Joy to the world! The Lord is come & Bradfield from Yorkshire

Joy to the world -Christmas carol
Word: Isaac Watts (1719)
Tune: Lowell Mason (1836-8)

The text of “Joy to the World” was written by Isaac Watts when he was a Protestant pastor in the Church of St. Mark’s Lane (Stoke Newingron, London); the intent was to create more current hymns, for reviving the psalms of the Old Testament, so the psalm 98 “Sing to the Lord a new song” (refrain: “The Lord has revealed his justice to the people “) has become the more poetic “Joy to the World” published in his collection “The Psalms of David, Imitated in the Language of the New Testament” (1719); originally it was not a Christmas carol, as it referred to the second coming of Jesus, so Watts reinterpreted the Old Testament psalm in the light of the New Testament.
[Il testo di “Joy to the World” è stato scritto da Isaac Watts quando era pastore protestante nella Chiesa di St. Mark’s Lane (Stoke Newingron, Londra); l’intento era quello di creare degli inni più attuali, rinverdendo i salmi del Vecchio Testamento,  ispirandosi ai Salmi di Davide, così il salmo 98Cantate al Signore un canto nuovo(ritornello: “Il Signore ha rivelato ai popoli la sua giustizia”) è diventato il molto più poetico “Joy to the World” pubblicato nella sua raccolta  The Psalms of David, Imitated in the Language of the New Testament (1719); in origine non era un canto natalizio, in quanto si riferiva alla seconda venuta di Gesù, così Watts reinterpretò il Salmo del Vecchio Testamento alla luce del Nuovo.]
The most popular melody, at least in the USA, derives from “Antioch” by the American Lowell Mason composed in 1836-8 making an arrangement of Handel’s “Messiah (1742)”.
[La melodia più popolare, perlomeno negli USA, deriva da “Antiochia” dell’americano Lowell Mason composta nel 1836-8 facendo un arrangiamento del “Messia” di Handel (1742).]

The Gothard Sisters in “Falling Snow” 2016 (I, II, I, IV)

Pentatonix 2015 (I, II, IV)

Celtic Woman 2013

Moya Brennan  in An Irish Christmas 2005 (I, II, IV)


I
Joy to the world (1)! the Lord is come;
Let earth receive her King;
Let every heart prepare him room,
And heaven and nature sing,
And heaven and nature sing,
And heaven, and heaven, and nature sing. (3)
II
Joy to the world (earth)! the Saviour reigns;
Your sweetest songs employ (4);
While fields and floods, rocks, hills, and plains
Repeat the sounding joy
III (6)
No more let sins and sorrows grow,
Nor thorns infest the ground;
He comes to make His blessingsflow
Far as the curse (7) is found
IV
He rules the world with truth and grace,
And makes the nations prove (8)
The glories of His righteousness,
And wonders of His love.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Gioia nel mondo (1)! il Signore è venuto;
la terra riceverà (2) il suo Re,
ogni cuore preparerà un posto per Lui,
e cielo e terra cantano
cielo e terra cantano
cielo, e cielo e terra cantano (3)
II
Gioia nel mondo! Regna il Salvatore;
le più dolci canzoni si ricorrono (4),
mentre terra e mare (5), rocce, colline e pianure, ripetono il suono gioioso.
III (6)
Non più peccati e affanni cresceranno,
né le spine infesteranno il terreno;
Egli viene a diffondere la Sua benedizione
fin dove si annida la maledizione (7).
IV
Egli governa il mondo con verità e grazia
e dimostra alle nazioni (8)
gli splendori della Sua rettitudine
e i prodigi del suo amore.

NOTE
1) the psalm describes the second coming of Jesus when he returns in triumph at the end of time. The birth of Jesus overlaps with his second coming when the Earth will be the renewed Earthly Paradise
[il salmo descrive la seconda venuta di Gesù quando ritornerà in trionfo alla fine dei tempi. La nascita di Gesù si sovrappone alla sua seconda venuta quando la Terra sarà il rinnovato Paradiso Terrestre]
2) In his first coming Jesus was not accepted by all men, indeed he was crucified
[ho preferito risolvere l’imperativo con il futuro. Nella sua prima venuta Gesù non è stato accettato da tutti gli uomini, anzi è stato crocefisso]
3) fuging tune  [tipico esempio di melodia fugata]
4) also written as
 [scritto anche come] “Let men their songs employ” ègli uomini canteranno le loro canzoni] they are the righteous men entered the kingdom of God to sing hymns to the Lord [sono i giusti gli uomini entrati nel regno di Dio a cantare inni al Signore]
5) letteralmente “campi e acque”
6) the verse is generally skipped because it is not part of psalm 98 [la strofa generalmente è saltata perchè non facente parte del salmo 98]
the Pentatonix sing a kind of refrain in its place [i Pentatonix cantano al suo posto una specie di ritornello]
Joy to the world, now we sing
Let the earth receive her king
Joy to the world, now we sing
Let the angel voices ring
Joy to the world, now we sing
Let men their songs employ
Joy to the world, now we sing
Repeat the sounding joy
7) the curse thrown by God to Adam after the original sin “Cursed is the ground because of you” [la maledizione è quella lanciata da Dio ad Adamo dopo il peccato originale “Maledetto è il suolo per causa tua”]
8) only with the kingdom of God on earth there will be the peace in the world [solo con il regno di Dio sulla Terra si troverà la pace nel mondo]; letteralmente “fa sì che i popoli provino”

Bradfield

The version of “Joy to the World” according to the tradition of South Yorkshire (Berkshire village) when the singers gathered in the pub to sing Christmas with traditional songs considered too “popular” by the Church.
[La versione di “Joy to the World” secondo la tradizione del South Yorkshire (Berkshire village) quando i cantori si riunivano nel pub per cantare il Natale con canti tradizionali ritenuti troppo “popolari” dalla Chiesa.]
Kate Rusby in “The Frost is All Over” 2015


I
Hark to the bells on Christmas Day
From the church on the hill above
Telling the birth of our Saviour dear
With His message of truth and love
chorus:
Oh the merry bells of Christmas
Ring their sound (message)* so sweet and gay
May you know true joy and gladness

On every Christmas Day
II
Born in a stable cold and bare
With a manger for His bed
Mary and shepherds on holy ground
In that lowly cattle shed
III
Carols and choirs fill the air
With this joyfull (wonderful) * song of peace
And there is joy on earth today
With this song (our praise)* that that will never cease
IV
Peace to the world (Glory to God)* and peace to men
Is the sound (news)* our dear bells bring
Nations will worship on earth below
With this carol that Angels sing
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Ascolta le campane il giorno di Natale
dalla chiesa in cima alla collina
che annunciano la nascita del nostro amato Salvatore, con il suo messaggio di verità e amore
Coro
Le allegre campane di Natale
cantano il loro canto (messaggio) dolce e gaio

per farvi conoscere la vera gioia e felicità
a ogni Natale
II
Nato in una stalla al freddo e nudo
con una mangiatoia come culla
Maria e i pastori sulla terra santa
in quell’umile ricovero per il bestiame
III
Inni e cori riempiono l’aria
con questo gioioso (meraviglioso) canto di pace
e c’è gioia in terra oggi
con questo canto (la nostra preghiera) che non finirà mai
IV
“Pace alla terra (Gloria a Dio) e pace agli uomini”
è il canto (la novella) che le nostre amate campane portano,
le nazioni ti adoreranno giù sulla terra
con questo inno che gli angeli cantano

NOTE
*alcune variazioni testuali

LINK
https://www.christianitytoday.com/history/people/poets/isaac-watts.html

http://www.parrocchiatresanti.bz.it/images/lectio/salmi/lectio-salmi-10ott.pdf
https://www.umcdiscipleship.org/resources/history-of-hymns-joy-to-the-world

http://www.americanmusicpreservation.com/joytotheworldmason.htm
http://globalworship.tumblr.com/post/135746033350/bradfield-uk-pub-christmas-carol-by-kate-rusby

The Animal Carol (Carol delle Bestie)

“The Friendly Beasts”, “The Song of the Ass”, “The Donkey Carol”, “The Animal Carol” o “The Gift of the Animals”, “The Gifts They Gave” è la versione inglese di Orientis Partibus il canto dell’Asino salmodiato in Chiesa per la Festa dell’Asinello.
“The Friendly Beasts”, “The Song of the Ass”, “The Donkey Carol”, “The Animal Carol” or “The Gift of the Animals”, “The Gifts They Gave” is the English version of “Orientis Partibus” the Donkey carol chanted in the Church for the Feast of the Donkey.
La versione inglese fu scritta solo molto più recentemente da Robert Davis (1881-1950), ma è solo una canzoncina natalizia completamente scollegata dal suo contesto goliardico e carnascialesco. Burl Ives ha registrato la canzone nel suo album “Christmas Day in the Morning” (1952). Da allora, il brano è stato registrato da molti altri artisti, tra cui Harry Belafonte, Johnny Cash, Danny Taddei, Peter, Paul e Mary e Sufjan Stevens.
The English version was written only much more recently by Robert Davis (1881-1950), but it is only a Christmas song completely disconnected from its collegiate and carnival context.
Burl Ives included the song on his 1952 album Christmas Day in the Morning. Since then, it has been recorded by many other artists, including Harry Belafonte, Johnny Cash, Danny Taddei, Peter, Paul and Mary, and Sufjan Stevens.

Le iniziali sei strofe (asinello, mucca, pecora, colomba)  sono state poi integrate con ulteriori versi che comprendono i più svariati animali: cammello, gatto, cane, topo, ragno..
The initials six stanzas (donkey, cow, sheep, dove) were then integrated with further verses that include the most varied animals: camel, cat, dog, mouse, spider ..

