Archivi categoria: musica norrena/ Norse music

Herr Mannelig, merry me! troll says

Leggi in italiano

A red thread connects the various countries of Europe, which once was united, if not politically, at least culturally, from the stories sung by the jesters and wandering minstrels. Thus we see how the subject of the Concealed Death that started from the North of the Scandinavian countries has reached the Romance languages in the South and in the West, in a plethora of variants. (first part)

THE MEETING WITH THE TROLL

One of these variants starts in the same Scandinavian countries, around a mythical creature typical of Norse folklore: the trolls.

A mythical creature also shared by the Anglo-Saxon culture and in the Tolkenian imagery described as crude and wicked, dedicated to the destruction of villages, the theft of cattle and the capture of unwary travelers, who are then often cooked. The troll fears the sunlight because he transforms him into stone.

HERR MANNELIG

soledadThe creature of this story is a female troll and she is convinced that by marrying a prince she can turn into a beautiful princess, and so she lures the unfortunate knights with sumptuous gifts. Sir Mannelig refuses her hand and the ballad ends here, but surely the story does not have a happy ending even for the human!
In the collective imagination, death is a woman dressed in black with a scythe, and Orcum in Latin is the god of the Underworld, hence of death. His appearance in the Roman pantheon is attributable to the Etruscans and outclassed by Hades he remained in the popular peasant consciousness under the figure of the Wild Man.

On the false line of Shreck (trolls are a bit like orcs) we can imagine that our troll is a princess under the spell of a witch, and only with the kiss of true love she will be able to resume her human form.
But we are in the Middle Ages and Mannelig is a Christian knight who does not let himself be subjugated by the temptations of the devil and therefore no kiss!

The ballad has been interpreted by many metal-folk groups with slightly different textual versions.

Garmarna  from “Guds spelemän” 1996 live version

Annwn from Orbis Alia with more medieval accents


I
Bittida en morgon innan solen upprann
Innan foglarna började sjunga
Bergatrollet friade till fager ungersven
Hon hade en falskeliger tunga
(ref.) 
Herr Mannelig herr Mannelig
trolofven i mig
För det jag bjuder så gerna
I kunnen väl svara endast ja eller nej
Om i viljen eller ej:
II
Eder vill jag gifva de gångare tolf
Som gå uti rosendelunde
Aldrig har det varit någon sadel uppå dem
Ej heller betsel uti munnen
III
Eder vill jag gifva de qvarnarna tolf
Som stå mellan Tillö och Ternö
Stenarna de äro af rödaste gull
Och hjulen silfverbeslagna
IV
Eder vill jag gifva ett förgyllande svärd
Som klingar utaf femton guldringar
Och strida huru I strida vill
Stridsplatsen skolen i väl vinna
V
Eder vill jag gifva en skjorta så ny
Den bästa I lysten att slita
Inte är hon sömnad av nål eller trå
Men virkat av silket det hvita
VI
Sådana gåfvor toge jag väl emot
Om du vore en kristelig qvinna
Men nu så är du det värsta bergatroll
Af Neckens och djävulens stämma
VII
Bergatrollet ut på dörren sprang
Hon rister och jämrar sig svåra
Hade jag fått den fager ungersven
Så hade jag mistat min plåga
English translation (from Wiki)
I
Early one morning before the sun rose up/Before the birds began to sing
The mountain troll proposed to the handsome young man
She had a false tongue
(ref.) Herr Mannelig, herr Mannelig, will you be betrothed to me?
For that, I offer you gifts very gladly
Surely you can answer only yes or no
If you wish to or not
II
To you I wish to give the twelve horses
That go in the grove of roses
Never has there been a saddle upon them
Nor a bridle in their mouths
III
To you I wish to give the twelve mills
That are between Tillö and Ternö
The stones are made of the reddest gold/ And the wheels are covered in silver
IV
To you I wish to give a gilded sword
That chimes of fifteen gold rings
And fight however you fight
The battle you would surely win
V
To you I wish to give a shirt so new
The best you will want to wear
It was not sewn with needle or thread
But crocheted of white silk
VI
Such gifts I would surely accept
If thou[wert a Christian woman
However, thou art the worst mountain troll
The spawn of the Neck and the Devil
VII
The mountain troll ran out the door
She shakes and wails hard
If I had got the handsome young man
I would have got rid of my plight.

Haggard from “Eppur si muove”, 2004, they sing it in Italian on a rock metal sound (symphonic metal or neo-classic metal). The German group is basically composed of about twenty musicians with Asis Nasseri as composer, who translated the text of the Swedish ballad into Italian

All’alba, prima che il sole sorgesse
E gli uccelli cantassero la canzone
La donna del troll con lingua falsa
Et ingannevole propose al signore:
“Herr Mannelig, herr Mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?
Ti darò i dodici mulini
Che stanno tra Tillo e Terno
Le macine sono fatte del più rosso rame
E le ruote sono cariche d’argento
Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”
“Se tu fossi una donna cristiana
Riceverei volentieri regali così,
Ma io so che sei il peggiore troll
Figlio degli spiriti maligni.”
“Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”

Tibetréa a folk rock that is not too techno but relies on the acoustic sound of the hurdy-gurdy and the harp and they also put the trumpet on it

And I could go on with more medieval-metal versions: In Extremo (here),  Othlan (here), Psalteria (here),  Cromdale (here)

Many also transcriptions in other languages see for example Sir Mannelig played by Brian Kay, at the Anglo-Saxon lyra

LINK
https://terreceltiche.altervista.org/la-morte-occultata/
http://www.metalgermania.it/traduzioni/haggard/herr-mannelig.html
http://www.metalgermania.it/traduzioni/in-extremo/herr-mannelig.html

Lord Olaf (Herr Olof) and The Elves

Leggi in Italiano

 Concealed death

LORD OLAF AND THE ELVES 
SCANDINAVIAN VARIANTS
BRITISH AND AMERICAN VERSIONS
FRENCH VERSIONS
ITALIAN VERSION

FAERIE MEETING

This medieval ballad ( from the North to the South of Europe) tells the story of a knight (Oluf, Olof or Olaf) and his meeting with a fairy creature asking him to dance (or to drink) with her: the knight refuses as he will be married in the morning, and the girl (elf or mermaid) places a curse on him (a quickly death for tomorrow).
rackham_fairy

DAME SANS MERCI

Robert Anning Bell, La belle dame sans merci

The fairy is the fatal woman archetype, with her irresistible appeal, who kills her lover.
The real situation behind this tale is clear: a jealous woman because her lover has chosen to marry another one, kills him; in the norse version, he does not yield to the sexual charme, in the Scottish one he lets himself be tempted for the last time; but the result is always death: the man who let himself be guided by lust is entrapped and addicted by sex.

FAIRY RINGS

The fairy creatures love to dance and they do it in a circle holding hands and intertwining in a farandole from the unbridled rhythm. Fairies dance all moon night from dusk to dawn, but the time spent in their ring can be during seven years (or even centuries). Once you enter the circle you are forced to stay until the end of the dancing party, losing track of time and freedom. Sometimes the megalithic stones circles are considerated a Fairies Ring

Ängsälvor (Meadow Elves) Nils Blommér, 1850: we see our knight approaching the Elven Garden in the distance towards the forest

Olaf returns home, meets his mother and sends her to call his relatives and his bride. At the arrival of his bride everyone tries to hide her the evidence of the groom death by vaguely answering the perplexed questions of the future wife, until at the time of consuming the marriage on their wedding bed, the woman he finds him dead.

Arthur_Rackham_1909_Undine_(7_of_15)

In a very dramatic ending both the bride and the mother of Olaf kill themselves or die for pain!
A derivation-conclusion of the story goes on in another red thread drawn for all Europe, “the poisoned testament“, in which the son on his deathbed after being poisoned by a mysterious lady, returns home to his mother and declares his last wishes.

SWEDISH VERSION: HERR OLOF

The story is partial: Olof is the son of the King and meets the mermaid on the beach, but he accepts her magic wine and remains enchanted. The siren will certainly lead him to death.

