Archivi tag: Aisling song

Silver apples of the moon

MARGARET MACDONALD MAKINTOSH (1865-1933) The Silver Apples of the Moon
MARGARET MACDONALD MAKINTOSH (1865-1933)
The Silver Apples of the Moon

Leggi in italiano

The song of wandering Aengus was published in 1899, in the collection of poems “The Wind among the reeds” by William Butler Yeats (1865-1939).

Aengus (Oengus)  is the god of love of Irish mythology, belonging to the mythical ranks of the Tuatha De Dannan, eternally young ruler of the Brug na Boinne near the banks of the river Boyne. It is said of him that he fell in love with a beautiful girl seen in a dream and, sick with love, looked for her for a long time before finding her and taking her to her kingdom.

In poetry, however, the character is a young mortal (perhaps the poet himself) in search of his poetic inspiration or the most ancestral side of knowledge. He tells of his initiation into the past, because he became old, in the perennial search for beauty, or poetic enlightenment, embodied by the girl with the apple blossoms in her hair.

The first to put the poem into music was the same Yeats who composed or adapted a traditional Irish melody: in 1907 he published his essay ‘Speaking to the Psaltery’ in which the poem is recited bardically, sung with the accompaniment of the psaltery; but many other artists were inspired by the text and composed further melodies.

Burt Ives with the title The Wandering of Old Angus  in ‘Burl Ives: Songs of Ireland‘ Decca DL 8444 (ca. 1954) in the liner notes the Yeats melody is credited

Judy Collins with the title ‘Golden Apples of the Sun’  – Golden Apples of the Sun 1962. “Learned from the singing of Will Holt, this stunning song is a musical setting of a W. B. Yeats poem ‘The Song of the Wandering Angus’. It is not a folk song, it tends to be an art song. It has a traditional feeling about it; the repetitiveness gives you the impression of an incantation, which the poem does too. Of her learning it I had heard the song almost two years ago. When I heard Will Holt sing it late one night at the Gate of Horn, I was greatly impressed, and determined to learn it. Will sang it for me a number of times, and even gave me a tape of it. I lived with the Golden Apples of the Sun almost a year-and-a-half before I ever sang it, and then it burst out one day – almost of its own accord – while I was visiting friends. It took me a long time to assimilate it, but now it’s part of me. I feel that the song has something to do with what people want – what they don’t have – and sometimes the desire for these things is almost as satisfying as the getting.'”

Donovan in H. M. S. 1971

Richie Havens in “Mixed Bag II” 1974

Christy Moore in “Ride On” 1986

Paul Winter & Karen Casey in Celtic Solstice 1999

Jolie Holland in Catalpa 2003

Waterboys in “An Appointment with Mr Yeats” 2011
an almost spoken version

Sedrenn  in De l’autri cotè 2013 (the review of the cd here

Robert Lawrence & Jill Greene (music by Jill Diana Greene) 2016

I
I went out to the hazel wood
because a fire was in my head(1)
and cut and peeled a hazel wand(2)
and hooked a berry to a thread.
II
And when white moths were on the wing
and moth-like stars were flickering out
I dropped the berry in the stream(3)
and caught a little silver trout(4).
III
When I had laid it on the floor
I went to blow the fire aflame
But something rustled on the floor
and someone called me by my name.
IV
It had become a glimmering girl
with apple blossom(5) in her hair
who called me by my name and ran
and vanished through the brightening air
V
Though I am old with wandering
through hollow lands and hills lands
I will find out where she has gone
and kiss her lips and take her hands.
VI
And walk among long dappled grass
and pluck till time and times are done
the silver apples of the moon
the golden apples of the sun(5).

NOTES
1) it’s the fire what characterizes the visionary experience of shamanism (see). In the book “The Fire in the Head” (2007) Tom Cowan examines the connections between shamanism and Celtic imagination, analyzing the myths, the stories, the ancient Celtic poets and narrators and describing the techniques used to access the world of the shamans. So the protagonist approaches the waters of the river to practice a ritual that allows him to travel in the Other World.
2) the hazelnut is the fruit of science and falls into the sacred spring, where it is eaten by salmon / trout (which becomes the salmon of knowledge).
3) most likely it is the Boyne River. According to mythology, Brug na Boinne or “Boyne River Palace” is the current Newgrange. Dimora del Dagda and then the son Aengus (Oengus) and the most important gods. The mound rises on the north bank of the Boyne River, east of Slane (County Meath).

new-grange
here is how the mound was once

4)A reference to a mythological tale by Fionn Mac Cumhaill (salomon of knowledge).

Even the trout is considered by the Celtic tradition as a guardian spirit of the waterways, and represents the Underworld, which it is materially embodied under the gaze of the poet in a young girl from the Other World, in a sort of dream or vision ( aisling) that disappears when the day is cleared: the poet tells us he will dedicate his life to chasing that girl or to reach (in life) the Other World
5) The apple tree and its fruit are always present in the Otherworld and most of the time it is a female creature to offer the golden apple to the hero or the poet. The apple is the fruit of immortality but also of death, of eternal sleep.
The access (in life) to the Other Celtic World is an honor reserved for poets, semi-divine heroes and a few privileged visitors (sometimes ravished by fairies for their beauty), Yeats hopes to be able to feed on Avalon apples and obtain the gift of immortality (poetic).

Aengus il vagabondo

Angelo Branduardi in “Branduardi canta Yeats” 1986 music by Donovan, text-translation by Luisa Zappa

Fu così che al bosco andai,
chè un fuoco in capo mi sentivo,
un ramo di nocciolo io tagliai
ed una bacca appesi al filo.
Bianche falene vennero volando,
e poi le stelle luccicando,
la bacca nella corrente lanciai
e pescai una piccola trota d’argento.
Quando a terra l’ebbi posata
per ravvivare il fuoco assopito,
qualcosa si mosse all’improvviso
e col mio nome mi chiamò.
Una fanciulla era divenuta,
fiori di melo nei capelli,
per nome mi chiamò e svanì
nello splendore dell’aria.
Sono invecchiato vagabondando
per vallate e per colline,
ma saprò alla fine dove e`andata,
la bacerò e la prenderò per mano;
cammineremo tra l’erba variegata,
sino alla fine dei tempi coglieremo
le mele d’argento della luna,
le mele d’oro del sole.

LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=44244 http://branoalcollo.wordpress.com/2011/07/11/le-metamorfosi-di-yeats/ http://lebuoneinterferenze.blogspot.it/2010/02/le-mele-della-notte.html http://www.ilcerchiosciamanico.it/articoli/p2/123/il-regno-sotto-le-acque-il-recupero-dello-sciamanesimo-celtico-di-sharon-paice-macleod.html

Mise Éire – I am Ireland

Leggi in italiano
Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais or Pádraig Pearse) wrote a short poem in Gaelic, about afflicted Ireland, it was 1912 and the Easter Uprising was to came. It’ll be Pearse who read the proclamation of the Irish Republic on the steps of the Post Office occupied by the rebels. His death along with that of his companions on that Easter of Blood of 1916 will be the prelude to the Irish War of Independence (1919-1921)

In 1959 George Morrison made a documentary film about the foundation of the Republic of Ireland that, recalling it to the Pearse poem, he entitled “Mise Éire”: it was a long work of research and cataloging from the newsreels, period films, photos of key figures such as Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera and Michael Collins, to giving back through the reassembly of archival material, a crucial historical period for Irish independence from 1896 to 1918, a twenty-year period that saw the flowering of both political nationalism and Irish culture, the Gaelic League and the Gaelic Athletics Association, the Abbey Theater of WB Yeats and Lady Gregory which ends with the electoral victory of the Sinn Féin party.
The orchestral soundtrack (for the first time combined with an Irish feature film) was entrusted to Seán Ó Riada, who arranged the traditional Irish music and the sean-nós songs (‘old style’) with a classical style.
The Ó Riada soundtrack certainly contributed to the documentary’s pathos, and among the many traditional melodies he also rearranged “Róisín Dubh” renamed as title track “Mise Éire” .
Róisín Dubh (= little black rose) is Rosalinda, a young girl named Little Rose is the allegory of Ireland, a codeword coined at the end of the sixteenth / early seventeenth century to identify Ireland with a Black Rose, ideally contrasted to the Red Rose of the Tudor House (the Lancaster rose).
The Irish Radio Orchestra

But Pearse poem had remained in the background despite hitting target with the title, it will be Patrick Cassidy on the occasion of the centenary of the Easter Uprising, to write his tune for “Mise Éire”, staged for RTÉ ONE with RTÉ Concert Orchestra and sung by the young Irish singer, Sibéal Ní Chasaide

Sibéal Ní Chasaide live ( in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

I am Ireland (1):
I am older than
the old woman (2) of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually.
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier than
the old woman of Beare.
Mise Éire:
Sine mé ná
an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug
Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin
a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde
do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream
inar chuireas
dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná
an Chailleach Bhéarra.

