Good King Wenceslas

Forse una delle canzoni natalizie più famose è una composizione ottocentesca di  John Mason Neale sulla scia del Christmas Revival vittoriano. Nel 1853 il reverendo John Mason Neale scelse san Venceslao come protagonista di un canto per bambini sulla generosità, “Good King Wenceslas” (Il buon re Venceslao), divenne ben presto un canto natalizio tradizionale nel giorno di Santo Stefano (il giorno del Boxing Day, un tempo il giorno dedicato alla carità).
Perhaps one of the most famous Christmas carols is a nineteenth-century composition by John Mason Neale in the wake of the Victorian Christmas Revival. In 1853 the Reverend John Mason Neale chose St. Wenceslas as the protagonist of a children’s song about generosity, “Good King Wenceslas”, soon became a traditional Christmas song on St. Stephen’s Day (the Boxing Day once the day dedicated to charity).
Venceslao è realmente esistito e fu Duca di Boemia nel X secolo (tra il 921 e il 929/935), colui che favorì la diffusione del Cristianesimo  in un paese ancora fortemente legato alle antiche tradizioni, fatto uccidere dal fratello per salire al trono, è venerato sia dalla Chiesa Cattolica che Ortodossa e santo patrono della Repubblica Ceca;secondo la leggenda era un uomo generoso e gentile, scrive Cosma di Praga  rifacendosi alle sue agiografie”Ma le sue azioni credo che tu sappia meglio di quanto potrei dirti; perché, come si legge nella sua Passione , nessuno dubita che, alzandosi ogni notte dal suo letto nobile, a piedi nudi e con un solo ciambellano, andò in giro alle chiese di Dio e diede generosamente elemosine a vedove, orfani, prigionieri e afflitti di ogni difficoltà, tanto che era considerato, non un principe, ma il padre di tutti i miserabili.”
Wenceslas really existed and was Duke of Bohemia in the tenth century (between 921 and 929/935), who favored the spread of Christianity in a country still strongly linked to ancient traditions, made to kill by his brother to ascend the throne, he is revered both by the Catholic and Orthodox Church and patron saint of the Czech Republic, according to legend he was a generous and kind man, writes Cosmas of Prague, referring to his hagiographies
But his deeds I think you know better than I could tell you; for, as is read in his Passion, no one doubts that, rising every night from his noble bed, with bare feet and only one chamberlain, he went around to God’s churches and gave alms generously to widows, orphans, those in prison and afflicted by every difficulty, so much so that he was considered, not a prince, but the father of all the wretched.”

statua di San Venceslao – Praga

A San Venceslao è pure collegata una leggenda arturiana, quella in cui si sarebbe risvegliato in caso di invasione nemica, e messo a capo dell’esercito di guerrieri dormiente sotto alla montagna di Blaník per portare il popolo alla vittoria.
An Arthurian legend is also connected to St. Wenceslas, the one in which he would have awakened in the event of an enemy invasion, and placed at the head of the army of sleeping warriors under the mountain of Blaník to bring the people to victory.

La musica era in origine un canto primaverile in latino: “Tempus adest floridum” (secolo XIII, di anonimo) e pubblicato per la prima volta nel 1582 in una collezione di canti religiosi svedesi.
The music was originally a spring song in Latin: “Tempus adest floridum” (thirteenth century, anonymous) and published for the first time in 1582 in a collection of Swedish religious songs.

 La storia narra di un piccolo miracolo di Natale, a seguito della nota bontà del Re.
Ma la cosa che mi colpisce di più è che qui, nel giro di pochi versi, c’è tutto l’uomo. La sua sofferenza, la sua debolezza, il suo bisogno di essere salvato. E c’è la tenerezza di Dio che si fa carne, che si rende concreta, incontrabile. C’è una meta, ma c’è anche la compagnia per affrontare la strada che è in mezzo. Il buon Re Venceslao è figura di Gesù, che, pur essendo Re, si fa servo, condivide in tutto e per tutto la sofferenza e la fatica di noi uomini. (Gianluca Zappa tratto da qui)
The story tells about a small Christmas miracle, as following the known goodness of the King.
“But the thing that strikes me most is that here, in a few lines, there is the whole man. His suffering, his weakness, his need to be saved. And there is the tenderness of God who becomes flesh, which becomes concrete, incontrovertible. There is a goal, but there is also the fellowship to face the road that is in the middle. The good King Wenceslas is figure of Jesus, who, despite being King, becomes a servant, shares in all and for all the suffering and hard work of us men”. (Gianluca Zappa translated from here)

 Loreena McKennitt in  “A Winter Garden – Five Songs For the Season.”
Blackmore’s Night in Winter Carols 2006

The Gothard Sisters in Falling Snow 2016

The Irish Rovers interpretati da 4 simpatici mattacchioni che si firmano BrothersCharles sul loro canale You Tube
The Irish Rovers played by 4 nice bricks who sign BrothersCharles on their You Tube channel


