Crea sito
Terre Celtiche Blog

The gardener: A Flower Blossoms for its own Joy (“Un fiore sboccia per la propria gioia”)

“The gardener” is a scottish ballad collected by Professor Child at number 219 in only two versions; it is also known with the titles of “Proud Maisrie”, “Lady Maisrie” and “The Girdener Child” (The gairdener chyld).

“The gardener” è una ballata tradizionale scozzese collezionata dal professor Child al numero 219 in sole due versioni; si conosce anche con i titoli di “Proud Maisrie”, “Lady Maisrie” e “The Gardener Child” (The gairdener chyld).

“A Flower Blossoms for its own Joy”

Oscar Wilde

Roud 339 ; Child 219 ; G/D 4:840 ; Ballad Index C219 ; trad.]

The rose is not only “a rose”

In the oldest traditional ballads, flowers and herbs are a magic language that is well codified and full of meanings, that has gradually become impoverished and trivialized, except for one last great splendor, the nineteenth-century florigraphy used to communicate feelings in social and loving relationships.

In traditional ballads, the rose is not only “a rose” but is the symbol of amorous passion; the allusion to the most intimate and secret flower of women.The girls were educated to preserve themselves chaste in sight of their marriage, but their own naivety could easily make them fall prey to the scoundrels, who with false marriage promises, induced them to grant their “pledge of love”; that’s why the roses in Celtic songs are associated with misfortune and indicate a pregnancy in progress: “picking the rose” is a euphemism for the sexual act that bore her thorns, the girls bitterly were repented of having given their flower to a man not worthy of their trust, who after having enjoyed himself, abandoned them (often leaving them with an inappropriate pregnancy because he didn’t marry)! The rose therefore symbolizes the loss of virginity and with it innocence and trust in a (male) world that is not what it seems! 

La rosa non è solo “una rosa”

Nelle ballate popolari più antiche fiori ed erbe sono un linguaggio magico ben codificato e ricco di significati che si è andato man mano a impoverire e a banalizzare, tranne un ultimo, grande splendore, la florigrafia ottocentesca utilizzata per comunicare i sentimenti nelle relazioni sociali e amorose.

Così nelle ballate la rosa non è solo “una rosa” ma è il simbolo della passione amorosa; l’allusione al fiore più intimo e segreto della donna. Sebbene un tempo le fanciulle fossero educate a preservarsi caste e pure fino al matrimonio, la loro stessa ingenuità le poteva far cadere facile preda dei mascalzoni, che con false promesse matrimoniali, le inducevano a concedere il loro “pegno d’amore”; così le rose nelle canzoni celtiche sono associate alla sfortuna e stanno a indicare una gravidanza in atto: “cogliere la rosa” è un eufemismo per l’atto sessuale che portava le sue spine, le fanciulle si pentivano amaramente di aver dato il loro fiore ad un uomo non degno della loro fiducia, il quale dopo essersi divertito, le abbandonava (spesso lasciandole con una gravidanza inopportuna perchè non ricondotta nell’alveo del matrimonio)! La rosa simboleggia quindi la perdita della verginità e con essa l’innocenza e la fiducia verso un mondo (maschile) che non è quello che sembra!  (continua)

THE GARDENER (CHILD # 219)

The Text of this pretty little song [“The gardener”] is taken from Kinloch’s MSS., where it is in James Beattie’s handwriting. In Five Excellent New Songs, printed at Edinburgh in 1766, there is an older but much corrupted version of this song, confused with two other songs, a ’Thyme’ song and the favourite ‘I sowed the seeds of love.’
It is printed as two songs, The New Lover’s Garland and The Young Maid’s Answer, both with the following refrain:—
‘Brave sailing here, my dear,
And better sailing there,
And brave sailing in my love’s arms,
O if I were there!’
(from here)

“Il testo di questa canzoncina [“The gardener”] è tratto dal Manoscritto di Kinloch, scritto di propria mano da James Beattie. In “Five Excellent New Songs”, stampato a Edimburgo nel 1766, c’è una versione più vecchia ma molto corrotta di questa canzone, confusa con altre due canzoni, una sul ‘Timo’ e la favorita ‘I sowed the seeds of love’.
È stampato come due canzoni, The New Lover’s Garland e The Young Maid’s, entrambe con il seguente ritornello: –
‘Brave sailing here, my dear,
And better sailing there,
And brave sailing in my love’s arms,
O if I were there!’

