Archivi tag: Sean Nós

AMHRÁN MHUÍNSE

Read the post in English  

“Amhrán Mhuighinse” è un farewell in gaelico irlandese, cantato nel “vecchio stile” (sean-nós ), un lament in cui chi canta è diventato vecchio e nell’attendere il giorno della sua morte chiede di essere seppellito accanto ai suoi cari.
Spesso si tratta del canto di una donna,  la quale si è trasferita lontano dalla sua casa di famiglia per seguire il marito, ma che considera più forte il legame con gli antenati del suo clan e vuole ritornare nel cimitero del suo paese per riunirsi con loro.

https://www.flickr.com/people/[email protected]/

Spesso gli autori di questi lament sono noti e “Amhrán Mhuighinse” è stato attribuito a una donna vissuta nell’Ottocento di nome  Máire (Mairín) Ní Chlochartaigh sposata con Taimín Bán Ó Conghaile di Leitir Calaidh (l’isola di Lettermore) che in punto di morte volle essere sepolta nella sua isola Mainis (Mweenish Island).
Secondo quanto raccolto dalle testimonianze venne invece sepolta nel cimitero di Leitir Calaidh perchè nei giorni del suo funerale imperversò una brutta tempesta che impedì la traversata per mare.
Líadan

AMHRÁN MHUÍNSE
I
Dhá mbeinn trí léig i bhfarraige nó ar sléibhte i bhfad ó thír
Gan aoinneach beo i mo ghaobhar ann ach raithneach ghlas is fraoch,
An sneachta á shéideadh anuas orm, is an ghaoith dhá fhuadach díom,
‘S mé a bheith ag comhrá le mo Taimín Bán, níorbh fhada liom an oíche.
II
A Mhuire dhílis, céard a dhéanfas mé, tá an geimhreadh seo ‘tíocht fuar,
A Mhuire dhílis, céard a dhéanfas an teach seo is a bhfuil ann?
Nach óg, a stór, a d’imigh tú, le linn na huaire breá,
Le linn don chuach bheith ag seinm ceoil, gach duilliúr glas ag fás.
III
Má bhíonn mo chlann sa mbaile a’am an oíche a bhfaighidh mé bás,
Ó tórróidh siad go groíúil mé trí oíche is trí lá;
Beidh píopaí deasa cailce a’am agus ceaigeannaí is iad lán,
Beidh triúr ban óg ó shléibhte ann le mé a chaoineadh os cionn cláir.
IV
Is gearraí amach mo chónra dhom as fíorscoth geal na gclár,
Má tá Seán Ó hEidhin i Muighnis bíodh sé déanta ón a láimh;
Bíodh mo chaipín is mo ribín inti istigh, é go rídheas ar mo cheann,
Tabharfadh Paidín Mór go Muighnis mé nó is garbh a bhéas an lá.
V
Gabháil siar thar Inse Gaine dhom bíodh an bhratach insa gcrann,
Ná cuir’ i Leitir Caladh mé mar ní ann atá mo dhream;
Ach tugaí siar go Muighnis mé, ‘n áit a gcaoinfear mé go hard,
Beidh soilse ar na dúmhchannaí – ní bheidh uaigneas orm ann.

