Bluebeard (Lady Isabel and the Elf Knight ) – il Barbablù delle ballate popolari

The Ballad “Lady Isabel and the Elf Knight” defines a very specific theme of popular narrative through song, the Bluebeard of fairy tales, the archetype of the innate predator of the female psyche, as Clarissa Pinkola Estès says (Women who run with the wolves): in the fairy tale the girl consents to marry a creepy man with a long blue beard (overshadowed by her inexperience she ignores the predator’s signals)
Lady Isabel and the Elf Knight è diventato il titolo con cui per convenzione si definisce un tema ben preciso della narrazione popolare attraverso il canto, il Barbablù delle fiabe, l’archetipo del predatore innato della psiche femminile, per dirla con Clarissa Pinkola Estès (Donne che corrono con i lupi): nella fiaba la fanciulla acconsente di sposarsi con un uomo un po’ inquietante dalla lunga barba blù (offuscata dalla sua inesperienza non coglie i segnali del predatore) 

THE WOLF IN FAIRY TALES
[IL PREDATORE NELLE FIABE]

The recurrent obsession for the predator in ballads and popular fairy tales was a way to alert the young girls of the dangers of the world and to warn them against violent and prevaricating husbands who would try to dominate them; they were pills of wisdom, teachings of life transmitted from mothers to daughters.
L’ossessione ricorrente per il predatore in ballate e fiabe popolari era un modo per allertare le giovani fanciulle dei pericoli del mondo (inganni e stupri) e per metterle in guardia dai mariti violenti e prevaricatori che avrebbero cercato di dominarle; erano pillole di saggezza, insegnamenti di vita trasmesse dalle madri alle figlie.

ARCHIVE

Heer Halewijn (dutch version)
Brun (swedish version)
Lady Isobel and the Elf Knight, Lady Isabel and the Elf Knight
The water o Wearie’s Well’, Wearie’s Well, 
May Colvin, May Colvin, May Collin, May Collean,False Sir John
The Outlandish Knight (Rover)
Renaud, le tueur de femmes (french version)
L’Inglesa (italian version)

Lady Isabel and the Elf Knight

The ballad recalls The Elfin Knight (Child ballad # 2), in both the elf plays the horn as a sexual appeal, but here the story is definitely a Bluebeard tale: the knight-elf is invited, called by the girl herself who follows him spontaneously, unfortunately deceived by his seductive and kind manners. As soon as they arrive in the forest the mask of the gallantry falls and the elf declares his intention to kill her (presumably after raping her).
But the girl does not let herself be overcome by terror and with deception stabs the predator to death.
La ballata richiama per certi versi The Elfin Knight (Child ballad #2), in entrambe l’elfo suona il corno come richiamo sessuale, ma qui la storia è decisamente un racconto alla Barbablù: il cavaliere-elfo è invitato, chiamato dalla fanciulla stessa che lo segue spontaneamente, purtroppo ingannata dai suoi modi seducenti e gentili. Appena giungono nel bosco la maschera della galanteria cade e l’elfo le dichiara la sua intenzione di ucciderla (presumibilmente dopo averla violentata).
Ma la ragazza non si lascia sopraffare dal terrore e con l’inganno pugnala a morte il predatore.

The ballad has spread throughout Europe and perhaps the oldest version comes from the Scandinavian but a text entitled “Heer Halewijn” dating back to the 14th century, it comes from Flanders.
Thus Professor Child assumes that the story may have originated in the Netherlands, since the Flemish and Dutch versions report the fundamental elements of the story, better than all the others. But we know that the archetypal stories do not have a precise point of origin, because they are born from the same collective imagination. In the evolution of history two final solutions occur: the first one considered the oldest is that in which the girl saves herself; the second, as in Bluebeard, the one in which he calls his brother (or another relative) for help, who manages to prevent violence (or arrives too late but does revenge anyway)
La ballata si è diffusa in tutta Europa sia in forma di canto che di fiaba, forse la versione più antica arriva dai paesi scandinavi, e un testo dal titolo Heer Halewijn risalente al XIV secolo, proviene dalle Fiandre. Così il professor Child suppone che la storia potrebbe essere originaria dei Paesi Bassi, essendo le versioni fiamminghe e olandesi a riportare meglio di tutte le altre gli elementi fondamentali del racconto. Ma si sa che le storie archetipe non hanno un punto d’origine ben preciso, perchè nascono dallo stesso immaginario collettivo. Nell’evolversi della storia si verificano due soluzioni finali: la prima quella ritenuta più antica è quella in cui la ragazza si salva da sola; la seconda, come in Barbablù, quella in cui chiama in aiuto il fratello (o un altro parente) il quale riesce a impedire la violenza (oppure arriva troppo tardi ma compie comunque la vendetta)

