Reaphook and Sickle

Leggi in italiano

The time of the wheat harvest varies according to the latitudes: in the South as for example in southern Italy it starts to harvest already in June, while in Piedmont in July and in the Northern countries as for the Islands of Great Britain, in August.
Once the harvest season could last about a month with the laborers that moved on foot, from farm to farm with tools for their work on their shoulders and a little bundle with their few things: they went in groups for little family, men and women, and for many girls that was the occasion to make new friends and maybe find the lover.

George Hemming Mason - The Harvest Moon

Harvest songs are common throughout Europe and are mostly religious-ritualistic, but the songs have disappeared because with the mechanization (and the chemistry) of agriculture the peasant world has thinned out: today in the countryside it is no longer sung!

JOLLY COUNTRY

The song of the harvest I have chosen today, titled “Reaphook and Sickle“, comes from the English tradition: it is a “jolly” song that paints in exciting tones and describes what was actually a hard work as if it were a dance tour. Other times and resources, other mentality, but in my opinion it is important to restore dignity to the work of the earth, as a true vocation, in which one lives in close contact with nature and its times.

coltivazione sinergicaNo longer isolated and bounded in its own field as in the past, taking advantage of traditional methods or natural “philosophies” such as what is now called synergistic agriculture, that anyone with a little land available can experiment to make a synergetic vegetable garden ( it seems a paradox of terms to talk about natural agriculture but it works great) .. and find a bit of “jollyness” ..

Eliza Carthy from Holy Heathens and the Old Green Man 2007


I
Come you lads and lasses,
together we will go
All in the golden cornfield
our courage for to show.
With the reaping hook and sickle
so well we clear the land,
And the farmer says,
“Hoorah, me boys,
here’s liquor at your command.”
II
It’s in the time of haying
our partners we do take,
Along with lads and lasses
the hay timing to make.
There’s joining round in harmony
and roundness to be seen,
And when it’s gone
we’ll take your girls
to dance Jack on the green(1).
III
It’s in the time of harvest
so cheerfully we’ll go,
Then some we’ll reap
and some we’ll sickle
and some we’ll size to mow.
But now at end
we’re free for home,
we haven’t far to go,
We’re on our way to Robin Hood’s Bay (2) to welcome harvest home.
IV
Now harvest’s done and ended
and the corn all safe from harm,
And all that’s left to do, me boys,
is thresh it in the barn.
Here’s a health to all the farmers, likewise the women and men,
And we wish you health and happiness till harvest comes again.
NOTES
1)
Jack in the Green was a popular mask of the English May, from the Middle Ages and until the Victorian era, which fell into disuse at the end of the nineteenth century.
2) Robin Hood’s Bay is a county in North Yorkshire, England.

 

Albion Country Band from Battle of the Field 1976

I
Now come all you lads and lasses
and together let us go
Into some pleasant cornfield
our courage for to show.
CHORUS
With the good old leathern bottle

and the beer it shall be brown.
We’ll reap and scrape together
until Bright Phoebus does go down.
II
With the reaphook and the sickle,
oh so well we clear the land,
And the farmer cries,
“Well done, my lads,
here’s liquor at your command.”
III
Now by daybreak in the morning
when the larks begin to sing
And the echo of the harmony
make all the crows to ring
IV
Then in comes lovely Nancy
the corn all for to lay,
She is a charming creature
and I must begin her praise:
For she gathers it, she binds it,
and she rolls it in her arms,
She carries it to the waggoners
to fill the farmer’s barns.
V
Well now harvest’s done and ended
and the corn secure from harm,
Before it goes to market, lads,
we must thresh it in the barn.
VI
Now here’s a health to all you farmers
and likewise to all you men,
I wish you health and happiness
till harvest comes again.

LINK
https://mainlynorfolk.info/guvnor/songs/reaphookandsickle.html

The Gallant Shearers

Leggi in italiano

The “shearers” of the song are not sheep shearers but seasonal reapers pouring into the Lowlands from the North of Scotland for harvest, grouped by families, or groups of men and women. When a large group of workers was in the pay of only one factor, it was sometimes called a piper to play during the harvest to boost productivity.

George Hemming Mason - The Harvest Moon

The work was tiring though monotonous but the harvest season was also an occasion for courtship as this song reminds us! For women to go to the reap was a way of emancipation from rigid social conventions. With the potato famine, seasonal workers were replaced by the Irish who came mainly from Donegal.
The author is anonymous, even if the text was attributed to Robert Hogg; Gavin Greig is more inclined to place the ballad in an antecedent age, at least at the eighteenth century given the numerous versions and arrangements that have come down to us.

The Tannahill Weaversfrom Alchemy 2000  The Gallant Shearers
The traditionally matched melody is “Johnnie Cope

Heritage

Robin James Hurt from ‘The Tallyman’s Lament, 2008. (paintings by Samuel Palmer -1805 – 1881) (I,  III, II, IV, V)

GALLANT SHEARERS
I
Adam’s vine (1) and heather bells
Come rattlin’ (2)  ower yon high high hills/There’s corn rigs (3) in yonder fields/And autumn brings the shearin’
CHORUS
Bonnie lassie will ye gang

And shear wi’ me the hale day lang(5)
And love will cheer us as we gang
Tae jine (6) yon band o’ shearers
II
And if the thistle it be strang
And pierce your bonnie milk white hand (7)
It’s wi’ my hook  I’ll lay it lang (8)
When we gang tae ( jine) the shearin’
III
And if the weather be ower hot
I’ll cast my gravat(9) and my coat
And shear wi’ ye amang the lot
When we gang tae ( jine) the shearin’
IV
And if the weather it be (over) dry
They’ll say there’s love ‘tween you and I/ We’ll slyly pass each ither by (10)
When we gang tae ( jine) the shearin’
V
And when the shearin’ it is done
And slowly sets the wintry sun (11)
Ye’ll be my ain till life is run
Nae mair tae jine the shearers

NOTES
1) it is usually written “Oh summer days” are the Tannies to say Adam’s wine (a euphemism to say rainwater)
2) Come blooming
3) now “yellow corn”  originally it was  corn rigs ; a cultivation technique that involved working the land in long and narrow strips of raised ground, and was the traditional drainage system of the time: the fields were divided into raised ground banks, so that the excess water flowed lower in the deep side furrows.
4) In Scotland the first harvest is made in August with the festival of Lammas (see”Corn Rigs Are Bonnie“) which continues throughout August (see “Now westlin winds“) considered as the month in which the autumn season begins and finally Harvest moon harvest, the full moon next to the autumn equinox
5) hale day lang = whole day long; men cut ripe wheat with a long sickle and women made sheaves with smaller sickles. The missile sickle was introduced only in 1810, before there were only sickles and the reaping work was carried out mainly by women.
6) jine= join
7) or “your lily milk white hand”
8) Hook, heuk: a reaping-hook; or “I’ll cut them down”
9) Gravat: scarf but in the sense of a neck tie. Corresponds to the Scottish owerlay used in the eighteenth century around the neck as a tie or a wide strip of linen: at the beginning (around 1600) was a kind of pledge that the girlfriends gave to their lover who was leaving for the war, and it was worn to protect themself from the cold and even like a sign of affection. The nobles preferred the Jabot to the neck, that is, a curled lace bib with a high collar. The tie more similar to ours dates back to 800 instead.
10) or we will proudly pass them by
11) or evenin’ sun
12) alternative line
We’ll have some rantin’roarin’ fun
And gang nae more to the shearin’
rantin’ roarin’ they are two adjectives often coupled by Robert Burns and synonyms. Rantin: uproarious

