Archivi tag: testamento dell’avvelenato

Jimmy Randal

Una ballata popolare che inaugura un genere narrativo ripreso in molteplici varianti detto “il testamento dell’avvelenato”: la  storia di un figlio morente, perchè è stato avvelenato, che ritorna dalla madre per coricarsi a letto e fare testamento; con tutta  probabilità la ballata parte dall’Italia, passa per la Germania per arrivare  in Svezia e poi diffondersi nelle isole britanniche (Lord Randal) fino a sbarcare in  America. (vedi introduzione)
In America il titolo nobiliare viene omesso in favore del nome proprio così il protagonista diventa “Jimmy Randal”, “Jimmy Randolph”, “Jimmy Ransome”, oppure “Tiranti, my love”.
La vittima ha comunque molti nomi differenti: ‘Laird (= Lord) Rowland’ (Scozia), ‘Reynolds’, ‘Tyranty’ (New England), ‘Diranty’, ‘Duranty’, per arrivare ad un ‘Durango’ dell’Oklahoma, che ci ricorda certo più il Messico che le montagne scozzesi. In Virginia diventa ‘Johnny Randolph’ (con un cognome abbastanza simile all’originale; ma la sequenza ‘r-n’ o ‘-ran-‘ è presente in tutte le varianti del nome), mentre nella Carolina del Sud, persosi il nome, è rimasta comunque una sorta di coscienza dell’origine ed il protagonista diventa ‘McDonald’. Come è ovvio, in America il titolo nobiliare è di solito omesso.”
‘Lord Randal’, essendo tra le ballate più note, seguì nel Nuovo Mondo i primi colonizzatori scozzesi che vi si stabilirono (verrebbe voglia di dire: dagli Appennini agli Appalachi…): qui, alla perfida avvelenatrice spettano di solito il ‘fuoco infernale’ e lo ‘zolfo… per bruciar le sue ossa fino a carbonizzarle’ (Cox, p. 26), ma si ha anche il caso di un Lord Randal della Carolina del Sud (Smith, p. 102) che sbotta appassionatamente (in modo tipicamente yankee, diremmo): Le lascio un barile di polvere Per farla saltare in aria!” (Roberto Venturi)

LA VERSIONE DI JOHN JACOB NILES

John Jacob Niles (Louisville, Kentucky, 28 aprile 1892, Lexington, Kentucky, 1 marzo 1980) era un compositore, cantante e collezionista americano di ballate tradizionali.
ASCOLTA John Jacob Niles raccolse la versione dalla testimonianza di Solomon e Beth Holcolm di Whitesburg nel 1932

“Where have you been,
Jimmy Randall, my son,
Where have you roved,
my oldest dear one?”
“O mither o mither,
go make my bed soon,
cause my courting has sicked me
and
I fain would lay doon.”
“What had you for supper
Jimmy Randall, my son,
What had you for supper
my oldest dear one?”
“Some fried eels and parsnips, (1)
go make my bed soon,
cause my courting has sicked me
and
I fain would lay doon”
“What will you give me,
Jimmy Randall, my son,
What will you your mother,
my oldest dear one?”
“My houses and my lands,
make my bed soon,
cause my courting has sicked me
and
I fain would lay doon.”
“What will you your father,
Jimmy Randall, my son,
What will you your father,
my oldest dear one?”
My wagon and team, mither
make my bed soon,
cause my courting has sicked me
and
I fain would lay doon.”
What will you your brother,
Jimmy Randall, my son,
What will you your brother,
my only dear’s one?”
My horn and my hound
make my bed soon,
cause my courting has sicked me
and
I fain would lay doon.”
And what will you your sweetheart
Jimmy Randall, my son,
what will you your sweetheart
my oldest dear one?
“Bullrushes, bullrushes (2)
and them all parched brown
for she give me the pizen
that I did drink down ”
“And when you are dead
Jimmy Randall, my son,
And when you are dead
my oldest dear one?”
Go dig me a grave
‘side my grandfather’s son (3)
cause my courting has sicked me
and I fain would lay doon
Traduzione italiano di Cattia Salto
“Dove sei stato
Jimmy Randall figlio mio
“Dove sei andato in giro
il mio più adorato?”
“O madre, madre
vai a prepararmi il letto
perchè il mio amore mi ha avvelenato
e temo di dovermi coricare”

