Crea sito
Terre Celtiche Blog

Here we come a-wassailing

Wassail_BowlThe wassail songs are songs of begging of a non-religious nature from the remote origin that date back both to the winter solstice and to the rites of spring . Groups of young beggars sang and played in the streets behind the payment of libations or money to wish a good Christmas revel and a happy New Year.
[Le wassail songs sono canti di questua di natura non religiosa che risalgono sia al solstizio d’inverno che ai riti di primavera dalla remota origine. Gruppi di giovani questuanti cantavano e suonavano per le strade dietro il compenso di libagioni o di denaro  per augurare una buona festa di Natale e un felice Anno Nuovo.]

WASSAIL SONGS
 THE GOWER WASSAIL 
 THE CORNISH WASSAIL SONGS

God bless the master of this house
Jolly wassel-bowl

GLOUCHESTERSHIRE WASSAIL
THE YORKSHIRE WASSAIL SONGS:
Gooding carols
Here we come a-wassailing
We’ve been a-while a-wandering
Wessel cup carol
SOMERSET WASSAIL

Gooding Carols fromYorkshire

children-wasselingFrom mump = begging for Mumping Day (or ‘Doleing Day’) it was falling on December 21st and once was the day when the poor went to beg for Christmas to be able to get many good things.
[Da mump= mendicare il Mumping Day (oppure ‘Doleing Day’) cadeva il 21 dicembre e un tempo era il giorno in cui i poveri andavano a chiedere l’elemosina in vista del Natale per potersi procurare tante cose buone (good things).]

In Staffordshire the term used was simply “a-gooding”.”In some parts of the country the day is marked by a custom, among poor persons, of going a gooding, as it is termed—that is to say, making the round of the parish in calling at the houses of their richer neighbours, and begging a supply either of money or provisions to procure good things, or the means of enjoying themselves at the approaching festival of Christmas. …By a correspondent of Notes and Queries, in 1857, we are informed that the custom of ‘Gooding’ exists in full force in Staffordshire, where not only the old women and widows, but representatives from every poor family in the parish, make their rounds in quest of alms. The clergyman is expected to give a shilling to each person, and at all houses a subsidy is looked for either in money or kind. In some parts of the same county a sum of money is collected from the wealthier inhabitants of the parish, and placed in the hands of the clergyman and churchwardens, who on the Sunday nearest to St. Thomas’s Day, distribute it in the vestry under the name of ‘ St. Thomas’s Dole.’ We learn also from an-other communication of the writer just quoted, that at Harrington, in Worcestershire, it is customary for children on St. Thomas’s Day to go round the village begging for apples” (from here)
Nello Staffordshire il termine utilizzato era semplicemente “a-gooding.”: In alcune parti del paese la giornata è segnata da un’usanza, tra le persone povere, di “going a gooding”, come viene chiamato, cioè fare il giro della parrocchia visitando le case dei loro vicini più ricchi, e supplicando un’offerta di denaro o di provviste per procurarsi cose buone, o la possibilità di divertirsi durante l’avvicinarsi del festival del Natale. … Da un corrispondente di Notes and Queries, nel 1857, siamo informati che l’usanza di “Gooding” esiste in pieno vigore nello Staffordshire, dove non solo le donne anziane e le vedove, ma anche i rappresentanti di ogni famiglia povera della parrocchia, fanno i loro giri in cerca di elemosine. Ci si aspetta che il sacerdote darà uno scellino a ciascuna persona, e in tutte le case si cerca una sovvenzione in denaro o in natura. In alcune parti della stessa contea viene raccolta una somma di denaro dagli abitanti più ricchi della parrocchia, e posta nelle mani del sacerdote e dei curatori, che nella domenica più vicina a San Tommaso la distribuiscono nella sagrestia sotto il nome di “St. Thomas’s Dole”. Apprendiamo anche da un’altra comunicazione dello scrittore appena citato, che ad Harrington, nel Worcestershire, è consuetudine per i bambini di San Tommaso fare il giro del villaggio chiedendo le mele

