titolo di Fennario: è evidente il passaggio da Fyvie O a Fyvio che richiama la parola fen “palude, acquitrino, pantano”, di origine scandinava.

Joan Baez, 1962
It is a regimental soldier who tells the story, a bit unclear because it is missing a couple of stanzas, those in which the girl rejects the captain who asks her to marry him (he is not rich enough). The young captain dies (in battle or from displeasure) and the soldier would like to take revenge by putting the country on fire.
E’ il soldato del reggimento a raccontare la storia, peraltro poco chiara perchè mancante di un paio di strofe, quelle in cui  la fanciulla respinge il capitano che le chiede di sposarlo (non è abbastanza ricco). Il giovane capitano muore (in battaglia o per il dispiacere) e il soldato vorrebbe vendicarsi mettendo a ferro e fuoco il paese.


I
As we marched down to Fennario
As we marched down to Fennario,
Our captain fell in love
with a lady like a dove.
They call her by name pretty Peggy-o
II
What will your mother think
pretty Peggy-o? (x2)
What will your mother think
when she hears the guineas clink,
The soldiers all marchin’ before you-o?
III
In a carriage you will ride,
pretty Peggy-o. (x2)
In a carriage you will ride
with your true love by your side,
As fair as any maiden in the are-o.
IV
Come skippin’ down the stair,
pretty Peggy-o. (x2)
Come skippin’ down the stair
combin’ back your yellow hair,
And bid farewell to sweet William-o.
V
Sweet William is dead,
pretty Peggy-o. (x2)
Sweet William is dead,
and he died for a maid,
The fairest maid in the are-o.
VI
If ever I return,
pretty Peggy-o (x2)
If ever I return
all your cities I will burn,
Destroying all the ladies in the are-o.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre marciavamo verso Fennario,
mentre marciavamo verso Fennario,
il capitano si innamorò
di una signora, dolce come una colomba
e tutti la chiamavano la bella Peggy-o.
II
Che penserà vostra madre,
bella Peggy-o?
che penserà vostra madre
quando sentirà tintinnare le mie ghinee
e (vedrà) tutti i soldati marciare davanti a te?
III
Viaggerai in carrozza
bella Peggy-o
Viaggerai in carrozza
con il tuo vero amore accanto
più  bella di tutte le altre  fanciulle nella contea.
IV
Corri giù per le scale,
bella Peggy-o
Corri giù per le scale
pettina all’indietro i tuoi capelli biondi,
dai un ultimo saluto al dolce William-o.
V
Il dolce William è morto,
bella Peggy-o
il dolce William è morto
ed è morto per una fanciulla,
la più bella fanciulla nella contea.
VI
Se mai ritornerò
della Peggy-o
se mai ritornerò
tutte le vostre città brucerò,
e ucciderò tutte le signore della contea.

Grateful Dead live 1977


I
As we rode out to Fennario (x2)
Our captain fell in love
with a lady like a dove
And called her by a name,
pretty Peggy-O.
II
Will you marry me
pretty Peggy-O, (x2)
If you will marry me,
I’ll set your cities free
And free all the ladies in the area-O.
III
I would marry you sweet William-O, (x2)
I would marry you
but your guineas are too few
And I fear my mama would be angry-O.
IV
What would your mama think
pretty Peggy-O, (x2)
What would your mama think
if she heard my guineas clink
Saw me marching at the head of my soldiers.
V
If ever I return
pretty Peggy-O,(x2)
If ever I return
your cities I will burn
Destroy all the ladies in the area-O.
VI
Come steppin’ down the stairs
pretty Peggy-O, (x2)
Come steppin’ down the stairs c
ombin’ back your yellow hair
Bid a last farewell
to your William-O.
VI
Sweet William he is dead
pretty Peggy-O, (x2)
Sweet William he is dead
and he died for a maid
And he’s buried in the Louisiana country-O.
traduzione italiano di Michele Murino
I
Mentre marciavamo verso Fennario,
il capitano si innamorò di una signora
che sembrava una colomba
e tutti la chiamavano
graziosa Peggy-o.
II
Volete sposarmi,
Graziosa Peggy-o?
Volete sposarmi?
Libererò le vostre città
e tutte le donne della contea-o
III
Vi sposerei, dolce William-o
Vi sposerei
Ma le vostre ghinee sono poche
Temo che mia mamma si arrabbierebbe
IV
Che penserebbe vostra madre,
Graziosa Peggy-o?
Che penserebbe vostra madre
se potesse sentire tintinnare le mie ghineee, vedermi marciare alla testa dei miei soldati?
V
Se mai ritornerò,
Graziosa Peggy-o
Se mai ritornerò
brucerò le vostre città
ed ucciderò tutte le donne della contea
VI
Corri giù per le scale,
Graziosa Peggy-o
Corri giù per le scale
pettina all’indietro i tuoi capelli biondi
dai un ultimo saluto
al dolce William-o
VI
Dolce William è morto,
Graziosa Peggy-o
dolce William è morto
ed è morto per una fanciulla
lo hanno seppellito nella contea della Louisiana

