Morag and the Kelpie

Leggi in italiano

In the most placid rivers of Ireland and in the dark depths of the Scottish lakes live water demons, fairy creatures, that feed on human flesh: they are “kelpie”, “each uisge” (in English water-horse), “eich- mhara “(in English sea horse); to want to be picky kelpie lives preferably near the rapids of the rivers, fords and waterfalls, while each uisge prefers the lakes and the sea, but kelpie is the most used word for both. Similar creatures are also told in Norse legends (Bäckahästen, the river horse) – and Germanic (nix in the form of fish or frog). (first part)

MORAG AND THE KELPIE

At the summer pastures of the Highlands they are still told of the beautiful Morag (Marion) seduced by a kelpie in human form; she, while noticing the strangeness of her husband, did not understand his true nature, if not after the birth of their child and … she decided to abandoning baby in swaddling clothes and husband shapeshifter!

On the Isle of Skye they still sing a song in Gaelic, ‘Oran-tàlaidh an eich-uisge’ or ‘Oran each-uisge’ (The water kelpie’s song) the “Lullaby of the kelpie” a melancholy air with which the kelpie cradled his child without a mother, and at the same time a plea to Morag to return to them, both he and the child needed her.
Of this lament we know several textual versions handed down to today in the Hebrides. The melodies revolve around an old Scottish aria entitled “Crodh Chailein” (in English “Colin’s cattle) evidently considered a melody of the fairies.
Another song, sweet and melancholic at the same time, is entitled Song of the Kelpie or even ARRANE GHELBY

Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich

So translates from Scottish Gaelic Tom Thomson “I got up early, it would have been better not to” (see)

Julie Fowlis in Alterum 2017

Scottish gaelic
Dh’èirich mi moch, dh’èirich mi moch, B’fheàrr nach d’ dh’èirich
Mo chreach lèir na chuir a-mach mi.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Bha ceò sa bheinn, Bha ceò sa bheinn, is uisge frasach
’s thachair orms’ a’ ghruagach thlachdmhor.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò
Bheir mi dhut fìon, Bheir mi dhut fìon, ‘S gach nì a b’ ait leat,
Ach nach èirinn leat sa mhadainn,
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
’Nighean nan gamhna, ’Nighean nan gamhna, Bha mi ma’ riut,
Anns a’ chrò is càch nan cadal
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
An daoidh gheal donn, An daoidh gheal donn, Rug i mac dhomh.
Ged is fuar a rinn i altram,
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
[instrumental]

Bha laogh mo laoidh, Bha laogh mo laoidh, ri taobh cnocan
gun teine, gun sgàth, gun fhasgadh.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
A Mhòr a ghaoil, A Mhòr, a ghaoil, Till ri d’ mhacan,
’S bheir mi goidean breagha breac dhut.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
English translation *
I arose early
I arose early –
would that I hadn’t.
I was distressed by what sent me out (1).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
There was mist on the hill
There was mist on the hill
and showers of rain
and I came across a pleasant maiden
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
I’ll give you wine
I’ll give you wine
and all that will please you
but I won’t arise with you in the morning (2).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Girl of the calves (3)
Girl of the calves
I was with you in the cattle-fold (4)
and the rest were asleep.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
The fine brown wicked one (5)
The fine brown wicked one
bore me a son
although coldly did she nurse him
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
The calf (6) of my song
The calf of my song
was beside a hillock
without fire, protection or shelter (7).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Mòr, my love
Mòr, my love, return to your little son
and I’ll give you a beautiful speckled withes (8).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
NOTE
English translation also here
1)  the kelpie, suffering from loneliness, leaves the lake early in the morning and takes on human form
2) the shapeshifter promises food and comfort to the girl to convince her to follow him, but he warns her, he is a nocturnal creature and will not wake up with her in the morning!
3) gamhna = cattle between 1 year and 2 years translates Tom Thomson stitks; that is heifer, the cow that has not yet given birth, the verse in addition to qualifying the work of the girl (herdswoman) also wants to be a compliment, in Italian “bella manza” as a busty woman, with abundant and seductive shapes
4) the kelpie remembers the night meeting when they had sex (and obviously nine months later their son was born)
5) after the good memories of the past it comes the present, the woman has discovered the true nature of her companion and she dislikes their child
6) continuing in the comparison the kelpie calls “calf” its baby, that is “small child”
7) A typical “exposition” of fairy children is described. A practice of “birth control” widespread in the countryside of Europe, was the abandonment of newborns in the forest, so that fairies would take care of them; once the practice was widespread both against illegitimate people, and newborns with obvious physical deformations or ill-looking. The custom of “exposing” the baby was connected with the belief that he was “swapped” or kidnapped by the fairies and replaced with a changeling, a shapeshifter who for a while resembles the human child, but ultimately always takes its true appearance.
8) breagha breac dhut. Tom Thomson translates = speckled band (of withy). I searched the dictionary: it is a crown made by intertwining the branches of willow; it reminds me of the Celtic crowns of flowers and leaves

 

Margaret Stewart & Allan MacDonald recorded it under the title “Òran Tàlaidh An Eich-Uisge” in 2001 (from Colla Mo Rùn) following the collection of Frances Tolmie (‘Cumha an EichUisge’ vol I)

english translation *
I and III
Sleep my child, Sleep my child
Sleep my child, Sleep my child
Chorus
Hì hó, hó bha hó, Hì hó, hao i hà
Fast of foot you are
Great as a horse you are
II and IV
My darling son
Oh my lovely little horse
You are far from the township
You will be sought after (1)
scottish gaelic
I
O hó bà a leinibh hó, O hó bà a leinibh hà
Bà a leinibh hó bha hó, Hó bà a leinibh hao i hà
(chorus)
Hì hó, hó bha hó, Hì hó, hao i hà
‘S luath dha d’ chois thu, hó bha hó
‘S mór nad each thu, hao i hà
II
O hó m’eudail a mac hó
O hó m’eachan sgèimheach hà
‘S fhad ‘n ‘n bhail’ thu, hò bha hò
Nìtear d’iarraidh, hao i hà

NOTE
1) The kelpie sings the lullaby to its child abandoned by the human mother and comforts him by telling him that when he grows up he’ll be a little heartbreaker

With the title of ‘A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan the same story is present in the archives of Tobar an Dualchais, from the voice of three witnesses of the Isle of Skye
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/99707/1
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/99703/1
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/99714/1

A similar story is told in the island of Benbecula with the title of Bheirinn Dhut Iasg, Bheirinn Dhut Iasg see


Caera
in Suantraighe, A Collection of Celtic Lullabies 2006 sings another fragment with the title “The Skye Water Kelpie’s lullaby” (see the version of Marjory Kennedy-Fraser below)

English translation *
Mór (1), my love! Mór, my treasure!
Come back to your little son
and you will get a speckled trout from the lake.
Mór, my darling! Tonight the night
Is wetly showering my son
on the shelter of a knoll.
Mór, my love! Mór, my treasure!
Lacking fire, lacking food, lacking shelter,
and you continually lamenting (2).
Mór, my love! Mór, my darling!
My gray, old, toothless mouth
to your silly little mouth,
and me singing  tunes by Ben Frochkie. (3)
Scottish gaelic
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Till gu d’mhacan is gheabh
thu’m bradan breac o’n loch.
A Mhór a shògh! Tha’n oiche nochd
Gu fliuch frasach aig mo mhacsa
ri sgath chnocain.
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Gun teine, gun tuar, gun fhasgadh,
is tu sìor chòineadh.
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Mo sheana-chab liath ri
do bheul beag baoth
is mi seinn phort dhuit am Beinn Frochdaidh.

NOTE
1) Mhórag or Mór is the name of the maiden loved by the kelpie
2) it is the incessant cry of the child abandoned by his human mother in the cold and without food
3) mountain between Gesture and Portree on the Isle of Skye

Skye Water Kelpie’s Lullaby

With the title “Cronan na Eich-mhara”, the same fragment sung by Caera is also reported in the book of Marjory Kennedy-Fraser and Kenneth MacLeod “Songs of the Hebrides” 1909 (page 94)

Kenneth MacLeod
I
Avore, my love, my joy
To thy baby come
And troutlings you’ll get out of the loch
Avore, my heart, the night is dark,
wet and dreary.
Here’s your bairnie neath the rock
II
Avore, my love, my joy,
wanting fire here,
wanting shelter, wanting comfort
our babe is crying by the loch
III
Avore, my heart, my bridet
My gray old mouth
touching thy sweet lips,
and me singing Old songs to thee,
by Ben Frochkie (1)
NOTE
1) between Gesto and Portree in Skye
Scottish gaelic
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Till gu d’mhacan is gheabh
thu’m bradan breac o’n loch.
A Mhór a shògh! Tha’n oiche nochd
Gu fliuch frasach aig mo mhacsa
ri sgath chnocain.
II
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Gun teine, gun tuar, gun fhasgadh,
is tu sìor chòineadh.
III
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Mo sheana-chab liath ri
do bheul beag baoth
is mi seinn phort dhuit am Beinn Frochdaidh.
Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARCHIVE
Skye Water Kelpie’s Lullaby
Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich
Òran Tàlaidh An Eich-Uisge
A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan
Cronan na Eich-mhara
Song of the Kelpie
Up, ride with the kelpie