Sjungande Danse live

Garmarna

Gjallarhorn


I
Herr Olof han sadlar sin gångare grå
Så rider han sig till havsfruns gård
Herr Olof han red guldsadeln flöt
Han sjunker i havsfruns sköt
II
Välkommen välkommen herr Olof till mig
I femton år har jag väntat på dig
Var är du födder och var är du buren
Var haver du dina hovkläder skuren?
III
På konungens gård är jag födder och buren
Där haver jag mina hovkläder skuren
Där har jag fader och där har jag mor
Där har jag syster och bror.
IV
Men var har du åker och var har du äng?
Var står uppbäddad din bruaresäng?
Var haver du din fästemö
Med henne vill leva och dö?
V
Där har jag åker och där har jag äng
Där står uppbäddad min bruaresäng
Där haver jag min fästemö
Med henne mig lyster att leva och dö
VI
Men hör riddar Olof kom följ med mig in
Och drick ur min kanna det klaraste vin.
Var är du födder var är du buren
Var haver du dina hovklädder skuren
VII
Här är jag födder och här är jag buren
Här haver jag mina hovkläder skuren
Här har jag fader och där har jag mor
Här har jag syster och bror
VIII
Men var har du åker och var har du äng?
Var står uppbäddad din bruaresäng
Var haver du din fästemö
Med henne vill leva och dö
IX
Här har jag åker och här har jag äng
Här står uppbäddad min bruaresäng
Här haver jag min fästemö
Med dig vill jag leva med dig vill jag dö
English translation
I
Sir Olof has saddled his good grey mare,
And off he has ridden to the mermaid’s lair.
His saddle of gold floated high on the waves
And down sank Sir Olof to the mermaid’s embrace (1).
II
“O welcome, Sir Olof, and welcome to me!
Full fifteen years I have  waited for thee.
“Where were you born, and where you raised,
And where   were your courtly garments made? (2)”
III
“Twas in the king’s castle I was born and raised,
And it’s there that my   courtly garments were made.
“There lives my father, there lives my   mother,
And there live my sister and brother.”
IV
“But where are your fields and where are your lands,
And where in the   world does your bridal bed stand?
“Where in the world does your true love lie,
With whom you will live and die?”
V
“There are my fields and there are my lands,
And there is the place   where my bridal bed stands.
“There is the place where my true love does  lie,
With whom I have sworn to live and to die.”
VI
“Come in now, Sir Olof, sit down by me here,
And drink from my goblet of wine so clear.
“Now where were you born, and where were you raised,
And where were your courtly garments made?
VII
“Here I was born, and here I was raised,
And here is where my courtly garments were made.
“Here lives my father,   and here lives my mother,
And here are my sister and brother.”
VIII
“But where are your fields and where are your lands,
And where in the   world does your bridal bed stand?
“Where in the world does your true love lie,
With whom you will live and   die?”
IX
“Here are my fields and here are my lands.
Here is the place where my   bridal bed stands.
“Here is the place where my true love does lie,
With you I will live and   with you I will die.”

NOTES
1) this is clearly the last love meet, in view of the upcoming marriage
2) the siren always poses the same question, just as in the inquisitorial technique typical of the secret services and the state police, the same questions are obsessively repeated until the physical and mental exhaustion of the suspect; but only after drinking the love filter Olof is completely subjected to the siren and he has forgotten his human life.

Ogham live, instrumental version

In the Swedish folk tradition we also find other melodies and text versions, see for example “Herr Olof och Älvorna”.

DANISH VERSION: ÓLAVUR RIDDARARÓS

The Danish version follows the pattern: the knight who runs in the night is invited to dance with elves and he is hit by a curse (ie he is poisoned with a magical drink) after his refusal, he preferred death rather than being subjected to the fairy kingdom .

Valravn their version stops at the point where the fairy hits the knight to death


I
Ólavur ríður eftir bjørgunum fram,
– Kol og smiður við –
Fann hann upp á eitt álvarann.
– Ungir kallar, kátir kallar,
Gangiðupp á gólv,dansð lystillig!
II
Út kom eitt taðálvafljóð,
flættað hár á herðar dró.
III
”Ver vælkomin, harra Riddararós,
kom og dans og kvød fyri os”
CHORUS
Ungir kallar, kátir kallar,

Gangiðupp á gólv,
Ungir kallar, kátir kallar,
Gangiðupp á gólv,
dansð lystillig!

(“Eg kann ikki meira hjá álvum vera,
í morgin lati eg mítt brúdleyp gera”)
IV
”vilt tú ikki meiri hjá álvum vera,
sjúkan skai eg titt brúdleyp gera.”
V
”Fyrr vil eg i morgin til moldar gå,
enn eg vil sjey vetur liggja á strá”
VI
Hon skonkti honum í drykkjuhorn
har fór i táð eiturkorn
English translation *
I
Olaf rides along the mountains
with coal and smith (1)
He came upon an elven house
Young lads, happy lads, step up on the floor (2), dance merrily
II
Out came an elven maiden
Braided hair on shoulders lay
III
“Be welcome Olaf Knightrose
come to the dance and sing for us”
Chorus

Young lads, happy lads,
step up on the floor
Young lads, happy lads,
step up on the floor
dance merrily
(“I can no longer stay with the elves
for tomorrow I will wed”)

IV
Will you no longer stay with the elves
Sick I shall make your wedding
V
I would rather  be buried tomorrow
Then lie ill for seven winters (3)
VI
She filled him a drinkinghorn
in it went a grain of poison

NOTES
* from here
1) the interlayer recalls the telluric forces and the world below
2) fairy ring because of the typical dance in the circle preferred by fairies, the fairy circles are visually highlighted by a ring of mushrooms, flowers or trampled grass.
3 )seven years is the time that the rider will have to spend in the fairy world because he will no longer be able to leave the fairy ring until the dance stops (time flows differently in the fairy world)

Another title and melody from Sweden it is Elveskud (or Elverskud)

Himmerland live

NORWEGIAN VERSION: Olav Liljekrans 

Folque Dans, dans Olav Liljekrans

I
Olav rie til berget fram,
– Det leikar under fjøll –
dei elvekvinner gjekk i dans.
– Stig av hesten og dans –
II
Elvemøyi rette hand frå seg,
– Det leikar under fjøll –
kom du Olav, trø dans’ med meg.
– Stig av hesten og dans,
dans Olav Liljekrans,
stig av hesten og dans –
III
Danse med deg eg inkje må,
i morgo’ skó mitt bryllaup stå.
IV
Olav, Olav, trø dans’ med meg,
eit hovud av gull så gjeve eg deg.
V
Eit hovud av gull det kan eg vel få,
men danse med deg eg alli må.
VI
Olav, Olav, trø dans’ med meg,
ei silkje skjorte så gjeve eg deg.
Stig av hesten og dans,
dans Olav Liljekrans,
stig av hesten og dans –
VII
Ei silkje skjorte det kan eg vel få,
men danse med deg eg alli må.
VIII
Høyre du Olav Liljekrans,
du stig av hesten og trø i dans’.
Stig av hesten og dans,
dans Olav Liljekrans,
stig av hesten og dans –
English translation *
I
Olav was riding towards the mountains
They play under the high mountains
The elven women broke into dance.
“Dismount your horse and dance”
II
The elf maid reached out her hand,
“Come now, Olav, dance with me”
III
“Dancing with you – I can not,
for tomorrow my wedding is to be held.”
IV
Olav, Olav, come dance with me,
a “head”(1) of gold, I shall grant thee.
V
A “head” of gold, I wouldn’t mind having,
but dancing with you – that I’ll never do!
VI
Olav, Olav, come dance with me,
a silken shirt so I will give you.
VII
A silken shirt, I would gladly have,
but dancing with you – that I’ll never do!
VIII
Listen up, Olav Liljekrans,
you get off your horse, and start dancing!(2)

NOTES
* from here
1) ancient unit of measurement
2) the ballad breaks in half, the modern versions in practice halve the ancient narration, leaving at the same time space for an open ending

ENGLISH VERSION: DANCE WITH ME

The English version takes up the story as handed down by the Norwegian tradition.
In his essay Giordano Dall’Armellina highlights the erotic link between knight and fatal woman: “eroticism is permeated with magic, where reason loses touch with rational reality and promises magnificent gifts.”

Steeleye Span from All Around My Hat, 1975

I
A knight he rode his lonely way
Thinking about his wedding day (1)
As he rode through a forest near
The elf king’s daughter did appear
II
Out she stepped from the elfin band
Smiling she held out her hand
“Welcome Sir Knight, why such speed?
Come with me the dance to lead”
Chorus
Dance, dance, follow me
Round and round the greenwood tree
Dance, dance, while you may
Tomorrow is your dying day
Dance with me, dance with me
III
“Listen Sir Knight come dance with me,
Spurs of gold I’ll give to thee”
“Dance neither I will give nor may
Tomorrow is my wedding day”
IV
“Please Sir Knight come dance with me
A shirt of silk I’ll give to thee
A shirt of silk so white and fine
My mother has bleached
in the moon-beams shine”
V
“Please Sir Knight come dance with me
A crown of gold I’ll give to thee”
“Your crown of gold I’ll freely take
But I’ll not join your elfin wake”
VI
“Do you refuse to dance with me
A plague of death shall follow thee”
Between his shoulders a blow she dealt, such a blow he’d never felt

NOTES
1) while in the Scandinavian versions we imagine that the knight runs from his lover for a last night of passion, here and in the poetic version of Johann Gottfried von Herder a motive (or excuse) is more explicit: bring invitations to the guests for the imminent marriage

The Danish versions (Elverskud) had influence on German literature and the poet Johann Gottfried von Herder (1744-1803) translated the ballad into German with the name of Der Erlkönigs

Even Goethe was inspired by history to write a romantic ballad – taken from italian Carducci with the title “La figlia del Re degli Elfi”.

second part

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/oluf.htmhttp://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/saggio1.htmhttp://www.traditionalmusic.co.uk/child-ballads-v2/child8-v2%20-%200371.htmhttp://balladspot.blogspot.com/2016/03/sir-olof-and-elves.htmlhttp://lyrics.wikia.com/wiki/T%C3%BDr:%C3%93lavur_Riddarar%C3%B3s/en

Sunfair and the Dragon King

Leggi in Italiano

Solfager og Ormekongen (Sunfair and the Dragon King) is a very old Norwegian ballad, which became popular in the musical arrangement by Edvard Grieg (Norwegian Dances and Songs, op 17 -1870), a kilomentric ballad in an archaic Norwegian translated into English by Christopher Norman [Ragnar Christophersen](in Norway Sings – A Collection of Norwegian Folk Songs, Norsk Musikkforlag, 1940). The ballad is widespread in Sweden under the title Jungfru Solfager.

