Shamrock shore

Leggi in italiano

Two texts in search of an author, with the same title “Shamrock shore” we distinguish two different songs, both as text and as melody, the first reported by PW Joyce at the end of the nineteenth century is an irish emigration song, the second ever traditional is also an emigration song, but above all a protest song, the social and political denunciation of the Irish question.

EMIGRATION SONG: To London fair

Already at the end of the 1800s P. W. Joyce reported it in his  “Ancient Irish Music” to then republish it in 1909, so he writes “This air, and one verse of the song, was published for the first time by me in my Ancient Irish Music, from which it is reprinted here. It was a favourite in my young days, and I have several copies of the words printed on ballad-sheets“. Again P. W. Joyce in Old Irish Folk Music (1909) reports further text
“Ye muses mine, with me combine and grant me your relief,
While here alone I sigh and moan, I’m overwhelmed with grief:
While here alone I sigh and moan far from my friends and home;
My troubled mind no rest can find since I left the Shamrock shore.”

The Irish emigrant arrives in London, the tune is that generally known with the title of”Erin Shore” (see)

Horslips from Happy to meet, sorry to part, 1972

PW Joyce, 1890
I
In early spring when small birds sing and lambkins sport and play,
My way I took, my friends forsook, and came to Dublin quay;
I enter’d as a passenger, and to England I sailed o’er;
I bade farewell to all my friends,
and I left the shamrock shore.
II
To London fair, I did repair some pleasure there to find
I found it was a lovely place,
and pleasant to mine eye
The ladies to where fair to view,
and rich the furs they wore
But none I saw, that could compare to the maids of the shamrock shore

PARTY SONG: You brave young sons of Erin’s Isle

More than a song, a political rant about the need for the independence of Ireland and the evils of landlordism.
Matt Molloy, Tommy Peoples, Paul Brady (1978)


I
You brave young sons of Erin’s Isle
I hope you will attend awhile
‘Tis the wrongs of dear old Ireland I am going to relate
‘Twas black and cursed was the day
When our parliament was taken away
And all of our griefs and sufferings commences from that day (1)
For our hardy sons and daughters fair
To other countries must repair
And leave their native land behind in sorrow to deplore
For seek employment they must roam
Far, far away from the native home
From that sore, oppressed island that they call the shamrock shore
II
Now Ireland is with plenty blessed
But the people, we are sore oppressed
All by those cursed tyrants we are forced for to obey
Some haughty landlords for to please
Our houses and our lands they’ll seize
To put fifty farms into one (2) and take us all away
Regardless of the widow’s sighs
The mother’s tears and orphan’s cries
In thousands we were driven from home which grieves my heart full sore
We were forced by famine and disease (3) To emigrate across the seas
From that sore, opressed island that they called the shamrock shore
III
Our sustenance all taken away
The tithes and taxes for to pay
To support that law-protected church to which they do adhere (4)
And our Irish gentry, well you know
To other countries they do go
And the money from old Ireland they squandered here and there
For if our squires  would stay at home
And not to other countries roam
But to build mills and factories (5) here to employ the laboring poor
For if we had trade and commerce here
To me no nation could compare
To that sore, oppressed island that they call the shamrock shore
IV
John Bull (6), he boasts, he laughs with scorn
And he says that Irishman is born
To be always discontented for at home we cannot agree
But we’ll banish the tyrants from our land
And in harmony like sisters stand
To demand the rights of Ireland,
let us all united be
And our parliament in College Green
For to assemble, it will be seen
And happy days in Erin’s Isle we soon will have once more
And dear old Ireland soon will be
A great and glorious country
And peace and blessings soon will smile all around the shamrock shore

NOTES
1) The song is obviously post-Union (1800), because it refers to the dissolved Irish Parliament
2) the plague of landlordism
3)  in 1846 the entire crop of potatoes (basic diet of the Irish) was all destroyed due to a fungus, the peronospera; the “great famine” occurred (1845-1849 which some historians prolonged until 1852) which lasted for several years and almost halved the population; those who did not die of hunger were lucky if the
y could leave for England or Scotland, but more massive was the migration to America
4) ‘tithes and taxes’ paid in support of the Irish Church, so the song pre-dates the Act of Disestablishment in 1869
5) the years of large-scale industrial expansion (with relative upgrading of infrastructure) began in Britain starting from 1840-50
6) John Bull is the national personification of the Kingdom of Great Britain

Paddy’s Green Shamrock Shore

FONTI
http://ingeb.org/songs/yebravey.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=62929 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=130087

https://thesession.org/discussions/13438
http://www.celticlyricscorner.net/casey/shamrock.htm

IL RE DELLE FATE NELLA TRADIZIONE D’IRLANDA

Sull’Isola Verde le fate sono il popolo della Dea Danann (Tùatha Dé Danann) sconfitto nell’ultima migrazione “celtica” dai Gaeli (provenienti molto probabilmente dalla Spagna) vedi.
I Milesi erano solo uomini eppure riuscirono a sconfiggere un mitico popolo semi-divino, il quale si ritirò, grazie ai suoi poteri magici, in una dimensione sovrannaturale, invisibile. Il regno delle fate sono i sidhe (i grandi tumuli sepolcrali dell’Irlanda preceltica) e così sid (al singolare) e sidhe al plurale è il nome sia della fata che della sua dimora. Tuttavia le fate vivono anche nelle acque e nei boschi o nelle valli incontaminate dell’Isola, che non vollero abbandonare.

