Dinogad’s Smock (Pais Dinogad)

An Old Welsh lullaby found in the margins of a 7th Century Welsh battle poem ‘Y Gododdin’
[Un’antica ninna-nanna in cumbrico, il dialetto del gallese antico trascritta al margine di un manoscritto ‘Y Gododdin’ del VII secolo  ( nel Libro di Aneirin  datato al XIII secolo ) in cui si descrive la battaglia di Catraeth tra Britanni e Angli.]

Old Welsh was spoken throughout the whole of England, before the Anglo-Saxons came. The kingdom of Gododdin was a vast territory of Britain that arose after the Roman withdrawal from the lands conquered by Julius Caesar and included the northeastern area of the island including the Stirling area and the Northumberland with capital Edinburgh (Dun Eidyn).
[Il gallese antico a quei tempi prima dell’invasione degli Angli era parlato in tutta l’Inghilterra. Il regno di Gododdin era un vasto territorio della Britannia sorto dopo il ritiro dei Romani dai terreni conquistati da Giulio Cesare e comprendeva la zona nord-est dell’isola comprendente l’area di Stirling e il Northumberland con capitale Edimburgo (Dun Eidyn).]

Dinogad’s Smock

To the child named Dinogad the mother describes his father while hunting and fishing, Pais Dinogad is the ancestor of the English lullaby ‘Bye Baby Bunting’. A topographical reference in the lullaby allows us to place mother and child near the Castle Crag a hill fort in the heart of Lakeland (now Lake District National Park).
[Al bambino di nome Dinogad la mamma descrive il padre mentre caccia e pesca, Pais Dinogad è l’antenata della ninnananna inglese ‘Bye Baby Bunting’. Un riferimento topografico nella ninna-nanna ci permette di collocare madre e bambino nei pressi del Castle Crag un hill fort nel cuore del Lakeland (ora Lake District National Park).]

The lullaby could also be a complaint in which the woman cries the death of her husband in war!
[La ninna nanna potrebbe anche essere un lament in cui la donna piange la morte del marito in guerra]
William Parsons & Guy Hayward in Will and Guy at Old England Hole
the melody is very similar to an ecclesiastical litany
[la melodia è molto simile a una litania ecclesiastica]

Sean Parry a live version accompanied by the bardic lyra
[una versione live accompagnato dalla lyra bardica]

[Old Welsh]
Peis dinogat e vreith vreith.
o grwyn balaot ban wreith.
chwit chwit chwidogeith.
gochanwn gochenyn wythgeith.
pan elei dy dat ty e helya;
llath ar y ysgwyd llory eny law.
ef gelwi gwn gogyhwc.
“giff gaff. dhaly dhaly dhwg dhwg”.
ef lledi bysc yng corwc.
mal ban llad. llew llywywg.
pan elei dy dat ty e vynyd.
dydygai ef penn ywrch penn gwythwch pen hyd.
penn grugyar vreith o venyd.
penn pysc o rayadyr derwennyd.
or sawl yt gyrhaedei dy dat ty ae gicwein
o wythwch a llewyn a llwyuein.
nyt anghei oll ny uei oradein.
[Modern English]
Dinogad’s smock (1), pied (2), pied,
It was from marten’s skins that I made it.
‘Wheed, wheed, a whistling!’
We call, they call, the eight in chains (3).
When thy father went a-hunting,
A spear on his shoulder,
a club in his hand,
He would call the nimble hounds,
‘Giff, Gaff (4); catch, catch, fetch, fetch!’
He would kill a fish in his coracle (5)
As a lion kills its prey.
When thy father went to the mountain
He would bring back a roe-buck, a wild boar, a stag,/ A speckled grouse (6) from the mountain,
A fish from Rhaeadr Derwennydd (7).
Of all those that thy father reached with his lance,
Wild boar and lynx and fox,
None escaped which was not winged (8).
[traduzione italiano Cattia Salto]
Camiciola di Dinogad, pezzata, pezzata,
l’ho fatta con le pelli di martora.
“Wee, wee un fischio!”
si gridava, gli otto servi gridavano.
Quando tuo padre andava a caccia,
lancia in spalla,
mazza in mano,
chiamava i levrieri,
“Giff, Gaff; predi e porta” !
Uccideva un pesce nel suo coracle
come un leone uccide la sua preda.
Quando tuo padre andava sulla montagna
riportava un capriolo, un cinghiale, un cervo,
un gallo cedrone maculato,
un pesce nella cascata di Derwent.
Di tutti gli animali che tuo padre ha raggiunto con la sua lancia,
cinghiale e lince e volpe,
nessuno aveva ali per la fuga.
la sottoveste nel medioevo

NOTE
1) in the Middle Ages, the smock was a petticoat with long ends (or under the knees) with or without sleeves, the garment that was in immediate contact with the skin, the one that for us today is underwear. The fabric is hemp or linen depending on the social class (and for the nobles it could be silk). In the Renaissance parts of the shirt could be embroidered with gold and silver threads
[nel Medioevo con smock si denominava la sottoveste, un camice lungo fini ai piedi (o sotto le ginocchia) con o senza maniche, l’indumento che stava a immediato contatto con la pelle, quella che per noi oggi è la biancheria intima. Il tessuto andava dalla canapa al lino più o meno fine a seconda della classe sociale (e per i nobili poteva essere di seta). Nel rinascimento parti della camicia potevano essere ricamate con fili d’oro e d’argento]
2) mi immagino sia l’antenata delle tradizionali copertine pathworck
3) I think referring to the callings of the beaters to send the game towards the hunters
[immagino si riferisca al richiamo dei battitori per mandare la selvaggina verso i cacciatori]
4) the names of the dogs [i nomi dei cani]
5) rudimentale imbarcazione di vimini ricoperta con pelli per impermeabilizzare la struttura
6) è il fagiano di montagna detto anche gallo cedrone
7) Rhaeadr Derwennydd, or Derwent waterfall; in Britain there are about ten river names derived from the same root (meaning only water flowing through an oak forest) – including four that are actually called “Derwent” – in Cumbria, Derbyshire, Northumberland and Yorkshire, but the only Derwent river with a waterfall is in Cumbria. “The Derwent’s waterfall is now famous to tourists worldwide as the Lodore Falls, which still crash picturesquely through woodland just south of the lake of Derwentwater, at the head of Borrowdale. Up the slope from the Lodore Falls is a wooded area known as Hogs’ Earth – is this the place that Dinogad’s daddy went hunting for boar? – and above that, a hill called Castle Crag.” (from here)
[Rhaeadr Derwennydd
 , o cascata Derwent; in Gran Bretagna ci sono circa dieci nomi di fiume derivati ​​dalla stessa radice (significa solo acqua che scorre attraverso un bosco di querce) – tra cui quattro che in realtà sono chiamati “Derwent” – in Cumbria, Derbyshire, Northumberland e Yorkshire, ma l’unico fiume Derwent con una cascata si trova in Cumbria “La cascata del Derwent è ora famosa ai turisti di tutto il mondo come le cascate di Lodore, che ancora si schiantano pittorescamente attraverso i boschi appena a sud del lago di Derwentwater, alla testa di Borrowdale. Il pendio delle cascate di Lodore è una zona boscosa conosciuta come Terra degli Hogs – è questo il posto in cui il papà di Dinogad andava a caccia di cinghiali? – e sopra a tutto, una collina chiamata Castle Crag]
8) his father was a good hunter and his prey had no escape [il padre era un buon cacciatore e le sue prede non avevano scampo]

Pilgrimage to Pais Dinogad – Finding a Lost Lullaby in Anglesey/Ynys Mon (The British Pilgrimage Trust)

Ffynnon ( Lynne Denman & Stacey Blythe) in Celtic Music from Welsh 2002


in which only the first verse is repeated on a melody that recalls a simple nursery rhyme; at the first verse they combines a count of the sheep “yan, tan, tether ..” according to the ancient custom see ; for the rest of the lullaby the speech is used.
[in cui si ripete solo la prima strofa su di una melodia che richiama una semplice filastrocca dei bambini; alla prima strofa unisce una conta delle pecore “yan, tan, tether..” secondo l’antica usanza vedi per il resto della ninna-nanna viene usato il parlato]

 Peis dinogat e vreith vreith.
o grwyn balaot ban wreith.
chwit chwit chwidogeith.
gochanwn gochenyn wythgeith.
Pais Dinogad sydd fraith, fraith,
O groen y bela y mae’i waith.
`Chwí! Chwí!’ Chwibanwaith.
Gwaeddwn ni, gwaeddant hwy – yr wyth gaeth.
[Modern English]
Dinogad’s shift is speckled, speckled,
It was made from the pelts of martens.
`Wee! Wee!’ Whistling.
We call, they call, the eight in chains.

Jean-Luc Lenoir in Old Celtic & Nordic Lullabies” 2016

Joglaresa & Sianed Jones in Sing We Yule 2017 adding a tune according to the Welsh bardic style [si aggiunge un canto secondo lo stile bardico gallese]

Bye Baby Bunting

Rebecca Hadwen

FONTI
http://www.walesonline.co.uk/news/wales-news/welsh-poet-right-lynx-legend-2372109
https://www.cs.ox.ac.uk/people/geraint.jones/rhydychen.org/about.welsh/pais-dinogad.html

Dinogad’s Smock: a 6th-century Cumbrian lullaby

Deirín dé, butterfly of the gods

Leggi in italiano

Deirín dé is the phrase repeated in the refrain of this lullaby in Irish Gaelic, and it is supposed to be the ancient name for “butterfly of the gods”, or the golden butterfly symbol of the spirit of the deceased.
For the shamans, matter is simply “condensed spirit” like the frost by the steam heated with the first light of dawn. The spirit assumes an ovoidal form, called the spiritual body, of which one part condenses into matter, ie the physical body contained in the “bubble”, and is “animated” by an immaterial part which is precisely the soul. After physical death, the spirit returns to the sky, to the parent constellation. So the butterfly undergoes a series of transformations from its initial stage of squat and terrestrial caterpillar, chrysalis and then flies away like a beautiful creature with fragile wings.

GOLDEN BUTTERFLY ON THE CAPRIONE

In Italy on Mount Caprione (Lerici, province of La Spezia, Liguria) it is possible to observe the golden butterfly coinciding with the summer solstice: the sun at sunset passes through a “window” created by the megalithic formation called “Quadrilithon“, or the “Quadrilite di San Lorenzo” (because it is located not far from the ruins of the church of San Lorenzo al Caprione), and projects a beam of light in the shape of a butterfly on the monolith behind it. Triliths with lozenge are currently only identified at Château Vieux de Randon (French Central Massif – Lozère Region) and in Corsica (territory of Niolu, Corteneais).

