Hares on the Mountain with Sally the dear

Leggi in italiano

Cecil Sharp has collected nine different versions of the ballad “Hares on the Mountain”, a love hunt perhaps derived from “The Two Magicians
amorinoSome believe that the text was written by Samuel Lover (1797-1865) because he appears in his novel “Rory o ‘More”. But the theme of this love-hunting is antecedent and recalls an ancient initiation ritual if not a true enchantment of transformation (or concealment) fith fath.

Still popular in England, we find it more sporadically in Ireland, the United States and Canada, but in the 60s and 70s it was very popular in folk clubs, less widespread, however, the version from the male point of view.

Steeleye Span from Parcel of Rogues 1973: a sweet lullaby

HARES ON THE MOUNTAIN
I
Young women they’ll run
Like hares(1) on the mountains,
Young women they’ll run
Like hares on the mountains
If I were but a young man
I’d soon go a hunting,
To my right fol diddle de ro,
To my right fol diddle dee.
II
Young women they’ll sing
Like birds in the bushes,
If I were but a young man,
I’d go and bang those bushes.
III
Young women they’ll swim
Like ducks in the water,
If I were but a young man,
I’d go and swim after

NOTES
1) hare, birds and duck are animals associated with the three kingdoms, the middle world (Earth), above (Heaven) and below (Sea)

OH SALLY, MY DEAR

The same pattern is taken up in a ballad called with the same title or “Oh Sally my dear” of which we know mainly two melodies. Here the textual part is rendered as a blow and a response between the two lovers.

Shirley Collins & Davey Graham .  Fine arrangement of Davey on guitar

Jonny Kearney & Lucy Farrell slower melody, very magical

Alt-J in Bright: The Album 2017,  indie-rock version (I, III, IV, VI)

OH SALLY MY DEAR
I
“Oh Sally, my dear,
it’s you I’d be kissing,
Oh Sally, my dear,
it’s you I’d be kissing,”
She smiled and replied,
“you don’t know what you’re missing”.
II
“Oh Sally, my dear,
I wish I could wed you,
Oh Sally my dear,
I wish I could bed you”
She smiled and replied,
“then you’d say I’d misled you”.
III
“If all you young men
were hares on the mountain,
How many young girls
would take guns and go hunting?
IV
If the young men could sing like blackbirds and thrushes,
How many young girls
would go beating the bushes?
V
If all you young men
were fish in the water,
How many young girls
would undress and dive after?”
VI
“But the young men
are given to frisking and fooling (1),
Oh, the young men are given to frisking and fooling,
So I’ll leave them alone
and attend to my schooling”

NOTES
1) to take relationships with the girls lightly, without serious intentions. In this version the ballad has become a warning song on the old adage that man is a hunter

THE BLACKBIRDS AND THE THRUSHES

Same ballad handed down with another title
Niamh Parsons from “Blackbirds & Thrushes” 1999

Catherine Merrigan & Marion Camastral from “Wings O’er The Wind

Seamus Ennis

BLACKBIRDS AND THRUSHES
I
If all the young ladies
were blackbirds (1) & thrushes
If all the young ladies
were blackbirds & thrushes
Then all the young men
would go beating the bushes
Rye fol de dol diddle lol iddle lye ay
II
If all the young ladies
were ducks on the water..
Then all the young men
would go swimming in after
III
If all the young ladies
were rushes a-growing..
Then all the young men would get scythes and go mowing
IV
If the ladies were all
trout and salmon so lively
Then divil the men
would go fishing on Friday(2)
V
If all the young ladies
were hares on the mountain
Then men with their hounds
would be out without counting

NOTES
1) In the Celtic tradition: The blackbird (druid dhubh) is associated with the goddess Rhiannon. Legend has it that the birds of Rhiannon are three blackbirds, which are perched and sing on the tree of life on the edge of the otherworldly worlds. Their song, puts the listener in a state of trance, which allows him to go to the parallel worlds. (from here) see more
2) the expression perhaps refers to the fact that in the weekend you go fishing or that on Friday you eat fish

LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=58904
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=73890 http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/haresonthemountain.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31052

EASTERSNOW A TRIP TO LOUGH KEY

La canzone “Eastersnow” è un tradizionale irlandese, la cui melodia è stata resa famosa da Seamus Ennis (Dublino 1919- Naul 1982) il piper maestro del tight style! (vedi). Una slow air tra le sue melodie preferite al punto da chiamare la sua casa mobile in cui visse negli ultimi anni sul suo pezzo di terra a Naul, con lo stesso nome.

 La melodia è di fine Ottocento ed è stata attribuita al piper cieco Jimmy Fallon di Dysart – contea di Roscommon. La principale fonte del canto viene da Brigid Tunney (da ascoltare  nella raccolta di Peter Kennedy qui)

LA MELODIA

Una slow air dalla delicatezza di un “canto del mattino” ovvero la malinconica dolcezza tipica delle “aisling song“.

ASCOLTA Wolfy Green tin whislte

ASCOLTA il magico flauto  di Matt Malloy (che guarda caso viene proprio dal Roscommon) & Brian Mcgrath  segue un reel

ESTERSNOWE NEL ROSCOMMON

Apparentemente un toponimo Easter Snow= Estersnowe è un villaggio nella contea di Roscommon ovvero  un modegreen dal gaelico Díseart (or Íseart) Nuadhain” [DEESH-art (or: EESH-art) NOO-in] =“desert or retreat of (St.) Nuadh.
Ancora un pezzo d’Irlanda nascosta quello della contea di Roscommon (le colline boscose di Coman, il cuore costante d’Irlanda) ovvero l’antico Connacht della regina  Medb.

L’eremo di San Nuadh o Nuadu era una grotta, essendo la zona ricca di grotte che si ritiene si sviluppino in notevoli estensioni, (i cui ingressi sono stati in gran parte chiusi).
In antichi documenti irlandesi compare un vescovo, abate di Armagh, di nome Nuadu (Noda, Nuadha; lat. Nuadatus). Gli annalisti lo descrivono come un santo anacoreta e lo associano a Loch Uama, che significa letteralmente “lago della caverna”. Questo toponimo, che indica probabilmente il luogo del romitorio del santo, è stato identificato da qualcuno anche come luogo di nascita. Per indentificare Loch Uama sono stati fatti vari tentativi: Loch Nahoo, presso Drumleas, nella contea di Leatrim, Cavetown Loch, nella contea di Roscommon, ecc. In favore della prima ipotesi sta comunque il riferimento negli annali, all’anno 809, a Dísert Nuadháin (romitorio di Nuadu), luogo ora noto come Estersnow, presso Cavetown; non lontano di qui vi è inoltre un pozzo sacro chiamato Tobar Nuadháin, un tempo centro di culto (Grannell, 1967)…
Si tratta di una cosiddetta grotta lattaia. Lo stillicidio di acque sature in un ambiente riparato parzialmente illuminato porta alla formazione di concrezioni stalattitiche particolari che si accrescono per incrostazione successiva di muschi e altri organismi vegetali a costituire una massa spugnosa rotondeggiante. Queste concrezioni richiamano nell’aspetto la morfologia delle mammelle infatti al posto del capezzolo lo stillicidio mantiene sulla sommità di queste un tubicino non ancora incrostato sempre ripieno d’acqua lattescente. In Toscana le chiamano “pocce lattaie”, in Puglia l’acqua dall’aspetto lattescente è chiamata “latte di grotta” e in generale il fenomeno ha colpito la fantasia popolare per i suoi naturali richiami, dando il via ai miti relativi (Corrain, Rittatore, Zampini, 1967)
.(tratto da qui)

