Niiv by Omnia

A reflection of the Omnia on the theme “Dame Sans Merci” reworked in the nineteenth century by John Keats: the fairy, after having seduced a mortal, abandons him to return to Fairies. The lover will torment himself for the love lost until his death.
Here is Steve’s explanation: This is a song about somebody from the World of Fairies, beautiful and perfect and somebody from the Land of Humans: a shit; and the two can never meet
Una riflessione degli Omnia sul tema “Dame Sans Merci” rielaborato nell’Ottocento da John Keats: la fata, dopo aver sedotto un mortale lo abbandona per ritornare nel suo mondo. L’amante si tormenterà per l’amore perduto fino alla morte. Ecco come Steve introduce la canzone: “questa è la canzone su una creatura del Mondo delle Fate, bella e perfetta e qualcuno della Terra degli Uomini: una merda; e i due non potranno mai incontrarsi!”

Omnia in Live on Earth 2002 
The fairy speaks with a seductive tongue and the story is told in Finnish. At the second repetition the song becomes polyphonic with the second male voice, (that is the human creature – the errant knight) who sings in English proclaiming his love and his sorrow for having been abandoned.
La fata parla con lingua seducente e la storia è raccontata in finlandese. Alla seconda ripetizione il canto diventa polifonico con la seconda voce maschile (cioè la creatura umana-il cavaliere errante) che canta in inglese e proclama il suo amore e il suo dolore per essere stato abbandonato.


(Spoken)
“Oli kaksi kaunokaista
pienen piilovaaran (1) päässä”
I
“Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen”
II (with two voices from the second repetition)
(Jenny)
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen”
(Steve Sic)
I don’t know just what you’re singing
do you love me, do you care?
mesmerized within your eyes
yet something tells me to beware
I don’t know anything
your song it drives me to despair
when I turn around to hold you
I’m alone, you’re not there

Traduzione italiano Cattia Salto
Parlato
C’erano due bionde creature
nella collina delle fate
I
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
per prendere la nostra strada
tra due amori
per prendere la nostra strada
tra due amori
II (a due voci dalla seconda ripetizione)
(Jenny)
per prendere la nostra strada
tre due amori
per prendere la nostra strada
tre due amori
(Steve Sic)
Proprio non capisco ciò che canti,
mi ami? Ti importa di me?
Ipnotizzato dai tuoi occhi
anche se qualcosa mi dice di stare attento.
Niente conosco
il tuo canto mi porta alla disperazione
quando mi giro per abbracciarti
sono solo, e tu non sei qui

FOODNOTE
English translation (from web)
There were two fair ones
sheltered by pillovaara hill
I
in a beautiful birch wood
in the soft grass
in a beautiful birch wood
in the soft grass
Soon we’ll have to part
hearts full of sweet sorrow
Soon we’ll have to part
hearts full of sweet sorrow
to go our seperate ways
between two loves
to go our seperate ways
between two loves
1) collinetta tondeggiante nei dintorni di Kuhmo nella regione Kainuu, Finlandia

Niiv’s Cauldron in Reflexions 2018
In the remix the text has been modified as well as the whole arrangement to follow the lines of “Wytches brew”, a song already published in World of Omnia, 2009.
Nel remix il testo è stato modificato così come tutto l’arrangiamento per seguire la falsariga di “Wytches brew”, brano già pubblicato in World of Omnia, 2009.


(Spoken)
“Oli kaksi kaunokaista
pienen piilovaaran (1) päässä”
I x2
Double double toil and trouble
Fire burn and cauldron bubble (2)
Double double trouble you
Bubble in a witches’ brew
II
Double double toil and trouble
Like a hell-broth boil and bubble
Double double trouble you
Bubble in a witches’ brew
chorus
Kara Kia Yekeh Yekeh
Djono Mako Yerua
III (x2)
“Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Koreassa koivikossa
Heleässä heinikossa
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
Kotihinsa kumpainenkin
Kahen rakkahan välillä
IV
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen
Jo meistä ero tulevi
poieslähtö lohtullinen”
[chorus: Babu Bawu Kere Yekeh
Babu Bawu Yerua]
V
(Steve Sic)
I don’t know just what you’re singing
do you love me, do you care?
mesmerized within your eyes
yet something tells me to beware
I don’t know anything
your song it drives me to despair
when I turn around to hold you
I’m alone, you’re not there

Traduzione italiano Cattia Salto
Parlato
C’erano due bionde creature
nella collina delle fate
I
Su, raddoppiatevi, fatica e doglia
ardi tu, fuoco, calderon gorgoglia. (2)
Su, raddoppiatevi, fatica e doglia
gorgogliate nell’intruglio delle streghe
II
Su, raddoppiatevi, fatica e doglia
come brodaglia infernale bolli e gorgoglia. 
Su, raddoppiati guaio tu
gorgoglia nell’intruglio delle streghe
Coro
Kara Kia Yekeh Yekeh
Djono Mako Yerua
III
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
In un bellissimo bosco di betulle
sulla morbida erba
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
presto dovremo separarci
con cuore malinconico
IV
per prendere la nostra strada
tra due amori
per prendere la nostra strada
tra due amori
[chorus: Babu Bawu Kere Yekeh
Babu Bawu Yerua]
V
(Steve Sic)
Proprio non capisco ciò che canti,
mi ami? Ti importa di me?
Ipnotizzato dai tuoi occhi
anche se qualcosa mi dice di stare attento.
Niente conosco
il tuo canto mi porta alla disperazione
quando mi giro per abbracciarti
sono solo, e tu non sei qui

FOODNOTE
2) from Macbeth the song of the witches [dal Macbeth la canzone delle streghe]

I don’t speak human -Omnia

The Omnia propose a Celtic folk of pagan inspiration (neoceltic paganfolk) active since 1996 with base in the Netherlands, compose music and texts sometimes reworking music and ballads of Celtic tradition
Gli Omnia propongono un folk celtico d’ispirazione pagana (paganfolk neoceltico) attivi dal 1996 con base nei Paesi Bassi, compongono musiche e testi a volte rielaborando musiche e ballate di tradizione celtica 
The Omnia have recreated a mix of the Celtic world and the Native American world to find the song of nature in their soul. The inspiration for the Celtic world comes from the spiritual-mythological themes they deal with in the texts, the use of the flute and the bardic harp, the remaking of some tracks in Gaelic or of the Irish-Breton tradition; the steampunk-tribal fashion instead imitates the Native Americans at the time of the Far West, the use of the drum and the voices sometimes recalls their shamanic chants.
Gli Omnia hanno ricreato un mix di mondo celtico e mondo nativo americano per ritrovare il canto della natura nella loro anima. L’ispirazione al mondo celtico viene per le tematiche spirituali-mitologiche che affrontano nei testi, all’uso del flauto e dell’arpa, al rifacimento di alcuni brani in gaelico o della tradizione irlandese-bretone; il look steampunk-tribale invece imita i nativi americani all’epoca del Far West, l’uso del tamburo e delle voci richiama a volte i loro canti sciamanici.

However, there is a vein of eclecticism (or madness) among the group, for which they are able to compose or rearrange rap, ragge and pop songs just to mention a couple of genres, with a spirit open to play and experimentation. Thus the magical couple Steve Sic and Jenny pulls flashes of medieval music (the hurdy-gurdy and a few words in Latin) from the top hat, a bit of world music (digeridoo and percussion, shamanic chants and mantras) and a lot of Celtic music (primitive)… 
C’è però una vena di eclettismo (o di follia) tra i componenti del gruppo per cui riescono a comporre o a riarrangiare brani rap, ragge e pop tanto per citare un paio di generi, con uno spirito aperto al gioco e alla sperimentazione. Così la magica coppia Steve Sic  e Jenny tira fuori dal cappello a cilindro sprazzi di musica medievale (la ghironda e qualche parola in latino), un po’ di world music per l’uso del digeridoo e delle percussioni, canti sciamanici e mantra e tanta musica celtica (primitiva)…


I
(Steve Sic)
Deep within the shadows,
I’m the hungry wolf you fear
But I can see that you’re
the only evil creature here
(Jenny)
Before you came
we lived in peace
but you brought us death
(together)
I sing my pain up to the moon
but it’s a waste of breath.
Chorus
Because I don’t speak human
You can’t understand a word I’m saying
I don’t speak human
You can’t understand a word I’m saying
II
(Steve Sic)
Upon a wing, a flying thing,
to you I seem so small
But I look down on what you’ve done,
my raven’s eye sees all
(Jenny)
You people like a cancer grow,
destroying all you see
(together)
and 7 billion (1) mutant monkeys (2),
won’t listen to me
III
(Steve Sic)
I won’t run this human race,
your war is not for me
I hear the voices from the wild (3),
they taught me how to see
(Jenny)
It’s us who are the strangers here
and we don’t own the land
(together)
My words they fall upon deaf ears,
cause no-one understands
IV
(Steve Sic)
Now you tell me that i’m wrong
and animals don’t feel
you say the earth is not alive
and only we are real
(Jenny)
You try to tell me to behave,
that I must act like you
(together)
But I just stick my fingers in my ears
and say “Fuck you!”
Traduzione italiano Cattia Salto
I
(Steve Sic)
Nel bosco più oscuro
sono il lupo affamato di cui aver paura,
ma capisco che sei tu
la sola creatura malvagia qui;
(Steve Sic)
Prima del vostro arrivo
eravamo in pace,
ma voi ci avete portato morte!
(insieme)
Canto il mio dolore alla luna
eppure è fiato sprecato!
Coro
Perchè non parlo umanese
e voi non capite una parola di quello che dico
Perchè non parlo umanese
e voi non capite una parola di quello che dico
II
(Steve Sic)
Sull’ala in volo,
a voi sembro tanto piccolo
Ma guardo in basso a ciò che avete fatto,
il mio occhio di corvo vede ogni cosa
(Jenny)
Voi gente crescete come un cancro,
distruggete tutto quello che vedete
(insieme)
e 7 bilioni di scimmie mutanti
non mi ascolteranno
III
(Steve Sic)
Non farò a gara con gli umani,
la vostra guerra non fa per me
ascolto le voci dal bosco,
mi hanno insegnato a vedere
(Jenny)
Siamo noi gli estranei qui
e la terra non ci appartiene
(Insieme)
Parlo ai sordi
perchè nessuno capisce
IV
(Steve Sic)
Così mi dici che sbaglio
e gli animali non sentono
dici che la terra non è viva
e solo noi siamo reali.
(Jenny)
Cerchi di dirmi come ci si comporta, 
che devo fare come te,
(Insieme)
ma mi infilo semplicemente le dita nelle orecchie e dico “Affanculo”

NOTE
1) 1 bilione = mille milioni= 1 miliardo; come numero matematico si scrive 109
il bilione si scrive  1012= 1 000 000 000 000 (mille miliardi); Bisogna ricordare che negli Stati Uniti e dal 1974 anche nel Regno Unito il billion è un altro numero, che corrisponde a mille milioni, cioè a un miliardo (109), mentre in gran parte del mondo corrisponde a mille miliardi. All’interno della comunità scientifica di Francia, il termine billion non ha più il vecchio significato di un miliardo ancor oggi attribuito dagli anglosassoni [nda: i quali tuttavia si sono allineati al resto del mondo] ma coincide adesso, per evitare confusione, con quello usato dalla maggior parte delle nazioni mondiali. (da wiki)
2) il genere umano
3) il mondo fatato, spiriti/dei etc (Tag: Omnia)

LINK
https://www.worldofomnia.com/

Down by the Glenside (The bold fenian men)

An Irish rebel song written by Peadar Kearney member of the Irish Republican Brotherhood (the brotherhood of the Republican Army), created with the aim of freeing Ireland from the English domain.
In Irish mythology, the Fenians (fianna) were the followers of the hero Finn Mac Cumhail, a group of hunter-warriors who worked outside the social structure of the Clans, indomitable warriors devoted to defending Ireland from enemy incursions. 
In their honor the members of the Brotherhood wanted to be called Fenian Brotherhood.
The song is a call to arms for the Easter Rising of 1916 in remembering the insurgents of the last armed revolt.
Una irish rebel song scritta da Peadar Kearney membro della Fratellanza repubblicana irlandese (the brotherhood of the Republican Army), creata con lo scopo di liberare l’Irlanda dal dominio inglese.
Nella mitologia irlandese, i feniani (fianna) erano i seguaci dell’eroe Finn Mac Cumhail, un gruppo di cacciatori-guerrieri che operava al di fuori dell struttura sociale dei Clan, indomiti guerrieri votati alla difesa dell’Irlanda dalle incursioni del nemico. Continua
In loro onore i membri della Fratellanza vollero chiamarsi Feniani (Fenian Brotherhood ).
La canzone è una chiamata alle armi per la rivolta di Pasqua  (Easter Rising) del 1916 nel ricordare gli insorti della precedente rivolta armata.


