Crea sito
Terre Celtiche Blog

The Highwayman

Nel  1906 il poeta inglese Alfred Noyes scrive una ballata dal titolo “The Highwayman”  il racconto in rima di un tragico amore tra un tenebroso e affascinante bandito di strada settecentesco e Bess (diminutivo di Elisabetta) la bella figlia dai lunghi capelli neri e dagli occhi di stella di un signorotto locale, proprietario terriero inglese o un locandiere (“landlord”). (Versi andati in stampa sul semestrale scozzese “Blackwood’s Magazine”, poi pubblicati in “Forty Singing Seamen and Other Poems” nel 1907)
Una natura romantica con venature gotiche incornicia la storia: è notte con il vento che sibila tra gli alberi e un chiardiluna spettrale.
Il bandito di strada della ballata è una creatura letteraria e immaginaria secondo un codice stratificatosi nei secoli a partire dal Medioevo continua

IL SACRIFICIO PER AMORE

Alfred Noyes è considerato un poeta e narratore minore ma molto popolare ancora oggi in Gran Bretagna.  “The Highwayman” descrive  il sacrificio di Betta, presa come esca dalla soldataglia inglese (legata stretta ad un moschetto ma con la sagoma visibile dalla finestra) che si appostano nella stanza della fanciulla per poter catturare il bandito; il tranello è sventato perchè lei fa scattare il grilletto del moschetto ferendosi mortalmente: il bandito fugge l’imboscata ignaro dell’accaduto, ma all’alba viene a sapere della morte di lei e ritorna sui suoi passi lanciandosi, folle di rabbia, contro il fuoco dei soldati che lo uccidono in strada come un cane. Nella ballata viene anche descritto il traditore dei due innamorati, lo stalliere della tenuta che -come da copione- geloso e infoiato, li denuncia ai soldati.
I fantasmi dei due amanti continueranno a incontrarsi per sempre nelle notti di luna piena.