Johnny Cash

Pete Seeger

The Lagos City Chorale An Igbo Christmas Carol (The Animal Carol)


I
Jesus, our Brother, strong and good,
Was humbly born in a stable rude,
And the friendly beasts around Him stood,
Jesus, our Brother, strong and good.
II
“I,” said the donkey, shaggy and brown,
“I carried your(1) mother uphill and down,
I carried your mother to Bethlehem town;
I,” said the donkey, shaggy and brown.
III
“I,” said the cow, all white and red,
“I gave you (2) my manger for your bed,
I gave you hay to pillow your head;
I,” said the cow, all white and red.
IV
“I,” said the sheep with curly horn,
“I gave you my wool for a blanket warm,
you wore my coat on Christmas morn;
I,” said the sheep with curly horn.
V
“I,” said the dove, from the rafters high,
“I cooed you to sleep that you should not cry,
we cooed you to sleep, my love and I;
I,” said the dove, from the rafters high.
VI
And “I” said the camel all yellow and black
“Over the desert upon my back
I brought him a gift in the wise men’s pack”
“I” said the camel all yellow and black
VII
“I” said the cat with velvet fur,
“Curled at his feet and for him did purr,
warming his toes so he nedd not stir”
“I” said the cat with velvet fur
VIII
Thus all the beasts, by some good spell (4),
in the stable dark were glad to tell
of the gifts they gave Emmanuel,
the gifts they gave Emmanuel.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Gesù fratello buono e gentile
nacque in un umido e piccolo ovile
attorno a lui gli animali amici a stavano a gioire
Gesù fratello buono e gentile
II
Io -disse l’asino scuro e arruffato-
Io la madre per monti e per valli ho portato
Io la madre a Betlemme ho portato
Io -disse l’asino scuro e arruffato-
III
Io – disse la mucca pezzata (3) –
io ti ho dato la mangiatoia per il letto
io ti ho dato il fieno per la testata
Io – disse la mucca pezzata –
IV
Io – disse la pecora dalle  corna ricurve-
io ti ho dato la mia lana per una coperta calda
da indossare la mattina di Natale
Io – disse la pecora dalle  corna ricurve
V
Io – disse la colomba dalle travi lassù-
io ho tubato sul tuo sonno perchè non piangessi,
abbiamo tubato sul tuo sonno, il mio compagno ed io
Io – disse la colomba dalle travi lassù
VI
Io – disse il cammello giallo e nero-
attraverso il deserto sulla mia schiena
ho portato per lui un dono nel bagaglio dei re Magi
Io – disse il cammello giallo e nero
VII
Io -disse il gatto con la pelliccia di velluto
mi sono acciambellato ai suoi piedi e per lui ho fatto le fusa
scaldando le sue dita per non farlo tremare,
Io -disse il gatto con la pelliccia di velluto
VIII
E così tutti gli animali, grazie a un incantesimo,
nella buia stalla erano felici di raccontare
il dono che diedero a Gesù
il dono che diedero a Gesù

NOTE
1) or his
2) or him
3) letteralmente bianca e rossa
4) nella tradizione popolare la notte della nascita di Gesù è una notte magica e gli animali possono parlare, così pure all’Epifania.  Per l’uomo però è rischioso spiare gli animali per stare ad ascoltare, spesso infatti annunciano la morte del malcapitato. Era consuetudine nutrire bene i propri animali la notte della vigilia per evitare che parlassero male dei loro padroni.
In the popular tradition the night of the birth of Jesus is a magical night and the animals can speak, as well as at Epiphany. For the man, however, it is risky to spy on animals and listening, often in fact they announce the death of the victim. They feeded their animals well on the night before Christmas to prevent them from talking badly about their masters.

LINK
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/friendly_beasts.htm
http://www.ramshornstudio.com/carol_of_the_beasts.htm
http://www.sharefollowserve.com/wp-content/uploads/2015/11/The-Friendly-Beasts.pdf

Good King Wenceslas

Forse una delle canzoni natalizie più famose è una composizione ottocentesca di  John Mason Neale sulla scia del Christmas Revival vittoriano. Nel 1853 il reverendo John Mason Neale scelse san Venceslao come protagonista di un canto per bambini sulla generosità, “Good King Wenceslas” (Il buon re Venceslao), divenne ben presto un canto natalizio tradizionale nel giorno di Santo Stefano (il giorno del Boxing Day, un tempo il giorno dedicato alla carità).
Perhaps one of the most famous Christmas carols is a nineteenth-century composition by John Mason Neale in the wake of the Victorian Christmas Revival. In 1853 the Reverend John Mason Neale chose St. Wenceslas as the protagonist of a children’s song about generosity, “Good King Wenceslas”, soon became a traditional Christmas song on St. Stephen’s Day (the Boxing Day once the day dedicated to charity).
Venceslao è realmente esistito e fu Duca di Boemia nel X secolo (tra il 921 e il 929/935), colui che favorì la diffusione del Cristianesimo  in un paese ancora fortemente legato alle antiche tradizioni, fatto uccidere dal fratello per salire al trono, è venerato sia dalla Chiesa Cattolica che Ortodossa e santo patrono della Repubblica Ceca;secondo la leggenda era un uomo generoso e gentile, scrive Cosma di Praga  rifacendosi alle sue agiografie”Ma le sue azioni credo che tu sappia meglio di quanto potrei dirti; perché, come si legge nella sua Passione , nessuno dubita che, alzandosi ogni notte dal suo letto nobile, a piedi nudi e con un solo ciambellano, andò in giro alle chiese di Dio e diede generosamente elemosine a vedove, orfani, prigionieri e afflitti di ogni difficoltà, tanto che era considerato, non un principe, ma il padre di tutti i miserabili.”
Wenceslas really existed and was Duke of Bohemia in the tenth century (between 921 and 929/935), who favored the spread of Christianity in a country still strongly linked to ancient traditions, made to kill by his brother to ascend the throne, he is revered both by the Catholic and Orthodox Church and patron saint of the Czech Republic, according to legend he was a generous and kind man, writes Cosmas of Prague, referring to his hagiographies
But his deeds I think you know better than I could tell you; for, as is read in his Passion, no one doubts that, rising every night from his noble bed, with bare feet and only one chamberlain, he went around to God’s churches and gave alms generously to widows, orphans, those in prison and afflicted by every difficulty, so much so that he was considered, not a prince, but the father of all the wretched.”

statua di San Venceslao – Praga

A San Venceslao è pure collegata una leggenda arturiana, quella in cui si sarebbe risvegliato in caso di invasione nemica, e messo a capo dell’esercito di guerrieri dormiente sotto alla montagna di Blaník per portare il popolo alla vittoria.
An Arthurian legend is also connected to St. Wenceslas, the one in which he would have awakened in the event of an enemy invasion, and placed at the head of the army of sleeping warriors under the mountain of Blaník to bring the people to victory.

La musica era in origine un canto primaverile in latino: “Tempus adest floridum” (secolo XIII, di anonimo) e pubblicato per la prima volta nel 1582 in una collezione di canti religiosi svedesi.
The music was originally a spring song in Latin: “Tempus adest floridum” (thirteenth century, anonymous) and published for the first time in 1582 in a collection of Swedish religious songs.

 La storia narra di un piccolo miracolo di Natale, a seguito della nota bontà del Re.
Ma la cosa che mi colpisce di più è che qui, nel giro di pochi versi, c’è tutto l’uomo. La sua sofferenza, la sua debolezza, il suo bisogno di essere salvato. E c’è la tenerezza di Dio che si fa carne, che si rende concreta, incontrabile. C’è una meta, ma c’è anche la compagnia per affrontare la strada che è in mezzo. Il buon Re Venceslao è figura di Gesù, che, pur essendo Re, si fa servo, condivide in tutto e per tutto la sofferenza e la fatica di noi uomini. (Gianluca Zappa tratto da qui)
The story tells about a small Christmas miracle, as following the known goodness of the King.
“But the thing that strikes me most is that here, in a few lines, there is the whole man. His suffering, his weakness, his need to be saved. And there is the tenderness of God who becomes flesh, which becomes concrete, incontrovertible. There is a goal, but there is also the fellowship to face the road that is in the middle. The good King Wenceslas is figure of Jesus, who, despite being King, becomes a servant, shares in all and for all the suffering and hard work of us men”. (Gianluca Zappa translated from here)

 Loreena McKennitt in  “A Winter Garden – Five Songs For the Season.”
Blackmore’s Night in Winter Carols 2006

The Gothard Sisters in Falling Snow 2016

The Irish Rovers interpretati da 4 simpatici mattacchioni che si firmano BrothersCharles sul loro canale You Tube
The Irish Rovers played by 4 nice bricks who sign BrothersCharles on their You Tube channel


I
Good King Wenceslas (1) looked out,
On the Feast of Stephen,
When the snow lay round about,
Deep and crisp and even;
Brightly shone the moon that night,
though the frost was cruel
When a poor man came in sight,
Gathering winter fuel.
II
“Hither, page, and stand by me,
If though know it, telling,
Yonder peasant, who is he?
Where and what his dwelling?”
“Sire, he lives a good league hence,
Underneath the mountain;
Right against the forest fence,
By Saint Agnes’ fountain.”
III
“Bring me flesh, and bring me wine (3),
Bring me pine logs hither;
Thou and I will see him dine,
When we bear them thither.”
Page and monarch, forth they went,
Forth they went together;
Thro’ the rude wind’s wild lament
And the bitter weather.
IV
“Sire, the night is darker now,
And the wind blows stronger;
Fails my heart, I know not how,
I can go no longer.”
“Mark my footsteps, my good page;
Tread thou in them boldly;
Though shalt find the winter’s rage
Freeze thy blood less coldly ”
V
In his master’s steps he trod,
Where the snow lay dinted;
Heat was in the very sod
Which the Saint had printed (4).
Therefore, Christian men, be sure,
Wealth or rank possessing,
Ye who now will bless the poor,
Shall yourself find blessing.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Il buon re Venceslao (1) guardò fuori
A Santo Stefano
Mentre la neve si ammucchiava
alta, fresca e uniforme
Splendeva  la luna quella notte
Anche se il gelo era crudele
Quando si parò innanzi un pover’uomo
Che raccoglieva legna da ardere.
II
“Vieni qua, o paggio e stammi vicino
e dimmi se lo sai
chi è quel contadino la fuori?
Dove vive e come sta?
“Maestà, vive a una buona lega da qui sotto la montagna,
proprio vicino alla siepe (2) accanto alla fonte di Santa Agnese
III
”Portami della carne e del vino (3)
portami anche dei ceppi di pino
tu ed io lo vedremo cenare
quando li porteremo laggiù”
Il paggio e il re uscirono
in avanti assieme andarono
attraverso le gelide folate di vento
e il maltempo.
IV
“Maestà, la notte si è fatta più scura,
e il vento soffia più forte:
il mio cuore ha paura, e non so come
andare più avanti”
“Segui le mie orme, mio buon paggio e calpestale con decisione, troverai che la rabbia dell’inverno, gelerà il tuo sangue con meno forza”
V
Nei passi del suo padrone camminò, dove nella neve erano le orme, il caldo era in quelle zolle
che il santo aveva calpestato (4).
Perciò siate certi o cristiani
in possesso di ricchezza o rango,
voi che ora date misericordia (5) al povero troverete voi stessi misericordia