Arthur Rackham: Siegfried And The Twilight Of The Gods

The ballad is part of a chivalrous genre that portrays the medieval nobility by showing its drives and dramas; they are mostly tragic love songs, but also they talk about murky passions and domestic violence, infidelity and passional crimes.
The plot is as follows: King David leaves his betrothed Sunfair to travel abroad. While he is away his brother Ormekongen (the Dragon King), tries to seduce Sunfair. She resists and the Dragon King gives her a potion to make her lose consciousness. He then buries her apparently dead body, but later steals her secretly from the grave and leaves the country with her. King David follows disguised as a pilgrim. He reveals himself to Sunfair and brings her back home again. (from here)

Jean-Luc Lenoir from “Old Celtic & Nordic Ballads” 2012 (Joanne McIver voice) 

I
The King of the Dragons (1) came
a riding on his mare,
And the maiden was so young.
Sunfair stood waiting
and sunned her golden hair.
I love to ride out in the meadows.
II
And do you hear, my Sunfair,
what I order thee?
Thou’lt leave King David
and be betrothed to me.
III
Never shall it come to pass
while I do live,
That I two brothers
should my pledge give.
IV
Three magic potions in her cup
he went and poured;
Sunfair drank and swoon’d
without a word.
V
To King David came the message
sinister and dread!
Sunfair, your love,
your sweetheart, is dead!

NOTES
1) In knightly ballads all knights are identified with symbols that characterize their good or bad nature, in general marked by colors (Green Knight, Red Knight, Black Knight) but here the evil one is the king’s brother: “ormr” in Old Norse means “snake”, a legendary serpentiform creature symbol of war and pestilence, a dragon-snake able to take human form, and yet in this context the dragon king is probably a name that indicates his ruthlessness and resoluteness in the battle. The term dragon for an armed infantry unit armed with arquebus (sputafuoco) dates back to the fifteenth century

Solfager and the Snake King, Op. 17 No. 12 (Edvard Grieg)

Bruno Vlahek

Håvard Gimse

Ellen Bødtker from Villveng 2017

LINK
http://tredwellsmusic.com/norway-sings-a-collection-of-norwegian-folk-music-songbook-sheet-music-out-of-print
http://www.visearkivet.no/pdf_filer/diverse_artikler/english/all_for_his_maiden_fair.pdf
http://www.bokselskap.no/boker/fagartiklarogtittelregister/espeland2
https://wunderkammern.wordpress.com/2012/10/18/le-ballate-norvegesi-i/
http://www.listento.no/mic.nsf/doc/art2002092015093372007782

Solfager og Ormekongen

Read the post in English

Solfager og Ormekongen (Sunfair and the Dragon King) è una ballata norvegese molto antica, diventata popolare nell’arrangiamento per piano di Edvard Grieg (Danze e canti norvegesi, op. 17 -1870), una ballata kilomentrica in un norvegese arcaico tradotta in inglese da Christopher Norman [Ragnar Christophersen] (in Norway Sings – A Collection of Norwegian Folk Songs, Norsk Musikkforlag, 1940). La ballata è diffusa in Svezia con il titolo Jungfru Solfager.

Arthur Rackham: Siegfried And The Twilight Of The Gods

La ballata si colloca nell’ambito cavalleresco un genere che ritrae la nobiltà medievale mostrandone pulsioni e drammi; sono per lo più tragiche canzoni d’amore, ma anche di torbide passioni e violenze domestiche, infedeltà e crimini passionali.
La sinossi della trama è la seguente: il re David lascia la sua promessa sposa Sunfair per viaggiare all’estero. Mentre è via suo fratello Ormekongen (il Re Dragone) cerca di sedurre Sunfair. Lei resiste ed il Re Dragone le dà una pozione per farle perdere i sensi, poi seppellisce il suo corpo apparentemente senza vita, e successivamente la rapisce in segreto dalla tomba e lascia il paese con lei. Il re Davide lo segue travestito da pellegrino. Si rivela a Sunfair e la riporta a casa. (tratto da qui)

Jean-Luc Lenoir in “Old Celtic & Nordic Ballads” 2012 (voce Joanne McIver) 

I
The King of the Dragons (1) came
a riding on his mare,
And the maiden was so young.
Sunfair stood waiting
and sunned her golden hair.
I love to ride out in the meadows.
II
And do you hear, my Sunfair,
what I order thee?
Thou’lt leave King David
and be betrothed to me.
III
Never shall it come to pass
while I do live,
That I two brothers
should my pledge give.
IV
Three magic potions in her cup
he went and poured;
Sunfair drank and swoon’d
without a word.
V
To King David came the message
sinister and dread!
Sunfair, your love,
your sweetheart, is dead!
Traduzione italiana
I
Il Re dei Dragoni giunse
a cavallo della sua giumenta
e la fanciulla era tanto giovane.
Bel Sole era lì in attesa
ad asciugare al sole i suoi capelli d’oro.
Adoro passeggiare per i prati.
II
“E tu senti, mia Bel Sole,
cosa ti ordino?
Tu lascerai re Davide
e sarai la mia promessa.”
III
“Mai accadrà
fin quando vivo
che io a due fratelli
faccia il mio voto nunziale.”
IV
Egli giunse e tre pozioni magiche
versò nella sua coppa;
Bel Sole bevve e svenne
senza una parola.
V
A Re Davide giunse la notizia
sinistra e terribile!
Bel Sole, il tuo amore,
il tuo tesoro, è morta!

NOTE
* traduzione tratta da qui
1) nelle ballate cavalleresche i cavalieri sono identificati con simboli che caratterizzano la loro natura buona o cattiva, in genere si fa ricorso ai colori (Cavaliere Verde, Cavaliere Rosso, Cavaliere Nero) ma qui il malvagio è il fratello del re: “ormr” in norreno antico significa “serpente”, una leggendaria creatura serpentiforme simbolo di guerra e pestilenza, un drago-serpente in grado di prendere forma umana, e tuttavia in questo contesto il re dragone è probabilmente un appellativo che ne indica la spietatezza e risolutezza nella battaglia. Il termine dragone per indicare un’unità di fanteria a cavallo armati di archibugio (sputafuoco) risale al XV secolo

Solfager and the Snake King, Op. 17 No. 12 (Edvard Grieg)

Bruno Vlahek

Håvard Gimse

Ellen Bødtker in Villveng 2017

FONTI
http://tredwellsmusic.com/norway-sings-a-collection-of-norwegian-folk-music-songbook-sheet-music-out-of-print
http://www.visearkivet.no/pdf_filer/diverse_artikler/english/all_for_his_maiden_fair.pdf
http://www.bokselskap.no/boker/fagartiklarogtittelregister/espeland2
https://wunderkammern.wordpress.com/2012/10/18/le-ballate-norvegesi-i/
http://www.listento.no/mic.nsf/doc/art2002092015093372007782

SANTO STEFANO IN SCANDINAVIA

stefan2_jpgTra i canti per Santa Lucia (vedi) in Scandinavia quelli su Santo Stefano rispecchiano maggiormente la tradizione pre-cristiana dei festeggiamenti di Yule (Vedi).
In questi Stefano Stefano secondo la leggenda medievale diffusa da  Giovanni di Hildesheim  a volte è uno stalliere, a volte un servitore alla mensa di Erode, altre volte un cacciatore. Stefano fu il primo a vedere la stella di Betlemme e lasciò la corte di Erode per seguire Gesù. Una antica ballata doveva circolare per l’Europa medievale sulla suggestione della leggenda le cui tracce si conservano nei paesi del Nord.

