Tiree love song: the green island of Tiree

Leggi in italiano

The Isle of Tiree of the Inner Hebrides is a stretch of green machair in which myriads of yellow buttercups emerge, a land almost completely flat that houses seem to rise from the sea; the island is always sunny and the strong winds assist windsurfers and kitesurfers, even keeping mosquitoes away!
In the nineteenth century Tiree counted 4500 ab definitely too much for its resources, so the duke of Argyll implemented assisted migration (in fact a typical maneuver by Highland Clearances) and between 1841 and 1881 more than 3600 people emigrated to Canada, United States, Australia and New Zealand.
In Gaelic it is called “tir-lodh” – ‘the land of corn’ from the days of the 6th century Celtic missionary and abbot St Columba. Tiree provided the monastic community on the island of Iona, south east of the island, with grain, and it seems that several monks settled there at St Patrick’s Chapel, Ceann a ‘Mhara and Soroby.

THE SOUND OF ANCIENT SCOTLAND

The Kilmartin Sessions The Sounds Of Ancient Scotland, 1997

Tiree is an island with ancient settlements, renowned for its Clach a’Choire (the stone cauldron) or even Choire Fhionn MhicChumhail (the cauldron of Finn mac Cumaill). The name identifies a natural amphitheater near the village of Balephetrish (Vaul), a probable mythical center in prehistoric and medieval times, where the Ringing Stone is found, which emits a sharp and metallic sound similar to that of the gong or the bells when it is hit: the stone looks like a big egg on the spoon, legend has it that the boulder was thrown by a giant of Mull and if ever it was split the island would sink into the sea.
...a ‘rock gong’ similar to Clach a’ Choire, listed by John MacKenzie (1845, p8) as one of the seven wonders of Scotland – a huge granite erratic covered with 53 cupmarks, the deepest of which are at the most resonant parts of the stone…According to Fagg (1997 p86), Clach a’ Choire was ‘said to contain a crock of gold – but if it ever split Tiree will disappear beneath the waves.’ If true (Mrs Fagg mistakenly attributes the staement to SHIS) the legend thus contains both a motive for destroying such stones and a warning against doing so…Compare Newton 1992 p145 where it is claimed that if Clach a’ Choire ‘ever shatters or falls off the pedestal of small stones on which it rests, Tiree will sink beneath the waves.’  (from The Gaelic Otherworld, ed Ronald Black, here)

The Kilmartin Sessions: The Sounds of Ancient Scotland 

Clach a'Choire
Clach a’Choire (the stone cauldron) or the Singing Stone of the Isle of Tiree, the first xylophone of prehistory

 

Photographic reportage from The Crow Clan here

The island is dedicated a love song of the late nineteenth century titled Tiree love song, a song originally written in Gaelic by Alexander Sinclair (Alasdair Neaill Oig), a wine and spirits merchant  in Glasgow but a devoted “Tireeman”, being his family originally from the island.

SCOTTISH GAELIC VERSION: Am Falbh Thu Leam a Rìbhinn Òg (Will you come and go with me?)

In the song, he asks a young maiden to come with him over the sea where she will see everything she could desire in the isle of the west that once was his home: geese and white swans, views over the ocean to the neighbouring isles, the green meadows and the tranquillity of St Patrick’s chapel.He tells her of the songbirds, the bumble bees and the blaze on the cattle, the cormorants and ducks, the marram grass growing on the dunes and the fragrance of the machair flowers, all to be found on his favourite part of Argyll – the green island of Tiree.
The island abounds with ancient prehistoric remains or dating back to the time of St. Columba, next to the temple of St. Patrick we also find an ancient well with healing waters. Click on names on the interactive map in http://www.tireeplacenames.org/ to visit them all!!