The rock formation is a trilith with the lozenge-shaped architrave, wedged between the two vertical stones; a fourth stone is lodged on the bottom to close the narrow portal. From the portal there is a walkway that is precisely the corridor along which the sun penetrates during its sunset at the summer solstice.

2984899_orig
“Quadrilithon” Monte Caprione – Lerici: seen from the part of the walkway, in the background we can see the monolith on whose surface the image of the butterfly is projected.

The megalithic area dates back to 8,000 BC. and the golden butterfly phenomenon starts from May 25th until its complete fullness that takes place between June 15th and 28th, while the gradual sunset of the image is observable until July 29th, the duration is about 15 minutes. (here)
Thanks to the cross studies of prof. Enrico Calzolari – expert researcher in Archeoastronomy and Paleoastronomy – we can reasonably suppose that in this area a shamanic cult was practiced that believed in the return of the spirit to the stars of the sky, in the form of a golden butterfly: the belief was probably still shared by the Celts (see note 1 below)

DEIRÍN DÉ

In this lullaby in Irish Gaelic, the mother cradles her child telling him to sleep, that when he grows up he will take care of the cattle, then he can spend the whole night collecting blackberries.

The song is also known as “The Last Wisp of Smoke”. The melody is reported as 148 Jefferson in “The Sacred Harp”, a collection of sacred choral music published by Benjamin Franklin White Elisha J. King in 1844 (Georgia, America).

Dennis Doyle in Irish Meditations 1997

Text and melody of the lullaby were instead collected by Róis Ní Ógáin (1865-1947) in the county of Antrim (Ireland) and published in “Duanaire Gaedhilge Róis Ní Ógáin” starting from 1924.

Navan

O’Sullivan’s sources [Donal O’Sullivan in Songs of the Irish 1981]: tune – Mac Coluim’s Cosa Buidhe Árda, II (1924), 22, noted from Seán Ó Cuill, Ballyvourney, Co Cork. Text – Mac Coluim’s Cosa Buidhe Árda, II from Amhlaoibh Ó Loingsigh, also of Ballyvourney, collated with version published by P.H. Pearse in the Irish Review 1911. Pearse’s version was also a collation, a woman relative from County Meath and from Amhlaoibh Ó Loingsigh.” (from here)

Bran

Fiona Tyndall 2004

english translation (here)
Deirín dé(1), deirín dé
The nightjar(2) is abroad in the heather
Deirín dé, deirín dé

The brown bittern(3) speaks in the reeds
Cows will go west at dawn of day
And my child will go mind them in the pasture
The moon will rise and the sun will set
Cows will return from the west(4) at close of day
A thrush’s nest in my little press(5)
Yes, and gold for my little darling
I shall let my child go picking berries
But sleep soundly till light of day!
Irish Gaelic
Deirín dé(1), deirín dé,
Tá’n gabhairín(2) oíche amuigh san bhfraoch,
(Tá’n gabhar donn ag labhairt sa bhfraoch)
Deirín dé, deirín dé,
Tá’n bunán donn a’ labhairt san bhféith.
(Táid na lachain ag screadaigh sa bhféith.)
Deirín dé, deirín dé,
Geóidh ba siar le héirí an lae,
(Gheobhaidh ba siar le héirí’n lae)
Deirín dé, deirín dé,
Is raghaidh mo leanbh ‘á bhfeighilt ar féar.
(Is rachaidh mo leanbh dá bhfeighilt ar féar. )
Deirín dé, deirín dé,
Eireóidh gealach is raghaidh grian fé,
Deirín dé, deirín dé,
Tiocfaidh ba aniar le deireadh an lae.
Deirín dé, deirín dé,
Leogfad mo leanbh a’ pioca sméar,
Deirín dé, deirín dé,
–Ach codail go sámh go fáinne an lae!

NOTE
1) According to the O Donaill’s Irish Dictionary, “deirin de” are meaningless words uttered in a game of children next to burning wood. But in Carmina Gadelica (Alexander Carmicheal, 1900), (here) we read that the word in Scottish Gaelic consists of ‘dealan,’ = fire, flame, lightning; and ‘De,’ = God ie the fire of God or the divine light.
“The golden butterfly is held sacred. It is said to be the angel of God come to bear the souls of the dead to heaven. If it be seen in or near the house where a person is dead or dying, the omen is good, and the friends rejoice. If it be not seen, a substitute is made by rapidly twirling a fire-pointed stick, moving the while from the dead or dying person towards the door or window. This is called ‘dearban De,’ ‘dealan De.’ The ancient Egyptians represented the soul leaving the body as a butterfly emerging from the chrysalis, sometimes from the mouth of the dead.” Then “deirin de” = “the last puff of smoke”, the puff of smoke drawn by waving a stick with an incandescent tip.
2) The nightjar [lit. little goat of the night!] is the  goatsucker because it was believed that it feeds sucking the milk from the udders of the goats. He is actually a nocturnal devourer of insects. Medium-sized it has a camouflage plumage that hides it between the bare earth, and frequents countryside and woods (here).
3) the bittern is a wader living among the reeds of ponds and lakes. It is difficult to see him because of his camouflage skills, it is easier to hear him sing at night and at the first light of dawn (here: a deep sound like the one you get by blowing slowly in a long-necked bottle) just for his voice (like the voice of the dead from the afterlife) the bittern was a bird bearer of misfortunes
4) the West is the direction in which the sun sets, but also the symbolic point in which the Other World is located
5) or coffer

Sources
http://ontanomagico.altervista.org/solstizio-d-estate.html
http://ontanomagico.altervista.org/farfalle.html
http://www.enricocalzolari.it/paleoeastro27.html
http://www.celticartscenter.com/Songs/Irish/DeirinDe.html http://lyberty.com/entertainment/music/celtic_cradle.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=1905 https://reuliuilbride.wordpress.com/2011/04/17/deirin-de-song/ http://resources.texasfasola.org/index/composers.html

Tiree love song: the green island of Tiree

Leggi in italiano

The Isle of Tiree of the Inner Hebrides is a stretch of green machair in which myriads of yellow buttercups emerge, a land almost completely flat that houses seem to rise from the sea; the island is always sunny and the strong winds assist windsurfers and kitesurfers, even keeping mosquitoes away!
In the nineteenth century Tiree counted 4500 ab definitely too much for its resources, so the duke of Argyll implemented assisted migration (in fact a typical maneuver by Highland Clearances) and between 1841 and 1881 more than 3600 people emigrated to Canada, United States, Australia and New Zealand.
In Gaelic it is called “tir-lodh” – ‘the land of corn’ from the days of the 6th century Celtic missionary and abbot St Columba. Tiree provided the monastic community on the island of Iona, south east of the island, with grain, and it seems that several monks settled there at St Patrick’s Chapel, Ceann a ‘Mhara and Soroby.

THE SOUND OF ANCIENT SCOTLAND

The Kilmartin Sessions The Sounds Of Ancient Scotland, 1997

Tiree is an island with ancient settlements, renowned for its Clach a’Choire (the stone cauldron) or even Choire Fhionn MhicChumhail (the cauldron of Finn mac Cumaill). The name identifies a natural amphitheater near the village of Balephetrish (Vaul), a probable mythical center in prehistoric and medieval times, where the Ringing Stone is found, which emits a sharp and metallic sound similar to that of the gong or the bells when it is hit: the stone looks like a big egg on the spoon, legend has it that the boulder was thrown by a giant of Mull and if ever it was split the island would sink into the sea.
...a ‘rock gong’ similar to Clach a’ Choire, listed by John MacKenzie (1845, p8) as one of the seven wonders of Scotland – a huge granite erratic covered with 53 cupmarks, the deepest of which are at the most resonant parts of the stone…According to Fagg (1997 p86), Clach a’ Choire was ‘said to contain a crock of gold – but if it ever split Tiree will disappear beneath the waves.’ If true (Mrs Fagg mistakenly attributes the staement to SHIS) the legend thus contains both a motive for destroying such stones and a warning against doing so…Compare Newton 1992 p145 where it is claimed that if Clach a’ Choire ‘ever shatters or falls off the pedestal of small stones on which it rests, Tiree will sink beneath the waves.’  (from The Gaelic Otherworld, ed Ronald Black, here)

The Kilmartin Sessions: The Sounds of Ancient Scotland 

Clach a'Choire
Clach a’Choire (the stone cauldron) or the Singing Stone of the Isle of Tiree, the first xylophone of prehistory

 

Photographic reportage from The Crow Clan here

The island is dedicated a love song of the late nineteenth century titled Tiree love song, a song originally written in Gaelic by Alexander Sinclair (Alasdair Neaill Oig), a wine and spirits merchant  in Glasgow but a devoted “Tireeman”, being his family originally from the island.

SCOTTISH GAELIC VERSION: Am Falbh Thu Leam a Rìbhinn Òg (Will you come and go with me?)

In the song, he asks a young maiden to come with him over the sea where she will see everything she could desire in the isle of the west that once was his home: geese and white swans, views over the ocean to the neighbouring isles, the green meadows and the tranquillity of St Patrick’s chapel.He tells her of the songbirds, the bumble bees and the blaze on the cattle, the cormorants and ducks, the marram grass growing on the dunes and the fragrance of the machair flowers, all to be found on his favourite part of Argyll – the green island of Tiree.
The island abounds with ancient prehistoric remains or dating back to the time of St. Columba, next to the temple of St. Patrick we also find an ancient well with healing waters. Click on names on the interactive map in http://www.tireeplacenames.org/ to visit them all!!

Kenevara hill in Tiree Isle

Effie MacDonald of Middleton

(at the moment I did not find an English translation)
Séist
Am falbh thu leam a rìbhinn òg
No’n téid thu leam thar saile
Gum faic thu ann gach nì gu d’ mhiann
‘S an eilean shiar a dh’fhàg mi.
1
Ged nach faic thu coill’ no fiadh
Tha gèadh is eala bhàn ann
Cait’ bheil sealladh a chuain shiar
Nuair bhios na liadhan traighte.
2
Chì thu uiseag agus smeòrach
Lon dubh agus luachran
Seillean ruadh le mhil ‘s a ghàradh
‘S blàrag air gach buallan.
3
Chì thu sgairbh ‘tigh’nn ort o’n chuan;
Tha lachaidh ruadh a’ snamh ann;
Muran gorm a’ fàs m’ a bhruaich
Gach ceum mu ‘n cuairt d’ a’ thraighean
4
Cha ‘n fhaic thu nathair ann air grunnd
Ach luibhean ‘s cùbhraidh faileadh
A’ cinntinn ann bho linn gu linn
‘S an tìr ‘s an d’fhuair mi m’ àrach

 

ENGLISH “VERSION” Tiree love song

The transposition in English is by Hugh S. Roberton, already the author of the very popular songsThe Mingulay Boat SongWestering Home and Mairi’s Wedding, who makes a text re-elaboration rather than a translation and publishes it in his book Songs of the Isles (1950)

The Corries
Ryan’s Fancy (II, I, III)


CHORUS
He-ree he-ro my bonnie wee girl
He-ree he-ro my fair one
Will you come away my love
To be my own my rare one
I
Smiling the land! Smiling the sea!
Sweet is the scent(1) of the heather.
Would we were yonder,
just you and me,
The two of us together!
II
All the day long, out on the peat (2)
Then by the shore (3) in the gloaming
Stepping it lightly with dancing feet
And we together roaming
III
Laughter o’ love! Singing galore!
Tripping it lightsome and airy:
Could we be asking of life for more,
My own, my darling Mary?