Illustrazione di Charles Mikolaycak
Un giovanissimo Phil Ochs compone la melodia per “The Highwayman” -live 1967
il brano è registrato in  Ain’t Marching Anymore [1965]
-affascinato dal tragico finale dei due innamorati che incarnano la gioventù ribelle, schiacciata dalla crudeltà del potere costituito
(Strofe I, III, IV, VI, VIII-var, XI-var, XII, XIII, XIV)
Loreena McKennitt in The Book of Secrets 1997
oppure nella clip di Bruno Adams VEDI
con le illustrazioni di Charles Keeping (OUP Oxford; New edition, 1999)
Loreena resta molto aderente al testo e omette solo le strofe messe tra []
Andy Irvine in Way Out Yonder 2001 riprende la versione di Loreena McKennitt
THE HIGHWAYMAN (Alfred Noyes )
I
The wind was a torrent of darkness
among the gusty trees,
The moon was a ghostly galleon
tossed upon cloudy seas,
The road was a ribbon of moonlight,
over the purple moor,
And the highwayman came riding-
Riding-riding-
The highwayman came riding,
up to the old inn-door.
II
He’d a French cocked-hat on his forehead,
a bunch of lace at his chin,
A coat of the claret velvet,
and breeches of brown doe-skin;
They fitted with never a wrinkle:
his boots were up to the thigh!
And he rode with a jewelled twinkle,
His pistol butts a-twinkle,
His rapier hilt a-twinkle,
under the jewelled sky.
III
Over the cobbles he clattered
and clashed in the dark inn-yard,
And he tapped with his whip on the shutters,
but all was locked and barred;
He whistled a tune to the window,
and who should be waiting there
But the landlord’s black-eyed daughter,
Bess, the landlord’s daughter,
Plaiting a dark red love-knot
into her long black hair
[And dark in the old inn-yard a stable
-wicket creaked
Where Tim the ostler listened;
his face was white and peaked;
His eyes were hollows of madness,
his hair like mouldy hay,
But he loved the landlord’s daughter,
The landlord’s red-lipped daughter,
Dumb as a dog he listened,
and he heard the robber say-]
IV
“One kiss, my bonny sweetheart,
I’m after a prize to-night,
But I shall be back with the yellow gold
before the morning light;
Yet, if they press me sharply,
and harry me through the day,
Then look for me by moonlight,
Watch for me by moonlight,
I’ll come to thee by moonlight,
though hell should bar the way.”
V
He rose upright in the stirrups;
he scarce could reach her hand,
But she loosened her hair i’ the casement!
His face burnt like a brand
As the black cascade of perfume
came tumbling over his breast;
And he kissed its waves in the moonlight,
(Oh, sweet black waves in the moonlight!)
Then he tugged at his rein in the moonlight,
and galloped away to the West.
VI
He did not come in the dawning;
he did not come at noon;
And out o’ the tawny sunset,
before the rise o’ the moon,
When the road was a gipsy’s ribbon,
looping the purple moor,
A red-coat troop came marching-
Marching-marching-
King George’s men came marching,
up to the old inn-door.
VII
They said no word to the landlord,
they drank his ale instead,
But they gagged his daughter and bound her
to the foot of her narrow bed;
Two of them knelt at her casement,
with muskets at their side!
There was death at every window;
And hell at one dark window;
For Bess could see, through the casement,
the road that he would ride.
VIII
They had tied her up to attention,
with many a sniggering jest;
They bound a musket beside her,
with the barrel beneath her breast!
“Now keep good watch!”
and they kissed her.
She heard the dead man say-
“Look for me by moonlight;
Watch for me by moonlight;
I’ll come to thee by moonlight,
though hell should bar the way!”
IX
She twisted her hands behind her;
but all the knots held good!
She writhed her hands till here fingers
were wet with sweat or blood!
They stretched and strained in the darkness, and the hours crawled by like years,
Till, now, on the stroke of midnight,
Cold, on the stroke of midnight,
The tip of one finger touched it!
The trigger at least was hers!
[The tip of one finger touched it;
she strove no more for the rest!
Up, she stood up to attention,
with the barrel beneath her breast,
She would not risk their hearing;
she would not strive again;
For the road lay
bare in the moonlight;
Blank and bare in the moonlight;
And the blood of her veins in the moonlight throbbed to her love’s refrain.]
X
Tlot-tlot; tlot-tlot! Had they heard it?
The horse-hoofs ringing clear;
Tlot-tlot, tlot-tlot, in the distance?
Were they deaf that they did not hear?
Down the ribbon of moonlight,
over the brow of the hill,
The highwayman came riding,
Riding, riding!
The red-coats looked to their priming!
She stood up strait and still!
XI
((Tlot-tlot, in the frosty silence!
Tlot-tlot, in the echoing night!
Nearer he came and nearer!
Her face was like a light!
Her eyes grew wide for a moment;
she drew one last deep breath,))
Then her finger moved in the moonlight,
Her musket shattered the moonlight,
Shattered her breast in the moonlight
and warned him-with her death.
XII
He turned; he spurred to the West;
he did not know who stood
Bowed, with her head o’er the musket,
drenched with her own red blood!
Not till the dawn he heard it,
his face grew grey to hear
How Bess, the landlord’s daughter,
The landlord’s black-eyed daughter,
Had watched for her love in the moonlight,
and died in the darkness there.
XIII
Back, he spurred like a madman,
shrieking a curse to the sky,
With the white road smoking behind him
and his rapier brandished high!
Blood-red were his spurs
i’ the golden noon;
wine-red was his velvet coat,
When they shot him down on the highway,
Down like
a dog on the highway,
And he lay in his blood on the highway,
with a bunch of lace at his throat.
XIV
And still of a winter’s night, they say,
when the wind is in the trees,
When the moon is a ghostly galleon
tossed upon cloudy seas,
When the road is a ribbon of moonlight
over the purple moor,
A highwayman comes riding-
Riding-riding-
A highwayman comes riding,
up to the old inn-door.
[Over the cobbles he clatters
and clangs in the dark inn-yard,
And he taps with his whip on the shutters,
but all is locked and barred;
He whistles a tune to the window,
and who should be waiting there
But the landlord’s black-eyed daughter,
Bess, the landlord’s daughter,
Plaiting a dark red love-knot
into her long black hair.]

