Crea sito

RIDDLES WISELY EXPOUNDED

5413113294_KNIGHT20AND20MAIDEN_xlargeIl “contrasto” tra innamorati, basato sui “compiti o enigmi impossibili” ha come modello la ballata “The Elfin Knight” (la ballata alla base della famosissima Scarborough Fair): collezionata dal professor Francis James Child (1825-1896) nella sua raccolta  “The English And Scottish Popular Ballads”.

Questi “enigmi” o “indovinelli” fanno parte di una consuetudine delle canzoni popolari nel rapportarsi con il soprannaturale, sia esso un essere magico o diabolico, e più in generale rappresentano un’arma di difesa per scongiurare un pericolo o ottenere un beneficio, così nelle fiabe giovanetti e giovanette di umili origini ottengono matrimoni vantaggiosi o regni, per aver saputo risolvere degli enigmi o aver adempiuto a dei compiti impossibili. Un bel salto mentale per noi moderni che abbiamo ridotto gli indovinelli a barzellette!

Occorre tuttavia riflettere sul ruolo che i giochi di parole e le metafore hanno assunto nella cultura antica più in generale e in quella celtica in particolare: le gare di indovinelli rappresentavano un tempo la forma suprema di saggezza, erano prove iniziatiche dei momenti di “passaggio” ovvero di transizione tra uno stato dell’essere ad un altro, o più semplicemente di crescita in cui si elaborano nuove verità e conoscenze. L’enigma parla con metafore e compiere il salto tra il senso letterale e quello metafisico è la sfida.L’ineffabile non è esprimibile con le semplici parole ma solo con la magia delle parole, ovvero il linguaggio poetico, così il sovrannaturale può parlare alla nostra anima; non per niente queste sfide hanno come esito la morte o il rapimento dei demoni, oppure possono salvare la vita.

RIDDLES WISELY EXPOUNDED [CHILD # 1]

Ovvero tradotto in italiano “Gli indovinelli ben risposti“, con il titolo di “Inter Diabolus Et Virgo” la ballata è riportata in un manoscritto del 1445, conservato adesso presso la Bodleian Library di Oxford (Rawlinson MS., 328, fo. 174v).
Così il menestrello canta e istruisce il pubblico sui personaggi della storia: la fanciulla e il diavolo
Wol ye here a wonder thynge
Betwyxt a mayd and the fovle fende?
Il “foul friend” è uno dei tanti nomi del Diavolo, in italiano si potrebbe dire con un gioco di parole “diabolico demonio” (foul richiama un che di sudicio, osceno)
LA MELODIA
Non sappiamo come veniva cantata nel Medioevo, conosciamo solo questo testo in Medio Inglese, fu il Bronson nel suo “The Singing Tradition of Child’s Popular Ballads” ad abbinare il testo alla “Lay the Bent to the Bonny Broom” in  “Pills to Purge Melancholy” del D’Urfey, 1719/20 (cf)
Così le Wilde Roses aggiungono il ritornello
Lay the bend to the bonny broom
Fa la la la la la la la la la

Wilde Roses 2017

INTER DIABOLUS ET VIRGO *
Wol ye here a wonder thynge
Betwyxt a mayd and the fovle fende?
Thys spake the fend to the mayd:
Beleue on me, mayd, to day.
Mayd, mote y thi leman be,
Wyssedom y wolle teche the:
All the wyssedom off the world,
Hyf thou wolt be true and forward holde
What ys hyer than ys tre?
What ys dypper than ys the see?
What ys scharpper than ys the thorne?
What ys loder than ys the horne?
What longger than ys the way?
What is rader than ys the day?
What bether than is the bred?
What ys scharpper than ys the dede?
What ys grenner than ys the wode?
What ys sweetter than ys the note?
What ys swifter than ys the wynd?
What ys recher than ys the kynge?
What ys yeluer than ys the wex?
What softer than ys he flex?
But thou now answery me,
Thu schalt for sothe my leman be.
Ihesu, for thy myld mygth,
As thu art kynge and knygt,
Lene me wisdome to answere here rygth,
And schylde me fram the fovle wygth!
Wewene ys heyer than ys the tre,
Helle ys dypper than ys the see.
Hongyr ys scharpper than the thorne,
Thonder ys lodder than ys the horne.
Loukynge us longer than ys the way,
Syn is rader than ys the day.
Godys flesse ys betur than ys the brede,
Payne ys strenger than ys the dede.
Grass ys grenner than ys the wode.
Loue ys swetter than ys the notte.
Thowt ys swifter than ys the wynde,
Ihesus ys recher than ys the kynge.
Safer is yeluer than ys the wexs,
Selke ys softer than ys the flex.
Now, thu fende, style thu be;
Nelle ich speke no more with the!

