THIS AE NICHT

“This ae nicht” appartiene al filone delle “night visiting song” ovvero le avventure amorose abbastanza stereotipate in cui un giovanotto (un soldato o un marinaio o anche un nobiluomo di passaggio) per la sua avvenenza e galanteria, riesce a ottenere la virtù di una giovane ragazza, spesso intrufolandosi in camera sua nottetempo (in genere una notte di pioggia), non visto dal resto della famiglia!
In origine doveva trattarsi di una canzone umoristica e un po’ sconcia su un triangolo amoroso con lei, lui e il marito cornuto. In alcune versioni più antiche è addirittura una ninna-nanna cantata dalla giovane al bambino nella culla per avvisare l’amante che il marito è in casa (“the cuckoo’s in his nest”).

Il filone così si sdoppia, al posto del marito ci sono i genitori da non svegliare, e la canzone diventa un dialogo (contrasto amoroso) tra due teneri (e smaniosi) innamoratini.
Le variante testuali sono molte anche con titoli diversi ma tutte riconducibili alla stessa matrice e diffuse in Scozia, Irlanda e Inghilterra.

THE LAIRD O’ WINDY WA’S

Noto anche con il titolo di “The Laird of Udny” il brano è stato raccolto da Hamish Henderson dalle voci di Goerdie Robertson (1958 Vedi) e di Jeannie Robertson (1960 Vedi) di Aberdeen. Compare in stampa nella raccolta di David Herd “Ancient And Modern Scots Songs” (Vol II 1776)

La versione è un dialogo tra i due amanti con l’uomo che cerca di convincere la fanciulla a farlo entrare nel suo letto.  Il tono è umoristico e non manca di doppi sensi, probabilmente era una parodia del genere diffusa come bothy ballad, ovvero le canzoni popolari composte e cantate dai braccianti agricoli delle fattorie scozzesi per passare in allegria la serata nel loro dormitorio.

ASCOLTA Archie Fisher in ‘Will Ye Gang Love‘ (1976) 18:37 The Laird o’ Windy Wa’s


I
O I’m the laird o’ Udny’s Wa’s(1)
And I’ve come here wi’ richt guid cause(2)
And I’ve had mair that thirty fa’s
Comin’ oot owre the plains(3)
CHORUS
O let me in this ae nicht
This ae(4) ae ae nicht
O let me in this ae nicht
And I’ll never speir(5) back again -o
II
My mother, she does soundly sleep
And my bedroom door does chirrup and cheep
My bedroom door does chirrup and cheep
And I cannae let ye in
CHORUS
So gang ye hame this ae nicht
This ae ae ae nicht
Gang ye hame this ae nicht
And never speir back again
II
I’ll oil your door gin it maun squeak(6)
And it will neither chirrup nor cheep
No it will neither chirrup nor cheep
And I’ll get slippin’ in
CHORUS
O let me in this ae nicht,
This ae ae ae nicht
O let me in this ae nicht,
And I’ll never speir back again
III
When he’s got in he was sae gled
He’s taken his bonnet frae off of his head
And he’s kissed her on the cheeks sae red
And the auld wife heard the din
CHORUS
O but well she likit that ae nicht
That ae ae ae nicht
O weel she likit that ae nicht
She let her laddie in
IV
When he got in he was sae gled
He’s knockit the bottom-boards oot o’ the bed
And he stole the lassie’s maidenhead
And the auld wife heard the din
CHORUS
O but well she likit that ae nicht
That ae ae ae nicht
O weel she likit that ae nicht
That she let her laddie in
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
“Sono il Signore dell’Aria (1)
e sono qui per un buono e giusto motivo (2)
sono caduto più di trenta volte
venendo dalla brughiera (3)
CORO:
O fammi entrare questa notte
per questa notte (4)
O fammi entrare questa notte
e non te lo chiederò di nuovo”
II
“Mia madre ha il sonno leggero
e la porta della mia camera cigola e stride,
la porta della mia camera cigola e stride
e non posso farti entrare
CORO
Così vattene a casa questa notte
per questa notte
Così vattene a casa questa notte
e non me lo chiedere di nuovo”
III
“Olierò la tua porta se squittisce come un topo (6) e non farà ne cigolii e ne strida, e non farà ne cigolii e ne strida
e così potrò scivolare dentro
CORO
O fammi entrare questa notte
per questa notte
O fammi entrare questa notte
e non te lo chiederò di nuovo”
III
Quando entrò fu così felice
si levò il cappello
dalla testa
e la baciò sulle guance
così rosse e la vecchia moglie sentì il frastuono (7)
CORO
Ma pure a lei piacque quella notte
per quella notte
tanto le piacque quella notte
che lasciò il suo ragazzo entrare
IV
Quando lui entrò fu così felice
e bussò al capezzale
del letto
e rubò la verginità della ragazza
e la vecchia moglie sentì il frastuono
CORO
Ma pure a lei piacque quella notte
per quella notte
tanto le piacque quella notte
che lasciò il suo ragazzo entrare

NOTE
1)”windy walls” = all outdoors
2) verso alternativo “And I’ve come here withoot a cause
3) anche come “I’ve suffered more than thirty falls /Just gallopin’ o’er the plain, so“. Il fatto che l’uomo sia inciampato fa presumere che la notte sia senza luna, ma si vuole anche mettere in evidenza il pericolo affrontato per amore.
4) ae = a, an nel senso di una notte intera
5) sperir =seek
6) verso alternativo “O I’ll oil the door or it be’s weet”
7) altre canzoni umoristiche sviluppano proprio la storia dal punto di vista degli anziani genitori o dei padroni di casa che soprendono il giovanotto con i pantaloni calati..

LA VERSIONE DI ROBERT BURNS
LA VERSIONE IRLANDESE

FONTI
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/145.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=70464
http://mysongbook.de/msb/songs/l/lairdowi.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*