I
Good King Wenceslas (1) looked out,
On the Feast of Stephen,
When the snow lay round about,
Deep and crisp and even;
Brightly shone the moon that night,
though the frost was cruel
When a poor man came in sight,
Gathering winter fuel.
II
“Hither, page, and stand by me,
If though know it, telling,
Yonder peasant, who is he?
Where and what his dwelling?”
“Sire, he lives a good league hence,
Underneath the mountain;
Right against the forest fence,
By Saint Agnes’ fountain.”
III
“Bring me flesh, and bring me wine (3),
Bring me pine logs hither;
Thou and I will see him dine,
When we bear them thither.”
Page and monarch, forth they went,
Forth they went together;
Thro’ the rude wind’s wild lament
And the bitter weather.
IV
“Sire, the night is darker now,
And the wind blows stronger;
Fails my heart, I know not how,
I can go no longer.”
“Mark my footsteps, my good page;
Tread thou in them boldly;
Though shalt find the winter’s rage
Freeze thy blood less coldly ”
V
In his master’s steps he trod,
Where the snow lay dinted;
Heat was in the very sod
Which the Saint had printed (4).
Therefore, Christian men, be sure,
Wealth or rank possessing,
Ye who now will bless the poor,
Shall yourself find blessing.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Il buon re Venceslao (1) guardò fuori
A Santo Stefano
Mentre la neve si ammucchiava
alta, fresca e uniforme
Splendeva  la luna quella notte
Anche se il gelo era crudele
Quando si parò innanzi un pover’uomo
Che raccoglieva legna da ardere.
II
“Vieni qua, o paggio e stammi vicino
e dimmi se lo sai
chi è quel contadino la fuori?
Dove vive e come sta?
“Maestà, vive a una buona lega da qui sotto la montagna,
proprio vicino alla siepe (2) accanto alla fonte di Santa Agnese
III
”Portami della carne e del vino (3)
portami anche dei ceppi di pino
tu ed io lo vedremo cenare
quando li porteremo laggiù”
Il paggio e il re uscirono
in avanti assieme andarono
attraverso le gelide folate di vento
e il maltempo.
IV
“Maestà, la notte si è fatta più scura,
e il vento soffia più forte:
il mio cuore ha paura, e non so come
andare più avanti”
“Segui le mie orme, mio buon paggio e calpestale con decisione, troverai che la rabbia dell’inverno, gelerà il tuo sangue con meno forza”
V
Nei passi del suo padrone camminò, dove nella neve erano le orme, il caldo era in quelle zolle
che il santo aveva calpestato (4).
Perciò siate certi o cristiani
in possesso di ricchezza o rango,
voi che ora date misericordia (5) al povero troverete voi stessi misericordia


NOTE
1) il Duca Venceslao venne dichiarato re “post mortem” quando Carlo IV  fece forgiare a suo nome la nuova corona reale boema. Sebbene nelle illustrazioni del Carol sia per lo raffigurato come un vecchio dalla lunga barba bianca egli morì in giovane età (a 28 anni o 22 anni), dopo aver regnato sulla Boemia medievale per poco più di una decina d’anni. Re Venceslao I è invece figlio di Ottocaro I il primo re di Boemia dal 1198 al 1230.
the Duke Wenceslas was declared king “post mortem” when Charles IV had the new Bohemian royal crown forged in his name. Although in the illustrations by Carol  he is portrayed as an old man with a long white beard, he died at a young age (aged 28 or 22), having reigned over medieval Bohemia for just over a decade. King Wenceslas I is instead the son of Ottocaro I, the first king of Bohemia from 1198 to 1230
2) letteralmente steccato, recinzione boschiva
3) carne e vino sono il cibo simbolico del sacrificio di Cristo
meat and wine are the symbolic food of the sacrifice of Christ
4) Nel momento in cui il paggio perde la speranza, è preso dallo sconforto, ma decide nonostante tutto di proseguire, avviene un piccolo miracolo: le orme del buon re emanano calore tale da scongelare la neve e riscaldare le zolle. La narrazione segue la leggenda secondo cui il buon re era solito andare di notte a piedi scalzi a fare elemosina ai poveri: il calore interno emanato dal suo amore verso Dio si trasmette attraverso le orme lasciate sul terreno.
When the page loses his hope, he is taken by despair, but still decides to continue, so a small miracle takes place: the footsteps of the good king give off such heat as to thaw the snow and heat the clods. The narrative follows the legend that the good king used to go barefoot at night to give alms to the poor: the internal heat emanating from his love for God is transmitted through the footsteps left on the ground.
5) anche se misericordia si traduce con mercy, è usata qui per blessing (benedizione) nel senso di elargizione ai poveri

In “Canti di Natale di tutto il mondo”  (1992) a cura di Egidio Corbetta , Ilio Manfredotti ha “tradotto” “Good King Wenceslas” in italiano, in realtà il brano è un testo completamente diverso dal titolo “Stella d’Oriente”
In “Canti di Natale di tutto il mondo” (1992) by Egidio Corbetta, Ilio Manfredotti has “translated” “Good King Wenceslas” in Italian, in reality the song is a completely different text entitled “Stella d’Oriente”

LINK
http://damatti.blogspot.com/2015/09/san-venceslao-patrono-repubblica-ceca.html
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Text/legend_of_s_wenceslaus.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/good_king_wenceslas.htm
http://www.gliscritti.it/blog/entry/4604
https://bifrost.it/SLAVI/Fonti/Praga-1.html
https://www.storynory.com/king-wenceslas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.