NOTE
1) “Just Speak Your Language”
2) Cailleach Bheara cailleach= “veiled one” she is an ancient goddess also revered in Scotland and the Isle of Man. She is associated with Winter, and the creation of the landscape – in particular the cliffs – and with the stone burial mounds. In the aisling song, Ireland is represented as a girl with the appearance of a goddess, but already in the eighteenth-century song Caitilín Ní Uallacháin Ireland is compared to a “poor old woman” (Sean-Bhean bhocht) Ms. Katty Hualloghan – Cathleen or Kathleen Nì Houlihan-, owner of four green fields (ie the four provinces where Ireland is traditionally divided).

 

https://terreceltiche.altervista.org/roisin-dubh/

https://terreceltiche.altervista.org/caitilin-ni-uallachain/

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

Mise Éire – I am Ireland

Read the post in English  

Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais o Pádraig Pearse) scrisse una breve poesia in gaelico irlandese sull’Irlanda afflitta, era il 1912 e la Rivolta di Pasqua era nell’aria. Sarà Pearse a leggere il proclama della Repubblica Irlandese sui gradini dell’Ufficio postale occupato dai ribelli. La sua morte insieme a quella dei suoi compagni in quella Pasqua di Sangue del 1916 darà il via alla guerra d’Indipendenza irlandese (1919-1921)

Nel 1959 George Morrison realizzò un film-documentario sulla fondazione della Repubblica d’Irlanda e, richiamandosi alla poesia di Pearse, lo intitolò  “Mise Éire”: il suo fu un lungo lavoro di ricerca e catalogazione dai cinegiornali, filmati d’epoca, foto di personaggi chiave come Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera e Michael Collins, volto a restituire attraverso il rimontaggio del materiale d’archivio, un periodo storico cruciale per l’indipendenza irlandese che va dal 1896 al 1918, un ventennio che vide la fioritura del nazionalismo irlandese sia politico che culturale, la  Gaelic League e la Gaelic Athletics Association, l’Abbey Theatre di WB Yeats e Lady Gregory e si conclude con la vittoria elettorale del partito Sinn Féin.

LA COLONNA SONORA

La colonna sonora orchestale (per la prima volta abbinata a un lungometraggio irlandese) fu affidata a Seán Ó Riada il quale arrangiò con piglio classicheggiante la musica tradizionale irlandese e i canti sean-nós (‘stile antico’).
Sicuramente a dare pathos al documentario ha contribuito molto la colonna sonora di Ó Riada che  tra le tante melodie tradizionali rielaborò anche “Róisín Dubh” ribattezzata con il titolo di “Mise Éire” come title track.
Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento per identificare l’Irlanda con una Rosa Nera,  contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster).
The Irish Radio Orchestra

Ma la poesia di Pearse era rimasta sullo sfondo pur avendo fatto centro con il titolo, sarà  Patrick Cassidy (oramai acclamato compositore di colonne sonore per film di grande successo) in occasione del centenario della Rivolta di Pasqua a scrivere appositamente la musica per la poesia Mise Éire,  messa in scena per  RTÉ ONE con RTÉ Concert Orchestra  e la voce di Sibéal Ní Chasaide.

Sibéal Ní Chasaide live (anche in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

Mise Éire:
Sine mé ná an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream inar chuireas dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná an Chailleach Bhéarra.


I am Ireland:
I am older than
the old woman of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually…
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier
than the old woman of Beare.
Traduzione italiana Cattia Salto
Il mio nome è Irlanda (1):
sono più vecchia
della Velata di Beara (2)
Grande la mia gloria:
io che ho partorito
Cuchulainn, il coraggioso.
Grande la mia vergogna:
i miei stessi figli
che hanno venduto la loro madre.
Grande il mio dolore:
il mio inconciliabile nemico
che mi opprime continuamente
Grande la mia tristezza:
quel popolo,
in cui riposi la mia fiducia,
è morto.
Il mio nome è Irlanda:
sono più sola
della Velata di Beara

NOTE
1) l’Irlanda è la sua lingua, “Just Speak Your Language”, quella dei vecchi antenati il gaelico irlandese
2) Cailleach Bheara cailleach= “la velata” è un’antica dea dell’inverno venerata anche in Scozia e nell’Isola di Man. E’ collegata con le pietre e la conformazione rocciosa del paesaggio -in particolare le scogliere- e con i tumuli funerari a pietra.
Nelle aisling song l’Irlanda viene rappresentata come una fanciulla dalle sembianze di dea, ma già nel canto settecentesco Caitilín Ní Uallacháin l’Irlanda è paragonata a una  “povera vecchia” (la Sean-Bhean bhocht) la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda).  Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.

 

RÓISÍN DUBH

CAITILIN NI UALLACHAIN

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Cailleach.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://www.lasoffittadellestreghe.it/shoponline/cailleach-dea-dellinverno/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

AS I LAY ON YULIS NIGHT

Tra i Christmas Carols possiamo annoverare una serie di ninna-nanne dalle origini medievali ancora oggi nei repertori delle Corali e nelle compilation di musica natalizia; dette anche Cradle songs sono canti semplici, evocativi di un intimo momento tra Maria e Gesù.

AS I LAY ON YULIS NIGHT

Madonna con bambino XIV secolo

La ninna nanna risalente al XIV secolo si conserva nel manoscritto di John of Grimestone (1372), un frate francescano di Norfolk che aveva annotato sermoni, poesie e canti ai fini della sua predicazione tra la folla. (il manoscritto si trova ora a Edimburgo, nella National Library of Scotland, siglato MS. 18.7.21.) Non è però certo se il canto sia stato composto da lui o semplicemente trascritto da altre fonti. Come sia il canto è stato ritrovato in altri manoscritti del XV secolo, finalmente anche accompagnato da notazione musicale.

Delle 14 strofe di cui è composta la ninna-nanna “Als I lay on Yoolis Night” oggi si cantano per lo più solo le prime 6/7 (versione integrale qui)
La melodia è volutamente semplice, ma non banale, una precisa scelta stilistica per divulgare il mistero della Natività.
ASCOLTA Eeva-Maria Kauniskangas & Kristian Kokko: voce e chitarra classica

ASCOLTA Origo Ensemble

ASCOLTA Martin Best Ensemble in “Thys Yool” 1988: Martin Best, Donna Deam, Kristine Szulik

ASCOLTA Anonymous 4


Lullay, lullay, lay lay, lullay,
Mi deere moder, synge lullay…
I
Als I lay on Yoolis Night,
Alone in my longynge,
Me thought I saw a well faire sight,
A maid hir childe rockynge.
II
The maiden wolde withouten song
Hir childe aslepe to brynge;
The childe him thought sche ded him wrong,
And bad his moder synge.
III
“Synge now, moder,” saide the childe,
“Wat schal to me befall
Heerafter wan I cum til eld,
For so doon modres all.
IV
“Swete moder, faire and fre,
Because that it is so,
I pray thee that thou lulle me
And synge sumwat therto.”
V
“Swete sune,” saide sche,
“Weroffe schuld I synge?
Ne wist I nere yet more of thee
But Gabriels gretynge.
VI
“He grett me goodli on his knee
And saide, ‘O Hail, Marie!
Hail, full of grace, God is with thee;
Thou beren schald Messie.'”
Traduzione italiano di Cattia Salto
Ninna nanna
mamma cara canta ninna
I
Mentre stavo nella notte del Solstizio, solo con la mia nostalgia,
pensai di vedere una bella scena (1):
una fanciulla cullare il suo bambino
II
La fanciulla voleva, senza il canto
far addormentare il bimbo;
il bimbo pensava che gli facesse torto
e invitò sua madre a cantare.
III
“Canta ora mamma –
disse il bimbo-
di ciò che mi accadrà
fino a quando diventerò grande,
perché tutte le mamme lo fanno (2)”
IV
“Cara mamma, bella e buona
perché è proprio così,
ti prego di cullarmi
e cantare per me un po’”
V
“Caro figlio –disse  lei-
di cosa dovrei cantare?
Non conosco nulla di te, tranne l’annunciazione di Gabriele (3)”
VI
“Lui mi salutò dolcemente inginocchiato e disse “Ave Maria!
Salve piena di Grazia, il Signore è con te; tu porterai il Messia” (4)

NOTE
1) secondo un topico delle ballata popolare la narrazione è riportata come una testimonianza di un personaggio anonimo che per caso assiste agli eventi. Così anche le visioni (aisling) fanno parte del genere.
2) nelle ninne nanne della tradizione popolare le mamme predicono il futuro dei figli, secondo i generi e la classe sociale.
3) solo adesso chi ascolta si rende conto che i protagoniosti non sono solo una mamma e un bambino, ma la Madre e il Figlio di Dio.
4) il canto prosegue con la descrizione dell’incontro con l’Angelo e Maria conclude
Then, as he said, I thee bare
On a midwinter night,
In maidenhood, without care,
By grace of God almight.