SWEDISH VERSION: Brun the Robber

Garmana, Brun

Brun han rider till jungfruns gård
Brun sover allena
Ute för honom jungfrun står
Det blåser och det regnar
Nordast uti fjällen, där vila ock tre nordmän
II
Brun han breder ut kappan blå
Och själver lyfter han jungfrun uppå
III
Brun han rider till Rosenlund
Där lyster han att vila en stund
IV
Och hör du min jungfru vad jag säger dig
Här har jag gjort av med femton jungfrur förr
V
Och Brun han lade sig i jungfruns sköt
Och på honom rann en sömn så söt
VI
Jungfrun tog upp sin förgyllande sno
Så band hon Brun till hand och till fot
VII
Statt upp du Brun så hastelig
Jag vill ej i sömnen förgöra dig
VIII
Och jungfrun tog upp sin förgyllande kniv
Så stack hon den i Bruns unga liv
IX
Och ligg nu här båd’ för hund och för ramm
Ännu skall jag bära mitt jungfrunamn
X
Och ligg nu här på svartan mull
Ännu skall jag bära mitt jungfrugull

traduzione italiano Cattia Salto
Bruno cavalca verso la dimora della fanciulla
Bruno dorme tutto solo
la fanciulla era fuori ad aspettarlo/ vento e pioggia di tempesta si abbattono sulle montagne del Nord, là dormono tre uomini dei fiordi (1)
II
Bruno stende il drappo blu 
issa la fanciulla e parte al galoppo
III
Bruno cavalca al boschetto delle rose (2)
finchè si ferma a riposare un poco
IV
«Udite bene, madamigella, ciò che ho da dirvi
quaggiù uccisi 15 fanciulle”
V
E Bruno si riposò nel grembo della fanciulla
finchè un dolce sonno lo colse
VI
La fanciulla si sciolse le bionde trecce (3)
e legò Bruno mani e piedi 
VII
“Svegliati Bruno, svelto,
perchè mai ucciderò un uomo nel sonno”
VIII
La fanciulla prese il suo coltello dorato
e pugnalò Bruno dritto al cuore
IX
“E ora resterai qui per i cani e i corvi (4)
e io resterò fanciulla.
X
E ora starai nella dura terra
e io conserverò la mia verginità»

english translation here
NOTE
1) letteralmente uomini del Nord, norvegesi
2) letteralmente “rosen lund”= boschetto delle rose, forse riferito a una località
3) scioglie le trecce e le taglia per usarle come funi
4) ramm è una parola collegata ad un artiglio come il rostro di una nave

SCOTTISH VERSION: Aye as the gowans grow gay

the gowans grow gay

Child ballad # 4 A
The ballad features Lady Isabel (or Isobel) sewing in her quarters, surprised by the sound of the Elf’s horn.
Like the Ballad of Tam Lin we are in May and the young maiden is taken by a mischievous sexual desire, but here by magic the knight appears at her window and invites her to ride together in the wood, as from custom among young people to celebrate fertility rituals.
Once in the thick of the woods, the knight orders Lady Isabel to get ready, because he has killed already seven princesses and she would have been the eighth. The girl convinces him to rest a little, and with persuasive words and caresses she lulls him to sleep and kills him with a dagger ..
La ballata ha come protagonista Lady Isabel (o Isobel) intenta a cucire nei suoi alloggi, sorpresa dal suono del corno dell’Elfo.
Come per la Ballata di Tam Lin siamo a Maggio e la giovanetta viene presa da un languore, da un desiderio sessuale malizioso, ed ecco che per magia il cavaliere compare alla sua finestra e la invita a cavalcare assieme nel bosco, come da consuetudine tra i giovinetti per celebrare i rituali della fertilità.
Giunti nel folto del bosco, il cavaliere ordina a Lady Isabel di scendere e di prepararsi, perché già sette principesse avevano trovato la morte per sua mano e lei sarebbe stata l’ottava. La fanciulla riesce a convincerlo ad aspettare un poco, e con parole suadenti e carezze lo culla fino a farlo addormentare: così lo uccide con un pugnale..

