Johnny Cock Up Your Beaver

“Johnny Lad” is a traditional song located in the northern counties of Scotland and especially in the Lowlands (in particular in Aberdeenshire), but also widespread in Ireland and Cape Breton. There are many text versions combined with different melodies.
“Johnny Lad” è una canzone tradizionale diffusa nelle contee settentrionali della Scozia e soprattutto nelle Lowlands (in particolare nll’Aberdeenshire), ma popolare anche in Irlanda e a Capo Bretone. Esistono molte versioni testuali abbinate a diverse  melodie.

Johnny Lad: street ballad/ nursery song version
Jinkin’ You, Johnnie Lad: bothy ballad
Cock Up Your Beaver (Robert Burns)
Hey how Johnie Lad (Robert Burns)
Och, Hey! Johnnie, Lad (Robert Tannahill)

THE TUNE [La Melodia]

Johnny cock thy beaver is a dancing tune, first published in 1686 in the “Dancing Master” by John Playford and still today a favourite tune by the early music groups (other titles: “Horse and Away to Newmarket Races”, “Fenwick of Bywell”, “Gary Owen”, “Galloping over the Cow Hill”) and even Tourlough O’Carolan made his arrangement known as “Carolan’s Variations on the Scottish Air “Cock Up Your Beaver” 
[Johnny cock thy beaver è una melodia da danza trascritta da John Playford nel suo “The English Dancing Master (1686); ancora oggi è una melodia in repertorio tra i gruppi di musica antica. (altri titoli: “Horse and Away to Newmarket Races”, “Fenwick of Bywell”, “Gary Owen”, “Galloping over the Cow Hill”). Già un’ampia serie di variazioni sull’antica melodia scozzese erano state riportate nelle sue precedenti raccolte ”The Division Violin”  e “The Division Flute” (1684-1685) e lo stesso Tourlough O’Carolan ne fece un suo arrangiamento per arpa in stile barocco .]

Baltimore Consort (su Spotify)

Javier Sáinz in Silva Calendonia 2010, Scottish Harp Music of the 17th Century

Frédéric de Roos/Philippe Malfeyt in Les flûtes d’Angleterre: The Delightfull Companion 2002

A FASHIONED BEAVER
[UN BEAVER ALLA MODA]

In the portrait James Stuart (crowned King of England in 1603 and already king of Scotland with the name of James VI) is wearing a fashion beaver hat garnished with a showy plumage and richly bejeweled. [Vediamo un beaver alla moda seicentesca in testa a Giacomo Stuart (incoronato re d’Inghilterra  nel 1603 e già re di Scozia con il nome di Giacomo VI) guarnito da un vistoso piumaggio e riccamente ingioiellato.]

Beaver is a generic term that indicates the felt hat with beaver fur, but the model changes according to the fashions.
Beaver fur felt is of higher quality than wool felt, more resistant, with a vivid color and rich in luster, but also more expensive.
In the sixteenth century the hat with wide and soft brims (like that of the Three Musketeers for instance) triumphs with plenty of feathers, buckles and ribbons.

Beaver è un termine generico che indica il cappello in feltro con pelo di castoro, ma il modello cambia a seconda delle mode.
Il feltro di pelo di castoro è di qualità superiore rispetto al feltro di lana, più resistente, dal colore vivido e ricco di lucentezza, ma anche più costoso. 
Nel XVI secolo trionfa il cappello ad ampie e morbide falde (come quello dei Tre Moschettieri per intenderci) con abbondanza di piume, fibbie e nastri .

It was Louis XIV to start a trend of the “three cornered hat” at the end of the seventeenth century, which will be in fashion throughout the eighteenth century, the hat that in our imagination is the pirate one par excellence! It was also called “Cocked” hat, because the sides were folded (cocked up) to give it the shape. In the nineteenth century, fashion changed radically and beaver became synonymous with top hat!
Fu Luigi XIV a lanciare la moda del tricorno (in inglese “tricorne” o “three cornered hat”) sul finire del Seicento, che sarà di moda per tutto il Settecento,  quello che nel nostro immaginario è il cappello del pirata per antonomasia! Era detto anche “Cocked” hat, perchè i lati erano piegati (cocked up) per dargli la forma.
Nell’Ottocento la moda cambia radicalmente e beaver diventa sinonimo di cappello a cilindro!

COCK UP YOUR BEAVER BY ROBERT BURNS

ritratto di Robert BurnsIn the first stanza the song takes up the fragment by Herd (in Scots Songs, 1769) while the second stanza was written entirely by Robert Burns: the original text ridiculed the Scottish gentlemen who followed their London King James VI, who became James I of England in 1603, and yet the Scots trasformed it into a jacobite song. Burns sends it to Johnson for publication in the SMM (1792). James Hogg reported his version (in the Jacobite Songs and Ballads of Scotland from 1688 to 1746-) and rewrote a good part of it even though he noted it as a “clever old song”
La canzoncina riprende nella prima strofa il testo già riportato in forma di frammento da Herd (in Scots Songs, 1769) mentre la seconda strofa è stata scritta interamente da Robert Burns: il testo originale metteva in ridicolo i gentiluomini scozzesi  che seguirono a Londra il loro re  Giacomo VI, diventato nel 1603  Giacomo I d’Inghilterra, e tuttavia gli scozzesi lo trasformarono in una canzone jacobita. Burns la invia a Johnson per la pubblicazione nello SMM (1792)
Pure James Hogg riportò la sua versione (in Jacobite Songs and Ballads of Scotland from 1688 to 1746,- 1821) e ne riscrisse buona parte anche se la annotò come una “clever old song

Wendy Weatherby


I
When first my brave Johnie lad
came to this town (1),/ He had a blue bonnet (2) that wanted the crown (3);
But now he has gotten a hat and a feather,
Hey, brave Johnie lad, cock up your beaver (4)!
II
Cock up your beaver,
and cock it fu’ sprush, (5)
We’ll over the Border (6),
and gie them a brush;
There’s somebody there
we’ll teach better behaviour,
Hey, brave Johnie lad,
cock up your beaver!
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Quando per la prima volta  il mio audace Johnny arrivò in questa città 
aveva un berretto blu (portato di) piatto;
ma ora indossa un cappello con la piuma.
Ehi bel Johnny raddrizza  il tuo cappello 
II
Raddrizza  il tuo cappello,
e ornalo con un rametto 
passeremo il Border 
e daremo una ripassata (agli Inglesi);
c’è qualcuno là
a cui insegneremo le buone maniere
Ehi bel Johnny
raddrizza il tuo cappello!

NOTE
french translation
1) This is the delegation of nobles, dignitaries and soldiers following the new king who moves from Edinburgh to London [Si tratta della delegazioni di nobili, dignitari e soldati al seguito del nuovo re che da Edimburgo si trasferisce a Londra]

2) the blue bonnet is the rustic highland cap called now the Balmoral Bonnet (from the end of the 19th century as a tribute to the Balmoral Castle, the Queen Victoria’s residence in Scotland) The blue bonnet style dates back in 1500 and the custom of wearing it gave the Highlanders the nickname of ‘Bluebonnets’. In ancient times it was knitted, then made of wood felt sewn on a lower border obtained from a rigid checkered ribbon or in solid color, tied tightly around the forehead with the ends left hanging freely or knotted in a bow (a code language for the girls: in the first case the young man was free and handy, in the second case he was engaged). It embellishes with a feather and the cockade (on the left side) The Irish variant takes the name of Irish Caubeen
il blue bonnet è il rustico berretto (basco, coppola) delle Highlands detto oggi Balmoral Bonnet (dalla fine Ottocento in omaggio al Balmoral Castle la residenza in Scozia della Regina Vittoria) La foggia del blu bonnet risale al 1500 e l’usanza di portarlo ha dato il soprannome di ‘Bluebonnets’ agli Highlanders. Anticamente era lavorato ai ferri, poi realizzato in feltro di lana cucito su un bordo inferiore ricavato da un nastro rigido a quadretti oppure in tinta unita, legato stretto intorno alla fronte con le estremità lasciate pendere liberamente oppure  annodate in un fiocco  (un linguaggio in codice per le ragazze: nel primo caso il giovanotto era libero e disponibile, nel secondo caso era fidanzato) . Si abbellisce con una piuma e la coccarda (sul lato sinistro) La variante irlandese prende il nome di Irish Caubeen
3) forse una frase a doppio senso, letteralmente “che voleva la cima” crown in questo contesto è la corona piatta e voluminosa del berretto= berretto portato di piatto
4) In the original meaning the phrase was an exhortation to wear a hat (beaver = beaver) according to fashion, thus emphasizing the lack of taste of the new arrivals; in the Jacobite code, on the other hand, it is an exhortation to go to England to straighten things out (and re-establish the legitimate king of the Stuart household)
Nel significato originario la frase era un esortazione ad indossare il cappello (beaver= castoro) secondo la moda, sottolineando così  la mancanza di gusto dei nuovi arrivati; nella lettura in chiave giacobita invece è un’esortazione ad andare in Inghilterra per raddrizzare le cose (e rimettere su trono il legittimo re della casa Stuart)
Cock up your beaver  in senso letterale=”piega la falda del tuo castoro” 

“Cock up your Beaver” -David Herd
When first my dear Johny came to this town,
he had a blue bonnet, it wanted the crown;
but now he has gotten a hat and a feather,
Hey, my Johny lad, cock up your beaver.
Cock up your beaver, cock up your beaver,
Hey, my Johny lad, cock up your beaver;
cock up your beaver, and cock it nae wrong,
we’ll a’ to England ere it be lang.
[traduzione italiano*
Quando per la prima volta  il caro Johnny arrivò in questa città aveva un berretto blu portato di piatto, ma ora indossa un cappello e la piuma/ Ehi mio Johnny raddrizza  il tuo cappello, raddrizza  il tuo cappello  
Ehi mio Johnny raddrizza il tuo cappello
raddrizza il tuo cappello e mettilo bene,
saremo in Inghilterra in men che non si dica

In Hogg’s stanza (probably in his own hand) the “style” with which the hat was to be worn, is descripted more precisely, in fact the Scots dressedd the blue bonnet so that it fell down on the right side.
Nei versi di Hogg (probabilmente di suo pugno) viene sviluppato più precisamente lo “stile” con cui si doveva portare il cappello: gli scozzesi infatti portavano il blu bonnet in modo che ricadesse verso il basso sul lato destro. 

“Cock up your Beaver” -James Hogg
III stanza
Cock it up right, and fauld it nae down,
And cock the white rose on the band o’ the crown;
Cock it o’ the right side, no on the wrang,
And yese be at Carlisle  or it be lang.
[traduzione italiano)
III strofa
Portalo bene e non piegarlo troppo verso il basso e porta la rosa bianca sulla fascia della coppola
inclinano sul lato destro, non su quello sbagliato e saremo a Carlise in men che non si dica

5) “Sprush” =”spruce” each clan has a distinctive branch. In the 1700s the Scottish Bonnet is embellished with a white cockade, the clan emblem and a feather
ogni clan ha un rametto distintivo. Nel 1700  lo Scottish Bonnet è abbellito da coccarda bianca, l’emblema del clan e una piuma
6) the border territory between Scotland and England 
il Border è il territorio di marca lungo il confine Scozia-Inghilterra

LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=24649
http://www.mandolincafe.com/forum/showthread.php?96753-Johnny-Cock-Thy-Beaver-(Baroque-variations-1684)
http://bookkake.com/2009/12/07/cock-up-yer-beaver/
http://www.ibiblio.org/fiddlers/CO_COLL.htm
http://www.janeausten.co.uk/beaver-hats-build-a-nation/
http://ilblogdichiaraoscura.blogspot.com/2016/04/cronaca-matto-come-un-cappellaio-john.html
http://chrsouchon.free.fr/johnlad.htm

Twa Bonnie Maidens, a jacobite song

Leggi in italiano

“Twa Bonnie Maidens” is a jacobite song published by James Hogg in “Jacobite Relics”, Volume II (1819). It refers to the occasion when Bonnie Prince Charlie sailed with Flora MacDonald from the Outer Hebrides to Skye, dressed as Flora’s maid. The event described here took place during Bonnie Prince Charlie’s months in hiding after his defeat at the Battle of Culloden (April 16, 1746). By late July, the Hannoverians thought they had Charlie pinned down in the outer Hebrides.

