Archivi tag: Róisín Dubh

Mise Éire – I am Ireland

Leggi in italiano
Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais or Pádraig Pearse) wrote a short poem in Gaelic, about afflicted Ireland, it was 1912 and the Easter Uprising was to came. It’ll be Pearse who read the proclamation of the Irish Republic on the steps of the Post Office occupied by the rebels. His death along with that of his companions on that Easter of Blood of 1916 will be the prelude to the Irish War of Independence (1919-1921)

In 1959 George Morrison made a documentary film about the foundation of the Republic of Ireland that, recalling it to the Pearse poem, he entitled “Mise Éire”: it was a long work of research and cataloging from the newsreels, period films, photos of key figures such as Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera and Michael Collins, to giving back through the reassembly of archival material, a crucial historical period for Irish independence from 1896 to 1918, a twenty-year period that saw the flowering of both political nationalism and Irish culture, the Gaelic League and the Gaelic Athletics Association, the Abbey Theater of WB Yeats and Lady Gregory which ends with the electoral victory of the Sinn Féin party.
The orchestral soundtrack (for the first time combined with an Irish feature film) was entrusted to Seán Ó Riada, who arranged the traditional Irish music and the sean-nós songs (‘old style’) with a classical style.
The Ó Riada soundtrack certainly contributed to the documentary’s pathos, and among the many traditional melodies he also rearranged “Róisín Dubh” renamed as title track “Mise Éire” .
Róisín Dubh (= little black rose) is Rosalinda, a young girl named Little Rose is the allegory of Ireland, a codeword coined at the end of the sixteenth / early seventeenth century to identify Ireland with a Black Rose, ideally contrasted to the Red Rose of the Tudor House (the Lancaster rose).
The Irish Radio Orchestra

But Pearse poem had remained in the background despite hitting target with the title, it will be Patrick Cassidy on the occasion of the centenary of the Easter Uprising, to write his tune for “Mise Éire”, staged for RTÉ ONE with RTÉ Concert Orchestra and sung by the young Irish singer, Sibéal Ní Chasaide

Sibéal Ní Chasaide live ( in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

I am Ireland (1):
I am older than
the old woman (2) of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually.
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier than
the old woman of Beare.
Mise Éire:
Sine mé ná
an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug
Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin
a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde
do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream
inar chuireas
dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná
an Chailleach Bhéarra.

NOTE
1) “Just Speak Your Language”
2) Cailleach Bheara cailleach= “veiled one” she is an ancient goddess also revered in Scotland and the Isle of Man. She is associated with Winter, and the creation of the landscape – in particular the cliffs – and with the stone burial mounds. In the aisling song, Ireland is represented as a girl with the appearance of a goddess, but already in the eighteenth-century song Caitilín Ní Uallacháin Ireland is compared to a “poor old woman” (Sean-Bhean bhocht) Ms. Katty Hualloghan – Cathleen or Kathleen Nì Houlihan-, owner of four green fields (ie the four provinces where Ireland is traditionally divided).

 

http://terreceltiche.altervista.org/roisin-dubh/

http://terreceltiche.altervista.org/caitilin-ni-uallachain/

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

Mise Éire – I am Ireland

Read the post in English  

Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais o Pádraig Pearse) scrisse una breve poesia in gaelico irlandese sull’Irlanda afflitta, era il 1912 e la Rivolta di Pasqua era nell’aria. Sarà Pearse a leggere il proclama della Repubblica Irlandese sui gradini dell’Ufficio postale occupato dai ribelli. La sua morte insieme a quella dei suoi compagni in quella Pasqua di Sangue del 1916 darà il via alla guerra d’Indipendenza irlandese (1919-1921)

Nel 1959 George Morrison realizzò un film-documentario sulla fondazione della Repubblica d’Irlanda e, richiamandosi alla poesia di Pearse, lo intitolò  “Mise Éire”: il suo fu un lungo lavoro di ricerca e catalogazione dai cinegiornali, filmati d’epoca, foto di personaggi chiave come Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera e Michael Collins, volto a restituire attraverso il rimontaggio del materiale d’archivio, un periodo storico cruciale per l’indipendenza irlandese che va dal 1896 al 1918, un ventennio che vide la fioritura del nazionalismo irlandese sia politico che culturale, la  Gaelic League e la Gaelic Athletics Association, l’Abbey Theatre di WB Yeats e Lady Gregory e si conclude con la vittoria elettorale del partito Sinn Féin.