LINKS
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/59962/4;jsessionid=5195DAE5CA230FF771267AD7EB4F44B1
http://www.ramshornstudio.com/band_o_shearers.htm
http://www.tannahillweavers.com/lyrics/1210lyr4.htm
http://ingeb.org/songs/noosumme.html
http://sangstories.webs.com/bandoshearers.htm

MAID GAED TAE THE MILL

Ci sono professioni nelle ballate popolari che richiamano di per sé una certa promiscuità sessuale: così il soldato e il marinaio per la loro condizione girovaga, ma anche l’aratore, il fabbro, o il calzolaio o ancora il mugnaio (un po’ come per le professioni odierne dell’idraulico o il postino!) . Così le canzoni su calzolai e mugnai hanno spesso un che di boccaccesco (continua prima parte)

LA VARIANTE DEL MUGNAIO: MAID GAED TAE THE MILL

“The Maid gaed to the Mill” (The Maid went to the Mill) è un brano tradizionale sulla scia della serie  “The Shoemaker’s kiss” basta scambiare il calzolaio con il mugnaio e il mattino presto con la sera che il succo della storia è lo stesso. Tuttavia la fanciulla è questa volta tutt’altro che ingenua, anzi viene definita “wanton” che tra i vari significati in riferimento alla sessualità indica un comportamento voglioso e lascivo.
Per il suo approccio gioioso a una sessualità “spensierata” è classificabile tra le bothy ballads.

La canzone è comparsa in stampa verso la fine del 1700 (Ancient And Modern Scottish Songs, David Herd 1776 e “The Scots Musical Museum” Vol.5 no. 481, 1796 con la melodia “I Am A Miller To my Trade” – che a sua volta è suonata come “Johnny I hardly knew ye”).

ASCOLTA Ewan MacColl & Peggy Seeger, Ewan imparò la canzone dal padre scozzese e così la restituisce in scots


I
The maid gaed tae
the mill ae nicht
Hech hey(1) sae wanton(2),
The maid gaed tae
the mill ae night
And hey sae wanton she
She swore by a’ the stars sae bricht
That she’ld hae her corn grun'(3)
She’ld hae her corn grun’
Mill and multure(4) free
II
Then oot an’ cam’ the miller’s man
Then oot an’ cam’ the miller’s man
He swore he’ll dae
the best he can
Fir tae get her corn grun’
tae get her corn grun’
Mill and multure free
III
He put his haund upon her neck
He put his haund upon her neck
He dang her doon(5) upon a sack
And there she got her corn grun’
she get her corn grun’
Mill and multure free
IV
When a’ the rest
gaed tae their play
When a’ the rest
gaed tae their play
She sighed and said
and wuldna stay
Because she’d got her corn grun’
she get her corn grun’
Mill and multure free
V
When forty weeks
were passed an’ gane
When forty weeks
were passed an’ gane
This lassie had a braw lad bairn
For gettin’ a’  her corn grun’
gettin’ a’ her corn grun’
Mill and multure free
VI
Her mither bade cast it oot
Her mither bade cast it oot
It was the miller’s dusty clout
For gettin’ a’  her corn grun’
gettin’ a’ her corn grun’
Mill and multure free
VII
Her faither bade her keep it in
Her faither bade her keep it in
It was the chief o’ all her kin
Because he has her corn  grun’
he has her corn  grun’
Mill and multure free (6)

Traduzione italiano Cattia Salto
I
La fanciulla andò
al mulino la scorsa notte
ahimè così sfacciata
La fanciulla andò
al mulino la scorsa notte
ahimè così sfacciata
giurò per le stelle molto luminose
che avrebbe avuto il suo raccolto del grano, avrebbe avuto il suo raccolto del grano, macinato gratis
II
Allora uscì il mugnaio
Allora uscì il mugnaio
e giurò che avrebbe
fatto del suo meglio
per avere il suo grano,
per avere il suo grano
macinato gratis

III
Le mise la mano intorno al collo
Le mise la mano intorno al collo
e la buttò giù su di un sacco
ed ebbe il suo grano,
ebbe il suo grano,
macinato gratis

IV
Quando finirono
di fare i loro comodi,
Quando finirono
di fare i loro comodi
lei sospirò e disse
che non poteva rimanere
perchè aveva il suo grano,
aveva il suo grano,
macinato gratis

V
Quando nove mesi
furono passati e andati
Quando nove mesi
furono passati e andati
la fanciulla ha avuto un bel bambino
per aver avuto tutto il suo grano
aver avuto tutto il suo grano
macinato gratis
VI
Sua madre le ordinò di mandarlo via
Sua madre le ordinò di mandarlo via
il marchio polveroso del mugnaio
per aver avuto tutto il suo grano
aver avuto tutto il suo grano
macinato gratis
VII
Suo padre le ordinò di tenerlo
Suo padre le ordinò di tenerlo
fu il capo di tutto il clan
perchè aveva il raccolto del grano
aveva il raccolto del grano
macinato gratis

NOTE
1) Hech hey: traducibile con ahimè
2) Wanton: sessualmente disinibita
3) Grund: ground letteralmente campo di grano ma nel contesto si tratta ovviamente del grano raccolto e messo nei sacchi per essere macinato
4) Multure: parte lasciata al mugnaio per il pagamento della macinatura
5) Dang her doon: pushed her down with force
6) essendo il figlio del mugnaio!

Traduzione inglese Cattia Salto
I
The maid went to the mill last night
Hey-hey, so wanton!
The maid went to the mill last night
Hey, so wanton she!
She swore below the stars so bright
That she should have her corn ground,
She should have her corn ground
The miller grinds so free!

II
Then out come miller’s man
He swore he’d do the best he can
For to get her …
III
He put his hand about her neck
He flung her down upon a sack
And there she got her …
IV
When all the rest went to their play
She sighed and said she would not stay
Because she got her …
V
When nine months were passed and gone
This lassie had a brawling child
For getting all her …
VI
Her mother bade her cast it out
It was the miller’s dusty clout
For getting all her …
VII
Her father bade her keep it in
It was the chief of all her clan
Because he has her

continua I MUGNAI NELLE BALLDS

FONTI
http://sangstories.webs.com/maidgaedtaethemill.htm
http://sniff.numachi.com/pages/tiMAIDMILL;ttMAIDMILL.html
https://groups.google.com/forum/#!topic/rec.music.folk/he5wXYSUW34
http://www.penultimateharn.com/music/millmaid.html
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=3815

To the Begging I Will Go

La protesta contro il “sistema” all’insegna del sex-drinks&piping s’incanala in uno specifico filone di canti popolari (britannici e irlandesi) sul mestiere di mendicante, uno spirito libero che vagabonda per il paese senza radici e vuole solo essere lasciato in pace. Molti sono i canti in gaelico in cui il protagonista rivendica l’esercizio della libera volontà, niente tasse, preoccupazioni e dispiaceri, ma la vita presa come viene affidandosi a lavori saltuari e alla carità della gente. (continua)

LA VERSIONE SCOZZESE: To the Begging I Will Go

Esistono molte varianti della canzone a testimonianza della sua vasta popolarità e diffusione. Una vecchia bothy ballad che affonda nella materia medievale dei canti dei vaganti, quel vasto sottobosco di umanità un po’ artistoide, un po’ disadattata, un po’ morta di fame che si arrabattava a sbarcare il lunario esercitando i mestieri più improbabili e spesso truffaldini.
Probabilmente già lo stesso Richard Brome si ispirò  a questi canti dei mendicanti per la sua commedia “A Jovial Crew, or the Merry Beggars” (1640), in cui scrive il coro “The Beggar” detto anche The Jovial Beggar, con il refrain: 
And a Begging we will go, we’ll go, we’ll go,
And a Begging we will go.
Come sia la melodia raggiunge una notevole popolarità moltiplicandosi in tutta una serie di “clonazioni” A bowling we will go, A fishing we will go, A hawking we will go, and A hunting we will go e così via.