NOTE
1) il Duca Venceslao venne dichiarato re “post mortem” quando Carlo IV  fece forgiare a suo nome la nuova corona reale boema. Sebbene nelle illustrazioni del Carol sia per lo raffigurato come un vecchio dalla lunga barba bianca egli morì in giovane età (a 28 anni o 22 anni), dopo aver regnato sulla Boemia medievale per poco più di una decina d’anni. Re Venceslao I è invece figlio di Ottocaro I il primo re di Boemia dal 1198 al 1230.
the Duke Wenceslas was declared king “post mortem” when Charles IV had the new Bohemian royal crown forged in his name. Although in the illustrations by Carol  he is portrayed as an old man with a long white beard, he died at a young age (aged 28 or 22), having reigned over medieval Bohemia for just over a decade. King Wenceslas I is instead the son of Ottocaro I, the first king of Bohemia from 1198 to 1230
2) letteralmente steccato, recinzione boschiva
3) carne e vino sono il cibo simbolico del sacrificio di Cristo
meat and wine are the symbolic food of the sacrifice of Christ
4) Nel momento in cui il paggio perde la speranza, è preso dallo sconforto, ma decide nonostante tutto di proseguire, avviene un piccolo miracolo: le orme del buon re emanano calore tale da scongelare la neve e riscaldare le zolle. La narrazione segue la leggenda secondo cui il buon re era solito andare di notte a piedi scalzi a fare elemosina ai poveri: il calore interno emanato dal suo amore verso Dio si trasmette attraverso le orme lasciate sul terreno.
When the page loses his hope, he is taken by despair, but still decides to continue, so a small miracle takes place: the footsteps of the good king give off such heat as to thaw the snow and heat the clods. The narrative follows the legend that the good king used to go barefoot at night to give alms to the poor: the internal heat emanating from his love for God is transmitted through the footsteps left on the ground.
5) anche se misericordia si traduce con mercy, è usata qui per blessing (benedizione) nel senso di elargizione ai poveri

In “Canti di Natale di tutto il mondo”  (1992) a cura di Egidio Corbetta , Ilio Manfredotti ha “tradotto” “Good King Wenceslas” in italiano, in realtà il brano è un testo completamente diverso dal titolo “Stella d’Oriente”
In “Canti di Natale di tutto il mondo” (1992) by Egidio Corbetta, Ilio Manfredotti has “translated” “Good King Wenceslas” in Italian, in reality the song is a completely different text entitled “Stella d’Oriente”

LINK
http://damatti.blogspot.com/2015/09/san-venceslao-patrono-repubblica-ceca.html
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Text/legend_of_s_wenceslaus.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/good_king_wenceslas.htm
http://www.gliscritti.it/blog/entry/4604
https://bifrost.it/SLAVI/Fonti/Praga-1.html
https://www.storynory.com/king-wenceslas

Let all that are to mirth inclined

Loreena McKennitt sceglie per il suo primo album natalizio un paio di inni antichi o poco conosciuti. “Let all that are to mirth inclined” è uno di questi, assente negli album confezionati per Natale e che corrisponde al “suo” concept-album natalizio.
Loreena McKennitt chooses for her first Christmas album a couple of ancient or little known hymns. “Let all that are to mirth inclined” is one of these, absent in the albums registred for Christmas and that corresponds to “her” Christmas concept-album.
Da bambina la mia impressione più vivida della musica invernale è nata dalle canzoni e dagli inni registrati nelle chiese o nelle grandi sale, ricche della propria unica atmosfera e tradizione. In quello spirito, mi sono recata in vari simili luoghi che ho imparato ad apprezzare nei miei viaggi”
“As a child my most vivid impression of music for the winter season came from songs and carols recorded in churches or great halls, rich with their own unique ambience and tradition. In that spirit, I have ventured into several similar locations that I have come to cherish in my travels.”

Il canto natalizio della tradizione inglese è un tipico canto del Presepe con la narrazione della nascita di Gesù in un umile grotta, l’omaggio dei pastori e dei re Magi, senonchè molti versi sono identici alla versione irlandese  “The Wexford carol”.
This Christmas carol of the English tradition is a typical song of the Nativity scene with the narration of the birth of Jesus in a humble cave, the homage of the shepherds and the Wise Men, although many verses are identical to the Irish version “The Wexford carol”.

Loreena McKennitt in “To drive the cold winter away” 1987

 

Enghish Traditional*
I
(Let all that are to mirth inclined)
Consider well and bear in mind
What our good God for us has done
In sending his beloved Son
chorus
For to redeem our souls from thrall
Christ is the saviour of us all.
II
The twenty-fifth day of December
We have good cause to remember
In Bethlehem upon that morn
There was a blessed Messiah born
III
But mark how all things came to pass
The inn and lodgings filled was
That they could find no room at all
But in a straw-filled ox’s stall.
chorus
IV
Near Bethlehem some shepherds keep
Their flocks and herds of feeding sheep
To whom God’s angels did appear
Which put the shepherds in great fear.
V
With thankful heart and joyful mind
The shepherds went this babe to find
And as the heavenly angel told
They did our saviour Christ behold.
chorus
VI
Three eastern wise men from afar
Directed by a glorious star
Came boldly on and made no stay
Until they came where Jesus lay.
VII
And being come unto that place
Where the blessed Messiah was
They humbly laid before his feet
Their gifts of gold and incense sweet.
chorus
VIII
See how the Lord of heaven and earth
Shewd himself lowly in his birth
A sweet example for mankind
To learn to bear an humble mind.
chorus
IX
Let all your songs and praises be
Unto his heavenly majesty
And evermore amongst our mirth
Remember Christ our Saviour’s birth. (1)
Repeat I
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Fate tutto ciò che porta alla letizia
considerate bene e tenetelo in mente
ciò che il buon Dio ha fatto per noi,
nel mandare il suo amato Figlio
coro
Per redimere le nostre anime dalla schiavitù del peccato, Cristo è il salvatore di tutti noi
II
Il venticinque di Dicembre
abbiamo un buon motivo per ricordare
a Betlemme in quel mattino
è nato il Messia benedetto
III
Ma rammentate bene come andò,
la locanda e le camere erano pieni
che loro non trovarono una stanza
se non in una stalla di buoi tra la paglia
Coro
IV
Vicino a Betlemme dei pastori governavano le greggi (di agnelli) e le mandrie di pecore, si pararono innanzi gli angeli di Dio
a mettere i pastori in grande timore
V
Con cuore grato e pensiero gioioso
i pastori andarono a trovare quel bambino e come l’angelo del cielo disse videro il nostro Cristo Redentore
Coro
VI
C’erano tre uomini saggi d’Oriente da lontano
guidati da una stella luminosa
vennero arditamente e senza indugi
per arrivare fin dove stava Gesù
VII
E quando giunsero sul posto,
dove stava il Messia benedetto,
posarono umilmente ai suoi piedi
i loro doni d’oro e profumato incenso.
Coro
VIII
Vedete come il Signore del Cielo e della Terra
si mostrò povero nella sua nascita
un dolce esempio per l’umanità
per imparare a sopportare l’umiltà.
Coro
IX
Lasciate che tutti i vostri inni e le lodi
giungano alla sua maestà celeste
e per sempre con letizia
ricordate la nascita di Cristo il Salvatore (1)

NOTE
*Molti versi sono condivisi dal carol della tradizione irlandese “Wexford carol
Many verses are shared by the English carol “Wexford carol
1) la data del Natale di Gesù non fu festeggiata fino al 354 quando la Chiesa d’Occidente la fece coincidere con la festa romana e imperiale del Sole Invitto. Tuttavia in Oriente ancora per molto tempo la festa era celebrata il 6 gennaio (fino al VII secolo), così le chiese bizantine ricordano l’adorazione dei Magi già al 25 dicembre: essi rappresentavano più in generale tutto il genere umano che riconosce il Cristo come Salvatore
the date of Christmas of Jesus was not celebrated until 354 when the Church of the West made it coincide with the Roman and imperial festival of the Invitating Sun. However, in the East for a long time the party was celebrated on 6 January (up to the 7th century), so the Byzantine churches recall the adoration of the Magi as early as 25 December: they represented more generally the whole human race that recognizes Christ as Savior

LINK
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/wexford_carol.htm
http://www.patrickcomerford.com/2011/12/christmas-poems-1-wexford-carol.html
http://www.celticchristmasmusic.com/christmas-traditions/kilmore-carols-in-ireland.htm
http://www.reginamundi.info/icone/nativita-palatina.asp

Lullay mine Liking

Carol del XV secolo conservato nello Sloane Manuscript è idealmente la ninna-nanna cantata da Maria al Bambin Gesù, giunta sino a noi solo nella parte testuale. La melodia perduta è stata riproposta da svariati compositori.
Carol of the fifteenth century preserved in the Sloane Manuscript is ideally the lullaby sung by Mary to the Child Jesus, which has come down to us only in the textual part. The lost melody has been re-proposed by several composers.

 Magpie Lane, versione di Richard R. Terry (Richard R. Terry version)

Artisan, versione di Gustav Holst (Gustav Holst version)

versione di Thomas H.B. Slawson (Thomas H.B. Slawson version)

Inglese Medievale
Refrain
Lullay, myn lykyng,
my dere sone, myn swetyng,
Lullay, my dere herte,
myn owyn dere derlyng.
I
I saw a fayr maydyn
syttyn and synge,
Sche lullyd a lytyl chyld,
a swete lordyng,
II
That eche lord is
that that made alle thinge,
Of alle lordis he is lord,
of alle kynges kyng.
III
Ther was mekyl melody
at that chyldes berthe,
Alle tho wern in hevene blys
thei made mekyl merthe,
IV
Aungelebryt thei song that nyt
and seydyn to that chyld,
“Blyssid be thou, and so be sche
that is bothe mek and myld”.
V
Prey we now to that chyld,
and to his moder dere,
Grawnt hem his blyssyng
that now makyn chere.