THE SONG OF MAÍNIS *
I
If I were three leagues out at sea
or on mountains far from home,
Without any living thing near me
but the green fern and the heather,
The snow being blown down on me,
and the the wind carring it away,
And I were to be talking to my Taimín Bán
and I would not find the night long.
II
Dear Virgin Mary, what will I do,
this winter is coming on cold.
And, dear Virgin Mary, what will this house do
and all that are in it?
Were you not young, my dear, when you went away during the good times, when the cuckoo sang its song and all the every green leaf was growing?
III
If I have my children home with me
the night that I will die,
They will wake me in mighty style
three nights and three days;
There will be fine clay pipes
and kegs that are full,
And there will be three mountainy women
to keen me when I’m laid out.
IV
And cut my coffin out for me,
from the choicest brightest boards;
And if Seán Hynes is in Mweenish
Have it made by his hand.
Let my cap and my ribbon be inside in it,
and be placed stylishly on my head,
And Big Paudeen will take me to Mweenish
Or the day will go wrong.
V
As I’m going west past Sandy Isle,
let the flag be on the mast.
Oh, do not bury me in Leitir Calaidh,
for it’s not where my people are,
But bring me west to Mweenish
to the place where I will be mourned aloud;
There’ll be light on the sandhills,
and I will not be lonely there.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Vorrei essere a tre leghe oltre il mare
o sulle montagne lontano da casa
senz’anima viva accanto a me
ma solo la felce verde e l’erica,
la neve che cade su di me
e il vento la porta via
e mentre parlerò con il mio Taimín Bán (1)
non mi sembrerà lunga la notte
II
Cara Vergine Maria cosa farò,
quest’inverno si sta volgendo al freddo, cara Vergine Maria che cosa farà questa casa
e tutti quelli che ci abitano dentro?
Non eri giovane, mia cara,
quando sei andata via nella bella stagione
quando il cuculo cantava
e ogni foglia verde stava spuntando?
III
Se avessi i miei figli a casa con me
la notte in cui morirò,
mi veglieranno secondo la tradizione
per tre notti e tre giorni;
ci saranno belle pipe
e fusti ben pieni (2),
e ci saranno tre donne di montagna (3)
a piangermi quando sarò pronta (4).
IV
Costruisci la mia bara
con le tavole migliori e le più belle;
e se Seán Hynes (5) è a Mweenish (6)
sarà fatta con le sue mani
che il mio berretto con il nastro ci siano dentro sistemato bene sulla mia testa (7),
e che Paudeen il grosso mi porti a Mweenish
o il giorno andrà storto
V
E mentre andrò a Ovest oltre Sandy Isle (8),
che la bandiera sia sull’albero(9).
Oh, non seppellirmi a Leitir Calaidh (10), perché non è dove ci sono i miei,
ma portami ad ovest a Mweenish
nel luogo in cui sarò compianta a voce alta;
le luci saranno sulle dune
e non sarò sola lì.

NOTE
* per la traduzione in inglese ho fatto rifrimento a tre fonti vedi nei link
1) Taimín Bán Ó Conghaile, il bel Tamin
2) la veglia irlandese si svolge con cibo , bevute (particolarmente gradito il poteen e l’irish whiskey), fumatine con la pipa, musica e canti, danze e giochi
3)  Venivano pagate delle prefiche professioniste per il lamento funebre (in irlandese “keenning“)
4) Il cadavere doveva soprattutto essere vegliato: in Irlanda era sistemato su di una tavola in bella vista (nel soggiorno o comunque nella stanza migliore della casa) facendo in modo che un gruppo di visitatori fosse sempre pronto a circondare il cadavere per impedire agli spiriti maligni di avvicinarsi al corpo e prendere l’anima (lasciando però un passaggio libero nella direzione della finestra o della porta precedentemente lasciata aperta).
5) Mweenish era rinomata per l’abilità dei suoi costruttori delle tradizionali barche da pesca dette Galway Hookers, dallo scafo nero e le vele rosse
6) Maínis o Mweenish è un’isoletta vicino a Carna, Co Galway
7) Al momento di andare al cimitero (o alla chiesa per il rito religioso) il cadavere era messo nella cassa da morto con gli oggetti che il defunto aveva con sé al momento della morte o con gli oggetti che aveva più cari per evitare che il suo spirito tornasse per cercarli
8)  Inse Gaine, o Sand Island
9)  la bandiera sull’albero della nave usata per l’ultimo viaggio
10) Leitir Calaidh è la parte ovest dell’isola di Lettermore detta Lettercallow. Leitir Móir (Lettermore) è un isoletta a sud-est di Carna, divisa in due dall’orografia con un villaggio sulla collinetta a Ovest  –Leitir Calaidh ( Wet Hill of the Harbour) Lettercallow (Leitir Calaidh ossia la zona paludosa) – e il villaggio a oriente –Leitir Móir– che da il nome all’isola (ossia la zona rocciosa). E’ collegata con una carreggiata rialzata alla terra ferma (Annaghvaan Bridge), una strada (la R374) che serpeggiando prosegue fino a Lettermullan unendo così una sorta di piccolo arcipelago di isolette.

 

LOOK AT THE COFFIN: AN IRISH WAKE

http://terreceltiche.altervista.org/aignish-on-the-machair/

LINK
https://archive.org/details/blasmealasipfrom00orou
https://lyricstranslate.com/en/amhr%C3%A1n-mhu%C3%ADnse-song-muighinis.html
http://blaise.ca/blog/2013/06/29/amhran-mhuinse/
http://songsinirish.com/amhran-mhainse-lyrics/

CAILLEACH AN AIRGID

Una sean-nós song in gaelico irlandese proveniente dal Connemara dal titolo “Cailleach An Airgid” (in inglese “the hag with the money”-in italiano la strega con i soldi) diffusa anche con il titolo di “Sí Do Mhaimeó Í” (in inglese “She’s your granny!”)

