Apples in Winter: New Years Eve in Great Brittany

Leggi in italiano

APPLES IN WINTER

The apple tree is a tree that was born in the mountains of Central Asia and it has spread along the commercial “silk road”, moving to the west. It is commonly believed that it was the ancient Romans who brought the apple tree to Britain, yet the most recent archaeological excavations in Armagh (Northern Ireland) found apple seeds dating back to the 10th century BC. In fact, the apple appears in many Druidic teachings and in Celtic poetry and mythology.
The apples are stored for a long time in a cool and dry place like attics, becoming one of the few fruits that can be eaten in winter.

AILLIN & BAILE

The apple tree is the embodiment of the female principle; a medieval narration tells us the love story of Aillin and Baile, two children in love to whom the Druids had prophesied that they would never meet in life, but only after death to never separate again: the macabre (or romantic) prophecy came true magically with the union of the wood of two trees, the apple and the yew grown on their graves!
The legend is set at the time of Celtic Ireland by King Cormac mac Airt (II-IV century), but it is somewhat inconsistent with respect to the archaeological sources in our possession; they tell the story of the “taball filidh” (the poet’s tablet) -probably a wooden tablet or a waxed tablet in use with the ancient Greeks and Romans – one made from the wood of the apple tree of Aillin and the other from the wood of the Baile rate, that they indissolubly linked to each other when they found themselves nearby for the first time (to Samain during the party presided over by Art, son of Conn of the Hundred Battles, king of Erinn). If the story were true, the bards of Ireland writed they poems on wooden tablets; these two tablets were one from Leinster (apple), the other from Ulster (rate) and for their magical adherence were preserved as rarities in the treasure of Tara.
The story seems to be a variant of the love knot between the rose and thorn, recalled in the medieval ballads (grown from the respective tombs of the unfortunate lovers, they come together and intertwine with each other).

But the main association of the apple tree with the Celtic world is the Island of the apples, Avalon, the land of the Fairies.
Geoffrey of Monmouth writes in the Historia Regum Britanniae (1136)
Insula pomorum quæ fortunata vocatur,
Ex re nomen habet, quia se singula profert.
Non opus est illi sulcantibus arva colonis,
Omnis abest cultus, nisi quem natura ministrat,
Ultro fœcundas segetes producit, & herbas,
Nataque poma suis prætonso germine sylvis.

The isle of Apples, truly fortunate,
Where unforc’d goods and willing comforts meet.
Not there the fields require the rustick’s hand,
But nature only cultivates the land.
The fertile plains with corn and herbs are proud,
And golden apples smile in ev’ry wood.“.

Fairies’ food that can make immortal or restore health to the sick, the apple is the basis of the preparation of cider, a low-alcohol drink obtained from the fermentation of fruits such as apples, pears or loquats, typical of the United Kingdom, Basque Country and of Normandy. see

APPLE WASSAIL

by Hedingham Fair

The oldest form of the winter celebration of the Wassail provides the blessing of trees and bees, so important for pollination, in order to ensure a healthy harvest for the next year.
“Apple Wassail”, is the blessing of the orchards: during the ritual they sing and make a spell, with a great noise they beating pots and pans (or shooting in the air) to ward off evil spirits, pourring some cider around the roots of the oldest tree; finally all drink to the health of the apple trees and the future harvest, eating sweet buns, and leaving a slice to the spirit of tree (to feed the robins), placed on the branches of the plant as thanksgiving.
(see more)

HEL CALENNIG (GALLES) 

The second rite comes from Wales called “Hel Calennig” (Literally “the hunt of the Calends”) based on the ancient tradition of exchanging a gift for the first of January. (some scholars believe that the ritual derives from the customs practiced in the Roman Empire for the New Year. see Strenia)

Hel Calennig” is a Welsh tradition of the first day of the new year: an apple impaled on three sticks like a tripod, decorated with cloves and a sprig evergreen. This “trophy” is brought as a gift (or shown) in the neighbors’ house by the children singing a good-luck song.
In return they receive bread and cheese or some coins.

Blwyddyn newydd dda i chwi,
Gwyliau llawen i chwi,
Meistr a meistres bob un trwy’r ty,
Gwyliau llawen i chwi,
Codwch yn foreu, a rheswch y tan,
A cherddwch i’r ffynon i ymofyn dwr glan.
A happy new year to you,
May your holidays be merry,
Master and mistress – everyone in the house;
May your holidays be merry,
Arise in the morning; bestir the fire,
And go to the well to fetch fresh water

The New Year is also the Hoodening Day in Wales when Mari Lwyd, “Y Fari Lwyd”   (in English “Gray Mare”) is brought home.

