Archivi tag: Sean Dagher

Rolling Sally Brown!

Leggi in italiano

In the sea shanties Sally Brown is the stereotype of the cheerful woman of the Caribbean seas, mulatta or creole, with which our sailor  tries to have a good time. Probably of Jamaican origin according to Stan Hugill, it was a popular song in the ports of the West Indies in the 1830s.
The textual and melodic variations are many.

ARCHIVE

WAY, HEY, ROLL AND GO (halyard shanty)
I ROLLED ALL NIGHT(capstan shanty)
ROLL BOYS ROLL
ROLL AND GO (John Short)

 

Roll, boys! Roll boys roll!

In this version the chorus doubles in two short sentences repeated by the crew in sequence after each line of the shantyman, here the work done is the loading of the ship
Roll, boys! Roll boys roll!
Way high, Miss Sally Brown!

Sean Dagher · Clayton Kennedy · Nils Brown from Assassin’s Creed 4: Black Flag (Sea Shanty Edition, Vol. 2)


Oh! Sally Brown, she’s the gal for me boys
Roll, boys! Roll boys roll!
Oh! Sally Brown, she’s the gal for me boys
Way high, Miss Sally Brown!
 
(Oh way down South, way down South boys
Oh bound away, with a bone(1) in her mouth boys)
It’s down to Trinidad(2) to see Sally Brown boys,
She’s lovely on the foreyard, an’ she’s lovely down below boys,
She’s lovely ‘cause she loves me, that’s all I want to know boys,
Ol’ Captain Baker, how do you store yer cargo?
Some I stow for’ard (3) boys, an’ some I stow a’ter
Forty fathoms or more below boys,
There’s forty fathoms or more below boys,
Oh, way high ya, an’ up she rises,
Way high ya, and the blocks (4) is different sizes,
Oh, one more pull, don’t ya hear the mate a-bawlin?
Oh, one more pull, that’s the end of all the hawlin’
Sally Brown she’s the gal for me boys

NOTE
1) “Bone in her teeth” is the expression used for a bow wave, usually implying that the vessel in question was moving pretty fast. (see more here)
2) the southernmost of the Caribbean islands
3) the front and the back of a ship have a specific terminology
4) In sailing, a block is a single or multiple pulley

JOHN SHORT VERSION: ROLL AND GO

Not to be confused with “Spent My Money On Sally Brown”. Cecil Sharp ranks as capstan shanty.
In Short Sharp Shanties the project’s curators write”A
lthough, by Hugill’s time, ‘this shanty had only one theme – Sally and her daughter’, Short’s text is not on this ‘one theme’ – it is based around a less overtly sexual relationship.  Short gave Sharp more text than he actually published. It is always possible that Short may be self censoring – but there is no indication that this is the case, and from other textual evidence in Sharp’s field notebooks (e.g. see the notes to Hanging Johnny), rather the reverse. We have added just two floating verses at the end

Roger Watson from Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 2


Way, hey, roll and go

Oh Sally Brown, Oh Sally Brown
a long time ago
She promised for to marry me
Way, hey, roll and go
She promised for to marry me.
a long time ago

Oh Sally Brown is the girl for me
Oh Sally Brown has slighted me.
As I walked down one morning fair
it’s there I met her I do declare.
And I asked for to marry me
to marry me or let me be.
She spent me pay all around the town
she left me broken bad and dow.
Than I will pack me bags and go to sea
and I’ll leave my Sally on the quey

LINK
http://shantiesfromthesevenseas.blogspot.it/2012/03/104-105-sally-brown-series.html
http://www.brethrencoast.com/shanty/Roll_Boys.html
http://www.capstanbars.com/time_ashore/taio_lyrics/roll_boys_roll.htm

Rolling Sally Brown!

Read the post in English

Nei sea shanties Sally Brown è lo stereotipo della donnina dei mari caraibici, mulatta o creola con la quale il nostro marinaio di turno cerca di spassarsela (con lei o la figlia). Di probabile origine giamaicana secondo Stan Hugill,  era un canto popolare nei porti delle Indie Occidentali negli anni 1830. Le varianti testuali e melodiche sono molte.

ARCHIVIO

WAY, HEY, ROLL AND GO (halyard shanty)
I ROLLED ALL NIGHT(capstan shanty)
ROLL BOYS ROLL
ROLL AND GO (John Short)

 

Roll, boys! Roll boys roll!

In questa versione il coro si sdoppia in due brevi frasi ripetute dalla ciurma in sequenza dopo ogni verso dello shantyman, qui il lavoro svolto è quello del carico della nave
Roll, boys! Roll boys roll!
Way high, Miss Sally Brown!