Refrain
Lullay, mine Liking,
my dear Son, mine Sweeting,
Lullay, my dear heart,
mine own dear darling.
I
I saw a fair maiden,
sitting and sing,
She lulled a little child
a sweet lording:
II
That very (eternal) lord is
He that made all things
Of all lords He is Lord
of ev’ry King He’s king.
III
There was mickle melody
at that Child’s birth,
All that were in heaven’s bliss,
they made mickle mirth.
IV
Angels bright they sang that night
and saiden to that Child,
“Blessed be Thou, and so be
she that is both meek and mild.”
V
Pray we now (un)to that Child,
and to His mother dear,
God grant them His blessing
that now maken cheer.
Traduzione italiano di Cattia Salto
Ritornello
Ninna Nanna, amore mio
caro figlio mio, mio amato
Ninna Nanna, cuore mio
mio caro tesoro
I
Vidi una vergine fanciulla
seduta a cantare,
cullava un bambinello
un mite regnante
II
Questo vero Re è
colui che fece ogni cosa
di tutti i signori è Signore
e di tutti i Re è Re
III
C’era molta musica
alla nascita di quel bambino
tutta la felicità del Cielo
esultò
IV
Gli angeli radiosi cantarono quella notte e dissero al bambinello
“Benedetto sei tu e anche
Lei che è mite e gentile”
V
Preghiamo ora per quel Bambino
e per la sua cara madre,
Dio concedi loro la tua Benedizione
che ora ci fa rallegrare

FONTI
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/lullay_mine_liking.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/lullay_myn_lykyng.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/lullay_my_liking.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/i_saw_a_fair_maiden.htm

Let Us the Infant Greet

Loreena McKennitt sceglie per il suo primo album natalizio un paio di inni antichi o poco conosciuti. “Let us the Infant greet” è uno di questi, assente negli album confezionati per Natale e che corrisponde al “suo” concept-album natalizio.
Loreena McKennitt chooses for her first Christmas album a couple of ancient or little known hymns. “Let us the Infant greet” is one of these, absent in the albums registred for Christmas and that corresponds to “her” Christmas concept-album.
Da bambina la mia impressione più vivida della musica invernale è nata dalle canzoni e dagli inni registrati nelle chiese o nelle grandi sale, ricche della propria unica atmosfera e tradizione. In quello spirito, mi sono recata in vari simili luoghi che ho imparato ad apprezzare nei miei viaggi”
“As a child my most vivid impression of music for the winter season came from songs and carols recorded in churches or great halls, rich with their own unique ambience and tradition. In that spirit, I have ventured into several similar locations that I have come to cherish in my travels.”

Il canto nasce nell’ Ottocento e probabilmente la melodia è un tradizionale natalizio dell’Herefordshire; è l’esortazione ai Cristiani di riunirsi in chiesa in occasione della nascita di Gesù Bambino per cantare lodi al Signore e confidare nella meritata ricompensa per una vita virtuosa e devota (dopo la morte).
The song was born in the nineteenth century and probably the melody is a traditional Christmas carol of Herefordshire; it is the exhortation to Christians to gather in church on the occasion of the birth of the Child Jesus to sing praises to the Lord and trust in the deserved reward for a virtuous and devoted life (after death).

Loreena McKennitt in “To Drive the Cold Winter Away” 1987


I
Let us the Infant greet,
In worship before Him fall,
And let us pay Him homage meet,
On this His Festival.
II
Let us to the Infant sing,
And bring Him of gifts rich store,
Let us honour our Infant King!
With praise forevermore.
III
Let us to the Infant kneel,
And love Him with faithful love,
And let our joyous anthems peal,
For Him who reigns above.
IV
Glad hymns in the Infant’s laud,
Sing we to Him while we may,
In heaven, where He is throned as God,
Our service He will pay.
V
Be we to the Infant true,
While we are dwelling on mould,
And He will give us our wages due,
A crown of purest gold (4)
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Dobbiamo salutare il Bambinello,
cadere in adorazione davanti a Lui,
e dobbiamo rendergli omaggio riuniti,
in questa sua festività.
II
Dobbiamo cantare al Bambinello,
e portargli doni in abbondanza,
dobbiamo onorare il nostro Re Bambino e lodarlo in eterno.
III
Dobbiamo inginocchiarci davanti al Bambinello, e amarlo con amore devoto, e dobbiamo innalzare(1) i nostri gioiosi inni, per Colui che regna in cielo
IV
Lieti inni che lodano il Bambinello,
cantiamo a Lui finchè possiamo,
in Paradiso, dove Lui è in trono come Dio, il nostro servizio(2) Lui ci ricompenserà
V
(Dobbiamo) stare con il vero Bambinello,
mentre dimoriamo sulla terra (3),
e Lui ci darà la nostra giusta ricompensa,
una corona di oro zecchino (4)

NOTE
1) to peal si usa per il rintocco delle campane, o per descrivere un rimbombo, con una sola parola si visualizza il canto dei fedeli rinforzato dall’eco di una chiesa
2) il termine service (che traduce sia servizio che messa, funzione) rinforza l’immagine dei fedeli riuniti in chiesa per la Messa di Natale
3) la frase si ricollega alla Genesi quando l’uomo è stato modellato da Dio con il fango, si potrebbe anche tradurre (in senso più letterale): “mentre viviamo in questo calco” (mentre abitiamo in queste spoglie mortali)
4) in genere in questi canti natalizi è sempre evocata la morte di Gesù così la corona dei giusti richiama la corona di spine portata da Gesù  in Croce
usually in these Christmas songs the death of Jesus is always evoked, so the crown of the just recalls the crown of thorns brought by Jesus on the Cross

LINK
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/let_us_the_infant_greet.htm

La canzone dell’Asino: Orientis partibus

La Festa dell’Asino (o Festa dei Folli detta a Firenze Festa dei Pazzi) si celebrava in chiesa in diverse regioni d’Europa, nel giorno della Circoncisione di Gesù bambino (il primo di gennaio – vedi Santo Prepuzio); ma la data in questione variava così poteva cadere all’Epifania o al 14 gennaio: Jean-Baptiste Thiers, uno dei primissimi studiosi di queste feste, scrive: “A volte gli ecclesiastici si facevano merito davanti a Dio e agli uomini di danzare in chiesa … così come all’interno di cattedrali e collegiate dove si svolgeva tutta una serie di feste, sottolineate da rituali d’eccezione e da danze liturgiche; una serie quasi ininterrotta che aveva spesso un’appendice nei giorni che seguono l’Epifania, fino all’ottavario incluso in gennaio. Si trattava dunque di un lasso di tempo superiore al mese contraddistinto da alcuni momenti focali, ognuno dei quali con una diversa origine e una forma di devozione particolare, limitata dapprima a un solo giorno e a una sola cerimnia, poi estesa a più giorni. In effetti, tutti questi motivi ispiratori, tutti questi temmi liturgici finivano col confondersi e ogni gruppo di chierici negli stessi monasteri celebrava una sola grande festa d’inverno, nel giorno imposto da una tradizione sempre molto antica, oppure da una innovazione del tutto arbitraria che nasceva dall’imitazione dei vicini o addirittura dal desiderio di superarli.” (tratto da qui)

LA FESTA DELLE CALENDE

Lo scopo della festa era rendere omaggio all’asino che non solo lo aveva tenuto al caldo nella grotta, era fuggito con la Sacra Famiglia in Egitto, ma anche lo aveva portato il Messia adulto sul suo dorso nell’ingresso a Gerusalemme (affinchè si avverassero le Profezie).
La venerazione dell’Asino era ancora diffusa tra i paloecristiani e il medioevo finisce per mantenere molte storie e tradizioni asinine arrivando all’identificazione di Gesù Cristo crocefisso onocefalo

Pietro Lorenzetti: Gesù entra a Gerusalemme, affresco Basilica di Assisi

“Immagine non necessariamente (o per nulla) blasfema, bensì profondo simbolo sacrificale.
Al raglio asinino, quest’invocazione che sembra così piena di dolore e vuota di speranza, è stato in questo senso associato il grido altissimo di Gesù sulla croce. E all’umile e paziente asinello, segnato dalla croce sulla schiena in ricordo e ringraziamento per il suo servizio nella Domenica delle Palme, si associa appunto il Cristo stesso di cinque giorni più tardi, il Cristo dileggiato e sofferente che, al pari dell’asino, porta sulle spalle la croce sulla quale sarà sacrificato. I corteggi medievali dei condannati montati su asini, e poi ancora le “feste dei folli”, i “carnevali degli asini” e tutti i riti “di rovesciamento” nei quali l’asino veniva abbigliato da re o da vescovo e onorato, rex unius diei prima di venire bastonato e scorticato (o anche semplicemente prima di tornare all’improba fatica di tutti i giorni), conservano tu tti la memoria di questo ambiguo ma commovente rapporto fra asino e Cristo, entrambi figure regali ed entrambi obiettivo della crudeltà dell’uomo.” (tratto da qui)

Mal tollerata ma tuttavia praticata dai sacerdoti la Festa dell’Asinello era una mescolanza di sacro e profano, una facezia che però si poteva spingere fino allo scherno della liturgia in una  parodia della messa.
C’è da dire che nel Medioevo la chiesa non è solo un edificio in cui si celebrava messa, ci si tengono assemblee politiche sotto l’egida del Vescovo, si discute di grano e bestiame, si fissano i prezzi delle stoffe, le cattedrali costruite con l’impegno delle Corporazioni erano anche luogo di riunioni e di consiglio in cui si sbrigavano le questioni riguardanti la Corporazione e si pacificavano le contese. Diventa rifugio ospedaliero durante le epidemie o per i pellegrini o i malati in cerca di guarigione, asilo inviolabile dei perseguitati, tomba per gli illustri defunti. Poteva capitare che ci entrassero degli uomini a cavallo e almeno una volta l’anno un asino in abito talare.
Durante la festa nessuna usanza o convenzione si sottraeva al ridicolo, e persino i personaggi più altolocati del regno dovevano rassegnarsi a lasciarsi schernire. Il mondo ivi simboleggiato era eterogeneo, confuso, inebriante, gaio, ardito. Questa festa non fu mai popolare presso le corti alte. Fu costantemente condannata e censurata. Ma nonostante i maneggi di molti ecclesiastici e un’aperta condanna del Concilio di Basilea del 1431, essa sopravvisse fino al secolo XVI. Poi, durante l’epoca della Riforma e della Controriforma, a poco a poco scomparve. I cronisti raramente ne deplorano la scomparsa.  (tratto  da  qui)

L’ASINO

La xilografia di Dürer della Ruota della Fortuna rende protagonista un trio di somari, rappresentati, in fase di discesa, il più umano, di salita, un personaggio onocefalo e, in equilibrio precario su una zampa ripiegata, un asino per intero, che offre le terga all’osservatore. Spesso nel medioevo il folle porta una cuffia da cui spuntano le orecchie d’asino e stringe in mano una clava.