Kenevara hill in Tiree Isle

Effie MacDonald of Middleton

(at the moment I did not find an English translation)
Séist
Am falbh thu leam a rìbhinn òg
No’n téid thu leam thar saile
Gum faic thu ann gach nì gu d’ mhiann
‘S an eilean shiar a dh’fhàg mi.
1
Ged nach faic thu coill’ no fiadh
Tha gèadh is eala bhàn ann
Cait’ bheil sealladh a chuain shiar
Nuair bhios na liadhan traighte.
2
Chì thu uiseag agus smeòrach
Lon dubh agus luachran
Seillean ruadh le mhil ‘s a ghàradh
‘S blàrag air gach buallan.
3
Chì thu sgairbh ‘tigh’nn ort o’n chuan;
Tha lachaidh ruadh a’ snamh ann;
Muran gorm a’ fàs m’ a bhruaich
Gach ceum mu ‘n cuairt d’ a’ thraighean
4
Cha ‘n fhaic thu nathair ann air grunnd
Ach luibhean ‘s cùbhraidh faileadh
A’ cinntinn ann bho linn gu linn
‘S an tìr ‘s an d’fhuair mi m’ àrach

 

ENGLISH “VERSION” Tiree love song

The transposition in English is by Hugh S. Roberton, already the author of the very popular songsThe Mingulay Boat SongWestering Home and Mairi’s Wedding, who makes a text re-elaboration rather than a translation and publishes it in his book Songs of the Isles (1950)

The Corries
Ryan’s Fancy (II, I, III)


CHORUS
He-ree he-ro my bonnie wee girl
He-ree he-ro my fair one
Will you come away my love
To be my own my rare one
I
Smiling the land! Smiling the sea!
Sweet is the scent(1) of the heather.
Would we were yonder,
just you and me,
The two of us together!
II
All the day long, out on the peat (2)
Then by the shore (3) in the gloaming
Stepping it lightly with dancing feet
And we together roaming
III
Laughter o’ love! Singing galore!
Tripping it lightsome and airy:
Could we be asking of life for more,
My own, my darling Mary?

NOTES
1) or “smell”
2) or “All together down by the sea”,
3) or “Down by the sea”

LINK
http://www.tireeplacenames.org/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/69928/1/LuckyDip
https://www.calmac.co.uk/article/6138/An-island-dream-discovering-Tiree-by-bike
http://www.aniodhlann.org.uk/wp-content/uploads/2016.14.1.pdf
http://www.aniodhlann.org.uk/sounds-clips/
http://www.aniodhlann.org.uk/object/1997-232-10/
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10536
http://gestsongs.com/11/tiree.htm

Tiree Love Song/Am Falbh Thu Leam a Rìbhinn Òg

Read the post in English

L’Isola di Tiree delle Ebridi interne è una distesa di verde machair in cui spuntano miriadi di ranuncoli gialli, una terra quasi del tutto piatta che le case sembrano sorgere dal mare; l’isola è sempre soleggiata e i forti venti assistono gli appassionati di windsurf e di kitesurfe tenendo anche  lontane le zanzare!
Nell’Ottocento l’isola contava 4500 ab decisamente troppi per le sue risorse, così il duca di Argyll attuò la migrazione assistita (in realtà una tipica manovra da Highland Clearances) e tra il 1841 e il 1881 più di 3600 persone emigrarono in Canada, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda.
In gaelico è detta “tir-lodh” – la terra del grano perchè riforniva la comunità monastica della vicina Iona e sembra che vi si siano insediati diversi monaci presso la St Patrick’s Chapel, Ceann a’ Mhara e Soroby.

