Crea sito
Terre Celtiche Blog

Fair Ann, Patient Annie (Anna la bella, Anna la paziente)

Una storia generata agli albori del Medioevo è diventata una ballata popolare ancora cantata nei circuiti folk odierni per lo più britannici ma anche scandinavi, con il titolo di Fair Ann ( in Svedese Skon Anna); la sua divulgazione nei “salotti” d’Europa fu relativa alla trascrizione di Maria di Francia della materia di Bretagna (o celtica che dir si voglia) in lingua anglo-normanna.A story generated at the dawn of the Middle Ages has become a popular ballad still sung today in mostly British but also Scandinavian folk circuits, with the title of Fair Ann (in Swedish Skon Anna); its disclosure in the courts of Europe was related to the transcription of Marie de France of the matter of Brittany (or Celtic if you prefer) in Anglo-Norman language.

Lai de Frêsne

A causa di un parto gemellare, Fresne (in italiano Frassino) è abbandonata davanti alla porta di un convento, avvolta nella classica copertina (che alla fine rivelerà le sue nobili origini) e con un bracciale d’oro al polso. Accolta dalla famiglia di Goron (Guroun) ne diventa l’amante. Ma al momento di scegliere una sposa per il futuro della dinastia, il matrimonio è combinato con una ricca dama conosciuta con il nome di La Codre (il nocciolo). Nell’agnizione finale si scopre che le due donne sono sorelle.
L’intreccio della storia prende l’avvio dalla credenza medievale che il parto gemellare rivelerebbe la natura sessualmente riprovevole della donna. Nei tempi antichi e per tutto l’Evo di Mezzo era frequente l’abbandono di uno dei due gemelli per evitare l’accusa di adulterio: si abbandonavano i neonati nei campi o affidandoli al fiume oppure deponendo la loro cesta di fronte alle chiese o ai conventi.
Il finale però è un lieto fine: come nelle fiabe l’eroina deve dimostrare il proprio valore nonostante le avversità e alla fine riceve la sua ricompensa, il matrimonio viene annullato, Fresne sposa l’uomo che amava devotamente, ricevendo in dote la sua parte di eredità. La gemella ritorna a casa e anche lei si sposa. .
Il lai viene tradotto in inglese antico nel romance “Lay le Freiene.” (XIV secolo)
For a twin birth, Fresne (in english “Ash tree”) is abandoned in front of the door of a convent, wrapped in a rich cover and with a gold bracelet on the wrist ( mementos attesting to her noble origins) . Welcomed in the Goron family (Guroun), she becomes her lover. But when choosing a bride for the future of the dynasty, marriage is combined with a rich lady known as La Codre (the hazel tree). In the final recognition it turns out that the two women are sisters.
The interweaving of history begins with the medieval belief that the twin birth would reveal the sexually reprehensible nature of the woman. In ancient times and throughout the Middle Ages it was common to abandon one of the twins to avoid the accusation of adultery: they abandoned the newborns in the fields or entrusting them to the river or depositing their basket in front of the churches or convents.
The ending, however, is a happy ending: as in fairy tales the heroine has to show her worth despite adversity and eventually receives her reward, the marriage is canceled, Fresne marries the man she loved devoutly, receiving as a dowry her share of inheritance. Her twin returns home and she too gets married.
This lai is translated into ancient English in the romance “Lay le Freiene.” (XIV century)

The Clerk’s Tale
[Il racconto del chierico]

La storia trova eco anche nella novella del Boccaccio (ultima novella del Decamerone) alla quale si ispirò Goffrey Chaucer per i Racconti di Canterbury (nona novella “The Clerk’s Tale”): l’umile Griselda si sottomette in tutto e per tutto alla volontà del marito accettando come prova d’amore l’omicidio dei due figlioletti nati nel frattempo e infine l’essere ripudiata per una donna più giovane e ricca.The story is also echoed in the novella of Boccaccio (the last one of the Decameron) which has inspired Goffrey Chaucer for his Canterbury Tales: a tale of wifely obedience with the humble Griselda submitting herself in all respects to the will of the husband (accepting the murder of their two son born in the meantime and of being despiced for a younger and richer woman.)