NOTES
1) or “smell”
2) or “All together down by the sea”,
3) or “Down by the sea”

LINK
http://www.tireeplacenames.org/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/69928/1/LuckyDip
https://www.calmac.co.uk/article/6138/An-island-dream-discovering-Tiree-by-bike
http://www.aniodhlann.org.uk/wp-content/uploads/2016.14.1.pdf
http://www.aniodhlann.org.uk/sounds-clips/
http://www.aniodhlann.org.uk/object/1997-232-10/
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10536
http://gestsongs.com/11/tiree.htm

Tiree Love Song/Am Falbh Thu Leam a Rìbhinn Òg

Read the post in English

L’Isola di Tiree delle Ebridi interne è una distesa di verde machair in cui spuntano miriadi di ranuncoli gialli, una terra quasi del tutto piatta che le case sembrano sorgere dal mare; l’isola è sempre soleggiata e i forti venti assistono gli appassionati di windsurf e di kitesurfe tenendo anche  lontane le zanzare!
Nell’Ottocento l’isola contava 4500 ab decisamente troppi per le sue risorse, così il duca di Argyll attuò la migrazione assistita (in realtà una tipica manovra da Highland Clearances) e tra il 1841 e il 1881 più di 3600 persone emigrarono in Canada, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda.
In gaelico è detta “tir-lodh” – la terra del grano perchè riforniva la comunità monastica della vicina Iona e sembra che vi si siano insediati diversi monaci presso la St Patrick’s Chapel, Ceann a’ Mhara e Soroby.

IL SUONO DEGLI ANTICHI SCOZZESI

The Kilmartin Sessions The Sounds Of Ancient Scotland, 1997

Tiree è un’isola con antichi insediamenti, rinomata per la sua  Clach a’Choire  (il calderone di pietra) o anche Choire Fhionn MhicChumhail (il calderone di Finn mac Cumaill). Il nome individua un anfiteatro naturale in prossimità del villaggio di Balephetrish (Vaul) probabile centro mitico in epoca preistorica e medievale in cui si trova la  Ringing Stone (la pietra canterina) che emette un suono acuto e metallico simile a quello del gong o delle campane quando viene colpita: sembra un grosso uovo sul cucchiaio ed è una pietra coppellata risalente al megalitico. La leggenda vuole che il masso sia stato lanciato da un gigante di Mull e se mai venisse spaccato l’isola s’inabisserebbe nel mare.
...un ‘rock gong’ simile alla Clach a ‘Choire, elencata da John MacKenzie (1845, p8) come una delle sette meraviglie della Scozia – un enorme masso erratico di granito coperto da 53 coppelle, le più profonde sono nelle parti più risonanti della pietra … Secondo Fagg (1997 p86), secondo la tradizione la Clach a ‘Choire conteneva dell’oro – ma se mai dovesse rompersi, Tiree sparirà sotto le onde. Se fosse vera (la signora Fagg attribuisce erroneamente l’affermazione a SHIS) la leggenda contiene quindi sia un motivo per distruggere tali pietre sia un avvertimento a non farlo … Confronta Newton 1992 p145 dove si afferma che se la Clach a ‘Choire dovesse mai frantumarsi o cade dal piedistallo di piccole pietre su cui poggia, Tiree affonderà sotto le onde’  (tratto da The Gaelic Otherworld, ed Ronald Black, qui)

da ascoltare nel cd The Kilmartin Sessions: The Sounds of Ancient Scotland 

Clach a'Choire
Clach a’Choire  (il calderone di pietra) ovvero la Pietra canterina dell’Isola di Tiree, il primo xilofono della preistoria

 

Reportage fotografico dal The Crow Clan qui

All’isola è dedicata una love song di fine ottocento dal titolo Tiree love song, una canzone in origine scritta in gaelico da Alexander Sinclair (Alasdair Neaill Oig), un commerciante di vini e alcolici residente a Glasgow ma un devoto “Tireeman”, essendo la sua famiglia originaria dell’isola.

LA VERSIONE IN GAELICO SCOZZESE: Am Falbh Thu Leam a Rìbhinn Òg (Will you come and go with me?)

Nella canzone il protagonista chiede a una giovane fanciulla di seguirlo oltre il mare per visitare l’isola di Tiree dove potrà trovare le cose più desiderabili: vaste colonie di uccelli marini, una vista sull’oceano e le vicine isole, verdi prati con api e il bestiame e la cappella di San Patrizio. L’isola abbonda di antichi resti preistorici o risalenti all’epoca di San Columba, accanto al tempio di san Patrizio troviamo anche un antico pozzo  dalle acque curative. Cliccate in nomi sulla mappa interattiva in http://www.tireeplacenames.org/ per visitarli tutti!!

l’altura di Kenevara nell’isola di Tiree

Effie MacDonald di Middleton

(al momento non ho trovato una traduzione in inglese)
Séist
Am falbh thu leam a rìbhinn òg
No’n téid thu leam thar saile
Gum faic thu ann gach nì gu d’ mhiann
‘S an eilean shiar a dh’fhàg mi.
1
Ged nach faic thu coill’ no fiadh
Tha gèadh is eala bhàn ann
Cait’ bheil sealladh a chuain shiar
Nuair bhios na liadhan traighte.
2
Chì thu uiseag agus smeòrach
Lon dubh agus luachran
Seillean ruadh le mhil ‘s a ghàradh
‘S blàrag air gach buallan.
3
Chì thu sgairbh ‘tigh’nn ort o’n chuan;
Tha lachaidh ruadh a’ snamh ann;
Muran gorm a’ fàs m’ a bhruaich
Gach ceum mu ‘n cuairt d’ a’ thraighean
4
Cha ‘n fhaic thu nathair ann air grunnd
Ach luibhean ‘s cùbhraidh faileadh
A’ cinntinn ann bho linn gu linn
‘S an tìr ‘s an d’fhuair mi m’ àrach

 

LA VERSIONE IN INGLESE: Tiree love song

La trasposizione in inglese è di Hugh S. Roberton, già autore delle popolarissime canzoni The Mingulay Boat SongWestering Home e Mairi’s Wedding, il quale ne fa una rielaborazione testuale più che una traduzione e la pubblica nel suo libro Songs of the Isles (1950)

The Corries
Ryan’s Fancy (II, I, III)


CHORUS
He-ree he-ro my bonnie wee girl
He-ree he-ro my fair one
Will you come away my love
To be my own my rare one
I
Smiling the land! Smiling the sea!
Sweet is the scent(1) of the heather.
Would we were yonder,
just you and me,
The two of us together!
II
All the day long, out on the peat (2)
Then by the shore (3) in the gloaming
Stepping it lightly with dancing feet
And we together roaming
III
Laughter o’ love! Singing galore!
Tripping it lightsome and airy:
Could we be asking of life for more,
My own, my darling Mary?
Traduzione italiana Cattia Salto
Coro
He-ree he-ro mia bella ragazzina,
He-ree he-ro mia bella.
Vuoi venire con me, mia cara
per essere la mia diletta?
I
Terra ridente! Mare ridente!
Dolce è il profumo dell’erica
potremmo stare laggiù,
solo tu ed io,
noi due insieme!
II
Per tutto il giorno, sulla piana
e poi alla spiaggia nel crepuscolo
con passo lieve di danza
insieme vagheremo
III
Risate d’amore! Canti a iosa!
Saltellando allegri e spensierati
Potremmo chiedere di più alla vita,
mia cara Mary?

NOTE
1) oppure “smell”
2) oppure “All together down by the sea”,
3) oppure “Down by the sea”

FONTI
http://www.tireeplacenames.org/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/69928/1/LuckyDip
https://www.calmac.co.uk/article/6138/An-island-dream-discovering-Tiree-by-bike
http://www.aniodhlann.org.uk/wp-content/uploads/2016.14.1.pdf
http://www.aniodhlann.org.uk/sounds-clips/
http://www.aniodhlann.org.uk/object/1997-232-10/
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10536
http://gestsongs.com/11/tiree.htm

Amhrán Na Craoibhe

Leggi in italiano

Amhrán Na Craoibhe (in englishThe Garland Song)  is the processional song in Irish Gaelic of the women who carry the May branch (May garland) in the ritual celebrations for the festival of Beltane, still widespread at the beginning of the twentieth century in Northern Ireland (Oriel region).

The song comes from Mrs. Sarah Humphreys who lived in the county of Armagh and was collected in the early twentieth century, erroneously called ‘Lá Fhéile Blinne‘ (The Feast of St Blinne) because it was singed in Killeavy for the Feast of St Moninne, affectionately called “Blinne“, a clear graft of pre-Christian traditions in the Catholic rituals.
The song is unique to the south-east Ulster area and was collected from Sarah Humphreys who lived in Lislea in the vacinity of Mullaghban in Co. Armagh. The air of the song from Cooley in Co. Louth survived in the oral tradition from my father Pádraig. It was mistakenly called ‘Lá Fhéile Blinne’ (The Feast of St Blinne) by one collector. Though it was sung as part of the celebrations of Killeavy Pattern it had no connection with Blinne or Moninne, a native saint of South Armagh, but rather the old surviving pre-Christian traditions had been incorporated into Christian celebrations. The district of ‘Bealtaine’ is to be found within a few miles of Killeavy where this song was traditionally sung, though the placename has been forgotten since Irish ceased to be the vernacular of the community within this last century. Other place names nearby associated with May festivities are: Gróbh na Carraibhe; The Grove of the Branch/Garland (now Carrive Grove) Cnoc a’ Damhsa; The Hill of Dancing (now Crockadownsa).” (Pádraigín Ní Uallacháin, 2002, A Hidden Ulster)
St Moninna of Killeavy died in 517-518, follower of St Brigid of Kildare, her names “Blinne” or “Moblinne” mean “little” or “sister” (“Mo-ninne” could be a version of Niniane, the “Lady of the Lake” of the Arthurian cycle); according to scholars her name was Darerca and her (alleged) tomb is located in the cemetery of Killeavy on the slopes of Slieve Gullion where it was originally located her monastery of nuns, become a place of pilgrimage throughout the Middle Ages along with her sacred well, St Bline’s Well.