“Cosa hai preso per cena
Jimmy Randall figlio mio
“Cosa hai preso per cena
il mio più adorato?”
O delle anguille fritte e pastinaca
vai a prepararmi il letto
perchè il mio amore mi ha avvelenato e temo di dovermi coricare”
“Cosa disponi per me
Jimmy Randall figlio mio
cosa lascerai a tua madre
il mio più adorato?”
“Le mie case e terre
prepararmi il letto
perchè il mio amore mi ha avvelenato e temo di dovermi coricare”
Cosa lascerai a tuo padre
Jimmy Randall figlio mio
cosa lascerai a tuo padre
il mio più adorato?”
“Il mio carro e i cavalli, madre
prepararmi il letto
perchè il mio amore mi ha avvelenato e temo di dovermi coricare”
Cosa lascerai a tuo fratello
Jimmy Randall figlio mio
cosa lascerai a tuo fratello
il mio più adorato?”
“Il mio corno e il levriero
prepararmi il letto
perchè il mio amore mi ha avvelenato e temo di dovermi coricare”
“Cosa lascerai alla tua fidanzata
Jimmy Randall figlio mio
Cosa lascerai alla tua fidanzata
il mio più adorato?”
“Un fico secco, un fico secco
tutto avvizzito
perchè lei mi ha dato il veleno
che ho bevuto”
” E quando sarai morto
Jimmy Randall, my son,
quando sarai morto
il mio più adorato?”
“Va a scavare una tomba
accando al figlio di mio nonno
perchè il mio amore mi ha avvelenato e temo di dovermi coricare”

NOTE
1) la pastinaca è un tubero che assomiglia a una grossa carota (è infatti considerata una carota selvatica) ma è di colore nocciola, ha un sapore dolce molto fresco, una via di mezzo tra carota, sedano rapa e radice di prezzemolo. Da non confondersi con i ravanelli molto più insapore
2) bulrushes sono i giunchi e in particolare la varietà detta stiancia, ho preferito tradurre con un’espressione in italiano
3) in questo contesto uno zio 

FONTI
http://terreceltiche.altervista.org/lord-randal/
http://bluegrassmessengers.com/english-and-other-versions–12-lord-randal.aspx
http://bluegrassmessengers.com/us–canadian-versions-child-12-lord-randal.aspx
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-JimmyRandall.html
https://dearballadeer.com/portfolio/niles-no-9-tiranti-my-love/
http://www.poetrybyheart.org.uk/poems/lord-randall/

Lord Ronald, my Son

Una ballata popolare che inaugura un genere narrativo ripreso in molteplici varianti detto “il testamento dell’avvelenato”: la  storia di un figlio morente, perchè è stato avvelenato, che ritorna dalla madre per coricarsi a letto e fare testamento; con tutta  probabilità la ballata parte dall’Italia, passa per la Germania per arrivare  in Svezia e poi diffondersi nelle isole britanniche (Lord Randal) fino a sbarcare in  America (vedi prima parte)

LORD RONALD, MY SON- Child #12; Lord Randal Versione F
La versione della ballata riportata nello The Scots Musical Museum (1787) così come collezionata da Robert Burns dall’Ayrshire, sulla melodia “Lochaber no more”.
Così commenta Robert Riddell in merito alla melodia “‘This air, a very favourite one in Ayrshire, is evidently the original of ‘Lochaber’. In this manner, most of our finest more modern airs have had their origin. Some early minstrel, or musical shepherd, composed the simple artless original air, which being pickt up by the more learned modern musician took the improved form it bears’.” (tratto da qui)


“O where hae ye been,
Lord Ronald, my son?
O where,hae ye been,
Lord Ronald, my son?”
“I hae been wi’ my sweetheart,
mother, make my bed soon;
For I’m weary wi’ the hunting,
and fain wad lie down.”
“What got ye frae your sweetheart, Lord Ronald, my son?
What got ye frae your sweetheart, Lord Ronald, my son?”
“I hae got deadly poison (1),
mother, make my bed soon;
For life is a burden
that soon I’ll lay down.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
MADRE: Dove sei stato
Lord Ronald, figlio mio?
Dove sei stato
Lord Ronald, figlio mio?
FIGLIO: Dalla mia innamorata, Madre, preparami subito il letto
perchè sono stanco della caccia
e voglio stendermi.
MADRE Cosa hai preso dalla tua innamorata, Lord Ronald, figlio mio?
Cosa hai preso dalla tua innamorata, Lord Ronald, figlio mio?
FIGLIO: Un veleno mortale
Madre, preparami subito il letto
perchè la vita è un fardello
che presto poserò