IL PRINCIPE E LA BALLERINA

The prince had managed to get to the Island of Banbecula of the Outer Hebrides, but the surveillance was very tight and had no way to escape. And here comes Flora MacDonald.
In the anecdotal version of the story, Flora devised a trick to take away Charlie from the island : on the pretext of visiting her mother (who lived in Armadale after remarried), she obtained the safe-conduct for herself and her two servants; under the name and clothes of the Irish maid Betty Burke, however, it was hidden the Bonny Prince!: Il Principe e la Ballerina

Flora MacDonald's Introduction to Bonnie Prince Charlie di Alexander Johnston (1815-1891)
“Flora MacDonald’s Introduction to Bonnie Prince Charlie” di Alexander Johnston (1815-1891)

TWA BONNIE MAIDENS

Hogg took the Gaelic words down from a Mrs. Betty Cameron from Lochaber.
Was copied verbatim from the mouth of Mrs Betty Cameron from Lochaber ; a well-known character over a great part of the Lowlands, especially for her great store of Jacobite songs, and her attachment to Prince Charles, and the chiefs that suffered for him, of whom she never spoke without bursting out a-crying. She said it was from the Gaelic ; but if it is, I think it is likely to have been translated by herself. There is scarcely any song or air that I love better.”
Quadriga Consort from “Ships Ahoy ! – Songs of Wind, Water & Tide” 2011
Marais & Miranda from A European Folk Song Festival 2012 (I, III)
Archie Fisher from “The Man with a Rhyme” 1976


I
There were twa bonnie maidens,
and three bonnie maidens,
Cam’ ower the Minc (1),
and cam’ ower the main,
Wi’ the wind for their way
and the corrie (2) for their hame,
And they’re dearly welcome
tae Skye again.
Chorus
Come alang, come alang,
wi’ your boatie and your song,

Tae my hey! bonnie maidens,
my twa bonnie maids!

The nicht, it is dark,
and the redcoat is gane,

And you’re dearly welcome
tae Skye again.

II
There is Flora (3), my honey,
sae neat and sae bonnie,
And ane that is tall,
and handsome withall.
Put the ane for my Queen
and the ither for my King (4)
And they’re dearly welcome
tae Skye again.
III (5)
There’s a wind on the tree,
and a ship on the sea,
Tae my hey! bonnie maidens,
my twa bonnie maids!
By the sea mullet’s nest (6)
I will watch o’er the main,
And you’re dearly welcome
tae Skye again.
English translation Cattia Salto
I
There were two pretty maidens,
and three pretty maidens,
Came over the Minch ,
and came over the main,
With the wind for their way
and the mountains for their hame,
And they’re dearly welcome
to Skye again.
Chorus
Come along, come along,
wi’ your boat and your song,
To my hey! pretty maidens,
my two pretty girls!
The night, it is dark,
and the redcoat is gone,
And you’re dearly welcome
to Skye again.
II
There is Flora, my honey,
so neat and so pretty,
And one that is tall,
and handsome withall.
Put the one for my Queen
and the other for my King
And they’re dearly welcome
to Skye again.
III
There’s a wind on the tree,
and a ship on the sea,
To my hey! pretty maidens,
my two pretty girls!
By the sea mullet’s nest
I will watch over the main,
And you’re dearly welcome
to Skye again.

NOTES
1) Minch=channel between the Outer and Inner Hebrides
2) corry=a hollow space or excavation in a hillside
3) Flora MacDonald
4) Bonnie Prince Charlie
5) the stanza is a synthesis between the III and the IV of the version reported by Hogg
6) The Nest Point is another striking view on the western tip of the Isle of Skye (on the opposite side of Portree), an excellent spot to watch the Minch the stretch of sea that separates the Highlands of the north west and the north of Skye from the Harris Islands and Lewis, told by the ancient Norse “Fjord of Scotland”
At the time of the Jacobite uprising there was still no Lighthouse designed and built by Alan Stevenson in the early 1900s.

TUNE: Planxty George Brabazon or Prince Charlie’s Welcome To The Isle Of Skye?

The Irish harpist Turlough O’Carolan (the last of the great itinerant irish harper-composers) wrote some arias in homage to his guests and patrons, whom he called “planxty”, whose text in Irish Gaelic (not received) praised the nobleman on duty or commemorated an event; the melodies are free and lively with different measures (not necessarily in triplets). With the title of George Brabazon two distinct melodies attributed to Carolan are known.
“George Brabazon” was retitled in Scotland “Prince Charlie’s Welcome to the Island of Skye” in honor of the Pretender as the vehicle for the song “Twa Bonnie Maidens.” It also appears in the Gow’s Complete Repository, Part Second (1802) under the title “Isle of Sky” (sic), set as a Scots Measure and with some melodic differences in the second part. This is significant, for it predates the earliest Irish source (O’Neill) by a century.
Source “The Fiddler’s Companion” (cf. Liens).
J.J. Sheridan
Siobhan Mcdonnell

The Chieftains  in Water From the Well 2000

“Over the Sea to Skye”

Link
http://chrsouchon.free.fr/twabonny.htm
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=25774
http://www.rampantscotland.com/songs/blsongs_maidens.htm
https://www.thebards.net/music/lyrics/Twa_Bonnie_Maidens.shtml
https://www.visitouterhebrides.co.uk/see-and-do/location-a-coilleag-a-phrionnsa-bonnie-prince-charlie-trail-p538071

https://thesession.org/tunes/1609
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=46578
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19657
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6422
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=9152

Twa Bonnie Maidens

Read the post in English  

“Twa Bonnie Maidens” (in italiano “Due graziose fanciulle”) è una canzone giacobita pubblicata da James Hogg in “Jacobite Relics”, Volume II (1819) che celebra l’arrivo nell’isola di Skye di una barchetta con due belle fanciulle, senonchè l’ancella di Flora Macdonald è il nostro Bel Carletto travestito, nella sua fuga dalla Scozia, dopo la disfatta della rivolta giacobita nella rovinosa battaglia di Culloden (1746).

IL PRINCIPE E LA BALLERINA

Il principe era riuscito ad arrivare nell’isola di Banbecula delle Ebridi Esterne, ma la sorveglianza era strettissima e non aveva modo di fuggire. Ed ecco che entra in scena la fanciulla, Flora MacDonald.
Nella versione anedottica della storia, Flora escogitò un trucco per portare via dall’isola Charlie: con il pretesto di andare a trovare la madre (che viveva ad Armadale dopo essersi risposata), ottenne per sè e per i due suoi domestici il salvacondotto; sotto il nome e gli abiti della cameriera irlandese Betty Burke però si celava il Bonny Prince!: Il Principe e la Ballerina

Flora MacDonald's Introduction to Bonnie Prince Charlie di Alexander Johnston (1815-1891)
“Flora MacDonald’s Introduction to Bonnie Prince Charlie” di Alexander Johnston (1815-1891)

TWA BONNIE MAIDENS

Hogg trascrisse il testo dalla testimonianza della signora Betty Cameron di Lochaber, la quale affermava che originariamente la canzone fosse in gaelico scozzese. Così scrive Hogg
È stato copiato letteralmente dalla bocca della signora Betty Cameron di Lochaber; un personaggio ben noto in gran parte delle Lowlands, specialmente per la sua grande quantità di canzoni giacobite, e il suo attaccamento al principe Carlo, e ai capi che soffrirono per lui, dei quali non parlò mai senza scoppiare a piangere. Disse che la canzone era dal gaelico; ma se lo è, penso che probabilmente l’ha tradotta lei stessa. Non c’è quasi nessuna canzone o aria che amo di più”
Quadriga Consort in “Ships Ahoy ! – Songs of Wind, Water & Tide” 2011
Marais & Miranda in A European Folk Song Festival 2012 (strofe I, III)
Archie Fisher in “The Man with a Rhyme” 1976


I
There were twa bonnie maidens,
and three bonnie maidens,
Cam’ ower the Minc (1),
and cam’ ower the main,
Wi’ the wind for their way
and the corrie (2) for their hame,
And they’re dearly welcome
tae Skye again.
Chorus
Come alang, come alang,
wi’ your boatie and your song,

Tae my hey! bonnie maidens,
my twa bonnie maids!

The nicht, it is dark,
and the redcoat is gane,

And you’re dearly welcome
tae Skye again.

II
There is Flora (3), my honey,
sae neat and sae bonnie,
And ane that is tall,
and handsome withall.
Put the ane for my Queen
and the ither for my King (4)
And they’re dearly welcome
tae Skye again.
III (5)
There’s a wind on the tree,
and a ship on the sea,
Tae my hey! bonnie maidens,
my twa bonnie maids!
By the sea mullet’s nest (6)
I will watch o’er the main,
And you’re dearly welcome
tae Skye again.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
C’erano due graziose fanciulle
e tre fanciulle belle
che attraversarono il Minch
oltre il mare
sospinte dal vento a favore
e accolte dalle nostre montagne
sono sinceramente le benvenute
a Skye
Coro
Venite, venite
con la vostra barchetta e la vostra canzone, belle fanciulle,
mie due fanciulle belle!
La notte è buia
e le giubbe rosse sono partite,
voi siete sinceramente le benvenute
a Skye.
II
C’è Flora, la mia diletta;
così forte e bella
e uno che è alto
e anche bello.
Metti l’una come Regina
e l’altro come Re
sono sinceramente le benvenute
a Skye
III
C’è il vento all’albero
e una barca nel mare
belle fanciulle,
mie due fanciulle belle!
Dal nido di triglie
sorveglierò il mare
voi siete sinceramente le benvenute
a Skye.

NOTE
1) Minch=canale tra le Ebridi esterne e le Ebridi interne
2) corry=una nicchia o uno scavo nella collina
3) 3) Flora MacDonald
4) Bonnie Prince Charlie
5) la strofa è una sintesi  tra la III e la IV della versione riportata da Hogg
6) i due sbarcarono nel villaggio di Portree. Il Nest Point è invece un altro suggestivo panorama  sulla punta occidentale dell’isola di Skye (sul lato opposto di Portree), ottimo punto per guardare il Minch il tratto di mare che separa le Highlands do nord ovest e il nord di Skye dalle isole Harris e Lewis, detto dagli antichi Norreni “Fiordo della Scozia”
Ai tempi della rivolta giacobita non esisteva ancora il Faro progettato e costruito da Alan Stevenson nei primi anni del 900.

LA MELODIA: Planxty George Brabazon o Prince Charlie’s Welcome To The Isle Of Skye?

L’arpista irlandese Turlough O’Carolan (ricordato come l’ultimo dei bardi-arpisti itineranti) scrisse alcune arie in omaggio ai suoi ospiti e mecenati, che chiamava “planxty”, il cui testo in gaelico irlandese (non pervenuto) elogiava il nobile di turno o ne commemorava un evento; le melodie sono libere e vivaci con tempi diversi (non necessariamente in terzine). Con il titolo di George Brabazon si conoscono due distinte melodie attribuite a Carolan.
“George Brabazon”è stato rititolato in Scozia “Prince Charlie’s Welcome to the Island of Skye” in onore del Pretendente come veicolo per la canzone “Twa Bonnie Maidens”. Appare anche nel Complete Repository di Gow, Parte Seconda (1802) con il titolo “Isle di Sky “(sic), suonato come una Scots Measure e con alcune differenze melodiche nella seconda parte. Questo è significativo, perché precede la prima fonte irlandese (O’Neill) di un secolo.
Fonte “The Fiddler’s Companion” (cf. Liens).