THE SACRIFICE OF BELTANE
[SACRIFICIO DI BELTANE]

An anthropological reading sees in this history the metaphor of an archaic magic ritual to propitiate the harvest: the sacrifice of the king of May; both protagonists follow the rite of their own accord, the maiden utters a spell and binds him like a sacrificial lamb, so the seven queens of May join in marriage with the sacrificial king and the earth will be fertilized to bring prosperity to the whole community . We cannot fail to glimpse the demonization of pre-Christian rites in which luminous and divine beings are assimilated to magical creatures that hide and take refuge in the sacred tumuli, in the thick of the woods or in the depths of the waters with more evil than beneficial characteristics.
Una lettura antropologica vede nella storia la metafora di un rituale magico arcaico per propiziare il raccolto: il sacrificio del re del Maggio; entrambi i protagonisti seguono di loro volontà il rito, la fanciulla pronuncia una formula magica e lo lega come un agnello sacrificale, così le sette regine del Maggio si congiungono in matrimonio con il re sacrificale e la terra sarà fecondata per portare prosperità a tutta la comunità. Non possiamo non intravedere la demonizzazione dei riti pre-cristiani in cui esseri luminosi e divini vengono assimilati a creature magiche che si nascondono e rifugiano nei tumuli sacri, nel folto dei boschi o nelle profondità delle acque con caratteristiche più malefiche che benefiche.

Lisa Theriot 

Lady Isabel
sat at her window a-sewing
Aye as the gowans grow gay
When she heard an elf-knight
on his bright horn(1) a-blowing
On the first morning in May(2).
“Oh, I wish I’d that horn
that I hear blow so clearly
And yonder elf-knight
for to love me so dearly.”
This maiden had scarcely
the fatal words spoken
When in at her window
the elf-knight has broken.
“It is a strange matter,
fair maiden,” said he
“I canna blaw horn
but ye call out to me.”
“But will ye go on down
unto yon greenwood(3) side?
Come take a fair horse,
and together we’ll ride.”
And he’s leapt on a horse,
and she on another
And they have gone down
to the greenwood together.
“Light down ye, light down ye,
fair maiden,” said he
“We are come to the place
where ye are to die.”
“Hae mercy, hae mercy,
Sir elf-knight, on me
Till aince more my father
and mother I see.”
“Well, seven king’s daughters here have I slain
And ye’ll be the eighth
will forever remain.”
“Oh, sit down awhile,
lay your head on my knee
That we may take rest
here before that I die.”
She’s stroked his dark head
and she’s whispered sae sweet
That the elf-knight
was soon lulled fast(4), fast asleep.
And she’s ta’en his ain sword belt
and bound him around
And wi’ his ain dirk struck
the fiend his death wound.
“If seven king’s daughters(5)
were slain here by ye
Then lie here
and keep them all good company.”

