Johnny Cock Up Your Beaver

“Johnny Lad” is a traditional song located in the northern counties of Scotland and especially in the Lowlands (in particular in Aberdeenshire), but also widespread in Ireland and Cape Breton. There are many text versions combined with different melodies.
“Johnny Lad” è una canzone tradizionale diffusa nelle contee settentrionali della Scozia e soprattutto nelle Lowlands (in particolare nll’Aberdeenshire), ma popolare anche in Irlanda e a Capo Bretone. Esistono molte versioni testuali abbinate a diverse  melodie.

Johnny Lad: street ballad/ nursery song version
Jinkin’ You, Johnnie Lad: bothy ballad
Cock Up Your Beaver (Robert Burns)
Hey how Johnie Lad (Robert Burns)
Och, Hey! Johnnie, Lad (Robert Tannahill)

THE TUNE [La Melodia]

Johnny cock thy beaver is a dancing tune, first published in 1686 in the “Dancing Master” by John Playford and still today a favourite tune by the early music groups (other titles: “Horse and Away to Newmarket Races”, “Fenwick of Bywell”, “Gary Owen”, “Galloping over the Cow Hill”) and even Tourlough O’Carolan made his arrangement known as “Carolan’s Variations on the Scottish Air “Cock Up Your Beaver” 
[Johnny cock thy beaver è una melodia da danza trascritta da John Playford nel suo “The English Dancing Master (1686); ancora oggi è una melodia in repertorio tra i gruppi di musica antica. (altri titoli: “Horse and Away to Newmarket Races”, “Fenwick of Bywell”, “Gary Owen”, “Galloping over the Cow Hill”). Già un’ampia serie di variazioni sull’antica melodia scozzese erano state riportate nelle sue precedenti raccolte ”The Division Violin”  e “The Division Flute” (1684-1685) e lo stesso Tourlough O’Carolan ne fece un suo arrangiamento per arpa in stile barocco .]

Baltimore Consort (su Spotify)

Javier Sáinz in Silva Calendonia 2010, Scottish Harp Music of the 17th Century

Frédéric de Roos/Philippe Malfeyt in Les flûtes d’Angleterre: The Delightfull Companion 2002

A FASHIONED BEAVER
[UN BEAVER ALLA MODA]

In the portrait James Stuart (crowned King of England in 1603 and already king of Scotland with the name of James VI) is wearing a fashion beaver hat garnished with a showy plumage and richly bejeweled. [Vediamo un beaver alla moda seicentesca in testa a Giacomo Stuart (incoronato re d’Inghilterra  nel 1603 e già re di Scozia con il nome di Giacomo VI) guarnito da un vistoso piumaggio e riccamente ingioiellato.]

Beaver is a generic term that indicates the felt hat with beaver fur, but the model changes according to the fashions.
Beaver fur felt is of higher quality than wool felt, more resistant, with a vivid color and rich in luster, but also more expensive.
In the sixteenth century the hat with wide and soft brims (like that of the Three Musketeers for instance) triumphs with plenty of feathers, buckles and ribbons.

Beaver è un termine generico che indica il cappello in feltro con pelo di castoro, ma il modello cambia a seconda delle mode.
Il feltro di pelo di castoro è di qualità superiore rispetto al feltro di lana, più resistente, dal colore vivido e ricco di lucentezza, ma anche più costoso. 
Nel XVI secolo trionfa il cappello ad ampie e morbide falde (come quello dei Tre Moschettieri per intenderci) con abbondanza di piume, fibbie e nastri .

It was Louis XIV to start a trend of the “three cornered hat” at the end of the seventeenth century, which will be in fashion throughout the eighteenth century, the hat that in our imagination is the pirate one par excellence! It was also called “Cocked” hat, because the sides were folded (cocked up) to give it the shape. In the nineteenth century, fashion changed radically and beaver became synonymous with top hat!
Fu Luigi XIV a lanciare la moda del tricorno (in inglese “tricorne” o “three cornered hat”) sul finire del Seicento, che sarà di moda per tutto il Settecento,  quello che nel nostro immaginario è il cappello del pirata per antonomasia! Era detto anche “Cocked” hat, perchè i lati erano piegati (cocked up) per dargli la forma.
Nell’Ottocento la moda cambia radicalmente e beaver diventa sinonimo di cappello a cilindro!

COCK UP YOUR BEAVER BY ROBERT BURNS

ritratto di Robert BurnsIn the first stanza the song takes up the fragment by Herd (in Scots Songs, 1769) while the second stanza was written entirely by Robert Burns: the original text ridiculed the Scottish gentlemen who followed their London King James VI, who became James I of England in 1603, and yet the Scots trasformed it into a jacobite song. Burns sends it to Johnson for publication in the SMM (1792). James Hogg reported his version (in the Jacobite Songs and Ballads of Scotland from 1688 to 1746-) and rewrote a good part of it even though he noted it as a “clever old song”
La canzoncina riprende nella prima strofa il testo già riportato in forma di frammento da Herd (in Scots Songs, 1769) mentre la seconda strofa è stata scritta interamente da Robert Burns: il testo originale metteva in ridicolo i gentiluomini scozzesi  che seguirono a Londra il loro re  Giacomo VI, diventato nel 1603  Giacomo I d’Inghilterra, e tuttavia gli scozzesi lo trasformarono in una canzone jacobita. Burns la invia a Johnson per la pubblicazione nello SMM (1792)
Pure James Hogg riportò la sua versione (in Jacobite Songs and Ballads of Scotland from 1688 to 1746,- 1821) e ne riscrisse buona parte anche se la annotò come una “clever old song

Wendy Weatherby


I
When first my brave Johnie lad
came to this town (1),/ He had a blue bonnet (2) that wanted the crown (3);
But now he has gotten a hat and a feather,
Hey, brave Johnie lad, cock up your beaver (4)!
II
Cock up your beaver,
and cock it fu’ sprush, (5)
We’ll over the Border (6),
and gie them a brush;
There’s somebody there
we’ll teach better behaviour,
Hey, brave Johnie lad,
cock up your beaver!
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Quando per la prima volta  il mio audace Johnny arrivò in questa città 
aveva un berretto blu (portato di) piatto;
ma ora indossa un cappello con la piuma.
Ehi bel Johnny raddrizza  il tuo cappello 
II
Raddrizza  il tuo cappello,
e ornalo con un rametto 
passeremo il Border 
e daremo una ripassata (agli Inglesi);
c’è qualcuno là
a cui insegneremo le buone maniere
Ehi bel Johnny
raddrizza il tuo cappello!

NOTE
french translation
1) This is the delegation of nobles, dignitaries and soldiers following the new king who moves from Edinburgh to London [Si tratta della delegazioni di nobili, dignitari e soldati al seguito del nuovo re che da Edimburgo si trasferisce a Londra]

2) the blue bonnet is the rustic highland cap called now the Balmoral Bonnet (from the end of the 19th century as a tribute to the Balmoral Castle, the Queen Victoria’s residence in Scotland) The blue bonnet style dates back in 1500 and the custom of wearing it gave the Highlanders the nickname of ‘Bluebonnets’. In ancient times it was knitted, then made of wood felt sewn on a lower border obtained from a rigid checkered ribbon or in solid color, tied tightly around the forehead with the ends left hanging freely or knotted in a bow (a code language for the girls: in the first case the young man was free and handy, in the second case he was engaged). It embellishes with a feather and the cockade (on the left side) The Irish variant takes the name of Irish Caubeen
il blue bonnet è il rustico berretto (basco, coppola) delle Highlands detto oggi Balmoral Bonnet (dalla fine Ottocento in omaggio al Balmoral Castle la residenza in Scozia della Regina Vittoria) La foggia del blu bonnet risale al 1500 e l’usanza di portarlo ha dato il soprannome di ‘Bluebonnets’ agli Highlanders. Anticamente era lavorato ai ferri, poi realizzato in feltro di lana cucito su un bordo inferiore ricavato da un nastro rigido a quadretti oppure in tinta unita, legato stretto intorno alla fronte con le estremità lasciate pendere liberamente oppure  annodate in un fiocco  (un linguaggio in codice per le ragazze: nel primo caso il giovanotto era libero e disponibile, nel secondo caso era fidanzato) . Si abbellisce con una piuma e la coccarda (sul lato sinistro) La variante irlandese prende il nome di Irish Caubeen
3) forse una frase a doppio senso, letteralmente “che voleva la cima” crown in questo contesto è la corona piatta e voluminosa del berretto= berretto portato di piatto
4) In the original meaning the phrase was an exhortation to wear a hat (beaver = beaver) according to fashion, thus emphasizing the lack of taste of the new arrivals; in the Jacobite code, on the other hand, it is an exhortation to go to England to straighten things out (and re-establish the legitimate king of the Stuart household)
Nel significato originario la frase era un esortazione ad indossare il cappello (beaver= castoro) secondo la moda, sottolineando così  la mancanza di gusto dei nuovi arrivati; nella lettura in chiave giacobita invece è un’esortazione ad andare in Inghilterra per raddrizzare le cose (e rimettere su trono il legittimo re della casa Stuart)
Cock up your beaver  in senso letterale=”piega la falda del tuo castoro” 

“Cock up your Beaver” -David Herd
When first my dear Johny came to this town,
he had a blue bonnet, it wanted the crown;
but now he has gotten a hat and a feather,
Hey, my Johny lad, cock up your beaver.
Cock up your beaver, cock up your beaver,
Hey, my Johny lad, cock up your beaver;
cock up your beaver, and cock it nae wrong,
we’ll a’ to England ere it be lang.
[traduzione italiano*
Quando per la prima volta  il caro Johnny arrivò in questa città aveva un berretto blu portato di piatto, ma ora indossa un cappello e la piuma/ Ehi mio Johnny raddrizza  il tuo cappello, raddrizza  il tuo cappello  
Ehi mio Johnny raddrizza il tuo cappello
raddrizza il tuo cappello e mettilo bene,
saremo in Inghilterra in men che non si dica

In Hogg’s stanza (probably in his own hand) the “style” with which the hat was to be worn, is descripted more precisely, in fact the Scots dressedd the blue bonnet so that it fell down on the right side.
Nei versi di Hogg (probabilmente di suo pugno) viene sviluppato più precisamente lo “stile” con cui si doveva portare il cappello: gli scozzesi infatti portavano il blu bonnet in modo che ricadesse verso il basso sul lato destro. 