IL BANDITO DI STRADA*
I
Il vento, un torrente di buio,
tra gli alberi squassati,
La luna, un galeone spettrale,
sbattuto su mari di nubi,
La strada, un nastro di chiardiluna. 
sulla brughiera purpurea,
E il bandito di strada a cavallo
a cavallo, a cavallo,
E il bandito di strada a cavallo
fino alla porta della vecchia locanda.
II
In testa un tricorno piumato,
merletti fioriti sul mento,
Un manto di velluto scarlatto,
calzoni di daino bruno,
Portati senza neanche una piega; 
stivali alti alla coscia! (1)
E cavalcava in uno scintillìo come di gioielli 
scintillavano i calci delle pistole
E balenava l’elsa dello stocco
sotto il cielo baluginante.
III
Sui ciottoli scalpitava
nel buio cortile della locanda,
E bussò col suo frustino agli scuri, 
ma tutto era chiuso e tangato;
Fischiò un’aria alla finestra, (2)
e chi vi stava a aspettare
Se non la figlia occhineri del padrone,
Bess, la figlia del padrone,
Che intrecciava un vermiglio nodo d’amore 
nei suoi lunghi capelli neri.
[Cigolò nel buio la porta di una stalla
nella vecchia locanda
Dove Tim, lo stalliere, ascoltava
col volto pallido e languente;
Con gli occhi scavati di follia,
i capelli come paglia ammuffiata,
Ma lui amava la figlia del padrone,
Bess, la figlia del padrone dalle labbra rosse,
E muto come un cane ascoltava,
e udì dire questo al bandito:]

IV
“Un bacio, mia dolce amata, 
sto seguendo una preda stanotte,
Ma sarò di ritorno con l’oro lucente
prima della luce del mattino;
Ma se m’incalzeranno dappresso,
e mi tormenteranno durante il giorno,
allora cercami al chiardiluna,
Veglia su di me al chiardiluna,
Verrò da te al chiardiluna, 
anche se l’inferno mi sbarrasse la strada (3)”
V
Si alzò dritto sulle staffe;
le arrivava appena alla mano
Ma lei sciolse i capelli alla finestra!
E la faccia gli si incendiò
Quando la nera cascata di profumo
precipitò sul suo petto;
E baciò i capelli ondulati nel chiardiluna,
(Oh, dolci onde nel chiardiluna!)
Poi strattonò le redini nel chiardiluna, 
e galoppò lontano a occidente.
VI
Non venne all’albeggiare;
non venne a mezzogiorno;
Né dopo rosso tramonto,
prima del sorgere della luna,
Quando la strada era un nastro gitano
annodato alla brughiera purpurea,
Una truppa dalla giubba rossa
giunse marciando -Marciando, marciando-
Gli uomini del re Giorgio vennero marciando 
alla porta della vecchia locanda.
VII
Non dissero parola all’oste;
bevvero invece la sua birra.
Imbavagliarono sua figlia,
e la legarono ai piedi del letto stretto;
Due di loro si sporsero alla sua finestra,
con moschetti al loro fianco!
Vi era morte a ogni finestra;
L’inferno a una scura finestra;
Perché Bess vedeva, attraverso il telaio,
la strada che lui avrebbe cavalcato.
VIII 
La legarono sull’attenti,
con molti gesti maliziosi.(4)
Posero un moschetto vicino a lei, 
con la canna sul suo petto!
“Adesso, fai buona guardia!”
e la baciarono. (5)
Lei udì il morto (6) dire-
Cercami nel chiardiluna,
Veglia su di me nel chiardiluna,
Verrò da te nel chiardiluna
anche se l’inferno mi sbarrasse la strada!
IX
Lei torse le mani dietro di se; 
ma tutti i nodi erano saldi!
Torse le mani finché le sue dita
furono madide di sudore o sangue!
Si tesero e sforzarono nell’oscurità,
e le ore si trascinavano come anni,
Finché, allo scoccare della mezzanotte,
Freddo, allo scoccare della mezzanotte,
La punta di un dito lo toccò!
Il grilletto alla fine era suo!
[Lo toccò la punta di un dito;
non si sforzò oltre!
Si alzò all’erta in piedi,
la canna sotto al seno.
Nessun rischio di poter esser sentita,
nessuno sforzo ancora,
Perché la strada stava là,
spoglia nel chiardiluna,
Spoglia e vuota nel chiardiluna;
E nel chiardiluna il palpito delle sue vene scandiva il suo amore.
X
Tlot-tlot! Avevano sentito?
Gli zoccoli del cavallo suonavano chiari;
Tlot-tlot, in lontananza! 
Erano sordi a non sentire?
Lungo il nastro di luna,
oltre il ciglio della collina,
Il bandito venne a cavallo –
Cavalcando, cavalcando
Le giubbe rosse guardarono alle loro armi!
Lei si alzò, dritta e silenziosa.
XI (7)
((Tlot, nel gelido silenzio; 
Tlot, nella notte echeggiante!
Più vicino divenne e più vicino ancora.
Il volto di lei era come una luce!
Gli occhi crebbero un istante;
prese un ultimo profondo respiro,))
Poi le sue dita si mossero nel chiardiluna,
Il moschetto infranse il chiardiluna,
Infranse il suo petto nel chiardiluna
e lo avvertì con la sua morte.
XII
Egli si volse. Spronò verso ovest,
non sapeva chi giaceva
Chinata, con la testa sopra il moschetto,
intrisa del suo stesso sangue!
Non lo sentì (8) sino all’alba,
e la sua faccia divenne grigia a sentire
Come Bess, la figlia dell’oste,
La figlia occhineri dell’oste,
Aveva vegliato per il suo amore nel chiardiluna,
e là era morta nell’oscurità.
XIII
E indietro, spronò come un pazzo,
urlando una maledizione al cielo,
Con la bianca strada fumante dietro di lui
e il suo stocco brandito alto.
Rosso sangue erano i suoi speroni
nel mezzogiorno dorato;
rosso vino la sua giacca di velluto;
Quando gli spararono sulla strada maestra,
Lo abbatterono come
un cane sulla strada maestra,
E giacque nel suo sangue sulla strada maestra, coi merletti fioriti alla gola.
XIV
E ancora dicon che una notte d’inverno
quando il vento squassa gli alberi,
Quando la luna è un galeone spettrale
sbattuto su mari di nubi,
Quando la strada è un nastro di chiardiluna
sulla brughiera purpurea
Dicon che un bandito di strada a cavallo,
a cavallo, a cavallo
Che un bandito di strada arrivi a cavallo
fino alla porta della vecchia locanda.
[Sui ciottoli scalpita
nel buio cortile della locanda,
E bussa col suo frustino agli scuri,
ma tutto è chiuso e tangato;
Fischia un’aria alla finestra,
e chi vi sta a aspettare
Se non la figlia occhineri del padrone,
Bess,
la figlia del padrone,
Che intreccia un vermiglio nodo d’amore
nei suoi lunghi capelli neri.]

