Fair Ann, Patient Annie (Anna la bella, Anna la paziente)

A story generated at the dawn of the Middle Ages has become a popular ballad still sung today in mostly British but also Scandinavian folk circuits, with the title of Fair Ann (in Swedish Skon Anna); its disclosure in the courts of Europe was related to the transcription of Marie de France of the matter of Brittany (or Celtic if you prefer) in Anglo-Norman language.

[Una storia generata agli albori del Medioevo è diventata una ballata popolare ancora cantata nei circuiti folk odierni per lo più britannici ma anche scandinavi, con il titolo di Fair Ann ( in Svedese Skon Anna); la sua divulgazione nei “salotti” d’Europa fu relativa alla trascrizione di Maria di Francia della materia di Bretagna (o celtica che dir si voglia) in lingua anglo-normanna.]

Lai de Frêsne

For a twin birth, Fresne (in english “Ash tree”) is abandoned in front of the door of a convent, wrapped in a rich cover and with a gold bracelet on the wrist ( mementos attesting to her noble origins) . Welcomed in the Goron family (Guroun), she becomes her lover. But when choosing a bride for the future of the dynasty, marriage is combined with a rich lady known as La Codre (the hazel tree). In the final recognition it turns out that the two women are sisters.
The interweaving of history begins with the medieval belief that the twin birth would reveal the sexually reprehensible nature of the woman. In ancient times and throughout the Middle Ages it was common to abandon one of the twins to avoid the accusation of adultery: they abandoned the newborns in the fields or entrusting them to the river or depositing their basket in front of the churches or convents.
The ending, however, is a happy ending: as in fairy tales the heroine has to show her worth despite adversity and eventually receives her reward, the marriage is canceled, Fresne marries the man she loved devoutly, receiving as a dowry her share of inheritance. Her twin returns home and she too gets married.
This lai is translated into ancient English in the romance “Lay le Freiene.” (XIV century)
[A causa di un parto gemellare, Fresne (in italiano Frassino) è abbandonata davanti alla porta di un convento, avvolta nella classica copertina (che alla fine rivelerà le sue nobili origini) e con un bracciale d’oro al polso. Accolta dalla famiglia di Goron (Guroun) ne diventa l’amante. Ma al momento di scegliere una sposa per il futuro della dinastia, il matrimonio è combinato con una ricca dama conosciuta con il nome di La Codre (il nocciolo). Nell’agnizione finale si scopre che le due donne sono sorelle.
L’intreccio della storia prende l’avvio dalla credenza medievale che il parto gemellare rivelerebbe la natura sessualmente riprovevole della donna. Nei tempi antichi e per tutto l’Evo di Mezzo era frequente l’abbandono di uno dei due gemelli per evitare l’accusa di adulterio: si abbandonavano i neonati nei campi o affidandoli al fiume oppure deponendo la loro cesta di fronte alle chiese o ai conventi.
Il finale però è un lieto fine: come nelle fiabe l’eroina deve dimostrare il proprio valore nonostante le avversità e alla fine riceve la sua ricompensa, il matrimonio viene annullato, Fresne sposa l’uomo che amava devotamente, ricevendo in dote la sua parte di eredità. La gemella ritorna a casa e anche lei si sposa. .
Il lai viene tradotto in inglese antico nel romance “Lay le Freiene.” (XIV secolo)]

The Clerk’s Tale
[Il racconto del chierico]

The story is also echoed in the novella of Boccaccio (the last one of the Decameron) which has inspired Goffrey Chaucer for his Canterbury Tales: a tale of wifely obedience with the humble Griselda submitting herself in all respects to the will of the husband (accepting the murder of their two son born in the meantime and of being despiced for a younger and richer woman.)

[La storia trova eco anche nella novella del Boccaccio (ultima novella del Decamerone) alla quale si ispirò Goffrey Chaucer per i Racconti di Canterbury (nona novella “The Clerk’s Tale”): l’umile Griselda si sottomette in tutto e per tutto alla volontà del marito accettando come prova d’amore l’omicidio dei due figlioletti nati nel frattempo e infine l’essere ripudiata per una donna più giovane e ricca.]


W. Russell Flint: Griselda (madre e figlia nell’agnizione finale)

Fair Annie

A version of Fair Annie is transcribed in Thomas Percy’s “Reliques of Ancient Poetry” and Child includes the ballad (10 texts, # 62), in his collection; the story also recalls another ballad ” Fair Margaret and Sweet William ” (Child ballad # 74) but also “Lord Thomas & fair Eleanor (Annett) (Child ballad # 73) to such an extent as to consider these as variants of the former.
The most current version of the ballad comes from Peter Bellamy who in the 1980s adapted the Anglicized transcription of Bronson (“Tradition Tunes of the Child Ballads”), a version that became the starting point for the later folk-singers.
In the version handed down in the British Isles the girl is kidnapped by a knight from the sea, whose role in the story is however variously outlined by the storytellers: in the version become standard he is a predator that forces his lover to become a “servant” of the new rich wife. Annie is like Cinderella relegated to the attic of the castle with her bastard sons, she is good and submissive and she endures all the anguish for the final reward.

[Una versione di Fair Annie è trascritta nel “Reliques of Ancient Poetry” di Thomas Percy e il professor Child include la ballata (10 testi # 62), nella sua poderosa raccolta; la storia richiama peraltro un’altra ballata “Fair Margaret and Sweet William” (Child ballad #74) ma anche Lord Thomas & fair Eleanor (Annett)  (Child ballad #73) a tal punto da poter considerare queste come varianti della prima.
La versione più attuale della ballata ci viene da Peter Bellamy che negli anni 1980 adattò la trascrizione anglicizzata di Bronson (“Tradition Tunes of the Child Ballads”), versione diventata punto di partenza dei successivi folk-singer.
Nella versione tramandata nelle Isole Britanniche la fanciulla è rapida da un cavaliere venuto dal mare, il cui ruolo nel racconto è tuttavia variamente delineato dai cantastorie: nella versione diventata standard è un predatore che costringe la sua cortigiana a diventare una “serva” della nuova ricca moglie. Annie è una specie di Cenerentola relegata nella soffitta del castello con i suoi figli bastardi, come Cenerentola è una fanciulla buona e remissiva che sopporta tutte le angherie e nel finale viene premiata. ]


The Ballad of Fair Annie, Dante Rossetti, c. 1855

Peter Bellamy

Martin Simpson in The Bramble Briar 2001

Steve Tilston & Maggie Boyle in All Under the Sun, 1996

Bellamy’s version, square brackets for the verses added by Martin Simpson (and round brackets those skipped by Simpson)
[la versione è quella cantata da Bellamy, tra parentesi quadre le strofe aggiunte da Martin Simpson (e tra parentesi tonde quelle saltate da Simpson)]
 *