The shepherds that waked in the wold
Heard a wondrous mirth
Of angels there, as they told,
At the time of thy birth.
E’ Gesù Bambino a proseguire il canto profetizzando il suo futuro, così è lui a confortare e cullare la giovane madre

FONTI
http://corymbus.co.uk/as-i-lay-on-yules-night/
http://www.markwinges.com/scores/yoolis.pdf

THE DAWNING OF THE DAY

Dolcissima aisling song in  gaelico irlandese dal titolo “Fáinne Geal an Lae” letteralmente “Bright Ring of the day” (in italiano “Il brillante anello del giorno”) ovvero l’anello luminoso che contorna il sole quando sorge, versificata anche in inglese con il titolo “The dawning of the day”. Una slow air antica ma così bella da essere diventata la melodia di Raglan Road

LA VERSIONE IN INGLESE

Esistono molte varianti testuali corrispondenti ad altrettante traduzioni dal gaelico più o meno “libere”. Quella più famosa (e anche quella più aderente all’originale) è stata interpretata negli anni 1930 dal tenore americano di origini irlandesi John McCormack.

ASCOLTA John McCormack

I
One morning early as I walked forth
By the margin of Lough Leane
The sunshine dressed the trees in green
And summer bloomed again
I left the town and wandered on
Through fields all green and gay
And whom should I meet but my Coolen-dhas
by the dawning of the day.
II
No cap or cloak this maiden wore
Her neck and feet were bare
Down to the grass in ringlets fell
Her glossy golden hair
A milking pail was in her hand
She was lovely, young and gay
She wore the palm from Venus bright
By the dawning of the day.
III
On a mossy bank I sat me down
With the maiden by my side
With gentle words I courted her
And asked her to be my bride
She said, “Young man don’t bring me blame”
And let me go away
for the morning light was shining bright
by the dawning of the day.
traduzione di Cattia Salto
I
Un mattino presto mi recai
sulla riva del Lago Lein(1)
i caldi raggi del sole vestivano gli alberi di verde
e l’estate rifioriva.
Lasciai la città e vagai
per pascoli verdi e gai
e chi mi trovo accanto
se non una bellissima fanciulla (2)
al sorgere dell’alba?
II
Non indossava tal fanciulla cappello o mantello, nudi il collo e i piedi
ma accarezzavano la cima dell’erba
le sue trecce di oro biondo.
In mano teneva un secchio del latte
e sembrava così bella, giovane e gaia
rubò il primato a Venere
dalle dita di rosa
al sorgere dell’alba
III
Sulla verde  riva erbosa mi sdraiai
con la fanciulla al fianco
con parole gentili la corteggiai
chiedendole di diventare la mia sposa
disse lei “Giovanotto non disonoratemi” (3)
E me ne andai
che la luce del mattino splendeva luminosa
al sorgere dell’alba.

NOTE
1) Il lago di Lein è un grande lago di Killarney. Su di una isoletta del lago sorse il monastero di Innisfallen, rinomato centro di studi dell’Alto Medioevo dove fu educato Brian Boru il primo (seppur per poco) re d’Irlanda
2) dal gaelico Coolenn-Dhas è traducibile come sweet coleen. Era tipico del tempo utilizzare parole in gaelico nelle canzoni irlandesi interpretate dai figli degli emigranti diventati americani.
3) la donna lo rifiuta fino a quando l’Irlanda non sarà ritornata ad essere una terra libera

IL CONTRASTO AMOROSO

Un’altra versione interpretata da Tommy Makem sviluppa maggiormente il tema del contrasto in chiave bucolica tra i due protagonisti e come testo richiama “Pretty girl milking her cow
Il testo è simile a quello conservato presso la Bodleian Library, come Harding B25(480), da un broadside del 1700, di cui si cantano solo le strofe iniziali, e si glissa sul momento in cui i due si stendono un poco sull’erba. La melodia richiama più direttamente The Lake of Pontchartrain
La storia è banalizzata in un tipico accoppiamento più o meno consensuale “in camporella”: nella ballata più completa i due hanno un rapporto sessuale in cui il protagonista coglie la verginità della fanciulla. Quando si rincontrano qualche mese dopo lei è già incinta e le chiede di sposarla, ma lui “improvvisamente” e “finalmente” si ricorda di essere già sposato; il classico mascalzone insomma!

ASCOLTA Tommy Makem & Liam Clancy in Two For The Early Dew 1978.


I
As I walked out one morning fair,
it being in the month of June
The dew was sparkling on the grass
and the small birds in full tune
And when returning from a walk,
by the fields I chanced to stray
It was there I met my heart’s delight
by the dawning of the day
II
Her head and beautiful neck were bare
and mantle none she wore
Her golden hair, in ringlets fair,
it hung her shoulders o’er
Her rosy cheeks and ruby lips,
they stole my heart away
And I stood to stare at that Venus fair
at the dawning of the day
III
“Where are you going my pretty fair maid, where are you going so  soon?”
“I’m going a milking my cow, kind sir,
it being in the month of June
The pasture that my cow feeds on,
it lies so far away
And I’ve got to be there each morning fair at the dawning of the day”
IV
“Come sit you down, my pretty fair maid,
supposing it was a mile
Come sit you down on this primrose bank
and we will chat a while
With the lambs all sporting on every side
and the meadows blooming gay
I’ll pledge to you my heart and hand
at the dawning of the day”
V
“Oh no, kind sir” the maid replied,
“I cannot tarry now
My parents wait for my return
from the milking of my cow
But perhaps we’ll meet some other time ,
if you chance to pass this way”
She gently glided from my sight
at the dawning of the day
traduzione di Cattia Salto
I
Mentre passeggiavo un bel mattino nel mese di giungo
la rugiada brillava tra l’erba e gli uccellini cantavano melodiosamente
e nel ritorno dalla passeggiata per i campi dove vagabondavo
incontrai la mia delizia del cuore
allo spuntar del giorno
II
La sua testa e il bellissimo collo erano scoperti e non indossava mantello
i suoi capelli dorati in bei boccoli
le ricadevano sulle spalle
le sue guance rosee e le labbra rosse
mi rapirono il cuore
e restai a fissare quella Venere bella
al sorgere dell’alba
III
“Dove stai andando, mia bella fanciulla? Dove stai andando di mattina presto?”
“Vado a mungere la mucca, gentil signore, essendo il mese di giugno
il pascolo che nutre le mie mucche è più lontano
e io devo raggiungerlo tutte le mattine allo spuntar dell’alba”
IV
“Vieni a riposarti, mia bella fanciulla supponendo che manchi un miglio ancora,
vieni a sederti su questa radura di primule
e converseremo un poco
con gli agnelli che pascolano da ogni parte
e i prati ridenti in fiore,
ti darò in pegno il mio cuore e la mano (1) allo spuntar del giorno”
V
“Oh no gentil signore – replicò la fanciulla- non posso indugiare ancora
i miei genitori attendono il mio ritorno dalla mungitura della mucca,
ma forse ci incontreremo ancora un’altra volta
se ripasserete da queste parte” (2)
Dolcemente si eclissò dalla mia vista
allo spuntare del giorno.

NOTE
1) prendere per mano nel linguaggio in codice medievale aveva un significato molto più intimo
2) il contrasto finisce bruscamente con il rifiuto della ragazza e un nulla di fatto

Traendo ispirazione dalla ballata irlandese ecco che la versione rivisitata da Mychael Danna e Mary Fahl diventa la commemorazione dell’attacco dell’11 settembre  2001 alle torri gemelle di New York
ASCOLTA Mary Fahl


I
This morning early I walked on
While my darling was in a dream
The last sweet days of summer bloomed
And dressed the trees in green
Then soaring high in the gleaming sky
From far across the bay
Came a fearsome roar from a distant shore
At the dawning of the day
II
Then I called my men to follow me
Knowing well that the view was dim
Though tired and worn, how they fought all morn’
As time was closing in
And my heart was sad though sore with pride
For brave lads all were they
As the angels fly, how they climbed so high
On the dawning of the day
III
But the edge is moving nearer now
Inside the fading sun
And calling, calling out to them
My brothers, one by one
But only dust silence sounds
The ashes float away
As the twilight ends and the night descends
‘til the dawning of the day
IV
Forgive me love, I’m going now
So very far away
When darkness falls, only think me near
And do not be afraid
And please don’t grieve when I am gone
Abide in what remains
‘til the shadows end and we meet again
On the dawning of the day
Traduzione di Cattia Salto
I
Questa mattina passeggiavo all’alba
mentre il mio amore sognava
gli ultimi giorni dell’estate dolcemente sfiorivano
e rivestivano gli alberi di verde
quando  altissimo nel cielo nitido
crebbe da sopra la baia
un boato tremendo che veniva da una spiaggia lontana
al sorgere dell’alba
II
Allora chiamai i miei uomini perchè mi seguissero
sapendo bene che la visuale era confusa, anche se stanchi e stremati
così lottarono tutto il giorno
mentre il tempo scadeva
e il mio cuore era triste anche se sanguinante d’orgoglio
per tutti quei bravi ragazzi
che come angeli in volo, scalarono la cima
al sorgere dell’alba
III
Ma l’abisso si avvicina di più adesso
dentro al sole che tramonta
e chiama, li chiama
i miei fratelli, uno ad uno
ma solo il silenzio della polvere risponde e le ceneri che volano via
mentre finisce il crepuscolo e scende la notte
fino al sorgere dell’alba.
IV
Perdonami amore, devo andare adesso, così lontano,
quando l’oscurità scende(rà) pensa solo che ti sono vicino
e non aver paura,
e ti prego di non addolorarti quando me ne sarò andato
vivo in ciò che resta,
dove le ombre finiscono
e ci incontreremo ancora
al sorgere dell’alba