“Cock up your Beaver” -James Hogg
III stanza
Cock it up right, and fauld it nae down,
And cock the white rose on the band o’ the crown;
Cock it o’ the right side, no on the wrang,
And yese be at Carlisle  or it be lang.
[traduzione italiano)
III strofa
Portalo bene e non piegarlo troppo verso il basso e porta la rosa bianca sulla fascia della coppola
inclinano sul lato destro, non su quello sbagliato e saremo a Carlise in men che non si dica

5) “Sprush” =”spruce” each clan has a distinctive branch. In the 1700s the Scottish Bonnet is embellished with a white cockade, the clan emblem and a feather
ogni clan ha un rametto distintivo. Nel 1700  lo Scottish Bonnet è abbellito da coccarda bianca, l’emblema del clan e una piuma
6) the border territory between Scotland and England 
il Border è il territorio di marca lungo il confine Scozia-Inghilterra

LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=24649
http://www.mandolincafe.com/forum/showthread.php?96753-Johnny-Cock-Thy-Beaver-(Baroque-variations-1684)
http://bookkake.com/2009/12/07/cock-up-yer-beaver/
http://www.ibiblio.org/fiddlers/CO_COLL.htm
http://www.janeausten.co.uk/beaver-hats-build-a-nation/
http://ilblogdichiaraoscura.blogspot.com/2016/04/cronaca-matto-come-un-cappellaio-john.html
http://chrsouchon.free.fr/johnlad.htm

The Highland Laddie: I Hae Been At Crookieden

A series of lyrics are grouped under the title “Hieland laddie/lassie” with the same melody (a traditional Scottish air) titled “If thou’t play me fair play” or “The Lass of Livingston” both sea shanties that jacobite songs. Also with the same title we find this “Bonie Laddie, Highland Laddie” aka “I ha’e been at Crookieden”.
Una serie di testi sono raggruppati sotto il titolo “Hieland laddie” con la stessa melodia (tradizionale) dal titolo “If thou’t play me fair play” o “The Lass of Livingston” sia come sea shanty che come canzoni giacobite. Sempre con lo stesso titolo troviamo questa “Bonie Laddie, Highland Laddie” o “I ha’e been at Crookieden

The tune is in Rutherford’s “Country Dances”, 1749, as “The new highland laddie”; it is in Oswald’s “Companion”, 1754, vi. 1, entitled “The old Highland laddie” as marked by Burns on the MS. of his verses.
La melodia è in “Country Dances” di Rutherford, 1749, come “The new highland laddie”; è nel “Companion” di Oswald, 1754, vi. 1, intitolato “The old Highland laddie” come indicato da Burns nel manoscritto dei suoi versi.

A JACOBITE SONG OF THE ’45

The text is a fragment of a Jacobite ballad published in “Jacobite Relics”, 1810, so Hogg writes “Is highly popular, and sung in many different ways. It appears, from the numberless copies I have got, that the song had been very short at first, and that parts had been added, now and then, by different hands, until some of the most common editions appear rather like a medley than a regular ballad. This set may be received as the most perfect, all the good verses being in it, and a kind of uniformity throughout. I have been told the song was originally composed by an itinerant ballad-singer, a man of great renown in that profession, ycleped ” mussel-mou’ed Charlie”[Charles Lesly (1687-1792)] see here for complete lyrics
Il testo è un frammento di una ballata giacobita pubblicata in “Jacobite Relics”, 1810, così Hogg scrive “È molto popolare e cantata in molti modi diversi. Dalle innumerevoli copie che ho ottenuto, sembra che la canzone fosse stata molto breve all’inizio, e che le parti fossero state aggiunte, di tanto in tanto, da mani diverse, fino a quando alcune delle edizioni più comuni appaiono come un miscuglio piuttosto che una ballata fissa. Possiamo considerare questo set come il più completo, essendoci tutti i versi più belli e omogenei. Mi è stato detto che la canzone fu originariamente composta da un cantante di ballate itinerante, un uomo di grande fama in quella professione,”mussel-mou’ed Charlie” [Charles Lesly (1687-1792)] continua

ROBERT BURNS VERSION

ritratto di Robert BurnsA couple of lines have been written by Robert Burns with satirical intent and published in the “Scots Musical Museum” Volume IV, 1792
Robert Riddell, a very good friend of Burns, wrote ‘This Jacobite song was written as a satyre on William Augustus Duke of Cumberland’. Although the tragedy of Culloden had been played out many years before the publication of the ‘Museum’, Jacobite sympathies and politics would still have been prominent during Burns’s generation’s childhood. This song is thought to have been accompanied by the melody ‘Highland Laddie’.
(from SMM here)
Un paio di versi sono stati scritti da Robert Burns con intento satirico e pubblicati nello “Scots Musical Museum” Volume IV, 1792
Robert Riddell, un ottimo amico di Burns, ha scritto “Questa canzone giacobita è stata scritta come satira su William Augustus Duca di Cumberland”. Sebbene la tragedia di Culloden avesse avuto atto molti anni prima della pubblicazione del “Museo”, le simpatie politiche giacobita avrebbero continuato a essere prominenti durante l’infanzia della generazione di Burns. Si pensa che questa canzone sia stata accompagnata dalla melodia ‘Highland Laddie’.

Susan Rode Morris


I
I ha(v)e been at Crookieden – 
My bonie laddie (1), Highland laddie!
Viewing Willie  and his men- 
There our faes (2) that burnt and slew – 
There at last they gat their due – 
II
Satan sits in his black neuk – 
Breaking sticks to roast the Duke – 
The bloody monster gae (5) a yell – 
And loud the laugh gaed (6) round a’ Hell- 
traduzione italiano Cattia Salto
I
Sono stato a Crookieden [all’inferno]
mio bel ragazzo delle Highland
a vedere Willy e i suoi uomini – dove i nostri nemici che incendiarono e uccisero, finalmente hanno quello che si meritano.
II
Satana siede in un angolo oscuro
a rompere i pali per arrostire il Duca,
il mostro sanguinario cacciò un urlo
e l’Inferno scoppiò a ridere.

NOTE
french translation here
1) handsome lad
2) foes
3) got
4) corner
5) gave
6) went

ROBERT TANNAHIILL VERSION: Bonnie Heilan’ laddie

This Jacobite song of the ’45 first appeared in 1822 in Smith’s Scotish Minstrel.
Questo canto giacobita del ’45 compare nello Scotish Minstrel di R.A. Smith, 1822

Jim Malcolm in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume II 2010


I
Will ye gang to Inverness,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie?
There ye ‘ll see the Hielan’ dress,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie
II
Philabeg and bonnet blue,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie,
For the lad that wears the trew,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie
III
Geordie sits in Charlie’s chair,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie;
Had I my will he ‘d no’ sit there,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie
IV
Ne’er reflect on sorrows past,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie,
Charlie will be king at last,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie
V
An’ tho’ now our sky may lower,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie,
It ‘s only like an April shower,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie
VI
Time an’ tide come roun’ to a’,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie,
An’ upstart pride will get a fa’,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie
VII
Keep up your heart for Charlie’s fight,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie;
An’ come what may, ye ‘ve done what ‘s right,
Bonnie laddie, Hielan’ laddie
traduzione italiano Cattia Salto
I
Andrai a Inverness
mio bel ragazzo delle Highland?
là vedrai la tenuta delle Highland
mio bel ragazzo delle Highland
II
Kilt e berretto blu
mio bel ragazzo delle Highland
per i ragazzi che indossano le braghe
mio bel ragazzo delle Highland
III
Giorgio siede sul trono di Carlo
mio bel ragazzo delle Highland
dipendesse da me non ci starebbe,
mio bel ragazzo delle Highland
IV
mai crogiolarsi nel dolore del passato,
mio bel ragazzo delle Highland
Carlo diventerà Re alla fine
mio bel ragazzo delle Highland
V
E sebbene ora il cielo pianga
mio bel ragazzo delle Highland
E’ solo pioggia d’Aprile
mio bel ragazzo delle Highland
VI
Il tempo è tiranno e passa per tutti (1)
mio bel ragazzo delle Highland
e la superbia del nuovo arrivato precipiterà
mio bel ragazzo delle Highland
VII
Mantieni i tuo cuore sulla lotta di Carlo
bel ragazzo delle Highland
e qualunque cosa accada, hai fatto ciò che è giusto bel ragazzo delle Highland

NOTE
1) nel senso di “cambia idea su tutti”

The Tannies make a mix between the two Robert versions!
I Tannies fanno un mix tra le versioni dei due Robert

The Tannahill Weavers – Greenwood Side/Highland Laddie/Pattie in “Mermaid’s song” 2006 (c’è un disturbo audio nella parte centrale, ma dura poco)


I
Where have you been all the day,
bonnie laddie, highland laddie
Saw ye him that’s far away,
bonnie laddie, highland laddie
On his head a bonnet blue,
Tartan plaid and highland trews (1).
II
I ha’e been at Crookieden(2),
Watching Wullie(3) and his men,
There our foes that burnt and slew,
There at last they got their due.
III
Satan sits in yon black neuk,
Breaking sticks tae roast the duke,
The bluidie monster gied a yell,
Loud the lach gaed roon’ a’ Hell(4),
IV
Geordie (5) sits in Cherlie’s chair,
Had I my wish he’d no’ sit there,
Ne’er reflect on sorrows past,
Cherlie will be king at last
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Dove sei stato tutto il giorno
bel ragazzo delle Highland
A vederlo, lui che è così lontano?
bel ragazzo delle Highland
Un berretto blu in testa; mantello tartan e braghe delle Highlands?
II
Sono stato a Crookieden a guardare
Guglielmo e la sua armata, dove i nostri nemici che incendiarono e uccisero,
finalmente hanno quello che si meritano.
III
Satana siede in un angolo buio
a rompere i pali per arrostire il Duca,
il mostro sanguinario cacciò un urlo
e l’Inferno scoppiò a ridere.
IV
Giorgio siede sul trono di Carlo,
dipendesse da me non ci starebbe,
mai crogiolarsi nel dolore del passato,
Carlo diventerà Re alla fine

NOTE
1) The Bonny Prince, Charles Edward Stuart the pretender to the throne of Scotland who, young and handsome in his traditional Scottish dress, managed to exert great fascination on the Highlanders! 
Here is described the Highland dress before the battle of Culloden: the blue wool bonnet worn flat across the head (with white cockade because jacobite one), loose-fitting thigh-length white linen shirt, which was also considered underwear and was often used as a nightshirt, the great kilt (belted plaid) and the trews (the word originates from the Gaelic for trousers) were short tartan trousers, made of wool and worn with thigh-high socks. On his top half, the man would have worn a waistcoat and a woollen coat or jacket. Sporran and belt were the complement of the kilt both to hold it at the sides and to carry various objects. The dress was completed by a “neckerchief” tied at the neck several times (a gift from his girlfriend) which also offered a a little protection against blades. At the foot you could wear brogues, solid shoes with buckles, riding boots or the typical soft leather gillies (open sandal-like shoes that tied up the calf). The Royal Dress Act of 1746, which was introduced several months after the Battle of Culloden, severely limited the use of the Highland dress (tartan). Certain groups of people, such as the nobles, the men who served in the Highland regiments and women, however, were exempted from the ban.
il “Bel Carletto”, Carlo Edoardo Stuart, il pretendente al trono di Scozia che, giovane e prestante nel suo abito tradizionale scozzese riuscì ad esercitare un grande fascino sugli Highlanders!
Qui viene descritta la tenuta di un Highlander prima della battaglia di Culloden: il berretto blu di lana dalla forma appiattita (con coccarda bianca perchè seguaci della casa Stuart), una camicia di lino bianca lunga fino alla coscia (che diventava camicia da notte) il grande kilt (belted plaid) e i trews, dei braghettoni corti di lana scozzesi indossati con calzini alti fino alla coscia. Sopra alla camicia considerata a tutti gli effetti un indumento intimo si portava un gilet e una giacca di lana. Sporran e cintura erano il complemento del kilt sia per tenerlo fisso ai fianchi che per portare vari oggetti. Completava la tenuta un “cravattino” legato al collo più volte (regalo della fidanzata) che offriva anche una minima protezione contro il taglio di una spada. Ai piedi si potevano portare delle solide scarpe con fibbia, stivali o le tipiche gillies in pelle morbida (scarpe aperte simili a sandali che legavano il polpaccio).  