ST DARERCA (MONENNA) OF KILLEAVY

It seems that the name of Baptism of this virgin, commemorated in the Irish martyrologists on July 6th, was Darerca, and that Moninna is instead a term of endearment of obscure origin. We have her Acta, but her life was confused with the English saint Modwenna, venerated at Burton-on-Trent. Darerca was the foundress and first abbess of one of Ireland’s oldest and most important female monasteries, built in Killeavy (county of Armagh), where the ruins of a church dedicated to her are still visible. He died in 517. Killeavy remained an important center of religious life, until it was destroyed by the Scandinavian marauders in 923; Darerca continued to be widely revered especially in the northern region of Ireland (translated from  here)

AN ANCIENT GODDESS

The Slieve Gullion Cairns

Slieve Gullion ( Sliabh gCuillinn ) is a place of worship in prehistoric times on the top of which a chamber tomb was built with the sunlit entrance at the winter solstice. (see).
According to legend, the “Old Witch” lives on its top, the Cailleach Biorar (‘Old woman of the waters’) and the ‘South Cairn’ is her home also called ‘Cailleach Beara’s House‘.
the site with virtual reality
On the top of the mountain a small lake and the second smaller burial mound built in the Bronze Age. In the lake, according to local evidence, lives a kelpie or a sea monster and it’s hid the passage to the King’s Stables. (Navan, Co. Armagh)

Cailleach Beara by Cheryl Rose-Hall

The Hunt of Slieve Cuilinn

The goddess, a Great Mother of Ireland, Cailleach Biorar (Bhearra) -the Veiled is called Milucradh / Miluchradh, described as the sister of the goddess Aine in the story of “Fionn mac Cumhaill and the Old Witch“, we discover that the nickname of Fionn (Finn MacColl) “the blond”, “the white” comes from a tale of the cycle of the Fianna: everything begins with a bet between two sisters Aine (the goddess of love) and Moninne (the old goddess), Aine boasted that he would never have slept with a gray-haired man, so the first sister brought Fionn to the Slieve Gullion (in the form of a gray fawn she made Fionn pursue her in the heat of hunting by separating himself from the rest of his warriors), then turned into a beautiful girl in tears sitting by the lake to convince Fionn to dive and retrieve her ring. But the waters of the lake had been enchanted by the goddess to bring old age to those who immersed themselves (working in reverse of the sacred wells), so Fionn came out of the lake old and decrepit,and obviously with white hair. His companions, after having reached and recognized him, succeed in getting Cailleach to give him a magic potion that restores vigor to Fionn but leaves him with white hair! (see)

The Cailleach and Bride are probably the same goddess or the different manifestations of the same goddess, the old woman of the Winter and the Spring Maid in the cycle of death-rebirth-life of the ancient religion.

The ancient path to St Bline’s Well.

On the occasion of the patronal feast (pattern celebrations) of the Holy Moninna (July 6) a procession was held in Killeavy that started from St Blinne grave, headed to the sacred well along an ancient path, and then returned to the cemetery. A competition was held between teams of young people from various villages to make the most beautiful effigy of the Goddess, a faded memory of Beltane’s festivities to elect their own May Queen. During the procession the young people sang Amhrán Na Craoibhe accompanied by a dance, whose choreography was lost, each sentence is sung by the soloist to whom the choir responds. The melody is a variant of Cuacha Lán de Bhuí on the structure of an ancient carola (see)

One of the most spectacular high-level views in Ireland.
On a clear day, it’s possible to see from the peak (573 mt) as far as Lough Neagh, west of Belfast, and the Wicklow Mountains, south of Dublin.

Páidraigín Ní Uallacháin from“An Dealg  Óir” 2010

Pádraigín Ní Uallacháin & Sylvia Crawford live 2016 

AMHRÁN NA CRAOIBHE

English translation P.Ní Uallacháin*
My branch is the branch
of the fairy women,
Hey to him who takes her home,
hey to her;

The branch of the lasses
and the branch of the lads;
Hey to him who takes her home,
hey to her;

The branch of the maidens
made with pride;
Hey, young girls,
where will we get her a spouse?
We will get a lad
in the town for the bride (1),
A dauntless, swift, strong lad,
Who will bring this branch (2)
through the three nations,
From town to town
and back home to this place?
Two hundred horses
with gold bridles on their foreheads,
And two hundred cattle
on the side of each mountain,
And an equal amount
of sheep and of herds (3),
O, young girls, silver
and dowry for her,
We will carry her with us,
up to the roadway,
Where we will meet
two hundred young men,
They will meet us with their
caps in their fists,
Where we will have pleasure,
drink and sport (4),
Your branch is like
a pig in her sack (5),
Or like an old broken ship
would come into Carlingford (6),
We can return now
and the branch with us,
We can return since
we have joyfully won the day,
We won it last year
and we won it this year,
And as far as I hear
we have always won it.
Irish gaelic
‘S í mo chraobhsa
craobh na mban uasal
(Haigh dó a bheir i’ bhaile í
‘s a haigh di)

Craobh na gcailín is
craobh na mbuachaill;
(Haigh dó a bheir i’ bhaile í
‘s a haigh di).

Craobh na ngirseach
a rinneadh le huabhar,
Maise hóigh, a chaillíní,
cá bhfaigh’ muinn di nuachar?
Gheobh’ muinn buachaill
sa mbaile don bhanóig;
Buachaill urrúnta , lúdasach, láidir
A bhéarfas a ‘ghéag
seo di na trí náisiún,
Ó bhaile go baile è ar
ais go dtí an áit seo
Dhá chéad eachaí
è sriantaí óir ‘na n-éadan,
Is dhá chéad eallaigh
ar thaobh gach sléibhe,
È un oiread sin eile
de mholtaí de thréadtaí,
Óró, a chailíní, airgead
is spré di,
Tógfa ‘muinn linn í suas’
un a ‘bhóthair,
An áit a gcasfaidh
dúinn dhá chéad ógfhear,
Casfa ‘siad orainn’ sa gcuid
hataí ‘na ndorn leo,
An áit a mbeidh aiteas,
ól is spóirse,
È cosúil mbur gcraobh-na
le muc ina mála,
Nó le seanlong bhriste thiocfadh ‘steach i mBaile Chairlinn,
Féada ‘muinn tilleadh anois
è un’ chraobh linn,
Féada ‘muinn tilleadh,
tá an lá bainte go haoibhinn,
Bhain muinn anuraidh é
è bhain muinn i mbliana é,
è mar chluinimse bhain
muinn ariamh é.
May Garland

Notes
1) it is the May doll, but also the Queen of May personification of the female principle of fertility
2) the may garland made by women
3) heads of cattle in dowry that is the animals of the village that will be smashed by the fires of Beltane
4) after the procession the feast ended with a dance
5) derogatory sentences against other garlands carried by rival teams “a pig in a poke” is a careless purchase, instead of a pig in the bag could be a cat!
6) Lough Carlingford The name is derived from the Old Norse and in irsih is “Lough Cailleach”

7005638-albero-di-biancospino-sulla-strada-rurale-contro-il-cielo-bluThe hawthorn is the tree of Beltane, beloved to Belisama, grows as a shrub or as a tree of small size (only reaches 7 meters in height) widening the branches in all the directions, in search of the light upwards.
The branch of hawthorn and its flowers were used in the Celtic wedding rituals and in the ancient Greece and also for the ancient Romans it was the flower of marriage, a wish for happiness and prosperity.
The healing virtues of hawthorn were known since the Middle Ages: it is called the “valerian of the heart” because it acts on the blood flow improving its circulation and it is also used to counteract insomnia and states of anguish. see

HAWTHORN OR BLACKTHORN?

The flowers are small, white and with delicate pinkish hues, sweetly scented. In areas with late blooms for Beltane the “mayers” use the branch of blackthorn,same family as the Rosaceae but with flowering already in March-April.

 

Amhrad Na Beltaine

LINK
https://www.catholicireland.net/saintoftheday/st-moninne-of-killeavy-d-c-518-virgin-and-foundress/
http://www.killeavy.com/stmon.htm
http://www.megalithicireland.com/St%20Moninna’s%20Holy%20Well.html
http://www.megalithic.co.uk/article.php?sid=28400
http://irishantiquities.bravehost.com/armagh/killevy/killevy.html
http://www.nicsramblers.co.uk/p240213.html
http://irelandsholywells.blogspot.it/2012/06/saint-monninas-well-killeavy-county.html
http://www.megalithicireland.com/Killeavy%20Churches.html
http://omniumsanctorumhiberniae.blogspot.it/2015/07/saint-moninne-july-6.html
https://atlanticreligion.com/tag/moninne/
http://www.newgrange.com/slieve-gullion.htm
https://voicesfromthedawn.com/slieve-gullion/

https://www.independent.ie/life/travel/ireland/walk-of-the-week-slieve-gullion-co-armagh-26543944.html
http://geographical.co.uk/uk/aonb/item/559-the-ring-of-gullion

http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=59221
https://www.orielarts.com/songs/amhran-na-craoibhe/
http://journalofmusic.com/focus/breathing-embers

La Galea di Godred Cròvan

Read the post in English

Godred Cròvan (in irlandese antico”Gofraid mac meic Arailt“) fu un capo norreno che regnò su Dublino, re dell’Isola di Man e delle Isole nella seconda metà del XI secolo.
Godred nelle leggende mannesi è diventato Re Orry,  Godred e Re Orry sono associati a numerosi siti archeologicisu Man e Islay.  Come governante di Dublino e delle Isole, Godred dominò incontrastato sul Mare d’Irlanda.

VERSIONE MANNESE: Birlinn Ghorree Chrovan

George Broderick, Douglas Fargher e Brian Stowell (studiosi ed editori nonchè compilatori del Dizionario Inglese-gaelico mannese) hanno scritto il testo in mannese adattandolo a una melodia delle isole Ebridi. Si racconta dello sbarco della galea di King Orry sull’isola di Man.
Cairistiona Dougherty & Paul Rogers live (oppure here)
Scran

 Gaelico mannese
O vans ny hovan O,
Hirree O sy hovan;
O vans ny hovan O,
Birlinn Ghorree Chrovan.
I
Kiart ayns lhing ny Loghlynee
Haink nyn Ree gys Mannin
Tessyn mooiryn freayney roie
Birlinn Ghorree Chrovan.
II
Datt ny tonnyn, heid yn gheay
Ghow yn skimmee aggle;
Agh va fer as daanys ayn,
Hie yn Ree dy stiurey.
III
Daag ad Eeley er nyn gooyl
Shiaull’ my yiass gy Mannin;
Eeanlee marrey, raunyn roie,
Birlinn Ghorree Chrovan.
IV
Hrog ad seose yn shiaull mooar mean,
Hum ny maidjyn tappee –
Gour e vullee er y cheayn,
Cosney’n Kione ny hAarey.
V
Stiagh gy Balley Rhumsaa hie
Birlinn Ghorree Chrovan;
Ooilley dooiney er y traie
Haink dy oltagh’ Gorree.
VI
Jeeagh er Raad Mooar Ghorree heose
Cryss smoo gial ‘sy tuinney,
Cowrey da ny Manninee
Reiltys Ghorree Chrovan.