ASCOLTA l’arrangiamento strumentale di Bear McCreary “To the Begging I Will Go” in Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack)  ascolta su Spotify (qui)

PRIMA VERSIONE
Tae the Beggin’ / Maid Behind the Bar

ASCOLTA Ossian, la melodia che accompagna il canto è “Maid Behind the Bar”, un Irish reel


I
Of all the trades that I do ken,
sure, the begging is the best
for when a beggar’s weary
he can aye sit down and rest.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.

II
And I’ll gang tae the tailor
wi’ a wab o’ hoddin gray,
and gar him mak’ a cloak for me
tae hap me night and day.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.

III
An’ I’ll gang tae the cobbler
and I’ll gar him sort my shoon
an inch thick tae the boddams
and clodded weel aboun.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.
IV
And I’ll gang tae the tanner
and I’ll gar him mak’ a dish,
and it maun haud three ha’pens,
for it canna weel be less.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.

V
And when that I begin my trade,
sure, I’ll let my beard grow strang,
nor pare my nails this year or day
for beggars wear them lang.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.

VI
And I will seek my lodging
before that it grows dark –
when each gude man is getting hame, and new hame frae his work.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.

VII
And if begging be as good as trade,
and as I hope it may,
it’s time that I was oot o’ here
an’ haudin’ doon the brae.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.

VIII=I
Of all the trades that I do ken,
sure, the begging is the best
for  when a beggar’s weary
he can aye sit down and rest.
Tae the beggin’ I will go, will go,
tae the beggin’ I will go.
 
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Di tutti i mestieri che conosco,
di sicuro il mendicante è il migliore
perchè quando un mendicante è stanco si può fermare e riposare
A mendicare andrò, andrò,
a mendicare andrò
II
E andrò dal sarto
con una pezza di ruvida lana grigia
e gli chiederò di farmi un mantello
per ricoprirmi di notte e giorno.
A mendicare andrò, andrò, a mendicare andrò
III
Andrò dal calzolaio
e gli chiederò di risuolare le mie scarpe con del cuoio spesso
per camminare bene sulle zolle.
A mendicare andrò, andrò,
a mendicare andrò
IV
E andrò dal tornitore
e gli chiederò di farmi una scodella
che possa contenere tre mezze pinte perchè non si può fare con meno.
A mendicare andrò, andrò,
a mendicare andrò

V
E quando poi inizierò il mio mestiere, di sicuro mi lascerò crescere la barba quest’anno o oggi, nè mi taglierò le unghie, perchè i mendicanti le portano lunghe. A mendicare andrò,
andrò, a mendicare andrò

VI
E mi cercerò un riparo
prima che cali la sera –
quando ogni brav’uomo è rientrato a casa, di nuovo a casa dal lavoro.
A mendicare andrò, andrò,
a mendicare andrò

VII
E se il mendicare sarà un buon affare, come spero lo sia,
è tempo che io vada via da qui e m’incammini per la collina.
A mendicare andrò, andrò,
a mendicare andrò

SECONDA VERSIONE: To the Beggin’ I Will Go

ASCOLTA Old Blind Dogs

Chorus
To the beggin’ I will go, go
To the beggin’ I will go
O’ a’ the trades a man can try,
the beggin’ is the best
For when a beggar’s weary
he can just sit down and rest.
First I maun get a meal-pock
made out o’ leather reed
And it will haud twa firlots (1)
wi’ room for beef and breid.
Afore that I do gang awa,
I’ll lat my beard grow strang
And for my nails I winna pair,
for a beggar wears them lang.
I’ll gang to find some greasy cook
and buy frae her a hat(2)
Wi’ twa-three inches o’ a rim,
a’ glitterin’ owre wi’ fat.
Syne I’ll gang to a turner
and gar him mak a dish
And it maun haud three chappins (3)
for I cudna dee wi’ less.
I’ll gang and seek my quarters
before that it grows dark
Jist when the guidman’s sitting doon
and new-hame frae his wark.
Syne I’ll tak out my muckle dish
and stap it fu’ o’ meal
And say, “Guidwife, gin ye gie me bree,
I winna seek you kail”.
And maybe the guidman will say,
“Puirman, put up your meal
You’re welcome to your brose (4) the nicht, likewise your breid and kail”.
If there’s a wedding in the toon,
I’ll airt me to be there
And pour my kindest benison
upon the winsome pair.
And some will gie me breid
and beef and some will gie me cheese
And I’ll slip out among the folk
and gather up bawbees (5).
Traduzione italiano Cattia Salto
A mendicare andrò, andrò,
a mendicare andrò
Di tutti i mestieri che un uomo può fare, il mendicante è il migliore
perchè quando un mendicante è stanco si può fermare e riposare.
Per prima cosa prenderò una bisaccia
fatta di cuoio
e conterrà due staia
con un posto per carne e pane.
Prima di andare via
mi farò crescere la barba lunga
e non mi taglierò le unghie
perchè il mendicante le porta lunghe.
(Andrò a cercare un grassa cuoca
e comprerò da lei un cappello
con la falda di due o tre pollici
tutto scintillante di grasso.)
E andrò da un tornitore
e gli chiederò di farmi una scodella
che possa contenere tre mezze pinte
perchè non posso fare con meno.
E mi cercerò un riparo
prima che cada il buio
– quando ogni brav’uomo è rientrato a casa, di nuovo a casa dal lavoro.
Poi tirerò fuori il mio grande piatto
e lo riempirò di farina d’avena
e dico “Buona donna, se mi date del brodo, non vi chiedo del cavolo”
E forse il padrone di casa dirà
“Poveruomo, metti da parte la tua farina, saluta il tuo brose di stasera
come pure il pane e cavolo”
Se ci sarà un matrimonio in città
mi recherò là
ed elargirò la mia più cara benedizione
su quella bella coppia.
E qualcuno mi darà il pane
e manzo e qualcuno mi darà del formaggio e mi aggirerò tra la gente
a raccogliere delle monetine

NOTE
1) unità di misura scozzese
2) il senso della frase mi sfugge
3) vecchia misura scozzese per liquidi equivalente e mezza pinta
4) il brose è il porrige preparato alla maniera scozzese. Se ho capito bene il senso del discorso , il mendicante chiede alla padrona di casa un po’ di brodo caldo per prepararsi il suo brose a base di farina d’avena, ma il padrone di casa lo invita a mangiare alla sua tavola cibi ben più sostanziosi
5) bawbees: half pennies

LA VERSIONE INGLESE

E’ la versione del Lancashire riportata in “Folk Songs of Lancashire” (Harding 1980). Leggiamo nelle note ” This version was collected from an old weaver in Delph called Becket Whitehead by Herbert Smith and Ewan McColl.”
ASCOLTA Ewan McColl