J.J. Sheridan
Siobhan Mcdonnell

The Chieftains  in Water From the Well 2000

“Over the Sea to Skye”

FONTI
http://chrsouchon.free.fr/twabonny.htm
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=25774
http://www.rampantscotland.com/songs/blsongs_maidens.htm
https://www.thebards.net/music/lyrics/Twa_Bonnie_Maidens.shtml
https://www.visitouterhebrides.co.uk/see-and-do/location-a-coilleag-a-phrionnsa-bonnie-prince-charlie-trail-p538071

https://thesession.org/tunes/1609
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=46578
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19657
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6422
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=9152

Bannocks of Barley

IL BANNOCK SCOZZESE

La preparazione di questa alternativa del pane cotto in forno è antichissima, perchè per ottenere il primo pane nella storia probabilmente si schiacciarono tra due pietre i chicchi dei primi cereali coltivati,  e con l’aggiunta di acqua si cossero in strati sottili su delle pietre piatte poste sul fuoco (o tra la cenere). L’ulteriore variante fu poi la cottura nella padella in ghisa dei traveiller e dei primi pionieri d’oltreoceano.
Il bannock scozzese ha uno spessore maggiore rispetto alle varianti tipo piadina o gallette (come di chiamano in Bretagna) o alle miacce della Valsesia perchè si stende un po’ spesso, circa alto uno o due dita; storicamente è stato il pane dei pionieri americani e canadesi, che però aveva già il suo equivalente tra i popoli nativi i quali lo preparavano con la farina di mais (o con il grano integrale). Le farine d’un tempo erano quelle d’avena o d’orzo che meglio si adattano ai climi estremi del Nord, un pane preparato in fretta e senza lasciarlo lievitare, anche se nel tempo con l’aggiunta di un po’ di lievito, si trasforma in focaccia e con una manciata di uvetta diventa addirittura un dolce. Una cottura ancora alternativa è quello della frittura.
Il problema della cottura sulla fiamma viva di un fuoco da campo è la distribuzione del calore perchè se il fuoco è troppo vivo, si rischia di bruciare la crosta e di lasciare l’interno poco cotto (il mio consiglio è d’imparare direttamente da chi ha già esperienza). In mancanza di padella l’impasto un po’ più denso viene avvolto intorno a un bastoncino di legno e cotto sopra le fiamme.

LA RICETTA DELLE ISOLE ORCADI

I Bannock d’orzo hanno un sapore caratteristico un po’ dolciastro e sono cotti sulla piastra/padella invece che nel forno, perfetti per la vita da campo dei rudi montanari scozzesi (e del rancio dei guerrieri scozzesi).
La ricetta presa da Elizabeth’s kitchen diary è molto semplice: 2 tazze di farina d’orzo, 1 tazza di farina di grano, 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio e 1 di crema di tartaro (ok oggi possiamo usare tranquillamente lo lievito in polvere), un pizzico di sale. L’aggiunta dello lievito rende più appetibile ai palati moderni questo tipo di pane, ma un tempo si doveva trattare di una semplice miscela di farina e acqua, io uso il lievito istantaneo in polvere sciolto nel latticello, ma fate un po’ come vi pare, anche il bicarbonato può andare. Come per tutti gli impasti che devono restare morbidi si devono maneggiare il meno possibile.
Fare una fontanella con tutti gli ingredienti secchi, aggiungere tanto latticello quanto basta per ricavare una palla, (usando la stessa tazza dosare 3/4 di latticello, l’aggiunta della parte liquida è da fare però a occhio, in base alla consistenza da dare all’impasto) spianare la pasta con un po’ di farina dando la forma rotonda -si può fare un unico “pane tondo” (con il segno della croce impresso con il manico di legno) o tagliarlo in quarti.
Scaldare una padella di ghisa (senza ungerla, ma c’è chi la unge)  fino a farla diventare ben calda. Cuocere per circa 5/10 minuti su ogni lato senza scordare i bordi.
Per gustarlo al meglio tagliate il bannock ancora caldo aprendolo in due e spalmateci sopra il burro. Servire caldo con formaggio tipo fontina o asiago (che non è la stessa cosa del formaggio delle Orcadi, ma .. è da provare con i formaggi italiani a pasta semi molle anche quelli erborinati)

LA RICETTA STORICA

Un’altra versione (qui) aggiunge invece le due farine d’orzo e d’avena, sale, un po’ di burro e del latte e suggerisce un curioso procedimento per amalgamare gli ingredienti: sbriciolare il burro nelle farine come quando si prepara la pasta frolla (burro freddo che si consiglia di grattugiare per amalgamare più velocemente) e poi mettere a mollo nel latte in modo che risulti ben bagnato ma non troppo e lasciare riposare 15 minuti. Presumo che questo tipo di preparazione sia dovuta al fatto che si macinino “in casa” i chicchi (usando un frullatore, o il vecchio macinino del caffè) e che quindi non si ottenga una vera e propria farina. Come sia dopo l’ammollo si impasta con della farina d’avena e si procede spianando in forma tonda. Per la cottura in padella indica 15 minuti per lato

IL BANNOCK BISCOTTINO

Diciamolo francamente, la cottura in forno è migliore, l’impasto si cuoce bene anche all’interno, senza rischio di bruciacchiature e mezze cotture come in padella. Così elaborando appena un poco la ricetta precedente si ottengono dei gustosi (per il palato scozzese) biscottini (oatcake) da abbinare a un accostamento agrodolce, tipo formaggio e marmellata (o a burro/formaggio e miele).
La ricetta (qui) una miscela farina di grano (2 tazze) e d’avena (1 tazza), poco zucchero  e lievito, il solito pizzico di sale, burro a temperatura frigo, latte e yogurt (o il latticello se avete appena preparato il burro fresco). Procedere come al solito per la preparazione della pasta frolla (parte secca + burro  grattugiato) poi quando il burro è tutto sbriciolato aggiungere la parte liquida e mescolare con un cucchiaio di legno e poi continuare a impastare aggiungendo della farina fino a quando l’impasto non è più appiccicoso. Invece di usare gli stampini, modellare la pasta come un salame e tagliare a fette spesse 1 cm circa, se invece vogliamo fare dei biscottini rettangolari modellare un salamino più lungo e sottile (come per gli gnocchi). Cuocere a 200° per 10-15 min

IL BANNOCK LIEVITATO

Ed eccoci arrivare alla versione pane dolce lievitato, nella ricetta del Selkirk Bannock (qui e qui) si usa una farina forte (500 gr), lievito di birra, acqua o latte tiepido per attivare la lievitazione, un etto abbondante di burro (100-150 gr), 50/100 gr di zucchero e  uvetta a piacere.
Un tempo era preparato con la farina d’orzo, ma per farlo lievitare bene è preferibile la farina di grano; questo dolce più ricco è probabilmente il Bride bannock (bonnach Bride) descritto da Alexander Carmichael, che le donne sposate preparavano per la festa di Imbolc.

E mentre stiamo ai fornelli ascoltiamoci un po’ di musica tradizionale scozzese

Bannocks o’ bear meal

Sulla melodia tradizionale The Killogie nel 1688 Lord Newbottle scrisse una poesiola satirica, con il titolo di “Cakes o’ Croudy” (Crowdie è una densa pastella di farina e acqua preparata per la cottura sulla piastra). In Scozia questo tipo di satira si dice Pasquil proprio come le nostre “pasquinate” in cui il popolo sfoga il suo malumore verso i potenti. Trasformata da Robert Burns in una canzone giacobita per la raccolta dello “Scots Musical Museum” (1796). Anche James Hogg ha pubblicato un testo simile a quello di Burns con il titolo  “Cakes o’ Croudy”  (“Jacobite Relics”, 1819) che prende anche il titolo di Bannocks o Barley: nella canzone si rende omaggio ai guerrieri dei clan scozzesi (i Montanari della Scozia alta e delle Isole) che combatterono per cercare di rimettere sul trono l’ultimo pretendente della casa Stuart
lads wi the bannocks o’ barley (i ragazzi che mangiano panini d’orzo)

Non posso fare a meno di notare che anche i ribelli irlandesi del 1798 furono associati all’orzo “L’orzo che si muove nel vento”:  pare che sulle fosse comuni dove venivano seppelliti i “croppy boys“, crescesse l’orzo, germogliato dalle razioni di cibo che si portavano in tasca; così lo spirito del nazionalismo irlandese non poteva essere distrutto e tornava a rinasce.

Al momento in rete di Bannocks o Barley si trovano le versioni classiche nelle variazioni di Haydn, oppure nel The Complete Songs of Robert Burns, Vol. 6 (qui)

ASCOLTA Daniela Bechly su Spotify la versione classica su arrangiamento di F.J. Haydn; il testo è però “Argyle is my name” (testo qui)
ASCOLTA in verisone marcia del Gloucester Regiment detta anche “Kinnegad Slashers” (una variante di Brian O’Linn e per questo viene archiviata talvolta come melodia irlandese)

The Kinnegad Slashers

Bannocks o’ Barley Meal

LA VERSIONE DI ROBERT BURNS
Bannocks o’ bear meal (1),
Bannocks o’ barley,
Here’s to the Highlandman’s
Bannocks o’ barley!
I
Wha in a brulyie
Will first cry ‘ a parley’?
Never the lads
Wi the bannocks o’ barley!
II
Wha, in his wae days,
Were loyal to Charlie (2)?
Wha but the lads
Wi the bannocks o’ barley!


LA VERSIONE DI JAMES HOGGS
I
Bannocks o’ bear meal,
Bannocks o’ barley,
Here’s to the Highlandman’s
Bannocks o’ barley!
Wha in a bruilzie
will first cry ” a parley ?”
Never the lads
wi’ the bannocks o’ barley !
II
Wha was it drew
the gude claymore for Charlie ?
Wha was it cowed
the English lowns rarely ?
An’ clawed their backs
at Falkirk (3) fairly ?
Wha but the lads
wi’ the bannocks o’ barley !
III
Wha was’t when hope
was blasted fairly,
Stood in ruin (4)
wi’ bonny Prince Charlie?
An’ ‘neath the Duke’s (5)
bluidy paw dreed fu’ sairly ?
Wha but the lads
wi’ the bannocks o’ barley !
Traduzione italiano di Cattia Salto
Panini (tortino) di farina d’orzo (1),
panini d’orzo
per gli Highlanders
panini d’orzo!
I
Chi nella lotta
griderà per primo “tregua”?
Nessuno dei ragazzi
che mangiano panini d’orzo!
II
Chi nei giorni del dolore
fu fedele a Carletto (2)?
Chi se non i ragazzi
che mangiano panini d’orzo?!


Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Panini (tortino) di farina d’orzo,
panini d’orzo
per gli Highlanders
panini d’orzo!
Chi nella lotta
griderà per primo “tregua”?
Nessuno dei ragazzi
che mangiano panini d’orzo!
II
Chi ha sferrato il colpo con il suo valoroso spadone per Carletto?
Chi ha intimidito
le canaglie inglesi?
E artigliato finalmente
le loro schiene a Falkirk (3)?
Chi se non i ragazzi
che mangiano panini d’orzo?!
III
Chi fu, quando la speranza
venne spazzata via,
ad ergesi tra le rovine (4)
con il bel Carletto?
E sotto la zampa insanguinata
del Duca (5) tremò pieno di rimpianto?
Chi se non i ragazzi
che mangiano panini d’orzo?!

NOTE
1) bear (che si pronuncia proprio come la parola inglese per “orso” è un tipo particolare d’orzo coltivato nell’antichità nelle isole Orcadi, usato sia per la panificazione che per la birra. Gli storici presumono che sia arrivato nelle isole (Orcadi e Shetland) insieme ai vichinghi, è seminato in primavera e raccolto in estate ( per la sua rapida crescita è detto anche l’orzo dei 90 giorni).
2) il nostro Bonny Prince
3) la battaglia di Falkirk fu la più grande battaglia della Rivolta giacobita combattuta il 17 gennaio 1746 tra gli Inglesi e i sostenitori di Charles Edward Stuart  (vedi) già nel 1298 si era disputata un’altra battaglia tra gli Inglesi e i ribelli scozzesi di William Wallace, vinta da Edoardo I a caro prezzo.
4) Christian Souchon nella sua traduzione suggerisce ” si sacrificò fino alla morte”
5) il Duca di Cumberland chiamato dagli amici “il macellaio”, e paragonato ad un orso sanguinario:  gli scozzesi furono sconfitti pochi mesi dopo la vittoria di Falkirk nella battaglia di Culloden, anche quel giorno pioveva era il 16 aprile 1746 continua

FONTI
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/bannocks_o_bear_meal.htm
http://chrsouchon.free.fr/bannock.htm
http://chrsouchon.free.fr/croudy.htm
http://abcnotation.com/tunePage?a=www.campin.me.uk/Flute/Webrelease/Flute/09Duet/09Duet/0002

RICETTE
http://ontanomagico.altervista.org/alimentazione.html
http://ontanomagico.altervista.org/cereali.htm
http://outlanderkitchen.com/2014/08/13/bannocks-castle-leoch/
https://www.elizabethskitchendiary.co.uk/2013/04/orkney-beremeal-bannocks.html/
https://honey-guide.com/2013/11/24/bere-and-beremeal-bannocks/

https://www.bbcgoodfood.com/recipes/1129665/selkirk-bannock
https://foodanddrink.scotsman.com/food/a-history-of-the-selkirk-bannock-including-recipe-for-making-your-own/