Un tempo Staffan Stalledräng era una canzone di questua di fattoria in fattoria cantata dai ragazzi (i ragazzi della Stella, Stjärngosse) nei giorni prima di Natale per raccogliere dei piccoli doni.
“In Svezia in origine lo stjärngosse era legato al tredicesimo giorno, che era il giorno in cui i tre saggi veneravano Gesù portando oro, incenso e mirra. Nel corso del 1800 però gli elementi dello stjärngosse furono traslati in una processione che aveva luogo il giorno di santo Stefano, il 26 dicembre. Alcune fonti indicano delle canzoni che venivano tradizionalmente cantate durante la processione di santo Stefano . Queste canzoni seguono la leggenda raccontata da Giovanni di Hildesheim nel 1370, per cui Stefano, che era lo stalliere del re Erode, vide per primo la stella di Betlemme (cui è legata appunto la tradizione dello stjärngosse) e chiamò il re Erode dicendogli che era nato un nuovo re.
Le tradizioni associate con la processione della stella e lo stjärngosse divennero confuse, probabilmente anche a causa della regolamentazione per le feste natalizie. Secondo la legge medioevale che venne chiamata julfriden il periodo di festività natalizie durava dal giorno di san Tommaso, il 21 dicembre, fino al ventesimo giorno dopo Natale. Ciò fu in vigore fino al 1770, esattamente come lo stjärngosse, che apriva la parte pubblica delle celebrazioni natalizie con una cavalcata da un villaggio al villaggio vicino per abbeverare i cavalli e gioire della festa. Similmente, il 7 gennaio giorno di san Knut Lavards era quello che chiudeva il periodo di festa. Il detto del giorno è Knut jagar julen ut ovvero “Knut caccia via il Natale” (esattamente come il nostro detto “L’Epifania tutte le feste si porta via”).” 
(tratto da qui)

Il costume del ragazzo-stella è piuttosto buffo, un lungo camicione bianco completato da un copricapo a cono (decorate con stelline)  e bacchetta con la stella in punta. Sono i valletti di Santa Lucia che indossa lo stesso camicione da notte bianco cinto da una fascia di raso rossa e con in capo la coroncina di candele. continua

Le versioni della canzone sono innumerevoli tra Svezia, Norvegia e Danimarca con testi più o meno lunghi come una ballata, ma tutti riferiti all’avvistamento della Stella di Betlemme. 

Folk & Rackare

VERSIONE SVEDESE: Staffan Stalledräng (SMB 39)


Staffan var en stalledräng
Stalledräng, stalledräng
Han vattnar sina fålar fem
Allt för den ljusa stjärnan –
Ingen dager synes än,
synes än Men
stjärnorna på himmelen de blänka
Hastigt lägges sadeln på
Innan solen månd’ uppgå, månd’uppgå
Bästa fålen apelgrå
Den rider Staffan själv uppå, själv uppå
Ingen dagen synes än, synes än Men
stjärnorna på himmelen de blänka
TRADUZIONE ITALIANO (da qui)
Stefano era un garzone di stalla
Uno stalliere, stalliere
Dà da bere ai cinque suoi puledri
Tutto per la stella lucente (1) –
Non si vede ancora l’alba,
non si vede ancora
Ma le stelle nel cielo brillano
In fretta si mette in sella (2)
Prima che il sole sorga,
il sole sorga
Il miglior puledro pezzato
Lo cavalca Stefano, lo cavalca –
Non si vede ancora l’alba, non si vede ancora, Ma le stelle nel cielo brillano

NOTE
1) la stella di Betlemme che annuncia la nascita di Gesù
2) Stefano cavalca tutta la notte

TRADUZIONE INGLESE
I
Staffan was a stableman
We thank him now so well
He waters his ponies five,
all for the bright star
No daylight was seen yet,
stars on the sky they shine
II
Saint Stephen was riding his horses to water
Watch with us Christmas night!
When he saw a star in the eastern land
Watch with us all mankind!
The star shone above the town of Bethlehem
Watch with us Christmas night!
But brightest above the house where the child lay
Watch with us all mankind!”

continua

FONTI
http://www.jullovet.se/julsanger-lyrics/luciasanger/staffansvisan/
http://www.resurspoolen.se/2014/12/fran-jul-till-trettonhelgen/

CORVI E CORVACCI

I corvi non cantano ma gracchiano, sono onnivori anche se prediligono gli occhi dei morenti. Dotati di intelligenza sembrano guardare il mondo con molta attenzione e riescono a memorizzare e a distinguere i volti delle persone, possono anche imparare a parlare con voce umana e a imitare il richiamo di altre specie. Lo sguardo del corvo mette a disagio, un disagio mistico magistralmente descritto da Edgar Allan Poe nella poesia “Il Corvo” (qui)


Open here I flung the shutter,
when, with many a flirt and flutter,
In there stepped a stately Raven of the saintly days of yore;
Not the least obeisance made he;
not a minute stopped or stayed he;
But, with mien of lord or lady,
perched above my chamber door—
Perched upon a bust of Pallas just above my chamber door—
Perched, and sat, and nothing more.
Traduzione di Antonio Bruno qui
Quindi io spalancai l’imposta;
e con molta civetteria, agitando le ali,
si avanzò un maestoso corvo dei santi giorni d’altri tempi;
egli non fece la menoma riverenza;
non esitò, nè ristette un istante
ma con aria di Lord o di Lady,
si appollaiò sulla porta della mia camera,
s’appollaiò, e s’installò – e nulla più.

LA LUNA DEL CORVO

Il corvo imperiale stanziale (Corvus corax) è maestoso quello nero comune (Corvus frugilegus) è migratore e torna in Europa nel mese di Febbraio; nella tradizione celtica c’è una luna a lui dedicata, la luna del corvo, che saluta il suo ritorno.
I corvi sono considerate creature magiche ambivalenti tra luce e tenebra. Per spiegarne la duplice natura molte sono le leggende che li vedono nati con il bianco piumaggio diventato nero in seguito al capriccio di un dio.

Particolare importanza riveste nella mitologia nordico-germanica e in quella celtica. Tra i Germani i corvi sono sacri a Wotan-Odino, e i suoi due corvi Huginn e Muninn (“pensiero” e “memoria”) volano nel mondo a raccogliere ogni informazione, per poi tornare a riferirla al dio sovrano. Lo seguono anche nella furiosa caccia selvaggia, e nella mitologia celtica sono sacri tanto a Lug dalla lunga lancia (così simile a Odino), quanto alla Morrigan, dea del furor guerriero e della morte in battaglia. In un mito gallese Owein è un eroe “sovrano di corvi” e si scontra con il seguito di Artù. (tratto da qui)
Nelle mitologie nordiche il corvo è il messaggero del regno spirituale (Odino/Wotan e Lugh) foriero di presagi funesti come la morte o l’appressarsi di una battaglia. La Morrigan irlandese nella sua triplice forma è la regina dei Morti ma anche dea della fertilità: sui campi di battaglia era Macha la sanguinaria che assumeva la forma di corvo (o cornacchia) continua.

KRÅKA

Dalla Norvegia una strana canzoncina sui corvi che si avvale di immagini paradossali nel descrivere l’utilizzo del corpo di un corvo ucciso da un boscaiolo: come nella canzoncina scozzese sullo scricciolo (the Cutty Wren)

ASCOLTA Kerstin Blodig & Ian Melrose in Kelpie, 2002. Il duo è una sorta di sottogruppo dei “Norland Wind”. Ian Melrose è originario di Ayr, Scozia, un eccellente chitarrista acustico con la sua tecnica di fingerpicking. Kerstin è norvegese e ha studiato musicologia e lingue  e culture scandinave all’Università di Berlino e di Bergen. Il cd è una riuscita fusione tra due tradizioni musicali del Nord Europa

Å mannen han gjekk seg i vedaskog
sutta ti loti lenta
der såg han ei kråke i lunden som gol
sutta ti loti lenta
Og mannen han tenkte med sjølve seg
å, tro om den kråka vil drepa meg?
Så spende han fore sin boge for kne
så skaut han den kråka så ho datt ned
Så spende han fore dei folane tolv
så kjøyrde han kråka på låvegolv
Og kjøtet han salta i tynner og fat
og tunga han hadde til julemat
Av skinnet så gjorde han tolv par skor
det beste paret det gav han til mor
Av nebbet så gjorde han kyrkjebåt (1)
så folk kunner ro bade frå og åt
Av tarmane gjorde han tolv par reip
Og klørne han brukte til møkkagreip
Av augo så gjorde han stoveglas
og nakken han sette på kyrkja til stas
Og munnen han brukte til mala korn
og øyro han brukte til tutahorn
Og hjartet han sette på fiskekrok
og ingen har sett slik en fisk han drog
Og den som ‘kje kråka kann nytta så
han er ikkje verd ei kråka å få!