Animale ambivalente nel Medioevo è simbolo sia del Bene, umile, paziente, cavalcatura dei profeti e creatura sapienzale (l’asina di Balaam),  ma anche del Male: è l’asino contrapposto al bue simbolo della cristianità e del Popolo Eletto in quanto animale “puro che ha l’unghia bifida e non rumina”, mentre l’asino pagano è “impuro, rumina e ha l’unghia compatta”; è l’asino di Dioniso e quindi cavalcato da Gesù per simboleggiare la chiesa cristiana che trionfa sulle culture precedenti. E’ l’Asino d’oro di Apuleio schiavo dei piaceri della carne, ingnorante ma curioso di apprendere la magia.
Scrive Franco Cardini: Dal mito isiaco, quindi, noi abbiamo in un certo senso tratto lo statuto negativo (o quanto meno ambiguo) dell’asino: quello a causa del quale definiamo asini i ragazzi svogliati e le persone ostinate, che rifiutano di assoggettarsi a quei valori cristiani che sono la disciplina e l’umiltà; quello a causa del quale ci sembra assurda e ci fa ridere la famosa immagine dell’asino che vola (a differenza di quella del suo più nobile fratello equino: Pegaso, il cavallo alato, è segno di ascensione e di apoteosi) . L ‘asino non può avere ali né volare in quanto animale ctonio, legato alla terra, correlato all’immagine del caos; e tale lo interpreta anche Carl Gustav Jung. (tratto da qui)

LA MESSA DELL’ASINO

Ma come si svolgeva questa insolita festa natalizia? Una processione si partiva dalla chiesa seguita da dignitari e dal popolo e vi ritornava al seguito di un asino condotto in chiesa fino all’altare. Alla Messa  tutti i fedeli rispondevano con dei ragli.
Hez va, hez va, hez va, hez !
Biaux sire asnes, car alez,
Bele bouche, car chantez!
Per l’occasione venne scritta pure una canzone Orientis partibus! Il canto attribuito all’arcivescovo di Sens Pierre de Corbeil, di cui conosciamo testo e musica perchè contenuto nel “Officium stultorum ad usum Metropoleos ac primatialis Ecclesiae Sennonensis”  (XIII sec) conservato a Parigi nella biblioteca del Re .

ASCOLTA The Jaye Consort & Gerald English
ASCOLTA Musica Vagantium

ASCOLTA New London Consort (direttore Philip Pickett)
ASCOLTA Clemencic

ASCOLTA Compagnia dell’asino che porta la croce

ASCOLTA Joglaresa & Belinda Sykes


I
Orientis partibus
adventavit asinus
pulcher et fortissimus
sarcinis aptissimus
Hey, Hez, sir asne, hey!
II
Hic in collibus Sichan
iam nutritus sub Ruben
transiit per Iordanem
saliit in Bethlehem
III
Saltu vincit hinnulos
dammas et capreolos
super dromedarios
velox madianeos
IV
Aurum de Arabia
thus et myrrham de Saba
tulit in ecclesia
virtus Asinaria
V
Dum trahit vehicula
multa cum sarcinula
illius mandibula
dura terit pabula
VI
Cum aristis, hordeum
comedit et carduum
triticum ex palea
segregat in area
VII
Amen dicas, asine
iam satur de gramine
Amen, amen itera
aspernare vetera
Traduzione italiano*
I
Dalle regioni orientali
arriva l’asino
bello e fortissimo
adattissimo al carico
Ehi, ehi, sire asino, ehi!
II
Qui sui colli di Sichan
già nutrito sotto Ruben (1)
attraversa il Giordano
sale a Betlemme
III
Sconfigge nel salto il giovane mulo
i giovani daini e i caprioli
superiore in velocità
ai dromedari medianiti
IV
L’oro d’Arabia
l’incenso e la mirra di Saba (2)
portò alla chiesa
la virtù dell’asino (3)
V
Quando traina il suo carretto
con molto carico
con la sua mandibola
tritura il duro foraggio
VI
Con frumento e orzo
mangia e il cardo
il grano dal loglio
separa nell’aia (4)
VII
Di’ amen, asino
già sazio d’erba
Amen, ancora amen
rifiuta il passato

NOTE
* rielaborata dalla versione di Daniele Benedetti (qui) traduzione in inglese qui
1) Ruben è il figlio primogenito di Giacobbe. Ancora Carini scrive ” gli Ebrei sembrano condividere con gli altri popoli semiti del vicino Oriente un atteggiamento di sostanziale simpatia e anche di venerazione nei confronti dell’asino. Esso è sovente cavalcatura dei profeti, e nell’episodio di Balaam è l’asina che riconosce per prima l’angelo del Signore (il che servirà da prototipo a molti celebri miracoli medievali nei quali l’asino s ‘inginocchia dinanzi all’ostia consacrata e così via)”
2) l’asino che entra nella chiesa entra simbolicamente in Gerusalemme ossia nella pace. La terra di Saba era nel Medioevo la terra dei maghi-astrologi.
3) per gli iniziati  la Chiesa aveva abbandonato il cammino verso la conoscenza esoterica, così l’asino glorificato indica una via iniziatica asinina (la via del Matto) continua
4) un tempo vi utilizzavano gli animali per decorticare il grano: sopra il grano disteso nell’aia si facevano camminare in circolo bovini o asini che trascinavano una pietra piatta con delle scanalature (o anche semplicemente facendo camminare gli animali sul grano).

continua

FONTI
http://markhedsel.blogspot.it/2014/12/il-significato-arcano-della-festa-dell.html
http://www.ctonia.com/pagine/Scritti/patiboli/rituali_di_rovesciamento.htm
http://www.doctorlizmusic.com/mctcchoirs/wp-content/uploads/2012/07/Orientis-Partibus-analysis-1.pdf
http://web.mclink.it/MH0077/IlGiardinoDeiMagi/Giardino%201/cardini_asino_6.htm
https://www.mondimedievali.net/Immaginario/asino.htm
http://web.csepasca.it/lasino-del-medioevo

Hey for Christmas

Tra i resoconti e le cronache di come in Inghilterra si festeggiassero i dodici giorni del Natale spicca questa canzoncina dal titolo “Hay for Christmas” in cui, anche se non espressamente citata, è chiaramente richiamata la festa dell’Epifania.

Shropshire Wakes

Il testo è contenuto in un foglio volante stampato a Londra alla fine del 1600. La melodia abbinata è la popolarissima Dargason

