Crea sito
Terre Celtiche Blog

I gave my love a cherry

I gave my love a cherry (Riddle song) è una ballata dai molti titoli: I have a yong suster, “Don’t You Go A Rushing”.

Read the post in English

Gli “enigmi” o “indovinelli” fanno parte di una consuetudine delle canzoni popolari nel rapportarsi con il soprannaturale, sia esso un essere magico o diabolico, e più in generale rappresentano un’arma di difesa per scongiurare un pericolo o ottenere un beneficio, così nelle fiabe giovanetti e giovanette di umili origini ottengono matrimoni vantaggiosi o regni per aver saputo risolvere degli enigmi o aver adempiuto a dei compiti impossibili. Imprese comunque rischiose, anche se a volte sostenute da creature o esseri magici, perchè la contropartita in caso di fallimento era la morte (spesso per decapitazione).

L’eco di queste antiche forme di corteggiamento,  si traducono in un romantico giro di parole per fare una dichiarazione d’amore, dice l’innamorato: diedi al mio amore una ciliegia senza nocciolo, un pollo che non aveva ossa, un bambino che non piangeva, una storia senza fine

I HAVE A YONG SUSTER

La prima data del testo risale al 1430 circa (British Museum — Sloane MS. 2593, “I have a yong suster”) ed è antecedente o quantomeno contemporaneo al “The Devil’s Nine Questions” trovato trascritto sempre in un manoscritto del 1450 circa.

La ballata si ritrova anche in molte Nursery Song ottocentesche con i titoli di: “Perrie, Merrie, Dixie, Dominie”, “I have four sisters beyond the sea”, “I had Four Brothers Over the Sea”, “My true love lives far from me”, dove dall’innamorata oltremare che manda doni “enigmatici” si passa alle quattro sorelle, ai quattro fratelli o ai quattro cugini. In effetti la canzone si presta ad essere cantata per i bambini, sia come ninna – nanna che come gioco-indovinello in cui i bambini cantano le risposte insieme alla mamma.

John Fleagle in Worlds Bliss – Medieval Songs of Love and Death, 2004


I
I have a yong suster
Fer biyonde the see;
Peri meri dictum domine
Manye be the druries
That she sente me.
Partum quartum pare dicentem,
Peri meri dictum domine

II
She sente me the cherye
Withouten any stoon,
And so she dide the dove
Withouten any boon.
III
She sente me the brere
Withouten any rinde;
She bad me love my lemman
Withoute longinge.
IV
How sholde any cherye
Ben withoute stoon?
And how sholde any dove
Ben withoute boon?
V
How sholde any brere
Ben withoute rinde?
How sholde I love my lemman
Withoute longinge?
VI
Whan the cherye was a flowr,
Thanne hadde it non stoon;
Whan the dove was an ey,
Thanne hadde it non boon.
VII
Whan the brere was unbred,
Thanne hadde it non rinde;
Whan the maiden has that she loveth,
She’s withoute longinge.
traduzione italiana di Cattia Salto
I
Ho una sorellina
lontano oltre il mare
Peri meri dictum domine
e molti sono i pegni d’amore (1)
che lei mi manda.
Partum quartum pare dicentem,
Peri meri dictum domine (2)

II
Mi manda una ciliegia
senza nocciolo
e anche una colomba
senza ossa,
III
mi manda un rovo
senza spine
lei mi dice “Amo il mio amante
senza nostalgia”.
IV
Come può una ciliegia
essere senza nocciolo ?
E come può una colomba
essere senza ossa?
V
Come può un roveto
essere senza spine
e come può chi ama,(3)
essere senza nostalgia dell’amato?
VI
Quando il ciliegio è in fiore
non ha nocciolo,
quando la colomba è un uovo
non ha ossa
VII
quando il rovo non è nato (4)
allora non ha spine,
quando una fanciulla ha colui che ama,
allora è senza nostalgia

NOTE
1) Druries: love-gifts
2) intercalare con parole in latino (anche come perry merry dixie e Pitrum, partrum, paradisi tempore) oppure Piri-miri-dictum Domini
3) Leman: sweetheart
4) Unbred: unborn. Nella nursery rhyme “I had four brothers over the sea” i quattro fratelli portano: a goose without a bone, a cherry without a stone, a blanket without a thread, a book that no man could read, cioè un uovo, un ciliegio, una pecora da tosare e una matrice tipografica da stampare.

I GAVE MY LOVE A CHERRY -Riddle song

I gave my love a cherry è la versione più diffusa negli Stati Uniti e nel Canada, una “modernizzazione” della ballata medievale “I have a yong suster“, se vogliamo un romantico giro di parole per fare una dichiarazione d’amore!

in versione ninna-nanna
Doc Watson 1966 (magica voce e strepitosa chitarra)

I
I gave my love a cherry
that had no stone;
I gave my love a chicken
that had no bone;
I gave my love a baby
with no crying,
And told my love a story
that had no end.
II
How can there be a cherry
that has no stone?
How can there be a chicken
that has no bone?
How can there be a baby
with no crying?
How can you tell a story
that has no end?
III
A cherry when it’s blooming,
it has no stone(1);
A chicken when it’s pipping,
there is no bone(2);
A baby when it’s sleeping,
there’s no crying(3),
And when I say I love you,
it has no end(4).
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Diedi al mio amore una ciliegia
senza nocciolo
diedi al mio amore un pollo
che non aveva ossa
diedi al mio amore un bambino
che non piangeva
diedi al mio amore una storia
senza fine
II
Come può una ciliegia
essere senza nocciolo
Come può un pollo
non avere ossa
Come può un bambino
non piangere
come puoi raccontare una storia
senza un finale?
III
Un ciliegio quando fiorisce
non ha nocciolo
un pollo quando è un embrione
non ha ossa,
un bambino quando dorme
non piange
e quando dico che ti amo,
non c’è fine.

