Crea sito
Terre Celtiche Blog

Ratto al Ballo/Ël Fiöl Del Re

Ratto al Ballo

“Ratto al Ballo” è una ballata piemontese raccolta da Costantino Nigra al numero 16, conosciuta in Emilia Romagna con il titolo “Sotto l’albero del Piemonte”.
La bella del Ratto oltre ad essere bellissima, ha pure una voce d’angelo e incanta nientemeno che il figlio del Re, peccato che sia già sposata!
Come nella Fiaba Cenerentola il Re organizza un gran ballo a corte, a cui invita tutte le donne del villaggio. Appena lei entra nella sala da ballo, il principe l’invita alla danza e poi invece di portarla in giardino come nella fiaba, se la porta in camera. Marito e figli son presto scordati.

Senonchè passeggiando un dì in riva al mare la bella (ri)vede i suoi bambini che la chiamano “Mamma”. Lei presa dalla vergogna e dal dispiacere si butta in mare e annega.
O almeno questa è una delle 7 lezioni del “Ratto al Ballo” trascritte dal Nigra nella sua raccolta “Canti popolari del Piemonte”.

“Ratto al Ballo” condivide il tema base della  “fanciulla sulla spiaggia” in cui il predatore non è più il marinaio o il corsaro, Il Marinaio (“Marinar che vai per mar”) o il Corsale/ il Corsaro ( “O marinar de la marina”).
E il richiamo corre all’Amante Demoniaco (House Carpenter). Nel Ratto il mare è in sottofondo, sulla riva del mare la bella canta, come sirena ammaliatrice e nel mare si affoga alla fine. Non manca il dettaglio macabro dei pesci che banchettano con il suo corpo e ne fanno scempio (una punizione divina?).

Ratto al Ballo: Il Folk Revival

Il Ratto al Ballo nel Folk revival piemontese degli anni 70-80 riprende però la versione cantata da Teresa Viarengo (Asti) e inclusa nella raccolta “Cantè Bergera” di Roberto Leydi.

Cantovivo in La Lüna E ‘L Sul 1983

Sandra Mantovani & Bruno Pianta in Servi, baroni e uomini (Serfs, Barons and Freemen) 1970

El fiöl del re s’a l’a dait ün bal, (x2)
e per le dònne maridà e da maridé,
o ca na vènu tüte quante.
La béla j dis a so marì: (x2)
“O ma lasémi ‘ndé al ballo.”
La béla j dis a so marì
“O ma lasémi ‘ndé al ballo.”

“O ti al bal ti t’ n’andaréi pa, (x2)
sa l’é che ti t’ n’riturnéi mia.”
ti al bal ti t’ n’andaréi pa
sa l’é che ti t’ n’riturnéi mia.”

“j autri ‘ndaràn, j autri riturneràn, (x2)
mi na farö cum a fan jautri.”
j autri ‘ndaràn, j autri riturneràn
mi na farö cum a fan jautri.”


Quand a l’é staita là ‘n s’el bal
el fiöl del re o ca l’à vista,
j à fa-i dé d’un gir o dui
e pöi sa l’à menala ‘n stansa.
“Cuz na dirà el me marì,
o ca m’ ved pa pü ‘ndé casa?”
Pensè pa pü per el vost marì,
o ma pensé d’avèine ‘n altro.”
“Cuz na diràn le mie masnà
o ca m’ vedran pa pü ‘ndé casa?”
“Pensé pa pü per i vost maznà,
o ma pensé d’avèine di autri
Ampò pü. bei, ampo’ pü grasiùs,
o ma ca j asmìu al re di Fransa.”

A l’à menala a pasegé
e sulla riva dello mare.
Quand a l’è staita ‘n riva al mar
o s’à s’è sentisi ciamé “mama”.
E per la gran disperasiùn
o ma s’à s’élu campà dèntro.
El fiöl del re l’à fala cerché
e cun el ciar e la lüméa.
A l’àn truvala in mez al mar
o che dai pesc l’éra mangéa.

Il figlio del re ha dato un ballo
per le donne sposate e da sposare
o che venissero tutte quante.
La bella ha detto al marito:
“O ma lasciatemi andare al ballo”
La bella ha detto al marito:
“O ma lasciatemi andare al ballo”

“O tu al ballo non andrai mica,
perchè non ritorneresti più!”
tu al ballo non andrai mica,
perchè non ritorneresti più!