Caprice in Kywitt! Kywitt! 2008


I
As we marched down to faneri-o
As we marched down to faneri-o
Our captain fell n love
with a lady like a dove
And they called her name,
pretty peggy-o
II
Come a runnin’ down the stairs, p
retty peggy-o
Come a runnin’ down the stairs,
pretty peggy-o
Come a runnin’ down the stairs,
combin’ back your yellow hair
You’re the prettiest little girl i’ve ever seen-o
III
What will your mother say,
pretry peggy-o?
What will your mother say,
pretty peggy-o?
What will your mother say,
when she finds you’ve gone away
To places far and strange to faneri-o?
IV
If ever i return,
pretty peggy-o
If ever i return,
pretty peggy-o
If ever i return,
all your cities i will burn
Destroying all the ladies in the ar-e-o
Destroying all the ladies in the ar-e-o
traduzione italiano Cattia Salto
I
Mentre marciavamo verso Fennario,
mentre marciavamo verso Fennario,
il capitano si innamorò
di una signora, dolce come una colomba
e tutti la chiamavano
la bella Peggy-o.
II
Corri giù per le scale,
bella Peggy-o
Corri giù per le scale
bella Peggy-o
Corri giù per le scale
pettina all’indietro i tuoi capelli biondi,
sei la più bella fanciulla che io abbia mai visto
III
Che penserà vostra madre,
bella Peggy-o?
che penserà vostra madre
bella Peggy-o
che penserà vostra madre
quando saprà che sei partita
per le lontane lande sperdute di Fennario?
IV
Se mai ritornerò,
bella Peggy-o
Se mai ritornerò
bella Peggy-o
Se mai ritornerò,
brucerò le vostre città
ed ucciderò tutte le donne della contea
ed ucciderò tutte le donne della contea

LINK
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-PrettyPeggy.html https://thesession.org/tunes/10943 http://www.maggiesfarm.it/ttt954.htm
http://www.maggiesfarm.eu/testiP/prettypeggy-o.htm

Christmas Lullaby by Caprice

Music and Lyrics: Anton Brejestovski
Caprice
in Kywitt! Kywitt! 2008


I
There’s no time like December,
Crisp air like a sweet drink
Children waiting for Santa
Press his hand against the glass
II
You and me run away
Drinking Christmas
Breathing Christmas
Falling snow, electric streetlamps
Chorus
Lully, lullay, sleep my darling
And I shall sing
C for Coming home
H for Have a good time
R for Remember you
I for I love you
S for See me fly
T for Tears will dry
M for merry
A for Angels
S for singing Christmas
M for merry
A for Angels
S for singing Christmas