Sources
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=4374 http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=48242 http://www.kidssongsmp3.twinkletrax.com/kids-song.php?c=C02T12&kids-song=O,%20Can%20Ye%20Sew%20Cushions http://www.celticlyricscorner.net/stewart/orantalaidh.htm
http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Stromkarlen_1884.jpg

Kelpie: water shapeshifter of the Celtic folklore

Leggi in italiano

In the most placid rivers of Ireland and in the dark depths of the Scottish lakes live water demons, fairy creatures, that feed on human flesh: they are “kelpie”, “each uisge” (in English water-horse), “eich- mhara “(in English sea horse); to want to be picky kelpie lives preferably near the rapids of the rivers, fords and waterfalls, while each uisge prefers the lakes and the sea, but kelpie is the most used word for both. Similar creatures are also told in Norse legends (Bäckahästen, the river horse) – and Germanic (nix in the form of fish or frog). (first part)

Liiga Klavina Kelpie

KELPIE: WATER SHAPESHIFTER

In the time of the myth it was believed that there was a certain symmetry between the terrestrial creatures and those of the waters, so men and women were the newts and the mermaids, while among the marine animals there was the horse with the fish tail. It sleeps in solitary ponds or in the sea, is shown on the banks of rivers and lakes, and although its reign is the aquatic one, the kelpie can take the form of a beautiful horse (sometimes with a white mantle sometimes with a black mantle) but also of a beautiful boy or of a lovely girl.

a Kelpie in the form of a maiden

FAIRY LOVERS

Being a solitary creature, Kelpie is often looking for a partner who is described as a “leannan-sith” (a fairy-lover). Mary Mackellar in her essay ‘The Shieling: Its Traditions and Songs‘ writes of the many enchanted seductions to the summer pastures, when shepherds carried sheep on the highlands, going to live for the whole season in the isolated huts (shielings) next to rivers and ponds. The only way to distinguish the shapeshifters when they took the form of a young boy or a girl was to comb their hair: if sand and algae were caught in the comb it was a kelpie!

LOCH GARVE’s KELPIE

In some legends the kelpie is described as a solitary crature that to find a partner, it abducts a young woman: the kelpie is considerate and kind to her, and while keeping her prisoner, tries to comfort her. This one comes from the land of Clan Mackenzie and concerns the kelpie who lives in Loch Garve (Inverness)

“There’s a spot at the eastern end of Loch Garve, ye ken,” [Rupert] said, rolling his eyes around the gathering to be sure everyone was listening, “that never freezes. It’s always black water there, even when the rest o’ the loch is frozen solid, for that’s the waterhorse’s chimney.”
The waterhorse of Loch Garve, like so many of his kind, had stolen a young girl who came to the loch to draw water, and carried her away to live in the depths of the loch and be his wife. Woe betide any maiden, or any man, for that matter, who met a fine horse by the water’s side and thought to ride upon him, for a rider once mounted could not dismount, and the horse would step into the water, turn into a fish, and swim to his home with the hapless rider still stuck fast to his back.

(From OUTLANDER by Diana Gabaldon, chapter 18, “Raiders in the Rocks”. Copyright© 1991 by Diana Gabaldon. All rights reserved.)

With the passing of time in Scotland the kelpie has become however a monster of the waters as the infamous Nessie of the Loch Ness.

THE WATER DEMON

The Kelpie is considered an evil creature a kind of demon that hunts victims to seduce and drown (and devour) them in the abyss (a memory of ancient sacrifices to the spirits of the waters?) So popular wisdom first recommended not to climb incautiously on the back of a lonely horse (because once we climbed on a kelpie there is no possibility of going down) and secondly if we have climbed and we are going to end up dragged in the deep water, we have to look for bridles to tame it (easier said than done naturally).

THE WATER FAIRES

416px-Stromkarlen_1884
Nix of german river

The equivalent in Germanic folklore is nix or nixie (depending on whether male or female) of which the kelpie is one of the possible incarnations: the nix is shown in the form of frog or toad or small fish or a strange fish to human form. Wanting to make a distinction between Kelpie and Nix we can say that the first prefers to attract the victims in the form of a horse to get them on the back and carry them to the abyss; the second instead attracts them in human form with sweet melodies (they are sirens / nymphs with a beautiful singing or mermen skilled musicians)

Liga Kļaviņa
Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARCHIVE
Skye Water Kelpie’s Lullaby
Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich
Òran Tàlaidh An Eich-Uisge
A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan
Cronan na Eich-mhara
Song of the Kelpie
Up, ride with the kelpie

Sourses
http://novelpointsofview.blogspot.it/2016/02/valentines-not-just-for-february_11.html
http://www.apjpublications.co.uk/skye/poetry/collect21.htm http://www.romanticamentefantasy.it/emozioni-in-tartan-leggenda-kelpie/ http://fairyroom.com/2013/03/bad-fairy-nixie/

Il Kelpie mutaforma acquatico del folklore celtico

Read the post in English

Nei fiumi più placidi d’Irlanda e nelle profondità oscure dei laghi scozzesi vivono dei demoni acquatici, creature fatate mutaforma, che si nutrono di carne umana: sono “kelpie“, “each uisge” (in inglese water-horse),  “eich-mhara” (in inglese sea horse), cavalli d’acqua e del mare; a voler essere pignoli il kelpie vive preferibilmente nei pressi delle rapide dei fiumi, dei guadi e delle cascate, mentre l’each uisge preferisce i laghi e il mare, ma kelpie è la parola più usata per entrambi. Di creature analoghe si narra anche nelle leggende norrene (Bäckahästen, il cavallo di fiume)- e germaniche (nix sotto forma di pesce o di rana). (prima parte)

Liiga Klavina Kelpie

IL KELPIE: MUTAFORMA DELLE ACQUE

Nel tempo del mito era convinzione che esistesse una certa simmetria tra le creature terrestri e quelle delle acque, così uomini e donne erano i tritoni e le sirene, mentre tra gli animali marini non mancava la figura del cavallo con la coda di pesce. Dorme negli stagni solitari o in mare, si mostra sulle rive dei fiumi e dei laghi, e benchè il suo regno sia quello acquatico, il kelpie può assumere le sembianze di un bellissimo cavallo (a volte dal manto candido a volte dal manto nero) ma anche di bel ragazzo o d’amabile fanciulla.

un Kelpie in sembianze di fanciulla

AMANTI FATATI

Essendo una creatura solitaria, il Kelpie  è spesso in cerca di un compagno/compagna e viene descritto come un “leannan-sith” ovvero una “fata-amante”. Mary Mackellar nel suo saggio ‘The Shieling: Its Traditions and Songs’ (Gaelic Society of Inverness 1889 qui) scrive delle molte seduzioni fatate ai pascoli estivi, quando i pastori portavano le pecore sugli altopiani, andando a vivere per tutta la stagione nelle isolate malghe (shielings) accanto a fiumi e laghetti. L’unico modo per distinguere i mutaforma quando prendevano le sembianze di un giovanetto o di una fanciulla era quella di pettinare i loro capelli: se sabbia e alghe restavano impigliate nel pettine si trattava di un kelpie!

IL KELPIE DI LOCH GARVE

In alcune leggende il kelpie è descritto come una cratura solitaria che per mettere su famiglia, rapisce una giovane donna, eppure è premuroso e gentile con lei, e pur tenendola prigioniera, cerca di confortarla. Questa viene dalla terra del Clan Mackenzie e riguarda il kelpie che abita nel Loch Garve (dalle parti di Inverness)