Newgrange-drawing-1866
Va da sé che non c’è quindi un unico re delle fate, ma il re del Brú na Bóinne (il sito archeologico di Newgrange), il «Palazzo del fiume Boyne», è anche considerato il Signore dell’Oltre. Il tumulo sorge sulla riva settentrionale del fiume Boyne, a est di Slane (contea di Meath) (vedi). Al tempo della ritirata di fronte all’avanzare del popolo degli uomini era re il Dagda (ma poi suo figlio Aengus ne prese il posto) vedi

IL DAGDA: IL RE DELLA COMPAGNIA DORATA

Nel ciclo delle invasioni di Ériu, padre spirituale dei Túatha Dé Dánann. Si adoperò per ottenere la vittoria contro i Fomoriani nella seconda battaglia di Mág Tuired. Fu re di Ériu per ottanta anni. Divise i síde tra i Túatha Dé Dánann quando essi lasciarono la terra ai Milesi. Risiedeva nel Brúg na Bóinne, da cui, secondo una tradizione, venne estromesso dal figlio Óengus ÓcLa sua figura nasconde probabilmente qualche antico dio della morte e dell’aldilà. (tratto da bifrost.it qui)
Il suo nome significa “Dio Benevolo”: la sua mazza da guerra abbatteva nove uomini con un solo colpo, il suo calderone non si svuotava mai, la musica della sua arpa magica faceva ridere, piangere o sprofondare nel sonno.

Gli Dei possiedono il potere dell’invisibilità o si nascondono tra una nebbia magica per rivelarsi solo al prescelto (in sembianze umane o di animale).

Gli Dei sono esseri immortali ma spesso si uniscono coi mortali: le dee cercano l’amore degli eroici guerrieri e gli dei quello delle principesse, spesso perciò gli dei interferiscono nelle vicende umane, aiutando i loro figli o eroi preferiti. Così tra gli dei esistevano dei rapporti clientelari analoghi a quelli fra gli esseri umani, e la vittoria o la preponderanza di un gruppo sociale su un altro determinava la modifica del rapporto di forze fra le rispettive divinità tutelari.

THE KING OF THE FAERIES TUNE

è una melodia irlandese (in gaelico irlandese Ri Na Sidheog) dedicata al Re delle Fate.
“One tale attached to the tune (albeit perhaps a modern piece of ‘blarney’, as there is no folkloric connection) has it that “The King of the Fairies” is a summoning tune, and if played three times in a row during a festivity the King must appear. Once summoned, however, the King assesses the situation, and if the gathering is to his liking he may join in; if however, he does not find it to his liking he may cause great mischief”  (tratto da qui) -(tradotto in italiano: si pensava che avesse un potere evocativo e che, se suonata per tre volte consecutive durante una festa, il Re delle Fate potesse realmente comparire. Una volta evocato, il Re poteva unirsi alle danze se deliziato dalla festa e dalla musica oppure creare gran scompiglio se deluso.)

Nel VIDEO le immagini del mondo delle fate come immaginato dagli uomini (la versione strumentale è tratta da “Lord of Riverdance”, lo show di Michael Flatley)

“A version of this tune appears in the second volume of the James Aird’s book of airs, entitled Aird’s Airs, in 1789.  Aird (d. 1795) was a Scotsman running a music shop in Glasgow, and published six volumes (containing 1200 tunes) between 1778 and 1801.  His small volumes were best-sellers in Scotland of the late 18th century, and were used as source-books by Robert Burns (1759-1796), and the tunes are used in many of his songs —  see, e.g., The Songs of Robert Burns, ed. Donald Low (Routledge: 1993, p. 928).  Another version of the tune “King of the Faries” was published earlier by the Irishman John Edward Pigot (1822–1871) in the mid-1800s. Some people dubiously claim the title refers to Charlie Edward Stuart, better known as Bonnie Prince Charlie (1720-1788), others just as dubiously say that it refers to William of Orange (1650-1694)” (tratto da qui)