traduzione italiano Cattia Salto
Lady Isabella
è seduta alla finestra a cucire
Sì, mentre le margherite crescono belle
Quando udì il cavaliere degli elfi
che soffiava nel suo corno lucente(1)
Il primo mattino di maggio(2)
«Se avessi quel corno,
che sento suonare distintamente,
e quel cavaliere degli elfi
ad amarmi teneramente!»
La giovane non aveva neppure finito
di dire le fatali parole,
che alla finestra
il cavaliere degli elfi era balzato:
«È una cosa ben strana,
bella dama», disse lui,
«Non appena suono il corno,
tu mi chiami.
Ma vuoi venire laggiù
verso quel bosco magico(3)?
Vieni, prendi un bel cavallo
e insieme cavalcheremo.»
Lui montò su un cavallo
e lei su un altro
e cavalcarono fino
al bosco magico insieme
«Scendi, scendi,
bella fanciulla», disse lui,
«Siamo arrivati nel luogo
dove devi morire.»
«Abbiate pietà, abbiate pietà
Sir cavaliere degli elfi, di me
fino a quando un’ultima volta mio padre
e mia madre vedrò .»
«Sette figlie di re qui ho ucciso
e tu sarai l’ottava
che per sempre resterai»
«Oh sedetevi qui un momento,
ponete il capo sulle mie ginocchia,
così che ci riposiamo qui
prima che io muoia.»
Gli carezzò i neri capelli
e gli cantò così soavemente
che il cavaliere degli elfi
fu bel presto incantato (4) e addormentato.
Con la cintola della sua spada
lo legò stretto (5)
e con il suo pugnale crudele
il demone ferì a morte.
«Se sette figlie di re(6),
sono state uccise qui da te
allora giaci qui,
e tieni buona compagnia a tutte loro.»

NOTE
1) the horn is a tool mostly for “military” use but also a valid alert sound, as it can be heard over long distances. Here is also a magic horn that arouses desire in those who hear it
il corno è uno strumento per lo più ad uso “bellico” ma anche un valido richiamo- allerta, essendo il suo suono udibile sulle lunghe distanze. Qui è anche un corno magico che suscita il desiderio in chi lo sente. 
2) it is the first of May and like the ballad of Tam Lin the spectators are warned that the awakening of nature conveys something erotic and perhaps obscure, just as the elf’s horn is an evident phallic symbol. For the Celts it is the beginning of the clear season of the year ruled by Bel and celebrated with Beltane when the youngsters dressed in green and disguised as knights-elves entice the girls to mate. The ritual provided that the boys scattered in the woods and played the horn as a call while the girls would soon go looking for them.
è il primo di maggio e come per la ballata di Tam Lin gli spettatori sono avvisati che il risveglio della natura veicola qualcosa di erotico e forse oscuro, così come il corno dell’elfo è un simbolo fallico evidente. Per i Celti è l’inizio della Stagione chiara dell’anno governata da Bel e festeggiata con Beltane quando i giovinetti vestiti di verde e camuffati da cavalieri-elfi invogliavano le ragazze ad accoppiarsi. Il rituale prevedeva che i ragazzi si disperdessero nel bosco e suonassero il corno come richiamo mentre le ragazze sarebbero andate presto a cercarli.
3)  the greenwood is the deepest and most green, sacred wood where the Celts performed some rites of passage and those of fertility were. We do not know what were the ceremonies that took place in the Nemeton at the time of the Celts but it was certainly a place where sacrifices were made to the gods. Now a question inevitably arises: did the Druids offer human sacrifices to their gods?
il greenwood è il bosco più profondo quello più verde e sacro dove anticamente si eseguivano i riti di passaggio e quelli della fertilità. Non sappiamo quali fossero le cerimonie che ai tempi dei Celti si svolgevano nel Nemeton ma certamente era un luogo in cui si compivano sacrifici agli dei. Ora una domanda si pone inevitabilmente: i Druidi offrivano sacrifici umani alle loro divinità? continua
4) The girl is not so disarmed in front of the predator as it might have seemed, on the contrary she possesses a wild force that makes her sing words of magic. In anthropological reading the girl has no magic, she simply recites (or sings) the words of the ritual
La fanciulla non è poi così disarmata davanti al predatore come poteva sembrare, anzi possiede una forza selvaggia che le fa cantare parole di magia. Nella lettura antropologica la fanciulla non possiede nessuna magia, semplicemente recita (o canta) le parole del rituale
5) in almost all the versions it is underlined the fact that the girl binds the hands and the feet of the elf, probably it was part of the sacrificial ritual, the victim anciently was tied not only for a practical purpose
in quasi tutte le versioni si sottolinea il fatto che la fanciulla leghi le mani e i piedi dell’elfo, probabilmente era parte del rituale sacrificale, la vittima da immolare anticamente veniva legata non solo per uno scopo pratico
6)  the sacrifice of seven virgins of royal blood on offer to the gods must be followed by that of a prince to guarantee the fruits of nature. The girl kills the knight to close the circle
il sacrificio di sette vergini di sangue reale in offerta agli dei deve essere seguito da quello di un principe per garantire i frutti della natura. Così è la fanciulla che uccide il cavaliere per chiudere il cerchio