LA GROTTA DI ISSERTNOWNE

Abbiamo quindi un “sito alto” consistente in una grotta lattaia (eremo di un anacoreta o di un antico dio), un pozzo curativo detto “Tobar Nuadhain” (Tirs Nuadhain) e una pietra.
Ai tempi della regina Elisabetta la località era luogo di mercato:”Quod est quoddam forum sive mercatum in die Sabbatis qualibet septimana quondo non est guerra in patria, juxta templum Sancti Wogani vulgarite Temple-Issetnowne in baronia de Moy Lurg.”  (Annals of the Four Masters 1330) Risale a quest’epoca l’appellativo della località come Issertnowne.
John O’Donovan nelle sue “Ordnance Survey letters” del 1835  scrive “The original site of the church is still occupied by the Protestant one, and there is a holy well not far from it called Tobar Nuadhain, which is said to have been blessed by a monastic old gentleman of the name of Noone (a surname numerous in this country of Moylurg) but at what period no one remembers. This well is fast losing its sanctity and is now but seldom resorted to for cure. When it was in vogue it was visited by great numbers, and when the patient was not to recover from his malady, when he came to drink of its water, the blessed trouts of the well turned their bellies up, and seemed to be sickish and languid, but when he was to recover through the blessed waters of the well, they looked healthy and swam about briskly“. (tratto da qui)
E scrive ancora in merito alla grande pietra detta Clogh-na-stucceen (the stone of the little hill) o anche Clogh-cam (the crooked stone) : “The Castle of Moylurg, of which the foundations only are now traceable, stood on a remarkable rock, which was anciently almost surrounded by water; it lies opposite the remarkable stone called Clogh-a-Stuakeen, and immediately to the right of the road as one goes from Boyle to the village of Croghan”. (tratto da qui)

IL TESTO

Un pastorello di Estersnowe incontra una fanciulla simile a una dea e, trafitto da una freccia di Cupido, si innamora perdutamente ; vorrebbe portare via con le sè la bella come sposa ipso facto, ma lei preferisce aspettare di ottenere il consenso di entrambi i genitori. La citazione “colta” a Diana, Venere e Cupido, divinità della Roma antica, come pure le rime baciate, ci fanno presumere che il testo sia stato scritto da un maestro di scuola (erano in molti nei villaggi di campagna, a dilettarsi nello scrivere e cantare quelli che sono diventati i canti della tradizione popolare).

diana-cupido
Il genere riprende il tema poetico dei trovatori medievali detto “reverdie” in cui il poeta incontra una bella donna che simboleggia la Primavera. In questo genere poetico si festeggia l’arrivo della bella stagione e lo sbocciare dell’amore, ma più spesso nella tradizione irlandese la donna raffigura più o meno velatamente l’Irlanda. continua

Il brano è stato registrato da Paddy Tunney nel suo album “A wild bee’s nest” 1965 (da ascoltare su Spotify) ma è più diffuso  come melodia che come brano cantato.
Paddy Tunney’s mother Brigid appears to have been the oral the source of this in Ireland; another version was recorded in New Brunswick, Canada. Sam Henry included a 1925 version in his ‘Songs of the People’ column in the ‘Northern Constitution’ newspaper under the title Westersnow and an earlier one was discovered in J.P. McCall’s unpublished songbook, where it was said to have come from ‘County Carlow/County Wicklow’, there given the title Esther Snow.
An instrumental version of the tune is in the Standford-Petrie Collection with two titles in Irish-Sneachta Casga (a literal translation of Easter Snow) and Diseart Nuadhan (the original Gaelic name of the district).
The final folk etymology of the name was one I heard from the Donegal Fiddler John Doherty, who played the tune for me but did not know the words of the song. He called the tune Esther Snow and told me that Esther was “a most beautiful lady, with skin as white as the snow.”
(tratto da qui)

ASCOLTA John Lyons


I
At twilight in the morning as I roved out upon the dew
With my morning cloak around me intending all my flocks to view
I spied a pretty fair one
she was a beauty bright
And I took her for Diana(1)
or the evening star that rules the night
II
I being so much surprised by her it was the forenoon of the day
To see that lovely creature coming o’er the banks of sweet Loughrea(2)
Her snow-white breast lay naked and her cheeks they were a rosy red
And my heart was captivated by the two black eyes rolled in her head(3)
III
“Fair maid” I cried, “your love I crave for Cupid(4) is a cruel foe
I’ll roll you in my morning cloak (5)
and I’ll bring you home to Easter Snow(6)”
“Go home, acquaint your parents and indeed kind sir, I’ll do the same
And if both our parents give consent neither you nor I will bear the blame”
TRADUZIONE di CATTIA SALTO
I
All’alba mentre camminavo tra la rugiada del mattino,
con indosso il mio mantello
apprestandomi a sorvegliare il gregge, vidi una graziosa fanciulla,
era di una fulgida bellezza
e la scambiai per Diana (1) o per la Stella della sera che governa la notte.
II
Ero così sorpreso da lei che stetti tutto il mattino
a guardare quella bella creatura venire sulle rive dell’ameno Lough Key (2):
il suo petto bianco-latte stava nudo e le sue guance erano due rose rosse
e il mio cuore fu conquistato dai suoi vivaci occhi neri. (3)
III
“Bella fanciulla – dissi -imploro il tuo amore, perchè Cupido (4) è un nemico crudele. Ti avvolgerò nel mio mantello (5)
e ti porterò a casa come una sposa a Estersnowe”(6)
“Andate a casa a informare i vostri genitori, gentile signore, e così farò anch’io e se entrambi i nostri famigliari daranno il consenso, nè io né voi saremmo da biasimare”

NOTE
1) Diana è la giovane vergine abile nella caccia, dea del Bosco e custode delle fonti.
Ma la Stella della Sera è il pianeta Venere (ovvero la dea greca Afrodite).  Gli antichi greci identificavano con il termine “stella Diana” la “stella” errante -ovvero il pianeta- Venere dandogli il doppio nome di Lucifer (all’alba) e Vesper (alla sera). Fu in pieno Stil Novo che il pianeta Venere venne chiamato Stella Diana, nome che non derivava dalla omonima dea della caccia,  ma dal latino dies (giorno), dea del giorno puro o del giorno sereno, richiamando l’immagine del chiarore rosato di un’alba nitida.
Ed ecco che anche il testo si ricollega al genere musicale detto anche in alcune parti d’Italia “la diana” antiche nenie che si suonavano nel dormiveglia prima dell’alba. Ma la diana è anche il rullo di tamburo e lo squillar di trombe per la sveglia delle truppe (prima del sorgere del sole) e un turno di guardia per i marinai a bordo (dalle 4 alle 8)
2) Lough Key è un lago del nord-ovest nella contea di Roscommon vicino alla città di Boyle. Il Lough Key (lago Key) è stato per molti secoli ammirato per i suoi paesaggi spettacolari, una ricca fauna selvatica, edifici storici e bellissimi isolotti.
Questo splendido paesaggio è intriso di una lunga e ricca storia, a cominciare dagli insediamenti neolitici dell’età del bronzo. L’antica tenuta della famiglia Rockingham è stata trasformata in un parco forestale. Nel parco di 350 ettari progettato da Humphry Repton vennero piantati nel XVIII sec. numerosi alberi ornamentali.
Un sentiero naturale conduce alla “sedia dei desideri” (Wishing Chair) e al “ponte delle fate” (Fairy Bridge), costruito nel 1836 con la pietra calcarea locale, e prosegue fino al giardino detto Bog Garden, dove crescono numerosi i rododendri, le azalee e altre piante di palude. I sentieri sono lastricati con rondelle di tronchi di quercia. (tratto da qui)

3) letteralmente ” che roteavano sul suo capo”. E’ la descrizione poetica del sorgere dell’alba personificata in una creatura ultraterrena.
4) Cupido è il dio dell’Amore e del desiderio sessuale
5) mettere il mantello sulle spalle di una donna è un gesto feudale di possesso e si usava nel matrimonio medievale come simbolo del passaggio della donna dalla potestà del padre  a quello del marito
6) Estersnowe è un villaggio nella contea di Roscommon. ‘Easter Snow’ è anche il nome popolare del biancospino che fiorisce lungo le rive in Primavera.