Yorkshire 1973 


I
Oh, here we come a wassailing (1)
among the leaves so green (2),
Oh, here we come a wassailing
so fairer to be seen
Chorus
God send a happy,
God send a happy,
Pray God send you all
a happy New Year.
II
We are not daily beggars
that beg from door to door,
But we are neighbours’ children
who you have seen before (3).
III
God bless the master of this house,
God bless the mistress too,
God bless its dwellers one and all
with peace and plenty too
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Qui veniam per la questua, (1)
tra le foglie dei sempreverdi (2)
Qui veniam per la questua,
così belli a vedersi
CORO
Che Dio mandi,
Dio mandi un felice
che Dio vi mandi
un felice Nuovo Anno
II
Non siamo mendicanti abituali
che girano di porta in porta,
ma siamo i figli dei vicini di casa
che già conoscete.(3)
III
Dio benedica il padrone di questa casa
e anche la padrona
Dio benedica i suoi abitanti uno ad uno,
con pace e prosperità

NOTE
1) wassailing is a toast by here is a begging [brindisi benaugurale, ma qui ha significato di questua]
2) the beggars carried sticks decorated at the top with twigs and evergreen fronds decorated with ribbons [non solo rametti di agrifoglio, i questuanti portavano dei bastoni decorati in cima con rametti e fronde di sempreverde decorati con nastri]
3) who sings specifies their belonging to the community of the village, they are not tinkers or minstrels [chi canta specifica la propria appartenenza alla comunità del villaggio, non sono dei vagabondi (tinkers o minstrels]

YORKSHIRE WASSAIL: HERE WE COME A-WASSAILING

Yorkshire - carolingAlthough every village in Yorkshire had its own version, there is a sort of standard textual model (while the melodies were more diversified among them), which owes its fame to the fact that it went to press in the most popular nineteenth-century Christmas carols collection “Christmas Carols New and Old” by Henry Ramsden Bramley and John Stainer (1871): the children ask for some money, some bread and cheese and sitting down for a moment by the fire.
Generally, while the stanzas are quite similar and recurring, it is the refrain that presents a certain variety in the choice of phrases.
[Anche se ogni villaggio dello Yorkshire  aveva una sua versione per il canto di questua invernale, c’è una sorta di modello standard testuale (mentre le melodie erano più diversificate tra di loro), che deve la sua notorietà al fatto di essere andato in stampa nella più popolare raccolta ottocentesca di canti natalizi “Christmas Carols New and Old” di Henry Ramsden Bramley e John Stainer (1871): i bambini chiedono qualche soldino, un po’ di pane e formaggio e potersi sedere un momento accanto al fuoco. In genere mentre le strofe sono abbastanza simili e ricorrenti è il ritornello a presentare una certa varietà nella scelta delle frasi.]

In the illustrations attached to this song reported in the main collections of the nineteenth and early twentieth century, the beggars are a group of children without the presence of an adult. Thus in the image in “Carols Old and Carols New” (1916) that accompanies “The Wassail Song” another name of “Here we come a-wassailing”, we see a small group of children carrying a stick decorated with twigs of evergreen, one he is holding a small bag for offers and on the threshold of the house we see the butler coming with the libation tray. Originally the beggars were to bring the drink for the toast!
gower-wassail[Nelle illustrazioni allegate a questo canto riportato nelle principali raccolte ottocentesche e d’inizi Novecento, sono raffigurati come questuanti dei gruppo di bambini senza la presenza di un adulto. Così nell’immagine in “Carols Old and Carols New” (1916) che accompagna “The Wassail Song” altro nome di “Here we come a-wassailing” vediamo un gruppetto di fanciulli che portano un bastone decorato con dei rametti di sempreverde, uno di loro tiene in mano una piccola borsa per le offerte e sulla soglia della casa vediamo arrivare il maggiordomo con il vassoio delle libagioni. Non sono più i bambini a portare la bevanda del brindisi]
Carlyle Fraser instrumental version

Kate Rusty in Sweet Bells- 2008 (I, II,III, VI)


