Archivi tag: nursery rhymes

To Hear the Nightingale Sing One Morning in May

Leggi in Italiano

”The Bold Grenader”, “A bold brave bonair” or “The Soldier and the Lady” but also “To Hear the Nightingale Sing”, “The Nightingale Sings” and “One Morning in May” are different titles of a same traditional song collected in England, Ireland, America and Canada.

THE PLOT

The story belongs to some stereotypical love adventures in which a soldier (or a nobleman, sometimes a sailor) for his attractiveness and gallantry, manages to obtain the virtue of a young girl. The girls are always naive peasant women or shepherdesses who believe in the sweet words of love sighed by man, and they expect to marry him after sex, but they are inevitably abandoned.

NURSERY RHYME: WHERE ARE YOU GOING MY PRETTY MAID

soldierIn the nursery rhyme above “Where are you going my pretty maid” this seductive situation is sweetly reproduced and the illustrator portrays the man in the role of the soldier. Walter Craine (in “A Baby’s Opera”, 1877) represents him as a dapper gentleman, but in reality he is the archetype of the predator , the wolf with the fur inside and the woman of the nursery rhyme with his blow-answer seems to be a good girl who has treasured the maternal teachings

In other versions is the girl (bad girl !!) to take the initiative and to bring the young soldier in her house (see more), only the season is always the same because it is in the spring that blood boils in the veins; as early as 1600 there was a ballad called “The Nightingale’s Song: The Soldier’s Rare Musick, and Maid’s Recreation”, so for a song that has been around for so long, we can expect a great deal of textual versions and different melodies. An accurate overview of texts and melodic variations starting from 1689 here

FOLK REVIVAL: “They kissed so sweet & comforting”

This is the version almost at the same time diffused by the Dubliners and the Clancy Brothers, the most popular version in the 60’s Folk clubs.

The Dubliners

Clancy Brothers & Tommy Maker, from Live in Ireland, 1965
The Nightingale


I
As I went a walking one morning in May
I met a young couple so far did we stray
And one was a young maid so sweet and so fair
And the other was a soldier and a brave Grenadier(1)
CHORUS
And they kissed so sweet and comforting
As they clung to each other
They went arm in arm along the road
Like sister and brother
They went arm in arm along the road
Til they came to a stream
And they both sat down together, love
To hear the nightingale sing(2)
II
Out of his knapsack he took a fine fiddle(3)
He played her such merry tunes that you ever did hear
He played her such merry tunes that the valley did ring
And softly cried the fair maid as the nightingale sings
III
Oh, I’m off to India for seven long years
Drinking wines and strong whiskies instead of strong beer
And if ever I return again ‘twill be in the spring
And we’ll both sit down together love to hear the nightingale sing
IV
“Well then”, says the fair maid, “will you marry me?”
“Oh no”, says the soldier, “however can that be?”
For I’ve my own wife at home in my own country
And she is the finest little maid that you ever did see

NOTES
1) soldier becomes sometimes a volunteer, but the grenadier is a soldier particularly gifted for his prestige and courage, the strongest and tallest man of the average, distinguished by a showy uniform, with the characteristic miter headgear, which in America was replaced by a bear fur hat.
2) it is the code phrase that distinguishes this style of courting songs. The nightingale is the bird that sings only at night and in the popular tradition it is the symbol of lovers and their love conventions (vedi)
3) perhaps the instrument was initially a flute but more often it was a small violin or portable violin called the kit violiner (pocket fiddle): it was the popular instrument par excellence in the Renaissance. It is curious to note how in this type of gallant encounters the soldier has been replaced by the itinerant violinist, mostly a dance teacher, so it is explained how any reference to the violin, to its bow or strings could have some sexual connotations in the folk tradition

SECOND MELODY: APPALCHIAN TUNE

John Jacob Niles – One Morning In May

Jo Stafford The Nightingale

THIRD MELODY: THE MOST ANCIENT VERSION, THE GRENADIER AND THE LADY

The melody spread in Dorsetshire, so vibrant and passionate but with a hint of melancholy, a version more suited to the Romeo and Juliet’s love night and to the nightingale chant in its version of medieval aubade, also closer to the nursery rhyme “Where are you going my pretty maid” of which takes up the call and response structure.

To savor its ancient charm, here is a series of instrumental arrangements

Harp

Guitar

Le Trésor d’Orphée
Redwood Falls (Madeleine Cooke, Phil Jones & Edd Mann)

Isla Cameron The Bold Grenadier from “Far from The Madding Crowd”


I
As I was a walking one morning in May
I spied a young couple a makin’ of hay.
O one was a fair maid and her beauty showed clear
and the other was a soldier, a bold grenadier.
II
Good morning, good morning, good morning said he
O where are you going my pretty lady?
I’m a going a walking by the clear crystal stream
to see cool water glide and hear nightingales sing.
III
O soldier, o soldier, will you marry me?
O no, my sweet lady that never can be.
For I’ve got a wife at home in my own country,
Two wives and the army’s too many for me.

LINK
http://jopiepopie.blogspot.it/2018/02/nightingales-song-1690s-bold-grenadier.html
http://www.traditionalmusic.co.uk/folksongs-appalachian-2/folk-songs-appalacian-2%20-%200138.htm
http://folktunefinder.com/tunes/105092
https://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/LP14.html
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/onemorninginmay.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=3646
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=29541
http://www.military-history.org/soldier-profiles/british-grenadiers-soldier-profile.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/25/sing.htm
http://www.contemplator.com/america/nighting.html
http://www.mamalisa.com/?t=hes&p=1506

Jack In The Green: Chimney Sweeps’ Day

Leggi in italiano
Green Jack ” (the Green Man) was a popular mask of the English May, from the Middle Ages and until the Victorian era, fallen into disuse at the end of the nineteenth century, it returned to show itself and spread to starting from the 1970s in May Day parades.

In the nineteenth century the first of May was the feast of the chimney sweeps and so the nursery rhyme “The first of May” says
Chimney Sweeps’ Day, Blackbird is gay,
Here he is singing, you see, in the “May”.
He has feathers as black as a chimney sweep’s coat.
So on Chimney Sweeps’ Day he must pipe a glad note.
Jack-in-the-Green from door to door
capers along with the followers four.
As May Day mummers are seldom seen,
let us all give a copper to Jack-in-the-Green.
(from here)

A chimney sweep maskered himself as “Jack in the Green”  slipping inside a pyramid-shaped wicker structure, covered with ivy and foliage, surmounted by a wreath of flowers. He went out into the streets with his other friends to dance and collect offers in money: they are a King and Queen (or a Lord and Lady), jesters, clowns, chimney sweeps and musicians.

G901506

First recorded in London in the 700, Jack-in-the-Greens were soon appearing across the country. The documentation collected by Keith Chandler is instead related to the publication in newspapers in the years 1820 and up to 1890 (see more)
A series of anecdotes on how the disguise was born (see more)

1835-may

THE GREEN MAN

Some scholars connect this disguise to the Green Man carved in the stones of medieval churches in Europe that is usually depicted only in the face, a human face metamorphosed in foliage.
“In the tenth century they begin to appear as illustrations on the manuscripts, especially in France, such as Bibles, books of Psalms and Ordals, books of hours, even works by famous theologians such as the” Moralia “of St. Gregory the Great, a exegesis of the book of Job, where they often merge with the intertwined motifs typical of Saxon and Celtic art: they are reminiscent of snakes that bite their tails, decorative motifs of evident stylistic practicality, and can be interpreted as pitfalls and obstacles of the earthly life.Afterwards they appear as architectural elements in the churches of Germanic style.They soon spread everywhere in churches, cathedrals and abbeys, but also in other buildings, ecclesiastical and not, both as architectural friezes, both in wooden furniture (like the benches), and also in the funeral art (on the tombs, in short) Their popularity grows between the eleventh and twelfth centuries.
In the simplest form, the faces are generally masculine, from whose orifices, eyes, nose, mouth and ears, foliage appears, often branches or leaves of vines, or which have leaves and bushes instead of beard and hair; these last ones seem almost versions of the Medusa to the masculine, which they resemble in a disturbing way. But there are also more abstract, where vegetation is predominant and the human features are only hinted at, barely distinguishable: heads made of leaves that would have pleased Arcimboldo. In spite of the name, it is not always human faces: often they are demons, masks (or stereotypes), even animals, in preference felines. Sometimes they are provided with teeth and seem to bite the branches. If in some cases their association with the evil one is evident, in others they seem decorative motives without particular meaning, more than anything else a demonstration of the taste for the absurd and the bizarre typical of the Middle Ages. “(translateb from here)

Dunblane Cathedral, Scotland XV secolo

The green men are not a product of Christianity (or they have been clothed with a new theological role) because we have a lot of sculptural decorations, and paintings dating back to the age of Imperial Rome ( Domus Aurea of Nero). Masquerones with plant decorations also recall sylvan gods like Pan, Bacchus, Dionysus, and so on, thus some scholars see in the symbol of the green man of early Christianity the intent to incorporate myths and practices of the most widespread mystery religions in the countryside. (see more)

Other characters connected to the Green Man are also the Wild Man, Puck and Robin Hood, the Green Knight opponent of Sir Galvano, but also the Christian Saint George. In psychology it is said to be an archetypal figure connected to the arboreal myths, or an example of the divinization of nature. (see first part)

Brian Froud: Green Man

JACK IN THE GREEN

Magpie Lane from “Jack in the Green”  1998: Jack in the green (composeb by Martin Graebe in 1972 ) and Jack’s Alive a traditional and popular dancing tune in England and Scotland.