I
“Comb back your hair, Fair Annie,” he said,
“Comb it back into your crown (1).
For you must live a maiden's life
When I bring my new bride home.”
II
“Oh, how can I look maiden-like
When maiden I am none?
For six fair sons have I had by you
And a seventh coming on?”
III
“Oh, you will bake my bread,” he said,
“And you will keep my home.
And you will welcome my lady gay
When I bring my bridal home.”
IV
And on the door he's hung a silken towel,
Pinned by a silver pin,
That Fair Annie she might wipe her eyes
As she went out and in.
V
Now, six months gone and nine comin' on
she thought the time o'er-long.
So she's taken a spyglass all in her hand
And up to the tower she has run.
VI
She has look-ed east, she has look-ed west,
She has looked all under the sun,
And who should she see but Lord Thomas
All a-bringin' of his bridal home.
(VII
So she has called for her seven sons
By one, by two, by three,
And she has said to her eldest son,
“Oh, come tell me what you see.”
VIII
So he's look-ed east, he has look-ed west,
He has looked all under the sun.
And who should he see but his father dear,
He was bringin' of his new bride home.)
IX
So it's, “Shall I dress in green?” she said,
“Or shall I dress in black?
Or shall I go down to the ragin' main
And send my soul to wrack? (2)”
X
“Oh, you need not dress in green,” he said,
“Nor you need not dress in black (3).
But throw you wide the great hall door
And welcome my father back.”
(XI
“Welcome home, Lord Thomas,” she said,
“And you're welcome unto me.
And welcome, welcome, your merry men all
That you've brought across the sea.”)
XII
And she's serv-ed them with the best of the wine,
Yes, she's serv-ed them all 'round.
But she's drunk water from the well
For to keep her spirits down.
[XIII
And she has served the long tables,
With the white bread and the brown,
But as she turned her round about,
So fast the tears fell down.
XIV
And he has turned him right and round about
And he's laughing amongst his men,
Saying, “Like you best the old lady
Or the new bride just come home?”]
XV
And she's wait-ed upon them all the livelong day,
And she thought the time o'er long.
Then she's taken her flute all in her hand (4)
And up to her bower she has run.
XVI
She has fluted east, she has fluted west,
She has fluted loud and shrill.
She wished that her sons were seven greyhounds
And her a wolf on the hill.
[XVII
“And I wished that my sons were seven young rats
Running on yon castle wall,
And I myself was an old grey cat,
How soon I would worry them all!”
XVIII
“And I wished that my sons were seven young hares
Running on yon lilly lee,
And I myself was an good greyhound,
How worried then they would be! (5)”]
XIX
“Come downstairs,” the young bride says,
“Come down the stairs to me.
And pray tell me the name of your father dear,
And I'll tell mine to thee.”
XX
“Well, King Douglas it was my father's name
And Queen Chatten was my mother;
Sweet Mary, she was my sister dear
As Prince Henry was our brother.”
XXI
“Well, if King Douglas it is your father's name
And Queen Chatten is your mother,
Then I'm sure that I am your sister dear
As Prince Henry, he is our brother.”
XXII
“And I have seven ships all out upon the sea
They are loaded to the brim (6).
And you shall have the six of them
And the seventh for to carry me home.
You shall have the six of them
When we've had Lord Thomas burned! (7)”


NOTE
1) in the Middle Ages only the maidens kept their hair

down , while the marital ones weared their hair in a bun
2) the purpose is obviously suicide
3) the choice of the dress to wear is a common place

of ballads and colors they have a second meaning
4) as already in other ballads the truth is told through a song
5) Why the good, sweet and submissive Ann

would do harm to her children?
We know that Griselda' s husband, to test her submission,
orders her to leave their children in the hands of a servant
that will kill them. (in reality they are taken to nanny and hidden)
6) the rich dowry of the bride
7) the final cruel of this version is just one of the many possible endings

among "and they lived all married and happy (and all forgiven)"
traduzione italiano Cattia Salto
I
“Pettinati i capelli Anna la bella, -dice lui-
e sciogli la tua conocchia (1)
perchè devi vivere da fanciulla
quando porterò a casa la mia nuova moglie.”
II
“Come posso sembrare una fanciulla

quando non sono più vergine?
Ti ho dato sei bei bambini
e il settimo è in arrivo”
III
“Preparerai il pane -dice lui-
e governerai la casa
e accoglierai con buona grazia la mia dama
quando la porterò a casa come sposa.”
IV
E sulla porta appese una tovaglietta di seta
appuntata da una spilla d'argento,
con cui Anna la bella avrebbe terso gli occhi
quando usciva e rientrava.
V
Sei mesi erano trascorsi e si era al nono mese,
lei pensò che fosse arrivato il momento,
così prese in mano un cannocchiale
e salì di corsa sulla torre.
VI
Guardò a est e guardò a ovest
osservò ogni cosa all'aperto,
e chi vide se non Lord Thomas
che portava a casa la sua sposa?
VII
Così lei chiamò i suoi sette figli,

uno ad uno
e disse al più grande,
“Vieni e dimmi ciò che vedi.”
VIII
Guardò a est e guardò a ovest
osservò ogni cosa,
e chi vide se non il caro padre
che portava a casa la sua sposa?
IX
"Mi devo vestire di verde -dice lei-
o di nero?
O devo andare in mare aperto
e gettare la mia anima alla perdizione (2)?”
X
“Non ti vestirai di verde- dice lui-,
e nemmeno di nero (3)
ma precipitati al portone
per salutare il ritorno di mio padre.”
XI
“Benvenuto a casa, Lord Thomas-dice lei-
e bentornato da me.
Benvenuto, benvenuto alla tua compagnia
che ti ha seguito in mare”
XII

E li servì con il vino migliore,
si, tutti li servì.
Ma lei bevve l'acqua del pozzo
per mantenersi calma.
XIII
E servì alle lunghe tavolate,
il pane bianco e quello scuro,
ma mentre si aggirava intorno
così in fretta le lacrime le scendevano.
XIV
Anche lui si aggirava intorno
mentre rideva tra i suoi uomini,
dicendo “Preferite la vecchia signora
o la nuova sposa appena portata a casa?”
XV
E li servì tutto il giorno,
e quando pensò che fosse arrivato il momento
prese il flauto tra le mani (4)
e nella sua camera si precipitò.
XVI
Suonò vero est e suonò verso ovest,
suonò chiaro e forte
desiderando che i figli fossero sette levrieri

e lei un lupo sulla collina.
XVII
“Vorrei che i miei figli fossero sette topolini
che corrono tra le mura del castello,
e io essere un vecchio gatto grigio,
come in breve li avrei messo paura!”
XVIII
 Vorrei che i miei figli fossero sette leprotti
che corrono sottovento,
e io essere un buon segugio,
come preoccupati allora sarebbero! (5)”
XIX
“Scendete -dice la giovane sposa-
scendete dalle scale.
Ditemi per cortesia il nome del vostro caro padre
e io vi dirò quello del mio”
XX
“Beh re Douglas era il nome di mio padre
e la regina Chatten era mia madre;
la cara Mary, era la mia amata sorella
mentre il principe Henry era nostro fratello.”
XXI
Beh se re Douglas è il nome di vostro padre
e la regina Chatten è vostra madre ,
allora sono certa di essere la vostra cara sorella
mentre il principe Henry è nostro fratello .”
XXII
“Ho sette navi in mare
a pieno carico (6).
Ne avrai sei
mentre la settima mi riporterà a casa.
Ne avrai sei
mentre Lord Thomas sarà messo al rogo! (7)”


