Archivi tag: aubade

To Hear the Nightingale Sing One Morning in May

Leggi in Italiano

”The Bold Grenader”, “A bold brave bonair” or “The Soldier and the Lady” but also “To Hear the Nightingale Sing”, “The Nightingale Sings” and “One Morning in May” are different titles of a same traditional song collected in England, Ireland, America and Canada.

THE PLOT

The story belongs to some stereotypical love adventures in which a soldier (or a nobleman, sometimes a sailor) for his attractiveness and gallantry, manages to obtain the virtue of a young girl. The girls are always naive peasant women or shepherdesses who believe in the sweet words of love sighed by man, and they expect to marry him after sex, but they are inevitably abandoned.

NURSERY RHYME: WHERE ARE YOU GOING MY PRETTY MAID

soldierIn the nursery rhyme above “Where are you going my pretty maid” this seductive situation is sweetly reproduced and the illustrator portrays the man in the role of the soldier. Walter Craine (in “A Baby’s Opera”, 1877) represents him as a dapper gentleman, but in reality he is the archetype of the predator , the wolf with the fur inside and the woman of the nursery rhyme with his blow-answer seems to be a good girl who has treasured the maternal teachings

In other versions is the girl (bad girl !!) to take the initiative and to bring the young soldier in her house (see more), only the season is always the same because it is in the spring that blood boils in the veins; as early as 1600 there was a ballad called “The Nightingale’s Song: The Soldier’s Rare Musick, and Maid’s Recreation”, so for a song that has been around for so long, we can expect a great deal of textual versions and different melodies. An accurate overview of texts and melodic variations starting from 1689 here

FOLK REVIVAL: “They kissed so sweet & comforting”

This is the version almost at the same time diffused by the Dubliners and the Clancy Brothers, the most popular version in the 60’s Folk clubs.

The Dubliners

Clancy Brothers & Tommy Maker, from Live in Ireland, 1965
The Nightingale


I
As I went a walking one morning in May
I met a young couple so far did we stray
And one was a young maid so sweet and so fair
And the other was a soldier and a brave Grenadier(1)
CHORUS
And they kissed so sweet and comforting
As they clung to each other
They went arm in arm along the road
Like sister and brother
They went arm in arm along the road
Til they came to a stream
And they both sat down together, love
To hear the nightingale sing(2)
II
Out of his knapsack he took a fine fiddle(3)
He played her such merry tunes that you ever did hear
He played her such merry tunes that the valley did ring
And softly cried the fair maid as the nightingale sings
III
Oh, I’m off to India for seven long years
Drinking wines and strong whiskies instead of strong beer
And if ever I return again ‘twill be in the spring
And we’ll both sit down together love to hear the nightingale sing
IV
“Well then”, says the fair maid, “will you marry me?”
“Oh no”, says the soldier, “however can that be?”
For I’ve my own wife at home in my own country
And she is the finest little maid that you ever did see

NOTES
1) soldier becomes sometimes a volunteer, but the grenadier is a soldier particularly gifted for his prestige and courage, the strongest and tallest man of the average, distinguished by a showy uniform, with the characteristic miter headgear, which in America was replaced by a bear fur hat.
2) it is the code phrase that distinguishes this style of courting songs. The nightingale is the bird that sings only at night and in the popular tradition it is the symbol of lovers and their love conventions (vedi)
3) perhaps the instrument was initially a flute but more often it was a small violin or portable violin called the kit violiner (pocket fiddle): it was the popular instrument par excellence in the Renaissance. It is curious to note how in this type of gallant encounters the soldier has been replaced by the itinerant violinist, mostly a dance teacher, so it is explained how any reference to the violin, to its bow or strings could have some sexual connotations in the folk tradition

SECOND MELODY: APPALCHIAN TUNE

John Jacob Niles – One Morning In May

Jo Stafford The Nightingale

THIRD MELODY: THE MOST ANCIENT VERSION, THE GRENADIER AND THE LADY

The melody spread in Dorsetshire, so vibrant and passionate but with a hint of melancholy, a version more suited to the Romeo and Juliet’s love night and to the nightingale chant in its version of medieval aubade, also closer to the nursery rhyme “Where are you going my pretty maid” of which takes up the call and response structure.