FONTI
http://thesession.org/tunes/1441
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=48816
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=33376

CAITILIN NI UALLACHAIN

Caitilín Ní Uallacháin = Katty Hualloghan è il titolo di un canto giacobita irlandese settecentesco, attribuito al maestro di scuola William Heffernan (di Lattin) abbinato a una melodia che conobbe una grande fortuna nell’Ottocento, essendo stata associata alla poesia di Sir Samuel Ferguson, “The Lark in the clear air” .

Il canto si inserisce nel filone delle aisling song in cui il poeta viene abbagliato al sorgere dell’alba da una visione soprannaturale: una splendida fanciulla personificazione dell’Irlanda è in mestizia e predice un tempo in cui la terra irlandese sarà libera. Il tema conobbe una grande fioritura nel Settecento, quando i poeti irlandesi dovevano nascondere il loro nazionalismo nella poesia bucolica di genere amoroso. (vedi)

UNA VECCHIA DEA

Qui però l’Irlanda non è una fanciulla ma una “povera vecchia” (la Sean-Bhean bhocht – scritto foneticamente come “the Shan Van Vocht”), la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda). Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.

Maud Gonne (a destra) nel ruolo di Cathleen Ni Houlihan, 1902
Macha Curses The Men Of Ulster – Stephen Reid (1904)

Cathleen mitica regina d’Irlanda è una dea-guardiana che appartiene alla terra, la personificazione della dea Ana (iath nAnann -la terra di Ana ) costretta all’esilio dai troppi stranieri che l’anno vilipesa e che vaga in cerca di aiuto, così è una dea decaduta, povera, invecchiata, scacciata da casa. Ma è pur sempre una dea e ancora chiede sacrifici umani, incanta i giovani uomini e li convince a dare la vita per amor suo: la Cathleen di Yeats ringiovanisce poi nutrendosi del sangue degli eroi.

Caitilín Ní Uallacháin è riportato nel “Ancient Music of Ireland” di George Petrie vol II pg 8 (vedi) che così scrive
Of this song at least two versions have been already printed, and both with English metrical translations, – one by the late Mr. Edward Walsh, in his “Irish Popular Songs,” and the other by Mr. John O’Daly, in his “Poets and Poetry of Munster,” the versifications in which were made by the late James Clarence Mangan. In both these works the authorship of this song is assigned, but, as it would appear, erroneously, to one of the Irish poetic celebrities of the eighteenth century, – a blind Tipperrary poet named William O’Heffernan; for Mr. Curry has supplied me with a copy of the song which he transcribed from a manuscript now in his possession, and which was written in the year 1780 by a distinguished Clare scribe and Irish scholar, named Peter Connell, or O’Connell; and as in this MS. the name William O’Hanrahan is given as that of its author, such authority is certainly superior in weight to any that has been,m or probably could be, assigned for ascribing it to the Tipperary poet; for it can scarcely be doubted that Connell was personally acquainted with its true author.

Nella canzone il poeta spera in una sconfitta inglese in guerra con le potenze del tempo, e invoca la libertà dell’Irlanda.

LA MELODIA

Il testo fu associato a una melodia intitolata Kathleen Nowlan  scritta da Edward Bunting nelle sue notazioni, da non confondersi però con la melodia Kitty Nowlan sempre annotata da Bunting e trascritta nelle raccolte della Irish Folk Society: fu Charlotte Milligan Fox (1864-1916) a far pubblicare la vecchia melodia irlandese Kathleen Nowlan  nel volume VIII della Raccolta

Ma tutta la storia dietro la canzone viene raccontata in questo video di Eugene Dunphy

continua

Mise Éire – I am Ireland

FONTI
http://www.writerscafe.org/writing/B-Medb/248036/
https://archive.org/details/petriecollection01petr
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=33347

THE BLACKBIRD OF SWEET AVONDALE

donna11La canzone è il lamento di una donna, personificazione dell’Irlanda, che si affligge per la prigionia del merlo di Avondale ovvero Charles Stewart Parnell. L’arresto di Parnell fu un grave errore di valutazione da parte del governo inglese. “This, incidentally, was one of the Great Mistakes of Britain’s dealings with Ireland. Prior to his arrest, Parnell was in the uncomfortable position of leading a divided organization: many Land Leaguers were for fighting the British with all their might, others favored purely parliamentary means. Both were growing somewhat suspicious of Parnell (who seems to have favoured whatever was most effective at a particular time). But the radicals’ activism caused Gladstone to pass a Coersion Act, and to round up Parnell and his associates. That united all Ireland behind him; by the time he was released, he was Ireland’s dominant politician” (Robert Kee, in The Bold Fenian Men).

Così incitava Parnell nel 1880: “When a man takes a farm from which another has been evicted you must shun him on the roadside when you meet him, you must shun him in the streets of the town, you must shun him in the shop, you must shun him in the fairgreen and in the marketplace, and even in the place of worship, by leaving him alone, by putting him in a moral Coventry, by isolating him from the rest of his country as if he were the leper of old, you must show your detestation of the crime he has committed.”
[traduzione italiano: quando un uomo prende una fattoria dalla quale un altro uomo è stato sfrattato, dovete dimostrare ciò che pensate di lui quando lo incontrate per la strada.. in un negozio.. persino nella casa del Signore.. lasciandolo desolatamente solo, in uno stato di ostracismo morale, isolandolo dal resto della comunità come se fosse un lebbroso, dovete mostrare il vostro disprezzo per il crimine che ha commesso]

Il testo della canzone è ripreso in alcuni broadside ottocenteschi probabilmente contemporanei allo svolgersi dei fatti. Tuttavia si ritiene che derivi da ‘The Lady’s Lamentation’  una canzone scozzese del 1600, rielaborata chiave giacobita nel secolo successivo con il titolo The Blackbird (o The Royal Blackbird) di cui si conoscono ben tre melodie.

THE AISLING SONG

La canzone richiama lo stile di un’Aisling song, un genere letterario tipico della poesia bardica irlandese, dove il poeta incontra una donna che simboleggia l’Irlanda. L’incontro ha il carattere di una visione o di un sogno poco prima del farsi del giorno , in cui la fanciulla è di una bellezza mozzafiato ovvero sublime, paragonata alla più bella delle dee. In genere lei si lamenta delle condizioni di vita del popolo irlandese e prevede un futuro radioso, in cui sarà libera dagli oppressori, e in questa canzone l’Irlanda si lamenta della prigionia del del Merlo (“Where, where is my Blackbird of sweet Avondale”).
Le aisling song sono in genere delle slow air di una dolcezza mista a tristezza infinita
La melodia delle versioni selezionata per l’ascolto richiama a mio avviso quella di “Bhríd Óg Ní Mháille