MARI LWYD

Paul Bommer

Mari Lwyd is the Welsh version of the hooden horse. Tradition still practiced in central and south Wales, in particular in Llantrisant and Pontyclun on New Year’s Eve. The mask consists of a horse’s head (a real skull) with movable jaw and disquieting eyes made from two pieces of green bottle, decorated with colored ribbons and carried on a pole by a person hidden under a wide white sheet.
The wassailers stop to sing in front of the doors of the houses and call the mistress and challenge her in a pwnco, a sort of debate between the two sides, often with insolent verses. The victory of the singing challenge allows the wassailers to enter the house to eat sweets and drink beer.
As we can see in the illustration, the landlady holds a broom in her hand and she does not want to let the wassailers enter, because they are bringers of chaos.
The revel as all the rituals of the peasant world requires a certain degree of drunkenness and harassing behavior. In fact, the mare will turn around the room trying to take the women, she is clearly a monstrous and otherworldly creature who must be appeased with some offers. Sometimes a small child stands with a sweet and manages to calm the beast. keep it going. see more




I
Here we come
Dear friends
To ask permissions to sing
II
If we don’t have permission,
Let us know in song
How we should go away tonight
III
I have no dinner
Or money to spend
To give you welcome tonight
Welsh gaelic
I
Wel dyma ni’n dwad
Gyfeillion diniwad
I ofyn am gennod i ganu
II
Os na chawn ni gennad
Rhowch wybod ar ganiad
Pa fodd mae’r ‘madawiad, nos heno
III
‘Does genni ddim cinio
Nac arian iw gwario
I wneud i chwi roeso, nos heno

NOTE
1) if the people of the house were defeated in the poetic contest, the Mari Lwyd claimed the right to stay at dinner with all his followers. Alternatively they offered a glennig, (a small tip), a glass of glaster, (water and milk) or beer

At Cwm Gwaun (Gwaun Valley), above Abergwaun (Fishguard), the community celebrates Yr Hen Galan (the old New Year) on January 13, according to the calendar prior to 1752.
Even in Wales as in Scotland is still rooted the practice of Firstfoot: here must be a man with a lucky name (Dafydd, Sion, Ifan or Siencyn), or alternatively a woman with a lucky name (Sian, Sioned, Mair or Marged ); in New Year’s Eve there was also a wren hunting.

APPLES IN WINTER JIG

The “Apples in winter” is an Irish jig also known by many other titles (see)

David Power uillean pipe & Willie Kelly violin in “Apples in winter” (n enjoyable cd of jigs and reels + some traditional Irish air)

Dervish

Anglo concertina, Cittern, & Guitar

Ardan

second part

LINK
http://bifrost.it/CELTI/4.Eriuiltempoelospazio/05-Soprannaturale.html
http://www.unamelaalgiorno.com/la-mela-nella-cultura-celtica.html
http://icoloridelvento-mirial.blogspot.it/2015/10/il-melo-e-il-frutto-della-conoscenza.html
http://www.laltrafacciadellamela.altervista.org/
https://isimbolinellacomunicazione.wordpress.com/2013/02/21/la-mela/
http://www.amando.it/ricette/alimenti/mela.html
http://ontanomagico.altervista.org/johnny-jump.htm
https://museum.wales/articles/2014-06-14/Christmas-customs-Hel-Calennig/
https://lilydewaruile.wordpress.com/tag/calennig/

SCORES
https://thesession.org/tunes/299
http://tunearch.org/wiki/Apples_in_Winter_(1)
http://spokanesessions.com/tune.php?tune=1
http://www.celticguitarmusic.com/tbj_apples_winter.htm

Mele d’Inverno: rituali di Capodanno in Gran Bretagna

Read the post in English

APPLES IN WINTER

Il melo è un albero che è nato sui monti dell’Asia centrale e si è diffuso lungo la rotta commerciale detta “via della seta”, spostandosi così verso ovest. Si ritiene comunemente che furono gli antichi romani a portare il melo in Gran Bretagna, eppure i più recenti scavi archeologici ad Armagh (Irlanda del Nord) hanno trovato semi di mela risalenti al X secolo a.C.  Il melo compare infatti in molti insegnamenti druidici e nella poesia e mitologia celtica.
Fruttifica a settembre e le mele si conservano per lungo tempo in un luogo fresco e asciutto come le soffitte, diventando uno dei pochi frutti che si possono mangiare in inverno.