IL SUONO DEGLI ANTICHI SCOZZESI

The Kilmartin Sessions The Sounds Of Ancient Scotland, 1997

Tiree è un’isola con antichi insediamenti, rinomata per la sua  Clach a’Choire  (il calderone di pietra) o anche Choire Fhionn MhicChumhail (il calderone di Finn mac Cumaill). Il nome individua un anfiteatro naturale in prossimità del villaggio di Balephetrish (Vaul) probabile centro mitico in epoca preistorica e medievale in cui si trova la  Ringing Stone (la pietra canterina) che emette un suono acuto e metallico simile a quello del gong o delle campane quando viene colpita: sembra un grosso uovo sul cucchiaio ed è una pietra coppellata risalente al megalitico. La leggenda vuole che il masso sia stato lanciato da un gigante di Mull e se mai venisse spaccato l’isola s’inabisserebbe nel mare.
...un ‘rock gong’ simile alla Clach a ‘Choire, elencata da John MacKenzie (1845, p8) come una delle sette meraviglie della Scozia – un enorme masso erratico di granito coperto da 53 coppelle, le più profonde sono nelle parti più risonanti della pietra … Secondo Fagg (1997 p86), secondo la tradizione la Clach a ‘Choire conteneva dell’oro – ma se mai dovesse rompersi, Tiree sparirà sotto le onde. Se fosse vera (la signora Fagg attribuisce erroneamente l’affermazione a SHIS) la leggenda contiene quindi sia un motivo per distruggere tali pietre sia un avvertimento a non farlo … Confronta Newton 1992 p145 dove si afferma che se la Clach a ‘Choire dovesse mai frantumarsi o cade dal piedistallo di piccole pietre su cui poggia, Tiree affonderà sotto le onde’  (tratto da The Gaelic Otherworld, ed Ronald Black, qui)

da ascoltare nel cd The Kilmartin Sessions: The Sounds of Ancient Scotland 

Clach a'Choire
Clach a’Choire  (il calderone di pietra) ovvero la Pietra canterina dell’Isola di Tiree, il primo xilofono della preistoria

 

Reportage fotografico dal The Crow Clan qui

All’isola è dedicata una love song di fine ottocento dal titolo Tiree love song, una canzone in origine scritta in gaelico da Alexander Sinclair (Alasdair Neaill Oig), un commerciante di vini e alcolici residente a Glasgow ma un devoto “Tireeman”, essendo la sua famiglia originaria dell’isola.

LA VERSIONE IN GAELICO SCOZZESE: Am Falbh Thu Leam a Rìbhinn Òg (Will you come and go with me?)

Nella canzone il protagonista chiede a una giovane fanciulla di seguirlo oltre il mare per visitare l’isola di Tiree dove potrà trovare le cose più desiderabili: vaste colonie di uccelli marini, una vista sull’oceano e le vicine isole, verdi prati con api e il bestiame e la cappella di San Patrizio. L’isola abbonda di antichi resti preistorici o risalenti all’epoca di San Columba, accanto al tempio di san Patrizio troviamo anche un antico pozzo  dalle acque curative. Cliccate in nomi sulla mappa interattiva in http://www.tireeplacenames.org/ per visitarli tutti!!

l’altura di Kenevara nell’isola di Tiree

Effie MacDonald di Middleton

(al momento non ho trovato una traduzione in inglese)
Séist
Am falbh thu leam a rìbhinn òg
No’n téid thu leam thar saile
Gum faic thu ann gach nì gu d’ mhiann
‘S an eilean shiar a dh’fhàg mi.
1
Ged nach faic thu coill’ no fiadh
Tha gèadh is eala bhàn ann
Cait’ bheil sealladh a chuain shiar
Nuair bhios na liadhan traighte.
2
Chì thu uiseag agus smeòrach
Lon dubh agus luachran
Seillean ruadh le mhil ‘s a ghàradh
‘S blàrag air gach buallan.
3
Chì thu sgairbh ‘tigh’nn ort o’n chuan;
Tha lachaidh ruadh a’ snamh ann;
Muran gorm a’ fàs m’ a bhruaich
Gach ceum mu ‘n cuairt d’ a’ thraighean
4
Cha ‘n fhaic thu nathair ann air grunnd
Ach luibhean ‘s cùbhraidh faileadh
A’ cinntinn ann bho linn gu linn
‘S an tìr ‘s an d’fhuair mi m’ àrach