I
Here we come a-wassailing
among the leaves so green,
Here we come a-wassailing
so fairly to be seen.
CHORUS
Love and joy come to you,
and to you our wassail too,
And God bless you and send you,
a Happy New Year,
God send you a Happy New Year.
II
We’re not daily beggars,
that beg from door to door,
But we are neighbor’s children,
that you’ve seen before.
III
We have a little purse,
it’s made of leather skin,
we need a silver sixpence,
to line it well within.
IV
Good master and good mistress,
As you sit beside the fire,
Pray think of us poor children
Who wander in the mire
V
Bring us out a table
And spread it with a cloth;
Bring us out a cheese,
And of your Christmas loaf
VI
God bless the master of this house,
and then the mistress too,
And all the little children,
that ‘round the table grew.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Qui veniam per la questua (1)
tra le foglie dei sempreverdi (2),
qui veniam per la questua
così belli a vedersi.
RITORNELLO
Perchè amore e gioia siano vostri
e a voi i nostri auguri
che Dio vi benedica e vi porti
un felice anno Nuovo
che Dio vi porti un felice anno Nuovo.
II
Non siamo mendicanti abituali
che girano di porta in porta,
ma siamo i figli dei vicini di casa.
che già conoscete.(3)
III
Abbiamo un borsellino
fatto di cuoio
e ci serve qualche monetina d’argento (4),
per riempirlo per bene.
IV
Buon padrone e padrona,
seduti accanto al fuoco del camino,
pregate pensando a noi poveri bambini,
che camminiamo nel fango
V
Portateci fuori un tavolo
e copritelo con una tovaglia,
portateci del formaggio
e la vostra pagnotta di Natale (5)
VI
Dio benedica il padrone di questa casa
e anche la padrona
e tutti i bambini piccoli
seduti intorno al tavolo.

NOTE
4) six pennies, pre-decimal coin minted since 1551. in the Elizabethan era the sixpence was equivalent to a payday for the agricultural laborer  [sei penny, moneta pre-decimale coniata fin dal 1551. in epoca elisabettiana il sixpence equivaleva ad un giorno di paga per il bracciante agricolo]
5) A kind of sweet bread with an elongated shape made in the loaf of bread, full of raisins and candied fruit: to prepare Christmas bread according to the Irish recipe here [Una specie di pane dolce dalla forma allungata  fatto nello stampo del pane a cassetta, pieno di uva passa e canditi: per preparare il Pane di Natale secondo la ricetta irlandese continua]

“We’ve been a-while a-wandering”


I
We’ve been a-while a-wandering
Amongst the leaves so green.
But now we come a wassailing
So plainly to be seen,
CHORUS
For it’s Christmas time,
when we travel far and near;

May God bless you and send you
a happy New Year.
II
We are not daily beggars
That beg from door to door;
We are your neighbors children,
For we’ve been here before;
III
We’ve got a little purse;
Made of leathern ratchin skin;
We want a little of your money
To line it well within;
IV
Call up the butler of this house,
Likewise the mistress too,
And all the little children
That round the table go;
V
Bring us out a table
And spread it with a cloth,
Bring us out a mouldy cheese
And some of your Christmas loaf;
VI
Good master and good mistress,
While you’re sitting by the fire,
Pray think of us poor children
That’s wandered in the mire
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Siamo stati per un po’ in giro
tra le foglie dei sempreverdi (2),
ma ora veniamo per una questua (1),
così belli a vedersi.
CORO
Perchè è il periodo di Natale
quando viaggiamo in lungo e in largo

che Dio vi benedica e vi porti un felice Anno Nuovo
II
Non siamo mendicanti abituali
che girano di porta in porta,
ma siamo i figli dei vicini di casa.
che (ben) conoscete.(3)
III
Abbiamo un borsellino
fatto di cuoio
vogliamo qualche spicciolo (4),
per riempirlo bene.
IV
Che venga il maggiordomo (5) della casa e anche la signora
e tutti i bambini piccoli
seduti intorno al tavolo
V
Portateci fuori un tavolo (6)
e metteteci una tovaglia
portateci fuori del formaggio erborinato (7) e delle pagnotte di Natale
VI
Buon Signore e Buona Signora
mentre viete seduti accanto al caminetto, vi preghiamo di pensare a noi poveri bambini che stiamo in giro nel fango