The story for its dark charm is also interpreted with folk-rock arrangements.
La storia per il suo fascino oscuro è interpretata anche con arrangiamenti folk-rock.

Steeleye Span The Elf Knight in Time 2005

Angus Mohr

The elf-knight sits on yonder hill
Fine flowers in the valley
He blows his horn both loud and shrill
As the rose is blown.
He blows it East, he blows it West
He blows it where he liketh best
Lady Isabel sits a-sewing
When she heard the elf-knight’s horn a-blowing
“Would I had that horn a-blowing
And yon elf-knight for to sleep in my bosom”
Scarcely had she these words spoken
When in at the window the elf-knight’s broken
“It’s a very strange matter, fair maid, said he
I cannot blow my horn, but you call on me
But will you go to the greenwood side
If you will not go, I’ll cause you to ride!”
He leapt on his horse and she on another
And they rode on to the greenwood together
“Light down, light down, Isabel, said he
For we’re come to the place where you are to die
It’s seven kings daughters, here have I slain
And you shall be the eighth of them”
“Sit down a-while, lay your head on my knee
That we may rest before I die”
She stroked him so fast the nearer he did creep
And with a small charm, she’s lulled him to sleep
With his own sword-belt so fast she’s bound him
With his own dagger so sore she’s stabbed him
“If seven kings daughters here have you slain
Then lie you here, a husband to them all”

traduzione italiano Cattia Salto
Il cavaliere elfo sta su quella collina
oh i bei fiori nella valle
soffia nel corno forte e penetrante
mentre la rosa fiorisce
soffia a Est, soffiava a Ovest
lo soffia dove più gli piaceva
Lady Isabella è seduta alla finestra a cucire
Quando udì il corno del cavaliere degli elfi
«Se avessi quel corno, e quel cavaliere degli elfi che dorme sul mio seno»
Non aveva neppure finito di parlare
che alla finestra il cavaliere degli elfi era balzato:
«È una cosa ben strana, bella dama-disse lui,-
Non appena suono il corno, 
tu mi chiami.
Ma vuoi venire nel bosco più verde?
Se verrai ti farò galoppare!”
Lui montò su un cavallo e lei su un altro
e cavalcarono fino al bosco sacro insieme
«Scendi, scendi, Isabella- disse lui-
Siamo arrivati nel luogo dove devi morire.
«Sette figlie di re qui ho ucciso e tu sarai l’ottava”
«Oh siedi un momento, posa la testa sulle mie ginocchia, che ci riposiamo prima che io muoia.»
Lo accarezzò rapida appena si avvicinò
e con un incanto lo cullò per addormentarlo
Con la cintola della sua spada lo legò stretto
e con il suo pugnale aguzzo lo pugnalò.
«Se sette figlie di re, sono state uccise qui da te
allora giaci qui, come loro marito»

LINK
http://www.bluegrassmessengers.com/4-lady-isabel-and-the-elf-knight.aspx
http://ontanomagico.altervista.org/nemeton.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Lady_Isabel_and_the_Elf_Knight http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_4 http://isoladiman.altervista.org/herrhal/herrhal.htm http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/essay5.htm
http://www.contemplator.com/child/variant4.html http://betterknowachildballad.wordpress.com/2012/07/24/child-4-lady-isabel-and-the-elf-knight-part-1/ http://mysongbook.de/msb/songs/e/elfknigh.html http://www.jigheads.com/recordings/this%20thin%20place.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=22848

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.