Thys Endris Night

The Marian cult flourished in the Middle Ages through a lot of devotional and pilgrimage songs, but Protestantism with its generalized disapproval of the cult of the saints, also belittled the figure of Mary, so in the Christmas carols, the Mother is just mentioned, with a few exceptions.
[Il culto mariano fiorì nel Medioevo attraverso le laudi e i canti di pellegrinaggio che si diffusero in tutta Europa, ma il protestantesimo con la sua generalizzata disapprovazione del culto dei Santi, sminuì anche la figura della Madonna, perciò sono veramente poche le carols inglesi su Maria.]

Thys Endris Night” is a lullaby from the 1400s, a tender dialogue between the Child Jesus and his mother Mary. A miraculous dialogue because it is recalled Christmas, when Jesus is borned inside a cave, and a sign in the sky leads the way of the shepards and the wise men who will go to worship him; Mary asks him in amazement because he is born in a humble cave rather than in a magnificent palace, as would be expected from the king of kings.
[“Thys Endris Night” è  una ninna nanna del 1400, un tenero dialogo tra Gesù Bambino e sua madre Maria. Un dialogo miracoloso perchè viene rievocato il Natale, quando Gesù giace tra la paglia, dentro a una grotta, e un segno nel cielo guida il cammino dei pastori e dei saggi che andranno ad adorarlo;  la madre lo interroga stupita che il figlio abbia voluto nascere in un’umile grotta piuttosto che in una magnifica reggia, come ci si spetterebbe dal suo rango di re dei re.]
But here Jesus before being the Savior is simply a child, who needs the caresses and cuddles of his mother. So come to mind many Renaissance paintings of Madonna and Child, a very young mother, with a loving, sweet and tender gaze that holds a rosy and chubby little baby on her knees.
[Ma qui  Gesù prima di essere il Salvatore è semplicemente un bambino, che ha bisogno delle carezze e delle coccole della sua mamma. Così vengono in mente tanti dipinti rinascimentali di Madonna con bambino, una madre giovanissima, dallo sguardo amorevole, dolce e tenero che stringe tra le braccia o tiene sulle ginocchia un pargoletto roseo e paffuto.]

Of the song there are many textual variations (see) with about fifteen strophe generally reduced to seven / eight, but the most accredited version is that reported in the “Oxford Book of Carols” (see) inclusive of melody.
[Del canto esistono molte varianti testuali (vedi) con una quindicina di strofe in genere ridotte a sette/otto, ma la versione più accreditata è quella riportata nell’”Oxford Book of Carols” (vedi) comprensiva di melodia.]
Here is the version in its medieval structure
[Ecco la versione nella sua struttura medievale]
Chris Green & Sophie Matthews (from I to V and from IX to XIII)

and a folk version [e una versione più folk]
Dan Fogelberg in “The First Christmas Morning” 1999
(I, II, IV, VII, VIII, XI)