 

LA VERSIONE IN INGLESE: Tiree love song

La trasposizione in inglese è di Hugh S. Roberton, già autore delle popolarissime canzoni The Mingulay Boat SongWestering Home e Mairi’s Wedding, il quale ne fa una rielaborazione testuale più che una traduzione e la pubblica nel suo libro Songs of the Isles (1950)

The Corries
Ryan’s Fancy (II, I, III)


CHORUS
He-ree he-ro my bonnie wee girl
He-ree he-ro my fair one
Will you come away my love
To be my own my rare one
I
Smiling the land! Smiling the sea!
Sweet is the scent(1) of the heather.
Would we were yonder,
just you and me,
The two of us together!
II
All the day long, out on the peat (2)
Then by the shore (3) in the gloaming
Stepping it lightly with dancing feet
And we together roaming
III
Laughter o’ love! Singing galore!
Tripping it lightsome and airy:
Could we be asking of life for more,
My own, my darling Mary?
Traduzione italiana Cattia Salto
Coro
He-ree he-ro mia bella ragazzina,
He-ree he-ro mia bella.
Vuoi venire con me, mia cara
per essere la mia diletta?
I
Terra ridente! Mare ridente!
Dolce è il profumo dell’erica
potremmo stare laggiù,
solo tu ed io,
noi due insieme!
II
Per tutto il giorno, sulla piana
e poi alla spiaggia nel crepuscolo
con passo lieve di danza
insieme vagheremo
III
Risate d’amore! Canti a iosa!
Saltellando allegri e spensierati
Potremmo chiedere di più alla vita,
mia cara Mary?

NOTE
1) oppure “smell”
2) oppure “All together down by the sea”,
3) oppure “Down by the sea”

FONTI
http://www.tireeplacenames.org/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/69928/1/LuckyDip
https://www.calmac.co.uk/article/6138/An-island-dream-discovering-Tiree-by-bike
http://www.aniodhlann.org.uk/wp-content/uploads/2016.14.1.pdf
http://www.aniodhlann.org.uk/sounds-clips/
http://www.aniodhlann.org.uk/object/1997-232-10/
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10536
http://gestsongs.com/11/tiree.htm

THE ISLAND SPINNING SONG

The Spinning Wheel, c.1855 (oil on panel)Sir Hugh Roberton (1874–1952) direttore del Glasgow Orpheus Choir era un collezionista di melodie tradizionali scozzesi di cui spesso rinverdiva il testo inventando le parole in inglese. Ha pubblicato nel 1950 la collana di canti “Songs of the Isles” con canzoni che sono diventate popolari come “Westering Home” e “Mingulay Boat Song” ma anche canzoncine come “The Island Spinning Song”.

La canzone della filatrice dell’isola” (una delle isole della Scozia) è una sorta di “incantesimo” per chiamare a sé un innamorato o per vedere l’immagine del futuro sposo mediante l’arte tutta femminile della filatura.

IL FILATOIO A RUOTA

Filare è un lavoro lento e monotono, che si faceva una volta, quando la donna non aveva altro da fare che badare al marito e ai figli (e alla casa e ai lavori per mandare avanti la famiglia quando quello del marito non bastava). Già a quattro anni le bambine iniziavano a “giocare” con conocchia e fuso e a dieci o al primo mestruo filavano la biancheria per il proprio corredo. Nei tempi antichi tutte le donne filavano, compreso le regine e le principesse, e all’alba dell’era moderna filavano le donne del popolo come lavoro retribuito. (continua)
Nel lavoro di filatura si mescolano saliva e sudore, meditazione e trance, si apre la mente al divino, così come Cloto la protagonista fila la trama della vita per chiamare a sé un innamorato.
La melodia è anche detta “Alastair of the Dun” e in origine probabilmente c’era una versione in gaelico. La canzona è oggi diffusa tra le corali e in genere sono cantate solo le prime tre strofe e in rete ho trovato pochissime registrazioni per l’ascolto