Martin Graebe notes: “”This song was written when Cherri and I were living to the east of Exeter in the area that is marked on the Ordnance Survey map as “Jack in the Green.” We were also drinking fairly often in the pub of the same name and the connection led to the above bit of fantasy based on traditional themes. A number of people have told me at different times that they have heard “Jack in the Green” described as a traditional song. It was the first of my songs to turn up on the Internet, where it was described on the Digital Tradition database as a traditional song. Most recently, someone told me about an American CD of pagan music that includes Jack as an example of a traditional pagan song from the British Isles.”
in the video  “Hastings Jack in the Green Festival”

JACK IN THE GREEN
by Martin Graebe 1972
I
Now winter is over,
I’m happy to say,
And we’re all met again
in our ribbons so gay.
And we’re all met again
on the first day of Spring
To go about dancing
with Jack in the Green(1).
CHORUS
Jack in the Green, Jack in the Green
And we’ll all dance each springtime
with Jack in the Green

II
Now Jack in the Green
is a very strange man,
Tho’ he dies every Autumn,
he is born every Spring.
And each year on our birthday,
we will dance through the street,
And in return Jack
he will ripen our wheat.
 
III(2)
Now all you young maidens
I’d have you beware
Of touching young Jack,
for there’s strange powers there.
For if you but touch him,
there is many will tell
Like the wheat in our fields
so your belly will swell.
IV
With his mantle
he’ll cover the trees that are bare.
Our gardens he’ll trim
with his jacket so fair.
And our fields he will sow
with the hair of his head.
And our grain it will ripen
‘til Old Jack is dead(3)!
V
Now the sun is half up
and betokens the hour
That the children arrive
with their garlands of flowers.
So now let the music
and the dancing begin,
And touch the good heart
of young Jack in the Green!

NOTES
1) Jack is the diminutive of two different names James and John, but more than a name right here is to indicate the Green Man
2) Magpie Lane have skipped this stanza
3) it is the myth of the Spirit of the Wheat: the spirit of the Wheat-Barley never dies because it is reborn the following year with the new harvest, its strength and its ardor are contained in the whiskey that is obtained from the distillation of barley malt!

JACK’S ALIVE

Two dance tunes which I’d been playing for years, before I realised that they are in fact the same tune played in different time signatures. The first, in 6/8, is from Wilson’s Ballroom Companion, via one of Bert Simon’s Kentish Hops pamphlets. I first heard it played by the Oyster Ceilidh Band. Curiously their first LP was called Jack’s Alive, but this tune was not on it; they finally recorded it on their 20 Golden Tie-Slackeners album. I originally knew the 4/4 tune as an unnamed morris tune from Badby in Northamptonshire. Oyster Morris from Canterbury used it for a dance called ‘The Panic’ – originally ‘Pogle’s Panic’ – which had been written in the early 1980s by Pete Collinson. It was some years later that I found the tune in The Yetties’ The Musical Heritage of Thomas Hardy as ‘Jack’s Alive’.” (from here)

Aly Bain & Tom Anderson 
English country dance

Morris Dance

Bibliography
“The Green Man”  Richard Hayman
“Images of Lust: Sexual carvings on medieval churches”  Anthony Weir and James Jerman.

LINK
https://terreceltiche.altervista.org/jack-in-the-green/
http://www.mustrad.org.uk/articles/jack_gre.htm
https://georgianera.wordpress.com/2017/04/27/may-day-the-tradition-of-the-jack-in-the-green-and-chimney-sweeps/
http://www.greenmanenigma.com/history.html http://www.egreenway.com/meditation/greenman.htm http://www.mariateresalupo.it/simbolimitialchimiafiabe/maggio.html http://freespace.virgin.net/polter.geist/greenman_page0019.htm https://www.adf.org/articles/gods-and-spirits/general/jackingr.html http://www.acam.it/la-tradizione-del-maggio-e-il-culto-arboreo/ http://martingraebe.me.uk/onewebmedia/Jack_in_the_green.htm http://www.magpielane.co.uk/sleevenotes/jack_in_the_green/jack_in_the_green.htm http://www.magpielane.co.uk/sleevenotes/jack_in_the_green/jacks_alive.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=3730 http://tunearch.org/wiki/Annotation:Jack’s_Alive_(3) https://thesession.org/tunes/3299

I SAW THREE SHIPS

Nella tradizione cristiana, i Magi fanno visita a Gesù bambino poco dopo la sua nascita, portando in dono oro, incenso e mirra.
Ma un viaggio altrettanto intricato fu compiuto dalle loro reliquie!

IL VIAGGIO DEI RE MAGI

Nel 1270 Marco Polo ha visto le tombe dei Magi a Saba: “In Persia è la città eh’ è chiamata Sabba (Saba), dalla quale si partirono li tre re che andarono ad adorare a Cristo quando nacque. In quella città sono seppelliti gli tre magi in una bella sepoltura, e sonvi ancora tutti intieri e co’ capegli. L’uno ebbe nome Baltasar, l’altro Melchior, e l’altro Guaspar. Messer Marco domandò più volte in quella città di questi tre re: ninno gliene seppe dire nulla, se non ch’erano tre re seppelliti anticamente. E andando tre giornate, trovarono un castello chiamato Galasaca (Cala Ataperistan), cioè a dire, in francesco, castello degli oratori del fuoco. È ben vero che quegli del castello adorano il fuoco, ed io vi dirò perché. Gli uomini di quello castello dicono che anticamente tre re di quella contrada andarono ad adorare un profeta, lo quale era nato, e portarono tre offerte: oro per sapere s’era signore terreno, incenso per sapere s’era Iddio, mirra per sapere s’era eternale.”
Il francescano Odorico da Pordenone (anch’egli in viaggio per la Cina) cinquant’anni dopo Marco Polo dice che la città dei Re Magi era Cassam l’attuale Kasham, a sud del mar Caspio e di Teheran, nell’attuale Iran.

Eppure già da un secolo prima, la tradizione li vuole sepolti nel Duomo di Colonia; fu Elena, la madre di Costantino a “trovarli” nel suo famoso pellegrinaggio in Palestina e Terra Santa dal quale ritornò carica di reliquie, e li fece trasportare nella chiesa di Santa Sofia a Costantinopoli. Solo nel 344 Sant’Eustorgio vescovo di Milano si ricordò del reliquiario e lo richiese gentilmente all’imperatore d’Oriente che altrettanto gentilmente lo recapitò a Milano. Ma nel 1162 Federico Barbarossa sceso nel Bel Paese per punire i comuni italiani riottosi a riconoscerlo come Imperatore distrusse la Basilica di Sant’Eustorgio e si portò a casa la reliquia dei Magi. Infine fu Colonia la città che costruì una nuova chiesa per i Magi che lì rimasero e perciò ricordati come i Re Magi di Colonia..

I SAW THREE SHEEP

Le peripezie compiute dalla reliquia dei Re Magi (e tanti frammenti e ossicini si rintracciano lungo l’itinerario!) sono diventate il pretesto per il testo di una canzoncina per bambini risalente al 1500-1600, ancora oggi molto popolare per il suo testo scorrevole e ripetitivo.  La sua grande popolarità ha fatto si che esistanto tantissime varianti, Joseph Ritson, nel suo “Scotish songs,” vol. I riporta alcuni versi di un canto natalizio scozzese risalente alla metà del 1500 che ci ricorda la nostra carol
There comes a ship far sailing then,
Saint Michael was the stieres-man;
Saint John sate in the horn:
Our Lord harped, our Lady sang,
And all the bells of heaven they rang,
On Christ’s sonday at morn.

thre-shipsConosciuto anche come On Christmas Day In The Morning il brano è stato riarrangiato a fine Ottocento, in cui i Magi vengono sostituiti dalla Sacra Famiglia. Nel “The Nursery Rhyme Book” del 1897 i tre viaggiatori delle navi sono diventate tre graziose fanciulle che arrivano a Capodanno
And one could whistle, and one could sing
And one could play on the violin

Di paese in paese la canzone si è arricchita di strofe e di numerose varianti (vedi).

