Crea sito
Terre Celtiche Blog

La musica dei celti intorno ai fuochi di Beltane

Come ho già avuto modo di ripetere spesso in questo Blog conosciamo, solo attraverso il lavoro di ricostruzione dell’archeologia e dei workshops di archeologia sperimentale, con cosa e cosa suonassero gli antichi Celti durante le feste rituali. I ritrovamenti degli strumenti nelle tombe o nelle buche per le offerte agli dei o ancora le scarse raffigurazioni di musicisti e dei loro strumenti in statuette o oggetti d’uso comune o commemorativi, ci permettono tuttavia di tentare delle ipotesi ricostruttive e molti liutai, archeologici, musicisti, hanno riportato in vita questi antichi strumenti, indagandone le potenzialità musicali: corni da guerra che suonano come un digeridoo, aulos doppi che richiamano le launeddas sarde, una discreta varietà di lyre bardiche che sono ancora strumenti tradizionali in Galles e nei paesi Scandinavi.
Ho già scritto brevemente nel sito Terre Celtiche e Medioevo a tal proposito e vi rimando alle seguenti schede (e relativi video musicali)
http://ontanomagico.altervista.org/strumenti-antichi-celti.html
http://ontanomagico.altervista.org/arpa-celtica.html

LA MUSICA DEGLI DEI

greci

Possiamo affermare con una certa certezza (facendo anche raffronti con le civiltà coeve) che i festeggiamenti intorno al fuoco di Beltane avevano caratteristiche rituali comunitarie a sfondo orgiastico e il parallelo corre ai riti dionisiaci cadenzati da aulos doppi e tamburi. vedi

Synaulia

Wardruna  (per il versante germano-scandinavo)

FIRE LEAP

Dal film-cult The Wicker man (1973): il canto-danza è una sorta di lezione-studio di partenogenesi in cui delle giovani fanciulle nude, saltano sulla fiamma per essere rese fertili dal Fuoco Cosmico: sono Vestali del Fuoco, druidesse di Avalon, sacerdotesse che preservano il cammino dell’uomo all’interno del Sacro cerchio dell’Universo.

Ecco il dialogo tra il Lord reggente dell’isola immaginaria di Summerisle (collocata in un punto imprecisato delle Isole Ebridi ) e il Sergente Howie che viene dal continente per investigare sulla scomparsa di una fanciulla originaria dell’isola, per incontrare una comunità rurale che ancora ai nostri giorni, ripone nella fertilità della terra e nella clemenza del cielo, le sue speranze di sussistenza.
Sergeant Howie: What religion can they possibly be learning jumping over bonfires?
Lord Summerisle: Parthenogenesis.
Sergeant Howie: What?
Lord Summerisle: Literally, as Miss Rose would doubtless say in her assiduous way, reproduction without sexual union.

Per “Fire Leap” (Salto della fiamma) ovvero “Take the flame within you” Paul Giovanni ha composto una melodia medioevale, con flauti e zufoli, cadenzata se non proprio frenetica. Secondo la versione ufficiale la maggior parte dei testi scritti per l’occasione provengono dalle raccolte di musica tradizionale di Cecil Sharp, e riscritti dallo sceneggiatore Anthony Shaffer (seguite il tag Paul Giovanni per le altre musiche e canzoni del film)

The Wicker Man – Original Soundtrack Recording

I
Take the flame inside you
Burn and burn below (1)
Fire seed and fire feed
To make the baby grow
II
Take the flame inside you
Burn and burn belay
Fire seed and fire feed
To make the baby stay
III
Take the flame inside you
Burn and burn belong (2)
Fire seed and fire feed
And make the baby strong
IV
Take the flame inside you
Burn and burn belie (3)
Fire seed and fire feed
To make the baby cry (4)
V
Take the flame inside you
Burn and burn begin
Fire seed and fire feed
To make the baby King
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia dal basso,
il fuoco è seme e nutrimento
per far nascere il bambino
II
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia il legame
il fuoco è seme e nutrimento
per accogliere il bambino
III
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia
il fuoco è seme e nutrimento
per far diventare il bambino forte
IV
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia le impurità
il fuoco è seme e nutrimento
per far piangere il bambino
V
Prendi la fiamma dentro di te
brucia e brucia dall’inizio
il fuoco è seme e nutrimento
per fare il bambino Re

NOTE
nelle strofe si ripetono parole assonanti composte con il verdo be: below, belay, belong, belie, begin che creano un’allitterazione
1) below cioè “sotto” dalla terra, ma anche dalle parti basse del corpo
2) non so come tradurre la parola, letteralmente “appartenere”
3) belie è una contrazione di belied, belying, io l’ho tradotto un po’ liberamente
4) credo si riferisca al vagito del bambino al momento della nascita

THE SUMMONING: The Dance of the Druids

Per i fan della serie Outlander la” Danza dei Druidi” (anche con il titolo The Summoning) è un brano composto per l’occasione da Bear McCreary su una preghiera in gaelico trascritta da Alexander Carmichael nel suo “Carmina Gadelica” (1900).
Un antico canto ancora ripetuto nell’isola di South Uist nel 1874, il testimone tale Duncan MacLellan lo aveva ascoltato da una vecchia dell’isola che ripeteva lunghe cantilene notte dopo notte accanto al fuoco (poi è arrivata la televisione!) Probabilmente la vecchina preferiva recitare la preghiera nel gaelico dei suoi padri invece del Padre Nostro della Chiesa cattolica!
All’apparenza una preghiera al Dio creatore ma  se al posto di  Rìgh na = “Re del” mettiamo una Rìghinn na = “Regina del” otteniamo la descrizione della Via Lattea
Sull’argomento ho dedicato un approfondimento https://terreceltiche.altervista.org/dance-of-the-druids-aka-duan-na-muthairn-serie-outlander/

La voce è di Raya Yarbrough

Trevor Morris in Vikings 3 – soundtrack (09. Sacrifice For The Crops)

Frey, God of plenty Shining Frey,
we summon you
We offer you this sacrifice
Frey, son of Njord
You who decides when the sun rises or the rain comes down
Bring forth the fruitfulness of the earth
With the blood of this sacrifice,
nourish and make fecund mother earth
With your phallus, fill her womb for the increase of the earth.

ENTER ARIEL

Da Hum About the Ears, 2016 la folk opera di Clara Sanabras fest Lisa Knapp su “La Tempesta” di Shakespeare

IL CELTIC FANTASY

Ho etichettato così tutte le moderne rielaborazioni della festa e le inserisco in ordine sparso

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/strumenti-antichi-celti.html
http://www.simonescuola.it/lebaccanti/strumenti_dionisiaci.html
http://powderroom.kinja.com/our-more-dreadful-sacrifice-an-appointment-with-the-w-1672309330
https://terreceltiche.altervista.org/dance-of-the-druids-aka-duan-na-muthairn-serie-outlander/

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.