AILLIN E BAILE

La principale associazione con il melo è l’amore, essendo l’incarnazione del principio femminile; una narrazione medievale ci racconta la storia di Aillin e Baile, due fanciulli innamorati ai quali i druidi avevano profetizzato che non si sarebbero mai incontrati in vita, ma solo dopo la morte per non separarsi mai più: la macabra (o romantica) profezia si avverò magicamente con l’unione del legno di due alberi, il melo e il tasso cresciuti sulle loro tombe!
La leggenda è ambientata ai tempi dell’Irlanda celtica di re Cormac mac Airt (II-IV secolo), ma  è un po’  incoerente rispetto alle fonti archeologiche in nostro possesso, si racconta infatti della “taball filidh” (la tavoletta del poeta) -poteva trattarsi di una tavoletta di legno su cui si scriveva con il pennello o di una più elaborata tavoletta cerata in uso presso gli antichi greci e romani- una ricavata dal legno del melo di Aillin e l’altra dal legno del tasso di Baile che si saldarono indissolubilmente l’una all’altra non appena si trovarono entrambe vicine (a Samain durante la festa presieduta da Art, figlio di Conn delle Cento Battaglie, re di Erinn). Apprendiamo che, se il racconto fosse veritiero, i bardi d’Irlanda compilavano i loro certami su delle tavolette di legno, presumibilmente “usa e getta” perchè ci si scriveva sopra una volta sola; queste due tavolette provenivavo una dal Leinster (melo), l’altra dall’Ulster (tasso) e per la loro magica aderenza furono conservate come rarità nel tesoro di Tara.
La storia sembra essere una variante del nodo d’amore tra rovo e spina richiamato nelle ballate medievali che, cresciuti dalle rispettive tombe degli amanti sfortunati, si congiungono e intrecciano tra loro.

Ma l’associazione principale del melo con il mondo celtico è l’Isola delle mele, Avalon, la terra delle Fate. Così scrive Geoffrey of Monmouth nell’Historia Regum Britanniae (1136) “L’ isola delle mele è chiamata dagli uomini isola della fortuna (Insula Pomorum quae Fortunata vocatur), perchè essa gli regala i suoi generosi doni sotto forma di mele (Sua enim aptae natura pretiosarum poma silvarum parturiunt), uva, bacche ed altre erbe che permettono all’uomo di vivere oltre i cent’anni. Gli antichi poeti la descrissero come un Paradiso, per la fecondità delle sue terre”.

Cibo delle fate che può rendere immortali o rimettere in salute i malati la mela è alla base della preparazione del sidro, una bevanda poco alcolica ottenuta dalla fermentazione di frutti come mele, pere o le dimenticate nespole, tipica del Regno Unito, dei Paesi Baschi e della Normandia. continua

 

APPLE WASSAIL

La forma più antica della celebrazione invernale del Wassail prevede la benedizione degli alberi e delle api, così importanti per l’impollinazione, al fine di garantire un raccolto sano per il prossimo anno.
Nelle isole britanniche è ancora praticata la benedizione dei frutteti : durante il rito si canta e si recitano delle formule magiche, si fa un gran baccano battendo pentole e tegami (o sparando in aria) per allontanare gli spiriti cattivi, si versa del sidro intorno alle radici dell’albero più vecchio, si beve alla salute dei meli e del futuro raccolto, si mangiano focacce dolci, e si donano allo spirito dell’albero delle focacce inzuppate di sidro (per nutrire i pettirossi), posate sui rami della pianta in segno di ringraziamento.
Questa pratica di benedizione degli alberi del frutteto si svolgeva d’Inverno ma la data è incerta, alcuni studiosi la riportano alla vigilia di Natale, altri alla notte di Capodanno, altri ancora a gennaio per la dodicesima notte (6 gennaio) (continua)

HEL CALENNIG (GALLES) 


Il secondo rito viene dal Galles detto  “il regalo del nuovo anno” (Hel Calennig) basato sull’antica tradizione di scambiarsi un regalo per il primo di gennaio, alcuni studiosi ritengono che il rituale derivi dalle usanze praticate nell’Impero Romano per il capodanno. (vedi Strenia) Letteralmente “la caccia delle Calende” si riferisce alla tradizione gallese del primo giorno dell’anno nuovo: una mela infilzata su tre bastoncini a mo’ di trepiedi, steccata con dei semini (oggi più comunemente dei chiodi di garofano) è decorata con un rametto sempreverde.