The melody takes up an old tune “My Name Is Bold Kelly” collected by P.W. Joyce in Old Irish Folk Music & Songs (1909)
La melodia riprende quella di “My Name Is Bold Kelly” raccolta da  P.W. Joyce in Old Irish Folk Music & Songs (1909)

Kay McCarthy in Roisin Dubh 1978

Cathy Jordan & The Unwanted in “All The Way Home” 2002

Omnia in “Crone of War”  2004

or the Unplagged version from the ‘Pagan Folk Lore’ DVD
oppure la versione Unplagged dal Dvd ‘Pagan Folk Lore’ 


I
‘Twas down by the glenside,
I met an old woman (1)
A-plucking young nettles,
she ne’er saw me coming
I listened a while to the song
she was humming
“Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men”
II
‘Tis many long years since
I saw the moon beaming
On strong manly forms
and their eyes with hope gleaming
I’ll see them again,
through all my sad dreams
Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men
III
Some died by the glenside,
some died near a stranger
And wise men have told us
that their cause was a failure
But they loved their old Ireland
and they never feared danger
Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men
IV
I passed on my way,
Gods be praised that I met her
Be life long or short,
sure I’ll never forget her
We may have brave men,
but we’ll never have better
Glory O, Glory O,
to the bold Fenian men

Traduzione italiano Cattia Salto
I
Giù per i fianchi della valle
incontrai una vecchia
che raccoglieva giovani ortiche
lei non si accorse del mio arrivo
e l’ascoltai un momento
mentre canticchiava
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani”
II
” Sono passati molti anni da quando
vidi la luna risplendere
sui corpi di forti maschi
e i loro occhi luccicanti di speranza,
li rivedrò
nei miei tristi sogni
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani”
III
Alcuni morirono sul fianco della collina
altri morirono accanto allo straniero
e i saggi ci dissero
che la loro causa fu un fallimento,
ma loro amarono la vecchia Irlanda
e non paventarono mai il pericolo
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani”
IV
Ho continuato il mio cammino
ringraziando gli Dei per averla incontrata
siano gli anni che mi restano tanti o pochi,
di sicuro non la dimenticherò mai
potremmo avere uomini coraggiosi
ma non ce ne saranno mai di migliori
“Gloria, Gloria
ai valorosi Feniani””

FOODNOTE
1) the old woman is clearly the personification of Ireland in the guise of Old Goddess, an “poor old woman”, Mrs Katty Hualloghan – Cathleen or Kathleen Nì Houlihan-, mistress of four green fields (ie the four provinces in which Ireland is traditionally divided). The name is also the title of a play by W.B. Yeats and Lady Augusta Gregory set in 1798.
la vecchia è chiaramente la personificazione dell’Irlanda nella veste di Vecchia Dea, una “povera vecchia”, la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda). Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.
continua

LINK
https://terreceltiche.altervista.org/ossians-lament/
http://irishdrinkingsongs.net/bold-fenian-men-rebel-song/
https://www.itma.ie/digital-library/score/pw-joyce-old-irish-folk-music-248
https://www.itma.ie/ga/digital-library/score/goodman-vol-1-416

As I roved out

A title for three songs and two different melodies, one slow and melancholy, the other lively and cheerful, all coming from the Irish musical tradition handed down orally for generations and generations of its people.
Un titolo per tre canzoni e due diverse melodie, una lenta e malinconica, l’altra vivace e allegra, tutte provenienti dalla tradizione musicale irlandese tramandata per via orale da generazioni e generazioni della sua gente.

As I roved out (a broken romance) 
As I roved out (courting song)
As I roved out (an hectic night)


WHO ARE YOU?: a courting song
[La notte d’amore]

Also entitled “And Who are you?” it owes its diffusion to Christy Moore: the anecdote that Christy himself tells about it is to have her hear it at a musical gathering in Roscommon in the 70s sung by John Riley (1926-1969) described as “travelling singer from the old tradition that has now died out – the kind of man who travelled around passing on stories and songs”.
Intitolata anche “And Who are you?” si deve la sua diffusione a Christy More: l’aneddoto che Christy stesso racconta in merito è di averla sentirla ad una raduno musicale a Roscommon negli anni 70 cantata da John Riley (1926-1969) descritto come :“Un menestrello della vecchia tradizione che si è ormai estinta – Il tipo d’uomo che vagabonda in giro tramandando storie e canzoni”

The melody is different from the previous version, and is quite original, easy-going and catchy.
La melodia è diversa dalla versione precedente, ed è piuttosto originale, scanzonata e orecchiabile.

soldierPLOT
It belongs to the ballads called “night visiting songs” with a stereotypical love adventure in which a young man (a soldier or a sailor or even a passing nobleman) for his attractiveness and gallantry, he manages to obtain the virtue of a young girl, entering her bedroom at night (usually on a rainy night). A popular version of Romeo’s night visit to Juliet’s balcony.
The girls are always naive peasant women or shepherdesses who believe in the sweet words of love whispered by man, and expect him to marry them, but they are invariably abandoned (and sometimes left with an unwanted pregnancy)! Some stories also end with the girl’s suicide incapable of facing dishonor. (see more)
Appartiene alle ballate dette  “night visiting song” ovvero le avventure amorose abbastanza stereotipate in cui un giovanotto (un soldato o un marinaio o anche un nobiluomo di passaggio) per la sua avvenenza e galanteria, riesce a ottenere la virtù di una giovane ragazza, spesso intrufolandosi in camera sua nottetempo (in genere in una notte di pioggia). Una versione popolare della visita notturna di Romeo al balcone di Giulietta. Le ragazze sono sempre delle ingenue contadinotte o pastorelle che credono alle dolci parole d’amore sospirate dall’uomo, e si aspettano che lui le sposi dopo aver consumato, ma sono immancabilmente abbandonate (e a volte lasciate con una gravidanza indesiderata)! Alcune storie finiscono anche con il suicidio della ragazza incapace di affrontare il disonore. continua

Nowadays these stories make us smile because they seem some tales of a bully boy or moralistic exempla instead of reality, surely sexual promiscuity was once very widespread among the poorer classes (not to mention rapes), but women in general were careful to safeguard their virginity as leverage; if anything, they could give themselves to the boyfriend they knew well, rather than the passing stranger.
Ai nostri giorni queste storielle fanno sorridere perché sembrano più vanterie da galletti del pollaio o exempla moralistici che specchi della realtà, sicuramente la promiscuità sessuale era una volta molto diffusa tra le classi più povere (senza parlare degli stupri), ma le donne in generale erano ben attente a salvaguardare la loro verginità come merce di scambio; semmai potevano concedersi al fidanzatino che ben conoscevano, che all’estraneo di passaggio.
In this version it is the girl who takes the initiative and she offers of food and drinks, pretty allusive.
In the morning the fun is over and the girl sees the scoundrel leave without any promise of marriage, indeed with an ironic joke!
In questa versione è la ragazza a prendere l’iniziativa e a portare nottetempo il giovane soldato nientedimeno che in casa, e qui ci sono delle offerte di cibo e bevande quanto meno allusive.
Al mattino il divertimento è finito e la ragazza vede il mascalzone andarsene senza nessuna promessa di matrimonio, anzi con una battuta ironica!

Loreena McKennitt in “The wind that shakes the barley” – 2011: a masterfully interpreted and modulated version of the voice, characterized by the riff of the bagpipe that insinuates itself between the sentences and a refined instrumental rug (with that unmistakable style and elegance that is the Canadian singer’s brand).
una versione magistralmente interpretata e modulata dalla voce, caratterizzata dal riff della cornamusa che si insinua tra le frasi e un raffinato tappeto strumentale (con quella inconfondibile cifra di stile ed eleganza che è il marchio della cantante canadese).

But among the proposals of the emerging groups the one that struck me most is the version of the Doolin ‘a French group of Celtic music
from Toulouse , born in 2005 and (which in some ways resemble the Capercailles) composed of six talented elements.
Ma tra le proposte dei gruppi emergenti quella che mi ha colpito maggiormente è la versione dei Doolin’ un gruppo francese di Tolosa di musica celtica, nato nel 2005 e (che per certi versi ricordano i Capercaille) composto da sei talentuosi elementi

Doolin’ a live version, very impactful, full of improvisations and with a good feeling with the audience: a rhythm a bit’ funky guitar – bodhran with a beautiful only jazz of acoustic bass and then the song well carried and easygoing, perfect the interventions of violin and flute, not even too much the rapped final (it is not really my genre); the studio version is also interesting
Doolin’ una STREPITOSA versione live, molto d’impatto, ricca di improvvisazioni e con un bel feeling con il pubblico: un ritmo un po’ funky chitarra – bodhran con un bel solo jazz del basso acustico e quindi il canto ben portato e scanzonato, perfetti gli interventi di violino e flauto, neanche troppo forzato il finale rappato (e dire che non è proprio il mio genere); interessante anche la versione da studio

