Crea sito
Terre Celtiche Blog

Black is the Colour (Color)

Una canzone d’amore dalla tradizione popolare dei Monti Appalachi esportata degli immigrati provenienti dalle Isole Britanniche e ritornata in Irlanda a partire dal folk revival degli anni 60. Esistono varie versioni con il protagonista maschile e più raramente femminile e moltissime interpretazioni dei maggiori gruppi e solisti di area celtica (soprattutto irlandesi).
Sulle origini di testo e melodia si è creata una bella confusione in rete quindi ho deciso di iniziare dalle prime tracce sulle montagne ..
Nelle versioni degli Appalachi è la donna che esprime il suo dolore per la lontananza del suo promesso sposo partito forse per la guerra e di cui non ha più notizie.

A love song from folk tradition of the Appalachian Mountains exported by immigrants from the British Isles and returned to Ireland during the folk revival of the 60s. There are various versions with the male protagonist and more rarely female and many interpretations of the major groups and soloists of Celtic area (especially Irish).
About the text and the melody it was created a mess so I decided to start from the first tracks on the mountains ..

In the versions of the Appalachians it is the woman who expresses her sorrow for the lost of her promised bridegroom who perhaps left her for the war and of which she has no further news.

Shaila Kay Adams learned this song from Evelyn Ramsey. Sheila is from Madison County, North Carolina.
[Shaila Kay Adams ha imparato la canzone da Evelyn Ramsey. Sheila è di Madison County, North Carolina.]

Betty Smith in “Songs Traditionally Sung in North Carolina”
from Lizzie Roberts’ version of “Black is the Color”. Cecil Sharp collected Roberts’ version in Madison County, North Carolina, 1916. It appeared in Sharps English Folksongs From The Southern Appalachians (1932)
[dalla versione di Lizzie Roberts raccolta da Cecil Sharp a Madison County, North Carolina, 1916. E pubblicata in Sharps English Folksongs From The Southern Appalachians (1932)]


I
Black is the color of my true love’s hair.
His face is like some rosy fair,
The prettiest face and the neatest hands,
I love the ground whereon he stands.
II
I love my love and well he knows,
I love the ground whereon he goes.
If you no more on earth I see,
I can’t serve you as you have me.
III
The winter’s past and the leaves are green.
The time is past that we have seen.
And yet I hope the day will come,
When you and I shall be as one.
IV
I’ll go to the Clyde (1) for to mourn and weep.
But satisfied I never could sleep.
I’ll write for you a few short lines (2),
And I’d suffer death ten thousand times.
V
My own true love, so fare thee well
The time has passed, but I wish you well.
And yet I hope the day will come,
When you and I shall be as one.
VI
I love my love and well he knows,
I love the ground whereon he goes.
If you no more on earth I see,
I can’t serve you as you have me.
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Nero è il colore dei capelli del mio vero amore
il volto come una bella rosa.
il viso più dolce e le mani più gentili,
amo il terreno su cui si posa.
II
Amo il mio amore e lui lo sa bene,
amo il terreno sul quale cammina,
se non ti rivedrò più sulla terra
non potrò esserti utile come hai fatto con me
III
L’inverno è trascorso e le foglie sono verdi
sono finiti i tempi che abbiamo conosciuto
e tuttavia spero che verrà il giorno
quanto tu ed io saremo una cosa sola
IV
Andrò al Clyde a piangere e singhiozzare,
perchè non potrò mai più essere contenta,
ti scriverò delle brevi righe
e patirò la morte 10mila volte
V
Mio vero amore allora addio
il tempo è passato ma spero che tu stia bene
e tuttavia spero che verrà il giorno
quanto tu ed io saremo una cosa sola
VI
Amo il mio amore e lui lo sa bene,
amo il terreno sul quale cammina,
se non ti rivedrò più sulla terra
non potrò esserti utile come hai fatto con me

NOTE
1) The Clyde River is the most important river in Scotland and runs through Glasgow
[Il fiume Clyde è il più importante fiume della Scozia e attraversa Glasgow]
2) in the traditional version the letter is written by a girl out of desperation at having learned of her lover’s death in war.
[nella versione tradizionale la lettera è scritta da una ragazza presa dalla disperazione di aver appreso la morte in guerra del suo innamorato.]