Il Royal Dress Act del 1746, che fu introdotto diversi mesi dopo la Battaglia di Culloden, limitò notevolmente l’uso del vestito (tartan) delle Highland. Certi gruppi di persone, come i nobili, gli uomini che prestavano servizio nei reggimenti delle Highland e le donne, erano però esentati dal divieto.
The Dress Act stated that ‘That from and after the first day of August, one thousand seven hundred and forty seven, no man or boy, within that part of Great Briton called Scotland, other than shall be employed as officers and soldiers in his Majesty’s forces, shall on any pretence whatsoever, wear or put on the clothes commonly called Highland Clothes (that is to say) the plaid, philibeg, or little kilt, trowse, shoulder belts, or any part whatsoever of what peculiarly belongs to the highland garb; and that no tartan, or partly-coloured plaid or stuff shall be used for great coats, or for upper coats’  Anyone found breaking these rules could be imprisoned for six months, and, if they were caught again, they could be sent to a plantation overseas for seven years. (from here)
The Dress Act proclamava “A partire dal primo giorno di agosto, 1747, nessun uomo o ragazzo, all’interno di quella parte della Gran Bretagna chiamato Scozia, tranne chi sarà impiegato come ufficiale e soldato nell’esercito di Sua Maestà dovrà, con qualsiasi scusa, indossare o mettere i vestiti comunemente chiamati Vestiti delle Highland (vale a dire) il plaid, philibeg o il piccolo gonnellino ,trowse, le cinture a tracolla o qualsiasi parte di ciò che appartiene in modo particolare all’abito degli altipiani ; e che nessun tartan, o mantella a scacchi deve essere usato per giacche o gilet. Chiunque sia trovato in violazione di queste regole potrebbe essere imprigionato per sei mesi e, se fosse catturato nuovamente, potrebbe essere deportato ai lavori forzati oltremare per sette anni.
2) “Crooked den”= Hell  (evokes a “Culloden” for the Whigs)
3) William Duke of Cumberland (1721-1765) Culloden’s butcher is described as a bloodthirsty monster who suffers the right punishment in hell
Guglielmo Duca di Cumberland (1721-1765) il macellaio di Culloden è descritto come un mostro sanguinario che subisce la giusta punizione all’inferno
4) letteralmente “forte il riso correva per l’Inferno”
5) George II Augustus of Hanover [Giorgio II Augusto di Hannover]
6) Charles died in Rome in 1788, and since then the Jacobites were branded as nostalgic reactionaries, but they resurrected from the literary Romanticism (with Sir Walter Scott at the head) that kept the Jacobite aspirations alive, especially in Scotland, a period that saw a flourish of songs, handed down from generation to generation, inflaming the minds.
[Charles morì a Roma nel 1788, e da allora i giacobiti furono bollati come reazionari nostalgici, ma resuscitati dal Romanticismo letterario (con Sir Walter Scott in testa) che mantenne vive le aspirazioni giacobite, specialmente in Scozia, periodo che vide un rifiorire di canti che si tramandavano di generazione in generazione, infiammando gli animi. ] 

For all this Jacobite heritage associated with the Highland laddie, even the songs with the same subject, even if its do not contain explicit references to the rising of 1945, are often classified as jacobite songs.
Un po’ per tutto questo retaggio giacobita associato all’ Highland laddie, anche le canzoni con lo stesso soggetto pur non contenenti riferimenti espliciti alla rivolta del ’45 sono spesso classificate come canzoni giacobite.

LINK
https://terreceltiche.altervista.org/war-songs-anti-war-songs/you-jacobites-by-name/
http://chrsouchon.free.fr/crookie.htm
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-iv,-song-332,-page-342-bonie-laddie-highland-laddie.aspx

http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2028C.htm

There grows a bonnie brier-bush

Read the post in English  

ritratto di Robert Burns“There grows a bonnie brier-bush” è una canzone tradizionale scozzese modificata da Robert Burns per esigenze editoriali e pubblicata nel 1796 nello “Scots Musical Museum“; il doppio senso riguardava sia l’allusione alla relazione tra un ribelle giacobita “Highland laddie”  e una “Lowland lassie” seguace di re Giorgio che il contesto erotico della relazione (così come lo ritroviamo nella variante “The Cuckoo’s nest“).
Una versione è adattata anche da Carolina Oliphant, sempre sulla melodia “The Brier Bush”.

James Malcolm in The Complete Songs of Robert Burns Vol V, 1998

Jean Redpath in Songs of Robert Burns, Vol. 3 & 4 1996
Junkman’s Choir in The Burns Sessions – Footage of recordings from inside Robert Burns’ Cottage, Alloway, Scotland (January 2018)

ROBERT BURNS 
I
There grows a bonnie brier-bush (1)
in our kail-yard (2),
There grows a bonnie brier-bush
in our kail-yard;
And below the bonnie brier-bush
there’s a lassie and a lad,
And they’re busy, busy
courting in our kail-yard.
II
We’ll court nae mair below
the buss in our kail-yard,
We’ll court nae mair below
the buss in our kail-yard;
We’ll awa to Athole’s green (3),
and there we’ll no be seen,
Whare the trees and the branches
will be our safe-guard.
III
‘ Will ye go to the dancin
in Carlyle’s ha’ (4)?
Will ye go to the dancin
in Carlyle’s ha’ ?
Where Sandy (5) and Nancy (6)
I’m sure will ding (7) them a’?’
‘ I winna gang to the dance
in Carlyle ha.’
IV
What will I do for a lad
when Sandy gangs awa?
What will I do for a lad
when Sandy gangs awa ?
I will awa to Edinburgh,
and win a penny fee (8),
And see an onie bonnie lad
will fancy me.
V
He’s comin frae the North
that’s to fancy me,
He’s comin frae the North
that’s to fancy me ;
A feather in his bonnet
and a ribbon at his knee (9),
He ‘s a bonnie, bonnie laddie,
and yon be he !
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una bella rosa selvatica cresce,
nel nostro orto in cortile
cresce una bella rosa selvatica
nel nostro orto in cortile
e sotto al bel rovo
ci sono una ragazza e un ragazzo
molti affaccendati
ad amoreggiare nel nostro orto
II
Non amoreggeremo più sotto
al cespuglio di rose nel nostro orto
non amoreggeremo più sotto
al cespuglio di rose nel nostro orto
partiremo per le praterie di Atholl,
e là non saremo più spiati
dove gli alberi e i rami
ci faranno da riparo
III
“Andrai al ballo
nel castello di Carlyle?
Andrai al ballo
nel Castello di Carlyle?
Dove Sandro e Agnese
di certo li batteranno tutti”
“Non andrò al ballo
nel Castello di Carlyle”
IV
Come troverò un ragazzo
se Sandro se ne andrà?
Come troverò un ragazzo
se Sandro se ne andrà?
Andrò a Edimburgo
a guadagnarmi un salario
e vedere se qualche bel ragazzo
mi vorrà bene
V
Viene dal Nord
colui che mi sposerà
Viene dal Nord
colui che mi sposerà
Una piuma sul berretto
e un nastro alle ginocchia
E’ un bel, bel ragazzo
e da laggiù lui viene!

NOTE
1) nelle ballate la rosa non è solo “una rosa” ma è il simbolo della passione amorosa, simboleggia qui la perdita della verginità, le spine sono anche un memento ai pericoli di una sessualità fuori dal matrimonio
2) kail-yard è l’orticello davanti alla porta del cottage, è diventato sinonimo di gruppo di narratori di fine ’800 che descrissero, spesso servendosi di forme dialettali, la vita rurale scozzese.
3) Athole: Atholl si trova nel cuore delle Highlands scozzesi e deriva il nome dal gaelico “ath Fodla” ovvero Nuova Irlanda conseguente alle invasioni nell’isola delle tribù irlandesi nel VII sec, Athole è l’antico nome per l’area del Perthshire
4) “Il Castello di Carlisle  è un castello medievale inglese che si trova nella città di Carlisle, in Cumbria. Il castello ha oltre novecento anni ed è stato scenario di molti importanti episodi militari della storia inglese. Data la sua vicinanza ai confini fra Inghilterra e Scozia, fu per tutto il medioevo luogo di scontri e di invasioni. Le più importanti battaglie vissute però dalla città e dal castello di Carlisle furono durante le rivolte giacobite contro Giorgio I e Giorgio II, rispettivamente nel 1715 e nel 1745.” (da Wiki)
5) Sandy diminutivo di Alessandro
6) Nancy nel Settecento veniva usato come diminutivo di Anne ma anche più anticamente era il diminutivo di Annis (la forma medievale di Agnese)
7) to ding è un verbo scozzese usato nel senso di eccellere, avere la meglio, superare, nel contesto vuole indicare la bravura della coppia di danzatori al gran ball di Carlisle
8) penny fee= wages
9) nel Settecento non esistevano i tessuti elasticizzati così per reggere le calze ai polpacci dell’uomo ( e alle cosce delle donne) si usavano delle giarrettiere o dei nastri girati più volte intorno alla gamba e annodati (tra cui alla bisogna si nascondeva un piccolo pugnale), anche chi portava i pantaloni (aderenti un po’ come una calzamaglia) usava annodare dei nastri sotto al ginocchio

La versione di Lady Nairne viene spesso liquidata dalla critica come una imitazione della versione di Burns e purtroppo molti furono i pregiudizi nei confronti della sua produzione letteraria..

CAROLINA OLIPHANT
I
There grows a bonnie brier-bush 
in our kail-yard,
And white are the blossoms o’t 
in our kail-yard;
Like wee bit cockauds (1) to deck
our Hieland lads
And the lasses lo’e the bonnie bush
in our kail-yard.
II
An it’s hame, an’ it’s hame
to the north countrie,
An’ it’s hame, an’ it’s hame
to the north countrie,
Where my bonnie Jean is waiting for me,
Wi’ a heart kind and true,
in my ain countrie.
III
But were they a’ true that were far awa’?
Oh! were they a’ true that were far awa’?
They drew up wi’ glaikit Englishers
at Carlisle ha’, 
And forgot auld frien’s
that were far awa’.
IV
“Ye’ll come nae mair, Jamie,
where aft ye have been,
Ye’ll come nae mair, Jamie,
to Atholl’s green;
Owre weel ye lo’ed the dancin’
at Carlisle ha’, 
And forgot the Hieland hills
that were far awa’.”
V
“I ne’er lo’ed a dance
but on Atholl’s green,
I ne’er lo’ed a lassie
but my dorty Jean,
Sair, sair against my will
did I bide sae lang awa’, 
And my heart was aye in Atholl’s green
at Carlisle ha’.”
VI
The brier bush was bonny ance
in our kail-yard; 
That brier bush was bonny ance
in our kail-yard;
A blast blew owre the hill,
that ga’e Atholl’s flowers a chill,
And the bloom’s blawn aff the bonnie bush
in our kail-yard.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una bella rosa selvatica cresce,
nel nostro orto in cortile
e bianchi sono spuntati i boccioli
nel nostro orto in cortile
come piccole coccarde per ornare
i nostri ragazzi degli Altopiani
e le ragazze amano il bel cespuglio
nel nostro orto in cortile
II
E’ casa, è casa
al Nord 
E’ casa, è casa
al Nord
dove la mia bella Jean mi aspetta
con cuore gentile e sincero
nel mio paese 
III
Ma era proprio vero che erano tutti lontano?
era proprio vero che erano lontani?
Si avvicinarono ai frivoli Inglesi
al castello di Carlisle
e dimenticarono i vecchi amici
che erano lontani
IV
“Non tornerai più, Jamie
dove spesso sei stato
Non tornerai più, Jamie
ai pascoli di Atholl;
Amavi soprattutto le danze 
al castello di Carlisle
e dimenticasti le colline degli Altopiani
che erano assai lontane”
V
“Mai amai una danza
se non i prati di Atholl
e mai amai una ragazza
se non la mia impertinente Jean.
Duramente contro la mia volontà
dovetti assentarmi così lontano
ma il mio cuore era nelle praterie di Atholl
piuttosto che al castello di Carlisle”
VI
Il roseto era bello un tempo
nel nostro orto in cortile
quel roseto era bello un tempo
nel nostro orto in cortile
una tempesta soffiò sulla collina
che fece raggelare i fiori di Atholl
e i boccioli sono volati via dal cespuglio
nel nostro orto in cortile