NOTE
* traduzione italiana di Riccardo Venturi -28/29 gennaio 2008 in Antiwarsongs.org;
nella versione della McKennitt sono state stralciate solo un paio di strofe in particolare quella del traditore che denuncia il bandito perchè innamorato della stessa donna -le strofe omesse non sono numerate e messe tra parentesi quadre
1) è un luogo comune  quello del bandito gentiluomo, sempre bello (e ben vestito), abile  spadaccino e provetto tiratore, forbito nel parlare e colto, a volte poeta, il prototipo del rubacuori. (cf)
2) il motivetto che il bandito fischietta è il loro codice segreto
3) la frase suona come un giuramento che puntualmente si compie, e il bandito ritorna alla locanda come spirito inquieto nelle notti di luna piena
4) Phil Ochs nella VIII strofa cambia il primo verso
And they bound the landlord’s daughter
5) il poeta non dice ma nella realtà la soldataglia avrebbe violentato prima la fanciulla e poi l’avrebbe legata
6) siamo a metà della ballata, ma il poeta già ci preannuncia che il bandito morirà
7) Phil Ochs riassume la XI strofa
((Look for me by moonlight
Hoof beats ringing clear
Watch for me by moonlight
Were they deaf that they did not hear
For he rode on the gypsy highway
She breathed one final breath))
8) forse in una locanda e tra i soliti brutti ceffi forse anche lo stalliere che l’aveva denunciato

I Fleetwood Mac hanno rievocato la vicenda in due occasioni: per scrivere una canzone “The Highwayman” in “Bella Donna” 1981 (album solista di Stevie Nicks) e per il loro corto di “Everywhere in Tango in the Night” (1987) sul testo scritto da Christine McVie (rimasterizzato nel 2017 e pubblicato in formato cd, doppio cd con registrazioni rare e inedite  e deluxe)