ASCOLTA Lindsey Stirling in “Warmer in the Winter” che nei suoi live trasforma in una scatenata danza delle Befane

ASCOLTA The Chieftains

ASCOLTA Blackmore’s Night in “Winter Carols

ASCOLTA Sting


I
I saw three ships come sailing in On Christmas day, on Christmas day;
I saw three ships come sailing in
On Christmas day in the morning.
II
And what was in those ships all three,
On Christmas day, on Christmas day?
And what was in those ships all three,
On Christmas day in the morning?
III
Our Savior Christ and His lady,
On Christmas day, on Christmas day;
Our Savior Christ and His lady(1),
On Christmas day in the morning.
IV
Pray, whither sailed those ships all three,
On Christmas day, on Christmas day?
Pray, whither sailed those ships all three,
On Christmas day in the morning?
V
They sailed into Bethlehem,
On Christmas day, on Christmas day,
O they sailed into Bethlehem(2),
On Christmas day in the morning
VI
And all the bells on earth shall ring(3),
On Christmas day, on Christmas day;
And all the bells on earth shall ring,
On Christmas day in the morning.
VII
And all the angels in Heav’n shall sing,
On Christmas day, on Christmas day;
And all the angels in Heav’n shall sing,
On Christmas day in the morning.
VIII
And all the souls on Earth shall sing,
On Christmas day, on Christmas day;
And all the souls on Earth shall sing,
On Christmas day in the morning.
IX
Then let us all rejoice again,
On Christmas day, on Christmas day;
Then let us rejoice again,
On Christmas day in the morning
Traduzione italiano
I
Ho visto tre navi in mare
il giorno di Natale, di mattina.
Ho visto tre navi in mare
il giorno di Natale, di mattina.
II
E cosa c’era sulle tre navi?
il giorno di Natale, di mattina.
E cosa c’era sulle tre navi?
il giorno di Natale, di mattina.
III
Cristo, nostro Salvatore e la sua madre.
il giorno di Natale, di mattina.
Cristo, nostro Salvatore e la sua madre.
il giorno di Natale, di mattina.
IV
Vi prego, dite, verso dove
erano dirette le tre navi?
il giorno di Natale, di mattina.
Vi prego, dite, verso dove
erano dirette le tre navi?
il giorno di Natale, di mattina.
V
Navigavano verso Betlemme.
il giorno di Natale, di mattina.
Navigavano verso Betlemme.
il giorno di Natale, di mattina.
VI
E tutte le campane della Terra risuoneranno, il giorno di Natale, di mattina. E tutte le campane della Terra risuoneranno, il giorno di Natale, di mattina.
VII
Tutti gli angeli in Cielo canteranno,
il giorno di Natale, di mattina.
Tutti gli angeli in Cielo canteranno,
il giorno di Natale, di mattina.
VIII
Tutte le anime sulla Terra canteranno.
il giorno di Natale, di mattina.
Tutte le anime sulla Terra canteranno.
il giorno di Natale, di mattina.
IX
Gioiamo allora tutti insieme, il giorno di Natale, di mattina.
Gioiamo allora tutti insieme, il giorno di Natale, di mattina.

NOTE
1) è curioso che sebbene le navi siano tre i personaggi indicati siano solo due
2) ovviamente Betlemme non ha sbocchi sul mare, così qualcuno ha ipotizzato che si stesse parlando di cammelli noti come “le navi del deserto”
3) le campane un tempo suonavano per annunciare alla comunità ogni evento importante o particolare specialmente se si trattava di una lieta notizia da festeggiare

FONTI
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/i_saw_three_ships.htm
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=54593
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=96549

WILD HOG IN THE WOODS

Child ballad # 18
TITOLI: “Sir Lionell”,  “Sir Eglamore”, “Sir Egrabell”, “Bold Sir Rylas”, “The Jovial Hunter (of Bromsgrove)”, “Horn the Hunter”, “Wild Boar”, “Wild Hog (in the Woods)”, “Old(e) Bangum”, “Bangum and the Boar”, The Wild Boar and Sir Eglamore, “Old Baggum”, “Crazy Sal and Her Pig”, “Isaac-a-Bell and Hugh the Graeme”, “Quilo Quay”, “Rury Bain”, “Rackabello”, “The Old Man and hisThree Sons”

La storia del prode cavaliere che sconfigge il male è stata narrata sia nel romance dal titolo Sir Eglamour of Artois  (circa 1350) che nella ballata Sir Lionel riportata dal professor Child e conosciuta con vari titoli.
Il romance è una storia intricata e piena di colpi di scena in cui il prode cavaliere per ottenere la mano della figlia del re, combatte contro un un gigante, un cinghiale e un drago e poi ritrova la sua amata dopo molte peripezie, ciò che resta dell’eroica ballata (vedi) è diventata invece una canzoncina per bambini

ASCOLTA The Furrow Collective in Wild hog 2016 (Alasdair Roberts voce e chitarra ) video musicale illustrato da un buffissimo e allucinato cartoon – quel suono etereo in sottofondo non è prodotto dal theremin ma dalla sega musicale

I
There is a wild hog in the woods,
diddle-oh down, diddle-oh day;
There is a wild hog in the woods,
diddle-oh;
There is a wild hog in the woods,
Kills a man and drinks his blood,
Cam o-kay, cut him down, 
Kill him if you can.
II
I wish I could that wild hog see,
And see if he’d have a fight with me.
III
There he comes through yonders marsh,
He splits his way through oak and ash.
IV
Bangum drew his wooden knife,
To rob that wild hog of his life.
V
They fought four hours of the day,
At length that wild hog stole away.
VI
They followed that wild hog to his den,
And there found the bones of a thousand men.
Tradotto da Cattia Salto
I
Cè un cinghiale nel bosco
diddle-oh down, diddle-oh day;
C’è un cinghiale nel bosco
diddle-oh;
C’è un cinghiale nel bosco
uccise un uomo e bevve il suo sangue
vieni e abbattilo,  uccidilo se ci riesci
II
Vorrei poter vedere quel cinghiale
e vedere se avrebbe lottato con me
III
Là viene da quelle paludi
si taglia la strada tra la quercia e il frassino
IV
Bangum tirò fuori il suo coltello di legno per togliere la vita al cinghiale
V
Lottarono per 4 ore del giorno
e alla fine quel cinghiale fuggì
VI
Seguirono quel cinghiale nella sua tana
e là trovarono le ossa di mille uomini

ASCOLTA Jean Ritchie in Olde Bangum la versione per bambini raccontata come una fiaba

FONTI
http://www.goldenhindmusic.com/lyrics/OLDBANGM.html
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-WildHog.html
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/boldsirrylas.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50640

CORVI E CORVACCI

I corvi non cantano ma gracchiano, sono onnivori anche se prediligono gli occhi dei morenti. Dotati di intelligenza sembrano guardare il mondo con molta attenzione e riescono a memorizzare e a distinguere i volti delle persone, possono anche imparare a parlare con voce umana e a imitare il richiamo di altre specie. Lo sguardo del corvo mette a disagio, un disagio mistico magistralmente descritto da Edgar Allan Poe nella poesia “Il Corvo” (qui)


Open here I flung the shutter,
when, with many a flirt and flutter,
In there stepped a stately Raven of the saintly days of yore;
Not the least obeisance made he;
not a minute stopped or stayed he;
But, with mien of lord or lady,
perched above my chamber door—
Perched upon a bust of Pallas just above my chamber door—
Perched, and sat, and nothing more.
Traduzione di Antonio Bruno qui
Quindi io spalancai l’imposta;
e con molta civetteria, agitando le ali,
si avanzò un maestoso corvo dei santi giorni d’altri tempi;
egli non fece la menoma riverenza;
non esitò, nè ristette un istante
ma con aria di Lord o di Lady,
si appollaiò sulla porta della mia camera,
s’appollaiò, e s’installò – e nulla più.

LA LUNA DEL CORVO

Il corvo imperiale stanziale (Corvus corax) è maestoso quello nero comune (Corvus frugilegus) è migratore e torna in Europa nel mese di Febbraio; nella tradizione celtica c’è una luna a lui dedicata, la luna del corvo, che saluta il suo ritorno.
I corvi sono considerate creature magiche ambivalenti tra luce e tenebra. Per spiegarne la duplice natura molte sono le leggende che li vedono nati con il bianco piumaggio diventato nero in seguito al capriccio di un dio.

Particolare importanza riveste nella mitologia nordico-germanica e in quella celtica. Tra i Germani i corvi sono sacri a Wotan-Odino, e i suoi due corvi Huginn e Muninn (“pensiero” e “memoria”) volano nel mondo a raccogliere ogni informazione, per poi tornare a riferirla al dio sovrano. Lo seguono anche nella furiosa caccia selvaggia, e nella mitologia celtica sono sacri tanto a Lug dalla lunga lancia (così simile a Odino), quanto alla Morrigan, dea del furor guerriero e della morte in battaglia. In un mito gallese Owein è un eroe “sovrano di corvi” e si scontra con il seguito di Artù. (tratto da qui)
Nelle mitologie nordiche il corvo è il messaggero del regno spirituale (Odino/Wotan e Lugh) foriero di presagi funesti come la morte o l’appressarsi di una battaglia. La Morrigan irlandese nella sua triplice forma è la regina dei Morti ma anche dea della fertilità: sui campi di battaglia era Macha la sanguinaria che assumeva la forma di corvo (o cornacchia) continua.

KRÅKA

Dalla Norvegia una strana canzoncina sui corvi che si avvale di immagini paradossali nel descrivere l’utilizzo del corpo di un corvo ucciso da un boscaiolo: come nella canzoncina scozzese sullo scricciolo (the Cutty Wren)

ASCOLTA Kerstin Blodig & Ian Melrose in Kelpie, 2002. Il duo è una sorta di sottogruppo dei “Norland Wind”. Ian Melrose è originario di Ayr, Scozia, un eccellente chitarrista acustico con la sua tecnica di fingerpicking. Kerstin è norvegese e ha studiato musicologia e lingue  e culture scandinave all’Università di Berlino e di Bergen. Il cd è una riuscita fusione tra due tradizioni musicali del Nord Europa

Å mannen han gjekk seg i vedaskog
sutta ti loti lenta
der såg han ei kråke i lunden som gol
sutta ti loti lenta
Og mannen han tenkte med sjølve seg
å, tro om den kråka vil drepa meg?
Så spende han fore sin boge for kne
så skaut han den kråka så ho datt ned
Så spende han fore dei folane tolv
så kjøyrde han kråka på låvegolv
Og kjøtet han salta i tynner og fat
og tunga han hadde til julemat
Av skinnet så gjorde han tolv par skor
det beste paret det gav han til mor
Av nebbet så gjorde han kyrkjebåt (1)
så folk kunner ro bade frå og åt
Av tarmane gjorde han tolv par reip
Og klørne han brukte til møkkagreip
Av augo så gjorde han stoveglas
og nakken han sette på kyrkja til stas
Og munnen han brukte til mala korn
og øyro han brukte til tutahorn
Og hjartet han sette på fiskekrok
og ingen har sett slik en fisk han drog
Og den som ‘kje kråka kann nytta så
han er ikkje verd ei kråka å få!