W. Russell Flint: Griselda (madre e figlia nell’agnizione finale)

Fair Annie

Una versione di Fair Annie è trascritta nel “Reliques of Ancient Poetry” di Thomas Percy e il professor Child include la ballata (10 testi # 62), nella sua poderosa raccolta; la storia richiama peraltro un’altra ballata “Fair Margaret and Sweet William” (Child ballad #74) ma anche Lord Thomas & fair Eleanor (Annett)  (Child ballad #73) a tal punto da poter considerare queste come varianti della prima.
La versione più attuale della ballata ci viene da Peter Bellamy che negli anni 1980 adattò la trascrizione anglicizzata di Bronson (“Tradition Tunes of the Child Ballads”), versione diventata punto di partenza dei successivi folk-singer.
Nella versione tramandata nelle Isole Britanniche la fanciulla è rapida da un cavaliere venuto dal mare, il cui ruolo nel racconto è tuttavia variamente delineato dai cantastorie: nella versione diventata standard è un predatore che costringe la sua cortigiana a diventare una “serva” della nuova ricca moglie. Annie è una specie di Cenerentola relegata nella soffitta del castello con i suoi figli bastardi, come Cenerentola è una fanciulla buona e remissiva che sopporta tutte le angherie e nel finale viene premiata.
A version of Fair Annie is transcribed in Thomas Percy’s “Reliques of Ancient Poetry” and Child includes the ballad (10 texts, # 62), in his collection; the story also recalls another ballad ” Fair Margaret and Sweet William ” (Child ballad # 74) but also “Lord Thomas & fair Eleanor (Annett) (Child ballad # 73) to such an extent as to consider these as variants of the former.
The most current version of the ballad comes from Peter Bellamy who in the 1980s adapted the Anglicized transcription of Bronson (“Tradition Tunes of the Child Ballads”), a version that became the starting point for the later folk-singers.
In the version handed down in the British Isles the girl is kidnapped by a knight from the sea, whose role in the story is however variously outlined by the storytellers: in the version become standard he is a predator that forces his lover to become a “servant” of the new rich wife. Annie is like Cinderella relegated to the attic of the castle with her bastard sons, she is good and submissive and she endures all the anguish for the final reward.