“Le altre andranno e le altre ritorneranno,
e io farò come fanno le altre”
Le altre andranno e le altre ritorneranno,
e io farò come fanno le altre

Quando la bella è stata sul ballo
il figlio del re che l’ha vista
le ha fatto fare un giro o due
e poi l’ha portata in stanza.
“Cosa dirà mio marito (1)
che non mi vedrà più andare a casa?”
“Non pensate più a vostro marito
ma pensate ad averne un altro”
“Cosa diranno le mie bambine
che non mi vedranno più andare a casa?”
“Non pensate più ai vostri figli
pensate ad averne altri
un po’ più belli e più graziosi
che assomiglino al re di Francia”

L’ha portata a passeggiare
sulla riva del mare
Quando è stata in riva al mare
si è sentita chiamare “Mamma”
E per la grande disperazione (2)
si è buttata dentro
Il figlio del re l’ha fatta cercare
con la luce della lanterna
l’hanno trovata in mezzo al mare
che dai pesci era mangiata

NOTE -traduzione italiana Cattia Salto
in questa versione del Ratto al Ballo manca la strofa iniziale in cui il figlio del re sente la bella cantare in riva al mare e decide di prenderla come sposa. Ora il Piemonte non è una regione affacciata sul mare, ma nel Medioevo Piemonte e Liguria erano una cosa sola. D’altra parte il Principato di Piemonte (1424) si estendeva con la contea di Nizza proprio sul mare. L’annessione della Liguria al Regno di Sardegna risale al 1815.
1) la bella non poteva certo dir di no al futuro re, volente o nolente, ciò che il re desidera è un ordine. Possiamo solo immaginarci la fine che avrebbe fatto il marito se la bella non avesse ceduto!
2) la donna ha subito un “rapimento” e contro la sua volontà è stata separata da marito e figli

An su la riva

Le versioni B, D ed E del Nigra oltre ad essere molto simili portano la dicitura “Ritornello La-ra” così nell’arrangiamento di Cantovivo.

Cantovivo Il canzoniere del Piemonte (voce Donata Pinti)

An su la riva delo mare a j’è na dòna che canta la-ra
Il fiöl del re dis ai so scudie “Chi l’è c’la dòna che canta?”
“Béla che canta fa pa per vüi, l’è dòna marideja”
“Maridà o da maridè, la voi ai me cumandi”
El fiöl del re fa de d’ ‘n bal per dòne marideje.

La béla ej dis a so marì “lasémi ‘ndé cun j autre”
“Se vui andè turneri pa, li sei pù béla che j aurte”
Quan che la béla l’è stait sul bal el fiöl del re l’à vista
na faje fe dui o tre gir pöi l’à mnala ‘n ‘la sua stansa.
“Cosa diran le mie masnà chi vag  pù nèn a casa”
“Pensè pa pì a le vostre masnà, pensè d’avèine d’l autre

Se le da li dui o tre dì, l’à mnala ‘nd riva al mare
l’avia mac fait dui o tre pas ad sent ciamè “mama”
L’à fait el segn d’la Santa Cruz e ‘n tal mar se campeja
“Sia maledet, maledet l’amur di dòna marideia”

Sulla riva del mare c’è una donna che canta
Il figlio del Re dice ai suoi scudieri “Chi è la donna che canta?” “La bella che canta non fa per voi è sposata”
“Sposata o da sposare la voglio a mia disposizione”
Il figlio del re ha dato un ballo per le donne sposate

La bella dice al marito “Lasciatemi andare con le altre”
“Se andrete, non ritornerete più, che siete la più bella di tutte”. Quando la bella fu al ballo il figlio del re l’ha vista
le fa fare due o tre giri, poi l’ha portata nella sua stanza.
“Cosa diranno le mie figlie, che non ritorno più a casa”
“Non pensate più alle vostre figlie, pensate d’averne altre”
Da lui a due o tre giorni, l’ha portata in riva al mare
dopo pochi passi si è sentita chiamare “Mamma”.
Si è fatta il segno della croce e si è gettata nel mare. “Sia maledetto l’amore di donna sposata”

NOTE – trascritta all’ascolto prima stesura da rivedere -traduzione italiana Cattia Salto
tutta la prima stanza ha le frasi raddoppiate, il canto poi prosegue verso dopo verso

La Ciapa Rusa in “Faruaji” (1988) testimonianza raccolta in Alta Valle Borbera

Adré la riva o de lo mar sel ghé la bela che la canta
da là ‘l ghé passa ‘l fieul del re e ‘l dis “chi è che canta?” “Quella che canta l’è nen per voi l’è dona maridata”
“o maridata o ‘ncò da maridé la veuj per la me sposa”.
‘l fieul del re la da un festin per donne maridate.
Quand che la bela entra al festin ‘l re la subit vista.
Lui l’ha ciapà per ij sò man bianch
e ‘l g’ha fai far na dansa,
quand che la dansa l’è staj finì
la men-na ant la sò stansa.