The man went into the forest to chop wood
There he saw a crow a-crowing
He thought to himself
Oh, I fear the crow will take my life
So he bent his bow on his knee
And shot the crow down
Then he harnessed his twelve young horses/And pulled the crow onto the barn floor
He salted the meat and put it in barrels and casks/And the tongue he had as his Christmas meal
He made twelve pairs of shoes form the skin
The best pair of which he gave to his mother
The beak he made into a church-boat
So people could row both to and fro
He made twelve pairs of ropes from the intestines
The claws he turned into a pitchfork
He made the eyes into window-panes
The neck he put up on the church for decoration
He used the mouth for grinding corn
The ears he made into a horn
The heart he put on a fishing hook
And you should have seen the fish he caught!
But whoever cannot make such good use of a crow
Does not deserve to catch one!
Traduzione italiano di Cattia Salto
L’uomo andò nella foresta a tagliare legna e là vide un corvo gracchiare.
Disse tra sè
“Ho paura che il corvo si prenda la mia vita” così piegò l’arco sul ginocchio
e colpì il corvo.
Poi bardò i suoi 12 puledri
e portò il corvo sul pavimento della stalla,
salò la carne e la mise in botti e casse
e tenne la lingua per il suo pasto di Natale,
fece 12 paia di scarpe dalla pelle
e il miglior paio di queste le diede alla madre,
del becco fece una barchetta (1)
così la gente poteva vogare avanti e indietro,
fece 12 paia di corde dall’intestino
e gli artigli li trasformò in un forcone,
fece con gli occhi i vetri per le finestre
e il collo lo mise sulla cima della chiesa come ornamento,
usò la bocca per macinare il grano
e dalle orecchie fece un corno,
il cuore lo mise su un amo da pesca
e avreste dovuto vedere i pesci che prendeva!
Ma colui che non riesce a fare un così buon uso di un corvo
non merita di catturarne uno

NOTE
1) kyrkjebåt è una barchetta con 4-6 remi che poteva ospitare una piccola comunità o famiglia negli spostamenti a scopi rituali

CORVI BRITANNICI

Che i corvi siano animali domestici è ampiamente dimostrato dal loro stanziamento presso la Torre di Londra.
La presenza di questi corvi è tradizionalmente ritenuta una protezione della Corona britannica e della Torre stessa; una superstizione legherebbe il destino dei corvi a quello della corona britannica: “se i corvi della Torre di Londra moriranno o voleranno via, la Corona cadrà e con essa la Gran Bretagna” (tratto da wikipedia)

Tra le filastrocche per bambini dal titolo One for Sorrow c’è quella che insegna a contare con 10 gazze ma anche 10 corvi :
One for sorrow,
Two for joy,
Three for a girl,
Four for a boy,
Five for silver,
Six for gold,
Seven for a secret,
Never to be told.
Eight for a wish,
Nine for a kiss,
Ten for a bird,
You must not miss.

e ancora tra le nursery rhymes della tradizione scozzese la filastrocca sui tre corvi appollaiati sul muretto (qui) ovvero ciò che resta della ballata medievale sui corvi (Child ballad # 26) e il cadavere di un cavaliere  (qui)

Concludo con una canzoncina in stile “Reinassance Rock” scritta da Candice Night: ASCOLTA Blackmore’s Night “Three black Crows” in Ghost of a Rose 2003


I
3 black crows were sitting on a fence
Watching the world pass them by
Laughing at humanity and its pretense
Wondering where next to fly…
And they cackled in joy and dove through the air/ Like the winds of a hurricaine
And they spread their wings as if to declare “Onward , let freedom ring!”

(bridge)
3 black crows were sitting on a fence
Watching the world pass them by

II
3 black crows  sitting in a tree
Looking down on mankind
Loving how it feels to be so free
Leaving us far behind…

(bridge)
3 black crows are sitting in a tree
Watching the world pass them by
traduzione italiano di Cattia Salto
I
3 corvi neri erano appollaiati sullo steccato, a guardare  il mondo morire.  Ridevano dell’umanità e le sue pretese, interrogandosi sul prossimo volo..
Gracchiavano felici e vorticavano nell’aria come i venti di un uragano.
Un frullo d’ali come per dichiarare
“Avanti, che risuoni la libertà!”

(ponte)
3 corvi neri erano appollaiati sullo steccato a guardare il mondo morire.

II
3 corvi neri appollaiati sull’albero
a guardare giù, verso il genere umano,
amando come ci si sente ad essere liberi e a lasciarci a terra…

(ponte)
3 corvi neri appollaiati sull’albero
a guardare il mondo morire.

continua la ballata Twa Corbies
continua la ballata Three Ravens
continua la filastrocca Three Crows

FONTI
https://renucioboscolo.com/2015/09/10/droni-e-corvi-gli-uccelli-e-popoli-corvi-quali-sinistri-e-presagi/
https://www.cibocanigatti.it/uccelli/rapaci-e-altri-uccelli/corvo.asp
https://www.cavernacosmica.com/simbologia-del-corvo/
http://www.centrostudilaruna.it/simbolismodelcorvo.html
http://afterlifeworld.altervista.org/simbologia-e-significato-il-corvo/
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Morrigan.htm
https://angloamericanstudio.wordpress.com/2013/06/12/i-corvi-della-torre-di-londra/

LITTLE JACK FROST

Jack Frost è la controparte simbolica di Jack of the Green, è l’elfo dei Ghiacci, colui che è responsabile dell’arrivo del gelo: all’inizio della tradizione anglo-americana Jack è un gagliardo vecchietto, ma presto diventa più simile a uno spiritello fiabesco, assistente di Mastro Gelo. (continua prima parte)
“Egli prepara le condizioni atmosferiche favorevoli per l’arrivo di Santa Claus, di cui è amico ed alleato poiché a lui si deve il fatto che non lo si riesca mai a vedere, è portatore del vento gelido, della brina, autore dei ricami, spesso a forma di foglia di felce, che, con il suo argenteo pennello, dipinge sull’esterno dei vetri delle nostre finestre nelle notti più fredde dell’anno; ci fa raggelare il naso, le mani e le estremità durante le nostre passeggiate all’aperto in questo periodo che gli appartiene, poiché dai primi giorni di dicembre all’inizio della primavera – quando, prima di lasciarci, ci saluta creando piccoli specchi d’acqua nelle pozzanghere grazie ai quali possiamo vedere riflessa la nostra immagine – si ‘diverte’ spargendo fiocchi di neve e gelo saltellando tra boschi, prati e case ai cui tetti spesso appende artistiche stalattiti di ghiaccio.” (tratto da qui)

LE FILASTROCCE SU JACK FROST

Fu con la filastrocca per bambini dal titolo “Little Jack Frost” di Charles Sangster (1875) che Jack Brina iniziò ad assomigliare a un elfo burlone, è lui che porta la magia dell’inverno, il suo rigore ma anche la sua bellezza di ghiaccio, spandendo la sua polverina magica color argento sulle foglie, tra i rami degli alberi e sulle finestre delle case!


I
Little Jack Frost went up the hill.
Watching the stars so cold and chill,
Watching the stars and the moon so bright.
And laughing aloud like a crazy wight.
II
Little Jack Frost ran down the hill,
Late in the night, when the winds were still,
Late in the fall, when the leaves fell down, Red, and yellow, and faded brown.
III
Little Jack Frost walked through the trees,
“Ah,” sighed the flowers,”we freeze, we freeze!”
“Ah,” sighed the grasses,”we die, we die”
Said little Jack Frost, “Good-bye, good-bye!”
IV
Little Jack Frost tripped round and round.
Spreading white snow on the frozen ground ;
Nipping the breezes, icing the streams,
And chilling the warmth of the sun’s bright beams.
V
Nobody saw him, still he was there.
Nose-biting, prank-playing, everywhere;
All through the houses, out in the street,
Capering wildly through storm and sleet.
VI
But when Dame Nature brought back the spring,
Brought back the birds to chirp and sing.
Melted the snow and warmed the sky.
Little Jack Frost went pouting by.
VII
The flowers opened their eyes of blue.
Green buds peeped out and grasses grew.
And it got so warm and scorched him so.
Little Jack Frost was glad to go.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Il piccolo Jack Brina salì sulla collina
per guardare le stelle così fredde e gelide, per guardare le stelle e la luna così luminosa,
e ridere a crepa pelle.
II
Il piccolo Jack Brina corse giù dalla collina a tarda notte, quando i venti erano quieti,
nel tardo autunno, quando le foglie cadono,
rosso e giallo e marrone avvizzito.
III
Il piccolo Jack Brina camminava tra gli alberi
“Ah – sospiravano i fiori – congeliamo, congeliamo!”
“Ah – sospirava l’erba – moriamo, moriamo”
Diceva il piccolo Jack Brina “Addio, Addio!”
IV
Il piccolo Jack Brina saltellava in girotondo
spargendo candida neve sul terreno ghiacciato;
pizzicando i venticelli, ghiacciando i ruscelli
e raffreddando il calore dei luminosi raggi del sole.
V
Nessuno lo vedeva, sebbene
là fosse
a mordere il naso, a giocare scherzetti, ovunque,
in tutte le case e fuori in strada
a fare capriole selvaggiamente tra tempesta e grandine.
VI
Ma quando Madama Natura riportava indietro la primavera,
riportava indietro gli uccelli a cinguettare e cantare,
scioglieva la neve e riscaldava l’aria
il piccolo Jack Brina metteva il broncio!
VII
I fiori aprivano i loro occhi al cielo,
gemme verdi facevano capolino e l’erba cresceva,
e faceva così caldo e lo bruciava a tal punto
che il piccolo Jack Brina era contento di andare.