NOTE
4) the requests are for modest alms [le richieste sono per modeste elemosine]
5) the butler of the house is a distinctive feature of the gentility and well-being of the landlords in contrast to the poverty of the beggars [il maggiordomo della casa è un tratto distintivo della signorilità e del benessere dei padroni di casa (della gentry) in contrasto con la povertà dei questuanti]
6) while in some versions the children ask to be allowed to get warm next to the fire they are more likely to be welcomed outside [mentre in alcune versioni i bambini chiedono di poter entrare per riscaldarsi accanto al fuoco è più probabile che venissero accolti all’esterno]
7) a cheese with mold; the equivalent to italian gorgonzola, in England called Stilton (blue cheese) [ovvero un formaggio con la muffa; l’equivalente al nostro gorgonzola è in Inghilterra detto Stilton (blue cheese)]

WESSEL CUP CAROL

Still a variant of “Here we come a-wassailing”
The Children’s Wait in  A Victorian Christmas Revels 2000 
Gooding Carol/Wessel Cup Carol


GOODING CAROL
Well-a-day! Well-a-day!
Christmas too soon goes away!
Then your gooding (1) we will pray
For the good-time (2) will not stay.
We are not beggars that beg from door to door,
But neighbors’ children (3) you have known before.
So gooding pray, we cannot stay,
we cannot stay, but must away.
For the Christmas will not stay,
Well-a-day! Well-a-day!

Traduzione italiano di Cattia Salto
Un buon giorno, un buon giorno!
Il Natale passa troppo in fretta!
Allora l’elemosina(1) chiederemo,
che il buon delle feste (2) non durerà!
Non siamo mendicanti che elemosinano porta a porta, ma i figli dei vicini (3) che già
conoscete.
Così vi preghiamo di darci delle cose buone,
che non possiamo restare, e dobbiamo andare via.
Perchè il Natale non durerà,
un buon giorno, un buon giorno!

NOTE
1) gooding is almsgiving comes from good things [gooding è l’elemosina deriva da: tante cose buone].
2) time of goodness, generosity and the time of good things (to eat) [letteralmente il buon tempo anche nel senso di tempo della bontà, generosità ovvero il tempo delle cose buone (da mangiare)]
3) Singers specify their belonging to the village community [chi canta specifica la propria appartenenza alla comunità del villaggio]

WESSEL CUP CAROL
I
Here we come a-wassailing
Among the leaves so green,
Here we come a-wand’ring
So fair to be seen.
CHORUS
Cheer cheer wessel and the jolly wassel
Bring cheer wealth and joy
Cheer cheer wessel
II
Call up the butler of this house
to put on his golden ring (4)
let him bring us a glass of beer (5)
and the better we shall sing
III
We have a little purse
Made of stretching leather skin;
We want some little money
To line it well within.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Qui veniamo per un brindisi,
tra le foglie dei sempreverdi
qui veniamo facendo il giro
così belli da vedere
CORO
Un prospero e felice wassail
portiamo auguri, salute e gioia
un prospero wassail
II
Che venga il maggiordomo  della casa
con addosso il suo anello d’oro (4)
che ci porti un bicchiere di birra (5)
e meglio canteremo
III
Abbiamo un borsellino
fatto di cuoio
vogliamo qualche spicciolo,
per riempirlo bene.

NOTE
4) in the gentry houses was the butler to serve the beggars [nelle case signorili era il maggiordomo a servire i questuanti]
5) beer was the drink of the people and consumed even by children [la birra era la bevanda del popolo e consumata anche dai bambini]

LINK
http://www.yorkshirefolksong.net/song.cfm?songID=22
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/yorkshire_wassail.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=54221 http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/herewecomeawassailing.html http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/ Hymns_and_Carols/wassail_song-1.htm

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.