LA COLONNA SONORA

La colonna sonora orchestale (per la prima volta abbinata a un lungometraggio irlandese) fu affidata a Seán Ó Riada il quale arrangiò con piglio classicheggiante la musica tradizionale irlandese e i canti sean-nós (‘stile antico’).
Sicuramente a dare pathos al documentario ha contribuito molto la colonna sonora di Ó Riada che  tra le tante melodie tradizionali rielaborò anche “Róisín Dubh” ribattezzata con il titolo di “Mise Éire” come title track.
Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento per identificare l’Irlanda con una Rosa Nera,  contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster).
The Irish Radio Orchestra

Ma la poesia di Pearse era rimasta sullo sfondo pur avendo fatto centro con il titolo, sarà  Patrick Cassidy (oramai acclamato compositore di colonne sonore per film di grande successo) in occasione del centenario della Rivolta di Pasqua a scrivere appositamente la musica per la poesia Mise Éire,  messa in scena per  RTÉ ONE con RTÉ Concert Orchestra  e la voce di Sibéal Ní Chasaide.

Sibéal Ní Chasaide live (anche in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

Mise Éire:
Sine mé ná an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream inar chuireas dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná an Chailleach Bhéarra.


I am Ireland:
I am older than
the old woman of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually…
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier
than the old woman of Beare.
Traduzione italiana Cattia Salto
Il mio nome è Irlanda (1):
sono più vecchia
della Velata di Beara (2)
Grande la mia gloria:
io che ho partorito
Cuchulainn, il coraggioso.
Grande la mia vergogna:
i miei stessi figli
che hanno venduto la loro madre.
Grande il mio dolore:
il mio inconciliabile nemico
che mi opprime continuamente
Grande la mia tristezza:
quel popolo,
in cui riposi la mia fiducia,
è morto.
Il mio nome è Irlanda:
sono più sola
della Velata di Beara

NOTE
1) l’Irlanda è la sua lingua, “Just Speak Your Language”, quella dei vecchi antenati il gaelico irlandese
2) Cailleach Bheara cailleach= “la velata” è un’antica dea dell’inverno venerata anche in Scozia e nell’Isola di Man. E’ collegata con le pietre e la conformazione rocciosa del paesaggio -in particolare le scogliere- e con i tumuli funerari a pietra.
Nelle aisling song l’Irlanda viene rappresentata come una fanciulla dalle sembianze di dea, ma già nel canto settecentesco Caitilín Ní Uallacháin l’Irlanda è paragonata a una  “povera vecchia” (la Sean-Bhean bhocht) la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda).  Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.

 

RÓISÍN DUBH

CAITILIN NI UALLACHAIN

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Cailleach.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://www.lasoffittadellestreghe.it/shoponline/cailleach-dea-dellinverno/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

TO YOUTH (MY SWEET ROISIN DUBH)

Alla Rosa Nera d’Irlanda -contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster)- sono dedicate un paio di canzoni, la prima scritta da un bardo del XVI/XVII secolo in gaelico irlandese (vedi), e le altre scritte da giovani  irlandesi negli anni 70-80 : qui si esamina la canzone di protesta/speranza dal titolo “To Youth” dei Flogging Molly, il gruppo celtic punk con base Los Angeles.
Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento: la rosa nera era un tempo una rosa di un colore rosso cupo, molto scuro, la rosa gotica per eccellenza associa alla morte. E tuttavia nel linguaggio dei fiori ottocentesco presenta molteplici significati: è sia la fine che l’inizio di un drastico cambiamento, una rinascita. Rose rosso cupo sono il dolore di una tragica storia d’amore. E così l’amore per la propria terra è profondo e tenace; è un amore che richiede il sacrificio.
Questo però è il canto dell’emigrante che lascia l’Irlanda intossicata dalla povertà e dalle lotte fratricide.

