The Connemara Lullaby, an irish cradle song

The Connemara Lullaby” is a sea song of an anonymous author collected by Pat Conway in “Very Best Irish Songs & Ballads“. Although Delia Murphy claimed the copyright in 1951, it is believed that the song was originally written by John Francis Waller (1809-1894) – 
For the reference to the Angels who watch over the child, this song occasionally appears in the compilations of Celtic music for Christmas.
[Una canzone del mare di autore anonimo cantata come una ninna-nanna nota anche come “The Connemara Lullaby“. Sebbene Delia Murphy abbia rivendicato il copyright nel 1951 si ritiene che originariamente la canzone fosse scritta da John Francis Waller (1809-1894)  e raccolta da Pat Conway in Very Best Irish Songs & Ballads.Per il riferimento agli Angeli che vegliano sul bimbo il brano compare occasionalmente nelle compilation della musica celtica per natale.]

Johnny McEvoy

Steeleye Span in Bedlam Born 2000
in my opinion the best version, from the voice of Gay Woods and the blooms of the violin by Peter Knight 
[a mio avviso la migliore versione, dalla voce di Gay Woods e le fioriture del violino di Peter Knight sul tappeto sonoro della band]

Fionnuala O’Donovan live (country style)

The mother sings to make the child fall asleep and tells him that tomorrow dad will not go to fishing -and risk his life on the stormy sea- there has been an abundant fishing so abundant and rich to be remembered in a song.
[La madre canta per far addormentare il bambino e lo tranquillizza dicendogli che domani papà non andrà in mare a pescare e a rischiare la sua vita sul mare in tempesta: c’è stata una pesca abbondante (the nets heaven blessed) così abbondante e ricca da essere ricordata in una canzone.]


I
On the wings of the wind
o’er the dark rolling deep
Angels are coming
to watch over thy sleep
Angels are coming
to watch over thee
So list to the wind coming over the sea
Chorus
Hear the wind blow,
love, hear the wind blow
Hang your head o’er
and hear the wind blow
Hear the wind blow, love,
hear the wind blow
Hang your head o’er, love,
and hear the wind blow.
II
Oh, winds of the night,
may your fury be crossed
May no one who’s dear to our island be lost
Blow the winds gently,
calm be the foam
Shine the light brightly
and guide them back home
III
The currachs (2) are sailing
way out on the blue
Chasing the herring
of silvery hue
Silver the herring
and silver the sea
Soon they’ll be silver
for my love and me.
IV
The currachs tomorrow
will stand on the shore
And daddy goes sailing,
a sailing no more
The nets will be drying,
the nets heaven blessed
And safe in my arms dear,
contented he’ll rest
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Sulle ali del vento
sopra gli oscuri e profondi marosi
gli Angeli stanno arrivando
per vegliare sul tuo sonno
gli Angeli stanno arrivando
per vegliare su di te
così ascolta il vento venire dal mare.
Chorus
Ascolta il vento che soffia,
amore, ascolta il vento soffiare
appoggia la tua testa
e ascolta il soffio del vento.
Ascolta il vento che soffia, amore,
ascolta il vento soffiare
appoggia la tua testa
e ascolta il soffio del vento.
II
Oh venti della notte
che la vostra furia sia ostacolata
e che nessun caro della nostra isola sia disperso,
che soffino venti gentili,
e calmi siano i marosi,
che una luce gentile brilli
per guidarli fino a casa
III
Le barche (1) stanno navigando
in mare aperto
per pescare l’aringa
dalla pelle d’argento,
d’argento l’aringa
e d’argento il mare,
presto saranno argento
per il mio amore e per me.
IV
Le barche domani
staranno sulla spiaggia
e papà non andrà
più per mare,
le reti saranno tirate a secco,
le reti benedette dal cielo
e al sicuro tra le mie braccia caro,
contento lui riposerà.

NOTE
1) currachs are wooden canoes, covered with leather [sono delle canoe di legno anticamente rivestite di pelli]

LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7787

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.