Nel libro “La Straniera” di Diana Gabaldon troviamo questa versione della leggenda del Kelpie. “A quanto potei capire, questi esseri abitavano in qualunque tipo di massa acquatica, ed erano particolarmente frequenti nei fiordi e nei canali, benché molti vivessero dentro agli abissi dei lochs. «C’è un punto, nell’estremità orientale di Loch Garve», disse, spostando lo sguardo tra i vari membri del gruppo per accertarsi che tutti lo stessero ascoltando, «che non gela mai. L’acqua lì è sempre nera, anche quando il resto del loch è tutto ghiacciato: si tratta infatti del comignolo del cavallo d’acqua.» Quello di Loch Garve, come molti altri della sua razza, aveva rapito una fanciulla che era venuta al loch ad attingere acqua, e se l’era portata con sé in fondo agli abissi perché gli facesse da moglie. Qualunque donna, o uomo se è per questo, provi il desiderio, dopo aver trovato un bel cavallo in riva al lago, di salirgli in groppa, andrà incontro a parecchi guai, perché una volta montato il cavaliere non potrà più scendere; a quel punto il cavallo si tufferà in acqua, si trasformerà in un pesce e nuoterà fino alla sua dimora con lo sventurato cavaliere saldamente attaccato al dorso. «Orbene, una volta sott’acqua il cavallo avrà solo denti da pesce», disse Rupert, ondulando il palmo per imitare il movimento delle pinne, «e si nutre di lumache, di alghe e di altri cibi freddi e bagnati. Ha il sangue gelido come l’acqua, e non gli serve nessun fuoco, mentre una donna umana ha bisogno di calore.» …«Dunque la moglie del cavallo d’acqua era triste e soffriva il freddo e la fame, nella sua nuova dimora subacquea, non piacendole granché le lumache e le alghe che lui le serviva per cena. Così il cavallo, essendo di buon cuore, si recò sulla riva del loch vicino alla casa di un uomo che aveva fama di essere un bravo capomastro. E, quando l’uomo scese giù al fiume e vide il bell’animale dorato con le briglie d’argento che risplendevano al sole, non poté resistere alla voglia di montargli in sella. «Naturalmente il cavallo si tuffa in acqua e lo porta fino alla sua dimora fredda e viscida negli abissi. A quel punto dice al capomastro che se vuol tornare in libertà dovrà costruire un bel caminetto, con tanto di comignolo, in modo che sua moglie possa avere un fuoco dove scaldarsi le mani e friggere il pesce.» «Così il capomastro, non avendo altra scelta, fece come gli era stato chiesto. E il cavallo mantenne la promessa: lo riportò sulla riva vicino a casa sua. Fu così che la moglie del cavallo d’acqua poté starsene al calduccio, tutta contenta, con grande abbondanza di pesce fritto per cena. Dunque l’acqua non gela mai, all’estremità orientale di Loch Garve, perché il calore del comignolo del cavallo d’acqua scioglie il ghiaccio. » (Pag.317)

Con il passar del tempo in Scozia il kelpie è diventato tuttavia un mostro delle acque come il famigerato Nessie del Loch Ness.

IL DEMONE ACQUATICO

Più spesso il Kelpie è considerata una creatura malvagia una sorta di demone che va a caccia di vittime da sedurre e far annegare (e divorare) negli abissi (un ricordo di antichi sacrifici agli spiriti delle acque?) Così la saggezza popolare raccomandava per prima cosa di non salire mai incautamente in groppa ad un cavallo solitario (perchè  una volta saliti su un kelpie non c’è più possibilità di scendere) e per seconda cosa se proprio ci siamo saliti e stiamo per finire trascinati nelle acque profonde, di cercare le briglie per domarlo (più facile a dirsi che a farsi naturalmente).

I FOLLETTI ACQUATICI

416px-Stromkarlen_1884
Nix del fiume

Il corrispettivo nel folklore germanico è il nix o nixie (a secondo se di sesso maschile o femminile) di cui il kelpie è una delle possibili incarnazioni: il nix si mostra nella forma di rana o rospo o di piccolo pesce o di uno strano pesce a forma umana. Volendo fare un distinguo fra Kelpie e Nix possiamo affermare che il primo preferisce attirare la vittima sotto forma di cavallo per farla salire in groppa e trasportarla negli abissi il secondo invece l’attira in forma umana con dolci melodie (sono sirene/ninfe dal bel canto o tritoni abili musicisti).

Liga Kļaviņa
Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARCHIVIO CANTI
Skye Water Kelpie’s Lullaby
Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich
Òran Tàlaidh An Eich-Uisge
A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan
Cronan na Eich-mhara
Song of the Kelpie
Up, ride with the kelpie

FONTI

http://novelpointsofview.blogspot.it/2016/02/valentines-not-just-for-february_11.html
http://www.apjpublications.co.uk/skye/poetry/collect21.htm http://www.romanticamentefantasy.it/emozioni-in-tartan-leggenda-kelpie/ http://fairyroom.com/2013/03/bad-fairy-nixie/

A ghaoil, leig dhachaigh gum mhàthair mi (O love, let me home to my mother)

Warwick Gobe

A ghaoil, leig dhachaigh gum mhathair mi (O love, let me home to my mother) is a Scottish Gaelic song from the Hebrides: it is the plea of a girl kidnapped by the kelpie to be allowed to return home. It was customary for the Kelpie to take a human bride to feel less alone, but the brides were not always happy to live on the bottom of the lake, to take care of the kelpie’s house! Although the Scottish maidens are dissuaded by many folk tales to walk alone on the moors and on the banks of the loch, there is always the most innocent or adventurous, which inevitably ends up making bad encounters.
[A ghaoil, leig dhachaigh gum mhàthair mi
(O love, let me home to my mother) è un canto in gaelico scozzese proveniente dalle Isole Ebridi: è la supplica di una fanciulla rapita dal kelpie affinchè le sia concesso di ritornare a casa. Era consuetudine per il Kelpie prendersi una sposa umana per sentirsi meno solo, ma non sempre le spose erano felici di vivere sul fondo del lago ad accudire alla casetta del kelpie! Sebbene le fanciulle scozzesi siano dissuase da molti racconti popolari ad andarsene sole solette per la brughiera e sulle rive dei loch, c’è sempre quella più ingenua o avventurosa, la quale immancabilmente finisce per fare brutti incontri..]

At the moment the only sources of the song on the net are filed on Tobar an dualchais
[Al momento le uniche fonti in rete della canzone sono archiviate su Tobar an dualchais]
‘A Ghaoil Leig Dhachaigh gu Mo Mhàthair Mi’- Kate Nicolson (dall’isola di South Uist)
Julie Fowlis in ‘Gach Sgeul / Every Story’ 2014

Ulli Boegershausen guitar arrangiament [arrangiamento per chitarra]

Scottish Gaelic
I
A ghaoil, leig dhachaigh gum mhàthair mi;
A ghràidh, leig dhachaigh gum mhàthair mi;
A ghaoil, leig dhachaigh gum mhàthair mi –
An tòir chrodh-laoigh a thàine mi.
II
Gur ann a-raoir a chuala mi
Mo ghaol a bhith ri buachailleachd,
’S ged fhuair thu ’n iomall na buaile mi,
A ghaoil, leig dhachaigh mar fhuair thu mi.
III
‘S mi dìreadh ris na gàrraidhean,
’S a’ teàrnadh ris na fàirichean,
Gun d’ thachair fleasgach bàigheil rium,
’S cha d’ dh’ fheuch e bonn ga chàirdeis rium.
IV
Ged bheireadh tu crodh agus caoraich dhomh,
Ged bheireadh tu eachaibh air thaodaibh dhomh,
Ged bheireadh tu sin agus daoine dhomh,
A ghaoil, leig dhachaigh mar fhuair thu mi.
V
Trodaidh m’ athair ’s mo mhàthair riut,
Trodaidh mo chinneadh ’s mo chàirdean riut,
Ach marbhaidh mo thriùir bhràithrean thu
Mura tèid mi dhachaigh mar thàine mi.
VI
Gheall mo mhàthair gùn thoirt dhomh,
Gheall i ribean a b’ ùire dhomh,
Is gheall i breacan ùr thoirt dhomh
Ma thèid mi dhachaigh mar fhuair thu mi.

English translation *
I
Love, let me home to my mother
Darling, let me home to my mother
Love, let me home to my mother
I only came for the cattle.
II
It was only last night
That I heard that my love was herding
And though you found me at the brim of the  fold
Love, let me home as you found me.
III
I was clambering up the dykes
And descending the ridges
When a friendly lad met me
And he did not enforce his friendship on me.
IV
Though you were to give me cattle and sheep
Though you were to give me tethered horses
Though you were to give me that and men
Love, let me home as you found me.
V
My mother and father will chastise you
My clan and my relatives will chastise you
But my three brothers will kill you
If I don’t return home as I came.
VI
My mother promised me a gown
Decorated with the newest of ribbons
And she promised me a new plaid
If I return home the way you found me. 
traduzione italiano Cattia Salto
I
Mio caro, fammi tornare a casa da mia madre
Fammi tornare a casa da mia madre
Amore (1), fammi tornare a casa da mia madre
Sono arrivata qui solo per il bestiame (2).
II
E ‘ stato solo la scorsa notte
Ho sentito che il mio amore era al pascolo
E anche se mi hai trovata ai bordi del pascolo
Fammi tornare a casa come mi hai trovata.
III
Mi arrampicavo sulle erte
E scendevo dalle creste,
Quando un giovanotto cordiale mi ha incontrato
E non mi ha imposto la sua amicizia.
IV
Anche se tu potessi darmi bestiame e pecore,
Anche se tu potessi darmi dei cavalli impastoiati,
Anche se tu potessi darmi questo e dei servitori,
Fammi tornare a casa come mi hai trovata.
V
Mia madre e mio padre ti puniranno
Il mio clan e i miei parenti ti puniranno
Ma i miei tre fratelli ti uccideranno
Se non tornassi a casa come sono venuta.
VI
Mia madre mi ha promesso un abito
Decorato con i nastri più nuovi
E lei mi ha promesso un nuovo mantello
Se tornassi a casa come mi hai trovata.