In questa versione alle tre strofe di “The Island spinning song” segue il testo di “Faery Love Song” più comunemente noto come Tha Mi Sgith 

TESTO HUGH ROBERTON
Chorus(nonsense Gaelic syllables) x 2:
Hullamacka doo, hoorova hee
Hoorova hinda, hoorova hinda
hullamacka doo, hoorova hee
O dicko, decko, dandy.
I
When will someone come to me?
Will he come by land or sea?
Will he my own lover be?
Oh tell me truly wheel-o.
II
Wheel of fate what ist you say?
This year next or ne’er a day.
When will lover come my way?
Oh tell me truly wheel-o.
III
Be he dark or be he fair
Shy or bold or debonair?
Ribbons brau will deck my hair
To meet and greet my true love.
IV
Summer days and heather bells
Are ringing through the silent hills
There’s yellow corn in yonder fields
and autumn brings the shearing.
V
If the weather it be dry,
They’ll say there’s love ‘tween you and I
They’ll say there’s love ‘tween you and I
When we go to the shearing.
VI
When the harvest it be done
We’ll have some ranting, roaring fun.
We’ll have some ranting, roaring fun.
When we go to the shearing.
TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
Coro nonsense
I
Quando lui verrà?
Arriverà da terra o dal mare?
Sarà il mio innamorato?
Oh ruota, dimmi il vero!
II
Ruota del destino cosa mi dici?
Quest’anno prossimo o mai un giorno
quando l’innamorato verrà da me?
Oh ruota, dimmi il vero
III
Sarà moro o biondo
timido, rude o gentile?
Nastri scuri mi orneranno i capelli
per incontrare e salutare il mio vero amore.
IV
I giorni d’estate e le campanelle d’erica
che suonano per le colline silenziose
c’è il grano nei campi lassù
e l’autunno porterà la mietitura.
V
Se il tempo sarà secco
diranno che ci sarà amore tra te e me
diranno che ci sarà amore tra te e me
quando andremo alla mietitura.
VI
Quando il raccolto sarà finito
ci divertiremo in modo selvaggio
ci divertiremo in modo selvaggio
quando andremo alla mietitura

FONTI
http://wovember.com/2014/11/03/wovember-words-island-spinning-song/

MINGULAY BOAT SONG

Contrariamente al titolo Mingulay Boat Song non è una canzone tradizionale proveniente dall’Isola di Mingulay (una isola delle Ebridi Esterne vicino a Barra). Il testo è stato scritto in Inglese dallo scozzese Sir Hugh Roberton (1874–1952) nel 1938 per il Glasgow Orpheus Choir di cui era il direttore, su di una melodia tradizionale detta “Oran na Comhachaig” (ovvero Creag Ghuanach). Quindi la canzone è una composizione “romantica” del XX secolo che tuttavia è stata interpretata da molti artisti della scena “celtica”.

In effetti Sir Hugh S. Roberton era un collezionista di melodie tradizionali di cui spesso rinverdiva il testo inventando le parole in inglese ( pubblicati nel suo  libro”Songs of the Isles”, 1950), brani che attraverso la sua elaborazione sono diventati dei “classici” ancorchè non autenticamente popolari sono ‘Mairi’s Wedding‘ (Lewis Bridal Song), ‘Westering Home‘ e ‘Mingulay Boat Song’

L’isola di Mingulay venne abbandonata dai suoi abitanti agli inizi del 900, ma d’estate alcuni turisti vi compiono brevi escursioni suggestionati ancora dalla canzone! Un omaggio ai tenaci pescatori di queste isole inospitali!

b15760153379eed5bd3d0f7dfae25adc

ASCOLTA Richard Thompson in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys, 2006. (strofe I e III)

ASCOLTA Gaelic Strom in The Boathouse 2013 (strofe da I a IV)