E’ una canzone umoristica che dice alle arzille vecchiette di fare attenzione ai bei giovanotti interessati al matrimonio più per i loro soldi che per il sentimento. Nella canzone ci si riferisce a un personaggio reale Máire Ní Chathasaigh (Mary Casey) che fece fortuna in America e ritornò in Irlanda per avviare un traffico di autobus lungo le strade di Connemara.

cailleachmarriage
by Cartoon Saloon

Una vasta playlist qui tra cui segnalo in particolare:

ASCOLTA Niamh Ní Charra in Súgach Sámh / Happy Out”, 2010.

ASCOLTA Altan in Harvest Storm 1992
ASCOLTA Celtic woman voce Meav Ni Mhaolchatha

ASCOLTA Anuna

Nell’esilarante VIDEO Sónta & Cartoon Saloon si aggiungono ulteriori tre strofe, credo provengano dalla versione di Dara Bán Mac Donnchadha e che riguardano la pesca, ma al momento non ho ancora trovato il testo


Curfá
‘Sí do mhaimeo í, ‘sí do mhaimeo í
‘Sí do mhaimeo í, ‘sí cailleach an airgid
‘Sí do mhaimeo í, ó Bhaile Iorrais Mhóir í
‘S chuirfeadh sí cóistí
Ar bhóithre Cois Fharraige
I
Dá bhfeicfeá’ an “steam”
‘Ghabhail siar Tóin Uí Loin’
‘S na rothaí ‘ghabhail timpeall siar ó na ceathrúnaí
Chaithfeadh sí ‘n stiúir naoi n-uair’ ar a cúl
‘S ní choinneodh sí siúl
Le cailleach an airgid
II
Measann tú, ‘bpósfa’, measann tú ‘bpósfa’
Measann tú, ‘bpósfa’, cailleach an airgid?
Tá’s a’m nach ‘bpósfa’, tá’s a’m nach ‘bpósfa’
Mar tá sé ró-óg ‘gus d’ólfadh sé’n t-airgead
III
‘S gairid go ‘bpósfaidh, ‘s gairid go ‘bpósfaidh
‘S gairid go ‘bpósfaidh, beirt ar a’ mbaile seo
‘S gairid go ‘bpósfaidh, ‘s gairid go ‘bpósfaidh
Séan Shéamais Mhóir is Máire Ní Chathasaigh


Chorus
She is your granny(x3)
the hag with the money
She’s your granny, from Iorras Mhór(1) she’d ride in coaches on the roads of Cois Fharraige (2)
I
If you saw the steam going west to Flynn’s Point
And the wheels churning around her hindquarters,
You could turn the steering wheel nine times at her stern
And she wouldn’t keep up(3) with the hag with the money
II
Do you think you’ll marry?  (x3)
the hag with the money?
I know you won’t marry (x2)
‘Cause he’s too young and he’ll squander the money
III
We’ll soon have a wedding (x3)
by two in the village
We’ll soon have a wedding (x2)
Between Sean Seamais Mhoir and Maire Ni Chathasaigh
tradotto da Cattia Salto
CORO
E’ tua nonna,
la strega con il grano
è tua nonna da Errismore (1)
che corre in autobus
per le strade di Cois Fharraige(2)
I
Se vedevi il fumo (del battello) andare verso Ovest a Flynn’s Point
e le ruote che sbattevano sul suo deretano
potresti girare il timone nove volte a poppa
e non avrebbe tenuto il passo(3)
alla strega con i soldi
II
Credi che ti sposerai
la strega con i soldi?
Credo che non si sposerà
perché è troppo giovane e sperpererà il danaro
III
Presto ci sarà un matrimonio
con due del villaggio
presto ci sarà un matrimonio
tra Sean Seamais Mhoir e Maire Ni Chathasaigh

NOTE
1) Iorruis Mhóir (Errismore)
2) Cois Fharraige= “beside the sea”. è quella parte ragionevolmente dritto della costa del Connemara “is that reasonably straight part of the Connemara coastline that stretches from Salthill on the east to Ros a’ Mhíl on the west. Beyond Ros a’Mhíl it’s nothing but inlets and islands and huge rocks.”
3) la frase è un po’ contorta ma si descrive una gara di abilità tra un battello a vapore (in inglese è di genere femminile) e la “nonnina” la quale secondo Joe Heaney “she was reputed to be so strong, that even at that time – that’s when the first boats came out with the…steamboats – they reckoned that if she went into a rowing-boat and started rowing against the steamboat she’d have beaten the steamboat, she was that strong” (tratto da qui).