NOTE
1) il fiore del ciliegio non è ancora un frutto
2) un uovo di gallina appena fecondato è un embrione di gallina
3) un bambino che non è ancora nato sta dormendo e quindi non può piangere
4) la più bella dichiarazione d’amore..

GO NO MORE A RUSHING

La canzone “Don’t You Go A Rushing”  è contenuta nel Fitzwilliam Virginal Book (detto Queen Elizabeth’s Virginal Book anche se in realtà la regina Elisabetta non ha mai posseduto il manoscritto) una collezione di musiche da danza databile agli inizi del 1600. Si ritrova anche nel canovaccio del Brimington Mummers’ Play [Derbyshire, 1862] che i Mummers rappresentavano durante le celebrazioni natalizie (vedi).
Con il titolo di Go no More a-Rushing la melodia era probabilmente già popolare all’epoca della Regina Elisabetta I (composta o arrangiata da William Byrd) e si ritrova in varie versioni in manoscritti del XVI e XVII secolo.
Alla “Riddle song” si sovrappone un preludio (del tipo warning song) in cui si scoraggiano le giovani fanciulle ad andare da sole nei boschi a raccogliere giunchi/felci perchè possono perdere la loro verginità.
Un tempo si spargevano i giunchi sui pavimenti delle abitazioni, si facevano tetti, letti, sedie, nasse e reti da pesca, fuscelle per i formaggi e tanto altro, ancora oggi con i giunchi s’intrecciano cestini, si fanno cappelli e a Imbolc si confeziona la croce di Brigid.

Reg Hall Archive, dalle registrazioni raccolte sul campo Jim Wilson dal Sussex 

Conservatasi attraverso la trasmissione orale fino ad arrivare alla versione raccolta da Cecil Sharp dalla signora Eliza Ware a Over Stowey, Somerset il 23 gennaio del 1907

Don’t You Go A Rushing Maids In May
I-Chorus
Don’t you go a-rushing, maids in May
Don’t you go a-rushing, maids I say (pray)
For if you go a-rushing
They’re sure to get you blushing (1)
They’ll steal your rushes away
II
I went a-rushing it was in May
I went a-rushing maids I say
I went a-rushing
They caught me a-blushing
They stole my rushes away
III
He promised me a chicken
without any bone 
Promised me a cherry
without any stone
He promised me a ring
without any rim (2)
He promised me a babe
with no squalling (3)
IV
How can there be a chicken without any bone?
How can there be a cherry without any stone?
How can there be a ring without any rim?
How can there be a babe with no squalling?
V
When the chicken’s in the egg it has no bone
When the cherry’s blooming it has no stone
When the ring is melting It has no rim
When the babe is in the making There’s no squalling
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Non andate a fare giunchi, fanciulle, a Maggio,
non andate a fare giunchi, fanciulle, vi prego,
non andate a fare giunchi
o finirete di sicuro per arrossire ,
e vi ruberanno i giunchi
II
Andai a fare giunchi, a Maggio
Andai a fare giunchi, fanciulle, vi dico
Andai a fare giunchi,
e mi sorpresero ad arrossire
e mi rubarono giunchi
III
Mi hai promesso un pollo
senza ossa,
mi hai promesso una ciliegia
senza nocciolo,
mi hai promesso un anello
che non ha alcun bordo
e mi hai promesso un bambino
che non piange
IV
Come può un pollo essere senza ossa,
come può una ciliegia essere senza nocciolo,
come può un anello essere senza bordo
e come può esserci un bambino che non piange?
VI
Quando il pollo è un uovo è senza ossa;
quando il ciliegio è in fiore è senza nocciolo
quando l’anello è da fare non ha bordo
e quando il bambino è nella pancia non piange

NOTE
1) Una versione alternativa dice:
Go no more a-rushing,
or you’ll fall a-blushing(1)
Bundle up your rushes
and haste away.
scritto anche come “to get a brushing” (prendersi una strigliata). Andare nella brughiera o nel bosco per raccogliere steli ed erbe poteva risultare molto pericoloso per le fanciulle perchè rischiavano incontri con elfi poco raccomandabili continua
2) oppure “that has no rim at all”[che non ha alcun bordo]
3) un verso alternativo dice: And you promised me a bird without a gall [mi hai promesso un uccello
senza fiele] la risposta all’indovinello How can there be a bird that hasn’t got a gall? è “the dove it is a bird
without a gall, la colomba simbolo di pace e amore era considerata un animale molto puro. Quando si parla di una persona buona si dice che è: “senza fiele come la colomba” poiché questo animale è privo di cistifellea.

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/captain-wedderburn.html
http://www.presscom.co.uk/talesparts/tales5.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/597.html
http://www.8notes.com/scores/6048.asp?ftype=gif
http://www.mamalisa.com/?t=hes&p=1545
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=6899
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=9589
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=99125
http://mainlynorfolk.info/cyril.tawney/songs/iwillgivemyloveanapple.html

http://www.1st-stop-county-kerry.com/rushes-in-folklore.html
https://www.irishtimes.com/culture/books/straw-hay-and-rushes-in-irish-folk-tradition-by-anne-o-dowd-art-and-craft-1.2489692
http://www.fondazioneterradotranto.it/2012/10/19/larte-di-intrecciare-il-giunco-ad-acquarica-del-capo-ii-parte/
https://www.cdsconlus.it/index.php/2016/09/29/cultura-e-tradizioni-in-valle-di-comino-larte-del-costruir-fuscelle/
http://www.contemplator.com/england/rushing.html
http://www.folkplay.info/Texts/86sk47rs.htm
http://www.folktunefinder.com/tune/161727/
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/dontyougoarushing.html

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.