Sean Dagher · Clayton Kennedy · Nils Brown da Assassin’s Creed 4: Black Flag (Sea Shanty Edition, Vol. 2)


Oh! Sally Brown, she’s the gal for me boys
Roll, boys! Roll boys roll!
Oh! Sally Brown, she’s the gal for me boys
Way high, Miss Sally Brown!
(Oh way down South, way down South boys
Oh bound away, with a bone(1) in her mouth boys)
It’s down to Trinidad(2) to see Sally Brown boys,
She’s lovely on the foreyard, an’ she’s lovely down below boys,
She’s lovely ‘cause she loves me, that’s all I want to know boys,
Ol’ Captain Baker, how do you store yer cargo?
Some I stow for’ard (3) boys, an’ some I stow a’ter
Forty fathoms or more below boys,
There’s forty fathoms or more below boys,
Oh, way high ya, an’ up she rises,
Way high ya, and the blocks (4) is different sizes,
Oh, one more pull, don’t ya hear the mate a-bawlin?
Oh, one more pull, that’s the end of all the hawlin’
Sally Brown she’s the gal for me boys
traduzione italiano* di Cattia Salto
Sally Brown è la ragazza per me,
ragazzi
Salpa e vai
Sally Brown è la ragazza per me,
ragazzi
Ala, Miss Sally Brown!
[Via verso il Sud, via verso Sud
ragazzi
partiamo con l’osso in bocca
ragazzi]
Andare a Trinidad
per vedere Sally Brown, ragazzi
è bella a prua
ed è bella in basso
è bella perchè mi ama
è tutto quello che voglio sapere
Vecchio Capitano Baker,
dove lo mettiamo il carico?
Un po’ lo mettiamo a prora  ragazzi
e un po’ lo mettiamo a poppa
40 braccia più sotto ragazzi
ci sono 40 braccia più sotto
ragazzi
Ala, si,  e  la nave si alza,
ala,  si,  e i bozzelli  sono di diverse dimensioni
ancora uno strappo, non avete sentito il primo sbraitare?
Ancora uno strappo e sarà la fine di ogni alaggio.
Sally Brown è la ragazza per me ragazzi

NOTE
* riveduta e corretta da Italo Ottonello
1) il verso saltato riprende un’espressione marinaresca ” a vele spiegate” cioè con tutte le vele tirate su (spiegazione qui)
2) la più meridionale delle isole caraibiche
3)  il davanti e il dietro di una nave hanno una specifica terminologia
4) Vengono chiamati bozzelli tutte le carrucole a bordo, di qualsiasi specie esse siano. I bozzelli vengono utilizzati per far cambiare direzione ad un cavo o per comporre dei paranchi. (tratto da Nautipedia)

LA VERSIONE DI JOHN SHORT: ROLL AND GO

Da non confondersi con “Spent My Money On Sally Brown”. Cecil Sharp la classifica come capstan shanty.
Scrivono i curatori del progetto Short Sharp ShantiesSebbene, ai tempi di Hugill, “questa shanty avesse un solo tema – Sally e sua figlia”, il testo di Short non è su questo “unico tema” – si basa su una relazione meno apertamente sessuale. Short ha dato a Sharp più testo di quanto effettivamente pubblicato. È sempre possibile che Short possa essersi auto-censurato, ma non c’è alcuna indicazione che questo sia il caso, e da altre prove testuali nei quaderni sul campo di Sharp (ad esempio vedere le note di Hanging Johnny), è piuttosto il contrario. Alla fine abbiamo aggiunto solo due versi fluttuanti

Roger Watson in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 2


Way, hey, roll and go

Oh Sally Brown, Oh Sally Brown
a long time ago
She promised for to marry me
Way, hey, roll and go
She promised for to marry me.
a long time ago
Oh Sally Brown is the girl for me
Oh Sally Brown has slighted me.
As I walked down one morning fair
it’s there I met her I do declare.
And I asked for to marry me
to marry me or let me be.
She spent me pay all around the town
she left me broken bad and dow.
Than I will pack me bags and go to sea
and I’ll leave my Sally on the quey
Traduzione italiano di Cattia Salto
Ala, salpa e vai
Oh Sally Brown, Oh Sally Brown
Tanto tempo fa
Lei promise di sposarmi
Ala, salpa e vai
lei promise di sposarmi
Tanto tempo fa.
Oh Sally Brown è la ragazza per me
Oh Sally Brown mi ha ignorato.
Mentre camminavo un bel mattino
t’incontrai lei, lo dico.
E le chiesi di sposarmi
di sposarmi o di lasciarmi stare.
Lei spendeva la mia paga per tutta la città e mi ha lasciato con il cuore a pezzi.
Allora prenderò il mio sacco e andrò per mare e lascerò Sally al molo