Questo “trofeo” è portato in regalo (o mostrato) nella casa dei vicini dai bambini che cantano una canzoncina benaugurale. In cambio ricevono pane e formaggio o qualche monetina.

Blwyddyn newydd dda i chwi,
Gwyliau llawen i chwi,
Meistr a meistres bob un trwy’r ty,
Gwyliau llawen i chwi,
Codwch yn foreu, a rheswch y tan,
A cherddwch i’r ffynon i ymofyn dwr glan.


A happy new year to you,
May your holidays be merry,
Master and mistress – everyone in the house;
May your holidays be merry,
Arise in the morning; bestir the fire,
And go to the well to fetch fresh water
Traduzione italiano di Cattia Salto
Un felice anno nuovo a voi
che le vostre feste sano liete
signore e signora – e tutti gli altri della casa;
che le vostre feste siano liete.
Alzatevi al mattino e accendete il fuoco e andate al pozzo a prendere dell’acqua fresca.

 

Il Capodanno è anche giorno di Hoodening in Galles quando Mari Lwyd, o anche “Y Fari Lwyd” (in inglese “Grey Mare“= cavalla grigia) viene portata di casa in casa.

MARI LWYD

Paul Bommer: Calendario dell’Avvento

Mari Lwyd è la versione gallese dell’hooden horse. Tradizione ancora praticata nel Galles centrale e meridionale, in particolare a Llantrisant e Pontyclun a Capodanno. La maschera consiste in una testa di cavallo (un teschio vero) con la mascella movibile e degli inquietanti occhi ricavati da due pezzi di bottiglia verde, addobbata con nastri colorati e portata su un palo da una persona celata sotto un ampio mantello bianco. I questuanti si fermano a cantare davanti all’uscio delle case e chiamano la padrona e la sfidano in un pwnco una sorta di botta e risposta in versi spesso insolente. La vittoria della sfida canora consente ai questuanti di entrare in casa per mangiare i dolci e bere birra.
Come si vede nell’illustrazione la padrona di casa tiene in mano una scopa e non vuole far entrare il gruppo perchè portatore di disordine. La pratica come un po’ tutte le questue rituali del mondo contadino sott’intende un certo grado di ubriachezza e comportamenti molesti. Infatti non appena entrata la cavalla girerà per la stanza cercando di prendere le donne, è chiaramente una creatura mostruosa e ultraterrena che deve essere rabbonita con offerte. Talvolta un bambini piccolo si frappone con un dolcetto e riesce a calmare la bestia. continua



Gaelico gallese
I
Wel dyma ni’n dwad
Gyfeillion diniwad
I ofyn am gennod i ganu
II
Os na chawn ni gennad
Rhowch wybod ar ganiad
Pa fodd mae’r ‘madawiad, nos heno
III
‘Does genni ddim cinio
Nac arian iw gwario
I wneud i chwi roeso, nos heno


I
Here we come
Dear friends
To ask permissions to sing
II
If we don’t have permission,
Let us know in song
How we should go away tonight
III
I have no dinner
Or money to spend
To give you welcome tonight
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Siamo qui
cari amici
a chiedervi il permesso di cantare
II
Se non abbiamo il permesso
ditecelo con il canto
che dobbiamo andarcene stasera
III
Non ho cena (1)
o soldi da spendere
per darvi il benvenuto stasera

NOTE
1) se la gente della casa restava sconfitta nella tenzone poetica, la Mari Lwyd rivendicava il diritto di restare a cena con tutto il suo seguito. In alternativa era offerto un glennig, (una piccola mancia), un bicchiere di glaster, (acqua e latte) o di birra.

A Cwm Gwaun (Gwaun Valley), sopra Abergwaun (Fishguard), la comunità celebra lo Yr Hen Galan (il vecchio capodanno) il 13 gennaio, secondo il calendario precedente al 1752.
Anche in Galles come in Scozia è ancora radicata l’usanza del Firstfoot: qui deve essere un uomo dal nome fortunato (Dafydd, Sion, Ifan o Siencyn), o in mancanza anche una donna dal nome fortunato (Sian, Sioned, Mair o Marged);  al Capodanno era praticata anche la caccia allo scricciolo.