The Battle of Sherramoor [la battaglia di Sheriffmuir]

From “Drums of Autumn” of the Outlander saga written by Diana Gabaldon chapter 4.
In the future Roger sings many popular airs at the Celtic Festival in New England (Outlander Season 4, episode 3)
“”…a bodhran,” Roger was saying. The drum was no more than a wooden hoop, a few inches wide, with a skin head stretched over it, some eighteen inches across. He held the drum balanced on the fingers of one hand, a small double-headed stick in the other. “One of the oldest known instruments, this is the drum with which the Celtic tribes scared the bejesus out of Julius Caesar’s troops in 52 BC.” The audience tittered, and he touched the wide drumhead with the stick, back and forth in a soft, quick rhythm like a heartbeat. 
“And here’s ‘The Sheriffmuir Fight,’ from the first Jacobite Rising, in 1715.”
..”…then on they rushed, and blood out-gushed, and many a puke did fall, man… They hacked and hashed, while broadswords clashed…” ” 
[In “Tamburi d’Autunno” della saga “La Straniera” di Diana Gabaldon, capitolo 4.
Nel futuro Roger canta molti brani popolari al Festival Celtico nel New England (Outlander stagione 4, terzo episodio)
un bodhran” stava dicendo Roger. Il tamburo non era più che un anello di legno di pochi centimetri su cui era tesa una pelle larga due spanne. Lui lo teneva bilanciato sulle dita di una mano, con un bastoncino dalla doppia estremità nell’altra. “Questo è uno dei più antichi strumenti conosciuti: il tamburo con cui le tribù celtiche fecero prendere una strizza tremenda alle truppe di Giulio Cesare nel 52 avanti Cristo” Il pubblico ridacchiò, e lui sfiorò il tamburo con la mazza, avanti e indietro, in un ritmo rapido e sommesso, come un battito cardiaco. “Ed ecco a voi “The Sheriffmuir Fight, dalla prima sommossa giacobita, nel 1715

Several ballads have been written about the battle of Sheriffmuir, but there are two main versions: Robert Burns version and Robert Tannahill pro-Jacobite version.
Sono state scritte diverse ballate sulla battaglia di Sheriffmuir, ma due sono le versioni principali:  quella di Robert Burns e quella pro-giacobita di Robert Tannahill

180px-John-Erskine-11th
John-Erskine Lord Mar

The claims to the throne of “the Old Pretender” (James Francis Edward Stuart) broke at the Battle of Sheriffmuir of November 13, 1715, which ended essentially with a stalemate (apart from so many deaths)- with jacobites forces commanded by Lord Mar.
Le rivendicazioni al trono di Giacomo Stuart “Il vecchio Pretendente” si infransero nella Battaglia di Sheriffmuir il 13 novembre 1715, che si concluse in sostanza con un nulla di fatto (a parte tanti morti) – con l’esercito giacobita comandato da Lord Mar.
The Old Pretender” arrived on board a French ship in December, founding his cause desperate, he fled to France: Mar’s army dispersed and the revolt ended. In 1717 a general pardon was granted under the “Act of Grace” to all the Highlanders who participated in the insurrection. 
Il Vecchio Pretendente arrivò a bordo di una nave francese in dicembre, trovò la sua causa disperata e fuggì in Francia: l’esercito di Mar si disperse e la rivolta finì. Nel 1717 venne concesso, con l’”Act of Grace” un generale perdono a tutti gli Highlanders che parteciparono all’insurrezione.

Sherramuir Fight : O, cam ye here the fight to shun

Robert Burns wrote his version of the Battle on the melody “The Cameronian Rant” (aka “The Camerons’ March” or ” The Cameronian Kant,”) when he toured the Highlands in 1787 and first published in The Scots Musical Museum, 1790: two shepherds meet on a hill and discuss who won the battle of Sherra-moor (Sheriffmuir).
Robert Burns scrive la sua versione della Battaglia sulla melodia “The Cameronian Rant”, quando visitò le Highlands nel 1787 che fu pubblicata la prima volta nello Scots Musical Museum del 1790: due pastori si incontrano su una collina e discutono su chi abbia vinto la battaglia di Sherra-moor (Sheriffmuir).

The Highland clans had flocked in large numbers but the battles were not always won with brute force and abundance of men: while there were those who had men between both sides, there were also those who remained to watch without taking part in the battle; the Scots do not want to admit it, but the battle was a defeat (in the series when a commander knows no terrain, tactics and enemy).
I clan delle Highlands erano accorsi in grande numero ma non sempre le battaglie vengono vinte con la forza bruta e l’abbondanza di uomini: mentre c’erano quelli che avevano uomini tra entrambi gli schieramenti, c’erano anche quelli che restarono a guardare senza prendere parte alla battaglia; gli Scozzesi non vogliono ammetterlo, ma la battaglia fu una sconfitta (della serie quando un comandante non conosce terreno, tattiche e nemico).

At the fall of darkness both armies returned to their respective camps, and the following day the Highlanders retreated to Perth and the government forces commanded by the Duke of Argyle, returned to Stirling.
Al cadere dell’oscurità entrambi gli eserciti tornarono ai rispettivi accampamenti, e il giorno seguente gli Highlanders si ritirarono verso Perth e i governativi, comandati dal Duca di Argyle, tornarono a Stirling. 


Jacobite Rising 1715 : Sheriffmuir, Perthshire

Clanadonia

The Corries live

Jean Redpath in Songs of Robert Burns Vols 1&2

Jamie McMenemy


I.
‘O, cam ye here the fight to shun,
Or herd the sheep wi’ me, man?
Or were ye at the Sherra-moor,
Or did the battle see, man?’
‘I saw the battle, sair and teugh,
And reekin-red ran monie a sheugh;
My heart for fear gae sough for sough,
To hear the thuds, and see the cluds
O’ clans frae woods in tartan duds,
Wha glaum’d at kingdoms three (1), man.”
CHORUS
Huh! Hey dum dirrum hey dum dan
Huh! Hey dum dirrum dey dan.
Huh! Hey dum dirrum hey dum dandy
Hey dum dirrum dey dan.
II.
‘The red-coat lads wi’ black cockauds (2)
To meet them were na slaw, man:
They rush’d and push’d and bluid outgush’d,
And monie a bouk did fa’, man!
The great Argyle (3) led on his files,
I wat they glanc’d for twenty miles;
They hough’d the clans like nine-pin kyles,
They hack’d and hash’d, while braid-swords clash’d,
And thro’ they dash’d, and hew’d and smash’d,
Till fey men died awa, man.
III.
‘But had ye seen the philibegs
And skyrin tartan trews, man,
When in the teeth they daur’d our Whigs (4)
And Covenant (5)  trueblues, man!
In lines extended lang and large,
When baig’nets o’erpower’d the targe,
And thousands hasten’d to the charge (6),
Wi’ Highland wrath they frae the sheath
Drew blades o’ death, till out o’ breath
They fled like frighted dows, man!’
IV.
‘They’ve lost some gallant gentlemen,
Amang the Highland clans, man!
I fear my Lord Panmure (7) is slain,
Or in his en’mies’ hands, man.
Now wad ye sing this double fight
Some fell for wrang, and some for right,
But monie bade the world guid-night:
Say, pell and mell, wi’ muskets’ knell
How Tories fell, and Whigs to Hell
Flew off in frighted bands, man!’
Traduzione italiano Cattia Salto*
I
“Sei venuto qui per sfuggire alla battaglia
o per accudire le pecore con me, amico?
Oppure eri a Sheriffmuir
e hai visto la battaglia, amico?”
“Ho visto la battaglia, amara e dura
e il puzzo del sangue spargersi nei fossi;
il mio cuore tremava di paura
nell’ascoltare i colpi e nel vedere l’annuvolarsi
tra i boschi dei clan in tartan
a sfidare i Tre Regni, amico “
Coro
Huh! Hey dum dirrum hey dum dan
Huh! Hey dum dirrum dey dan.
Huh! Hey dum dirrum hey dum dandy
Hey dum dirrum dey dan.
II
“Le giubbe rosse con coccarde nere
ad incontrarli non erano restii, amico:
essi si precipitavano e spingevano e il sangue scorreva copioso/ e molti corpi caddero, amico!
Il grande Argyle conduceva le sue file
(avranno attraversato più di venti miglia)
essi colpirono i clan come birilli,
li fecero a pezzi e li sbudellarono mentre le grandi spade si scontravano,/ si dibattevano, tagliavano e fracassavano/ finchè gli uomini predestinati morirono, amico.”
III
“Ma avevi visto i kilt/ e i pantaloni in tartan dagli sgargianti colori, amico,
quando mostrarono i denti ai Whigs 
ai Covenanti e ai Lealisti, amico!
Allineati su un ampio fronte
quando le baionette e gli scudi abbandonarono
e a migliaia si affrettarono alla carica 
con l’ira degli Highlands, che dal fodero
sguainarono le lame mortali, a perdifiato/ gli altri scapparono come piccioni timorosi, amico”
IV
“Hanno perduto dei galantuomini valorosi
tra i clan delle Highlands.
Temo che il mio Lord Panmure sia morto
o in mano ai suoi nemici.
E’ tempo di cantare questo duplice scontro,
alcuni caddero a torto e altri a ragione,
ma molti diedero la buonanotte al mondo:
alla rinfusa, con le fiammate dei moschetti
dicci come i Conservatori caddero e i Whigs volarono dritti all’inferno in bande spaventate”

NOTE
english translation 
french translation
*La versione originaria ha due ulteriori strofe prima del finale, che però non essendo più cantate al giorno d’oggi, non mi sono data la pena di tradurre.
1) the crown of England, Scotland and Ireland [la corona d’Inghilterra, Scozia e Irlanda]
2) The cockade pinned to the hat is an eighteenth-century fashion and was worn as a symbol of loyalty to a certain ideology, or even as an indication of social status (and more often part of a servant’s uniform). In Britain the white cockade indicated the Jacobites, while the government ones wore the black or blue cockade.
[La coccarda appuntata sul cappello è una moda del Settecento ed era indossata come simbolo della fedeltà a una certa ideologia, o anche come indicazione di status sociale (e più spesso parte della divisa di un servitore). In Gran Bretagna la coccarda bianca indicava i giacobiti mentre i governativi indossavano la coccarda nera o blu.]
3)  John Campbell, Duke of Argyll (British Government) [John Campbell, II duca di Argyll, comandante in campo delle forze governative]
4) Tories and Whigs are the two opposing parties in the English parliament,  Whigs, it is a word of probable Scottish origin, perhaps with the meaning of marauder, or perhaps it comes from “whig”, sour milk, it was certainly an insult that in 1600 addressed this political current but remained stuck as a label in the following centuries. It does not seem to me the case to go to distinguish between the subtle or more substantial divergences between the two parties, but to underline that it was the Whigs who unconditionally supported the new dynasty inaugurated with the election of King George I of Hannover. [Tories e Whigs sono i due partiti opposti nel parlamento inglese (Conservatori e Liberali)
 Whigs, è una parola di probabile origine scozzese, forse col significato di predone, o forse viene da “whig”, latte acido, di certo era un insulto che nel 1600 si rivolgeva a questa corrente politica ma rimase appiccicato come un etichetta nei secoli successivi. Non mi sembra il caso di andare a distinguere tra le sottili o più sostanziali divergenze tra i due partiti, quanto sottolineare che furono i Whigs ad appoggiare incondizionatamente la nuova dinastia inaugurata con l’elezione di Re Giorgio I di Hannover.]
5) The Covenanters were a Scottish Presbyterian movement during the 17th century. They derived their name from the word covenant meaning a band, legal document or agreement, with particular reference to the Covenant between God and the Israelites in the Old Testament [Covenante era il nome dato agli scozzesi presbiteriani che si ricollegavano direttamente al patto di alleanza biblico (tra Dio e il popolo d’Israele). Le riunioni in aperta campagna vennero denominate “conventicles” e considerate illegali passibili di pena capitale.]
6) see Highland charge The use of the scottish charge greatly resembled older Celtic fighting styles of battle in which one side would rush at the other in an attempt to break the line of battle [gli scozzesi andavano così in battaglia: la famosa carica degli highlanders consisteva nel correre verso la schiera dei nemici, sparare il colpo di moschetto alla distanza di tiro del nemico, creando una cortina di fumo, liberarsi di moschetto, cinturone e plaid, e procedere nella carica urlando come ossessi e brandendo minacciosamente la grande spada (con i lembi della camicia che svolazzano sul culo nudo). Il kilt un tempo era infatti più che altro una lunga coperta drappeggiata introno ai fianchi e trattenuta da una cintura anzichè da una fibbia. vedi
7) James Maule, 4th Earl of Panmure (1658 -1723) had been a Privy councillor to James II/VII whom he continued to support when the latter was in exile. He was an early supporter of the Jacobite cause. James Maule encouraged rebellion and the return of the King by signing a letter suggesting the country would rise to support him (1707). From the Mercat Cross at Brechin, he proclaimed James Francis Edward Stuart, the ‘Old Pretender’ as King James VIII (1715) and went on to fight at the battle of Sherrifmuir in November of the same year. He was captured but escaped, with his younger brother Henry, via Arbroath to the Continent the following year. This resulted in the forfeiture of the Panmure title and estates; indeed it is said that the gates of Panmure House have not been opened since. Maule was honoured by the Old Pretender and followed him to Avignon (1716) and then Rome (1717).
He died of pleurisy in Paris, still in exile having twice refused the opportunity of reconciliation with the British government. Source: Wikipedia
[James Maule, quarto conte di Panmure (1658 -1723) era stato consigliere privato di Giacomo II / VII, che continuò a sostenere quando quest’ultimo era in esilio. Fu un primo sostenitore della causa giacobita. James Maule incoraggiò la ribellione e il ritorno del Re firmando una lettera che suggeriva che il paese si sarebbe ribellato per sostenerlo (1707). Dalla Mercat Cross a Brechin, ha proclamato James Francis Edward Stuart, il “Vecchio Pretendente” come Re Giacomo VIII (1715) e ha continuato a combattere nella battaglia di Sherrifmuir nel novembre dello stesso anno. Fu catturato ma riuscì a fuggire, con il fratello minore Henry, attraverso Arbroath fino al continente l’anno seguente. Ciò ha comportato la confisca del titolo e delle proprietà di Panmure; in effetti si dice che le porte di Panmure House non siano state aperte da allora. Maule fu tenuto in grande rispetto dal Vecchio Pretendente e lo seguì ad Avignone (1716) e poi a Roma (1717). Morì di pleurite a Parigi, ancora in esilio avendo rifiutato due volte l’opportunità di riconciliazione con il governo britannico]