Una seconda canzone sempre dal titolo “Easter snow” è invece stata scritta da Christy Moore come tributo a Seamus Ennis. Così scrive nel suo sito” I first met Seamus Ennis in 1968.I was living in Yorkshire and he stayed with me for a week while he played some Folk Clubs. When I played with Planxty in 1972-74), Seamus was sharing a house with Liam and Michael O’Flynn. Lastly I used to visit him towards the end of his life when he lived back in the home place in The Naul,Co.Dublin. During those visits he talked about Music and Songs  and shared deeply.I wrote this tribute after he passed.” (Christy Moore)

FONTI
http://www.tseac.ie/page/seamus-ennis
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/easter_snow_jlyons.htm
http://tunearch.org/wiki/Annotation:Easter_Snow
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=61345 https://thesession.org/tunes/10319 http://blogs.transparent.com/irish/sneachta-casca-easter-snow-the-song-not-the-weather-forecast/ http://www.christymoore.com/lyrics/easter-snow/

IN VIAGGIO
http://www.ireland.com/it-it/articoli/roscommon/
http://www.irlandaonline.com/cosa-vedere/ovest/roscommon/

http://www.ireland.com/it-it/destinazioni/republic-of-ireland/roscommon/articoli/roscommon/

BRIAN O’LINN

Altri titoli: Brian (Tommy) O ‘(A’) Lin (n) (O’Flynn), Old Tombolin, Tam o ‘the Lynn, Tom Bolyn

Una canzone comica diffusa in Inghilterra, Scozia e Irlanda come pure in America e Australia, risalente forse al 1500 (una canzone dal titolo “Thom of lyn” è citata in The Complaynt of Scotland, 1549). Nei frammenti della commedia di William Wager “The Longer Thou Livest” 1569, è riportato questo verso::
Tom-a-lin and his wife and his wife’s mother, They went over a bridge together; The bridge was broken and they fell in. The devil go with you all, quoth Tom-a-lin.

manLa canzone è ancora popolare e nel 1933 Sam Henry si è dato la pena di rintracciare il vero protagonista della storia e così scrive nel Northern Constitution (il giornale della contea di Derry in data 11 febbraio 1933)
In the old records of the Manor of Cashel (Portglenone) we find under date 18th April, 1786, the name of Bryan O’Lynn as a Grand Juror, and on that same day he was appointed an “Apprizer.” Under the signature of the Grand Jurors is written: Bryan O’Lynn was a Scotchman born, His head it was bald and his beard it was shorn. This hero of a comic song that has amused five generations was a real perosn. He was not a “Scotchman born,” but of the ancient clan of the O’Lynns, of Hy Tuirtre, who were descended from Colla Ua.s [sic], King of Ireland about the third century.
Bryan was a popular and distinguished character in those days, at whose expense any Tom, Dick or Harry might add a verse to the song that had taken the people’s fancy.He is first recorded in the manorial records as an “apprizer” in 1770. On 17th October, 1775, it was decided that he was a proper person to serve as overseer of the market. On Tuesday, 15th October 1782, he was appointed “pownkeeper for the ensuing year,” and he was keeper of the pound for 14 years. On 10th October, 1786, Bryan was appointed to “view a march ditch.” He was a grand juror from seven consecutive years from 1786 to 1793. The innocent gibes at his expense he must have taken in good part. He seems to have been a happy-go-lucky man, easily contented and with a ready answer for all emergencies.”

Tom, Tam o Brian nella versione irlandese è un uomo che trova una soluzione “originale” per ogni evenienza. Peter Kennedy in “Folksongs of Britain and Ireland“, ipotizza che la canzone sia nata in Inghilterra per prendere in giro i più “ruspanti” irlandesi o scozzesi, che a loro volta hanno adottato la canzone rielaborandola in chiave umoristica. Le strofe sono tantissime e vanno dalla versione oscena alle nursery rhyme e talvolta si mescolano alla melodia e al coro di “The Old Grey Mare“.

ASCOLTA Seamus Ennis
ASCOLTA una versione più “barocca”


I
Bryan O’Lynn had no breeches to wear
He got him a sheepskin to make him a pair,
With the fleshy side out and the woolly side in,
“Whoo, they’re pleasant and cool.” says Bryan O’Lynn.
II
Bryan O’Lynn had no hat to put on,
He thought that the pot would do him instead,
Then he murdered a cod for the sake of its fin,
“Whoo, ‘twill pass for a feather.” says Bryan O’Lynn.
III
Bryan O’Lynn had no watch to put on,
He scooped out a turnip to make him a one
Then he planted a cricket in under the skin
“Whoo, they’ll think it’s a-tickin,” says Bryan O’Lynn.
IV
Bryan O’Lynn to his house had no door,
He’d the sky for a roof and the bog for a floor,
He’d a way to jump out and a way to swim in,
“Whoo, it’s very convenient,” says Bryan O’Lynn.
V
Bryan O’Lynn, his wife, and wife’s mother,
They all went home o’er the bridge together,
The bridge it broke down and they all tumbled in,
“Whoo, we’ll go home by water,” says Bryan O’Lynn.
VI
Bryan O’Lynn went a courting one night,
And he set both his mother and sister to fight;
To fight for his hand they both stripped to the skin
“Oh, I’ll marry you both,” says Bryan O’Lynn.
Tradotto da Cattia Salto
I
Bryan O’Lynn non aveva pantaloni da mettere,
ha preso una pelle di pecora per farsene un paio
con la pelle fuori e il vello dentro
“Sono così confortevoli e freschi” dice Bryan O’Lynn
II
Bryan O’Lynn non aveva cappello da mettere,
ha pensato che una casseruola sarebbe andata bene,
poi ha ucciso un merluzzo per la sua pinna
“Potrebbe passare per una piuma” dice Bryan O’Lynn
III
Bryan O’Lynn non aveva orologio da mettere,
ha scavato una rapa per farsene uno,
poi ci ha messo un grillo sotto
“sembrerà che faccia il ticchettio” dice Bryan O’Lynn
IV
Bryan O’Lynn a casa sua non aveva porta,
aveva il cielo come tetto e lo stagno come pavimento,
poteva saltare fuori e nuotarci dentro
“E’ molto comodo” dice Bryan O’Lynn
V
Bryan O’Lynn, sua moglie e la madre della moglie
sono ritornati a casa sul ponte tutt’insieme,
il ponte è crollato e loro sono caduti
“andremo a casa via acqua” dice Bryan O’Lynn
VI
Bryan O’Lynn è andato a una visita di corteggiamento una notte,
e ha aizzato sia la madre che la figlia a combattere,
litigando per la sua mano si sono spellate vive
“vi sposo entrambe” dice Bryan O’Lynn

brian-courting

VERSIONE STRUMENTALE: Laird o’ Cockpen

Una variante della melodia (conosciuta in Scozia come Laird o’ Cockpen) è diventata in Irlanda una jig popolare per violino, da non confondere con il reel Tamlin
ASCOLTA Steeleye Span Bryan O’Lynn/The Hag with the Money

