Crea sito

Maid of Amsterdam (or Plymouth)? What a-roving boy!!!

Con il titolo di “A-roving” si indicano alcune canzoni marinaresche (sea shanty) risalenti (con discordi pareri tra gli studiosi) all’epoca Tudor o quantomeno al regno di Elisabetta I.
Altri le collegano alla canzone tradizionale scozzese “The  Jolly Beggar” con cui condividono il ritornello.
Si narra di una relazione sessuale tra il protagonista e una fanciulla più o meno “innocente”.
Nella versione che iniziò a circolare nelle raccolte di sea shanties a metà Ottocento è una capstan chanty occasionalmente cantata anche come “canzone ricreativa” nelle ore libere  (forebitter song) o nei momenti conviviali a terra. Il nostro marinaio è in cerca di ricreazione dopo essere sbarcato nel porto (di Amsterdam o di Plymouth/Portsmouth)

MAID OF AMSTERDAM

Una prima versione è tratta dal film “Moby Dick” (1956)  con i marinai che bevono ai tavoli dello “Spouter Inn” a New Bedford. E’ evidentemente descritto un rapporto sessuale tra una “donnina del porto” e un marinaio, con parole che all’epoca non aveva bisogno di sottotitoli per essere comprese.

In Amsterdam there lived a maid, and she was mistress of her trade
I’ll go no more a roving..
Her cheeks were red, her eyes were brown, mark well what I do say,
Her cheeks were red, her eyes were brown, her curly hair was hanging down
I’ll go no more a roving.

Paul Clayton  in Whaling And Sailing Songs 1954


I
In Amsterdam there lived a maid,
Mark well what I do say!
In Amsterdam there lived a maid,
Who was always pinchin’ the sailor’s trade.
I’ll go no more a roving with you fair maid!
A rovin’, a rovin’,
Since rovin’s been my ru-i-in,
I’ll go no more a roving,
With you fair maid!
II
I took this maiden for a walk,
I took this maiden for a walk,

She wanted some gin and didn’t she talk.
III
She said, “You sailors I love you so,”
“All you sailors, I love you so,”
And the reason why I soon did know.
IV
She placed her hand upon my knee (1)
She placed her hand upon my knee,
I said “Young miss, you’re rather free.”
V
I gave this miss a parting kiss,
I gave this miss a parting kiss,
When I got aboard my money I missed.
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Ad Amsterdam viveva una fanciulla,

ascoltate bene quello che ho da dirvi,
ad Amsterdam viveva una fanciulla
che era sempre in affari con i marinai.
Non verrò più in giro con te bella.
In giro, in giro,

da quando andare in giro è stata la mia rovina
non andrò mai più in giro
con te mia bella fanciulla!

II
Ho portato a spasso la fanciulla,
Ho portato a spasso la fanciulla,
ma lei voleva del gin e non parlava.
III
Disse “Amo così tanto voi marinai,
tutti voi marinai, vi amo così tanto”
e il perchè presto lo scoprii
IV
Mise la mano sul mio ginocchio
Mise la mano sul mio ginocchio
“Signorina come siete generosa!”
V
Le diedi il bacio dell’addio
Le diedi il bacio dell’addio

e quando salii a bordo i miei soldi erano spariti!

NOTE
1) in altre versioni la strofa dice il contario cioè è l’uomo a fare la prima mossa
I placed my hand upon her knee—
She said, ‘Young man, you’re rather free.’

Nelle collezioni e raccolte di sea shanty si riportano numerose varianti testuali (vedi) in questa versione ad esempio, il galante incontro è bruscamente interrotto dalla comparsa di un teutonico marito, e si conclude molto probabile  con una bella scazzottata finale anche se non menzionata, infatti alla fine della storia il nostro marinaio raccomanda gli altri compagni di stare attenti a prendersi troppe libertà con le donne sposate!!

Assasin’s Creed 4: Black Flag

Traduzione italiana di Cattia Salto
I
In Amsterdam there lived a maid,
Mark well what I do say!
In Amsterdam there lived a maid,
And she was mistress of her trade.
I’ll go no more a roving with you fair maid!
A roving, a roving,
Since roving’s been my ru-i-in,
I’ll go no more a roving,
With you fair maid!
II
I asked this maid to take a walk,
I asked this maid out for a walk,
That we might have some private talk.
III
Then a great big Dutchman rammed my bow (1),
For a great big Dutchman rammed my bow,
And said “Young man, dees ees meine frau!” (2)
IV
Then take fair warning boys from me,
So take fair warning boys from me
With other men’s wives,

don’t make too free
I
Ad Amsterdam viveva una fanciulla,
ascoltate bene quello che ho da dirvi,
ad Amsterdam viveva una fanciulla
che era sempre in affari con i marinai.
Non verrò più in giro con te bella.
In giro, in giro
da quando andare in giro è stata la mia rovina 
non andrò mai più in giro

con te mia bella fanciulla!
II
Ho chiesto alla ragazza di fare una passeggiata,
Ho chiesto alla ragazza di fare una passeggiata,
chè dovevamo fare una conversazione in privato
III
Poi un grande e grosso Olandese mi speronò,
un grande e grosso Olandese mi speronò
e disse: “Giovanotto questa essere mia signora!”
IV
Così ascoltate un buon suggerimento, ragazzi
ascoltate un buon suggerimento, ragazzi,
con le mogli degli altri uomini,
non prendetevi troppe libertà,