ASCOLTA Flogging Molly in Within a Mile of Home (2004)


I
Tell me why must a man be of service
To his lord
and the gods seldom high
From the grave sprang the name of our fathers
But there’s no glint in a dead man’s eye
Tell me why our fields filled with hunger
And fruitless the crop bittered soil
So I say my farewell to a nation
As the leaf waves goodbye to its sun
So it’s to youth I sing you this story
And it’s of youth I sing it now
Like the train that derailed without warning
I must leave what I left far behind
So goodbye sweet Roisin Dubh
I say goodbye
II
Tell me why must our peace be this puzzle
That fractures the land splinters war
The last nail sank the shame on our coffin
But in the end we must all die alone
III
And the bark fell from tree
To the ground that now bleeds
On the anguish that never learnt to shout
When the clash of the drum will surrender the gun
And of this sadness we shall no longer speak
IV
Until tank and the bomb are but all forgotten songs
That’s when I and we will sing again
So goodbye to my love
My sweet Roisin Dubh
Goodbye now until we meet again
V
Tell me why must our grief still be grieving
For a language that never spoke it’s loss
But this tongue spit with fire will tear down the barbwire
And rip the belly from the waxy ghost
VI
Until we meet again
She’ll rise to beautify
But slumber now must rest
O’ my Roisin Dubh
I’ll forever love
The youth you once possessed
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Dimmi perchè un uomo deve servire il suo Signore
e (perchè) gli Dei di rado grandi
dalla tomba accrescono (1) il nome dei nostri padri, ma non c’è vitalità nell’occhio di un uomo morto;
dimmi perché le nostre terre (sono) in preda alla fame ed (è) sterile il terreno di una coltivazione avvelenata.
Così dico addio alla nazione
come la foglia saluta il suo sole.
Eppure è della gioventù che vi canto questa storia ed è tra i giovani che la canto ora, come il treno deragliato senza
preavviso,
devo lasciare alle spalle quello che  è rimasto, così addio soave Rosa Nera
ti dico addio.
II
Dimmi perché la nostra pace deve essere questo enigma,
che spacca la terra nella guerriglia,
l’ultimo chiodo sigilla la vergogna sulla nostra bara
ma alla fine si muore sempre soli.
III
E il ramo caduto dall’albero
alla terra che adesso sanguina,
con l’angoscia che non ha mai imparato a gridare,
quando il clangore del tamburo rinuncerà  al fucile
e di questa tristezza non dovremo più parlare
IV
Finchè carrarmati e bombe non sono che canzoni dimenticate, questo è quando noi canteremo di nuovo,
così addio al mio amore,
mia fragrante Rosa Nera
addio fino al prossimo incontro.
V
Dimmi perché il nostro dolore deve essere ancora in lutto,
perchè si è persa una lingua che non ha mai parlato;
ma questa lingua sputata dal fuoco
abbatterà il filo spinato e strapperà il ventre al cereo fantasma
VI
Al nostro prossimo incontro
lei risorgerà nella bellezza
ma ora riposiamo nel sonno,
della mia Rosa Nera
amerò per sempre
la gioventù che un tempo aveva.

NOTE
1) to spring usato nel significato di crescere, aumentare o estendersi in altezza o lunghezza, raggiungere una certa altezza; evidente gioco di parole

FONTI
http://dreamsandsongstosing.blogspot.it/2011/08/within-mile-from-home-flogging-molly.html

ROISIN DUBH & CELTIC ROCK BY THIN LIZZY

Alla Rosa Nera d’Irlanda sono dedicate un paio di canzoni, la prima scritta da un bardo del XVI/XVII secolo in gaelico irlandese (vedi), e le altre scritte da giovani musicisti irlandesi negli anni 70-80 : qui si esamina la versione interpretata dai Thin Lizzy, fondato da Phil Lynott a Dublino alla fine degli anni 60, una band hard rock particolare, ricca di molte influenze, non ultima quella irish.

PHIL LYNOTT

Il testo di “Róisín Dubh (Black Rose)” è stato scritto da  Phil Lynott nel 1979 e riflette il suo amore per la mitologia celtica e la storia d’Irlanda. L’album nasce sotto l’impulso della collaborazione con il chitarrista irlandese Gary Moore, entrato da poco in pianta stabile  nella formazione, e la canzone è un medley in chiave hard rock di ben quattro canzoni della tradizione folk irlandese.
La copertina dell’album disegnata da Jim Fitzpatrick è una rosa gotica, un turgido velluto nero macchiato da alcune gocce di sangue, immagine di forte impatto emotivo, che si presta a molte letture non ultime quella biografica quasi profetica, un Phil eroinomane che morirà a 36 anni devastato da alcol e droga.
Dublino gli ha dedicato una statua a grandezza naturale, un bronzo eburneo come il colore della sua pelle,  eretta nel 2005 a Grafton Street.