ASCOLTA Wolfe Tones in “Till Ireland A Nation” 1974,  strofe I, II, III, VII, V

Silly Wizard  in “A glint of Silver” 1986, strofe da I a VII

I
By the sweet bay of Dublin, while carelessly strolling
I sat myself down by a green myrtle shade(1)
Reclined on the beach, as the wild waves were rolling
In sorrowful condoling, I saw a fair maid(2)
II
Her robes(3) changed to mourning, that once were so glorious
I stood in amazement to hear her sad wail
Her heartstrings burst forth with wild accents uproarious
Saying, “Where, where is my Blackbird(4) of sweet Avondale?”
III
“In the fair counties Meath(5), Wexford, Cork, and Tipperary,
The rights of Old Ireland, my Blackbird did sing
Ah, but woe to the hour, with heart light and airy(6)
Away from my arms, to Dublin took wing”
IV
“The fowlers waylaid him in hopes to ensnare him
While I here in sorrow, his absence bewail
Oh, it grieves me to think that the walls of Kilmainham(7)
Surround my dear Blackbir of sweet Avondale”
V
“Oh, Ireland, my country, awake from your slumbers
And give back my Blackbird, so dear unto me
And let everyone know, by the strength of your numbers
That we, as a nation, would wish to be free”
VI
“The cold prison dungeons(7) is no habitation
For one, to his country, was loyal and true
Then give him his freedom, without hesitation
And remember he fought hard for freedom and you”
VII
“Oh, Heaven, give ear to my consultation
And strengthen the bold sons of Old Granuaile(8)
And God grant that my country will soon be a nation
And bring back the Blackbird to sweet Avondale”
tradotto da Cattia Salto
I
Nella bella baia di Dublino mentre passeggiavo distrattamente
mi sono seduto all’ombra di un verde mirto(1)
e distesa sulla spiaggia, mentre le ampie onde si frangevano,
distrutta dal dolore, vidi una bella fanciulla(2)
II
Gli abiti(3) che un tempo erano così gloriosi, mutati in lutto,
mi trovai sorpreso ad ascoltare il suo triste lamento,
i suoi sentimenti  si liberavano con toni agitati e tumultuosi
diceva ” Dovè il Merlo(4) della mite Avondale?
III
Nelle belle contee di Meath(5), Wexford, Cork e Tipperary
i diritti della povera Irlanda, il mio merlo ha cantato, ma guai all’ora, con cuore leggero e spensierato(6)
lontano dalle mie braccia, a Dublino ha preso il volo”
IV
I cacciatori lo assalirono con la speranza di intrappolarlo
mentre qui io nel dolore la sua assenza piango.
E’ doloroso per me pensare che le mura di Kilmainham(7)
circondano il  caro Merlo della mite Avondale.
V
Oh, Irlanda, paese mio , svegliati dal sonno
e ridammi il mio Merlo, a me tanto caro
e lascia che tutti sappiano, con la forza dei numeri che, come nazione, potremmo essere liberi.
VI
La cella fredda della prigione(7) non è l’abitazione per chi, al suo paese, era leale e sincero
quindi dagli la libertà , senza indugi
e ricorda che ha lottato per la libertà e per te.
VII
Oh, cielo, porgi orecchio alla mia supplica
e dai forza ai figli audaci della vecchia Granuaile (8)
e Dio fa che il mio paese sia presto una nazione e riporti il merlo alla mite Avondale”

NOTE
1) i Wolfe Tones dicono “a clear crystal Stream
2) la donna è Katherine O’Shea che impersona l’Irlanda afflitta. La chiave politica è una lettura tipicamente irlandese di un genere sviluppato in Francia con il termine Reverdie, in cui il poeta incontra una dama soprannaturale, che simboleggia la natura rigogliosa e l’amore.
3) i Wolfe Tones dicono “hopes
4) nei canti di protesta e di ribellione era consuetudine identificare il personaggio con uno pseudonimo. Con il nome di merlo tuttavia ci si riferiva più spesso al Vecchio Pretendente in esilio Giacomo Francesco Stuartvedasi The Blackbird la canzone giacobita
5) i Wolfe Tones dicono “Kerry
6) i Wolfe Tones dicono “with dark lights in Derry
7) Parnell fu arrestato a ottobre nel 1881 in forza del Coercion Act che voleva frenare le attività della Land League; fu rilasciato a maggio dell’anno seguente. Nella prigione di Kilmainham  (oggi trasformata in museo) Parnell era trattato con i guanti e viveva come se si trovasse in una suite d’albergo: si era portato i suoi arredi e riceveva regolarmente visite, oltre a condurre i suoi affari con il mondo esterno
8)  Granuaile è Grace O’Malley, eroina della storia irlandese, regina dei Pirati che si oppose con la lotta ad dominio inglese sull’Irlanda sia per mare che per terra all’epoca della regina Elisabetta I. Intelligente, affascinante e con il carisma del grande condottiero Granualile (da un nomignolo che vuol dire testa rasata) dominò i mari al largo della costa occidentale d’Irlanda per più di mezzo secolo. Imprigionata più volte dagli Inglesi non fu mai sconfitta e il suo spirito divenne il simbolo dell’Irlanda e il suo rifiuto alla sottomissione.

terza parte continua

LOUGH ERNE SHORE

Con lo stesso titolo si identificano due diverse melodie, la prima è quella più comunemente nota come “Shamrock shore” (vedi) per il titolo del testo a cui è abbinata

ERIN SHORE O LOUGH ERIN SHORE

ASCOLTA The Corrs in Forgiven, Not Forgotten 1995)

ASCOLTA The Corrs in “Unplugged” 1999

oppure la versione live The Corrs & The Chieftains 2008

LOUGH ERNE SHORE

angelabetta3La seconda è una Irish pastoral love song probabilmente una “Ulster Hedge School ballad” del 1700 o 1800. Per il soggetto ricorda un’altra ballata dal titolo “The Pretty Girl Milking the Cow” (vedi). La melodia è una slow air tipica delle aisling song (rêverie song) ossia un genere letterario della poesia irlandese (per lo più in gaelico) proprio del 1600-1700 in cui il protagonista (spesso un poeta) ha la visione in sogno di una bella fanciulla che rappresenta l’Irlanda. Questa in particolare sebbene non sia pervenuta nella sua versione in gaelico si ritiene provenga dal un maestro di scuola (hedge-school) del Fermanagh

ASCOLTA Paddy Tunney (vedi scheda)
ASCOLTA Paul Brady & Andy Irvine  in “Andy Irvine and Paul Brady” (1976).
ASCOLTA La Lugh

Old Blind Dogs in Wherever Yet May Be 2010 (Jonny Hardie violino, Aaron Stone voce e chitarra, Ali Hutton  border pipes, Fraser Stone percussioni)

VERSIONE PADDY TUNNEY da “The Stone Fiddle”
I
One morning as I went a-fowlin’,
bright Phoebus(1) adorned the plain.
It was down by the shades of Lough Erne(2),
I met with this wonderful dame.
II
Her voice was so sweet and so pleasing;
these beautiful notes she did sing.
And the innocent fowl of the forest,
their love unto her they did bring.
III
Well, it being the first time I met her,
my heart, it did lep with surprise.
And I thought that she could be no mortal,
but an angel that fell from the skies.
IV
Her hair it resembled gold tresses;
her skin was as white as the snow.
And her lips were as red as the roses
that bloom around Lough Erne shore.
V
When I heard that my love was eloping,
these words unto her I did say:
“Oh, take me to your habitation,
for Cupid(1) has led me astray.”
VI
“For ever I’ll keep the commandments;
they say that it is the best plan.
Fair maids who do yield to men’s pleasures,
the scriptures do say they are wrong.”
VII
“Oh, Mary, don’t accuse me of weakness,
for treachery I do disown.
I will make you a lady of the splendour
if with me, this night, you’ll come home.”
VIII
Oh, had I the lamp of great Al-addin(3),
his rings and his genie that’s more,
I would part with them all for to gain you,
and live around Lough Erne shore.
tradotto da Cattia Salto
I
Una mattina mentre ero a passeggio, il luminoso Febo(1) soleggiava la pianura così mi addentrai nei boschetti del Lago Erne (2) e incontrai una bella dama.
II
La sua voce era così dolce e armoniosa,
le belle note che cantava gli innocenti uccelli del bosco (ri)portavano con l’amore a lei.
III
Essendo la prima volta che la incontravo il mio cuore fece un balzo per la sorpresa e pensai che lei non potesse essere una mortale, ma un angelo caduto dal cielo.
IV
I capelli sembravano trecce d’oro, la pelle bianca come la neve, e le labbra rosse come le rose
in fiore lungo le rive del Lago Erne.
V
Quando mi accorsi che mi ero innamorato,
le dissi queste parole
“Oh portatemi alla vostra dimora, che Cupido(1) mi ha colpito”.
VI
“Osserverò i comandamenti per sempre, dicono che sia il miglior proposito. Le scritture dicono che sono in errore le belle fanciulle che soggiacciono ai voleri degli uomini”
VII
“Oh Maria non accusarmi di debolezza
perchè io rinnego il tradimento,
ti farò una signora ricca se con me, questa notte, verrai!
VIII
Avessi la lampada del grande Aladino(3)
e in più i suoi anelli e il genio,
li condividerei tutti con te per vivere sulla riva del Lago Erne”

NOTE
1) l’autore da sfoggio delle sue conoscenze classiche citando a Febo (ovvero Apollo) il dio del sole  e Cupido il dio dell’amore
2) Il Lough Erne è un complesso di due laghi situati nelle Midlands d’Irlanda: Lower e Upper. “Senza alcuna fretta di raggiungere il mare, il fiume Erne serpeggia da una parte all’altra dell’acquosa e boscosa contea Fermanagh. Scorre fino a formare un lago composto di due bacini, Lower e Upper Lough Erne, nel cui centro si trova l’isoletta su cui sorge il capoluogo di contea, Enniskillen. Paradiso per uccelli, fiori e piante selvatiche e pescatori, Lough Erne è un corso d’acqua meraviglioso, ideale per crocere e gite in barca. ” (tratto da qui)
3) il verso si ritrova anche in una canzone dallo stesso tema “The Pretty Maid Milking her Cow

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19864
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=11428
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=28342
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Lough_Erne’s_Shore

THE ROCKS OF BAWN FROM CONNACH OR ULSTER?

imagesM1A0JIDC“The Rocks of Bawn” è un brano tradizionale irlandese che parla delle precarie condizioni di vita degli Irlandesi, nella persona del signor Sweeney, il quale lavora come bracciante agricolo, una terra rocciosa e improduttiva. Ma tra le righe si leggono i segni dell’incitazione alla lotta politica.
La melodia è infatti malinconica e sognante come un’aisling song!
Della canzone esistono perlomeno due versioni una di Sam Hanry con il giovane Sweeney nei panni di un bracciante agricolo, la seconda di Patrick Kelly più orientata nel filone delle “irish rebel song”.
Prima di tutto cerchiamo di stabilirne le origini (vedi); la questione sempre aperta quando si tratta di tradizione orale è che tendenzialmente si vuole attribuire una patina di “antichità” alle canzoni popolari, per farle risalire al 1700 o dal 1600, e tuttavia molte di esse sono state composte nel 1800 o anche nei primi decenni del 1900.