To savor its ancient charm, here is a series of instrumental arrangements

Harp

Guitar

Le Trésor d’Orphée
Redwood Falls (Madeleine Cooke, Phil Jones & Edd Mann)

Isla Cameron The Bold Grenadier from “Far from The Madding Crowd”


I
As I was a walking one morning in May
I spied a young couple a makin’ of hay.
O one was a fair maid and her beauty showed clear
and the other was a soldier, a bold grenadier.
II
Good morning, good morning, good morning said he
O where are you going my pretty lady?
I’m a going a walking by the clear crystal stream
to see cool water glide and hear nightingales sing.
III
O soldier, o soldier, will you marry me?
O no, my sweet lady that never can be.
For I’ve got a wife at home in my own country,
Two wives and the army’s too many for me.

LINK
http://jopiepopie.blogspot.it/2018/02/nightingales-song-1690s-bold-grenadier.html
http://www.traditionalmusic.co.uk/folksongs-appalachian-2/folk-songs-appalacian-2%20-%200138.htm
http://folktunefinder.com/tunes/105092
https://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/LP14.html
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/onemorninginmay.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=3646
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=29541
http://www.military-history.org/soldier-profiles/british-grenadiers-soldier-profile.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/25/sing.htm
http://www.contemplator.com/america/nighting.html
http://www.mamalisa.com/?t=hes&p=1506

ONE NIGHT AS I LAY ON MY BED

Nella tradizione popolare sono assai numerose le ballate dette “night-visiting song” in cui l’amante (un vagabondo, un soldato o un marinaio, ma anche un bracciante agricolo o un giovane apprendista) bussa di notte alla finestra (porta) della fidanzata e viene fatto entrare nella camera da letto. (vedi prima parte)
La ballata in genere viene raccontata dal punto di vista maschile o in forma di dialogo ma non mancano le versioni dal punto di vista femminile!
La versione di “One night as I lay on my bed” è quella pubblicata nel Penguin Book of English Folk Songs

ASCOLTA John Jones (non male il cd per quest’esordio da solista già front man degli Oysterband) in “Rising Road” 2009

ASCOLTA Plinth (Emma Morton & Michael Tanner) 2014 in una versione sognante che trae ispirazione dal genere delle aubade (il canto dell’alba) come dovevano essere anticamente questi tipi di canti provenienti dalla lirica cortese. Vero è che la lirica dell’aubade descrive il momento dell’alba con conseguente separazione dei due innamorati (e l’uno che dice resta, non è il canto dell’allodola ma quello dell’usignolo..) ma l’atmosfera un po’ crepuscolare del brano è molto simile


I
One night as I lay on my bed,
Oh, I dreamed about a pretty maid.
I was so distressed,
I could take no rest;
Love did torment me so.
So away to my true love I did go.
II
And it’s when I came to my love’s window,
So boldly then I called her name,
Saying, “It was for your sake
I’m come here so late
Through this bitter frost and snow.
So open your window, my love, do.”
III
“My mam and dad, they are both awake
And they are sure for to hear us speak.
There’ll be no excuse
Then but sore abuse,
Many’s the bitter word and blow.
So begone from my window, my love, do.”
IV
“Oh, your mam and dad they are both asleep,
So they are sure not to hear us speak,
They are sleeping sound
On their bed of down
And they draw they breath so low.
So open the window, my love, do.”
V
My lover rose and she opened the door
And just like an angel she’s stood there on the floor.
Oh, her eyes shone bright
Like the stars at night,
No diamonds could shine so.
So it’s in with my true love I did go.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una notte sdraiato  nel mio letto
sognai una bella fanciulla,
ero così afflitto
che non potevo prendere sonno,
amore mi tormentava assai,
così dal mio vero amore andai.
II
Quando giunsi alla finestra del mio amore
con ardire la chiamai per nome
dicendo “E’ per il tuo bene
che sono venuto qui a un ora così tarda
anche con questo gelo e la neve.
Così apri la finestra, amore mio”
III
“Papà e mamma sono entrambi
svegli
e di certo ci sentiranno parlare.
Non ci saranno scuse
quanto piuttosto prepotenze,
mi rimprovereranno con male parole e botte
quindi vattene dalla mia finestra amore mio”
IV
“Oh tua madre e tuo padre sono entrambi addormentati
così di sicuro non ci sentiranno parlare,
dormono sodo
nei loro letti da basso
e hanno il respiro pesante
così apri la finestra, amore mio”
V
Il mio amore si alzò e aprì
la porta
e come un angelo stava
là sul pavimento
oh i suoi occhi brillavano luminosi
come le stelle nella notte,
nessun diamante poteva brillare così.
Così con il mio vero amore entrai.