O vans ny hovan o,
Hirree o ‘sy hovan,
O vans ny hovan o,
Birlinn Ghorree Chrovan.
I
Right in the era of the Norsemen,
Their king came to Mannin,
Running across surging seas,
Gorree Crovan’s longship.
II
The waves swoll up and the wind blew,
The crew were frightened,
But there was one brave man,
The King went to steer.
III
They left Islay behind them,
Sailing southward to Mannin,
Sea birds and seals running,
Gorree Crovan’s longship.
IV
They raised the main-sail,
The oars dipped quickly,
Onwards on the sea,
Reaching the Point of Ayre.
V
Into Ramsey went,
Gorree Crovan’s longship,
Every man on the beach,
Come to salute Gorree.
VI
Look at the Milkey-Way above,
Brightest band in the heavens,
A sign to the Manx,
Of the Gorree Crovan’s government.
Traduzione italiana Cattia Salto
O vans ny hovan o,
Hirree o ‘sy hovan,
O vans ny hovan o,
la galea di Godred Grovan (1)
I
Proprio nell’era degli Uomini del Nord
il loro re venne a Man
attraversa il mare mosso
la galea di Godred Grovan
II
Le onde si agitano e soffia il vento
l’equipaggio era spaventato
ma c’era un uomo coraggioso,
il Re che andò al timone
III
Lasciarono Islay alle spalle
e navigarono verso sud fino a Man,
con gli uccelli marini  e le foche correva
la galea di Godred Grovan
IV
Alzarono la vela maestra
e calarono i remi
avanzando sul mare
per raggiungere Point of Ayre (2)
V
A Ramsey (3) andò
la galea di Godred Grovan
ogni uomo sulla spiaggia
venne e salutare (4) Godred
VI
Guarda la via lattea
la striscia più luminosa nei cieli,
un segno per i Mannesi
del governo di Godred Grovan

NOTE
1) nell’originale il nome  è declinato con la pronuncia mannese Ghorree Chrovan
2) la punta più a Nord dell’Isola di Man
3) Ramsey città costiera nel nord dell’isola di Man: punto di approdo del guerriero vichingo Godred Crovan intorno al 1079 venuto a soggiogare l’isola e renderla il suo regno
4) il fatto raccontato è ovviamente successivo alla conquista perchè la prima volta gli isolani cercarono di difendersi dai Vichinghi, e nei pressi dello sbarco della galea ci fu una violenta battaglia e non una folla festante!!

VERSIONE SCOZZESE: Birlinn Ghoraidh Chrobhain

La canzone fu composta da  Duncan Johnston di Islay (Donnchadh MacIain 1881-1947) e pubblicata nel suo libro “Cronan nan Tonn” (The Croon of the Sea in italiano Il canto del mare) 1938/9. Il viaggio però è raccontato al contrario, la galea  lascia l’isola di Man per andare a Islay e al comando non c’è il re  ma il figlio Olaf.

The Sound of Mull, trio di Tobermory, Isle of Mull : Janet Tandy, Joanie MacKenzie e David Williamson. (strofe I, II, IV)

Robin Hall & Jimmy Macgregor  (strofe I, IV)

Testo in gaelico scozzese
di Duncan Johnston

Hóbhan na hóbhan hó,
hi horó na hùbhan,
Hóbhan na hóbhan hó,
Air Birlinn Ghoraidh Chrobhain
I
Fichead sonn air cùl nan ràmh,
Fichead buille lùghmhor,
Siùbhlaidh ì mar eun a’ snàmh,
Is sìoban thonn ‘ga sgiùrsadh.
II
Suas i sheòid air bàrr nan tonn !
Sìos gu ìochdar sùigh i !
Suas an ceòl is togaibh fonn,
Tha Mac an Righ ‘ga stiuireadh !
III
A’bhìrlinn rìoghail ‘s i a th’ann
Siubhal-sìth ‘na gluasad
Sròl is sìoda àrd ri crann
‘S i bratach Olaibh Ruaidhe
IV
Dh’ fhàg sinn Manainn mòr nan tòrr,
Eireann a’ tighinn dlùth dhuinn,
Air Ile-an-Fheòir tha sinn an tòir
Ged dh’ èireas tonnan dùbh-ghorm
V
Siod e ‘nis-an t-eilean crom!
Tìr nan sonn nach diùltadh,
Stòp na dìbhe ‘thoirt air lom
‘S bìdh fleadh air bonn ‘san Dùn duinn!

The Corries The Barge O’ Gorrie Crovan, una versione più guerresca

THE BARGE OF GORRIE CROVAN
Hóbhan na hóbhan hó,
hi horó na hùbhan,
Hóbhan na hóbhan hó,
The barge of Gorrie Crovan
I
Behind the oars, a score so brave,
A lusty score to row her,
She sails away like bird on wave,
While foaming seas lash o’er her.
II
Up she goes on ocean wave !
Down the surge she wails O,
Sing away; the chorus, raise,
A royal prince; he sails her !
III
The royal galley onward skims,
With magic speed, she sails O,
Aloft her silken bunting swims,
Red Olav’s Banner waving.
IV
The towers of Man we leave away,
Old Erin’s hills we hail O,
On Islay’s shore her course we lay
Though billows roar and rave O.
V
See the island bent like bow,
Where kindly souls await us;
The Castle hall, I see it now,
The feast’s for us prepared O
Traduzione italiana Cattia Salto
Hóbhan na hóbhan hó,
hi horó na hùbhan,
Hóbhan na hóbhan hó,
la galea di Godred Grovan  (1)
I
Dietro ai remi una ventina di prodi
una vigorosa ventina voga,
si allontana come uccello sull’onda
la galea di Godred Grovan
II
Va sull’onda del mare
e sotto l’onda geme
canta e il coro s’alza
un principe di stirpe reale la naviga
III
La galea regale scivola in avanti,
sospinta magicamente
innalza il vessillo di seta, è l’insegna di Olaf il Rosso (2) che sventola
IV
Le torri di Man (3)  lasciamo  e salutiamo le colline della vecchia Irlanda, sulla riva di Islay dirigiamo la rotta, anche se i flutti ruggiscono e ribollono
V
Vedi l’isola (4) dalla forma arcuata
dove animi gentili ci attendono
la sala del Castello (5), ora vedo
il festino è per noi preparato

NOTE
1) nelle note alla canzone l’autore commenta: “Godred, o Gorry Crovan era, secondo le antiche saghe, il figlio di Harald il Nero di Isla. La tradizione vuole che sua madre fosse una donna della sconfitta Casa di Angus Beag, figlio di Erc, che occupò Isla nel 498. Questo spiega la sua notevole popolarità sia con la parte norrena che celtica nelle terre d’occidente. Sua nipote, Regnaldis (Raonaild), figlia di Olave il Rosso, in seguito sposò Somerled, che sostituì Olave come Re delle Isole. Somerled fondò la Dinastia del Re delle Isole  (Lords of the Isles), con sede sull’isola di Loch Finlagan a Isla.
Godred era un celebre guerriero dell’XI secolo. Agì come alfiere del re di Norvegia nella battaglia di Stamford Bridge, nel 1066. Scappando da quell’orrore, si diresse verso l’Isola di Man, e da lì a Isla, dove innalzò il suo stendardo. Sia Vichinghi che Celti si riunirono sotto le sue insegne. Con un grande contingente, attraversò il nord dell’Irlanda (Ulster) e conquistò tutto quello che  si trovava di fronte fino alle porte di Dublino, che si arrese. Per un certo periodo, ha combattuto con successo contro il re di Scozia. A Isla era considerato protetto da dio  per la sua cavalleresca  impresa  nel liberare l’isola da un enorme sauro che aveva la tana vicino all’attuale villaggio di Bridgend. Molti dei nostri clan e i clan dell’ovest possono rivendicare di discendere da Godred. MacDougalls, MacDonalds, MacAllisters, MacRuaries, MacRanalds, MacIains, ecc.
Morì a Isla nel 1095 e la sua tomba è contrassegnata da un enorme masso bianco, conosciuto localmente come “An Carragh Ban“. Ha fondato la Dinastia del Regno delle Isole, di Dublino e di Man. Gli successe suo figlio Re Lagman, che regnò ai tempi del “Sacco di Isla” di Magnus Barefoot. Lagman fu fatto prigioniero. In seguito, dopo un breve regno di sette anni, abbracciò il cristianesimo, abdicò in favore di suo fratello, Olave il Rosso, e andò in Palestina a combattere per il Santo Sepolcro. È sepolto a Gerusalemme.”
2) Olaf (Olave) il rosso  era il terzo figlio di Re Godfrey Grovan
3) l’Isola di Man
4) l’isola di Islay,  la “regina delle Ebridi” avvicinandosi da sub sembra abbracciare la nave
5)  Dunyveg o Dùn Naomhaig Castle

LINK
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31829
http://www.celticlyricscorner.net/mackenziefiona/birlinn.htm
https://thesession.org/tunes/12851
https://wiki1.sch.im/wiki/pages/i063V5H9/Birlinn_Ghorree_Crovan_.html
https://soundcloud.com/cairistiona-dougherty/birlinn-ghorree-chrovan

http://www.iomguide.com/kingorrysgrave.php
http://www.isle-of-man.com/manxnotebook/fulltext/hist1900/ch13.htm

Saltamartin Rampino (asino) e Papà del Gnoco

Saltamartin Rampino era il nome dell’asino  cavalcato da Papà del Gnoco nel Carnevale veronese, descritto da Giuseppe Peruffi. Ma l’opera più completa sull’argomento è quella di Alessandro Torri, studioso veronese vissuto tra il 1780 e il 1861 che nel 1818 pubblicò una raccolta di documenti, intitolata Cenni storici intorno all’origine e descrizione della festa che annualmente si celebra in Verona l’ultimo venerdì del Carnovale comunemente denominata Gnoccolare. (vedi)

PAPÀ GNOCO

E’ un rubicondo Babbo Natale con una livrea color panna cotta bordata di rosso con decori sempre in rosso applicati qua e là in modo da creare un effetto damascato, ai piedi calde babbucce con pon-pon,  in testa una tuba che sfida il gusto più roccocò, un mantello rosso alla Mandrake, e in mano un forchettone dorato come schettro, su cui è infilzato un grande gnocco trapuntato:  durante la sfilata, assieme ai suoi servitori, i gobeti o macaroni, cavalca l’asino aprendo la parata dei carri allegorici.