Sheriffmuir : They Ran and We Ran 

The song, as arranged by The McCalmas, consists of two parts, the first part is titled “We ran and they ran” and it is attributed by Burns to Rev. Murdoch M’Lellan; the tune of “We ran and they ran” is said by Hogg to have been anciently called “She’s yours, she’s yours, she nae mair ours,” or more recently “John Paterson’s mare”.
The second part takes some stanzas (the first two and the last) from the “Dialogue between Will Lickladle and Tam Cleancogue” (a broadside by John Barclay-1734, 1798), as reported by J. Ritson’s in “Scotish Songs”, volume II, p.67 (class III, N ° 17), 1794 and by James Hogg in “Jacobite Relics” Volume II N ° 2 page 6, 1821 (which was the starting material for the Burns version)
La canzone così come arrangiata dai McCalmas si compone di due parti, la prima parte s’intitola “We ran and they ran” ed è attribuita da Burns al Rev. Murdoch M’Lellan; la melodia secondo Hogg era anticamente intitolata “She’s yours, she’s yours, she nae mair ours,” ovvero la più recente “John Paterson’s mare”.
La seconda parte invece riprende alcune strofe (le prime due e l’ultima) del “Dialogue between Will Lickladle and Tam Cleancogue” (un foglio volante di John Barclay), così come riportato da J. Ritson’s in “Scotish Songs”, volume II, p.67 (class III, N°17), 1794 e da James Hogg in “Jacobite Relics” Volume II N°2 page 6, 1821 (che costituì il materiale di partenza per la versione scritta da Burns)

The McCalmans in ‘Side By Side By Side’ 1977


[First Part: We ran and they ran]
I.
There’s some say that we wan
and some say that they wan
And some say that nane wan at a’ man
But one thing is sure that at Sheriff Muir
A battle was fought on that day, man
Chorus
And we ran and they ran
and they ran and we ran

And we ran and they ran
awa’ man

II.
Now Trumpet McLean whose breeks
were not clean (1)
By misfortune did happen tae fa’ man
By saving his neck his trumpet did break
He came off without music at a’ man
And we ran and they ran …
III.
Whether we wan or they wan
or they wan or we wan
Or if there was winnin’ at a’ man
There’s nae man can tell save our brave general
Wha first began runnin’ awa’ man
And we ran and they ran…
[Second part]
IV. (Will)
Pray come ye here the fight tae shun
or keep the sheep wi’ me man
Or was you at the Sheriffmuir
and did the battle see man
Pray tell which o’ the parties won,
for weel I know I saw them run
Both south and north when they began
Tae pell (2) and mell and kill and fell
wi’ muskets snell and pistols knell
And some tae hell did flee man
V. (Tam)
But my dear Will I kenna still
which o’ the twa did lose man
For weel I know they had good skill
tae set upon their foes man.
The Redcoats they are trained you see
the Highland clans disdain tae flee
Wha then shall gain the victory?
But the Highland race, all in a brace,
with a swift pace, to the Whigs’ disgrace,
Did put to chase their foes, man
VI. (Will)
But Scotland has not much to say
for such a fight as this is
For baith did fight baith ran away;
the devil take the misses,
For every soldier was not slain
that ran that day and was nae ta’en
Either flying from or to Dunblane (3):
For fear of foes that they should lose the bowls of brose all crying woes
Yonder them goes d’ye see man
There’s no one knows who’s wan man (4)
And we ran and they ran 
Traduzione italiano Cattia Salto
Prima Parte
I
Alcuni dicono che vincemmo
e altri dicono che essi vinsero
e altri ancora che nessuno vinse del tutto, amico/ Ma una cosa è certa, che a SheriffMuir
una battaglia fu combattuta quel giorno, amico
Coro
E noi correvamo e loro correvano
e loro correvano e noi correvamo
E noi correvamo e loro ..
scappavano, amico!
II
McLean il trombettiere i cui pantaloni 
non erano puliti
ebbe la sfortuna di cadere, amico
e per salvarsi il collo, ruppe la sua trombetta,
ne venne fuori senza musica del tutto, amico
E noi correvamo e loro correvano
III
Che noi vincemmo o loro vinsero,
o essi vinsero o noi vincemmo
se ci fosse stato un vincitore, amico
nessuno può dirlo, tranne il nostro bravo generale, che per primo iniziò a scappare, amico/ E noi correvamo e loro correvano
[seconda parte] 
IV -Will
“Ti prego dimmi sei venuto qui per sfuggire alla la battaglia o per accudire le pecore con me, amico?/ Oppure eri a Sheriffmuir
e hai visto la battaglia, amico?
Ti prego dimmi quali delle due parti ha vinto, perchè so bene di averli visti correre sia a Sud che a Nord quando iniziarono, alla rinfusa, a uccidere e a cadere con la fiammata dei moschetti e il rintocco delle pistole
e alcuni volarono dritti all’inferno, amico
V -Tom
Ma mio caro Will, non riesco ancora a capire chi dei due abbia perso, amico
Per quanto mi riguarda, so che erano bravi
ad attaccare i loro nemici, amico
le Giubbe Rosse sono addestrate 
e i clan delle Highland sdegnano la fuga.
Chi allora otterrà la vittoria?
Ma la carica degli Highlands in coppia a passo veloce e disonore ai Whigs,
che i misero a inseguire i loro nemici, amico
VI -Will
Ma la Scozia non ha molto da dire
per un combattimento del genere
perchè entrambi combatterono e  entrambi fuggirono e il diavolo si prese i dispersi,
per ogni soldato non ucciso
che corse quel giorno e non fu catturato  volando da o verso Dunblane
per paura dei nemici che dovranno perdere
le ciotole del porridge tutti piangendo guai
laggiù vanno, hai visto, amico?
Nessuno sa chi vinse, amico
E noi correvamo e loro correvano

NOTE
french translation
1) breeks= trousers si insinua che “l’abbia fatta nei pantaloni”
2) to pell= To beat or strike violently, to thump
3) Sheriff-muir is situated in the parish of Dunblane, Perthshire, near the Ochil hills
4) i versi del broadside sono diversi:
When Whig and Tory, in their fury
Strove for glory, to our sorrow,
This sad story hush is. 

LINK
http://digital.nls.uk/1715-rising/songs/will-ye-go-tae-sheriffmuir/index.html
http://www.contemplator.com/scotland/sheriffmur.html

https://burnsscotland.wordpress.com/2012/05/18/friday-gem-the-battle-of-sherra-moor-2/
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=7898

http://data.historic-scotland.gov.uk/pls/htmldb/f?p=2500:15:0::::BATTLEFIELD:17
https://thesession.org/tunes/284
http://chrsouchon.free.fr/sheramui.htm
http://mysongbook.de/msb/songs/s/sheriffm.html
http://mysongbook.de/msb/songs/s/sherramu.html
http://www.readbookonline.net/readOnLine/29309/

https://en.wikisource.org/wiki/The_Book_of_Scottish_Song/Battle_of_Sheriff-Muir_1

Will Ye Gang Tae Sherramuir

Several ballads have been written about the battle of Sheriffmuir, but there are two main versions: Robert Burns version and Robert Tannahill pro-Jacobite version.
Sono state scritte diverse ballate sulla battaglia di Sheriffmuir, ma due sono le versioni principali:  quella di Robert Burns e quella pro-giacobita di Robert Tannahill

ROBERT TANNAHILL & JAMES HOGG

The song is reported by James Hogg in his “Jacobite Relics” (1819), only the first two stanzas are attributed to Robert Tannahill, while the other two are probably by Hoggs (cf)
Il brano è riportato da James Hogg nel suo “Jacobite Relics” (1819), solo le prime due strofe sono attribuite a Robert Tannahill, mentre altre due sono probabilmente di Hoggs (vedi)

Ewan MacColl & Peggy Seeger in
Songs of Two Rebellions: The Jacobite Wars of 1715 and 1745 in Scotland 2004

Max Dunbar

Sam Monaghan

Rod Paterson in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume III (2012)


I
Will ye go to Sheriffmuir,
Bauld John o Innisture (1)?
There to see the noble Mar,
And his Heiland laddies.
A’ the true men o the north,
Angus, Huntly and Seaforth, (2)
Scouring on tae cross the Forth,
Wi their white cock-a-dies (3).
II
There you’ll see the banners flare,
There you’ll hear the bagpipes rare (4),
And the trumpets deadly blare,
Wi the cannon’s rattle,
There you’ll see the bold McCraws,
Cameron’s and Clanronald’s raws,
A’ the clans wi loud huzzas,
Rushing tae the battle (5).
III
There you’ll see the noble Whigs (6),
A’ the heroes o the brigs (7),
Raw hides and withered wigs,
Riding in array, man.
Rien hose and raggit hools,
Sour milk (6) and girnin’ gools (8),
Psalm-books and cutty stools (9),
We’ll see never mair, man.
IV
Will ye go to Sheriffmuir,
Bold John o’ Innisture?
Sic a day and sic an hour,
Neir was in the north man.
Siccan sichts will there be seen;
And gin some be nae mistaen,
Fragrant gales will come bedeen,
Frae the water o Forth, man.
English translation
I
Will you go to Sheriffmuir,
Bold John of Innisture (1)?
There to see the noble Mar,
And his Highland laddies.
All the true men of the north,
Angus, Huntly and Seaforth (2),
Scouring on to cross the Forth,
With their white cockadies (3).
II
There you’ll see the banners flare,
There you’ll hear the bagpipes rare (4),
And the trumpets deadly blare,
With the cannon’s rattle,
There you’ll see the bold McCraws,
Cameron’s and Clanronald’s lines,
All the clans with loud huzzas,
Rushing to the battle (5).
III
There you’ll see the noble Whigs (6),
All the heroes of the brigs, (7)
Raw hides and withered wigs,
Riding in array, man.
Riven hose and ragged coats
Sour milk (6) and whining throats (8);
Psalm-books and cutty stools (9),
We’ll see never more, man.
IV
Will you go to Sheriffmuir,
Bold John of Innisture?
Such a day and such an hour,
Never was in the north man.
Such sights will there be seen;
And if some be not mistaken,
Fragrant gales (10) will come soon,
From the water of Forth, man.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Andrai a Sheriffmuir
prode John di Innisture?
Là vedrai Lord Mar
e i suoi ragazzi delle Highlands,
tutti i veri uomini del Nord,
Angus, Huntly e Seaforth,
in perlustrazione per varcare il Forth
con le loro coccarde bianche.
II
Là vedrai gli stendardi garrire,
là sentirai le cornamuse ruggire
e le trombe squillare a morte
con le raffiche dei cannoni,
là vedrai il prode McCraws
e le schiere dei Cameron e del Clanronald,
tutti i clan con i loro forti Hurrà
affrettarsi alla battaglia.
III
Là vedrai i nobili Whigs,
tutti ceffi da galera,
pelli raggrinzite e parrucche imbiancate
muoversi a ventaglio, amico.
Calze strappate e vestiti laceri,
latte acido e piagnistei,
libri dei salmi e sgabelli delle penitenze
non si vedranno mai più, amico.
IV
Andrai a Sheriffmuir
prode John di Innisture?
Un tale giorno e un tale momento
non ci sono mai stati nel Nord,
tali cose là saranno viste amico
e se non ci sbagliamo
brezze fragranti verranno presto
dalle acque del Forth, amico