The man went into the forest to chop wood
There he saw a crow a-crowing
He thought to himself
Oh, I fear the crow will take my life
So he bent his bow on his knee
And shot the crow down
Then he harnessed his twelve young horses/And pulled the crow onto the barn floor
He salted the meat and put it in barrels and casks/And the tongue he had as his Christmas meal
He made twelve pairs of shoes form the skin
The best pair of which he gave to his mother
The beak he made into a church-boat
So people could row both to and fro
He made twelve pairs of ropes from the intestines
The claws he turned into a pitchfork
He made the eyes into window-panes
The neck he put up on the church for decoration
He used the mouth for grinding corn
The ears he made into a horn
The heart he put on a fishing hook
And you should have seen the fish he caught!
But whoever cannot make such good use of a crow
Does not deserve to catch one!
Traduzione italiano di Cattia Salto
L’uomo andò nella foresta a tagliare legna e là vide un corvo gracchiare.
Disse tra sè
“Ho paura che il corvo si prenda la mia vita” così piegò l’arco sul ginocchio
e colpì il corvo.
Poi bardò i suoi 12 puledri
e portò il corvo sul pavimento della stalla,
salò la carne e la mise in botti e casse
e tenne la lingua per il suo pasto di Natale,
fece 12 paia di scarpe dalla pelle
e il miglior paio di queste le diede alla madre,
del becco fece una barchetta (1)
così la gente poteva vogare avanti e indietro,
fece 12 paia di corde dall’intestino
e gli artigli li trasformò in un forcone,
fece con gli occhi i vetri per le finestre
e il collo lo mise sulla cima della chiesa come ornamento,
usò la bocca per macinare il grano
e dalle orecchie fece un corno,
il cuore lo mise su un amo da pesca
e avreste dovuto vedere i pesci che prendeva!
Ma colui che non riesce a fare un così buon uso di un corvo
non merita di catturarne uno

NOTE
1) kyrkjebåt è una barchetta con 4-6 remi che poteva ospitare una piccola comunità o famiglia negli spostamenti a scopi rituali

CORVI BRITANNICI

Che i corvi siano animali domestici è ampiamente dimostrato dal loro stanziamento presso la Torre di Londra.
La presenza di questi corvi è tradizionalmente ritenuta una protezione della Corona britannica e della Torre stessa; una superstizione legherebbe il destino dei corvi a quello della corona britannica: “se i corvi della Torre di Londra moriranno o voleranno via, la Corona cadrà e con essa la Gran Bretagna” (tratto da wikipedia)

Tra le filastrocche per bambini dal titolo One for Sorrow c’è quella che insegna a contare con 10 gazze ma anche 10 corvi :
One for sorrow,
Two for joy,
Three for a girl,
Four for a boy,
Five for silver,
Six for gold,
Seven for a secret,
Never to be told.
Eight for a wish,
Nine for a kiss,
Ten for a bird,
You must not miss.

e ancora tra le nursery rhymes della tradizione scozzese la filastrocca sui tre corvi appollaiati sul muretto (qui) ovvero ciò che resta della ballata medievale sui corvi (Child ballad # 26) e il cadavere di un cavaliere  (qui)

Concludo con una canzoncina in stile “Reinassance Rock” scritta da Candice Night: ASCOLTA Blackmore’s Night “Three black Crows” in Ghost of a Rose 2003


I
3 black crows were sitting on a fence
Watching the world pass them by
Laughing at humanity and its pretense
Wondering where next to fly…
And they cackled in joy and dove through the air/ Like the winds of a hurricaine
And they spread their wings as if to declare “Onward , let freedom ring!”

(bridge)
3 black crows were sitting on a fence
Watching the world pass them by

II
3 black crows  sitting in a tree
Looking down on mankind
Loving how it feels to be so free
Leaving us far behind…

(bridge)
3 black crows are sitting in a tree
Watching the world pass them by
traduzione italiano di Cattia Salto
I
3 corvi neri erano appollaiati sullo steccato, a guardare  il mondo morire.  Ridevano dell’umanità e le sue pretese, interrogandosi sul prossimo volo..
Gracchiavano felici e vorticavano nell’aria come i venti di un uragano.
Un frullo d’ali come per dichiarare
“Avanti, che risuoni la libertà!”

(ponte)
3 corvi neri erano appollaiati sullo steccato a guardare il mondo morire.

II
3 corvi neri appollaiati sull’albero
a guardare giù, verso il genere umano,
amando come ci si sente ad essere liberi e a lasciarci a terra…

(ponte)
3 corvi neri appollaiati sull’albero
a guardare il mondo morire.

continua la ballata Twa Corbies
continua la ballata Three Ravens
continua la filastrocca Three Crows

FONTI
https://renucioboscolo.com/2015/09/10/droni-e-corvi-gli-uccelli-e-popoli-corvi-quali-sinistri-e-presagi/
https://www.cibocanigatti.it/uccelli/rapaci-e-altri-uccelli/corvo.asp
https://www.cavernacosmica.com/simbologia-del-corvo/
http://www.centrostudilaruna.it/simbolismodelcorvo.html
http://afterlifeworld.altervista.org/simbologia-e-significato-il-corvo/
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Morrigan.htm
https://angloamericanstudio.wordpress.com/2013/06/12/i-corvi-della-torre-di-londra/

GALLOWS POLE & PAESI SCANDINAVI

La ballata popolare “Gallows pole”, “The Maid Freed From The Gallows”, “The Prickly Bush oppure “The Hangman”, “Highwayman” viene dalle Isole Britanniche classificata tra le Child ballads al numero 95.
In origine era un’antica storia  del Vecchio Continente risalente al Medioevo in cui è una fanciulla ad essere in attesa di giudizio per aver perso  un bene prezioso che le era stato affidato.  (vedi prima parte)

LE VERSIONI SCANDINAVE

Anche nei paesi scandinavi troviamo un tema analogo con la ragazza che diede ai parenti il pagamento del suo riscatto (per lo più in armenti o beni preziosi), e li maledice per il loro rifiuto. Il sotto tema delle maledizioni è presente pure nelle versioni magiare della canzone (vedi)

La versione svedese vede la fanciulla venduta dal padre ai pirati (o in altre versioni catturata dai pirati) e il fidanzato che la riscatta e la prende in moglie.

ASCOLTA Garmarna – Den bortsålda

I
Det bodde en herre på Sartavalla ö
Han sålde sin dotter alltför en halva brö
Du må nu komma till det Judiska land till att vandra
II
Sjömännerna de kasta sina åror över bord
Skön jungfrun hon vrider sina händer uti blod
Å kära mina sjömänner i vänten en stund
Jag ser min broder komma i rosende lund
III
Å kära min broder du haver ej mer än guldfålarna två
Den ena kan du sälja och lösa mig igen
Jag vill ej komma till det Judiska land till att vandra
IV
Ej haver jag mer än guldfålarna två
Men ingen kan jag sälja och lösa dig igen
Du må nu komma till det Judiska land till att vandra
V
Sjömännerna de kasta sina åror över bord
Skön jungfrun hon vrider sina händer uti blod
Å kära mina sjömänner i vänten en stund
Jag ser min fästman komma i rosende lund
VI
Å kära min fästeman du haver ej mer än guldringarna två
Den ena kan du sälja och lösa mig igen
Jag vill ej komma till det Judiska land till att vandra
VII
Ej haver jag mer än guldringarna två
Den ena ska jag sälja den andra ska du få
Du må ej komma till det Judiska land till att vandra
traduzione da qui
I
There lived a gentleman on Sartavalla Island
He sold his daughter all for a half a loaf of bread
May you wander the land of the Jews
II
The sailors cast their oars overboard
The beautiful maid she wrings her hands till they bleed
Oh my dear sailors wait a moment
For I see my brother coming in the rosy grove
III
Oh my dear brother you haven´t more than two shimmering horses
One you can sell, and release me again
I do not want to wander in the lands of the Jews
IV
Oh yes I have only two shimmering horses
But neither can I sell to release you again
May you come to wander in the lands of the Jews
V
The sailors cast their oars overboard
The beautiful maid she wrings her hands till they bleed
Oh my dear sailors wait a moment
For I see my loved one coming in the rosy grove
VI
Oh my dear one, you haven´t more than two golden rings
One you can sell and release me again
I do not wish wander in the lands of the Jews
VII
I haven´t more than two golden rings
One shall I sell, the other shall be yours
You won´t be wandering in the land of the Jews
tradotto da Cattia Salto
I
C’era un signore nell’isola
di Sartavalla
che vendette la figlia per mezza pagnotta -che tu possa vagare nella terra dei Giudei (1)
II
I marinai gettano i loro remi in mare
e la bella fanciulla si torce la mani fino a farle sanguinare “Oh cari marinai attendete per un momento
perchè vedo mio fratello venire dal roseto!”
III
“Oh caro fratello non hai che due cavalli
uno lo puoi vendere e riscattarmi,
non voglio vagare nelle terre dei Giudei (2)”
IV
“Oh si ho solo due
cavalli
ma non ne posso vendere nessuno per riscattarti di nuovo”
“che tu possa andare a vagare per le terre dei Giudei”
V
I marinai gettano i loro remi in mare
e la bella fanciulla si torce la mani fino a farle sanguinare
“Oh cari marinai attendete per un momento perchè vedo il mio innamorato venire dal roseto”
VI
“Oh amore mio non hai che due anelli d’oro
uno lo puoi vendere e riscattarmi,
non voglio vagare nelle terre dei Giudei”
VII
“Non ho che due anelli d’oro
uno lo venderò e l’altro sarà tuo”
“tu non vagherai per la terra dei Giudei (4)”

