Crea sito
Terre Celtiche Blog

The Streams of Bunclody

An emigration song written by an Irishman in America it is a nostalgic lament for his village Bunclody, on the Slaney River in Wexford County. The period is that of mid-late nineteenth century, although the date of its first publication is 1903 (in “Music of Ireland” by Neill). From America the song has rebounded in Ireland.
Also titled “The Maid of Bunclody” this song begins with the verse “Oh were I at the moss house“, the melody is quite similar “Cuckoo is a pretty bird ” which also includes a stanza: the verses are a classic of the genre , the nostalgia for a girl from which the protagonist had to leave because of economic hardship, the nostalgia for the village where he spent his youth and left all his relatives.

[Una emigration song scritta da un irlandese in America e nostalgico della sua Bunclody, sul fiume Slaney nella contea di Wexford. Il periodo è quello di metà-fine Ottocento, anche se la data della sua prima pubblicazione è il 1903 (in “Music of Ireland” di Neill). Dall’America la canzone è rimbalzata in Irlanda.
Anche intitolata “The Maid of Bunclody“, inizia con il verso “Oh were I at the moss house”, la melodia è abbastanza simile a “Cuckoo is a pretty bird” di cui riprende anche una strofa: i versi sono un classico del genere, la nostalgia per la ragazza da cui il protagonista si è dovuto allontanare a causa della ristrettezze economiche, la nostalgia per il paesello dove ha trascorso la sua gioventù e ha lasciato tutti i suoi parenti.]

In spite of this song’s popularity, there is remarkably little information on it; the Roud index gives only one example – the version recorded from Mrs Nellie Walsh of Wexford in 1948. Colm O Lochlainn gives a version of it in his ‘Irish Street Ballads entitled ‘The Maid of Bunclody and the Lad She Loves so Dear’ which he says he learned from his father, who came from Kilkenny. It seems to have first appeared in print in a Broadside version published in 1846. There is a local tradition that ‘The Streams of Bunclody’ was written in America by an immigrant from County Wicklow and sent back to Ireland

Jim Carroll

Nonostante la popolarità della canzone abbiamo poche informazioni su di essa; l’indice Roud cita un solo esempio – la versione registrata da Nellie Walsh di Wexford nel 1948. Colm O Lochlainn riporta una versione in ‘Irish Street Ballads” dal titolo ‘The Maid of Bunclody and the Lad She Loves so Dear’ che ci dice aver appreso dal padre, il quale proveniva da Kilkenny. Pare sia stata stampata la prima volta in un Broadside del 1846.”
(Jim Carroll)

A local historian Fr. Séamus de Vál is convinced that the current version of the melody derives from the transcription in the book “Irish Street Ballads” published in 1939 by Colm Ó Lochlainn of Kilkenny, a version that became popular after the performance of the group ” Emmet Spiceland “when they sang it at Croke Park for the 1968 hurling final.
For the local people melody see in the session page

Uno studioso di storia locale Fr. Séamus de Vál è convinto che la versione attuale della melodia derivi proprio dalla trascrizione nel libro “Irish Street Ballads” pubblicato nel 1939 da Colm Ó Lochlainn di Kilkenny, una versione diventata popolare dopo l’esibizione del gruppo “Emmet Spiceland” quando la cantarono a Croke Park per la finale di hurling del 1968.
Per la melodia originaria della popolazione locale vedi  https://thesession.org/tunes/12770

Luke Kelly

Sam Lee – The Moss House – live on The Ayala Show

Sean Doyle in The Light and the Half-Light 2004

Studio Group in Wold Music Ireland Vol. 1 2006

Deirdre Starr in “Between the Half Light” 2016

Oh were I at the moss house (1), where the birds do increase,
At the foot of Mount Leinster or some silent place,
By the streams of Bunclody where all pleasures do meet,
And all I would ask is one kiss from you, sweet.

Oh the streams of Bunclody they flow down so free,
By the streams of Bunclody I'm longing to be,
A-drinking strong liquor in the height of my cheer,
Here's a health to Bunclody and the lass I love dear.