E come questa, tante altre filastrocche furono scritte nell’Ottocento:
Jack Frost di Hannah F. Gould (1830 c.)


The Frost looked forth one still, clear night,
And whispered, “Now I shall be out of sight;
So, through the valley, and over the height,
In silence I’ll take my way.
I will not go on like that blustering train,
The wind and the snow, the hail and the rain,
That make such a bustle and noise in vain,
But I’ll be as busy as they!”
So he flew to the mountain, and powdered its crest;
He lit on the trees, and their boughs he drest
With diamonds and pearls; and over the breast
Of the quivering lake he spread
A coat of mail, that it need not fear
The downward point of many a spear
That he hung on its margin, far and near,
Where a rock could rear its head.
He went to the windows of those who slept,
And over each pane, like a fairy, crept;
Wherever he breathed, wherever he stepped,
By the light of the morn were seen
Most beautiful things; there were flowers and trees;
There were bevies of birds and swarms of bees;
There were cities with temples and towers; and these
All pictured in silvery sheen!
But he did one thing that was hardly fair-
He peeped in the cupboard, and finding there
That all had forgotten for him to prepare-
“Now, just to set them a-thinking,
I’ll bite this basket of fruit,” said he,
“This costly pitcher I’ll burst in three;
And the glass of water they’ve left for me
Shall ‘tchick’ to tell them I’m drinking!”
Traduzione italiano*
Brina guardò fuori in una notte chiara e silenziosa,
e sussurrò: “Ora uscirò dalla vista;
così per la valle, e sulle colline,
in silenzio andrò a fare un giro.
Non voglio andare avanti come un treno impetuoso,
il vento e la neve, la grandine e la pioggia,
fanno un tale trambusto e un gran rumore invano,
eppure avrò altrettanto da fare! ”
Così volò sulla montagna, e impolverò la sua vetta;
scese sugli alberi, ed i loro rami adornò
con diamanti e perle; e sul grembo
fremente del lago estese
una cotta di maglia, che non deve temere
i contraccolpi di più di una lancia,
agganciandone il margine, qua e là,
qualora una roccia sollevasse il suo capo.
Andò alla finestra di coloro che dormivano,
E sopra ogni vetro, come una creatura fatata, avanzò furtivamente;
Ovunque respirò, ovunque si fermò,
alla luce del giorno apparvero
Le cose più belle; c’erano fiori e alberi;
C’erano stormi di uccelli e sciami di api;
C’erano città con chiese e torri; e
Tutto disegnato in riflessi argentei!
Ma fece anche una cosa che non fu così leale –
Curiosò nella credenza, e trovò
che nulla era stato preparato per lui-
“Ora, giusto per farglielo notare,
mordo questo cesto di frutta “, disse,
“Questa costosa brocca, la spezzo in tre;
e il bicchiere d’acqua che hanno lasciato per me
farò ‘schioccare’ per dire loro che sto bevendo! “

*Rielaborata da qui

jack-frost-fiabe

Jack Frost di Laura E. Richards (1850 – 1943)


I
Jacky Frost, Jacky Frost,
Came in the night;
Left the meadows that he crossed,
All gleaming white.
Painted with his silver brush
Every window-pane.
Kissed the leaves and made them blush,
Blush and blush again.
II
Jacky Frost, Jacky Frost,
Crept around the house,
Sly as a silver fox,
Still as a mouse.
Out our little Jenny came,
Blushing like a rose;
Up jumped Jacky Frost,
And pinched her little nose.
Traduzione tratta da qui
Jacky Brina, Jacky Brina,
È arrivato nella notte;
lasciando i prati che ha attraversato,
tutti coperti di un bianco luccicante.
Dipinto con il suo pennello d’argento
ha ogni vetro di finestra.
Baciato ha le foglie e le ha fatte arrossire,
arrossire ed arrossire ancora.
II
Jacky Brina, Jacky Brina
si è infiltrato per la casa,
scaltro come una volpe d’argento,
o piuttosto come un topo.
La nostra piccola Jenny è arrivata,
tutta rossa come una rosa;
Jacky Brina è saltato su,
per pizzicare anche il suo piccolo naso.

ASCOLTA Kate Rusby – Little Jack Frost in “The Girl Who Couldn’t Fly”, 2005


I
Here is a tale of the trees in a wood
They were never that pleased on the land that they stood.
So they upped and they walked off as far as they could
‘Til they felt the sun shine on their branches.
CHORUS
I was little boy lost, and I was little boy blue
I am little Jack Frost but I am warm through and through
It’s not easy to hide when your heart’s on full view
Oh, tonight, cruel world be forgiving
Oh, for once in my life I am living.
II
There they did stand and there they did stay
When there came a young boy who was running away
From a mad world, a bad world, a world of decay
And it’s comfort he sought in their branches
III
There we found love and there we found joy
And the warmth in his heart oh, it filled the young boy
And his friends taught him magic and secrets of old
While the trees kept him safe with their branches.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Ecco un racconto degli alberi nel bosco
che non erano mai contenti di stare nel posto dove stavano.
Così si alzarono e andarono lontano fin dove poterono,
finchè sentirono il sole risplendere sui loro rami
CORO
Ero un piccolo bambino sperduto ed ero un piccolo bambino triste
sono il piccolo Jack Brina, ma sono caldo nell’anima;
non è facile da nascondere quando il tuo cuore è esposto! Oh stanotte il mondo crudele sarà dimenticato, per una volta nella mia vita sto vivendo!
II
Là stavano e là
restavano,
quando venne un giovane ragazzo che stava scappando
da un mondo pazzo, un mondo cattivo, un mondo di decadenza
e il conforto lui cercò tra
i loro rami.
III
Là abbiamo trovato amore e abbiamo trovato gioia
e il calore nel suo cuore oh, riempiva il ragazzo
e i suoi amici gli insegnarono la magia e i vecchi segreti
mentre gli alberi lo tenevano al sicuro tra i loro rami.

FONTI
https://archive.org/stream/jstor-20636992/20636992_djvu.txt
http://sweetlydreamingofthepast.blogspot.it/2015/12/jack-frost-story-for-season.html

WHEN GOOD KING ARTHUR RULED

Il leggendario Re britannico è protagonista di una rappresentazione di Mummers che si svolgeva per il Solstizio d’Inverno, era più precisamente una danza delle spade.

SEPPELLIRE IL RE

.. the song When Good King Arthur Ruled This Land is sung as a dirge for the (temporarily) dead sword dancer in the Ampleforth Play, one of the mummers’ plays which is most appropriate for celebrating the rebirth of the Sun on the Winter Solstice or Christmas. It is also an appropriately ridiculous song to sing as a dirge for burying the wren, because it is just so silly. That dirges were sung for burying the wren is recorded in folklore reports about the custom of Hunting the Wren in Manx Island and elsewhere according to the Golden Bough by James George Frazer, MacMillan & Co. Ltd., London, 1919-1920 (12 vol. edition).” (tratto da qui)

Così anche nella nursery rhymes “When Good King Arthur Ruled This Land” si narra della condivisione comunitaria “simbolica” di un bag-pudding preparato nientemeno che dallo stesso re Artù.
Si tratta del tipico dolce natalizio di antica tradizione, il budino di Natale (Plum o Figgy Pudding).
Anche le ricette del Christmas pudding risalgono al XVI sec ma in epoca medievale conteneva carne, frutta e spezie. continua


I
When good king Arthur ruled this land (1),
He was a goodly king;
He stole three pecks of barley-meal,
To make a bag-pudding (2).
II
A bag-pudding the king did make,
And stuffed it well with plums:
And in it put great lumps of fat,
As big as my two thumbs.
III
The king and queen did eat thereof,
And noblemen beside;
And what they could not eat that night,
The queen next morning fried.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Quando il buon re Artù governava questo paese
era un buon re;
egli rubò tre stai di farina
per fare un budino.
II
Un budino il re preparò
e lo farcì bene con delle prugne:
e ci mise dei bei pezzi di grasso
grossi come i miei pugni
III
Il re e la regina lo mangiarono
e anche i nobili;
e ciò che non riuscirono a mangiare quella notte
la regina frisse il giorno dopo

NOTE
1) Lo scricciolo, il piccolo, insignificante uccellino che sverna nelle nostre campagne, è stato tenuto in grande considerazione presso le popolazioni degli Antichi Celti.
In un precedente post ho già riportato le speculazioni di Robert Graves sulla lotta tra Re Agrifoglio e Re Quercia,  una variante di questa lotta è rappresentata dal pettirosso e lo scricciolo, nascosti tra le foglie dei due rispettivi alberi. Lo scricciolo rappresenta l’anno calante, il pettirosso l’anno nuovo e la morte dello scricciolo è un passaggio di morte-rinascita. (vedi)
Animale sacro la cui uccisione era considerata tabù e portatrice di sventura, ma non durante il tempo di Yule perchè in ultima analisi lo scricciolo non era altro che un simbolo solare e la sua uccisione un sacrificio al sole.
Lo scricciolo era anche il simbolo della regalità e nel Medioevo cristiano tutto il rituale della sua morte finì con il sovrapporsi con la morte-sacrificio di Gesù,(vedi) ma anche con la mitica figura di Re Artù.
2) è il budino di Natale una tipica ricetta britannica diffusa anche come dolce natalizio nella sua versione americana per la ricetta qui

FONTI
http://piereligion.org/burywren.html
http://www.monkseatonmorrismen.co.uk/ampleforth/
http://www.mamalisa.com/?t=es&p=1533

Il canto dell’Usignolo: attente al Lupo!

