Archivi tag: Natalie Merchant

EDWIN, A MURDER BALLAD IN THE LOWLANDS LOW

La ballata, diffusa sotto molti titoli  nel nuovo e vecchio continente, è una murder ballad ed è stata pubblicata in Inghilterra in molti broadsides del 1800; il nome del protagonista è Edwin, Edmund, Edward, mentre la sua fidanzata è Emma, Emslie, Emily o Amy, la ballata è diffusa inoltre con vari titoli: “The D(r)iver Boy”, “The Drover Boy”, “Young Edwin (Edmund) in the Lowlands”, “Young Henry of the raging main”, “Young Emily”, “Edmund and Emily”. Conosciuta in Irlanda, America e Nuova Scozia è stata raccolta oltre che da George Gardiner, Hampshire (1909) anche in Missouri, Indiana, North Carolina, West Virginia, Tennessee, Vermont, Michigan, Georgia, New York e Kentucky.
L’argomento è stato trattato in modo esaustivo nel blog di Patrick BlackmanSing Out! Murder Ballad Monday” e quindi mi limiterò alle traduzioni in italiano e a qualche osservazione personale.

QUALI LOWLANDS?

La storia è un fatto di cronaca nera: il fidanzato di Emma, figlia di un locandiere, ritorna dalle Lowlands dove ha fatto fortuna. Dove sono queste Lowlands? Non sono certo le Terre basse della Scozia e nemmeno le Terre basse dell’Olanda.. Nel Settecento-Ottocento con questo termine generico si indicavano piuttosto le colonie olandesi nelle Indie Occidentali, dove emigravano i giovani in cerca di fortuna quindi le Antille olandesi nei Caraibi (ad Aruba ad esempio ebbe luogo una corsa all’oro nel 1800 ), oppure la Guyana olandese in cui si trovavano vaste piantagioni di tabacco e caffè.
D’altra parte a voler retrodatare la ballata non dobbiamo dimenticare che il Seicento fu un secolo di guerre tra Inghilterra e Olanda per il predominio dei mari e per la spartizione delle colonie (così fu per la Nuova Amsterdam divenuta New York in origine fondata dagli Olandesi).
Ma perchè un inglese o più in generale un abitante delle isole britanniche (se vogliamo includere anche Scozia e Irlanda) dovesse emigrare nelle colonie d’oltremare olandesi e non in quelle inglesi è un mistero;  mi viene da pensare piuttosto al riferimento ad un luogo dell’immaginario evocato già in tante altre ballate del tempo per indicare più in generale molte terre e isole nelle Indie Occidentali.
Nelle versioni americane le terre basse indicano più semplicemente le praterie.

LA LOCANDA DEGLI ORRORI

Ovunque siano le Lowlands Edwin ritorna finalmente a casa dopo aver trascorso i canonici sette anni (come marinaio, soldato o cercatore d’oro) con abbastanza soldi in tasca da poter sposare la sua fedele fidanzata! Invece del lieto fine trova la morte: derubato e ucciso proprio dai famigliari di Emma (a seconda delle versioni il padre; il padre e il fratello; il padre e la madre) il suo corpo è gettato nel mare-fiume. Il finale differisce nelle varie tradizioni aggiungendo una strofa sull’impiccagione dei colpevoli, sul pentimento del padre, sulla pazzia di Emma… ma andiamo con ordine.

LE VERSIONI AMERICANE

Mi soffermo solo su due versioni esemplari, la prima nata negli altipiani dell’Arkansas, la seconda dei Monti Appalachi.

ASCOLTA Natalie Merchant con il titolo di Diver Boy. La versione  è notevole sia per la performance vocale che per l’arrangiamento strumentale, in particolare nella parte centrale in cui l’evocazione dell’assassinio è affidata dal crescendo!

Segnalo anche la versione dei Random Family presentata in un bel video-fumetto.