Omnia in Musick and Poëtree 2011


 I
And who are you, me pretty fair maid
And who are you, me honey?
She answered me quite modestly:
I am me mother’s darling.
chorus:
With me too-ry-ay Fol-de-diddle-day
Di-re fol-de-diddle Dai-rie oh.
II
And will you come to me mather’s house,
When the moon is shining clearly
I’ll open the door and I’ll let you in
And divil ‘o one would hear us.
III
So I went to her house in the middle of the night
When the moon was shining clearly
She opened the door and she let me in
And divil the one did hear us.
IV
She took me horse by the bridle and the bit
And she led him to the stable
Saying “There’s plenty of oats for a soldier’s horse,
To eat it if he’s able.”
V
Then she took me by the lily-white hand
And she led me to the table
Saying: There’s plenty of wine for a soldier boy,
To drink it if you’re able.
VI
Then she got up and made the bed
And she made it nice and aisy
Then I got up and laid her down
Saying: Lassie, are you able?
(She got up and laid me down
“I hope to God you’re able”)
VII
And there we lay till the break of day
And divil a one did hear us
Then I arose and put on me clothes
Saying: “Lassie, I must leave you.”
VIII
“And when will you return again
And when will we get married”
“When broken shells make Christmas bells
We might well get married.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
“E tu chi sei, mia bella fanciulla,
chi sei, amore mio?”
Lei mi rispose senza modestia:
“sono la cocca di mamma”.
CORO
Con me Too-ry-a Fol-de-diddle-day
Di-re fol-de-diddle Dai-rie oh.
II
“Vuoi venire a casa di mia madre,
quando la luna splende chiara?
Aprirò la porta e ti farò entrare
e al diavolo chi potrebbe sentirci.”
III
Così andai a casa sua nel cuore della notte
mentre la luna splendeva chiara.
Lei aprì la porta e mi fece entrare
e al diavolo chi ci ha sentito.
IV
Lei mi prese il cavallo per la briglia ed il morso
e lo guidò nella stalla
dicendo “C’è molta biada per il cavallo del soldato,
che la mangi se ne vuole (1)”.
V
Poi mi prese con la mano bianco-giglio
e mi portò alla tavola
dicendo “C’è molto vino per il soldato,
che la beva se ne vuole”.
VI
Poi si alzò a preparare il letto
lo fece bello morbido.
Allora mi alzai e la distesi sopra
dicendo “Ragazzina, ti va?”
(Lei si alzò e mi distese sopra
“Spero per Dio, che tu lo sappia fare”).
VII
E lì noi restammo fino allo spuntare del giorno e al diavolo chi ci ha sentito.
Poi mi alzai e mi misi i vestiti
dicendo “Ragazzina ti devo lasciare”.
VIII
“E quando tornerai ancora?
Quando ci sposeremo? “
“Quando i gusci rotti diventeranno campanelle di Natale, allora forse ci sposeremo.

NOTE
1) allusivo: se ci riesce, se ne è capace; tutti i versi successivi sono a doppio senso riguardanti le prestazioni sessuali dell’uomo

Pentangle: The Cruel Sisters

Bonny_Swan_by_SarachmetLa ballata “The two sisters” è originaria dalla Svezia o più in generale  dai paesi scandinavi (in epoca pre-cristiana) ma si è diffusa largamente  anche in alcuni paesi dell’Est e nelle isole britanniche.
The murder ballad “The two sisters” originates from Sweden or more generally from the Scandinavian countries  but has spread widely also in some Eastern countries and in the British Isles.

The Merciless Lady (Dante Rossetti, 1865)

Nel dipinto di Rossetti si esplora ancora il triangolo amoroso e se la rappresentazione ha sicuramente una rispondenza nella biografia del pittore (qui) è anche altrettanto evidente la citazione alla ballata “The two sisters”: i tre protagonisti sono seduti sotto ad un pergolato con il giovane pretendente nel mezzo e sebbene la sua mano sia intrecciata a quella della dama bruna, tutta la sua attenzione è rivolta verso la fanciulla bionda intenta a cantare e a suonare il salterio.
In Rossetti’s painting the love triangle is explored too and if the representation certainly has a correspondence in the painter’s biography (here) it is also equally evident the quote to the ballad “The two sisters”: the three protagonists are seated under a bower with the young pretender in the middle and although his hand is intertwined with that of the brown lady, all his attention is turned towards the fair lady intent on singing and playing the psaltery.
L’atteggiamento del giovane è ambiguo, sicuramente non terrebbe per mano la dama bruna se tra di loro non ci fosse un legame (e nella ballata è proprio la sorella maggiore ad essere la promessa sposa), ma l’interesse verso  la dama bionda è fin troppo evidente! Tre calici sono ai piedi dei protagonisti due vicini a toccarsi e il terzo vuoto e dalla parte della sorella bionda: ne preannuncia la morte imminente?
The young man’s attitude is ambiguous, surely he would not hold the brown lady by the hand if there was not a bond between them ( in the ballad the elder sister is the bride-to-be), but the interest in the blonde lady is too obvious! Three glasses are at the feet of the protagonists, two neighbors to touch each other and the third empty by the part of the blonde sister: is it an announce of her imminent death?

SECONDA VERSIONE: THE CRUEL SISTER
(Second versione: The Cruel Sister)

La versione inglese mantiene la storia già vista in “Binnorie” saltando a piè pari il ritrovamento del cadavere da parte del mugnaio (e anche il suo eventuale ruolo nella vicenda, ruolo che emergerà invece nelle versioni americane).
The English version maintains the story already seen in “Binnorie” but without the finding of the corpse by the miller (and also its eventual role in the story, a role that will emerge in the American versions instead).
“In questa versione sempre nelle Child ballads non c’è traccia del mugnaio, né della figlia dal mugnaio, però inizia con una signora che viveva vicino alla spiaggia del Nord e che partorisce due sorelle, una bionda e l’altra bruna.
La bionda è paragonata alla luce del sole mentre la mora è nera come il carbone, minerale sotterraneo ritenuto vicino al diavolo. Si ricordi che la ballata ha origini scandinave, dove la maggior parte delle genti era bionda o rossa e che quelli che avevano i capelli neri erano i diversi, talvolta i nemici di altre tribù lontane. Non a caso nella loro mitologia, che è diventata comune anche nel resto d’Europa, la fata buona è bionda mentre la strega ha sempre i capelli neri. “(Giordano Dall’Armellina)
In this version in the Child ballads too, there is no trace of the miller, nor the daughter of the miller, but it begins with a lady who lived near the North Sea strand and who gives birth to sisters, one blonde and the other black.
The blonde is compared to the sunlight while the black one is as black as coal, an underground mineral believed to be near the devil.
It is recalled that the ballad has Scandinavian origins, where most of the people were blond or red and that those who had black hair were different, sometimes the enemies of other distant tribes. Not by chance in their mythology, which has become common in the rest of Europe, the good fairy is blonde while the witch always has black hair. “(Giordano Dall’Armellina)

Furono i Pentangle a riportare in auge la ballata quasi dimenticata
It was the Pentangles who brought back this almost forgotten ballad
Pentangle in Cruel Sister (1970) .
Melodia (Tune) Riddles Wisely Expounded 

Old Blind Dogs in “Close to the Bone“,1993
Nella prima formazione con la voce di Ian F. Benzie, il gruppo ha ripreso l’arrangiamento dei Pentangle aggiungendoci un bel po’ di ritmo, ma tagliando un po’ di strofe e modificando qualche verso (testo qui)
in the first formation with the voice of Ian F. Benzie, the group has resumed the arrangement of the Pentangle adding a lot of rhythm, but cutting a bit of verses and changing some verse (text here)

Bedlam Boys (Gregor Harvey & Grant Foster)
riportano la ballata in una versione più aderente alla vena renaissance folk
They report the ballad in a version closer to the vein renaissance folk.
They report the ballad in a version closer to renaissance folk

Pentangle
There lived a lady by the north (1) sea shore
Lay the bairn tae the bonnie broom (2)
Twa daughters were the bairns she bore
Fa la la la la la la la la la
As one was as bright as is the sun
Sae coal black grew the elder one (3)
A knight came riding to the ladies’ door
He travelled far to be their wooer
He courted one, with gloves and rings (4),
But he loved the other above all things
“Oh sister will you go  with me
To watch the ships sail on the sea?”
She took her sister by the hand
And led her down to the North Sea strand.
And as they stood on that windy shore
The dark girl threw her sister o’er
Sometimes she sank, sometimes she swam
Crying, “Sister, reach to me your hand”
“Oh Sister, Sister, let me live,
And all that’s mine I’ll surely give.”
“(It’s) your own true love that I’ll have and more,
But thou shalt never come ashore.”
And there she floated just like a swan(5)
The salt sea bore her body on
Two minstrels walked along the strand
They saw the maiden,  float to land
They made a harp of her breastbone(6)
Whose sound would melt a heart of stone
They took three locks of her yellow hair
And wi’ them strung that harp so rare
They went into her father’s hall
To play the harp before them all,
But when they laid it on a stone
The harp began to play alone.
The first string sang a doleful sound:
“The bride her younger sister drowned.”
The second string as that they tried,
In terror sits the black-haired bride.
The third string sang beneath their bow,(7)
“And surely now her tears will flow
traduzione italiano di Cattia Salto*
Viveva una dama presso la costa del Mare del Nord (1),/poni il giunco con la  bella ginestra (2)
Due figliole erano le bimbe che lei partorì
Fa la la la la la la   la la la
Mentre una cresceva luminosa come il sole,
nera come il carbone così cresceva la più grande (3).
Un cavaliere arrivò cavalcando alla porta delle dame,
veniva da lontano per essere il loro pretendente.
Ne corteggiò una con guanti e anelli (4),
Ma amava l’altra sopra ogni cosa.
“Oh sorella vuoi venire con me
A guardare le navi salpare?”
Prese la sorella per mano
E la portò alla spiaggia del Mare del Nord.
E mentre stavano sulla costa battuta dal vento
La ragazza bruna vi gettò la sorella.
Talvolta affondava, talvolta nuotava,
gridando, “Sorella, dammi la mano!
Oh sorella lasciami vivere
E tutto ciò che è mio te lo darò per certo”
“Avrò il tuo innamorato  e tutto il resto
se tu non ritornerai più a terra”
E lì galleggiava proprio come un cigno,(5)
Il mare salato sosteneva il suo corpo.
Due menestrelli camminavano lungo la spiaggia
E videro la fanciulla che il mare aveva portato a terra.
Fecero un’arpa con il suo sterno (6),
Il cui suono scioglierebbe un cuore di pietra.
Presero tre ciocche dei suoi capelli biondi,
E con loro montarono le corde di quell’arpa senza pari.
Andarono al castello di suo padre
Per suonare l’arpa davanti a tutti loro
Ma quando la posarono su una pietra
L’arpa iniziò a suonare da sola.
La prima corda cantò con suono lamentoso:
“La sposa affogò la sorella minore”
Non appena toccarono la seconda corda la sposa dai capelli neri ristette nel terrore.
La terza corda cantò sotto il loro archetto (7),
“E di sicuro ora le sue lacrime scorreranno”