How many different ways can I say “NO”?

“The gardener” offers itself to different interpretations: the most immediate is the denial of a girl to the loving gallantry of a “gardener” who would like to cover her from head to toe with summer flowers if she agreed to become his bride (to have sex) ; but she rejects him answering him in tone and in an ironic way: to cool her hot spirits, she will instead sew him a winter dress!
But often the damsels in the folk ballads do not adapt to the modalities of moral and social conventions and even this version preserves that sexual ambiguity already detected in another ballad “The Twa magicians“. It is no coincidence that the opening stanza opens almost symmetrically, only that instead of the blacksmith we have in “The gardener” a gardener! So we can read this ballad as an alchemical play between masculine and feminine, a “physical” love chase, with a lot of murky and mysterious that the unveiling of sexuality entails.

The gairdener chyld (Ewan McColl)

It was from Ewan MacColl‘s recording (1956) that the melody was associated with the text (as he had heard it sung by his mother, with additional stanzas from Greig’s Last Leaves of Traditional Ballads and Ballad Airs)

The Gairdener Chyld · Ewan MacColl · Peggy Seeger in Classic Scots Ballads
Bert Jansch – The Gardener

Lady Maisery is a newly formed group composed of Hannah James (Kerfuffle, duo with Sam Sweeney), Hazel Askew (The Askew Sisters, The Artisans) and Rowan Rheingans (Fidola)
A hypnotic interpretation, almost the ritual of a spell, obtained from the wise texture of the voices and from the repeated and obsessive use of the harp in which the accordion creeps in a dark tone.

Lady Maisery in Wave and Spin 2011

“The gardener” si presta a diverse chiavi di lettura: la più immediata è quella del diniego di una fanciulla alle  galanterie amorose di un “giardiniere” il quale vorrebbe ricoprirla da capo a piedi con i fiori dell’estate se lei accettasse di diventare la sua sposa; ma lei lo respinge rispondendogli a tono e in modo ironico: per raffreddare i suoi bollenti spiriti sarà invece lei a cucirgli un abito invernale!
Ma spesso le donzelle nelle ballate non si adeguano alle modalità delle convenzioni morali e sociali e anche questa versione conserva quell’ambiguità sessuale già rilevata in un’altra ballata “The Twa magicians“. Non a caso la strofa d’inizio si apre quasi in modo simmetrico, solo che al posto del fabbro in “The gardener” abbiamo un giardiniere! Quindi possiamo leggere la ballata come un gioco alchemico tra maschile e femminile, una caccia d’amore intesa in senso fisico, con quel tanto di torbido e misterioso che lo svelarsi della sessualità comporta.

The gairdener chyld (Ewan McColl)

Fu dalla registrazione di Ewan MacColl (1956) che si associò la melodia con il testo (così come l’aveva sentito cantare dalla madre con con strofe aggiuntive da Last Leaves of Traditional Ballads and Ballad Airs di Greig)

Davy Graham & Shirley Collins
in  Folk Roots, New Routes 1964 -“Proud Maisrie”
June Tabor in “A Quiet Eye” (1999) -un capolavoro
(I, II, III,VII, VIII)

Lady Maisery è un gruppo di recente formazione composto da Hannah James (Kerfuffle, duo con Sam Sweeney), Hazel Askew (The Askew Sisters, The Artisans) e Rowan Rheingans (Fidola)
Un’interpretazione ipnotica, quasi il rituale di un incantesimo, ottenuta dalla sapiente tessitura delle voci e dall’uso ripetuto e ossessivo dell’arpeggio nel quale s’insinua l’organetto con un tono cupo.