NOTE
1) the girl coaxes the kelpie, but to call him “my love” it is a bit out of the context of a fleeting encounter, maybe they have lived together and now she feels homesick . Yet that of the girl is clearly a plea of not being violated to return home with her virginity intact [la fanciulla blandisce il kelpie, ma chiamarlo amore mio è un po’ fuori dal contesto di un fugace incontro, forse i due hanno vissuto insieme per un po’ di tempo e adesso lei sente la nostalgia di casa. Eppure quella della fanciulla è chiaramente una supplica di non essere violata per ritornare a casa con la sua verginità intatta]
2) the girl justifies her curiosity by explaining that she had gone to those solitary places for her job as guardian of the family’s cattle; in the next stanza she even explains that she hoped to meet another herdsman / shepherd boy; that is she is there for the cattle, not for sex [la fanciulla giustifica la sua curiosità spiegando di essersi spinta verso quei luoghi solitari nella sua mansione di guardiana del bestiame della famiglia; nella strofa successiva addirittura spiega che sperava d’incontrare un altro mandriano/pastorello; lei è li per il bestiame, non per fare sesso]

“Up, ride with the kelpie” by Ian Anderson

LINK
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/104490/4
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/36511/4
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/85703/4
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/26812/4

“Up, ride with the kelpie” by Ian Anderson

Ian Anderson in 1979 wrote “The Kelpie” for the concept album Stormwatch of Jethro Tull : with this song returns to its roots and the common legends in some Scottish loch about the “water horse”, a sort of aquatic demon that takes the form of a horse but also the human form, they are called “kelpie”, “each uisge” (in English water-horse), “eich-mhara” (in English sea horse); wanting to be picky “kelpie” lives preferably near the rapids of the rivers, fords and waterfalls, while “each uisge” prefers lakes and the sea, but kelpie is the most used word for both (see)
[Ian Anderson nel 1979 scrisse “The Kelpie” per il concept album Stormwatch: con questo brano ritorna alle sue radici e alle leggende comuni nei loch scozzesi sul “cavallo del mare”, una sorta di demone acquatico che prende la forma di cavallo ma anche la forma umana, “kelpie“, “each uisge” (in inglese water-horse),  “eich-mhara” (in inglese sea horse), cavalli d’acqua e del mare; a voler essere pignoli il kelpie vive preferibilmente nei pressi delle rapide dei fiumi, dei guadi e delle cascate, mentre l’each uisge preferisce i laghi e il mare, ma kelpie è la parola più usata per entrambi.(continua)]

Scotland paid to the myth a steel sculpture consisting of two gigantic horse heads of the artist Andy Scott, inserted in a monumental context in Falkirk.
[La Scozia ha tributato al mito una scultura di acciaio consistente in due gigantesche teste di cavallo dell’artista Andy Scott, inserite in un contesto monumentale a Falkirk.]

The Kelpies in Falkirk (https://parliamenthouse-hotel.co.uk/edinburgh-guide/attractions/kelpies-helix/)

Jethro Tull in “Stormwatch” 1979

Kelpie (Kersting Blodig & Ian Melrose) in “Kelpie” 2002 (here is all the CD, the song of Kelpie is track 3 and starts at 8:00 min) [qui è riportato tutto il cd , la canzone del Kelpie è la track 3 e inizia a 8:00 min]


I
There was a warm wind
with the high tide
On the south side of the hill
When a young girl
went a-walking (1)
And I followed with a will
II
“Good day to you,
my fine young lady
With your lips, so sweetly full”
“May I help you comb (2)
your long hair?
Sweep it from that brow, so cool (3)”
CHORUS
Up, ride with the kelpie (4)
I’ll steal your soul to the deep
If you don’t ride with me
while the devil’s free
I’ll ride with somebody else
III
“Well, I’m a man when I’m feeling
The urge to step ashore
So, I may charm you, not alarm you
Tell you all fine things and more (5)
CHORUS
IV
Say goodbye to all your dear kin
For they hate to see you go
In your young prime (6)
to this place of mine
In the still loch far below”
CHORUS
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
C’era un vento caldo
con l’alta marea
Sul lato sud della collina
quando una giovane fanciulla
andò a passeggiare
e la seguii con un proposito
II
“Buon giorno a voi,
giovane e bella Madama
dalle labbra così turgide.”
“Posso aiutarvi a pettinare
i vostri capelli lunghi?
Vi nascondono una fronte tanto fredda”
CORO
Su cavalca con il kelpie
ti ruberò l’anima nell’abisso.
Se non cavalcherai con me,
mentre il diavolo è in libertà,
cavalcherò con qualcun altro
III
“Beh, sono un uomo quando sento
il bisogno di fare un passo a terra
così vi affascino, per non allarmarvi,
vi racconto tutte le cose più belle
CORO
IV
Dite addio ai vostri cari parenti
perchè odiano vedervi andare
nella vostra gioventù in fiore
in questo mio luogo lontano
sotto all’immoto lago”
CORO

NOTE
1) Kerstin Blodig modifies the context instead and says that the girl is intent on collecting berries
“There was a young girl,
off-picking brambles. “
[Kerstin Blodig modifica invece il contesto e dice che la ragazza è intenta a raccogliere delle bacche putrebbe trattarsi di prugnoli o di mirtilli]
2) The girl is not as naive as it seems, in fact being alone along the shores of a mountain lake (clearly the story is set on the high pastures of the Highlands) she suspected that it may be the kelpie: therefore she asks permission to comb his wet hair because the only way to recognize the demon is to look for sand and seaweed caught in the comb!
La fanciulla non è così ingenua come sembra, infatti trovandosi sola lungo le rive di un lago di montagna (chiaramente la storia è ambientata sugli alti pascoli delle Highlands) le viene il sospetto che possa trattarsi del kelpie: gli chiede quindi il permesso di pettirargli i capelli bagnati perchè l’unico modo per riconoscere il demone è quello di  cercare della sabbia e alghe impigliate nel pettine!
3) Kerstin Blodig sings
“Good day to you my young lady, let me show you where to go
To where the berries, they grow much sweeter, at the quiet loch side shore”
(traduzione italiano dei versi cantati da Kerstin: Buon giorno mia giovane madama, permettetemi di farvi vedere dove andare, dove le bacche più dolci crescono, sulla riva del lago)
4) the Kelpie is considered an evil creature a kind of demon that hunts victims to seduce and drown (and devour) them in the abyss (a memory of ancient sacrifices to the spirits of the waters?) So popular wisdom first recommended not to climb incautiously on the back of a lonely horse (because once we climbed on a kelpie there is no possibility of going down) and secondly if we have climbed and we are going to end up dragged in the deep water, we have to look for bridles to tame it (easier said than done naturally).
[il Kelpie è considerata una creatura malvagia una sorta di demone che va a caccia di vittime da sedurre e far annegare (e divorare) negli abissi (un ricordo di antichi sacrifici agli spiriti delle acque?) Così la saggezza popolare raccomandava per prima cosa di non salire mai incautamente in groppa ad un cavallo solitario (perchè  una volta saliti su un kelpie non c’è più possibilità di scendere) e per seconda cosa se proprio ci siamo saliti e stiamo per finire trascinati nelle acque profonde, di cercare le briglie per domarlo (più facile a dirsi che a farsi naturalmente).]
5)  Kelpie is often looking for a companion and it is described as a “leannan-sith” or a “fairy-lover”; Mary Mackellar in her essay ‘The Shieling: Its Traditions and Songs‘ (Gaelic Society of Inverness 1889) writes of the many enchanted seductions to the summer pastures, when the shepherds carried the sheep on the highlands.
[il Kelpie  è spesso in cerca di un compagno/compagna e viene descritto come un “leannan-sith” ovvero una “fata-amante” Mary Mackellar nel suo saggio ‘The Shieling: Its Traditions and Songs’ (Gaelic Society of Inverness 1889 qui) scrive delle molte seduzioni fatate ai pascoli estivi, quando i pastori portavano le pecore sugli altopiani.]
6) the last stanza puts this song in the context of the warning song: the kelpie is the sexual predator but also the sexual call that awakens in the body of a girl when she blooms starting to feel curiosity and desires mostly repressed by the society of adults
[l’ultima strofa colloca la canzone nel contesto delle warning song: il kelpie è il predatore sessuale ma anche il richiamo sessuale che si sveglia nel corpo delle fanciulle quando sbocciano e iniziano a provare curiosità e desideri per lo più repressi dalla società degli adulti]

Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARCHIVE (ARCHIVIO CANTI)
Skye Water Kelpie’s Lullaby
Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich
Òran Tàlaidh An Eich-Uisge
A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan
Cronan na Eich-mhara
Song of the Kelpie
Up, ride with the kelpie

MAIN PAGE
https://terreceltiche.altervista.org/sea-song/creature-del-mare-nella-mitologia-celtica/

Promentory or The Gael by Dougie McLean

LA GENESI DI THE GAEL

Nel 1990 Dougie McLean pubblica “The Search” una serie di brani strumentali commissionatigli qualche anno prima per la mostra sul mostro di Loch Ness dal Museo di Drumnadrochit. Dougie immagina di rivedere un clan celtico vivere sulle rive del Lago  che crede fermamente nell’esistenza dei kelpie.
Così leggiamo in un intervista “I wrote several songs for “The Search,” the CD that contains “The Gael” and other songs about Loch Ness, including a song about the vigils on the loch in the 1960s. At the time I got right into the whole Loch Ness monster thing. I’m fascinated by man’s search for myth, and I was inspired by thinking of the Gaels back in ancient times, waiting for the monster to appear.” (tratto da qui)

Luc Hermans © (tratta da qui)

Dougie MacLean in The Search, 1990. Il Cd è da collezionare.