I
Young Emily was fair lady bright
She loved her diver boy(1)
Who sailed over the ocean
To gather up some gold(2)
Seven long years returning,
His money for to show
He’d been sailing over the main
Down in the low land, low(3)
II
“My father runs a big hotel
Down by the river side
You go there go for to stay
And I shall be your bride
Meet me early morning
Don’t let my parents know(4)
You have been the diver boy
Down in the low land, low”
III
Young Henry taking a drink
That night before he went to bed
Not thinking of the danger
That crowned all over his head(5)
Young Edward said to his father,
“Let’s take his money sure
And send his body sinking fast
Down in the low land, low”
IV
Young Emily went to be that night
She dreamed an awful dream
She dreamed she saw
Her true love’s blood
Go flowing down the stream
Waking early morning
To parents she did say,
“where could be that stranger boy
Who came here for to stay?”
V
“Oh, father you’re a robber
You robbed me of my wren(6)!
Oh brother you have murdered
The one that I loved best!
The trees on yonder mountain
Are bending to and fro(7)
They remind me of my diver boy
Down in the low land, low”
tradotto da Cattia Salto
I
La giovane Emily era una bella ragazza bionda, che amava il suo palombaro(1)
salpato sull’oceano in cerca di fortuna(2),
ritornato dopo sette lunghi anni
per mostrarle il suo oro,
aveva navigato sul mare
giù negli abissi(3).
II
“Mio padre gestisce una grande locanda
giù verso la sponda del fiume
vacci e restaci (per la notte)
e io diventerò tua moglie.
Incontriamoci all’alba
non far sapere ai miei(4)
che tu sei stato il palombaro
giù negli abissi
III
Il giovane Enrico prese da bere
quella notte prima di mettersi a letto
senza preoccuparsi del pericolo
che gli pendeva sulla testa (5).
Il giovane Eduardo disse al padre
“Prendiamogli presto i soldi e facciamo affondare il corpo in fretta
giù negli abissi
IV
La giovane Emily andò a letto quella sera e fece un sogno spaventoso
sognò di vedere
il sangue del suo vero amore
scorrere nel torrente.
Alzatasi al mattino presto
disse ai genitori
“Dov’è quello straniero
che ha preso una camera qui?
V
Padre sei un ladro,
mi hai rubato il mio scricciolo(6)!
Fratello hai ucciso
colui che amavo di più!
Gli alberi su quella montagna
si sono piegati qua e là (7)
per ricordarmi del mio palombaro
giù negli abissi

NOTE
1) diver = palombaro, ma anche tuffatore; questa variante è tipicamente americana, mentre nelle versioni britanniche il ragazzo è un soldato o un marinaio.
Il termine “diver” è senza dubbio curioso anche per l’epoca, ma già nel rinascimento furono progettate delle campane subacquee perfezionate poi nel Seicento che erano utilizzate, oltre che per scopi commerciali, anche per il recupero di relitti e per l’esplorazione dei fondali marini. Nel 1829, Charles e John Deane di Whitstable, nel Kent inglese, progettarono il primo elmo da palombaro e un decennio più tardi fu inventata una muta da palombaro. Quale lavoro poteva svolgere “un palombaro nelle terre basse?” Era forse un cercatore di spugne?