NOTE
* rielaborata dalla traduzione di Giordano Dall’Armellina
1) nel codice delle ballate britanniche il Nord è inteso dagli ascoltatori come negativo e quindi nel richiamarlo li prepara a qualcosa di luttuoso.
in the code of the British ballads the North is understood by the listeners as negative and therefore in recalling it prepares them for something mournful.
2) il significato dell’intercalare Lay the bairn tae the bonnie broom è stato a lungo dibattuto, alcuni traducono “bent” nel senso di “ricurvo” e quindi come un modo di descrivere l’horn cioè il corno (richiamando il corno o la tromba dell’elfo nella ballata “The Elfin Knight“) altri invece riconducono il termine all’Inglese antico (derivato dal sassone) nel senso di pianta o cespuglio della brughiera ossia l’erica o più in genera il giunco; la traduzione proposta da Dall’Armellina –poni il giunco con la bella ginestra- è una sorta di codice che introduce una storia di corteggiamento. La frase è contenuta nella canzone Riddles Wisely Expounded sempre nelle Child Ballads dalla quale i Pentangle hanno tratto la melodia: in cui si descrive una prova d’intelligenza tra il diavolo e la fanciulla saggia per la risoluzione di una serie di indovinelli. La frase avrebbe un significato di protezione contro il male, ma potrebbe anche voler dire: “spazza con tanta forza fino a piegare la scopa” cioè “metti un po’ di forza nello spazzare il pavimento” e quindi essere un intercalare umoristico senza senso come per il fa la la la seguente. Un’altra possibile interpretazione traduce la frase come “Danza intorno alla vecchia quercia
the meaning of the interlayer Lay the bairn tae the bonnie broom has long been debated, some translate “bent” in the sense of “curved” and then as a way of describing the horn (recalling the horn or the trumpet elf in the ballad “The Elfin Knight”) others instead bring the term to the ancient English (derived from the Saxon) in the sense of plant or bush of the moor or the heather or more in generates the rush; the phrase is contained in the song Riddles Wisely Expounded always in the Child Ballads from which the Pentangle have drawn the melody:it describes a test of intelligence between the devil and the wise girl for the resolution of a series of riddles. The phrase would have a meaning of protection against evil, but it could also mean: “sweep so hard to bend the broom” that is “put a little ‘force in sweeping the floor” and then be a meaningless humorous interlayer like for the fa la la the following. Another possible interpretation translates the phrase as “Dance around the old oak”
3) altro linguaggio codificato per indicare chi è la fanciulla buona e chi quella cattiva. La fanciulla bionda è quella solare, positiva, mentre la fanciulla bruna è quella oscura, negativa.
another coded language to indicate who is the good girl and who the bad one. The blond girl is solar, positive, while the dark girl is the dark, negative.
4) Dare l’anello e un guanto era una promessa di matrimonio. Il secondo guanto veniva dato nel giorno delle nozze. Come da consuetudini ad essere corteggiata era la sorella maggiore , si tratta con evidenza di un matrimonio combinato in cui però il giovane si innamora della sorella più giovane
Giving the ring and a glove was a promise of marriage. The second glove was given on the wedding day. Customary the older sister was courted first, it was a matter of a arranged marriage. in which however the young falls in love with the younger sister
5) La gelosia è il movente (premeditato) dell’omicidio: mentre le due sorelle passeggiano per ammirare le barche in mare la bruna getta la bionda nell’acqua, il cui corpo resterà a galla sostenuto dalla forza del mare, come se fosse un candido cigno che nuota. Anche in questo casa il paragone oltre ad essere poetico sottolinea la purezza e l’innocenza della fanciulla che si presume non abbia incoraggiato le avance del pretendente.
Jealousy is the motive (premeditated) of the murder. The comparison emphasizes the purity and innocence of the girl who is presumed not to have encouraged the advances of the suitor.
6) si tratta ovviamente di un’arpa magica, infatti non appena posata su una pietra si mette a cantare da sola. Qui si fa riferimento alla credenza vichinga secondo la quale l’anima risiede nelle ossa (le ossa dei morti accusano i loro assassini). La sorella assassina che stava per andare in sposa viene smascherata dal fantasma della sorella e sicuramente sarà punita come merita.
a magical harp, in fact, as soon as it is placed on a stone, it begins to sing alone. Here we refer to the Viking belief that the soul resides in the bones (the bones of the dead accuse their murderers). The killer sister who was about to marry, is unmasked by her sister’s ghost and will surely be punished as she deserves.
7) sebbene nella strofa precedente si indichi harp come il nome dello strumento è lecito presumere che si tratti della crotta o lyra ad arco: detto anche “rotta” o “rotta germanica”-per sottolineare il suo areale nordico- lo strumento può essere dotato anche di una tastiera centrale e si suona con l’archetto essendo probabilmente l’antenata del violino. In Galles porta il nome di crwth (mentre in Irlanda è detta cruith) e la tastiera centrale porta le sei corde di cui due le drone strings (“corde fannullone”) sono di bordone. Questo strumento, che gli studiosi sono incerti se ritenere totalmente autoctono ed attribuito all’area scandinava, compare verso il II° sec, si presenta in una forma analoga a quella attuale intorno al VII sec. (vedi)
it is reasonable to assume that in the Scandinavian versions the instrument was in reality an arched crwth or lyra: also called “Germanic crwth” – to underline its northern origin – the instrument can also be equipped with a central keyboard and you play with the bow being probably the ancestor of the violin. In Wales it is called crwth (while in Ireland it is called cruith) and the central keyboard bears six strings, two of which the drone strings (“loafer string”). This instrument, which scholars are uncertain if they consider it to be completely indigenous and attributed to the Scandinavian area, (see

Una rivisitazione della ballata è quella del gruppo Omnia che la intitolano Harp of Death
A reinterpretation of the ballad comes from the Omnia group who name it Harp of Death
Omnia in  Prayer 2016

Omnia
I
There lived a lady on the North Sea shore
Lay te bent to the bonnie broom
She had two daghters that she adored
Fa la la la la la la la la la
II
The youngest daughter born to sweet delight
The eldest daughter born to greed and spite
III
A knight came for the fairest in the land
He was promised the young girl’s hand
IV
Grimmest envy in the elder grew
She planned to steal her sister’s lover true
V
“Oh darling sister won’t you come with me”
“To watch the swans swimming in the sea?”
VI
On the rocks were the mermaids sing
The elder sister pushed the younger in
VII
“Oh cruel sister, please let me live”
“And all that’s mine to you I’ll give”
VIII
“I’ll take your true love and I’ll take more”
“For I never let you come ashore”
IX
The fair girl drowned beneath the North Sea foam
Her broken body washed upon the stones
X
Three witches found her in the dead of night
And wove a spell to put her soul at right
XI
The made a harp out of her skin and bone
The tuning pegs made from her finger bones
XII
They took nine locks of her golden hair
And with them strung the harp so rare
XIII
They took the harp on to her mother’s hall
And set it down to play before them all
XIV
The harp of Death began to play alone
The sweetest song to melt a heart of stone
XV
Golden strings rang out a truthful sound
“The elder sister has the younger drowned”
XVI
Strings of sorrow made of golden curls
wreak their vengeance on the black-haired girl
XVII
The song ends here dark and low
“And surely now her blood will flow”
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Viveva una dama presso la costa del Mare del Nord, poni il giunco con la  bella ginestra 
Aveva due figlie che adorava
Fa la la la la la la  la la la
II
La figlia più giovane nata per deliziare
la figlia più grande per disperare
III
Un cavaliere arrivò per la più bella sulla terra
gli fu promessa la mano della più giovane
IV
La più grande era divorata dall’invidia
e intendeva rubare l’innamorato alla sorella
V
“Oh cara sorella vuoi venire con me
A guardare i cigni che nuotano nel mare?”
VI
Sugli scogli dove le sirene cantano
la sorella maggiore spinse giù la più giovane.
VII
“Sorella crudele, lasciami vivere
E tutto ciò che è mio te lo darò”
VIII
“Avrò il tuo innamorato  e tutto il resto
perchè non ti lascerò venire sulla riva”
IX
La ragazza bionda annegò disotto alle onfe del Mare del Nord
il corpo martoriato emerso sulle pietre
X
Tre streghe la trovarono nel cuore della notte
e fecero un incantesimo per la sua anima
XI
Fecero un’arpa dalla sua pelle e ossa
i piroli ricavati dalle ossa delle dita.
XII
Presero nove ciocche dei suoi capelli biondi,
e montarono le corde a quell’arpa senza pari.
XIII
Portarono l’arpa al castello di sua madre
Per suonare l’arpa davanti a tutti loro
XIV
L’arpa della Morte iniziò a suonare da sola
il canto più dolce da fondere un cuore di pietra
XV
Le corde dorate riecheggiarono un canto veritiero: “la sorella maggiore ha affogato la  minore”
XVI
Corde di dolore fatte di riccioli d’oro
si presero la loro vendetta sulla ragazza dai capelli neri
XVII
La canzone finisce qui tetra e a bassa voce
“E di sicuro ora il suo sangue scorrerà”

 

LINK
Giordano  Dell’Armellina: “Racconti comuni in ballate italiane, svedesi e  britanniche: un confronto
Giordano  Dell’Armellina: “Ballate Europee da Boccaccio a Bob Dylan”.
http://www.musicaememoria.com/pentangle_cruel_sister.htm
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=49269&lang=it

SI BHEAG, SI MHOR

L’arpista irlandese Turlough O’Carolan nel 1691 si ispirò a una leggenda locale per comporre un canto riportato con vari titoli “Sheebeg Sheemore” “Sí bheag Sí mhor” “Si Beag si Mor” “Sidh Beag, Sidh Mor”: nei pressi di Lough Scur (Co Leitrim) due tumuli fatati si fronteggiano e sono la casa di due guerrieri (ovvero clan) rivali i quali continuano a combattere nottetempo la loro battaglia. La leggenda narra che lo stesso eroe celtico Finn McCool (mitico capo dei Fianna) sia sepolto nel Sí mhor (la collina più grande).

La melodia trae ispirazione dal brano tradizionale ‘The Bonny Cuckoo’ e gli studiosi la considerano una variante. Così scrive The Fiddler’s Companion “The air, according to O’Sullivan (1958) and tradition, was probably the first composed by blind Irish harper Turlough O’Carolan (1670-1738). The title of the air often appears as “Sheebag, Sheemore,” an Englished version of the original Gaelic “Si Bheag, Si Mhor” which means “so big, so little,” but it has been suggested that “Si” is derived from the medieval Irish “Siod,” meaning “fairy hill” or “fairy mound;” thus the title may also refer to “big fairy hill, little fairy hill.” It seems that the young Carolan first found favor at the house of his first patron, George Reynolds at Letterfain, Co. Leitrim (himself a harper and poet), who told the harper the legend of the two nearby hills and the fairy bands who lived inside. These fairies had a great battle with much shooting, and Reynolds encouraged Carolan to write a song about the event. Some versions of the legend have the mounds being topped by ancient ruins, with fairy castles underneath in which were entombed heros from the battle between the two rivals. O’Sullivan believes the air to be an adaptation of an older piece called “An chuaichin Mhaiseach” (“The Bonny Cuckoo” or “The Cuckoo”), which can be found in O’Neill, Bunting (1796) and Mulholland’s Collection of Ancient Irish Airs (1810). A dance by Gail Tickner appeared in CDSS news #69, March/April 1986 by the title “The Bonny Cuckoo” to the melody.

Il testo è uno dei rarissimi testi conservati dalla vasta produzione del bardo (che ci è giunta per lo più solo nella melodia) così come pubblicato dalla Irish Text Society in “Amhrain Chearbhallain” (in inglese The Poems of Carolan) (vedi):

I
Imreas mór tháinig eidir na ríoghna,
Mar fhíoch a d’fhás ón dá chnoc sí,
Mar dúirt an tSídh Mór go mb’fhearr í féin,
Faoi dhó go mór ná ‘n tSídh Bheag.
II
“Ní raibh tú ariamh chomh uasal linn,
I gcéim dár ordaíoch i dtuath ná i gcill;
Beir uainn do chaint, níl suairceas ann,
Coinnigh do chos is do lámh uainn!”
III
An tráth chruinnigh na sluaite bhí an bualadh teann,
Ar feadh na machaireacha anonn ‘s anall;
‘S níl aon ariamh dár ghluais ón mbinn
Nár chaill a cheann san ár sin.
IV
“Parlaidh! Parlaidh! agus fáiltím daoibh,
Sin agaibh an námhaid Charn Chlann Aoidh,
Ó bhinn Áth Chluain na sluaite díobh,
‘S a cháirde grá dhach, bí páirteach!”

