I MAYERS E LE CAROLE DI PRIMAVERA

Molte tradizioni del Maggio si sono conservate in varie parti d’Europa fino alle soglie del Novecento. Così anche in Inghilterra (come in Italia) la tradizione dei “Mayers” non è scomparsa; anche se si è drasticamente interrotta allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, è stata ripresa sporadicamente e mantenuta viva dai molti Mummers e Morris Dancers, fino ai nostri giorni.

inghilterraSi riportano le tradizioni diffuse in Inghilterra andando per ordine alfabetico secondo la suddivisione in contee

Introduzione vedi
Prima parte Bedforshide vedi
Seconda parte Cambridgshire, Cheshire vedi
Terza parte Lancashire, Yorkshire  vedi

BEDFORSHIDE

Moggers-Moggies[Z49-685]On 1st May several customs were observed. Children would go garlanding, a garland being, typically, a wooden hoop over which a white cloth was stretched. A looser piece of cloth was fastened at the top which was used to cover the finished garland. Two dolls were fastened in the middle, one large and one small. Ribbons were sewn around the front edge and the rest of the space was filled with flowers. The dolls were supposed to represent the Virgin Mary and the Christ child. The children would stop at each house and ask for money to view the garland.

Another custom, prevalent throughout the county if not the country, was maying. It was done regularly until the outbreak of the First World War and, sporadically, afterwards. Young men would go around at night with may bushes singing May carols. In the morning a may bush was attached to the school flag pole, another would decorate the inn sign at the Crown and others rested against doors, designed to fall in when they were opened. Those maying included a Lord and a Lady, the latter the smallest of the young men with a veil and bonnet. The party also included Moggers or Moggies, a man and a woman with black faces, ragged clothes and carrying besom brushes. (tratto da qui)

VIDEO Ecco una testimonianza molto significativa di Margery “Mum” Johnstone dal Bedforshide raccolta da Pete Caslte, con due canzoni del Maggio

BEDFORDSHIRE MAY CAROL

La carol è conosciuta con il nome più generico di “The May Day Carol” o “Bedford May Carol” ma anche come “The Kentucky May Carol” (come preservata nella tradizione del maggio nei Monti Appalachi) ed è stata raccolta nel Bedfordshire.

ASCOLTA Shirley Collins. Questa versione ha un testo diverso da quello riportato da Lucy E. Broadwood in ” English Traditional Songs and Carols” ( London: Boosey & Co., 1908) la melodia è la stessa della Cambridgeshire May Carol (purtroppo il mio orecchio non riesce a distinguere bene alcune frasi.. lasciate in punteggiatura) qui


I
A branch of may, so fine and gay
And before your door it stands.
It’s but a sprout, it’s well-budded out
for the work of our Lord’s hand(1).
II
Arise, arise, you pretty fair maid
And take the May Bush in,
For if it is gone before morning come(2),
You’ll say we have never been.
III
I have a little bird(?)
?…
IV
If not a cup of your cold cream (3)
A jug of your stout ale
And if we live to tarry in the town
We’ll call on you another year.
V(4)
For the life of a man it is but a span
he’s cut down like the flower
We’re here today, tomorrow we’re gone,
We’re dead all in one hour.
VI
The moon shine bright,
the stars give a light
A little before this day
so please to remember ….
And send you a joyful May.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Un ramo del Maggio, così bello e allegro
sta davanti alla tua porta,
non è in germoglio, ma è ben sbocciato
per il lavoro di nostro Signore
II
Alzati, bella fanciulla
e fai entrare il Maggio
perchè se ne andrà prima che venga il mattino
potresti dire che non te lo abbiamo portato.
IV
Se non una coppa della vostra crema fredda (dateci)
un boccale della vostra birra scura
e se continueremo a  restare in città
ritorneremo da voi un’altro anno.
V
Perchè la vita di un uomo è breve
ed è recisa come un fiore
siamo qui oggi e domani non ci saremo più
saremo tutti morti nel giro di un ora
VI
La luna brilla luminosa, le stelle si accendono
tra poco sarà giorno
così ricordatevi ..
e vi auguriamo un gioioso Maggio

NOTE
1) le mani diventano quelle di Dio e non più della Madonna.
2) I Mayers giravano sia durante la notte che durante il giorno
3) questa crema fredda in bicchiere è una bevanda-dessert tipicamente inglese d’epoca elisabettiana ancora popolare in epoca vittoriana, il Syllabub. Un tempo ai Mayers si offriva “una syllabub di latte caldo direttamente dalla mucca, torte dolci e vino” (Il ramo d’Oro James Frazer). E così sono andata a curiosare per ritrovare la ricetta storica! (vedi ricetta).

Philip Mercier (1680-1760) – The Sense of Taste sullo sfondo un vassoio pieno di bicchieri di syllabubs

4) la strofa deriva da “The Moon Shine Bright” versione pubblicata da William Sandys in Christmas Carols Ancient and Modern (1833) vedi

NORTHILL MAY SONG

ASCOLTA Magpie Lane in “Jack-in-the-Green” 1998 (strofe I, II, III e IX) e a seguire The Cuckoo’s Nest hornpipe (vedi). La canzone viene riproposta nel Blog “A Folk song a Week” curato dallo stesso Andy Turner ASCOLTA in cui Andy ci dice di aver appreso la canzone dalla raccolta di Fred Hamer “Garners Gay”
Fred collected it from “Chris Marsom and others” – Mr Marsom had by that time emigrated to Canada, but Fred met him on a visit to his native Northill, Bedfordshire. Fred’s notes say “The Day Song is much too long for inclusion here and the Night Song has the same tune. It was used by Vaughan Williams as the tune for No. 638 of the English Hymnal, but he gave it the name of “Southill” because it was sent to him by a Southill man. Chris Marsom who sang this to me had many tales to tell of the reception the Mayers had from some of the ladies who were strangers to the village and became apprehensive at the approach of a body of men to their cottage after midnight on May Eve.”