The Ballad of Fair Annie, Dante Rossetti, c. 1855

Peter Bellamy

Martin Simpson in The Bramble Briar 2001

Steve Tilston & Maggie Boyle in All Under the Sun, 1996

I
“Comb back your hair, Fair Annie,” he said,
“Comb it back into your crown (1).
For you must live a maiden’s life
When I bring my new bride home.”
II
“Oh, how can I look maiden-like
When maiden I am none?
For six fair sons have I had by you
And a seventh coming on?”
III
“Oh, you will bake my bread,” he said,
“And you will keep my home.
And you will welcome my lady gay
When I bring my bridal home.”
IV
And on the door he’s hung a silken towel,
Pinned by a silver pin,
That Fair Annie she might wipe her eyes
As she went out and in.
V
Now, six months gone and nine comin’ on
she thought the time o’er-long.
So she’s taken a spyglass all in her hand
And up to the tower she has run.
VI
She has look-ed east, she has look-ed west,
She has looked all under the sun,
And who should she see but Lord Thomas
All a-bringin’ of his bridal home.
(VII
So she has called for her seven sons
By one, by two, by three,
And she has said to her eldest son,
“Oh, come tell me what you see.”
VIII
So he’s look-ed east, he has look-ed west,
He has looked all under the sun.
And who should he see but his father dear,
He was bringin’ of his new bride home.)
IX
So it’s, “Shall I dress in green?” she said,
“Or shall I dress in black?
Or shall I go down to the ragin’ main
And send my soul to wrack? (2)”
X
“Oh, you need not dress in green,” he said,
“Nor you need not dress in black (3).
But throw you wide the great hall door
And welcome my father back.”
(XI
“Welcome home, Lord Thomas,” she said,
“And you’re welcome unto me.
And welcome, welcome, your merry men all
That you’ve brought across the sea.”)
XII
And she’s serv-ed them with the best of the wine,
Yes, she’s serv-ed them all ‘round.
But she’s drunk water from the well
For to keep her spirits down.
[XIII
And she has served the long tables,
With the white bread and the brown,
But as she turned her round about,
So fast the tears fell down.
XIV
And he has turned him right and round about
And he’s laughing amongst his men,
Saying, “Like you best the old lady
Or the new bride just come home?”]
XV
And she’s wait-ed upon them all the livelong day,
And she thought the time o’er long.
Then she’s taken her flute all in her hand (4)
And up to her bower she has run.
XVI
She has fluted east, she has fluted west,
She has fluted loud and shrill.
She wished that her sons were seven greyhounds
And her a wolf on the hill.
[XVII
“And I wished that my sons were seven young rats
Running on yon castle wall,
And I myself was an old grey cat,
How soon I would worry them all!”
XVIII
“And I wished that my sons were seven young hares
Running on yon lilly lee,
And I myself was an good greyhound,
How worried then they would be! (5)”]
XIX
“Come downstairs,” the young bride says,
“Come down the stairs to me.
And pray tell me the name of your father dear,
And I’ll tell mine to thee.”
XX
“Well, King Douglas it was my father’s name
And Queen Chatten was my mother;
Sweet Mary, she was my sister dear
As Prince Henry was our brother.”
XXI
“Well, if King Douglas it is your father’s name
And Queen Chatten is your mother,
Then I’m sure that I am your sister dear
As Prince Henry, he is our brother.”
XXII
“And I have seven ships all out upon the sea
They are loaded to the brim (6).
And you shall have the six of them
And the seventh for to carry me home.
You shall have the six of them
When we’ve had Lord Thomas burned! (7)”
traduzione italiana di Cattia Salto
I
“Pettinati i capelli Anna la bella, -dice lui-
e sciogli la tua conocchia (1)
perchè devi vivere da fanciulla
quando porterò a casa la mia nuova moglie.”
II
“Come posso sembrare una fanciulla
quando non sono più vergine?
Ti ho dato sei bei bambini
e il settimo è in arrivo”
III
“Preparerai il pane -dice lui-
e governerai la casa
e accoglierai con buona grazia la mia dama
quando la porterò a casa come sposa.”
IV
E sulla porta appese una tovaglietta di seta
appuntata da una spilla d’argento,
con cui Anna la bella avrebbe terso gli occhi
quando usciva e rientrava.
V
Sei mesi erano trascorsi e si era al nono mese,
lei pensò che fosse arrivato il momento,
così prese in mano un cannocchiale
e salì di corsa sulla torre.
VI
Guardò a est e guardò a ovest
osservò ogni cosa all’aperto,
e vide proprio Lord Thomas
che portava a casa la sua sposa
VII
Così lei chiamò i suoi sette figli,
uno ad uno
e disse al più grande,
“Vieni e dimmi ciò che vedi.”
VIII
Guardò a est e guardò a ovest
osservò ogni cosa,
e vide proprio il caro padre
che portava a casa la sua sposa
IX
“Mi devo vestire di verde -dice lei-
o mi devo vestire di nero?
O devo andare in mare aperto
e gettare la mia anima alla perdizione (2)?”
X
“Non ti vestirai di verde- dice lui-,
e nemmeno di nero (3)
ma precipitati al portone
per salutare il ritorno di mio padre.”
XI
“Benvenuto a casa, Lord Thomas-dice lei-
e bentornato da me.
Benvenuto, benvenuto alla tua compagnia
che ti ha seguito in mare”
XII
E li servì con il vino migliore,
si, tutti li servì.
Ma lei bevve l’acqua del pozzo
per mantenersi calma.
XIII
E servì alle lunghe tavolate,
il pane bianco e quello scuro,
ma mentre si aggirava intorno
così in fretta le lacrime le scendevano.
XIV
Anche lui si aggirava intorno
mentre rideva tra i suoi uomini,
dicendo “Preferite la vecchia signora
o la nuova sposa appena portata a casa?”
XV
E li servì tutto il giorno,
e quando pensò che fosse arrivato il momento
prese il flauto tra le mani (4)
e nella sua camera si precipitò.
XVI
Suonò vero est e suonò verso ovest,
suonò chiaro e forte
desiderando che i figli fossero sette levrieri
e lei un lupo sulla collina.
XVII
“Vorrei che i miei figli fossero sette topolini
che corrono tra le mura del castello,
e io essere un vecchio gatto grigio,
come in breve li avrei messo paura!”
XVIII
“ Vorrei che i miei figli fossero sette leprotti
che corrono sottovento,
e io essere un buon segugio,
come preoccupati allora sarebbero! (5)”
XIX
“Scendete -dice la giovane sposa-
scendete dalle scale.
Ditemi per cortesia il nome del vostro caro padre
e io vi dirò quello del mio”
XX
“Beh re Douglas era il nome di mio padre
e la regina Chatten era mia madre;
la cara Mary, era la mia amata sorella
mentre il principe Henry era nostro fratello.”
XXI
“ Beh se re Douglas è il nome di vostro padre
e la regina Chatten è vostra madre ,
allora sono certa di essere la vostra cara sorella
mentre il principe Henry è nostro fratello .”
XXII
“Ho sette navi in mare
a pieno carico (6).
Ne avrai sei
mentre la settima mi riporterà a casa.
Ne avrai sei
mentre Lord Thomas sarà messo al rogo! (7)”
Bellamy’s version, square brackets for the verses added by Martin Simpson (and round brackets those skipped by Simpson)
[la versione è quella cantata da Bellamy, tra parentesi quadre le strofe aggiunte da Martin Simpson (e tra parentesi tonde quelle saltate da Simpson)]
NOTE
1) in the Middle Ages only the maidens kept their hair
down , while the marital ones weared their hair in a bun
2) the purpose is obviously suicide
3) the choice of the dress to wear is a common place
of ballads and colors they have a second meaning
4) as already in other ballads the truth is told through a song
5) Why the good, sweet and submissive Ann would do harm to her children? We know that Griselda’ s husband, to test her submission, orders her to leave their children in the hands of a servant that will kill them. (in reality they are taken to nanny and hidden)
6) the rich dowry of the bride
7) the final cruel of this version is just one of the many possible endings among “and they lived all married and happy (and all forgiven)”
NOTE
1) nel medioevo solo le fanciulle tenevano i capelli sciolti, mentre le maritale li intrecciavano e raccoglievano alla sommità del capo
2) il proposito è ovviamente il suicidio
3) la scelta dell’abito da indossare è un luogo comune delle ballate e i colori hanno un secondo significato
4) come già in altre ballate la verità viene raccontata mediante una canzone per mettere in moto il gran finale
5) perchè la buona, dolce e remissiva Anna vorrebbe fare del male ai suoi bambini? Sembrerebbe una variante della versione boccaccesca in cui il marito di Griselda, per saggiarne la sottomissione, le ordina di lasciare i bambini nelle mani di un servitore perchè vengano uccisi (in realtà sono portati a balia e nascosti fino
al colpo di scena finale)
6) la ricca dote della sposa
7) il cruento finale di questa versione è solo uno dei tanti finali possibili tra il vissero tutti sposati e contenti (e tutti perdonati)