Inserito nel film “L’ultimo dei Moicani” del regista  Michael Mann da Trevor Johns con il titolo di “Promentory”  la melodia fa il giro del mondo! Ancora Dougie ricorda “The movie—they were looking for a contemporary Scottish piece with atmosphere to suit the movie, and they had listened to a lot of dance tunes and that. “The Gael” is an ominous sort of piece, with ominous chords, dramatic. Michael Mann (the director) tuned into the emotional feeling of the song, and he must have felt the mood I had felt when I had written it. If it comes from the right place, the music encapsulates a feeling—Michael Mann tapped into that, with the tragedy of this story of the early Native Americans and so on. You have to get into that place for the emotions, the mood, to work in a song..”  (tratto da qui)

La versione nel film “Last of the Mohicans” (1992) è il secondo tema musicale ricorrente in tutto il film.

Siccome la musica del film ha ottenuto un bel po’ di riconoscimenti e premiazioni facendo balzare alle cronache la paternità di Dougie McLean come autore della musica, qualcuno è andato ad indagare da quale fonte fosse mai scaturito un tale capolavoro!!

Il film tra parentesi è stato girato in buona parte sui Monti Blue Ridge. Altre info sulla guerra franco-indiana in Nord-America qui)

IL TEMA MUSICALE LA FOLLIA

Dal punto di vista musicale la melodia è un reel lento, ma il tema è definito dai musicologi  follia (o folia): una progressione con un tema semplice e ben distinto sul quale l’esecutore abbellisce le sue variazioni e improvvisazioni. Si ritiene abbia origine portoghese e le sue tracce si perdono nel Rinascimento spagnolo anche se la melodia più primitiva e antica affonda nel Medioevo (danza rurale).

La melodia è costruita su un tempo ternario ed è divisa in due parti di quattro battute ciascuna. Molti autori, ispirandosi a questo tema, hanno utilizzato lo schema musicale della Folia già noto in tutta la penisola iberica nei primi decenni del XVI secolo. Una linea di basso ripetuto sulla quale potevano essere costruiti vari contrappunti standard, mentre l’esecutore era libero di improvvisare serie di variazioni, le diferencias. Una tecnica compositiva che ha trasformato la Folia in un genere affine alla passacaglia e alla ciaccona. (tratto da qui)

folia
tema de la follia

Anche se la Follia è in 3/4 mentre The Gael in 4/4 la variazioni ritmiche della follia sono anche in 4/4, e il carattere ripetitivo della melodia è identico. Ma a me più che agli sviluppi del tema nella musica colta del Barocco (che potete leggere e ascoltare qui e qui) interessano le connessioni con la musica tradizionale scozzese ed ecco trovato
Cumh Easpuic Earra-ghaeidheal, (in inglese Lament for the Bishop of Argyll) anonimo XVI o XVII secolo
Jack Campin wrote about this tune: This tune is from the Macfarlan Manuscript of Scottish fiddle and flute tunes (National Library of Scotland MS.2084/5), compiled by David Young in Scotland around 1740 for the antiquarian Walter Macfarlan (book III #34 p20). It’s obviously much older, but there is no earlier source for it. The structure is like a piobaireachd (bagpipe variation set) but the range is too wide for the pipes. Some people think it was originally for the harp. The tune might just possibly be indigenous Gaelic, but the basic rhythm is so Folia-like that a foreign influence seems more likely. (tratto da qui)

Luce Brera / Extrait de l’album Scotland’s Fiddle Piobaireach

Sempre sul tema de La Follia i Jordi Savall Hespèrion XXI ci regalano 10 brani dal Rinascimento ( e da Rodrigo Martinez musico di Corte in Portogallo che ci lascia testimonianza della prima trascrizione della Follia) attraverso il Barocco fino a Vangelis

Faronell’s Division on a Ground ~ La Folia | John Playford

FONTI
http://www.mohicanpress.com/mo11103.html
http://associazionecamoes.blogspot.it/2011/04/la-follia-un-antico-tema-musicale.html
http://www.baroque.it/arte-barocca/musica-barocca/il-tema-de-la-folia-un-armonia-lunga-cinque-secoli.html
http://www.folias.nl/htmlsimilar.html

Herr Mannelig, sposami!

Read the post in English

Un filo rosso collega i vari paesi d’Europa, che un tempo antico fu unito se non politicamente almeno culturalmente dalle storie cantate dai giullari e menestrelli girovaghi. Così vediamo come il tema della Morte Occultata partito dal Nord dei Paesi Scandinavi sia giunto nelle lingue romanze a Sud e a Ovest e in una pletora di varianti. (parte prima)

L’INCONTRO CON LA TROLLA-STREGA

Una di queste varianti principia  negli stessi paesi scandinavi, intorno ad una mitica creatura tipica del folklore norreno: i troll.

Una creatura mitica condivisa anche dalla cultura anglo-sassone e nell’immaginario tolkeniano  il troll è descritto come è una creatura rozza e malvagia, dedita alla distruzione dei villaggi, al furto del bestiame e alla cattura di incauti viaggiatori, che vengono poi spesso cucinati. Teme la luce del sole perchè lo trasforma in pietra.

HERR MANNELIG

soledadLa creatura è convinta che sposando un principe potrà trasformarsi  in una bella principessa, e così alletta il malcapitato con regali sontuosi. Sir Mannelig rifiuta e la ballata termina qui, ma sicuramente la vicenda non ha un lieto fine nemmeno per l’umano!
Nell’immaginario collettivo, la morte è una donna vestita di nero con la falce, e Orcum in latino è il dio degli Inferi, quindi della morte. La sua comparsa nel pantheon romano è riconducibile agli Etruschi e surclassato da Ade è rimasto nella coscienza popolare contadina sotto la figura dell’Uomo Selvaggio.

Sulla falsa riga di Shreck (dopo tutto i troll sono un po’ come gli orchi) possiamo immaginarci che la trolla sia una principessa sotto l’incantesimo di una strega, e solo con il bacio del vero amore riuscirà a riprendere la sua forma umana.
Senonchè ci troviamo in pieno Medioevo e il Lord è un cavaliere cristiano che non si lascia soggiogare dalle tentazioni del maligno e quindi niente bacio!
Senonchè “bergatrollet”  è una strega dei monti, una creatura selvaggia dotata di magia, che pratica i rituali legati al culto degli antichi dei, mentre Ser Mannelig è il cavaliere convertito al cristianesimo.

La ballata è stata interpretata da molti gruppi metal-folk con versioni testuali leggermente diverse

Garmarna  in “Guds spelemän” 1996 versione live
Annwn in Orbis Alia con accenti più medievali


I
Bittida en morgon innan solen upprann
Innan foglarna började sjunga
Bergatrollet (1) friade till fager ungersven
Hon hade en falskeliger tunga
Herr Mannelig herr Mannelig
trolofven i mig

För det jag bjuder så gerna
I kunnen väl svara endast ja eller nej
Om i viljen eller ej:
II
Eder vill jag gifva de gångare tolf
Som gå uti rosendelunde
Aldrig har det varit någon sadel uppå dem
Ej heller betsel uti munnen
III
Eder vill jag gifva de qvarnarna tolf
Som stå mellan Tillö och Ternö
Stenarna de äro af rödaste gull
Och hjulen silfverbeslagna
IV
Eder vill jag gifva ett förgyllande svärd
Som klingar utaf femton guldringar
Och strida huru I strida vill
Stridsplatsen skolen i väl vinna
V
Eder vill jag gifva en skjorta så ny
Den bästa I lysten att slita
Inte är hon sömnad av nål eller trå (2)
Men virkat av silket det hvita
VI
Sådana gåfvor toge jag väl emot
Om du vore en kristelig qvinna
Men nu så är du det värsta bergatroll
Af Neckens (3) och djävulens stämma
VII
Bergatrollet ut på dörren sprang
Hon rister och jämrar sig svåra
Hade jag fått den fager ungersven
Så hade jag mistat min plåga
traduzione italiano (da Wiki)
I
Una mattina presto prima che il Sole sorgesse
e gli uccelli cantassero la loro dolce canzone
la trolla di montagna (1) con lingua falsa
ed ingannevole propose al signore:
“Sir Mannelig, Sir Mannelig
mi vorrai sposare,
per tutto quello che io sarò lieta di offrirti?
Potrai rispondere solo sì o no,
farai così o no?
II
Ti darò dodici magnifici cavalli
che pascolano in un boschetto ombroso,
non hanno mai avuto una sella sulle loro schiene,/ né morso nelle loro bocche
III
Ti darò dodici bei mulini
che si trovano fra Tillo e Terno
le macine sono dell’ottone più rosso
e le ruote sono cariche d’argento
IV
Ti darò una spada dorata
che tintinna come quindici anelli d’oro,
in guerra potrai colpire come vorrai tu,
e sul campo di battaglia sarai vincitore
V
Ti darò una camicia nuova
la più lussuosa da indossare
non è stata cucita con ago e filo (2)
ma fatta all’uncinetto con la seta più bianca”.
VI
“Sarei molto lieto di ricevere regali come questi
se tu fossi una donna cristiana
ma io so che sei la peggiore troll di montagna, figlia dei nix (3) o del demonio”
VII
La troll di montagna corse fuori dalla porta, strillando e lamentandosi a gran voce:
“Se fossi riuscita a sposare quel bel signore, ora sarei libera da questo tormento”