CHORUS
Heel yo ho boys, let her go, boys
Bring her head round(1) and all together
Heel yo ho boys, let her go boys
Sailing homeward to Mingulay!
I
What care we tho’ white the Minch(2) is
What care we boys for wind and weather?
Heel yo ho, that(3), every inch is
Sailing(4) homeward to Mingulay!
II
When the wind is wild with shouting
And the waves mount ever higher
Anxious eyes turn ever seaward
To see us home, boys, to Mingulay
III
Wives are waiting by the pierhead
Or looking seaward from the heather(5)
Pull her ‘round boys, and we’ll anchor (6)
‘Ere the sun sets at Mingulay!
IV
Ships return now, heavy laden
Mothers holdin’ bairns a-cryin’
They’ll return, yeth, when the sun sets
They’ll return back to Mingulay
traduzione italiano Cattia Salto
CORO
Venite ragazzi, fatela andare, ragazzi
portiamola dritta tutti insieme
Venite ragazzi, fatela andare ragazzi
per navigare verso casa a Mingulay
I
Cosa ci importa se il Minch (2) è agitato?
Cosa c’importa del vento e delle intemperie?
Venite che ogni centimetro
si naviga verso Mingulay
II
Quando il vento urla selvaggio
e le onde diventano sempre più alte
occhi ansiosi si voltano sempre verso il mare
per rivederci a casa, ragazzi, a Mingulay
III
Le spose ci attendono al molo
o scrutano il mare dalla brughiera
tiriamo dritto e ci ancoreremo
prima che il sole tramonti su Mingulay
IV
Le navi adesso ritornano con un carico pesante,
le madri tengono i bambini che gridano “Ritorneranno, infine, quando il sole tramonta, ritorneranno a Mingulay”

NOTE
1) oppure “Heave her head round to the weather
2) nome del tratto di mare tra Sky e le Ebridi occidentali e la frase indica un mare agitato
3) oppure “When we know that
4) oppure closer
5) oppure “Gazing seaward from the heather
6) oppure “Heave ahead round and we’ll anchor”

UNA VISITA A MINGULAY

THE ROAD TO MINGULAY, View of the Western Isles di Derek Cooper
La strada verso Mingulay, saggio scritto dal giornalista scozzese Derek Cooper, noto per i suoi celebri e stimati consigli culinari, non parla solo di Ebridi Scozzesi come luogo geografico, come isole unite da una stradina che da nord, dall’isola di Lewis arriva fino a di Mingulay, a sud.
E’ un saggio che ci parla soprattutto di quella sottile linea immaginaria che lega Lewis, Harris, Uist, Barra e le altre isole nella storia passata e nel loro destino futuro. Terre aride, battute dal vento, luogo di scontro di varie civiltà, approdo di stranieri indesiderati, punto di fuga per pescatori ridotti alla fame, porto di partenza per contadini deportati con la forza, oggi queste terre tentano disperatamente di far rivivere il proprio passato nutrendo e conservando la lingua locale, con fierezza e determinazione, nonostante il futuro si prospetti ancora difficile, come il passato che le ha martoriate. Un omaggio sentito a luoghi incantevoli e speciali che, visitati, ti lacerano il cuore per sempre.( recensione di Calypso)

INDICAZIONI PRATICHE: http://www.lovescottishislands.com/outer-hebrides/mingulay/

FONTI
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/mingulayboatsong.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=66882 http://calumimaclean.blogspot.it/2014/03/an-oral-account-of-vatersay-raiders_27.html

The Lewis Bridal Song

Canto nunziale dedicato a Mary McNiven scritto in gaelico scozzese nel 1934 da John Bannerman e successivamente riscritto in inglese da Sir Hugh Roberton (1874-1952).