ASCOLTA Patrick Street in Piping Hot A Celtic Bagpipe (Woods of Old Linderick/Brian O’Lynn)


FONTI
http://www.yorkshirefolksong.net/song_database/Humour/Brian_OLynn.49.aspx
http://chivalry.com/cantaria/lyrics/brian_olynn.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=43706
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=5683 http://mainlynorfolk.info/folk/songs/brianolynn.html
http://thesession.org/tunes/830
http://history.wiltshire.gov.uk/community/getfolk.php?id=80 http://www.kstez.de/Bryan_O_Lynn__Ireland_.pdf http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/R471.html http://www.irishmusicdaily.com/brian-olinn

Una caccia d’amore: le lepri sulle montagne

Read the post in English

Cecil Sharp ha raccolto nove diverse versioni della ballata “Hares on the Mountain”, una caccia d’amore forse derivata da “The Two Magicians
amorinoLa Caccia d’Amore è un tema tipico dei canti popolari, secondo modi propri della canzone d’amore cortese o di “genere” ovvero i contrasti tra due innamorati, in questi lui cerca di conquistare e lei respinge o dileggia e spesso il contesto è comico o anche scurrile.
Alcuni ritengono che il testo sia stato scritto da Samuel Lover (1797-1865) perchè compare nella sua novella “Rory o’ More”. Ma il tema di questa caccia d’amore è antecedente e richiama un antico rituale d’iniziazione se non un vero e proprio incantesimo di trasformazione (o di occultamento) il fith fath.

Ancora diffusa in Inghilterra la ballata si ritrova più sporadicamente in Irlanda, Stati Uniti e Canada, ma negli anni 60-70 era molto popolare nei folk club . Con lo stesso titolo anche la versione testuale al femminile meno diffusa però della versione dal punto di vista maschile.

Steeleye Span in Parcel of Rogues 1973: la versione propende per una melodia tipo ninna-nanna


I
Young women they’ll run
Like hares(1) on the mountains,
Young women they’ll run
Like hares on the mountains
If I were but a young man
I’d soon go a hunting,
To my right fol diddle de ro,
To my right fol diddle dee.

II
Young women they’ll sing
Like birds in the bushes,
If I were but a young man,
I’d go and bang those bushes.
III
Young women they’ll swim
Like ducks in the water,
If I were but a young man,
I’d go and swim after
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Le ragazze andranno
come lepri sulle montagne,
Le ragazze andranno
come lepri sulle montagne,
se fossi giovane
andrei subito a caccia.
To my right fol diddle de ro,
To my right fol diddle dee.

II
Le ragazze canteranno
come uccelli sui cespugli
se io fossi giovane
andrei a scuotere i cespugli .
III
Le ragazze nuoteranno
come anatre nell’acqua,
se io fossi giovane
andrei a tuffarmi

NOTE
1) lepre, uccelli e anatra sono animali associati ai tre regni, mondo di mezzo (Terra), di sopra (Cielo) e di sotto (Mare)

OH SALLY, MY DEAR

Lo stesso schema è ripreso in una ballata chiamata sempre con lo stesso titolo oppure come “Oh Sally my dear” della quale si conoscono prevalentemente due melodie. Qui la parte testuale è resa come con botta e risposta tra i due innamorati.

Shirley Collins & Davey Graham . Pregevole arrangiamento di Davey alla chitarra

Jonny Kearney & Lucy Farrell melodia più lenta, molto magica

Alt-J in Bright: The Album 2017 -per il film Bright, versione indie-rock (I, III, IV, VI)


I
“Oh Sally, my dear,
it’s you I’d be kissing,
Oh Sally, my dear,
it’s you I’d be kissing,”
She smiled and replied,
“you don’t know what you’re missing”.
II
“Oh Sally, my dear,
I wish I could wed you,
Oh Sally my dear,
I wish I could bed you”
She smiled and replied,
“then you’d say I’d misled you”.
III
“If all you young men
were hares on the mountain,
How many young girls
would take guns and go hunting?
IV
If the young men could sing like blackbirds and thrushes,
How many young girls
would go beating the bushes?
V
If all you young men
were fish in the water,
How many young girls
would undress and dive after?”
VI
“But the young men
are given to frisking and fooling (1),
Oh, the young men are given to frisking and fooling,
So I’ll leave them alone
and attend to my schooling”
Traduzione italiana Cattia Salto
I
“Oh Sally mia cara
sei tu che vorrei baciare
Oh Sally mia cara
sei tu che vorrei baciare”;
lei sorrise e rispose
” Non sai cosa ti perdi”
II
“Oh Sally mia cara
vorrei poterti sposare,
Oh Sally mia cara
vorrei portarti a letto”;
lei sorrise e rispose
“Allora dirai che io ti ho sedotto”
III
” Se tutti i ragazzi
fossero lepri di montagna,
quante ragazze prenderebbero le armi per andare a caccia?
IV
Se i ragazzi potessero cantare
come merli e tordi,
quante ragazze andrebbero
a scuotere i cespugli?
V
Se tutti i ragazzi fossero pesci nell’acqua,
allora quante ragazze
si spoglierebbero per tuffarsi?”
IV
“Ma ai giovanotti
è concesso sfarfallare e divertirsi
ai giovanotti
è concesso sfarfallare e divertirsi
così li lascerò stare
e baderò ai miei affari”

NOTE
1) nel nenso di prendere i rapporti con le ragazze con leggerezza, senza serie intenzioni. In questa versione la ballata è diventata una warning song sul vecchio adagio che l’uomo è cacciatore e ci prova con tutte

THE BLACKBIRDS AND THE THRUSHES

E infine la stessa ballata tramandata con un altro titolo
Niamh Parsons in “Blackbirds & Thrushes” 1999

Catherine Merrigan & Marion Camastral in “Wings O’er The Wind

Seamus Ennis


I
If all the young ladies
were blackbirds (1) & thrushes
If all the young ladies
were blackbirds & thrushes
Then all the young men
would go beating the bushes
Rye fol de dol diddle lol iddle lye ay
II
If all the young ladies
were ducks on the water..
Then all the young men
would go swimming in after
III
If all the young ladies
were rushes a-growing..
Then all the young men would get scythes and go mowing
IV
If the ladies were all
trout and salmon so lively
Then divil the men
would go fishing on Friday(2)
V
If all the young ladies
were hares on the mountain
Then men with their hounds
would be out without counting
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Se tutte le ragazze
fossero merli e tordi,
se tutte le ragazze
fossero merli e tordi,
allora tutti i ragazzi
andrebbero a scuotere i cespugli.
Rye fol de dol diddle lol iddle lye ay
II
Se tutte le ragazze
fossero anatre nell’acqua,
allora tutti i ragazzi
andrebbero a tuffarsi .
III
Se tutte le ragazze
fossero alti giunchi,
allora tutti i ragazzi prenderebbero la falce e andrebbero a falciare.
IV
Se tutte le donne fossero trote
e salmoni così guizzanti,
allora diavolo se gli uomini
andrebbero a pescare di Venerdì.
V
Se tutte le ragazze
fossero lepri sulla montagna,
allora gli uomini con i loro segugi andrebbero a caccia senza indugi