NOTE
1) termine nautico
2) pronunciare la frase con accento tedesco

MAID OF PLYMOUTH

La versione testuale per il progetto Short Sharp Shantie sposta il porto in Inghilterra e aggiunge qualche ulteriore strofa nella “progressione anatomica” del corteggiamento. In effetti si riprende il filone delle bawdy songs che potrebbe avere origini medievali. Già Cecil Sharp pubblica in  “One Hundred English Folksongs”, 1916 una coppia di frammenti dal titolo Gently Johnny e Fair Maid of Wickam (cf) in cui sono descritti gli approcci sessuali di una coppia. continua

Jim Mageean in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 2

Traduzione italiana di Cattia Salto
I
In Plymouth town there lived a maid,
bless you young women
In Plymouth town there lived a maid,
Mind well what I do say,
In Plymouth town there lived a maid,
And she was a mistress of her trade.
I’ll go no more a-roving with you, fair maid.

A-roving, a-roving,
since roving’s been my ru-i-in,
I’ll go no more a-roving
with you, fair maid.

II
I took this fair maid for a walk,
I took this fair maid for a walk,
I took this fair maid for a walk,
And we had such a loving talk.
III
I took her hand within my own
I took her hand within my own
I took her hand within my own,
and said, “I’m bound for my old town”
IV
I put my arm around her waist
I put my arm around her waist
I put my arm around her waist
said she “Young man you are in great haste”
V
I put my hand upon her knee
I put my hand upon her knee
I put my hand upon her knee

said she “Young man you’re much too free!”
VI
I put my hand upon her thigh
I put my hand upon her thigh
I put my hand upon her thigh
said she, “Young man, you’re not too hight!”
VII
I leaved that fair maid over the stile (1)
I leaved that fair maid over the stile
I leaved that fair maid over the stile
and nine months after she had a little child
VIII
This girl she left me broken bent (2)
This girl she left me broken bent
This girl she left me broken bent
so back to see I quickly went
I
A Plymouth viveva una fanciulla,
che siano benedette le fanciulle
A Plymouth viveva una fanciulla,

badate bene a quello che ho da dirvi,
A Plymouth viveva una fanciulla
che era una professionista della strada
Non verrò più in giro con te mia bella.
In giro, in giro,

da quando andare in giro è stata la mia rovina
non andrò mai più in giro
con te mia bella fanciulla!

II
Portai a spasso questa bella fanciulla,

portai a spasso la bella fanciulla
portai a spasso la bella fanciulla
e abbiamo fatto una piacevole conversazione
III
Le presi la mano tra le mie

Le presi la mano tra le mie
Le presi la mano tra le mie
e dissi “Sono in partenza per le mia vecchia città”
IV
Le misi il braccio attorno alla vita
Le misi il braccio attorno alla vita
Le misi il braccio attorno alla vita
e lei disse “Giovanotto andate di fretta!”
V
Le misi la mano sul ginocchio
Le misi la mano sul ginocchio
Le misi la mano sul ginocchio

e lei disse “Giovanotto siete troppo in libertà”
VI
Le misi la mano sulla coscia
Le misi la mano sulla coscia
Le misi la mano sulla coscia
e lei disse “Giovanotto non siete troppo alto!”
VII
Lasciai quella graziosa fanciulla al palo,

lasciai quella graziosa fanciulla al palo,
lasciai quella quella graziosa fanciulla al palo
e nove mesi dopo ebbe un piccolo bambino
VIII
La ragazza mi lasciò a pezzi
La ragazza mi lasciò a pezzi
La ragazza mi lasciò a pezzi
così ritornai presto a rivederla

NOTE
1)
tradotto a senso
2) la frase allude al contagio di una malattia venerea

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/gently-johnny/
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/aroving.html
https://en.wikisource.org/wiki/Maid_of_Amsterdam
http://www.jsward.com/shanty/amsterdam/index.html
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=336
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=337
http://www.contemplator.com/sea/maidams.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5070
http://boundingmain.com/lyrics/a_rovin.htm
http://ingeb.org/songs/inplymo.html

Pubblicato da Cattia Salto

folklorista delle Terre Celtiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.