Qui in un siparietto come courting song, la serenata del fidanzato sotto la finestra della bella dalla serie tv “Under the greenwood tree” strofe I e V

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19428
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/onenightasilayonmybed.html

Il canto dell’Usignolo: attente al Lupo!

Read the post in English

”The Bold Grenader”, “A bold brave bonair” o “The Soldier and the Lady” ma anche “To Hear the Nightingale Sing”, “The Nightingale Sings” e “One Morning in May” sono i vari titoli di una stessa canzone tradizionale diffusa in Inghilterra, Irlanda, America e Canada.

LA TRAMA

La storia appartiene al filone delle avventure amorose abbastanza stereotipate in cui un soldato (o un nobiluomo, talvolta un marinaio) per la sua avvenenza e galanteria, riesce a ottenere la virtù di una giovane ragazza. Le ragazze sono sempre delle ingenue contadinotte o pastorelle che credono alle dolci parole d’amore sospirate dall’uomo, e si aspettano che lui le sposi dopo aver consumato, ma sono immancabilmente abbandonate.

LA NURSERY RHYME: WHERE ARE YOU GOING MY PRETTY MAID

soldierNella nursery rhyme “Where are you going my pretty maid” si riproduce in modo edulcorato proprio questa situazione seduttiva e l’illustratore ritrae l’uomo nei panni del soldato, Walter Craine (in “A Baby’s Opera”, 1877) lo rappresenta come un azzimato gentiluomo, ma in realtà è l’archetipo del predatore, il lupo con il pelo all’interno e la donna della filastrocca con il suo botta-risposta sembra essere una brava ragazza che ha fatto tesoro degli insegnamenti materni..

In altre versioni è la ragazza (bad girl!!) a prendere l’iniziativa e a portare nottetempo il giovane soldato nientedimeno che in casa propria (vedi), solo la stagione è sempre la stessa perchè è in primavera che il sangue ribolle nelle vene; già nel 1600 circolava una ballata dal titolo  “The nightingale’s song: or The soldier’s rare musick, and maid’s recreation“, così per una canzone in giro da così tanto tempo non possiamo aspettarci che una grande quantità di versioni testuali, nonchè l’abbinamento con diverse melodie. Un’accurata panoramica di testi e varianti melodiche a partire dal 1689 qui

LA MELODIA DEL FOLK REVIVAL: “They kissed so sweet & comforting”

E’ la versione diffusa quasi in contemporanea dai  Dubliners e dai Clancy Brothers ed è quella più popolare che andava per la maggiore nei Folk club degli anni 60