Nel videofumetto dei Random Family Enrico è un tuffatore-pescatore sui fondali marini
2) Enrico era stato lontano per sette lunghi anni come cercatore d’oro? A metà Ottocento ci fu un susseguirsi di corse all’oro California, Nevada, Colorado, ma anche Montana Yukon e Monti Appalachi, Australia e Nuova Zelanda
3) Letteralmente “giù nelle Terre basse” Antille olandesi? Ma potrebbe andare bene anche l’Australia un tempo conosciuta come New Holland; oppure la traduzione più aderente alla situazione di palombaro-tuffatore è giù negli abissi
4) perchè Emily non vuole far sapere ai famigliari del ritorno del bel e ricco Enrico? Adesso sarebbe certamente un buon partito, supposto che prima invece fosse stato allontanato dalla famiglia a causa della sua inferiore condizione sociale. C’è da presumere un qualche dissapore personale tipo faida famigliare, ma viene anche da pensare ad un rapporto torbido, incestuoso padre-figlia o sorella-fratello e quindi non l’avidità, ma la gelosia sarebbe all’origine del delitto: una lettura in profondità non insolita nelle ballate popolari in cui il disagio psico-fisico era appena dietro l’angolo.
5) in questa versione è il fratello a progettare l’omicidio; probabilmente la bella pensata di far sparire il corpo gettandolo nel fiume doveva essere una prassi della locanda degli orrori, in cui i viaggiatori solitari scomparivano misteriosamente!!
6) curioso l’uso del termine, lo scricciolo è un animale sacro, simbolo di un sacrificio solare che ancora oggi si perpetua in Irlanda il 26 dicembre: secondo la tradizione celtica lo scricciolo era il simbolo di Lugh, Figlio della Luce trionfante e il suo sacrificio, un tributo in sangue agli spiriti della Terra nel Solstizio d’Inverno, era una supplica per ottenere favori e fortuna, ma anche un sacrificio solare (la luce che riprende vigore dopo il solstizio riceve energia dal sangue del suo simulacro). L’uccisione dello scricciolo e la distribuzione delle sue piume avrebbe portato salute e fortuna agli abitanti del villaggio (continua). Si esplicita il concetto di vittima sacrificale?
7) un riferimento ai salici piangenti sulla riva del fiume?Quest’immagine poetica è variamente trasformata a seconda delle località e dell’attività svolta dal giovane

101 stagecouch
Cocchiere su una diligenza del Vecchio West (immagine da qui)

Quest’altra è invece la versione appalacchiana. Nel video è presentata con la tecnica del cantastorie in cui una vecchia lanterna magica faceva scorrere le immagini ritagliate nella carta o dipinte.

ASCOLTA Donna Ray Norton con il titolo di “Young Emily” il testo è simile in buona parte a quello riportato da Elizabeth LaPrelle (qui)


I
Young Emily was a fair maid.
She loved a driver boy(1)
He drove in the main
for some gold to gain(2)
Way down in the lowlands low
II
My father runs a public house
along yon river side
Come ye, come ye and enter in
And there this night abide
III
Oh please, don’t tell them nothing
Don’t you ever let them know(3)
That your name it is young Edmund
Who drove in the lowlands low
IV
Young Edmund fell to drinking
and falling into bed
little be know his sword that night
Would part his neck and head
V
Young Emily in her chamber
she had an awful dream
She dreamed she saw
young Edmund blood
come flowing like a stream
VI
Young Emily rose in the morning
She’s a putting on her clothes
Said I’m going to look for my driver boy
Who drove in the lowlands low
VII
“Oh daughter dear daughter
Don’t talk so loud and free(4)
His gold is all for us to claim
And his body’s in the sea”
VIII
Oh father cruel father
you”ll die in a public show(5)
For the murdering of my driver boy
Who drove in the lowlands low
IX
“See the coach on yonder mountain
a moving to and fro(6)
It reminds me of my driver boy
Who drove in the lowlands low
X
My true love’s laying in the ocean
The fish swims o’er his breast
His body’s in a gentile motion
I pray that his soul’s at rest”
tradotto da Cattia Salto
I
La giovane Emily era una bella fanciulla
che amava un cocchiere(1),
egli guidava per le strade
per guadagnare un po’ d’oro(2),
laggiù nelle praterie.
II
“Mio padre gestisce una grande locanda giù verso la sponda del fiume
vacci ed entraci
e restaci per la notte
III
Ti prego non dire loro nulla,
non far sapere ai miei(3)
che tu sei il giovane Edmund
che conduce la diligenza nelle praterie”
IV
Il giovane Edmund prese da bere
e crollò a letto senza rendersi conto della spada che quella notte gli avrebbe tagliato la testa.
V
La giovane Emily nella sua camera
fece un sogno spaventoso
sognò di vedere
il sangue del giovane Edmund
scorrere copioso come un torrente.
VI
La giovane Emily si alzò al mattino
e si mise i vestiti
dicendo “Andrò a trovare il mio ragazzo cocchiere, che porta la diligenza nelle praterie”
VII
“O figlia, cara figlia
non parlare così forte e a vanvera(4)
ci siamo presi il suo oro
e il suo corpo è in fondo al mare”
VIII
“Oh padre, padre crudele
morirai sulla pubblica piazza(5)
per l’assassinio del mio cocchiere
che guidava nelle praterie”
IX
“Vedere la diligenza su quel monte
che si muoveva su e giù(6)
mi ricorda il mio cocchiere
che guidava nelle praterie.
X
Il mio vero amore giace nell’oceano
e i pesci nuotano sul suo petto
il suo corpo cullato dolcemente
prego che la sua anima riposi in pace.”