NOTE
1) mi sembra logico intendere l’espressione come una maledizione verso il padre che l’ha venduta ai pirati per un tozzo di pane. Ciò che la storia non dice è che la fanciulla ha perso il suo valore non essendo più vergine.
2) qui invece è la fanciulla che supplica il fratello perchè paghi il riscatto temendo di finire chissà dove in terra straniera. Il termine  Judiska land è singolare da intendersi come terra incognita e lontana una terra piena di tribolazioni.
3) con il primo anello il fidanzato comprerà il suo riscatto e con il secondo la sposerà restituendole così l’onore
4) la frase si potrebbe intendere come una benedizione detta dalla fanciulla

ASCOLTA Maija Karhinen & Lassi Logrén Lunastettava neito – la versione finlandese di cui al momento non trovo il testo

FONTI
https://forum.wordreference.com/threads/swedish-det-judiska-land.2456828/
http://lyricstranslate.com/en/den-bortsalda-sold-away.html

THE TWA SISTERS BY MALINKY

La ballata “The two sisters” è originaria dalla Svezia o più in generale dai paesi scandinavi (in epoca pre-cristiana) e si è diffusa largamente fin dal Medioevo in alcuni paesi dell’Est e nelle isole britanniche anche nelle fiabe
(vedi prima parte)

LA VERSIONE SCANDINAVA: De två systrarna

Le due sorelle sono spiritualmente agli opposti buona la bionda, cattiva la bruna, il colore bruno ha anche una valenza estetica negativa, non che la sorella bruna sia più brutta, ma piace meno per il colore dei suoi capelli. Nella società norrena sono gli stranieri ad essere bruni, e quindi ad essere guardati con sospetto e diffidenza.

ASCOLTA Kalenda Maya

ASCOLTA Folk&Rackare


I
Där bodde en bonde vid sjöastrand
Blåser kallt kallt väder över sjön
Och tvenne döttrar hade han
Blåser kallt kallt väder över sjön
II
Den ena var vit som den klara sol
Blåser kallt kallt väder över sjön
Den andra var svart som den svartaste kol
Blåser kallt kallt väder över sjön
III
Vi tvättar oss bägge i vattnet nu
Blåser kallt kallt väder över sjön
Så blir jag väl som viter som du
Blåser kallt kallt väder över sjön
IV
Å tvättar du dig både nätter och dar
Blåser kallt kallt väder över sjön
Så aldrig du blir som viter som jag
Blåser kallt kallt väder över sjön
V
Och som de nu stodo på sjöastrand
Blåser kallt kallt väder över sjön
Så stötte den fulaste sin syster av sand
Blåser kallt kallt väder över sjön
VI
Kära min syster du hjälp mig i land
Blåser kallt kallt väder över sjön
Och dig vill jag giva min lille fästeman
Blåser kallt kallt väder över sjön
VI
Din fästeman honom får jag ändå
Blåser kallt kallt väder över sjön
Men aldrig ska du mer på gröna jorden gå
Blåser kallt kallt väder över sjön

VII
Där bodde en spelman vid en strand
Blåser kallt kallt väder över sjön
Han såg i vattnet var liket det sam
Blåser kallt kallt väder över sjön
VIII
Spelemannen henne till stranden bar
Blåser kallt kallt väder över sjön
Och gjorde av henne en harpa så rar
Blåser kallt kallt väder över sjön
IX
Spelemannen tog hennes guldgula hår
Harporsträngar därav han slog
Spelemannen tog hennes fingrar små
Gjorde harpan tapplor på
Spelemannen tog hennes snövita bröst
Harpan hon klinga med ljuvelig röst
X
Så bar harpan i bröllopsgård
Blåser kallt kallt väder över sjön
Där bruden hon dansar med gulleband i hår
Blåser kallt kallt väder över sjön
XI
Trenne slag uppå gullharpan rann
Blåser kallt kallt väder över sjön
Den bruden har tagit min lille fästeman
Blåser kallt kallt väder över sjön
XII
Om söndan så satt hon i brudstol röd
Blåser kallt kallt väder över sjön
Om måndan hon brändes i aska och dö
Blåser kallt kallt väder över sjön
NOTA
Si rimanda la traduzione e il commento alla versione trasposta in scozzese da Steve Byrne

ASCOLTA Malinky in Far Better Days 2015 nella traduzione scozzese messa in rima da Steve Byrne
“This is a Swedish version of the weel-kent ballad which Steve translated into Scots. We first heard this during a tour of Sweden in 2003 when we were introduced to the music of the band Folk och Rackare, as Malinky had been advertised as “the Scottish Folk & Rackare” – namely a band which took old traditional ballads and made them anew. We were delighted to perform a duet Swedish/Scots version with the band Ranarim at the Celtic Connections festival in Glasgow in 2007. The harp metaphor is often found as a fiddle in Scottish versions.”

TRADUZIONE S. Byrne
A fermer he bade on the white sea strand
Blaws a cald cald weather ower the faim
And twa fine dochters had this man
Blaws a cald cald weather ower the faim
The ane wis bricht as the clearest sun
The ither she wis black as the blackest coal
“We twa maun ging wash in the watter noo
So I micht mak masel sae milkwhite as you”
“Gin ye wash as the nicht and the leelang day
Ye’ll ne’er mak yersel sae milkwhite as me”
Syne they baith stood on the white sea strand
So stotted the black ane her sister aff the sand
“Oh sister, oh sister help me tae land
An ah’ll gie tae you ma bonniest leman”
It’s weel Ah’ll hae yer fair leman
But nae mair upon this green earth ye’ll gang”
There bade a harper on the strand
He spied in the water a deid body swam
The harper he’s brocht her body fair
He’s made fae her breist bane a harp sae rare
The harper he’s taen her gowden hair
Harpin strings he’s made frae her
The harper he’s taen her fingers sma
He made the harp pegs frae them sa
He’s pit them tae her white breist bane
The harp it rang wi a voice tae melt stane
He’s taen the harp tae the merriage fayre
The bride she danced wi a gowd band in her hair
Twa blaws up on the gowd harp rang
This bride she has taen ma fairest leman
On Sunday she sat on the bride stool reid
On Monday she wis burned intae ashes and she deed
Traduzione di Cattia Salto
Viveva un possidente terriero (1) sulla bianca spiaggia del mare
soffia un vento freddo sui flutti
e due belle figlie aveva quest’uomo!
soffia un vento freddo sui flutti
Una era bionda come il sole più chiaro,
l’altra era mora come il carbone più nero.
“Andiamo a bagnarci nelle
acque adesso
così che anch’io possa essere così luminosa come te” (2)
“Anche se ti lavassi per una notte e un intero giorno
non potrai mai essere anche tu così pallida come me”
Mentre insieme stavano sulla bianca spiaggia del mare
quella mora spinse la sorella
nell’acqua
“O sorella, sorella, aiutami a toccare il fondo e ti darò il mio bellissimo
fidanzato”
“Io mi prenderò il tuo bell’amante in ogni caso, ma tu non camminerai mai più su questa terra”
Poi un arpista passò per la spiaggia
e vide nell’acqua il corpo di un cigno morto.
L’arpista prese il suo bel corpo
e ricavò dalle sue ossa pettorali un’arpa così particolare,
l’arpista prese i suoi biondi capelli
e ne ricavò le corde per suonare
l’arpista prese le ossa delle sue piccole dita per ricavarne i piroli
e li sistemò sulle bianche ossa
pettorali
l’arpa si mise a suonare con una voce da intenerire le pietre (3).
Egli portò l’arpa alle ricche(4)
nozze
la sposa danzava con una corona d’oro tra i capelli
due accordi risuonarono dall’arpa dorata
“Questa sposa ha preso il mio bellissimo fidanzato”
Domenica sedeva sul seggio arrossato (5) della sposa
lunedì venne bruciata sul rogo
e morì

NOTE
1) farmer in questo contesto non significa un umile contadino quanto piuttosto un possidente terriero, un capo clan: è comunque un contadino-guerriero, ma possiede molte terre e bestiame
2) questo riferimento ai bagni nell’acqua per rischiarare la pelle non è insolito nelle ballate più antiche, parrebbe un’incongruenza , caso mai la fanciulla avrebbe potuto schiarirsi i capelli con pigmenti e bagni di sole, trattamenti cosmetici non ignoti nell’antichità; con il termine bianco nelle lingue più antiche si intende una colorazione chiara, ovvero un tipo di carnagione luminosa come la porcellana (bianco latte o bianco perla) ossia pallida ed esangue abbinata al capello di un biondo quasi argenteo anch’esso splendente, da qui l’aura dorata che si sprigiona dalla sorella bionda. La colorazione nera è da intendersi  non tanto per la pelle ma per il colore dei capelli. E’ interessante notare che si usa dire “dilavato” per indicare un aspetto pallido ed esangue, l’acqua erodendo e diluendo ha il potere di sbiadire il colore, da qui probabilmente il significato del bagno.
3) il suono dell’arpa ha il potere di “fondere la pietra”, da intendersi in senso figurato “un cuore di pietra” nelle versioni scozzesi più tarde viene tradotto in senso spaziale cioè che l’arpa inizia a suonare una volta posata su una pietra. L’estressione intenerire le pietre non è peraltro insolita in italiano
4) fayre, faire sta per fair riferito al banchetto di nozze si intende come ricco, sfarzoso
5) rosso non è tanto riferito al colore della sedia quanto alla macchia di sangue che sgorga, si presume dalle mani, della sorella assassina: è il sangue della colpa che rende manifesto il colpevole. E sempre nelle antiche ballate si trova una vasta letteratura in tal senso.