“The King of the Fairies” è un hornpipe,  questa melodia in particolare è così delicata che viene eseguita spesso come danza femminile (step dance). E tuttavia non mancano le versioni folk rock, tra le quali “il mio best of”:
ASCOLTA Alan Stivell 1972 (l’album live À l’Olympia  -al teatro Olympia di Parigi- ottenne un enorme successo commerciale) la parte di solo è affidata al violino, nella seconda ripetizione alla chitarra elettrica e infine nella terza al flauto suonato da Stivell

ASCOLTA Horslips (registrato sui tetti di Dublino nel 1973)

ASCOLTA Jean-Luc Lenoir in “Old Celtic & Nordica Ballads” 2013

ASCOLTA Beer Belly, in King Of Bellies 2011 (la quarta uscita di questo gruppo sloveno) una versione più patinata anche qui in tre parti, la prima affidata alla chitarra acustica, la seconda al flauto  e la terza all’organetto (il video è una sequenza di bellissime immagini dell’Irlanda)

nella ricerca mi sono imbattuta anche in questa formazione al femminile proveniente dalla Romania (un po’ troppo pop per i miei gusti, ma so non mancheranno gli estimatori!) La melodia è stata anche riproposta in versione  decisamente Folk metal (per esempio dai Waylander)

ASCOLTA Amadeus in “Meridian” (2003)

e adesso LA DANZA (tratta dallo spettacolo “Lord of Riverdance”)

VIDEO Children of Lir

FONTI
http://bifrost.it/CELTI/7.Milesi/1-OriginedeiGaeli.html
http://bifrost.it/CELTI/Schedario2/DagdaMor.html
http://www.lacooltura.com/2015/12/tuatha-de-danann-i-semidivini/
http://ontanomagico.altervista.org/megalitismo.html
http://ontanomagico.altervista.org/religione-celti.html

http://thesession.org/tunes/475
http://tunearch.org/wiki/Annotation:King_of_the_Fairies_(The)
http://slowplayers.org/2014/05/05/king-of-the-fairies-edor/
http://ontanomagico.altervista.org/danze-irlandesi.html
https://terreceltiche.altervista.org/luovo-dellequinozio-di-primavera-e-la-danza#hornpipe

BEHIND THE BUSH IN THE GARDEN

La melodia è una jig conosciuta in Irlanda con il titolo “Behind the Bush in the Garden” pur avendo anche molti altri titoli (vedi su the session qui), con il testo in gealico irlandese prende il titolo “Teidhir Abhaile Riu“, e in Scozia diventa una canzone giacobita dal titolo “Wha’ll be King but Charlie?
Una melodia molto popolare che non si può non aver ascoltato (o suonato/ballato) almeno una volta nella vita!

ALTRI TITOLI: The Bargain Is Over, Cha Dean Mi’n Obair, I Won’t Do The Work, Macdonald, Mulberry Garden, Oisin’s Tune, The Road To Ballintoy, Se ‘n Righ A Th’againn Is Fearr Leinn, Single, Tá Do Mhargadh Déanta, Teidhir Abhaile Riú, Téir Abhaile Riú, The Tidy Girleen, Tidy Gurline, The Tidy Woman, Wha’ll Be King But Charlie, Wha’ll Be King But Charlie?, What’ll Be King But Charlie, Who’ll Be King But Charlie, Who’ll Be King But Charlie?

ASCOLTA Andy McGann & Paddy Reynolds

ASCOLTA Horslips con il titolo Oisin’s Tune

Behind the Bush in the Garden is well-known in Ireland, Scotland, Cape Breton and the Shetlands. In Scotland it is best known as Wha’ll Be King but Charlie and was a rallying song for the Jacobites. Indeed, a few Irish fiddlers have recorded the tune under the title Royal Charlie, and this seems to support the Jacobean link. Some attribute the tune to the great Scottish fiddler Neil Gow, although he never claimed it. This delightfully melodic single jig is also commonly used to accompany the dance Flora MacDonald’s Fancy. (tratto da qui)

La melodia per la Flora MacDonald’s Fancy è anche questa mentre come scottish country dance le istruzioni sono qui

FONTI
https://thesession.org/tunes/1888
http://tunearch.org/wiki/Behind_the_Bush_in_the_Garden_(1)
https://www.irishtune.info/tune/126/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=73421
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=7714

La terra del verde trifoglio

Read the post in English

Due testi in cerca di autore, con lo stesso titolo “Shamrock shore” distinguiamo due diverse canzoni, sia come testo che come melodia, la prima riportata da P. W. Joyce alla fine dell’Ottocento è una irish emigration song, la seconda sempre tradizionale è anche una emigration song ma soprattutto una party song di protesta, la denuncia sociale e politica della questione irlandese.