TRADUZIONE INGLESE
I
A great contention came between the two queens
A feud that spilled from the two hills of the Sidhe
For it was said that the large mound was better
twice greater, twice greater, than the small mound
II
You have never been as noble as us
In rank decreed by the people or church
Be off with your chatter, nothing but pettiness
Keep your foot and hand from us(1)
III
When the hosts circled round there was mighty striking
On the face of the meadowlands, to and fro
So never a one came down from those peaks
but lost his head in the slaughter there
IV
Parley!(2) Parley! O friends and kin!
Here come our foes from Carn Clann Aoidh
Up from Eachluinn peak, the baneful host
And we must all stand together!
TRADUZIONE ITALIANO
I
Un grande contesa accadde tra due regine
una faida che sgorgava dai due tumuli fatati
e si disse che la collina più grande era migliore
due volte più grande che la collina più piccola
II
“Non siete mai stati così nobili come noi nel rango emanato dal popolo o dalla chiesa
non siete altro che meschini nelle vostre chiacchiere
state lontani da noi(1)”
III
Quando gli eserciti assediavano c’era una grande lotta
di fronte ai prati, avanti indietro
così nessuno mai discese da quelle cime
ma perse la testa lì nel massacro
IV
Tregua! O amici e parenti!
Qui vengono i nostri nemici da Carn Clann Aoidh
fino alla montagna di Eachluinn, l’ospite maligno
e dobbiamo stare tutti insieme!

NOTE
1) letteralmente “allontanate mani e piedi da noi”
2) parlè (in lingua inglese parley) quella discussione o conferenza che sussiste fra due parti opposte, o nemiche, per definire i termini di una tregua o altre questioni

O’Carolan, pupillo della famiglia MacDermott Roe, divenne cieco all’età di 18 anni per aver contratto il vaiolo e andò ramingo per l’Irlanda a offrire i suoi servigi di bardo: ‘Sì Bheag Agus Sì Mhor’ fu probabilmente la sua prima composizione quando poco più che ventenne si trovava nella casa di Squire Reynold a Lough Scur.

ASCOLTA Mark Harmer live: arpa e sussurri del vento  in un campo di campanule o giacinti selvatici ai piedi del bosco, semplicemente magico

ASCOLTA Planxty (probabilmente la versione più conosciuta)

ASCOLTA Deiseal in una versione più accelerata

ASCOLTA William Coulter

Il brano è stato arrangiato da molti chitarristi segnalo in particolare

ASCOLTA Ed Harris

Omnia in Musick and Poëtree 2011

Turlough O’Carolan (1670-1738) Nato da una famiglia di nobili origini ma caduta in miseria, a 18 anni perse la vista a causa del vaiolo. Accolto nella famiglia nobiliare dei McDermott Roe, entrò nelle simpatie della signora MacDermott Roe che lo fece studiare presso l’arpista locale per tre anni, e quando si ritenne che fosse in grado di iniziare la professione, gli procurò un arpa, un cavallo e un aiutante per guidarlo. Arpista itinerante e compositore, sebbene sia vissuto in un triste periodo della storia irlandese, ebbe una vita di successo e la sua musica è suonata ancora oggi quasi come un “classico” (tratto da qui)

FONTI
https://anglofolksongs.wordpress.com/2016/02/18/si-bheag-si-mhor/
https://terreceltiche.altervista.org/i-bardi-delle-terre-celtiche/
http://eigse.blogspot.it/2008/07/si-beg-and-si-mor-by-turloch-ocarolan.html
https://thesession.org/tunes/449
http://www.irishpage.com/songs/carolan/sheebeag.htm

Impossible riddle: Scarborough Fair

Since the Middle Ages Scarborough (in Yorkshire to the north of York) was an important port and market place for all traders in England . The fair lasted 45 days and it was a big event, full of people, music and food; in the seventeenth century it has losing a bit importance, but it is still popular today.

[Scarborough (nello Yorkshire a Nord di York) era un’importante porto e luogo di mercato per tutti i commercianti d’Inghilterra fin dal medioevo. La fiera durava 45 giorni ed era un evento ricco di musica e cibo, ma pur perdendo d’importanza nel XVII secolo è ancora celebrata ai nostri giorni.]

The protagonist of this ballad asks a passerby who is going to the Scarborough fair, to greet the one who had once been his lover, asking her when she will come back to him, but she answers (using the impossible tasks) “never”. The “contrast” between lovers, based on “impossible riddles” has as its model the ballad “The Elfin Knight ” collected by professor Francis James Child.
Surely the song was very popular in the area in 1850 and it is reported by Frank Kidson in “Collection of Traditional Tunes” – 1891 in which it is referred to as “the melody sung at Whitby” (ie in the Scarborough area) in 1860.

WINMP0478

[Il protagonista della ballata omonima chiede a un passante che si sta recando alla fiera di salutare colei che un tempo era stata la sua innamorata e di domandarle quando tornerà da lui, ma lei risponde (facendo ricorso ai compiti impossibili) “mai”.
Il “contrasto” tra innamorati, basato sui “compiti o enigmi impossibili” ha come modello la ballata “The Elfin Knight” collezionata dal professor Francis James Child.
Sicuramente la canzone era molto popolare nella zona nel 1850 ed è riportata da Frank Kidson in “Collection of Traditional Tunes” – 1891 in cui e indicata come la melodia cantata a Whitby (ovvero nella zona di Scarborough) nel 1860.]

Text and also melody have many versions, from the research of Jürgen Kloss we learn that already in Scotland in the second half of the seventeenth century circulated a ballad entitled “The wind hath blown my Plaid away” on a girl who hears the horn of the Elfin Knight, whose structure is identical to the modern version of Scarborough Fair, while Thomas d’Urfey in “Jockey’s Lamentation” (in
his Pills To Purge Melancholy published for the first edition 1706) penned the melody; as Kloss observes in his essayThis practice of recycling tunes and some lines – especially refrains – from older ballads was not uncommon at that time. Already at that time songwriters understood perfectly well that a new popular song must also sound familiar and these kind of old-fashioned Scottish ballads from the previous century could easily be modernized with new lyrics according to the current urban taste.”
The melody with the title “Over The Hills And Far Away” – has remained popular throughout the eighteenth century and widely used with new texts and arrangements.

[Le varianti testuali però sono molteplici e anche per la melodia sono state trascritte molte versioni. Dalle ricerche di Jürgen Kloss  apprendiamo che già in Scozia nella seconda metà del XVII secolo circolava una ballata intitolata  “The wind hath blown my Plaid away” su una ragazza che sente il corno del Cavaliere degli elfi (qui) la cui struttura è identica alla moderna versione di Scarborough Fair, mentre Thomas d’Urfey nel suo “Jockey’s Lamentation” (in Pills To Purge Melancholy) pubblicato per la prima edizione della raccolta (1706) riporta la melodia; come osserva Kloss nel suo saggio  “…Tell Her To Make Me A Cambric Shirt” From The “Elfin Knight” to “Scarborough Fair“: Questa pratica di riciclare le melodie e alcune linee – specialmente i ritornelli – da vecchie ballate non era rara in quel momento. Già a quel tempo i cantautori hanno capito perfettamente che una nuova canzone popolare deve anche suonare familiare e questo tipo di ballate scozzesi vecchio stile del secolo precedente potevano facilmente essere modernizzate con nuovi testi secondo il contemporaneo gusto urbano.
La melodia con il titolo “Over The Hills And Far Away” – è rimasta popolare per tutto il XVIII secolo e ampiamente utilizzata con nuovi testi e arrangiamenti. ]

Among the many instrumental versions the most interesting was undoubtedly that of John Renbourn in “The Lady And Unicorn” (Transatlantic 1970).

[Tra le tante versioni strumentali la più interessante è stata senza dubbio quella di John Renbourn in “The Lady And Unicorn” (Transatlantic 1970)]

Ewan MacColl in “Matching Songs” and “The Singing Island” 1960. Ewan MacColl said he had picked up the song in 1947 from a Scottish-born miner named Mark Anderson in Middleton-in-Teasdale, Yorkshire. Actually the closest text reference is Frank Kidson, not so for the melody, very different from the versions reported in the nineteenth-century scores, here a slower and melancholic tune.

[Ewan MacColl in “Matching Songs” e “The Singing Island” 1960. Ewan MacColl disse di aver raccolto la canzone nel 1947 da un minatore di origine scozzese di nome Mark Anderson a Middleton-in-Teasdale, Yorkshire. In realtà il riferimento testuale più prossimo è Frank Kidson, non così per la melodia, molto diversa dalle versioni riportate nelle partiture ottocentesche, qui più lenta e malinconica.]

The man asks his ex-girlfriend to make a seamless cambric shirt for him and she asks him to work an acre of land between the sea foam and the sand (with clear references to a sexual intercourse), but the two tasks are impossible to be done !!

[L’uomo chiede alla sua ex-fidanzata di confezionare per lui una camicia di batista senza cuciture e lei in cambio gli chiede di lavorare un acro di litorale a grano (con chiari riferimenti al compimento del rapporto sessuale), ma i due compiti sono impossibili da svolgersi!!]


Ewan MacColl
I
Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary and thyme
Remember me to one who lives there
For once she was a true love of mine
II
Tell her to make me a cambric shirt(1)
Parsley, sage, rosemary and thyme
Without any seam or needle work
And then she’ll be a true love of mine
III
Tell her to wash it in yonder dry well
Parsley, sage, rosemary and thyme
where water ne’er sprung nor drop of rain fell,
And then she’ll be a true   love of mine
IV
Tell her to dry it on   yonder thorn,
Parsley, sage, rosemary, and thyme;
Which never bore blossom since Adam was born,/ Then she’ll be a true love of mine.
V
O, will you(2) find me an acre of land
Parsley, sage, rosemary and thyme
Between the sea foam and the sand
or never be a true lover of mine
VI
O, will you plough it with a ram’s horn,
Parsley, sage, rosemary, and thyme;
And sow it all over with one pepper corn,
or never be a true lover of mine
VII
O, will you reap it with a sickle of leather
Parsley, sage, rosemary and thyme
And bind it up with a  peacock feather
or never be a true lover of mine
VIII
When you have done and finished your work
Parsley, sage, rosemary, and thyme:
Oh, come to me for the cambric   shirt,
And you shall be a true love of mine.

traduzione italiano *
I
“Andate alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Salutatemi una che abita lì, 
Un tempo era la mia amante (innamorata).
II
Ditele di farmi una camicia di batista,[1]

Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Senza cucirla nè usare l’ago;
allora sarà la mia innamorata.
III
Ditele di lavarla in quel pozzo secco
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Dove mai sgorgò acqua, né mai pioggia cadde;
allora sarà la mia innamorata.
IV
Ditele d’asciugarla su quello spino
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
che mai fiorì fin dai tempi di Adamo
allora sarà la mia innamorata.”
V
Trovami [2] un acro di terra
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo,
Fra l’acqua del mare e la spiaggia,
o non sarai mai il mio innamorato.
VI
Aralo con un corno d’ariete
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
E seminalo tutto con un chicco di pepe.
o non sarai mai il mio innamorato.
VII
Lo mieterai con un falcetto di cuoio
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
E legherai i covoni con una piuma di pavone,
o non sarai mai il mio innamorato.
VIII
Quando avrai fatto tutto, e finito il tuo lavoro
,
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
vieni a prendere la camicia di batista
E sarai di nuovo il mio innamorato.”