FONTI
http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/saggio6.htm

Herr Mannelig, sposami! dice la trolla

Read the post in English

Un filo rosso collega i vari paesi d’Europa, che un tempo antico fu unito se non politicamente almeno culturalmente dalle storie cantate dai giullari e menestrelli girovaghi. Così vediamo come il tema della Morte Occultata partito dal Nord dei Paesi Scandinavi sia giunto nelle lingue romanze a Sud e a Ovest e in una pletora di varianti. (parte prima)

L’INCONTRO CON LA TROLLA

Una di queste varianti principia  negli stessi paesi scandinavi, intorno ad una mitica creatura tipica del folklore norreno: i troll.

Una creatura mitica condivisa anche dalla cultura anglo-sassone e nell’immaginario tolkeniano  descritto come è una creatura rozza e malvagia, dedita alla distruzione dei villaggi, al furto del bestiame e alla cattura di incauti viaggiatori, che vengono poi spesso cucinati. Teme la luce del sole perchè lo trasforma in pietra.

HERR MANNELIG

soledadLa creatura è convinta che sposando un principe potrà trasformarsi  in una bella principessa, e così alletta il malcapitato con regali sontuosi. Sir Mannelig rifiuta e la ballata termina qui, ma sicuramente la vicenda non ha un lieto fine nemmeno per l’umano!
Nell’immaginario collettivo, la morte è una donna vestita di nero con la falce, e Orcum in latino è il dio degli Inferi, quindi della morte. La sua comparsa nel pantheon romano è riconducibile agli Etruschi e surclassato da Ade è rimasto nella coscienza popolare contadina sotto la figura dell’Uomo Selvaggio.

Sulla falsa riga di Shreck (dopo tutto i troll sono un po’ come gli orchi) possiamo immaginarci che la trolla sia una principessa sotto l’incantesimo di una strega, e solo con il bacio del vero amore riuscirà a riprendere la sua forma umana.
Senonchè ci troviamo in pieno Medioevo e il Lord è un cavaliere cristiano che non si lascia soggiogare dalle tentazioni del maligno e quindi niente bacio!

La ballata è stata interpretata da molti gruppi metal-folk con versioni testuali leggermente diverse

Garmarna  in “Guds spelemän” 1996 versione live
Annwn in Orbis Alia con accenti più medievali


I
Bittida en morgon innan solen upprann
Innan foglarna började sjunga
Bergatrollet (1) friade till fager ungersven
Hon hade en falskeliger tunga
Herr Mannelig herr Mannelig trolofven i mig
För det jag bjuder så gerna
I kunnen väl svara endast ja eller nej
Om i viljen eller ej:
II
Eder vill jag gifva de gångare tolf
Som gå uti rosendelunde
Aldrig har det varit någon sadel uppå dem
Ej heller betsel uti munnen
III
Eder vill jag gifva de qvarnarna tolf
Som stå mellan Tillö och Ternö
Stenarna de äro af rödaste gull
Och hjulen silfverbeslagna
IV
Eder vill jag gifva ett förgyllande svärd
Som klingar utaf femton guldringar
Och strida huru I strida vill
Stridsplatsen skolen i väl vinna
V
Eder vill jag gifva en skjorta så ny
Den bästa I lysten att slita
Inte är hon sömnad av nål eller trå
Men virkat av silket det hvita
VI
Sådana gåfvor toge jag väl emot
Om du vore en kristelig qvinna
Men nu så är du det värsta bergatroll
Af Neckens och djävulens stämma
VII
Bergatrollet ut på dörren sprang
Hon rister och jämrar sig svåra
Hade jag fått den fager ungersven
Så hade jag mistat min plåga
traduzione italiano (da Wiki)
I
Una mattina presto prima che il Sole sorgesse
e gli uccelli cantassero la loro dolce canzone
la trolla di montagna con lingua falsa
ed ingannevole propose al signore:
“Sir Mannelig, Sir Mannelig mi vorrai sposare, per tutto quello che io sarò lieta di offrirti?
Potrai rispondere solo sì o no,
farai così o no?
II
Ti darò dodici magnifici cavalli
che pascolano in un boschetto ombroso, non hanno mai avuto una sella sulle loro schiene
né morso nelle loro bocche
III
Ti darò dodici bei mulini
che si trovano fra Tillo e Terno
le macine sono dell’ottone più rosso
e le ruote sono cariche d’argento
IV
Ti darò una spada dorata
che tintinna come quindici anelli d’oro, in guerra potrai colpire come vorrai tu, e sul campo di battaglia sarai vincitore
V
Ti darò una camicia nuova
la più lussuosa da indossare
non è stata cucita con ago e filo
ma fatta all’uncinetto con la seta più bianca”.
VI
“Sarei molto lieto di ricevere regali come questi
se tu fossi una donna cristiana
ma io so che sei la peggiore troll di montagna, figlia degli spiriti maligni e del demonio”
VII
La troll di montagna corse fuori dalla porta, strillando e lamentandosi a gran voce:
“Se fossi riuscita a sposare quel bel signore, ora sarei libera da questo tormento”

NOTE
1) Il termine bergatrollet (dal termine germanico trylle, “magia”) indica non un troll di montagna, come comunemente ritenuto, ma una strega dei monti: un personaggio femminile legato al mondo pagano e dotato di poteri sovrannaturali. La ballata può essere letta come una trasposizione del conflitto avvenuto nel mondo germanico all’arrivo del cristianesimo, e in particolare dello scontro fra cultura cristiana (ser Mannelig) e tradizione pagana (la strega). (da Wiki)

Haggard in “Eppur si muove”, 2004, la cantano in italiano con il canto lirico impostato su una base rock metal (quello che si dice metal sinfonico o neo-classic metal) Il gruppo tedesco è in pratica composto da una ventina di musicisti con Asis Nasseri come compositore, ed è stato lui a tradurre in metrica il testo della ballata svedese

All’alba, prima che il sole sorgesse
E gli uccelli cantassero la canzone
La donna del troll con lingua falsa
Et ingannevole propose al signore:
“Herr Mannelig, herr Mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?
Ti darò i dodici mulini
Che stanno tra Tillo e Terno
Le macine sono fatte del più rosso rame
E le ruote sono cariche d’argento
Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”
“Se tu fossi una donna cristiana
Riceverei volentieri regali così,
Ma io so che sei il peggiore troll
Figlio degli spiriti maligni.”
“Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”

Tibetréa un folk rock non troppo tecno ma che si affida al suono acustico di ghironda e arpa e ci mettono pure la tromba

E potrei continuare con le versioni più medieval-metal degli In Extremo (qui), degli Othlan (qui) dei Psalteria (qui) e dei Cromdale (qui)

Molte anche le trascrizioni in altre lingue vedasi ad esempio Sir Mannelig interpretata da Brian Kay, alla lyra anglo-sassone

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/la-morte-occultata/
http://www.metalgermania.it/traduzioni/haggard/herr-mannelig.html
http://www.metalgermania.it/traduzioni/in-extremo/herr-mannelig.html

VALBORG

L’analogo della festa celtica di Beltane era celebrata anche dai norreni con il nome di festa di Walborg o Valborg (leggasi “valbori”)

Berg o Börg sono i castelli (o i forti) costruiti sulle montagne, una festa quindi che si svolgeva sulle alture. La festa venne cristianizzata dedicandola a santa Valpurga, (Wessex, 710 circa – Heidenheim, 25 febbraio 779) la monaca anglosassone mandata dalla Chiesa ad evangelizzare la Germania, dove divenne badessa nel monastero di Heidenheim presso Eichstatt (Baviera). Sebbene la sua festa si celebri il 25 febbraio è diventata la santa scaccia streghe nella Notte di Valpurga quella tra il 30 aprile e il 1° Maggio. Le leggende intorno alla santa richiamano alla mente un’analogia con Santa Brigida nel simile tentativo della Chiesa di Roma di sradicare il paganesimo in Europa.