APPLES IN WINTER JIG

La melodia “Apples in winter” è una jig irlandese conosciuta anche con molti altri titoli (vedi)

David Power uillean pipe & Willie Kelly violino in “Apples in winter” (un godibile cd di jigs e reel + qualche air della tradizione irlandese)

Dervish

Anglo concertina, Cittern, & Guitar

Ardan

continua

FONTI
http://bifrost.it/CELTI/4.Eriuiltempoelospazio/05-Soprannaturale.html
http://www.unamelaalgiorno.com/la-mela-nella-cultura-celtica.html
http://icoloridelvento-mirial.blogspot.it/2015/10/il-melo-e-il-frutto-della-conoscenza.html
http://www.laltrafacciadellamela.altervista.org/
https://isimbolinellacomunicazione.wordpress.com/2013/02/21/la-mela/
http://www.amando.it/ricette/alimenti/mela.html
http://ontanomagico.altervista.org/johnny-jump.htm
https://museum.wales/articles/2014-06-14/Christmas-customs-Hel-Calennig/
https://lilydewaruile.wordpress.com/tag/calennig/

SPARTITI
https://thesession.org/tunes/299
http://tunearch.org/wiki/Apples_in_Winter_(1)
http://spokanesessions.com/tune.php?tune=1
http://www.celticguitarmusic.com/tbj_apples_winter.htm

Apple wassailing: the Somerset wassail

THE BLESSING OF THE TREES
[LA BENEDIZIONE DEGLI ALBERI]

wassailing-appleThe oldest form of the Wassail celebration (first part) was about the blessing of trees and bees, so important for pollination, in order to ensure a healthy harvest for the next year.
[La forma più antica della celebrazione Wassail  (prima parte) prevede la benedizione degli alberi e delle api, così importanti per l’impollinazione, al fine di garantire un raccolto sano per il prossimo anno.]

One of the songs associated with this practice states:
Here’s to thee, old apple tree,
Whence thou may’st bud, and thou may’st blow,
And whence thou may’st bear apples enow,
Hats full! Caps full! Bushel — bushel — sacks full!
And my pockets full too!
Huzza!
It seems a celtic spell that enchants the apple tree because it resumes to bloom in spring with abundance! The toast was therefore originally dedicated to the spirit of the tree, its vital and regenerative strength.

[Una delle canzoni associate a questa pratica, dichiara:
Per te vecchio melo
così che tu possa germogliare e sbocciare
e tu possa ancora portare mele
da riempire i cappelli, cesti e mastelli
e le mie tasche, hurrà
Sembra proprio la formula di spell celtico che incanta il melo perché riprenda a fiorire in primavera così da portare abbondanza di frutti! Il brindisi era quindi originariamente dedicato allo spirito dell’albero, alla sua forza vitale e rigeneratrice.]

This blessing of the orchard trees it took place in Winter but the date is uncertain, some scholars report it on Christmas Eve, others on New Year’s Eve, and others in January for Twelfth Night (6 January) and more in general nowaday is January the month of wassailing in orchards (see more).
[Questa pratica di benedizione degli alberi del frutteto si svolgeva d’Inverno ma la data è incerta, alcuni studiosi la riportano alla vigilia di Natale, altri alla notte di Capodanno, altri ancora a gennaio per la dodicesima notte (6 gennaio) e più in generale ai giorni nostri è gennaio il mese del wassailing nei frutteti (continua).]

Illustrazione di Paul Bommer
Illustrazione di Paul Bommer

APPLE WASSAIL

In the illustration of Paul Bommer appear all the characteristics and symbolic connotations of the ritual: a king and a queen dress in ancient fashion (with clear references to the Celtic indigenous customs) toast the tree and the bees, raising their horns full of mead or cider (the barrel under the woman’s arm). At the center of the image is the tree (an apple tree) and the honeycomb (the bees are creatures indispensable to nature for their work of untiring pollinators). A slice of cake in the branch (soaked in cider) was left to feed the robin which symbolizes the spirit of the tree but it is also the King of the New Year.
Wassail and Drinkhale as a back-and-forth of the toast. A shaggy pig to symbolize the month of January.
[Nell’illustrazione di Bommer compaiono tutte le caratteristiche e le connotazioni simboliche della rituale: un re e una regina in foggia antica (con chiari riferimenti ai costumi celtici indigeni) brindano all’albero e alle api, alzando i loro corni colmi di idromele o sidro (il barilotto sotto il braccio della donna). Al centro dell’immagine sia l’albero (un melo) che il favo delle api, creature indispensabili alla natura per la loro opera di instancabili impollinatrici! Una fetta di dolce tra gli alberi (che veniva imbevuta di sidro) era lasciata per nutrire il pettirosso che simboleggia lo spirito dell’albero ma è anche il Re dell’anno nuovo.
Wassail e Drinkhale come botta e risposta del brindisi. Un maialino irsuto per simboleggiare il mese di gennaio.]