ASCOLTA Passamezzo
ASCOLTA The Baltimore Consort


I
Come Robin Ralph, and little Harry,
and merry Thomas at our Green,
Where we shall meet with Briget and Sary,
and the finest young wenches that ere were seen:
Then high for Christmas once a year
And where we have Cakes, both ale and beer (1)
And to our christmas feast there comes,/ Young men and Maid to shake their bums (2).
II
For Gammer Nichols has gotten a Custard
My Neighbour Wood a roasted Pig,
And Widdow Franklin hath beer & mustard,
& at the Thatcht house there is good swig.
III
There’s a fidler for to play e’ry Dance
when the young Lads and Lasses meet:
With which the Men & Maids will prance,
with the fidler before them down the street:
IV
The Morice dancers (3) will be ready
Meat and Drink enough to lade ye (4):
And in a Fools dress will be little Neddy,
to entertain our Christmas Lady (5)
V
And when that they shall all appear,
that are to be at our brave Wakes,
To eat iup the Meat(6), and drink up the Beer,/ And to play at cards for Ale and Cakes (7)
VI
Then Grace and sweetest Winnifret,
and all the Lasses on the place,
When that the young men they have met/ see how the Devils-dream (8) they’l trace:
VII
They side and then tun round about
and briskly trip it to each other:
And when they have danct it out,
they presently call for another
VIII
Ralph leading up with Sue in ‘s hand,
And Briget being by Robins side,
You’d laugh to see how they do stand:
with their heads together and feet so wide
IX
The dance being done the fidler plays Kissum (9)
which Dick and Harry soon did so,
And Randal the Taylor could not missum (10),
but he must kiss his Partner too.
X
Then they sat down to their good cheer,
and pleasant were both Maids and Men, /And having din d and drank their bear (11),
they rose and went to dance again,
XI
Thus they did daunce from noon till night,
and wer as merry as Cup and Can (12),
Till they had tyrd the Fidler quite (13),
and the sweat down their buttocks ran.
XII
Then they went to the little thatcht house,
and plaid at Cards a game or two,
And with the good Liquor did so carouse,/that they made drunk both Tom and Hugh.
XIII
The rest unto Hot-cockles (14) went,
but Neddy gave Nelly a blow too hard,
That all together by the ears they went,
and all their sporting soon was mar’d.
XIV
The Pots flew about the glasses were broke
Doll was taring Mol by th Quife (15),
Richard was pulling John by the throat,
at which the Hostess drew her knife.
XV
They took the Fidler and broke his pate (16)
and threw his fiddle into the fire:
And drunkenly went home so late,
that most of them fell in the mire.
XVI
The men went away and paid ne’r a groat,
but left the Maids to pay (17) for their chear,
Betty was forst to pawn her laste coat,
and ??? to leave her Garget (18) there :
XVII
And so my merry ballad is Ended,
when the Maids come agoin to these wakes
they’l first see the young lads manners mended
and make them pay for ale and Cakes.
Traduzione italiano di Cattia Salto*
I
Venite Robin, Ralph, e il piccolo Harry
e l’allegro Thomas al nostro Ballo
dove ci incontreremo con Briget
e Sary,
e le più belle giovani ragazze che mai si siano viste:
Allora evviva il Natale una volta all’anno
dove abbiamo dolci e anche birra normale e birra luppolata,
e alla nostra festa di Natale là vanno
giovanotti e fanciulle a muovere
il culo
II
Gammer Nichols ha preso una  crema pasticcera
il mio vicino Wood un maiale arrosto
e  Widdow Franklin ha preso birra e mostarda
perchè in Casa Thatcht c’è  un bel divertimento
III
Ci sarà un violinista per suonare ogni danza quando i giovani ragazzi e le ragazze s’incontreranno: gli uomini e le donne  zompetteranno
con il violinista davanti a loro in cima alla fila
IV
I Morris terranno pronti cibo e bevande in abbondanza per rinfrescarsi e nell’abito del Matto ci sarà il piccolo Neddy a intrattenere la nostra Regina del Natale
V
Per ciò tutti si presenteranno
per essere alla nostra brava Veglia;
a mangiare carne e a bere birra
e a giocare alle carte, per le belle cose della vita
VI
Allora Grace e la graziosa Winnifret,
e tutte le ragazze al posto
non appena con i giovanotti si saranno accoppiate,  vedrai come danzeranno “The Devils-dream”
VII
Si metteranno in fila e poi gireranno in cerchio e allegramente si pesteranno i piedi l’un l’altro, e quando l’avranno danzata, ne richiederanno un’altra
VII
Ralph comanda con Sue per mano
e Briget sta al fianco di Robi
n,
rideresti nel vedere come sono messi:
con le teste vicine e i piedi così
distanti
IX
A danza terminata il violinista suona “Kissum”
che Dick e Harry subito fecero
e Randal il sarto non voleva sbagliare
e ugualmente doveva baciare la sua compagna
X
Poi si riposarono e per il loro buon umore  fu piacevole sia per le fanciulle che per i giovanotti
prendere delle  bevande e bere le loro birre, poi si alzarono e andarono a danzare nuovamente
XI
Così ballarono da mattino a sera e furono felici come “piselli nel baccello”
fino a quando finirono per stancare il violinista e il sudore scorreva giù per le  natiche
XII
Poi andarono al piccolo cottage con il tetto di paglia
e giocarono una partita o due a carte
e con il buon liquore fecero così baldoria
che si ubriacarono anche Tom e Hugh.
XIII
Il resto giocò a “mano calda”, ma Neddy diede a Nelly un colpo troppo forte che tutti quanti si presero per le orecchie e tutti i giochi subito naufragarono
XIV
Volarono  caraffe e i bicchieri furono infranti, Doll stava tirando Mol per la Cuffietta, Richard stava prendendo John per la gola a cui la padrona mostrava il coltello
XV
Presero il violinista e gli ruppero la testa e gettarono il violino nel fuoco: così ubriachi andarono a casa così tardi che la maggior parte di loro cadde nel fango
XVI
Gli uomini se se andarono e non pagarono un soldo,  ma lasciarono che le fanciulle pagassero per il divertimento, Betty fu la prima a dare il pegno la sua ultima giacchina  e ??? a lasciarci anche il collarino
XVII
E così la mia divertente ballata è finita
quando le ragazze ritorneranno di nuovo a queste veglie
per prima cosa si metteranno al riparo dalle abitudini dei giovanotti
e li faranno pagare per il divertimento.

NOTE
* questa è solo la prima stesura che ha bisogno di essere revisionata e meglio scritta
1) Nelle Isole Britanniche  si producevanoall’epoca prevalentemente birre non luppolate dette ALE; erano infatti le birre provenienti dal “continente” a contenere luppolo e quindi distinte con una parola diversa BEER!
2) l’espressione significa “dimenarsi”, ballare in modo sfrenato”
3) I Morris dancers sono danzatori in costume che si esibiscono in balli popolari risalenti al medioevo eseguiti con passo saltellato e l’uso di bastoni, fazzoletti ma anche spade e assordanti campanelle
4) to lade= prelevare (acqua o liquidi) con un mestolo sta per to  ladle, servire con un mestolo quindi “Drink enough to lade ye” con una traduzione letterale diventa: “bevanda bastante da mescersi”
5) è la Regina del Pisello, per motivi di rima menzionata come Regina del Disordine, ovviamente in coppia con Re Fagiolo (vedi Torta del fagiolo)
6) Meat in questo contesto sta più genericamente per cibo, l’ho tradotto con pasticci in riferimento alle preparazioni in crosta ripiene di carne
7) Cakes and Ale è un modo di dire per “the good things of life” 
8) “The Devils-dream
(il sogno del diavolo): la melodia è un reel e anche una popolare country dance, istruzioni e video qui; la melodia è conosciuta soprattutto in Scozia  con il titolo di “The Devil Amang the Taylors”  abbinata a una scottish country dance istruzioni e video qui
9) “The Cushion Dance” è descritta come la “danza dei baci” da qui il soprannome kissum” (istruzioni qui)
10 )trovato anche trascritto  ” And Randall the tailor he would not miss”
11) la trascrizione del testo dirattamente dai broadsides diventa a volte problematica sia per le condizioni d’usura dei fogli che per i carattere di stampa utilizzati: così ho interpretato il verso nel contesto
12) termine colloquiale per indicare una coppia ben assortita come ad esempio “pane e burro”, “culo e camicia”
13) “Till they had tired the fiddler quite”

A Game of Hot Cockles, attribuito a D Van Der Plaes fine 1600:  uno dei tipici giochi natalizi con cui si divertivano i giovani

14) Hot-cockles letteralmente “vongole calde” era un popolare gioco fin dal Medioevo, praticato un tempo dagli adulti e oggi forse solo dai bambini (diciamo che gli ultimi a giocarlo sono stati i ragazzi pre-telefonino), detto il gioco del soldato perchè tipico gioco da caserma, oppure gioco della “mano calda”.

15) Quife= coif
16) patehead, skull
17) la consuetudine di un tempo era che il violinista  venisse ingaggiato dai danzatori i quali lo pagavano a fine serata facendo una colletta
18) Garget = gorget

DARGASON

Anche intitolata Sedanny è una danza pubblicata nel “The English Dancing Master” di John Playford (1651)

ASCOLTA la versione di Gustav Holst St. Paul’s Suite 

Affresco Villa Caldogno: Invito alla danza, Giovanni Antonio Fasolo: è chiaramente illustrata una Dargason

FONTI
https://mainlynorfolk.info/john.kirkpatrick/songs/heyforchristmas.html
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/shropshire_wakes.htm

https://thesession.org/tunes/9468
http://www.pbm.com/~lindahl/lod/vol2/dargason.html
http://www.englishcountrydancing.org/cowpercoles6.html

Una fetta di dolce della dodicesima notte

IL DOLCE DELLA BEFANA

La sera del 5 gennaio il corteo di Frau Holle riprende la via del ritorno per rientrare nel suo Regno, ma in Germania (come in buona parte dell’Europa eccezzione fatta per l’Italia) la sua festa è stata soppiantata dalla tradizione dei Re Magi. Sono loro a dare il nome ad un dolce speciale preparato per concludere le festività natalizie (la dodicesima notte) che cambia nome e ricetta a seconda delle regioni (con rimandi uno all’altro per quanto riguarda la preparazione e gli ingredienti).
Tutti questi dolci hanno mantenuto una caratteristica, di contenere nell’impasto una monetina o un fagiolo. La moneta stava come segno di buona sorte (a ricordo delle invocazioni per ottenere i favori della Dea dell’Abbondanza), il fagiolo ha invece una valenza più ambigua, ricordo di oscuri rituali che trovavano ancora un eco nell’elezione del Re Fagiolo durante il Natale medievale: è il Re del Disordine dei Saturnalia, ma anche il capro espiatorio che veniva immolato per il bene della comunità, un tributo in sangue agli spiriti della Terra per il Solstizio d’Inverno.

IL FAGIOLO MAGICO

Robert Graves – poeta, saggista e romanziere britannico contemporaneo – nel suo “The White Goddess” (La Dea bianca) ci racconta che per gli antichi i fagioli contenevano le anime dei morti, e per questa ragione evitavano di mangiarli. Il rimestarsi delle viscere e la flatulenza altro non sarebbero che il tormento delle anime imprigionate nel ventre che protestano per esser liberate.
Principio del caos e quindi utilizzato nei Saturnali per eleggere il Re del Disordine il fagiolo è collegato al mondo infero. Simbolo dell’amore ( le donne romane portavano un ciondolo con la sua forma) era collegato all’immortalità, visto che basta metterlo nell’acqua per farlo ritornare fresco.


Il fagiolo che esisteva in Europa nei tempi antichi è di un tipo specifico detto fagiolo dall’occhio (originario dall’Africa), più piccolo è bianco con una macchia di colore scuro («occhio»), in corrispondenza del punto di inserzione sul baccello. Per i Romani i fagioli erano un cibo della plebe, ma quando arrivarono i nuovi fagioli dall’America conquistarono soprattutto la tavola del ricco per la loro rarità, per rientrare nella tradizione alimentare comune non appena si diffusero con abbondanza. (continua)

IL DOLCE VITTORIANO

Nelle isole britanniche il dolce prende il nome di Twelfh Cake un dolce  a base di frutta secca (uva passa) e frutta candita che richiede una lunga lievitazione.
Sebbene sia un dolce medievale la prima ricetta storica risale al 1803 ed è stata scritta da John Mollard, in effetti i precedenti ricettari settecenteschi non danno istruzioni per la “Torta dodicina” (o “Torta della dodicesima notte” o ancora “Torta della mezzanotte”) perchè si dava per scontato che si sarebbe utilizzato la ricetta della torta nunziale, (vedi)  (che  in Irlanda è ancora la torta nunziale tradizionale).