The Princess Out of School di Edward Robert Hughes

Black Is the Color of My True Love’s Hair

“Black is The Color of My True Love’s Hair’… fu composto tra il 1916 e il 1921. Ero tornato a casa dal Kentucky orientale, cantando questa canzone con una melodia completamente diversa, una melodia non dissimile dal materiale di dominio pubblico impiegato ancora oggi. A mio padre piacevano i testi, ma pensava che la melodia fosse decisamente terribile. Quindi mi sono scritto una nuova melodia, finendola in un bel modo modale. La mia composizione è stata “scoperta” da molti aspiranti cantanti folk “(JJN)
Fu lui a virare il soggetto al maschile e a condensare la storia in poche strofe: il brano ha un andamento ipnotico, dolce e sensuale nello stesso tempo e la maggior parte degli artisti che lo hanno interpretato hanno sottolineato sempre questa caratteristica.
Pochi versi nella strofa iniziale riprendono ossessivamente la descrizione dell’amata sembrano indicare che il protagonista, separato dal suo amore, ne stia ricordando il colore dei capelli, la delicatezza delle labbra, il sorriso radioso e le mani delicate, ma soprattutto la sua andatura: la terra stessa calpestata dall’amata diventa fonte di gioia e amore.
La canzone ha conosciuto una discreta notorietà negli anni 60 con la versione di Joan Baez (al femminile) che si è ispirata a John Jacob Niles

John Jacob Niles – in American Folk Lore Vol. 3 1941  “Black is The Color of My True Love’s Hair’…was composed between 1916 and 1921. I had come home from eastern Kentucky, singing this song to an entirely different tune–a tune not unlike the public-domain material employed even today. My father liked the lyrics, but thought the tune was downright terrible. So I wrote myself a new tune, ending it in a nice modal manner. My composition has since been ‘discovered’ by many an aspiring folk-singer.” (JJN)
Niles veered the subject into the male point of view and condensed the story into a few lines: the song has an hypnotic, sweet and sensual trend at the same time and most of the artists who have interpreted it have always emphasized this characteristic.
Few verses in the initial stanza obsessively resume the description of the beloved, seem to indicate that the protagonist, separated from his love, is remembering the color of her hair, the delicacy of her lips, her radiant smile and her delicate hands, but above all her gait: the earth itself trampled by the beloved becomes a source of joy and love.
The song was well known in the 60s with the version of Joan Baez inspired by John Jacob Niles. 

John Jacob Niles
I=IV
Black, black, black is the color
of my true love’s hair,
Her lips are something rosy fair,
The purest face and the daintiest hands
I love the grass wheron she stands.
II
I love my love and well she knows,
I love the grass whereon she goes;
If she on earth no more I see,
My life will quickly leave me.
III
I go to Troublesome to mourn, to weep,
But satisfied I ne’re can sleep;
I’ll write her a note in a few little lines,
I’ll suffer death ten thousand times.
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Nero, nero, nero è il colore
dei capelli del mio vero amore
le labbra sono come una bella rosa,
il viso più puro e le mani più gentili,
amo l’erba su cui si posa.
II
Amo il mio amore e lei lo sa bene,
amo l’erba su cui cammina,
se non la rivedrò più sulla terra
la vita mi abbandonerà presto
III
Andrò al Troublesome a piangere e singhiozzare,
perchè non potrò mai più essere contento,
le scriverò delle brevi righe
e patirò la morte 10 mila volte.

The Black Power: Black is the Color
[La venatura black]