CONNACHT o ULSTER?

Un aiuto per la comprensione della ballata ci può venire dall’individuazione storica del personaggio citato, il signor Sweeney, forse l’autore del testo.
Come spesso accade le vecchie ballate prendono nuova vita alla luce di eventi più attuali come può essere accaduto per “The Rocks of Bawn” così Sweeney  potrebbe essere stato Peter (Peadar) Sweeney (1873 – 1922), Loughrea, contea di Galway.Peter was very good friends with Arthur Griffith, and was one of the original founders of the Sinn Fein Movement.  He spent the early part of the 19th century extremely active in the Loughrea area, in his cause for Home Rule.  He had transformed his home into a meeting place, as well as, a distribution place for movement literature.  Consequently, he was often harassed and repeatedly jailed.  He was one of the first men in the Loughrea area to be arrested after the Easter Rising in 1916, and was sent to Reading Gaol with many others, not to be released until Christmas Eve that year.  He later became director of propaganda for South Galway Executive in the campaign for the Republican candidate, Captain Fahy.” (Mary Hamley tratto da qui)

Dominic Behan riteneva invece che l’autore fosse tale Martin Swiney di Cavan (nel suo “Ireland Sings” 1997).
Su Mudcat Cafè si avanza un’altra ipotesi in merito a John Sweeney di Mullahoran (Contea di Cavan) vissuto alla metà dell’Ottocento (vedi) in quest’ottica la canzone è semplicemente il lamento di un povero e molto giovane bracciante agricolo vessato dal suo padrone, (forse un contadino con più terra e più probabilmente in affitto che non un grosso proprietario terriero) che dopo un violento litigio con lui si ritrova di nuovo in mezzo alla strada nell’incertezza del futuro, al punto che preferirebbe la paga dell’esercito e la morte in guerra piuttosto che quella per fame.
A visitor described county Cavan in the 1600s, as “consisting altogether of hills, very steep and high, valleys between them being most commonly loughs and bogs”. Many of the lakes and bogs were later drained and are now dry land; but central Cavan remains a land of little hills and lakes. The western part of County Cavan is especially harsh with high elevation and poor land for farming. For that reason, much of the population lived in the more fertile central and eastern part of the county.(tratto da qui)
Le condizioni dell’agricoltura nella contea di Cavan erano così arretrate che l’aratro in ferro vi fece la sua comparsa sono nel 1810!

Dalle note di Joe Heaney [1919-1984] in “Come All Ye Gallant Irishmen” (Philo 2004, 1963) leggiamo “Joe learned this plaintive ballad from his father “40 or 50 years ago”. The “rocks of bawn” may refer to the white rocks of western Ireland [bawn=ban (Gaelic for white)] where Catholic landowners and farmers, dispossessed of their fertile farm lands in Meath by Oliver Cromwell in the seventeenth century, were forced to settle and where they have since managed, at best, a bleak existence from the rocks and the sea of the scraggy west coastal lands. To the hard-pressed, tired and bitter hired farm servant of the ballad, the British army presents itself as a reasonable escape from the near impossibility to “plough the rocks of bawn.” Si rende necessaria però una precisazione: il trasferimento forzoso degli irlandesi ribelli dopo la confisca delle loro terre riguardava essenzialmente la gentry, alla quale venne assegnata un terra “improduttiva” nel Connacht dopo la “colonizzazione” di Cromwell (ovviamente accompagnata dai loro “domestici” e dai fittavoli che avessero voluto seguirli). La grande massa degli Irlandesi rimase semplicemente dove  stava, ma sotto un nuovo padrone.

LA VERSIONE DI SAM HENRY

E’ la versione più diffusa, quella pubblicata da Sam Henry nel suo “Song of the People” (1923-1939), che colloca Bawn nella contea di Cavan.
Sebbene non ci siano grosse varianti testuali è la sequenza delle strofe a variare a secondo degli interpreti; il tema riprende il filone tardo seicentesco già iniziato con “The Spailpin Fanach” (in Inglese “The Rambling Laborer” o “The Roving Worker“) che ugualmente vira di significato nelle sue molte versioni andando dal lamento per una misera vita fatta di fatica e stenti, alla canzone comica condita con caustico irish-humour. Così anche in questa canzone c’è di che riflettere sul significato metaforico di poter arare “the rocks of bawn

ASCOLTA Arcady (strofe I, III, IV, V)

ASCOLTA John Jones in ‘Rising Road’ (strofe I, IV, II, III, V)

ASCOLTA Paul Brady & Liam O’Flynn (strofe I, II, III, V)

ASCOLTA Ryan’s Fancy 1974 (strofe I, IV, III, II, V) che propongono una melodia allegra, cogliendo più il lato di canzone comica condita con caustico irish-humour

“Songs of the People” 1923-39
I(1)
Come all ye loyal heroes wherever that you be,
Don’t hire with any master till y’ know what your work will be;
For you must rise up early from the clear daylight till the dawn(2),
And you never will be able to plough the rocks of bawn(3).
II
Rise up, rise up, young Sweeney, and give your horse its hay,
And give him as a feed of oats before you start away;
Don’t feed him on soft turnips and go on to your green lawn,
And then ye might be able to plough the rocks of bawn.
III
My curse upon you, Sweeney, you nearly have me robbed(4),
You’re sitting by the fireside with your feet upon the hob;
You’re sitting by the fireside from the clear daylight till the dawn,
And you never will be able to plough the rocks of bawn.
IV(5)
My shoes they are well worn now, my stockings they are thin,
My heart is always trembling a-feared that I’d give in;
My heart is nearly broken from the clear daylight till dawn,
And I never will be able to plough the rocks of bawn.
V
I wish the queen of England(6) would write to me in time(7),
And place me in some regiment all in my youth and prime;
I’d fight for Ireland’s glory from clear daylight till the dawn,
And I never would return again to plough the rocks of bawn(8)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Venite voi tutti compagni leali ovunque voi siate, non fatevi assumere da un  padrone fino a quando non saprete il tipo di lavoro che vi verrà assegnato; perchè vi toccherà alzarvi presto, tra le prime luci del giorno e il sorgere del sole (2) e non riuscirete mai a dissodare le terre rocciose di Bawn (3).
II
“Alzati giovane Sweeney e dai il fieno al tuo cavallo
e dagli anche da mangiare l’avena prima di iniziare (il lavoro);
non dargli le rape molli e l’erba del prato
e allora sarai in grado di arare le terre rocciose di Bawn”.
III
“La mia maledizione su di te Sweeney, che mi hai quasi derubato,
te ne stai seduto accanto al focolare con i piedi al caldo,
stai seduto al focolare tra le prime luci del giorno e il sorgere del sole e non riuscirai mai a dissodare le terre rocciose di Bawn”
IV
Ho calzato bene le scarpe oggi e le calze sono sottili,
il cuore mi trema per quello che sarà il futuro,
il cuore è vicino alla rottura, tra le prime luci del giorno e il sorgere del sole e non riuscirò mai dissodare le terre rocciose di Bawn.
V
Vorrei che la regina d’Inghilterra mi mandasse la cartolina(7) e mi assegnasse a qualche reggimento nel pieno della mia giovinezza, lotterei per la gloria d’Irlanda  tra le prime luci del giorno e il sorgere del sole, e non ritornerei mai più dissodare le terre rocciose di Bawn.

