Ebenezer: Git along boys

Ebenezer è una pumping shanty che descrive gli ufficiali di una postale a vela inglese in termini poco lusinghieri. Richiama la più nota “Blow, Boys, Blow” ma non è tra le sea shanty più amate del Folk Revival.

Rostocker Shanty Chor Luv un Lee
Hulton Clint

I shipped on board of th’ Ebenezer
Every day was “Scrub and grease ‘er”
Send us aloft to scrape ‘er down (1)
And if we growl they’ll knock us down.
Chorus:
Oh, git along boys,
Git along, do;
Be handy, boys, be handy
.

[The Old Man (2) was a drunken geezer
Couldn’t sail the Ebeneezer
Learn’t his trade on a Chinese junk
Spent most of his time, sir, in his bunk. ]

Our first mates name was Dickie Green, sir,
The dirtiest man you ever seen, sir!
Walking the quarter with a bucko (3) cap,
He thought himself no common chap.

A Boston buck was second greaser (4),
He used to ship in Limejuice (5) greasers (ship).
But the Limey packets got too hot;
So he made a jump at the Boston dock.

[The Bosun came from Tenessee, sir
He always wore a Blackball cheeser (6)
He had a girl in every port
At least that’s what his missus thought .]

[The Ebeneezer was so old, sir
She knew Columbus as a boy, sir
‘Twas pump her, bullies, night and day
To help her get to Liverpool Bay .]

We had no spuds for our dinner (7),
As sure as I’m a living sinner;
Our bread was tough as any brass
And our meat was as salt as Lot’s wife’s ass.

Mi imbarcai sull’Ebenezer
e ogni giorno era “Strofina e lucidala”
Ci mandano a riva per scrostarla
e se brontoliamo ci puniranno.
Coro
Fate del vostro meglio, ragazzi
fate del vostro meglio
fatelo bene, ragazzi


Il Vecchio era un vecchio ubriacone
non sapeva navigare la Ebeneezer,
imparò il mestiere su una giunca cinese
e passava la maggior parte del tempo, in cuccetta.

Il nostro primo ufficiale si chiamava Dickie Green
il più sporco uomo che abbiate mai visto
camminare sul giardinetto con un berretto da caporione,/ era convinto di non essere un tipo comune.

Un tipaccio di Boston era il secondo ufficiale
era solito imbarcarsi sulle navi dei limoncini
ma i postali inglesi erano troppo veloci
così fece un salto sul molo di Boston.

Il Nostromo viene dal Tenessee, signore
indossava sempre il berretto dei Blackball
e aveva una ragazza in ogni porto
o almeno questo è quello che crede la sua signora.

La Ebeneezer era così vecchia, signore
che conosceva Colombo da bambino, signore
Allora alle pompe ragazzi, notte e giorno
per aiutarla ad arrivare alla Baia di Liverpool.

Non abbiamo patate per cena,
Sicuro come io sono un peccatore vivente;
Il nostro pane era duro come l’ottone
E la nostra carne era salata come l’asino della moglie di Lot.

NOTE versione italiana di Cattia Salto
Le strofe tra parentesi quadra sono aggiunti nella versione di Stan Hugill e mancanti in Doerflinger
(1) verso alternativo Holystone her and scrape her down
(2) The Old Man= il Vecchio termine colloquiale per il Comandante della nave anche se si trattava di una persona giovane
(3) A “buck-o-mate” dicesi di un ufficiale che usa metodi brutali di disciplina, bucko nello slang marinaresco è l’appellativo con il quale si indicava un comandante brutale che portava la ciurma allo sfinimento pur di far andare veloce la nave; si può tradurre con diversi termini: bruto, capoccia, tizzone d’inferno, un duro.
Una strofa alternativa recita
The first mate’s name was Dickie Green, sir
Cruelest brute that you’ve ever seen, sir
Walking the poop with a bucko roll
May the sharks have his body and the devil take his soul.
(4) Second greaser: Western Ocean packet-ship term for a second mate.
(5) soprannome riservato ai marinai inglesi
(6) Blackball cheeser: the type of soft-crowned, peaked cap, with no stiffening in the crown, favored by windjammer men. La Blackball fu la prima compagnia di navigazione marittima a offrire servizio transatlantico di linea per il trasporto di passeggeri e merci, varando un nuovo vascello, il clipper.
(7) l’ultima strofa è l’onnipresente lamentela sul rancio servito a bordo

  • Riferimenti
  • Shantymen & Shantyboys (p200-1),
  • Shanties And Sailors’ Songs (p143-4),
  • Songs of the Sea (p161)
  • Songs of the Sailor and Lumberman (p200-1),
  • Shanties from the Seven Seas (complete) (p476-7)

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.