I GERMANI

Ma in Germania al tempo della Santa vivevano altre popolazioni assoggettate a suo tempo dall’antica Roma, erano i Germani e i Franchi che alla caduta dell’Impero lo depredarono come lupi.
I Germani non erano celti ma rivendicavano origini scandinave, (secondo le testimonianze storiche e archeologiche i Germani furono il risultato dell’indoeuropeizzazione, nell’età del Bronzo, della Scandinavia meridionale e dello Jutland da parte di genti provenienti dall’Europa centrale).

I VICHINGHI

Vita ben più grama era quella dei Norreni che vivevano nell’estremo Nord dell’Europa  e che solo al tempo di Carlo Magno iniziarono le loro incursioni lungo le coste settentrionali della Francia, il regno Normanno era in là da venire e le escursioni vichinghe si dirigevano verso l’Inghilterra, la Scozia, l’Irlanda e l’Islanda (e il Vinland).

vichinghi

In questo contesto emerge un dato storico assodato: migrazioni di stirpi indo-europee si stabilirono nella penisola scandinava attorno al 4.000 a.C. muovendo dall’Asia centrale. Successivamente è proprio nella media Età del Bronzo che popolazioni proto-germaniche causarono profondi mutamenti: un’invasione che di pacifico aveva ben poco. Orde di genti presumibilmente conosciute come ‘Popolo delle Asce’ provocò un violento scontro tra civiltà: gli aggressori non avevano migrato per migliaia di chilometri senza nutrire la ferma volontà di sterminare per dominare. Ne seguì un lungo periodo di guerre, finché il ‘Popolo delle Asce’ ebbe la meglio e colonizzò i territori dell’attuale Scandinavia. Del sistema socio-culturale che vi avevano trovato ne distillarono usi e costumi più vantaggiosi, ma in linea di massima imposero i propri princìpi guerrieri. E da questi discesero i connotati dell’etnìa Lochlann prima e Vichinga poi.
Sebbene col termine Vichinghi si riaccenda un concetto ben radicato nell’immaginario popolare per l’alone di mistero, leggenda ed avventura che li circonda, i Vichinghi propriamente detti ebbero un excursus storico relativamente breve e molto più recente. Si va infatti dalla fine dell’VIII sec. con le prime scorrerie nel sud dell’Inghilterra, al 1.066 d.C. anno della loro sconfitta ad opera di Guglielmo il Conquistatore.
 I Vichinghi raggiunsero le attuali coste francesi e s’inoltrarono nelle terre dei Sassoni. Dopo aver conquistato il Baltico, i Rus (etnìa svedese) mosse verso sud-est discendendo il Volga e il Dnepr sino al mar Nero, poi al mar Caspio e addirittura a Costantinopoli e Baghdad. Altra analogia: al pari dei Celti, anche i Vichinghi non costituirono un impero reale. Mossi dal bisogno di terre coltivabili, dalla necessità di vivere in un clima migliore, dalla sovrappopolazione, furono soprattutto un’etnìa di avventurieri del mare che portarono a compimento viaggi ed esplorazioni straordinarie. Grazie ad imbarcazioni insuperabili per quei tempi in termini di velocità, resistenza e acquaticità, con poco pescaggio adatto anche alla navigazione fluviale e la possibilità d’essere brandeggiabili, ossia caricabili in spalla per attraversare tratti di terreno. Nell’896 tale Bjarni Herjolfsson sbarcò in nord America. Fatto ancor più stupefacente fu che gli riuscì di tornare a casa, organizzando altri viaggi che segnarono anni di spedizioni per colonizzare l’attuale Terranova canadese. In soli due secoli e mezzo i Vichinghi realizzarono gesta che hanno ancor oggi dell’incredibile.
Non dissimili da quelle fiabe che sgorgavano dalle sorgenti iperboree nell’antica cultura scandinava, che narravano degli uomini delle rade, dei fieri navigatori padroni del mare quanto possono esserlo dei corsari, e delle loro gesta umane eroiche in misura pari a quelle degli dèi. Imprese che se fantasticate prima sarebbero potute sembrare sogni.
E che invece divennero storia.
(in “I guerrieri dei Fiordi” Mauro Raccasi tratto da qui)

asi-e-vani

GLI DEI NORDICO-GERMANICI

Dopo aver fatto un doveroso distinguo tra germani e norreni occorre rilevare che le loro divinità sono le stesse: c’erano due gruppi di dei, gli Asi (gli dei della guerra di matrice indoeuropea) e i Vani (gli dei dei campi dei culti primordiali).
Tra i primi Balder (Baldr) è il dio della luce e della bontà, il figlio prediletto di Odino, che muore, colpito dal vischio, a causa dell’inganno di Loki: come la sua morte prefigura e prepara il crepuscolo degli dei, così la sua rinascita alla fine dei tempi, annuncerà una nuova era. continua
Gli studiosi hanno visto una parentela anche fonetica tra il celtico Bel (festeggiato a Beltane) e Balder, e Jan de Vries nel suo “Altnordisches Etymologisches Wörterbuch” associa il nome a bál (fuoco) e anche a varie parole indoeuropee significanti rilucente, bianco. Ma più in là non andiamo e non possiamo affermare che a Balder fosse dedicata una festa della primavera.

Altro labile collegamento è il riferimento alla dea Ostara (antico alto tedesco), o Eostre (anglosassone) citata nel “De Temporum Rationale” (725) del venerabile Beda, una dea della fertilità dei Germani con una festa celebrata in suo onore forse in Primavera o in Estate. “Eostur-monath, qui nunc Paschalis mensis interpretatur, quondam a Dea illorum quæ Eostre vocabatur, et cui in illo festa celebrabant nomen habuit” (traduzione italiano: Eosturmonath ha un nome che è ora tradotto «mese pasquale», e che una volta era usato in onore di una dea dal nome di Eostre, che era celebrata durante questo mese.” Sempre secondo il Venerabile Beda, Eostre era la versione Sassone della dea germanica Ostara. La sua celebrazione si svolgeva durante la prima luna piena dopo l’equinozio di primavera – lo stesso calcolo usato per la Pasqua cristiana in Occidente.
Tuttavia Ostara non appare da nessuna parte nella mitologia nordica, e nella tradizione norrena, così alcuni studiosi sono propensi a ritenere che il monaco Beda abbia frainteso, e che Eostremonth si riferisse ad una festa di primavera.

germanics

IL BLOT

Sappiamo inoltre che in momenti particolari dell’anno si svolgeva un Blót cioè un rito in cui alcuni animali erano sacrificati (per lo più maiali e cavalli) e la carne bollita era condivisa in un banchetto. Una bevanda consacrata (di solito birra o idromele) era passata di mano in mano in modo che tutti bevessero dallo stesso corno o ciotola. Il sangue degli animali sacrificati era asperso sulle statue degli dei, sui muri e sui partecipanti alla festa.
l “goði”, ovvero il sacerdote addetto ad officiare il sacrificio, offriva la bevanda a Freyja se era un blót di primavera o autunno, o ad Odino se era un blót d’estate. Poi bevevano in nome degli antenati defunti, che potevano aver preso parte nel blót. 
L’antica preghiera era til árs ok friðar, “per un anno fausto e pacifico” chiedevano fertilità, buona salute, una vita serena, di pace ed armonia tra il popolo e gli dei. (tratto da wikipedia qui
Un blot particolare si svolgeva ogni nove anni nel tempio di Uppsala in Svezia in cui veniva praticato anche il sacrificio umano.

Ovvio che agli occhi dei Cristiani queste feste fossero ritenute festini satanici!!

SIGR BLOT

I Blot dell’equinozio di primavera e di fine aprile  erano invece dedicati a Odino, si beveva per i guerrieri morti in battaglia e per le vittorie conseguite e poi si partiva per le spedizioni (sigrblot significa “sacrificio per la vittoria“).
Tra le feste che si celebravano nel “Norden” (regione scandinava), quella della primavera aveva luogo proprio quando il ghiaccio iniziava a sciogliersi (qualche mese dopo l’equinozio di primavera).
Di certo era una festa del fuoco ed enormi falò venivano accesi sulle alture, si banchettava e ballava e si faceva sesso libero.
La festa è celebrata ancora oggi soprattutto in Svezia con il nome di Notte di Valpurga: pic nic all’aperto, giganteschi falò, musica e canti tradizionali e soprattutto colossali bevute sono quanto resta.

seconda pare: uno iorram vichingo dalle isole Shetland vedi

FONTI
http://helleland.altervista.org/blog/gli-uomini-del-grande-nord/
http://skayler-ulver.blogspot.it/2013/03/ostara-tra-tradizione-nordiche-e.html
http://skayler-ulver.blogspot.it/2016/03/equinozio-di-primavera-sigrblot-summer.html