ANALISI TESTO
* Si rimanda alla traduzione italiana di Riccardo Venturi in Antiwarsongs.org
Il dialogo è in realtà una sfida che la fanciulla deve vincere a tutti i costi per non finire succube del demonio; egli la lusinga sussurrandole “Wyssedom y wolle teche the
(t’insegnerò la Scienza,
tutta la Conoscenza del Mondo)
e in cambio voglio solo la tua fedeltà
(leggasi adorazione). –
Richiama l’immagine biblica della Tentazione di Eva nel Paradiso Terrestre, non a caso il potere di cui si parla è LA CONOSCENZA.
Il serpente-fallo è la tentazione erotica che si avvinghia all’albero come fanno uomo e donna nel sesso.
[Masolino, Il Peccato Originale, 1420, affresco,Cappella Brancacci, S.Maria del Carmine, Firenze]
La fanciulla invoca Gesù affinchè nella sua potente armatura di re e cavaliere le faccia scudo contro il demonio [non sia mai che una donna si abbandoni ai piaceri sessuali, il suo ruolo è quella di moglie fedele e di madre].
Immagino la fanciulla che nel mentre risponde agli indovinelli traccia attorno a sè un cerchio protettivo, con l’ultima risposta scaccia il diavolo dicendogli semplicemente:
Now, thu fende, style thu be;
Nelle ich speke no more with the!

(E adesso taci Satanasso,
non parlerò più con te!)
L’essenzialità della ballata quattrocentesca è curiosamente rimasta intatta nella versione americana della storia, mentre nella Vecchia Europa si è trasformata in una ballata cavalleresca.

RIBALTAMENTO DEL SIGNIFICATO: IL CORTEGGIAMENTO A SCOPO MATRIMONIO

In alcune versioni più tarde del XVII e XVIII secolo abbiamo un ribaltamento del significato, la fanciulla per poter sposare il cavaliere deve rispondere saggiamente a degli indovinelli. Gli indovinelli compaiono spesso nei rituali nunziali come mezzo per riunire gli opposti, diventano un po’ il surrogato delle “imprese impossibili” compiute dall’eroe o dall’eroina della fiaba per poter ottenere un matrimonio vantaggioso.

VERSIONE A

Tre sorelle accolgono con sollecitudine uno “straniero” e la più giovane passa la notte con lui. Al mattino il cavaliere esorta la più giovane a rispondere ai suoi indovinelli e superata la prova la prende in sposa.
Come accade per questo tipo di struttura del canto il ritornello è ridotto a due versi che si alternano alle strofe
Melodia: Lay the bend to the bonny broom in Pills to Purge Melancholy, Thomas D’Urfey 1719/20