NOTE
1) strofa alternativa in Christy Moore
Come all you loyal heroes wherever you may be
Don’t hire with any master till you know what your work may be
Don’t hire with any master from the clear daylight till the dawn
For he’ll want you rising early to plough the rocks of Bawn
2) dawn è l’alba e anche se il primo chiarore del giorno e l’alba sembrano essere due momenti coincidenti passano in realtà circa due ore
3) Bawn è in Irlanda un nome di località presente un po’ ovunque nella toponomastica. Bawn is a townland in Mullahoran parish, which lies just south of Scrabby parish. Farming conditions in Scrabby would have been the same as in Mullahoran. The name “Bawn” refers to a square shaped fort, constructed in the 1620’s – a fortified farmstead of wealthy protestant settlers during the plantation of Ulster (1610). (tratto da qui)
Il termine ‘Bán’ visto genericamente ha però significati diversi e anche contrastanti: a parte il significato di “bianco” può voler dire “a grass field” nel senso di ‘untilled’, “wild” ma anche di “waste land”, quindi una terra buona per il pascolo non necessariamente rocciosa ma di certo brulla e desolata
4) Tra le maldicenze che descrivevano i braccianti come degli “sfaticati” o “perdigiorno” c’era anche l’accusa di ruberie perciò la strofa potrebbe essere un botta e risposta tra il bracciante e il datore di lavoro, Sweeney accusa il padrone per cui lavora di essere un tipo pigro, mentre il padrone accusa il bracciante di averlo derubato; più semplicemente è il padrone che accusa Sweeney di derubarlo perchè resta a sonnecchiare o a fumarsi la pipa accanto al fuoco, quando invece dovrebbe andare nei campi ad arare. Altri commentatori ritengono che la frase sia un’allusione al fatto che “Sweeney” sia un proprietario terriero ovviamente protestante inglese o scozzese, entrato in possesso delle terre della gentry irlandese (la prassi era consolidata dopo ogni ribellione alla Corona, ma anche per ogni violazione delle leggi inglesi) e perciò “maledetto” dal giovane bracciante . Ma la seconda strofa ci dice invece chiaramente che il giovane “Sweeney” è un cavallante.
5) questa strofa è spesso omessa o collocata al secondo posto nella sequenza delle strofe superstiti cantate oggigiorno. Eppure è in questa strofa che si evince la condizione precaria e malandata del giovane ragazzo, uno spalpeen costretto a vagabondare per la strada, sempre in cerca di un lavoro e angosciato dell’incertezza di non trovarlo. Quando la strofa si trova in IV posizione è chiaramente un riferimento al fatto che il ragazzo è  stato appena licenziato dal padrone dopo il litigio. La strofa alternativa in Christy Moore dice:
My shoes (boots) they are well worn and my stockings they are thin
My auld coat sure it’s threadbare now and I’m leaking to the skin
But I’ll rise us in the morning from the clear daylight till dawn
Then I will be able to plough up the rocks of Bawn
6) la regina diventa il “Sergeant-Major” oppure “Patrick Sarsfield” secondo la versione più antica: “Sarsfied (Earl of Lucan) was the Jacobite soldier who led the second flight of the Wild Geese. After the Treaty of Limerick (October 1691) he joined the army of Louis XIV in the Spanish Netherlands and was killed fighting the English at Neerwinden, near Landen, on 19 August, 1693.” (tratto da qui)
7) la tentazione di tradurre la frase secondo le consuetudini moderne è troppo forte, anche se oramai in Italia il servizio di leva è solo un lontano ricordo
8) una strofa aggiuntiva (qui) dice:
And if I’m not enlisted I’ll sail across the sea
To the broad fields of Americay or some far country
Where I’ll learn to rise up early from the clear daylight of the dawn
And I never would return again to plough the Rocks of Bawn
Tom Lenihan canta invece un’ulteriore strofa:
It is true that I must ramble, it is true that I must go.
It is true that I must ramble from my dear old Irish home.
My poor ould heart is breaking for the clear daylight of dawn,
For I know I won’t return no more to plough the rocks of Bawn.

SECONDA VERSIONE

La versione raccolta (o scritta) da Patrick Kelly di Cashel-in-Connemara (in “Ballads” 1922) è piuttosto una canzone d’amore, ma anche una canzone di protesta da leggersi in codice.


I
“Oh, rise up, gallant Sweeney”
The woman’s voice was sweet;
The piper took his pipes and stick
And follow’d thro’ the street.
As he was first so he was last
From clear daylight till dawn
He said: “We won’t be able
To plough the Rocks o’ Bawn.”
II
All weary walk’d young Sweeney:
The woman went before.
At high-noon sun he stopp’d to play
Before her father’s door.
Her father came the youth to curse
And drive him from his lawn.
She said: “I go with Sweeney
To plough the Rocks o’ Bawn.”
III
“Now rest you, loyal comrade,
Beside this clear spring well;
And look you there and what you see
To me I bid you tell.”
Young Sweeney look’d thro’ Life and Death
And saw a golden dawn
He said: “I know we’re able
To plough the Rocks o’ Bawn.”
IV
“Why sit you, Piper Sweeney,
So idle thro’ the day,
And where is she you follow’d far
As cuckoo follows May?”
Young Sweeney said: “She weeps alone
Beside her father’s lawn,
And so I sit me idle
All on the Rocks o’ Bawn.”
V
“Oh, rouse you, handsome Sweeney
And rouse the woman too;
Why sigh you here, why weeps she there
While work is still to do?”
But Sweeney said: “Tho’ we may toil
From clear daylight till dawn,
I fear we won’t be able
To plough the Rocks o’ Bawn.”
VI
“Where go you now, Boy Sweeney,
Or roving in the May?”
“I go to her I’d follow still
Thro’ dark and stormy day.
I look’d into the well she knew,
A Queen she walk’d her lawn–
And so I know we’re able
To plough the Rocks o’ Bawn.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
“Oh alzati prode Sweeney”
la voce della donna era dolce;
il pipaiolo prese la sua piva e il bastone
e s’incammino.
Era il primo e solo
tra le prime luci del giorno e il sorgere del sole, disse “Non riusciremo a dissodare le terre rocciose di Bawn”
II
Tutto stanco camminavi giovane Sweeney: la donna è andata avanti. Al sole di mezzogioni si fermò a suonare davanti alla porta del padre.
Il padre uscì a maledire il giovane e ad allontanarlo dal prato.
Lei disse ” Vado con Sweeney
a dissodare le terre rocciose di Bawn”
III
“Adesso riposati, leale compagno
davanti a questo pozzo di acqua sorgiva, e guardati intorno e cosa vedi, ti prego di raccontarmi”
Il giovane  Sweeney guardò tra la vita e la morte
e vide un’alba dorata (1)
disse “Sono certo che riusciremo
a dissodare le terre rocciose di Bawn”
IV
“Perchè ti siedi Sweeney; così standotene in ozio tutto il giorno,
e dov’è lei che seguisti da lungi, come il cuculo segue il Maggio?”
Il giovane Sweeney disse ” Piange solitaria davanti al prato del padre,
e così mi siedo in ozio
sulle terre rocciose di Bawn”
V
” Oh svegliati, bel Sweeney
e sveglia anche la donna;
perchè piangi qui e lei si lamenta qui
mentre il lavoro è ancora da fare?”
Ma  Sweeney disse “Per quanto possiamo faticare tra le prime luci del giorno e il sorgere del sole temo che non saremo capaci di dissodare le terre rocciose di Bawn”
VI
“Dove andrai adesso, Sweeney ragazzo
o vagabonderai a Maggio?”
“Vado da lei, ancora la seguirò
nel giorno oscuro e tempestoso.
Ho guardato nel pozzo che lei conosce,
una Regina che cammina sul prato –
e così so che siamo capaci di dissodare le terre rocciose di Bawn”

NOTE
1) la donna è la personificazione dell’Irlanda e l’alba dorata il radioso futuro dell’indipendenza irlandese

continua

FONTI
http://www.rocksofbawn.com/
http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=1690542 http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/11/bawn.htm http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/31/bawn.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6479 http://dowdfamilysite.com/dowd_html4.htm http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=1013 http://www.veteran.co.uk/VT149CD%20words.htm http://members.iinet.net.au/~dwomen/files/nlSept1407.html#anchor1183426

FACTORY GIRLS IN FOLK SONGS

The Factory girl” è una canzone tradizionale irlandese che accosta la struttura poetica e musicale delle “aisling songs” alle storie della quotidianità della rivoluzione industriale. Nelle “aisling songs” del XVII-XVIII secolo il poeta, di solito all’alba, incontra una bellezza simile a una dea (simbolo della Primavera secondo la tradizione medievale trovadorica). In questo genere poetico si festeggia l’arrivo della bella stagione e lo sbocciare dell’amore, ma nella ripresa irlandese la donna raffigura più o meno velatamente l’Irlanda e così dietro al genere si nascondeva l’amore patriottico che non poteva essere manifestato apertamente durante il dominio inglese..

