Liti Kjersti og Elvekjongen

La ballata proviene dalla tradizione scandinava (Norvegia) e narra del rapimento fatato, o meglio di una storia di seduzione tra una creatura fatata (re degli elfi o re della Montagna) e una fanciulla (kjersti)
[The ballad comes from the Scandinavian tradition (Norway) and tells of the fairy abduction, or rather a story of seduction between a fairy creature (king of elves or kings of the mountain) and a girl (kjersti)]

Il canto si inserisce in un genere compositivo balladistico del rapimento fatato a corollario delle numerose leggende nordiche in merito: l’elfo e la fanciulla sono diventati amanti pur continuando a vivere nei loro rispettivi mondi, solo dopo che la fanciulla ha partorito, viene accolta nel regno fatato.
Per alleviare il trauma della separazione (non è chiaro se anche il bambino sia con lei) beve il filtro magico dell’oblio, perdendo il ricordo della sua umanità.
[The song is part of some nordic balladry of the fairy abduction as a corollary of the many legends about: the elf and the girl have become lovers while continuing to live in their respective worlds, only after the girl had a baby, she is taken into the Fairy Kingdom .
To alleviate the trauma of separation (it is not clear whether the child is with her) she drinks the magic filter of oblivion, losing the memory of her humanity.]

Jean-Luc Lenoir in Old Celtic & Nordic Ballads 2012

I
Mo’eri tala til dotteri si
– ti, lill-lill (1), hugjen min –
kvi renne det mjølk ut or brøsto di
– dei leika så lett gjennom lunden (2)-
II
Det nyttar kje lenger å dylja fyr deg
elverkongen hev lokka meg
III
Elverkongen kom seg riande i gård
liti Kjersti ute fyr honom står
IV
Han klappa henne på kvite kinn
kunna du kje dylja fyr mo’eren din
V
Elverkongen ha seg ein gangare spak
han lyfte liti Kjersti oppå hans bak
VI
Elverkongen tala til dotteri si
du tappe i ei konne med vin
VII
Den fyste drykk ho konna drakk
då gløymde ho bort kven henne ha skapt
VIII
Korhen er du fødd og korhen er du boren
og korhen er dine jomfruklede skoren
IX
I berget er eg fødd, i berget vil eg døy
i berget vil eg vera elverkongens møy

English Version*
I
The mother spoke to her daughter
– ti, lill-lill (1), my thought –
why is milk trickling from your breasts?
– In the grove (2) they are a-playing –
II
It is useless to hide it from you anymore
the king of the elves seduced me
III
The king of the elves came riding to the farm
Little Kjersti stood outside before him
IV
He stroked her white cheek
were you unable to lie to your mother anymore?
V
The Mountain King had a silent horse
He lifted little Kjersti up on his back
VI
The king of the elves spoke to his daughter
pour us a flagon of wine
VII
The first time she drank from the flagon
she forgot who it was that had created her
VIII
“Where were you born,
and where were you raised?
where were your maiden dress cut?
IX
In the mountain I am born,
in the mountain I wish to die
in the mountain I wish to be
the elf King´s maiden
Traduzione italiana Cattia Salto
I
La madre disse alla figlia
ti, lill-lil, anima mia
perchè ti scende il latte dal seno?”
nel boschetto si sollazzavano
II
“E’ inutile nascondertelo ancora
il re degli Elfi mi ha sedotto”
III
Il Re degli Elfi andò alla fattoria
la piccola Cristina stava fuori innanzi a lui
IV
Le accarezzò la bianca guancia
“Non riesci più a mentire a tua madre?”
V
Il re Della Montagna aveva un cavallo silenzioso
mise la piccola Cristina sulla sua groppa
VI
Il re degli Elfi disse alla sorella
“Versaci una caraffa di vino”
VII
La prima volta che lei bevve dalla caraffa
si dimenticò di chi l’aveva creata
VIII
“Dove sei nata
e dove sei cresciuta?
Dove hai confezionato il tuo abito da fanciulla?”
IX
“Sono nata nella montagna
e voglio morire nella montagna,
nella montagna voglio essere
la sposa del re degli Elfi”

NOTE
from here
1) una sorta di richiamo
2) luogo del bosco appartato e nascosto 

Arve Moen Bergset.

ARCHIVIO
https://terreceltiche.altervista.org/la-musica-delle-fate/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.