NOTE
1) la coccarda bianca dei Giacobiti 

FONTI
http://chrsouchon.free.fr/kailyard.htm
http://sangstories.webs.com/cuckoosnest.htm
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=86781
http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/archive/90262457
https://digital.nls.uk/broadsides/broadside.cfm/id/14959
https://allpoetry.com/There-Grows-a-Bonnie-Brier-Bush

Tha Mo Leabaidh ‘san Fhraoch

Stemma del clan Cameron di Lochiel, il motto originario era: Mo Righ ‘s Mo Dhuchaich (For King and Country)

Read the post in English

“Tha Mo Leabaidh ‘san Fhraoch” (In the Heather’s My Bed) è un canto giacobita risalente al 1747 attribuito ad un guerriero highlander sostenitore della causa giacobita tale Dougal Roy Cameron.
La storia legata alla canzone è oltremodo avvincente: Dougal Roy Cameron (MacGillonie/MacOllonie) (oppure Dughall Ruadh Camaran) era un soldato nel reggimento di Donald Cameron di Lochiel, preso prigioniero nella battaglia di Culloden (o in qualche conflitto appena precedente) e poi liberato il 15 luglio 1747.
Poco prima della cattura aveva appreso della morte del fratello, giustiziato per ordine di uno spietato ufficiale di nome Grant di Knockando, mentre era in procinto di arrendersi insieme ai suoi comagni. Alcuni Cameron, che avevano assistito da vicino all’esecuzione, assicurarono che il capo plotone era un ufficiale che indossava una redingote blu e cavalcava un cavallo bianco. Al suo rilascio Dougal andò alla ricerca di quell’ufficiale per ucciderlo e lo trovò nei pressi del Loch Arkaig, ma ci fu uno scambio di persona  e uccise Munro di Culchairn che indossava la stessa giubba. Ecco perchè il nostro fuorilegge trascorre le notti insonni, nascosto in qualche buio e umido anfratto tra le forre, pentendosi di non essere riuscito nell’intento di vendicare il sangue del fratello .
Alla storia personale del guerriero s’intreccia la delusione per l’amara sconfitta della causa giacobita (attribuita come da copione al volta faccia di alcuni tra i maggiori capi clan) e la speranza di un ritorno trionfale del Bel Carletto.

ASCOLTA The Lochies riassumono il testo in otto strofe, per la versione integrale qui

I
Tha mo leabaidh ‘san fhraoch
Fo shileadh nan craobh,
‘S ged tha mi ‘sa choille
Cha do thoill mi na taoid.
II
Tha mo leab’ air an làr
‘S tha mo bhreacan gun sgàil,
‘S cha d’fhuair mi lochd cadail
O’n a spaid mi Cùl Chàirn.
III
Tha mo dhùil ann an Dia
Ged a dhìobradh Loch Iall,
Fhaicinn fhathast na chòirneal
An Inbhir Lòchaidh seo shìos.
IV
Bha thu dìleas do’n Phrionns’
Is d’a shinnsre o thùs,
‘S ged nach tug thu dha t’fhacal
Bha thu ceart air a chùl.
V
Cha b’ionnan ‘s MacLeòid
A tha ‘n-dràsd’ aig Rìgh Deòrs’,
Na fhògarrach soilleir
Fo choibhreadh ‘n dà chleòc.
VI
Cha b’ionnan ‘s an laoch
O Cheapaich nan craobh
Chaidh e sìos le chuid ghaisgeach,
‘S nach robh tais air an raon.
VII
Ach nuair a thig am Prionns’ òg
Is na Frangaich ‘ga chòir,
Théid sgapadh gun taing
Ann an campa Rìgh Deòrs’.
VIII
‘S ged tha mis’ ann am fròig
Tha am botal ‘nam dhorn,
‘S gun òl mi ‘s chan àicheadh
Deoch-slàint a’ Phrionns’ òg.
Traduzione inglese*
I
In the heather ‘s my bed
‘Neath the dew-laden trees,
And though I’m in the green-wood
I deserved not the ropes.
II
My bed’s on the ground
And uncovered’s my plaid,
Sleep has not come upon me
Since I murdered Culchairn.
III
My hope rests in God,
Though Lochiel has gone,
I’ll yet see him a colonel
In Inverlochy down here.
IV
Thou wast true to the Prince
And his race, from the first,
Though thou hadst never promised
Thou didst give him true aid.
V
Not so did MacLeod,
Who is now for King George,
A manifest outcast
‘Neath the shade of two cloaks.
VI
Not so the warrior brave
From Keppoch of the trees,
Who charged down with his heroes,
Unafraid on the field.
VII
But when comes the young Prince
With the Frenchmen to aid,
Unthanked will be scattered
The camp of King George.
VIII
And though I’m in a den,
There’s a glass in my hand,
And I’ll drink, and refuse not,
A health to Prince Charles.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
L’edera è il mio giaciglio
sotto gli alberi carichi di rugiada
e sono (nascosto) nel folto del bosco
perchè non meritavo l’impiccagione
II
Il mio giaciglio è la terra
e mi corpo con il mantello (1)
ma il sonno non viene
da quando ho ucciso Culchairn (2)
III
La mia speranza affido a Dio
anche se Lochiel (3) è partito
lo vedrò ancora colonnello
laggiù a Fort William (4).
IV
Tu eri un seguace del Principe
e alla sua causa, dal principio
e senza aver prestato giuramento,
gli desti il tuo aiuto sincero
V
Non così fece MacLeod (5),
che ora parteggia per Re Giorgio
un palese reietto
colui che serve due padroni (6)
VI
Non così il guerriero coraggioso
da Keppoch degli alberi (7)
che andò all’assalto con i suoi eroi
senza paura sul campo di battaglia
VII
Ma quando ritornerà il giovane Principe
aiutato dai Francesi (8)
in un amen sarà disperso
l’esercito (9) di Re Giorgio
VII
Anche in questo nascondiglio (10)
alzo il bicchiere
e non mi rifiuterò di bere
alla salute del Principe Carlo

NOTE
* John Lorne Campbell in “Highland Songs of the ’45” (1932)
1) è il pratico kilt del montanaro scozzese: Il vero kilt (in gaelico philabeg) è in effetti una lunga coperta (plaid) cioè un unico, lunghissimo, pezzo di stoffa (il tartan) delle dimensioni di 65-75 cm di altezza per una lunghezza di 5 metri circa, pieghettato e drappeggiato intorno ai fianchi e poi riportato sulle spalle come un mantello (che funzionava bene anche come grande tasca dove infilare gli oggetti da trasportare o le armi).  Era indubbiamente un capo pratico, senza troppe pretese di eleganza che teneva al caldo e al riparo, e perciò prevalentemente un abito “rustico”abbinato per lo più allo stivale ad altezza ginocchio (cuaron) ma più spesso portato a piede nudo (e dovevano avere dei fisici ben temprati questi scozzesi che se ne stavano al vento, pioggia e neve così conciati!) Ai rudi scozzesi di montagna  serviva come coperta per coprirsi durante il giorno e come giaciglio in cui dormire durante le notti passate nella brughiera. (continua)
2) il capitano Murno di Culcairn che aveva preso in prestito il mantello (o la giubba) di Grant
3) Donald Cameron di Lochiel (c.1700 – Ottobre 1748) soprannonimato semplicemente “Gentle Lochiel” per i suoi atti di magnanimità nei confronti  dei prigioneri,  fu tra i più influenti capoclan tradizionalmente fedele alla Casa Stuart. Si unì al Principe Carlo nel 1745 e dopo Culloden fuggì in Francia dove morì in esilio. La sua famiglia fu riabilitata e reintegrata nel titolo con l’amnistia del 1748.
4) Fort William a Inverlochy: uno dei forti che faceva parte della catena di fortificazioni (insieme a Fort Augustus e Fort George) utilizzata per tenere sotto controllo le possibili rivolte giacobite. E’ rimasto come presidio militare fino al 1855. Fort William è il centro più importante della Scozia, snodo ferroviario e stradale (qui si dipartono la West Highland Way e la Great Glen Way).
5) McLeod di McLeod ha promesso il suo sostegno al Principe per rimangiarsi la parola quando l’ha visto arrivare senza soldi e senza uomini. La sua defezione ha pesato pesantemente nel fallimento della rivolta.
6) Nel Medioevo il servizio feudale al proprio sire era tributato simbolicamente mettendosi “sotto al suo mantello”, così anche alla sposa durante la celebrazione del Matrimonio veniva appoggiato il mantello del futuro marito sulle spalle, in segno di sottomissione
7) Alexander McDonald di Keppoch morì alla testa del suo clan a Culloden mentre il resto dei McDonalds ripiegava
8) il Bel Carletto non ritornerà più in Scozia vedi
9) letterlamente l’accampamento
10) dopo Culloden molti guerrieri cercarono rifugio in grotte e anfratti per sfuggire ai rastrellamenti delle truppe inglesi:  nei mesi e anni successivi a Culloden fu caccia all’uomo per coloro che erano riusciti a fuggire dal campo della battaglia e per i loro sostenitori, anche le famiglie e i simpatizzanti vennero incarcerati e coloro che offrivano ospitalità ai fuggiaschi erano espropriati e processati per alto tradimento. Le Highlands furono militarizzate e tenute sotto stretto controllo inglese, senza parlare delle leggi volte a spezzare “l’highlander pride”

continua

APPROFONDIMENTO
https://terreceltiche.altervista.org/war-songs-anti-war-songs/you-jacobites-by-name/

https://terreceltiche.altervista.org/charlie-hes-my-darling/

FONTI
https://it.wikipedia.org/wiki/Clan_Cameron
http://chrsouchon.free.fr/hamoleab.htm

The Bonny Moorhen

Ennesima jacobite song made in Scozia, scritta in codice e in cui l’uccello invocato non è un “moorhen” ma il Bel Carletto.
La melodia è quantomeno seicentesca (in Henry Atkinson MS, 1694, dal titolo “Take tent to the rippells good Man”).
C’è anche una versione goliardica di Robert Burns riportata nelle “Merry Muses of Caledonia” uscito postumo dal titolo “The Bonie Moo-hen” a hunting song”: nella versione di Robert Burns si tratta di una battuta di caccia alla gallinella d’acqua (vedi). Il poemetto è un linguaggio cifrato tra lui e la bella Nancy McLehose con cui il bardo intratteneva una relazione adulterina, ennesima prova di una loro relazione molto più carnale di quanto sia stato lecito supporre nei salotti edimburghesi del tempo.