Steeleye Span in Dodgy Bastards 2016

I
Proud Maisrie stands at her faither’s door (in the bower door)
As straight’s a willow wand
and side her came a gardener child
And a red rose in his hand, his hand.
II (1)
“It’s you shall hae my rose (2), fair maid,
Gin ye’ll gie yer floo’r tae me
And amang the floo’rs in yer faither’s yard
I’ll make a goon for thee
III
“The lily white shall be yer smock
becomes yer body neist (neat)
The marigold shall be yer stays
And a red rose at yer briest (3)
IV (4)
“Yer goon shall be the smellin’ thyme
And yer petticoat camowine
And yer apron o the soladine
come kiss, sweetheart, and join.
V
“Yer gloves shall be o’ the clover flower (5)
That springs in the yonder lawn
And I’ll them wi’ the blue blaewort (6)
That grows among corn land “
VI
“Yer shoon will be o’ yon red rue (7)
That grows in the garden fine
And I’ll them wi’ the tapitan (8)
so join, your love with mine
VII (9)
“Since you hae made a goon for me
Amang the simmer floo’rs
I will mak’ a suit for thee
Amang the winter shoo’rs.
VIII (10)
“The milk-white snaw shall be yer sark
And lie yer body neist
The mirk black rain shall be yer coat
A wind gale at yer briest.
IX
“The horse (steed) that ye shall ride upon
shall be the winter snell (cherry gale) (weather grey)
And I’ll bridle him wi’ some norland blasts
And some sharp shoo’rs o’hail. (11)
X
“The bonnet (hat)’s that be upon yer heid
shall be the southron grey
And every time that ye pass by
I’ll wish ye were away (12).

NOTE
1) Lady Maisery
“O lady can you fancy me,
for to be my bride
among the flowers in my garden
I’ll shape a weed for thee.

2) the offer of the red rose is the request for a sexual relationship, it is an exchange between the flower of male passion and the rosy flower of the woman. It is a test since the figure of the gardener is ambiguous, sometimes a paternal surrogate or a tempting lover
3) Lady Maisery and June Tabor
your head shall be the gillyflower
with a primrose at your breast.

4) Lady Maisery and June Tabor
“Your gown shall be of the sweet-william (scented thyme,),
Your petticoat chamomile.
Your apron of the salads neat
That taste both sweet and fine.”

5) Lady Maisery
Your gloves shall be the marigold
All glittering to your hand
6) and well spread over with the blue blaewort= blawort
7)  I do not understand why red, rue flowers are yellow and even the evergreen leaves do not turn red in autumn; perhaps because of the stem that after a couple of years becomes woody. In Ukraine a popular legend tells the rue turns red (Chervona Ruta) on the day of the summer solstice and only for a few minutes, the girl who manages to find the red flower of the rue will be happy in love.
8) ??
9) Lady Maisery and June Tabor (exept [])
[“Oh farewell young man -she said
farewell and I bid adieu]
Since you have shaped a weed (gown) for me
Among the summer flowers,
It’s I will pay (repay) you back again
among the winter showers

10) Lady Maisery and June Tabor
The new-fallen snow shall be your shirt
becomes (and lie) your body neat,
The cold (mirk
) black rain shall be your coat
with a wind-gale at your breast.

11) Lady Maisery
Well bridled with the norland glass
And cold, sharp showers of hail.
12) Lady Maisery and June Tabor
And when you come into my sight
I’ll wish you were away.”