SANTA ASINA

L’asina e Gesù statual lignea nella  chiesa di Santa Maria in Organo – Verona

Sempre a Verona  nella chiesa di Santa Maria in Organo è custodita la statua della Muletta, una statua lignea del XIII secolo raffigurante Cristo sul dorso di un asinella.
Una leggenda vuole che questa statua lignea, arenatasi davanti alla porta della chiesa quando esisteva ancora il ramo dell’Adige ora interrato, dopo varie vicissitudini fosse raccolta e portata finalmente in chiesa. 
Secondo una tradizione popolare parallela, la statua conserva al suo interno la pelle dell’asino che portò Cristo a Gerusalemme attraverso la porta d’oriente. L’asino della domenica delle palme ebbe a capitare a Verona e fu ospitato proprio con tutti gli onori. Alla sua morte l’animale emise un raglio di grande intensità che fu udito da tutta la città.
E alla morte dell’animale furono resi grandi onori e le reliquie raccolte con devozione vennero deposte nel ventre della Musseta lignea. (tratto da qui)
Va da sè che Cristo e Mula furono entrambi equamente venerati dal popolo nelle processioni della Domenica delle Palme e del Corpus Domini (e la mula era teatralmente trascinata su delle ruote). La leggenda narra che ad un certo punto le autorità religiose di Verona si presero d’imbarazzo per la venerazione tributata dal popolo alla Santa Asina al punto da proibire la processione e da relege la sua statua in una zona secondaria della chiesa.

Sorge spontaneo domandarsi se in origine l’asina fosse cavalcata da un Dioniso in trionfo invece di un Cristo benedicente se come rilevato dallo stesso Dario Fo la mano che scolpì i due soggetti pare non sia la stessa; così il popolo nelle processioni primaverili riviveva le celebrazioni al mitico inventore del Vino con canti, musica e  entusiastiche grida “evoè” ( e banchetti).

LA PIETRA DELLO GNOCCO

In Irlanda hanno la pietra dell’Eloquenza a Verona invece c’è una pietra che, come nelle più belle favole, s’imbandisce magicamente; si trova in piazza San Zeno dove sorge la chiesa del santo patrono Zeno (eretta forse sul suo sepolcro). Il quartiere di San Zeno, esterno alle mura cittadine fino al ‘300, era  un quartiere popolare, i cui abitanti vivevano attorno all’elemosina e alle attività della basilica. La  leggenda vuole che un ricco benefattore Tommaso Da Vico nel suo testamento redatto nel 1531 lasciasse una donazione per dar da mangiare ai poverelli del quartiere (una volta l’anno) gnocchi, cacio e vino. Nel testamento ovviamente non c’è traccia del lascito ma viene descritto il luogo in cui l’illustre Da Vico avrebbe dovuto essere sepolto “vicino alla chiesa di San Zeno, adiacente al grande tavolo di pietra dove banchettavano i poveri, nel giorno di venerdì gnocolar” (l’ultimo giorno di Carnevale) (continua)

Relazione Dell’annuo Baccanale O Sia Gnoccolar Di Verona (1759): una tavola imbandita di gnocchi con commensali

Il luogo era in epoca romana una necropoli e si rinvengono ancora resti lapidei ornati con fregi, così è per la tavola menzionata “una grande tavola di marmo su un basamento formato da una trabeazione rovesciata, mentre il piedistallo è costituito da un’ara cilindrica decorata a bassorilievo con tre vittorie alate con trofei, accostate a fiori a sei petali e alternate a coppie di figure in tre edicole. È evidente che si tratta di reperti romani, riutilizzati per farne una tavola pubblica, a scopo benefico. Dietro la tavola, addossato al muro perimetrale di San Procolo, c’è anche il mausoleo di Tommaso da Vico del 1531. ” (tratto da qui)
Nel luogo è anche conservata una tomba romana ipogea con un sarcofago romano, senza iscrizione, dal coperchio rotto,ma non credete all’iscrizione non c’è il corpo di re Pipino, figlio di Carlo Magno, un tempo la vasca era piena d’acqua limpidissima con rinomate proprietà curative o addirittura miracolose, in quanto di provenienza ignota.

PECCATI DI GOLA

Quando si dice Verona si dice Pandoro eppure in origine si chiamava “Nadalin” e la sua ricetta risale al 1260 e la forma è quella di una Stella come la cometa dei Re Magi ma anche il Sole dell’Imperatore
LA RICETTA

Il Natalin dal Blog di Silva Avanzi Rigobello

La mia metà veneta da parte materna mi garantisce gnocchi fatti in casa quasi tutte le domeniche, ma leggendo qua e là sul Carnevale veronese mi sono imbattuta in un condimento che non conoscevo, così scrive Olivia Chierighini “Mia nonna li preparava con burro fuso, poco zucchero, cannella, scorza di cedro candito tagliato finissimo e Grana Padano grattugiato. La prima volta che ho tentato di proporli ai parenti lombardi, hanno fatto una faccia assai perplessa, ma voi provate fiduciosi: avete mai provato un piatto della tradizione veneta che non sia favoloso?”
LA RICETTA

I MACCHERONI

Ma a voler cercare il pelo nell’uovo non bisogna tacere che gli gnocchi prima di Colombo (e fino a tutto il Settecento) si facevano senza patate, e ancora si fanno solo con la farina gli «gnochi de malga».
Erano chiamati  maccheroni da cui certa poesia del XVI secolo prende il nome.
Così il Boccaccio scrive a proposito del paese di Bengodi
ed eravi una montagna tutta di formaggio parmigiano grattugiato, sopra la quale stavan genti che niuna altra cosa facevan che far maccheroni e raviuoli, e cuocergli in brodo di capponi, e poi gli gittavan quindi giù, e chi più ne pigliava più se n’aveva; e ivi presso correva un fiumicel di vernaccia, della migliore che mai si bevve, senza avervi entro gocciol d’acqua.
I nostri gnocchi sono tondi e rotolano da una montagna di parmigiano per tuffarsi nel burro fuso
La ricetta storica qui
La ricetta del Paese di Bengodi qui
La ricetta della Lessinia di Giuseppe Peruffi qui

continua

FONTI
https://lamiaverona.jimdo.com/briciole/da-vico-e-il-bacanal/
http://luigi-pellini.blogspot.it/2009/06/il-culto-dellasino.html
http://www.larena.it/home/altri/speciali/la-citt%C3%A0-da-scoprire-3/5%C2%AA-puntata/%C3%A8-il-tavolo-su-cui-da-vico-serviva-gli-gnocchi-1.2730545

La notte del lupo che porta l’inverno

Il 30 novembre nel mondo contadino è l’inizio dell’inverno, nel calendario liturgico è la festa di Sant’Andrea, primo tra gli Apostoli di Gesù che secondo la tradizione andò a predicare il Cristianesimo in Asia Minore e intorno al Mar Nero, tra i Daci, i Sarmati e i Russi risalendo fino al Volga.

Tuttavia queste peregrinazioni dell’apostolo non sono storicamente accertate e le fonti letterarie sono vaghe e confuse.
La cristianizzazione dei daco-romani avvenne in modo lento, sulla scia della diffusione del Cristianesimo nelle Chiese Orientali, in continua dialettica con la Chiesa di Roma che portò allo Scisma d’Oriente; la Chiesa ortodossa rumena fece capo al Patriarcato di Costantinopoli per proclamarsi autocefala nella metà dell’Ottocento.
Sabina Ispas, la direttrice dell’Istituto di Etnografia e Folclore “Constantin Brăiloiu” di Bucarest spiega che nella cultura romena, Sant’Andrea è situato al confine tra autunno e inverno. “Dopo la sua celebrazione inizia l’inverno propriamente detto. Infatti il primo mese invernale reca il suo nome, perché dicembre è noto anche con i nomi di Indrea o Undrea. A cominciare dalla sera di Sant’Andrea si fanno i preparativi per accogliere il neonato Gesù Cristo. La sera di Sant’Andrea la gente non dorme. Se si trova in chiesa o in monasteri, prega, mentre a casa, vengono praticati rituali volti a proteggere dalle forze negative“, spiega Sabina Ispas. (tratto da qui)
Anche la cultura sarda conserva il nome dell’apostolo  nel mese di novembre chiamandolo SANT’ANDRÌA che Salvatore Dedola traduce come ‘Mese in cui il Cielo inzuppa la terra’. (vedi)
A  Ion Corvin (Constanța, sud-est della Romania)  la grotta di Sant’Andrea è ancora luogo di grandi pellegrinaggi; la grotta scavata nella roccia si trova alla base di un boschetto che la nascose alla vista per secoli. Si racconta che attorno all’anno 60 d.C. Sant’Andrea utilizzasse le sorgenti di acqua vicine alla grotta per battezzare i primi cristiani: la strada era già spianata perchè  i Geto-Daci credevano nell’immortalità dell’anima e veneravano il dio Zamolxis (Zalmosside) un dio della montagna o del cielo -ma anche del mondo infero- “… questo Zamolxis – conoscente del modo di vita ionio, e di abitudini tranquille di quelle tracie, perchè ha avuto legami con i greci e con Pitagora, un grande pensatore di questi,- ha costruito una casa per radunare tutti gli uomini, dove, si dice, lui li riceveva e li metteva a banchettare, tutti i capi dei paesi, dicendogli che nè loro nè i loro discendenti moriranno, ma andranno in un posto dove avranno parte di tutte le bontà. Nel frattempo quando si facevano i banchetti e quando lui diceva queste cose, iniziò a costruire una abitazione sotto terra. Quando fu pronta, lui scese nella sua casa, e visse lì per tre anni. I Traci volevano riaverlo e lo piansero e fecero un lutto per lui. Nel quarto anno lui riapparse, e così Zamolxe fece i suoi insegnamenti degni di essere creduti.” Herodoto, Storie, lv , 95 -96.
Per l’approfondimento sull’uomo-dio Zalmoxis rimando alle ricerche di Marco del Rio (qui e qui)

La  Ciuleandra è una danza rituale che si ritiene fosse praticata dai Geti per trasmettere messaggi al  Dio Zamolxis, il nome significa “Danza del cardo rosso”, diffusa pianta dai poteri curativi.

MONOTEISTI?

In merito alla religione e ai miti dei Daci (e ai Daci stessi) si conosce molto poco, la prospettiva odierna può solo prendere atto della mancanza di sufficiente materiale su cui compiere degli studi rigorosi; con buona probabilità la civiltà dacia è molto più antica e complessa di quanto si sia voluto ammettere, con un pregiudizio a favore dell’occupazione romana, potendosi ravvisare piuttosto un antenato comune tra le due popolazioni ascrivibile ai Traci. Ma come per i Celti, di Traci e Geti non si hanno informazioni scritte di prima mano, di loro ne testimoniano usanze e credenze i Greci e i Romani con tutti gli inevitabili o voluti fraintendimenti.