Bear McCreary ne ha fatto un personale arrangiamento strumentale per la serie Outlander (stagione 1) con il titolo “Tracking Jamie” in Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack)  ascolta su Spotify (qui)

LA VERSIONE TRADIZIONALE

La bella gallinella d’acqua (Gallinula chloropus) –  il maschio e la femmina hanno una livrea identica con colorazione prevalentemente marrone scuro-grigio e nera – porta i colori del vecchio tartan Stuart: becco rosso acceso, zampe verdi, piumaggio nero e grigio con una spruzzata di bianco, e molto probabilmente proprio per questo è stata presa come avatar del  “giovane” e ultimo pretendente Stuart al trono di Scozia, tuttavia alcuni ritengono offensivo paragonare il bel principe a una gallinella (moor-hen) e preferiscono considerare il termine come un ulteriore allusione al moor-cock!
Già in “The mountain streams where the moorcocks crow” mi sono soffermata sul Moorcock, perchè ben due uccelli si condendono il nome: il gallo cedrone ma anche la pernice di Scozia, entrambi della famiglia dei fagiani. (continua)

La versione testuale proviene da “The Jacobite Relics of Scotland, being the Songs, Airs and Legends of the Adherents to the House of Stuart”( James Hogg, 1818)
ASCOLTA The Corries


I
My bonnie moorhen,
my bonnie moorhen,
Up in the grey hills,
and doon in the glen,
It’s when ye gang butt the hoose,
when ye gang ben
I’ll drink a health tae
my bonnie moorhen.
II
My bonnie moorhen’s gane
o’er the main,
And it will be summer
till she comes again,
But when she comes back again
some folk will ken,
Oh, joy be with you
my bonnie moorhen.
III
My bonnie moorhen
has feathers anew,
And she’s a’ fine colours,
but nane o’ them blue,
She’s red an’ she’s white,
an’ she’s green an’ she’s grey
My bonnie moorhen come hither way.
IV
Come up by Glen Duich,
and doon by Glen Shee
An’ roun’ past Kinclaven
and hither by me,
For Ranald and Donald
lie low in the fen,
Tae brak the wing o’
my bonnie moorhen.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
La mia bella gallinella d’acqua,
la mia bella gallinella
su per le grige colline
e giù nelle valli
è quando uscirai di casa
per venire qui [1]
berrò alla salute della mia bella gallinella d’acqua
II
La mia bella gallinella d’acqua
è andata oltre il mare
ma quando sarà estate
ritornerà di nuovo
e quando ritornerà,
e lo sapete bene
che la gioia sia con te [2]
mia bella gallinella
III
La mia bella gallinella
ha un nuovo piumaggio,
ha tanti bei colori,
ma tra di essi non c’è l’azzurro.[3]
Rosso e bianco
e verde e grigio[4]
la mia bella gallinella verrà quaggiù
IV
Vieni su per Glenduich
e giù per Glendee
e superato Kinclaven[5]
e poi da me
perchè Ranald e Donald[6]
sono acquattati nel fango
per spezzare le ali
alla mia bella gallinella

NOTE
1) “when ye gang but the house, when ye gang ben…” =when you go out of the house and when you come in. Il Bonny Prince si trova esule in Francia
2) frase tipica di un brindisi benaugurale
3) blu significa anche triste
4) sono i colori del tartan stuart
5) a detta di James Hogg un itinerario non corretto
6) i soldati inglesi, anche se Ranald e Donald sono nomi tipicamente scozzesi, si vuole forse alludere ai traditori

LA VERSIONE DELLA FAMIGLIA CARTHY

E’ una versione testuale completamente diversa anche se cantata sulla stessa melodia (vedi)

FONTI
http://www.luontoportti.com/suomi/en/linnut/moorhen
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/bonnymoorhen.html
https://mudcat.org//thread.cfm?threadid=10726
http://chrsouchon.free.fr/moorhen.htm
http://www.robertburns.org/works/157.shtml
https://nslmblog.wordpress.com/2015/01/16/the-bonie-moorhen-1788/
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=50450&lang=en

Bannocks of Barley

IL BANNOCK SCOZZESE

La preparazione di questa alternativa del pane cotto in forno è antichissima, perchè per ottenere il primo pane nella storia probabilmente si schiacciarono tra due pietre i chicchi dei primi cereali coltivati,  e con l’aggiunta di acqua si cossero in strati sottili su delle pietre piatte poste sul fuoco (o tra la cenere). L’ulteriore variante fu poi la cottura nella padella in ghisa dei traveiller e dei primi pionieri d’oltreoceano.
Il bannock scozzese ha uno spessore maggiore rispetto alle varianti tipo piadina o gallette (come di chiamano in Bretagna) o alle miacce della Valsesia perchè si stende un po’ spesso, circa alto uno o due dita; storicamente è stato il pane dei pionieri americani e canadesi, che però aveva già il suo equivalente tra i popoli nativi i quali lo preparavano con la farina di mais (o con il grano integrale). Le farine d’un tempo erano quelle d’avena o d’orzo che meglio si adattano ai climi estremi del Nord, un pane preparato in fretta e senza lasciarlo lievitare, anche se nel tempo con l’aggiunta di un po’ di lievito, si trasforma in focaccia e con una manciata di uvetta diventa addirittura un dolce. Una cottura ancora alternativa è quello della frittura.
Il problema della cottura sulla fiamma viva di un fuoco da campo è la distribuzione del calore perchè se il fuoco è troppo vivo, si rischia di bruciare la crosta e di lasciare l’interno poco cotto (il mio consiglio è d’imparare direttamente da chi ha già esperienza). In mancanza di padella l’impasto un po’ più denso viene avvolto intorno a un bastoncino di legno e cotto sopra le fiamme.

LA RICETTA DELLE ISOLE ORCADI

I Bannock d’orzo hanno un sapore caratteristico un po’ dolciastro e sono cotti sulla piastra/padella invece che nel forno, perfetti per la vita da campo dei rudi montanari scozzesi (e del rancio dei guerrieri scozzesi).
La ricetta presa da Elizabeth’s kitchen diary è molto semplice: 2 tazze di farina d’orzo, 1 tazza di farina di grano, 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio e 1 di crema di tartaro (ok oggi possiamo usare tranquillamente lo lievito in polvere), un pizzico di sale. L’aggiunta dello lievito rende più appetibile ai palati moderni questo tipo di pane, ma un tempo si doveva trattare di una semplice miscela di farina e acqua, io uso il lievito istantaneo in polvere sciolto nel latticello, ma fate un po’ come vi pare, anche il bicarbonato può andare. Come per tutti gli impasti che devono restare morbidi si devono maneggiare il meno possibile.
Fare una fontanella con tutti gli ingredienti secchi, aggiungere tanto latticello quanto basta per ricavare una palla, (usando la stessa tazza dosare 3/4 di latticello, l’aggiunta della parte liquida è da fare però a occhio, in base alla consistenza da dare all’impasto) spianare la pasta con un po’ di farina dando la forma rotonda -si può fare un unico “pane tondo” (con il segno della croce impresso con il manico di legno) o tagliarlo in quarti.
Scaldare una padella di ghisa (senza ungerla, ma c’è chi la unge)  fino a farla diventare ben calda. Cuocere per circa 5/10 minuti su ogni lato senza scordare i bordi.
Per gustarlo al meglio tagliate il bannock ancora caldo aprendolo in due e spalmateci sopra il burro. Servire caldo con formaggio tipo fontina o asiago (che non è la stessa cosa del formaggio delle Orcadi, ma .. è da provare con i formaggi italiani a pasta semi molle anche quelli erborinati)

LA RICETTA STORICA

Un’altra versione (qui) aggiunge invece le due farine d’orzo e d’avena, sale, un po’ di burro e del latte e suggerisce un curioso procedimento per amalgamare gli ingredienti: sbriciolare il burro nelle farine come quando si prepara la pasta frolla (burro freddo che si consiglia di grattugiare per amalgamare più velocemente) e poi mettere a mollo nel latte in modo che risulti ben bagnato ma non troppo e lasciare riposare 15 minuti. Presumo che questo tipo di preparazione sia dovuta al fatto che si macinino “in casa” i chicchi (usando un frullatore, o il vecchio macinino del caffè) e che quindi non si ottenga una vera e propria farina. Come sia dopo l’ammollo si impasta con della farina d’avena e si procede spianando in forma tonda. Per la cottura in padella indica 15 minuti per lato

IL BANNOCK BISCOTTINO

Diciamolo francamente, la cottura in forno è migliore, l’impasto si cuoce bene anche all’interno, senza rischio di bruciacchiature e mezze cotture come in padella. Così elaborando appena un poco la ricetta precedente si ottengono dei gustosi (per il palato scozzese) biscottini (oatcake) da abbinare a un accostamento agrodolce, tipo formaggio e marmellata (o a burro/formaggio e miele).
La ricetta (qui) una miscela farina di grano (2 tazze) e d’avena (1 tazza), poco zucchero  e lievito, il solito pizzico di sale, burro a temperatura frigo, latte e yogurt (o il latticello se avete appena preparato il burro fresco). Procedere come al solito per la preparazione della pasta frolla (parte secca + burro  grattugiato) poi quando il burro è tutto sbriciolato aggiungere la parte liquida e mescolare con un cucchiaio di legno e poi continuare a impastare aggiungendo della farina fino a quando l’impasto non è più appiccicoso. Invece di usare gli stampini, modellare la pasta come un salame e tagliare a fette spesse 1 cm circa, se invece vogliamo fare dei biscottini rettangolari modellare un salamino più lungo e sottile (come per gli gnocchi). Cuocere a 200° per 10-15 min

IL BANNOCK LIEVITATO

Ed eccoci arrivare alla versione pane dolce lievitato, nella ricetta del Selkirk Bannock (qui e qui) si usa una farina forte (500 gr), lievito di birra, acqua o latte tiepido per attivare la lievitazione, un etto abbondante di burro (100-150 gr), 50/100 gr di zucchero e  uvetta a piacere.
Un tempo era preparato con la farina d’orzo, ma per farlo lievitare bene è preferibile la farina di grano; questo dolce più ricco è probabilmente il Bride bannock (bonnach Bride) descritto da Alexander Carmichael, che le donne sposate preparavano per la festa di Imbolc.