NOTE
1) nel medioevo solo le fanciulle tenevano i capelli sciolti, mentre le maritale

li intrecciavano e raccoglievano alla sommità del capo
2) il proposito è ovviamente il suicidio

3) la scelta dell'abito da indossare è un luogo comune delle ballate e i colori
hanno un secondo significato
4) come già in altre ballate la verità viene raccontata mediante una canzone

per mettere in moto il gran finale
5) perchè la buona, dolce e remissiva Anna vorrebbe fare del male
ai suoi bambini? Sembrerebbe una variante della versione boccaccesca in cui il marito
di Griselda, per saggiarne la sottomissione, le ordina di lasciare i bambini nelle mani di
un servitore perchè vengano uccisi (in realtà sono portati a balia e nascosti fino
al colpo di scena finale)
6) piene della ricca dote della sposa
7) il cruento finale di questa versione è solo uno dei tanti finali possibili

tra il vissero tutti sposati e contenti (e tutti perdonati)

Ewan MacColl and Peggy Seeger recorded another version in Blood & Roses ( Traditional Ballads from England, Scotland and the USA sung by Peggy Seeger and Ewan MacColl. Copyright 1979 ) [Un’altra versione è quella di Ewan MacColl e Peggy Seeger]

Lindsay Straw in The Fairest Flower of Womankind 2017

 
from Minstrelsy of the Scottish Border (Child 62 A) 
Lindsay Straw version

“It’s narrow, narrow, make your bed
and learn to lie alone; 
For I’m going over the sea, fair Annie,
a fine bride to bring home. 
A fine bride to bring home, fair Anne,
with gold, and gear and name; 
For I took you as a waif woman,
now I’ll leave you as the same.” 

“But who will bake my bridal bread,
and who’ll brew my bridal ale? 
And who will welcome my brisk young bride
that I bring o’er the dale?” 
“When you come o’er the dale,” she said,
“I’ll host your feast that night,
And I will welcome your brisk young bride,
although it does me slight.” 

She’s taken her young son in her arms
and another by the hand, 
And she is up to the highest tower
to see him come to land. 
“Come see him come to land, my son,
look o’er yon sea strand; 
Come see your father’s brisk young bride
before she comes to land.” 

“You’re welcome to your house, Lord Tom,
you’re welcome to your land; 
You’re welcome with your fair lady
that you lead by the hand. 
I’ll lead you by the hand, lady,
over to your bowers; 
You’re welcome to your house, lady,
all that’s here is yours.” 

“I thank thee, Annie, I thank thee, Annie,
so dearly I thank thee; 
You’re the likest to my sister
that ever I did see. 
For never did I see the knight
that stole my sister away; 
Oh, shame on him and his company
and the land where’er he stay.” 

When bells were rung and mass was sung,
and all were bound for bed, 
She watched as Thomas and his bride
to their chamber they were led. 
As to their chamber they were led,
she sat down to harp them to sleep,
And as she harped and as she sang,
full sorely she did weep. 

“My gown is on,” said the brisk young bride,
“my shoes are on my feet,
I will go to Annie’s room
and see what makes her weep. 
What makes you weep, my Fair Annie,
why make you such a moan?” 
“It’s for the gold Lord Thomas wants,
for I can give him none.” 

“Who was your father, Fair Annie,
do you know who your mother was?” 
“King Easter was my father dear,
the queen my mother was.” 
“The queen my mother was also,
my father King Easter, too, 
So it shall not be for lack of gold
that your love shall part from you.” 

“For I myself have seven ships
all loaded to the brim, 
And I will give them all to you
and to your seven children. 
You and your seven children,
Lord Thomas shall not leave alone, 
And thanks to all the powers in heaven,
I go a maiden home.”
  
da Minstrelsy of the Scottish Border (Child 62 A) 
versione Lindsay Straw 

traduzione italiano Cattia Salto
“Prepara il tuo letto e fallo stretto
e impara a stare da sola
perchè vado oltre il mare, Anna bella,
per portare a casa una moglie graziosa.
Per portare a casa una moglie, graziosa, Anna bella
con oro, sostanze e un titolo;
e siccome ti ho presa come una senza tetto
adesso ti lascio allo stesso modo.

Ma chi preparerà il pane per le nozze
e chi preparerà la birra per le nozze?
E chi accoglierà la mia giovane sposa
che porto dalla valle?"
"Quando verrai dalla valle-dice lei-
preparerò la tua festa (di nozze) la notte stessa,
e darò il benvenuto alla tua giovane moglie
anche se ciò mi offende"

Prese il giovane figlio tra le braccia
e l'altro per mano
e salì sulla torre più alta
per vederlo sbarcare a terra
"Vieni a vederlo sbarcare a terra, figlio mio
osserva lungo la spiaggio lontana;
vieni a vedere la giovane sposa di tuo padre
prima che sbarchi a terra"

“Benvenuto nella tua casa, Lord Tom,
benvenuto nella tua terra; 
sei il benvenuto con la tua signora
che conduci per mano. 
Vi accompagnerò, madama, nei vostri alloggi; 
siete la benvenuta nella vostra casa, madama,
tutto ciò che c'è, è vostro.” 

“Vi ringrazio, Annie, vi ringrazio, Annie,
tanto caramente vi ringrazio; 
siete più gentile della sorella
che non ho mai visto. 
Perchè non vidi mai il cavaliere
che rapì mia sorella.
Oh, vergogna su di lui e i suoi compagni
e sulla terra ovunque egli sia.” 

Poi le campare suonarono e la messa fu cantata
e tutti erano pronto ad andare a letto, 
non appena Thomas e la moglie 
si coricarono nella loro stanza. 
come si ritirarono nella loro stanza,
lei si mise all'arpa per farli addormentare,
e mentre suonava e cantava,
dolorosamente piangeva. 