I
L’orgogliosa Maisrie era alla porta di casa,
dritta come una bacchetta di salice
e lì accanto venne un giovane giardiniere,
con una rosa rossa in mano, in mano,
una rosa rossa in mano
II
“Se prenderai la mia rosa, bella fanciulla,
mi darai il tuo fiore
e con i fiori nel campo di tuo padre
ti farò un vestito.
III
Il bianco giglio sarà la camiciola
e diventerà il tuo corpo chiaro,
il tagete (o calendula) sarà la tua testa
e una rosa rossa al seno.
IV
Il tuo abito sarà di timo odoroso
e la sopravveste di camomilla,
il grembiule di insalata fresca,
vieni dammi un bacio, amore mio e uniamoci.
V
I guanti saranno di fiori di trifoglio
che fioriscono nel prato
e ci metterò il blu fiordaliso
che cresce tra i campi di grano.
VI
Le scarpe saranno della ruta
che cresce nel bel giardino
e li farò con il “tapitan”,
così unisci il tuo amore al mio.”
VII
“Poiché avete fatto un vestito per me
tra i fiori dell’estate,
io vi contraccambierò
con i rigori invernali.
VIII
La neve bianco-latte sarà la vostra camicia
e diventerà il vostro bel corpo,
la fredda pioggia scura sarà il vostro cappotto
con la tramontana al vostro petto.
IX
Il destriero che cavalcherete
sarà un vento allegro
e lo imbriglierò con il ghiaccio del Nord
e i freddi ghiaccioli di grandine.
X
Il cappello che sarà sulla vostra testa
sarà dell’averla
e ogni volta che mi passerete davanti
io vorrò che ve ne andiate”

NOTE traduzione italiana Cattia Salto
1) Lady Maisery dicono
“O signora vorresti farmi l’onore
di essere la mia sposa?
Tra i fiori nel mio giardino
farò un vestito per te!”

2) l’offerta della rosa rossa è la richiesta di un rapporto sessuale, si tratta di uno scambio tra il fiore della passione maschile e il roseo fiore della donna. Si tratta di un test essendo la figura del giardiniere ambigua talvolta surrogato paterno oppure amante tentatore
3) Lady Maisery e June Tabor dicono
la testa sarà il garofano
con una primula sul seno.

4) Lady Maisery e June Tabor dicono
Il tuo abito sarà il garofano dei poeti (il timo profumato)
la sopraveste di camomilla
il grembiule d’insalata fresca
dal gusto dolce e raffinato

5) Lady Maisery dicono
I guanti saranno di calendula
che brilleranno sulla mano

6) e ben si ripartiranno con il blu fiordaliso
7) Non capisco perchè ruta rossa, i suoi fiori infatti sono gialli e anche le foglie sempreverdi non virano al rosso in autunno; forse per via del fusto che dopo un paio d’anni diventa legnoso. In Ucraina è ancora diffusa una leggenda popolare in cui la ruta diventa rossa (Chervona Ruta) nel giorno del solstizio d’estate e solo per pochi minuti, la ragazza che riuscirà a trovare il fiore rosso della ruta sarà felice in amore.
8) non ho trovato un equivalente floreale forse un refuso o una parola che tutti gli scozzesi conoscono
9) Lady Maisery e June Tabor (eccetto[]) dicono
[“Oh addio giovanotto – lei disse
arrivederci e addio]
poiché avete fatto un vestito per me
tra i fiori dell’estate
io vi contraccambierò
con i rigori invernali

10) Lady Maisery e June Tabor dicono
La neve appena caduta sarà la vostra camicia
11) Lady Maisery dicono
ben imbrigliato con il ghiaccio del Nord
e i freddi ghiaccioli di grandine

11) Lady Maisery e June Tabor dicono
e quando verrete al mio cospetto
vorrò che vi allontaniate

Blodeuwedd

Inevitably the thought goes to the “Bride of flowers“, the Blodeuwedd of Welsh mythology, “from the appearance of flowers” means her name, composed of blodeu, which means flowers and gwedd, face or appearance,(Bloddeuwedd= flower-face) she is the non-human bride for Llew Llaw Gyffes who would never have become king because the curse from his mother prevented him from marrying a mortal woman. Blodeuwedd was magically created with nine flowers: bean, broom, burdock, meadowsweet, primrose, nettle, hawthorn, oak, and chestnut.