“Cosa dirà il mio marì che mi vagh pu a casa”
“Penseji nen a vostro marì
pensej l’avejno d’altar”
“Cosa diranno i mei cari fiolin
che mi vagh pu a casa”
“Penseji nen ai vostri fiolin pensej l’avejno d’altar”

“l’è tanto che mi son chi portemi un po’ a passeggio!” Quand che la bela la entra ‘n passeggio
sente una voce che chiama
“sarà la vos de miei cari fiolin
o che mi chiaman mama.
‘ndé pure a ca i miei cari fiolin
son pu la vostra mama”
‘lora la bela l’ha dait un crij e si gettò nell’onda
‘lora la bela l’ha dait un crij e si gettò nell’onda.

Sulla riva del mare c’è la bella che canta
di là passa il figlio del re e dice “Chi è che canta?”
“Quella che canta non è per voi, è una donna sposata”
“Maritata o ancora da sposare la voglio come moglie”
Il figlio del re ha dato una festa per le donne sposate.
Non appena la bella entra al ballo il re subito la vede.
La prende per le bianche mani
e le fa fare un giro di danza
appena la danza è finita
la porta nella sua stanza.

“Cosa dirà mio marito che non vado più a casa?”
“Non datevi pensiero di vostro marito,
ma pensate ad averne un altro”
“Cosa diranno i miei cari bambini
che non vado più a casa?”
“Non penate ai figli, pensate di averne altri”.

“E’ da tanto che sono qui, portatemi un po’ a passeggio”
Appena la bella entra nella passeggiata
sente una voce che la chiama
“Sarà la voce dei miei cari bambini
che mi chiamano mamma!
Andate pure a casa miei cari figlioli,
non sono più la vostra mamma!”
Allora la bella diede un lamento e si gettò nell’onda.
Allora la bella diede un lamento e si gettò nell’onda.

NOTA – Traduzione italiana Cattia Salto

Sotto l’albero del Piemonte

La Piva dal Carner in La Pègra a la mateina la bèla e la sira la bala (Canti e balli d’Emilia) 1995
Franco Morone · Raffaella Luna
Canti Lontani Nel Tempo 2013
I Cerchi Magici

Sotto l’albero (1) del Piemonte, c’è una donna là che canta- Sotto l’albero del Piemonte, c’è una donna là che canta
Tanto ben che la canteva, Fiol dal re s’inamoreva – Tanto ben che la canteva, Fiol dal re s’inamoreva
“Chi è la donna là che canta,” “L’è una donna del Piemonte”
“Chi è la donna là che canta,” “L’è una donna del maritata”
“Maritata non maritata, Io la voglio far mia sposa”- Maritata non maritata, Io la voglio far mia sposa.

Fiol dal re darà una festa per le donne maritate – Fiol dal re darà una festa per le donne maritate
“O marito marito mio alla festa voglio andare”- O marito marito mio, alla festa voglio andare
“Tutti vanno e poi ritornan tu sei bella e non ritorni” – Tutti vanno e poi ritornan tu sei bella e non ritorni
“Ritornare non ritornane Alla festa voglio andare” – Ritornare non ritornane Alla festa voglio andare

Quando fu ‘n mezzo alla festa Fiol dal re l’ha conosciuta
Quando fu ‘n mezzo alla festa L’ha porteda in cambra sua
“Che diranno i miei bambini Che non vedon la sua mamma” – Che diranno i miei bambini Che non vedon la sua mamma
“Lesa stèi tuoi bambini Pensa pur d’averan d’iètar” – Lesa stèi tuoi bambini Pensa pur d’averan d’iètar
“Più bellini e più carini E padroni di tanta roba” – Più bellini e più carini E padroni di tanta roba

NOTE il testo è italianizzato e comprensibile senza una traduzione
1) Il mare è sparito e la bella canta sotto ad un albero

LINK
https://www.piemunteis.it/wp-content/uploads/16.-Ratto-al-ballo.pdf
https://www.umbc.edu/eol/magrini/mag-mus7.html
http://www.bovisaincanta.it/Canzoni/SottoAlberoPiemonte.pdf

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.