“Sono ancora vestita,-disse la giovane sposa-
con le scarpe ai piedi,
andrò nella stanza di Anna
e vedrò cosa la fa piangere. 
Cosa ti fa piangere mia cara Anna,
che cosa ti da il tormento?” 
“E' per la ricchezza che Lord Thomas desidera,
perchè non posso dargliene.” 

“Chi era tuo padre, cara Anna,
e sai chi era tua madre?” 
“King Easter era il mio caro padre,
e mia madre era la regina.” 
"Anche mia madre era la regina,
e pure mio padre King Easter, 
così non sarà per mancanza d'oro 
che il tuo amore si separerà da te.

“Perchè ho sei sette navi stracariche (della dote), 
e darò tutto a te e ai tuoi sette figli,
tu e i tuoi sette figli
Lord Thomas non abbandonerà (1),
e grazie a dio, (2) 
ritorno fanciulla a casa.”

NOTE
1) in questa versione il comportamento di Lord Thomas non è considerato riprovevole,

anzi è giustificato dalla necessità di dare una ricca discendenza  al suo lignaggio
2) il matrimonio non è stato consumato e quindi è annullabile,
la gemella dopo averle lasciato la sua parte di dote, se ne ritorna a casa

Beware the brown-haired woman

https://historybecauseitshere.weebly.com/uploads/1/2/9/3/12938817/fair_annie.pdf
https://mainlynorfolk.info/peter.bellamy/songs/fairannie.html
http://faculty.goucher.edu/eng240/lay_le_freine.htm
http://docplayer.it/6079750-La-narrativa-breve-medievale-in-francia-e-in-provenza.html

http://www.griseldaonline.it/chi-siamo/griselda-enigma-boccaccio.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_62
http://www.raymondfolk.com/page/Fair+Annie+%28Child+62%29
http://lyricstrue.net/bandsongtext/Unknown/Fair_Annie.html

Airdí Cuan, a song of exile

A song in Irish Gaelic, a song of exile, is widespread with various titles: Airdí Cuan, Ard Ti Chuain, Aird (Ard) Ui Chuanin (Cuan), Aird to Chumhaing, Ardai Chuain, also translated into English with the title “Quiet Land of Erin”
The piece was composed by John McCambridge (aka Seán Mac Ambróis 1793-1873) from Mullarts (Co. Antrim, Northen Ireland) in the middle of the 19th century. The tradition of Glenariffe, however, attributes the authorship of the piece to Cormac Ó Néill, a native of Glendun but resident at Glenariffe.
[Un canto in gaelico sulla nostalgia per la terra natia abbandonata dall’emigrante è diffuso con vari titoli: Airdí Cuan, Ard Ti Chuain, Aird (Ard) Ui Chuanin ( Cuan),  Aird a Chumhaing, Ardai Chuain, versificato anche in inglese con il titolo “Quiet Land of Erin
Il brano è stato composto da John McCambridge (alias Seán Mac Ambróis 1793-1873) di Mullarts (  Co. Antrim,  Irlanda del Nord) a metà del XIX secolo. La tradizione di  Glenariffe tuttavia attribuisce la paternità del brano a Cormac Ó Néill, nativo di Glendun ma residente a Glenariffe.]

Firstly we listen to the melody played with the harp by Kim Robertson
[Prima di tutto ascoltiamo la melodia suonata con l’arpa da Kim Robertson]

and by Alan Stivell -Airde Cuan
[e dall’arpa di Alan Stivell]

IRIS GEALIC VERSION
LA VERSIONE IN GAELICO

The first transcription of the song comes from Robert McAdam who collected it in the 1830s by John McCambridge. Eoin Mac Néill published the text in 1895 and in 1912 Eleanor Hull wrote the translation in English. Dónal Kearney writes  in his Blog:”The story of Airdí Cuan is told from the perspective of a Glensman who has moved over the sea to Scotland. From Ayrshire, he can still see the hills of Antrim and he longs for his home in Glendun and the beautiful hillside at Airdí Cuan. One story goes that McCambridge left his native Glendun, perhaps to escape the potato famine, and settled in Ayrshire where he ultimately died pining for the hills of home, still visible on the western horizon. Airdí Cuan tells of his love for the ‘cuckoo glen’; (Glendun) and of playing hurling at Christmas on the ‘white strand’ (the beach at Cushendun).
Another school of thought believes that, while McCambridge was considering emigrating to the Mull of Kintyre, he stood atop Ardicoan and imagined himself over in Kintyre looking back on his native soil. However, the process of writing the song made him so homesick that he decided not to go in the end, and thus spent the rest of his days in Ireland!
[La prima trascrizione del brano ci viene da Robert McAdam che la raccolse negli anni del 1830 da  John McCambridge.  Eoin Mac Néill pubblicò il testo nel 1895 e nel 1912 Eleanor Hull scrisse la traduzione in inglese. Del brano Così scrive Dónal Kearney nel suo Blog: “La storia di Airdí Cuan è raccontata dal punto di vista di un Glensman che è emigrato oltre il mare in Scozia. Dall’Ayrshire, può ancora vedere le colline di Antrim e desidera ardentemente la sua casa a Glendun e la splendida collina di Airdí Cuan. Una storia racconta che McCambridge lasciò la natia Glendun, forse per sfuggire alla carestia delle patate, e si stabilì nell’Ayrshire dove alla fine morì struggendosi per le colline di casa, ancora visibili all’orizzonte verso occidente. Airdí Cuan racconta del suo amore per Glendun e del gioco dell’hurling a Natale sulla spiaggia di Cushendun. Altri credono che, mentre McCambridge stava pensando di emigrare al Mull di Kintyre, si trovava in cima ad Ardicoan e si immaginava a Kintyre mentre guardava verso la sua terra nativa. Orbene il processo di scrittura della canzone lo ha reso così nostalgico, che alla fine ha deciso di non andare, e così ha trascorso il resto dei suoi giorni in Irlanda!]

Eamonn ó Faogáin live

Celtic Tradition in “An Irish Christmas Album” recorded in 1987 when there was still the GDR
[Nel “An Irish Christmas Album” registrato nel 1987 quando c’era ancora la DDR]

Maighread Ni Dhomhnaill & Tríona Ní Dhomhnaill

Ciara McCrickard


Anúna in Omnis  1996 (III, I)

Maggie Boyle in Patriot Games 1992 in Reaching Out

I
Dá mbeinn féin in Airdí Cuan (1)
in aice an tsléibhe úd ‘tá i bhfad uaim
b’annamh liom gan dul ar cuairt
go Gleann na gCuach (2) Dé Domhnaigh.
Curfá:
agus och, och Éire ‘lig is ó
Éire lonndubh (3) agus ó
is é mo chroí ‘tá trom is é brónach.
II
Is iomaí Nollaig ‘bhí mé féin
i mbun abhann Doinne (4) is mé gan chéill
ag iomáin ar an trá bhán
is mo chamán bán i mo dhorn liom (5).
III
Nach tuirseach mise anseo liom féin
nach n-airím guth coiligh, londubh nó traon,
gealbhán, smaolach, naoscach féin,
is chan aithním féin an Domhnach.
IV
Dá mbeadh agam féin ach coit is rámh
nó go n-iomarfainn ar an tsnámh
ag dúil as Dia go sroichfinn slán
is go bhfaighinn bás in Éirinn.