ASCOLTA Thin Lizzy in Black Rose (A rock legend) 1979
La line-up dell’album: Phil Lynott al basso e alla voce,  Gary Moore alla chitarra, Scott Gohram alla seconda chitarra – sia ritmica che solista e Brian Downey alla batteria.

ROISIN DUBH 1979
I
Tell me the legends of long ago
When the kings and queens would dance in the realm of the Black Rose (1) Play me the melodies I want to know
So I can teach my children, oh
II
Pray tell me the story of young Cuchulainn(2)
How his eyes were dark his expression sullen
And how he’d fight and always won
And how they cried when he was fallen (3)
III
Oh tell me the story of the Queen of this land(4)
And how her sons died at her own hand
And how fools obey commands
Oh tell me the legends of long ago
IV
Where the mountains of Mourne(5) come down to the sea
Will she no come back to me
Will she no come back to me
V
Oh Shenandoah(6) I hear you calling
Far away you rolling river
Roll down the mountain side
On down on down go lassie go
VI
Oh Tell me the legends of long ago
When the kings and queens would dance in the realms of the Black Rose
Play me the melodies so I might know
So I can tell my children, oh
VII
My Roisin Dubh is my one and only true love
It was a joy that Joyce brought to me
While William Butler (7) waits
And Oscar, he’s going Wilde(8)
VIII
Ah sure, Brendan where have you Behan(9)?
Looking for a girl with green eyes (10)
My dark Rosaleen is my only colleen
That Georgie knows Best(11)
IX
But Van(12) is the man
Starvation(13) once again
Drinking whiskey in the jar-o(14)
Synge’s Playboy of the Western World(15)
X
As Shaw(16), Sean(17) I was born and reared there
Where the Mountains of Mourne come down to the sea
Is such a long, long way from Tipperary(18)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Raccontami le leggende di un tempo
lontano, quando re e regine danzavano
nel Regno della Rosa Nera (1);
suona per me le melodie che vorrei conoscere, così ch’io possa insegnarle ai miei figli
II
Ti prego di raccontarmi la storia del giovane Cucullino(2),
dei suoi occhi scuri  e della sua espressione fosca,
di quanto aveva combattuto e sempre vinto e di quanto lo piansero quando fu sconfitto (3)
III
Raccontami la storia della regina di questa terra (4),
e di come i suoi figli  morirono per mano sua e resi folli obbedirono ai suoi comandi; oh raccontami le leggende di un tempo lontano.
IV
Dove le montagne del Mourne (5)
toccano il mare,
lei non ritornerà per me
non ritornerà per me
V
Oh Shenandoah (6) sento il tuo richiamo, lontano tu scorri fiume
scorri dalla montagna
giù, giù vai ragazza, vai
VI
Raccontami le leggende di un tempo lontano, quando re e regine danzavano
nel Regno della Rosa Nera.
Suona per me le melodie che vorrei conoscere, così da poterle insegnare ai miei figli, oh
VII
La mia Rosa Nera e il mio solo e unico amore, una gioia che Joyce mi ha dato
mentre William Butler (7) attende
e Oscar, è diventato Wilde (8)
VIII
Brendan dove sei Behan (9)?
Cerchi una ragazza dagli occhi verdi (10)
la mia nera Rosalina è la sola ragazza che George conosce Meglio (11)
IX
Ma Van (12) è l’uomo
affamato (13) ancora una volta
beviamo “whiskey in the jar-o” (14)
con “il furfantello dell’Ovest” di Synge (15)
X
Come Shaw (16) eSean (17) sono nato e cresciuto là
dove le Montagne di Mourne toccano il mare
è una lunga, lunga strada da Tipperary (18)