NOTE
1) Nella tradizione celtica: Il merlo (druid dhubh) è associato alla Dea Rhiannon. La leggenda dice che gli uccelli di Rhiannon sono tre merli, che sono appollaiati e cantano sull’albero della vita ai confini con i mondi ultraterreni. Il loro canto, mette l’ascoltatore in uno stato di trance, che gli consente di recarsi nei mondi paralleli. (da qui) continua
2) l’espressione vuole forse riferirsi al fatto che nel week-end si va a pescare o che di venerdì si mangia pesce

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=58904
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=73890 http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/haresonthemountain.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31052

DEVIL AND THE FARMER’S WIFE

Il tema del Diavolo che cerca di portarsi all’inferno il peccatore è un classico dei racconti popolari di area celtica, reso esemplare nella storia di Jack O’Lantern: la notte di Halloween il Diavolo cammina sulla terra per reclamare le anime degli uomini (peccatori), ma Jack riesce ad ingannarlo con dei trucchetti, per ben due anni di seguito. Alla fine il Diavolo, per non continuare a fare brutte figure, rinuncia alla sua anima per altri dieci anni. Jack però ha poco da stare allegro, perchè comunque muore per i troppi vizi (il bere in testa) e sia il Paradiso che l’Inferno non hanno intenzione di accoglierlo.
Il Diavolo tuttavia gli regala un tizzone per illuminare i suoi passi; da allora Jack continua a vagare per il Limbo in cerca di una dimora che non troverà mai, con la sua lanterna a forma di zucca (che in origine, prima che la storia sbarcasse in America, era una rapa vedi).

Hop-tu-Naa – Isola di Man

JACK O’LANTERN IN GONNELLA

Nella ballata “Devil and the Farmer’s wife“(nota anche con il titolo Little Devils- Jean Ritchie) risalente al 1600 è la donna, per il suo comportamento bisbetico e irrispettoso, a meritarsi l’inferno; ma il diavolo stesso non riesce a domarla, anzi rischia di perdere la sua tranquillità. La similitudine tra le due storie ricorre in una delle versioni ottocentesche (Macmath Manuscript 1862 vedi) in cui il diavolo dice riferendosi alla donna:”O what to do with her I canna weel tell; she’s no fit for heaven, and she’ll no bide in hell!” (in italiano: che fare di lei non so: non è adatta al Paradiso e non sopporta l’Inferno) proprio come Jack che ha trovato chiuse sia la Porta del Paradiso che quella dell’Inferno.
La ballata con tutta probabilità è ancora più antica e alcuni studiosi la ricollegano ai Racconti di Canterbury di Chaucer (Waltz e Engle).

La ballata ha avuto una grande diffusione in Inghilterra, Irlanda, Scozia e America con versioni testuali abbastanza simili seppure con melodie declinate in modo diverso. Compare in stampa nel 1630 con il titolo “The Devill and the Scold” (in italiano “Il Diavolo e la Bisbetica”) abbinata alla melodia “The Seminary Priestvedi
Nelle note in accompagnamento al testo si riporta: Of this ballad there are two extant editions, the earlier being in the Roxburghe Collection. The second is in the Rawlinson Collection, No. 169, published by Coles, Vere, and other stationers– a trade edition, of the reign of Charles II. Mr. Payne Collier includes “The Devil and the Scold” in his volume of Eoxburghe Ballads, and says: “This is certainly an early ballad: the allusion, in the second stanza, to Tom Thumb and Robin Goodfellow (whose ‘Mad Pranks’ had been published before 1588) is highly curious, and one proof of its antiquity..”

La ballata è spesso stampata in broadside per tutto il settecento e l’ottocento e collezionata in due varianti testuali in “The English And Scottish Popular Ballads” (1882-1898) di Francis James Child al numero 278 con il titolo di “The Farmer’s Curst Wife“.

VERSIONE INGLESE: THE DEVIL AND THE PLOWMAN

Il brano è stato raccolto nel 1903 da Henry Burstow, Sussex e pubblicato in The Penguin Book of English Folk Songs di Ralph Vaughan Williams e A.L. Lloyd (1959). Molto simile alla versione testuale riportata da James Henry Dixon in “Ancient Poems, Ballads and Song” (1846) (Child #278 versione A vedi).
Così scrive A.L. Lloyd nel 1960 nelle note di copertina di “A Selection from the Penguin Book of English Folk Songs”, riprendendo per altro le note riportate dallo stesso Child: The tale of the shrewish wife who terrifies even the demons is ancient and widespread. The Hindus have it in a sixth century fable collection, the Panchatantra. It seems to have travelled westward by Persia, and to have spread to almost every European country. In early versions, the farmer makes a pact with the Devil and hands over his wife in return for a pair of plough oxen. Vaughan Williams got the present ballad from the Horsham shoemaker and bell-ringer, Henry Burstow. Mr Burstow whistled the refrains that in our performance are played by the concertina. Whistling was a familiar way of calling up the Devil (hence the sailors’ dread that whistling may raise a storm).
La moglie bisbetica viene riportata indietro al marito che aveva creduto di essere riuscito a prendersi beffe del diavolo! Visto l’argomento è tra le ballate più gettonate nelle feste medievali e nei raduni pirateschi!!

20120826_719f10
da Kellyburn Braes, di Sorche Nic Leodhas, illustrato da Evaline Ness, 1968

ASCOLTA Séamus Ennis in “The Bonnie Bunch of Roses” 1997

ASCOLTA Rowan and the Rose live


ASCOLTA
Kim Lowings & The Greenwood in This Life, 2012 l’album d’esordio.


There was an old farmer in Sussex did dwell/ And he’d a bad wife as many knew well(1)
To me fal-de-ral little law-day.(2)
The Devil he came to the old man at plough,
Saying. ‘One of your family I must have now.
‘Now it isn’t for you nor yet for your son,
But that scolding old wife as you’ve got at home.’
Oh take her, oh take her with all of my heart,/ And I wish she and you may never more part.’
So the devil he took the old wife on his back(3),
And lugged her along like a pedlar’s pack./ He trudged along till he reached his front gate,
Says: ‘Here, take in an old   Sussex chap’s mate.
There was thirteen imps(4) all dancing in chains;
She up with her pattens and beat out their brains.
Two more little devils jumped over the wall,
Saying: ‘Turn her out, father, she’ll murder us all.’
So he bundled her up on his back again,/ And to her old husband he took her again.
I’ve been a tormentor the whole of my life,
But I was never tormented till I met your wife.’
And now to conclude and make an end,/ You see that the women is worse than the men,
If they got sent to Hell, they get kicked back again (5)
Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era un vecchio contadino nel Sussex
e aveva una pessima moglie, come tutti sanno bene (1),
To me fal-de-ral little law-day.(2)
il diavolo venne dal vecchio mentre arava
dicendo ” Adesso mi prendo uno della famiglia!
Non sono qui per te e nemmeno per tuo figlio,
ma per quella vecchia moglie che hai a casa
Oh te la cedo con tutto il cuore
e ti auguro che non possa più separartene
Così il Diavolo prese la vecchia moglie sulla schiena (3)
e la trascinò via come un pacco postale.
La trascinò fino alla porta dell’inferno dicendo:
Ecco, prendetevi una vecchia moglie del Sussex
C’erano tredici diavoletti (4) che ballavano in catene
e lei con i suoi zoccoli massacrava i loro crani.
Due diavoletti saltarono il muro dicendo
Riportala indietro padre, o ci ucciderà tutti
Così il Diavolo la riprese sulla sua schiena
e la riportò dal vecchio marito:
Sono stato un tormentatore per tutta la mia vita,
ma non sono mai stato tormentato,
fino a quando ho incontrato tua moglie!!”
E per concludere e arrivare alla fine,
vedete come le donne sono peggio degli uomini,
se le mandate all’inferno, ritornano subito indietro!!