I
If I were in Airdí Cuan (1)
beside that mountain far from me,
it would be seldom I would not go visiting
to Gleann na gCuach(2) on a Sunday
Chorus:
And oh, oh, Ireland, ‘lig is ó
Blackbird (3) Ireland and ó
and my heart it is heavy and sorrowful
II
It’s often in a Christmas Day I was
in Cushendun (4)
and me without sense
hurling on the white strand
and my hurling stick in my fist (5)
III
Aren’t I tired here alone
That I don’t hear the voice of a cockerel, blackbird, or corncrake
sparrow, thrush, snipe (6)
and I don’t even know when it’s Sunday (7)
IV
If only I had a boat and oar
so that I may row on the water
desiring of God that may I reach safety
and that I may die in Ireland
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Se fossi a  Articoan
accanto a quella montagna che (ora) è lontana
raramente non andrei a visitare
il Glendun di domenica
Coro
e oh, oh, Irlanda, ‘lig is ó
merlo d’Irlanda e ó
e il mio cuore è affranto
II
Spesso a Natale ero
a Cushendun,
spensierato,
a giocare a hurling sulla spiaggia
con la mia mazza in pugno
III
Non sono infelice, qui da solo
dove non riesco a sentire il canto della beccaccia, del merlo, del re di quaglie,
del passero, del tordo e del beccaccino
e nemmeno so quando è domenica?
IV
Se solo avessi una barca e remi
così da vogare sulle acque
e Dio volendo arrivare sano e salvo
e poter morire in Irlanda!


NOTE
* in the blog of Dónal Kearney there are two translations in English, one literal and the other more poetic. here is the most literal translation, while for my translation into Italian I made a summary of the two translations [nel blog di Dónal Kearney ci sono due traduzioni in inglese, una letterale e l’altra più poetica. qui si riporta la traduzione più letterale, mentre per la mia traduzione in italiano ho fatto un compendio delle due traduzioni]
1) Articoan is located above Knocknacry; between Cushendall and Cushendun at the northeast corner of County Antrim in Northern Ireland [Articoan si trova sopra Knocknacry; tra Cushendall e Cushendun all’angolo nord-est della contea di Antrim nell’Irlanda del Nord]
2) Glendun: Glen of the Dun river or Brown Glen is one of the famous Glens of Antrim [Glendun: Glen of the Dun river o Brown Glen  è uno dei famosi Glens di Antrim]
3)
Agus och, och Éire ‘lig is ó
Éire lionn dubh orm is ó
(And oh Ireland, all of Ireland
Ireland who I miss
4) Cushendun is a picturesque Cornish style village built specifically for his wife by Lord Cushendun [Cushendun un pittoresco villaggio in stile cornovaglia fatto costruire appositamente da Lord Cushendun per la moglie.]
5) the hurling game is an Irish national sport; the day mentioned in the song is the Boxing day or December 26, the day dedicated to outdoor activities in the British Isles
[il gioco dell’hurling è uno sport nazionale irlandese che si gioca con mazza e palla: il giorno citato nella canzone è il Boxing day ovvero il 26 dicembre, il giorno consacrato per le attività all’aperto che nelle Isole Britanniche è dedicato allo sport.]
6) as in ancient Gaelic chants the birds are part of the healing process of the soul [come negli antichi canti in gaelico gli uccelli sono parte del processo di guarigione dell’anima]
7) the question is a rhetorical figure: “Sunday has no meaning for me without these things” [la domanda è una figura retorica:  la domenica è per me priva di significato, valore senza queste cose]

 

The song was also recorded as “The Land of Erin” by Mairí Ní She & Katie McMahon and “River of Live” by Pól Brennan, Guo Yue & Joji Hirota and Tristan.
[Il brano è anche stato registrato con il titolo di The Land of Erin da Mairí Ní She & Katie McMahon e con il titolo di River of Live da Pól Brennan, Guo Yue & Joji Hirota e da Tristan.]

The Quiet Land of Erin

The song was written into English for some recordings as “The Quiet Land of Erin” in the 1930s.
[Il brano è stato versificato in inglese con il titolo di The Quiet Land of Erin. per alcune registrazioni negli anni 1930]
The Corries

Sandy Denny 1968

and for lovers of bel canto
[e per gli amanti del bel canto]
The Celtic Tenors


Joan O’Hara version
I
By myself I’d be in Ard Ti Chuain
Where the mountains stand away
And ‘tis there I’d let the Sundays pass (go)
In a quiet (cuckoo’s) glen above the bay
(chorus)
agus och och Eire lig is o
Eire leanndubh agus o
The quiet land of Erin
II
But my heart is weary all alone
And it sends a lonely cry
To the land that sings above (beyond) my dreams
And the lonely Sundays pass me by.
III
I would travel back the twisted years
Through (in) the bitter wasted wind
If the Lord (God) above would let me lie
In a quiet place above the whins.


Seán Ó Gallochoir version
I
I wish I were in Ardti Cuan
Near yon mountain far away.
I would seldom let the Sunday go
From the Cuckoo’s glen across the bay.
Chorus:
And it’s oh dear Ireland, you’re my home!
Far from you I had to roam
And so my heart is sore and heavy.
II
It is many a Christmas Day I had
In Cushendun while still a lad;
Hurling on the White Shore Strand
With my good ash hurley in my hand.
III
But the grave is waiting for us all;
The whole wide world must heed its call.
It steals the mother from her brood
As it stole away my boyhood.
IV
If I only had a boat and oar,
I would row to Erin’s shore
Trusting God to see me o’er
In time to die in Ireland.
Traduzione in italiano Cattia Salto
versione di Joan O’Hara
I
Per me vorrei essere a Articoan
le cui montagne si stagliano in lontananza
è lì che passerei le domeniche
in una valle tranquilla sopra la baia
Coro
agus och och Eire lig is o
Eire leanndubh agus o
la bella terra di Erin
II
Ma il mio cuore è stanco del suo esilio
e grida solitario
alla terra che canta oltre i miei sogni
e le domeniche solitarie scivolano via.
III
Viaggerei indietro negli anni piegati
dal vento amaro della desolazione (1)
se il Signore in Cielo mi accoglierà
in un bel posto nella brughiera


versione di Seán Ó Gallochoir
I
Vorrei essere a Articoan
accanto a quella montagna in lontananza
raramente non andrei a visitare di domenica
la valle del Cuculo al di là della baia
Coro
E’ così cara Irlanda, tu sei la mia casa!
Lontano da te ho dovuto peregrinare
e così il mio cuore è afflitto
II
Sono molti i giorni di Natale che ho vissuto
a Cushendun quando ero ancora un ragazzo
a giocare ad hurling sulla Spiaggia Bianca
con la mia bella mazza in mano
III
Ma la tomba attende tutti
l’intero mondo deve ubbidire al suo richiamo.
Ruba la madre dalla sua nidiata
come ha rubato la mia giovinezza.
IV
Se avessi solo una barca a remi
vogherei alla riva d’Erin
confidando che Dio mi protegga
per morire infine in Irlanda