Cider producers in the South West counties of England still celebrate Apple Wassailing, in Somerset and Devonshire it take place between 6 and 17 January (with the ancient calendar the twelfth night fell on 17 January ), but some farms move the appointment even at the end of the month (to ensure that the revels do not overlap each other): a succession of night parties in the various orchards of the estates, opened to the public and free (the party in some places start already in the afternoon with traditional live music and refreshments based on hot cider and donuts), a kind of visit to the farm to celebrate and taste the typical products.
[I produttori di sidro nelle contee del sud-ovest dell’Inghilterra ancora ai nostri giorni celebrano l’Apple Wassailing, nel Somerset e nel Devonshire si svolge tra il 6 e il 17 gennaio (con l’antico calendario la dodicesima notte cadeva il 17 gennaio), ma alcune fattorie spostano l’appuntamento anche a fine mese (per fare in modo che le feste non si accavallino tra di loro): un susseguirsi di feste notturne nei vari frutteti delle tenute, feste aperte al pubblico e gratuite (la festa in alcuni posti inizia già nel pomeriggio con musica tradizionale dal vivo e rinfresco a base di sidro caldo e ciambelle), una specie di visita alla fattoria per fare festa e degustare i prodotti tipici.]


THE RITE IN THE ORCHARDS
[IL RITO NEI FRUTTETI]

wassail_picDuring the ritual they sing and recite the magic formulas, they make a great noise by beating pots and pans (or shooting in the air) to ward off bad spirits, they pour cider around the roots of the oldest tree, toast to apple trees health and to the future harvest, they eat cakes, and as a sign of thanksgiving they put a slice of cake soaked in cider (to feed the robins) on the branches of the plant.
All the population is invited to the party and local groups of mummers can also attend and perform in the traditional dances called Morris Dance.
[Durante il rito si canta e si recitano delle formule magiche, si fa un gran baccano battendo pentole e tegami (o sparando in aria) per allontanare gli spiriti cattivi, si versa del sidro intorno alle radici dell’albero più vecchio, si beve alla salute dei meli e del futuro raccolto, si mangiano focacce dolci, e si donano allo spirito dell’albero delle focacce inzuppate di sidro (per nutrire i pettirossi), posate sui rami della pianta in segno di ringraziamento.
Alla festa è invitata tutta la popolazione e possono intervenire anche i gruppi locali di mummers per esibirsi nelle tradizionali danze dette Morris Dance (i nostri omologhi sono i gruppi carnevaleschi dei danzatori di spade ad esempio nelle vallate alpine del Piemonte)]

SOMERSET WASSAIL

From the first pagan rituals to stimulate the fertility of the trees we passed to the auspicious door to door visits, where they repeated the old stanzas and added a new, to the health of the landlords and their prospery.
In the Middle Ages then groups of young beggars were formed who sang and played on the streets for food and money.
[Dai primi riti pagani per stimolare la fertilità degli alberi si passò alle visite benaugurali di porta in porta che ripetevano le antiche strofe ed altre ne aggiungevano innaffiandole con abbondanti bevute alla salute dei padroni di casa. Nel Medioevo poi si formarono dei gruppi di giovani questuanti che cantavano e suonavano per le strade dietro il compenso di libagioni o di denaro.]
The structure of the song follows that of the typical wassail songs: it starts with stanzas that praise the goodness of the drink in the bowl, the request to open the door to let the beggars enter or at least that the waitress (or the butler) brings food or money; in return, they drink to the health of the family, to the prosperity of livestock and crops.
[La struttura del canto segue quella tipica delle wassail songs: si inizia con delle strofe che decantano la bontà della bevanda portata, la richiesta di aprire la porta per far entrare i questuanti o quantomeno far venire la cameriera (o il maggiordomo) per portare del cibo o un’offerta in denaro; in cambio si brinda alla salute della famiglia, alla prosperità del bestiame e dei raccolti.]
Artisan