Read the post in English

”The Bold Grenader”, “A bold brave bonair” o “The Soldier and the Lady” ma anche “To Hear the Nightingale Sing”, “The Nightingale Sings” e “One Morning in May” sono i vari titoli di una stessa canzone tradizionale diffusa in Inghilterra, Irlanda, America e Canada.

LA TRAMA

La storia appartiene al filone delle avventure amorose abbastanza stereotipate in cui un soldato (o un nobiluomo, talvolta un marinaio) per la sua avvenenza e galanteria, riesce a ottenere la virtù di una giovane ragazza. Le ragazze sono sempre delle ingenue contadinotte o pastorelle che credono alle dolci parole d’amore sospirate dall’uomo, e si aspettano che lui le sposi dopo aver consumato, ma sono immancabilmente abbandonate.

LA NURSERY RHYME: WHERE ARE YOU GOING MY PRETTY MAID

soldierNella nursery rhyme “Where are you going my pretty maid” si riproduce in modo edulcorato proprio questa situazione seduttiva e l’illustratore ritrae l’uomo nei panni del soldato, Walter Craine (in “A Baby’s Opera”, 1877) lo rappresenta come un azzimato gentiluomo, ma in realtà è l’archetipo del predatore, il lupo con il pelo all’interno e la donna della filastrocca con il suo botta-risposta sembra essere una brava ragazza che ha fatto tesoro degli insegnamenti materni..

In altre versioni è la ragazza (bad girl!!) a prendere l’iniziativa e a portare nottetempo il giovane soldato nientedimeno che in casa propria (vedi), solo la stagione è sempre la stessa perchè è in primavera che il sangue ribolle nelle vene; già nel 1600 circolava una ballata dal titolo  “The nightingale’s song: or The soldier’s rare musick, and maid’s recreation“, così per una canzone in giro da così tanto tempo non possiamo aspettarci che una grande quantità di versioni testuali, nonchè l’abbinamento con diverse melodie. Un’accurata panoramica di testi e varianti melodiche a partire dal 1689 qui

LA MELODIA DEL FOLK REVIVAL: “They kissed so sweet & comforting”

E’ la versione diffusa quasi in contemporanea dai  Dubliners e dai Clancy Brothers ed è quella più popolare che andava per la maggiore nei Folk club degli anni 60

The Dubliners

Clancy Brothers & Tommy Maker, Live in Ireland, 1965 titolo The Nightingale


I
As I went a walking one morning in May
I met a young couple so far did we stray
And one was a young maid so sweet and so fair
And the other was a soldier and a brave Grenadier(1)
CHORUS
And they kissed so sweet and comforting
As they clung to each other
They went arm in arm along the road
Like sister and brother
They went arm in arm along the road
Til they came to a stream
And they both sat down together, love
To hear the nightingale sing(2)
II
Out of his knapsack he took a fine fiddle(3)
He played her such merry tunes that you ever did hear
He played her such merry tunes that the valley did ring
And softly cried the fair maid as the nightingale sings
III
Oh, I’m off to India for seven long years
Drinking wines and strong whiskies instead of strong beer
And if ever I return again ‘twill be in the spring
And we’ll both sit down together love to hear the nightingale sing
IV
“Well then”, says the fair maid, “will you marry me?”
“Oh no”, says the soldier, “however can that be?”
For I’ve my own wife at home in my own country
And she is the finest little maid that you ever did see
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre ero a passeggio in un mattino di Maggio
incontrai una giovane coppia, così tanto ci allontanammo,
una era una giovane fanciulla tanto amabile e bella
e l’altro era un soldato e un prode granatiere(1)
RITORNELLO
E si baciavano con amorevole trasporto
attaccati uno all’altra
andavano a braccetto per la strada
come sorella e fratello
andavano a braccetto per la strada
finchè arrivarono ad un ruscello
ed entrambi si sedettero insieme, amore
ad ascoltare l’usignolo cantare (2)
II
Fuori dalla sua sacca egli prese un bel violino(3)
le suonò delle melodie allegre che non se se sono mai sentite
le suonò delle melodie allegre che per la vallata risuonavano
e piano gridò la bella fanciulla mentre l’usignolo cantava
III
“Starò fuori in India per sette lunghi anni, a bere vino e forte whisky invece che birra scura
e se mai ritornerò di nuovo sarà in primavera
ed entrambi ci siederemo insieme, amore, ad ascoltare l’usignolo cantare.”
IV
“Bene allora – dice la bella fanciulla – mi vuoi sposare?”
“Oh no – dice il soldato –
come potrei?
Perchè tengo moglie a casa nel mio paese
e lei è la più bella fanciulla che si sia mai vista”

NOTE
1) il più generico soldier diventa un volunteer, ma il granatiere è un soldato particolarmente dotato per la sua prestanza e il coraggio, l’uomo più forte e più alto della media, contraddistinto da una vistosa uniforme, con il caratteristico copricapo a mitria, che in America venne sostituito da un colbacco in pelo di orso.
2) è la frase in codice che contraddistingue questo filone di courting songs. L’usignolo è l’uccello che canta solo di notte e nella tradizione popolare è il simbolo degli amanti e dei loro convegni amorosi, (vedi)
3) forse lo strumento inizialmente era un flauto ma più spesso si trattava di un piccolo violino o violino portatile detto il kit violiner (pocket fiddle):  era lo strumento popolare per eccellenza nel Rinascimento. E’ curioso notare come in questa tipologia degli incontri galanti il soldato sia stato sostituito dal violinista itinerante, per lo più un maestro di danza, perciò si spiega come ogni riferimento al violino, al suo archetto o all’impeciamento delle corde abbia assunto nelle ballate popolari delle sottointese connotazioni sessuali

SECONDA MELODIA: APPALCHIAN TUNE

John Jacob Niles – One Morning In May

Jo Stafford The Nightingale

TERZA MELODIA: LA VERSIONE PIU’ ANTICA, THE GRENADIER AND THE LADY

E’ la melodia diffusa nel Dorsetshire, così vibrante e appassionata ma con una punta di malinconia, una versione più adatta alla notte d’amore di Romeo e Giulietta e al canto dell’usignolo nella sua versione di aubade medievale, e che più si avvicina alla struttura della nursery rhyme “Where are you going my pretty maid” di cui riprende la struttura a botta e risposta.

Per assaporarne il fascino antico ecco una serie di arrangiamenti strumentali
PER ARPA

PER CHITARRA
Le Trésor d’Orphée

Tra gli interpreti più recenti
Redwood Falls (Madeleine Cooke, Phil Jones & Edd Mann)
recensione qui

Isla Cameron The Bold Grenadier dal film “Far from The Madding Crowd”


I
As I was a walking one morning in May
I spied a young couple a makin’ of hay.
O one was a fair maid and her beauty showed clear
and the other was a soldier, a bold grenadier.
II
Good morning, good morning, good morning said he
O where are you going my pretty lady?
I’m a going a walking by the clear crystal stream
to see cool water glide and hear nightingales sing.
III
O soldier, o soldier, will you marry me?
O no, my sweet lady that never can be.
For I’ve got a wife at home in my own country,
Two wives and the army’s too many for me.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mentre ero a passeggio in un mattino di Maggio, vidi una giovane coppia che faceva il fieno: l’una era una giovane fanciulla e la sua bellezza si mostrava con evidenza e l’altro era un soldato, un prode granatiere
II
“Buon giorno Buon giorno Buon giorno -disse lui- dove state andando mia bella signorina?”
“Sto andando a passeggiare accanto al ruscello di puro cristallo
per vedere scorrere l’acqua fresca
ad ascoltare l’usignolo cantare.”
III
“O soldato, mi vuoi sposare?”
“O no mia bella signorina come potrei?
Perchè tengo moglie a casa nel mio paese
due mogli e l’esercito sarebbero troppo per me”

FONTI
http://jopiepopie.blogspot.it/2018/02/nightingales-song-1690s-bold-grenadier.html
http://www.traditionalmusic.co.uk/folksongs-appalachian-2/folk-songs-appalacian-2%20-%200138.htm
http://folktunefinder.com/tunes/105092
https://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/LP14.html
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/onemorninginmay.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=3646
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=29541
http://www.military-history.org/soldier-profiles/british-grenadiers-soldier-profile.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/25/sing.htm
http://www.contemplator.com/america/nighting.html
http://www.mamalisa.com/?t=hes&p=1506

DERBY RAM & MUMMERS

old-tup

Le tradizioni più antiche della festa di mezzo inverno prevedevano una sorta di questua benaugurale in cui un gruppo di giovani andava di casa in casa con “The Old Tup“; l’usanza si riscontra in particolare a Derby e a Chersterfield portata avanti dai Mummers della contea ancora durante l’Ottocento e ripresa fino ai nostri giorni: si metteva in scena la morte rituale di un ariete (o montone), il cui sangue anticamente veniva raccolto in una ciotola e la carne era distribuita ai poveri. Oggi la pantomima prevede la partecipazione di svariati personaggi tra i quali non può mancare il macellaio che uccide l’ariete, e un imbonitore che richiede il denaro tra il pubblico

Così leggiamo nelle note del video: “The Derby Tup is also known as Old Tup or the Derby Ram and is a mumming play associated with house visiting customs around Christmas time in the Sheffield area. The Tup is similar to the Hooden Horse in construction — a head on a pole with snapping jaws and rams horns, held by an operator covered by a cloth to represent the body. The play is accompanied by the singing of the widespread old folk song “The Derby Ram” and is the story of how the ram is butchered and made into useful and desirable items for the local people to use. Other characters include his keeper and Beelzebub and Little Devil Doubt who solicit for donations with menaces!”