NOTE
1) ho tradotto un po’ liberamente il verso, credo si riferisca ai duri e amari anni della carestia quando molti Irlandesi hanno dovuto abbandonare la loro terra per non morire di fame

LINK
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10469
https://mainlynorfolk.info/sandy.denny/songs/thequietlandoferin.html
https://songoftheisles.com/2013/05/31/aird-ui-chuain/
https://durrushistory.files.wordpress.com/2012/06/a-history-of-protestant-irish-speakers.pdf
https://songsinirish.com/aird-a-chuamhaing-anam-lyrics/
http://www.celticlyricscorner.net/anam/aird.htm
http://www.celticlyricscorner.net/mcmahon/land.htm
http://www.celticlyricscorner.net/trisan/river.htm
http://www.celticlyricscorner.net/domhnaill/aird.htm
http://www.celticlyricscorner.net/anuna/ardaigh.htm
http://www.irishbodhrans.com/news/read/7/very-old-poem-about-cushendun-by-john-mccambridge
https://www.donalkearney.com/blog/airdi-cuan

Lovely On The Water

Leggi in italiano  

Lover’s separation is a theme widespread in the english balladry and that of a sailor and a young maid it’s probably originated in the eighteenth century, as we find it in the illustrations of the time.

LOVELY ON THE WATER

The ballad “Lovely on the water”, collected by Ralph Vaughan Williams in the early 1900s, come from a broadside titled “Henry and Nancy, or the Lover’s Separation“. The story begins in the idyll of spring with two lovers walking, but that’s their farewell, the sailor has enlisted in the Royal Navy and wants her to stay home waiting for him. Although he professed to face the war for his country, the need for a wage is certainly the primary cause of his patriotism.

The Sailor’s Farewell, Charles Mosley (mid-eighteenth century) in National Maritime Museum .

Steeleye Span recorded Lovely on the Water in 1971 for their second album, “Please to See the King” and the sleeve notes commented”Certain folk songs had great popularity, and have been reported over and again, from end to end of the country. Others—including some masterpieces—seem to have had but tiny circulation. So Lovely on the Water, with a gorgeous melody and significant words, has been found only once, by Vaughan Williams at South Walsham, a few miles from Norwich. The song starts idyllically and ends ominously, like a sunny day that clouds over. The singer, a Mr Hilton, had fourteen verses, but Vaughan Williams, often a bit careless about texts, mislaid some. Missing verses probably concerned the familiar situation in which the girl volunteers to disguise herself as a seaman, in order to sail with her lover, but is hurriedly dissuaded.” (from here)
We find those missing verses in the text of the broadside “Henry and Nancy” (here)
Steeleye Span in “Please to See the King” 1971

Ken Wilson in “Not Before Time

Dhalia`s Lane in Hollymount 2005

Martha Tilston & Maggie Boyle in The Sea 2014 in  

LOVELY ON THE WATER *
I
As I walked out one morning
in the springtime of the year
I overheard a sailor boy
likewise a lady fair
They sang a song together
made the valleys for to ring
While the birds on the spray in the meadows gay
Proclaimed the lovely spring
II
Said Willy unto Nancy
“Oh we soon must sail away
For its lovely on the water
to hear the music play.
For our Queen she do want seamen
so I will not stay on shore
I will brave the wars for my country
Where the blund’ring cannons roar
III
Poor Nancy fell and fainted,
but soon he brought her to,
For it’s there they kissed and they embraced
and took a fond adieu.
“Come change your ring (1) with me my love
For we may meet once more;
but there’s One above that will guard you, love,
Where the blund’ring cannons roar
IV
Four pounds it is our bounty
and that must do for thee
For to help the aged parents
while I am on the sea
For Tower Hill[2] is crowded
with mothers weeping sore (3)
For their sons are gone to face the foe
Where the blundering cannons roar” 

Notes
1) the ring will be the proof of identity of the lovers who will sometimes remain separated for long years
2) Tower Hill in in London,London Borough of Tower Hamlets
3) while the men go to fight the enemy, the women greet them weeping because they know that many of them will never return home

000brgcf
Ralph Vaughan Williams: LOVELY ON THE WATER
Cecil Sharp: LOVELY NANCY
english version: FARE YE WELL/ADIEU, LOVELY NANCY
english version: ADIEU SWEET LOVELY NANCY
american/irish version: ADIEU MY LOVELY NANCY
sea shanty: HOLY GROUND

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/lovely-water.htm
http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/lovelyonthewater.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/187.html
http://digital.nls.uk/broadsides/broadside.cfm/id/16873

http://www.britishtars.com/2014/03/the-sailors-farewell-date-unknown.html

MOORLOUGH MARY

Guido Bach (1828-1905) Portrait of young peasant girl 1860-1866

La ballata proviene dall’Irlanda del Nord e si ritiene sia stata scritta nel 1876 da James Devine di Loughash (Donemana, Contea di Tyrone). Moorlough in questo contesto non è un cognome ma una località.  E’ la richiesta di matrimonio di un uomo innamorato (un pastorello o un contadinello) respinto dalla ritrosa Mary, così egli si allontana in una valle lontana (forse emigra) affranto dal dolore; il contesto è bucolico e i personaggi coinvolti sono certamente di umile estrazione. Le rive del Moorlough erano tristemente famose nelle ballate per infrangere i cuori! vedi

Il testo con alcune varianti è stato abbinato a molte e diverse melodie, si riportano le due versioni più accreditate dalla tradizione, che i cantanti mescolano a loro discrezione. Non è facile trovare una versione su You Tube, ma queste due sono un classico!