IL CONNEMARA

Non una contea ma un’area peninsulare geograficamente delimitata nella contea di Galway (Irlanda Ovest)
Il Connemara rappresenta per l’ Irlanda un po’ quello che la Toscana e’ per l’Italia o la Valle della Loira o la Borgogna sono per la Francia: la regione che in un certo senso ne riassume lo spirito, dove si trovano concentrati gli aspetti del paesaggio e della cultura che piu’ di frequente vengono associati all’ intera nazione: qui si trova una delle piu’ vaste aree dove ancora sopravvive la lingua celtica, qui si possono ammirare le verdissime vallate e le colline spazzate dal vento rese famose da film come The Quiet Man di John Ford, e piu’ di recente, The Field, entrambi girati da queste parti.” (tratto da qui)

FONTI
http://www.verdeirlanda.info/index.php/i-luoghi/97-il-connemara
http://www.guide-europe.info/connemara-guida-turistica/
http://www.celticartscenter.com/Songs/Irish/SiDoMhamoI.html
http://ronanbrowne.com/dally-and-stray-sleeve-notes/20-2/
http://www.celticlyricscorner.net/cliar/cailleach.htm
http://www.celticlyricscorner.net/altan/sido.htm
http://www.celticlyricscorner.net/soundtracks/sido.htm
http://www.celticlyricscorner.net/meav/sido.htm
http://songsinirish.com/p/cailleach-an-airgid-lyrics.html
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=734
http://saturdaychorale.com/2011/07/16/saturday-chorale-the-hag-with-the-money-anuna/
https://thesession.org/tunes/351

BEAN PHÁIDÍN

La moglie di Paddy” ovvero “I wanna be Paddys Girl” è una canzone in gaelico irlandese originaria del Connemara (Irlanda Ovest): una donna s’incapriccia di un bel giovanotto ma lui preferisce un’altra e così lei sfoga la sua gelosia con una canzone di maledizioni contro la rivale. Le canzoni comiche sono tipiche del Sean-nós (in inglese “old style”) cioè il modo tradizionale irlandese di cantare con la sola voce e caratterizzato da particolari ornamenti vocali.

Sean-nós

Si distinguono quattro stili principali corrispondenti alle aree della Gaeltachtaí (vedi) a ovest di Munster (West Munster style, Kerry e Cork), a est di Munster (Est Munster style Waterford), Connacht (Connemara style, Connemara e Meath)  e Ulster (Donegal style).

Sono canti sociali e di accompagnamento del lavoro che esprimono le emozioni del cantate (per lo più l’amore, ma anche la tristezza per la morte di un congiunto o per l’emigrazione) oppure gli eventi storici locali (in particolare le ribellioni politiche); sono anche ninne-nanne (perchè la donna mentre accudisce la casa e lavora in casa riesce a badare anche ai bambini). Non mancano le canzoni comiche condite di irish humor e quelle sul “drinking”!

Ó Flatharta con una divertente animazione della Cartoon Saloon sul progetto “Anam an Amhráin”

ASCOLTA Planxty in The Well Below the Valley (1973) la slip jig è seguita dal reel Rakish Paddi

ASCOLTA Lasairfhiona Ni Chonaola in An Raicín Álainn 2002 (con la IV strofa): Lasairfhíona is an Irish singer/songwriter and a native Irish speaker from the Aran Islands. She is deeply rooted in the sean-nós singing style of her home on Inis Oírr. She has made quite an impression on the folk and world music scene in recent years. Lasairfhíona’s new slant on traditional singing makes her endeavors very appealing, culminating in a magical mosaic of sound, as refreshing and as unpredictable as a showery day inside in Aran. She is a native Irish speaker and learnt many original songs from her family, thus continuing the rich singing tradition of the Aran Islands.(tratto da qui)


‘Sé an trua ghéar(1) nach mise, nach mise
‘Sé an trua ghéar nach mise bean Pháidín
‘Sé an trua ghéar nach mise, nach mise
‘S an bhean atá aige bheith caillte
I
Rachainn go Gallaí’ go Gallaí'(2)
Is rachainn go Gallaí’ le Pháidín
Rachainn go Gallaí’ go Gallaí’
Is thiocfainn abhaile sa mbád leis
II
Rachainn go haonach an Chlocháin
Is siar(3) go Béal Á’ na Báighe
Bhreathnóinn isteach tríd an bhfuinneog(4)
A’ súil is go bhfeicfinn bean Pháidín
III
Go mbristear do chosa, do chosa
Go mbristear do chosa ‘bean Pháidín
Go mbristear do chosa, do chosa
Go mbristear do chosa ‘s do chnámha
IV
Chaith mé mo bhróga, mo bhróga
Chaith mé mo bhróga i ndiaidh Pháidín
Chaith mé mo bhróga, mo bhróga
Chaith mé na boinn is na sála