Ma ancor più della Baez fu Nina Simone a diffondere questo brano nella scena musicale del Greenwich Village e ad aggiungervi la raffinatezza di un accompagnamento pianistico classico e una vocalità tra il folk e il jazz. 
Il brano si presta al sostegno dell’orgoglio nero, così l’ascoltiamo dall’album Black Gold registrato dal vivo nel 1969, in cui dopo la versione già apparsa nel precedente album di Simone viene eseguita una seconda versione con alla chitarra acustica e alla voce Emile Latimer, una melodia e un testo complementare e uno stile di canto diverso.
But even more than Baez was Nina Simone to spread this piece in the music scene of Greenwich Village adding to it the refinement of a classical piano accompaniment and a vocality between folk and jazz.
The song lends itself to the support of black pride, so we listen to it from the Black Gold album recorded live in 1969, in which after the version already appeared in Simone’s previous album, it’s recorded a second version, with acoustic guitar and Emile Latimer‘s voice it is performed a complementary melody and a new text with a different singing style
Nina Simone
I
Black is the color of my true love’s hair
His face so soft and wondrous fair
The purest eyes and the strongest hands
I love the ground on where he stands
I love the ground on where he stands
Black is the color of my true love’s hair
II
Oh I love my lover and where he goes
Yes, I love the ground on where he goes
And still I hope that the time will come
Still I pray that the time will come
When he and I will be as one
When he and I will be as one
Black is the color of my true love’s hair
Emile Latimer
I
Black is the color of my true love’s hair
Black is the color of my love, so fair
Black is her body, so firm, so bold
Black is her beauty, her soul of gold
II
I carry my love in my heart
Every… everywhere
And no matter where I go
She is always there
III
I remember how she came to me
In a vision of my mind
I remember how she said to me:
“Don’t ever look behind”
She said: “Look ahead”, and I would see
Someone always loving me…
IV
Her picture is painted in my memory
Without a color of despair
And no matter where I go
She is always there
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
Nero è il colore dei capelli del mio vero amore
il viso dolce e meraviglioso
gli occhi  più puri e le mani più forti
amo la terra che calpesta
amo la terra che calpesta
Nero è il colore dei capelli del mio vero amore
II
Amo il mio amore e dove va,
si, amo la terra su cui cammina,
e ancora spero che il tempo verrà
ancora prego che il tempo verrà
quando lui ed io saremo una cosa sola
quando lui ed io saremo una cosa sola
Nero è il colore dei capelli del mio vero amore
Emile Latimer
I
Nero è il colore dei capelli del mio vero amore
nero è il colore del mio amore tanto bello
nero è il suo corpo, saldo e spavaldo
Nera la sua bellezza, la sua anima dorata
II
Porto il mio amore nel cuore
sempre in ogni parte
non importa dove vada
lei è sempre là
III
Ricordo come venne da me
in una visione della mia mente
ricordo cosa mi ha detto
“Non voltarti mai indietro-
diceva- guarda avanti” e io vorrei vedere
qualcuno che sempre mi amerà
IV
La sua immagine è dipinta nella mia memoria
senza un colore di disperazione
non importa dove vada
lei è sempre là

Irish division
[Il ramo irlandese]

Black is the Colour ha avuto d’altra parte un suo discreto successo nell’irish folk music. Qui le fonti sono due: Jean Ritchie e Hamish Imlach“Black is the Colour”, on the other hand, has had some success in Irish folk music. There are two sources here: Jean Ritchie and Hamish Imlach

Jean Ritchie – Black is the Color in “Singing the Traditional Songs of Her Kentucky Mountain Family” (1952)


I=V
Black is the colour of my true love’s hair
His face so soft and wondrous fair
The purest eyes and the neatest hands
I love the ground whereon he stands
II
I love my love and well he knows
I love the ground whereon he goes
If you on earth no more  I see,
I can’t serve you as you have me.
III
The winter’s past and the leaves are green.
The time is past that we have seen.
And still I hope the time will come,
When you and I shall be as one.
IV
I’ll go to the Clyde to mourn, to weep,
But satisfied I ne’re can sleep;
I’ll write to you in a few little lines,
I’ll suffer death ten thousand times.
traduzione italiana di Cattia Salto
I
Nero è il colore dei capelli del mio amore
il viso dolce e meraviglioso
gli occhi più puri e le mani più forti
amo il terreno su cui si posa.
I
Amo il mio amore e lui lo sa bene,
amo il terreno sul quale cammina,
se non ti rivedrò più sulla terra
non potrò esserti utile come hai fatto con me
III
L’inverno è trascorso e le foglie sono verdi
sono finiti i tempi che abbiamo conosciuto
e tuttavia spero che verrà il giorno
quanto tu ed io saremo una cosa sola
IV
Andrò al Clyde a piangere e singhiozzare,
perchè non potrò mai più essere contenta,
ti scriverò delle brevi righe
e patirò la morte 10mila volte

Hamish Imlach in  ‘More and Merrier’ 1995 writes in the notes “A song I learnt in the late 50s from a pirate recording of Nina Simone. Once again the tune as I remembered and played it seems to bear no resemblance to the original. Many people now play my version.” 
[scrive nelle note “Una canzone che ho imparato alla fine degli anni ’50 da una registrazione pirata di Nina Simone. Ancora una volta la melodia che ho ricordato e suonato sembra non avere alcuna somiglianza con l’originale. Molte persone ora suonano la mia versione.“]

Christy Moore in “Live In Dublin” 1977 he learned it from Imlach in 1967 and continued to sing it in his lives. Here a version with Donal Lunny second acoustic guitar and Jimmy Faulkner (Lead acoustic Guitar)
[Moore l’apprese da Imlach nel 1967 e ha continuato a cantarla nei suoi live. Qui una versione con Donal Lunny seconda chitarra e Jimmy Faulkner (prima chitarra) ]