I
Wassail and wassail all over the town
The bread it is white
and the ale it is brown(1)
The cup it is made of the good ashen tree
And so is the malt of the best barley
For its your wassail
and its our wassail
And its joy be to you
and a jolly wassail
II
Oh master and missus, are you all within?
Pray open the door and let us come in
O master and missus a-sitting by the fire
Pray think on us poor travelers,
a traveling in the mire
III
Oh where is the maid
with the silver-headed pin(2)
To open the door and let us come in
Oh master and missus, it is our desire
A good loaf and cheese
and a toast by the fire
IV
There was an old man
and he had an old cow
And how for to keep her he didn’t know how
He built up a barn
for to keep his cow warm
And a drop or two of cider will do us no harm
V
The girt dog of Langport
he burnt his long tail(3)
And this is the night
we go singing wassail
O master and missus now we must be gone
God bless all in this house
until we do come again
Traduzione italiano  di Cattia Salto
I
Un brindisi, un brindisi per tutta la città,
il nostro pane è bianco
e la nostra birra è scura (1),
la coppa è fatta con il migliore acero
e anche il malto è del miglior orzo.
Perciò per il vostro brindisi
e per il nostro brindisi,
che la gioia sia con voi
e un augurio di buona salute.
II
O Signore e Signora ci siete tutti in casa?
Aprite la porta e fateci entrare.
O Signore e Signora seduti accanto al fuoco,
pensate a noi poveri questuanti
che andiamo in giro nel fango.
III
Oh dov’è la domestica
con la spilla d’argento (2)
per aprire la porta e farci entrare?
Oh Signore e Signora desideriamo
un bel pezzo di formaggio
e un brindisi accanto al fuoco!
IV
C’era un vecchio
che aveva una vecchia mucca,
e non sapeva come fare per tenerla al sicuro,
così costruì una stalla
per tenere la mucca al caldo
così un goccio o due di sidro non ci farà male.
V
Il grande cane di Langport
si bruciò la sua lunga coda (3)
e questa è la notte c
he andiamo a cantare per il brindisi.
Signore e Signora adesso dobbiamo andare
Dio benedica tutti in questa casa
finchè non ritorneremo di nuovo.

NOTE
1) Nowadays the wassail is prepared as a very spicy cider or even a mulled wine, but in the Middle Ages the main liquid had to be dark beer probably flavored with sugar, ginger, nutmeg and cinnamon and accompanied by slices of white bread, all presented in a maple cup
[Ai nostri giorni il wassail si prepara come un punch molto speziato a base di sidro, o anche un vin brulè, ma nel Medioevo il liquido principale doveva essere della birra scura probabilmente aromatizzata con zucchero, zenzero, noce moscata e cannella e accompagnata da fette di pane bianco, il tutto presentato in una coppa di acero (come la grolla dell’amicizia valdostana – che però ha come ingrediente principale il vino).]
2) a certain ritual was followed to receive the beggars, the person in charge wore the best suit and a ceremonial silver brooch
[per ricevere i questuanti si seguiva un certo rituale, la persona preposta all’accoglienza indossava il suo vestito migliore e portava una spilla d’argento cerimoniale]
3) the dog of Langport could be the reference to a local historical anecdote but also the local name given to the constellation of the Greater Dog whose tail is the bright star Sirius in the first night that it rise immediately after sunset ( indicating the right time to go to wassailing)
[il cane di Langport potrebbe essere il riferimento ad un aneddoto storico locale ma anche il nome locale dato alla costellazione del Cane Maggiore la cui coda è la luminosa stella Sirio nella prima notte che si vede sorgere subito dopo il tramonto (e che indica il tempo giusto per andare a wassailing)]