NOTE
1)the identity of John o ‘Innisture remained unknown [ l’identità di John o’ Innisture è rimasta sconosciuta]
2) Huntly, Seaforth: clan chiefs respectively of the Gordons and the McKenzie [Huntly, Seaforth: capi clan rispettivamente dei Gordon e dei McKenzie.]
3) The cockade pinned on the bonnet is an eighteenth-century fashion and it was worn as a symbol of loyalty to a certain ideology, or as indication of a social status (and more often it was part of a servant’s uniform). In Great Britain the white cockade indicated the Jacobites while the governmental ones wore the black or blue cockade [La coccarda appuntata sul cappello (berretto scozzese) è una moda del Settecento ed era indossata come simbolo della fedeltà a una certa ideologia, o anche come indicazione di status sociale (e più spesso parte della divisa di un servitore). In Gran Bretagna la coccarda bianca indicava i giacobiti mentre i governativi indossavano la coccarda nera o blu]
4) They are the great bagpipes of the north used in an open environment for the alarm, to call the clans in lines and to spur the men into battle. [sono le cornamuse grandi del nord usate in ambiente aperto per la sveglia, per richiamare i clan all’ordine e per spronare gli uomini in battaglia.]

Highland Charge ©2002 Charles Keegan
Highland Charge ©2002 Charles Keegan
5) gli scozzesi andavano così in battaglia: La famosa carica degli highlanders consisteva nel correre verso la schiera dei nemici slacciandosi il cinturone e liberandosi del plaid, ossia il kilt; si procedeva con impeto, a grandi balzi urlando come ossessi e brandendo minacciosamente la grande spada (con i lembi della camicia che svolazzavano sul culo nudo). Il kilt un tempo era infatti più che altro una lunga coperta drappeggiata introno ai fianchi e trattenuta da una cintura anzichè da una fibbia 

6) Tories and Whigs are the two opposing parties in the English parliament,  Whigs, it is a word of probable Scottish origin, perhaps with the meaning of marauder, or perhaps it comes from “whig”, sour milk, it was certainly an insult that in 1600 addressed this political current but remained stuck as a label in the following centuries. It does not seem to me the case to go to distinguish between the subtle or more substantial divergences between the two parties, but to underline that it was the Whigs who unconditionally supported the new dynasty inaugurated with the election of King George I of Hannover. [Tories e Whigs sono i due partiti opposti nel parlamento inglese (Conservatori e Liberali)  Whigs, è una parola di probabile origine scozzese, forse col significato di predone, o forse viene da “whig”, latte acido, di certo era un insulto che nel 1600 si rivolgeva a questa corrente politica ma rimase appiccicato come un etichetta nei secoli successivi. Non mi sembra il caso di andare a distinguere tra le sottili o più sostanziali divergenze tra i due partiti, quanto sottolineare che furono i Whigs ad appoggiare incondizionatamente la nuova dinastia inaugurata con l’elezione di Re Giorgio I di Hannover.]
7) letteralmente “eroi delle prigioni”
8) girn è un termine scozzese con vari significati tra cui il piagnisteo dei bambini girn=children: to be fretful, to whine, whimper; to groan, to cry
potrebbe anche essere girn= snarling (in italiano gole ringhianti)
9) “The custom of performing penance in public by humiliation in church either through significant action, position or confession has often been held to be peculiar to the Presbyterian and Puritan churches. In Scotland the ordeals of sitting on the repentance-stool or cutty-stool were most frequent. In economic and social histories of Scotland, and especially in Edgar’s Old Church Life in Scotland, many instances are enumerated. Sometimes [Pg 107] the offender wore a repentance-gown of sackcloth; more frequently he stood or sat barefoot and barelegged.” (from here)
[cutty stool: una sorta di sgabello delle penitenze dove chi aveva peccato veniva messo in castigo (tipo dietro la lavagna per i bambini indisciplinati a scuola) per subire una punizione simbolica e umiliante sotto gli occhi di tutta la congregazione. L’usanza di eseguire la penitenza in pubblico con l’umiliazione in chiesa o attraverso azioni, posizioni o confessioni significative è stata spesso considerata peculiare delle chiese presbiteriana e puritana. In Scozia era molto frequente l’uso dello sgabello del castigo . Nelle storie economiche e sociali della Scozia, e in particolare in “Old Church Life in Scotland” di Edgar, sono elencate molte istanze. A volte [Pg 107] l’autore del reato indossava un saio di sacco; più di frequente stava in piedi o sedeva scalzo e a gambe scoperte.]
10) allusion to the ship that will bring the Old Pretender home who arrived on board a French ship in December, founding his cause desperate, he fled to France: Mar’s army dispersed and the revolt ended. In 1717 a general pardon was granted under the “Act of Grace” to all the Highlanders who participated in the insurrection. 
[allude alla nave che porterà in patria il Vecchio Pretendente che arrivò a bordo di una nave francese in dicembre, trovò la sua causa disperata e fuggì in Francia: l’esercito di Mar si disperse e la rivolta finì. Nel 1717 venne concesso, con l’”Act of Grace” un generale perdono a tutti gli Highlanders che parteciparono all’insurrezione.]

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/came-france.htm
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2027C.htm
http://digital.nls.uk/1715-rising/songs/will-ye-go-tae-sheriffmuir/index.html
http://www.contemplator.com/scotland/sheriffmur.html
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=7898
http://data.historic-scotland.gov.uk/pls/htmldb/f?p=2500:15:0::::BATTLEFIELD:17
https://thesession.org/tunes/284

http://www.readbookonline.net/readOnLine/29309/

“BOTH SIDES THE TWEED” WITH HONOUR

IL TESTO DI JAMES HOGG

Nel 1817 James Hogg (1770 – 1835) ebbe l’incarico dalla “Highland Society of London” di raccogliere i canti giacobiti a cavallo del Settecento, uno scorcio della storia della Scozia tra il 1689 e il 1746. Hogg trascrisse quelli che si tramandavano nelle campagne, e probabilmente molti li “riscrisse” o li compose ex-novo; così  per “Both sides the tweed“: il testo è centrato sullo sdegno verso i politicanti corrotti che hanno ceduto la sovranità della Scozia al Parlamento Inglese (Act of Union più comunemente l’Union Jack del 1707) nonostante lo scontento popolare: i 45 deputati e una manciata di pari scozzesi dovettero recarsi a Londra per unirsi ai 516 deputati e 90 pari inglesi (ma del resto la popolazione inglese è di circa 5 volte quella scozzese). Gli affari scozzesi vennero affidati ad un Segretario di Stato che operava nel Gabinetto di Governo britannico. Solo la chiesa presbiteriana scozzese (la kirk) restò autonoma e distinta da quella anglicana.

The Jacobite Reliques 1819
I
What’s the spring-breathing
jess’mine and rose,
What’s the summer,
with all its gay train(1),
Or the plenty of autumn,
to those who’ve bartered
their freedom for gain?
II
Let the love of our king’s sacred right
To the love of our country succeed;
Let friendship and honour (2) unite,
And flourish on both sides the Tweed(3).
III
No sweetness the senses can cheer,
Which corruption and bribery blind;
No brightness that gloom e’er can clear,
For honour’s the sun of the mind.
IV
Let virtue distinguish the brave,
Place riches in lowest degree;
Think him poorest who can be a slave,
Him richest who dares to be free.
V
Let us think how our ancestors rose,
Let us think how our ancestors fell,
The rights they defended, and those
They bought with their blood we’ll ne’er sell.
traduzione di Cattia Salto*
I
Cos’è la primavera odorosa
di gelsomino e rosa?
Cos’è l’estate
con il suo manto fiorito?
Cos’è lo splendore dell’autunno
per coloro che hanno barattato
la propria libertà per profitto?
II
Che l’amore dei sacri diritti del nostro Re, vada insieme con l’amore per il nostro paese,
e si uniscano l’amicizia e l’onore
per fiorire sulle due sponde del Tweed.
III
Nessuna bellezza può rallegrare i sensi
che corruzione e concussione abbagliano; nessuna luminosità mai rischiarare quel buio, perchè il sole della mente è l’onore
IV
Chi ha coraggio possa distinguersi per il valore perché ha stimato nulla le ricchezze,
considerando più povero colui che diventa schiavo
e più ricco chi osa essere libero.
V
Lasciateci ricordare come i nostri antenati si siano sollevati, e siano caduti per difendere i diritti e ciò che essi comprarono con il loro sangue, noi non dovremo mai vendere!

(in parte da qui)
NOTE
1) letteralmente “allegro corteo” ma anche, riferito ad un abito: strascico, coda. In senso figurato quindi “manto di fiori”
2)  il concetto di onore si presta a molte manipolazioni e fraintendimenti. In questo contesto Hogg lo usa nel suo significato più antico dal latino honor “carica pubblica” ossia quel percorso (o se vogliamo carriera) che il politico romano poteva svolgere di carica in carica man mano più alta, quale servitore dello Stato, facendo appello alla sua capacità personale e alla stima. L’onore era quindi sinonimo di dedizione votata al sacrificio per la Patria, rispettabilità della persona e premio, cioè riconoscimento del valore. L’onore si merita e si guadagna e si costruisce sul senso di responsabilità che è nello stesso tempo personale ma anche pubblica.
3) il Tweed è il fiume che segna il confine tra Inghilterra e Scozia, che ha dato anche il nome al tessuto del tweed

UNION JACK

Già Robert Burns aveva denunciato l’Unione come un accordo commerciale e i parlamentari scozzesi “comprati e venduti in cambio dell’oro inglese” (vedi) ma la questione più spinosa fu anche la successone alla Corona affinchè fosse sempre il ramo protestante della dinastia Stuart a regnare. Alla fine l’ultimo cattolico degli Stuart a rivendicare la corona fu il “Bonnie Prince Charlie” che trovò la sconfitta a Culloden e con lui i clan Highlanders che lo sostenevano: la ritorsione fu dura e drastica con l’interdizione alla Scozia di manifestare la propria identità culturale. (vedi)

LA DEVOLUTION

Nel 1979 l‘SNP (lo Scottish National Party) riuscì ad organizzare un referendum per la formazione di un parlamento scozzese che non raggiunse il quorum. In quell’occasione Dick Gaughan riscopre il brano di Hogg, lo riscrive in minima parte e ci mette la sua melodia, per rivendicare ancora una volta il diritto all’autonomia come l’unico modo per riportare rispetto reciproco tra i popoli d’Inghilterra e della Scozia.