III
Silhouettes in the darkness
Melting candles, silver cones
Whisper your wish to Santa
Arctic sings in tinkling tones
Me and you, fresh and new
Baking fruit cakes
Melting snowflakes
Writing words on icy windows
[Chorus]
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Non c’è un mese come Dicembre
l’aria frizzante come una gazzosa (1)
i bambini che aspettano Babbo Natale
preme le mani contro il vetro
II
Io e te che  scappiamo
per bere il Natale
per respirare il Natale
la neve che cade, le luminarie per le strade
Coro (2)
Ninna nanna dormi mia cara
e ti canterò
C per corri a casa
H per hey divertiti
R per ricordami
I per io ti amo
S per sbirciami mentre volo
T per tergi le lacrime
M per Merry
A per Angeli
S per singing Christmas
M per Merry
A per Angeli
S per singing Christmas

III
Sagome nell’oscurità
candele che si sciolgono; coni d’argento
sussurra il tuo desiderio a Babbo Natale
Il Polo Nord canta melodie di campanellini
tu ed io, come nuovi
a cuocere il Budino di Natale (3)
a sciogliere i fiocchi di neve
a scrivere parole sulle finestre ghiacciate

FoodNote
1) letteralmente una bevanda dolce
2) ho cambiato leggermente la traduzione delle frasi per farle corrispondere alla lettera dell’acrostico
3) il dolce con la frutta secca è un tipico dolce natalizio diffuso nei paesi anglosassoni ma anche in molti paesi del Nord Europa

Philomel With Melody

From “A Midsummer-Night’s Dream” the Fairy Lullaby to make their queen, Titania, sleep
TITANIA: Come, dance in a circle and sing a fairy song, and then go off for a while to do your work. Some of you will kill the worms infesting the rosebuds, some of you will fight with bats to get their leathery wings, so we can make coats for my small elves. Some of you will keep that loud owl away, the one that hoots and wonders every night at us dainty fairies. Sing me to sleep now, and then go off to do your duties and let me rest.

Da “Sogno di una Notte di Mezz’estate” la Ninna Nanna delle Fate del Bosco per far addormentare la loro regina, Titania
TITANIA: Venite, un girotondo e un canto di fate, poi, nella terza parte di un minuto, via!
Alcune ad uccidere bruchi nei boccioli di rosa, altre a far guerra ai pipistrelli per strappargli le ali di cuoio e farne mantelli per gli spiriti piccini; altre tengano a bada il gufo stridulo che ogni notte allarma col suo verso i nostri spiritelli.
Ora col vostro canto fatemi addormentare, poi ognuna al suo lavoro e lasciate che io riposi.
( Traduzione di Antonio Calenda e Giorgio Melchiori )

Music: Anton Brejestovski
Lyrics: William Shakespeare
Caprice
in Kywitt! Kywitt! 2008

Daniel Zappi in Shakespeareans 2016


Chorus

Philomel, With Melody
Sing in our sweet lullaby.

Philomel, with melody
Sing in our sweet lullaby
I
You spotted snakes with double tongue,
Thorny hedge-hogs, be not seen
Newts and blind-worms, do no wrong,
Come not near our fairy queen.
[Chorus]
Lulla, lulla, lullaby,
lulla, lulla, lullaby:
lulla, lulla, lullaby (lullaby)
lulla, lulla, lullaby
II=I
You spotted snakes with double tongue,
Thorny hedge-hogs, be not seen
Newts and blind-worms, do no wrong,
Come not near our fairy queen.
[Chorus]
III
Weaving spiders, come not here;
Hence, you long-legg’d spinners, hence!
Beetles black, approach not near;
Worm nor snail, do no offence.
Chorus
Philomel, with melody 
Sing in our sweet lullaby.
Never harm, nor spell nor charm,
Come our lovely lady nigh;
So, good night, with lullaby.
Traduzione italiano Cattia Salto*
Coro
Filòmela, con la tua melodia
accompagna la nostra dolce nenia:
Filòmela, con la tua melodia
accompagna la nostra dolce nenia.
I
Voi, serpi pezzate dalla lingua bifida,
porcospini  irsuti, non fatevi vedere
salamandre e orbettini, non recate danno
non avvicinatevi, alla Regina delle fate.
Coro
Ninna, ninna ninna-nanna
Ninna, ninna ninna-nanna
Ninna, ninna ninna-nanna
Ninna, ninna ninna-nanna
II
Voi, serpi pezzate dalla lingua bifida,
porcospini  irsuti, non fatevi vedere
salamandre e orbettini, non recate danno
non avvicinatevi, alla Regina delle fate.
Coro
III
Ragni tessitori, non avvicinatevi qui;
via, filatori zampa-lunga, via!
Neri scarafaggi, non v’avvicinate,
bachi e lumache, non recate offesa.
Coro
Filòmela, con la tua melodia
accompagna la nostra dolce nenia.
Niente danno, nè incantesimo o magia
si avvicini alla nostra amabile signora
così buona-notte e ninna-nanna