Ewan MacColl & Peggy Seeger recorded another version in Blood & Roses ( Traditional Ballads from England, Scotland and the USA sung by Peggy Seeger and Ewan MacColl. Copyright 1979 ) [Un’altra versione è quella di Ewan MacColl e Peggy Seeger]

Lindsay Straw in The Fairest Flower of Womankind 2017

traduzione italiana di Cattia Salto
I
“It’s narrow, narrow, make your bed
and learn to lie alone; 
For I’m going over the sea, fair Annie,
a fine bride to bring home. 
A fine bride to bring home, fair Anne,
with gold, and gear and name; 
For I took you as a waif woman,
now I’ll leave you as the same.” 
II
“But who will bake my bridal bread,
and who’ll brew my bridal ale? 
And who will welcome my brisk young bride
that I bring o’er the dale?” 
“When you come o’er the dale,” she said,
“I’ll host your feast that night,
And I will welcome your brisk young bride,
although it does me slight.” 
III
She’s taken her young son in her arms
and another by the hand, 
And she is up to the highest tower
to see him come to land. 
“Come see him come to land, my son,
look o’er yon sea strand; 
Come see your father’s brisk young bride
before she comes to land.” 
IV
“You’re welcome to your house, Lord Tom,
you’re welcome to your land; 
You’re welcome with your fair lady
that you lead by the hand. 
I’ll lead you by the hand, lady,
over to your bowers; 
You’re welcome to your house, lady,
all that’s here is yours.” 
V
“I thank thee, Annie, I thank thee, Annie,
so dearly I thank thee; 
You’re the likest to my sister
that ever I did see. 
For never did I see the knight
that stole my sister away; 
Oh, shame on him and his company
and the land where’er he stay.” 
VI
When bells were rung and mass was sung,
and all were bound for bed, 
She watched as Thomas and his bride
to their chamber they were led. 
As to their chamber they were led,
she sat down to harp them to sleep,
And as she harped and as she sang,
full sorely she did weep. 
VII
“My gown is on,” said the brisk young bride,
“my shoes are on my feet,
I will go to Annie’s room
and see what makes her weep. 
What makes you weep, my Fair Annie,
why make you such a moan?” 
“It’s for the gold Lord Thomas wants,
for I can give him none.” 
VIII
“Who was your father, Fair Annie,
do you know who your mother was?” 
“King Easter was my father dear,
the queen my mother was.” 
“The queen my mother was also,
my father King Easter, too, 
So it shall not be for lack of gold
that your love shall part from you.” 
IX
“For I myself have seven ships
all loaded to the brim, 
And I will give them all to you
and to your seven children. 
You and your seven children,
Lord Thomas shall not leave alone, 
And thanks to all the powers in heaven,
I go a maiden home.”
I
“Prepara il tuo letto e fallo stretto
e impara a stare da sola
perchè vado oltre il mare, Anna bella,
per portare a casa una moglie graziosa.
Per portare a casa una moglie, graziosa, Anna bella
con oro, proprietà e un titolo;
e siccome ti ho presa come una senza tetto
adesso ti lascio allo stesso modo.”
II
“Ma chi preparerà il pane per le nozze
e chi preparerà la birra per le nozze?
E chi accoglierà la mia giovane sposa
che porto dalla valle?”
“Quando verrai dalla valle-dice lei-
preparerò la tua festa (di nozze) la notte stessa,
e darò il benvenuto alla tua giovane moglie
anche se ciò mi offende”
III
Prese il giovane figlio tra le braccia
e l’altro per mano
e salì sulla torre più alta
per vederlo sbarcare a terra
“Vieni a vederlo sbarcare a terra, figlio mio
osserva lungo la spiaggio lontana;
vieni a vedere la giovane sposa di tuo padre
prima che sbarchi a terra”
IV
“Benvenuto nella tua casa, Lord Tom,
benvenuto nella tua terra; 
sei il benvenuto con la tua signora
che conduci per mano. 
Vi accompagnerò, madama,