Chouchou in Vinculum 2009 

The University of Utah Singers live


I
This endris (1) night I saw a sight
A star as bright as day
And ‘ere among a maiden sang
Lullay bye bye lullay
II
This lovely lady sat and sang
And to her child did say
“My son, my brother, father, dear
Why liest thou thus in hay”
III
“My sweetest bird,
‘tis thus required,
Though I be king veray (2),
But nevertheless I will not cease (3)
To sing ‘Bye bye, lullay.'”
IV
The child then spoke in his talking
And to his mother said
“Yea, I am known as Heaven’s King
Though I in crib be laid”
V
For angels bright down on me light (4);
Thou knowest ‘tis no nay (5)
And for that sight thou may delight
To sing, ‘Bye bye, lullay.'”
VI
“Now, sweet son, since thou art a king,
Why art thou laid in stall?
Why dost not order thy bedding
In some great king’s hall?
VII
Methinks (6) it right that king or knight
Should lie in good array
And then among (7), it were no wrong
To sing bye bye lullay”
VIII
“Mary, mother, I am that child
Tho’ I be laid in stall
For lords and dukes shall worship me
And so shall king’s all”
IX
“Now tell, sweet son, I thee do pray
Thou art my love and dear
How should I keep thee to thy pay (8)
And make thee glad of cheer”
X
“My dear mother, when time it be (9),
Take thou Me up on loft,
And set Me then upon thy knee,
And handle me full soft.
XI
My dear mother, thou hold me warm
And keep me night and day
And if I weep and may not sleep
Thou sing bye bye lullay
Thou sing bye bye lullay
XII
“Now sweet Son, since it is come so,
That all is at Thy will,
I pray Thee grant to me a boon (10),
If it be right and skill (11)
XIII (12)
“That child or man, who will or can
Be merry on my day,
To bliss Thou bring—and I shall sing,
Lullay, by by, lullay.”
Traduzione italiano Cattia Salto
I
L’altra notte vidi un segno
una stella luminosa come il sole
e là una fanciulla cantava
“Ninna nanna”
II MADRE
Questa dama amorevole assisa cantava
e al suo bimbo diceva
Figlio mio, fratello, padre caro
perché proprio tu giaci nella paglia?
III FIGLIO
Mio amato uccellino
ciò è necessario,

anche se sono il vero re,
tuttavia non smettere
di cantare la Ninna Nanna
IV FIGLIO
Così il bimbo parlò
e alla madre disse
Si, mi chiamano il Re dei Cieli
anche se dormo in una culla
V FIGLIO
Perché gli angeli radiosi mi illuminano dall’alto, non si può negare,
e per quel segno rallegrati,
e canta Ninna Nanna”
VI MADRE
“Allora amato figlio, poiché tu sei un re,
perché dormi in una mangiatoria?
Perché non comandi di dormire
nella camera di un grande re?
VII MADRE
Credo sia giusto che un re o un cavaliere
debba stare nella ricchezza
e ogni tanto non c’è niente di male
nel cantare una ninna nanna
VIII FIGLIO
Maria, mamma, io sono tuo figlio
e sebbene dorma in una mangiatoia
Nobili e Duchi mi adoreranno
e così sarò il re di tutti
IX MADRE
Ora dimmi figlio diletto, te ne prego,
tu che sei il mio amore adorato
come posso farti contento
e rallegrarti?
X FIGLIO
Mia cara madre, quando verrà il tempo  prendimi tra le braccia
e poi mettimi sulle ginocchia
e trattami con molta delicatezza
XI FIGLIO
Cara mamma tienimi al caldo
e custodiscimi notte e giorno
e se piango e non riesco a prendere sonno cantami “Ninna nanna
cantami Ninna Nanna
XII  MADRE
Allora mio dolce figlio, poichè
tutto è in tuo volere,
Ti prego di concedermi un favore
se sarà buono e giusto.
XIII (12) MADRE
Che a ogni bambino o uomo, che vorrà o potrà essere felice nella mia giornata
la benedizione tu porterai– e io canterò
Ninna nanna”

NOTE
1) This endris (or “thys ender” or “this endurs”): The other ever among: occasionally; all the while – recently past, The other night, a few nights ago
2) verray – in truth
3) I will not cease (you) 
4) Light: Alight. modernized as “angels bright down to me light”
5) No nay: Undeniable
6) Methinks: I think
7) ever among – every now and then – in that circumstance
8) pay – liking, satisfaction
9) in my opinion Jesus wants to prefigure the hour of his death,  [a mio avviso Gesù vuole prefigurare l’ora della sua morte]

10) Boon: Favor
11) Skill: Reasonable
12) Mary‘s intercessory role [come la prassi nelle laudi e nei canti mariani, la Madonna intercede presso Gesù per la salvezza di tutti gli uomini]

LINK
http://sniff.numachi.com/pages/tiENDRISNT;ttENDRISNT.html
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/this_endris_night2.htm
https://www.theguardian.com/books/2011/dec/28/poem-week-this-endris-night