Crea sito
Terre Celtiche Blog

Two Constant Lovers / The Drowned Lovers / The Forsaken Mermaid

Una tragica storia d’amore in cui il marinaio muore annegato e la fidanzatina si getta dalla scogliera per seguirlo in fondo al mare, a guardare da un’altra angolazione potrebbe trattarsi dell’amore impossibile tra una sirena (un altro titolo con cui è nota questa sea song è “The Forsaken Mermaid” in italiano La sirena abbandonata) e il marinaio.  Un sottotitolo di questo filone è ‘The Lover’s Lament for her Sailor’ che si ricollegano alla versione irlandese dal titolo “I will never marry” ben nota anche in America e in Australia.
L’origine del testo/tema è antica e risaliamo fino al 1600 per le prime versioni in stampa.
Le versioni che si sono tramandate nelle isole britanniche sembrano provenire da una versione burlesque cantata per il music hall da Sam Cowell ( Oh, my Love’s Dead! ).

Magpie Lane in Six for Gold 2002 la interpretano secondo la tradizione della famiglia Copper di Rottingdean, Sussex

Steeleye Span in Cogs, Wheels and Lovers 2009, la versione che è diventata standard tra i cantanti e i gruppi folk inglesi


I
Now as I was a-walking down by the sea shore
Where the wind it did whistle
and the waves they did roar
There I heard a fair maid
make a terrible sound
Like the wind and the waves
that did echo around
Ch:
Crying “Ohh.. my love is gone
He’s the youth I adore
And he’s drowned
And I never shall see him no more”
II
She’d a voice like a nightingale,
skin like a dove
And the song that she sang
it was all about love
When I asked her to marry me,
marry me please
But the answer she gave:
“My love’s drowned in the seas”
III
I said I had gold
and I’d silver beside
On a coach and six horses
with me she could ride
She said: “I’ll not marry
nor yet prove a wife
I’ll be constant and true
all the days I have life”
IV
Then she flung her arms wide
and she took a great leap
From the cliffs that were high
to the billows so deep
Saying: “The rocks of the ocean
shall be my death bed
And the shrimps (1) of the sea
shall swim over my head”
V
And now every night
at six bells they appear
When the moon is shining
and the stars they are clear
These two constant lovers
with each other’s charms
Rolling over and over
in each other’s arms

Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Stavo camminando lungo la spiaggia
dove il vento soffiava
e le onde rumoreggiavano
là udii una bella fanciulla
prorompere in un terribile suono
come il vento e le onde
che facevano eco intorno
Coro
e diceva “Il mio amore è morto
il giovane che adoro
è affogato
e non lo rivedrò mai più”

II
Aveva la voce di un usignolo,
pelle bianca come colomba
e il canto che cantava
era d’amore.
Quando le chiesi di sposarmi
“Sposami ti prego”
lei mi rispose così
“Il mio amore è affogato nel mare”
III
Le dissi che avevo oro
e argento da parte
un calesse e sei cavalli,
con me lei poteva passeggiare a cavallo,
disse “Non mi sposerò
e nemmeno farò la moglie,
sarò costante e fedele
per il resto della mia vita”
IV
Poi a braccia spalancate
fece un grande balzo
dalle alte scogliere
verso i marosi profondi
dicendo “Le rocce dell’oceano
saranno il mio letto di morte
e i gamberetti del mare
mi nuoteranno sul capo”
V
E ora tutte le notti
al rintocco delle sei i due riappaiono
quando la luna brilla
e le stelle sono chiare
questi due innamorati fedeli
l’uno ammaliato dell’altro
si cullano
l’uno nelle braccia dell’altro

NOTE
1) decisamente una nota comica che voleva essere la parodia dei tanti lamenti con soggetto i due innamorati morti affogati