E mentre stiamo ai fornelli ascoltiamoci un po’ di musica tradizionale scozzese

Bannocks o’ bear meal

Sulla melodia tradizionale The Killogie nel 1688 Lord Newbottle scrisse una poesiola satirica, con il titolo di “Cakes o’ Croudy” (Crowdie è una densa pastella di farina e acqua preparata per la cottura sulla piastra). In Scozia questo tipo di satira si dice Pasquil proprio come le nostre “pasquinate” in cui il popolo sfoga il suo malumore verso i potenti. Trasformata da Robert Burns in una canzone giacobita per la raccolta dello “Scots Musical Museum” (1796). Anche James Hogg ha pubblicato un testo simile a quello di Burns con il titolo  “Cakes o’ Croudy”  (“Jacobite Relics”, 1819) che prende anche il titolo di Bannocks o Barley: nella canzone si rende omaggio ai guerrieri dei clan scozzesi (i Montanari della Scozia alta e delle Isole) che combatterono per cercare di rimettere sul trono l’ultimo pretendente della casa Stuart
lads wi the bannocks o’ barley (i ragazzi che mangiano panini d’orzo)

Non posso fare a meno di notare che anche i ribelli irlandesi del 1798 furono associati all’orzo “L’orzo che si muove nel vento”:  pare che sulle fosse comuni dove venivano seppelliti i “croppy boys“, crescesse l’orzo, germogliato dalle razioni di cibo che si portavano in tasca; così lo spirito del nazionalismo irlandese non poteva essere distrutto e tornava a rinasce.

Al momento in rete di Bannocks o Barley si trovano le versioni classiche nelle variazioni di Haydn, oppure nel The Complete Songs of Robert Burns, Vol. 6 (qui)

ASCOLTA Daniela Bechly su Spotify la versione classica su arrangiamento di F.J. Haydn; il testo è però “Argyle is my name” (testo qui)
ASCOLTA in verisone marcia del Gloucester Regiment detta anche “Kinnegad Slashers” (una variante di Brian O’Linn e per questo viene archiviata talvolta come melodia irlandese)

The Kinnegad Slashers

Bannocks o’ Barley Meal

LA VERSIONE DI ROBERT BURNS
Bannocks o’ bear meal (1),
Bannocks o’ barley,
Here’s to the Highlandman’s
Bannocks o’ barley!
I
Wha in a brulyie
Will first cry ‘ a parley’?
Never the lads
Wi the bannocks o’ barley!
II
Wha, in his wae days,
Were loyal to Charlie (2)?
Wha but the lads
Wi the bannocks o’ barley!


LA VERSIONE DI JAMES HOGGS
I
Bannocks o’ bear meal,
Bannocks o’ barley,
Here’s to the Highlandman’s
Bannocks o’ barley!
Wha in a bruilzie
will first cry ” a parley ?”
Never the lads
wi’ the bannocks o’ barley !
II
Wha was it drew
the gude claymore for Charlie ?
Wha was it cowed
the English lowns rarely ?
An’ clawed their backs
at Falkirk (3) fairly ?
Wha but the lads
wi’ the bannocks o’ barley !
III
Wha was’t when hope
was blasted fairly,
Stood in ruin (4)
wi’ bonny Prince Charlie?
An’ ‘neath the Duke’s (5)
bluidy paw dreed fu’ sairly ?
Wha but the lads
wi’ the bannocks o’ barley !
Traduzione italiano di Cattia Salto
Panini (tortino) di farina d’orzo (1),
panini d’orzo
per gli Highlanders
panini d’orzo!
I
Chi nella lotta
griderà per primo “tregua”?
Nessuno dei ragazzi
che mangiano panini d’orzo!
II
Chi nei giorni del dolore
fu fedele a Carletto (2)?
Chi se non i ragazzi
che mangiano panini d’orzo?!


Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Panini (tortino) di farina d’orzo,
panini d’orzo
per gli Highlanders
panini d’orzo!
Chi nella lotta
griderà per primo “tregua”?
Nessuno dei ragazzi
che mangiano panini d’orzo!
II
Chi ha sferrato il colpo con il suo valoroso spadone per Carletto?
Chi ha intimidito
le canaglie inglesi?
E artigliato finalmente
le loro schiene a Falkirk (3)?
Chi se non i ragazzi
che mangiano panini d’orzo?!
III
Chi fu, quando la speranza
venne spazzata via,
ad ergesi tra le rovine (4)
con il bel Carletto?
E sotto la zampa insanguinata
del Duca (5) tremò pieno di rimpianto?
Chi se non i ragazzi
che mangiano panini d’orzo?!

NOTE
1) bear (che si pronuncia proprio come la parola inglese per “orso” è un tipo particolare d’orzo coltivato nell’antichità nelle isole Orcadi, usato sia per la panificazione che per la birra. Gli storici presumono che sia arrivato nelle isole (Orcadi e Shetland) insieme ai vichinghi, è seminato in primavera e raccolto in estate ( per la sua rapida crescita è detto anche l’orzo dei 90 giorni).
2) il nostro Bonny Prince
3) la battaglia di Falkirk fu la più grande battaglia della Rivolta giacobita combattuta il 17 gennaio 1746 tra gli Inglesi e i sostenitori di Charles Edward Stuart  (vedi) già nel 1298 si era disputata un’altra battaglia tra gli Inglesi e i ribelli scozzesi di William Wallace, vinta da Edoardo I a caro prezzo.
4) Christian Souchon nella sua traduzione suggerisce ” si sacrificò fino alla morte”
5) il Duca di Cumberland chiamato dagli amici “il macellaio”, e paragonato ad un orso sanguinario:  gli scozzesi furono sconfitti pochi mesi dopo la vittoria di Falkirk nella battaglia di Culloden, anche quel giorno pioveva era il 16 aprile 1746 continua

FONTI
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/bannocks_o_bear_meal.htm
http://chrsouchon.free.fr/bannock.htm
http://chrsouchon.free.fr/croudy.htm
http://abcnotation.com/tunePage?a=www.campin.me.uk/Flute/Webrelease/Flute/09Duet/09Duet/0002

RICETTE
http://ontanomagico.altervista.org/alimentazione.html
http://ontanomagico.altervista.org/cereali.htm
http://outlanderkitchen.com/2014/08/13/bannocks-castle-leoch/
https://www.elizabethskitchendiary.co.uk/2013/04/orkney-beremeal-bannocks.html/
https://honey-guide.com/2013/11/24/bere-and-beremeal-bannocks/

https://www.bbcgoodfood.com/recipes/1129665/selkirk-bannock
https://foodanddrink.scotsman.com/food/a-history-of-the-selkirk-bannock-including-recipe-for-making-your-own/

Tranent Muir, The Battle of Prestonpans

The first great but ephemeral victory of the Charlie army, the 1745 Battle of Preston / Tranent, is commented almost like a war report, in the Jacobite song “Tranent Muir,” with thirteen stanzas and more; the text is attributed to Adam Skirving (circa 1746), collected by David Herd in “Ancient and Modern Scottish Songs”, Volume 1, page 109, 1776 and in the “Scots Musical Museum” Volume III N ° 102, 1790 combined to the melody “The Battle of Killicrankie“, also entitled ‘Gillicrankie’ (Killikrankie), ‘Atkinson’, “Original Sett of Killiekrankie” (in Gow “First Repository”, 1799)
La prima grande ma effimera vittoria dell’esercito del Bonny Charlie, la battaglia di Preston/Tranent del 1745, è commentata quasi come un reportage di guerra, nella canzone giacobita Tranent Muir, dalle tredici strofe e più; il testo è attribuito a Adam Skirving (circa 1746), riportato da David Herd in “Ancient and Modern Scottish Songs”, Volume 1, page 109, 1776 è collezionato anche nello “Scots Musical Museum ” Volume III N°102, 1790 e abbinato alla melodia “The Battle of Killicrankie“, anche intitolata ‘Gillicrankie’ (Killikrankie), ‘Atkinson’, “Original Sett of Killiekrankie” (in Gow “First Repository”, 1799 )
Archie Fisher in “The Fate O’Charlie”, 1969, as “The Battle of Prestonpans“, however sings what is became the standard version: he reduces the stanzas to 6, with another tune deriving from the oral tradition (with the title of “An am dol sios bhi deomach” in “Eachdraidh a Phriunnsa” – John McKenzie 1845 and in “Modern Gaelic Bards” by Malcolm McLeod, 1908).

Archie Fisher in “The Fate O’Charlie”, 1969, con il titolo “The Battle of Prestonpans”, confeziona però quella che diventa la versione standard: riduce a 6 le strofe e abbina un’altra melodia deriva dalla tradizione orale (riportata con il titolo di “An am dol sios bhi deomach” in “Eachdraidh a Phriunnsa” – John McKenzie 1845 e in  “Modern Gaelic Bards” by Malcolm McLeod, 1908).

The Corries

But it was the Tannies to rework the song and present it in a new and more sparkling way
Sono stati però i Tannies come affettuosamente vengono chiamati a rielaborare il brano e a presentarlo in modo nuovo e più scintillante
The Tannahill Weavers in “The best of the Tannahil Weavers”, 1979-1989


TRANENT MUIR
I
The chevalier (1) being void o’ fear
did march doon Birsle Brae man (2)
Through Tranent e’er he did stent (3)
as fast as he could gae man
While General Cope did taunt and mock
wi’ many a loud hurrah man
E’er next morn proclaimed the cock (4)
we heard another craw (5) man
II
The brave Lochiel  as I heard tell
led Cameron on in cloods (6) man
The morning fair and clear the air
they loosed wie devilish thuds man
Doon guns they threw and swords
they drew and soon did chase them aff man
On Seaton’s crafts (7) they burst their chafts (8)
and gart them run like daft, man
III
The bluff dragoons swore blood and oons
they’d mak’ the rebels run man
And yet they flee when them they see
and winnae fire a gun man
They turned their backs the fit tae crack (9)
such terror siezed them a’ man
Some wet their cheeks some fyled their breeks
and some for fear did fa’ man
IV
Smith (10) made sic’ haste sae spurred his beast
‘twas little there he saw man
Tae Berwick rade and safely said
“the Scots were rebels a’ man!”
O’er Soutra Hill (11) ere he stood still
afore he tasted meat (12) man
Lang may he brag on his swift nag
that bore him aff sae fleet man
V
But Gardner brave did still behave
like to a hero bright man
His courage true, like him were few,
that still despised flight man
For king and laws and country’s cause
in honours bed  did fa’ (13) man
His life but not his courage fled
while he had breath tae draw, man
VI
At yon thorn tree that you may see
beneath the Meadowmill (14), man
There’s many slain lie on the plain
the clans pursuing still man
Sic’ unco whacks and deadly hacks
I never saw the likes man
Lost hands and heids cost them their deeds
that fell near Preston dyke man
LA PIANURA DI TRANENT
(traduzione  italiano di Cattia Salto)
I
Il Cavaliere senza esitazione alcuna
attraversò in marcia le colline di Birsle
e superato Tranent si schierò,
più in fretta non poteva andare, amico
Mentre il Generale Cope insultava e scherniva
con tanti veementi “Evviva”
prima del mattino seguente annunciato dal gallo, udimmo un altro grido, amico
II
Il prode Lochiel come sentii dire
portò i Cameron in battaglia
nell’aria limpida di un’alba chiara,
spararono dei colpi infernali,
poi gettarono i moschetti, e le spade
sguainarono e in breve li scacciarono,
sui poderi dei Seton, spaccarono mascelle
e li fecero scappare come impazziti, amico
III
I dragoni sbruffoni giurarono sangue e lacrime,
che avrebbero fatto scappare i ribelli,
eppure furono loro a fuggire appena li videro,
e senza sparare un colpo, amico
voltarono la schiena a gambe levate
pieni di terrore, amore
chi si bagnò le guance, chi se la fece nei pantaloni, e chi per la paura cadde, amico
IV
Smith fece così in fretta a spronare la bestia
che vide ben poco, amico
per correre a Berwick in salvo disse
“Erano tutti gli Scozzesi in rivolta!”
Sopra Soutra Hill si fermò
senza mai riposarsi prima, amico
a lungo potrà vantarsi del suo rapido ronzino che lo portò via così velocemente, amico
V
Ma Gardner si comportò
come si conviene a un fulgido eroe
con vero coraggio e come lui furono pochi,
che pure disdegnarono la fuga,
per il re e il governo e per la causa del paese,
si prostrò sul letto dell’onore, amico
la sua vita, ma non il coraggio venne meno, mentre esalava l’ultimo respiro!
VI
Al biancospino che puoi vedere laggiù
sotto alla collina, amico
ci sono molti cadaveri che stanno nel prato,
i clan ancora incalzano, amico
che batosta colossale e che carneficina!
Mai ne vidi di siffatte, amico
mani mozzate e corpi decapitati
caduti vicino agli argini di Preston, amico

