Crea sito
Terre Celtiche Blog

The Holly King

The Holly King è un brano natalizio scritto da Kate Rusby. L’artista, nativa del Yorkshire, ci ha viziati fin dal 2008 con un album natalizio a cadenza biennale; da quello dell’anno scorso dal titolo Holly Head è tratta questo omaggio al Re Agrifoglio.
Ecco gli album natalizi:
Sweet Bells 2008
While Mortals Sleep 2011
The Frost is all Over 2015
Holly Head 2019.

Per ascoltare i suoi brani pubblicati in Terre Celtiche Blog seguite il tag Kate Rusby

All Hail (1) he comes
The Holly King (2) he comes
He’s dressed all in green arrary
And the icy wind he shuns.
All Hail he comes
The Winter King he comes
He’s crowned in verdant splendour
And he’s seen a million suns (3).

Chorus
And he’ll sing and he’ll stand
‘Till his queen (4) comes across the land
And the frost (5) she’ll bring
To the Holly King.

When the sun sinks low
The summer king he knows
That winter’s grip is tightening
And it’s time for his overthrow.
And then winter wakes
Through hedge field and forest lakes
The birds in silent reverence
for his icy queen he waits.
[Chorus]

No sword, but staff
He walks his winter path
And surveys his land before him
In Summers aftermath.
And she appears with grace
She lifts her frozen face
In eternal, blissful harmony
It’s winter’s cold embrace.

Chorus
And he’ll sing and he’ll stand
Now his queen comes across the land
And the frost she’ll bring
To the Holly King


All Hail he comes
The Holly King he comes
Now nature she can rest a while
Now winter has begun.

Salutiamo la sua venuta
la venuta di Re Agrifoglio
che con il suo abito verde
il vento gelido ignora.
Salutiamo la sua venuta
la venuta di Re Inverno
coronato da lussureggiante magnificenza
colui che ha visto un milione di soli.

Coro
Canterà e resterà ritto
finchè la sua regina tornerà sulla terra
e porterà il gelo
al Re Agrifoglio.


Quando il sole tramonta basso
il re dell’Estate sa
che la morsa dell’inverno si sta serrando
ed è tempo della sua disfatta.
Allora l’inverno si sveglia,
su siepi e fossati e i laghi della foresta
gli uccelli in silenzioso riserbo,
la sua regina di ghiaccio attende.
Coro

Non la spada ma con il bastone
percorre il suo cammino invernale
e osserva la terra dinnanzi
nei postumi dell’estate.
E lei appare graziosa
alza il viso di ghiaccio
in eterna, beata armonia
è il freddo abbraccio dell’Inverno.

Coro
Canterà e resterà ritto
ora la sua Regina è tornata sulla terra
e porterà il gelo
al Re Agrifoglio.


Salutiamo la sua venuta
la venuta di Re Agrifoglio
ora la natura può riposare un poco
adesso è iniziato l’Inverno

NOTE Testo e musica di Kate Rusby, traduzione italiana Cattia Salto
1) All Hail è il saluto benaugurale del Wassail
2) Re Agrifoglio è la personificazione dell’Inverno e si contrappone ritualmente e stagionalmente al Re Quercia, simboleggiando la ciclica battaglia tra luce e ombra. Ma entrambi sono un’unica divinità dall’aspetto duale riconducibile all’Uomo Verde (Green Man). Un archetipo che si ripresenta nell’inconscio collettivo sotto nuove vesti, così alcuni lo chiamano Babbo Natale o Nonno Gelo o Jack Frost
3) credo che si riferisca all’eterno ciclo della vita con la sua morte e rinascita, un albero di agrifoglio può vivere fino a 300 anni circa.
4) la regina è la Dea che presiede ai cicli e non muore mai, lei accorda i suoi favori ora all’uno ora all’altro re.
5) in realtà l’agrifoglio teme le gelate dei duri inverni.

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.