The Drowned Lovers

Baring Gould annota: “Taken down from James Parsons. This is a very early song. It first appears as “Captain Digby’s Farewell,” in the “Roxburgh Ballads,” iv. p. 393, printed in 1671.
In Playford’s “Choice Ayres,” 1676, i. p. 10, it was set to music by Mr Robert Smith. Then it came to be applied to the death of the Earl of Sandwich, after the action in Sole Bay, 1673. A black letter ballad, date circ 1676, is headed, “To the tune of the Earl Of Sandwich’s Farewell.” The original song consisted of three stanzas only; it became gradually enlarged and somewhat altered, and finally Sam Cowell composed a burlesque on it, which has served more or less to corrupt the current versions of the old song, printed on Broasdides by Catnach, Harkness, and others ”

[avuta da James Parsons. Questa è una canzone molto antica. Appare per la prima volta come “Captain Digby’s Farewell,”, in “Roxburgh Ballads”, IV. pg. 393, stampato nel 1671.In Playford, “Choice Ayres”, 1676,I pg. 10, messa in musica dal signor Robert Smith. Poi la melodia venne abbinata alla morte del conte di Sandwich dopo Sole Bay, 1673. Una ballata in lettere gotiche datata circa 1676 è intitolata “To the tune of the Earl Of Sandwich’s Farewell”. Il testo originale era composto solo da tre stanze; divenne gradualmente ampliato e alquanto alterato, e infine Sam Cowell compose un burlesque su di esso che ha finito per alterare le attuali versioni della vecchia canzone, stampata su fogli volanti da Catnach, Harkness e altri]

Kathryn Roberts & Sean Lakeman in 1., 2002

The Teacups in “Laboring Man” 2015, una bella armonizzazione per 4 voci in uno stile d’antan ma nello stesso tempo un suono fresco e moderno


I
As I was a-walking down by the sea-shore
Where the wind whistled high
and the waters did roar
Where the wind whistled high
and the waves  raged around.
I heard a fair maid
make a pitiful sound
Chorus
Crying “Oh, my love is drowned
My love must I deplore
and I never, no never
shall see my love more”
II
I never a nobler, nor truer did see
A lion in courage, but gentler to me,
With an eye like an eagle, a heart like a dove,
And the song that he sang me was ever of love.
III
The lost of my sailor
I deeply deplore
He’s gone in the ocean
I’ll see him no more
Oh the shell of the oysted
shall be my love’s bed
and the fish in the see
shall swimm over his head
IV
He is sunk in the ocean,
he lies there asleep.
I will jump in beside him
I’ll kiss his cold feet.
I will kiss the pale lips,
once coral like red,
And lie there beside him,
for my true love is dead.

Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Mentre camminavo lungo la spiaggia
dove il vento soffiava forte
nel fragore delle acque
dove il vento soffiava forte
e le onde infuriavano
udii una bella fanciulla
emettere un suono pietoso
Coro
e diceva “Oh Il mio amore è affogato
amore mio, devo rammaricarmi
e mai, no mai più
rivedrò il mio amore”

II
Non vidi mai uno più nobile e sincero
un leone nel coraggio, ma così delicato con me
con occhio d’aquila, e cuore di colomba
e il canto che mi cantava era sempre d’amore
III
Della perdita del mio marinaio
mi rammarico profondamente
E’ morto nell’oceano
e non mo rivedrò più
Oh il guscio dell’ostrica
sarà il letto del mio amore
e i pesci nel mare
nuoteranno sulla sua testa
IV
E’ naufragato nell’oceano
e là dorme
mi tufferò per stare accanto a lui
bacerò i suoi freddi piedi
bacerò le sue pallide labbra
un tempo rosse come il corallo
e mi sdraierò accanto a lui
perchè il mio amore è morto

NOTE
trascrizione del brano all’ascolto e in parte da S Baring Gould, Songs Of The West, Folk Songs of Devon & Cornwall Collected from the Mouths of the People prima edizione 1890

FONTI
https://mainlynorfolk.info/copperfamily/songs/theforsakenmermaid.html
https://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=6323,6323,6323,6323&SongID=6323,6323,6323,6323
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=159122
https://www.8notes.com/scores/4536.asp
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/52.html
https://garrygillard.net/music/coppers/forsaken.html

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.