IL POPOLO DEI LUPI

I Romani sotto Traiano ci misero cinque anni per conquistare la Dacia, vi trovarono dei guerrieri tenaci che combattevano con cariche tumultuose e accompagnate da molto strepito, un po’ alla maniera dei guerrieri celti. (continua)
Il loro stendardo era una testa di lupo con corpo di drago. Così il furor heroicus passava attraverso la metamorfosi rituale in belva (vedasi i germani berserkir) e il Lupo rimase lo spirito protettore dei Daci.
A leggere certi storici sembrerebbe che la popolazione dei Daci sia stata sterminata dai civilizzati Romani (la maggior parte uccisa e il rimanente portato in catene a Roma) sostituita da bravi e volenterosi coloni provenienti da ogni dove dell’impero romano; ma molto probabilmente non è così che è andata, nei Romeni di oggi  il sostrato geto-dacico è molto più presente di quello “romano”; ulteriori conquistatori si avvicendarono in quelle terre, Goti e Unni pressanti alle soglie del morente Impero Romano, e nel Medioevo Slavi, Ungheresi e Turchi.

L’INVERNO

In Romania la festa di Sant’Andrea viene collegata dal folklore alla “notte del lupo che porta l’inverno”, sono i lupi famelici identificati con i rigori dell’inverno, il gelo e la neve della stagione della fame (“tempo da lupi”, “fame da lupi”); così come il celtico Samain la notte della vigilia è una notte magica in cui i viventi devono proteggersi da lupi e lemuri (spiriti della notte), principale ingrediente nei riti è l’aglio con le teste intrecciate a decorare porte e finestre; si svolgeva in particolare la Veglia dell’Aglio, una sorta di notte bianca con musica e balli presso la casa dall’anziana del paese.
Delia Suiogan, etnologa presso l’Università del Nord di Baia Mare, spiega: L’aglio può legare la bocca ai lupi, perché abbiamo anche questo simbolo in questa notte magica. Si pratica anche la veglia dell’aglio. La gente usava riunirsi nella casa di un’anziana che conosceva tutte le regole di questo rito. Venivano tutte le ragazze del villaggio e ciascuna portava con sé tre teste di aglio. Passavano poi una notte bianca sorvegliando questo aglio accanto al quale veniva messo un pupazzo detto proprio Indrei, che rappresentava una divinità precristiana sotto la forma di Babbo Andrea, che doveva morire. Si faceva così una veglia allegra, anche se tutto ciò succedeva durante il periodo di digiuno che precedeva il Natale.”(tratto da qui)
L’aglio era poi distribuito tra le fanciulle per portare in casa fortuna e salute.

SPETTRI VIVI, SPETTRI MORTI, VAMPIRI

Il termine romeno strigoi si traduce con spettro ma anche stregone o vampiro, il popolo romeno distingue tra spiriti vivi (“strigoi vii”) e spiriti morti (“strigoi morţi”), coloro cioè destinati a diventare vampiri dopo la morte. Si diventa strigoi dalla nascita quando i genitori non sono sposati (o se si muore prima del battesimo) o quando si nasce con la “camicia” (cioè con la membrana amniotica che avvolge la testa del neonato), anche i settimini sono sulla buona strada per diventare strigoi, o chi conduce una vita peccaminosa (praticare la stregoneria o ottenere denaro con l’inganno)  o chi diventa un suicida. Questi strigoi  possono fare del male volontariamente o involontariamente già in vita (una sorta di jettatori all’ennesima potenza) e sono sorvegliati attentamente dai loro famigliari, i quali sono pronti a compiere i dovuti rituali post-mortem per impedirne il ritorno nel mondo dei vivi. Gli spettri morti sono spiriti che non sono riusciti a varcare la soglia dell’al di là così ritornano spesso nelle proprie case, disturbando l’ordine dei viventi.
Scrive Moreno Pedriziani nel suo saggio “Alcuni elementi sulle credenze e le creature soprannaturali in età moderna”
La parte più superstiziosa e popolare di queste leggende vuole che un uomo che non mangi mai aglio sia soggetto al vampirismo, così come se una donna incinta si rifiuta di mangiare il sale, o se un vampiro incrocia lo sguardo con una donna incinta (in questo caso sarà il bambino a nascere vampiro). Diventa vampiro anche colui la cui ombra viene calpestata da un gatto, o chi proietta la propria ombra su un cadavere.
Il termine romeno per vampiro è strigois, dalla radice semantica del verbo che significare “gridare”, poiché si riteneva che la loro apparizione fosse accompagnata da terribili grida, quelle che potevano essere sentite nella notte di Sant’Andrea, un momento considerato magico. La parola fu soggetta a tabù linguistico e i vampiri vennero sempre chiamati con altri nomi: necurat (sudicio), deformato poi in nosferat. Il vampiro di sesso femminile in Romania era lo strigoaica, che amava succhiare il sangue degli infanti e distruggere la fertilità dei campi e la salute delle persone, poteri che in Occidente erano associati tradizionalmente alle streghe di sesso femminile. Gli strigois erano considerati particolarmente subdoli poiché potevano anche alimentarsi di cibi umani e fingere di compiere una vita normale, sposarsi e fare figli per assicurare la loro stirpe malvagia a cui trasmettevano il loro stato d’essere. (Tratto da qui)

Il trailer di Strigoi di Faye Jackson (2008)

L’Andrea delle ragazze

La notte di Sant’Andrea  le fanciulle pregavano il santo per conoscere il futuro marito, tradizioni condivise tra le popolazioni contadine europee nelle notti magiche: il grano sotto al cuscino per sognare il ragazzo che verrà a chiedere di seminarlo, come pure le infiorescenze  del basilico o i semi di mela (che devono essere 41), sempre messi  sotto al cuscino, con tutti i simbolismi sottesi alla fertilità. Spiega Sabina Ispas “Questo gesto non va guardato come una specie di incantesimo, ma come un gesto tramite cui, in un momento speciale, l’uomo entra in contatto con il trascendente tramite la mediazione di Sant’Andrea, per sapere informazioni su ciò che succederà con lui e con i suoi beni, ma solo per la durata di un anno. Si tratta non di chiaroveggenza, ma di un messaggio che il trascendente trasmette all’individuo tramite la mediazione del vegetale” (tratto da qui)
Tanti esempi di questa mediazione vegetale li troviamo nei racconti nelle ballate popolari vedasi ad esempio il rituale celtico dei semi di canapa (qui)
Nelle notti magiche è inoltre più facile avere accesso a delle visioni connesse con la luce riflessa: occorre una lanterna o una candela per guardare nel fondo di un pozzo  o attraverso uno specchio o anche una bacinella (d’argento) piena d’acqua.
Alla Festa di Sant’Andrea sono legate anche una serie di superstizioni:
-se durante la notte della vigilia della Festa di Sant’Andrea nevica o piove, oppure se il cielo è coperto e segue la fase di luna piena, allora sarà un inverno difficile e molto freddo;
-si portano in mansarda dodici grandi cipolle, una per ogni mese del anno, e si tengono lì fino a Natale. Le cipolle che hanno germinato significano mesi ricchi per l’agricoltura, mentre le cipolle marce significano mesi con tanta pioggia e grandine;
-non ci si presta né ci si regala nulla in questa giornata, in modo da avere un anno nuovo ricco e con pochi danni di ogni genere. (tratto da qui)

continua

FONTI
https://celticfearn.wordpress.com/2010/05/28/il-lupo-miti-leggende-insegnamenti/
http://gazzetta.arkekairos.org/appuntamento-la-daciastoriatradizioni-cultura/
http://www.turismoitalianews.it/i-luoghi-piu-insoliti/11786-romania,-tradizioni-e-costumi-in-bucovina-e-maramure%C5%9F-per-la-festa-di-sant%E2%80%99andrea
http://www.rri.ro/it_it/sant_andrea_e_san_nicola_nella_tradizione_romena-2556590

SCOTTISH (TRIBAL) PIPE&DRUM

All’inizio c’erano le Scottish pipe band militari nate nei primi dell’Ottocento nei reggimenti britannici arruolati nelle Highlands (con l’accoppiata della un tempo tanto vituperata cornamusa degli Altopiani e i tamburi onnipresenti in ogni esercito che marcia), poi vennero le bande in ambito civile che fioccarono un po’ dovunque sul territorio scozzese: ecco come nasce la moderna pipe band scozzese, con il suo repertorio di temi militari, marce, lamenti, reel, strathspey, graniticamente ancorata alla tradizione.
Raduni di bande e competizioni, parate, ovunque nel mondo ci sia una comunità scozzese (anche un piccolo gruppo) state pur certi che si formerà anche una Pipe Band, e non appena si condensa sul territorio un certo numero di pipaioli e di appassionati di musica  e cultura scozzese anche senza una goccia di sangue celtico nelle vene (ma parlando ad esempio degli italiani, siamo poi così certi che non ci sia stato un lontano antenato gaelico?)  ci sono alte possibilità che si formi una Pipe Band.

Poi negli anni 70 la cornamusa è entrata in un gruppo di musica folk (e da lì ai gruppi folk-rock e rock il passo fu breve)

.. e poi sono arrivati i clan e le tribal pipe&drum!

Non sono delle scottish pipe band e nemmeno dei gruppi rock, non in senso stretto, perchè si richiamano ai modi della musica medievale per così dire “in salsa celtica”. I primi furono il Clan Wallace, gruppo di rievocatori-guerrieri fondato a Glasgow  dal ricercatore storico Seoras Wallace (“The Wallace Clan Trust For Scotland”) che si dice discendente dell’eroe nazionale scozzese William Wallace; il primo ingaggio come fight crew fu nel 1985 con il film fantasy “Highlander ” ma la popolarità arrivò nel 1994 con il film “Braveheart”: già allora alcuni membri del clan Wallace suonavano melodie celtico-medievali con la cornamusa da guerra tipica delle Highlands e i grandi tamburi, a corroborare lo spirito battagliero della crew.  E il loro essere dei cuori impavidi li rende perfetti per le scene di battaglia in “Rob Roy”, “Macbeth e Ivanhoe”, “il Gladiatore”, “King Arthur”.”The clan’s activities are organised from the Highlander Institute, its Glasgow headquarters. From here the Wallace Clan Trust, a registered charity, busies itself with community activities, providing training for the unemployed in subjects including video production, traditional arts and crafts, music, and historical research. From here, too, are organised the clan’s stunt and acting engagements. Run by volunteers and part-time staff, the centre, and the clan itself, attract people of various ages and backgrounds.”  (continua)
Più di un gruppo di rievocatori in costume, piuttosto un clan che difende e vive la tradizione degli antenati.
Li seguono a ruota nel “Tribal celtic sound” i californiani Wicked Tinkers (1995) (vedi) con l’accoppiata tamburi tribali  e cornamuse e gli scozzesi  Saor Patrol (il nome “Guardia della Libertà” è tutto un programma), i quali aggiungono accostando all’antica cornamusa, la sonorità moderna della chitarra elettrica; anche loro sono un clan come i Wallace (costituiti in associazione “The Clanranald Trust for Scotland”) e raccolgono fondi per il villaggio medievale di Duncarron (vedi) e anche loro devono la popolarità alla partecipazione del loro pipaiolo Charlie Allan nel film “Il Gladiatore”. Ospiti fissi dell’annuale polo fieristico “L’Artigiano in Fiera” di Rho!