NOTE
altra traduzione anche qui
1) Il termine bergatrollet (dal termine germanico trylle, “magia”) indica non un troll di montagna, come comunemente ritenuto, ma una strega dei monti: un personaggio femminile legato al mondo pagano e dotato di poteri sovrannaturali. La ballata può essere letta come una trasposizione del conflitto avvenuto nel mondo germanico all’arrivo del cristianesimo, e in particolare dello scontro fra cultura cristiana (ser Mannelig) e tradizione pagana (la strega). (da Wiki)
2) sul simbolismo della camicia di seta fine tessuta in un solo pezzo senza usare ago e filo si veda anche Scarborough fair
3) Neckens sono i nix le creature mutaforma dell’acqua tipiche del folklore germanico (detto Kelpie in Scozia): il nix si mostra nella forma di rana o rospo o di piccolo pesce o di uno strano pesce a forma umana. Volendo fare un distinguo fra Kelpie e Nix possiamo affermare che il primo preferisce attirare la vittima sotto forma di cavallo per farla salire in groppa e trasportarla negli abissi il secondo invece l’attira in forma umana con dolci melodie (sono sirene/ninfe dal bel canto o tritoni abili musicisti). continua

Haggard in “Eppur si muove”, 2004, la cantano in italiano con il canto lirico impostato su una base rock metal (quello che si dice metal sinfonico o neo-classic metal) Il gruppo tedesco è in pratica composto da una ventina di musicisti con Asis Nasseri come compositore, ed è stato lui a tradurre in metrica il testo della ballata svedese

All’alba, prima che il sole sorgesse
E gli uccelli cantassero la canzone
La donna del troll con lingua falsa
Et ingannevole propose al signore:
“Herr Mannelig, herr Mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?
Ti darò i dodici mulini
Che stanno tra Tillo e Terno
Le macine sono fatte del più rosso rame
E le ruote sono cariche d’argento
Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”
“Se tu fossi una donna cristiana
Riceverei volentieri regali così,
Ma io so che sei il peggiore troll
Figlio degli spiriti maligni.”
“Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”

Tibetréa un folk rock non troppo tecno ma che si affida al suono acustico di ghironda e arpa e ci mettono pure la tromba

E potrei continuare con le versioni più medieval-metal degli In Extremo (qui), degli Othlan (qui) dei Psalteria (qui) e dei Cromdale (qui)

Molte anche le trascrizioni in altre lingue vedasi ad esempio Sir Mannelig interpretata da Brian Kay, alla lyra anglo-sassone

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/la-morte-occultata/
http://www.metalgermania.it/traduzioni/haggard/herr-mannelig.html
http://www.metalgermania.it/traduzioni/in-extremo/herr-mannelig.html

Morag e il Kelpie

Read the post in English

Nei fiumi più placidi d’Irlanda e nelle profondità oscure dei laghi scozzesi vivono dei demoni acquatici, creature fatate mutaforma, che si nutrono di carne umana: sono “kelpie“, “each uisge” (in inglese water-horse),  “eich-mhara” (in inglese sea horse), cavalli d’acqua e del mare; a voler essere pignoli il kelpie vive preferibilmente nei pressi delle rapide dei fiumi, dei guadi e delle cascate, mentre l’each uisge preferisce i laghi e il mare, ma kelpie è la parola più usata per entrambi. (prima parte)

MORAG E IL KELPIE

Ai pascoli estivi delle Highlands ancora si narra della bella Morag (Marion) sedotta da un kelpie in forma umana; la fanciulla pur notando delle stranezze del marito non si accorse della sua vera natura, se non dopo la nascita del loro bambino e … se la diede a gambe abbandonando bambino in fasce e marito mutaforma!

Nell’isola di Skye  si canta ancora un canto in gaelico,  ‘Oran-tàlaidh an eich-uisge’ oppure ‘Oran each-uisge’ (The water kelpie’s song) la “Ninna nanna del kelpie” una nenia malinconica con cui il kelpie cerca di far addormentare il bambino rimasto senza mamma, e nello stesso tempo una supplica verso Morag perchè ritorni da loro, sia lui che il bambino hanno bisogno di lei.
Di questo lamento si conoscono diverse versioni testuali tramandate fino a oggi nelle Isole Ebridi. Le melodie girano intorno ad una vecchia aria scozzese dal titolo “Crodh Chailein” (in inglese “Colin’s cattle) evidentemente considerata una melodia delle fate (qui)
Un’altra melodia dolce e malinconica nello stesso tempo è intitolata Song of The Kelpie o anche ARRANE GHELBY

Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich

Così traduce Tom Thomson (vedi)”I got up early, it would have been better not to” (mi sono alzato presto ma era meglio se non lo facevo)

Julie Fowlis in Alterum 2017

Dh’èirich mi moch, dh’èirich mi moch, B’fheàrr nach d’ dh’èirich
Mo chreach lèir na chuir a-mach mi.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Bha ceò sa bheinn, Bha ceò sa bheinn, is uisge frasach
’s thachair orms’ a’ ghruagach thlachdmhor.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò
Bheir mi dhut fìon, Bheir mi dhut fìon, ‘S gach nì a b’ ait leat,
Ach nach èirinn leat sa mhadainn,
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
’Nighean nan gamhna, ’Nighean nan gamhna, Bha mi ma’ riut,
Anns a’ chrò is càch nan cadal
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
An daoidh gheal donn, An daoidh gheal donn, Rug i mac dhomh.
Ged is fuar a rinn i altram,
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
[instrumental]

Bha laogh mo laoidh, Bha laogh mo laoidh, ri taobh cnocan
gun teine, gun sgàth, gun fhasgadh.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
A Mhòr a ghaoil, A Mhòr, a ghaoil, Till ri d’ mhacan,
’S bheir mi goidean breagha breac dhut.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Traduzione inglese *
I arose early
I arose early –
would that I hadn’t.
I was distressed by what sent me out (1).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
There was mist on the hill
There was mist on the hill
and showers of rain
and I came across a pleasant maiden
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
I’ll give you wine
I’ll give you wine
and all that will please you
but I won’t arise with you in the morning (2).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Girl of the calves (3)
Girl of the calves
I was with you in the cattle-fold (4)
and the rest were asleep.
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
The fine brown wicked one (5)
The fine brown wicked one
bore me a son
although coldly did she nurse him
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
The calf (6) of my song
The calf of my song
was beside a hillock
without fire, protection or shelter (7).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Mòr, my love
Mòr, my love, return to your little son
and I’ll give you a beautiful speckled withes (8).
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
traduzione italiano Cattia Salto
Mi sono alzato presto,
mi sono alzato presto
non l’avrei fatto,
ma fu l’angoscia che mi mandò fuori
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
C’era nebbia sulla collina,
nebbia sulla collina
e piovigginava
e mi sono imbattuto in una graziosa fanciulla
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Ti darò del vino
ti darò del vino
e ogni cosa che vorrai
ma non mi alzerò con te al mattino
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
bella manza
bella manza
ero insieme a te al pascolo
mentre gli altri dormivano
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
la bella moretta malvagia
la bella moretta malvagia
che mi ha dato un figlio
anche se lo ha allevato con freddezza
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
il bimbo della mia canzone
il bimbo della mia canzone
era accanto a una collinetta,
senza fuoco, protezione o riparo
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
Morag amore mio
Morag amore mio, ritorna dal tuo piccino
e ti darò una bella ghirlanda variopinta
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.