The Dubliners

Clancy Brothers & Tommy Maker, Live in Ireland, 1965 titolo The Nightingale


I
As I went a walking one morning in May
I met a young couple so far did we stray
And one was a young maid so sweet and so fair
And the other was a soldier and a brave Grenadier(1)
CHORUS
And they kissed so sweet and comforting
As they clung to each other
They went arm in arm along the road
Like sister and brother
They went arm in arm along the road
Til they came to a stream
And they both sat down together, love
To hear the nightingale sing(2)
II
Out of his knapsack he took a fine fiddle(3)
He played her such merry tunes that you ever did hear
He played her such merry tunes that the valley did ring
And softly cried the fair maid as the nightingale sings
III
Oh, I’m off to India for seven long years
Drinking wines and strong whiskies instead of strong beer
And if ever I return again ‘twill be in the spring
And we’ll both sit down together love to hear the nightingale sing
IV
“Well then”, says the fair maid, “will you marry me?”
“Oh no”, says the soldier, “however can that be?”
For I’ve my own wife at home in my own country
And she is the finest little maid that you ever did see
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre ero a passeggio in un mattino di Maggio
incontrai una giovane coppia, così tanto ci allontanammo,
una era una giovane fanciulla tanto amabile e bella
e l’altro era un soldato e un prode granatiere(1)
RITORNELLO
E si baciavano con amorevole trasporto
attaccati uno all’altra
andavano a braccetto per la strada
come sorella e fratello
andavano a braccetto per la strada
finchè arrivarono ad un ruscello
ed entrambi si sedettero insieme, amore
ad ascoltare l’usignolo cantare (2)
II
Fuori dalla sua sacca egli prese un bel violino(3)
le suonò delle melodie allegre che non se se sono mai sentite
le suonò delle melodie allegre che per la vallata risuonavano
e piano gridò la bella fanciulla mentre l’usignolo cantava
III
“Starò fuori in India per sette lunghi anni, a bere vino e forte whisky invece che birra scura
e se mai ritornerò di nuovo sarà in primavera
ed entrambi ci siederemo insieme, amore, ad ascoltare l’usignolo cantare.”
IV
“Bene allora – dice la bella fanciulla – mi vuoi sposare?”
“Oh no – dice il soldato –
come potrei?
Perchè tengo moglie a casa nel mio paese
e lei è la più bella fanciulla che si sia mai vista”

NOTE
1) il più generico soldier diventa un volunteer, ma il granatiere è un soldato particolarmente dotato per la sua prestanza e il coraggio, l’uomo più forte e più alto della media, contraddistinto da una vistosa uniforme, con il caratteristico copricapo a mitria, che in America venne sostituito da un colbacco in pelo di orso.
2) è la frase in codice che contraddistingue questo filone di courting songs. L’usignolo è l’uccello che canta solo di notte e nella tradizione popolare è il simbolo degli amanti e dei loro convegni amorosi, (vedi)
3) forse lo strumento inizialmente era un flauto ma più spesso si trattava di un piccolo violino o violino portatile detto il kit violiner (pocket fiddle):  era lo strumento popolare per eccellenza nel Rinascimento. E’ curioso notare come in questa tipologia degli incontri galanti il soldato sia stato sostituito dal violinista itinerante, per lo più un maestro di danza, perciò si spiega come ogni riferimento al violino, al suo archetto o all’impeciamento delle corde abbia assunto nelle ballate popolari delle sottointese connotazioni sessuali

SECONDA MELODIA: APPALCHIAN TUNE

John Jacob Niles – One Morning In May

Jo Stafford The Nightingale

TERZA MELODIA: LA VERSIONE PIU’ ANTICA, THE GRENADIER AND THE LADY

E’ la melodia diffusa nel Dorsetshire, così vibrante e appassionata ma con una punta di malinconia, una versione più adatta alla notte d’amore di Romeo e Giulietta e al canto dell’usignolo nella sua versione di aubade medievale, e che più si avvicina alla struttura della nursery rhyme “Where are you going my pretty maid” di cui riprende la struttura a botta e risposta.

Per assaporarne il fascino antico ecco una serie di arrangiamenti strumentali
PER ARPA

PER CHITARRA
Le Trésor d’Orphée

Tra gli interpreti più recenti
Redwood Falls (Madeleine Cooke, Phil Jones & Edd Mann)
recensione qui

Isla Cameron The Bold Grenadier dal film “Far from The Madding Crowd”


I
As I was a walking one morning in May
I spied a young couple a makin’ of hay.
O one was a fair maid and her beauty showed clear
and the other was a soldier, a bold grenadier.
II
Good morning, good morning, good morning said he
O where are you going my pretty lady?
I’m a going a walking by the clear crystal stream
to see cool water glide and hear nightingales sing.
III
O soldier, o soldier, will you marry me?
O no, my sweet lady that never can be.
For I’ve got a wife at home in my own country,
Two wives and the army’s too many for me.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre ero a passeggio in un mattino di Maggio, vidi una giovane coppia che faceva il fieno: l’una era una giovane fanciulla e la sua bellezza si mostrava con evidenza e l’altro era un soldato, un prode granatiere
II
“Buon giorno Buon giorno Buon giorno -disse lui- dove state andando mia bella signorina?”
“Sto andando a passeggiare accanto al ruscello di puro cristallo
per vedere scorrere l’acqua fresca
ad ascoltare l’usignolo cantare.”
III
“O soldato, mi vuoi sposare?”
“O no mia bella signorina come potrei?
Perchè tengo moglie a casa nel mio paese
due mogli e l’esercito sarebbero troppo per me”