nei vostri alloggi; 
siete la benvenuta nella vostra casa, madama,
tutto ciò che c’è, è vostro.” 
V
“Vi ringrazio, Annie, vi ringrazio, Annie,
tanto caramente vi ringrazio; 
siete più gentile della sorella
che non ho mai visto. 
Perchè non vidi mai il cavaliere
che rapì mia sorella.
Oh, vergogna su di lui e i suoi compagni
e sulla terra ovunque egli sia.” 
VI
Poi le campare suonarono e la messa fu cantata
e tutti erano pronto ad andare a letto, 
non appena Thomas e la moglie 
si coricarono nella loro stanza. 
come si ritirarono nella loro stanza,
lei si mise all’arpa per farli addormentare,
e mentre suonava e cantava,
dolorosamente piangeva. 
VII
“Sono ancora vestita,-disse la giovane sposa-
con le scarpe ai piedi,
andrò nella stanza di Anna
e vedrò cosa la fa piangere. 
Cosa ti fa piangere mia cara Anna,
che cosa ti da il tormento?” 
“E’ per la ricchezza che Lord Thomas desidera,
perchè non posso dargliene.” 
VIII
“Chi era tuo padre, cara Anna,
e sai chi era tua madre?” 
“King Easter era il mio caro padre,
e mia madre era la regina.” 
“Anche mia madre era la regina,
e pure mio padre King Easter, 
così non sarà per mancanza d’oro 
che il tuo amore si separerà da te.
IX
“Perchè ho sei sette navi

stracariche (della dote), 
e darò tutto a te

e ai tuoi sette figli,
tu e i tuoi sette figli
Lord Thomas non abbandonerà (1),
e grazie a dio, (2) 
ritorno fanciulla a casa.”
from Minstrelsy of the Scottish Border (Child 62 A) 
Lindsay Straw version
[da Minstrelsy of the Scottish Border (Child 62 A) 
versione Lindsay Straw ]

NOTE
1) in questa versione il comportamento di Lord Thomas non è considerato riprovevole,
anzi è giustificato dalla necessità di dare una ricca discendenza  al suo lignaggio
2) il matrimonio non è stato consumato e quindi è annullabile, la gemella dopo averle lasciato la sua parte di dote, se ne ritorna a casa

LINK
https://historybecauseitshere.weebly.com/uploads/1/2/9/3/12938817/fair_annie.pdf
https://mainlynorfolk.info/peter.bellamy/songs/fairannie.html
http://faculty.goucher.edu/eng240/lay_le_freine.htm
http://docplayer.it/6079750-La-narrativa-breve-medievale-in-francia-e-in-provenza.html
http://www.griseldaonline.it/chi-siamo/griselda-enigma-boccaccio.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_62
http://www.raymondfolk.com/page/Fair+Annie+%28Child+62%29
http://lyricstrue.net/bandsongtext/Unknown/Fair_Annie.html

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.