NOTE
*The translation into Italian is by Riccardo Venturi and has been extrapolated for the textual part related to the versions reported. (here is also the translation of the text collected by Child) [La traduzione in italiano è di Riccardo Venturi ed è stata estrapolata per la parte testuale relativa alle versioni riportate. (qui trovate anche la traduzione del testo collezionato da Child)]
1) According to Child asking a girl to sew a shirt is equivalent to asking her to accept the courtship. The shirt fabric is a particularly expensive and refined linen variety produced in the city of Cambrai (France) not before 1677. This fabric was marketed in England only at the beginning of the eighteenth century. Also in Scotland they began to produce a similar fabric called “Scotch cambrics” which became more common use around 1770
[secondo Child chiedere a una ragazza di cucire una camicia equivale a chiederle di accettare il corteggiamento. Il tessuto della camicia è una varietà di lino particolarmente costoso e raffinato prodotto nella città di Cambrai (Francia) non prima del 1677 . Questo tessuto è stato commercializzato in Inghilterra solo agli inizi del Settecento. Anche in Scozia si iniziò a produrre un tessuto simile denominato “Scotch cambrics” che divenne di uso più comune verso il 1770]
2) in the second part the girl does not speak with the messenger but directly with the suitor. This is a “mistake” already appeared in “Traditional tunes” by Frank Kidson (1891) due to a sort of “accommodation” representative of the most common variations of the ballad. It should be “Tell him ..”
[nella seconda parte la ragazza non parla con il messaggero ma direttamente con il corteggiatore. Questo è un “errore” comparso già in “Traditional tunes” di Frank Kidson (1891) dovuto a una sorta di “accomodamento” rappresentativo delle più diffuse varianti della ballata. Dovrebbe essere “Tell him..”]

Unsurpassed, however, the version that made it famous all over the world, that of Simon & Garfunkel in 1966.
Paul Simon had learned the song in London in 1965 by Martin Carthy and partially resumed the ballad interspersed with a song called Canticle (those were the years of the war in Vietnam). Simon & Garfunkel have filed copyright as authors, although the melody is a traditional one.
The interpretation is dreamy, almost with gothic veins, with echoes of fairy bells.

Giovane donna che cuce (la cucitrice)- Diego Velázquez (1640)

[Insuperabile però la versione che l’ha resa famosa in tutto il mondo, quella di Simon & Garfunkel nel1966. 
Paul Simon aveva imparato la canzone a Londra nel 1965 da Martin Carthy e riprende parzialmente la ballata intervallando i versi con un brano detto Canticle di stampo pacifista (sono gli anni della guerra nel Vietnam). Simon & Garfunkel hanno depositato il copyright come autori, sebbene la melodia dovrebbe essere un tradizionale.
L’interpretazione è sognante, quasi con venature gotiche, con echi di campanelle fatate, le voci in canone (dolci, smorzate, evocative) l’arpeggio di chitarra e la tastiera che ricama sulla melodia con un suono quasi da clavicembalo: sublime il breve fraseggio del flauto (presumo traverso) prima della ripresa del cantato.]

Omnia in Alive! 2007 -The Elven Lover


Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary & thyme
Remember me to one who lives there
She once was a true love of mine
Tell her to make me a cambric shirt
(On the side of a hill in the deep forest green)
Parsely, sage, rosemary & thyme
(Tracing a sparrow on snow-crested ground)
Without no seams nor needlework
(Blankets and bedclothes a child of the mountains)
Then she’ll be a true love of mine
(Sleeps unaware of the clarion call)
Tell her (1) to find me an acre of land
(On the side of a hill, a sprinkling of leaves)
Parsely, sage, rosemary, & thyme
(Washed is the ground with so many tears)
Between the salt water and the sea strand
(A soldier cleans and polishes a gun)
Then she’ll be a true love of mine
Tell her (1) to reap it in a sickle of leather
(War bellows, blazing in scarlet battalions)
Parsely, sage, rosemary & thyme
(Generals order their soldiers
to kill)
And to gather it all in a bunch of heather
(And to fight for a cause they’ve long ago forgotten)
Then she’ll be a true love of mine
Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary & thyme
Remember me to one who lives there
She once was a true love of mine.
traduzione italiano di Cattia Salto *
“Andate alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo 
Salutatemi una che abita lì,
Un tempo era il mio vero amore.
Ditele di farmi una camicia di lino
(Sul fianco della collina nel folto della foresta)
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
(seguendo un passero sul  terreno innevato)
Senza cucirla nè usare l’ago;
(coperte e lenzuola un bambino di montagna)
allora sarà il mio vero amore.
(dorme ignaro del proclama)
Ditele di trovarmi un acro di terra
(Sul fianco della collina, una manciata di foglie)
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
(lavata è la terra con così tante lacrime)
Fra l’acqua del mare
e la spiaggia
(Un soldato pulisce e lucida un fucile)
allora sarà il mio vero amore.
Ditele [1]
di mieterlo con un falcetto di cuoio
(grida di guerra, i battaglioni in rosso scintillante)
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
(i generali ordinano ai soldati di uccidere)
E di legare i covoni con  rametto d’erica
(e di combattere per una causa che hanno scordato da tanto tempo)
allora sarà il mio vero amore.
State andando alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Salutatemi una che abita lì,
Un tempo era il mio vero amore.”

NOTE
* tratta da Musica e Memoria
1) “tell her”: these tests were requested by the girl to her lover and not vice versa. “tell him” To be considered an error !!
[qui i due autori non intendono tutta la storia sottesa nella ballata in cui queste prove erano richieste dalla fanciulla al suo innamorato e non viceversa. Da considerarsi come un refuso!!]

But I suggest you listen to this fresh and lively arrangement of a trio of young girls from Pacific Northwest (USA)
[Ma vi suggerisco di ascoltare questo arrangiamento fresco e brioso di un trio di giovanissime fanciulle di Pacific Northwest (USA)]

The Gothard Sisters a reduced text in which only man is subjected to impossible tasks.
[un testo ridotto in cui è solo l’uomo ad essere sottoposto ai compiti impossibili]

Hayley Westenra (Celtic Woman) from Christchurch NZ

Aurora Aksnes 2017 for the opening theme of the Brazilian soap opera “Deus Salve o Rei” (God Save the King).

Gothard Sisters version
I=IV
Are you going to Scarborough Fair?
Parsley, sage, rosemary and thyme
Remember me to one who lives there
he was once a true love of mine
II
Tell him to make me a cambric shirt
Parsley, sage, rosemary and thyme
Without no seam nor needle work
And then he’ll be a true love of mine
III
Tell him to find me an acre of land
Parsley, sage, rosemary and thyme
Between salt water and the sea strand (1)
then he’ll be a true lover of mine
Traduzione italiano
I
State andando alla fiera di Scarborough?
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Salutatemi uno che abita lì,
Un tempo era il mio innamorato.
II
Ditegli di farmi una camicia di batista,
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
Senza cucirla nè usare l’ago;
allora sarà il mio innamorato.
III
Ditegli di trovami un acro di terra
Prezzemolo, salvia, rosmarino e timo,
tra l’acqua e la spiaggia,
allora sarà il mio innamorato
NOTE
1) ‘sea strand’=seashore

MAGIC HERBS [LE ERBE MAGICHE]

The refrain of the second line of each stanza, already in the eighteenth-century versions, is centered on a series of herbs, and there have been many hypotheses about this: a meaningless line or a pun chosen for its assonance.
Jürgen Kloss notes that the phrase could be more a stylistic choice of publishers in the printed variant, than a line handed down by oral tradition.
[Il refrain della seconda riga di ogni strofa, già nelle versioni settecentesche, è incentrato su una serie di erbe, e molte sono state le ipotesi in merito: una linea senza senso o un gioco di parole scelta per la sua assonanza.
Jürgen Kloss osserva che la frase potrebbe essere più una scelta stilistica degli editori nella variante stampata, che una linea tramandata dalla tradizione orale.]

herbs1Some officinal herbs in the medieval garden, were the main ingredients of love filters or amulets.
In particular, these herbs were used against the plague or its nauseating odor: the medicine of the time believed that the miasma were the cause of the infection and that it was essential to purify the air.
[Erbe officinali immancabili nell’orto dei Semplici, erano gli ingredienti principali dei filtri d’amore o degli amuleti scaccia diavoli in grado di annullare le maledizioni e gli incantesimi malvagi.
In particolare queste erbe erano utilizzate per allontanare la peste ovvero il suo odore nauseabondo che emanava dai morenti e dai cadaveri, infatti era opinione della medicina del tempo che fossero i miasmi ad essere la causa dell’infezione e che fosse essenziale purificare l’aria.]

Parsley: it is a herb associated with witches and death, was believed to favor lust and love, but also digestion. It symbolizes the possibility of removing sorrow and bitterness from life.
[Il prezzemolo: è un erba associata alle streghe e alla morte, si riteneva che favorisse la lussuria e l’amore, ma anche la digestione. Simboleggia la possibilità di allontanare i dispiaceri e l’amarezza dalla vita.]

Sage: is a herb associated with wisdom, the word itself derived from Latin and means “to save and protect”; a popular saying suggests eating spring sage to live long. It is a stimulant of the organism indicated as invigorating in case of physical or intellectual exhaustion. It is believed that in addition to being able to mitigate the pain can also increase psychic powers, it was also anciently used as a carrier of fertility and domestic harmony.
[La salvia: è un erba associata con la saggezza, la parola stessa derivata dal latino e vuol dire “per salvare e proteggere”; un detto popolare suggerisce di mangiare la salvia primaverile per vivere a lungo. E’ uno stimolante dell’organismo indicata come rinvigorente in caso di esaurimento fisico o intellettuale. Si ritiene che oltre a riuscire a mitigare il dolore possa anche aumentare i poteri psichici, era anche anticamente utilizzata come portatrice di fertilità e di armonia domestica.]