NOTE
1) Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento per identificare l’Irlanda con una Rosa Nera,  contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster). La rosa nera era un tempo una rosa di un colore rosso cupo, molto scuro, la rosa gotica per eccellenza associa alla morte. E tuttavia nel linguaggio dei fiori ottocentesco presenta molteplici significati: è sia la fine che l’inizio di un drastico cambiamento, una rinascita. Rose rosso cupo sono il dolore di una tragica storia d’amore. E così l’amore per la propria terra è profondo e tenace; è un amore che richiede il sacrificio. continua
2) l’Achille celtico: ai tempi leggendari dell’lrlanda pre-cristiana – quando sull’Ulster regnavano i re guerrieri e i druidi, visse Cu Chulainn figlio di Lugh e di una mortale.   (continua)
3) tipico esempio di fatalismo e  irish humour
4) La regina Medb (=Maeve) del Connacht che per impossessarsi di un toro invade l’Ulster. Venerata come una dea guerriera è anche la regina delle fate Mab che dispensa idromele e la follia o il furore nei guerrieri. Ma Mab è la rosa nera, la dea che pretende il sacrificio di sangue dai suoi figli; l’immagine mi ricorda molto un’altra canzone sulla questione irlandese e una dea sanguinaria che  Dolores O’Riordan scriverà nel 1993 Zombie
5 )il complesso del Mourne è tra le montagne più famose d’Irlanda, montagne granitiche che si trovano nella Contea di Down nel sudest dell’Irlanda del Nord, immortalate in una canzone scritta da Percy French nel 1896, “Mountains o’Mourne” ( “le montagne di Mourne scendono dolcemente verso il mare”), principali fonti di ispirazione per la terra di Narnia in “Il leone, la strega e l’armadio” di C. S. Lewis. Data la magia di questi luoghi a portata di mano, gli abitanti di Dublino considerano la contea di Down il luogo deputato per la villeggiatura.
Nella canzone si dice ” So I’ll wait for the wild rose that’s waitin for me
In the place where the dark Mourne sweeps down to the sea“, la bellezza irlandese è paragonata a una  genuina rosa selvatica
6) Shenandoah popolare canzone del folk americano ma forse vuole richiamare il fiume Shannon
7) James Joyce e William Butler Yeats con Oscar Wilde sono grandi scrittori irlandesi, letture di cui Phil Lynott si è imbevuto. Anche W B Yeates fece ricorso al simbolo della rosa per alludere all’Irlanda 

8) gioco di parole con il nome Oscar Wilde
9) gioco di parole intraducibile in italiano tra been e Behan: Brendan dove sei “stato”?  Brendan Behan nato a Dublino nel 1923, morto a soli 41 anni era uno scrittore bombarolo con seri problemi di alcolismo che usò l’ironia come un’arma tagliente: Da eroe e antieroe, frequentatore di carceri, bar, cimiteri e bordelli, la sua vita spericolata non poteva non essere la principale ispirazione per i suoi scritti. Confessioni di un ribelle irlandese, la picaresca autobiografia pubblicata postuma, è un susseguirsi di avventure e spacconerie, aneddoti e digressioni, condita con ballate e canti patriottici (suo zio aveva composto l’inno nazionale). Procede con la tecnica dello “stream of consciousness”, sviluppata, guarda caso, da un altro irlandese, Joyce, quel “flusso di coscienza” che, sulla scia di Freud, nell’avanguardia novecentesca fonde coscienza e inconscio in un confuso linguaggio onirico. (Laura Zambelli tratto da qui)
10) citazione del libro della scrittrice irlandese Edna O’Brien, diventato il film “Girl with green eyes”, (in italiano La ragazza dagli occhi verdi) nel 1964?
11) altro gioco di parole best= meglio: George Best era un calciatore nord irlandese, vincitore del Pallone d’oro nel 1968 considerato il miglior giocatore d’Europa; capocannoniere del Manchester United sciolse il suo legame con la squadra nel 1974 per gravi problemi di alcolismo.
12) Van Morrison (George Ivan Morrison) musicista nord irlandese nativo di Belfast
13) la Grande Carestia e la diaspora irlandese (vedi)
14) The whiskey in the jar popolare canzone irlandese tra le più cantate pub song, conosciuta anche come Kilgary Mountain di cui gli stessi Thin Lizzy fecero un arrangiamento stracopiato dalle rock band a venire
15) “The Playboy of the Western World” (=Il furfantello dell’Ovest) è la commedia scritta da John Millinton Synge nel 1907 e ambientata nella contea di Mayo, scatenò disordini e risse il giorno della sua prima all’Abbey Theatre.
16) George Bernard Shaw nacque a Dublino nel 1856 da una famiglia protestante. Yeats, Shaw e Synge sono i nomi di punta dell’Irish Literary Revival (la rinascita letteraria irlandese degli inizi del XX secolo) passati per l’Abbey Theatre di Dublino
17) Sean è un nome comune in Irlanda potrebbe essere Sean O’Casey (altro drammaturgo nato a Dublino)
18) Tipperary cittadina nella parte centro sud dell’Irlanda nell’omonima contea. “The long way from Tipperary” è stata una canzone molto popolare tra i soldati della prima guerra mondiale, considerata una canzone tipica di quella guerra.

continua