FONTI
http://shantiesfromthesevenseas.blogspot.it/2012/03/104-105-sally-brown-series.html
http://www.brethrencoast.com/shanty/Roll_Boys.html
http://www.capstanbars.com/time_ashore/taio_lyrics/roll_boys_roll.htm

LEAVE HER, JOHNNY.. TIME FOR US TO LEAVE HER

“Leave her Johnny” è una capstan shanty o più propriamente una pumping shanty per il lavoro alle pompe. Una canzone marinaresca tradizionalmente cantata al termine del viaggio, quando i marinai si preparavano a sbarcare, ma prima azionavano le pompe per esaurire l’acqua in sentina, e ovviamente la “lei” del canto è la nave, non una donna.
pumping-hugill

This was, traditionally, the last chantey the crew would sing before disem-barking. It was used when warping (pulling) the ship into the pier, or when pumping the bilges for the last time. Although it at first sounds like the crew is sentimental about leaving the ship, the lyrics describe the horrible conditions that they suffered through during the voyage. Since it was the 1ast song of the journey, the sailors took the opportunity to vent their feelings about how they were treated without fear of reprisal. (tratto da qui)

Anche per questa sea shanty le versioni testuali sono numerose ma l’argomento resta sempre lo stesso: il duro lavoro sulla nave, il mare in tempesta, le lamentele verso gli ufficiali, il vitto e la misera paga!

ASCOLTA Sean Dagher per Assassin’s Creed in Black Flag

ASCOLTA la versione live con La Nef


Oh I thougth I heard the old man say
Leave her, johnny, leave her
Tomorrow ye will get your pay
An’ it’s time for us to leave her
CHORUS
Leave her, Johnny, leave her
Oh leave her, Johnny, leave her
For the voyage is long and the winds don’t blow
An’ its time for us to leave her
Oh the wind was foul and the sea ran high
She shipped it green an’ none went by
I hate to sail on this rotten tub
No grog allowed and rotten grub
We swear by rote for want o’ more
Oh now we’re through so we’ll go on shore
traduzione italiano di Cattia Salto
Se non sbaglio il capitano ha detto
lasciala, Johnny, lasciala
‘Domani ritirerai la paga’.
ed è il momento per noi di lasciarla.
CORO
lasciala, Johnny, lasciala
lasciala, Johnny, lasciala

che il viaggio è finito
e il vento non soffia

ed è il momento per noi di lasciarla.
Il vento impazzava e il mare si sollevava in alto,
lei fendeva il verde e mai affondava.
Detesto navigare su questa bagnarola marcia,
niente grog e la sbobba marcia, giuriamo e ripetiamo che vogliamo di più
ora abbiamo finito così andremo a riva

ASCOLTA Lou Reed in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs and Chanteys ANTI 2006 Sulla scia della moda piratesca dopo i film sui Pirati dei Caraibi con il capitan Jack Sparrow interpretato da Johnny Deep, anche le grandi star del rock si sono lasciate trascinare dall’idea di comparire in una “galleria di ritratti dei brutti ceffi” (“Rogue’s Gallery” nel mondo anglosassone indica gli schedari fotografici dei criminali); per citare Gino Castaldo “Lou Reed sembra il filosofo del mondo piratesco. Canta Leave her Johnny come fosse una canzone di Brecht e Weill.”