FoodNote
* nel web si trovano molte traduzioni in rima perfette per essere musicate
1) [“Philomel” = a poetic name for nightingale* Filomela è il nome poetico dell’usignolo
2) [“blindworms” = a type of lizard]

Ninna nanna per Titania, di Federico Palladini
Voci: Roberta Costantino e Germana De Vincenzi
Arrang. Giovanni Mancini

Adew, Sweet Amarillis

Music: John Wilbye/Anton Brejestovski
Lyrics: Anonimus
Caprice
in Kywitt! Kywitt! 2008


Adew, Sweet Amarillis,
For since to part your will is,
O heavy tiding,
Here is for me no abiding.
Yet once again
ere that I part with you
ere that I part with you
Traduzione italiano Cattia Salto
Addio, bella Amarillo (1)
che dipartire da te è tuo desio,
o novella greve!
Quivi per me niuna speme
eppur una volta ancor
pria da te dipartir
pria da te dipartir

FoodNote
1) the name Amarilli is a female name of literary tradition dating back to the classics, into vogue in the Renaissance too; the Greek word (from amarússō, “to sparkle”, “to shine”) means “Shining”; with this name Linnaeus classified the bulbous plant of the Amaryllis
il nome Amarilli è un nome femminile di tradizione letteraria risalente ai classici che venne ripreso nel Rinascimento; il termine greco (da amarússō, “scintillare”, “brillare”) significa “Splendente”; con tale nome Linneo classificò la pianta bulbosa dell’Amaryllis

Cecil Corbell in “Renaissance SongBook vol.3” 2012
Music: John Wilbye
Lyrics: Anonimus/Corbel


I
Adew, Sweet Amarillis,
For since to part your will is,
O heavy tiding,
Here is for me no abiding.
Yet once again
ere that I part with you
ere that I part with you
II
Adieu, belle Amaryllis
Te souviens tu de nos promesses
Mon coeur est lourd
Et les sanglots de l’ocean
se prennent dans ma peine
Je pars avant que l’aube
Que l’aube ne vienne
III
Oh, heavy tiding
Here is for me no abiding
Yet once again
Ere that I part with you
Ere that I part with you

Traduzione italiano Cattia Salto
I
Addio bella Amarillis
che mi separo da te come tuo volere
o triste annuncio!
Qui per me nessuna speranza
eppure una volta ancora
prima ch’io mi separi da te
prima ch’io mi separi da te
II
Addio, bella Amarillis
ti ricordi le nostre promesse?
Il mio cuore è pesante
e i singhiozzi dell’oceano
sono presi nei miei affanni,
me ne vado prima dell’alba,
che non arrivi l’alba!
III
Oh triste annuncio!
Qui per me nessuna speranza
eppure una volta ancora
prima  ch’io mi separi da te
prima  ch’io mi separi da te

Note
1) versi aggiuntivi di Cecil

IL MADRIGALE

Music by John Wilbye, No. 12 from The 1st Set of Madrigals, published in 1598.