Anaïs Mitchell & Jefferson Hamer in “Child Ballads”, 2013


I
There were three sisters in the north
Lay the bend to the bonny broom
And they lived in their mother’s house
And you’ll beguile a lady soon
There came a man one evening late
And he came knocking at the gate
The eldest sister let him in
And locked the door with a silver pin
The second sister made his bed
And laid soft pillows ‘neath his head
The youngest sister, fair and bright
She lay beside him all through the nigh
II
And in the morning, come the day
She said, “Young man, will you marry me?”
And he said, “Yes, I’ll marry thee
If you can answer this to me”
“What is greener than the grass?
And what is smoother than the glass?”
“What is louder than a horn?
And what is sharper than a thorn?”
“What is deeper than the sea?
And what is longer than the way?”
III
“Envy’s greener than the grass
Flattery’s smoother than the glass”
“Rumor’s louder than a horn
Slander’s sharper than a thorn”
“Regret is deeper than the sea
But love is longer than the way”
IV
The eldest sister rang the bell
She rang it from the highest hill
The second sister made the gown
She sewed it of the silk so fine
The youngest sister, true and wise
They’ve made of her a lovely bride
And now fair maids, I bid adieu
These parting words I’ll leave with you
May you always constant prove
Unto the one that you do love
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
C’erano tre sorelle nel Nord 
poni il giunco con la bella ginestra (1)
che vivevano nella casa della madre
tra poco sedurrai una damigella (2)
Venne un uomo una sera tardi
a bussare ai cancelli,
e la sorella maggiore lo fece entrare
e bloccò la porta con una serratura d’argento (3)
la seconda sorella  gli fece il letto
e mise soffici cuscini per la testa,
la sorella minore, bella e gentile
giacque accanto a lui tutta la notte.
II
E al mattino allo spuntar del giorno
lei disse “Giovanotto, mi vuoi sposare?”
e lui rispose “Si, ti sposerò
se risponderai a queste domande
Cos’è più verde dell’erba?
e cos’è più levigato del vetro?
Cosa fa più rumore del corno?
e cos’è più pungente della spina?
Cos’è più profondo del mare
e che cos’è che va più lontano? (4)
III (5)
“La gelosia (5 bis) è più verde del bosco,
la lusinga più levigata del vetro
il pettegolezzo (5 ter) fa più rumore del corno,
la calunnia è più pungente della spina,
il rimpianto è più profondo del mare
ma l’amore va più lontano”
IV
La sorella maggiore (6) suonò la campana,
la suonò dalla collina più alta,
la seconda sorella confezionò l’abito,
lo cucì con la seta più fine,
della sorella minore, sincera e saggia
fecero una bella sposa.
E ora giovani fanciulle, vi porgo i saluti,
con queste parole di congedo vi lascio:
che possiate sempre mantenervi fedeli
a colui che amate 

NOTE
Le gare di indovinelli sono sfide serie e sacre, ma soprattutto con due  regole ben precise che impediscono ai concorrenti di barare: la risposta dell’indovinello deve essere ricavabile dal testo dell’enigma e condivisa dai partecipanti. Così per rispondere a queste domande bisogna pensare considerando l’aggettivo in termini metaforici e allegorici.
1) il refrain è presente anche in alcune versioni della ballata “The Cruel Sister“: alcuno traducono “bent” nel senso di “ricurvo” e quindi come un modo di descrivere l’horn cioè il corno (richiamando il corno o la tromba dell’elfo nella ballata “The Elfin Knight“) altri invece riconducono il termine all’Inglese antico (derivato dal sassone) nel senso di pianta o cespuglio della brughiera ossia l’erica o più in genera il giunco, in entrambi i casi il significato sessuale non cambia l’uomo è il bairn o il bent che si avvinghia alla – o entra nella- bella ginestra, la donna
2) in molte altre versioni il verso diventa solo un” Fa la la la la la la la la la”
3) l’argento ha forse la valenza di un amuleto o siamo in presenza delle curiose informazioni su come ci si presentava presso una vecchia dimora scozzese e come si sbarravano le porte?
4) letteralmente “più lungo della strada” o anche  “più ampio della distanza”
5) Nella risposta la fanciulla nomina gelosia (invidia)- lusinga -pettegolezzo – calunnia seguiti da rimpianto (rimorso) e Amore: qui siamo in piena allegoria e mi vengono in mente i dipinti quattrocenteschi del Botticelli (tanto per citarne uno l‘Allegoria della Calunnia). Così a un livello più profondo la ballata è uno strumento di comunicazione di “messaggi” moraleggianti
“la Calunnia sotto la figura di una bella donna, ma di uno sguardo terribile e tutto in fiamma, Invidia, agli occhi acuti e penetranti, ed in viso pallido e magro, precedeva la Calunnia ed essa era seguita dalla Insidia e dalla Lusinga, Vedevasi in lontananza la Verità [e io aggiungerei al suo posto per contestualizzarlo al “quadro” di questa ballata  il VERO AMORE] che avanzavasi lentamente su’ passi della Calunnia e che menava seco il Pentimento in abito lugubre, cogli occhi bagnati di lacrime e il viso coperto di rossore”. Eccoli qua tutti i nostri personaggi! (citazione trovata grazie al motore di ricerca qui)
5 bis ) il verde è il colore della gelosia e dell’invidia. Giorgio Gregori segnala che “l’etimologia di envy risulta essere “From Middle English envie, from Old French envie, from Latin invidia (“envy”), from invidere (“to look at with malice”) from in + videre (“on, upon” + “to look, see”).” Ma gli occhi verdi della gelosia è un’immagine poetica che ti resta dentro dopo aver letto l’Otello.
5 ter) e qui scatta subito il richiamo all’opera di Rossini nel Barbiere di Siviglia:
La calunnia è un venticello. Un auretta assai gentile, che insensibile sottile, leggermente dolcemente, incomincia a sussurrar.
Piano piano, terra terra, sotto voce sibillando, va scorrendo, va ronzando, nelle orecchie della gente. S’introduce destamente, e le teste ed i cervelli, fa stordir e fa gonfiar.
Dalla bocca fuori uscendo, lo schiamazzo va crescendo, prende forza a poco a poco, scorre già di loco in loco, sembra il tuono, la tempesta, che nel sen della foresta, va fischiando, brontolando, e ti fa d’orror gelar.
Alla fin trabocca, e scoppia, si propaga si raddoppia, e produce un esplosion, come un colpo di cannone, un tremuoto, un temporale, un tumulto generale, che fa l’aria rimbombar.
E il meschino calunniato, avvilito, calpestato, sotto il pubblico flagello, per gran sorte va a crepar.
6) in questa ballata non c’è rivalità tra le tre sorelle eppure secondo le consuetudini spetterebbe alla maggiore ricevere le attenzioni del corteggiatore