NOTE
1) il veleno somministrato dall’amante tradita potrebbe essere stato estratto dalle bacche di Dulcamara (vedi versione The Wild, Wild Beerry)
FONTI
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-iv,-song-327,-page-337-lord-ronald-my-son.aspx
http://bluegrassmessengers.com/lord-ronald-my-son–robert-burns-1793-child-f.aspx
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/107.html

HENRY MY SON

La ballata di Lord Randall parte con buona probabilità dall’Italia (vedi versione italiana), passa per la Germania per arrivare  in Svezia e poi diffondersi nelle isole britanniche.
La ballata raccolta dal professor Child al numero 12 è ampiamente diffusa presso la tradizione popolare e si conoscono numerosissime varianti testuali abbinate ad altrettante numerose melodie. (prima parte)

LA VERSIONE IRLANDESE

Versione tratta dal libretto “100 Irish Songs” con spartito musicale, Soodlum, vol. 2 cantata come una nursery rhyme

ASCOLTA Sons of Erin


ASCOLTA in versione “music hall”
ASCOLTA Pete Seeger che compara le due versioni


I
Where have you been all day,
Henry my son?
Where have you been all day,
my beloved one?
Away in the meadow,
away in the meadow
Make my head I’ve a pain in my head
and I want to lie down
.
II
And what did you have to eat,
What did you have to eat?
Poison beans, poison beans
III
And what colour were them beans,
What colour were them beans,?
Green and yellow, green and yellow (1)
IV
And what will you leave your mother,
What will you leave your mother?
A woollen blanket, a woollen blanket
V
And what will you leave your children,
What will you leave your children?
The keys of heaven, the keys of heaven
VI
And waht will you leave your sweetheart,
What will you leave your sweetheart?
A rope to hang her, a rope to hang her..(2)
Tradotto da Giordano Dall’Armellina
I
“Dove sei stato tutto il giorno,
Enrico figlio mio?
Dove sei stato tutto il giorno,
mio amato?»
«Via nei prati,
via nei prati.
Fammi il letto, ho mal di testa
e voglio stendermi.»
II
«E che cosa avesti da mangiare?
che cosa avesti da mangiare?»
«Fagioli avvelenati.»
III
«E di che colore erano quelli fagioli?
di che colore erano quelli fagioli?»
«Verdi e gialli (1).»
IV
«Che cosa lascerai a tua madre
cosa lascerai a tua madre?»
«Una coperta di lana.»
V
«Che cosa lascerai ai tuoi figli
cosa lascerai ai tuoi figli?»
«Le chiavi del paradiso.»
VI
«Che cosa lascerai al tuo amore
cosa lascerai al tuo amore?»
«Una corda per impiccarla (2).»

NOTE
1) È probabile che le anguille non fossero molto conosciute in Irlanda. Così sono i fagioli ad essere velenosi (Dall’Armellina traduce beans come “palline”). Significativa è la scelta della colorazione di questi strani fagioli: il verde e il giallo sono i colori del tradimento e questa credenza arriva dai dipinti del Medioevo. L’oro nel XIII secolo era il colore della luminosità trascendente, cornice ideale delle figure sacre, il giallo invece ne era la brutta imitazione, privo delle qualità materiali e morali dell’oro. Così il giallo era percepito come colore negativo e la coppia cromatica giallo/verde indicava la follia. Di giallo sono dipinti i traditori come Giuda o più in generale gli ebrei e i musulmani (in molte città italiane durante il rinascimento le prostitute erano obbligate a vestirsi di giallo e a Venezia gli ebrei dovevano cucire un cerchio giallo sul vestito)
2) il lascito di Enrico è ben misero forse a rispecchiare una diffusa povertà all’epoca in cui la ballata era cantata. Anche nelle versioni regionali italiane alla dama viene lasciata la corda perchè venisse impiccata.

FONTI
http://www.as-it-was.co.uk/SupaNames/Ballads/henry.htm