EMIGRATION SONG: To London fair

Già alla fine del 1800 P. W. Joyce la riporta nella sua raccolta “Ancient Irish Music” per poi ripubblicarla nel 1909, così scrive “Una delle mie ballate preferite della mia gioventù di cui ho diverse copie delle parole stampate sui fogli volanti “.
Ancora P. W. Joyce in Old Irish Folk Music (1909) riporta ul ulteriore testo
“Ye muses mine, with me combine and grant me your relief,
While here alone I sigh and moan, I’m overwhelmed with grief:
While here alone I sigh and moan far from my friends and home;
My troubled mind no rest can find since I left the Shamrock shore.”

L’emigrante irlandese sbarca a Londra, la melodia è quella generalmente conosciuta con il titolo di “Erin Shore” (vedi)

Horslips in Happy to meet, sorry to part, 1972

PW Joyce, 1890
I
In early spring when small birds sing and lambkins sport and play,
My way I took, my friends forsook, and came to Dublin quay;
I enter’d as a passenger, and to England I sailed o’er;
I bade farewell to all my friends,
and I left the shamrock shore.
II
To London fair, I did repair some pleasure there to find
I found it was a lovely place,
and pleasant to mine eye
The ladies to where fair to view,
and rich the furs they wore
But none I saw, that could compare to the maids of the shamrock shore…
Traduzione italiana Cattia Salto
I
All’inizio della primavera quando gli uccellini cantano e gli agnellini si divertono e giocano, presi la mia decisione di abbandonare gli amici per andare al molo di Dublino.
Mi imbarcai come passeggero e partii per l’Inghilterra, dissi addio a tutti i miei amici e lasciai la terra del trifoglio.
II
Nella bella Londra mi rifugiai,
per cercare un po’ di divertimento laggiù, trovavo che fosse un bel posticino e gradevole alla vista,
le donne del posto piacevoli da guardare con indosso delle costose pellicce, ma niente vidi che si sarebbe potuto paragonare alla fanciulle della terra del trifoglio

PARTY SONG: You brave young sons of Erin’s Isle

Più che una canzone una concione politica sulla necessità dell’indipendenza dell’Irlanda e sui mali del latifondismo.
Matt Molloy, Tommy Peoples, Paul Brady (1978)


I
You brave young sons of Erin’s Isle
I hope you will attend awhile
‘Tis the wrongs of dear old Ireland I am going to relate
‘Twas black and cursed was the day
When our parliament was taken away
And all of our griefs and sufferings commences from that day (1)
For our hardy sons and daughters fair
To other countries must repair
And leave their native land behind in sorrow to deplore
For seek employment they must roam
Far, far away from the native home
From that sore, oppressed island that they call the shamrock shore
II
Now Ireland is with plenty blessed
But the people, we are sore oppressed
All by those cursed tyrants we are forced for to obey
Some haughty landlords for to please
Our houses and our lands they’ll seize
To put fifty farms into one (2) and take us all away
Regardless of the widow’s sighs
The mother’s tears and orphan’s cries
In thousands we were driven from home which grieves my heart full sore
We were forced by famine and disease (3) To emigrate across the seas
From that sore, opressed island that they called the shamrock shore
III
Our sustenance all taken away
The tithes and taxes for to pay
To support that law-protected church to which they do adhere (4)
And our Irish gentry, well you know
To other countries they do go
And the money from old Ireland they squandered here and there
For if our squires  would stay at home
And not to other countries roam
But to build mills and factories (5) here to employ the laboring poor
For if we had trade and commerce here
To me no nation could compare
To that sore, oppressed island that they call the shamrock shore
IV
John Bull (6), he boasts, he laughs with scorn
And he says that Irishman is born
To be always discontented for at home we cannot agree
But we’ll banish the tyrants from our land
And in harmony like sisters (7) stand
To demand the rights of Ireland,
let us all united be
And our parliament in College Green
For to assemble, it will be seen
And happy days in Erin’s Isle we soon will have once more
And dear old Ireland soon will be
A great and glorious country
And peace and blessings soon will smile all around the shamrock shore
Traduzione italiana Cattia Salto*
I
Voi fieri giovani figli dell’isola di Erin
spero che prestiate attenzione per un momento : sono i torti della cara vecchia Irlanda che vi andò a riferire
nero e maledetto fu il giorno in cui il nostro parlamento fu abolito e tutti i nostri guai e le sofferenze iniziarono da allora.
Perchè i nostri figli robusti e le nostre belle figlie devono recarsi in altri paesi e lasciare la loro terra natia alle spalle, con dolore condannati
a cercare un lavoro, devono viaggiare
lontano, molto lontano dalla loro casa
da quell’isola oppressa e sofferente che chiamano la terra del trifoglio
II
L’Irlanda è benedetta con l’abbondanza, ma la gente è oppressa, a tutti quei tiranni maledetti dobbiamo obbedire, per compiacere i boriosi padroni che delle nostre case e delle nostre terre s’impadroniranno  per mettere 50 fattorie in una e portarci tutti via, senza riguardo ai pianti della vedova, alle lacrime della madre e ai lamenti dell’orfano.
In migliaia siamo stati cacciati da casa, che mi rattrista il cuore, siamo stati costretti dalla carestia e dalla malattia a emigrare attraverso i mari
da quell’isola oppressa e sofferente che chiamano la terra del trifoglio.
III
Il nostro sostentamento portato via per pagare le decime e le tasse
per sostenere la chiesa protetta dalla legge a cui loro aderiscono
e la nostra gentry inglese, è risaputo,
vanno in altri paesi e i soldi della vecchia Irlanda vanno sperperando in lungo e in largo. Perchè se i nostri possidenti restassero a casa e non viaggiassero per altri paesi, costruirebbero opifici e fabbriche qui per dare lavoro alla povera gente; perchè se avessimo il commercio e l’economia, per me nessun’altra nazione si potrebbe paragonare a quell’isola oppressa e sofferente che chiamano la terra del trifoglio.
IV
L’inglese si vanta, ride con disprezzo
e dice che l’irlandese è nato
per essere sempre scontento perchè in sull’isola non andremo mai daccordo,
eppure bandiremo i tiranni dalla nostra terra
e da buone sorelle ci alzeremo a chiedere i diritti dell’Irlanda.
Quindi uniamoci tutti
e  il nostro parlamento al College Green si riunirà per le assemblee
e giorni felici nell’isola di Erin avremo presto ancora una volta
e la cara vecchia Irldanda presto sarà
una grande e gloriosa nazione
e pace e benedizioni presto sorrideranno alla terra del trifoglio