NOTE
si veda anche la traduzione qui
1)  il kelpie, soffrendo di solitudine, esce dal lago di mattina presto e prende forma umana
2) il mutaforma promette cibo e agiatezze alla fanciulla per convincerlo a seguirlo, però l’avvisa, è una creatura notturna e non si sveglierà con lei al mattino!
3) gamhna= cattle between 1 year and 2 years traduce Tom Thomson stitks; in italiano= giovenca, la mucca che non ha ancora partorito, il verso oltre a qualificare il lavoro della fanciulla (mandriana) vuole essere anche un complimento, per dirla in italiano “bella manza” come donna procace, dalle forme abbondanti e seducenti
4) il kelpie ricorda l’incontro notturno quando i due hanno fatto sesso (e ovviamente nove mesi dopo è nato il loro figlioletto)
5) ecco che dopo i bei ricordi del passato arriva il presente, la donna ha scoperto la vera natura del compagno e ha voluto meno bene al bambino generato con lui
6) proseguendo nel paragone il kelpie chiama “vitellino” il suo bambino, un termine vezzeggiativo per small child
7) Morag nel fuggire ha abbandonato il bambino sotto una balma al freddo e senza protezione. Si descrive una tipica “esposizione” dei bambini delle fate. Una pratica di “controllo delle nascite” diffusa nelle campagne d’Europa, era l’abbandono dei neonati  nel bosco (senza cibo e al freddo) affinchè se ne prendessero cura le fate; la pratica era diffusa un tempo sia nei confronti degli illegittimi, che dei neonati con evidenti deformazioni fisiche o dall’aspetto malato. L’usanza di “esporre” il neonato era connessa con la convinzione che  fosse stato “scambiato” ovvero rapito dalle fate e sostituito con un changeling, un mutaforma il quale per un po’ assomiglia al bambino umano, ma alla fine riprende sempre il suo vero aspetto.
8) breagha breac dhut. Tom Thomson traduce= speckled band (of withy). Ho cercato sul dizionario: si tratta di una corona fatta intrecciando i rami di salice; in italiano = coroncina di vimini, mi richiama le coroncine celtiche di fiori e foglie

Margaret Stewart & Allan MacDonald la registrano con il titolo di “Òran Tàlaidh An Eich-Uisge” nel 2001(in Colla Mo Rùn) dalla collezione di Frances Tolmie (‘Cumha an EichUisge’ vol I)

I
O hó bà a leinibh hó, O hó bà a leinibh hà
Bà a leinibh hó bha hó, Hó bà a leinibh hao i hà
(chorus)
Hì hó, hó bha hó, Hì hó, hao i hà
‘S luath dha d’ chois thu, hó bha hó
‘S mór nad each thu, hao i hà
II
O hó m’eudail a mac hó
O hó m’eachan sgèimheach hà
‘S fhad ‘n ‘n bhail’ thu, hò bha hò
Nìtear d’iarraidh, hao i hà
III=I
IV=II
Traduzione inglese *
I and III
Sleep my child, Sleep my child
Sleep my child, Sleep my child
Chorus
Hì hó, hó bha hó, Hì hó, hao i hà
Fast of foot you are
Great as a horse you are
II
My darling son
Oh my lovely little horse
You are far from the township
You will be sought after (1)
traduzione italiano Cattia Salto
I
Dormi bambino mio
Dormi bambino mio
Coro
Hill ò bha hò, Hill ò bha hò.
piè veloce
come un grande cavallo sei tu
II
Caro figlio mio
mio bel cavallino
sei lontano dalla cittadina
sarai il più rinomato

NOTE
1) Il kelpie canta la ninna-nanna al figlioletto abbandonato dalla madre umana e lo conforta dicendogli che da grande sarà un ruba-cuori

Con il titolo di ‘A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan la stessa storia è presente negli archivi di Tobar an Dualchais, dalla voce di tre testimoni dell’isola di Skye
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/99707/1
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/99703/1
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/99714/1

Una storia analoga è raccontata nell’isola di Benbecula con il titolo di Bheirinn Dhut Iasg, Bheirinn Dhut Iasg vedi


Caera
in Suantraighe, A Collection of Celtic Lullabies 2006 ne riporta un altro frammento con il titolo di “The Skye Water Kelpie’s lullaby” (vedasi la versione di Marjory Kennedy-Fraser più sotto)

GAELICO SCOZZESE
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Till gu d’mhacan is gheabh thu’m bradan breac o’n loch.
A Mhór a shògh! Tha’n oiche nochd
Gu fliuch frasach aig mo mhacsa ri sgath chnocain.
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Gun teine, gun tuar, gun fhasgadh, is tu sìor chòineadh.
A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh!
Mo sheana-chab liath ri do bheul beag baoth is mi seinn phort dhuit am Beinn Frochdaidh.

Traduzione inglese *
Mór (1), my love! Mór, my treasure!
Come back to your little son
and you will get a speckled trout from the lake.
Mór, my darling!
Tonight the night
Is wetly showering my son
on the shelter of a knoll.
Mór, my love! Mór, my treasure!
Lacking fire, lacking food, lacking shelter,
and you continually lamenting (2).
Mór, my love! Mór, my darling!
My gray, old, toothless mouth
to your silly little mouth,
and me singing  tunes by Ben Frochkie. (3)
Traduzione italiano di Cattia Salto
Morag amore mio, Morag mia cara,
ritorna dal tuo piccolo bambino
e avrai una trota maculata dal lago!
Morag mia cara,
questa notte è umida
e piovosa per mio figlio
in una balma della collinetta,
Morag amore mio, Morag mia cara!
Lasciato senza fuoco, senza cibo e rifugio,
ti lamenti senza sosta.
Morag amore mio, Morag mia cara!
La mia bocca grigia da vecchio sdentato
alla tua sciocca bocca,
e io che canto ninnananne sul Monte Frochkie

NOTE
1) Mhórag o Mór è il nome della fanciulla amata dal kelpie è anche scritto A Mhór a ghaoil! A Mhór a shògh (Mhor mia, amore, mia gioia)
2) è il pianto incessante del bambino che ha freddo e fame, abbandonato dalla mamma umana. Anche se non esplicitato presumo che la madre abbia “esposto” il figlio, cioè l’abbia abbandonato all’aperto (senza cibo e al freddo) affinchè se ne prendessero cura le fate o il kelpie; la pratica era diffusa un tempo sia nei confronti degli illegittimi che dei neonati con evidenti deformazioni fisiche o dall’aspetto malato. vedi
3) montagna tra Gesto e Portree sull’isola di Skye

Skye Water Kelpie’s Lullaby

Con il titolo di “Cronan na Eich-mhara”, lo stesso frammento cantato da Caera è riportato anche nel libro di Marjory Kennedy-Fraser e Kenneth MacLeod “Songs of the Hebrides” 1909 (pag 94)

ASCOLTA la versione classica nell’arrangiamento di Marjory Kennedy-Fraser

trasposizione inglese Kenneth MacLeod
I
Avore, my love, my joy
To thy baby come
And troutlings you’ll get out of the loch
Avore, my heart, the night is dark,
wet and dreary.
Here’s your bairnie neath the rock
II
Avore, my love, my joy,
wanting fire here,
wanting shelter, wanting comfort
our babe is crying by the loch
III
Avore, my heart, my bridet
My gray old mouth
touching thy sweet lips,
and me singing Old songs to thee,
by Ben Frochkie (1)
NOTE
1) between Gesto and Portree in Skye
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Amore mio, mia gioia
vieni dal tuo bimbo,
e le trote guizzeranno dal lago in abbondanza
Cuore mio, la notte è buia,
umida e piovosa.
Ecco il tuo bambino nella balma
II
Suvvia, amore mio, mia gioia,
c’è bisogno di fuoco qui,
bisogno di riparo e conforto
il nostro bambino sta piangendo accanto al  lago.
III
Sposa mia, cuore mio!
La mia bocca grigia da vecchio
che bacia le tue dolci labbra
e io che canto vecchie canzoni per te
sul Monte Frochkie
Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARCHIVIO CANTI
Skye Water Kelpie’s Lullaby
Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich
Òran Tàlaidh An Eich-Uisge
A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan
Cronan na Eich-mhara
Song of the Kelpie
Up, ride with the kelpie

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=4374 http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=48242 http://www.kidssongsmp3.twinkletrax.com/kids-song.php?c=C02T12&kids-song=O,%20Can%20Ye%20Sew%20Cushions http://www.celticlyricscorner.net/stewart/orantalaidh.htm
http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Stromkarlen_1884.jpg

The Water o’ Wearie’s Well

In the variant of the ballad “Lady Isabel and the Elf Knight“, version B (Child ballad # 4B), the Elf- Knight becomes a spirit of water, a shapeshifter creatures that could appear under the guise of a horse or a young man / maiden.
With his magic harp (instead of the horn in version A) he casts the spell of sleep on the inhabitants of the castle in order to kidnap the princess. Straddling a dark steed, the two come to a stream (or a pond) called Wearie’s Well. Here the knight orders the princess to plunge herself into the water and then to let herself drown, just as seven other princesses had done before her.
Nella variante della ballata  “Lady Isabel and the Elf Knight”, versione B (Child ballad #4B), il Cavaliere degli Elfi diventa uno spirito dell’acqua, creature muta-forma che potevano apparire sotto le sembianze di cavallo oppure di giovane uomo/fanciulla.
Così è con l’arpa magica (invece del corno nella versione A) che la creatura fatata getta l’incantesimo del sonno sugli abitanti del castello per poter rapire la fanciulla. A cavallo di un oscuro destriero, i due giungono ad un corso d’acqua chiamato Wearie’s Well. Qui il cavaliere ordina alla principessa di immergersi nell’acqua e poi di lasciarsi affogare, proprio come avevano fatto altre sette principesse prima di lei.

