Crea sito
Terre Celtiche Blog

A Virgin Most Pure

A Virgin Most Pure è un antico carol inglese pubblicato da Davies Gilbert (Some Ancient Christmas Carols 1882) in epoca vittoriana, durante il fenomeno del rinnovato interesse verso le celebrazioni natalizie e i suoi canti (primo tra tutti Charles Dickens).

E’ un brano ovviamente cantato dalle corali inglesi durante le celebrazioni natalizie, ma ho trovato un paio di versioni folk

Più che descrivere in termini tecnici l’andamento del brano ascoltiamolo in questa versione strumentale per chitarra classica e balalaika

A Virgin Most Pure adorazione Bronzino
l’Adorazione dei Pastori, Bronzino 1539

A Virgin Most Pure, versioni folk

Roud 1378 ; Ballad Index PBOC003 ; Bodleian Roud 1378 ; trad. (Gilbert, 1822)]

The Young Tradition con Shirley e Dolly Collins 1969
Maddy Prior e The Carnival Band in Ballads And Candles 2009, già pubblicato nel primo album  
A Tapestry of Carols 1987

A virgin most pure,
as the prophets do tell,
Hath brought forth a baby,
as it hath befell,
To be our Redeemer
from death, hell and sin,
Which Adam’s transgression hath wrapped us in.

Chorus
Aye, and therefore be you merry,
Rejoice and be merry,
Set sorrows aside!
Christ Jesus, our Saviour,
Was born on this tide.

In Bethlehem in Jewry a city there was,
Where Joseph and Mary together did pass,
And there to be taxed with many a one more,
For Caesar commanded the same should be so.

But when they had entered the city so fair,
The number of people so mighty was there
That Joseph and Mary,
whose substance was small,
Could find in the inn there no lodging at all.

Then were they constrained in a stable to lie,
Where horses and asses they used for to tie;
Their lodging so simple they took it no scorn
But against the next morning
our Saviour was born.

The King of all kings to this world being brought,
Fine number of linen to wrap him was sought;
And when she had swaddled
her young son so sweet,
Within an ox’s manger she laid him to sleep.

[Then God sent an angel from heaven so high,
To certain poor shepherds
in fields where they lie,
And bade them no longer in sorrow to stay,
Because that our Saviour was born on this day.]

Then presently after, the shepherds did spy
A number of angels that stood in the sky.
They joyfully talked, and sweetly did sing,
“To God be all Glory, Our heavenly King.”

Una vergine purissima,
come i profeti dicono,
ha dato alla luce un bambino
come è stato predetto;
per essere il nostro Redentore,
dalla morte, l’inferno e il peccato,
in cui la disobbedienza di Adamo ci aveva gettato.

Coro
Perciò siate allegri
Gioite e Rallegratevi!
e mettete da parte la tristezza.
Gesù Cristo il nostro Salvatore
è nato in questo tempo.

A Betlemme in Giudea c’era una città
da cui passarono Giuseppe e Maria
per pagare le tasse come molti altri
perchè Cesare comandò che così fosse fatto.

Ma quando entrarono nella bella città
c’era una grande moltitudine di persone
che Giuseppe e Maria
con scarse sostanze
non riuscirono a trovare un alloggio.

Così dovettero alloggiare in una stalla
dove erano tenuti cavalli e asini:
l’umile alloggio non disdegnarono
e proprio il giorno dopo
il nostro Salvatore nacque.

Per il Re dei Re venuto in questo mondo
si cercarono i panni per avvolgerlo
e quando lei lo ebbe fasciato,
il suo giovane figlio tanto caro,
nella mangiatoia di un bue lo mise a dormire.

[Allora Dio mandò un angelo dall’alto dei Cieli
a quei poveri pastori
che stavano nei campi,
a invitarli di non stare più afflitti
perchè il nostro Salvatore oggi era nato]

Allora poco dopo i pastori videro
numerosi angeli che stavano in cielo
narrare con gioia e cantare dolcemente
“Gloria a Dio, il nostro Re dei Cieli”

LINK

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.