RICETTA DEL 1803: Prendere Kg 3,175 di farina e metterla a fontana sulla spianatoia, aggiungere 1 cucchiaio da cucina abbondante di lievito e un pochino di latte tiepido. Iniziare ad impastare aggiungendo poi 450 gr. di burro a pezzetti, 600 gr di zucchero. Lasciar lievitare e solo dopo un’oretta aggiungere 2 kg di uvetta, 15 gr di cannella in polvere, 10 gr. di chiodi di garofano sempre in polvere, canditi a piacere. Porre l’impasto in una teglia ben imburrata e cuocere *. Una volta cotta la torta, sfornare, lasciar raffreddare e ricoprire con glassa colorata o bianca e con corone di zucchero
From John Mollard, The Art of Cookery. (London 1803).
(*nelle ricette vittoriane tutte le massaie sapevano come cuocere le torte, questa è una torta che richiede una lunga cottura a basse temperature – cioè 170-180 gradi, per almento 1 ora, ma l’unico modo per sapere se è cotta è la prova stecchino)
Per la ricetta moderna qui

la torta preparata da Ivan Day: una decorazione in stile Regency con piume del Principe di Galles, la rosa d’Inghilterra, il cardo della Scozia e il trifoglio d’Irlanda. Le decorazioni sono di “gum paste” (da  qui)
La torta della dodicesima notte della regina Vittoria, The Illustrated London News

La torta è pronta per essere sontuosamente rivestita con pasta di zucchero (detta anche fondente) lasciata bianca o color rosa-barocco e riccamente guarnita con ulteriori decorazioni in pasta di zucchero (o pasta di gomma) e  ghiaccia reale. Un tempo si utilizzavano degli stampi di legno oggi sono praticissimi quelli in silicone, ma per usare la sac à poche occorre un bel po’ di pratica e abilità.
Torte gigantesche e decorazioni elaborate con statue in pasta di zucchero o di mandorle a riprodurre scene pastoral divennero comuni nel Settecento-inizi Ottocento messe in bella mostra nelle vetrine delle pasticcerie più alla moda.

Le fonti letterarie e cronachistiche inglesi menzionano un “torta con il fagiolo” solo a partire dal XIV secolo a imitazione delle usanze nella corte francese  “La Roi de la Feve” (vedi), le due torte quella francese e quella inglese sono completamente diverse, essendo la seconda una variante più tradizionale dei pasticci in crosta medievali (vedi). Sebbene nel primo periodo Tudor si festeggiasse la Dodicesima notte con un ballo in maschera e una specie di gioco di ruolo, basato su dei personaggi stereotipati da impersonare, la tradizione prese piede solo nel Seicento.
La commedia “La Dodicesima Notte” di William Shakespeare fu scritta proprio come intrattenimento per alludere a questa festa natalizia, basata sul sovvertimento dei ruoli, in cui Viola si traveste da uome e il servo Malvoglio si spaccia per nobile. Già nel ‘500 circolava una commedia toscana dal titolo “Gl’ingannati”:” messa in scena originariamente dagli accademici senesi in seguito ad un sacrificio goliardico accaduto la notte dell’Epifania: avendo ognuno degli uomini bruciato (o finto di bruciare) i pegni d’amore delle proprie donne, queste ultime avevano preteso un risarcimento. Gli accademici composero quindi in tre giorni una commedia, dedicandola alle gentildonne. Nel prologo è menzionata espressamente la “notte di beffana” (corrispondente appunto alla dodicesima notte dopo il Natale).” (da Wikipedia). La commedia ebbe un largo successo e una grande diffusione con traduzioni e adattamenti in tutta Europa e fu sicuramente il modello e l’ispirazione per Shakespeare.

Nel 1870 la Regina Vittoria rimosse la festa dal calendario ufficiale  reputandola “poco cristiana” e troppo “casinara” e così  la tradizione della Twelfh Cake è scomparsa definitivamente nel Novecento lasciando il posto al Christmas pudding.

CHRISTMAS REVEL

Nel Medioevo cristiano il periodo del Natale era caratterizzato dall’abbondanza di cibo e bevande, che seguiva il periodo di digiuno iniziato con la quarta domenica prima del Natale e che terminava con la vigilia. Iniziavano così allo scoccare delle mezzanotte del 24 dicembre i 12 giorni del Natale o il Christmas revel, una sequenza di banchetti e divertimenti, in cui anche i contadini asserviti al feudo avevano il loro momento di riposo: niente corvèe e un banchetto offerto dal loro Sire.
Abbiamo svariati resoconti di questi banchetti natalizi alla corte inglese (continua) festeggiamenti che si concludevano all’Epifania (ma che potevano durare fino al 2 febbraio).

“Twelfth Night Revels in the Great Hall Haddon Hall Derbyshire from Architecture of the Middle Ages 1838”, Joseph Nash

Dal Seicento ci giunge una fonte in forma di poesia “Now, now the mirth comes“: è Robert Herrick a descrivere in versi lo svolgimento della festa nella dodicesima notte. (vedi anche qui)

Twelfth Night- Robert Herrick 1648
I
Now, now the mirth comes
With the cake full of plums (1),
Where bean’s the king (2) of the sport here;
Beside we must know,
The pea also
Must revel (3), as queen, in the court here.
II
Begin then to choose,
This night as ye use,
Who shall for the present delight here,
Be a king by the lot (4),
And who shall not
Be Twelfth-day queen for the night here (5).
III
Which known, let us make
Joy-sops (6) with the cake;
And let not a man then be seen here,
Who unurged will not drink,
To the base from the brink,
A health to the king and the queen here!
IV
Next crown the bowl full
With gentle lamb’s wool (7),
And sugar, nutmeg, and ginger,
With store of ale, too;
And this ye must do
To make the wassail a swinger.
V
Give then to the king
And queen, wassailing,
And though with ale ye be wet here,
Yet part ye from hence
As free from offence
As when ye innocent met here.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Adesso, adesso arriva l’allegria
con la torta piena d’uvetta
dove il Fagiolo è il Re di
questa Festa;
inoltre dovete sapere
che anche il pisello deve divertirsi, come regina, in questa dimora.
II
Inizia allora a scegliere,
com’è usanza di questa notte,
chi per questo momento dilettevole, sarà al posto del re
e chi non lo sarà
(chi) sarà la regina del dodicesimo giorno per questa notte
III
Come risaputo si facciano
bagatelle con la torta;
e allora  che non si abbia a vedere uomo che debba essere sollecitao per bere da cima a fondo,
alla salute del re e della regina
qui!
VI
Allora riempi la boccia fino all’orlo
con una dolce “lana d’agnello”;
aggiungi zucchero, noce moscata e zenzero e anche birra;
così si deve fare
per fare una grolla allegra
V
Date poi al Re
e alla Regina, che brindino
e sebbene con la birra vi dovete saturare, tuttavia vi allontanerete da qui, indenni dalla colpa
come quando innocentemente qui vi incontraste

NOTE
1) all’epoca con plum si indicava l’uva passa e non la prugna secca
2) va da sè che ci  fossero due dolci, uno per gli uomini (con un fagiolo nascosto all’interno) e uno per le donne (con un pisello nascosto all’interno) per eleggere il re e la regina della dodicesima notte. Se c’era un’unica torta con il fagiolo nell’impasto il primo che l’avesse  trovato avrebbe a suo piacere nominato il compagno da incoronare. Al posto del fagiolo nel Settecento-Ottocento si nascondeva una piccola statuetta del Bambin Gesù.
3) il re e la regina del Disordine avrebbero dettato legge durante i festeggiamenti impartendo ridicoli comandi a cui non si poteva disubbidire
4) il re della sorte
5)  è l’usanza medievale di iniziare ogni nuovo giorno al tramonto, così la dodicesima notte precede il dodicesimo giorno.
6) non sono proprio sicura della traduzione
7) il curioso nome di lana d’agnello si riferisce alla bevanda del wassail: nel Medioevo il liquido principale della grolla era birra calda aromatizzata con mele e spezie. Le ricette d’epoca prevedono la cottura in forno delle mele ridotte successivamente in purea e l’aggiunta di noce moscata, zenzero e zucchero. (continua)

L’ULTIMA CENA, IL BALLO E IL GIOCO DELLE CARTE

Al centro della festa oltre al cibo e alle bevande, i canti benaugurali, le danze e recite. Nell’Inghilterra della Reggenza non era insolito tra gli eventi sociali per la dodicesima notte, un gran ballo in maschera (Grand Christmas Ball, Children’s Ball o Family Ball) in cui si includevano anche i bambini.

HEY FOR CHRISTMAS: il resoconto di una movimentata dodicesima notte continua

Re e Regina Fagiolo sono seduti in alto sulla sinistra, sul fondo a destra un gruppo di orchestrali e al centro i mummers.

A inizi Ottocento la notte del 6 gennaio (oppure la sera della vigilia) iniziava con una cena in famiglia con amici e parenti, che metteva fine al Christmas Revel: dopo che era stato eletto dalla sorte il Re Fagiolo venivano distribuite delle carte speciali  che illustravano vari personaggi caricaturali, ritagliate dai giornali o comprate nelle pasticcerie insieme alle torte.
La festa però si poteva svolgere già nel pomeriggio al momento del tè in cui era servita la “torta del dodicesimo giorno”: da quel momento ci s’immedesimava nel personaggio estratto fino allo scoccare della mezzanotte: alla festa in maschera e al gioco partecipavano spesso anche i bambini.