Rosemary: it is a herb associated with memory, but also with death, able to help the deceased to enter the land of the dead. To ward off evil spirits and an amulet to protect herself from disease. Its very persistent scent reinforces the memory and the ability not to forget. It symbolizes loyalty, and since ancient times it was worn by the spouses. Finally the rosemary plant is strong and resistant, although it grows slowly and at the beginning with difficulty, and therefore traditionally symbolizes female love
[Il rosmarino: è un erba associata con il ricordo, ma anche con la morte, in gradi di aiutare il defunto ad entrare nella terra dei morti. Era bruciata per allontanare gli spiriti malvagi e utilizzata nel medioevo come amuleto per proteggersi dalle forze maligne e dalla malattie. Il suo profumo molto persistente rinforza il ricordo e la capacità di non dimenticare. Simboleggia la fedeltà, e fin dai tempi antichi era indossato dagli sposi. Infine la pianta del rosmarino è forte e resistente, sebbene cresca lentamente e all’inizio con difficoltà, e quindi simboleggia tradizionalmente l’amore femminile]

Thyme: it was considered the grass where the fairies love to live or dance. In the Middle Ages it was used to adorn the knights’ weapons to infuse courage. It was a herb used in sacred fires and as religious incense. The plant in popular ballads is associated with the concept of purity for the ancient belief that the thymus was able to give strength and clarity to the mind and purify the air from disease.
[Il timo: era considerata l’erba dove le fate amano dimorare o danzare. Nel medioevo era usato per adornare le armi dei cavalieri in quanto si riteneva infondesse il coraggio. Era un erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso. La pianta nelle ballate popolari è associata al concetto di purezza per l’antica credenza che  il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie.]

the bitterness between them must be driven away by parsley, the sage must give them the strength to bear the separation, the rosemary must give to her the loyalty of waiting for him, and the thymus give to her the courage to face the impossible trials to arrive or return to him, as a virgin. ” (Bert de Jong)

[Bert de Jong riporta una interpretazione suggestiva in merito “Quindi diventa chiaro il significato del celebre verso e inciso: l’amarezza tra loro deve essere scacciata dal prezzemolo, la salvia deve dare loro la forza di sopportare la separazione, il rosmarino deve dare a lei la fedeltà di aspettarlo, e il timo il coraggio di affrontare le prove impossibili per arrivare o tornare da lui, mantenendosi pura.”]

But many others were the recurring magical plants in popular ballads such as juniper, hawthorn, holly and ivy, and especially broom!
[Ma molte altre erano le piante magiche ricorrenti nelle ballate popolari come il ginepro, il  biancospino, l’agrifoglio e l’edera e soprattutto la ginestra!]

see also

ITALIAN VERSION
[LA VERSIONE IN ITALIANO]

Angelo Branduardi in “Futuro antico I” (1996).
In the Italian version arranged by Branduardi (written by his wife Luisa Zappa) the magic and ritual dimension of courtship is lost, however the musical texture is fabulous, and the sound of the trumpet probably recalls the symbolism underlying the master ballad “The Elfin Knight “.
[Nella versione in italiano arrangiata da Branduardi (su testo scritto dalla moglie Luisa Zappa) si perde  la dimensione magica e rituale del corteggiamento, tuttavia la tessitura musicale è fiabesca, e il suono della tromba probabilmente vuole richiamare il simbolismo sotteso alla ballata matrice “The Elfin Knight“ (vedi)]

Quando andrai a Scarborough Fair
salvia, menta, prezzemolo e timo
tu porta il segno del mio rimpianto
alla donna che allora io amavo.
Vorrei in dono una camicia di lino
salvia, menta, prezzemolo e timo
tu dille che non voglio ricami,
ma che sappia che ancora io l’amo.
Per me basta un acro di terra
salvia, menta, prezzemolo e timo
quella casa tra il mare e le dune
e la donna che allora io amavo.
Tornerò a coltivare i miei campi
salvia, menta, prezzemolo e timo
e distese di erica in fiore
perchè sappia che ancora io l’amo.

CURIOSITA’
Nel piccolo cimitero della chiesa di Santa Maria ai piedi del castello di Scarborough è custodita la tomba della famosa scrittrice Anne Brontë (1820-1849) giunta per curarsi dalla tubercolosi, ormai già in fase avanzata.

part two

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/captain-wedderburn.html
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-TrueLover.html
http://www.justanothertune.com/html/cambricshirt.html
http://www.musicaememoria.com/scarborough_versioni.htm
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=1076
ttp://mudcat.org/thread.cfm?threadid=122336#2682446
http://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/scarboroughfair.html
http://shigebold.bplaced.net/scarborough_ita.htm

Dúlamán, the seaweed-gatherer in Irish balladry

The populations that live along the coasts have learned to collect, for habitual consumption, different qualities of algae,
Particularly in Scotland and Ireland dulse algae and Irish moss have always been part of the diet of coastal inhabitants.
Le popolazioni che vivono lungo le coste hanno imparato a raccogliere, per il consumo abituale, diverse qualità di alghe,
In particolare in Scozia e Irlanda le alghe dulse e il muschio irlandese hanno sempre fatto parte della dieta degli abitanti costieri.

ALGHE NEL PIATTO

Tipico ingrediente della cucina giapponese l’alga del mare è anche onnipresente nella cucina irlandese: l’Irish moss (in italiano muschio d’Irlanda) per le sue proprietà addensanti è utilizzata ancora oggi nel settore alimentare, come ingrediente di zuppe e stufati e in particolare nella preparazione della birra, che non necessita di essere filtrata e alla quale conferisce una schiuma molto “spessa”. Molte sono poi le proprietà medicamentose delle alghe, non solo come integratori alimentari (antiossidanti e ricche di iodio), ma anche cosmetico (benefici alla pelle e ai capelli); anche in agricoltura possono essere utilizzate come fertilizzanti con alto potere battericida o come integratore alimentare per il bestiame..
Ci sono vari tipi di alga rossa che si trovano lungo le coste di Irlanda – Gran Bretagna: l’alga dulse (Palmaria palmata)  e l’irish moss (Chondrus crispus detta anche Carragheen) che distesa e fatta asciugare sotto il sole vira al bianco in una caratteristica tinta “bionda”! Ovviamente si possono già mangiare “al naturale” e crude come gli amanti del sushi ben sanno!
Per diventare esperti raccoglitori di alghe e cimentarsi in sfiziose nonché salutari ricette ecco l’ Irish Seaweed Kitchen Cookbook, non solo un libro ma anche un sito web (qui)
Nella mia ignoranza italica (certamente fugata se leggessi il libro su indicato!) non saprei dire se le alghe dalle quali si ottengono le tinture per lana e filati in genere o stoffe siano le stesse edibili, ovviamente il processo di lavorazione per ottenere la tintura sarà diverso dal processo di essiccazione, perchè l’obiettivo è quello di ottenere un colorante (non tossico!!) nella gamma del verde-blu e arancione-rosso.

Dúlamán

Dúlamán apparently an exotic name, which in Gaelic means “seaweed-gatherer”: for millennia the Irish have made of the collection of algae a trade, there was the “dúlamán Gaelach” which selected the algae to dye the clothes and the “dúlamán maorach” which collected edible algae.
The algae are harvested as fertilizers for the otherwise sandy and dry fields of the islands (see Ascophyllum nodosum or knotted wrack)
Dúlamán all’apparenza un nome esotico, che in gaelico significa “seaweed-gatherer” (in italiano “raccoglitore d’alga”): da millenni gli Irlandesi hanno fatto della raccolta delle alghe un mestiere, c’era il “dúlamán Gaelach” che selezionava le alghe per tingere i panni e il “dúlamán maorach” che raccoglieva le alghe commestibili.
Le alghe vengono raccolte come fertilizzanti per i campi altrimenti sabbiosi e aridi delle isole (vedasi Ascophyllum nodosum, dette in Irlanda knotted wrack qui)
This ancient Irish ballad tells about the daughter of a “dúlamán gaelach” who has at least two suitors: a “dúlamán gaelach” who wants to buy her a nice pair of shoes and a “dúlamán maorach ” that tempts her with the purchase of a comb. The father is not happy about getting involved with a simple “dúlamán maorach”, so the girl, who made her choice, is “kidnapped” for marriage purposes.
Questa antica ballata irlandese racconta della figlia di un “dúlamán gaelach” che ha almeno due pretendenti un “dúlamán gaelach” che le vuole comprare un bel paio di scarpe e un “dúlamán maorach” che la tenta con l’acquisto di un pettine. Il padre non è contento d’imparentarsi con un semplice “dúlamán maorach”, così la ragazza, che ha fatto la sua scelta, viene “rapita” per una “fuitina” a scopo matrimoniale.

Clannad in Dulaman 1976

Altan in Island Angel 1993

Celtic Woman live 2006

Omnia, in 3, 2003; World of Omnia 2009; in Musick and Poëtree 2011
 (VI,VII,V,III)
more a war song than a work song (che sembra più un canto di guerra che un canto di lavoro)

Choral Scholars of University College Dublin in Perpetual Twilight 2019
Traditional Irish arr. Desmond Earley


 Clannad
CurfáX2:
Dúlamán na binne buí
Dúlamán Gaelach (1)
I
A’níon mhín ó
Sin anall na fir shúirí
A mháithair mhín ó
Cuir na roithléan go dtí mé (2)
II
Tá ceann buí óir (3)
Ar an dúlamán gaelach
Tá dhá chluais mhaol (4)
Ar an dúlamán gaelach
III
Rachaimid ‘un an Iúir (5)
Leis an dúlamán gaelach
Ceannóimid bróga daora
Ar an dúlamán gaelach (maorach)
IV
Bróga breaca dubha (6)
Ar an dúlamán gaelach
Tá bearéad agus triús
Ar an dúlamán gaelach (maorach)
V
Ó chuir mé scéala chuici
Go gceannóinn cíor dí
‘Sé an scéal a chuir sí chugam
Go raibh a ceann cíortha (7)
VI
Caidé thug tú ‘na tíre? (8)
Arsa an dúlamán gaelach
Ag súirí le do níon
Arsa an dúlamán maorach (gaelach)
VII
Cha bhfaigheann tú mo ‘níon
Arsa an dúlamán gaelach
Bheul, fuadóidh mé liom í
Arsa an dúlamán maorach
VIII 
Dúlamán na binne buí
Dúlamán a’ tsleibhe
Dúlamán na farraige
Is dúlamán a’ deididh

Altan
Curfá: Dúlamán na binne buí,
dúlamán Gaelach
Dúlamán na farraige,
‘s é b’fhearr a bhí in Éirinn 
I
A ‘níon mhín ó,
sin anall na fir shúirí
A mháithair mhín ó,
cuir na roithléan go dtí mé
II
Tá cosa dubha dubailte 
ar an dúlamán gaelach
Tá dhá chluais mhaol
ar an dúlamán gaelach
III
Rachaimid go Doire
leis an dúlamán gaelach
Is ceannóimid bróga daora
ar an dúlamán gaelach
IV
Bróga breaca dubha
ar an dúlamán gaelach
Tá bearéad agus triús
ar an dúlamán gaelach
V
Ó chuir mé scéala chuici,
go gceannóinn cíor dí
‘S é’n scéal a chuir sí chugam,
go raibh a ceann cíortha
VI
Góide a thug na tíre thú?
Arsa an dúlamán gaelach
Ag súirí le do níon,
arsa an dúlamán maorach
VII
Ó cha bhfaigheann tú mo ‘níon,
arsa an dúlamán gaelach
Bheul, fuadóidh mé liom í,
arsa an dúlamán maorach