Allegoria della Calunnia, Sandro Botticelli (Galleria degli Uffizi- Firenze)

VERSIONE B: Juniper, Gentle & Rosemary

Jennifer Gentle”, “The Three Sisters” o “Juniper, Gentle & Rosemary” la ballata compare, peraltro in forma incompleta, in “Some Ancient Christmas Carols” di Davies Gilbert (seconda edizione 1823). E’ la versione più romantica della storia in cui la sorella più giovane risponde ai sei enigmi e sposa il “valiant knight”. Non è molto diffusa per lo più la troviamo in Irlanda e Inghilterra.  

Magpie Lane in Six For Gold 2002

Ed Trickett · Gordon Bok · Ann Mayo Muir in All Shall Be Well Again 1983


There were three sisters fair and bright,
Juniper, gentle and rosemary,(1)
And they three loved one valiant knight,
As the dew flies over the mulberry tree.
And the eldest sister let him in,
And she barred the door with a silver pin. 
And the middle sister made the bed,
And laid soft pillows beneath his head.
But the youngest sister that same night
She resolved to wed with that valiant knight.
“Oh it’s you must answer my questions three,
And then, fair maid, we can married be.
“Oh, what is louder than the horn?
And what is sharper than any thorn?”
“Oh, rumour is louder than the horn,
And hunger is sharper than any thorn.”
“And what is greener than the grass?
And what is smoother than the glass?”
“Oh, envy is greener than the grass,
And flatter is smoother than the glass.”
“And what is keener than the axe?
And what is softer than melting wax?”
“Oh, revenge is keener than the axe,
And love is softer than melting wax.”
“Now you have answered my questions three,
And now, fair maid, we can married be.”
traduzione italiano di Cattia Salto
C’erano tre sorelle buone e belle
Ginepro, Genziana e Rosmarino
e tutte e tre amavano un valente cavaliere
come la rugiada si posa sopra il gelso
La più grande lo fece entrare
e chiuse la porta con una spranga d’argento.
quella mediana fece il letto
e pose soffici cuscini per la testa
ma la più giovane quella stessa notte
decise di sposare il valente cavaliere
“Prima devi rispondere alle mie domande
e poi, bella pulzella, potremmo sposarci.
Cos’è più forte di un corno
e più acuminato di una spina?”
“Il pettegolezzo è più forte di un corno
e la fame è più acuminata di una spina.”
“Cos’è più verde dell’erba
e più levigato del vetro?”
“La gelosia è più verde dell’erba
e l’adulazione è più levigata del vetro.”
“Cos’è più affilata di un ascia
e più tenera della cera fusa?”
“La vendetta è più affilata di un ascia
e l’amore e più tenero della cera fusa.”
“Adesso che hai risposto alle mie domande
bella pulzella potremo sposarci!”