L’Old Tup è una figura propiziatoria assimilabile all’Hooden Horse, un’offerta sacrificale per ottenere la benevolenza degli dei affinchè accordassero abbondanza e prosperità alla terra. Con il tempo il significato del rituale si è confuso e la canzone è finita nelle nursery rhymes come canzoncina umoristica per i bambini in cui l’ariete è diventato gigantesco e compie imprese prodigiose.

ASCOLTA The Watersons


I
As I was going to Derby,
all on a market day
I’ve spied the biggest ram, sir,
that ever was fed on hay
Chorus (after each verse):
La lum lay lum people lay lum lay
II
This tup was fat behind, sir,
this tup was fat before
This tup was nine feet round, sir,
if not a little more
III
And the horns upon this tup they grew,
well they reached up to the sky
The eagles made their nests within,
you could hear the young ones cry
IV
Yes the horns that on this tup they grew,
well they reached up to the moon
A little boy went up in January
and he never got back till June
V
And all the men of Derby
come begging for his tail
To ring St George’s passing bell(1)
from the top of Derby Gaol
VI
And all the women of Derby
come begging for his ears
To make ‘em leather aprons
to last ‘em forty years
VII
And all the boys of Derby
come begging for his eyes
To make themselves some footballs
cause they were of football size
VIII
Took all the men of Derby
to carry away his bones
Took all the women of Derby
to roll away his stones(2)
IX
And now my story is over,
and I have no more to say
Please give us all a New Year’s box
and we will go away
tradotto da Cattia Salto
I
Mentre andavo a Derby
in un giorno di mercato
ho visto il più grande ariete
che mai si sia mai nutrito di fieno
Coro
La lum lay lum people lay lum lay
II
L’ariete era grosso davanti, signore
l’ariete era grosso dietro
l’ariete era largo nove piedi, signore
e anche un po’ più
III
Le corna su questo ariete crescevano
fino a raggiungere il cielo.
Le aquile ci facevano il nido
si potrebbero sentire i lamenti dei piccoli!
IV
Si le corna su questo ariete crescevano
fino a raggiungere la luna.
Un ragazzino ci salì a Gennaio
e non fu di ritorno che a Giugno
V
E tutti gli uomini di Derby
vennero a chiedere la sua coda
per suonare la campana a morto di San Giorgio(1)
dalla cima del carcere di Derby.
VI
E tutte le donne di Derby
vennero a chiedere le sue orecchie
per farne ghembriali di pelle
che gli durassero 40 anni.
VII
E tutti i giovani di Derby
vennero a chiedere i suoi occhi
per farne dei palloni
perchè erano della misura di una palla da calcio.
VIII
Ci sono voluti tutti gli uomini di Derby
per portare via le sue ossa
e tutte le donne di Derby
per far rotolare via le sue tonsille(2).
IX
E ora che la storia è finita
e non mi resta altro da dire
vi prego di darci un’offerta per l’anno nuovo e noi andremo via.

NOTE
1) secondo la tradizione le campane sono suonate in occasione di un decesso per impediere ai diavoli di catturare l’anima del defunto
2) letteralmente stones si traduce con pietre ma in questo contesto credo voglia dire tonsille

ASCOLTA The Kossoy Sisters: questa versione pur essendo americana, ricorda ancora il rituale di macellazione e lo smembramento dell’ariete


I
As I went in to Darby,
All on a Market Day,
I saw the largest ram, sir,
That was ever fed on hay.
CHORUS:
And he rambled, rambled all around
In and out of town did he ramble,
And he rambled til them butchers cut him down.
II
This ram had four feet, sir,
Four feet on which to stand,
And each one of his hooves sir,
covered an 40 acres of land.
III
The wool upon his back, sir,
It reached up to the sky;
The eagles made their nests there,
You could hear the young ones cry.
IV
The horns upon his head, sir,
They reached up to the moon;
A man climbed up in January,
And didn’t come down ‘til June.
V
The wool that grew upon his tail,
If you had sheared it off,
Would have made the finest tailors
A hundred yards of cloth.
VI
The Butcher that cut him down sir,
He drownded in the blood.
And the little boy who held the bowl,
Was washed away in the flood.
tradotto da Cattia Salto
I
Mentre andavo a Derby
in un giorno di mercato
ho visto il più grande ariete
che mai si sia mai nutrito di fieno
Coro
E lui gironzolava
dentro e fuori la città
e gironzolò finchè i macellai
lo abbatterono

II
L’ariete aveva quattro zampe, signore
quattro zampe su cui reggersi
e ogni suo zoccolo, signore,
ricopriva 40 acri di terra
III
La lana del suo dorso, signore
raggiungeva il cielo
Le aquile ci facevano il nido
potresti sentire i piccoli gridare
IV
Le corna sulla sua testa, signore
raggiungevano la luna;
un uomo ci salì a Gennaio
e fu di ritorno a Giugno
V
La lana che cresceva sulla sua coda
se l’avessi tosato
avrebbe reso ai migliori sarti
un centinaio di iarde di stoffa
VI
Il macellaio che lo ha abbattuto, signore
è annegato nel sangue
e l’aiutante che teneva la ciotola
è stato spazzato via dal flusso.

LA VERSIONE MARINARESCA

Della canzone esiste anche una versione sea shanty diffusa dall’Atlantico al Pacifico al tempo dei velieri e in varie versioni testuali
ASCOLTA Assassin’s Creed 4 Black Flag


I
As I was going to Derby,
‘twas on a market day,
I met the finest ram, sirs,
that ever was fed upon hay.
(Chorus)
That’s a lie, that’s a lie
That’s a lie, a lie, a lie!
II
This ram and I got drunk, sir,
as drunk as drunk could be,
And when we sobered up, sir,
we were far away out on the sea.
III
This wonderful old ram, sir,
was playful as a kid;
He swallowed the captain’s spyglass
along with the bo’sun’s fid(1).
IV
The night was very draft, sir,
the wind like ice did feel;
He borrowed me suit of oilskins
And took me trick at the wheel
V
He climbed aloft sir,
so full of him to store the topsails high(2);
but halfway up he lost his nerve
he had an awful fright.
VI
One morning on the poop, sir,
afore eight bells was struck.
He climbed up to the sky’s
I yard an’ sat down on the truck(3).
VII
This wonderful ol’ ram, sir,
he tried a silly trick,
He tried to jump a five-barred fence
and landed in a rick.
VIII
This wonderful ol’ ram, sir,
it grew two horns of brass,
One grew out o’ his shoulder blade,
t’other turned into a mast.
IX
The Crew of the good Ship Jackdaw(4)
is handsome, strong and brave,
the finest Crowd of Sailors
that ever sailed over the Waves
tradotto da Cattia Salto
I
Mentre andavo a Derby,
ed era un giorno di mercato,
ho incontrato il più bell’ariete, signori,
che mai sia stato alimentato con il fieno
CORO
Questa è’ una bugia, Questa è’ una bugia
Questa è’ una bugia, una bugia – bugia
II
L’ariete ed io ci ubriacammo, signore
che più ubriachi non si poteva
e quando diventammo sobri, signore
eravamo in alto mare
III
Questo magnifico vecchio ariete,
era giocoso come un bimbo
inghiottì il cannocchiale del capitano
con la caviglia(1) del nostromo
IV
La notte era molto fredda, signore,
il vento sembrava come ghiaccio
e lui mi prestò il vestito incatramato
e mi portò alla ruota del timone
V
Montò arriva signore,
così determinato da voler stivare le gabbie volanti(2)
ma a metà strada si è perso d’animo
e gli è preso una strizza terribile
VI
Una mattina sulla poppa, signore
prima che la campana delle otto suonasse, lui si è impennato nel cielo, e io mi sono arrampicato e seduto sulla formaggetta(3)
VII
Questo magnifico vecchio ariete,
giocò uno scherzetto
cercò di saltare cinque barili in fila
e atterrò su di un pagliaio
VIII
A questo magnifico vecchio ariete,
sono cresciute due corna d’ottone
una scaturita dalla sua scapola
l’altra trasformata in albero
IX
La ciurma della nave “La taccola” (4)
è affascinante, forte e coraggiosa
i migliori marinai
che mai navigarono sulle onde