ASCOLTA John Doherty 1965
ASCOLTA Paddy Tunney (strofe I, II V, VI, IX, VIII, VII, X, XI, XII)

VERSIONE TESTO SAM HENRY “SONGS OF THE PEOPLE”, 1928
I
When first I saw you [I met],
sweet Moorlough Mary,
‘twas on the fair day
of sweet Strabane(1),
Your smiling countenance
[Her killing glances]
was so engaging,
the hearts of young men
you did trepann(3).
II
Your killing glances
bereaved my senses
of peace and comfort
by night and day,
In my silent [in smiling] slumber
I start with wonder[and murmur]
och, Moorlough Mary,
will you come away?
III
To see you, darling,
on a summer’s morning
when Flora’s fragrance(4)
bedecks the lawn,
Your neat deportment
and manners courteous,
around you sporting
the lambs and fawn
IV
On you I ponder where’er I wander
and will grow fonder,
sweet maid, of thee,
By thy matchless charms
I am enamoured –
och, Moorlough Mary,
will you come away?
V
Were I a man of great education,(5)
or Erin’s isle at my commands
I’d lay my head on your snowy bosom,
in wedlock’s bands(8),
love, we’d join our hands,
I’d entertain(9) you
both night and morning,
VI
With robes I’d deck you
both night and day,
With jewels rare, love,
I would adorn you (10)
och, Moorlough Mary,
will you come away?
VII
Now I’ll away to my situation,
for recreation is all in vain,
On the river Mourne
I’ll sing your praises
till the rocks re-echo
my plaintive strain.
VIII
[I’ll press my cheese
while my wool it’s a-teasing(11),
my ewes I’ll milk
by the peep o’ day,
When the whirrying moorcock
and lark alarm me –
och, Moorlough Mary,
will you come away?]
IX
On Moorlough banks
I will never wander
where heifers graze
on a pleasant soil,
Where lambkins sporting,
fair maids resorting,
the timorous hare
and blue heather bell.
X(12)
[The thrush and blackbird
all sing harmonious
their notes melodious
on Ruskey braes
And pretty small birds
all join in chorus –
och, Moorlough Mary,
will you come away?]
XI
Farewell, my charming
Moorlough Mary,
ten thousand times
I bid you adieu,
While life remains
in my glowing bosom
I’ll never cease, love,
to think of you.
XII
Now I’ll away to some lonesome valley,
with tears lamenting
both night and day,
To some silent arbour
where none can hear me –
och, Moorlough Mary,
will you come away?

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
La prima volta che ti vidi
bella Mary di Moorlough
fu al mercato
della bella Strabane ,
il volto sorridente
[i suoi sguardi assassini]
era(no) così seducente(i),
i cuori dei giovanotti
trapanavi.
II
I suoi sguardi assassini
mi lasciarono privo di sensi,
di pace e conforto
notte e giorno
nel mio dormiveglia
mi sorpresi a dire
” Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
III
Per vederti mia cara
in una mattina d’estate
quando il profumo di Flora
adorna i prati,
con il tuo portamento
e i tuoi modi educati,
intorno a te giocano
gli agnelli e i cerbiatti.
IV
A te sempre penso ovunque io vada,
e di te sarò sempre più innamorato, bella fanciulla, di te
per il tuo fascino ineguagliabile
sono innamorato
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
V
Se fossi un uomo ben nato
o con l’Irlanda al mio comando appoggerei la testa sul suo petto niveo: nel nastro degli sposi,
amore, legherei le nostre mani,
ti farei divertire
dalla sera al mattino
VI
Ti farei vestire con abiti lussuosi
dalla sera al mattino,
di gioielli preziosi
ti ricoprirei
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
VII
Allontanarsi a causa della situazione
e cercare una distrazione è vano,
sul fiume Mourne
canterò le tue lodi
fino a quando le rocce riecheggeranno il mio lamento.
VIII
Metterò sotto pressione il formaggio mentre la lana sarà da dipanare
e le pecore mungerò
allo spuntar del giorno,
fino a quando la pernice
e l’allodola mi allertano,
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
IX
Dalle rive di Moorlough
non potrò mai separarmi,
dove le giovenche fissano lo sguardo su quella terra dilettevole,
dove gli agnellini giocano,
le belle fanciulle rincorrono
la timida lepre
e le campanelle blu dell’erica.
X
Il tordo e il merlo
cantano tutti in armonia
le loro note melodiose
sulle sponde del Ruskey
e gli uccellini
si uniranno in coro
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
XI
Addio, mia incantevole
Mary di Moorlough
mille volte
addio,
finchè avrò vita
nel mio petto
non smetterò mai, amore
di pensare a te.
XII
Fuggirò in una valle solitaria
per piangere lacrime
notte e giorno
presso un bosco silenzioso
dove nessuno mi potrà vedere
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?” 

NOTE
1) Strabane è una città a Ovest della contea di Tyrone, Irlanda del Nord e si trova sul confine con la Repubblica d’Irlanda, prorpio dall’altra parte del fiume Foyle. La città è stata devastata per tutti gli anni 70 e 80 dal conflitto nordirlandese.
2) one= boy; più comunemente “The hearts of young men”
3) dal francese antico trepan= trapanare. Si riferisce all’operazione chirurgica già praticata nel Medioevo in cui si forava il cranio umano per curare le malattie mentali (la pratica era probabilmente eseguita fin dai tempi preistorici per far uscire gli spiriti maligni)
4) Flora’s fragrance, letteralmente il profumo di Flora= i fiori
5) a man of great education= un uomo della gentry, ben nato che può permettersi un’educazione culturale
6) il fiume Mourne attraversa il centro della città di Strabane e con il Finn formare il Foyle 7) ochane, oh hone, O hoan, O hone, ohon, ochone, och hone, ohone: del gaelico sia irlandese che scozzese esclamazione di lamento. La frase si traduce come: nel sentire l’impetuoso lamento; più comunemente sostituita con “And Erin’s Nation at my own command ”
8) la cerimonia dell’handfasting spunta spesso nelle ballate popolari: di solito i due innamorati si trovano in un bosco e si scambiano le promesse senza testimoni (e poi ovviamente consumano il matrimonio tra le verdi frasche o la ginestra in fiore). Ovviamente dell’antico rituale celtico nulla possiamo conoscere, e l’handfasting (il legame delle mani) è di origine medievale: i polsi degli sposi vengono legati insieme con un lungo nastro (o l’intreccio di due nastri a simboleggiare rispettivamente il principio maschile e quello femminile o a riprendere i colori del clan di appartenenza). Il matrimonio nella sua essenza è suggellato da una stretta di mano ed è un unione consensuale tra due adulti, senza bisogno di sacerdote, notaio o testimoni e nemmeno del consenso delle famiglie. (continua)
9) nel senso di consumazione dell’atto sessuale
10) Tunney dice “With kisses sweet I would embrace you”
11) il lavoro di cardatura della lana è propriamente femminile per questo ritengo che la frese sia pronunciata dalla donna piuttosto che dall’uomo come risposta e motivazione del rifiuto
12)  Tunney dice
“Where the thrush and blackbird do join harmonious
Their notes melodious on the river brae.
And the little songbirds do join in chorous
Oh! Moorlough Mary, won’t you come away.”