 TRIBAL CELTIC SOUND

Non solo melodie ossessive e reiterate fino alla trance con session centrali esclusivamente ritmiche (grancassa, tamburo medievale detto anche tamburo imperiale o napoleonico, rullante ), ma anche svolazzo di plaid, pose da guerriero (dallo sguardo romantico all’occorrenza), folte capigliature e barbe fluenti (oppure crani rasati per marcare i lineamenti o quando il pelo si fa rado), muscoli e petti villosi, tatuaggi o disegni tribali e lombi rigorosamente fasciati da gonne di varia lunghezza.

Il Clan Wallace ha partecipato ai più importanti festival celtici e medievali sparsi per l’Europa, sono stati loro a portare in Italia (la prima apparizione fu a Celtica 2001- Valle d’Aosta) la musica tonante e a contagiare i neonati clan italiani nella formazione di pipe &drum band; e mi basta citare la più “storica” delle band italiche, la Barbarian Pipe Band nata in seno all’associazione Antica Quercia di Biella.
(da notare la curiosa assonanza tra digeridoo, carnix, corno inglese vedi)

Stupefacente il video dei Barbari che mostrano i loro lati più nascosti!

Sempre in quel di Scozia le tribal band continuano a spuntare come funghi: gli Albannach, i Clanadonia, i Clann an Drumma per citare le formazioni nate dopo il 2000.
Gli Albannach si avvalgono di una sostenuta sezione ritmica con Colin Walker come drum leader, un paio di tamburi e una serie di bodran e un solo pipaiolo Donnie MacNeil, nella formazione attuale hanno aggiunto anche il digeridoo.

CLANADONIA

Anche i Clanadonia hanno una sola cornamusa e una robusta sezione ritmica, ma soprattutto hanno il physique du rôle. Alcuni loro brani sono finiti nella colonna sonora della serie tv “Outlander”

come il brano Hamsterheid

NEO MEDIEVAL (PAGAN) BAND

Sul fronte medievale-metal,  elencati in ordine sparso i tedeschi Corvus Corax (che hanno fatto da apripista nel 1989), gli italiani Folkstone, i portoghesi Strella do Dia,  e gli olandesi (ma provenienti da diversi paesi nordici) Omnia

APPROFONDIMENTO
http://ontanomagico.altervista.org/strumenti-antichi-celti.html

Cailín deas crúite na mbó, a pastoral love song

Milking was once a female task and women usually sang a lullaby to the cows to keep them quiet, which was at the same time a spell to ward off the evil eye and get an abundant production of good milk.
The Church has often been wary of the songs of beautiful girls busy milking cows, considering at that as magical rituals or prayers to the ancient gods.
[Mungere era un tempo un compito femminile e le donne solitamente cantavano una ninna-nanna alle mucche per tenerle tranquille, che era al contempo un incantesimo per allontanare il malocchio e ottenere una produzione abbondante di buon latte.
La Chiesa è stata spesso diffidente verso i canti delle belle fanciulle intente a mungere le mucche, considerandoli dei rituali magici o preghiere verso gli antichi dei.]
Adriaen_van_de_VeldeAn anecdote includes the song “Cailín Deas Cruíte na mBó” among the Irish songs brings bad luck: a priest was going to the bedside of a dying man but he lingered to listen a milkmaid to singing; so he arrived at his destination when the man was already dead. The “beautiful maiden” was the devil who had managed to stop the priest from bringing the sacrament of confession to a dying man. In fact, the melody is considered a fairy song, not being unusual in Irish folklore the story of a maiden kidnapped for to milk the deer.. (see more)
[E infatti un aneddoto annovera la canzone “Cailín Deas Cruíte na mBó” tra le canzoni irlandesi porta sfortuna: si dice che un sacerdote stesse recandosi al capezzale di un uomo morente per prestagli l’estrema unzione, ma si attardò ad ascoltare il canto di una contadinella; così arrivò a destinazione quando oramai l’uomo era già morto. La “bella fanciulla” altri non era che il diavolo che era riuscito a impedire al sacerdote di portate il conforto della confessione al moribondo. In effetti la melodia è considerata un canto delle fate, non essendo insolito nel folklore irlandese il racconto di fanciulle rapite e messe a guardia di bovini o cervidi.. (vedi)]
The figure of a maiden milking a cow is found carved on the walls of many medieval churches and it is a very old presence in the land of Ireland and more generally along the coasts of the British and European islands; in the pastures it is often found a “milking stone” cupped in which the women left offerings of milk to the gruagach, a spirit associated with a sacred cow coming from the sea. It could be the memory of ancient rituals celebrated by priestesses of the Mother Goddess which were transformed into fairy creatures. (keep it going)
[La figura di una fanciulla che munge una mucca si ritrova scolpita sulle mura di molte chiese medievali ed è una presenza molto antica in terra d’Irlanda e più in generale lungo le coste delle isole britanniche e d’ Europa, così si trova sempre negli alpeggi una “milking stone” coppellata in cui le donne lasciavano offerte di latte allo spirito guardiano del luogo denominato spesso  gruagach (e in origine sicuramente di genere femminile) associato ad una vacca sacra giunta dal mare e ad una pietra coppellata . Potrebbe essere il ricordo di antichissimi rituali celebrati da sacerdotesse della Dea Madre e in seguito trasformate in creature fatate. continua]

Cailín deas crúite na mbó
-A pastoral love song

A scorned lover yearns for the beautiful milkmaid and he would like to take her in wife preferring her to the daughter of the King.
[Un innamorato respinto spasima per la bella lattaia e vorrebbe prenderla in moglie preferendola alla figlia del Re.]

Danú in When All Is Said and Done 2005

Runa in Stretched On Your Grave 2011
Altan in Gleann Nimhe – The Poison Glen 2012 ♪

Mary Mc Laughlin in Sacred Days Mythic Ways 2013

Lumiere in My Dearest Dear 2013

Irish gaelic
I
Tá blian nó níos mó ‘gam ag éisteacht
Le cogar doilíosach mo mheoin,
Ó casadh liom grá geal mo chléibhe
Tráthnóna brea gréine san fhómhar.
Bhí an bhó bhainne chumhra ag géimneach
Is na h-éanlaith go meidhreach ag ceol,
Is ar bhruach an tsruthán ar leathaobh dhom
Bhí cailín deas crúite na mbó.
II
Tá a súile mar lonradh na gréine,
Ag scaipeadh trí spéartha gan cheo,
‘s is deirge a grua ná na caora
Ar lasadh measc craobha na gcnó.
Tá a béilin níos dílse na sméara,
‘s is gile ná leamhnacht a snó,
Níl ógbhean níos deise san saol seo
Ná cailín deas crúite na mbó.
III
Dá bhfaighinnse árd Tiarnas na hÉireann
Éadacha, síoda is sróil
Dá bhfaighinnse an bhanríon is airde
Dá bhfuil ar an dtalamh so beo
Dá bhfaighinnse céad loingis mar spré dhom
Píoláidi, caisleáin is ór
Bfhearr liom bheith fán ar na sléibhte
Lem chailín deas crúite na mbó
IV
Muna bhfuil sé i ndán dom bheith in éineacht
Leis an spéirbhean ró-dhílis úd fós
Is daoirseach, dubhrónach mo shaolsa
Gan suaimhneas, gan éifeacht, gan treo
Ní bheidh sólás im chroí ná im intinn
Ná suaimhneas orm oíche ná ló
Nó bhfeice mé taobh liom óna muintir
Mo cailín deas crúite na mbó
English translation
I
I am listening for more than a year
To my mind’s melancholy whispering
Since I met the bright love of my heart
One evening late in autumn
The cow of the fragrant-smelling milk was lowing
And the birds were merry with song
And on the bank of the stream by my side
Was the pretty milkmaid
II
Her eyes are like the shining sun
Dispersing the mist through the skies
And her cheeks are redder than the rowan trees/ Alight among the branches on the hill
Her mouth is sweeter than blackberries
And her complexion brighter than new milk
There is not a lovelier young woman in the world/
Than the pretty milkmaid
III
If I were to receive High Lordship of Ireland
Clothing of silk or satin
Or the highest queen that there is
Alive in this world
If I received a hundred ships as a dowry
Palaces, castles and gold
I would prefer to be wandering the hillsides
With my pretty milkmaid
IV
If it is not in store for me to be together
With that too-faithful beauty as yet
It is limited and sad my life will be
Without peace, without merit, without direction
There will be no consolation in my heart or my mind
I will have no rest by night or day
Until I see by my side from her people
My pretty milkmaid
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Ascolto da più di un anno
i sospiri malinconici del mio cuore
sin da quando incontrai il mio luminoso amore
una sera del tardo autunno,
la mucca dal latte profumato d’erbe mungeva
e gli uccelli cantavano allegri
e sulla riva del ruscello accanto a me
c’era la bella lattaia.
II
Gli occhi come il sole splendente
quando disperde la nebbia nei cieli,
le guance più rosse del sorbo
appeso tra i rami sulla collina;
la sua bocca è più dolce delle more
e la sua carnagione più luminosa del latte fresco,
non c’è fanciulla più amabile al mondo
della graziosa lattaia.
III
Se ricevessi dall’Alto Luogotenente d’Irlanda
vestiti di seta e di raso
o dalla regina più maestosa
che esista al mondo,
se anche ricevessi un centinaio di navi come dote
palazzi, castelli e oro,
preferirei piuttosto vagare per le colline
con la mia bella lattaia
IV
Se non è destino per me restare insieme
con quella bellezza così leale,
limitata e triste sarà la mia vita,
senza pace, merito e guida.
Non ci sarà consolazione nel mio cuore o nella mia mente
non ci sarà riposo notte e giorno
finchè non vedrò al mio fianco
la mia bella lattaia

A pretty girl milking her cow: second part

LINK
https://www.duchas.ie/en/cbes/4644827/4612884/4645306
http://www.celticlyricscorner.net/danu/ancailin.htm
http://www.irishpage.com/songs/cailinbo.htm
http://songsinirish.com/cailin-deas-cruite-na-mbo-lyrics/

https://thesession.org/tunes/1758