Crea sito
Terre Celtiche Blog

Before the World Was Made: Yeats in musica

“Before the World Was Made” è anche il titolo di una poesia di Yeats, contenuto nella raccolta del 1933 The Winding Stair and other poems (in italiano “La scala a chiocciola e altre poesie”). Quasi settantenne e sofferente Yeats si dedicò comunque anche negli ultimi anni alla scrittura. In particolare parte della raccolta che confluirà ne The Winding Stair fu scritta a Rapallo (Italia) alla fine degli anni 20.
Ogni artista che l’ha cantata ci ha aggiunto una sua melodia, in questa disamina ne farò anche una breve carrellata.

A Vision

Anima Mundi

Yeats tratta un tema caro ai Neoplatonici rinascimentali, la bellezza dell’amore puro, quello dell’anima.

Scrive Marsilio Ficino
Dio in quanto centro di tutto in tutte le cose è presente. Dunque la bellezza, colta con i sensi superiori, con la mente, la vista, l’udito, è la manifestazione di Dio. Il vero amante, quindi, è colui che aspira allo splendore di Dio rifulgente nei corpi e la sua ricerca continua di una unione con persona amata non è altro se non il suo desiderio di ” farsi Iddio”.

Yeats ha però messo a punto tutto una mitologia di sua invenzione che ha spiegato nel libro “A Vision” ed è andato a rielaborare proprio negli anni della sua vecchiaia, in cui ha dipinto una visione del mondo in cui spiega la continuità dell’anima a livello individuale, sociale e civile.

Before the World Was Made

E’ facile leggere la canzone come una riflessione sul decadere della bellezza nell’avanzare del tempo e il sentimento della gelosia; la poesia però racconta tutt’altro: la donna che interroga gli specchi sul suo aspetto e si trucca il volto, vuole in realtà portare sul piano fisico la bellezza della sua Anima, così vuole essere amata per quello che è “dentro” o meglio per la sua “Anima” .

In “An Appointment with Mr Yeats”(2011) Mike Scott compone la musica e canta la prima strofa, la seconda parte è affidata alla voce di Katie Kim.

Before the world was made

If I make the lashes dark
And the eyes more bright
And the lips more scarlet,
Or ask if all be right
From mirror after mirror,
No vanity’s displayed:
I’m looking for the face I had
Before the world was made.

What if I look upon a man
As though on my beloved,
And my blood be cold the while
And my heart unmoved?
Why should he think me cruel
Or that he is betrayed?
I’d have him love the thing that was
Before the world was made.

Prima che si facesse il Mondo

Se mi scurisco le ciglia
e mi dipingo gli occhi
e mi faccio le labbra più rosse
o controllo se tutto è a posto
specchio dopo specchio,
non ostento vanità:
sto cercando il volto che avevo
Prima che si facesse il Mondo (1)

E se io guardo un uomo
come il mio amato,
e il sangue si raggelasse nel frattempo,
e il cuore diventasse indifferente? (2)
Perchè dovrebbe credermi crudele
o sentirsi tradito?
Gli chiederei di amare, la cosa che ero (3)
Prima che si facesse il Mondo

NOTE

Before the world was made Traduzione italiana /Italian Transaltion Cattia Salto
1) La dimensione corporea e quella spirituale non sono due entità distinte dell’uomo , ma un grado diverso di manifestazione della stessa Natura (l’Anima Mundi in cui è contenuto il seme di ogni cosa)
2) si riferisce ad una femme fatal? Come Maud Gonne, di cui si era innamorato da giovane, ma che sempre respinse la sua proposta matrimoniale?
3) nell’Amare si ama l’idea eterna dell’amato, che nello specifico ha preso forma in un esemplare corporeo. In altri termini l’amore è la ricerca dell’essenza di una persona, nell’idea che precede la sua immagine fisica e temporale! Cioè “prima che il mondo venisse creato”


Van Morrison in Too Long in Exile 1993 che cambia però i versi in particolare nella seconda strofa
Tirill in “Nine and Fifty Swans a journey into W.B Yeats poetry”. 2011
Tirill Mohn (guitar, vocals) and Nils Einar Vinjor (bass).
Carla Bruni No promises 2007
Aurélien Merle in For Words, Perhaps 2006

Se ciò che io dico risuona in te, è semplicemente perché siamo entrambi rami di uno stesso albero

Yeats

LINK
https://www.liminarivista.it/comma-22/yeats-navigatore-grande-memoria/
http://www.dutchgirl.com/foxpaws/biographies/Myself_That_I_Remake/yeatssec1.html
https://www.lieder.net/lieder/get_text.html?TextId=43129

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.