NOTE
1) la frase vuole sottolineare il carattere poco remissivo della donna!
2) il fischiettare tradizionale intercalato ai versi e sostituito nella versione di Rowan and the Rose dal suono del whistle. Fischiettare era un modo per evocare il diavolo!
3) l’immagine è supportata da una vasta iconografia risalente al medioevo di donne a cavalcioni del diavolo
4) l’immagine dei diavoletti letteralmente massacrati dalla donna è molto buffa, purtroppo la realtà domestica era ben diversa e in genere erano le donne a subire maltrattamenti e violenze.
5) la versione modificata a favore della donna recita;

And now to conclude and make an end
you see that us women are strong
even when we get sent to hell,
we come  straight back again
traduzione italiano
E per concludere e arrivare alla fine,
vedete come noi donne siamo forti
anche quando veniamo mandate all’inferno,
ritorniamo subito indietro!!

VERSIONE AMERICANA:THE FARMER’S CURSED WIFE

Anche qui ci troviamo in una pressochè identica versione testuale declinata però con melodie bluegrass. Il finale è molto spassoso e spesso senza il predicozzo moralizzante: il vecchio contadino nel vedere ritornare la moglie, respinta nientemeno che dal diavolo stesso, decide di mettersi a correre e non ritornare più a casa!

ASCOLTA Texas Gladden di Saltville (Virginia), registrata da Alan Lomax nel 1941 (per il testo vedi)
ASCOLTA Estil C. Ball di Grayson Country (Virginia) registrato da Alan Lomax nel 1941
ASCOLTA Heather Dale in Perpetual Gift 2012.

Un’altra melodia con cui è associata la ballata è quella di Lilli burlero (vedi)

TRADIZIONALE MONTI APPALACHI (versione semplificata)


Well there was an old man living up on the hill/ If he ain’t moved on, he’s a livin’ there still
CHORUS Hi diddle ai diddle hi fi, diddle ai diddle ai day
Now the Devil he came to him one day
said “One of your kin I’m gonna take away“/ He said “Oh please don’t take my only son/ There’s work on the farm that’s gotta be done.
Oh but you can have my nagging wife
I swear by God, she’s the curse of my life”
So they marched on down to the gates of hell/ He Said “Kick on the fire boys, we’ll roast her well”
Out came a little devil with a spit and chain
that she upped with her foot and knocked out his brain
Out came a dozen demons then a dozen more
But when she was done they was flat on the floor
So all those little demons went scrambling up the wall
saying “tale her back, daddy, she’ll murder us all
So the Farmer woke up and he looked out the crack/ and he saw that devil bringing her back!
He said:”Here’s your wife both sound and well/ if I kept her any longer she’d’ve tore up the hell
The old man jumped and he bit his tongue
then he ran for the hills in a flat out run
He was heard to yell, as he ran o’er the hill/ “if the devil won’t have her, ‘be damned if I will
Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era un vecchio che viveva sulla collina
e se non si è mosso ci vive ancora.
CORO Hi diddle ai diddle hi fi, diddle ai diddle ai day
Il diavolo andò da lui un giorno dicendo ” Adesso mi prendo uno della famiglia! “Oh per favore non prendere il mio unico figlio c’è (parecchio) lavoro nella fattoria che  deve essere fatto,
ma prenditi la mia moglie bisbetica, che giuro su Dio è la mia maledizione!!”
Così marciarono alla porta dell’inferno e il Diavolo disse “Sotto con il fuoco, ragazzi, che faremo un bell’arrosto!
Si è fatto avanti un diavoletto con uno spiedo e la catena
e lei lo ha pestato con i piedi e gli ha massacrato il cranio.
Si sono fatti avanti una dozzina di demoni e poi un’altra dozzina
ma quando lei ebbe finito erano tutti spalmati a terra!
Così i diavoletti si arrampicarono sul muro
dicendo “Riportala indietro padre, o ci ucciderà tutti”.
Così il contadino si svegliò e guardò attraverso  la crepa(1) e vide il diavolo che la riportava indietro
dicendo: “Ecco tua moglie sana e salva, se l’avessi tenuta ancora, mi avrebbe distrutto l’inferno!”
Il vecchio fece un sobbalzo e si morse la lingua,
poi corse verso la collina a tutto gas. L’hanno sentito urlare mentre correva “Se il diavolo non la vuole, che sia dannato se me la prenderò io!”

NOTE
1) ci immaginiamo che si sia spalancata una fenditura nel terreno e che ne sia scaturito il diavolo con la donna


CONTINUA
: La versione Irlandese e Scozzese

COME WITH ME OVER THE MOUNTAIN

“Over the Mountain”, “The Trip Over The Mountain”, “The Trip We Took Over The Mountains”, “Will You Come With Me Over The Mountain”

E’ una canzone di corteggiamento sicuramente di origine ottocentesca (contea di Galway), che illustra le consuetudini pre-matrimoniali di un tempo: l’uomo va su e giù per la montagna in visita alla sua bella per un anno (una volta al mese!), ma evidentemente i genitori di lei sono contrari alle loro nozze così lui le propone di fuggire insieme, dandole un ultimatum “O fuggiamo subito o non vengo più a trovarti!”
Lei prima non vuole ma poi, quando capisce che così lo perderà, si infila le scarpe e lo segue. In alcune versioni i due si sposano poi regolarmente davanti al prete e tutti i pettegolezzi sono messi a tacere!

La pratica della fuitina (come si dice dal siciliano= piccola fuga) era una usanza diffusa anche nelle regioni del Sud Italia, quando la coppia (spesso adolescente) metteva le rispettive famiglie davanti al “fatto compiuto” e quindi le obbligava a dare il consenso alle nozze. A volte una delle due famiglie era d’accordo con la coppia e la aiutava ad organizzare la fuga, così le nozze riparatrici erano più sobrie e senza costosi preparativi e ricevimenti.

Adrian_Ludwig_Richter

L’ASCOLTO
Il brano è più spesso registrato in versione strumentale come valzer lento o slow air, come riportato da Joe Heaney parte del testo e la melodia sono trascritti in P. W. Joyce, Old Irish Folk Music and Songs (1909)

ASCOLTA Teada 2003
ASCOLTA Séamus Ennis (anche su Spotify come Will you come with me over the mountain)

Su Spotify si possono ascoltare sotto il titolo di “The Trip We Took Over The Mountains” le versioni di Martin Cathy (strumentale) e di Peter Seeger (con testo diverso da quello riportato)

ASCOLTA Michael C. O’Laughlin che l’aveva   sentita cantare da Joe Heaney (ASCOLTA)

 I
One night when the moon illumined the sky
I first took a notion to marry
so I put on my hat and away I did fly,
You think I was in a great hurry.
I came to a spot where I often had been
My heart took a jump when my darling I seen
so I opened the door and I bid her good night
saying “will you come with me over the mountain?”
II
“My kind dear what watch come over you now?
I’m glad to see you so merry
It’s now twelve o’clock you should be in bed,
But come in or you’ll waken me mammy.”
“If you think I’m jesting, my jesting is real!
I’ve courted twelve months, and I think that should do;
and before I go home, I’ll be married to you
If you’ll come with me over the mountain.”
III
“If I should make an elopement with you
It bound to be wrought with great danger;
our neighbours would tattle and tattle us too
My friend would be all in a great wonder!”
“Well, let them tattle and tattle away
Consult with yourself for it’s very near day
And I don’t give a leap what the lot of them says
If you’ll come with me over the mountain.”
IV
“Well I must away at home I must go,
for I think it is fitting and better.
So farewell, my darling, farewell for a while
And let’s put an end to the matter.”
“Oh, wait just a minute let put on my shoes”
My heart took a leap when I heard the glad news
She came to the door saying “Maybe I’ll choose
To come with you over the mountain.”
V
By this time the moon had sunk in the west
for the dawn of the bright summer morning
Off we did go, the pair of us went on
For the wedding our two hearts were pining
The sagairt he came, without more delay
He married us both on the very same day;
And it’s often we talk when we’ve nothing to say
Of the trip we took over the mountain.