The Choral Scholars of University College Dublin
Artistic Director: Desmond
Earley Solos: Mark Waters and Emily Doyle

Paul Caldwell in EP “Post-It Notes” 2018
“This video is depicted by a picture I often have In my head while singing this song, then brought to life by Kale Beaudry and myself.”Guitar & Vocals: Paul Caldwell Uilleann pipes: Chris McMullan Electric Guitar: Alvin Brendan Bass: Derek Maroney Drums: Lucas Ross

Gilles Servat in C’est ça qu’on aime vivre avec 2013


I=V or chorus
Black is the colour of my true love’s hair
Her lips are like some rose, so fair,
She has the sweetest face (smile)
and the gentlest hands,
I love the ground whereon she stands
II
I love my love and well she knows
I love the ground whereon she goes
And how I wish the day would come,
When she and I shall be as one.
III
I’ll go to the Clyde and I mourn and weep,
But satisfied I ne’re can be;
Well I write you a letter, just a few short lines
I’ll suffer death a thousand times.
traduzione italiana di Cattia Salto
I
Nero è il colore dei capelli del mio amore
le labbra come una bella rosa
il volto (il sorriso) più dolce
e le mani più gentili
amo il terreno su cui si posa.
I
Amo il mio amore e lei lo sa bene,
amo il terreno sul quale cammina,
e spero tanto che verrà il giorno
quanto tu ed io saremo una cosa sola
III
Andrò al Clyde a piangere e singhiozzare,
perchè non potrò mai più essere contento,
ti scriverò una lettera, solo delle brevi righe
e patirò la morte un migliaio di volte

Cara Dillon in “Cara Dillon” 2001

Gaelic Storm in Tree 2001


CHORUS
Black is the colour of my true love’s hair
Her lips are like a rose so fair (some roses fair)
the sweetest smile and the gentlest hands
I love the ground whereon she stands
I
I love my love and well she knows
I love the ground whereon she goes
I wish (hope) the day would soon (will one day) come
When she and I can be as one
II
I go to the Clyde  for to mourn and weep
For satisfied I never can be 
I write her letters just a few short lines
And suffer death ten thousand times
traduzione italiana di Cattia Salto
CORO
Nero è il colore dei capelli del mio vero amore
le sue labbra sono simili a una bellissima rosa.
Ha il sorriso più dolce e le mani più gentili,
amo il terreno su cui si posa.
I
Amo il mio amore e lui (lei) lo sa bene,
amo il terreno sul quale cammina,
vorrei che  venga presto  il giorno
in cui lui (lei) ed io saremo una cosa sola.
II
Andrò al fiume Clyde a piangere e singhiozzare,
perchè non potrò mai più essere contenta(o),
gli(le) scriverò delle lettere, solo delle brevi righe
e patirò la morte 10mila volte

Irish slow air

Una melodia che incanta è stata arrangiata da due musicisti irlandesi il primo fu Willie Clancy che la traspose all’uilleann pipes (dalla versione sentita cantare da Jean Ritchie) e la intitolò Dark is the colour of my true love’s hair. La seconda versione strumentale è di Matt MolloyAn enchanting melody was arranged by two Irish musicians, the first being Willie Clancy who transposed it to the uilleann pipes (from the version heard by Jean Ritchie) and title “Dark is the color of my true love’s hair”. The second instrumental version is by Matt Molloy (irish flute)

Matt Molloy Black is the colour slow air+ Crowley’s reel

Noire est la couleur

Interpretata dal bretone Michel Tonnerre in “Douce barbarie” (1997) in una sua riscrittura del testo tradizionale

Second part: The Sailor Boy to the origins

LINK
http://www.originals.be/en/originals/9969
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-BlackIsColor.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=32248
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=18179
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=666
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=665
http://saturdaychorale.com/2013/06/22/john-jacob-niles-18921980-black-is-the-color-of-my-true-loves-hair/
https://www.christymoore.com/lyrics/black-is-the-colour/https://thesession.org/tunes/16715https://thesession.org/tunes/7454

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

3 Risposte a “Black is the Colour (Color)”

  1. Eh, l’avevo capito dalla cura con cui hai trattato la pagina, per quello che l’ho contribuita pensando non la conoscessi, tanto a te piace questa quanto a me The Water is Wide di cui ti mandai anche la traduzione in bretone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.