FONTI
http://jopiepopie.blogspot.it/2018/02/nightingales-song-1690s-bold-grenadier.html
http://www.traditionalmusic.co.uk/folksongs-appalachian-2/folk-songs-appalacian-2%20-%200138.htm
http://folktunefinder.com/tunes/105092
https://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/LP14.html
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/onemorninginmay.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=3646
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=29541
http://www.military-history.org/soldier-profiles/british-grenadiers-soldier-profile.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/25/sing.htm
http://www.contemplator.com/america/nighting.html
http://www.mamalisa.com/?t=hes&p=1506

THE LOVER’S GHOST

sleeperNella tradizione popolare sono molto numerose le ballate dette “night-visiting” in cui l’amante bussa alla finestra della fidanzata e viene fatto entrare nella camera da letto nottetempo. Alcune di esse aggiungono un tocco “macabro” trattandosi della visita di un revenant ossia di un fantasma fin troppo in carne!!

Come ad esempio in “Fair Margaret and Sweet William” è la bella Margaret che appare a William (presumibilmente in sogno) e lo “tormenta” (vedi). Nella ballata dal titolo “Sweet William’s Ghost” è invece William il fantasma, che legato a Margaret da una promessa matrimoniale e sebbene morto, non può riposare in pace fino a quando lei non lo scioglierà dal vincolo. (vedi)

Un’ulteriore ballata in tema è riportata dal professor Child come #248 in una sola versione settecentesca (Ancient and Modern Scots Songs, Herd, 1769), ma nella tradizione popolare sia in Inghilterra che in America si ritrovano quasi un centinaio di testi.

THE GREY COCK

La prima registrazione di “The Grey Cock” è quella del 1951 dalla voce di Cecilia Costello (nata Kelly, 1884–1976), di famiglia irlandese emigrata in Inghilterra per sfuggire alla Grande Carestia, così Roy Palmer commenta: “This ballad (Child 248) is variously called The Lover’s Ghost, Willie’s Ghost and The Grey Cock. Mrs. Costello seems to prefer the last, which she sometimes abbreviates to The Cock. The ballad was circulating in England as early as the seventeenth century, but no version as fine as Mrs. Costello’s has been collected. She believes that the ghostly lover was a soldier, and that the visit to his lady took place while his corporeal body lay mortally wounded on the battlefield. The cock’s summon to the ghost to return indicated that the death of the soldier was to take place.”

DAWN SONG OR REVENANT BALLAD?

Apro una parentesi che in altri contesti è argomento di accesa discussione: la ballata è una Dawn Song oppure una Revenant Ballad? Alcuni studiosi vedono nella versione di Cecilia Costello la testimonianza di uno stadio più antico della storia, ossia una storia di fantasmi che nel settecento ha perso il suo carattere soprannaturale per diventare una “dawn song” ossia una “night-visiting” song. Altri invece argomentano che la ballata è sempre stata una “dawn song”, e che piuttosto sia stato il gusto ottocentesco per il macabro, ad aver aggiunto il particolare più morboso dell’appuntamento con il “fantasma” (finito poi nella tradizione orale).
Hugh Shields nel suo saggio “The Grey Cock: Dawn Song or Revenant Ballad?” conclude che la forma più antica della ballata è quella che si rifà al genere della poesia cortese medievale ovvero alla lirica trobadorica e troviera nella particolare forma dell’aubade (Il canto dell’alba) e che solo in tempi più recenti si sia contaminata con una ghost story e in particolare con la “Sweet William’s Ghost”.

LA VERSIONE INGLESE

La versione della signora Costello è riportata in “The Peguin Book of English Folk Songs” di Ralph Vaughan Williams & A. L. Lloyd.