I
Of all the trades in England,
a-beggin’ is the best
For when a beggar’s tired,
he can sit him down to rest.
And to a begging I will go,
to the begging I will go
II
There’s a poke (1) for me oatmeal,
& another for me salt
I’ve a pair of little crutches,
‘tha should see how I can hault
III
There’s patches on me fusticoat,
there’s a black patch on me ‘ee
But when it comes to tuppenny ale (2),
I can see as well as thee
IV
My britches, they are no but holes,
but my heart is free from care
As long as I’ve a bellyfull,
my backside can go bare
V
There’s a bed for me where ‘ere I like,
& I don’t pay no rent
I’ve got no noisy looms to mind,
& I am right content
VI
I can rest when I am tired
& I heed no master’s bell (3)
A man ud be daft to be a king,
when beggars live so well
VII
Oh, I’ve been deef at Dokenfield (4),
& I’ve been blind at Shaw (5)
And many the right & willing lass
I’ve bedded in the straw
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Di tutti i mestieri in Inghilterra
il mendicante è il migliore
perchè quando un mendicante è stanco si può fermare e riposare
A mendicare andrò,
a mendicare andrò
II
Ho una tasca per la farina d’avena
e un’altra per il sale
ho un paio di stampelle, dovreste vedere come riesco a zoppicare!
III
Ci sono toppe sul mio cappotto frusto e una toppa nera sul mio occhio ma quandosi tratta di birra da due penny, riesco a vedere bene quanto te!
IV
I miei pantalono non hanno che buchi
ma il mio cuore è libero dall’affanno
finchè ho la pancia piena
il mio fondoschiena può andare nudo
V
C’è un letto per me ovunque mi piaccia
e non pago l’affitto
non ho pensieri fastidiosi in testa
e sono proprio contento
VI
Mi riposo quando sono stanco
e non ascolto la campana del padrone
è da pazzi voler essere un re 
quando i mendicanti vivono così bene!
VII
Sono stato sordo a Dokenfield
e sono stato cieco a Shaw
e più di una ragazza ben disposta
ho portato a letto nella paglia

NOTE
1) poke è in senso letterale un sacchetto ma in questo contesto vuole dire pocket
2) tippeny ale è la birra a buon mercato bevuta normalmente dalla gente comune
2) non ha un padrone o un principale da cui correre appena sente suonare il campanello/sirena
3) Dukinfield è una cittadina nella Grande Manchester
4) Shaw and Crompton, detta comunemente Shaw è una cittadina industriale nella Grande Manchester

LA VERSIONE IRLANDESE: The Beggarman’s song

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/i-did-in-my-way-.html
http://www.spiersfamilygroup.co.uk/Tae%20the%20Beggin%20I%20will%20go.pdf
https://tullamore.band/track/1238160/tae-the-beggin-maid-behind-the-bar
https://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/thebeggingsong.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/tothe.htm
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=49513&lang=it
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=82650
http://www.tobarandualchais.co.uk/gd/fullrecord/60319/9
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/126.html
http://www.kitchenmusician.net/smoke/beggin.html

DUNCAN GRAY CAM’ HERE TO WOO

ritratto di Robert Burns
ritratto di Robert Burns – Alexander Nasmyth 1787

Un canto umoristico della tradizione scozzese collezionato da Robert Burns: l’aneddoto sulla canzone è che la melodia sia stata composta da un carrettiere (o cavallante) di Glasgow per essere suonata sul suo whistle, una bothy ballad dunque.
Nel 1790 Burns aggiunse una serie di versi alla melodia scrivendone diverse varianti: una  finirà nel “Merry Muses of Caledonia”, 1799 (vedi) e due rispettivamente in “Scots Musical Museum” e in “Select Collection of Scottish Airs”. (testi completi qui)

LA MELODIA
E’ trascritta in Caledonian Pocket Companion 1751 (vedi)

DUNCAN GRAY

La versione riportata in “Scots Musical Museum” 1788 racconta di un corteggiamento in chiave umoristica in cui Duncan, tenta di fare la corte a una fanciulla di nome Meg, per niente interessata. Dopo che Duncan ha supplicato, minacciato il suicidio e mandato a quel paese Meg, la ragazza è colta da un malore e cambia opinione su Dancan, adesso è lei a sospirare d’amore per lui! Duncan la perdona e la sposa!

ASCOLTA Ewan MacColl


I
Duncan Gray cam’ here to woo,
Ha, ha, the wooing o’t (1),
On blythe Yule-night when we were fou,
Ha, ha, the wooing o’t,
Maggie coost her head fu’ heigh,
Look’d asklent and unco skeigh,
Gart poor Duncan stand abeigh;
Ha, ha, the wooing o’t.
II
Duncan fleech’d and Duncan pray’d;
Meg was deaf as Ailsa Craig,
Duncan sigh’d baith out and in,
Grat his e’en baith blear’t an’ blin’,
Spak o’ lowpin o’er a linn;
III
Time and Chance are but a tide,
Slighted love is sair to bide,
Shall I like a fool, quoth he,
For a haughty hizzie die?
She may gae to-France for me!
IV
How it comes let doctors tell,
Meg grew sick, as he grew hale,
Something in her bosom wrings,
For relief a sigh she brings:
And oh! her een they spak sic things!
V
Duncan was a lad o’ grace,
Maggie’s was a piteous case,
Duncan could na be her death,
Swelling Pity smoor’d his wrath;
Now they’re crouse and canty baith,
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Duncan Gray qui venne a corteggiare
(Ha, ha, un corteggiamento antiquato!)
Nell’allegra notte di Yule quando si era ubriachi
(Ha, ha, un corteggiamento antiquato!)
Maggie rizzò la testa in alto,
sembrava diffidente e molto ombrosa,
e fece filare il povero Duncan –
(Ha, ha, un corteggiamento antiquato!)
II
Duncan blandì e Duncan pregò
Meg era sorda come la roccia di Ailsa Craig, Duncan pianse a dirotto,
si asciugò gli occhi annebbiati, dicendo di andare a gettarsi in una cascata
III
Il Tempo e la Fortuna non sono che momenti, l’amore offeso difficilmente aspetta “Devo essere pazzo –dice-morire per una scorbutica donnina? Può andarsene in Francia (2) per me”
IV
Come fu, che siano i medici a dirlo, Meg divenne malata, e mentre guariva, qualcosa nel suo petto si attorcigliò, con sollievo fece un sospiro, e oh! i suoi occhi le dissero come stavano le cose!
V
Duncan era un ragazzo devoto
Maggie era un caso disperato
Duncan non poteva essere causa della di lei morte, la compassione crescente smorzò la sua ira; ora sono felici e allegri entrambi

NOTE
1) contrazione di of it (the wooing of it). In questo contesto credo si riferisca alla consuetudine tra le ragazze di respingere il pretendente innamorato per poi innamorarsi non appena lui si allontana mostrando disinteresse.
2) un modo come un altro per mandare qualcuno a quel paese! I corteggiatori scozzesi sono rinomati per la loro scarsa propensione alle pene d’amore, così recita il detto: “Il mare è pieno di pesci”

WEARY FA’ YE, DUNCAN GRAY

Con il titolo “Weary Fa’ Ye, Duncan Gray” c’è una parte seconda della vicenda, un po’ più piccante!
ASCOLTA Deaf Shepherd con il titolo ‘Weary Fa Ye Duncan Grey’


I
Weary (1) fa’ you, Duncan Gray!
Ha, ha, the girdin(2) o’t!
Wae gae by you, Duncan Gray!
Ha, ha, the girdin o’t!
When a’ the lave gae to their play,
Then I maun sit the lee-lang day,
And jeeg the cradle wi my tae,
And a’ for the girdin o’t!
II
Bonie was the lammas moon,
Glow’rin a’the hills, aboon,
The girdin brak, the beast cam down,
I tint my curch and baith my shoon,
And, Duncan, ye’re an unco loun-
Wae on the bad girdin o’t!
III
But, Duncan, gin ye’ll keep your aith,
I’se bless you wi my hindmost breath,
Duncan, gin ye’ll keep your aith,
The beast again can bear us baith,
And auld Mess John (4) will mend the skaith,
And clout the bad girdin o’t
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Accidenti a te (1), Duncan Gray
ha, ha un giro di monta (2)
i guai ti seguono Duncan Gray
ha, ha un giro di monta
quando tutte le cose vanno storto
poi devo stare seduta tutto il santo giorno a spingere la culla con il piede
 e tutto per un giro di monta!
II
Bella era la luna del Raccolto
rischiarava le colline sottostanti
il sottopancia si ruppe e caddi dall’animale, persi il fazzoletto e bagnai le scarpe (3), e Duncan sei un vecchio furfante,  dannazione alla bardatura
III
Ma Duncan se tu manterrai il giuramento, ti benedirò fino all’ultimo respiro, Duncan se tu manterrai il giuramento, l’animale ci porterà ancora entrambi e il vecchio padre John (4) saprà riparare il danno
e mettere una pezza sulla bardatura rotta