But it will be the shapeshifter to die (ritual death): she enchants him with a kiss and drags him down into the water, drowning him. The question arises spontaneously, how can a water fairy drown?!
Ma a morire sarà il mutaforma (morte rituale):  lei lo incanta con un bacio e lo trascina giù nell’acqua, affogandolo.
Sorge spontaneo chiedersi, come può una creatura dell’acqua affogare?! 

Wearie’s Well

The place where the Wells of Wearie are located is not easy to find today, having been destroyed during the construction of the railway line that passes at the foot of Arthur’s Seat, (one of the Seven Hills of Edinburgh)
La località in cui si trovano i Wells of Wearie non è oggi facile da individuare essendo andati distrutti durante la costruzione della linea ferroviaria che passa ai piedi all’Arthur’s Seat, (uno dei Sette colli di Edimburgo)
The Wells of Wearie were one of nearly a dozen sacred and healing wells surrounding legendary Arthur’s Seat at the edge of Edinburgh, and whose waters were also said to have supernatural properties.  Shown on James Kirkwood’s 1821 map of Edinburgh  as the ‘Well of Wery’, this curiously named site was renowned in earlier centuries as an excellent water supply for the local people — “to cure the weary traveller” for one.  Today, all we have left of them are the small ponds immediately below the road, next to the converted railway line path, just as you come out of the long tunnel. (from here)
I Wells of Wearie erano uno della dozzina di pozzi sacri e curativi che circondano il leggendario Arthur’s Seat ai margini di Edimburgo e le cui acque erano considerate soprannaturali. Segnato sulla mappa di Edimburgo di James Kirkwood nel 1821 come ‘Well of Wery’, questo sito dal nome curioso era famoso nei secoli precedenti come un eccellente rifornimento idrico per la popolazione locale – e anche “per alleviare il viaggiatore stanco”  . Oggi, tutto quello che è rimasto sono dei piccoli stagni immediatamente sotto la strada, accanto al sentiero della linea ferroviaria, quando si esce dal lungo tunnel.

The Arthur’s Seat is one of the legendary sites where the sleeping King Arthur his awakening, according to others this was the site of the legendary Camelot. Its shape vaguely recalls a huddled lion.
La montagnola soprannominata “Il trono di Artù” (in inglese Arthur’s Seat) è uno dei siti leggendari in cui il dormiente re Artù attende il suo risveglio, secondo altri questo era il sito della leggendaria Camelot. La sua sagoma richiama vagamente un leone rannicchiato. 

Tony Cuffe in Sae Will We Yet, 2003


There came a bird (1) oot o a bush
On water for tae dine
An sighing said this lady fair
“oh woe’s this heart o mine!”
And he’s ta’en a harp(2) intae his had
And he’s harped them all asleep
Except it was the King’s daughter
Who a wink couldna get 
And he’s mounted on his berry-brown steed
Ta’en her behind himsel’
And on they rode to that water
That they call Wearie’s Well(3)
“Wide in, wide in, my lady fair
Nae harm shall ye befa’
For oftimes hae I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very first step that she stepped in
She stepped in unto the knee
And sighing said this lady fair
“This water’s nae for me”
“Wide in, wide in, my lady fair
Nae harm shall ye befa’
For oft times hae I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very next step that she stepped in
She stepped in to the chin
And crying said this lady fair
“I fear I’m too far in!”
“Seven King’s daughters have I drowned here
At the water o Wearie’s Well
And I’ll mak ye the eighth o them
And I’ll ring the common bell(4)”
“If I am standing here, she said,
This dowie death tae dee
A kiss from o yer comely lips
I’m sure would comfort me”
So he’s mounted ower his saddle bow
To kiss her cheek and chin
And she’s ta’en him in her airms twa
And she’s thrown him headlong in
“Seven King’s daughters have ye drowned here
At the water o Wearie’s Well
I’ll make ye bridegroom tae them all
And I’ll ring the bell myself”
English translation Cattia Salto
There came a bird out o a bush
On water for to dine
An sighing said this lady fair
“oh woe’s this heart of mine!”
And he has taken a harp into his had
And he has harped them all asleep
Except it was the King’s daughter
Who a wink couldna get 
And he’s mounted on his berry-brown steed
Taken her behind himself
And on they rode to that water
That they call Wearie’s Well
“Walk in, walk in, my lady fair
No harm shall you befall
For oftimes have I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very first step that she stepped in
She stepped in unto the knee
And sighing said this lady fair
“This water is no for me”
“Walk in, walk in, my lady fair
No harm shall you befall
For oft times hae I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very next step that she stepped in
She stepped in to the chin
And crying said this lady fair
“I fear I’m too far in!”
“Seven King’s daughters have I drowned here
At the water o Wearie’s Well
And I’ll make you the eighth of them
And I’ll ring the common bell”
“If I am standing here, she said,
This sad death to die
A kiss from your comely lips
I’m sure would comfort me”
So he’s mounted over his saddlebow
To kiss her cheek and chin
And she’s taken him in her airms two
And she’s thrown him headlong in
“Seven King’s daughters have you drowned here/ At the water o Wearie’s Well
I’ll make you bridegroom to them all
And I’ll ring the bell myself”

NOTE
1) once some birds were carrying bad news. For example the English fishermen believed that the curlews announced a shipwreck and death when they stooped and rose on the coast weeping sadly; as well as that the cormorants and the gulls on the rocks are waiting for the souls of the fishermen who died at sea to torment the living.
un tempo molti uccelli erano portatori di cattive notizie. Ad esempio i pescatori inglesi ritenevano che i chiurli annunciassero naufragio e morte quando si abbassavano e alzavano sulla costa piangendo tristemente; come pure che i cormorani e i gabbiani fossero sugli scogli in attesa delle anime dei pescatori morti in mare per tormentare i viventi.
2) the harp is a magical instrument used by fairy creatures and bards see [l’arpa è uno strumento magico per eccellenza utilizzato da creature fatate e bardi per i loro incantesimi vedi]
3) the well is located south-west of Arthur’s Seat the hill east of Edinburgh, according to the etymologist it could be translated as “Devil pond”, but also “Well of Laments” or “Well of Wonders”. A Jacobite song called “Bonnie Wells o’Wearie” commemorates this location near Duddingston Loch
[il pozzo si trova a sud-ovest di Arthur’s Seat la collina ad est di Edimburgo, secondo l’etimologa si potrebbe tradurre come Pozzo del Diavolo, ma anche Pozzo dei lamenti oppure pozzo dei Desideri. Una canzone giacobita s’intitola Bonnie Wells o’Wearie proprio per commemorare questa località vicino a Duddingston Loch]
4) a bell was often placed in dangerous areas to sound the alarm and call people 
[una campana era spesso collocata nelle zone pericolose per suonare l’allarme e richiamare la gente]
traduzione italiano Cattia Salto
Là venne un uccello(1) fuori da un cespuglio
sull’acqua per pranzare
e sospirando disse questa bella dama
“O che dolore ho nel cuore!”
Ed egli prese un arpa(2) tra le mani
e li fece addormentare tutti
tranne la figlia del Re
che non riusciva chiudere occhio,
e lui montò sul suo destriero morello
facendola montare dietro
e cavalcarono verso l’acqua
detta Stagno dei Desideri(3)
“Al largo, al largo bella madamigella,
niente di male vi accadrà,
che assai spesso ho abbeverato il mio destriero
alle acque dello Stagno dei Desideri”
E con il primo passo che fece
lei si immerse fino al ginocchio
e sospirando disse questa bella dama
“L’acqua non fa per me”
“Avanti, avanti, bella madamigella
niente di male vi accadrà
che assai spesso ho abbeverato il mio destriero
alle acque dello Stagno dei Desideri”
E al passo successivo che fece
lei affondò fino al mento
e gridando disse questa bella dama
“Temo di essere troppo lontana (dalla riva)”
“Sette figlie di Re ho annegato qui
alle acque dello Stagno dei Desideri”,
ti farò l’ottava di esse
e suonerò la campana del paese(4)”
“Se sono qui -disse lei –
per fare questa morte in acqua,
un bacio dalle tue labbra belle
di certo mi daranno conforto”
Così lui si sporse dalla sella
per baciare la sua guancia e il mento
e lei lo prese tra le sue braccia
e lo gettò a testa in giù
“Sette figlie di re hai affogato qui
alle acque dello Stagno dei Desideri,
ti farò lo sposo di tutte loro
e suonerò la campana da me!”