NOTE
1) sono i nomi delle tre sorelle Juniper, Gentian e Rosemary (in italiano Ginepro, Genziana e Rosmarino) oppure il tipico intercalare in cui si ricorre alla citazione delle erbe magiche. Gentle potrebbe essere il cognome di Jennifer oppure inteso come aggettivo e quindi la dolce Jennifer

Clancy Brothers & Tommy Makem in Flowers In The Valley 1969. La versione testuale è scritta e musicata dai fratelli Eddy e Finbar Furey e richiama solo vagamente la versione originale della ballata. Ma diffusa dai Clancy Brother è considerata una “classic irish love song”! La melodia condivide quella di The Three Sisters (cf)


I
Oh, Jennifer Gentle and Rosemaree
What is deeper than the sea?
And what is higher than the broadside,
As the dew  falls over the mulberry tree?
II
What does make my heart feel glad,
And turn my winters into spring,
When all the world is so very sad?
It’s the joy that Jennifer Gentle brings.
III
The sun has gotten the ocean’s cold,
A lovely silver and pure bright gold;
While we lean girls walk down to rest, (1)
On the welcome folds of the ocean’s breast.
IV
Love is deeper than the sea,
Jennifer Gentle and Rosemaree;
And the truth is higher than the broadside,
As the dew (2) falls over the mulberry tree.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
“O Jennifer Genlte e Rosemary
cos’è più profondo del mare?
E cos’è superiore come nei detti popolari
della rugiada che cade sul gelso?”
II
E cosa fa essere il mio cuore allegro
e mutare i miei inverni in primavera
mentre il resto del mondo è triste?
E’ la gioia che Jennifer Gentle porta.
III
Il sole ha preso il freddo dell’oceano
bell’argento e una pura luce dorata ,/ ci appoggiamo alle fanciulle per andare a dormire, come gradite onde tra le braccia del mare
IV
L’amore è più profondo del mare
Jennifer Genlte e Rosemary
e la verità è superiore come nei detti popolari,
della rugiada che cade sul gelso

NOTE
1) tra le frasi ricorrenti nelle sea song
2) la rugiada è un elemento che racchiude una piccola magia: è acqua ma non viene dal mare o dal fiume ma dall’aria e si posa a goccia, goccia sull’erba e le foglie, per assorbire la luce del sole e trasformarla in oro.

VERSIONE C

In questa versione la ballata assume dei contorni inquietanti e lo “straniero” che arriva per corteggiare le tre sorelle si rivela essere un seduttore/predatore. Il tema è già stato analizzato nella ballata Lady Isabel and the Elf Knight
L’ossessione ricorrente per il predatore in ballate e fiabe popolari era un modo per allertare le giovani fanciulle dei pericoli del mondo (inganni e stupri) e per metterle in guardia dai mariti violenti e prevaricatori che avrebbero cercato di dominarle; erano pillole di saggezza, insegnamenti di vita trasmesse dalle madri alle figlie (warning songs)
L’inizio è simile alla versione A in cui le tre sorelle accolgono con sollecitudine lo “straniero” e la più giovane passa la notte con lui. Al mattino il “cavaliere villano” nel senso di privo di modi cortesi e raffinati, esorta la sorella più giovane a rispondere ai suoi indovinelli e la minaccia però che, in caso di errore, sarà di certo portata via dall’old Nick (uno dei tanti pseudonimi del diavolo).
Solo allora la fanciulla (e con lei il pubblico) inizia ad avere timore dello straniero, e con la sua ultima risposta lo costringe a rivelarsi nel suo aspetto demoniaco!