NOTE
1) credo che voglia essere una maledizione:  Weary fa’ you! Weary on you!
2) the girthing (di cavallo) mettere il sotto sella, sottopancia, bardare il cavallo= fare sesso
3) sono tutte espressioni che alludono alla perdita della verginità della ragazza
4) il sacerdote che li sposerà

TRADUZIONE INGLESE di Cattia Salto
I
Weary befall you, Duncan Gray!
Ha, ha, the girthing of it!
Woe go by you, Duncan Gray!
Ha, ha, the girthing of it!
When all the rest go to their play,
Then I must sit the livelong day,
And rock the cradle with my toe,
And all for the girthing of it!
II
Fine was the harvest moon,
Glowering at the hills, above,
The girthing broke, the beast came down,
I lost my kerchief and bathe my shoes,
And, Duncan, you are an strange rascal-
Woe on the bad girthing of it!
III
But, Duncan, if you’ll keep your oath,
I’se bless you with my hindmost breath,
Duncan, if you’ll keep your oath,
The beast again can bear us both,
And old Father John will mend the damage
And patch the bad girthing of it!

FONTI
http://scottishparodies.tripod.com/lyricsandfreesonglyrics/id101.html
http://www.borealismusic.co.uk/duncan%20gray%20translation.html
https://en.wikisource.org/wiki/The_Merry_Muses_of_Caledonia/Duncan_Gray
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-ii,-song-160,-page-168-duncan-gray.aspx
http://www.bbc.co.uk/arts/robertburns/works/duncan_gray/
https://thesession.org/tunes/6934
http://www.musicanet.org/robokopp/scottish/wearyfa.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=107438
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/duncan_gray.htm
http://www.electricscotland.com/burns/songs/09DuncanGray.jpg

I’M A ROVER AND SELDOM SOBER

Nella tradizione popolare sono assai numerose le ballate dette “night-visiting song” in cui l’amante (un vagabondo, un soldato o un marinaio, ma anche un bracciante agricolo o un giovane apprendista) bussa di notte alla finestra (porta) della fidanzata e viene fatto entrare nella camera da letto. Alcune sono collegate al tema dell’emigrazione, l’innamorato chiede un ultimo intimo incontro prima di partire per l’America, altre aggiungono un tocco “macabro” alla storia, trattandosi della visita di un revenant ossia di un fantasma fin troppo in carne!! Questa variante irlandese prende le mosse dalla ballata “The Grey Cock“, ma il gallo qui che canta è solo uno dei tanti uccelli che saluta il sorgere del sole per avvisare il “rover” che è tempo di andare al lavoro!
The cocks were waking the birds were whistling;
the streams they ran free about the brae
“Remember lass I’m a ploughman’s laddie
and the farmer I must obey.”

ASCOLTA The Dubliners che ne fanno un classico

ASCOLTA Great Big Sea 


I (1)
There’s ne’er a nicht I’m gane to ramble, there’s ne’er a nicht I’m gane to roam There’s ne’er a nicht I’m gane to ramble, intae the erms of me ain true love
CHORUS
I’m a rover (2), seldom sober,
I’m a rover of high degree
It’s when I’m drinking
I’m always thinking
how to gain my love’s company
II
Though the night be
as dark as dungeon,
not a star can be seen above
I will be guided without a stumble (3),
into the arms of the one I love
III
He stepped up to her bedroom window,
kneeling gently upon a stone
And he tapped at the bedroom window (4); “My darling dear
do you lie alone?”
IV
She raised her heid on her snaw-white pillow wi’ her arms around her breast,
“Wha’ is that at my bedroom window disturbin’ me at my lang night’s rest?”
V
“It’s only me your own true lover;
open the door (6) and let me in
For I have travelled a weary journey (7) and I’m near drenched to my skin (8).”
VI (9)
She opened the door with the greatest pleasure,/she opened the door and she let him in/They both shook hands and embraced each other, until the morning they lay as one
VII
Says I: “My love I must go and leave you, to climb the hills they are far above
But I will climb with the greatest pleasure, since I’ve been in the arms of my love”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non c’è notte in cui non vada a zonzo, non c’è  notte in cui non vada a bighellonare, non c’è notte in cui non vada a zonzo, tra le braccia del mio vero amore
CORO
“Sono un libertino (2) raramente sobrio, sono un libertino d’alta classe
e quando bevo,
penso sempre a ottenere
la compagnia del mio amore.”

II
“Sebbene la notte sia
più buia di una prigione,
e nemmeno una stella si riesce a vedere in cielo, 
sarò guidato senza passi falsi (3)
nelle braccia del mio unico vero amore”
III
Si presentò alla finestra della sua stanza da letto,
inginocchiandosi piano sulla pietra
bussò alla finestra della camera (4):
Mio caro amore,
dormi sola?
IV
Lei sollevò la testa dal soffice e candido cuscino con le braccia intorno al seno
Chi è che alla finestra disturba il mio riposo in questa lunga notte (5)?
V
Sono solo io,  proprio il tuo vero amore, apri la porta (6) e fammi entrare
poiché ho viaggiato a lungo e sono bagnato quasi fino al midollo (8)”
VI
Lei aprì la porta con gran piacere,
aprì la porta e lo fece entrare
si strinsero le mani e si abbracciarono l’un l’altra,
e fino al mattino furono una cosa sola
VII
dico io: “Amore mio debbo lasciarti,
per scalare le colline che sono molto distanti

ma le scalerò con gran piacere
visto che sono stato tra le braccia
del mio amore

NOTE
1) strofa aggiuntiva dei Dubliners
2) rover in questo contesto significa più propriamente “viveur” cioè un festaiolo, compagno di bisbocce, ossia un gaudente che passa le notti a bere, giocare d’azzardo e andare a donne. In italiano un termine che potrebbe racchiudere questi significati è “libertino”
3) il verso viene dalla versione revenant ballad “Senza posare piede” sono espressioni che stanno a indicare una vecchia credenza popolare: coloro che vengono in visita dall’Altro Mondo Celtico (dove hanno vissuto secondo lo scorrere del tempo fatato – un giorno presso Fairy corrisponde ad un anno terrestre) non devono posare i piedi sul suolo perchè altrimenti vengono raggiunti dall’età terrestre
4) oppure “He whispers through her bedroom window” (in italiano: sussurra alla finestra della camera)
5) la lunga notte è molto probabilmente quella del Solstizio d’Inverno
6) open up please
7) I hae come on a lang journey
8)  ho tradotto l’espressione secondo l’equivalente frase idiomatica in italiano: nella ballata “The Grey Cock” William è bagnato perchè presumibilmente è morto annegato, qui si suppone che si tratti del cattivo tempo: uno dei pretesti condivisi nelle night songs per far aprire la porta alla fanciulla dormiente è proprio quello della notte fredda e piovosa. (vedi)
9) She opened up with the greatest pleasure,
unlocked the door and she let him in
They both embraced and kissed each other;
till the morning they lay as one

Un’ulteriore variante viene dalla Scozia (vedi)
ASCOLTA The Corrie Folk Trio

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/this-ae-nicht/
http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/iamarover.html
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/imoftendrunkandimseldomsober.html
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thegreycock.html
http://sangstories.webs.com/imarover.htm
http://www.springthyme.co.uk/ah07/ah07_05.htm

THE BREWER LADDIE

Gli innamorati delle bothy ballad non si disperano più di tanto per l’amore perduto, è una visione realistica dell’amore, l’amante abbandonato non si lamenta e piange (contrariamente agli irlandesi) e ancor meno muore di crepacuore, ma guarda il lato positivo della storia: adesso è libero di cercare un altro pesce nel mare..
Così la melodia di questa ballata è allegra e spensierata!

