Braw Sailin’ On The Sea

Braw Sailin’ On The Sea [E’ bello veleggiare sul mare] è un canto tradizionale scozzese (sea song) raccolto da Gavin Greig nel 1904 dal canto di James Greig di New Deer (nell’Aberdeenshire).
Il testo viene dalla raccolta  Bothy Songs and Ballads di John Ord (pubblicata per la prima volta nel 1930), è stato Tony Cuffe, diventato membro giusto qualche anno prima negli Ossian, a comporre la melodia e a registrare il brano nel 1982.

Il marinaio è stato richiamato sulla nave in partenza, e la sua innamorata decide di lasciarlo, perchè non sopporta la separazione e si sente tradita, inutilmente il ragazzo si presenta a casa con l’anello di fidanzamento in tasca, lei gli risponde picche!

Roud 5537 ; G/D 6:1217 ; Ballad Index Ord203 ; Mudcat 31031 ; trad.]


I
There cam a letter late yestreen 
Oor ship maun sail the morn 
“Alas- cried the bonny lass –
That ever I was born”
[Tae sit sae late wi my true luv
And pairt wi him the morn]
Chorus (1)
And it’s braw sailin’ on the sea 
When wind and weather’s fair 
(but) It’s better to be in my love’s airms 
O gin that I were there

II
He’s cam untae her father’s hoose
At twelve o’clock at noon 
The lassie bein prood herted
She wouldnae let him in
III
He’s taen a ring from his pocket
It cost him guineas three 
Sayin’ “tak ye that my bonny lass [weel faured maid]
And aye think weel o me”
IV
She’s taen a ring from her pocket
It cost her shillings nine 
Sayin’ “tak ye that my bonny lad
For I hae changed my mind (2)”
V
An it’s braw drinkin’ Lithgae [Glasgow] beer
It’s better drinkin’ wine
It’s better tae be in my love’s airms
Where I’ve been mony’s the time

Traduzione italiana Cattia Salto
I
La lettera è arrivata sul tardi di ieri sera
la nostra nave deve salpare al mattino
“Ahimè -gridò la bella fanciulla-
era meglio se non nascevo”
[stare fino a tardi con il mio amore
e separarmi da lui al mattino]
Ritornello
E’ bello veleggiare sul mare
quando vento e tempo sono buoni
ma sarebbe meglio stare tra le braccia del mio amore

se solo lo potessi!
II
Andò alla casa del padre
a mezzogiorno in punto
essendo la ragazza orgogliosa
non lo voleva lasciare entrare
III
Così lui prese l’anello dalla tasca
gli era costato tre ghinee
dicendo “Prendilo mia bella
e pensa bene di me”
IV
Lei cavò un anello dalla tasca
le era costato nove scellini
dicendo “Prendilo mio caro
perché ho cambiato opinione”
V
E’ bello bere la birra di Linlithgow
meglio che bere vino,
ma è meglio stare tra le braccia del mio amore
dove sono stato molte volte

NOTE
(1) il ritornello è stato aggiunto nella versione diventata standard di Tony Cuffe
(2) l’anello da pochi soldi rappresenta il valore che la donna ha dato alla loro relazione.

Ossian in Dove Across the Water 1982 meldodia composta da Tony Cuffe
Kris Drever 2006
Hannah Rarity Live at Celtic Connections 2019
Old Blind Dogs
Iona Fyfe live
Jim Malcolm · Susie Malcolm Spring Will Follow On 2017

The Spiers Family – Oh, Gin, I Were There 2012

http://www.spiersfamilygroup.co.uk/It’s%20Braw%20Sailin’%20On%20The%20Sea.pdf
http://www.spiersfamilygroup.co.uk/page7.html
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/brawsailingonthesea.html
http://sangstories.webs.com/itsbrawsailin.htm
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31031



Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.