I
“I must be going, no longer staying,
the burning Thames(1) I have to cross.
I must be guided without a stumble(2)
into the arms of my dear lass.”
II
When he came to his true love’s window,
he knelt down gently on a stone,
and it’s through a pane he whispered slowly,
“my dear girl, do you alone?”
III
She’s rose her head from her down-soft pillow,
and snowy were her milk-white breasts,
saying:”who’s there, who’s there at my bedroom window,
disturbing me from my long night’s rest?(3)”
IV
“oh, I’m your love and don’t discover,
I pray you rise love and let me in,
for I am fatigued from my long night’s journey,
besides, I am wet into the skin(4).”
V
Now this young girl rose and put on her clothing,
so quickly let her true love in.
oh, they kissed, shook hands, and embraced each other
till that long night was near an end.
VI
“willy dear, oh dearest willy,
where is that colour you’d some time ago?”
“o mary dear, the clay has changed me
and I’m but the ghost of your willy, oh.”
VII
“Then oh cock, oh cock, oh handsome cockerel,
I pray you not crow until it is day(5),
for your wings I’ll make of the very first beaten gold,
and your comb I’ll make of the silver grey.”
VIII
But the cock it crew, and it crew so fully,
it crew three hours before it was day,
and before it was day, my love had to leave me,
not by light of the moon or light of the sun(6).
IX
then it’s “willy dear, oh dearest willy,
when ever shall I see you again?”
“when the fishes fly, love, and the sea runs dry, love,
and the rocks they melt in the heat of the sun”
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
“Devo andare, che non resterò a lungo,
il Tamigi in fiamme (1) devo
attraversare.
Sarò guidato senza passi falsi (2)
tra le braccia della mia amata ragazza”
II
Quando venne alla finestra del suo vero amore,
si inginocchiò piano sulla pietra
e attraverso il vetro sussurrò
piano
“Mia cara ragazza, sei sola?”
III
Lei alzò la testa dal soffice
cuscino
e nivei e bianco-latte erano i suoi
seni
dicendo ” Chi c’è, chi c’è alla finestra della mia stanza
che  disturba il mio riposo in questa lunga notte (3)?”
IV
“Oh sono il tuo innamorato, non mi smascherare, ti prego amore alzati e fammi entrare, perchè sono stanco del mio viaggio in questa lunga notte,
inoltre sono bagnato fino al midollo(4)”. V
Allora la giovane ragazza si alzò e si vestì
e lestamente fece entrare il suo amore. Oh si baciarono, si strinsero le mani e si abbracciarono finchè quella lunga notte stava per finire.
VI
“Caro Willy, oh amato Willy,
dov’è il colorito che avevi fino a poco tempo fa?”
“Oh cara Mary la terra mi ha
cambiato
e oh non sono che il fantasma del tuo Willy!”
VII
“Allora gallo o gallo
o bel galletto
ti prego di non cantare(5) fino a che è giorno
perchè le tue ali ricoprirò di oro zecchino e la tua cresta
d’argento”
VIII
Ma il gallo cantò e
cantò forte,
tre ore prima del giorno,
e prima che fosse giorno il mio amore mi dovette lasciare
né sotto la luce della luna, né sotto la luce del sole(6).
IX
“Willy caro Willy, quando ti rivedrò ancora?”
“Quando i pesci voleranno, amore e il mare si prosciugherà, amore
e le rocce si fonderanno al calore del sole!” (7)

NOTE
1) credo si riferisca all’accendersi del tramonto nelle acque del fiume che prendono il colore rossastro del cielo
2) “Senza posare piede” sono espressioni che stanno a indicare una vecchia credenza popolare: coloro che vengono in visita dall’Altro Mondo Celtico (dove hanno vissuto secondo lo scorrere del tempo fatato – un giorno presso Fairy corrisponde ad un anno terrestre) non devono posare i piedi sul suolo perchè altrimenti vengono raggiunti dall’età terrestre
3) la lunga notte è molto probabilmente quella del Solstizio d’Inverno
4) ho tradotto l’espressione secondo l’equivalente frase idiomatica in italiano: William è bagnato perchè presumibilmente è morto annegato
gallo-nosferatu5) la fanciulla per niente impressionata dalla notizia che il suo fidanzato è un revenant, prega il gallo di non cantare troppo presto e gli porge delle offerte in oro e argento. Così alcuni voglio vendere in questo gallo un mitico uccello guardiano delle porte dell’Altromondo (qui), ma francamente a me sembra una forzatura:il gallo è già di per sé un animale fortemente simbolico, e la frase si spiega senza dover ricorrere a un mitico quanto imprecisato uccello guardiano del mondo dei morti. Il gallo canta preannunciando il sorgere del sole, la cui luce dissolve il terrore delle tenebre: perciò per la proprietà transitiva il canto del gallo assume il potere di far svanire le creature della notte, gli incubi e i fantasmi. Tutta la strofa è conservata nella nursery rhyme Cock-a-doodle-doo (in italiano Chicchirichì) Oh, my pretty cock, oh, my handsome cock, I pray you, do not crow before day, And your comb shall be made of the very beaten gold, And your wings of the silver so gray. (The Annotated Mother Goose, William Stuart e Lucile Baring-Gould 1958)
6) l’alba è quel momento indefinito in cui non è più notte ma non è nemmeno giorno; il punto di congiunzione dei due mondi è un punto indeterminato così è una soglia che permette di passare da un mondo all’altro
7) situazioni paradossali che fanno parte di una lunga tradizione sulle imprese impossibili