In questa canzone fine Settecento – inizi Ottocento, il contesto è più propriamente di corteggiamento, in cui un uomo benestante si innamora (o incapriccia) di una bellezza popolana, una semplice e povera operaia di un opificio tessile. Diffusa in l’Irlanda del Nord (Contee di Armagh, Down, Tyrone e Fermanagh), Inghilterra e Scozia, la canzone è stata stampata su vari broadsides nel 1830. E tuttavia la storia si evolve in diverse versioni non tutte a lieto fine.

IL CORTEGGIATORE RESPINTO

In alcune versioni il corteggiatore viene dapprima respinto per la fretta di andare al lavoro
“Oh young man, excuse me, for now I must leave you
For yonder’s the sound of my factory bell”
E poi a causa delle differenze sociali:
“Oh love and temptation are our ruination Go find you a lady and may you do well For I am an orphan with ne’er a relation And besides, I’m a hard working factory girl”
Così si allontana ramingo (ovviamente in una valle nascosta dove nessuno lo possa riconoscere) per poter dare sfogo al suo dolore.

ASCOLTA The Bothy Band in “Out of the Wind into the Sun”, 1977
ASCOLTA Jim Doherty (Smug) 1986


I
As I went out walking one fine summers morning
The birds on yon bushes
did warble and sing
Gay lads and gay lasses
in couples were sporting
Going down to yon factory
their work to begin
II
I spied one amongst them
more fairer than any
Her cheeks like the red rose
than none could excel
Her skin like the lily
that grows in yon valley
And she was a hard-working
factory girl
III
l stepped up beside
more closely to view her
But on me she cast such a look of disdain
Saying “young man have manners
and do not come near me
For I’m a poor girl though
I think it no shame”
IV
“It’s not for to scorn you
fair maid I adore you
But grant me one favour
say where do you dwell?”
“Kind sir I’ll excuse you
for now I must leave you
For yonder’s the sound
of my factory bell”
V
“I have lands I have houses
I adorned them with ivy
l have gold in my pocket
and silver as well
And if you’ll come with me
a lady I’ll make you
And no more may you heed
yon factory bell”
VIII
With these words she turned
and with that she had left me,
And all for her sake
I’ll go wander away,
And in some deep valley,
where no one shall know me,
I shall mourn for the sake
of my factory girl.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre passeggiavo in una bella mattina d’estate,
gli uccelli nei cespugli
fischiettavano e cinguettavano,
ragazzi e ragazze
a gruppi amoreggiavano in allegria
tornando alla fabbrica
dove iniziare il lavoro.
II
Egli ne vide una tra di loro,
più bella di molte,
le sue guance come una rosa rossa
che nessun fiore può rivaleggiare,
l’incarnato come giglio
che cresce nella valle
ed era solamente un’operaia
della fabbrica.
III
Mi fermai  accanto a lei,
per vederla più da vicino
ma lei mi gettò uno sguardo di disprezzo dicendo: “Giovanotto, comportatevi da gentiluomo e non venitemi così vicino
perchè sono una povera ragazza,
anche se non me ne vergogno”
IV
“Non è per disprezzarti,
bella fanciulla io vi adoro,
ma concedetemi un favore,
ditemi dove abitate?”
“Buon Signore siete perdonato,
ma devo proprio lasciarvi
perchè risuona la sirena
della mia fabbrica”
V
“Ho terre e case
che adorno d’edera
ho monete d’oro nella tasca
e anche d’argento
e se verrete con me
vi farò una Signora
e non ascolterete
più la sirena della fabbrica”
VIII
A queste parole lei si voltò
e con ciò mi ha lasciato,
e per amor suo
andrò ramingo
in qualche valle oscura
dove nessuno mi conoscerà,
piangerò per amore
della mia operaia

IL MATRIMONIO VANTAGGIOSO

In alcune versioni  il corteggiamento si conclude con un matrimonio e la giovane ragazza diventa una signora che non ha più bisogno di lavorare.
Margaret Barry 1958 (strofe da I a III)

The Chieftains & Sinead O’Connor (strofe da I a III) in Tear of Stone, 1999

Eric Burdon (che aggiunge una IV strofa)


I
As I went out walking
one fine summer morning
The birds in the bushes
did whistle and sing
The lads and the lasses
in couples were courtin’ (sporting)
Going back to the factory
their work to begin
II
He spied one among them,
she was fairer then many
Her cheeks like the red rose
that blooms in the spring
Her hair(1) like the lily
that grows in Yon’ valley
She was only a hard-working
factory girl
III
He sat soft beside her,
more closely to view her
She says, “My young man,
don’t stare me so”(2)
“I gold in my pocket and silver as well”
“No more will I answer
that factory call”
IV
Now the years have gone past
from the days of our youth
Our home is now teemin’
with children at play
Life goes on in the village
you can still hear the whistle
“Hey there goes that lad with his factory girl.”
You can still hear the sound of the factory call.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre passeggiavo
in una bella mattina d’estate,
(come) gli uccelli nei cespugli
fischiettavano e cinguettavano,
(così) ragazzi e ragazze
a gruppi amoreggiavano
tornando alla fabbrica
a iniziare il lavoro.
II
Egli ne vide una tra di loro,
più bella di molte,
guance come una rosa rossa
che fiorisce in primavera,
capelli come giglio
che cresce nella valle
ed era solamente un’operaia
della fabbrica.
III
Le si avvicinò
per vederla meglio
Dice lei: “Giovanotto,
non fissatemi così”
“Ho oro e argento in tasca”
“Più non risponderò
a quel richiamo della fabbrica” .
IV
Ora gli anni sono passati
dai tempi della nostra gioventù,
la nostra casa è piena
di bambini che giocano,
la vita continua nel villaggio
puoi ancora sentire il fischio
“Ecco che va quel ragazzo con la sua operaia”
Puoi ancora sentire il richiamo della fabbrica

NOTE
1) in alcune versioni è riportato “skin” come sarebbe più logico
2) in questa versione testuale i dialoghi sono ridotti all’essenziale a discapito della comprensione del testo, così alla ritrosia di lei, lui risponde dicendole di essere ricco, e lei accetta di sposarlo

ASCOLTA Sarah Makem 1968. La melodia ricordata da Sarah è diversa da quella dalla irish traveller Margaret Barry . Nelle note dell’album “Mrs Sara Makem, Ulster Ballad Singer 1968 ” è scritto ” The air in the Soh Mode is particularly attractive and is related to “The Unspoken Farewell” (Gems of Melody, Pt. 1., Hardebeck)“.

I dialoghi sono un po’ più dettagliati, veniamo così a sapere che la ragazza è una povera orfanella sola al mondo, ma fiera oltre che bella.


I
As I went a-walking
one fine summer’s morning,
The birds on the branches
they sweetly did sing.
The lads and the lasses
together were sporting,
Going down to yon factory
their work to begin.
II
I spied a wee damsel more
fairer than Venus,
Her skin like the lily
that grows in the dell,
Her cheek like the red rose
that grew in yon valley.
She is my own only goddess;
she’s a sweet factory girl.
III
I stepped it up to her,
it was for to view her,
When on me she cast
a proud look of disdain.
“Stand off me! Stand off me
and do not insult me,
For although I’m a poor girl,
I think it no shame.”
IV
“I don’t mean to harm you
or yet, love, to scorn you,
But grant me one favour:
pray where to you dwell?”
“I am a poor orphan
without home or relations
And besides I’m a hard
working factory girl.”
V
Well, now to conclude
and to finish these verses,
This couple got married
and both are doing well.
So, lads, fill your glasses
and drink to the lasses
Till we hear the dumb sound
of the sweet factory bell.

traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre passeggiavo
in una bella mattina d’estate,
(come) gli uccelli sui rami
cantavano armoniosamente,
(così) ragazzi e ragazze
a gruppi amoreggiavano
tornando alla fabbrica
per iniziare il lavoro.
II
Vidi una damigella,
più bella di Venere,
l’incarnato come giglio
che cresce nella forra
le sue guance come una rosa rossa
che fiorisce nella valle.
Lei è la mia sola Dea
l’amabile operaia
III
Mi sono avvicinato a lei
per vederla (meglio)
ma lei mi gettò con orgoglio
uno sguardo di disprezzo
“Stammi lontano, lontano
e non insultarmi
perchè sebbene sia una povera ragazza, non me ne vergogno”
IV
“Non voglio farvi del male
o mia cara disprezzarvi,
ma rendimi un favore:
ditemi dove abitate?”
“Sono una povera orfana
senza casa e parentele
e inoltre sono un’operaia
che fa un duro lavoro”
V
Allora per farla breve,
e chiudere questi versi
questa coppia si è sposata
e tutti e due stanno bene.
Quindi ragazzi, riempite i vostri bicchieri e brindate alle ragazze
finchè sentiamo il suono sordo della campana della fabbrica.

FONTI
http://www.norbeck.nu/abc/lyrics.asp?rhythm=song&ref=110
http://mainlynorfolk.info/frankie.armstrong/songs/thefactorygirl.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=88929
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31323 http://www.itma.ie/inishowen/song/factory_girl_jim_doherty