TRADUZIONE INGLESE
It’s a great pity that I’m not, that I’m not/It’s a great pity that I’m not the wife of Paddy
It’s a great pity that I’m not, that I’m not/And that woman of his dead(5)
I
I would go to Galway, to Galway
And I would go to Galway with Paddy/I would go to Galway, to Galway/And I would return in the boat with him(6)
II
I would go to the Clifden market
And into Ballinaboy
I would look in through the windows
I would spot Paddy’s wife(7)
III
May your legs be broken, be broken
May your legs be broken, Paddy’s wife
May your legs be broken, be broken
May your legs and your bones be broken
IV
I wore out my shoes, my shoes
I wore out my shoes chasing Paddy
I wore out my shoes, my shoes
I wore out the soles and the heels

tradotto da Cattia Salto
CORO
E’ un vero peccato non essere la moglie di Paddy
è proprio un gran peccato non esserlo
e che schianti la sua di moglie
I
Vorrei andare a Galway, a Galway
e vorrei andare a Galway con Paddy
vorrei andare a Galway, , a Galway
e ritornare a casa con lui in barca
II
Vorrei andare al mercato di Clifden
e a Ballinaboy
e vorrei spiare dalle finestre
per osservare la moglie di Paddy
III
Che ti possa rompere le gambe
che ti possa rompere le gambe moglie di Paddy
che ti possa rompere le gambe e le ossa
IV
Ho consumato le mie scarpe nell’inseguimento di Paddy
ho consumato le suole e i tacchi

NOTE
1) anche scritto come una parola unica “truaigh”
2) anche scritto come “Gaillimh”
3) oppure  “‘S isteach”
4) anche scritto come “trí na fuinneogaí”
5) su Celtic lyrics Corner la traduzione è “And the woman he has is dead”
6) su Celtic lyrics Corner la traduzione è “And I would return home with him in the boat” 7) su Celtic lyrics Corner la traduzione è “Hoping to see Páidín’s wife”

FONTI
http://www.omniglot.com/songs/irish/beanphaidin.php http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=710
http://songsinirish.com/p/bean-phaidin-lyrics.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=13878
http://thesession.org/tunes/13286 http://thesession.org/tunes/86

RÓISÍN DUBH

Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento per identificare l’Irlanda con una Rosa Nera,  contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster).
Così s’intitola una canzone di protesta politica in gaelico irlandese molto popolare nell’Irlanda del Settecento anche se di origine cinquecentesca, attribuita talvolta a Hugh Roe O’Donnell (1587-1602) – Hug il Rosso ovvero Aodh Ruadh O’Domnhaill- Principe (ovvero Ri) di Tyrconnell oggi contea del Donegal, che condusse la resistenza dell’aristocrazia gaelica contro la conquista inglese dell’Irlanda.
Róisín Dubh è stata scritta forse sotto il regno di Elisabetta I, poco prima del “Volo dei Conti” (in inglese “the Flight of the Earls” ), la fuga degli ultimi capi irlandesi rimasti in Irlanda dopo il fallimento della Guerra dei Nove anni -ricordata come la Rivolta di Tyrone, combattuta dal 1594 al 1603 dal “Gran Conte” Hugh O’Neil alleato con gli O’Donnell. Nel primi di settembre del 1607 i principali capi della rivolta lasciarono l’Irlanda e il territorio del Nord dell’Isola passò in mano ai nuovi coloni inglesi e scozzesi di fede protestante.

dark-roseen

Il protagonista si lamenta di non poter vivere con la sua amata Rosa Nera anche se ha cercato di fare il possibile per stare con lei. Rosalinda è l’Irlanda ma l’allusione non è mai esplicita, per evitare la denuncia di tradimento e con essa la condanna a morte.
Il canto è un Sean Nós ossia un canto per sola voce con i tipici abbellimenti del vecchio stile, la melodia è qualcosa di meraviglioso.

ASCOLTA Matt Cunningham versione strumentale con il Tin Whistle, semplicemente sublime.

 

LA VERSIONE DEL MUNSTER

Forse originaria dal Munster questa versione è stata pubblicata dal rev. Padraig Breathnach nella raccolta Ceol Ár Sínsear del 1923, per diventare il brano insegnato nelle scuole d’Irlanda.