O the times are hard and the wages low
Leave her, Johnny, leave her
I guess it’s time for us to go
And it’s time for us to leave her
O I thought I heard the old man say,
Tomorrow you will get your pay
Liverpool Pat with his tarpaulin hat,
It’s Yankee John the packet rat
It’s rotten beef and weev’ly bread,
It’s pump or drown the old man said
We’d be better off in a nice clean jail,
With all night and plenty of ale
The mate was a bucko(1) and the old man a turk,
The bosun was a beggar with the middle name of work(2)
The cook’s a drunk, he likes to booze,
‘tween him and the mate there’s a little to choose
I hate to sail on this rotten tub,
No grog allowed and rotten grub
No Liverpool bread, nor rotten cracker hash,
No dandy funk, nor cold and sloppy hash(3).
The old man shouts, the pumps stand by,
Oh, we can never suck her dry
Now I thought I heard the old man say,
Just one more pull and then belay.
It’s time for us to leave her
It’s time for us to leave her
For the voyage is done and the winds don’t blow(4)
And it’s time for us to leave her
traduzione italiano di Cattia Salto
oh i tempi sono difficili e le paghe sono scarse
lasciala, Johnny, lasciala
dico che è il tempo per noi di andare
ed è il momento per noi di lasciarla.
Se non sbaglio il capitano ha detto che domani prenderai la paga
Liverpool Pat con il suo cappello cerato
e c’è Yankee John il topo del postale
la carne è guasta e nel pane i vermi
‘Pompa o annega’ ha detto il capitano
si starebbe meglio via, in una bella prigione pulita
con tanta birra  tutta la notte
Il primo ufficiale era un duro(1) e il capitano un turco,
il nostromo uno scansafatiche(2)
il cuoco un ubriacone che gli piace sbevazzare
tra lui e il “primo” c’è poco da scegliere;
detesto navigare su questa bagnarola marcia,
niente grog e sbobba marcia,
niente pane di Liverpool nessuna fetente galletta e biscotti,
nessuno spezzatino freddo e brodoso(3)
Il capitano urla, le pompe si fermano
“Non riusciremo mai a pompare e lasciarla asciutta”
Se non sbaglio il capitano ha detto “Ancora un altro giro e poi basta”
ed è il momento per noi di lasciarla.
è il momento per noi di lasciarla
perchè il viaggio è finito e i venti non soffiano più(4)

ed è il momento per noi di lasciarla

NOTE
1) bucko nello slang marinaresco è l’appellativo con il quale si indicava un comandante brutale che portava la ciurma allo sfinimento pur di far andare veloce la nave
2) se ho capito bene il senso della frase
3) tra le principali lamentele dei marinai c’era il vitto che sia per problemi di approvvigionamento che di conservazione era molto monotono e “sufficiente”. Un detto molto in voga ai tempi diceva ” God provides the food, the Devil provides the cook” e nelle canzoni il cuoco è sempre preso di mira. Per il significato dei termini vedi
4) qui la barca è la metafora della vita 

Times Are Hard and Wages Low (Leave her Johnny)

La versione di John Sharp “This chantey was usually sung when getting into port, the chantey-man seizing this opportunity to express the crew’s dissatisfaction with the ship they were about to leave, which, Mr. Bullen says, was very often fully justified
ASCOLTA Jeff Warner in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 2 (su spotify)


O, the times are hard
and the wages low
Leave her Johnny leaver her
O, the times are hard
and the wages low
It’s time for us to leave her.
My old mother she wrote to me
“My loving son come home from sea.
I ‘ve got no money
and I’ve got no clothes”
I will send you money I will send you clothes.
We all leave her when we get on dock
We’ll leave her and we want’ come back.
A leaking ship and a carping crew
o two long years (we pold her true)*.
A dollar a day is the sailors pay
pump all night and work all day.
We pumped her all ‘round the Horn
“It’s pump you bastards pump or drown”.
O I thought I heard the captain say
“we’ll go ashore when we pump her dry.”
Leave her Johnny like a man
leave her Johnny while you can
* trascritto ad orecchio ma non credo di aver capito bele le parole
traduzione italiano di Cattia Salto
oh i tempi sono difficili
e le paghe sono scarse
lasciala, Johnny, lasciala
oh i tempi sono difficili
e le paghe sono scarse
è il momento per noi di lasciarla.
La mia vecchia madre mi ha scritto
“Amato figliolo, ritorna dal mare
Sono rimasta senza soldi
e non ho vestiti”
Ti manderò i soldi e ti manderò i vestiti.
La lasceremo tutti quando arriveremo al molo
la lasceremo per non voler ritornarci.
Una bagnarola e una squadra di carpentieri
o due lunghi anni …
Un dollaro al giorno è la paga dei marinai, pompa tutta la notta e lavora tutto il giorno.
L’abbiamo pompata al largo dell’Horn
“Pompate bastardi o annegate”
Credo di aver sentito il capitano dire
“Andremo a riva quando sarà asciutta”
lasciala, Johnny come un sol uomo
lasciala, Johnny fin che puoi

FONTI
http://mainlynorfolk.info/louis.killen/songs/leaveherjohnny.html http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/08/leaveher.htm http://www.repubblica.it/2006/07/sezioni/spettacoli_e_cultura/canzoni-pirati/canzoni-pirati/canzoni-pirati.html http://blueloulogan.wordpress.com/2012/10/12/songs-of-logan-3-leave-her-johnny/ https://monkbarns.wordpress.com/tag/dandy-funk/