ASCOLTA Cara in  “Long Distance Love” 2001

ASCOLTA Tannahill Weavers in Capernaum 2006, su Spotify

ASCOLTA Tich Frier


I
In Perth there lived a bonnie lad
A brewer tae his trade O
An’ he is courted Peggie Roy
A young and handsome maid O
Chorus:
Wi’ a fall dall diddle um a die dum doo
Wi’ a fall dall diddle um a die doh
II
Well, he’s courted her for seven lang years
A’ for tae gain her favor
But there cam a lad oot a’ Edinburgh toon
Wha swore that he would have her
III
It’s will ye gang alang wi’ me
An’ will ye be ma honey?
It’s will ye gang alang wi’ me
An’ leave your brewer laddie?
Oh I will gang alang wi’ you
Alang wi’ you I’ll ride O
I’ll gang wi’ you to the ends o’ the earth
Though I’m spoke to the brewer lad O
IV
Oh the brewer, he cam hame at een
A-speirin’ for his honey
Her faither, he made this reply
“She’s no’ been here since Monday”
Oh wasna that an uncoo’ ploy
Wouldna onyone be offended
Tae court wi’ a lad for seven lang years
And leave him at the end o’t
V
Oh be it so, and let her go
For it shall never grieve me
I’m a lad that’s free, as you can see
And a sma’ thing will relieve me
There’s as guid fish intae the sea
As ever yet was taken
I’ll cast ma net an’ try again
Although I am forsaken
VI
She’s rambled up, she’s rambled doon
She’s rambled through Kirkaldy
Mony’s the time she rued the day
She jilt’ her brewer laddie
He’s taen his course an’ awa’ he’s gaen
The country he has fled O
He’s left nae sark upon her back
Nor blanket on her bed O
VII
The brewer, he set up in Perth
And there he brews strang ale O
He’s courted wi’ anither lass
And taen her tae himsel’ O
Ye lovers a’, where’er ye be
Just let this be a warnin’
An’ never slight your ane true love
For fear you get a waur ane
I
A Perth viveva un bel ragazzo
faceva il birraio di mestiere
e ha corteggiato Peggy Roy
una giovane e bella fanciulla
CORO
Wi’ a fall dall diddle um a die dum doo
Wi’ a fall dall diddle um a die doh
II
Allora l’ha corteggiata per sette lunghi anni
per riuscire a ottenere il suo favore
ma venne un ragazzo dalla città di Edimburgo
il quale giurò che lei sarebbe stata sua
III
“Verrai via con me
e sarai il mio tesoro?
Verrai via con me
e lascerai il tuo giovane birraio?”
“O si verrò via con te
con te cavalcherò
fino in cima al mondo, anche se sono in parola con il giovane birraio”
IV
Il birraio ritornò a casa a sera
a chiedere del suo tesoro
il fratello gli diede questa risposta
“Non è più qui da Lunedì” Non è stato quello uno scherzo inaspettato? Chi non si sarebbe sentito offeso, fare la corte a una ragazza per 7 lunghi anni e messo alla fine fuori gioco?
V
Se è così che vada pure, (1)
perché non mi farà mai soffrire
sono un ragazzo che è libero, come si vede, e una piccola cosa mi conforta,
che ci sono tanti buoni pesci nel mare(2) che non sono stati ancora presi, butterò l’amo e proverò ancora
anche se sono stato abbandonato”
VI
Lei ha girovagato su e giù
ha girovagato per Kirkaldy(3)
e ben presto ha rimpianto il giorno
che ha lasciato il giovane birraio.
Lui ha preso la sua strada e lontano se n’è andato, dal paese è fuggito, non le ha lasciato camicia per vestirsi (4)
nè coperta nel letto
VII
Il birraio si è sistemato a Perth
e là birrifica birra forte (5),
ha corteggiato un’altra ragazza
e l’ha presa per sé
e voi innamorati, ovunque siate
prendete questo come avvertimento
e non sminuite mai il vero amore
per paura di prenderne uno peggiore (6)

NOTE
1) la ballata richiama un po’ la Gyspy Lady, ma il nostro ragazzo non è un Lord che corre dietro a Peggy per riportarla a casa
2) un’espressione tipica della filosofia scozzese sull’amore: il mare è vasto e ci stanno tanti pesci da prendere all’amo
3) Kirkaldy sulla costa nord del Firth of Forth è una grossa cittadina del Fife
4) letteralmente camicia sulla schiena: il nuovo ragazzo probabilmente le ha portato via tutto ciò che aveva
5) come si produce la birra (vedi)
6) l’avvertimento è per le ragazze che preferiscono l’erba del vicino: nel disprezzare colui che si ama per un altro, si corre il rischio di cascare peggio

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/la-birra-artigianale/
https://mainlynorfolk.info/cara/songs/thebrewerladdie.html
http://www.tannahillweavers.com/lyrics/1146ly10.htm
http://www.celticlyricscorner.net/backmoon/brewer.htm
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=913

WHEN I WAS NOO BUT SWEET SIXTEEN / THE BOTHY LADS

donna-culla-WILLIAM-ADOLPHE-BOUGUEREAUAncora una canzone sui cavallanti (vedi bothy ballads), proveniente dal Nord-Est della Scozia, ma questa storia finisce con una gravidanza e senza matrimonio riparatore. L’altro titolo con cui è conosciuta è “Hishie Ba” una variante in versione ninna –nanna che ci viene dal canto di Jean Redpath. La stessa storia è narrata con una melodia simile anche nella ballata “Peggy on the Banks of Spey” (che Hamish Henderson raccolse nel 1956 dalla signora Elsie Morrison di Spey Bay) Nella tradizione scozzese non sono insolite le ninne-nanne dai contenuti amari e dolorosi (vedi).

La melodia è intitolata “Jockey’s gray Breeches” già in “Caledonian Pocket Companion” di James Oswald (1745) (vedi)

WHEN I WAS NOO BUT SWEET SIXTEEN/

ASCOLTA June Tabor & Oysterband (testo qui)

ASCOLTA Colcannon con il titolo The Ploughboy lads
ASCOLTA Claire Hastings in ‘Between River and Railway‘ 2016 con il titolo The Bothy Lads che unisce il coro della versione di Hishie ba


I
Ah well I was no’ but sweet sixteen
With beauty charme a-blooming oh
It’s little little did I think
At nineteen I’d be grieving oh
Well the ploughboy lads they’re all braw  lads /But they’re false and they’re deceiving oh/They’ll take your all and 
they’ll gang away
And leave the lassies grievin’ oh
II
Ah well I was fond of company
And I gave the ploughboys freedom oh
To kiss and clap me in the dark
When all me friends were sleeping oh
III
Well if I did know what I know now
And I took me mothers biddin’ oh
I wouldn’t be sittin’ by our fireside
Crying “hush a ba my baby oh”
IV
Well it’s hush a ba  for I’m your ma/But the Lord knows who’s your daddy oh
And I’ll take care and I’ll beware
Of the ploughboys in the gloaming oh
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non avevo che 16 anni
con le grazie della giovinezza in fiore
e mai avrei pensato
che a 19 sarei stata inguaiata (1)
Beh i Cavallanti sono tutti bei (2) ragazzi
ma sono insinceri e sono traditori
ti prendono tutto
e poi vanno via

e lasciano le ragazze nei guai
II
Beh, amavo la compagnia
e ho dato ai cavallanti la libertà
di baciarmi e afferrarmi (3) nel buio
mentre tutti  i miei amici dormivano
III
Se avessi saputo quello che so ora,
e avessi dato retta a mia madre,
non starei seduta accanto al focolare
a piangere “Dormi bambino (4) mio”
IV
Fai la ninna (5) per la tua mamma,
solo il Signore sa chi è tuo padre (6)
farò attenzione e starò alla larga (7)
dai cavallanti nel crepuscolo (8).”