ASCOLTA Mike O’Laughlin by Irish Roots Cafe

VERSIONE GAELICO
I
A Róisín ná bíodh brón ort
ná cás anois
Tá do phardún ón bPápa
ón Róimh uile
Tá na bráithrí thar sáile
le cabhrú linn
Ná ceiligí fíon Spáinneach
ar mo Róisín Dubh.
II
Beidh an Éirne na tonna tréana
s beidh an spéir ina fuil
Beidh na bráithrí thar sáile
le cabhrú linn
Beidh gach gleann sliabh ar fud Éireann
is móin ar crith
Lá éigin sula n-éaga
mo Róisín Dubh.
Traduzione inglese (da qui)
I
Róisín, don’t be sorrowful
or worried;
your pardon is coming from the Pope
and from all of Rome,
the Brothers from overseas
to help us.
The Spanish wine won’t be hidden
from my Róisín Dubh (1).
II
Lough Erne (2) will be stormy,
the sky will be blood-red;
the White Brothers (3) will come overseas to help us;
in every valley and hillside in Ireland
the bogs will be trembling (4)
someday before
my Róisín Dubh dies.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Piccola Rosa, non essere triste o preoccupata
dal Papa arriverà il vostro perdono e da tutta Roma,
i Frati d’oltremare
per aiutarci.
Non mancherà il vino spagnolo
per la mia piccola Rosa Nera (1)
II
Il Lago Erne (2) si farà turbolento,
il cielo si farà rosso di sangue;
i Bianchi Fratelli(3) attraverseranno l’oceano per aiutarci,
in tutte le valli e le montagne d’Irlanda le paludi tremeranno (4)
un giorno, prima che,
la mia piccola Rosa Nera, muoia

NOTE
1) La rosa nera era un tempo una rosa di un colore rosso cupo, molto scuro, la rosa gotica per eccellenza associa alla morte. E tuttavia nel linguaggio dei fiori ottocentesco presenta molteplici significati: è sia la fine che l’inizio di un drastico cambiamento, una rinascita. Rose rosso cupo sono il dolore di una tragica storia d’amore. E così l’amore per la propria terra è profondo e tenace; è un amore che richiede il sacrificio
2)  L’Erne è il nome dei due Laghi – Il Lough Erne (Loch Éirne in gaelico irlandese)  situati lungo il corso del fiume Erne. Il fiume traccia in buona parte il confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda. E’ il territorio della “Plantation” cioè delle terre in cui si insediarono i coloni inglesi e scozzesi: le contee di Tyrone, Donegal, Derry, Armagh, Cavan e Fermanagh a discapito degli irlandesi gaelici e dei vecchi inglesi di origine cattolica. La sistematica colonizzazione dell’Ulster prese il via con il successore di Elisabetta, Giacomo I per sfociare nella spedizione di Cromwell.
3) si spera negli aiuti del Papa e del Re di Spagna
4) la chiamata alle armi è paragonata alla fine del mondo

LA VERSIONE DEL CONNEMARA

Di questa versione esistono ulteriori varianti ed è quella più diffusa a Connemara, qui le strofe sono state riportate per intero anche se nella selezione per l’ascolto vengono cantate solo parzialmente.

ASCOLTA Caitlín Maude strofe I, II, IV, VI

ASCOLTA Cherish The Ladies in Out and About
ASCOLTA  Sinead O’Connor una versione molto drammatica (strofe I, IV)

VERSIONE GAELICO
I
A Róisín ná bíodh brón ort
fé’r éirigh dhuit:
Tá na bráithre ‘teacht thar sáile
‘gus ag triall ar muir,
Tiocfaidh do phárdún ón   bPápa
is ón Róimh anoir
‘S ní spárálfar fíon Spáinneach
ar mo Róisín Dubh.
II
Is fada an réim a léig mé léi
ó inné ‘dtí inniu,
Trasna sléibhte go ndeachas léi,
fé sheolta ar muir;
Is an éirne chaith mé ‘léim í,
cé gur mór é an sruth;
‘S bhí ceol téad ar gach taobh díom
is mo Róisín Dubh.
III
Mhairbh tú mé, a bhrídeach,
is nárbh fhearrde dhuit,
Is go bhfuil m’anam istigh i ngean ort
‘s ní inné ná inniu;
D’fhág tú lag anbhfann mé i ngné
is i gcruth-
Ná feall orm is mé i gnean ort,
a Róisín Dubh.
IV
Shiúbhalfainn féin an drúcht leat
is fásaigh ghuirt,
Mar shúil go bhfaighinn rún uait
nó páirt dem thoil.
A chraoibhín chumhra, gheallais domhsa
go raibh grá agat dom
‘S gurab í fíor-scoth na Mumhan í,
mo Róisín Dubh.
V
Dá mbeadh seisreach agam
threabhfainn in aghaidh na gcnoc, is dhéanfainn soiscéal i lár an aifrinn
do mo Róisín Dubh,
bhéarfainn póg don chailín
óg a bhéarfadh a hóighe dhom,
is dhéanfainn cleas ar chúl an leasa
le mo Róisín Dubh.
VI
Beidh an Éirne ‘na tuiltibh tréana
gus réabfar cnoic,
Beidh an fharraige ‘na tonntaibh dearga
agus doirtfear fuil,
Beidh gach gleann sléibhe ar fud éireann agus móinte ar crith,
Lá éigin sul a néagfaidh
mo Róisín Dubh.