Finalmente nel 1997 con un secondo referendum sulla devolution viene restaurato il Parlamento Scozzese, dotato di autonomia legislativa in merito alla sanità, l’educazione e, in modo parziale, al welfare. Il referendum secessionista del settembre 2014 ha visto invece  poco più della metà degli Scozzesi votare per il “No”, e sebbene il si abbia stravinto nelle città di Dundee, Aberdeen e Glasgow e nel Border, Edimburgo e le Highland sono state “unioniste” (la media ha portato al no il 55,3% dei voti). Anche dietro a questo referendum c’erano forti interessi economici come nel 1707 (riguardanti lo sfruttamento dei giacimenti di petrolio nel Mare del Nord), ma le promesse strappate al primo ministro britannico David Cameron sono state viste dai più come una parziale vittoria (ma sono veramente finiti i tempi delle promesse inglesi puntualmente disattese?): devolution, maggiore autonomia fiscale e politica sui temi di carattere nazionale stanno attendendo un’attuazione.

LA MELODIA DI DICK GAUGHAN

Andrew Kuntz nel suo Fiddler’s Companion scrive “this tune appears in nearly all old collections of British songs and ballads, beginning with Allan Ramsay’s “Gentle Shepherd” (1725) and its popularity continued through the latter part of the 18th century. As an instrumental piece, it also appears in numerous publications in England and Scotland, for instance, to name the earliest appearance, in Adam Craig’s “Collection of the Choicest Scots Tunes (1730)“.
Dick Gaughan nel suo album d’esordio “Handful of Earth” (1979) inserì questo brano e siccome non gli piaceva la melodia originale ne scrisse un’altra facendo delle lievi modifiche di alcuni versi per renderli più attuali. Così scrive nel suo sito: ‘The tune has been the subject of some speculation and argument. So far as I am aware, I actually composed it and am highly flattered by the presumption that it is traditional, with people claiming to have known it for several decades, if not centuries.
‘For one writing songs in a ‘traditional’ genre, this is the highest compliment imaginable. Like all tunes composed within any aesthetic, it is inevitable that it has similarities to and contains phrases and quotes from earlier tunes. However, if someone can provide a printed or recorded source to prove the existence of this tune prior to 1979 then I’d be delighted to acknowledge that I unconsciously used a traditional tune.’

ASCOLTA Dick Gaughan& Emmylou Harris per Transatlantic Sessions (1995/6)

Mary Black in Collected 1984

Capercaillie in Sidewaulk 1989

VERSIONE DI DICK GAUGHAN
I
What’s the spring breathing jasmin and rose
What’s the summer with all its gay train
What’s the splendour of autumn to those
Who’ve bartered their freedom for gain?
Chorus
Let the love of our land’s sacred rights(4)
To the love of our people(5) succeed
Let friendship and honour unite
And flourish on both sides the Tweed.
II
No sweetness the senses can cheer
Which corruption and bribery bind
Nor brightness that gloom(6) can e’er clear
For honour’s the sum of the mind.
III
Let virtue distinguish the brave
Place riches in lowest degree
Think them poorest who can be a slave
Them richest who dare to be free.
traduzione di Cattia Salto
I
Cos’è la primavera odorosa
di gelsomino e rosa?
Cos’è l’estate
con il suo manto fiorito?
Cos’è lo splendore dell’autunno
per coloro che hanno barattato
la propria libertà per il profitto?
(Coro)
Che l’amore dei sacri diritti della nostra terra
vada insieme con l’amore per il nostro popolo,
e si uniscano l’amicizia e l’onore
per fiorire sulle due sponde del Tweed.
II
Nessuna bellezza può rallegrare i sensi
che corruzione e concussione abbagliano;
nessuna luminosità mai rischiarare quel buio, perchè il sommo della mente è l’onore.
III
Chi ha coraggio possa distinguersi per il valore perché ha stimato nulla le ricchezze,
considerando più povero colui che diventa schiavo
e più ricco chi osa essere libero.

NOTE
4) i sacri diritti della nostra terra invece dei diritti della monarchia
5) in origine è country
6) Karen dice”No brightness the sun can e’er clear” : nessuna luminosità il sole può mai rischiarare 

FONTI
http://chrsouchon.free.fr/2sidestw.htm
http://www.dickgaughan.co.uk/songs/texts/tweed.html http://sangstories.webs.com/bothsidesthetweed.htm http://redflag.org.uk/wp/?p=186 https://thesession.org/tunes/12935

MY LOVE, SHE’S BUT A LASSIE YET

Con lo stesso titolo si indicano due canzoni, la prima scritta in scozzese da Robert Burns nel 1789 su di una melodia da danza tradizionale (arrangiata da Haydn JHW XXXII/3 no. 264) e la seconda scritta in inglese da James Hogg nel secolo successivo, con l’arrangiamento musicale di Cyril Meir Scott (1879 – 1970) pubblicato nel 1908 per voce e piano.

MELODIA
Dai molteplici titoli essendo un’aria assai popolare diffusa in Gran Britannia, Irlanda e America, conosciuta anche con il nome di Tripping on the Mountain (Irlanda) e tra gli altri titoli Miss Farqharson’s Reel, Lady Bandinscoth’s Reel (Scozia).
The title was fixed on the tune because of two songs composed to it, one by Robert Burns and the other by the “Ettrick Shepherd,” James Hogg, although the tune seems to have first appeared in print in Bremner’s Scots Reels” of 1757 as “Miss Farqharson’s Reel.” It appears in James Aird’s collection (of Scottish tunes), but although Samuel Bayard (1981) for some reason said he could find neither the title nor the music therein—Sara Johnson, and others who have looked find it “plain as day” in Aird, 1782, vol. 2, page 1, No. 1. The writer of Gems of Scottish Song asserts that the original title of the tune was “Lady Bodinscoth’s Reel.” In modern times the reel is often played in a set to accompany the dance “Dashing White Sergeant.”
Although of Scottish origin it soon became a popular tune south of the Tweed, as attested to the title’s appearance in Henry Robson’s list of popular Northumbrian song and dance tunes (“The Northern Minstrel’s Budget”), which he published c. 1800. Northumbrian musician William Vickers included it in his 1770 music manuscript under the title “My Lover’s Butt a Lady Yett.” “My Love She’s But a Lassie Yet” is also the name of a Scottish country dance, though a somewhat unusual one (Flett & Flett, 1964). Imported to Ireland, the tune was converted to a polka and played under the titles “My Love is But a Lassie” and “Tripping on the Mountain.” The last title is the name it was famously recorded as in the 78 RPM era by flute player John McKenna and fiddler James Morrison.
The melody also found currency across the ocean and Bayard deems it perhaps the most widespread instrumental folk tune in Pennsylvania tradition, and that it in fact seems mostly to have been known as an instrumental air among folk musicians in general. The tune was printed under the title “Richmond Blues” in George P. Knauff’s Virginia Reels, volume II (Baltimore, 1839) and was still cited as commonly played for country dances in Orange County, New York, in the 1930’s (Lettie Osborn, New York Folklore Quarterly). In the South, old‑time musicians know the tune under the title “Sweet Sixteen” and “Too Young to Marry.” Jim Taylor (1995) says the tune in its various titles was well-known to musicians in both North and South during the American Civil War era. See also note for “Richmond Blues.” (tratto da qui)

Per l’ascolto propongo due versioni strumentali (tra le tante) e una sola cantata (molto più rara)
ASCOLTA John Doherty violino
ASCOLTA Curly MacKay organetto

ASCOLTA the Corrie folk trio 1964

Il testo è umoristico e accomuna donne e corteggiatori, bevute e sesso libero!

il_570xN_541438037_hppw

Chorus
My love, she’s but a lassie yet,
My love, she’s but a lassie yet!
We’ll let her stand a year or twa,
She’ll no be half sae saucy yet!
I
I rue the day I sought her, O!
I rue the day I sought her, O!
Wha gets her need na say he’s woo’d,
But he may say he has bought her, O.
II
Come draw a drap o’ the best o’t yet,
Come draw a drap o’ the best o’t yet!
Gae seek for pleasure whare ye will,
But here I never missed it yet.
III(1)
We’re a’ dry wi’ drinkin o’t,
We’re a’ dry wi’ drinkin o’t!
The minister kiss’t the fiddler’s wife –
He could na preach for thinkin o’t!
TRADUZIONE INGLESE
Chorus
My love, she is but a girl yet,
My love, she is but a girl yet!
We will let her stand a year or two,
She will not be half so saucy yet!
I
I rue the day I sought her, O!
I rue the day I sought her, O!
Who gets her need not say he is courted,
But he may say he has bought her, O.
II
Come draw a drop of the best of it yet,
Come draw a drop of the best of it yet!
Go seek for pleasure where you will,
But here I never missed it yet.
III(1)
We are all dry with drinking of it,
We are all dry with drinking of it!
The minister kissed the fiddler’s wife –
He could not preach for thinking of it!

NOTE
1) la strofa proviene dalla nursery rhymes omonima del 1744: We’re all dry with drinking on’t, We’re all dry with drinking on’t, The piper kissed the fiddler’s wife, And I can’t sleep for thinking on’t.

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Il mio amore lei è solo una ragazza ancora, lasciamola maturare un anno o due e non sarà impertinente che per solo la metà. Rimpiango il giorno che l’ho cercata! Chi ottiene i suoi favori non deve dire che l’ha corteggiata, piuttosto può dire che l’ha comprata. Vieni a farti un goccio di quello buono, ancora! Vai a cercare il piacere dove vuoi, ma qui non mi è mai mancato, ancora. Siamo tutti esauriti per il berci su! Il sacerdote baciò la moglie del violinista, non poteva predicare al pensarci su.

LA DANZA
Con lo stesso titolo è anche una scottish country dance anche se non molto diffusa (le istruzioni qui), mentre la melodia è spesso inserita nel set di reels per un’altra country dance questa volta assai più popolare Dashing White Sergeant
FONTI
http://www.nigelgatherer.com/forum/showthread.php?tid=164
https://thesession.org/tunes/564 http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-iii,-song-225,-page-234-my-love-shes-but-a-lassie-et.aspx
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/my_love_shes_but_a_lassie_yet.htm http://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/dance-crib/my-love-shes-but-a-lassie-yet.html
http://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/video/dashing-white-sergeant.html

BIRNIEBOUZLE OR THE YESTERYEAR WEDDING VOWS

the-bride-of-lammermoor-sir-john-everett-millaisLa canzone è tratta da un poema di James Hogg (1770-1835) che probabilmente ha anche coniato il termine bizzarro del titolo, formato dalle parole birnie (‘land covered with birns, i.e. scorched stems of heather’) e bouzy (‘covered with bushes’) in italiano è traducibile come “cespugli d’erica”, ovvero “brughiera cespugliosa”!

LA MELODIA: The Braes O’ Tullymet

La poesia risale al 1810 (raccolta in “The Forest Minstrel”) composta sulla melodia di ‘The Braes O’ Tullymet’, ovvero “The Red-Haired Girl of Tulloch”, ma la tradizione orale ha cambiato notevolmente la composizione originaria. Sulla melodia, una strathspey del Pershire, è costruita anche una scottish country dance VEDI
L
a melodia è considerata una sorta di antenata del famosissimo Cooley’s reel

YE’LL BE CANTY

Birniebouzle è in pratica una promessa matrimoniale da parte del futuro marito: egli promette che terrà la moglie ben vestita e ben nutrita, che la tratterà bene  e che le darà tanti bambini. Nel matrimonio di un tempo era fondamentale che l’uomo fosse in grado di mantenere la famiglia, la donna doveva invece avere molti più requisiti fisici e morali, e non in ultimo anche una dote.

Non ci sono molte registrazioni in rete anche se la canzone è tutto sommato piuttosto popolare in Scozia, soprattutto durante i matrimoni, visto il testo!

ASCOLTA Tannahill Weavers in “Are you sleeping Maggie” 1976
ASCOLTA Drinkers Drouth in “A tribute” 2001 (vedi scheda qui)

ASCOLTA Finn Mac Cuill 1978

Il testo è scritto in Scots, il dialetto scozzese con il quale molti poeti scozzesi si sono cimentati.