L’antefatto alla canzone è abbastanza curioso: John ha conosciuto Mary al festival annuale della cultura gaelica (Mod) di Oban in cui lei ha vinto la medaglia d’oro nella gara canora, John rimane così affascinato dalla donna e dalla sua voce da dedicarle una canzone in cui esprime tutta la sua ammirazione per lei e il desiderio di sposarla. Mary ormai novantenne ricorda ancora quel momento in un intervista in occasione del suo compleanno: “Johnny said the song was just for me. I can’t believe it became so popular. But when it was first played to me I found it very catchy — and I still do”.

Roberton amico e collaboratore musicale di Bannerman ha scritto nel 1936 la sua versione in lingua inglese con il titolo di The Lewis Bridal Song. Pur non restando fedele al significato originale il testo mantiene un carattere agreste infarcito con alcune parole in dialetto scozzese. Curiosamente quando il brano venne pubblicato da Roberton in “Songs of the Isles” (1951) non si cita la versione in gaelico n’è il credito a John Bannerman, con la melodia “noted from Dr. Peter A. MacLeod.”

A quanto risulta quindi la melodia è un vecchio brano scozzese; così come riarrangiato, orecchiabile e ripetitivo, il motivo si diffuse ben presto ed ancora oggi il brano viene eseguito da molti gruppi e musicisti folk oltre ad essere una delle più popolari canzoni cantate in occasione dei matrimoni.

Van Morrison & The Chieftains in ‘Irish Heartbeat’ 1987

The High Kings

Alan Stivell

The Tossers in Smash The Windows, 2017


Chorus
Step we gaily on we go
Heel for heel and toe for toe
Arm in arm and row and row
All for Mairi’ (1) s wedding
I
Over hill-way up and down
Myrtle green and bracken brown
Past the shieling (2) through the town
All for Mairi’s wedding
II (3)
Plenty herring plenty meal
Plenty peat tae fill her creel (4)
Plenty bonny bairns (5) as weel
That’s the toast for Mairi
III
Cheeks as bright as rowans are
Brighter far than any star
Fairest of them all by far
is my darling Mairi
IV
Over hill-ways up and down
Myrtle green and bracken brown
Past the sheiling through the town
All for sake of Mairi
traduzione italiano Cattia Salto
Coro
Andiamo con passo allegro
tacco per tacco, punta per punta
braccio con braccio e fila con fila
tutti al matrimonio di Mary
I
Per le strade di collina su e giù
mirto verde e felci brune
superato il capanno per la città
tutti al matrimonio di Mary
II
Tante aringhe e tanto cibo
tanta torba per riempire il cesto
come pure tanti bambini belli
questo è il brindisi per Mary
III
Rosse le guance come sorbo,
brillanti gli occhi come stelle
di gran lunga la più bella
è la mia amata Mary.
IV
Per le strade di collina su e giù
mirto verde e felci brune
superato il capanno per la città
brindiamo per Mary

NOTE
1) Mairi in alcune versioni è scritto Marie ed è in scozzese per Mary
2) shieling capanna di pastori o piccolo cottage
3) la strofa delle benedizioni
4) creel cesto di vimini
5) bairns= children 

continua seconda parte (versione in gaelico scozzese)

 LINK
http://www.mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=3820

MY NANNIE’S AWA

Una canzone scritta dal poeta scozzese Robert Burns per esternare la sua sofferenza da quando  Nanny è lontana e anche se la primavera incombe egli invoca  il malinconico autunno (autumn sae pensive)  e il tetro inverno perchè meglio si addicono alla sua tristezza.

LA MUSA CLARINDA

Nannie  è la signora Agnes McLehose,  ossia NancyCraig, amica di penna e amante incontrata da Robert Burns ad Edimburgo durante un tea-party il 4 dicembre  1787.
La  signora si era separata dal marito brutale e violento, che l’aveva  abbandonata per cercare la fortuna in Giamaica; Nancy viveva in un piccolo  appartamento a Edimburgo con un sua piccola rendita. I due nati nello stesso  anno (1759) si incontrarono all’età di 26  anni e fu subito bruciante  passione (vedi), e carteggio fitto, la relazione però fu troncata dalla donna  per paura di rovinarsi definitivamente la reputazione e sempre nel mese di  dicembre di 4 anni dopo i due si lasciarono. Agnes nel dicembre del 1791 lasciò la Scozia per andare dal marito in Giamaica e cercare di salvare il suo matrimonio.