LA VERSIONE IRLANDESE: LOVER’S GHOST

ligeiaLa versione proviene da Patrick W. Joyce che la imparò da ragazzo nel 1830 circa nella sua nativa Glenosheen, Contea di Limerick e che pubblicò nel suo “Old Irish Folk Music and Songs” (1909).

Qui il revenant è la donna
ASCOLTA Barbara Dickson 1968


I
“You’re welcome home again,” said the young man to his love,
“I’ve been waiting for you many a night and day.
You’re tired and you’re pale,” said the young man to his dear,
“You shall never again go away.”
II
“I must go away,” she said, “when the little cock do crow
For here they will not let me stay.
Oh but if I had my wish, oh my dearest dear,” she said,
“This night should be never, never day.”
III
“Oh pretty little cock, oh you handsome little cock,
I pray you do not crow before day(5)
And your wings shall be made of the very beaten gold
And your beak of the silver so grey.“
IV
But oh this little cock, this handsome little cock,
It crew out a full hour too soon.
“It’s time I should depart, oh my dearest dear,“ she said,
“For it’s now the going down of the moon(6).“
V
“And where is your bed, my dearest love,“ he said,
“And where are your white Holland sheets?
And where are the maids, oh my darling dear,” he said,
“That wait upon you whilst you are asleep?”
VI
“The clay it is my bed, my dearest dear,” she said,
“The shroud is my white Holland sheet.
And the worms and creeping things(7) are my servants, dear,” she said,
“That wait upon me whilst I am asleep.”
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
“Benvenuta nuovamente a casa”- disse il giovane al suo amore
“ti ho aspettato
notte e giorno,
sei stanca e pallida”
disse il giovane alla sua cara
“non dovrai mai più andare via”
II
“Devo andare –
disse lei– quando il galletto canta
perchè qui non mi lasceranno restare.
Se fosse per me o mio
amore caro –
disse lei
questa notte non avrebbe mai
un giorno”
III
“Oh galletto, oh tu
bel galletto
ti prego di non cantare(5) fino a che è giorno e le tue ali
ricoprirò di oro zecchino
e la tua cresta d’argento”
IV
Ma quel galletto, quel
bel galletto
cantò prima di un’intera ora.
“E’ l’ora della partenza
mio caro amore –
disse lei
perchè ora tramonta
la luna(6). ”
V (8)
“E dov’è il tuo letto, mio caro amore –
disse lui
dove sono le tue bianche lenzuola di fiandra?
E dove sono le ancelle oh mio
caro amore –
disse lui
che vegliano sul tuo sonno mentre dormi?”
VI
“La terra è il mio letto, mio caro
amore –
disse lei
il sudario è il mio lenzuolo
di Fiandra
e i vermi e le serpi (9)
sono le miei servitori, amore –
disse lei – che vegliano su di me mentre dormo”

NOTE
8) la struttura dei versi richiama il funerale del mare già presente nelle wauking songs delle isole Ebridi (vedasi Ailein Duinn)
9) l’espressione è biblica