NOTE
1) “driver boy”= un carrettiere o cocchiere, in questo caso è colui che guida la diligenza; il cocchiere era un personaggio importante, soprattutto all’epoca delle grandi diligenze che assicuravano servizi regolari tra le grandi città; in altre versioni diventa un mandriano (drover).
2) in altre versioni si dice: Who drove in the mist some gold to gain;
il ragazzo lavorava come conducente di diligenze per guadagnarsi da vivere, ma non necessariamente era diventato ricco
3) c’è da presumere un qualche dissapore personale tipo faida famigliare, ma potrebbe anche trattarsi di una forma di prevaricazione-controllo totale del padre sulla vita della figlia considerata come sua proprietà: la ragazza si è impuntata nel respingere i pretendenti imposti dal padre e il padre vuole spezzare la sua volontà-indipendenza uccidendole l’amore..
4) la volontà del padre-padrone è ribadita dalla risposta: il padre afferma, come se fosse la cosa più naturale del mondo, di aver messo le cose a posto (cioè secondo il suo personale ordine)
5) ovviamente impiccato
6) confrontare con la nota 7) della precedente versione

seconda parte qui

FONTI
http://singout.org/2012/10/15/diver-boy-young-edwin-in-the-lowlands-low-young-emily/
http://singout.org/2012/10/20/them-coats-that-hang-on-the-mountain/
http://www.old97wrecords.com/elizabeth-laprelle/songs/young-emily.htm
https://mainlynorfolk.info/louis.killen/songs/youngedwininthelowlandslow.html
http://www.bluegrassmessengers.com/79-young-edwin-in-the-lowlands-low-.aspx
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/17/edmond.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=142487
http://www.mun.ca/folklore/leach/songs/NFLD1/8-13.htm

THE LOW LANDS OF HOLLAND

“The Low Lands of Holland” è un lament  popolare nelle Isole Britanniche che si inserisce nel filone dei canti contro la guerra ovvero i canti di protesta e anti-reclutamento della balladry anglo-americana, è anche una love song in cui si esalta la fedeltà amorosa, che sfida la lontananza e anche la morte.

Arthur Hughes The Sailing Signal Gun 1881Di probabile origine seicentesca, si trova trascritto nei broadsides della seconda metà del ‘700 (con il titolo The Sorrowful Lover’s Regrate – Il lamento dell’amante addolorata) (vedi) ed è ancora popolare durante le guerre napoleoniche, perché diventato simbolo in Irlanda dello sfruttamento militare inglese. La marina militare inglese (Royal Navy) ha ampiamente fatto ricorso all’arruolamento forzoso (impressment) in particolare durante le guerre tra Inghilterra e Olanda per il predominio sui mari del 17° secolo.

Diffusa nelle sue molte varianti in tutte le Isole Britanniche – 7 versioni testuali (senza contare le piccole varianti) e almeno cinque diverse melodie – è la storia di una donna che la notte stessa delle nozze è abbandonata dallo sposo, il quale si arruola in marina per andare a combattere nelle “Lowlands of Holland.”