John Rutter in “Flora Gave Me Fairest Flowers – Elizabethan Madrigals”

LINK
http://www3.cpdl.org/wiki/index.php/Adieu,_sweet_Amaryllis_(John_Wilbye)

“Monday, Tuesday” the tale of Lusmore

In Thomas C. Croker’s book “Tales of Fairies and Irish Traditions” the legend of Knockgrafton is told about a man with a huge hump called Lusmore (for the digital’s twig he always wore on his hat). One night that he had fallen asleep inside a ditch, he was awakened by a strange music, which was repeated over and over again, they were the fairies humming “Monday, Tuesday” (in Irish Gaelic: Da Luan, Da Mort) and for how much they could harmonize the melody, they always repeated the same two words; so taking advantage of a break in the choir Lusmore added “.. and Wednesday” (Augus da cadine)
Nel libro di Thomas C. Croker ” Racconti di Fate e Tradizioni Irlandesi” si racconta la leggenda di Knockgrafton su di un uomo dall’enorme gobba soprannominato Lusmore (per il ramoscello di digitale che portava sempre sul cappello). Una notte che si era addormentato dentro ad un fosso, venne svegliato da una strana musica, che si ripeteva in continuazione, erano le fate che canticchiavano “Lunedì, Martedì” (in gaelico irlandese Da Luan, da Mort) e per quanto armonizzassero la melodia, ripetevano sempre le stesse due parole; così approfittando di una pausa nel coro Lusmore aggiunse “.. e mercoledì” (Augus da cadine)

To the fairies the addition was very pleasing and they celebrated with Lusmore in the middle of the magical ring, not only, truck by the good heart of the man, with a spell they took off him the hump!
Alla fate l’aggiunta piacque molto e festeggiarono con Lusmore al centro del cerchio fatato, non solo, colpiti dal buon cuore dell’uomo, con un incantesimo gli levarono la gobba!

Monday, Tuesday

Music by Anton Brejestovski;
Lyrics by traditional
Caprice
in Kywitt! Kywitt! 2008

LINK
https://folkli.com/lusmore-the-hunchback-a-local-legend-of-knockgrafton
https://altalenadeglispiriti.blogfree.net/?t=5034008

Fae Fae Fae Fae Fae Fae Fae

Music by Anton Brejestovski
Lyrics by Felicia Dorothea Hemans “Invocation to the Faires” (for my sister’s grotto )
Caprice in Kywitt! Kywitt! 2008


Spoken: Who, what’s that?
I
Fays and Fairies haste away!
This is Harriet’s holiday:
Bring the lyre, and bring the lute,
Bring the sweetly-breathing flute;
Wreaths of cowslips hither bring,
All the honours of the spring;
Adorn the grot with all that’s gay,
Fays and Fairies haste away.
II
Bring the vine to Bacchus dear,
Bring the purple lilac here,
Festoons of roses, sweetest flower,
The yellow primrose of the bower,
These to Harriet hither bring,
And sweetly in return she’ll sing.
Be the brilliant grotto scene
The palace of the Fairy Queen.
III
Form the sprightly circling dance,
Fairies here your steps advance;
Be the brilliant grotto scene
The palace of the Fairy Queen.
Traduzione italiano Cattia Salto
Chi? Che cos’è?
I
Accorrete Fate (1)
E’ la festa di Harriet
portate l’arpa e portate il liuto
portate il flauto dal dolce soffio
portate anche corone di primule odorosa/ in onore della Primavera;
adornate il salotto con tutto ciò che è allegro, Accorrete Fate
II
Portate la vite cara a Bacco
portate il viola lillà,
festoni di rose, il fiore più profumato,
la primula gialla del pergolato
portate anche queste ad Harriet
e lei soavemente in cambio canterà,
Sia la brillante scena del salotto
Il palazzo della Regina delle Fate.
III
Formate la vivace danza in cerchio 
o fate qui i vostri passi spostate avanti
Sia la brillante scena del salotto
Il palazzo della Regina delle Fate.

Note
1) Fays and Fairies sono sinonimi a meno che non si voglia distinguere un genere maschile e femminile, ma è risaputo che tra le fate non c’è distinzione di genere