TRADUZIONE ITALIANO
I
Una notte, quando la luna illuminava il cielo
ho deciso di sposarmi
così ho indossato il cappello e sono volato via, in tutta fretta.
Sono arrivato in un posto dove spesso ero stato, il mio cuore ha fatto   un balzo quando ho visto la mia cara
ma ho aperto la porta e le ho augurato la buona notte
dicendole “Vuoi venire con me sulla montagna?”
II
“Mio bel caro ma che cosa ti succede adesso?
Sono contenta di vederti così allegro;
è mezzanotte e dovresti essere a letto
ma entra o sveglierai la mamma”
“Se tu pensi che   stia scherzando il mio scherzo è verità
Ti ho corteggiato per 12 mesi, e credo che dovrebbero bastare:
e prima di andare a casa, sarò sposato con te
se tu verrai con me sulla montagna”
III
“Se dovessi fuggire con te
un grande rovina si abbatterà su di noi
i nostri vicini andrebbero a spifferare tutto e sparlerebbero di noi,
tutti i nostri amici sarebbero meravigliati!”
“Bene, che spifferino e sparlino su di noi
pensaci bene perchè il giorno è vicino
e non me ne frega niente di quello che la maggior parte di loro dice
se tu verrai con me sulla montagna”
IV
“Ora devo proprio andare via, a casa,
credo che sia ben fatto e meglio
così addio mia cara, addio per un po’
e facciamola finita!”
“Oh aspetta solo un minuto, fammi mettere le scarpe”
il mio cuore ha fatto un balzo quando ho sentito la lieta notizia ed è   arrivata alla porta dicendo
“Forse scelgo di venire con te sulla montagna”
V
Intanto al luna era tramontata
a occidente
per l’alba del luminoso mattino d’estate
via siamo andati, per continuare ad essere una coppia
per il matrimonio i nostri due cuori stavano in pena
il prete è venuto senza ulteriori ritardi
ci sposò il giorno stesso
e quando non abbiamo niente da dire ne parliamo spesso del viaggio che   abbiamo fatto sulla montagna.

ASCOLTA Andy Irvine
© arrangiamento del testo di Andy Irvine

One night as the moon did illumine the sky’
I first took a notion to marry
I put on me hat and away I did fly
You’d have thought I’d have been in a hurry
When I can to the place where I often had been
Me heart gave a leap when my darlin’ I seen
I lifted the latch and I bade her Good E’en
Will you come with me over the mountain?

What notion is this that’s got into your head
You’ll make me afraid to be near you
It’s twelve o’clock and they’re all in bed
Speak low or me mammy will hear you.
I’m using no magic, casting no spell
I’m an honest young man and I love you right well
And if you’ll not have me, dear girl, farewell
I’ll go back alone o’er the mountain.

If I were to make an elopement with you
I might find myself in great danger
The country would tittle and censor me too
My parents would frown and no wonder.
Let them all tittle and censor away
Consult with yourself for it’s growing near day
What do we care what the country might say?
Come with me over the mountain.

She looked at me long and she looked at me hard
She trembled a little uneasy
Then wiping a tear that appeared in her eye
She said to me — Darling, I’m ready.
Give me a moment til I get me shoes
Me heart gave a lep when I heard the glad news
I lifted the latch saying I hope you’ll excuse
Me simplicity over the mountain.

By this time the moon had gone down in the sky
And the morning star brightly was shining
We both made the journey in greatest of haste
And we were wed at the altar of hymen.
In peace and contentment we spend our days
The anger of parents was soon blown away
Often we smile when we’ve little to say
On the trip we took over the mountain.

Un’altra versione testuale è cantata da Grace Toland ASCOLTA

FONTI
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=1106
http://thesession.org/tunes/6524
http://www.irishtune.info/tune/1974/
http://archive.org/details/oldirishfolkmusi00royauoft

ILLUSTRAZIONI
http://it.wikipedia.org/wiki/File:Adrian_Ludwig_Richter_002.jpg

ALASDAIR MHIC CHOLLA

“Alasdair Mhic Cholla Ghasda”: waulking song
Melodia tradizionale scozzese XVII secolo

Nelle note del brano riportate dai Capercaillie leggiamo che si tratta di una waulking song dell’isola di Barra ossia di una canto in gaelico che accompagnava la battitura dei panni di tweed, un lavoro manuale di pertinenza delle donne, spesso svolto con i ..piedi! (vedi)
La ban dhuan (ovvero la donna-canzone) intonava la strofa e il resto delle altre donne la seguiva nel ritornello: mentre la strofa era in genere breve, di uno o due versi il ritornello era spesso lungo con almeno 4-5 versi con abbondante uso di “vocables” ovvero suoni sillabici senza senso . Del resto anche tutta la canzone non aveva un vero e proprio significato, essendo le parole scelte principalmente per mantenere costante il ritmo della lavorazione tuttavia la ban dhuan più abile riusciva a metterci i gossip del momento. Ovviamente si finì per codificare le canzoni in una sorta di versione tramandata anche se di volta in volta i versi delle strofe finivano per variare a piacere di chi cantava. Queste canzoni ci narrano così vicende storiche del XV-XVI secolo, oppure descrivono attività e usanze molto antiche.

In particolare “Alasdair Mhic Cholla Ghasda” ricorda le gesta di un capo clan scozzese, Alaster McDonald nativo delle Ebridi, dalla grande statura, forza e coraggio, un eroe popolare sia in Irlanda che in Scozia per le sue imprese nella guerra civile della seconda metà del 600.

maccollaAlexander (o Alaster) McDonald (c. 1610-1647) fu un guerriero scozzese nato nelle Ebridi Interne (isola di Colonsay) e primogenito di un capo clan (uno dei più potenti clan scozzesi delle Highlands). Nella annosa faida con il clan Campbell però il Clan Donald finì per soccombere con il devastante corollario di perdita della terra, case bruciate, uccisioni o cattura della maggior parte degli uomini. Così Alasdair si trasferì in Irlanda del Nord in esilio presso i suoi parenti MacDonnels di Antrim, con un pugno di guerrieri, finendo nel bel mezzo della guerra civile irlandese del 1641.