apple-wassailing

APPLE TREE WASSAIL

 “On Twelfth Eve, in Devonshire, it is customary for the farmer to leave his warm fireside, accompanied by a band of rustics, with guns, blunderbusses, etc., presenting an appearance which at other times would be somewhat alarming. Thus armed, the band proceed to an adjoining orchard, where is selected one of the most fruitful and aged of the apple trees, grouping round which they stand and offer up their invocations in the following doggerel rhyme: “Here’s to thee/ Old apple tree!/ Whence thou mayst bud,/ And whence thou mayst blow,/ And whence thou mayst bear,/ Apples enow:/ Hats full,/ Caps full,/ Bushels,/ bushels, sacks full,/ And my pockets full, too!/ Huzza! huzza!” The cider-jug is then passed around, and with many a hearty shout, the party fire off their guns, charged with powder only, amidst the branches.” Roy Palmer (from here)
[Alla dodicesima notte, nel Devonshire, è consuetudine che il contadino lasci il suo caldo focolare, accompagnato da un gruppo di campagnoli, con pistole, fucili, ecc., presentandosi con un aspetto che in altri momenti sarebbe alquanto allarmante. Così armati, la banda procede verso un frutteto vicino, dove viene selezionato uno dei più fruttuoso e invecchiato dei meli, raggruppandosi intorno offrono le loro invocazioni nella seguente filastrocca: “Per te vecchio melo
così che tu possa germogliare e sbocciare
e tu possa ancora portare mele
da riempire i cappelli, cesti e mastelli
e le mie tasche, hurrà”
La brocca di sidro viene poi passata in giro, e con molte urla calorose, sparano con i fucili, carichi solo di polvere, tra i rami.” Roy Palmer
(tradotto da qui)

The Whateverly Brothers


I
O lily-white lily, o lily-white pin (2),
Please to come down and let us come in!
Lily-white lily, o lily-white smock,
Please to come down and pull back the lock!
Chorus
(It’s) Our wassail jolly wassail!
Joy come to our jolly wassail!
How well they may bloom,
how well they may bear

So we may have apples
and cider next year.

II
O master and mistress, o are you within?
Please to come down
and pull back the pin
O lily-white lily, o lily-white pin,
Please to come down and let us come in!
Lily-white lily, o lily-white smock,
Please to come down and pull back the lock!
III
There was an old farmer
and he had an old cow,
But how to milk her he didn’t know how.
He put his old cow
down in his old barn
And a little more liquor won’t do us no harm.
Harm me boys harm, harm me boys harm,
A little more liquor won’t do us no harm.
IV
O the ringles and the jingles
and the tenor (4) of the song goes
Merrily merrily merrily.
O the tenor of the song goes merrily.
Spoken:
Hatfulls, capfulls,
three-bushel (5) 
bagfulls,
Little heaps under the stairs.
Hip hip hooray!
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
O cameriera con la spilla d’argento (2),
sei pregata di scendere per farci entrare in casa!
O cameriera dal grembiule bianco,
sei pregata di scendere e di sbloccare la serratura!
Ritornello
Il nostro brindisi, l’allegro brindisi,
la gioia arriva con nostro allegro brindisi!

Che essi ben fioriscano
e portino abbondanza

così che si possa avere mele
e sidro il prossimo anno.

II
O padrone e padrona siete in casa?
Siete pregati di scendere
e tirare indietro il paletto!
O cameriera con la spilla d’argento,
sei pregata di scendere e di farci entrare in casa!
O cameriera dal grembiule bianco,
sei pregata di scendere e di sbloccare la serratura!
III
C’era un vecchio contadino
e aveva una vecchia mucca,
ma non sapeva come fare per mungerla,
ha messo la sua vecchia mucca
nel suo vecchio fienile,
così un po’ più di liquore non ci farà male.
Non ci farà male ragazzi,
un po’ più di liquore non ci farà male!
IV
Oh i coretti e i ritornelli
e la melodia (4) della canzone va avanti
allegramente,
oh la melodia della canzone va allegramente!
Parlato:
Cappelli, berretti pieni,
sacchi di tre moggi pieni (5),

un piccolo mucchio sotto le scale,
evviva

NOTE
4) cantus firmus
4) il bushel (traducibile in italiano come “moggio” o “staio”) è una vecchia unità di misura che equivale alla quantità contenuta in un tipico cesto a due manici utilizzato per la raccolta delle mele.

Apple wassailing in Cornwall

Wassail_BowlWASSAIL SONGS

 THE GOWER WASSAIL 
 THE CORNISH WASSAIL SONGS

God bless the master of this house
Jolly wassel-bowl

GLOUCHESTERSHIRE WASSAIL
THE YORKSHIRE WASSAIL SONGS:
Gooding carols
Here we come a-wassailing
We’ve been a-while a-wandering
Wessel cup carol
SOMERSET WASSAIL:
Apple tree wassail

LINK
http://piereligion.org/applewassail.html
http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/appletreewassail.htmlhttp://www.ecoenchantments.co.uk/myogham_applepage.html