Al centro la torta del fagiolo e sulla sinistra il cappello in cui sono riposti i biglietti da sorteggiare

Inizialmente i personaggi erano personaggi storici famosi o eroi leggendari che ricreavano una nobile corte al servizio del Re e della Regina, ma poi i loro nomi divennero buffi e assurdi come Prittle Prattle, Puddle Dock, Toby Tipple e Sir Tun Belly Wash. Il gioco del travestimento diventò successivamente gioco degli enigmi, un gioco da tavolo fatto con le carte dei vari personaggi abbinati ad un indovinello che rivelava il nome del personaggio stesso (vedi)
Le carte erano anche utilizzate per un divertente gioco delle coppie nel Ballo di Gala per la Dodicesima Notte

Al Christmas Ball troneggia sul tavolo del Buffet  una grande Twelft cake

A card drawing game developed in the 18th century, whereby each lady drew a card from the box held by a footman to the left of the entrance, and each gentleman drew a card from the same to the right. These cards were caricatures of Pairs. Thus Signor Croakthroat might by paired by Madame Topnote. The guests had to find their partner, and depending on the gaiety of the event, the amount of wine and negus consumed, and the inhibitions of the guests, the character roles had to be taken on in varying degrees of ‘spirit’ for the whole evening. Signor Croakthroat might, for example, be always clearing his throat, and singing musical scales, whilst Madame Topnote might enjoy making her fellow guests jump by occasionally emitting a loud high note! (tratto da qui)

I personaggi della Dodicesima notte Collezione Folgere, 1830

UNA FETTA DI BLACK BUN continua 

FONTI
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Text/Hone/january_6__epiphany.htm
https://whydyoueatthat.wordpress.com/2011/12/10/day-10-twelfth-night-cake/
http://www.historicfood.com/John%20Mollard’s%20Twelfth%20Cake.html
http://www.eatlocallyblogglobally.com/2010/11/recipe-for-dickensian-twelfth-cake.html
http://www.missfoodwise.com/2014/01/twelfth-cake.html/
https://guildhalllibrarynewsletter.wordpress.com/2014/01/02/twelfth-night-cake/
http://www.saburchill.com/history/articles/012.html
https://www.janeausten.co.uk/twelfth-night/

FRAU HOLLE, LA BEFANA NORDICA

In molte tradizioni europee troviamo la figura di una dea dell’abbondanza festeggiata nei primi giorni del nuovo anno, sebbene i nomi siano diversi, le loro storie sono comuni (vedi prima parte): nel mondo germanico era Frau Holle (denominata Frau Percht nelle regioni del Sud), la triplice Dea nella forma di Vecchia.

Elder of The Scar Clan, Joanna Powell Colbert

La buona Holla dagli occhi luminosi e dalle vesti candide come la neve era la Signora dell’Inverno, custode del focolare, protettrice della casa, degli animali domestici e dell’arte della filatura.
Nelle notti del Solstizio d’Inverno, ella scendeva sui campi innevati, per benedirli ed accertarsi che fossero fertili e pronti per le prossime semine. Cavalcava uno splendido corsiero bianco, e stormi di cicogne e rondini la precedevano e ne annunciavano l’arrivo. Al suo seguito v’erano invece bellissime divinità femminili, che volavano in groppa ai gatti, e le anime dei bimbi non nati o morti nei primi anni d’età.
In tal modo si recava a visitare ogni casa, entrando dalla cappa del camino, e spargeva i suoi doni di Luce e Fortuna su quelle in cui trovava armonia, pulizia ed ordine, così come su coloro che vi abitavano e che nella loro vita coltivavano le stesse buone virtù. Se invece trovava sporcizia, disordine e disarmonia, poteva anche maledirle, ed in ogni caso preferiva allontanarsene, ritirando la sua benedizione, la Fortuna e tutte le cose belle di cui era portatrice. (tratto da qui)

Frau Holle è associata con credenze e miti antichi: una dea paleolitica del mondo sotterraneo, signora del focolare, legata al culto delle acque e all’energia della terra. Figura in cui si sovrappongono e accomunano diverse divinità femminili norrene e germaniche, quali Hell sovrana del mondo sotterraneo, Frigg e Freya dea dell’amore e del matrimonio, Hertha dea della pace e della fertilità, la germanica Perchta, Berchta,  in una parola una Dea Madre. (continua)
La ritroviamo anche nell’immagine scandinava di Santa Lucia, come portatrice di Luce. La festa del nuovo anno era un tempo nelle terre e isole del Nord celebrato con un sacrificio alle Matronae, spiriti tutelari del luogo visualizzate in massi o acque lacustri, che sono soprattutto le antenate defunte della tribù. Nella festa si rinsaldavano i legami di sangue del clan e della stirpe (continua).

Le connotazioni negative di questa Signora metà Bianca e metà Nera viene dal Medioevo cristiano e dalla sua ossessione per il male e il diavolo (e la misoginia).

Il dipinto “Åsgårdsreien” del pittore norvegese Peter Nicolai Arbo raffigurante la caccia selvaggia, 1872, Galleria nazionale di Oslo (fonte Wikipedia): la controparte maschle del “Corteo delle fate” capeggiato dalla Grande Madre (continua)

LA BEFANA

Ritroviamo il mito in una fiaba dei fratelli Grimm, Madama Holle che prende anche il titolo italiano di Fata Piumetta che quando sprimaccia il suo cuscino fa nevicare sulla terra; due sorelle una chiara, l’altra scura sono sottoposte ad una prova da Frau Holle (una vecchia del mondo infero) e la prima viene premiata con una pioggia d’oro per la sua bontà e laboriosità, l’altra viene punita con una pioggia di pece per i suoi modi sgarbati, il comportamento collerico e la sua pigrizia.
Le fiabe sono un racconto che attingono agli archetipi e pescano nel mare oscuro dell’inconscio, ma i suoi personaggi sono stereotipati e duali: così Frau Holle, la megera in fondo al pozzo è la madre archetipa, la madre positiva, mentre la vedova sulla Terra è la matrigna, la madre negativa.
Ma soprattutto la fiaba descrive Frau Holle come l’epifana di una dea del focolare che premia i bambini buoni e le brave massaie che tengono la casa in ordine, le pazienti filatrici. E’ dalla laboriosità e dalla dedizione, che scaturisce l’abbondanza e la fortuna stessa, guarda caso il vocabolo tedesco Pech, che significa pece è sinonimo di sfortuna.

IL DOLCE DELLA BEFANA

La versione svizzera Dreikönigskuchen

La notte del 5 gennaio  il corteo di Frau Holle/ Berchta riprende la via del ritorno per rientrare nel suo Regno, ma in Germania (come in buona parte dell’Europa eccezzione fatta per l’Italia) la sua festa è stata soppiantata dalla tradizione dei Re Magi. Sono loro a dare il nome ad un dolce speciale preparato per concludere le festività natalizie (la dodicesima notte) che diventa a seconda delle tradizioni culinarie  DreikönigskuchenGalette Des Rois, Roscón De Reyes, Ciambella dei Re Magi  (solo in Piemonte la torta mantiene il nome di Fugassa d’la Befana)

Tutti questi dolci hanno mantenuto una caratteristica, di contenere nell’impasto una monetina o un fagiolo. La moneta stava come segno di buona sorte (a ricordo delle invocazioni per ottenere i favori della Dea dell’Abbondanza), il fagiolo ha invece una valenza più ambigua, ricordo di oscuri rituali che trovavano ancora un eco nell’elezione del Re Fagiolo durante il Natale medievale: è il Re del Disordine dei Saturnalia, ma anche il capro espiatorio che veniva immolato per il bene della comunità, un tributo in sangue agli spiriti della Terra per il Solstizio d’Inverno.

LA FESTA DEL RE

“La dodicesima notte”, Jan Steen (1668) – Museo di Stato, Kassel, Germania

Diversi dipinti fiamminghi illustrano con dovizia di particolari i commensali attorno al tavolo mentre festeggiano il Re Fagiolo: sono variamente intitolati “La dodicesima notte” o “il Re Beve” a causa dei numerosi brindisi fatti in suo onore e secondo i suoi ordini, i personaggi sono ritratti in pose sguaiate visibilmente ubriachi e satolli di cibo. Nel quadro  di Jan Steen è il bambino in piedi sulla panca ad aver trovato il fagiolo nella sua fetta di dolce, ha in testa una coroncina di carta ed sta bevendo un sorso di vino aiutato da una vecchia nonnina (forse una suora). Il gruppo di musicanti che circondano la tavola sono chiaramente dei poveri questuanti invitati ad entrare per cantare gli auguri di Buon Anno. Una tradizione ampiamente documentata nel wassailing britannico!

La versione francese Gâteau de Rois: tanta pasta sfoglia con un ripieno di crema frangipane

L’unico personaggio ad essere decisamente brillo e dalla posa scomposta è la madre, che dopo aver versato il vino nel bicchiere del figlioletto lo guarda bere con un sorriso beato sulle labbra, è lei la Regina della Festa designata dal bambino!
Nell’andare del tempo la festa è diventata  più un gioco di società e una festa per bambini che un baccanale. Dopo che il padrone di casa raffigurato da Jan Steen ha tagliato il dolce, servito in tavola dalla fatesca, in tante fette quanti sono i commesali, più una detta fetta del Buon Dio -o della Vergine -o dei Re Magi  (la part du bon Dieu) è stato il bambino a stabilire l’ordine con cui dovevano essere distribuite tutte le fette: Chi trova il fagiolo nella propria fetta verrà incoronato Re della Festa e potrà scegliere la sua Regina. Per alcuni l’usanza diventa anche la scusa per un festoso brindisi: il Re della Festa, dovrà, ovviamente, svuotare il suo bicchiere tutto d’un fiato, mentre gli altri scandiranno: «Le Roi (oppure la Reine) boit, le roi boit, le roi boit…» (tratto da qui)

continua  

FONTI
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Text/Hone/january_6__epiphany.htm
http://ontanomagico.altervista.org/solstizio-inverno.html
http://www.meiningermuseen.de/pages/startseite/programm/sonderausstellungen/rueckblick-ausstellungen/200910-frau-holle—mythos-maerchen-und-brauch-in-thueringen/fachbeitraege-zur-ausstellung.php
https://www.cavernacosmica.com/simbologia-del-sambuco/
http://www.lovingenergies.net/pt/Elderberry-Tree-of-the-Goddess-Holla/blog.htm
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Befana.htm
http://www.lasoffittadellestreghe.it/shoponline/frau-holle-holda-dea-dellinverno/
https://wunderkammern.wordpress.com/2010/08/04/frau-holle/
http://storia-controstoria.org/personaggi-e-miti/frau-holle-divinita-femminile-della-terra-che-passo-dallinverno-allinferno/

LE RICETTE
http://ilblogdichiaraoscura.blogspot.it/2014/11/cucina-i-dolci-dei-re-magi-la-gallette.html
http://www.angiecafiero.it/2012/01/03/dreikonigskuchen-o-dolce-dellepifania-svizzera/
http://www.ricettedicultura.com/2013/01/galette-de-rois-per-lepifania.html
http://www.comoju.es/2010/01/roscon-de-reyes.html
http://www.angiecafiero.it/2012/01/03/ciambella-dei-re-magi-liguria-di-ponente/
https://occitania.land/it/blog/la-fugassa-della-befana-dolce
http://cuciniera.blogspot.it/2013/01/la-focaccia-della-befana.html