LA VERSIONE DI TERRANOVA

In questa versione si evince chiaramente che la donna è rimasta ad attendere il suo innamorato per lungo tempo mentre lui è morto in mare. In una non precisata notte Johnny ritorna a casa e bussa alla finestra della fidanzata perchè si svegli e lo faccia entrare nella camera.
ASCOLTA Ewan MacColl & Peggy Seeger in ‘Blood & Roses’

ASCOLTA Ian & Sylvia 1975

ASCOLTA Alasdair Roberts in “Too Long In This Condition” 2010

Nelle note di copertina si legge “This is a revenant ballad from Newfoundland. It was collected by Maud Karpeles in 1929 and published in her Folk Songs from Newfoundland (1971). This version is from the singing of Alison McMorland and Kirsty Potts, recorded at the Fife Traditional Singing Weekend, May 2004. In Volume 2 of Tim Neat’s recently published Hamish Henderson: A Biography, Alison recalls being given, by Henderson, a recording of the song as sung by an unknown singer from Salford, near Manchester, England.”


I
“Johnny he promised to marry me,
But I fear he’s with some fair one gone. There’s something bewails him and I don’t know what it is,
And I’m weary of lying alone.”
II
Johnny come here at the appointed hour,
And he’s knocked on her window so low.
This fair maid arose and she’s hurried on her clothes
And she’s welcomed her true lover home.
III
She took him by the hand and she laid him down,
She felt he was cold as the clay.
“My dearest dear, if I only had one wish
This long night would never turn to day.
IV(8)
Crow up, crow up you little bird
And don’t you crow before the break of day,
And you’ll keep shielding made of the glittering gold
And that doors of the silvery gray.”
V
“And where is your soft bed of down, my love?
And where is your white Holland sheet?
And where is the fair girl who watches over you
As you taking your long, sightless sleep?”
VI
“The sand is my soft bed of down, my love,
The sea is my white Holland sheet. And the long, hungry worms will feed off of me
As I lie every night in the deep.“
VII
“Oh, when will I see you again, my love?”
“Oh, when will I see you again?”
“When the little fishes fly and the seas they do run dry
And the hard rocks they melt in the sun.”
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
“Johnny promise di sposarmi
ma temo sia andato con un’altra bella. C’è qualcosa che lo tormenta
ma non so cosa sia
e sono stanca di stare sola.”
II
Johnny venne qui all’ora
convenuta
e bussò alla sua finestra piano
piano.
La bella fanciulla si alzò e si vestì in fretta
per accogliere il ritorno a casa del suo vero amore.
III
Lo prese per mano e
si distese al suo fianco
e sentì che era freddo come la terra “Amore mio caro, se solo avessi un desiderio da esprimere,
questa lunga notte non avrebbe mai un giorno.
IV
Taci, taci tu uccellino (10)
e non cantare prima dello spuntare del giorno
e otterrai sbarre fatte
d’oro zecchino
e porte d’argento.
V
Dov’è il tuo soffice letto di piume,
amore mio,
dove sono le tue bianche lenzuola di Fiandra?
E dov’è la bella ragazza che veglia su di te
mentre tu prendi il tuo lungo sonno?
VI
La sabbia è il mio soffice letto dei fondali, amore mio
il mare è il mio lenzuolo di Fiandra
e i lunghi e affamati vermi
si nutriranno di me
mentre giaccio ogni notte negli abissi

VII
Quando ti rivedrò ancora,
amore mio?
Quando ti rivedrò ancora?
Quando le aringhe voleranno, e il mare si prosciugherà
e le rocce si fonderanno al sole!

NOTE
10) questa strofa è quella che si richiama al gallo anche se qui diventa un generico “little bird”: l’uccellino è tenuto nella gabbietta da qui la promessa di oro e argento per le sbarre e la porticina (shielding= cage)
ILLUSTRAZIONI
The Sleeper, Edmund Dulac
Fotogramma dal film Nosferatu
Ligeia

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/suffolk-miracle.htm
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thegreycock.html http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/theloversghost.html http://saturdaychorale.com/2013/04/15/ralph-vaughan-williams-1872-1958-the-lovers-ghost-by-vaughan-williams-lumina-vocal-ensemble/ http://www.8notes.com/scores/4737.asp?ftype=gif http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/7.html http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=79144 http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=1659 http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/C248.html http://www.cavernacosmica.com/simbologia-del-gallo/