NOTE
1) oppure Greetin: weeping
2) gey braw: very fine, handsome
3) clap: touch
4) bairnie
5) Hishie ba: soothing sound to a baby, lullaby
6) la donna ha concesso i suoi favori a diversi giovanotti (all’epoca non c’era ancora il test del dna)
7) June Tabor dice “so it’s girls beware and you take care ”  “le ragazze stanno alla larga e tu fai attenzione ” è l’avvertimento della madre alla neonata di guardarsi dai cavallanti! Spesso le ninnananne erano delle warning songs.
8) Gloamin: twilight, dusk

HISHIE BA

ASCOLTA Lucy Stewart
ASCOLTA Jean Redpath (strofe I e III)

ASCOLTA Arthur Argo (strofe I, II, III)


I
When I was noo but sweet sixteen
and beauty aye an bloomin’ o
it’s little, little did I think
that at seventeen I’d be greetin’ o
Hishie ba, noo I’m yer ma
Oh, hishie ba, ma bairnie o
Hishie ba, noo I’m yer ma
but the guid kens fa’s yer faither o
II
If I had been a guilte lass
An taen ma mither’s biddin o
I widna be sittin at your fireside
singing hush a ba my baby oh
III
It’s keep it me frae lowpin’ dykes
Frae balls and frae waddin’s o
It’s gi’en me balance tae my stays
and that’s in the latest fashion o
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non avevo che 16 anni (1)
con la mia bellezza in fiore
e mai avrei pensato
che a 17 sarei stata inguaiata
Fai la ninna per la tua mamma
dormi bambino mio
Fai la ninna per la tua mamma,
solo il Signore sa chi è tuo padre
II
Se fossi stata una ragazza saggia
e dato retta agli avvertimenti di mia madre, non starei seduta accanto al focolare a cantare “dormi bambino mio”
III
Mi tengo lontana dai saltafossi (2),
dai balli e dai matrimoni(3)
e mi strizzo nel corsetto (4)
che è all’ultima moda

NOTE
1) Argo dice When I was a maid but sweet sixteen
2) leaping, jumping over stone walls. Ma louppar (lowpar), looper  (louper) nel Dizionario Scozzese è sinonimo di vagabondo. dyke-louper, -leaper, (a) an animal that leaps the dyke surrounding its pasture (b)fig.: a person of immoral habits, also in n.Eng. dial.; hence dyke-loupin’, ppl.adj. and vbl.n., used lit. and fig. (qui)
3) weddings
4) Stays: (a pair of) C17th and c18th term for the boned underbodice previously known as a “pair of bodies.” The term persisted into the c19th but was more usually replaced by its French equivalent, the “corset.” The term was also applied to the stiff inserts of whalebone or steel which shaped this garment. A corset made of two pieces laced together and stiffened by strips of whalebone. Il verso è da intendersi come “darsi una regolata” ovvero comportarsi da ragazza perbene oppure vuole nascondere il suo stato di partoriente ?

FONTI
http://www.tunearch.org/wiki/Jocky%27s_Gray_Breeches
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/85072/6
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/98115/1
http://www.black-brothers.com/songs/8.htm
https://mainlynorfolk.info/june.tabor/songs/wheniwasnoobutsweetsixteen.html
http://www.oysterband.co.uk/lyrics/songs/(When_I_was_no_but)_sweet_sixteen.html
http://mysongbook.de/mtb/r_clarke/songs/nobut16.htm
http://sangstories.webs.com/hishieba.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=88570
http://sangstories.webs.com/hishieba.htm
http://tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/16915/2
http://www.springthyme.co.uk/ah03/ah03_02.htm

IL CAVALLANTE MESTIERE PERDUTO

Plooman laddies o  ploughboy lads erano i cavallanti agricoli, dei tempi in cui l’aratro era trainato dalla forza animale (e si dicevano bifolchi se a tirare l’aratro erano i buoi), il soggetto preferito delle bothy ballad le canzoni dei braccianti stagionali e salariati agricoli nelle grandi fattorie nel Nord Est della Scozia (in particolare l’Aberdeenshire).
Si occupavano dell’aratura, erpicatura e dissodamento dei campi e della cura degli animali da lavoro a loro affidati.

ploughman-evenPremetto che con lo stesso generico titolo si indicano diverse canzoni tra cui anche quella intitolata The Ploughboy Lads di Robert Burns questa invece inizia con “Doon yonder den there’s a plooman lad” ed è la versione collezionata da Lucy Stewart (1901- 1982)

Hamish Henderson commenta nelle note della versione di Isla St. Clair “Now one of the most popular songs in the Scots folk revival, The Plooman Laddies was put into circulation comparatively recently—in 1959, when it was recorded (on the family’s tape-recorder) by Lucy Stewart of Fetterangus. It descents from a much longer ploughman song, sung to the tune of The Rigs o’ Rye, but Lucy’s version has distilled from the earlier words and tune an intense lyric love-song unsurpassed in North-east erotic tradition.” (da qui)

ASCOLTA Lucy Stewart  su Tobar an Dualchais
ASCOLTA  Isla St. Clair in Isla St Clair Sings Traditional Scottish Songs. 1971 che mantiene tutta l’immediatezza della versione di Lucy Stewart.

ASCOLTA Mary Story

ASCOLTA Alasdair Roberts in The Crook of My Arm.2001 con il titolo di Ploughboy Lads

ASCOLTA Tannahill Weavers live con il titolo di Ploo’boy Laddies; se volete farvi due risate ecco le loro note di commento
A friend of ours once had a similar, emotionally taxing decision to make.  Should he marry the young, poor girl that he loved or the old, extremely rich woman who offered him warmth and security?  On asking the advice of his father, a wise but lonely widower of some 50 summers, he was told “Always marry for love, son, always marry for love.”
“Great, Dad.  Thanks!  I’m off to ask young Catriona right away.”
“Afore ye go, son,” says the old fellow cautiously, “what did ye say the old lady’s phone number was?”
(tratto da qui)


I
Doon yonder den(1)
there’s a plooman lad
Some simmer’s day
he’ll be aa my ain
And sing laddie aye,
and sing laddie o
The plooman laddies are aa the go(2)
II
In yonder toon ah
could hae gotten a merchant
But aa his gear
wisna worth a groat(3)
III
Doon yonder den ah
could hae gotten a miller
But aa his dust
wad hae deen me ill(4)
IV
I see him comin frae the toon (5)
Wi aa his ribbons (6)
hingin roon and roon
V
I love his teeth (hair),
an I love his skin
I love the verra cairt he hurls(7) in
VI
It’s ilka(8) time
I gyang(9) tae the stack(10)
I hear his wheep
gie the ither crack(11)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
In fondo alla valle
c’è un giovane cavallante
in un giorno d’estate
sarà tutto mio
e canta ragazzo si
e canta ragazzo oh
i cavallanti si vestono bene
II
Nella città laggiù
avrei potuto avere un mercante
ma tutta la sua mercanzia
valeva poco,
III
In quella valle lontana
avrei potuto avere un mugnaio
ma tutta quella farina
mi avrebbe fatto ammalare.
IV
Lo vedo arrivare dalla fattoria
con tutti i fiocchi
appesi (girare) in lungo e in largo
V
Amo i suoi denti (capelli)
e il suo incarnato
amo il carretto che conduce
VI
E’ quasi ora
di andare al covone
sento le sue grida
dare un altro comando