Note
french translation
1)  Charles Stuart, the Young Pretender
2) la parola uomo è usata come intercalare
3) to place something or someone, with the implication of being overstretched or overtaxed.
4) The battle took place at dawn, precisely at 6 am and lasted about ten minutes [Lo scontro tra i due eserciti avvenne all’alba, precisamente alle 6 del mattino e durò una decina di minuti]
5) that of the Highlanders during the charge [quello degli Highlander lanciati nella carica]
6) Donald Cameron of Lochiel (c.1700 – October 1748) nicknamed simply “Gentle Lochiel” for his acts of magnanimity towards prisoners, was among the most influential chieftains traditionally faithful to the Stuart House. He joined Prince Charles in 1745 and after Culloden fled to France where he died in exile. His family was rehabilitated and reinstated in the title with the amnesty of 1748.
Donald Cameron di Lochiel (c.1700 – Ottobre 1748) soprannominato semplicemente “Gentle Lochiel”per i suoi atti di magnanimità nei confronti  dei prigionieri,  fu tra i più influenti capoclan tradizionalmente fedele alla Casa Stuart. Si unì al Principe Carlo nel 1745 e dopo Culloden fuggì in Francia dove morì in esilio. La sua famiglia fu riabilitata e reintegrata nel titolo con l’amnistia del 1748.
clouds letteralmente “nuvole”

7) “”crafts” = “crofts” in modern Scots, i.e. smallholdings. The Seatons (or Setons) were the biggest landowners and industrialists of the Prestonpans area, and their tenants were one of the worst-hit groups of casualties of the invasion”. I Seaton (o Seton) erano i più grandi proprietari terrieri e industriali dell’area di Prestonpans, e i loro affittuari furono tra le vittime dell’invasione più colpiti “
8) chaft= jaw
9) the foot they brake
10)  “He [Burns] also heard a story about the Lieutenant Smith mentioned in the ninth stanza, in which Mr Smith demanded that Mr Skirvan present himself and explain his portrayal of Mr Smith. Mr Skirvan refused and further insulted Mr Smith by referring to his cowardice again“. (from SMM) Si dice che il tenente Smith abbia sfidato a duello Skirving per aver menzionato espressamente la sua fuga dalla battaglia.
11) mountain in the Scottish Border [montagna nel Border scozzese]
12) before he tasted meat= letteralmente “prima di assaggiare cibo”
13) letteralmente “sul letto dell’onore cadde= morì”
14) Meadowmill è il nome della località dove si è svolta la battaglia

LINK
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/DTtranmu.html
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-ii,-song-102,-pages-103-and-104-tranent-muir.aspx
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=1114
http://learningtowhistle.blogspot.it/2005/08/tunes-tranent-muir.html
http://sniff.numachi.com/~rickheit/dtrad/pages/tiTRANMUI2.html
http://www.tannahillweavers.com/lyrics/4454lyL2.htm
http://www.theballadeers.com/scots/tw_c1989_bo.htm
http://chrsouchon.free.fr/tranentm.htm

CAITILIN NI UALLACHAIN

Caitilín Ní Uallacháin = Katty Hualloghan è il titolo di un canto giacobita irlandese settecentesco, attribuito al maestro di scuola William Heffernan (di Lattin) abbinato a una melodia che conobbe una grande fortuna nell’Ottocento, essendo stata associata alla poesia di Sir Samuel Ferguson, “The Lark in the clear air” .

Il canto si inserisce nel filone delle aisling song in cui il poeta viene abbagliato al sorgere dell’alba da una visione soprannaturale: una splendida fanciulla personificazione dell’Irlanda è in mestizia e predice un tempo in cui la terra irlandese sarà libera. Il tema conobbe una grande fioritura nel Settecento, quando i poeti irlandesi dovevano nascondere il loro nazionalismo nella poesia bucolica di genere amoroso. (vedi)

UNA VECCHIA DEA

Qui però l’Irlanda non è una fanciulla ma una “povera vecchia” (la Sean-Bhean bhocht – scritto foneticamente come “the Shan Van Vocht”), la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda). Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.

Maud Gonne (a destra) nel ruolo di Cathleen Ni Houlihan, 1902

Macha Curses The Men Of Ulster – Stephen Reid (1904)

Cathleen mitica regina d’Irlanda è una dea-guardiana che appartiene alla terra, la personificazione della dea Ana (iath nAnann -la terra di Ana ) costretta all’esilio dai troppi stranieri che l’hanno vilipesa e che vaga in cerca di aiuto, così è una dea decaduta, povera, invecchiata, scacciata da casa. Ma è pur sempre una dea e ancora chiede sacrifici umani, incanta i giovani uomini e li convince a dare la vita per amor suo: la Cathleen di Yeats ringiovanisce poi nutrendosi del sangue degli eroi.

Caitilín Ní Uallacháin è riportato nel “Ancient Music of Ireland” di George Petrie vol II pg 8 (vedi) che così scrive
Of this song at least two versions have been already printed, and both with English metrical translations, – one by the late Mr. Edward Walsh, in his “Irish Popular Songs,” and the other by Mr. John O’Daly, in his “Poets and Poetry of Munster,” the versifications in which were made by the late James Clarence Mangan. In both these works the authorship of this song is assigned, but, as it would appear, erroneously, to one of the Irish poetic celebrities of the eighteenth century, – a blind Tipperrary poet named William O’Heffernan; for Mr. Curry has supplied me with a copy of the song which he transcribed from a manuscript now in his possession, and which was written in the year 1780 by a distinguished Clare scribe and Irish scholar, named Peter Connell, or O’Connell; and as in this MS. the name William O’Hanrahan is given as that of its author, such authority is certainly superior in weight to any that has been,m or probably could be, assigned for ascribing it to the Tipperary poet; for it can scarcely be doubted that Connell was personally acquainted with its true author.

Nella canzone il poeta spera in una sconfitta inglese in guerra con le potenze del tempo, e invoca la libertà dell’Irlanda.

LA MELODIA

Il testo fu associato a una melodia intitolata Kathleen Nowlan  scritta da Edward Bunting nelle sue notazioni, da non confondersi però con la melodia Kitty Nowlan sempre annotata da Bunting e trascritta nelle raccolte della Irish Folk Society: fu Charlotte Milligan Fox (1864-1916) a far pubblicare la vecchia melodia irlandese Kathleen Nowlan  nel volume VIII della Raccolta

Ma tutta la storia dietro la canzone viene raccontata in questo video di Eugene Dunphy

continua

Mise Éire – I am Ireland

FONTI
http://www.writerscafe.org/writing/B-Medb/248036/
https://archive.org/details/petriecollection01petr
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=33347

THERE’LL NEVER BE PEACE TILL JAMIE COMES HAME

“There’ll Never Be Peace Till Jamie Comes Hame” è una vecchia canzone giacobita pubblicata nello “Scots Musical Museum”,  (vol IV, 1791) con il testo riscritto da Robert Burns, che conosceva la melodia con il titolo di “There are few good fellows when Jamie’s awa”. Giacomo è il figlio del deposto re Giacomo VII di Scozia che i Giacobiti riconoscevano come unico legittimo successore al trono e soprannominarono The Old Pretender per distinguerlo dal figlio il Principe Carlo Stuart.

Così scrive Robert Burns in una lettera ad Alexander Cunningham (1791) “You must know a beautiful Jacobite air “There’ll never be peace till Jamie comes hame”. When political combustion ceases to be the object of princes and patriots, it then, you know, becomes the lawful prey of historians and poets.”

LA MELODIA

La melodia è una slow air dolce e malinconica pubblicata da James Oswald in due raccolte “Curious Scots Tunes”, 1740, 22, e in “Caledonian Pocket Companion”, 1743, I. 20, conosciuta anche con il titolo di “There are few good fellows when Jamie’s awa” oppure di “By yon Castle wa’”
ASCOLTA Alessandro Tampieri, Alessandro Palmeri, Giorgio Dellarole (viol. e v.cello barocco e fisarm. 415)

ASCOLTA Sophie Ramsay in ‘The Seas Between Us‘ (vedi)

ASCOLTA Dougie Mathieson & Mags Macfarlane  in “A Tribute to Rabbie Burns”, 2015

ASCOLTA The Whistlebinkies


I
By yon Castle wa’ (1), at the close of the day,
I heard a man sing, tho’ his head it was grey:
And as he was singing, the tears doon came, –
There’ll never be peace till Jamie  (2) comes hame.
II
The Church is in ruins, the State is in jars,
Delusions, oppressions, and murderous wars,
We dare na weel say’t, but we ken wha’s to blame, –
There’ll never be peace till Jamie comes hame.
III
My seven braw sons for Jamie drew sword,
But now I greet (3) round their green beds in the yerd (4);
It brak the sweet heart o’ my faithful and dame, –
There’ll never be peace till Jamie comes hame.
IV
Now life is a burden that bows me down,
Sin’ I tint (5) my bairns (6), and he tint his crown;
But till my last moments my words are the same, –
There’ll never be peace till Jamie comes hame.
Traduzione di Cattia Salto
I
Ai piedi del castello all’imbrunire
udii un uomo cantare, sebbene con il capo canuto
e mentre cantava le lacrime scendevano –
“Non ci sarà mai pace finchè Giacomo (2) ritornerà sul trono”
II
La Chiesa è in rovina e lo Stato in discordia,
delusione, oppressione
e guerre feroci
e noi sappiamo bene
chi è da biasimare
– Non ci sarà mai pace finchè Giacomo ritornerà sul trono
III
I miei sette bravi figli per Giacomo cinsero la spada,
ma ora io li piango nei loro verdi giacigli al camposanto
e il povero cuore della mia leale dama si spezzò –
Non ci sarà mai pace finchè Giacomo ritornerà sul trono
IV
Ora la vita è un fardello che mi piega in due
dacchè persi i miei figli ed egli perse la corona;
ma fino all’ultimo respiro le mie parole saranno le stesse –
Non ci sarà mai pace finchè Giacomo ritornerà sul trono