NOTE
1) la canzone è stata scritta dopo il 1800 e l’atto di unione con il regno di Gran Bretagna ( Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda)
2) la piaga del latifondismo
3)  nel 1846 l’intero raccolto delle patate (dieta base degli irlandesi) andò tutto distrutto a causa di un fungo, la peronospera; sopravvenne “la grande carestia” (1845-1849 che alcuni storici prolungano fino al 1852) che durò per vari anni e dimezzò quasi la popolazione; chi non moriva di fame era fortunato se riusciva a partire per l’Inghilterra o la Scozia, ma più massiccia fu la migrazione in America continua
4) decime obbligatorie per il sostenamento della Chiesa Anglicana. Solo sotto il primo ministero Gladstone fu tolto (1869) alla Chiesa episcopale irlandese il riconoscimento di confessione ufficiale e fu promulgata la prima legge (Land Act) protettiva dei fittavoli.
5) gli anni dell’espansione industriale su grande scala (con relativo potenziamento delle infrastrutture)  iniziano in Gran Bretagna a partire dal 1840-50
6) John Bull è la personificazione nazionale del Regno di Gran Bretagna, il nomigliolo nasce nel 1700 a rappresentare il tipo del gentiluomo di campagna, uomo d’affari capace e onesto ma collerico e di umore variabile, amante dello scherzo e della buona tavola.(Treccani)
7) letteralmente “in armonia come sorelle”, non colgo però l’allusione

FONTI
http://ingeb.org/songs/yebravey.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=62929 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=130087

https://thesession.org/discussions/13438
http://www.celticlyricscorner.net/casey/shamrock.htm

THE SNOWS THEY MELT THE SOONEST

“The snow they melt the soonest” è una canzone popolare del Border (diffusa sia in Inghilterra che in Scozia), è stata pubblicata nel Northumbrian Minstrelsy (Bruce&Stokoe 1882) e in origine nel Blackwood’s Magazine, (Edimburgo 1821) così come collezionata da Thomas Doubleday (1790-1870) che la sentì da un cantore di strada di Newcastle. vedi

Così si legge nelle note di Anne Briggs nel suo album “Anne Briggs” 1971
“We owe this to a good pioneer collector of North-Eastern song, the soap-boiler and lively Radical agitator Thomas Doubleday, who contributed it to Blackwood’s magazine [under the pseudonym of Mr Shufflebotham] as long ago as 1821. He got the melody from a Newcastle street singer. In Northumbrian Minstrelsy (1882, repr. 1965) the tune is given as My Love Is Newly Listed.”  (A.L. Lloyd)
Siccome nessuno ha trovato traccia della canzone nella tradizione popolare precedentemente a questa data, alcuni presumono che il testo sia stato scritto nientemeno che da Thomas Doubleday sulla melodia nota come “My love has listed/The White cockade“. Anne Briggs fu la prima a diffonderlo nel circuito dei folk-club negli anni 60 e per questo altri le attribuiscono la paternità del testo. I Pentangles lo fanno diventare loro nell’album Solomon’s Seal intitolandolo “The Snow” mentre in realtà si tratta di una delle tanti varianti del brano tradizionale.