ASCOLTA Martin Carthy & John Kirkpatrick in “Because It’s There” 1979, Martin Carthy scrive nelle note dell’album “May Song came from a Cynthia Gooding record which I lost 16 years ago, words stuck in my head.” (strofe da II a VIII)


I
Arise, arise, my pretty fair maids,
And take our May bush in,
For if it is gone by tomorrow morrow morn,
You’ll say we have brought you none.
II
We have been rambling all of the night,
The best(and most) part of this day;
And we are returning here back again
And we’ve brought you a garland gay (brunch of May).
III
A bunch of May we bear about(it does looked gay)
Before the (your) door it stands;
It is but a sprout and it’s all budded out
And it’s the work of God’s own hand.
IV
Oh wake up you, wake up pretty maid,
To take the May bush in.
For it will be gone and tomorrow morn
And you will have none within.
V
The heavenly gates are open wide
To let escape the dew(5).
It makes no delay it is here today
And it falls on me and you.
VI
For the life of a man is but a span,
He’s cut down like the flower;
He makes no delay he is here today
And he’s vanished all in an hour.
VII
And when you are dead and you’re in your grave
You’re covered in the cold cold clay.
The worms they will eat your flesh good man
And your bones they will waste away.
VIII
My song is done and I must be gone,
I can no longer stay.
God bless us all both great and small
And wish us a gladsome May.
IX
The clock strikes one, it’s time to be gone,
We can no longer stay.
God bless you all both great and small
And send you a joyful May.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Alzati mia graziosa fanciulla
e prendi il nostro spino del Maggio
che all’alba di domani tutto finisce e potresti dire che non te lo abbiamo portato
II
Abbiamo vagato per tutta la notte
e per buona parte di questo giorno
e siamo di ritorno ancora qui
per portarti una allegra ghirlanda (il ramo del maggio)
III
Lo spino del Maggio portiamo in giro (porta l’allegria)
e sta davanti alla tua porta
non è che un germoglio ma è ben sbocciato
per il lavoro di nostro Signore
IV
Alzati bella fanciulla
per far entrare lo spino del Maggio
perchè se ne andrà prima che venga il mattino
e potresti dire che non te lo abbiamo portato.
V
Le porte del paradiso sono spalancate
per far fuggire la rugiada
è qui oggi, puntuale
e cade su di me e te(5)
VI
Perchè la vita di un uomo è breve
ed è recisa come un fiore
non ci sono proroghe oggi c’è
e poi svanisce nel giro di un’ora
VII
E quando sarai morto e nella tomba
sarai ricoperto dalla fredda terra
i vermi mangeranno la tua carne, buonuomo
e le tue ossa si consumeranno.
VIII
La canzone è finita ed è tempo di andare, non posso restare più a lungo. Siate benedetti, grandi e piccini
e vi auguriamo un felice Maggio!
IX
L’orologio batte l’una, è tempo di andare
non possiamo restare più a lungo
Siate benedetti, grandi e piccini
e vi auguriamo un felice Maggio!

NOTE
5) la tradizione del maggio prevede il bagno nella rugiada e nelle acque selvatiche ricche di pioggia. La notte è quella magica del 30 aprile e la rugiada veniva raccolta dalle fanciulle e conservata come un toccasana in grado di risvegliare la bellezza femminile!

ASCOLTA Kerfuffle in “To the Ground”, 2008


Arise, Arise, (Northill May Song)
I
Arise, arise, you pretty fair maid
And bring your May Bush in,
For if it is gone by tomorrow, morrom morn,
You’ll say we have brought you none.
II
We have been wandering all this night
And almost all of the day
And now we’re returning back again;
We’ve brought you a branch of May.
III
A branch of May we have brought you,
And at your door it stands;
It’s nothing but a sprout but it’s well budded out
By the work of our Lord’s hand.
IV
The clock strikes one, it’s time to be gone,
We can no longer stay.
God bless you all both great and small
And send you a joyful May.
TRADUZIONE ITALIANO di Cattia Salto
I
Alzati, dolce fanciulla,
a prendere lo Spino del Maggio,
che all’alba di domani tutto finisce
e potresti dire che non te lo abbiamo portato.
II
Abbiamo vagato per tutta la notte
e per buona parte del giorno
e siamo di ritorno ancora qui
per portarti il ramo del maggio
III
Un ramo del Maggio ti abbiamo portato, e davanti alla tua porta sta,
non è in germoglio, ma è ben sbocciato per mano di Nostro Signore
IV
L’orologio batte l’una, è tempo di andare
non possiamo restare più a lungo
Siate benedetti, grandi e piccini
e vi auguriamo un felice Maggio!

victorian-art-artist-painting-print-by-myles-birket-foster-first-of-may-garland-day

FONTI
https://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/maysong.html
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/themoonshinesbright.html
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/moon_shines_bright.htm
http://ingeb.org/songs/themoons.html
https://afolksongaweek.wordpress.com/2012/04/30/week-36-northill-may-song/

Un pensiero su “I MAYERS E LE CAROLE DI PRIMAVERA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*