The cuckoo (2) is a pretty good bird, it sings as it flies,
It brings us good tidings, and tells us no lies,
It sucks the young birds' eggs to make its voice clear
And the more it cries cuckoo the summer draws near (3).

If I was a clerk and could write a good hand,
I would write to my true-love that she might understand,
For I am a young fellow who is wounded in love
Once I lived in Bunclody, but now must remove.

If I was a lark and had wings I could fly
I would go to yon arbour where my love she does lie,
I'd proceed to yon arbour where my true love does lie,
And on her fond bosom contented I would die.

'Tis why my love slights me, as you may understand,
That she has a freehold and I have no land,
She has great store of riches, and a large sum of gold,
And everything fitting a house to uphold.

So fare you well father and my mother, adieu
My sister and brother farewell unto you,
I am bound for America my fortune to try,
When I think on Bunclody, I'm ready to die.

NOTES
1) As early as 1700, moss was used as an insulator and sealant in country houses.
Sometimes the cottage was built on a layer of moss or near by shrub covered with moss

or with moss on the roof
2) the cuckoo (male) no longer sings once the season of love is over (end of May);

the cuckoo is like a seer for his alleged longevity. see
3) floating verses from the song of the cuckoo 
The cuckoo is a fine bird he sings as he flies,
He brings us good tidings and tells us no lies.
He sucks the sweet flowers to make his voice clear,
And the more he cries cuckoo, the summer is nigh 

Traduzione italiano Cattia Salto
Oh vorrei essere nella casetta con il muschio (1),
dove gli uccelli prosperano,
ai piedi del Monte Leinster o in un altro luogo solitario,
presso i torrenti di Bunclody dove si riuniscono tutti i piaceri,
e tutto ciò che chiederei è un tuo bacio, mia cara.

Oh i torrenti di Bunclody scorrono liberi,
vorrei essere presso i torrenti di Bunclody,
a bere liquore forte all'apice della gioia,
alla salute di Bunclody e della ragazza che amo.

Il cuculo (2) è un bel uccellino, canta in volo,
ci porta buone notizie, e non dice bugie,
succhia le uova degli uccellini per schiarire la voce (3)
e più egli grida, più l'estate si avvicina.

Se fossi uno studioso e sapessi scrivere bene
scriverei al mio amore affinchè capisca,
che io sono un giovanotto ferito dall'amore
che un tempo viveva a Bunclody, ma che ora deve partire.

Se fossi un allodola con le ali volerei
e vorrei andare in quel pergolato dove giace il mio amore,
mi dirigerei verso quel pergolato dove giace il mio amore,
e sul suo amato seno potrei morire contento.

Ecco perchè il mio amore mi ignora, come si può ben capire,
perchè lei è benestante e io non ho terra,
lei ha tante proprietà e una grande somma in oro
e tutto quanto necessario per mantenere una casa.

Così addio padre caro e madre, addio
sorella e fratello addio anche a voi
sono in partenza per l'America a cercare la fortuna
quando penso a Bunclody, sono pronto a morire.

NOTE
1) Già dal 1700 il muschio veniva utilizzato come isolante e sigillante 

nelle case di campagna o nei capanni dei taglialegna/cacciatori.
Talvolta si costruiva sopra uno strato di muschio o si addossava le abitazioni ad arbusti
ricoperti da muschio e, bagnando la costruzione, si velocizzava il suo processo di crescita.
2) il canto del cuculo è foriero di Primavera, anche perchè una volta terminata la stagione

dell’amore (fine maggio), il cuculo (maschio) non canta più.
La sua presunta longevità (nei proverbi si dice “”Vecchio come il cucco”) lo ha trasformato
in veggente.  vedi
3) versi fluttuanti dalla canzone del cuculo
The cuckoo is a fine bird he sings as he flies,
He brings us good tidings and tells us no lies.
He sucks the sweet flowers to make his voice clear,
And the more he cries cuckoo, the summer is nigh

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.