NOTE
1) wa’=wall
2) La discendenza maschile del ramo Stuart  (la parte cattolica della famiglia) cercò periodicamente e fino al 1746 di riprendersi il trono con l’aiuto di Francia e Spagna: Giacomo Francesco Edoardo Stuart tentò di riprendersi il trono per due volte nel 1708 e nel 1715 sbarcando in Scozia e mettendosi alla testa dei suoi seguaci con l’appoggio di John Erskine, conte di Mar: il 6 settembre 1715 Lord Mar si incontrò con un gruppo di Highlander e nominò ufficialmente il Principe Giacomo Edoardo re di Scozia, Inghilterra e Francia con il nome di Giacomo VIII di Scozia (e Giacomo III d’Inghilterra e d’Irlanda). Anche questo secondo tentativo fallì e Giacomo passò il resto della sua vita dorata in esilio prima in Francia e poi dal 1717 in Italia. (vedi scheda dei personaggi principali qui)
3) greet=weep
4) yerd=kirkyard
5) sin I tint=as I lost
6) bairns=children

FONTI
http://chrsouchon.free.fr/therellb.htm
https://www.flutetunes.com/tunes.php?id=2322
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-iv,-song-326,-pages-336-and-337-as-i-cam-down-by-yon-castle-wa.aspx

ORAN EILE DON PHRIONNSA

Read the post in English

Il Bonny Prince (Carlo Edoardo Stuart) ritratto da Allan Ramsay subito dopo la marcia su Edimburgo

Oran Eile Don Phrionnsa,  “Canzone per il Principe” (= Song to the Prince) ma anche dal primo verso “Moch sa Mhadainn ‘s Mi Dùsgadh” (in italiano “Appena mi sveglio”) venne scritta nel 1745 da Alexander McDonald (Alasdair mac Mhaighstir Alasdair)  bardo delle Highlands e fervente giacobita, perché fosse indirizzata come missiva al Principe Charles Edward Louis John Casimir Sylvester Severino Maria Stuart, noto più semplicemente come il Bonnie Prince Charlie o The Young Pretender. All’epoca il Principe si trovava in Francia nella vana attesa di un cenno di favore da parte del Re Luigi XV affinchè lo aiutasse a riprendersi il trono d’Inghilterra e Scozia. Ma la questione si trascinava per le lunghe, Luigi non ricevette mai a Corte il suo parente povero, così il ragazzo venne snobbato anche dalla Nobiltà parigina e di certo le parole d’incoraggiamento dei sostenitori in Scozia non potevano che dargli conforto. continua
Il testo originale di Oran Eile Don Phrionnsa ( anche “Moch Sa Mhadainn”, “Hùg Ò Laithill Ò” “Hùg Ò Laithill O Horo”), è scritto in gaelico scozzese, lingua che il principe non capiva (essendo nato e cresciuto a Roma).

Ne “The Elizabeth Ross Manuscript Original Highland Airs Collected at Raasay in 1812 By Elizabeth Jane Ross” (qui) sono riportati testo e melodia (#113) così nelle note dell’edizione pubblicata per lo School of Scottish Studies Archives, Edimburgo 2011 leggiamo “Questa toccante canzone giacobita è stata attribuita a Alasdair mac Mhaighstir Alasdair (Alexander MacDonald, c.1698–c.1770). Il testo e la traduzione di  JLC [John Lorne CAMPBELL(1933, Rev.1984)], riporta 17 strofe più il ritornello. Il testo deriva dall’edizione del 1839  (p.85) dalla collezione di Mac Mhaighstir Alasdair (ASE); l’edizione del 1839 è identica a quella del 1834, ma il fatto che la canzone non appaia nella prima edizione (1751) solleva dubbi sull’attribuzione (vedi JLC 42, n.1): in effetti il testo è stato quasi certamente preso dall’edizione 1834 da PT, dov’è semplicemente intitolato ‘LUINNEAG’ senza alcuna attribuzione.

ASCOLTA Capercaillie in “Glenfinnan (Songs Of The ’45)” (1998) album interamente dedicato ai canti in gaelico che si sono conservati nelle Isole Ebridi sulla rovinosa parabola della ribellione giacobita capeggiata dal Bonnie Prince Charlie nel 1745

ASCOLTA Dàimh in Moidart to Mabou 2000, un gruppo di nuova generazione dalla West Coast della Scozia formato da musicisti  dall’Irlanda, Scozia, Capo Bretone e California.

Chi canta dopo aver impostato la prima strofa, prosegue riprendendo gli ultimi due versi come i primi della strofa successiva, e aggiunge altri due nuovi versi
Thug ho-o, laithill ho-o
Thug o-ho-ro an aill libh
Thug ho-o, laithill ho-o
Seinn o-ho-ro an aill libh
I
Och ‘sa mhaduinn’s mi dusgadh
‘S mor mo shunnd’s mo cheol-gaire
O’n a chuala mi ‘m Prionnsa
Thighinn do dhuthaich Chlann Ra’ill
II
O’n a chuala mi ‘m Prionnsa
Thighinn do dhuthaich Chlann Ra’ill
Grainne mullaich gach righ thu
Slan gum pill thusa, Thearlaich
III
Grainne mullaich gach righ thu
Slan gum pill thusa, Thearlaich
‘S ann th ‘n fhior-fhuil gun truailleadh
Anns a ghruadh is mor-naire
IV
‘S ann th ‘n fhior-fhuil gun truailleadh
Anns a ghruadh is mor-naire
Mar ri barrachd na h-uaisle
‘G eirigh suas le deagh-nadur
V
Mar ri barrachd na h-uaisle
‘G eirigh suas le deagh-nadur
Us nan tigeadh tu rithist
Bhiodh gach tighearn’ ‘n aite

The Elizabeth Ross Manuscript
I
Early as I awaken
Great my joy, loud my laughter
Since I heard that the Prince comes
To the land of Clanranald
II
Since I heard that the Prince comes
To the land of Clanranald
Thou art the choicest of all rulers
Here’s a health to thy returning
III
Thou art the choicest of all rulers
Here’s a health to thy returning
His the royal blood unmingled
Great the modesty in his visage
IV
His the royal blood unmingled
Great the modesty in his visage
With nobility overflowing
And endowed with all good nature
V
With nobility overflowing
And endowed with all good nature
And shouldst thou return ever
At his post would be each laird
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Appena mi sveglio
grande la gioia, forte il riso
da quando seppi che il Principe (1) verrà nella terra del Clanranald (2)
II
Da quando seppi che il Principe verrà nella terra del Clanranald
Voi che siete il migliore tra i re
bevo alla salute del vostro ritorno
III
Voi che siete il migliore tra i re
bevo alla salute del vostro ritorno!
Suo il sangue reale puro
grande la modestia nel suo viso
IV
Suo il sangue reale puro
grande la modestia nel suo viso
colmo di nobiltà
e dotato di natura gentile!
V
Colmo di nobiltà
e dotato di natura gentile!
Se voi ritornerete
ogni laird sarà al vostro servizio.

NOTE
1) Principe Charles Edward Louis John Casimir Sylvester Severino Maria Stuart
2) il Clan dei Macdonald di Clanranald (Clan RanaldClan Ronald) è uno dei rami più grandi dei clan scozzesi in cui si eleggeva il Re delle Isole e di Argyll. All’epoca delle ribellione del 1745 il vecchio capo clan non era favorevole agli Stuard, ma non impedì al figlio di allearsi con il Giovane Pretendente. I due si conobbero a Parigi. Ranald il giovane fu tra i primi ad aderire alla causa giacobita facendo proseliti presso gli altri clan.

LA SERIE OUTLANDER

Il brano è stato riportato alla popolarità con l’inserimento nella seconda stagione della serie televisiva Outlander (sulle orme del grandissimo successo editoriale dell’omonima serie scritta da Diana Gabaldon), come sottolinea lo stesso direttore artistico Bear McCreary questo è uno dei pochi canti scritti proprio nel farsi della ribellione scozzese.
“Quando Jamie apre la lettera nell’episodio  “The Fox’s Lair” e scopre di essere stato invischiato nella rivoluzione, questa canzone era contemporanea essendo stata composta da qualche parte in Scozia  proprio in quel preciso momento.” (qui).

ASCOLTA Griogair Labhruidh in Outlander: Season 2, (Original Television Soundtrack) il brano ha un andamento marziale  e Griogair racconta
“È sempre difficile mediare il divario tra tradizione e innovazione, ma è qualcosa a cui mi sto abituando sempre più spesso, ho eseguito la canzone ad un ritmo molto più lento di quello tradizionale, ma penso che abbia raggiunto un grande effetto con i ricchi cori dei violini e gli elementi percussivi. Sono stato anche molto contento di lavorare con il mio amico John Purser che ha contribuito a dirigere la mia esecuzione della canzone per adattarla all’arrangiamento.

Hùg hó ill a ill ó
Hùg hó o ró nàill i
Hùg hó ill a ill ó
Seinn oho ró nàill i.
I
Moch sa mhadainn is mi dùsgadh,
Is mòr mo shunnd is mo cheòl-gáire;
On a chuala mi am Prionnsa,
Thighinn do dhùthaich Chloinn Ràghnaill.
II
Gràinne-mullach gach rìgh thu,
Slàn gum pill thusa Theàrlaich;
Is ann tha an fhìor-fhuil gun truailleadh,
Anns a’ ghruaidh is mòr nàire.
III
Mar ri barrachd na h-uaisle,
Dh’ èireadh suas le deagh nàdar;
Is nan tigeadh tu rithist,
Bhiodh gach tighearna nan àite.
IV
Is nan càraicht an crùn ort
Bu mhùirneach do chàirdean;
Bhiodh Loch Iall mar bu chòir dha,
Cur an òrdugh nan Gàidheal.


I
Early as I awaken,
Great my joy, loud my laughter,
Since I heard that the Prince comes
To the land of Clanranald
II
Thou’rt the choicest of all rulers,
Here’s a health to thy returning,
His the royal blood unmingled,
Great the modesty in his visage.
III
With nobility overflowing,
And endowed with all good nature;
And shouldst thou return ever
At his post would be each laird.
IV
And thy friends would be joyful
If the crown were placed on thee,
And Lochiel, as he should be
Would be leading the Gaëls.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Appena mi sveglio
grande la gioia, forte il riso
da quando seppi che il Principe (1) verrà nella terra del Clanranald (2)
II
Voi che siete il migliore tra i re
bevo alla salute del vostro ritorno!
Suo il sangue reale puro
grande la modestia nel suo viso
III
Colmo di nobiltà
e dotato di natura gentile!
Se voi ritornerete
ogni laird sarà al vostro servizio.
IV
I vostri amici saranno pieni di gioia
se sarete incoronato,
e Lochiel (3), come si conviene, farà arrivare i Gaeli per la battaglia

NOTE

Fedeli agli amici

3) Donald Cameron di Lochiel (c.1700 – Ottobre 1748) tra i più influenti capoclan tradizionalmente fedele alla Casa Stuart. Si unì al Principe Carlo nel 1745 e dopo Culloden fuggì in Francia dove morì in esilio.
La famiglia fu riabilitata e reintegrata nel titolo con l’amnistia del 1748.

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/charlie-hes-my-darling/
http://www.ed.ac.uk/files/imports/fileManager/RossMS.pdf
http://chrsouchon.free.fr/bonnie1.htm
http://chrsouchon.free.fr/bonnie2.htm
http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/oraneile.htm
http://www.bearmccreary.com/#blog/blog/outlander-return-to-scotland/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/63749/3
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/94215/5;jsessionid=40262AAD448EC6A5BD09862C091AD047