CHORUS
Gin ye’ll mairry me, lassie,
at the kirk o’ Birnie Bouzle
Till the day ye dee, lassie,
ye will ne’er repent it
I
Ye will wear when ye are wed
a kirtle(1) and a Hieland plaid(2)
And sleep upon a heather bed
sae couthy and sae canty
CHORUS
Ye will gang sae braw, lassie,
tae the kirk o’ Birnie Bouzle
Little brogues(3) an’ a’, lassie,
vow, but ye’ll be canty
II
Your wee bit tocher(4) is but sma’,
but hodden grey(5) will wear for a’
And I’ll save my siller tae mak ye braw
an’ ye will ne’er repent it
III
We’ll hae bonnie bairns an’ a’,
some lassies fair an’ laddies braw
Just like their mither ane an’ a’,
an’ yer faither he’s consented
IV
We’ll hunt the otter an’ the brock,
the hart, the hare, the heather cock
An’ I’ll pu’ ye limpets frae the rock
tae mak yer dishes dainty(6)
tradotto da Cattia Salto
CORO
Se mi sposerai, ragazza
nella chiesa di Birnie Bouzle
finchè morte non ci separi
non te ne pentirai mai.
I
Indosserai da sposata una gonna (1) e un mantello di lana delle Highlands(2)
e dormirai su un letto di piume
felice e contenta.
CORO variazione
Sarai ben vestita, ragazza mentre andrai alla chiesa di Birnie Bouzle
con le scarpette (3) e tutto, ragazza
e sarai felice.
II
La tua dote (4) è misera, ma una rustica lana grigia(5) andrà bene per tutti i tuoi vestiti, e metterò da parte i soldi per vestirti meglio, non te ne pentirai mai.
III
Avremo dei bambini amabili,
delle belle ragazze e dei robusti ragazzi,
proprio come la loro madre;
e (poi) tuo padre ha acconsentito al matrimonio.
IV
Caccerò la lontra e il tasso,
il cervo, la lepre e il gallo,
prenderò le patelle dalla roccia
per prepararti pasti speciali.(6)

NOTE
1) Kirtle: è una gonna appena dopo il ginocchio munita di pettorina (un tempo la gonna era lunga)
2) Plaid: mantello di lana, indossato spesso dalle donne scozzesi come scialle nei caratteristici colori tartan
3) Brogues: scarpette tipiche delle Highland fatte con pelle non conciata e racchiuse con delle stringhe da annodare alle caviglie. Le scarpe un tempo venivano indossate dagli strati popolari solo nelle occasioni speciali, come appunto un matrimonio in chiesa.
4) Tocher: è la dote della sposa
5) Hoddin grey: panno di lana artigianale lasciato grezzo (non tinto)
6) alla novella sposa non mancheranno mai selvaggina e frutti di mare, principale compito del marito è portare a casa il mangiare per la famiglia

TRADUZIONE INGLESE
CHORUS 1
If you’ll marry me, lassie,
at the church of Birnie Bouzle
Until the day you die, lassie,
you will never regret it
I
You will wear when you are married
a gown(1) and a highland wool mantle(2)
Sleep upon a featherbed,
so comfortable and contented
CHORUS 2
You’ll be so well dressed, lassie,
going to church at Birnie Bouzle
Little shoes(3) and all, lassie,
but you’ll be merry!
II
Your little dowry(4) is but small,
but homespun grey wool fabric(5) will do for all our clothes
I’ll save my money to dress you well,
you will never regret it
III
We’ll have lovely children and all,
some pretty girls and sturdy boys
Like their mother, one and all,
and your father, he’s consented to the marriage
IV
I’ll hunt the otter and the badger,
the deer, the rabbit, and the grouse
I’ll pry the limpets from the rock
to make you special meals(6)

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico.html
http://sangstories.webs.com/birniebouzle.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=52829
http://thesession.org/tunes/3084 https://www.flutetunes.com/tunes.php?id=1379
http://mysongbook.de/msb/songs/b/birniebo.html http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/BrBrBirn.html
http://www.birnie.org/kirk.html http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=94521180&mode=transcription

WILL YE NO’ COME BACK AGAIN?

attesa- Edmund-Blair-LeightonLa poesia, originariamente scritta dalla irriducibilmente filo-giacobita Carolina Oliphant (Lady Nairne 1766-1845), ma a volte erroneamente attribuita a Robert Burns, è una nostalgica evocazione di un tempo che non sarà più e, spogliata dalle sue aspirazioni politiche, è spesso utilizzata come canto dell’addio (come l’altrettanto famosa Auld Lang Shine vedi).

Il “Bonnie Charlie” della canzone è il Bel Carletto ovvero il “giovane” e ultimo pretendente Stuart al trono di Scozia, così in chiave politica la canzone è diventata sinonimo di desiderio d’indipendenza e “inno” del movimento nazionalista scozzese. Tutte queste versioni sono state scritte quando Charles Stuart era ormai polvere, ma la letteratura romantica manteneva ancora vive le aspirazioni giacobite e i canti infiammavano ancora gli animi.

WILL YE NO’ COME BACK AGAIN

Su di un’aria tradizionale (attribuita a Niel Gow junior -1795-1823), la melodia è famosa come marcia (o lament) suonata ovviamente dalle cornamuse scozzesi. E’ anche una scottish country dance (vedi)


ASCOLTA Jean Redpath nel Cd “Will Ye No Come Back Again? (The Songs Of Lady Nairne)” 1986 che nella sua opera discografica dedicata alla baronessa Carolina Oliphant ne riporta la fede politica. L’accompagnamento è costituito dal violoncello di Abby Newton e dal violino di David Gusakov.

ASCOLTA North Sea Gas in un delicato arrangiamento (strofe I, II, III)
ASCOLTA Gaberlunzie (strofe I, III, II, V )

ASCOLTA Real McKenzies in una versione rock alla Pouges (strofe I, IV) – non proprio nelle mie corde

I
Bonnie Charlie’s now awa’(1),
Safely o’er the friendly main ,
He’rts will a’most break in twa 
Should he no’ cam back again.
Refrain:
Will ye no’ cam back again?(2)
Will ye no cam back again?
Better lov’d ye canna be (3),
Will ye no cam back again?
II
Ye trusted in your Hielan men,
They trusted you dear Charlie!
They kent your hiding in the glen,
Your cleadin’ was but barely (4)
III (5)
English bribes were a’ in vain;
An’ e’en though puirer we may be,
Siller canna buy the heart
That beats aye for thine and thee.
IV
We watched thee in the gloamin’ hour,
We watched thee in the mornin’ grey
Though thirty thousand pounds they gie,
There is nane that would betray.
V
Sweet’s the laverock (6) ‘s note and lang,
Liltin’ wildly up the glen,
But aye to me he sings ane sang,
Will ye no come back again?
Traduzione di Cattia Salto
I
Il Bel Carlo se n’è andato,
al sicuro, al di là dello Stretto amico;
molti cuori si spezzeranno
se tu non dovessi tornare mai più.
RITORNELLO
Tornerai o non tornerai?
Più amato non potresti essere,
un giorno tornerai ancora?
II
Contavi sui tuoi montanari,
loro si fidavano di te caro Carlo, conoscevano il tuo nascondiglio nella valle, mentre stavi a stento vestito
III
La corruzione degli inglesi fu del tutto inutile e anche se fossimo più poveri, i più sciocchi non possono comprare il cuore che batte per i tuoi e te
IV
Guardammo a te nell’ora del crepuscolo;
guardammo a te nel grigio mattino
anche se 30 mila sterline ci danno
non c’è nessuno che ti tradirà
V
Dolce è il canto dell’allodola
che si innalza libero sopra la valle
e canta per me una canzone:
un giorno tornerai ancora?”

NOTE
1) dopo la sconfitta di Culloden (1746) il Bonnie Prince, allora ventiseienne, riuscì a fuggire e a restare nascosto per parecchi mesi, protetto dai suoi fedelissimi, nonostante i pattugliamenti inglesi e la taglia sulla sua testa. Il bel Carletto fuggì dalla Scozia in modo rocambolesco e si rifugiò in Francia continua
2) la domanda è pleonastica, il bel Carletto è morto da più di trent’anni (1788) solo e devastato dall’alcol nel suo esilio romano: il Bonny Prince è diventato però nell’immaginario giacobita un re dormiente novello Artù pronto a ritornare al momento del bisogno per combattere nella battaglia a fianco degli Scozzesi contro i “Nemici”
3) proprio come fecero il padre e il nonno di Carolina ferventi sostenitori del ramo Stuart. Essi combatterono al fianco del Principe fino alla fine, perdendo terre e fortuna, per trovare scampo in esilio. Anche la madre apparteneva ad una famiglia filo-giacobita così tutti i figli restarono nel cuore leali alla causa
“Laurence Oliphant, the laird, descendant of an old family as proud as it was ancient, a Jacobite of the Jacobites, who loved the Stuarts with all the adoration of his absurd old soul. To win his undying favour it was only necessary for a neighbour to present him with a relic of the Royal house, a garter, a brogue, or spurs worn by His Royal Highness. To look at but for heaven’s sake not to touch, the sacred memorials, a lock of Prince Charlie’s red hair, his bonnet, his cockade or crucifix, was with him almost a religious service.” (tratto da qui)
She was baptized Carolina in honour of the then exiled Prince Charles Stuart. Her parents were cousins and grandchildren of William Murray, the Lord Nairne who narrowly escaped execution after the 1715 rising, and were married at Versailles on 9 June 1755 during nineteen years of political exile following the failure of the Jacobite rising of 1745. Her mother was also descended from a famous Jacobite Clan, the Robertsons of Struan. Robertsons, Oliphants and Nairnes alike had been been attainted for high treason and lost their estates. A part of their Gask domain was bought back from the government and her parents were able to return two years before Carolina’s birth. Her father Laurence Oliphant was active in Jacobite politics throughout his life and his children were carefully reared to ‘keep them loyal’. (tratto da qui)
4) poichè il verso è un po’ oscuro viene spesso sostituito con “Death and exile braving” (in italiano: morte e esilio ai coraggiosi)
5) Jean Redpath salta questa strofa
6) per i Celti l’allodola era un animale sacro simbolo di buona fortuna e protezione, messaggero tra l’umano e il divino

Ma le versioni testuali si moltiplicarono attraverso la tradizione orale e le riscritture di altri autori filo-giacobiti si prenda ad esempio i versi riscritti (o collezionati) da James Hogg in cui si mantiene solo la prima e ultima strofa di Lady Nairne

ASCOLTA Ewan MacColl & Peggy Seeger


I

Bonnie Charlie’s now awa’,
Safely o’er the friendly main,
Mony a heart will brak in twa’
Should he no’ cam back again.
II
Mony a traitor ‘mang the isles
Brak the band o’ nature’s laws;
Mony a traitor wi’ his wiles
Sought to gi’ his life awa’
III
Whene’er I hear the blackbird sing,
Unto the evening sinking down,
Or merl (7) that makes the wood to ring,
To me they hae nae other sound.
IV
Mony a gallant sodger faught,
Mony a gallant chief did fa’,
Death itself was dearly bought
A’ for scotland’s king and law.
V
Sweet the lav’rock’s note and lang,
Lilting wildly up the glen;
and aye the o’erworld o’ he sang,
‘Will he no’ come back again?”
Traduzione di Cattia Salto
I
Il Bel Carlo se n’è andato,
al sicuro, al di là dello Stretto amico;
molti cuori si spezzeranno
se tu non dovessi tornare mai più.
II
Molti traditori fra le isole,
infransero la legge della natura,
molti traditori con l’inganno,
cercarono di vendere la sua vita.
III
Ogni volta che sento il tordo cantare
verso la sera che tramonta
o il merlo mentre fa vibrare il bosco
per me non ci sono altri suoni
IV
Molti soldati coraggiosi si sono battuti, molti principi valenti sono caduti, anche la morte è stata comprata a caro prezzo, tutto per il re e la giustizia della Scozia.
V
Dolce è il canto dell’allodola
che si innalza libero sopra la valle
e canta per me una canzone:
un giorno tornerai ancora?”

NOTE
7) merl è il nome in dialetto scozzese del merlo (Turdus merula); blackbird è anche il nome inglese dato al merlo ma qui tradotto con tordo essendo l’intento dell’autore di descrivere due diversi uccelli dal piumaggio bruno-scuro, seppure imparentati e che si assomigliano molto (le femmine). Il merlo è più rumoroso del Tordo bottaccio, il suo canto è costituito da un fischio puro e melodioso, assai vario, allegro e canta molto prima del levar del sole
FONTI
http://chrsouchon.free.fr/willyeno.htm
http://ontanomagico.altervista.org/charlie.htm
http://www.musicanet.org/robokopp/bio/nairnela.html http://www.educationscotland.gov.uk/scotlandssongs/ primary/genericcontent_tcm4554478.asp
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/175.html http://bardbook.flame.org/songs/739