NOTE
1) termine nautico vedi
2) stivare nel senso di sferire (toglierle dal pennone), calare le vele in coperta e riporle nel deposito vele. La traduzione della frase è suggerita da Italo Ottonello
3) un altro termine nautico: dal dizionario italiano leggo “Sorta di pomo, tondo e un po’ schiacciato, che si mette in cima agli alberi delle navi e alle aste delle bandiere
4) la strofa finale è stata modificata dagli autori di Black Flag per adattarla alla storia: La Jackdaw, varata con il nome di El Dorado, è stato il brigantino del pirata gallese Edward Kenway, nonché la nave ammiraglia della sua flotta, nel periodo in cui operò come pirata e poi come Assassino nelleIndie Occidentali, dal 1715 al 1723. continua

FONTI
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/12/derbyram.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/21/ram.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/22/derbyram.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/27/darbyram.htm
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thederbyram.html
http://www.folkplay.info/Gallery/Thameside2004.htm
http://www.folkplay.info/Texts/86sk–lj.htm
http://www.folkplay.info/Texts/89sk59gi.htm
http://www.folkplay.info/Texts/90sk58mh.htm
http://www.folkplay.info/Texts/90sk18sa.htm
http://www.folkplay.info/Texts/94sk47gm.htm
http://www.folkplay.info/Texts/96sk47rh.htm
http://www.classic-rocks.com/english-irish-folk-music/the-derby-ram.html
http://calendarcustoms.com/articles/derby-tup/
http://www.yorkshirefolksong.net/song.cfm?songID=59
http://garlandfilms.co.uk/derby-tup.html
http://www.goldenhindmusic.com/lyrics/DERBYRA2.html

BABES IN THE WOOD

“The Children in the Wood” o “Babes in the Wood” è una sorta di ninna-nanna/fiaba molto popolare sia nelle isole britanniche che nei paesi di forte emigrazione, come America e Australia: si narra di due bambini abbandonati nel bosco, morti di stenti e seppelliti dai pettirossi  sotto a un manto di foglie.
La prima pubblicazione in stampa risale al 1595 sotto forma di broadside ballad (con il titolo di The Norfolk Tragedy, Thomas Millington editore) e poi ripetutamente pubblicata nelle nursery rhymes e variamente rielaborata.

IL BOSCO DI WAYLAND

La storia è fatta risalire all’epoca medievale e collegata da Thomas Percy (poeta e antiquario inglese di fine ottocento) al ritrovamento dei cadaveri di due bambini nel Bosco di Wayland (Norfolk – Inghilterra): nella residenza di Griston Hall il padre morente affida i figli al fratello il quale per impossessarsi dell’eredità, assolda due bravacci. I due abbandonano i bambini nel folto del bosco, che lì muoiono di stenti, così i fantasmi delle due innocenti creature ancora vagano nei paraggi (la leggenda locale qui).

UNA FIABA DA PAURA

Le fiabe non insegnano ai bambini che i draghi esistono, loro lo sanno già. Le fiabe insegnano ai bambini che i draghi si possono sconfiggere.
– G. Chesterton

La storia affonda sicuramente in un archetipo così come nella fiaba italiana di Nennillo e Nennella, la versione partenopea di Hansel e Gretel o nelle tante rielaborazioni di bambini abbandonati nelle foreste. Qui però non c’è il lieto fine (anche se in alcune delle  molte varianti  i bambini finiscono per essere trovati ancora vivi).
La canzoncina ha ossessionato i sogni di molti bambini quantomeno  da 300 anni: un modo un po’ curioso per far addormentare subito il bambino e  senza capricci, con tre grosse paure una dopo l’altra, l’abbandono, i pericoli della vita e la morte!

Ma in questa fiaba c’è dell’altro, un vecchio mito celtico palesato dall’apparizione del pettirosso.

Secondo Robert Graves (in La Dea Bianca) pettirosso e scricciolo sono due simboli solstiziali che muoiono ciclicamente, l’uno per lasciare il posto all’altro: il pettirosso è lo spirito dell’anno nuovo il quale nel solstizio d’inverno uccide lo scricchiolo (il regolo dal ciuffo) ed è ucciso dallo scricciolo nel solstizio d’estate.
Così pur nell’essenzialità della storia, la narrazione specifica che è estate, volendo  con buona probabilità richiamare l’attenzione sul periodo solstiziale, l’inizio di un nuovo periodo di vita, il “primo giorno d’estate”.
Anche se nella versione della ballata si parla genericamente di due piccoli bambini, sono spesso rappresentati come fratello e sorella,  così la loro morte (il principio maschile e quello femminile uniti in un abbraccio) potrebbe essere allusiva ad un sacrificio rituale, una prova iniziatica (il passaggio dall’infanzia alla fase adolescenziale) che si svolgeva nel nemeton il bosco sacro e più impenetrabile, o molto più probabilmente era una sorta di rappresentazione sul piano simbolico di un evento cosmico ritualizzo .
In altre versioni è lo stesso Robin Hood il mitico fuorilegge ad andare in soccorso ai due bambini, mentre il pettirosso delle prime versioni si limita a coprire con le foglie i corpi dei bambini.

LA NINNA NANNA

La versione cantata è stata divulgata dalla Famiglia Copper i quali la cantavano durante la cena di Natale (probabilmente come omaggio alla strage degli innocenti celebrata in calendario): la versione proviene da un arrangiamento fatto da William Gardiner (1770-1853).
This version is from a recording by the Copper Family (Bob and Ron Copper, Folk-Legacy, 1964). In the notes to Come Write Me Down: Early Recordings Of The Copper Family of Rottingdean, Topic TSCD534, 2001, folklorist Steve Roud identifies the writer of Babes in the Wood as William Gardiner [1769/70-1853]. Gardiner was a Leicester hosiery manufacturer and accomplished amateur musician. (tratto da qui)
Copper Family

I
My dear, do you know
How, a long time ago,
Two poor little children,
Whose names I don’t know,
Were stolen away
On a fine summer’s day,
And left in a wood,
As I’ve heard people say?
II
And when it was night,
So sad was their plight,
The sun it went down,
And the moon gave no light!
They sobbed and they sighed,
And they bitterly cried,
And the poor little things
They lay down and died.
III
And when they were dead,
The robins so red
Brought strawberry leaves
And over them spread;
And all the day long
They sang them this song:
“Poor babes in the wood!
Poor babes in the wood!
And don’t you remember
The babes in the wood?”


CHORUS
Pretty babes in the wood,
pretty babes in the wood,
Oh, don’t you remember
those babes in the wood.
I
Oh, don’t you remember,
a long time ago,
Those two little babies,
their names I don’t know?
They strayed(1) far away
one bright summer’s day,
These two little babies
got lost on their way.(2)
II
Now the day being long
and the night coming on
These two little babies
sat under a stone.
They sobbed and they sighed,
they sat down and cried;
These two little babies
they laid down and died.
III
Now the robins so red(3),
so swiftly they sped,
They put out their wide wings
and over them spread.
And all the day long
on the branches did throng;
They sweetly did carol(4)
and this was their song.
(traduzione di Cattia Salto)
CORO
Bei bimbi nel bosco
bei bimbi nel bosco
vi ricordate
di quei bimbi nel bosco?
I
Ricordate
tanto tempo fa
quei due bimbi
di cui non conosco il nome?
Furono abbandonati lontano
in un bel giorno d’estate,
e quei bue bambini
smarrirono la strada
II
Terminato il giorno
e arrivata la notte
questi due bimbi
si sedettero su una pietra.
Sospirarono e piansero,
seduti in lamento,
quei due bimbi
si distesero e morirono
III
Allora i pettirossi (3)
accorsero in fretta
volando con le forti ali
su di loro
e per tutto il giorno
ammassarono i rami
dolcemente fischiettarono
e questa era la loro canzone

NOTE
1) oppure “they were stolen”
2) oppure “and left in the wood, so I’ve heard folks say”
3) il pettirosso è  un piccolo passero dal caratteristico petto macchiato di rosso (ogni tanto in autunno e con i primi freddi dell’inverno, ne vedo qualcuno che si spinge fino alla mia finestra per prendere le briciole di pane) simbolo solstiziale nella mitologia dei paesi nordici, è stato trasposto nella religiosità cristiana a simbolo d’amore, e connesso con la nascita e la morte di Gesù. Compare così in molte immagini o cartoline dedicate al Natale.
4) oppure “whistle”

BABES IN THE WOOD – Walt Disney 1923
Un pastiche con tanto di villaggio di elfi, strega cattiva e casetta di Marzapane alla Hansel e Gretel e lieto fine con gli elfi che liberano i due bambini e la strega che finisce vittima dei suoi stessi sortilegi

FONTI
http://vivalamamma.tgcom24.it/2013/03/le-favole-aiutano-i-bambini-a-crescere-e-a-vincere-le-loro-paure/
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-BabesWood.html
http://www.cavernacosmica.com/simbologia-del-pettirosso/
http://myths.e2bn.org/mythsandlegends/origins19-the-abandoned-children-of-wailing-wood.html
https://terreceltiche.altervista.org/the-wren-song/
http://www.lefiguredeilibri.com/2010/01/18/the-babes-in-the-wood-cronaca-di-una-leggenda/
http://www.lefiguredeilibri.com/2010/01/20/la-vera-morte-di-cock-robin-la-simbologia-del-pettirosso/
http://hypnogoria.blogspot.it/2014/12/folklore-on-friday-babes-in-woods.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/forum/434.html
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/15/babes.htm
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=5238
http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/babesinthewood.html
http://www.gutenberg.org/files/19361/19361-h/19361-h.htm
https://afolksongaweek.wordpress.com/2012/12/24/week-70-the-boars-head-carol-babes-in-the-wood-the-king/
http://www.bambinicoraggiosi.com/?q=node/772