LA VERSIONE IRLANDESE

ASCOLTA The Dubliners , la ripropongono negli anni 70 nei circuiti dei folk clubs

ASCOLTA The Chieftains & Natalie Merchant nel Cd Tears of Stone – 1999, il cd registrato in collaborazione con le voci femminili della scena folk rock internazionale. La melodia è lenta, malinconica e ben si abbina al tono triste e amaro della storia e alla voce di Natalie (la poetessa statunitense del folk rock) dai toni bassi e profondi.
(strode I, II, IV)

I
On the night that I(1) was married
And upon my marriage bed
There came a bold sea captain
And he stood at my bedhead
Saying, “Arise, arise, young wedded man
And come along with me
To the lowlands of Holland (2)
To fight the enemy”.
II
Now then, Holland is a lovely land
And upon it grows fine grain
Surely ‘tis a place of residence
For a soldier to remain
Where the sugar cane is plentiful
And the tea grows on the tree
Well, I never had but the one sweetheart
And now he’s gone far away from me
III
Said the mother to her daughter
‘Give up your soil and bed
Is there ne’er a man in Ireland?
That will be your heart content
Way there’s men enough in Ireland
But alas there is none for me
Since high wind and stormy sea’s
Have parted me love and me
IV
I will wear no stays around my waist(3)
Nor combs all in my hair
I will wear no scarf (4) around my neck
For to save my beauty there (5)
And never will I marry (6)
Not until the day that I die
Since these four winds and these stormy seas
Came between my love and I (7)
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
La sera che mi (1) ero appena sposata
accanto al mio letto di nozze
venne un coraggioso capitano
e stava ritto al capezzale
dicendo: “Alzati alzati, giovane sposo
e vieni con me
nei Paesi Bassi d’Olanda(2)
a combattere il nemico”.
II
Così l’Olanda è un paese meraviglioso
e ci cresce buon grano,
di sicuro è un posto dove stare
per un soldato che si ferma,
dove la canna da zucchero è rigogliosa
e il tè cresce sugli alberi.
Beh, non avevo che un amore
e ora è andato molto lontano da me.
III
Disse la madre alla figlia
“Abbandonare casa e letto!
Ci sarà mai un uomo in Irlanda
che ti farà felice?”
“Ci sono abbastanza uomini in Irlanda,
ma ahimè nessuno è per me,
da quando venti forti e oceani tumultuosi
mi hanno separata dal mio amore.
IV
Non mi metterò cintura in vita (3)
né pettine fra i capelli,
non indosserò sciarpine (4) intorno al collo
per mantenere la mia bellezza (5)
e non mi sposerò (6)
fino al giorno della mia morte,
da quando venti forti e oceani tumultuosi
si misero tra il mio amore e me.” (7)

NOTE
1) ho preferito far dire la prima strofa alla donna , anche se nelle ballate si salta spesso da palo in frasca senza nessun preavviso così la frase potrebbe essere detta dallo sposo.
2) In realtà con l’Olanda si intendono le colonie olandesi nelle Indie Occidentali o molto più probabilmente la New Holland cioè l’Australia visto che ci crescono le piantine del tè e la canna da zucchero. Ma potrebbe trattarsi anche del Suriname ovvero la Guyana olandese.  Nelle sea song/shanty song le Lowlands sono più in generale le isolette caraibiche.
3) i Dubliners dicono: “I’ll wear no shoes all on my feet”
4) scritto come scarf o come handkerchief in segno di modestia la fanciulla rinuncia ad ogni artificio per farsi bella
“As bodices were cut lower and lower, silk and lace scarves were much used to preserve modesty (while at the same time, of course, drawing attention to a lady’s assets). Frothy muslin buffon scarves were often pinned about the breast, sometimes layered as high as the chin in an attempt to enhance the area’s perceived shape and size.” (tratto da qui)
5) i Dubliners dicono “For to shade my beauty fair”
6) evidentemente i due non hanno consumato e quindi il loro matrimonio non poteva considerarsi valido. Più in generale la donna dichiara eterna fedeltà al suo novello sposo, nonostante sia stata abbandonata la notte delle nozze.
7) oppure “Have parted me love and me” Probabilmente il giovane è morto in guerra o annegato in mare e la vedova dichiara il suo lutto.