Meravigliosa la versione strumentale dei Lunasa risolta come una low air dal titolo “January Snows” in Otherworld 1999 (melodia seguita dal reel Laura Lynn Cunningham)

Il tema è quello della separazione tra due innamorati: le immagini evocate legano il rapporto amoroso allo scorrere delle stagioni così dopo il riposo della terra sotto la coperta dell’inverno anche l’orgoglio è pronto a sciogliersi come la neve. La coppia è in procinto di separarsi ma chi canta è certo che la separazione non sarà definitiva e al ritorno del disgelo anche l’innamorato ritornerà da lei (lui)

VERSIONE DAL PUNTO DI VISTA MASCHILE

ASCOLTA Horslips in “Drive The Cold Winter Away” 1975

ASCOLTA John Renbourn & Robin Williamson 1993

ASCOLTA Dick Gaughan in “Handful of Earth” (1981) lenta, malinconica, lacerante (sequenza strofe I, III, II, IV)

ASCOLTA Sting in “If on a Winter’s Night” 2009 la canzone inizia a 0:48 dopo il breve commento (Sting, classe 1951, con questo brano tradizionale rende omaggio al suo paese natale, Wallsend, situato nella periferia a nord di Newcastle upon Tyne) una melodia malinconica, introspettiva, sussurrata sulle note del chitarrista Dominic Miller (con Sting dal ’91), l’affiatamento è magico
ASCOLTA Piers Faccini in “Songs Of Time Lost” (2014) con Vincent Segal


I
The snows they melt the soonest
when the wind begins to sing
And the corn it ripens faster
when the frost is settling in
And when a woman tells me that
my face she’ll soon forget
Before we part I’ll wage a croon(1) she’s fain to follow it yet
II
The snows they melt the soonest when the winds begin to sing
And the swallow skims without a thought as long as it is spring
But when spring goes and winter blows, my lassie you’ll be fain,(2)
For all your pride to follow me
across the stormy main (3)
III
The snows they melt the soonest
when the winds begin to sing
And the bee that flew when summer shone, in winter cannot sting.
I’ve seen a woman’s anger melt between the night and morn
So it’s surely not a harder thing
to tame a woman’s scorn
IV
Oh, never say me farewell here
no farewell I’ll receive(4)
for you shall take (set) me to the stile,
I’ll kiss and take your leave
“I’ll stay until the curlew (5) calls
and the martlet (6) takes his wing (7)
For the snows they melt the soonest when the winds begin to sing”
Traduzione italiano di Cattia Salto*
I
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e il grano matura prima
quando il gelo si è depositato,
e quando una donna mi dice che dimenticherà presto il mio volto,
prima di lasciarci, scommetterò una moneta che è già pronta a seguirmi.
II
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e la rondine plana senza pensieri finché è primavera. Ma quando la primavera se ne va e soffia l´inverno,
ragazza mia, sarai pronta,
nonostante l’orgoglio, a seguirmi
attraverso il mare in burrasca
III
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e l’ape che volava quando l’estate splendeva, in inverno non può pungere. Ho visto la rabbia di una donna sciogliersi tra notte e dì,
così non è certo più difficile
ammansire il rifiuto di una donna
IV
Non dirmi addio qui,
non accoglierò il tuo addio
ma mi aprirai la porta,
ti bacerò e prendero il tuo congedo
“Ti aspetterò fino al richiamo del chiurlo e fino a quando la rondine prenderà il volo (7)
perchè le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare”

NOTE
* versione rielaborata da Musica&Memorie  (vedi)
1) nella versione degli Horslips “I want to croon” e nella versione di Anne Briggs: “I’d bet a crown”. Nei Pentangle “I’ll wage a corn”  (scommetterò un chicco di grano) in verità “crun, croon o croun” = corona, vecchia moneta che valeva 5 scellini, una somma principesca in passato
2) my loss and you’ll be fain (versione Horslips)
3) oppure “raging main” (versione Dick Gaughan)
4) oppure: “So whoever says to me farewell here, no farewell I receive”
5) Oppure moorcock o woodcock (vedi)
6) martelet è la versione araldica della rondine (vedi)
7) la donna lo aspetterà fino a settembre-ottobre quando le rondini migrano verso i paesi più caldi