There was a lady of the North Country,
Lay the bent to the bonny broom
And she had lovely daughters three.
And you may beguile a fair maid soon.
There came a stranger to the gate,
And he three nights and days did wait.
He came unto the lady’s door,
And asked where her three daughters here.
“The eldest is to the washing gone,
The second’s to the baking gone.
The youngest is to a wedding gone,
And it will be night before they’re home.”
He sat him down upon a stone,
Till the three lasses came tripping home.
The oldest one’s to the bed making,
The second one’s to the sheet spreading.
But the youngest sister so bold and bright,
She lay abed with this uncouth knight.
And in the morning when it was grey,
These words to her did the stranger say.
“Now answer me these questions three,
Or you shall surely go with me.
Now answer me these questions six,
Or you shall surely be old Nick’s.
What is sharper than the thorn?
What is louder than the horn?
What broader than the way?
What is colder than the clay?
What is greener than the grass?
And what is worse than a woman was?”
“Hunger is sharper then the thorn,
And thunder is louder than the horn.
Love is broader than the way,
And death is colder than the clay.
Envy’s greener than the grass,
And the Devil’s worse than a woman was.
As soon as she the fiend did name,
He flew away in a blazing flame
Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era una signora nel Nord del Paese 
poni il giunco con la bella ginestra 
che aveva tre amabili figlie
tra poco ingannerai una fanciulla
Venne un forestiero all’ingresso
e attese tre notti e tre giorni
Andò alla porta della signora
e le chiese dove fossero le sue tre figlie

“La più grande è andata al lavatoio
la seconda è andata al forno
La più giovane è andata a un matrimonio
e verrà notte prima che ritornino a casa”
Lui si sedette su una pietra
finchè le tre ragazze rientrarono
La più grande per fare il letto
le seconda per stendere le lenzuola
ma la più giovane sorella così audace e brillante,
per giacere a letto con questo rozzo cavaliere.

E al mattino quando schiariva
lo straniero le disse queste parole
“Ora rispondi a queste tre domande
o di sicuro ti porterò con me!
Ora rispondi a queste sei domande
oppure tu sarai di certo del vecchio Nick (1)

Cos’è più pungente della spina?
Cosa fa più rumore del corno?
Cos’è più ampio della distanza?
Cos’è più freddo dell’argilla?
Cos’è più verde dell’erba?
Cosa c’è di peggiore di una donna (2)?”

“La fame è più pungente della spina,
e il tuono (3) fa più rumore del corno.
L’amore è più ampio della distanza,
e la morte è più fredda dell’argilla
La gelosia (4) è più verde del bosco,
e il diavolo è peggiore della donna”
Non appena lei fece il nome del diavolo
questi volò via in una fiamma ardente (5)

NOTE
1) il diavolo ha vari soprannomi, molti dei quali includono il termine Old: Old Harry, Old Ned, Old Nick, Old One, Old Roger, Old Scratch, Old Horny, Old Gentleman
2) di certo non l’indovinello più adatto per un corteggiamento, essendo carico di misoginia!
3) nel tempo sia le domande che le risposte alla stessa domanda variano così troviamo “thunder is louder than the horn” ma anche “rumor
Giorgio Gregori segnala in Child #1
1A.17 ‘And thunder is louder than the horn,
And hunger is sharper than a thorn.
1B.7 ‘Thunder is louder than an horn,
And hunger is sharper than a thorn.’
1C.17 ‘Hunger is sharper nor a thorn,
And shame is louder nor a horn.
1D.8 ‘O hunger’s sharper than the thorn,
And thunder’s louder than the horn.
1[E.14] ‘Rumour is louder than a horn,
Hunger is sharper than a thorn.
vedi nota 5 ter
4) vedi nota 5 bis
5) il demone viene costretto a mostrarsi con le sue vere sembianze e quindi sconfitto e scacciato! Un tempo chi conosceva il nome delle cose era una persona potente, non solo nel senso di sapiente ma anche di mago: nella convinzione che nome e oggetto fossero interdipendenti, conoscere il nome di una cosa dava pote
re al mago sulla cosa stessa, la parola poteva essere manipolata, inserita in un rituale magico, controllata, da qui la riluttanza delle antiche genti nel rivelare il nome dei loro dei, del loro paese e anche del loro stesso nome.