InEarlySpring_InchboldE’ primavera e la Natura grida di nuova vita, ma il poeta è triste perchè la sua Nanny è lontana.
I novelli fiori in sboccio gli ricordano la dolce Nanny ma l’allodola e il tordo devono tacere perchè le uniche stagioni che si adattano all’animo del poeta ora sono il malinconico autunno e il desolato inverno.
Il testo della poesia è datato 1794, mentre la melodia abbinata dal poeta è “There’ll never  be peace” (per lo spartito vedi).

LA MELODIA

La melodia è una slow air dolce e malinconica pubblicata da James Oswald in due raccolte “Curious Scots Tunes”, 1740 e in “Caledonian Pocket Companion”, 1743,  conosciuta anche con il titolo di “There are few good fellows when Jamie’s awa” oppure di “By yon Castle wa’”

ASCOLTA Alessandro Tampieri, Alessandro Palmeri, Giorgio Dellarole (viol. e v.cello barocco e fisarm. 415 )

Purtroppo non ho trovato la canzone nella sua versione originaria

ASCOLTA  Graham Murnane su una melodia di sua composizione

Sir Hugh Roberton in qualità di direttore del coro Glasgow Orpheus Choir nel 1923 ne fece un ulteriore arrangiamento su una linea melodica diversa (ascolta)


I
Now in her green  mantle blythe nature arrays,
And listens the lambkins that bleat o’er the braes,
While birds warble welcome in ilka green shaw;
But to me it’s delightless –
my Nannie’s awa!
II
The snaw-drap and primrose our woodlands adorn,
And violets bathe in the weet o’ the morn;
They pain my sad bosom, sae sweetly they blaw,
They mind me o’ Nannie –
and Nanny’s awa!
III
Thou lav’rock that springs frae(1)  the dews of the lawn,
The shepherd to warn o’ the gray-breaking dawn,
And thou mellow mavis(2) that hails the night fa’,
Give over for pity –
my Nannie’s awa!
IV
Come autumn sae pensive, in yellow and gray,
And soothe me with tidings o’ nature’s decay:
The dark dreary winter, and wild driving snaw(3),
Alane(4) can delight me –
now Nannie’s awa!
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
Ora nel suo verde manto la Natura lieta  si veste,
ed ascolta gli agnellini  che belano sui colli,
mentre gli uccelli  cinguettano il benvenuto in ogni verde boschetto,
ma per me tutto è privo  di gioia –
la mia Nanny è lontana.
II
Bucaneve e primule adornano i nostri boschi,
e le violette si bagnano nella rugiada del mattino;
addolorano il mio  triste cuore, aprendosi così dolcemente
mi ricordano Nanny –
e Nanny  è lontana.
III
Tu, allodola, che  spicchi il volo dai prati umidi di rugiada,
per avvertire il  pastore del grigio chiarore dell’alba,
e tu, melodioso tordo, che saluti il calar della sera,
per pietà, tacete –
la  mia Nanny è lontana.
IV
Vieni, melanconico  autunno, in giallo e in grigio,
e consolami narrandomi del morir della Natura:
solamente il buio, tetro inverno e la neve che incalza con furia,
potranno allietarmi –
ora che Nannie è lontana.

NOTE
1) frae = from
2) mavis = thrush
3) snaw = snow
4) alane = alone

FONTI
http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=91379906
http://www.musicanet.org/robokopp/scottish/mynanies.htm
http://burnsscotland.com/items/b/broadside-ballads-entitled-my-nannies-awa-and-burns-and-his-highland-mary
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/my_nanies_awa.htm