traduzione inglese Padraic Pearse
I
Little Rose, be not sad
for all that hath behapped thee:
The friars are coming across the sea,
they march on the main.
From the Pope shall come thy pardon,
and from Rome, from the East-
And stint not Spanish wine
to my Little Dark Rose.
II
Long the journey that I made with her
from yesterday till today,
Over mountains did I go with her,
under the sails upon the sea,
The Erne I passed by leaping,
though wide the flood,
And there was string music(1) on each side
of me and my Little Dark Rose!
III
Thou hast slain me, O my bride,
and may it serve thee no whit,
For the soul within me loveth thee,
not since yesterday nor today,
Thou has left me weak and broken
in mien and in shape,
Betray me not who love thee,
my Little Dark Rose!
IV
I would walk the dew with thee
and the meadowy wastes,
In hope of getting love from thee,
or part of my will,
Frangrant branch, thou didst promise me
that thou hadst for me love-
And sure the flower of all Munster
is Little Dark Rose!
V
Had I a yoke of horses
I would plough against the hills,
In middle-Mass I’d make a gospel
of my Little Dark Rose,
I’d give a kiss to the young girl
that would give her mouth to me,
And behind the liss would lie embracing my Little Dark Rose!
VI
The Erne shall rise in rude torrents,
hills shall be rent,
The sea shall roll in red waves,
and blood be poured out,
Every mountain glen in Ireland,
and the bogs shall quake
Some day ere shall perish
my Little Dark Rose!”

Traduzione italiana Cattia Salto*
I
Piccola Rosa, non essere triste per tutto quello che ti è accaduto
i frati sono sull’oceano, essi marciano sul mare
dal Papa arriverà il tuo
perdono,
e da Roma e dall’Oriente-
e non si risparmierà il vino spagnolo per la mia piccola Rosa Nera
II
Un lungo cammino abbiamo percorso insieme,
dai tempi passati fino a oggi,
per i monti andai con lei,
con i vascelli sul mare
(il fiume) Erne attraversai a guado sebbene fosse in piena,
e c’era musica d’arpa (1)
da ogni parte
tra me e la mia piccola Rosa Nera.
III
Mi hai reso folle, moglie mia,
e possa io servirti con coraggio
che l’anima in me ti ama
non da ieri nè oggi
tu mi hai lasciato debole e malato nel corpo e nell’anima,
non tradire chi ti ama,
mia piccola Rosa Nera.
IV
Vorrei camminare nella rugiada con te, o nelle terre desolate
nella speranza di poter avere il tuo affetto, o una parte del tuo amore,
ramo odoroso, hai dato
la tua parola
che mi ami,
il più sublime dei fiori di Munster
è la piccola Rosa Nera
V
Se avessi un giogo di cavalli vorrei arare le colline
a metà Messa canterei un coro (2) per la mia piccola Rosa Nera,
darei un bacio alla giovane donna che mi darà la sua bocca
e con sollievo giacerei abbracciando la mia piccola Rosa Nera.
VI
L’Erne si gonfierà in un violento torrente, le colline saranno libere
il mare rotolerà con onde rossastre, e il sangue sarà versato
tutte le valli di montagna in Irlanda, e le paludi tremeranno
un giorno, prima che muoia, la mia piccola Rosa Nera.

NOTE
* traduzione dall’inglese
1) string sono le corde di metallo che si usavano un tempo sull’arpa bardica
2) due versi che alludono al lavoro dei campi e alla preghiera, la causa nazionale si sposa con la questione agraria (il possesso della terra ai contadini) e con la questione religiosa (il conflitto tra anglicani e cattolici)

LA VERSIONE INGLESE

Con il titolo “Dark Rosaleeen” è la versione tradotta (un po’ liberamente) nel 1846 da James Clarence Mangan (vediad essere messa in musica attorno al 1890 da Alicia Adélaïde Needham. Curiosamente  il traduttore poco conosce la lingua gaelica e a ben vedere il testo è più una sua composizione poetica che una traduzione in senso stretto (e pertanto molti preferiscono usare il termine pseudotraduzione e altri la classificano come una forma di scrittura minoritaria).