Jean Redpath 1980
che ha registrato anche la versione Jennifer Gentle


A lady lived in the north country
Lay the bent tae the bonnie broom
And she had lovely daughters three
Fa la la la la la la la la la
There was a knight of noble worth
Who also lived intae the north
One night when it was cold and late
This knight he cam’ to the lady’s gate
The eldest daughter she let him in
She’s pinned the door wi’ a siller pin
The second daughter she’s made his bed
And Holland sheets sae fine she spread
The youngest daughter sae fair and bright
She lay abed wi’ this noble knight
If you will answer me questions three
It’s then fair maid I will marry thee
Oh what is louder than a horn
And what is sharper than a thorn
And what is longer than the way
And what is deeper than the sea
And what is greener than the grass
And what more wicked than a woman e’er was
Oh thunder’s louder than a horn
And hunger sharper than a thorn
And love is longer than the way
And hell is deeper than the sea
Envy’s greener than the grass
And the devil more wicked
than a woman e’er was
As soon as she the fiend did name
He flew awa’ in a bleezin’ flame
Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era una signora nel Nord del Paese
poni il giunco con la bella ginestra 
che aveva tre amabili figlie
Fa la la la la la la la la la
C’era un cavaliere di nobile nascita
che pure viveva nel Nord
Una notte che faceva freddo ed era tardi,
il cavaliere andò al cancello della signora,
la più grande delle sorelle lo fece entrare
e chiuse la porta con una serratura d’argento,
la seconda gli fece il letto,
stese lenzuola di fine lino olandese,
la più giovane sorella così bella e spendente,
giacque con questo nobile cavaliere.
“Se risponderai a queste tre domande
allora bella dama ti sposerò!
Cosa fa più rumore del corno?
Cos’è più pungente della spina?
Cos’è più lungo della strada?
Cos’è più profondo del mare?
Cos’è più verde dell’erba?
Cosa c’è di più malvagio di una donna ?”
“Oh  il tuono fa più rumore del corno
e la fame è più pungente della spina,
L’amore è più lungo della strada,
e l’inferno più profondo del mare
la gelosia è più verde dell’erba,
e il diavolo è più malvagio di quanto possa essere una donna”
Non appena lei fece il nome del diavolo
questi volò via in una fiamma ardente

RIDDLES WISELY EXPOUNDED
Inter Diabolus Et Virgo
Riddles wisely expounded: Anaïs Mitchell & Jefferson Hamer
Juniper, Gentle & Rosemary
Jennifer Gentle: The Clancy Brothers
Riddles wisely expounded: Jean Redpath
Devil’s Nine Questions (appalachian version)

FONTI
RIDDLE SONGS: WHAT DOES A WOMAN WANT!
http://www.dallarmellinagiordano.it/libri/ballate-europee-da-boccaccio-a-bob-dylan/
http://www.bluegrassmessengers.com/inter-diabolus-et-virgo–1445-rawlinson-child-a.aspx
http://www.bluegrassmessengers.com/recordings–info-riddles-wisely-expounded.aspx
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_1
http://mainlynorfolk.info/john.kirkpatrick/songs/bowdowntothebonnybroom.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/66.html
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=1076&all=1
http://www.pbm.com/~lindahl/ballads/early_child/sidebar5.html http://leggerearte.blogspot.com/2013/12/la-donna-serpente.html
https://artesemplice.blogspot.com/2014/06/sandro-botticelli-e-la-sua-allegoria.html
https://betterknowachildballad.wordpress.com/2012/07/02/child-1-riddles-wisely-expounded/
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16170
https://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=3170
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=56572
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=85953
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=140911
https://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=1223606
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/25/jennifer.htm
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/NonChristmas/three_sisters.htm
BIBLIOGRAFIA
L’eredità celtica. Antiche tradizioni d’Irlanda e del Galles (Alwin e Brinley Rees)

continua seconda parte

Pubblicato da Cattia Salto

folklorista delle Terre Celtiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.