I
Can you hear me calling
Out your name
You know that I’m falling
And I don’t know what to say
I’ll speak a little louder
I’ll even shout
You know that I’m pround
And I can’t get the words out
CHORUS
Oh I…
I want to be with you everywhere
Oh I…
I want to be with you everywhere
(Wanna be with you everywhere)
II
Something’s happening
Happening to me
My friends say I’m acting peculiarly
C’mon baby
We better make a start
You better make it soon
Before you break my heart
III
Can you hear me calling
Out your name
You know that I’m falling
And I don’t know what to say
Come along baby
We better make a start
You better make it soon
Before you break my heart
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Riesci a sentirmi mentre invoco
il tuo nome?
Lo sai che mi sto innamorando
e non so cosa dire,
griderò un po’ più forte
Allora urlerò-
lo sai che sono orgogliosa
e non riesco a far uscire le parole.
CORO
Oh io
voglia stare con te dappertutto
Oh io
voglia stare con te dappertutto
voglia stare con te dappertutto
II
Sta accadendo qualcosa,
capita proprio a me
i miei amici dicono che sono strana,
dai piccolo
è meglio darsi una mossa,
è meglio che ti sbrighi
prima di spezzarmi il cuore
III
Riesci a sentirmi mentre invoco
il tuo nome?
Lo sai che mi sto innamorando
e non so cosa dire
vieni piccolo
è meglio darsi una mossa
è meglio che ti sbrighi
prima di spezzarmi il cuore
Christine McVie

I
Alas he was the highwayman
The one that comes and goes
And only the highway-woman
Keeps up with the likes of those
And she in all her magic
With hands as quick as light
Took him to be a challenge
And went into the night
II
And he in all his glory
Was far ahead of her
But she was never sorry
For wishes that would burn
Enter competition
She chases beneath the moon
Her horse is like a dragonfly
She is just a fool
Chorus
And she wonders is this real
Or does she just want to be Queen
And he fights the way he feels
Is this the end of the dream
III
And then he sees her coming
Heartbeats on the wind
Considers slowing down
But then, he could never win
And she, out in the distance
Sees him against the sky
A pale and violent rider
A dream begun in wine
Chorus
IV
A dream as the thunder wakes her
And her highwayman disappears
On a life already lived before
In eyes welled with tears
Today and still today they ride
Will they ever win
He the glory,
She the love,
Still they try again
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Purtroppo era il bandito di strada
Uno che va e viene
E solo la bandita di strada
Resta al passo con uno del suo calibro
E lei in tutta la sua magia
Con le mani veloci come la luce
pensò che fosse una sfida<
E andò nella notte
II
E lui in tutta la sua gloria
Era molto più avanti di lei
Ma lei non era mai dispiaciuta
Per i desideri che bruciavano
Partecipa alla competizione
Caccia sotto la luna
Il suo cavallo è come una libellula
Lei è proprio pazza
Coro
E lei si chiede se questo sia reale
O vuole solo essere la Regina
E lui combatte come crede
È questa la fine del sogno?
III
E poi la vede arrivare
Cuore pulsante nel vento
Considera di rallentare
Ma poi, lui non potrebbe mai vincere
E lei, in lontananza
Lo vede contro il cielo
Un cavaliere pallido e violento
Un sogno iniziato nel vino
Coro
IV
Un sogno mentre il tuono la sveglia
E il suo bandito di strada scompare
Su una vita già vissuta prima
Negli occhi pieni di lacrime
Ancora e ancora cavalcano
Vinceranno mai
Lui la gloria,
Lei l’amore
Eppure ci provano ancora

FONTI
Banditi e pirati nella narrativa medievale: alcuni casi di fuorilegge cortesi di Federica Vaglia (qui)
https://terreceltiche.altervista.org/the-rambling-blade-ovvero-il-ladro-gentiluomo-nelle-ballate-irlando-scozzesi/
https://it.wikipedia.org/wiki/Ladro_gentiluomo
http://lunastellailtasso.iobloggo.com/2/the-highwayman-by-sir-alfred-noyes/&y=2007&m=05
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=7152&lang=it
http://www.cgsbachelet.org/ilsalicenarrante/rubriche/literature-cafe.aspx?pag=5
https://philochsthing.wordpress.com/2013/12/30/the-highwayman-noyesochs/
https://medusaslibrary.com/2016/04/15/npm-15-the-highwayman/

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.