Heart-of-snow-Edward_Robert_Hughes_small

VERSIONE AL FEMMINILE

ASCOLTA Anne Briggs Anne Briggs” 1971

ASCOLTA Cara Dillon live


I
The snows they melt the soonest
when the winds begin to sing
And the corn it ripens fastest
when the frosts are settling in
And when the young man tells me that my face he’ll soon forget
Before we part I’ll wage a crown, he’s fain to follow yet
II
And the snows they melt the soonest when the winds begin to sing
The swallow flies without a thought
as long as it is spring
But when spring goes and winter blows my love then you’ll be free
For all your pride to follow me across the raging main
III
And the snows they melt the soonest when the winds begin to sing
And the bee that flew when summer shone in winter cannot sting
And I’ve seen a young man’s anger melt between the night and morn
So it’s surely not a harder thing to melt a young man’s scorn
IV
So don’t you bid me farewell here,
no farewell I receive,
For you will lie with me my love then kiss and take your leave
And I’ll wait here ‘til the moorcock calls and the martin takes the wind
For the snows they melt the soonest when the winds begin to sing
Traduzione italiano di Cattia Salto*
I
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e il grano matura prima
quando il gelo si è depositato,
e quando un giovanotto mi dice che dimenticherà presto il mio volto,
prima di lasciarci scommetterò una moneta che è già pronto a seguirmi.
II
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e la rondine plana senza pensieri finché è primavera. Ma quando la primavera se ne va e soffia l´inverno,
amore mio, allora sara pronto,
nonostante tutto il tuo orgoglio, a seguirmi attraverso il mare in burrasca
III
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e l’ape che volava quando l’estate splendeva, in inverno non può pungere. Ho visto la rabbia di una uomo sciogliersi tra notte e dì,
così non è certo più difficile
ammansire il rifiuto di un uomo
IV
Non dirmi addio qui,
non accoglierò il tuo addio
perchè giacerai con me, amore mio
poi mi bacerai e ti congedererai
e ti aspetterò qui fino al richiamo del chiurlo e fino a quando la rondine prenderà il volo
perchè le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare”

FONTI
http://thesession.org/tunes/11049
http://mainlynorfolk.info/anne.briggs/songs/thesnowitmeltsthesoonest.html
http://mp3juices.com/search/snow-melts-the-soonest
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=2857
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16979

In Praise of Christmas

Per salutare i 12 giorni del Natale (e soprattutto le notti) e per scacciare fuori il freddo inverno, un canto natalizio della tradizione inglese risalente all’epoca elisabettiana noto con i titoli “Drive the cold winter away“, “In Praise of Christmas” o “All Hail to the Days” è un invito a trascorrere il periodo natalizio (che nel Medioevo era fissato in 12 giorni) in modo festoso e spensierato, tra lauti banchetti e divertimenti in buona compagnia.
To greet the 12 days of Christmas (and especially the nights) and to drive out the cold winter, here is a Christmas carol of the English tradition dating back to the Elizabethan era known with the titles “Drive the cold winter away“, “In Praise of Christmas” or “All Hail to the Days“: it is an invitation to spend the Christmas holiday (which in the Middle Ages lasts 12 days) in a festive and carefree way, amid the banquets and entertainment in good company.
Il testo è tratto dalla Collezione Roxburghe (sono 5 libri in 4 volumi con 1500 ballate pubblicate in inglese dal 1567 al 1790, oggi al British Library). L’autore è anonimo e il testo viene datato intorno al 1625. A volte è erroneamente attribuito a Tom Durfey (1653-1723). Riportato anche in A Christmas Garland A.H. Bullen – Londra 1885 e in All Hail to the Days, Broadside del XVII sec.
The text is taken from the Roxburghe Collection (there are 5 books in 4 volumes with 1500 ballads published in English from 1567 to 1790, now in the British Library). The author is anonymous and the text is dated around 1625. It is sometimes erroneously attributed to Tom Durfey (1653-1723). Also reported in A Christmas Garland A.H. Bullen – London 1885 and All Hail to the Days, 17th-century Broadside

La melodia è riportata da John Playford (1623-1686) nel suo “The English Dancing Master“, 1650 con il titolo “Drive the cold winter away” in cui sono elencati i passi della danza. vedi
The melody is reported by John Playford (1623-1686) in his “The English Dancing Master”, 1650 with the title “Drive the cold winter away” in which the dance steps are listed.  see

brindisi-natale

DODICI GIORNI DEL NATALE
(TWELVE DAYS OF CHRISTMAS)

Anticamente era la notte del Solstizio d’Inverno in cui si iniziava a contare i 12 giorni del Natale: dal 21 dicembre al primo di gennaio, oggi il conto parte dal 26 dicembre ovvero il “Giorno Santo” (includendo la notte della vigilia) e si conclude il 6 gennaio, con l’Epifaniache tutte le feste spazza via“.
In ancient times it was the night of the Winter Solstice where we started counting the 12 days of Christmas: from December 21st to the first of January, today the counting starts from December 26th or the “Holy Day” (including the night of the eve) and ends on 6 January, with the Epiphany “that all feast sweep away”.

The Rose Ensemble: un arrangiamento barocco pregevole
a fine baroque arrangement

Owain Phyfe grande interprete di musica antica
great interpreter of ancient music

LE VERSIONI CELTIC FOLK
(Celtic-folk versions)

Irish Descendants in The Gift 2002.