Blodeuwedd
Christopher Williams, Blodeuwedd, 1930

Blodeuwedd represents the maiden-earth that legitimizes male sovereignty in the sacred marriage but is also the most instinctive and ancestral feminine nature, the free and never subdued wild woman who lives according to her essence.
The story continues with a typical Celtic triangle, she falls in love with Goronwy and tries to get rid of her husband Llew, who could only be killed in a single and very specific way: not during the day nor at night, not at home or outside , not on horseback or on foot, not dressed and not even naked and above all not by a normal weapon.
A puzzle typical of many fairy tales in which impossible feats must be carried out in order to get a prize (marriage with the son or daughter of the king, half of the kingdom .. the death of the husband ..)

The solution to the riddle is quite simple: Llew would have been killed only at dusk, wrapped in a fishing net, with one foot on a cauldron and the other on a goat . The trick was to convince him to do that! Goronwy killed him with a weapon forged during the holy hours when such work was forbidden!
Llew was turned into an eagle and at the end of the story will kill Goronwy. Blodeuwedd as punishment is turned into a little owl/barn owl.

Inevitabilmente il pensiero corre alla “Sposa di fiori“, la Blodeuwedd della mitologia gallese, “dall’aspetto dei fiori” vuol dire il suo nome, composto da blodeu, che significa fiori e da gwedd, viso o aspetto; è la sposa non umana per Llew Llaw Gyffes che non sarebbe mai diventato re perché la maledizione dalla madre gli impediva di sposare una donna mortale. Blodeuwedd venne creata magicamente con nove fiori, bardana, regina dei prati, primula, fiore del fagiolo bianco, biancospino, ginestra, ippocastano, quercia e ortica.

Alan Lee Blodeuwedd
Alan Lee: il mago Gwydion (con l’aiuto di Math) crea “la Donna di Fiori” per il nipote Llew

Blodeuwedd rappresenta la fanciulla-terra che nel sacro sposalizio legittima la sovranità maschile ma è anche la natura femminile più istintiva e ancestrale, la donna selvaggia libera e mai assoggettata che vive in base alla sua essenza.
La storia prosegue con un tipico triangolo celtico, lei si innamora di Goronwy e cerca di sbarazzarsi del marito Llew, il quale poteva essere ucciso solo in un unico e ben preciso modo: non di giorno e né di notte, non in casa e né fuori, non a cavallo e né a piedi, non vestito e nemmeno nudo e soprattutto non da una normale arma.
Un rompicapo tipico di molte fiabe in cui si devono compiere delle imprese impossibili per poter ottenere un premio (il matrimonio con il figlio o la figlia del re, metà del regno.. la morte del marito..)

La soluzione dell’enigma è abbastanza semplice: Llew sarebbe stato ucciso solo al crepuscolo, con un piede su di un calderone e l’altro su di una capra avvolto in una rete da pesca. L’astuzia fu quella di convincerlo a mettersi in posa così che Goronwy, potesse colpirlo con un’arma forgiata durante le ore sacre quando un simile lavoro era vietato!
Llew venne trasformato in un aquila e alla fine della storia riuscì a uccidere Goronwy. Blodeuwedd per punizione venne trasformata in un barbagianni (o civetta).

Damh The Bard: Blodeuwedd (rimando al mio secondo blog, solo in italiano “Tempo da gufi)

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/fiori-erbe-buone-maniere-e-pruderie-nelle-antiche-ballate.html
http://www.digitalmediatree.com/arboretum/gairdner/
http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/proudmaisrie.html http://mysongbook.de/mtb/r_clarke/songs/gardener.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=8022
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=4430
http://www.ynis-afallach-tuath.com/public/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=166
https://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Blodeuwedd.htm

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.