LA VERSIONE SCOZZESE: Moorlough Maggie

Non è corretto correlare le due canzoni tra di loro, gli studiosi ritengono che quella scozzese sia più probabilmente la ripetizione di un frammento preso da chissà quale ballata. Sam Lee l’ha imparata dal suo mentore Stanley Robertson.
ASCOLTA Sam Lee live al GlobalFEST live Sam


I
And do ye see love,
yon flock o sheep
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
(Chorus)
To give consent love I dare not give
To herd yer sheep high
in yon heathery hills
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
II
And do ye see love
yon herd o kye
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
III
And do ye see love
yon ships at sea
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Vedi amore?
Un centinaio di pecore del gregge
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi
(coro)
Al consenso amore non oso sperare
e allevare le tue pecore sugli alti pascoli delle colline  d’erica
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi

II
Vedi amore?
Un centinaio di mucche del bestiame
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi
III
Vedi amore?
Un centinaio di navi del mare
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.htm
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/moorloughmary.html http://comhaltasarchive.ie/compositions/10
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=101556

Its Lovely On The Water To Hear The Music Play

Read the post in English  

Il tema della separazione tra i due innamorati è molto diffuso tra le ballate popolari e quella tra marinaio e giovane fidanzatina si è originato probabilmente nel Settecento, così almento lo ritroviamo nelle illustrazioni dell’epoca.

LOVELY ON THE WATER

La ballata “Lovely on the water”, raccolta da Ralph Vaughan Williams agli inizi del 1900, proviene da un foglio volante (broadside) dal titolo “Henry and Nancy, or the Lover’s Separation” la cui pubblicazione è fatta risalire tra il 1860 a il 1880 (vedi) . La storia inizia nell’idillio della primavera con due innamorati che passeggiano, ma quello è il loro addio, l’uomo si è arruolato nella Royal Navy e vuole che lei resti a casa ad aspettarlo.
Sebbene il giovane professi di voler affrontare la guerra per il bene del paese, il bisogno di un salario è certamente la causa prima del suo patriottismo.

The Sailor’s Farewell, Charles Mosley (metà XVIII secolo) in National Maritime Museum .

Nelle note di copertina dell’Album “Please to See the King” 1971 è così riportato “Alcune canzoni tradizionali hanno avuto una grande popolarità, e sono state diffuse in un lungo e in largo per il paese.  Altre —compresi dei capolavori—sembra abbiano avuto una minima diffusione. Così Lovely on the Water, con una melodia splendida e parole eloquenti, è stata trovata solo una volta, da Vaughan Williams a South Walsham, a pochi kilometri da Norwich. Il canto inizia in modo idilliaco e finisce minacciosamente come un giorno di sole che si rannuvola. Il cantante Mr Hilton, aveva quattordici versi, ma Vaughan Williams, spesso un po’ incurante dei testi, ne ha tralasciati alcuni. I versi mancanti probabilmente riguardavano la situazione consueta in cui la ragazza vuole travestirsi da marinaio, per salpare con il suo amante, ma viene subito dissuasa”
Steeleye Span in “Please to See the King” 1971

Ken Wilson in “Not Before Time” (la versione testuale differisce in parte da quella riportata)

Dhalia`s Lane in Hollymount 2005

Martha Tilston & Maggie Boyle in The Sea 2014 in  


I
As I walked out one morning
In the springtime of the year
I overheard a sailor boy
Likewise a lady fair
They sang a song together
Made the valleys for to ring
While the birds on the spray in the meadows gay
Proclaimed the lovely spring
II
Said Willy unto Nancy
“Oh we soon must sail away
For its lovely on the water
To hear the music play
For our Queen she do want seamen
So I will not stay on shore
I will brave the wars for my country
Where the blund’ring cannons roar
III
Poor Nancy fell and fainted
But soon he brought her to
For it’s there they kissed and they embraced
And took a fond adieu
“Come change your ring(1) with me my love
For we may meet once more
But there’s One above that will guard you love
Where the blund’ring cannons roar
IV
Four pounds it is our bounty
And that must do for thee
For to help the aged parents
While I am on the sea”
For Tower Hill(2) is crowded
With mothers weeping sore (3)
For their sons are gone to face the foe
Where the blundering cannons roar
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Mentre passeggiavo un mattino,
agli inizi di primavera,
ho sentito un giovane marinaio
e la sua bella donna
cantare una canzone insieme:
risuonava tra le valli,
mentre gli uccelli tra i prati verdeggianti di rugiada,
proclamavano la bella primavera.
II
Disse Willy a Nancy
“Oh, presto dobbiamo salpare,
perchè è bello sul mare
ascoltare cantare la musica.
La nostra regina ha bisogno di marinai,
quindi non voglio restare a terra.
Affronterò le battaglie per il mio paese
dove i cannoni ad alta voce tuonano”.
III
La povera Nancy cadde e svenne
ma subito lui la sostenne,
e lì si baciarono
e si abbracciarono
e si diedero un addio affettuoso.
“Vieni a scambiare il tuo anello con il mio, amore mio,
perchè noi ci rincontreremo ancora,
se ci sarà un Dio in alto che veglierà su di te amore,
dove i cannoni ad alta voce tuonano.
IV
Quattro sterline, è la nostra paga,
che ti farà comodo,
per aiutare i genitori anziani
mentre io sono per mare “.
Perché Tower Hill è affollata
dalle madri addolorate e piangenti,
per i loro figli che sono andati ad affrontare il nemico,
dove i cannoni ad alta voce tuonano.

NOTE
1) lo scambio degli anelli o di qualche altro regalo è un elemento caratteristico delle ballate tradizionali, in cui tale oggetto costituirà la prova d’identità di colui che è partito (e resterà a volte assente per lunghi anni)
2) Tower Hill è un punto elevato della città di Londra a nord-ovest della Torre di Londra, presso London Borough of Tower Hamlets
3) mentre gli uomini vanno a combattere il nemico, le donne li salutano piangenti perchè sanno che molti di loro non ritorneranno più a casa

000brgcf
Ralph Vaughan Williams: LOVELY ON THE WATER
Cecil Sharp: LOVELY NANCY
versione inglese: FARE YE WELL/ADIEU, LOVELY NANCY
versione inglese: ADIEU SWEET LOVELY NANCY
versione americana/irlandese: ADIEU MY LOVELY NANCY
versione sea shanty: HOLY GROUND

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/lovely-water.htm
http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/lovelyonthewater.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/187.html
http://digital.nls.uk/broadsides/broadside.cfm/id/16873

http://www.britishtars.com/2014/03/the-sailors-farewell-date-unknown.html