Noto per la sua gigantesca statura e prestanza fisica nel 1644 fu nominato comandante di quasi 2.000 uomini per una spedizione in Scozia a sostegno della guerra civile scozzese, ben determinato a vendicarsi di coloro che lo avevano offeso.
Non perdendo l’occasione di saccheggiare le terre dei Campbell (bruciò vivi anche donne e fanciulli con l’unica colpa di appartenere al clan dei Cambell, devastò castelli e città meritandosi il nome di “il devastatore” per la sua crudeltà) vinse una serie di battaglie alleandosi con il generale scozzese James Graham primo marchese di Montrose tra il 1644 e il ’45 (Tippermuir, Aberdeen, Inverlochy, Auldearn, Alford e Kilsyth). Ma le sorti della guerra si decidevano in ambiti più vasti e vanamente MacColla continuò la sua battaglia nel Nord della Scozia, circondato dai nemici e senza più rinforzi. Nel maggio del 1647 si ritirò in Irlanda per servire nell’esercito del Munster e trovò la sua morte nella battaglia di Knocknanuss, dove venne catturato e fucilato subito dopo il combattimento.. così divenne un eroe popolare sia in Irlanda che in Scozia, con canti e melodie scritte in suo onore.

Come struttura la canzone ha la particolarità di prendere gli ultimi due versi di una strofa per farli diventare i primi due della strofa successiva (mantenendo sempre l’alternanza tra strofa e ritornello). Spesso i versi delle strofe venivano riciclati da una canzone all’altra, ma il ritornello, invece, per quanto senza senso, è sempre diverso, forse perché è la parte corale del canto che in qualche modo lo connota rispetto agli altri.

ASCOLTA Capercaillie in Sidewaulk , 1989; The Blood is Strong 1988 e 1995 (la III strofa è omessa)
Nel 1988 il gruppo ha inciso le musiche di “The Blood is Strong” per una serie televisiva sull’esodo forzato di tanti Highlander nel Nord America, Australia e Nuova Zelanda, (Highland clearance), alcune tracce sono confluite anche nell’album dell’anno successivo Sidewaulk. L’album  The Blood is Strong è stato ripubblicato dalla Survival Record bel 1995 con delle tracce aggiuntive tratte dai commenti sonori ad altri due programmi televisivi, il primo Prince Among the Island del ’92 e Highlander del ’95

ASCOLTA Clannad in Lore 1996

ORIGINALE GAELICO SCOZZESE
I
Alasdair Mhic o ho
Cholla Ghasda o ho
As do laimh-s’ gun o ho
Earbainn tapaidh trom eile
Sèist:
Chall eile bho chall a ho ro
Chall eile bho chall a ho ro
Chall eile huraibh i chall a ho ro
Haoi o ho trom eile
II
As do laimh-s’ gun o ho
Earbainn tapaidh o ho
Mharbhadh Tighearna o ho
Ach-nam-Brac leat trom eile
III
Mharbhadh Tighearna o ho
Ach-nam-Breac leat o ho
Thiolaigeadh e o ho
An oir an lochain trom eile
IV
‘S ged ‘s beag mi fein o ho
Bhuail mi ploc air o ho
Chuala mi’n de o ho
Sgeul nach b’ait leam trom eile
V
Chuala mi’n de o ho
Sgeul nach b’ait leam o ho
Glaschu a bhith o ho
Dol ‘na lasair trom eile
VI
Glaschu a bhith o ho
Dol ‘na lasair o ho
‘S Obair-Dheathain o ho
‘N deidh a chreachadh trom eile
TRADUZIONE INGLESE
I
Alexander son,
Of gallant(1) Cholla,
Into your hand,
I would heroic entrust deeds,
II
Into your hand,
I would entrust heroic deeds,
The Lord of Ach-nam-breac,
Would be killed by you,
III
The Lord of Ach-nam-breac,
Would be killed by you,
He would be buried,
At the edge of the loch,
IV
And although I myself was small,
I threw a clot of earth on him,
I heard yesterday,
A sad story,
V
I heard yesterday,
A sad story,
That Glasgow,
Was going down,
VI
That Glasgow,
Was going down,
And Aberdeen,
Is being pillaged,
TRADUZIONE ITALIANO
I
Alessandro figlio
del cavalleresco Donald,
nella tua mano
vorrei affidare eroiche imprese,
II
Nella tua mano
vorrei affidare eroiche imprese,
il Signore di Ach-nam-breac,
fu ucciso da te,
III
il Signore di Ach-nam-breac,
fu ucciso da te,
e seppellito,
in riva al lago,
IV
E sebbene fossi fanciullo,
ho gettato un pugno di terra su di lui,
Ho sentito ieri,
una triste storia,
V
Ho sentito ieri,
una triste storia,
che Glasgow,
stava per essere travolta,
VI
Che Glasgow,
stava per essere travolta,
e Aberdeen,
saccheggiata,

NOTE
1) tradotto anche come exile ossia esule

GOL NA MBAN SAN AR

Gol na mBan san ar (“The Crying Of The Women At The Slaughter ”  in italiano il Lamento delle donne nel massacro) è una melodia composta in memoria di MacColla, più nota con il nome di The Eagle’s Whistle (in italiano “il richiamo dell’aquila” e in gaelico Fead An Iolair).

Il brano è stato registrato sotto molti nomi, anche se le melodie non sono del tutto simili specialmente per i tempi che vanno dalla slip jig, walzer alla marcia o polka: Arrane Ny Niee, The Eagle’s Whistle March. Con il nome di “The O’Donovan Clan March” è anche la melodia ufficiale del Clan O’Donovan. Tuttavia Gol na mBan e The Eagle’s Whistle non sono lo stesso brano, pare che la confusione sia insorta da una delle prime registrazioni di Seámus Ennis (vedi Bonny Bunch of Roses), errore poi rettificato nelle registrazioni successive.

THE EAGLE’S WHISTLE

ASCOLTA Crubeen in versione marcia, così scrivono nelle note : “This tune is said by some to be the march of the O’Donoghue clan. while others claim it to relate to the O’Donovans. It is strangely reminiscent of an old lullaby in which an eagle is singing to the young eaglets. However. played as a march it conveys the spirit of the old Irish clans.”
Ecco come è arrangiata in versione slow-air
ASCOLTA William Coulter

ASCOLTA The Highland Session con Allan Henderson al violino

ASCOLTA The Sea Stallions

ALLISDRUM’S MARCH

Gol na mBan san ar è ricordato più propriamente con il titolo di Allisdrum’s march o anche Battle of Cnoc na nDos, ovvero la battaglia di Knocknanuss combattuta non lontano da Mallow (contea di Cork) il 13 novembre 1647

La melodia è raccolta in “Tunes of the Munster Pipers” dal manoscritto di James Goodman (1828-1896), una melodia senz’altro più in tono come lament o marcia funebre per la morte di Alasdair e il lamento delle donne, che si conclude a volte con un cenno di danza al tempo di una vecchia jig “Church Hill” nota anche come “Church Street” comparsa in “Dance Music of Irland” di Francis O’Neil: alcune spiegazioni sono state azzardate in merito, ovvero che la vedova fosse ben felice di essersi liberata da un marito soprannominato “il devastatore” peraltro di sana e robusta costituzione duro a morire; oppure si dice che la vedova abbia ballato per non iniziare a piangere prima delle altre donne


ASCOLTA Téada

ASCOLTA Peter Browne all’uilleann pipes

FONTI
http://www.badassoftheweek.com/maccolla.html
http://www.british-civil-wars.co.uk/military/ireland-1647-knocknanuss.htm
http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/alasdair.htm
http://www.celticlyricscorner.net/clannad/alasdair.htm
http://thesession.org/tunes/4192
http://thesession.org/tunes/9853
http://www.thesession.org/tunes/1837
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=26498
http://source.pipers.ie/documents/item.arc?mediaId=16749
http://thesession.org/tunes/9497
http://thesession.org/tunes/6567