ASCOLTA John McCormack (strofe I, III, IV)

ASCOLTA Tommy MakeT (strofe I, II, IV)


I
O my Dark Rosaleen,
Do not sigh, do not weep!
The priests are on the ocean green,
They march along the deep.
There ‘s wine from the royal Pope,
Upon the ocean green;
And Spanish ale shall give you hope,
My Dark Rosaleen!
My own Rosaleen!
Shall glad your heart, shall give you hope,
Shall give you health, and help, and hope,
My Dark Rosaleen!
II
Over hills, and thro’ dales,
Have I roam’d for your sake;
All yesterday I sail’d with sails
On river and on lake.
The Erne, at its highest flood,
I dash’d across unseen,
For there was lightning in my blood (2), My Dark Rosaleen!
My own Rosaleen!
O, there was lightning in my blood,
Red lightning lighten’d thro’ my blood.
My Dark Rosaleen!
III
Woe and pain, pain and woe,
Are my lot, night and noon,
To see your bright face clouded so,
Like to the mournful moon.
But yet will I rear your throne
Again in golden sheen;
‘Tis you shall reign, shall reign alone,
My Dark Rosaleen!
My own Rosaleen!
‘Tis you shall have the golden throne,
‘Tis you shall reign, and reign alone,
My Dark Rosaleen!
IV
O, the Erne shall run red,
With redundance of blood,
The earth shall rock beneath our tread,
And flames wrap hill and wood,
And gun-peal and slogan-cry (£)
Wake many a glen serene,
Ere you shall fade, ere you shall die,
My Dark Rosaleen!
My own Rosaleen!
The Judgement Hour must first be nigh,
Ere you can fade, ere you can die,
My Dark Rosaleen!
Traduzione italiana Cattia Salto
I
O mia piccola rosa nera
non singhiozzare e non piangere!
I frati sono sull’oceano profondo,
in marcia (1) sul mare
c’è il vino dal Papa
in arrivo dal mare,
la birra dalla Spagna che ti darà la speranza, mia piccola Rosa Nera!
oh la mia Rosalinda!
Ti rallegreranno il cuore e ti daranno
la speranza,
ti daranno forza e sostegno
e speranza
mia piccola Rosa Nera!
II
Per valli e colline
ho viaggiato per amor tuo,
fino a ieri sono andato per mare,
fiumi e laghi.
L’Erne in piena
ho attraversato di nascosto
perchè avevo il sangue in fiamme (2)
mia piccola rosa nera
oh la mia Rosalinda!
Un fulmine scarlatto m’infiammava il sangue
mia piccola rosa nera!
III
Disgrazia e pena, pena e disgrazia
sono il mio destino, notte e giorno
nel vedere il tuo volto bello così rattristato, come una luna funerea.
Tuttavia innalzerò il tuo trono
di nuovo nello splendore dorato
e tu regnerai, regnerai in pace,
mia piccola rosa nera!
La mia Rosalinda!
Ecco avrai il trono dorato
e regnerai, regnerai in pace,
mia piccola rosa nera!
IV
L’Erne scorrerà rosso
rigonfio di sangue,
la terra tremerà sotto i nostri passi
e le fiamme avvolgeranno colline e boschi
e i colpi di fucile e le grida di guerra (3)
risveglieranno più di una valle
prima che tu debba cadere, prima che tu debba morire
mia piccola rosa nera!
La mia Rosalinda!
L’ora del giudizio si avvicina
prima che tu possa cadere; prima che tu possa morire
mia piccola rosa nera!

NOTE
1) il termine richiama un esercito in marcia
2) l’immagine ha un che di mitico, richiama divinità del passato che irraggiano un sacro fuoco, rifulgono d’intensa luce spirituale
3) la “traduzione” rispecchia il clima ottocentesco e il fervore del romanticismo

Altre canzoni sono state scritte da bardi più contemporanei: giovani musicisti irlandesi negli anni 70-80, ma anche del XXI secolo
Róisín Dubh (Phil Lynott)
Dark Horse on the Wind (Liam Weldon)
To Yought (My sweet Roisin Dubh) (Flogging Molly)

continua: Caitilín Ní Uallacháin
continua : Mise Éire

FONTI
https://goldenbridgeinmate39.wordpress.com/2012/11/12/11719/
https://thesession.org/tunes/4184
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=21343
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=13339
http://www.irishpage.com/songs/roisdubh.htm
http://www.joeheaney.org/en/roisin-dubh-1/

http://www.joeheaney.org/en/roisin-dubh-2/
http://www.sacred-texts.com/neu/celt/tdp/tdp07.htm