Horslips in Drive the cold winter away, 1975
Il gruppo celtic rock di Dublino propone il brano in un bell’arrangiamento strumentale: la chitarra per la struttura ritmica del brano, con flauto e poi  violino per la parte melodica
The celtic rock group of Dublin offers the piece in a beautiful instrumental arrangement: the guitar for the rhythmic structure, with flute and then violin for the melodic part

Loreena McKennitt con il titolo di Praise of Christmas nel suo secondo album “To drive the cold winter away” 1987. Un Cd essenziale e scarno incentrato sulla sua vocalità angelica  “Da bambina la mia impressione più vivida della musica invernale è nata dalle canzoni e dagli inni registrati nelle chiese o nelle grandi sale, ricche della propria unica atmosfera e tradizione. In quello spirito, mi sono recata in vari simili luoghi che ho imparato ad apprezzare nei miei viaggi”
Loreena McKennitt “In Praise of Christmas” from her second album “To drive the cold winter away” 1987. An essential and skinny CD centered on her angelic vocality “As a child my most vivid impression of music for the winter season came from songs and carols recorded in churches or great halls, rich with their own unique ambience and tradition. In that spirit, I have ventured into several similar locations that I have come to cherish in my travels.”


Kate Rusby in “The Frost is All Over” 2015

La ballata “Drive the cold winter away” è composta da 12 strofe, (il testo è riportato integralmente in vedi) le strofe di “In Praise of Christmas” sono invece solo 4, ovvero quelle riportate.
The “Drive the cold winter away” ballad consists of 12 stanzas, (here) the stanzas of “In Praise of Christmas” are instead only 4.


I
All hail to the days that merit more praise
Than all the rest of the year,
And welcome the nights that double delights (1)
As well for the poor as the peer!
Good fortune attend each merry man’s friend,
That doth but the best that he may;
Forgetting old wrongs, with carols and songs,
To drive the cold winter away.
II
‘Tis ill for a mind to anger inclined
To think of small injuries now;
If wrath be to seek do not lend her thy cheek
Nor let her inhabit thy brow.
Cross out of thy books malevolent looks,
Both beauty and youth’s decay,
And wholly consort with mirth and with sport
To drive the cold winter away.
III
This time of the year is spent in good cheer,
And neighbours together do meet
To sit by the fire, with friendly desire,
Each other in love to greet;
Old grudges forgot are put in the pot,
All sorrows aside they lay;
The old and the young doth carol this song
To drive the cold winter away.
IV
When Christmas’s tide come in like a bride
With holly and ivy (3) clad,
Twelve days (4) in the year much mirth and good cheer
In every household is had;
The country guise is then to devise
Some gambols of Christmas play,
Whereat the young men do best that they can
To drive the cold winter away.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un saluto ai giorni che meritano più lode
di tutto il resto dell’anno
e benvenute le notti che raddoppiano i piaceri (1)
ai poveri come ai ricchi!
Buona fortuna accompagni l’amico di ogni uomo felice che fa soltanto del suo meglio;
dimentichiamo i vecchi torti, con inni e canti
per scacciare via il freddo inverno.
II
E’ sbagliato per uno spirito incline alla collera pensare ora ai piccoli torti;
se l’ira ti cerca non porgerle la guancia,
non lasciarla dimorare nella testa;
cancella dai tuoi libri le espressioni malevoli
e anche lo svanire della bellezza e della gioventù:
unisciti completamente alla gioia e al divertimento per scacciare via il freddo inverno.
III
Questa stagione dell’anno si trascorre nel buon umore e in compagnia dei vicini per sedersi accanto al fuoco, con cordiale amicizia,
e salutarsi l’un l’altro con amore;
i vecchi rancori dimenticati sono mandati in soffitta (2), ogni dolore messo da parte
i vecchi e i giovani cantano questa canzone
per scacciare via il freddo inverno..
IV
Quando il tempo di Natale arriva come una sposa
agghindata con agrifoglio ed edera (3)
i 12 giorni dell’anno (4) più in allegria e buon umore
si trascorrono in ogni famiglia;
l’usanza campagnola è quindi di inventare
delle capriole per divertirsi a Natale,
così anche i fanciulli fanno del loro meglio
per scacciare via il freddo inverno.

NOTE
1) si presume sia riferito ai piaceri matrimoniali che si trascorrono nel letto
 referred to matrimonial pleasures that are spent in bed
2) “to put in the pot” letteralmente mettere nel boccale o anche mettere nella pentola
3) sulle piante magiche del Natale qui
about the magical plants of Christmas here
4) La festa di Yule (dal norreno jól e dal germanico jiuleis) durava 12 giorni a partire dal solstizio d’inverno ( i giorni di Yule diventati successivamente Christmastide)
The festival of Yule (from the Norse jól and the Germanic jiuleis) lasted 12 days starting from the winter solstice (the days of Yule later become Christmastide)

continua (see more)

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/drive-cold-winter.htm
http://www.pbm.com/~lindahl/playford_1651/046small.html
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/drive_the_cold_winter_away.htm