NOTE
1) Den: narrow wooded valley
2) Aa the go: in fashion, all the rage. Gli aratori erano un gradino sopra agli altri lavoratori agricoli.
3) Groat: archaic Scottish coin of low value
4) Deen me ill: made me sick
5) le grandi fattorie sono dette toon, impropriamente tradotte con town
6) probabilmente si riferisce alla pariglia di cavalli infiocchettati e tirati a lucido, oppure ai premi vinti per le gare tra cavallanti durante le fiere di paese
7) Hurls: rides (in a wheeled vehicle) cairt potrebbe essere anche l’erpice
8) Ilka: every
9) Gyang: go
10) Stack: peat stack
11) riferito agli ordini impartiti ai cavalli,forse si tratta di una gara tra aratori

continua BOTHY LADS

FONTI
http://www.folkways.si.edu/lucy-stewart-scottish-ballad-singer/childrens-world/music/article/smithsonian
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/59336/1
http://www.tannahillweavers.com/lyrics/1146lyr3.htm
https://projects.handsupfortrad.scot/scotlandsings/scots-songs/#plooman
http://sangstories.webs.com/ploomanladdies.htm
https://mainlynorfolk.info/nic.jones/songs/ploughmanlads.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=2588
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=54646

THE MONYMUSK LADS

Una bothy ballad popolare anche in America come musica da danza è una “courting song” dal titolo “Monymusk Lads” o “Rural Courtship”: si narra delle disavventure amorose di un bracciante agricolo (originariamente dell’Aberdeenshire, Scozia Nord-Est) durante una “night visiting” (prima parte).

ASCOLTA Ewan MacColl

Old Blind Dogs in “The Gab O’ May” 2003 in formazione con il fiddler e anima del gruppo Jonny Hardie: Jim Malcolm (voce e chitarra), Aaron Jones basso elettrico, Rory Cambell cornamusa e whistle e Fraser Stone alle percussioni

Silly Wizard in Caledonia’s Hardy Sons (1978)


I
As I cam in by Monymusk(1)
And doon by Alford’s dale(2)
A sad misfortune happened to me
And I think nae shame to tell
Fal to too ril, fal to too ril aye do
II
As I gaed in by Monymusk
The moon was shining clear
And I held on to Lethendy(3)
To see my Maggie dear
III
I did gang when I did think
That a’ were sleepin’ soun’
But plague upon yon auld wife
For she cam’ slinkin’ doon
IV
Sae cannily she slipped the lock
And set the door agee
Then crawled upon her hands and knees
To see what it could be
V
Then to the bells wi’ a’ her micht
Sae loud she made them ring
‘Til faith(4), I thocht aboot my lugs
The biggin she would bring(5)
VI
And when she saw I wouldna slip
She ran to her guidman(6)
Says, “There’s a lad into the hoose
And this I winna stand(7)
VII
For it’s a most disgraceful thing
It would provoke a saunt
To see a’ the servant girls wi’ lads
When the gentle anes maun want(8)
VIII
Providence has acted wrang
Sic pleasures for to gie
Tae ony servant lad or lass
Just working for a fee”
IX
The auld man, he cam ben himsel
And he pushed ben his heid
Guidfaith, I thocht it was a ghost
Just risen frae the deid
X
He’d duddy drawers upon his legs
He’d on a cap o’ white
And he’d a face as lang’s my leg
And in his hand a light
XI
He’s ta’en me by the shoulders broad
And pushed me out o’ doors
Thinks I, my auld lad, I’ll come back
When sleepin’ gars ye snore
Traduzione italiano di Cattia Salto *
I
Mentre venivo a Monymusk
giù per la valle di Alford
mi è capitata una sventura,
e credo sia un peccato non raccontarla
Fal to too ril, fal to too ril aye do
II
Mentre andavo a Monymusk
la luna splendeva chiara
e ho continuato fino a Lethendy
per vedere la mia cara Maggie
III
Ci sono andato quando credevo
che tutti dormissero profondamente,
ma accidenti a quella vecchia
che è sgattaiolata al piano di sotto
IV
Con precauzione ha tirato il paletto
e socchiuso la porta
poi si è messa carponi su mani e ginocchia
per vedere che cosa poteva capitare
V
Poi la campanella con tutte le sue forze
ha fatto suonare così forte
che perdio credevo
avrebbe fatto crollare la casa
VI
E quando ha visto che non me ne andavo, è corsa dal marito
dicendo “C’è un ragazzo in casa
e non intendo tollerarlo!
VII
Perché è una cosa deprecabile,
da infastidire un santo,
vedere tutte le servette con i ragazzi
mentre i signori stanno senza.
VIII
La provvidenza agisce in modo sbagliato a dare tali piaceri
a ogni servetta o garzone
che lavorano solo per la paga”
IX
Anche il vecchio entrò
e mise la testa dentro
bontà d’iddio, sembrava un fantasma
appena risorto dalla tomba!
X
Aveva dei cenciosi mutandoni lunghi, portava una berretta bianca, aveva una faccia lunga come la mia gamba e in mano una lampada
XI
Mi ha preso per le spalle
e mi ha spinto fuori dalla porta,
credo, mio vecchietto, che ritornerò
quando il sonno ti farà russare!

NOTE
*La traduzione in inglese qui
1) villaggio della contea di Aberdeenshire, di origine medievale
2) Alford villaggio a una decina di kilometri da MonyMusk
3) località non meglio precisata, un paese con quel nome si trova parecchio lontano
4)  “My God”
5) my lugs the biggin she would bring= she would bring the house down about my ears. È un’espressione idiomatica che si riferisce a un fragoroso applauso o un’ovazione,
6) antico termine per ” master of the house”
7) I winna stand = I won’t put up with it
8) gentle anes maun want = gentlefolk have to do without

IL REEL

La melodia risale al Settecento per mano di Daniel (Donald) Dow (1732-1783) pubblicata la prima volta con il titolo di “Sir Archibald Grant of Monymusk’s Reel” come melodia per cornamusa.

It was composed by Daniel (sometimes Donald) Dow (1732-1783) in 1776 and first appeared in his Thirty Seven New Reels, c. 1780, as “Sir Archibald Grant of Monymusk’s Strathspey.” Linscott (1939) says it was called “The Countess of Airly” in the early 18th century, and came from the village of Monymusk, in Aberdeenshire, Scotland.” Bayard (1981) states that if Dow did “compose” the tune then he certainly had access to earlier models for it, for both “The Ruffian’s Rant” and “Roy’s Wife of Aldivalloch” are cognate. Alburger (1983) also identifies Daniel Dow (1732-83) as the composer of “Sir Archibald Grant of Monemusk’s Reel,” but says when the Gows published it in their 1799 Repository, Part First, they altered it rhythmically (by adding more ‘Scots snaps’ and smoothing out some dotted patterns for variety) and shortened the name to “Monymusk, A Strathspey.” (tratto da qui) Su tunearch l’approfondimento qui

ASCOLTA Mutefish

SCOTTISH COUNTRY DANCE

E’ un popolare Strathspey

o come si balla in America

FONTI
http://ingeb.org/songs/asicamim.html
http://www.celticlyricscorner.net/oldblinddogs/monymusk.htm
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/themonymusklads.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=37715
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/83126/2
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Money_Musk_(1)
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Money_Musk_(2)
https://thesession.org/tunes/1387
https://thesession.org/tunes/11167
http://www.scottish-country-dancing-dictionary.com/video/monymusk.html
https://my.strathspey.org/dd/dance/4646/
http://nighttraintodetroit.com/2011/01/12/new-year%E2%80%99s-resolution-2011-learn-to-dance-the-%E2%80%9Cmoney-musk%E2%80%9D/