English translation
Chorus:
Seaweed from the yellow cliff,
Irish seaweed
Seaweed from the ocean,
the best in all of Ireland (1)
I
Oh gentle daughter
Here come the wooing men
Oh gentle mother
oh bring me my spinning wheel (2)
II
There is a golden yellow head (3)
On the Irish seaweed
There are two bare ears (4)
On the Irish seaweed
III
We’ll go to Newry (5)
With the Irish seaweed
We will buy expensive shoes
said the edible seaweed
IV
There are dappled black shoes (6)
On the Irish seaweed
There is a beret and trousers
On the edible seaweed
V
I spent time telling her the story
That I would buy a comb for her
The story she told back to me
That she is well-groomed (7)
VI
“What did you bring from the land?” (8)
Says the Irish seaweed (9)
“Courting with your daughter”
Says the stately seaweed (10)
VII
You will not get my daughter
Said the Irish seaweed
Well I’ll abduct her
Said the the edible seaweed


traduzione italiano Cattia Salto *
(ritornello)
Alga dalla scogliera gialla,
alga irlandese,
Alga dall’oceano,
la migliore in tutta l’Irlanda.
I
“Oh cara figliola,
ecco che arrivano i corteggiatori”
“Oh cara madre,
portami il filatoio”.
II
C’è una testa giallo-oro
sul raccoglitore d’alghe irlandese,
ci sono due orecchie scoperte
sul raccoglitore d’alghe irlandese.
III
“Andremo a Newry (Derry) 
con il raccoglitore d’alghe irlandese
e compreremo delle scarpe costose 
disse il raccoglitore d’alghe
IV
Scarpe nere maculate
ha il raccoglitore d’alghe irlandese
berretto e  pantaloni
ha il raccoglitore d’alghe 
V
Per un po’ le raccontai  la storia, 
di come le avrei comprato un pettine.
La storia che mi disse di rimando,
è che lei è ben tenuta
VI
“Che cosa sei venuto a fare?”
dice il raccoglitore d’alghe irlandese 
“A corteggiare tua figlia”
dice il raccoglitore d’alghe
VII
“Non avrai mia figlia”
disse il  raccoglitore d’alghe irlandese.
“Beh, la rapirò
disse il  raccoglitore d’alghe

NOTE
(da qui)
1) Dúlamán na binne buidhe
dúlamán a tsléibhe
dúlamán na farraige
‘s dúlamán a’ deididh (see VIII Clannad)
(Seaweed of the yellow cliff
Seaweed of the hill
Seaweed from the sea
And seaweed of the toothache)
[Alga dalla scogliera gialla,
alga della collina
alga dall’oceano,
alga del mal di denti]
2) Put the wheels in motion for me
the girl starts to spin to show her suitor that she is hardworking and modest
la ragazza si mette a filare per mostrare al corteggiatore che è laboriosa e modesta
3) Altan “Tá cosa dubha dubailte“= there are two black thick feet
(in italiano ci sono due grossi piedi neri)
4) chluais mhaol =bare ears
5) or Derry
6) the shoes were a luxury among the people, the only pair was worn only on special occasions, to go to mass or to dance!
un tempo possedere un paio di scarpe era un lusso tra la gente del popolo, l’unico paio veniva indossato solo nelle occasioni speciali, per andare a messa o per ballare!
7) Go raibh a ceann cíortha = ” that it was a fine one “[ che era una buona idea]
8) Goidé a thug na tíre thú? =What brought you to these parts? [che ti porta da queste parti?]
9) it is the father who speaks [è il padre che parla]
10) the “dúlamán maorach” which collected edible algae, which is the one chosen by the girl but not popular with her father.
il raccoglitore d’alghe per mangiare che è quello scelto dalla ragazza ma non benvisto dal padre.

 

LINK
http://connemara.verdeirlanda.info/it/30-le-news/la-vita/44-alghe-la-ricchezza-dal-mare
http://testitradotti.wikitesti.com/2011/03/13/dulaman-testo-traduzione-e-video-dei-celtic-woman/ http://www.celticartscenter.com/Songs/Irish/Dulaman.html http://www.celticlyricscorner.net/clannad/dulaman_song.htm http://thesession.org/tunes/10313 http://songoftheisles.com/2013/06/25/dulaman/ http://www.mondobirra.org/alga.htm http://vre2.upei.ca/cap/node/456 http://irishseaweedkitchen.ie/

Twa Corbies (Due Corvi)

Child ballad #26

In the traditional ballad (by anonymous author, contended between the English and the Scots), three or two crows/ravens observe the corpse of a knight and decide that it could be their breakfast!
Both versions were translated in the nineteenth century (or more recently) between Scandinavia, Germany and Russia.
Nella ballata tradizionale di autore anonimo (contesa come paternità tra inglesi e scozzesi), tre o due corvi osservano il cadavere di un cavaliere e decidono che potrebbe essere la loro colazione!
Entrambe le versioni sono state tradotte nell’ottocento o più recentemente tra Scandinavia, Germania e Russia.

Twa Corbies (scottish version)
Three Craws (nursery rhyme)
Three Ravens (english version)

The Scottish version: Twa Corbies

Written in the Lowland dialect, this version dates back to the 13th or 14th century, and is printed for the textual part in “Minstrelsy Ancient and Modern” by William Motherwell (1827)
Our dead is a knight and we don’t know the reason for his death: it could be an accident during the hunt, rather than a death in battle, or a betrayal assault or a duel; perhaps he was a knight errant who lost himself in his wandering or perished to defend the weak or was the victim of a spell; no one else, except the two ravens, knows or cares about his death.
His body lies abandoned and forgotten by his lady (a dame sans merci) who has already turned her attention to another knight.
The last stanza leaves us with an almost pre-romantic and gothic description of the bones of the knight whitening in the sun and with which the wind plays its dismal melody.
Scritta nel dialetto delle Lowland, la versione è fatta risalire al XIII o al XIV secolo, e si ritrova stampata per la parte testuale in “Minstrelsy Ancient and Modern di William Motherwell (1827)
Il nostro morto è un cavaliere e il motivo della sua morte non è dato: potrebbe trattarsi di un incidente durante la caccia, più che la morte in battaglia, o un assalto a tradimento o un duello; forse era un cavaliere errante che si è perduto nel suo vagabondare o è perito per difendere i deboli o è stato vittima di un incantesimo; nessun altro, tranne i due corvi, è a conoscenza o si cura della sua morte.
Il suo corpo giace abbandonato e dimenticato dalla sua dama (una dame sans merci) che ha già rivolto le sue attenzioni ad un altro cavaliere.
L’ultima strofa ci lascia una descrizione quasi pre-romantica e gotica delle ossa del cavaliere che imbiancano al sole e con le quali il vento suona la sua lugubre melodia.

Breton Tune
La melodia bretone

The currently tune comes from “Al Alar’ch” (the swan) a traditional Breton melody that was paired by the Scottish poet Morris Blythman (1919-1981), known with the pseudonym Thurso Berwick (cf), in the 1950s : Ray Fisher populared this version in 1962.
La musica attualmente abbinata deriva da “Al Alar’ch” (il cigno) una melodia tradizionale bretone che è stata accoppiata dal poeta scozzese Morris Blythman (1919-1981), noto con lo pseudonimo di Thurso Berwick (vedi), negli anni del 1950: fu quindi Ray Fisher a rendere popolare questa versione nel 1962.
Bedlam (Gregor Harvey & Grant Foster) interessante lavoro con le due voci e una vibrante chitarra

Schelmish (barbarian style)

Omnia in PaganFolk 2006 (Twa Corbiez)

OTHER MELODIES (Altre melodie)

The Raven (Stephen Moncrieff & Carolyn Forbes) -a slower and melancholy melody
[con una melodia leggermente diversa, più lenta e malinconica ]


I
As I was walking all alane,
I heard twa corbies makin a mane;
The tane unto the ither say,
“Whar sall we gang and dine the-day?”
II
“In ahint yon auld fail dyke,
I wot there lies a new slain knight;
And nane do ken that he lies there,
But his hawk, his hound an his lady fair.”
III
“His hound is tae the huntin gane,
His hawk tae fetch the wild-fowl hame,
His lady’s tain anither mate,
So we may mak oor dinner swate.”
IV
“Ye’ll sit on his white hause-bane,
And I’ll pike oot his bonny blue een;
Wi ae lock o his gowden hair
We’ll theek oor nest whan it grows bare.”
V
Mony a one for him makes mane,
But nane sall ken whar he is gane;
Oer his white banes, whan they are bare,
The wind sall blaw for evermair.

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre camminavo tutto solo
ho sentito due corvi lamentarsi
uno diceva all’altro:
“Dove andremo a desinare oggi?”
II
“Dietro a quel vecchio muro ricoperto di erba
sento che giace un cavaliere appena ucciso
e nessun sa che sta lì/ tranne che il suo falco, il suo cane e la sua bella signora”
III
“Il suo cane è andato a caccia,
il suo falco sfreccia al riparo
la sua signora si è presa un amante,
così possiamo desinare indisturbati”
IV
“Tu ti poserai sul suo bianco osso del collo,
e io beccherò i suoi begli occhi azzurri;
con una ciocca bionda/ ripareremo il nostro nido quando diventerà spoglio”
V
Molti per lui piangono,
ma nessuno sa dove sia andato
tra le sue bianche ossa quando saranno denudate/ il vento soffierà per sempre.

STANDARD ENGLISH
I
As I was walking all alone,
I heard two crows (or ravens) making a moan;
One said to the other,
“Where shall we go and dine today?”
II
“In behind that old turf wall,
I sense there lies a newly slain knight;
And nobody knows that he lies there,
But his hawk, his hound and his lady fair.”
III
“His hound is to the hunting gone,
His hawk to fetch the wild-fowl home,
His lady’s has taken another mate,
So we may make our dinner sweet.”
IV
“You will sit on his white neck-bone,
And I’ll peck out his pretty blue eyes;
With one lock of his golden hair
We’ll thatch our nest when it grows bare.”
V
“Many a one for him is moaning,
But nobody will know where he is gone;
Over his white bones, when they are bare,
The wind will blow for evermore.”

Bergtatt in Ravnene (from scandinavia)

MEMENTO MORI

An omnipresent iconographic theme in the Middle Ages, but declined with the vanitas that leads us to reflect on the transience of human life.


Memento Mori is believed to have originated from an ancient Roman tradition.

After a major military victory, the triumphant military generals were paraded through the streets to the roars of the masses. The ceremonial procession could span the course of a day with the military leader riding in a chariot drawn by four horses. There was not a more coveted honor. The general was idolized, viewed as divine by his troops and the public alike. But riding in the same chariot, standing just behind the worshipped general, was a slave. The slave’s sole responsibility for the entirety of the procession was to whisper in the general’s ear continuously, “Respice post te. Hominem te esse memento. Memento mori!”
“Look behind. Remember thou art mortal. Remember you must die!”
The slave served to remind the victor at the peak of glory, this god-like adoration would soon end, while the truth of his mortality remained. (from here)
Tema iconografico onnipresente nel Medioevo, declinato però con la vanitas che porta a riflettere sulla caducità della vita umana.
La locuzione latina ha origine nella Roma antica quando prima del corteo detto “Trionfo” al festeggiato era ricordata la limitatezza della vita umana per evitare che, ubriacato dall’acclamazione popolare, il generale di turno ardisse farsi imperatore. Per placare i deliri di onnipotenza il memento mori (in italiano “ricordati che devi morire”) gli ricordava di non prevaricare gli altri cittadini.
La tradizione poi proseguì durante l’impero con il più umile degli schiavi che osava apostrofare il più potente degli uomini con tale frase prima della sfilata. L’emozione della gloria si venava così di tristezza e della consapevolezza della transitorietà di ogni vittoria.

LINK
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/66769/4
http://ontanomagico.altervista.org/corbie.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=90597
http://www.twocrows.co.uk/twa_corbies.html
http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/twacorbies.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/twa.htm