LA VERSIONE SCOZZESE

Una versione diversa è quella diffusa in Scozia.
Come scrivono gli Steeleye Span nelle note nel loro primo album “Hark! The Village Wait
“Although it happens quite often in the field of folk music that many versions of a particular song are reported, it is rare that, so in the case of of Lowlands of Holland, completely differing story lines are recorded. James Reeves (The Everlasting Circle) suggests that “there may have been an original in which a young bridegroom is pressed for service in the Netherlands, but in some of the later versions Holland appears to have become New Holland, the former name for Australia, which has perhaps been confused with the Dutch East Indies.” The words of the version we perform refer to Galloway (Scotland) but the song crops up in all parts of the British Isles. Our tune was learned from Andy Irvine, a former member of Sweeney’s Men. ” (tratto da qui)

oppure nella versione rivisitata dei Levellers


I
The love that I have chosen I”ll therewith be content
And the salt sea shall be frozen before that I repent
Repent it shall I never until the day I dee
But the lowlands of Holland has twined my love and me.
II
My love lies in the salt sea and I am on the side
It’s enough to break a young thing’s heart what lately was a bride.
But lately was a bonny bride with pleasure in her e’e.
But the lowlands of Holland has twined my love and me.
III
My love he built a bonny ship and set her on the sea
With seven score (1) good mariners to bear her company.
But there’s three score of them is sunk and three score dead at sea
And the lowlands of Holland has twined my love and me.
IV
My love has built another ship and set her on the main
And nane but twenty mariners all for to bring her hame.
But the weary wind began to rise, the sea began to roll
And my love then and his bonny ship turned widdershins about.
V
There shall nae a quiff(2) come on my head nor comb come in my hair
And shall neither coal nor candlelight shine in my bower mair.
And neither will I marry until the day I dee
For I never had a love but one and he’s drowned in the sea.
VI
“Oh hold your tongue my daughter dear, be still and be content.
There’s men enough in Galloway (3), you need not sore lament.”
“Oh there’s men enough in Galloway, alas there’s none for me
For I never had a love but one and he’s drowned in the sea.”
Traduzione di Cattia Salto
I
Sarò sempre contenta dell’amore che ho scelto
e il mare piuttosto si congelerà prima che me ne penta,
non avrò mai a pentirmi finchè avrò vita,
anche se le terre basse d’Olanda hanno legato indissolubilmente il mio amore e me
II
Il mio amore giace nel mare salato e io sono al sicuro,
è abbastanza per spezzare il giovane cuore di una novella sposa,
che poco prima era una bella sposa con la gioia negli occhi:
ma le terre basse d’Olanda hanno legato indissolubilmente il mio amore e me
III
Il mio amore costruì una bella nave e la mise in mare
con 140 bravi marinai per tenerle compagnia
ma una sessantina sono andati a fondo e una sessantina morti in mare
e le terre basse d’Olanda hanno legato indissolubilmente il mio amore e me
IV
Il mio amore ha costruito un’altra nave e messa in mare
con appena 20 marinai per portarla a casa
ma un vento teso iniziò ad alzarsi e il mare incominciò a rollare
e il mio amore allora con la sua bella nave furono presi nel vortice.
V
Non mi metterò una cuffietta in testa nè mi pettinerò i capelli
nè carbone o candela brillerà nella mia camera,
e mai mi sposerò fino al giorno della mia morte
perchè non avevo che un amore ed è affogato in mare.
VI
“Tieni a freno la lingua figlia mia
stai zitta e contenta.
Ci sono abbastanza uomini nel Galloway (3) non c’è bisogno che ti lamenti”
“Ci sono abbastanza uomini nel Galloway ;
ma non per me
perchè non avevo che un amore ed è affogato in mare.”

NOTE
1) score equivale a 20
2) letteralmente ciuffo
3) regione sud-ovest della Scozia che diede i natali a Robert Burns

FONTI
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?songid=6646
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=3318&lang=it
https://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/lowlandsofholland.html